Programmazione, valutazione, controllo. Lo sviluppo della cultura statistica nelle amministrazioni locali e la formazione degli operatori

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmazione, valutazione, controllo. Lo sviluppo della cultura statistica nelle amministrazioni locali e la formazione degli operatori"

Transcript

1 Convegno nazionale USCI L ORDITO E LA TRAMA. I FILI DELLA STATISTICA: UN TESSUTO PER IL GOVERNO DELLE CITTÀ. PRATO OTTOBRE 2016 Sessione - CULTURA STATISTICA, FORMAZIONE, ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Programmazione, valutazione, controllo. Lo sviluppo della cultura statistica nelle amministrazioni locali e la formazione degli operatori Paola Baldi - USCI 1

2 Nuove prospettive 2

3 Obiettivi del Protocollo d intesa Il protocollo d intesa Istat-Anci/Usci - Upi/Cuspi, ha come obiettivi favorire lo sviluppo e l esercizio della funzione statistica degli enti locali promuovere la cultura statistica nelle amministrazioni. L Istat, l Anci, l Upi promuoveranno, anche in collaborazione dell Usci e del Cuspi, i contenuti del presente Protocollo e gli obiettivi in esso perseguiti, presso tutti gli enti associati, favorendo il coinvolgimento degli amministratori e dei decisori. (art. 2) 3

4 Funzione statistica interna e esterna Il protocollo richiama e definisce il ruolo della funzione statistica, sia all interno delle amministrazioni a supporto dei processi decisionali, della programmazione, della valutazione e della rendicontazione sociale: o produzione dei corredi di informazione statistica per gli atti fondamentali di programmazione, di gestione e di controllo o produzione di dati e indicatori per la misurazione e la valutazione delle performance delle amministrazioni e delle istituzioni controllate e/o partecipate per il monitoraggio della trasparenza e della prevenzione della corruzione quale componente del Sistan: o coordinamento delle attività statistiche di competenza, a partire da tutte le attività connesse al Programma Statistico Nazionale 4

5 Funzione statistica interna e esterna. che verso i cittadini: diffusione e comunicazione delle informazioni statistiche, anche a supporto dei processi partecipativi 5

6 Promozione della cultura statistica Le recenti riforme amministrative impongono ai comuni, alle province e alle città metropolitane nuovi strumenti di programmazione (quali il Documento Unico di Programmazione, i piani strategici, la definizione di zone omogenee per l esercizio associato delle funzioni comunali e di ambiti ottimali per la gestione dei servizi pubblici locali), nonché strumenti di misurazione e valutazione delle performance, monitoraggio della trasparenza, etc. Sviluppare iniziative strutturate di promozione della cultura statistica nelle Amministrazioni, in particolare verso gli amministratori e la dirigenza, è utile per migliorare le capacità di comprendere e utilizzare i dati statistici, ma anche per sensibilizzare sull importanza della disponibilità di statistiche ufficiali, affidabili e di qualità; contribuisce quindi anche a favorire lo sviluppo e l autonomia degli uffici di statistica. 6

7 Azioni per sviluppo della funzione statistica Il protocollo individua diverse tipologie di azioni per: promuovere la capacità degli uffici di statistica locali di raccogliere ed elaborare informazioni statistiche utili alle amministrazioni e alle comunità locali, sostenere l autonomia organizzativa e funzionale degli uffici di statistica. 7

8 Tra queste azioni (intese di collaborazione tecnica e metodologica tra le pubbliche amministrazioni del territorio nonché con le Regioni e le Province autonome, integrazione, associazione degli uffici, progetti condivisi, scambio di dati, esperienze pilota,supporto alla rilevazione del gradimento dei servizi erogati e allo sviluppo della qualità nelle organizzazioni degli enti, progetti per lo sviluppo di basi dati e di sistemi informativi statistici integrati, standardizzazione di processi, progetti di innovazione, etc. ) si prevede espressamente di: o definire percorsi formativi condivisi e integrati per il personale addetto agli uffici di statistica in ambito Sistan. 8

9 Formazione In particolare, l art. 3 del Protocollo dichiara che: L Istat, l Anci, l Upi avvieranno, anche con la collaborazione dell Usci e del Cuspi, iniziative formative condivise per gli addetti agli uffici di statistica degli enti locali o con una progettazione congiunta dei moduli e dei programmi, o utilizzando anche formati e strumenti di formazione a distanza, o e anche in collaborazione con le Università e gli Enti di ricerca pubblici, o per sviluppare il sistema delle competenze in funzione delle nuove esigenze di produzione, elaborazione e diffusione dell informazione statistica locale. 9

10 Prospettive Ripartire con un progetto formativo organico da definire nell ambito del Protocollo, con la necessaria gradualità, tenendo conto dei nuovi contesti istituzionali, normativi, organizzativi, tecnologici e valorizzando le recenti esperienze. Negli ultimi anni varie iniziative USCI per la formazione statistica nei Comuni: Moduli formativi on line, inseriti nel Sistema TRIO Contatti USCI/SAES per convenzione Seminari 2015, con la collaborazione dell Istat Difficoltà legate alla carenza di risorse e problemi organizzativi negli enti locali, alla soppressione della SAES (2014), ai processi di riorganizzazione dell Istat. 10

11 Avvio attuazione del Protocollo Nella prima riunione del Comitato tecnico per l attuazione del protocollo d intesa (28/09/2016) è stato proposto di riprendere in considerazione, aggiornare e sviluppare i programmi e le metodologie concordate con la SAES. In particolare: Formazione-informazione per decisori; Formazione a distanza; Archivi amministrativi e uso statistico. Strumenti: LIME Survey; GIS; Visualizzazione; Evoluzione degli strumenti di diffusione (Annuari on line); Sistan Hub. 11

12 Passi per la definizione del progetto formativo Impegno di USCI a riprendere in considerazione la tematica ed avanzare una prima proposta Attività preliminare: verificare esigenze e priorità, esperienze da proporre/condividere, modalità di collaborazione/coprogettazione USCI/CUSPI/ISTAT Quale coinvolgimento di ANCI e UPI? (iniziative per amministratori, ) Tenere conto delle esperienze recenti Tenere conto della nuova organizzazione dell Istat e delle disponibilità di strumenti, competenze, risorse Nella riunione del Comitato USCI ha fatto presente che, per rendere operativo il programma di formazione, è necessario che l Istat metta a disposizione una quota di budget per le missioni, in quanto i comuni non dispongono di risorse in tal senso. 12

13 Nuova organizzazione Istat Direzione centrale per la pianificazione strategica, l indirizzo del Sistema statistico nazionale, le relazioni istituzionali e gli affari internazionali (DCPS) DIRM - Direzione centrale per la diffusione e la comunicazione dell informazione statistica «organizzazione delle iniziative di promozione della cultura statistica» Direzione Generale Direzione centrale Risorse umane «Progettazione e gestione degli interventi formativi rivolti al personale interno e a quello operante negli uffici del Sistan, anche in raccordo con le attività da svolgere attraverso la Scuola Nazionale della Pubblica Amministrazione» DIRM e DIPS «relazioni con gli enti del Sistan, per gli ambiti di propria competenza,..nonché al fine di promuovere iniziative di formazione e rafforzamento degli enti del Sistema» 13

14 Strumenti Istat per la formazione on line Oggi Istat dispone di nuovi strumenti e competenze: Disponibile piattaforma per la formazione on line Possibilità di realizzare interventi formativi con nuove modalità (corsi FAD, webinar, aula virtuale, ) Per ora sono state realizzate prime iniziative di formazione interna iniziative a supporto di Censimenti e Indagini (strumenti per i rispondenti on line e per i gruppi che si occupano dei censimenti). Molti feedback positivi 14

15 Formazione Istat-Anci/Usci-Upi/Cuspi Si dovrà definire un programma articolato nel tempo (Obiettivi, struttura, target, temi, tempi del piano di formazione, risorse finanziarie) Serve intervento formativo integrato: incontri (presentazione/informazione), formazione in aula, utilizzo della nuova piattaforma Istat per la formazione on line e degli altri strumenti già disponibili per la formazione interna all Istat Usare tutte le risorse e le tecnologie disponibili (FAD con tutor, webinar, aula virtuale,.) Razionalizzare uso delle risorse: non solo aula, non solo e- learning, ma blended-learning 15

16 Formazione 2017 Prevedere a breve alcune prime attività: Giornate in aula: una per regione o per piccoli gruppi di regioni, riprendendo l esperienza dei seminari USCI 2015 e aggiornando i contenuti. Interventi in modalità e-learning: partire da uno degli argomenti indicati dal Comitato tecnico, che si presti bene alle modalità di formazione e-learning; tenere conto anche di eventuali prodotti già realizzati per la formazione interna all Istat. 16

17 Contenuti: informazione e competenze tecniche Partire dalla proposta USCI 2015 e integrare con ulteriori temi indicati nel Protocollo d intesa, per definire: Iniziative per aumentare la conoscenza delle opportunità, cioè delle potenzialità derivanti o dai nuovi progetti della statistica ufficiale (ANNPR, censimento permanente, etc.) o dall uso statistico dei dati amministrativi o dalle nuove informazioni disponibili per i soggetti Sistan (banche dati integrate, open data) o dai nuovi strumenti Istat per la diffusione o dallo sviluppo degli open data e dalla possibilità di utilizzare per la produzione statistica nuove fonti poco strutturate (Big Data) 17

18 Contenuti: informazione e competenze tecniche Iniziative per formare gli statistici comunali all uso di alcuni strumenti informatici, in modo da rendere gli uffici autonomi e operativi nel trattamento dell informazione nelle diverse fasi: Raccolta dati da rilevazioni on line: Gestione di sondaggi on line con Lime Survey (ad esempio nei sondaggi sul benessere organizzativo obbligatori ) Raccolta dati da sistemi informativi interni: Elaborazione dei dati RExcel (ad esempio nelle elaborazioni dei dati LAC) Elaborazione dei dati: Elaborazione dei dati RExcel o Rstudio. Presentazione dei dati on line: Grafica dinamica con Tableau Evoluzione strumenti diffusione (Annuari on line, Sistan hub) Iniziative su ulteriori temi previsti dal Protocollo (ad es. indagini di soddisfazione degli utenti, qualità nell organizzazione) 18

19 Grazie per l attenzione! 19

La formazione statistica negli enti locali: alcune proposte

La formazione statistica negli enti locali: alcune proposte AREA COMPORTAMENTI TEMATICA 3. INNOVAZIONI E SPERIMENTAZIONI INDIVIDUALI E RELAZIONI SOCIALI IN TRASFORMAZIONE UNA SFIDA PER LA STATISTICA UFFICIALE 23 GIUGNO 2016 14.30 16.00 INNOVAZIONI E SPERIMENTAZIONI

Dettagli

La collaborazione tra enti SISTAN nella provincia di Cremona

La collaborazione tra enti SISTAN nella provincia di Cremona Coordinamento degli Uffici Statistica delle Province Italiane La collaborazione tra enti SISTAN nella provincia di Cremona Michela Dusi Ufficio Statistica Provincia di Cremona Milano, 19 aprile 2018 La

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI COMUNI ITALIANI (ANCI)

PROTOCOLLO D INTESA. tra ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI COMUNI ITALIANI (ANCI) PROTOCOLLO D INTESA tra ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI COMUNI ITALIANI (ANCI) UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA (UPI) l'istituto nazionale di Statistica, indicato successivamente

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DEL SISTEMA

PROSPETTIVE E SVILUPPO DEL SISTEMA Presentazione Annuario Statistico Regionale 2012 PROSPETTIVE E SVILUPPO DEL SISTEMA STATISTICO REGIONALE Genova, 9 gennaio 2013 Elena Ricci L ANNUARIO 2012 Mantiene la struttura in 25 capitoli tematici

Dettagli

La statistica dal territorio per il territorio. Forme di collaborazione in ambito Sistan

La statistica dal territorio per il territorio. Forme di collaborazione in ambito Sistan Numeri per governare. Proposte statistiche innovative per la conoscenza dei territori Seminario Nazionale Bologna 30 ottobre 2017 La statistica dal territorio per il territorio. Forme di collaborazione

Dettagli

Azione amministrativa e benessere nei territori di area vasta

Azione amministrativa e benessere nei territori di area vasta Forum PA 27 maggio 2015 La misurazione del benessere e della smartness: nuovi strumenti territoriali per amministratori e cittadini Azione amministrativa e benessere nei territori di area vasta di Teresa

Dettagli

Azione amministrativa e benessere nei territori di area vasta

Azione amministrativa e benessere nei territori di area vasta Forum PA 27 maggio 2015 La misurazione del benessere e della smartness: nuovi strumenti territoriali per amministratori e cittadini Azione amministrativa e benessere nei territori di area vasta di Teresa

Dettagli

Dal censimento degli archivi all osservatorio dell attività amministrativa delle Province

Dal censimento degli archivi all osservatorio dell attività amministrativa delle Province Dal censimento degli archivi all osservatorio dell attività amministrativa delle Province Cinzia Viale Coordinamento Uffici Statistica Province Italiane Trieste, 10 novembre 2011 degli archivi amministrativi

Dettagli

Gent.ma dottoressa/ Egregio dottore,

Gent.ma dottoressa/ Egregio dottore, Gent.ma dottoressa/ Egregio dottore, la statistica ufficiale è una risorsa fondamentale per la conoscenza della realtà economica e sociale di un paese ed uno strumento indispensabile per comprendere i

Dettagli

Formazione e informazione per i Comuni e per i cittadini

Formazione e informazione per i Comuni e per i cittadini Formazione e informazione per i Convegno nazionale USCI Big data, Open data, Statistical data Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Le nuove frontiere della statistica ufficiale

Dettagli

Indicatori del BES per lagovernancedelle Province: uno studio progettuale. Paola D'Andrea Provincia di Pesaro e Urbino Stefania Taralli Istat

Indicatori del BES per lagovernancedelle Province: uno studio progettuale. Paola D'Andrea Provincia di Pesaro e Urbino Stefania Taralli Istat Indicatori del BES per lagovernancedelle Province: uno studio progettuale Paola D'Andrea Provincia di Pesaro e Urbino Stefania Taralli Istat Analisi e ricerche per la valutazione del benessere equo e sostenibile

Dettagli

il ruolo dei circoli di qualità nel processo di sviluppo del Sistan

il ruolo dei circoli di qualità nel processo di sviluppo del Sistan Scenario e strategie per il nuovo triennio: il ruolo dei circoli di qualità nel processo di sviluppo del Sistan Raffaele Malizia Direttore DCSR Istat, 11 aprile 2012 L obiettivo Rendere la rete Sistan

Dettagli

Le strategie per la promozione della salute nell anziano del Piano Sociale e Sanitario Regionale

Le strategie per la promozione della salute nell anziano del Piano Sociale e Sanitario Regionale Le strategie per la promozione della salute nell anziano del Piano Sociale e Sanitario Regionale dott. Raffaele FABRIZIO Bologna, 20 gennaio 2010 La società regionale oggi Invecchiamento popolazione (aumento

Dettagli

Il ruolo dell Ufficio Statistica in un Comune capoluogo di Provincia: l esperienza di Brescia

Il ruolo dell Ufficio Statistica in un Comune capoluogo di Provincia: l esperienza di Brescia Il ruolo dell Ufficio Statistica in un Comune capoluogo di Provincia: l esperienza di Brescia Marco Palamenghi Comune di Brescia USCI Unione Statistica Comuni Italiani Presentazione dell'annuario Statistico

Dettagli

Il progetto per la misurazione del Benessere Equo e Sostenibile a Roma Capitale

Il progetto per la misurazione del Benessere Equo e Sostenibile a Roma Capitale Il progetto per la misurazione del Benessere Equo e Sostenibile a Roma Capitale Antonella Caprioli Roma - Sala della Protomoteca 29 maggio 2018 Il Benessere Equo e Sostenibile Il progetto per misurare

Dettagli

Statistica ufficiale. Istat Ufficio territoriale per la Liguria

Statistica ufficiale. Istat Ufficio territoriale per la Liguria Statistica ufficiale Genova, 23 ottobre 2012 Anna Militello Istat Ufficio territoriale per la Liguria In principio 9 luglio 1926 Sotto il segno del LE ORIGINI DEL SISTEMA STATISTICO Con legge del 1926,

Dettagli

Le prospettive della misurazione statistica delle istituzioni non profit

Le prospettive della misurazione statistica delle istituzioni non profit Censimento permanente Istituzioni non profit Le prospettive della misurazione statistica delle istituzioni non profit ROMA 20 DICEMBRE 2017 Stefano Menghinello Istat Direzione Centrale per le Statistiche

Dettagli

PON Governance e Azioni di Sistema, Obiettivo 1 Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale

PON Governance e Azioni di Sistema, Obiettivo 1 Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto R.INNO.VA La Riforma della Pubblica Amministrazione per INNOvare le organizzazioni e VAlutare le performances PON Governance e Azioni di Sistema, Obiettivo 1 Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO (2016/19)

PIANO DI MIGLIORAMENTO (2016/19) PIANO DI MIGLIORAMENTO (2016/19) Il Piano di Miglioramento è stato approvato a ottobre 2017 1. Priorità di miglioramento, traguardi di lungo periodo e monitoraggio dei risultati (N.B: le colonne dei risultati

Dettagli

SISTAR Veneto. organizzazione e strumenti. Maria Teresa Coronella

SISTAR Veneto. organizzazione e strumenti. Maria Teresa Coronella SISTAR Veneto organizzazione e strumenti Università degli Studi di Padova Le Amministrazioni oggi L Amministrazione pubblica deve oggi essere in grado di leggere, interpretare e anticipare le domande che

Dettagli

Progetti ed esperienze delle Province italiane per la programmazione scolastica

Progetti ed esperienze delle Province italiane per la programmazione scolastica Progetti ed esperienze delle Province italiane per la programmazione scolastica Paola D Andrea- Provincia di Pesaro e Urbino Presidente Cuspi p.dandrea@provincia.ps.it Ravenna, 26 Ottobre 2017 Protocollo

Dettagli

I processi di apprendimento in Regione Lazio, strumenti per implementare le strategie regionali

I processi di apprendimento in Regione Lazio, strumenti per implementare le strategie regionali I processi di apprendimento in Regione Lazio, strumenti per implementare le strategie regionali Alessandro BACCI Direttore Direzione Affari Istituzionali, Personale e Sistemi Informativi Strategie regionali

Dettagli

Il nuovo quadro istituzionale e normativo in materia di performance delle pubbliche amministrazioni

Il nuovo quadro istituzionale e normativo in materia di performance delle pubbliche amministrazioni Il nuovo quadro istituzionale e normativo in materia di performance delle pubbliche amministrazioni Marco De Giorgi Direttore generale ForumPA 2017 Roma, 24 maggio 2017 Agenda 1. L evoluzione normativa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità

PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità TITOLO: Protocollo d intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità - Presidenza del Consiglio dei Ministri per la realizzazione congiunta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità

PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità TITOLO: Protocollo d intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità - Presidenza del Consiglio dei Ministri per la realizzazione congiunta

Dettagli

Piano delle Performance Guida alla lettura del Piano

Piano delle Performance Guida alla lettura del Piano Piano delle Performance 2016-2018 23 gennaio 2017 Il Piano performance: perché scriverlo, perché leggerlo Il Piano performance: perché scriverlo, perché leggerlo Per rendere sempre più misurabile, coerente

Dettagli

L esperienza della rete territoriale Istat per la promozione della cultura statistica

L esperienza della rete territoriale Istat per la promozione della cultura statistica StatCities L ordito e la trama. I fili della statistica: un tessuto per il governo delle città Prato, 13 14 Ottobre 2016 Cultura statistica, formazione, alternanza scuola-lavoro L esperienza della rete

Dettagli

AGENDA DIGITALE E CITTADINANZA DIGITALE ACCORDO QUADRO TRA COMUNE DI BARI E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

AGENDA DIGITALE E CITTADINANZA DIGITALE ACCORDO QUADRO TRA COMUNE DI BARI E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO AGENDA DIGITALE E CITTADINANZA DIGITALE ACCORDO QUADRO TRA COMUNE DI BARI E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO AGENDA DIGITALE 2016-2018 DEL COMUNE DI BARI LA CITTÀ DI BARI STA AGGIORNANDO LA SUA

Dettagli

COME NASCE IL PIANO DI FORMAZIONE TERRITORIALE

COME NASCE IL PIANO DI FORMAZIONE TERRITORIALE COME NASCE IL PIANO DI FORMAZIONE TERRITORIALE Il piano di formazione territoriale nasce dalla collaborazione attiva tra Ministero dell Interno, Anci e Upi. Obiettivi del piano: offrire una formazione

Dettagli

Organismo Indipendente di Valutazione della performance (OIV)

Organismo Indipendente di Valutazione della performance (OIV) Organismo Indipendente di Valutazione della performance () RACCOMANDAZIONI RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI PER L ANNO (ai

Dettagli

Attuare la strategia aziendale ad esempio per entrare in nuovi mercati o sviluppare nuovi prodotti o nuovi modelli di business.

Attuare la strategia aziendale ad esempio per entrare in nuovi mercati o sviluppare nuovi prodotti o nuovi modelli di business. Attuare la strategia aziendale ad esempio per entrare in nuovi mercati o sviluppare nuovi prodotti o nuovi modelli di business. Aggiornare le competenze per gestire le nuove tecnologie e la transizione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L UMBRIA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELL UMBRIA

PROTOCOLLO D INTESA. tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L UMBRIA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELL UMBRIA Direzione Regionale dell Umbria PROTOCOLLO D INTESA tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L UMBRIA e AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELL UMBRIA PER LA PROMOZIONE, IMPLEMENTAZIONE E REALIZZAZIONE

Dettagli

Formazione AD. Rete Campania. A scuola di innovazione. a cura di Carla De Toma. Formatore AD

Formazione AD. Rete Campania. A scuola di innovazione. a cura di Carla De Toma. Formatore AD Formazione AD Rete In_Form@zione Campania A scuola di innovazione a cura di Carla De Toma Formatore AD (LU) TOSCANA LAZIO a cura di Carla De Toma Il profilo dell Animatore digitale azione #28 del PNSD

Dettagli

FORMAZIONE AZIENDALE. Focus area AFC - Amministrazione, Finanza e Controllo

FORMAZIONE AZIENDALE. Focus area AFC - Amministrazione, Finanza e Controllo FORMAZIONE AZIENDALE Focus area AFC - Amministrazione, Finanza e Controllo Gli strumenti di pianificazione e controllo di gestione a servizio dell impresa www.rwc.it PREMESSA LOGICHE DI PROGETTAZIONE E

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA L UNIONCAMERE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA L UNIONCAMERE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA L UNIONCAMERE PER LA REALIZZAZIONE DEL PORTALE PER L ACQUISIZIONE DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI FORMAZIONE

PIANO ESECUTIVO DI FORMAZIONE REALIZZAZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA REDAZIONE DEL NUOVO PIANO SOCIALE REGIONALE 2016-2018 Progettazione operativa IV Fase: Formazione PIANO ESECUTIVO DI FORMAZIONE Raggruppamento Temporaneo di

Dettagli

Chi è il Diabetico Guida: Il Programma della Regione Toscana

Chi è il Diabetico Guida: Il Programma della Regione Toscana Chi è il Diabetico Guida: Il Programma della Regione Toscana Monia Vangelisti Resp. Processi formativi e Formazione a Distanza IL FORMAS LA FORMAZIONE A DISTANZA MODALITÀ E STRUMENTI LA MISSION DEL FORMAS

Dettagli

PIANO OPERATIVO PON METRO CITTÀ DI PALERMO

PIANO OPERATIVO PON METRO CITTÀ DI PALERMO 5.2.1 - Azioni di supporto al confronto interistituzionale e partenariale PA5.2.1.a Assistenza tecnica per le azioni di coinvolgimento dei Comuni di area vasta e di integrazione/demarcazione del PON Metro

Dettagli

Il trattamento dei dati e l utilizzo statistico per fini di programmazione: le proposte dell Ufficio Statistica provinciale per il territorio

Il trattamento dei dati e l utilizzo statistico per fini di programmazione: le proposte dell Ufficio Statistica provinciale per il territorio Il trattamento dei dati e l utilizzo statistico per fini di programmazione: le proposte dell Ufficio Statistica provinciale per il territorio Ufficio Statistica 6 ottobre 2017 La statistica come funzione

Dettagli

è una società in house del FormAutonomie proviene da AnciForm La scuola di formazione dell Anci e nasce dalla volontà di valorizzare e sviluppare il

è una società in house del FormAutonomie proviene da AnciForm La scuola di formazione dell Anci e nasce dalla volontà di valorizzare e sviluppare il è una società in house del FormAutonomie proviene da AnciForm La scuola di formazione dell Anci e nasce dalla volontà di valorizzare e sviluppare il patrimonio di esperienza delle strutture operative di

Dettagli

Il censimento degli archivi amministrativi delle Province

Il censimento degli archivi amministrativi delle Province Il censimento degli archivi amministrativi delle Province Seconda parte del progetto UPI-CUSPI-ISTAT Cinzia Viale Provincia di Rovigo Coordinamento Uffici Statistica Province Italiane Pisa, 5 ottobre Origine

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Servizi di educazione, formazione

Dettagli

I COORDINATORI DELLE ATTIVITA' DIDATTICHE ED EDUCATIVE DI TUTTI GLI ORDINI DI STUDIO

I COORDINATORI DELLE ATTIVITA' DIDATTICHE ED EDUCATIVE DI TUTTI GLI ORDINI DI STUDIO Milano Prot. p.c. Al Collegio dei Docenti Consiglio d Istituto Consiglio d'amministrazione Ai Genitori Personale A.T.A. Atti Pubblicazione Sito Web Albo ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

Giornata della trasparenza 08 giugno Alessandra Bruni Responsabile della trasparenza ed anticorruzione

Giornata della trasparenza 08 giugno Alessandra Bruni Responsabile della trasparenza ed anticorruzione Giornata della trasparenza 08 giugno 2018 Alessandra Bruni Responsabile della trasparenza ed anticorruzione Il materiale che verrà proiettato è disponibile sul sito camerale www.lu.camcom.it alla pagina:

Dettagli

Il modello BES per i comuni prospettive, potenzialità e limiti

Il modello BES per i comuni prospettive, potenzialità e limiti Comune di Brescia Settore Statistica, audit, programmazione e controllo di gestione Servizio Statistica Il modello BES per i comuni prospettive, potenzialità e limiti Marco Palamenghi, Marco Trentini I

Dettagli

Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Progetto PON GAS AMBIENTE

Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Progetto PON GAS AMBIENTE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema 2007-2013 Progetto PON GAS AMBIENTE ASSE E - Capacità istituzionale Obiettivo specifico 5.5 - Rafforzare ed integrare il sistema di governance

Dettagli

AREA ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO UFFICIO ORGANIZZAZIONE

AREA ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO UFFICIO ORGANIZZAZIONE AREA ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO COMPETENZE Segreteria del Dirigente Assicura il supporto operativo all attività dirigenziale attraverso la gestione delle relazioni interne ed esterne e dei servizi comuni.

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 L animatore digitale insieme al dirigente scolastico e al direttore amministrativo, ha il compito di Favorire il processo

Dettagli

LA NUOVA MISSIONE DELL ENTE FORESTE: STRATEGIE - ORGANIZZAZIONE - PROGETTI. Ing. Gianni Agnesa Formez

LA NUOVA MISSIONE DELL ENTE FORESTE: STRATEGIE - ORGANIZZAZIONE - PROGETTI. Ing. Gianni Agnesa Formez LA NUOVA MISSIONE DELL ENTE FORESTE: STRATEGIE - ORGANIZZAZIONE - PROGETTI Ing. Gianni Agnesa Coordinatore Progetto SOFIA e-mail: gagnesa@formez.it Temi dell intervento Caratteristiche e problemi della

Dettagli

ALLEGATO N. 2. Direzione Didattica Statale 2 Circolo "G. Falcone" Melito di Napoli PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

ALLEGATO N. 2. Direzione Didattica Statale 2 Circolo G. Falcone Melito di Napoli PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ALLEGATO N. 2 Direzione Didattica Statale 2 Circolo "G. Falcone" Melito di Napoli PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE A.S. 2015/2016_FASE DI AVVIO A.S. 2016/2017 A.S 2017/2018 A.S. 2018/2019 REDATTO DALL'

Dettagli

0983/ /81668 C.M.: CSIC8AG00G - C.F.:

0983/ /81668 C.M.: CSIC8AG00G - C.F.: Via A. Moro CORIGLIANO CALABRO (CS) Tel. Segret0983/82023 Dirigente -DSGA 0983/83910 Fax 0983/81668 C.M.: CSIC8AG00G - C.F.: 84000610786 Sito Web:www.icguidicorigliano.gov.it e-mail: csic8ag00g@istruzione.itpeccsic8ag00g@pec.istruzione.it

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di viaggio e accompagnamento Sequenza di processo Sviluppo di piani

Dettagli

Allegato 1 Classificazione degli Indicatori di performance organizzativa e prime evidenze

Allegato 1 Classificazione degli Indicatori di performance organizzativa e prime evidenze Allegato 1 Classificazione degli Indicatori di performance organizzativa e prime evidenze Note metodologiche: - il Sistema di misurazione e valutazione della performance propone una ripartizione in tre

Dettagli

Il percorso realizzato e i programmi per il 2015

Il percorso realizzato e i programmi per il 2015 Il percorso realizzato e i programmi per il 2015 Stefania Taralli 18 dicembre 2014 Sommario 1. Il contesto del progetto 2. La progettazione degli indicatori 3. La rete di progetto 4. Prime realizzazioni

Dettagli

Le Province al Servizio dei Comuni. Questionario di rilevazione sui Sistemi Informativi. Roma 25 Maggio 2016

Le Province al Servizio dei Comuni. Questionario di rilevazione sui Sistemi Informativi. Roma 25 Maggio 2016 Le Province al Servizio dei Comuni Questionario di rilevazione sui Sistemi Informativi Roma 25 Maggio 2016 Introduzione UPI, con il supporto della Provincia di Brescia, ha condotto una rilevazione sui

Dettagli

La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance

La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance di Gianluca Passaro Innovazione Organizzazione Comunicazione Vincoli ed Opportunità L evoluzione normativa propone obblighi, ma li propone come

Dettagli

La casa della conoscenza

La casa della conoscenza Assemblea plenaria Commissione degli utenti dell informazione statistica XI Conferenza nazionale di statistica La casa della conoscenza Patrizia Cacioli La Conferenza nazionale di statistica Istituita

Dettagli

Contenuti informativi e processo produttivo

Contenuti informativi e processo produttivo Verso il censimento continuo delle Istituzioni pubbliche Contenuti informativi e processo produttivo Manlio Calzaroni Istat - Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Roma,

Dettagli

La valutazione ex post dei Dottorati di ricerca

La valutazione ex post dei Dottorati di ricerca La valutazione ex post dei Dottorati di ricerca Marco Malgarini Dirigente Area Valutazione della ricerca ANVUR e responsabile Ufficio di statistica Trieste, 7 maggio 2018 CONTENUTI CONTESTO: La valutazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELIBERAZIONE N 195 del 10 giugno 2016 OGGETTO: Istituzione Ufficio di coordinamento statistico provinciale D.Lgs 267/2000 art. 49, comma

Dettagli

Dati e indicatori di interesse per la valutazione

Dati e indicatori di interesse per la valutazione Sistema Nazionale di Valutazione per la Politica Regionale Gli effetti della politica regionale: gli strumenti per misurarli e valutarli 14-15 ottobre 2009 Dati e indicatori di interesse per la valutazione

Dettagli

Accreditamento VALORE P.A. Avviso di selezione e ricerca di CORSI DI FORMAZIONE 2017 di SECONDO LIVELLO TIPO A

Accreditamento VALORE P.A. Avviso di selezione e ricerca di CORSI DI FORMAZIONE 2017 di SECONDO LIVELLO TIPO A Accreditamento VALORE P.A. Avviso di selezione e ricerca di CORSI DI FORMAZIONE 2017 di SECONDO LIVELLO TIPO A Tematica - Personale, organizzazione e riforma della Pubblica Amministrazione Titolo - LA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AREA PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE STRATEGICA (APPS)

CARTA DEI SERVIZI AREA PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE STRATEGICA (APPS) CARTA DEI SERVIZI AREA PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE STRATEGICA (APPS) ORGANIZZAZIONE L Area Pianificazione e Programmazione Strategica presidia le attività che riguardano i diversi aspetti legati al

Dettagli

COMITATO DI AUTOVALUTAZIONE

COMITATO DI AUTOVALUTAZIONE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE DEL PIANO: IL D.S. PROF.SSA FAUSTA GRASSI REFERENTE DEL PIANO: PROF.SSA FRANCESCA DE GAETANO COMITATO DI AUTOVALUTAZIONE Prof.ssa Daniela D'Alia, Prof.ssa Monica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLE POLITICHE E SDGS

PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLE POLITICHE E SDGS PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLE POLITICHE E SDGS Sabrina Bandera, Antonio Dal Bianco XXXVIII Conferenza scientifica annuale AISRe Cagliari 20-22 settembre 2017 Indice L Agenda 2030 delle Nazioni Unite L

Dettagli

Predisporre Piani di attività in relazione alle linee di indirizzo dell'ufficio di Presidenza

Predisporre Piani di attività in relazione alle linee di indirizzo dell'ufficio di Presidenza PIANIFICAZIONE STRATEGICA, PROGRAMMAZIONE E RENDICONTAZIONE PROCESSO: insieme di attività che trasforma, conferendo valore, determinati input in definiti output, per clienti esterni ed interni. Un processo

Dettagli

Istat e territorio: le informazioni sul comprensorio del Chianti

Istat e territorio: le informazioni sul comprensorio del Chianti Terre di Toscana: come sta e dove va il Chianti? San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 Istat e territorio: le informazioni sul comprensorio del Chianti Alessandro Valentini Ufficio Territoriale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RAFFORZATIVI DEI POLI TECNICO PROFESSIONALI Firenze, 01 giugno 2017 mariachiara.montomoli@regione.toscana.it L Avviso

Dettagli

QUESTIONARIO 2: PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO

QUESTIONARIO 2: PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO QUESTIONARIO 2: PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO Step 7 Elaborare un piano di miglioramento, basato sull autovalutazione report Attività 1 2 3 4 5 7.1. Raccogliere tutte le proposte relative alle azioni

Dettagli

I corsi di studio internazionali

I corsi di studio internazionali SEMINARIO NAZIONALE Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore: il ruolo delle rappresentanze studentesche Roma, 18-19 Aprile 2016 I corsi di studio internazionali Lorenzo Amico e Carla Salvaterra Indice

Dettagli

Istituto Comprensivo GIANNI RODARI ROMA

Istituto Comprensivo GIANNI RODARI ROMA Istituto Comprensivo GIANNI RODARI ROMA PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD A cura dell ins. LANDUCCI MARIA LUCE Premessa Come previsto dalla Legge 107/2015 di riforma del

Dettagli

Comune di Modena DIREZIONE GENERALE Ufficio organizzazione, qualità e ricerche. Piano della qualità. Anno 2015 MARZO

Comune di Modena DIREZIONE GENERALE Ufficio organizzazione, qualità e ricerche. Piano della qualità. Anno 2015 MARZO Comune di Modena DIREZIONE GENERALE Ufficio organizzazione, qualità e ricerche Piano della qualità Anno 2015 MARZO 2015 1 Premessa Il "Piano annuale della qualità" relativo all anno 2015 contiene la pianificazione

Dettagli

REGOLAMENTO - DPS 1. - DPS

REGOLAMENTO - DPS 1. - DPS ALLEGATI REGOLAMENTO Direzioni Professioni Sanitarie - DPS 1. La Direzione Professioni Sanitarie - DPS La Direzione delle Professioni Sanitarie (DPS), di cui alla Legge 251/2000, è una struttura complessa

Dettagli

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini I Prossimi passi Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini Si è costituito lo Staff Regionale di Supporto presso l USR Toscana che ha: elaborato un vademecum «Note sul Piano di formazione del personale»

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2011-2013 ISFOL - Prima giornata sulla Trasparenza Roma, il 7 luglio 2011 Aviana Bulgarelli - Direttore generale isfolprotocollo@pec.isfol.it Riferimenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Stefania Sanna Via Avicenna, 99 Roma Telefono Cell. 333 7784904 Fax 06 50245204 E-mail stefania.sanna@agenziadogane.it

Dettagli

Il nuovo Censimento non profit: statistiche per politiche e territori

Il nuovo Censimento non profit: statistiche per politiche e territori Censimento permanente Istituzioni non profit Il nuovo Censimento non profit: statistiche per politiche e territori MILANO 5 OTTOBRE 2016 Sabrina Stoppiello Istat - Direzione Centrale per le statistiche

Dettagli

Settore Pubblica amministrazione e istituzioni private

Settore Pubblica amministrazione e istituzioni private Psn 2017-2019 Programmazione del Settore: Pubblica amministrazione e istituzioni private a cura di Manlio Calzaroni Coordinatore del circolo di qualità Settore Pubblica amministrazione e istituzioni private

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI CENTRO PER L'ISTRUZIONE DEGLI ADULTI - "CPIA - BAT" Via Comuni di Puglia, 4-76123 Andria (BT) Tel. 0883 246541 - Fax 0883 565211 e-mail: bamm301007@istruzione.it - PEC bamm301007@pec.istruzione.it Codice

Dettagli

AREA FORMAZIONE. Obiettivo generale A: GESTIRE UN CORSO DI STUDIO

AREA FORMAZIONE. Obiettivo generale A: GESTIRE UN CORSO DI STUDIO AREA FORMAZIONE Obiettivo generale A: GESTIRE UN CORSO DI STUDIO - relazionali - di leadership - di programmazione - di organizzazione del lavoro - di autoformazione Obiettivi formativi specifici: alla

Dettagli

DESERTNET Follow-up Progetto DESERTNET 2 Alghero 29 Settembre 2004

DESERTNET Follow-up Progetto DESERTNET 2 Alghero 29 Settembre 2004 DESERTNET Follow-up CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PROGETTO DA PARTE DELLA UE consolidamento del partenariato obiettivi differenti rispetto al precedente progetto, ma in continuità con esso sviluppo di aspetti

Dettagli

L agricoltura biologica in Italia: numeri, politiche di sviluppo e prospettive. Francesco Giardina

L agricoltura biologica in Italia: numeri, politiche di sviluppo e prospettive. Francesco Giardina L agricoltura biologica in Italia: numeri, politiche di sviluppo e prospettive Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia dal 1990 al 2014 70.000 1.600 60.000 Numero di operatori SAU

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR E L ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR E L ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR E L ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Alternanza Day Aosta, 3 ottobre 2017 Claudia Nardon Dirigente Chambre Le CCIAA e il tema dell orientamento al lavoro e alle professioni: 20

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE. Anno Scolastico 2017/2018

PIANO DI FORMAZIONE. Anno Scolastico 2017/2018 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. "ALBERTO MANZI" Sede Via del Pigneto, 301 - Tel.06299109 0621729322 - fax 062757257-00176 Roma

Dettagli

2 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MORANTE

2 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MORANTE 2 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MORANTE Via G.Boccaccio c.a.p. 80048 SANT ANASTASIA (NA)Tel. 081/8930713-8930727 - 8930716 Fax. 081/8930711 cod.fisc.94202990639 cod.mecc.naic8ak00g E mail: naic8ak00g@istruzione.itwww.istitutocomprensivoelsamorante.it

Dettagli

SESSIONE PITCH 1 Big Data Analytics Qlik

SESSIONE PITCH 1 Big Data Analytics Qlik SESSIONE PITCH 1 Big Data Analytics Qlik - SOSE e Qlik con il progetto OpenCivitas orientano la gestione della spesa pubblica in base a criteri di efficienza Roberto Fontana, Marketing Director, Qlik Progetto

Dettagli

Programmare e valutare la formazione

Programmare e valutare la formazione Programmare e valutare la formazione Il Laboratorio del Dipartimento della Funzione Pubblica Ezio Lattanzio La qualità della formazione per la pubblica amministrazione. Verso standard condivisi tra pubblico

Dettagli

Metodologia per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione della formazione nelle PPAA

Metodologia per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione della formazione nelle PPAA Metodologia per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione della formazione nelle PPAA Prof. Guido CAPALDO Roma, 21 maggio 2013 Sala Polifunzionale PCM Come è stata costruita la metodologia Messa

Dettagli

Allegati al Piano della performance

Allegati al Piano della performance Allegati al Piano della performance 2018-2020 Indirizzi e obiettivi 2018 - Linee di ricerca OS2 - Organizzazione della ricerca OS3 - Organizzazione dei processi OS4 - Valorizzazione e disseminazione dei

Dettagli

Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive Associazione Nazionale dei Comuni Italiani

Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Premesso che: - L accordo quadro siglato il 25 Ottobre 2006 tra Anci e Ministero prevede la costituzione

Dettagli

Piano della formazione docenti ed ATA Triennio

Piano della formazione docenti ed ATA Triennio ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Via Marcolini, 10-25064 - Gussago (Bs) Cod.Fisc.80051160176 - Tel.030/2521477 - Fax 030/2527469 www.cdgussago.it e-mail: BSIC88900L@PEC.ISTRUZIONE.IT Piano della formazione

Dettagli

Curriculum Vitae. fax dell ufficio Dirigente Amministrativo. Direttore Dipartimento Partecipazione, Comunicazione e Pari

Curriculum Vitae. fax dell ufficio Dirigente Amministrativo. Direttore Dipartimento Partecipazione, Comunicazione e Pari INFORMAZIONI PERSONALI [] numero telefonico dell ufficio 06 6710 4190-6710 2190 fax dell ufficio 06 6710 3268 e mail istituzionale antonella.caprioli@comune.roma.it Data di nascita 25 settembre 1961 Nazionalità

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO STRATEGICO NELLA CAMERA DI COMMERCIO DI AREZZO: verso la Balanced Scorecard

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO STRATEGICO NELLA CAMERA DI COMMERCIO DI AREZZO: verso la Balanced Scorecard LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO STRATEGICO NELLA CAMERA DI COMMERCIO DI AREZZO: verso la Balanced Scorecard ENTE AUTONOMO DI DIRITTO PUBBLICO Istituito con Regio Decreto il 23 ottobre 1862 Al fine di

Dettagli

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali:

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Lo sviluppo dell orientamento per studenti dell ultimo anno (anche

Dettagli

VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO

VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO CAPITOLO 4 4.9 Con l emanazione del DPR 80/2013 e della legge 107/2015 si sta delineando un compiuto sistema di valutazione finalizzato alla qualificazione del servizio scolastico, alla valorizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. "Rafforzare il rapporto tra sistema di istruzione-formazione e mondo del lavoro"

PROTOCOLLO D'INTESA. Rafforzare il rapporto tra sistema di istruzione-formazione e mondo del lavoro PROTOCOLLO D'INTESA tra Regione Lombardia (di seguito denominata Regione) e Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia (di seguito denominato USR) e Fondazione Cluster Tecnologie per le Smart Cities

Dettagli

il D.Lgs. del , n. 165, e successive modifiche ed integrazioni;

il D.Lgs. del , n. 165, e successive modifiche ed integrazioni; UFFICIO SVILUPPO RISORSE UMANE Settore Pianificazione, gestione risorse e mobilità la legge 9.5.1989 n. 168; IL DIRETTORE GENERALE VISTO VISTO VISTO il D.Lgs. del 30.03.2001, n. 165, e successive modifiche

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA CONFCOOPERATIVE TOSCANA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA CONFCOOPERATIVE TOSCANA PROTOCOLLO DI INTESA tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA (di seguito denominato USR) e CONFCOOPERATIVE TOSCANA (di seguito denominata CONFCOOPERATIVE) Rafforzare il rapporto tra scuola e mondo

Dettagli

Servizio di Valutazione Indipendente del POR FESR Emilia-Romagna Il Piano di attività

Servizio di Valutazione Indipendente del POR FESR Emilia-Romagna Il Piano di attività Servizio di Valutazione Indipendente del POR FESR Emilia-Romagna 2014-2020 Il Piano di attività 2018-2019 Obiettivi del Piano di attività Il Piano di attività ha un duplice obiettivo: presentare i metodi,

Dettagli