ICS: Informarsi, Confrontare e Scegliere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICS: Informarsi, Confrontare e Scegliere"

Transcript

1 ICS: Informarsi, Confrontare e Scegliere Ricerca comportamentale sul processo di acquisto online Laura Bustaffa, Sara Coletta, Alberto Mucignat Doralab srl Via Bisagno, Roma Abstract. Durante le nostre ricerche abbiamo osservato un pattern di comportamento comune tra persone che devono aderire a un servizio e persone che devono acquistare dei prodotti. In questo articolo presentiamo i risultati che abbiamo ottenuto, ovvero che il processo di adesione/acquisto online è composto di tre fasi principali: Informarsi, Confrontare e Scegliere. Descriveremo nel dettaglio l intero processo e i temi trasversali che sono emersi durante i test con utenti che abbiamo condotto. Keywords. e-commerce, usabilità, analisi comportamentale, pattern di comportamento, ciclicità dei pattern, comparatori, touch point, mobile. Contatti:

2 1 Introduzione È sempre più importante progettare interfacce in grado di soddisfare le richieste degli utenti e aiutarli a trovare in modo efficiente quello che cercano. Per farlo bisogna conoscere il percorso che seguono per raccogliere ed elaborare le informazioni che li portano alla decisione finale. Gli approcci tradizionali hanno rappresentato il comportamento degli utenti come un funnel (vedi Fig. 1): identificato un bisogno, l utente comincia a cercare informazioni, valuta le diverse alternative presenti sul mercato eliminando progressivamente quelle a cui non è interessato e, infine, decide quale prodotto/servizio acquistare. Fig The traditional funnel - McKinsey Quarterly Studi più recenti, come quello presentato ad esempio da Court e colleghi (2009) sostengono invece che allo stato attuale la metafora del funnel non è la migliore per descrivere questo processo. Infatti non evidenzia i touch point e i fattori d acquisto fondamentali che derivano anche dall esplosione dei nuovi canali digitali e le necessità di un mercato e di consumatori sempre più esigenti e informati. In questo studio gli autori analizzano l intero ciclo di vita degli utenti, dal bisogno di acquistare alla completa fidelizzazione e individuano un percorso diverso, definito Consumer decision journey (Fig. 2). Il processo decisionale dell utente è rappresentato come un percorso a spirale, composto di un insieme di fasi che si ripetono ciclicamente ogni volta che l utente sceglie di acquistare prodotti o servizi dell azienda presa in esame. 2

3 Fig The consumer decision journey - McKinsey Quarterly Le ricerche che abbiamo condotto a Doralab, sebbene avessero obiettivi differenti rispetto a quelli di Court e colleghi, hanno confermato la circolarità di questo processo. È emerso chiaramente che pensare a un percorso lineare non è efficace e non restituisce un quadro completo dell esperienza utente: in seguito all intervento di elementi nuovi o alla nascita di nuovi bisogni informativi l utente torna spesso sui suoi passi e ripercorre molte volte lo stesso step. Questa osservazione è emersa dai test con utenti che abbiamo condotto nel corso del tempo e abbiamo deciso di cercare ulteriore conferma attraverso test mirati che coprissero le aree rimaste in ombra. Abbiamo riscontrato che gli utenti ritornano più volte a step precedenti anche in una fase avanzata o addirittura possono decidere di ricominciare il processo dall inizio. Il motivo di questo movimento ciclico e irregolare è spesso la necessità di informazioni differenti da quelle che l utente è riuscito a trovare, sia in termini quantitativi (più o meno dettagli) che qualitativi (rassicurazioni e conferme sia razionali che irrazionali). Ogni fase del processo é caratterizzata da informazioni specifiche di cui l utente necessita per soddisfare il proprio bisogno, diverse sia per come esse vengono presentate sia per i contenuti veri e propri. Una caratteristica fondamentale del web è la mancanza di constraint fisiche che permettono ai venditori di offrire una gamma di prodotti molto più ampia rispetto a un negozio fisico. Se da un lato questo può essere desiderabile per l utente, dall altro le sue risorse cognitive limitate possono impedirgli di elaborare tutte le informazioni che gli vengono proposte. E se è vero che fare tutto online annulla i limiti spazio- 3

4 temporali del negozio, l esperienza online ha altri vincoli tecnologici e cognitivi, che non rendono necessariamente la decisione più facile. È quindi fondamentale fornire all utente esattamente ciò di cui ha bisogno in ogni fase del processo cercando di strutturare un'architettura informativa che soddisfi le esigenze sia dell utente che è ancora in una fase iniziale del processo sia di quello che è già in una fase avanzata. 4

5 2 La nostra ricerca 2.1 Obiettivi Esistono pattern di comportamento tipici che le persone mettono in atto quando aderiscono a un servizio, anche quando si tratta di tipologie di servizio differenti (servizi bancari, assicurativi, turismo ). Questa informazione è emersa dai test che abbiamo condotto negli anni e ci ha portato a domandarci se fosse possibile individuare comportamenti dello stesso tipo anche nei processi di acquisto di prodotti. In entrambi i casi l obiettivo specifico della ricerca era osservare come si comportano gli utenti quando devono scegliere un prodotto o un servizio da acquistare online: di quali informazioni hanno bisogno per effettuare una scelta, come si comportano quando hanno trovato delle soluzioni interessanti e devono confrontarle. I numeri della ricerca: Sessioni totali di ricerca 10 Partecipanti Fascia d età anni - Maschi 67 - Femmine 41 Task 123 Informazioni cercate 350 Siti esplorati 82 Table 1. Numeri della ricerca 2.2 Il metodo della ricerca Per descrivere il percorso degli utenti in modo dettagliato, i test sono stati preceduti da interviste in cui sono stati indagati i bisogni che stimolano la necessità o il desiderio di aderire a un servizio o comprare un prodotto. 5

6 Quindi abbiamo proceduto con i test comportamentali svolti secondo il protocollo "Think aloud" (Nielsen, 1993). Dopo aver osservato il comportamento degli utenti sulle interfacce siamo stati in grado di verificare cosa si aspettano di trovare, quali e quante informazioni cercano. Particolare attenzione è stata dedicata a quale forma hanno le informazioni assorbite in modo più semplice e naturale, e a quali sono quelle importanti per prendere la decisione effettiva. Durante il test venivano poste delle domande per capire perché gli utenti sceglievano di eseguire un azione invece di un altra o perché preferivano una piattaforma rispetto a un altra. Le sessioni di test (tipicamente a cadenza settimanale) sono state analizzate dal team in opportuni debrief meeting, per focalizzare i drilldown delle ricerche successive. 2.3 Risultati della ricerca Dalle ricerche è emerso che gli utenti utilizzano un pattern di comportamento simile sia che aderiscano a un servizio sia che comprino un prodotto online. Il pattern è composto da tre fasi: Informarsi, Confrontare e Scegliere. Fig. 3. Le fasi del processo Nella fase Informarsi gli utenti cercano le informazioni rilevanti per ciascun prodotto o servizio in base alle quali, nella fase successiva, potranno confrontare diverse offerte. Quindi passano alla fase Confrontare, durante la quale mettono a confronto in base alle informazioni raccolte due o tre prodotti/servizi emersi durante la fase precedente. In questo momento cercano inoltre il parere di altre persone o chiedono consiglio a persone di fiducia. Una volta selezionato il prodotto che corrisponde alle proprie esigenze l utente passa all ultima fase: Scegliere. Approfondisce tutti i dettagli sull offerta selezionata, ma lo fa in modo diverso a seconda che si tratti di un prodotto o di un servizio. In entrambi i casi abbiamo osservato che gli utenti molto spesso sentono la necessità di contattare il venditore o il fornitore del servizio. L intero processo non è lineare: l utente può saltare alcune fasi o ripeterne alcune, a seconda delle informazioni che trova. 6

7 2.4 Il bisogno di acquistare A monte rispetto alle tre fasi c è il bisogno di acquistare, che dipende da fattori che non è semplice identificare con questa metodologia, e su cui si è già scritto a lungo (vedi ad esempio Maslow, 1992). Le interviste preliminari hanno individuato due fonti principali per la nascita del bisogno: il consiglio di persone conosciute e i messaggi pubblicitari. Per quanto riguarda i servizi, la pubblicità agisce in modo particolarmente efficace quando l utente ha avuto dei problemi con il fornitore attuale: un disservizio è spesso la molla principale per cui scelgono di cambiare. Perché l utente cerchi specificamente un fornitore è invece fondamentale il consiglio di una persona, non necessariamente un amico o qualcuno di cui si ha fiducia, basta che testimoni esperienze positive. Per i prodotti, invece, gli utenti sembrano più propensi ad acquistare spinti da messaggi pubblicitari: particolare importanza è stata data, durante le interviste, alla sollecitazione delle newsletter. Anche in questo caso, comunque, il consiglio di una persona che ne ha una buona opinione è molto più importante di qualsiasi pubblicità. A partire da questo bisogno, dunque, l utente comincia il suo percorso di raccolta di informazioni entrando nella prima fase del processo: la raccolta di informazioni. 2.5FASE 1: Informarsi Fig. 4. Dettaglio della fase 1: Informarsi Tutti gli utenti che hanno partecipato ai test cominciano il loro percorso da Google, considerato il miglior punto di partenza per cercare informazioni su qualsiasi cosa. A questo punto si presentano, però, due scenari differenti: alcuni utenti fanno una ricerca generica (ad esempio idee regalo laurea o assicurazioni online ), altri inseriscono termini specifici (ad esempio migliore adsl 2012 ) per arrivare a siti comparatori. Nel primo caso, prima di cliccare su un risultato, gli utenti scelgono il link da aprire scansionando innanzitutto il titolo del risultato, poi gli URL in verde e infine il testo di descrizione dei link. 7

8 Fanno questo perché vogliono visitare prima di tutto i siti che conoscono o quelli che nella descrizione contengono almeno il match esatto delle parole che hanno cercato. Dopo aver scelto il link da aprire navigano il sito cliccato. Nel secondo caso, invece, cercano dei siti che permettano di fare confronti immediati sul prodotto o sul servizio. Nei comparatori trovano illustrate in breve le caratteristiche del prodotto/servizio, i suoi vantaggi e svantaggi aiutando l utente a orientarsi e suggerendo anche i link da cui cominciare a cercare informazioni. In questi casi gli utenti scelgono prevalentemente il negozio/fornitore con il prezzo più basso, poi ne navigano il sito. Indipendentemente dal punto di partenza ciò di cui gli utenti hanno bisogno in questa fase sono informazioni di carattere generale sulle caratteristiche del prodotto o servizio, vogliono capirne il funzionamento senza entrare nel dettaglio. Raccolgono informazioni su quali sono le caratteristiche più importanti e cercano di capire a cosa dovranno prestare attenzione nella fase di selezione. Nel caso dei prodotti, gli utenti si aspettano di trovare caratteristiche già piuttosto dettagliate e fanno più attenzione ai particolari rispetto a chi si informa sui servizi. Per questo tipo di beni, infatti, la ricerca iniziale di informazioni è più superficiale e si concentra soprattutto sul funzionamento del servizio: come si attiva, a cosa serve, che benefit garantisce in senso generale, se è difficile interromperne l utilizzo. Mentre si informano gli utenti prestano attenzione ai costi del servizio o al prezzo del prodotto solo per stabilire in che fascia di prezzo si collocano, non vanno nel dettaglio e si accontentano del primo numero che incontrano. Inoltre sono poco o per nulla interessati alle offerte speciali (sconti, promozioni ) che trovano sul sito. Cercano descrizioni semplici e brevi, e non sono disposti a leggere molto a lungo: è in questo momento che gli utenti cominciano a crearsi un lessico specifico, quindi probabilmente useranno e troveranno utili le spiegazioni su termini meno comuni. Abbiamo osservato anche che gli utenti non cliccano molto in questa fase e non sono disposti a navigare il sito in profondità, quindi le informazioni preliminari dovrebbero essere davvero vicine ai punti di accesso principali. Uno dei problemi tipici incontrati dagli utenti in questa fase è la mancanza o la frammentarietà delle informazioni. Dover cercare in pagine diverse le informazioni fondamentali costringe l utente a investire una notevole quantità di risorse cognitive per cercare quello che gli serve, e spesso lo porta ad abbandonare il sito. Un altro problema frequente, che però si presenta soprattutto per l acquisto di prodotti, è la registrazione che alcuni siti richiedono per essere navigati. Questo è un elemento che infastidisce molto gli utenti perché non sono ancora disposti a investire del tempo o fornire i propri dati, quindi anche in questo caso spesso significa che, infastiditi, cambiano fonte. Difficilmente la fase informativa si esaurisce su un solo sito web, gli utenti solitamente hanno bisogno di vagliare molte fonti diverse. Per questo ritornano ciclicamente su Google e ripetono la ricerca, o ne fanno di nuove finché non pensano di aver raccolto informazioni a sufficienza per passare alla fase di confronto. 8

9 2.6 FASE 2: Confrontare Grazie alle informazioni che ha raccolto, l utente seleziona tre o quattro servizi che si adattano alle sue necessità e passa alla fase del confronto dalla quale uscirà scegliendone uno. Fig. 5. Dettaglio della fase 2: Confrontare Per fare confronti utilizza le informazioni che ha raccolto nella fase precedente e raccoglie i pareri di persone esperte andando su forum specializzati. La necessità di confermare le informazioni raccolte con persone vicine e di fiducia è ampiamente illustrata in letteratura (vedi ad esempio, Price and Feick, 1984). Inoltre, nelle nostre ricerche è emersa l'importanza dell opinione di persone non esperte (non è necessario che siano persone di fiducia): usando o avendo usato lo stesso prodotto/servizio, i loro commenti positivi o negativi possono influenzare la scelta verso uno o l'altro prodotto. L opinione degli altri, comunque, non è il solo elemento su cui si basa il confronto: gli utenti cercano anche informazioni schematiche che a colpo d occhio possano far capire qual è la scelta migliore da fare. Sono alcune delle caratteristiche di prodotto emerse nella fase precedente e variano moltissimo a seconda della tipologia di servizio o prodotto, ma emergono facilmente durante i test. Trovare le caratteristiche del servizio (o prodotto) raccolte in modo puntuale e schematico è estremamente importante. In genere si tratta di pochi elementi, fra cui il prezzo comincia ad assumere un ruolo fondamentale. In questa fase gli utenti non sono ancora disposti a esplorare a fondo, quindi questo tipo di informazioni non dovrebbe essere troppo nascosto o periferico rispetto all albero del sito. Il labeling è fondamentale e particolarmente delicato. Infatti, non è detto che gli utenti abbiano già acquisito un linguaggio specifico e condiviso, ed è particolarmente importante controllare che le parole scelte siano adatte e comprensibili. Ancora una volta la presenza di informazioni ridondanti o la difficoltà a reperire quelle basilari porta spesso l utente ad abbandonare il sito su cui sta navigando. L eventualità è particolarmente pericolosa nel caso dei servizi, perché la sensazione che il sito nasconda qualcosa mina la costruzione del rapporto di fiducia fondamentale per portare l utente all adesione. 9

10 Come nella fase informativa, il confronto tra i prodotti/servizi non si esaurisce dopo un solo un confronto ma l utente, se trova nuove informazioni o pareri negativi, può decidere di tornare su Google per fare una nuova ricerca o per approfondire le nuove informazioni emerse. Il ciclo si ripete fino a quando l utente riesce a isolare il prodotto o servizio che fa per lui. 2.7 FASE 3: Scegliere Raccolte tutte le informazioni necessarie, selezionate e confrontate alcune proposte l utente ha individuato il prodotto o il servizio che risponde ai propri bisogni. Entra quindi nella fase di scelta vera e propria. Fig. 6. Dettaglio della fase 3: Scegliere La nostra ricerca ha fatto emergere alcune differenze fra il comportamento degli utenti che devono aderire a un servizio e quelli che devono acquistare un prodotto: i due gruppi, infatti, hanno bisogno di informazioni molto diverse, a un diverso livello di approfondimento, che vengono cercate utilizzando strategie comportamentali differenti. Una volta che hanno raccolto tutto ciò di cui hanno bisogno per scegliere, comunque, passano alla fase di acquisto, che invece si svolge con modalità simili in entrambi i casi. Gli utenti in questa fase sembrano distinguersi fra quelli che decidono di lasciare commenti e feedback e quelli che invece non lo fanno. In particolare gli utenti che si appoggiano molto al parere di altre persone spesso lasciano un contributo sulla propria esperienza sia con il prodotto sia con il venditore/fornitore. La fase di scelta per i servizi. 10

11 Fig. 7. Dettaglio della fase Scegliere per la categoria dei servizi L utente ha scelto il servizio che sembra il più adatto e vuole controllare che sia effettivamente così. Quindi raccoglie informazioni in modo dettagliato, legge con maggiore attenzione ed esplora attivamente e attentamente il sito: non vuole trascurare niente. Ha bisogno di essere rassicurato del fatto che sta facendo la scelta giusta e vuole soprattutto accertarsi che non vi siano aspetti nascosti o clausole particolari: è un momento fondamentale per la formazione del rapporto di fiducia. In questa fase sono centrali le informazioni di dettaglio, quindi è importante che siano spiegate chiaramente e che l utente si senta supportato. Ormai si è costruito un idea generale di come funziona quel tipo di servizio: ora vuole assicurarsi che il servizio che ha scelto garantisca tutte le caratteristiche importanti per lui e copra anche quelle non fondamentali. Inoltre vuole prevenire - e forse questa è la cosa più importante - problemi futuri, clausole nascoste o complicazioni. Questa analisi copre non solo le pagine del sito, ma anche, molto spesso, la documentazione che il fornitore del servizio mette a disposizione e talvolta spinge l utente a contattare direttamente l azienda che fornisce il servizio (ad esempio tramite chat online o call center). I contratti, le condizioni di adesione e tutta la documentazione rilevante ricoprono un ruolo fondamentale ed è importante che sia facile trovarli. Questo non significa che devono occupare una posizione preminente della pagina, ma è importante una volta di più che il labeling sia intuitivo ed estremamente facile da trovare: gli utenti non devono avere l impressione che l azienda cerchi di nascondere queste informazioni. Gli utenti leggono attentamente la documentazione, a volte perfino la stampano, per poterla leggere con calma o farla leggere a persone più esperte. Spesso si trovano di fronte documenti molto lunghi, in cui il linguaggio gergale e il font piccolissimo rende molto difficile la lettura, ma è una complessità che quasi si aspettano e non li spaventa. Al contrario può essere motivo di blocco la mancanza di corrispondenza tra le informazioni presenti nel documento e quelle riportate nel sito, che può portare all abbandono del processo e alla scelta di un fornitore concorrente. La lettura del foglio informativo, quindi, consente di confermare le informazioni raccolte e di informarsi in dettaglio sugli eventuali cavilli. Tuttavia, può accadere che durante la lettura emergano nuovi dubbi. In questo caso l utente può tornare a fasi precedenti del processo: chiede aiuto e consiglio a parenti e persone fidate, si informa su Google sui nuovi aspetti emersi o, nel peggiore dei casi, cambia idea e su Google comincia a informarsi su un altro fornitore. Anche se le informazioni sono concordanti e complete, spesso il sito non è sufficiente per rassicurare gli utenti: sembra che sia ancora necessario che una persona umana confermi loro che quello che hanno letto sia tutto vero. 11

12 Quindi molte persone chiamano il call center o contattano in altro modo un rappresentante del fornitore del servizio per approfondire eventuali dettagli minuti che non hanno trovato altrove e poter stare tranquilli. 12

13 La fase di scelta per i prodotti. Fig. 8. Dettaglio della fase Scegliere per la categoria dei prodotti Anche per l acquisto dei prodotti nella fase di scelta l utente ha bisogno di approfondire le informazioni. Mentre per i servizi l approfondimento è legato ad aspetti prevalentemente contrattuali, nel caso dei prodotti le informazioni più importanti sono innanzitutto il prezzo e le condizioni di vendita del prodotto e, successivamente, l affidabilità venditore. Per ciascuno di questi elementi gli utenti ripercorrono dall inizio il processo di raccolta delle informazioni. Per informarsi sul prezzo e le condizioni di vendita, ad esempio, l utente ritorna su Google, cerca dei comparatori specifici e li apre in più schede per capire qual è il prezzo medio del prodotto (si Informa), quindi seleziona tre o quattro siti che propongono dei prezzi convenienti e visita i negozi online per cercare offerte speciali sul prodotto (Confronta). Trovato il venditore che offre il miglior prezzo si informa nello specifico sulle spese di spedizione, le modalità di pagamento e di spedizione (Sceglie). Trovato tutto quello che c é da sapere sui costi, si ricomincia il percorso per raccogliere informazioni sul venditore. Per valutare l affidabilità del venditore, invece, l utente si basa principalmente sul parere di altre persone. Cerca questo tipo di informazioni sul sito del venditore se, ad esempio, c è una sezione dedicata ai feedback degli utenti o un sistema di rating. Oppure, talvolta, gli utenti tornano su Google per cercare le opinioni di persone che hanno già acquistato da quel venditore. Un altro comportamento possibile vede gli utenti consultare un forum che conoscono (si Informa), leggere e confrontare diverse opinioni (Confronta) poi scegliere il venditore che sembra più affidabile e proseguire nel processo (Sceglie). Questa fase è rilevante solo per i casi in cui l utente non conosce il venditore: se ha già acquistato lì, se è un sito molto conosciuto o è stato suggerito da persone fidate gli utenti danno per scontato che sia affidabile e procedono direttamente all acquisto. Lo stesso accade per i servizi. Ciò che abbiamo osservato è che l utente salta la fase di accertamento dell affidabilità dell azienda fornitrice quando lo conosce già anche se non per esperienza personale. 13

14 Infatti, sebbene abbiamo notato che a volte la percezione che l utente ha del fornitore è errata, viene considerata affidabile l azienda il cui nome è sulla bocca di tutti o comunque il cui servizio è molto pubblicizzato nel periodo in cui l utente sta prendendo una decisione. Ad esempio, durante una ricerca un utente considerava un certo fornitore giovane, quindi da poco sul mercato, solo perché in quel momento, dopo anni di silenzio, l azienda stava portando avanti una campagna pubblicitaria molto forte. In realtà era un fornitore presente sul mercato da decenni. Come nel caso dei servizi, anche per l acquisto di prodotti la maggior parte degli utenti ha bisogno di essere rassicurata dal contatto con una persona umana per telefono oppure tramite . In questo senso la presenza dei contatti ben in vista è un elemento che rassicura molto gli utenti e dà un impressione di affidabilità. Oltre a cercare le informazioni e le rassicurazioni di cui abbiamo detto sopra, però, in questo caso gli utenti chiedono anche alcune indicazioni pratiche: dove si trova fisicamente il venditore (per esempio, per andare a ritirare personalmente il prodotto) o se l ordine è pervenuto correttamente. Il problema più diffuso in questa fase è la mancanza delle informazioni necessarie per scegliere un venditore anziché un altro. Spese di spedizione, modalità di pagamento e contatti del venditore, infatti, sono spesso difficili da trovare o nascoste in fondo al processo di acquisto, e questo dirige con forza le scelte degli utenti: spesso infatti preferiscono spendere un po di più da un venditore che mette tutto in chiaro e comunica bene la propria affidabilità rispetto a un altro che invece nasconde questo tipo di indicazioni. Una volta raccolte tutte le informazioni necessarie, aver confrontato diversi prodotti e scelto quello che risponde ai propri bisogni, l utente passa finalmente alla fase di acquisto. 2.8 Salti, ritorni e cadute Il processo che abbiamo descritto finora è riferito a un utente che inizia il processo privo di qualsiasi formazione pregressa sul prodotto/servizio e che non incontra nessun tipo di problema lungo la strada. Tuttavia, come in parte già accennato, ci sono alcune osservazioni da fare sui salti da una fase a un altra e i ritorni a fasi precedenti del processo che avvengono nel momento in cui un utente ha già le informazioni che gli servono in quel momento oppure incontra degli ostacoli durante il suo percorso. 14

15 I salti Fig. 9. Esempi di salti tra le fasi del processo Ci sono diverse motivazioni che possono portare un utente a saltare alcune fasi del processo (Fig.9). Di seguito descriveremo quelle più comuni che abbiamo osservato con i partecipanti alle nostre ricerche. Utenti esperti su un determinato prodotto o che non hanno bisogno di raccogliere informazioni passano direttamente da Google alla fase di Confronto del prezzo: saltano quindi la fase informativa e di confronto in senso stretto per arrivare direttamente alla fase di scelta. Ad esempio, l utente che deve acquistare dei biglietti aerei non si informa sulle rotte o sulla compagnia aerea, ma passa direttamente alla fase ICS sul prezzo, condizioni di vendita e spedizione che fa parte del momento di Scelta, cioè si informa direttamente sui prezzi) per scegliere il più conveniente. Naturalmente, confronta i prezzi dei biglietti ma il confronto avviene nel processo. Un salto differente viene fatto dagli utenti che si informano sul prodotto, confrontano le diverse proposte ma poi passano direttamente alla fase di acquisto sul loro sito preferito per quella tipologia di prodotto, in modo da evitare di doversi informare sul venditore. Ad esempio, un utente che deve acquistare un attrezzatura particolare si informa prima sulle caratteristiche, confronta diversi prodotti simili ma poi va sul sito dove è solito acquistare per completare il processo. La stessa cosa succede per fornitori di cui ci si fida: l utente ha bisogno di molte meno informazioni e conferme da questo punto di vista, sia nella fase informativa che in quella di scelta. Un altro caso ancora è l utente che che invece fa tutto il processo (si Informa, Confronta e Sceglie) sul sito preferito. È capitato molto spesso ad esempio che alcuni utenti si fidino talmente tanto del sito che usano più spesso da iniziare e concludere il percorso al suo interno, velocizzando moltissimo tutte le fasi. 15

16 Ritorni e cadute Fig. 10. Esempi di ritorni e cadute Un altro aspetto interessante oltre ai salti sono sicuramente i ritorni (fig.10), che accadono quando l utente sente la necessità di tornare sui suoi passi e rifare una parte del processo. Sono dovuti a motivi diversi fra loro e in alcuni casi si trasformano in cadute, ovvero momento in cui gli utenti abbandonano il sito. Di seguito descriviamo i motivi di interruzione del processo che abbiamo osservato con i partecipanti alle nostre ricerche, tenendo presente che ci siamo concentrati su quelli causati da problemi dall interfaccia e non su quelli dovuti alle caratteristiche o al prezzo specifici del prodotto/servizio. Nella fase Informarsi l utente arriva sul sito di un azienda e non trova a prima vista le informazioni che sta cercando. Torna su Google e apre il link di un competitor, oppure fa una ricerca con termini più specifici. L utente arrivato alla fase di Confronto trova commenti negativi lasciati da altri utenti su quel servizio/prodotto e quindi lo scarta. Fa una nuova ricerca su Google o, se ha aperto le sue 3-4 proposte in schede diverse, torna alla pagina dei risultati e anche in questo caso decide di abbandonare definitivamente il sito e dirigere la sua attenzione verso un altro competitor. L utente fa tutto il processo ma quando chiama il call center, l operatore gli da informazioni diverse da quelle che lui aveva capito navigando il sito, così decide di tornare indietro a rivedere queste informazioni sul sito stesso oppure ritornare direttamente su google per informarsi meglio sulle nuove informazioni che ha ricevuto. L utente fa l intero percorso ma arrivato ad approfondire le informazioni si accorge di piccole clausole contenute nel foglio informativo oppure i documenti sono troppo complessi da capire. In questo caso può decidere di torna sui comparatori o alla pagina dei risultati di google cercando un altro competitor (rappresentando così una caduta) oppure se le condizioni del servizio/prodotto sono particolarmente convenienti ma gli sono venuti dei dubbi chiede aiuto o ulteriore consiglio ad amici 16

17 o persone di fiducia. Esce comunque dal processo e quindi anche questo caso può presentare una possibile caduta. 17

18 3 Tematiche trasversali alle ricerche 3.1 Tipologia di siti esplorati Gli utenti che hanno partecipato ai test hanno esplorato un numero equivalente di siti di servizi e di prodotti (rispettivamente 49% e 51% del totale). Abbiamo osservato, però, che a seconda dell obiettivo della ricerca gli utenti esploravano tipi di siti diversi. Gli utenti che stavano pensando di aderire a un servizio utilizzavano in massima parte i siti dei fornitori del servizio che stavano cercando o di servizi simili (vedi Figura 11). Fig. 11. Percentuali di tipologia di siti visitati per la categoria servizi Al contrario chi stava cercando un prodotto utilizzava più i forum dei siti dei venditori. In questo caso, inoltre, vengono utilizzati più spesso i comparatori (vedi Figura 12). 18

19 Fig. 12. Percentuali di tipologia di siti visitati per la categoria prodotti 3.2 Il percorso degli utenti attraverso i diversi touch point. Abbiamo analizzato il percorso che l utente segue nella sua ricerca attraverso i diversi punti di contatto con l azienda, sia sul canale web tradizionale (desktop) che su mobile, ma anche nel mondo fisico. L attraversamento di questi canali e il continuo rimbalzare da uno all altro è assai difficile da controllare per le aziende, per le quali ciascun canale è spesso gestito da team o strutture organizzative diverse a volte poco coordinate tra loro. Invece l'esperienza cross-canale è molto naturale per l utente, che sceglie di volta in volta dove e come navigare in base alle necessità del momento. Durante la ricerca abbiamo osservato molti micro pattern differenti, in cui i numerosi rimbalzi fra desktop e mobile sono determinati spesso da carenze delle interfacce più che dal desiderio degli utenti. Il comportamento più semplice vede gli utenti (senza differenze di genere o di età) cominciare su un canale, proseguire e terminare su quello senza intoppi, sia che si tratti di utenti desktop che mobile (vedi figura 13) 19

20 Fig. 13. Percorso base da desktop e mobile Naturalmente ciò non significa che sia necessariamente un percorso lineare: anche in questi casi ci sono tutta una serie di ritorni (e quindi di possibili cadute), che però rimangono "all'interno del touch point" utilizzato. Più frequentemente gli utenti seguono percorsi più complessi, che attraversano tutti i canali (vedi Fig.14). Cominciano la ricerca da uno o dall altro e poi si spostano sugli altri, sia in una stessa fase che nel passaggio da una all altra. Fig. 14. Percorsi degli utenti tra i diversi touch point La raccolta delle informazioni è la fase più problematica da portare a termine su mobile: gli utenti generalmente (ma non sempre) cominciano le ricerche dal computer di casa e passano al mobile nei momenti liberi. Difficilmente, però, riescono a raccogliere tutte le informazioni che servono in questo modo, per due motivi concorrenti: 1. L assenza di una versione mobile del sito in cui si stanno informando 20

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA Siti web e motori di ricerca Avere un

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

WineCountry.IT - Italian Wine - Listino Prezzi Stampabile. Listino Prezzi

WineCountry.IT - Italian Wine - Listino Prezzi Stampabile. Listino Prezzi Listino Prezzi L.L.C. 20 Holstein Road, San Anselmo, CA 94960-1202, USA Tel.: 001 415 460 6455 E-mail: management@winecountry.it www.winecountry.it www.emporio-italkia.com www.italian-flavor.com www.italianwinehub.com

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita Iniziativa promossa da Esselte Srl, con sede legale in Gorgonzola, Via Milano 35, 20064 (MI), P.IVA 00894090158,

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Profili di affiliazione

Profili di affiliazione Profili di affiliazione - 2 - Che cosa è? Il profilo di affiliazione Agency permette di diventare partner di Millemotivi Franchising senza dover affittare o acquistare locali commerciali o macchinari.

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online!

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online! un All interno intervista esclusiva a Pietro Poletto di Borsa Italiana 44 GENNAIO 12 GENNAIO 12 CERTIFICATES BNP PARIBAS Investire con un click Innovative soluzioni di investimento per cogliere le opportunità

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Samsung Electronics Italia S.p.A., con sede legale in Cernusco sul Naviglio (MI), Via C. Donat Cattin n. 5, P.IVA 11325690151

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D PrinterApp 3D PrinterApp3D (3DPa) ha lo scopo di creare un legame tra chi ha la passione di costruire, smontare, capire, partecipare (makers) e chi il mondo dei makers lo conosce e lo vive ogni giorno,

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

BUON POMERIGGIO A TUTTI, E BENVENUTI A QUESTO WORKSHOP, SPONSORIZZATO DA ZD.

BUON POMERIGGIO A TUTTI, E BENVENUTI A QUESTO WORKSHOP, SPONSORIZZATO DA ZD. BUON POMERIGGIO A TUTTI, E BENVENUTI A QUESTO WORKSHOP, SPONSORIZZATO DA ZD. SONO DAVIDE ANGOTTA, CON ME C E ANDREA CITTA DI ZENDESK CHE PARLERA PIU AVANTI ENTRAMBI VI RINGRAZIAMO PER AVER SCELTO DI ESSERE

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli