Anno Scolastico 2006/2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno Scolastico 2006/2007"

Transcript

1 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Medicina Riabilitativa U.O. Disabili Adulti Servizio Epidemiologia e Comunicazione Reparto Medicina Riabilitativa Informa Handicap Uff. Educazione alla Salute - Progetto Scuole Ospedale "G.Marconi" Cesenatico Con la partecipazione di Istituto Comprensivo Bagno di Romagna Istituto Comprensivo Longiano Istituto Comprensivo Mercato Saraceno Istituto Tecnico Commerciale "R.Serra" Cesena Istituto Tecnico per Geometri "L.Da Vinci" Cesena Scuola Media "G.Pascoli" - Sezione di Calisese PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE Anno Scolastico 2006/2007 a cura di Emanuela Baldassarri

2 2

3 Indice: Introduzione Pag. 5 Presentazione del progetto Pag. 6 - La metodologia Pag. 6 - Descrizione del progetto Pag. 7 La valutazione del progetto Pag. 9 - La valutazione degli studenti Pag. 9 - La valutazione degli insegnanti Pag. 14 Le attività in classe: approfondimenti Pag Il fotolinguaggio Pag La visita al Reparto di Medicina Riabilitativa Pag Conclusione del progetto Pag. 23 Conclusioni Pag. 24 Allegato 1 Pag. 25 Allegato 2 Pag. 30 Equipe di progetto Pag. 35 Ringraziamenti Pag. 35 3

4 4

5 Introduzione La sicurezza stradale è un argomento sul quale si sta concentrando, negli ultimi anni, sempre più attenzione da parte dell opinione pubblica nazionale ed internazionale, della sanità pubblica e della politica. Tra i Paesi dell Europa occidentale, l Italia è quello che presenta il maggior numero di autovetture circolanti rispetto al numero di cittadini, numero costantemente in crescita e che ha raggiunto nel 2004, secondo i dati dell Osservatorio Autopromotec, 58 automobili per 1000 abitanti. Alla crescente mole del traffico urbano ed exta-urbano va aggiunto e correlato il preoccupante numero di incidenti stradali, che rappresentano ormai nel mondo la nona causa di morte. Nella sola Unione Europea causano morti e feriti ogni anno e sono la prima causa di morte e di disabilità fra i giovani tra i 14 e i 25 anni 1. Anche l Organizzazione Mondiale della Sanità ha sottolineato l urgenza di interventi nell ambito della sicurezza stradale, ponendosi l obiettivo di ridurre del 50% la mortalità e la disabilità causate dagli incidenti stradali entro il L Azienda USL di Cesena ha riconosciuto la sicurezza stradale come uno dei principali obiettivi di salute e si impegna in esso su più fronti, da progetti di pianificazione urbanistica, volti a implementare la messa in sicurezza delle strade del territorio, a quelli di educazione alla sicurezza stradale rivolti a vari target della cittadinanza. Tra i principali progetti di educazione alla sicurezza stradale proposti dall Azienda USL di Cesena c è Vivere al massimo, rischiando il minimo, che rientra già da diversi anni scolastici tra i progetti proposti alle scuole dall Ufficio Educazione alla Salute - Progetto Scuole, e che si avvale della preziosa collaborazione degli operatori del Reparto di Medicina Riabilitativa dell Ospedale Marconi di Cesenatico. Vivere al massimo, rischiando il minimo si rivolge alle classi III delle scuole medie di primo grado e alla classi I delle scuole di secondo grado, cioè a quei ragazzi che hanno l età per conseguire il patentino per il ciclomotore. Attraverso un percorso articolato in cinque attivazioni si vogliono dare agli studenti non tanto informazioni sul codice della strada (per questo seguono già appositi corsi) ma strumenti e stimoli per riflettere sul comportamento di ognuno sulla strada, sui vantaggi e svantaggi del motorino e sui potenziali rischi di incidenti stradali e delle loro conseguenze. Il presente lavoro descrive il percorso svolto nell Anno Scolastico , cerca di approfondire le attività che i ragazzi hanno svolto in classe e i lavori da loro prodotti, e riporta la valutazione che insegnanti e studenti hanno espresso al termine del progetto. In questo modo si cerca di dare una visione d insieme del percorso svolto e dei diversi punti di vista, così da far emergere i punti di forza ma anche le eventuali criticità, o ulteriori aspetti da approfondire in futuro. 1 Fonti: - WHO, World Healt Report 2002: reducing risk, promoting healthy life, Genere, Piano Sanitario Nazionale ISTAT, statistica degli incidenti stradali, anno

6 Presentazione del progetto Il progetto Vivere al massimo rischiando il minimo è rivolto agli studenti delle classi III delle scuole secondarie inferiori e I delle scuole secondarie superiori del circondario cesenate. Le sue finalità sono: - rendere consapevoli gli studenti dell'importanza del comportamento umano nel determinare un incidente stradale - aumentare la consapevolezza sul tipo di messaggi che vengono associati al ciclomotore per incentivarne l acquisto e su come questi poi incidano sui comportamenti di ognuno - aumentare la consapevolezza dei ragazzi sulle possibili conseguenze negative degli incidenti stradali - fornire alcuni spunti di riflessione sul tema della disabilità Il percorso è strutturato in cinque attivazioni: quattro gestite in classe dagli insegnanti e della durata di due ore di lezione l'una e una da svolgersi in mattinata presso il Reparto di Medicina Riabilitativa dell'ospedale "G.Marconi" di Cesenatico, dell'az. USL di Cesena. La metodologia Questo progetto, come tutti quelli promossi dall Ufficio Educazione alla Salute, rientra in una linea preventiva di approccio ai problemi di salute volta a promuovere dinamiche di sviluppo della persona, rinforzando le risorse individuali. Un progetto di educazione alla salute rivolto a preadolescenti ed adolescenti inoltre, deve essere finalizzato a stimolare e sviluppare nei giovani una maggiore responsabilità e consapevolezza circa i comportamenti a rischio. Non è un momento altro rispetto ai ragazzi, un percorso che viene loro proposto già precostituito, quanto piuttosto un momento che si fa con loro, cercando di favorire e stimolare la scelta di atteggiamenti e comportamenti positivi. Attraverso l'attivazione di meccanismi protettivi si instaura un sentimento positivo relativo alla stima di sé e all'efficacia personale e si rendono disponibili nuove opportunità relazionali e sociali, attraverso un cambiamento di significato che il soggetto stesso attribuisce alla situazione sfavorevole. Spesso si pensa che le persone si comportino in termini di costi e benefici, e siano perciò facilmente disponibili al cambiamento, oppure a non attuare un comportamento, quando sanno che questo è dannoso: in realtà il funzionamento psichico, soprattutto in giovane età, è assai più complesso e contraddittorio. Cruciale è il significato che si attribuisce al comportamento, compito che implica processi cognitivi, affettivi e sociali. Il significato positivo attribuito ad un comportamento nocivo per la salute è il vero aspetto da modificare in un progetto di educazione alla salute che voglia essere efficace. Per queste ragioni agli studenti non si consegna nessun libro dove è già scritto cosa fare o non fare, ma piuttosto si vuole attivare un processo nel quale la condivisione di conoscenze, aspettative, preoccupazioni, valori, promuova il confronto tra i ragazzi, favorendo così un processo di crescita e maturazione individuale. In questo percorso l insegnante è una figura 6

7 fondamentale ed è egli stesso che, dopo alcuni incontri formativi con i professionisti sanitari, svolge direttamente il lavoro in classe. Affinché un gruppo di lavoro possa operare al meglio, infatti, è necessario che si instauri in classe un clima (o atmosfera relazionale) disteso, sereno e collaborativo. A questo scopo l insegnante ricopre il ruolo di facilitatore della discussione e del confronto, garantendo ad ognuno di potersi esprimere senza il timore di essere censurato, giudicato e interrotto, nonché favorendo la partecipazione e il coinvolgimento di tutti i membri del gruppo. A tal fine, per i lavori di gruppo proposti dal progetto, in fase di divisione del gruppo classe in sottogruppi di lavoro, è importante seguire un criterio di casualità, sorteggiando i membri di ogni sottogruppo. In questo modo si cercano di evitare meccanismi di esclusione verso alcuni ragazzi e, al contrario, si favorisce la relazione tra ragazzi che forse hanno meno contatti durante le quotidiane lezioni e il confronto fra storie, vissuti e valori spesso molto diverse fra loro, che potrebbero favorire anche l instaurarsi di nuove relazioni significative. Descrizione del progetto Il progetto inizia con la descrizione del percorso al quale i ragazzi parteciperanno. Questo momento, per quanto possa apparire banale, in realtà rappresenta un passaggio fondamentale, sia per condividere con gli studenti gli obiettivi del progetto, sia per costruire il presupposto di base per il coinvolgimento e la partecipazione attiva degli stessi. Al termine della breve descrizione, viene consegnata una cartellina vuota che, oltre all aspetto funzionale che permette di raccogliere fogli ed altri materiali, ha anche il valore simbolico di sottolineare che l approccio che verrà utilizzato nel progetto, mira a privilegiare e a stimolare il ruolo attivo di ciascuno studente nel costruire il proprio percorso di vita e di salute. 1 ATTIVAZIONE LA BILANCIA DELLA VELOCITA Per capire quali sono i significati e i vissuti che i ragazzi attribuiscono allo scooter, in una prima fase di riscaldamento viene consegnata a ciascuno studente una scheda sulla quale viene chiesto di scrivere tutte le parole che vengono loro in mente pensando alla parola scooter e, sulla base del materiale emerso, l insegnante inizierà una prima discussione con tutta la classe. Nella seconda parte dell attivazione i ragazzi sono invitati a confrontarsi in gruppo su quali ritengono essere le valenze positive e negative del comportamento di guida veloce in scooter e su quali potrebbero essere delle modalità più sicure per soddisfare i bisogni che si nascondono dietro la guida veloce. 2 ATTIVAZIONE FOTOLINGUAGGIO Agli studenti, divisi in sottogruppi, viene chiesto di immedesimarsi in un agenzia pubblicitaria che deve promuovere la vendita di scooter e, a tal fine, devono scegliere immagini e slogan. In questo modo si vogliono far emergere le rappresentazioni sociali dei ragazzi riferite al ciclomotore e aumentare la consapevolezza sul tipo di messaggi che vengono ad esso associati per incentivarne l acquisto e su come questi poi incidano sui comportamenti di ognuno. 7

8 3 ATTIVAZIONE VISITA AL REPARTO DI MEDICINA RIABILITATIVA La visita al Reparto di Medicina Riabilitativa dell Ospedale Marconi di Cesenatico, che richiede circa tre ore di tempo, rappresenta un momento di confronto con la realtà delle possibili conseguenze degli incidenti stradali. Il Reparto di Medicina Riabilitativa infatti, ospita anche persone affette da disabilità conseguente ai traumatismi della strada. I ragazzi vengono accolti dagli operatori sanitari che si presentano spiegando brevemente in cosa consiste il loro lavoro presso il reparto, le differenze tra le varie figure professionali che vi operano e che tipo di utenza ospita. In questa fase è prevista anche la visione di video che illustrano meglio il lavoro dei professionisti sanitari nel percorso di riabilitazione dei pazienti e la testimonianza di una o più persone disabili, a loro volta ex pazienti del reparto stesso, che cercano di trasmettere ai ragazzi non tanto un messaggio relativo all incidente, quanto al loro percorso di riabilitazione e di impegno in varie attività, anche sportive, che possono essere portate aventi nonostante la disabilità. Nella seconda parte, gli alunni vengono accompagnati, in piccoli gruppi, all interno del reparto, evitando però il contatto diretto con i pazienti. Nella terza e ultima parte, è prevista la discussione in plenaria, per dare spazio a impressioni, opinioni e curiosità dei ragazzi. 4 ATTIVAZIONE LE COSE BELLE DELLA VITA In questa attivazione si vuole fornire ai ragazzi uno spazio per l'elaborazione e il confronto sulle emozioni, opinioni e impressioni maturati dopo la visita al Reparto di Medicina Riabilitativa e per valorizzare gli aspetti positivi della vita dei ragazzi, al fine di rafforzare la consapevolezza dell importanza di rapportarsi in modo corretto con la strada 5 ATTIVAZIONE SPAZIO ALLA CREATIVITA Il percorso si conclude proponendo agli studenti di dare spazio alla propria creatività rispetto al tema della sicurezza stradale. Vengono invitati a realizzare del materiale informativo sull argomento: depliant, spot tv, ecc e dalla condivisione dei materiali prodotti si svilupperà una discussione finale e una riflessione sul progetto appena concluso. Al termine delle attività viene consegnata la scheda di valutazione individuale e anonima che è lo strumento principale per raccogliere le opinioni dei ragazzi e che ci aiuta, insieme al materiale prodotto in classe durante le attivazioni, a valutare e a migliorare il progetto in futuro. 8

9 La valutazione del progetto Nell anno scolastico al progetto di educazione alla sicurezza stradale Vivere al massimo rischiando il minimo hanno aderito 17 classi, per un totale di 389 studenti, delle seguenti scuole: - Istituto Tecnico Commerciale Serra di Cesena (2 classi) - Istituto Tecnico Geometri Da Vinci di Cesena (4 classi) - Scuola media Pascoli di Cesena Sezione di Calisese (2 classi) - Istituto comprensivo di Longiano (3 classi) - Istituto comprensivo di Bagno di Romagna (4 classi) - Istituto comprensivo di Mercato Saraceno (2 classi) La valutazione degli studenti Per ottenere un riscontro sulle attività svolte, sull'utilità percepita e sul gradimento, l'ufficio Educazione alla Salute - Progetto Scuole, per tutti i progetti che propone e organizza, fa uso di una scheda di verifica anonima e individuale che, a fine corso, viene consegnata a tutti gli studenti. Per questo progetto la scheda presentata è la seguente: SCHEDA DI VERIFICA (INDIVIDUALE E ANONIMA) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VIVERE AL MASSIMO, RISCHIANDO IL MINIMO Ritieni che il corso sia stato utile per te? Per niente moltissimo Le attività svolte mi sono servite a Gli aspetti positivi del progetto:.... Gli aspetti da migliorare:.... Ci sono altri aspetti che avresti voluto approfondire o affrontare sulla tematica sicurezza stradale?.. Consiglieresti ad una classe di tuoi amici, che vorrebbe occuparsi di sicurezza stradale, di andare a visitare il Reparto di Medicina Riabilitativa? SI NO NON SO Ritieni che il corso sia stato interessante per te? Per niente moltissimo La scheda è stata correttamente compilata da 303 studenti, pari al 77,8% del totale dei partecipanti al progetto. Di questi il 55,4% frequenta le scuole medie e il 44,6% le scuole superiori. 9

10 La maggior parte degli studenti, senza significative differenze tra scuole medie e superiori, ritiene che il corso sia stato utile (l 87,5% esprime un voto 6). Tab. 1: utilità del corso Ritieni che il corso sia stato utile per te? Valore medio: 7.5 Le attività svolte durante l intero percorso, secondo gli studenti, sono servite principalmente ad essere più prudente, a riflettere sui rischi della strada e sui comportamenti da tenere e sull importanza dell uso del casco (40.4% delle risposte) e ad imparare cose nuove, capire i pericoli della strada, le regole da rispettare, i segnali, gli aspetti positivi e negativi del motorino (39.1%). Nel 16.9% dei casi le attività sono servite a capire l importanza della vita e le possibili conseguenze di un incidente. Rispetto alla scuola frequentata, come si può osservare dalla tabella 2, i ragazzi di terza media mostrano più risposte di tipo cognitivo, legate alle informazioni acquisite sul tema della sicurezza stradale, delle sue regole e dei pericoli (55.4%), mentre gli studenti di prima superiori danno più risposte centrate sui comportamenti e sulle emozioni: nel 47.1% dei casi rispondono che le attività svolte li hanno resi più prudenti e riflessivi rispetto ai comportamenti da tenere per strada. Anche le emozioni suscitate dalla visita al Reparto di Medicina Riabilitativa dell Ospedale Marconi di Cesenatico sembrano aver toccato più in profondità i ragazzi più grandi, che nel 20.1% (rispetto al 7.7% dei più piccoli) affermano di aver meglio compreso l importanza della vita e le possibili conseguenze di un incidente. Si può ipotizzare che, pur essendo tutti nell età adeguata per prendere il patentino, alcuni dei ragazzi più grandi lo abbiano già conseguito e probabilmente possiedono già uno scooter, mentre altri si sentono comunque più vicini alla possibilità di averlo e guidarlo. Questa situazione probabilmente facilita in loro il senso di immedesimazione con la realtà che vedono e sulla quale, forse, fino ad ora non si erano bene fermati a riflettere. 10

11 Tab. 2: attività svolte in relazione al grado di scuola Le attività svolte mi sono servite a Essere più prudente, riflettere sui rischi della strada e sui comportamenti da tenere, sull importanza dell uso del casco Scuola frequentata Medie Superiori 33.3% 47.1% Capire l importanza della vita, le possibili conseguenza di un incidente 7.7% 20.1% Imparare cose nuove, capire i pericoli della strada, le regole da rispettare, i segnali, come comportarsi per strada, gli aspetti positivi e negativi del motorino 55.4% 28.7% Altro (poter esprimere la mia opinione, lavorare con fantasia, poco, avevo già fatto il progetto) 3.6% 4.0% Totale 100% 100% Una conferma che l uscita al Reparto è considerata dagli studenti come aspetto fondamentale del progetto, viene dal fatto che il 12.6% di essi la indica esplicitamente tra gli aspetti positivi del progetto. Ad essa inoltre, è strettamente legata l altra risposta ( capire la bellezza della vita, riflettere sui rischi, maggiore responsabilità ) data dal 13.6% dei giovani. Il 20.8% apprezza di aver acquisito maggiori informazioni sul tema della sicurezza stradale e ben il 37.2% indica come aspetto positivo del progetto il lavoro di gruppo, la possibilità di parlare e confrontarsi con i compagni e con l insegnante. Questo risultato è molto soddisfacente e incoraggiante, proprio per il fatto che un grande sforzo viene fatto congiuntamente da professionisti sanitari e insegnanti per favorire una metodologia partecipativa e circolare. Infine, un buon 7% di studenti dichiara che il progetto ha tutti aspetti positivi, segno anche questo di un buon gradimento del progetto stesso (tabella 3). Tab. 3: gli aspetti positivi del progetto F % Lavoro di gruppo, fotolinguaggio, discussioni e scambi di idee, coinvolgimento dei ragazzi % Conoscere meglio la sicurezza stradale, imparare a comportarsi per strada, essere più prudenti, utile per il conseguimento del patentino % Riflettere sui rischi, sono più responsabile, capire che la vita è bella, è educativo % Uscita al Reparto % Tutti % Altro (perdere ore di scuola, progetto semplice e rilassante) % Totale 100% 100% 11

12 Differenze significative si riscontrano nuovamente in relazione al grado di scuola frequentata dagli studenti. I più giovani appaiono maggiormente appagati dall esperienza, infatti tra chi risponde che gli aspetti positivi sono tutti, ben il 90.5% frequenta la scuola media. I ragazzi di prima superiore si confermano più riflessivi e colpiti dalla visita al Reparto: rappresentano il 73.2% di chi risponde che gli aspetti positivi sono stati Riflettere sui rischi, essere più responsabile, capire che la vita è bella, è educativo. Secondo i ragazzi il progetto non necessita di molti cambiamenti, alla richiesta di indicare gli aspetti da migliorare il 40.6% non risponde e il 19.5% afferma che non ce ne sono. Il 15.5% vorrebbe che ci fossero più ore, più esperti, video o prove pratiche e il 6.9% che tutti i compagni prestassero la giusta attenzione e partecipazione alle attività in classe. Il 4.0% vorrebbe che migliorasse la visita a Cesenatico, soprattutto rispetto all organizzazione della mattinata, che per chi viene da molto lontano può essere faticosa, e il restante 13% dà altre risposte (fra le quali non spaventare troppo, meno ore, non fare attività il pomeriggio). Tab.4: aspetti da approfondire o affrontare % Nessuno 66.6% Non risposta 10.8% Primo soccorso, pericoli strade e conseguenze degli incidenti 7.5% Alcool e droghe 3.3% Motori truccati 3.0% Uso del casco 2.0% Segnali stradali e codice della strada 2.0% Parlare con un vigile 1.3% Più esperienze pratiche, video 1.0% Altro 2.6% Totale 100% Rispetto ai suggerimenti che i ragazzi danno sugli aspetti che vorrebbero affrontare o approfondire, il 66.6% è soddisfatto e risponde che non ce ne sono, il 10.8% non risponde e gli altri danno una serie di risposte, illustrate nella tabella 4, che dimostrano la loro curiosità sull argomento e la loro voglia di approfondire alcuni aspetti, soprattutto il primo soccorso e l uso e abuso di alcool e droghe, tema che emerge spesso dai loro lavori. Dai risultati esposti fino ad ora si è potuto constatare il ruolo centrale all interno del progetto svolto dalla visita al Reparto di Medicina Riabilitativa dell Ospedale Marconi di Cesenatico, riconosciuto non solo dagli operatori sanitari, ma anche da studenti e insegnanti. Vista la delicatezza di questa particolare attivazione, spesso i professionisti sanitari si sono interrogati sulla modalità più adeguata di presentazione agli studenti, per evitare che un esperienza emotivamente coinvolgente come questa, potesse lasciare un impronta troppo forte negli studenti più sensibili. Nel corso degli anni abbiamo cercato di modulare 12

13 l organizzazione della visita ascoltando anche i suggerimenti di insegnanti e studenti e proprio a questi ultimi, nella scheda di valutazione finale, chiediamo esplicitamente se consiglierebbero questa esperienza ad una classe di loro coetanei che vogliono approfondire l argomento della sicurezza stradale. I risultati sono nella tabella 5. Tab. 5: Consiglieresti ad un'altra classe la visita al Reparto di Medicina Riabilitativa? Consiglieresti ad un'altra classe la visita al Reparto di Medicina Riabilitativa? non so 16% no 6% sì 78% Premesso che l adesione alla visita al reparto è facoltativa, ad esempio l Istituto Comprensivo di Mercato Saraceno sceglie di non partecipare, tra gli studenti che fanno questa esperienza la grande maggioranza, ben il 78%, la consiglierebbe a dei coetanei. Il 16% è indeciso e solo il 6% non la consiglierebbe ad un altra classe. In conclusione, quando chiediamo di indicare su una scala da 1 a 10 quanto il progetto è stato interessante, il 90.1% degli studenti assegna un voto 6, mostrando un ampio gradimento del percorso svolto (tabella 6). Tab. 6: interesse del corso Ritieni che il corso sia stato interessante per te? Valore medio:

14 La valutazione degli insegnanti Agli insegnanti a fine progetto è chiesto di esprimere, tramite una scheda anonima e individuale, le loro opinioni circa il lavoro svolto in classe, gli incontri con i professionisti sanitari, utilità e interesse del progetto. Inoltre, nell ultimo incontro pomeridiano, insegnanti ed operatori si confrontano sulle attività appena concluse e ciò permette un ulteriore acquisizione di informazioni sugli aspetti critici e di suggerimenti ed idee per il miglioramento del progetto, che verrà presentato nel successivo anno scolastico. Gli insegnati esprimono un giudizio sostanzialmente unanime e soddisfacente nei confronti del progetto, soprattutto in riferimento all utilità per i ragazzi (voto medio 8.7 su una scala da 1 a 10). In particolare vengono sottolineate le riflessioni relative al problema che ne hanno migliorato la conoscenza, la condivisione di opinioni, i lavori di gruppo e la realizzazione di cartelloni pubblicitari e di slogan relativi alla sicurezza stradale, che hanno coinvolto positivamente e completamente gli alunni 2. Alcune classi hanno anche svolto un lavoro di raccolta, analisi e discussione di articoli di giornale sugli incidenti stradali, come ulteriore approfondimento dell argomento e spunto di riflessione per il confronto in gruppo. Fra le criticità, per alcune scuole è risultata complicata l organizzazione della visita a Cesenatico che, in primo luogo per chi è territorialmente più lontano, prevede dei lunghi tempi per gli spostamenti e non pochi costi per l affitto dell autobus. Gli insegnanti suggeriscono anche, così come molti studenti, di poter integrare gli strumenti a disposizione con video e materiale interattivo, per rendere più interessante il lavoro in classe. Tab. 7: utilità del corso per la classe Secondo Lei, il corso è stato utile per la sua classe? Tab. 8: interesse del corso per l insegnante Per Lei è stato interessante partecipare al corso con i Professionisti Sanitari? Valore medio: 8.7 Valore medio: 8.4 Per quanto riguarda invece gli incontri pomeridiani con i professionisti sanitari, sono emersi aspetti positivi come la chiarezza, la disponibilità e la competenza, inoltre l incontro e il confronto con i professionisti sanitari hanno migliorato e reso più efficace ed efficiente gli incontri in classe. Infine abbiamo chiesto ai docenti di indicare, su una scala da 1 a 10, quanto sia stato interessante per loro partecipare agli incontri pomeridiani ed essi esprimono un giudizio molto positivo, con una media di in corsivo sono riportate le parole degli insegnanti 14

15 Le attività in classe: approfondimenti Nella prima attivazione del progetto svolta in classe, si cercano di indagare i significati che vengono associati allo scooter, attraverso un brainstorming in forma individuale. Raggruppando in categorie i termini emersi (1.039 in tutto) si possono trarre alcune considerazioni, descritte nella tabella 9: allo scooter vengono associate la velocità e tante emozioni, generalmente emozioni forti (18%), come eccitazione, paura, adrenalina, felicità, incoscienza, rischio, bellezza. Il rischio e il pericolo sono un altra grande categoria (18%), che comprende sia la ricerca di esso (sballo, corse, impennate) che la paura (pericoli, incidenti, preoccupazione e prediche dei genitori, non esagerare con alcool e droghe). Molto forte è anche l associazione con la libertà e l autonomia (16%) cioè il senso di indipendenza e di poter andare dove si vuole, l impazienza di avere e di guidare il motorino, categoria strettamente collegata alle due precedenti. A queste possiamo aggiungere anche le associazioni legate al divertimento (13%), allo svago, al potersi incontrare e andare in giro con gli amici. D altra parte ci sono anche l 11% di associazioni legate al senso di responsabilità, di attenzione, prudenza e sicurezza che sono necessarie se ci si mette alla guida e la necessità di superare l esame e avere il patentino (9%), conoscere il codice e i segnali stradali e avere assicurazione, bollo e libretto del motorino. Infine un consistente 15% di risposte è legato alla descrizione dello scooter (freni, specchietti retrovisori, strada, ruote, marmitta, motore, ecc..) e ad alcune famose marche di produzione. Tab. 9: brainstorming Lo scooter Lo scooter... rischio e pericolo 18% descrizione motorino 15% esame e patentino 9% divertimento 13% responsabilità 11% libertà e autonomia 16% emozioni forti e velocità 18% Il materiale emerso durante il brainstorming viene discusso in classe per poi passare alla seconda parte dell attivazione che prevede di individuare gli aspetti positivi e negativi del comportamento di guida dello scooter. Ciò che emerge conferma sostanzialmente le considerazioni già emerse nella prima fase: gli aspetti positivi maggiormente citati sono legati 15

16 alle emozioni di eccitazione, adrenalina ed euforia che si provano, alla possibilità di guadagnare tempo arrivando prima alla meta, al divertimento che procura e al senso di libertà ed autonomia. Al contrario, gli aspetti negativi sono individuati nella maggiore possibilità di incidenti, nel rischio di far male a se stessi e agli altri, nella presenza di forze dell ordine che potrebbero fare multe o ritirare il patentino e il motorino. Sono valutati in maniera negativa anche il consumo di carburante e il relativo costo ma anche il rischio soggettivo di perdere il controllo della situazione. Tutte le risposte emerse sono raccolte nella tabella 10. Tab. 10: la bilancia della velocità LA BILANCIA DELLA VELOCITA' ASPETTI POSITIVI Freq ASPETTI NEGATIVI Freq arrivare prima + tempo guadagnato/evitare traffico adrenalina/brivido/eccitazione/ euforia/emozioni/sballo 55 incidenti (più probabilità) multa/polizia / carabinieri 39 divertimento /con gli amici 40 pericolo/rischio per se ed altri 36 libertà/indipendenza/autonomia 37 per mettersi in mostra /essere stimato/dimostrare essere superiori incidenti gravi con conseguenze gravi, fino alla morte cadute (rischio di) /farsi male 24 velocità 13 ritiro motorino e patentino 22 sfide / gare 12 consumo e costo carburante 21 scarica la tensione /sfogarsi 10 perdere il controllo della situazione / disinibizione sentirsi parte di un gruppo 10 rompere il motore 8 responsabilità /autocontrollo 6 inquinamento 7 sentirsi più grandi/potenti 6 paura /insicurezza 5 liberarsi dai pensieri per qualche istante /spensieratezza 5 preoccupazioni (dei genitori) 5 pratico / maneggevole / meno fatica 4 spazio di frenata minore 5 trasporto/movimento 4 distrazioni /minor visibilità 4 in tv è spettacolare / moda 3 limite di velocità e regole di comportamento impennate e piegare in curva 3 freddo d'inverno 2 emergenze 2 giudizi altrui negativi 2 soddisfazione 2 corse clandestine 2 truccare il motore 2 incrociare i ciclisti Totale risposte 276 Totale risposte

17 Il fotolinguaggio La seconda attività in classe vuole stimolare la discussione e il confronto attraverso la creatività: ai ragazzi viene chiesto di immedesimarsi in un agenzia pubblicitaria e di promuovere la vendita dello scooter. Dopo la presentazione dei lavori dei piccoli gruppi al resto della classe, attraverso la discussione plenaria con l insegnate, si vuole far riflettere i ragazzi sui messaggi e sulle rappresentazioni che vengono comunemente associati allo scooter e su quanto questi influenzino i loro comportamenti, cercando di stimolare l espressione di pensieri e opinioni personali. I ragazzi di solito apprezzano questa attività che permette loro di esprimersi con fantasia e producono molti cartelloni, nei quali si possono riscontrare alcune tematiche ricorrenti. I messaggi espressi, infatti, tendono spesso a sottolineare la potenza e la velocità del mezzo, a volte associata all idea di libertà e alla sensazione di sentirsi più grande, addirittura un Dio, come si può vedere in alcuni esempi di cartellone di seguito: Il fascino è la potenza e la potenza è il fascino Non ascoltare gli altri, ascolta il tuo motore Se alle vostre ragazze volete far provare piacere, sulle nostre moto dovete farle sedere 17

18 Non scomodate i vostri genitori, venite da soli a comprare i nostri ciclomotori Un altro argomento molto ricorrente è legato alle famose marche produttrici di scooter e moto e all utilizzo di testimonial d eccezione per pubblicizzare i propri prodotti. Questo è collegato sia alle abitudini pubblicitarie che i ragazzi vedono costantemente in tv e sui giornali, sia all importanza che ha, soprattutto alla loro età, il comportamento emulativo di personaggi ritenuti famosi, importanti, spesso dei veri e propri miti da imitare. Vuoi essere un Vip..? Compra Piaggio Zip! Chi compra il nostro motore avrà in regalo il casco ufficiale di Valentino Rossi 18

19 Come già emerso dall attivazione precedente, un aspetto che sembra preoccupare un po i giovani è quello economico, riferito all acquisto e al mantenimento del motore, spesso oggetto anche di discussioni con i genitori. Ecco allora che alcuni promuovono il loro scooter promettendo sconti (anche questa è da riconoscere comunque come un altra abitudine delle pubblicità). Infine alcuni puntano su messaggi di sicurezza, sia del ciclomotore che dei comportamenti alla guida. La nonnina ha tanto gusto e vende la moto al prezzo giusto! 19

20 Con il nostro nuovo Aprilia sicurezza e velocità per tutta la famiglia! Sei diventato grande per la bicicletta? Metti il casco e compra la Vespa!! Comoda, spaziosa, sicura 20

Anno Scolastico 2005/06

Anno Scolastico 2005/06 Dipartimento Sanità Pubblica Ufficio Educazione alla Salute Progetto Scuole Reparto Medicina Riabilitativa Ospedale "G. Marconi" Cesenatico U.O. Disabili Adulti U.O. Ser.T. In collaborazione con Facoltà

Dettagli

Vado al massimo, rischio il minimo

Vado al massimo, rischio il minimo nota UST prot. n. Prot.n.966/A29 del 7 marzo 2014 (Progetti di Educazione Stradale A.S. 2013-2014) PROGETTO PLURIENNALE PERMANENTE DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Vado al

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

Concorso educativo per la Scuola Primaria

Concorso educativo per la Scuola Primaria Concorso educativo per la Scuola Primaria anno scolastico 2015-2016 GUIDA E MATERIALI DI LAVORO PER L INSEGNANTE Progetto didattico e testi: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

I.C.Iseo - Scuola Primaria di Paratico - a.s. 2012-2013 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PRENDIAMOCI CURA DELL AMBIENTE Sezione 1: L IDEA FONDANTE a cura delle bambine e dei bambini delle classi seconde

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

Relazione finale del Progetto SICURVIA: Incontriamo il mondo in sicurezza

Relazione finale del Progetto SICURVIA: Incontriamo il mondo in sicurezza Relazione finale del Progetto SICURVIA: Incontriamo il mondo in sicurezza Nel corso dell anno scolastico 2012-2013 - nel Liceo Classico Dettori di Cagliari - grazie alla scelta didattica del Collegio dei

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste ASL CITTA DI MILA ASL CITTA DI MILA Dipartimento di Prevenzione STRADAIMPARANDO la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste Progetto di educazione alla sicurezza stradale rivolto

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Un progetto Fa.Ce. - Famiglie Cerebrolesi Associazione Provinciale di Reggio Emilia bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Fotografie

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it 12 Istituto Comprensivo A.Moro 1 Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it GIANNA BERETTA MOLLA - Via N. Sauro, 1 - Sabbio

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

GLOSSARIO. Studiare sicurezza

GLOSSARIO. Studiare sicurezza 59 Studiare sicurezza In che modo le Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati relative alla scuola primaria e a quella secondaria di primo grado possono aiutare a formulare percorsi di

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO Obiettivi generali del progetto sono: Rinforzare le abilità personali utilizzando metodologie che

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 Carissimi Capi Reparto, anche quest anno siamo qui a proporvi una grande opportunità per le nostre squadriglie, una appassionante e irrinunciabile sfida sul piano della competenza

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM In questo articolo apprenderai come strutturare una lezione semplice ed efficace per spiegare ai tuoi alunni con DSA e non, quali sono le

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

Il giro del mondo in 40 giorni

Il giro del mondo in 40 giorni Centro Ricreativo Estivo Qiqajon 2015 Dall 8 giugno al 17 luglio Il giro del mondo in 40 giorni Introduzione Il Progetto Qiqajon è una realtà dinamica, in continua crescita, che si occupa nello specifico

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

CORSO - Educazione all affettività e alla sessualità -

CORSO - Educazione all affettività e alla sessualità - Studio di Psicologia e Sessuologia Dr. Silvano Sala Ordine Psicologi del Lazio n.iscr. 8448 - Federazione Italiana Sessuologia Scientifica n. iscr. 207 Tel.: +39 0341 1761009 - Cell.: +39 347 8773720 Lungo

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli