Banchieri svizzeri dal anni. Newsletter EAM EAM.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banchieri svizzeri dal 140 1873anni. Newsletter EAM EAM. www.bsibank.com"

Transcript

1 Banchieri svizzeri dal anni Newsletter EAM Marzo Luglio 2014 EAM

2 Editoriale Care lettrici, Cari lettori, in qualità di financial advisor per il team EAM, sono felice di aprire questa nuova Newlsetter EAM che in tre mesi (dal numero di gennaio) porta con se delle tematiche che non fatico a definire memorabili. Da una parte la decisione della BCE di portare il tasso di rifinanziamento ai suoi minimi storici; dall altra parte la Svizzera che il 6 maggio 2014 ha firmato la dichiarazione di impegno allo scambio automatico di informazioni bancarie a fini fiscali. All interno della Newsletter troverete anche aggiornamenti importanti concernenti la Licol (Legge sugli Investimenti Colletivi di Capitale), l autodenuncia per la clientela tedesca, e l aumento della tassazione su interessi, capital gains e dividendi in Italia. Filippo Fink BSI EAM IS Advisor Inoltre vorrei condividere con voi in prima persona alcune riflessioni sulla situazione attuale dei mercati finanziari nonchè alcuni scenari possibili a medio termine. Contatti Martin Hutter Lugano +41 (0) Christian Moser Lugano +41 (0) Christophe Zuchuat Ginevra/Losanna +41 (0) Lucia Althaus-Manco Zurigo +41 (0)

3 Riflessioni estive Da 2 anni la situazione sui mercati è pressoché invariata: indici dei mercati tradizionali alla ricerca di nuovi massimi, rendimenti compressi, spread BTP-Bund ai minimi e euro sempre forte. Questa insolita fase di tranquillità che ha spinto tra l altro il VIX, l indice madre della volatilità, ai minimi storici, difficilmente perdurerà. I presupposti non ci sono. Le incognite all orizzonte sono molteplici. Gli effetti delle politiche monetarie che hanno calmierato gli animi e spinto i listini alle stelle, difficilmente potranno protrarsi all infinito. Le mie riflessioni saranno principalmente circoscritte alla situazione europea che manifesta i paradossi maggiori. Moneta unica sostenuta in crescita da svariati trimestri contro le principali valute, indici ai massimi o in forte recupero. Basti pensare che il FTSEMib da luglio dell anno scorso è cresciuto del 50% con un economia che si è contratta e che da anni è in sofferenza. Negli ultimi 12 anni ditte sono state costrette a chiudere con la perdita di più di 1 milione di posti di lavoro. La ragione principale di questa anomalia, ossia di mercati forti e economia debole, è legata all azione delle principali banche centrali (BCE esclusa) che hanno inondato il sistema finanziario di liquidità. Come ben sappiamo mercati condizionati dalle politiche monetarie non sono una novità. Da sempre gli analisti sono attenti alle politiche impartite dalle principali banche centrali. Anomala piuttosto è la durata, in particolare in un contesto macroeconomico non propriamente idilliaco. Mi riferisco principalmente alla situazione in cui versa l Unione europea, caratterizzata da crescita anemica, forte indebitamento, disoccupazione a livelli preoccupanti, inflazione nulla e con prospettive non proprio rosee. La crisi è strutturale, non congiunturale, non identificabile nel ciclo di crescita macroeconomico di lungo termine. Malgrado ciò da inizio anno gli indici europei sono cresciuti a dismisura o segnato nuovi massimi. La moneta unica ha continuato la sua corsa verso l alto a seguito dell annuncio di Draghi nel luglio 2012 di whatever it takes. Nemmeno l avanzata degli euroscettici è riuscita a scuoterli. La minaccia della Le Pen di uscire dall euro o la vittoria dello UKIP in Inghilterra all insegna del via dalla UE, sono passate inosservate. Benché i partiti euroscettici non siano uniti e difficilmente si coalizzeranno, la loro avanzata condizionerà il modus operandi di Bruxelles. I governi avranno un nuovo grattacapo. Il meno austerità più occupazione comporterà un allargamento del debito soprattutto dei paesi periferici già confrontati con un indebitamento e deficit pubblici insostenibili. Far quadrare i conti sarà un compito arduo, quasi impossibile, essendosi prefissi di ridurre il debito al 60% in 20 anni (Fiscal compact). Ad aggravare la situazione potrebbe subentrare la deflazione, ipotesi sempre più probabile. Si innescherebbe così un circolo vizioso: i consumatori sarebbero meno propensi a consumare in attesa di prezzi più convenienti e le imprese poco inclini ad investire, essendo confrontate a congiunture economiche poco edificanti. Vi sarebbe il forte rischio di rivivere gli scenari degli anni 30 caratterizzati da una spirale depressiva che si autoalimentava, provocando diffusi fallimenti e il collasso economico-finanziario. I paesi periferici, più colpiti dalla forza relativa dell euro, sono da tempo in deflazione. La svalutazione valutaria, tanto cara in passato nei momenti di maggior difficoltà economica, avviene non più sulla moneta, di cui non sono più sovrani, ma sul costo del lavoro. Salari inferiori comportano un minor potere d acquisto che spinge i consumi al ribasso. Processi che suscitano malcontento e fomentano i movimenti populisti. Mi attendo che la BCE utilizzi il bazooka per debellare la deflazione. Con ogni probabilità il tempo delle parole e delle cure palliative è terminato. Dovrà intervenire, come auspicato dalla stessa Lagarde, con veemenza utilizzando politiche monetarie non convenzionali, iniettando dosi massicce di liquidità nel sistema finanziario. Dovrà emulare la Fed con i suoi programmi di Quantitative easing. È auspicabile che quanto annunciato nel corso dell ultima riunione di inizio giugno sia rispettato. L acquisto di Mortgage Back Securities (MBS) permetterebbe alle banche commerciali di alleggerire i bilanci rendendole più propense a elargire prestiti all economia privata, mentre i prestiti incondizionati di lunga durata alle banche (3. Round di LTRO), destinati unicamente alle imprese e economie domestiche e non più all acquisto di buoni del tesoro, dovrebbero rilanciare l attività economica. Occorrerebbe che intervenga acquistando debito pubblico per aumentare la massa monetaria, emulando la Federal Reserve e la Bank of Japan. I falchi della Bundesbank dovrebbero essere più accondiscendenti. Pure la Germania è confrontata alla minaccia della deflazione e gli ultimi dati pubblicati sono stati peggiori di quanto ci si attendesse. E maggiormente condizionata da un eventuale inasprimento della crisi ucraina rispetto agli altri paesi europei, essendo le ditte tedesche fortemente impegnate in Russia e dipendendo da quest ultima per i rifornimenti energetici, basti pensare che quasi il 40% di gas e petrolio consumati sono importati dalla Russia. I presupposti affinché lo scenario appena descritto si manifesti sono reali, difficile semmai prevedere le tempistiche. In un contesto simile l euro è destinato a deprezzarsi, sebbene i paesi emergenti e il Giappone stiano diversificando le loro esposizioni valutarie a favore della moneta unica. E inimmaginabile che la valuta europea, già di per sé sopravalutata, continui a rafforzarsi. Le borse per contro potrebbero rimanere sostenute, perlomeno inizialmente, grazie all auspicato intervento della BCE. Benché gli utili e i ricavi delle principali società europee difficilmente cresceranno, le azioni rimangono attrattive soprattutto se paragonate alle obbligazioni, i cui rendimenti sono estremamente bassi. In merito consigliamo di valutare soluzioni alternative. BSI ha costituito un certificato Low Beta, composto da titoli azionari operanti in settori difensivi e che offrono un rendimento sul dividendo superio- 3

4 re alla media. In aggiunta, per precauzione, porrei delle protezioni che grazie alla bassa volatilità sono a buon mercato. Improvvise correzioni non possono essere escluse. Sul comparto obbligazionario proporrei di valutare soluzioni alternative a rendimento assoluto completamente scorrelate dall andamento dei mercati tradizionali. Per il momento rilassiamoci, i Mondiali sono in pieno svolgimento e l estate è agli inizi, ma facciamo attenzione: la stasi sui mercati potrebbe essere agli sgoccioli! Filippo Fink BSI EAM IS Advisor Aggiornamenti sullo scambio automatico d informazioni Il 6 maggio 2014 i 34 Paesi membri dell OCSE (Svizzera compresa) e altri 13 Paesi associati, tra cui figurano anche Singapore, Malesia, Indonesia, Cina, Argentina, Brasile e Sudafrica hanno firmato la dichiarazione di impegno allo scambio automatico di informazioni bancarie a fini fiscali. Questa dichiarazione d intenti impegna i Paesi aderenti a implementare un nuovo standard globale unico per lo scambio automatico delle informazioni. Tale standard, che ricalca quello sviluppato dall OCSE e approvato dai ministri delle finanze del G20 lo scorso febbraio, intende obbligare i Paesi aderenti a ottenere tutte le informazioni finanziarie dalle loro banche e istituzioni finanziarie e a scambiarle con le altre giurisdizioni automaticamente, su base annuale. La firma di questa dichiarazione d intenti ha immediatamente trovato ampia eco sui media (in allegato troverete una selezione dei principali articoli). La dichiarazione d intenti firmata i giorni scorsi non fissa alcun termine temporale entro il quale adeguarsi agli standard internazionali di scambio automatico, anche se le tempistiche indicate in una dichiarazione congiunta precedente (il cosiddetto joint statement by the early adopters group del 19 marzo 2014) prevedono l ingresso a regime del nuovo standard globale in due tappe: rispettivamente a settembre 2017 e settembre Va precisato, comunque, che la firma di questa dichiarazione d intenti non equivale a una firma di adesione ufficiale alla nuova normativa OCSE sullo standard globale di scambio automatico d informazioni, la quale dev essere ancora messa a punto. Come annunciato dall OCSE, infatti, un documento di dettaglio contenente le linee guida, il commentario interpretativo e le soluzioni tecniche per l implementazione dello scambio automatico di dati dovrebbe essere pronto dopo la metà del 2014 e presentato in autunno nel corso del G20 dei ministri delle finanze. Posizione del Consiglio Federale A seguito della firma della dichiarazione d intenti da parte dell on. Schneider-Amman, il Consiglio Federale non ha ancora espresso una posizione ufficiale aggiornata. L ultima presa di posizione ufficiale risale a giugno 2013, allorquando il Dipartimento federale delle finanze (DFF) aveva specificato che nel documento OCSE vengono rispettati i criteri definiti dal Consiglio federale il 14 giugno 2013 principio di una norma unica e globale, rispetto del principio di specialità (ovvero che i dati scambiati possono essere utilizzati solo per lo scopo specifico della lotta all evasione fiscale e non per altro), confidenzialità dei dati e trasparenza per ogni tipologia di struttura finanziaria, trust anglosassoni compresi. Il DFF aveva quindi affermato di volere continuare a impegnarsi nel lavoro per definire la nuova norma, che sarà completa solo quando le soluzioni tecniche necessarie alla sua applicazione e il commentario interpretativo saranno state adottate dal Comitato per gli affari fiscali dell OCSE. Di particolare rilevanza va menzionata l intenzione da parte della Confederazione di pretendere la reciprocità. Dopo l emissione delle linee guida e delle proposte di soluzioni tecniche la Confederazione si pronuncerà sulle modalità di recepimento nel diritto elvetico: saranno verosimilmente necessarie la conclusione di convenzioni bilaterali e adeguamenti della legislazione federale che comporteranno l approvazione da parte delle Camere Federali e, forse, anche del Popolo. La Confederazione intende inoltre trovare una soluzione per regolare i problemi del passato legati ad averi non fiscalizzati e facilitare l accesso ai mercati esteri degli istituti finanziari elvetici. Posizione di BSI Questo era un passo in linea con le nostre previsioni e, infatti, la banca ha già iniziato a implementare le misure necessarie per farci trovare pronti quando entrerà in vigore la nuova normativa. Il previsto standard OCSE si integra quindi perfettamente negli obiettivi di tax compliance perseguiti dalla banca. Da un punto di vista più generale, la firma della dichiarazione d intenti anche da parte di altre importanti piazze in cui vige il segreto bancario rappresenta un primo passo verso quel level playing field che è di fondamentale importanza per il futuro della piazza finanziaria svizzera e del settore della gestione patrimoniale nel suo complesso. In quest ottica è importante che la Svizzera continui a partecipare attivamente alla definizione del nuovo standard OCSE. Assistenza amministrativa internazionale in cifre Il rapporto annuale della FINMA per l anno 2013 conferma 493 richieste di assistenza amministrativa da parte di 73 autorità di vigilanza estere. A livello mondiale la FINMA risulta così al terzo posto tra i maggiori destinatari, elemento che corrobora l importanza della piazza svizzera nell ambito del private banking. Tali richieste, che riguardano 363 intermediari finanziari e 1218 clienti, provegono per il 13% dall autorità di vigilanza tedesca, seguita da Francia e USA (10%), Regno Unito (8%) e Italia (3%). Nel corso dello stesso anno FINMA ha a sua volta inoltrato 55 richieste, di cui il 16% alla BaFin tedesca, il 13% alla FMA del Liechtenstein, l 11% all AMF francese, il 9% alla CON- 4

5 SOB e alla Banca d Italia, il 7% alla FCA britannica e il 2% alla SEC statunitense. In linea generale, i dati forniti dal rapporto annuale della FINMA evidenziano il costante aumento del numero di richieste di assistenza amministrativa internazionale pervenute: da 94 nell anno 2007, a 281 nel 2010, a 380 nel Forniamo di seguito la lista di tutti i 47 Paesi che hanno firmato la dichiarazione d intenti dell OCSE: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, China, Chile, Colombia, Costa Rica, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, India, Indonesia, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Corea, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malesia, Messico, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Arabia Saudita, Singapore, Repubblica Slovacca, Slovenia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Regno Unito, USA ed Unione Europea. FATCA (aggiornamento) Il FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) è entrato in vigore il 1 luglio I Gestori patrimoniali esterni saranno classificati in base alle normative FATCA applicabili nelle rispettive giurisdizioni (ad es. disposizioni di esecuzione definitive (Final Regulations), normative IGA modello 1 o 2) e dovranno osservare gli obblighi ivi previsti. In aggiunta alle disposizioni di esecuzione definitive del FA- TCA vigenti a livello internazionale, alcuni paesi (tra cui tutti quelli in cui BSI opera, ovvero Svizzera, Italia, Francia, Lussemburgo, Malta, Hong Kong, Singapore, Bahamas e Panama) hanno siglato con l IRS (Internal Revenue Service) specifici accordi intergovernativi applicabili a livello locale. L obiettivo del FATCA è che i soggetti finanziari non statunitensi (Foreign Financial Institutions, FFI) trasmettano informazioni sui loro clienti statunitensi e osservino le nuove misure sotto elencate: adempimenti di compliance più rigorosi, in particolare per quanto concerne le procedure di apertura di nuovi conti e il costante monitoraggio di tutte le relazioni con i clienti; nuovi e più estesi obblighi di notifica, fornendo all IRS informazioni dettagliate sui conti/depositi i cui beneficiari effettivi siano clienti statunitensi ed entità estere con attivi collegati a clienti statunitensi; titolari di conti recalcitranti (clienti statunitensi che si rifiutano di trasmettere all IRS le informazioni richieste ai sensi del FATCA). Il nuovo processo di apertura e monitoraggio dei conti In ottemperanza al FATCA, entro il 1 luglio 2014 gli istituti finanziari dovranno adottare procedure atte a documentare tutte le persone fisiche titolari di nuovi conti. Le entità del Gruppo BSI hanno l obbligo di classificare tutti i nuovi clienti (statunitensi o meno) in base alle procedure previste dal FATCA. I moduli di apertura conto sono pertanto stati modificati come segue: il nuovo modulo Dichiarazione in ottemperanza alle normative fiscali statunitensi per le persone fisiche è già stato predisposto ed è attualmente disponibile. Questo modello andrà a sostituire i due moduli esistenti: Dichiarazione di stato fiscale Non USA per le persone fisiche e Dichiarazione di US Person ; sarà invece pronto per la fine del 2014 il nuovo modulo Dichiarazione in ottemperanza alle normative fiscali statunitensi per le persone giuridiche conforme alle nuove linee guida del FATCA e ai chiarimenti che verranno forniti dall IRS. Per quanto concerne i Gestori patrimoniali esterni, BSI ha deciso di raccoglierne l autocertificazione tramite gli appositi moduli IRS. I GPE sono già stati informati e siamo fiduciosi di ricevere la documentazione necessaria entro fine agosto Ai sensi del FATCA, BSI deve assicurare l osservanza delle leggi e dei regolamenti fiscali e finanziari durante tutta la vita della relazione con il cliente (apertura, mantenimento e chiusura). In particolare, i Relationship Manager e i Gestori patrimoniali esterni dovranno monitorare, per tutta la durata della relazione bancaria, i cambiamenti nelle circostanze dei clienti che potrebbero comportare conseguenze per la classificazione dei conti esistenti (statunitensi o non statunitensi): ogniqualvolta che un conto presenta indizi che il rispettivo beneficiario economico sia una US Person sarà obbligatorio informare tempestivamente l unità di Compliance di BSI; ogniqualvolta che un conto diviene un conto statunitense sarà obbligatorio informare tempestivamente l unità di Compliance di BSI. Condizioni contrattuali BSI ha deciso di modificare le condizioni generali di tutti i booking center di BSI integrandole con nuove avvertenze legali e clausole vincolanti applicabili in caso di cambiamento delle circostanze del cliente. Regole più stringenti per l autodenuncia a partire dal 1 gennaio 2015: necessità d intervento In Germania, ai contribuenti titolari di conti bancari non regolarizzati restano solo pochi mesi per dichiarare la loro infrazione al fisco senza incorrere in pesanti sanzioni pecuniarie. In occasione del loro incontro lo scorso 9 maggio 2014 a Stralsund, i ministri delle finanze dei Länder hanno deciso di mantenere il controverso principio d impunità per coloro che si denunciano spontaneamente. Tuttavia, le sovrattasse previste dal diritto fiscale per i debiti causati da conti illegali detenuti all estero subiranno un notevole aumento dal 1 gennaio

6 6

7 Sintesi dei cambiamenti previsti dal 1 gennaio 2015 a) Il periodo di scadenza per la dichiarazione tardiva, attualmente fissato a cinque anni, sarà prolungato a dieci anni. In merito a questo punto era già stato trovato un accordo durante la conferenza del 27 marzo Resta tuttavia da decidere se l inizio di tale periodo e la sua durata devono essere stabiliti in base alle prescrizioni fiscali. A tale proposito c è da chiedersi se tali prescrizioni sono sufficientemente precise nell ambito di una disposizione penale. b) L estensione del periodo di dichiarazione tardiva implica inoltre l obbligo del pagamento immediato delle imposte evase per il periodo di dieci anni per beneficiare dell impunità. c) Il termine di prescrizione per le azioni penali in caso di evasione fiscale semplice sarà portato da cinque a dieci anni. Al momento il termine di prescrizione di dieci anni si applica soltanto ai casi di evasione fiscale particolarmente gravi. d) La sovrattassa sul debito fiscale dovuto, che finora ammontava al 5% a partire da euro, sarà aumentata e articolata come segue: 1. a partire da euro evasi al fisco, viene applicata una sovrattassa del 10%, 2. a partire da euro, il 15% e 3. a partire da un milione di euro, il 20%. e) Come ulteriore condizione per l impunità accordata in caso di autodenuncia sarà posta la corresponsione immediata di un tasso d interesse sugli importi evasi pari al 6% all anno. L estensione del periodo di dichiarazione tardiva dell imposta rilevante a livello penale non determina soltanto un aumento del carico fiscale bensì anche l obbligo di giustificare le entrate e le uscite sui conti/depositi per questi anni supplementari. Questi obblighi di documentazione ampliati possono inoltre attirare l attenzione dell amministrazione delle finanze su ricavi aggiuntivi o trasferimenti di patrimoni. Situazione attuale e presumibilmente fino al 31 dicembre 2014 Nell ambito della regolarizzazione di eventuali valori patrimoniali non dichiarati in Germania BSI ha redatto un promemoria in merito alla dichiarazione tardiva che all occorrenza mettiamo volentieri a disposizione dei nostri gestori patrimoniali esterni. In linea di principio si consiglia di rivolgersi a un esperto fiscale per la dichiarazione tardiva. Il diritto fiscale tedesco è molto complesso ed è indispensabile che la dichiarazione sia completa per poter beneficiare dell impunità. In genere occorre disporre dei documenti bancari degli ultimi dieci anni. Kurt Widmer BSI Wealth Planning Nuova Legge sugli Investimenti Collettivi di Capitale La nuova Legge sugli Investimenti Colletivi di Capitale (LI- COL) e successivi Ordinanze /Circolari hanno delineato in maniera ancora più precisa il concetto di Investitore Qualificato (QI) distinguendolo in 2 macro categorie: a) regulated QI b) unregulated QI. Nella prima categoria rientrano tutte quelle entità giuridiche sottoposte ad una autorizzazione e supervisione da parte della FINMA: Banche, Assicurazioni, Commercianti di valori immobiliari, Investimenti collettivi di capitale e Gerenti di investimenti collettivi di capitale (lista completa nel sito > Istituti autorizzati). Nella seconda categoria rientrano le persone giuridiche quali Casse Pensioni, Enti pubblici, Società con Tesoreria Professionale e tutti coloro (persone fisiche) che hanno deciso di fare il cosiddetto opt-in firmando una specifica Dichiarazione. È responsabilità del soggetto (es. Banca) che riceve la dichiarazione di opt-in sincerarsi che il cliente rientri effettivamente in tale categoria e sia legittimato ad essere qualificato come QI (a questo proposito vi sono elementi oggettivi e soggettivi che devono essere valutati). Anche i soggetti che firmino un Mandato di gestione i) scritto ii) con durata indeterminata iii) remunerato sono da considerarsi QI Ma all atto della firma del Mandato è obbligatorio informare il cliente i) della sua qualifica di investitore QI ii) dei rischi che tale qualifica comporta iii) della possibilità che il cliente ha di decidere di fare un opt-put e non essere considerato più investitore QI. Un altra novità della nuova regolamentazione è l introduzione e specificazione del concetto di Distribuzione. Non si verifica un attività di Distribuzione in caso di vendita a regulated QI oppure in caso di vendita a clienti che abbiano firmato un mandato con le sopraccitate caratteristiche. Esiste invece un attività di Distribuzione non solo nei confronti dei clienti Non-QI ma anche nei confronti di unregulated QI. In caso di Distribuzione è obbligatorio che il fondo offerto/distribuito abbia nominato sia un Rappresentante sia un Agente di Pagatore (Paying Agent) in Svizzera. Tale circostanza, già nota in caso di Distribuzione al pubblico autorizzata dalla FINMA, non è ancora adeguatamente conosciuta dagli Investimenti Collettivi di capitale estero che in passato agivano in Svizzera quasi liberamente in regime di private placement. Oggi gli stessi Investimenti Collettivi di capitale estero, qualora non volessero intraprendere la procedura di autorizzazione alla distribuzione (per investitori non-qi) presso la FINMA, sono confrontati con precisi obblighi legali ed obbligati ad intraprendere delle precise misure organizzative. 7

8 Vale infine la pena ricordare che l attività di distribuzione a favore di gestori patrimoniali indipendenti sono considerate come distribuzione a investitori qualificati solo laddove tali gestori si impegnino per iscritto a utilizzare le informazioni soltanto per i clienti classificabili come investitori qualificati ai sensi della LICOL. Il rispetto di tali disposizioni è sicuramente importante in caso di contestazione, anche in sede giudiziale, da parte degli investitori. Andrea Fincato BSI Product Compliance BSI Fund Management S.A., Management Company lussemburghese Nel contesto dei fondi d investimento, del risparmio gestito e delle relative opportunità per gli asset managers e i family office di riorganizzare e/o consolidare il loro business model, qualche mese fa avevamo pubblicato un articolo che illustrava le novità normative all orizzonte. Abbiamo ora il piacere di annunciare la nascita di BSI Fund Management S.A., management company lussemburghese, che permetterà a BSI Group di offrire maggiori servizi e prodotti alla propria clientela. BSI conferma di voler creare a Lussemburgo un centro di competenza per il business dei fondi d investimento che nasce dalla collaborazione di questa nuova società con BSI Europe S.A. in qualità di custodian bank. La nuova società si occuperà da subito di fondi d investimento UCITS compliant ed in una seconda fase potrà servire anche i fondi soggetti alla Direttiva AIFMD ed in particolare i SIF e gli UCI meglio conosciuti come fondi Parte II. BSI Fund Management S.A. ha scelto di specializzarsi sulle attività di risk management, compliance on investment restrictions e distribuzione delegando a BSI S.A., Patrimony 1873 S.A. e a investment managers terzi la gestione attiva dei portafogli. BSI Fund Management S.A si propone come one stop shop offrendo ad investitori e clienti un unico punto di contatto in grado di rispondere ai bisogni d investimento, strutturazione, adeguamento normativo e razionalizzazione. BSI Fund Management S.A. è in grado di proporre soluzioni chiavi in mano sia attraverso la creazione di SICAV dedicate che tramite l affitto di comparti in strutture esistenti. BSI Europe S.A. in qualità di custodian bank si occupa di safekeeping e monitoraggio degli assets dei fondi, pagamenti, supervisione dei flussi dei pagamenti e settlement delle transazioni, ottimizzazione impatto fiscale e monitoraggio delle diverse controparti del fondo. Grazie alle sinergie di queste due entità lussemburghesi, BSI è in grado di accompagnare i suoi clienti attraverso l intricato mondo delle nuove regolamentazioni offrendo soluzioni su misura per rispondere agli obblighi imposti tra gli altri da EMIR, MIFID II, UCITS V & VI e FATCA. La nostra ambizione? Offrire alla clientela la creatività italiana, l organizzazione svizzera e l expertise lussemburghese in materia di fondi d investimento. In attesa di analizzare e condividere i vostri progetti, vi salutiamo e vi diamo appuntamento ad una nuova edizione di questa Newsletter. Simona Bortolazzi Conducting Officer BSI Fund Management S.A. Tel Italia: aumento della tassazione su interessi, capital gains e dividendi a partire dal Con l esito delle recenti votazioni Europee si delinea la continuazione del Governo Renzi e la quasi certa conversione in legge il prossimo 24 giugno 2014 del decreto legge n. 66/2014 recante le misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale che prevede, a partire dal , l applicazione di nuove aliquote fiscali su dividendi, interessi e capital gains. Le aliquote attualmente in vigore del 20% saliranno dal al 26% (escluse le aliquote agevolate del 12.50% attualmente in essere per gli interessi e i capital gains su titoli di Stato ed equiparati, come ad esempio BEI, BIRS,, titoli di Stati esteri equiparati a condizione che siano white list). I dividendi versati da società italiane soggiaceranno alla nuova aliquota alla fonte del 26% come pure gli utili di capitale conseguiti su azioni (quest ultimi vanno messi in dichiarazione l anno successivo, non vi è imposizione alla fonte). Sempre soggetti ad imposizione alla fonte del 26% (rispetto all attuale aliquota del 20%) saranno gli utili conseguiti dalla vendita di ETF esteri quotati in Italia, mentre vi sarà imposizione alla fonte delle plusvalenze (quando non vi è interposto un sostituto d imposta italiano) per gli utili conseguiti dalla vendita di ETF esteri quotati in altre piazze finanziarie, che quindi andranno messe in dichiarazione l anno successivo. Per contro passerà dal 20% al 12.50% l aliquota alla fonte sugli interessi e sui capital gains dei titoli degli enti territoriali di Stati esteri a condizione che siano white list. L aspetto tecnico di questo passaggio d applicazione delle aliquote dal 20% al 26% al per chi ad esempio non è soggetto ad Euroritenuta e detiene investimenti finanziari presso istituti bancari in Svizzera, sarà il seguente: sugli interessi in maturazione sulle obbligazioni per il periodo antecedente il si ha diritto all applicazione dell aliquota attuale e visto che tutti gli interessi pagabili a partire dal saranno soggetti alla nuova aliquota, l aliquota precedente verrà compensata con un accredito del 6% prendendo in considerazione ad esempio gli interessi di un emit- 8

9 tente di uno straight bond corporate italiano. Le suddette misure vanno ad impattare anche i redditi su depositi su conti correnti la cui tassazione salirà al 26% (dall attuale 20%): gli istituti bancari Svizzeri che per contro applicano il 35% d imposta preventiva Svizzera sugli interessi (salvo franchigia di CHF 200. d interessi su conti con 1 sola chiusura annuale) non prelevano la tassa italiana ai clienti che dovranno tuttavia mettere in dichiarazione l anno successivo tutti gli interessi percepiti. Paolo Casanova BSI VD Tax Competence Center Download dei file Le attuali estrazioni di dati XML disponibili per il GPE si basano sull interfaccia INSA originariamente sviluppata per il vecchio sistema The BOSS. Dopo la migrazione ad AVA- LOQ nel 2011 avevamo modificato soltanto l interfaccia, senza sfruttare appieno l intero potenziale del nuovo sistema. Nel frattempo è emerso chiaramente che l attuale setup non è più sufficiente e dobbiamo quindi implementare una soluzione nuova, nonché più efficiente e sicura, per il download dei dati XML per il GPE, al fine di ridurre gli errori e la duplicazione dei dati. Attualmente circa 70 GPE nell intero Gruppo BSI utilizzano questo servizio con diversi sistemi interni di gestione patrimoniale come Allocare, Ask-It o Guardian. La nuova soluzione proposta (che sarà disponibile a partire da settembre 2014) è basata sull estrazione di nuovi file XML sfruttando le schermate standard AVALOQ, rese disponibili su un infrastruttura dedicata (istantanea giornaliera senza dati storici). Le estrazioni saranno effettuate su base giornaliera e rese disponibili per il GPE su un server sicuro e accessibile via browser web e SFTP. La lista dei clienti interessati viene gestita direttamente raggruppandoli in base all accesso all applicazione BSI Ciascun GPE riceverà una serie di file XML contenenti ad esempio transazioni, posizioni, attività, prezzi, relativamente ai clienti (partner commerciali) di cui si occupa. I file XML saranno quindi compressi in un unico file zip per scaricarlo più facilmente. I file zip del giorno precedente saranno spostati nella cartella backup e conservati per un numero di giorni massimo (per default: 20). Poiché i nuovi file presentano informazioni aggiuntive (campi come prezzo di acquisto medio, tassi di cambio storici, TWRR della prestazione giornaliera ecc.), nonché una struttura diversa, sarà necessario modificare le interfacce esistenti. La soluzione attualmente in uso continuerà a essere attiva in parallelo alla nuova soluzione sino alla fine del 2015, quando sarà definitivamente dismessa. Per ulteriori informazioni contattare direttamente il nostro Responsabile IT, sig. G. Sciaresa, tel. +41 (0) BSI Informa Abbiamo il piacere di informarvi che, dal 1 maggio 2014, EOS Servizi Fiduciari SpA ha espanso la sua presenza in Italia e ha aperto a Genova la sua seconda unità operativa italiana dopo quella di Milano. Si tratta di una scelta importante infatti EOS beneficia già di un ottimo posizionamento sul capoluogo ligure ma, grazie a questa decisione strategica, potrà rafforzarsi ulteriormente operando in modo più efficace sull intero territorio regionale. La nuova unità locale, sita in Via XX Settembre 33/3, fornirà anche alla clientela genovese sia privata che istituzionale, tutti i servizi fiduciari finanziari, societari, di amministrazione di patrimoni e di trust. BSI in cifre Grazie al nostro know-how, alle nostre capacità e non da ultimo ai nostri valori tradizionali, siamo diventati quello che siamo oggi. Una banca privata solida e affidabile. Con un patrimonio gestito di 89,4 miliardi di CHF (dato aggiornato al 31 dicembre 2013) e quasi 2000 collaboratori in tutto il mondo, BSI è uno dei gruppi bancari specializzati in Private Wealth Management più importanti della Svizzera. Alla fine di dicembre 2013 il totale di bilancio del gruppo BSI era di 24,9 miliardi di CHF. Possiamo anche essere orgogliosi della nostra quota di liquidità. I crediti nei confronti di banche, i titoli del mercato monetario e il portafoglio commerciale costituiscono il 54 % della somma di bilancio. Nel corso degli ultimi tre anni la Banca ha aumentato la percentuale di liquidità dal 48 % al 54 %. Gestiamo scrupolosamente tutti i valori patrimoniali. BSI definisce linee guida chiare per l Asset Liability Management, che sono orientate alla limitazione dei rischi di credito. Una delle misure intraprese a questo proposito è il mantenimento di una percentuale elevata di valori patrimoniali dal rischio contenuto: negli ultimi cinque anni questa percentuale è passata dal 34 % al 55 % (31 dicembre 2013). La gestione dei valori patrimoniali (portafoglio investimenti e interbancario) viene costantemente monitorata. Viene altresì mantenuto sempre un opportuno livello di attività sicure e altamente liquide (titoli di Stato di prim ordine, depositi presso banche centrali e liquidità). Da questo punto di vista, BSI è una banca conservatrice. Questo orientamento risulta evidente dal fatto che al 31 dicembre 2013 gli investimenti finanziari e i titoli del mercato monetario costituivano circa il 6 % del totale di bilancio e che questi erano composti quasi esclusivamente da titoli di Stato di prim ordine (Germania, Francia, titoli sovranazionali). 9

10 Capitale proprio Total Capital Ratio A fine dicembre 2013, a comprova della sua stabilità, la quota di capitale complessiva (Total Capital Ratio) del Gruppo BSI era valutata al 18,2 %, nettamente al di sopra del valore target richiesto dalla FINMA, fissato al 12 %. Nell ultimo anno la banca ha potenziato la sua base patrimoniale del 3 %, passando da 1,743 miliardi di CHF a 1,793 miliardi di CHF a fine Nello stesso periodo, il surplus di capitale ammonta a 607 milioni di CHF, nonostante l aumento delle riserve di capitale del 50 % richiesto dalla FINMA. 10

11 BSI App Newsletter EAM N. 17 luglio 2014 iphone Android Subscribe financial newsletter Follow us on Youtube Facebook Il presente documento ha finalità puramente informative. In particolare esso non è, né può essere interpretato, come un offerta, un invito o una raccomandazione (né generica né personale) all acquisto o alla vendita di alcun tipo di strumento finanziario. Inoltre esso non deve sostituire il giudizio proprio di chi lo riceve. Il presente documento è stato elaborato da BSI SA con le informazioni disponibili alla data in cui lo stesso è stato redatto. Pertanto le informazioni, opinioni e stime contenute nel presente documento sono formulate con esclusivo riferimento alla data di redazione dello stesso e sono suscettibili di variazioni in qualunque momento senza che da cio derivi un obbligo di comunicazione e/o aggiornamento in capo a BSI SA. Le informazioni, opinioni e stime contenute nel presente documento si basano su dati e ricerche tratte da fonti pubbliche o pubblicamente accessibili che sono considerate affidabili. Tuttavia BSI non garantisce la loro correttezza, accuratezza e completezza e non assume alcun tipo di responsabilità derivante da danni diretti o indiretti che possano trarre origine dall utilizzo del materiale contenuto nel presente documento. Gli investimenti e le strategie trattate nel presente documento potrebbero non essere adatti ad ogni tipo e categoria di investitore. In generale, occorre considerare che tutti gli investimenti comportano un certo grado di rischio. Il valore di ogni investimento puo aumentare o diminuire sensibilmente e l investitore potrebbe non essere in grado di recuperare l intero ammontare investito. Deve essere inoltre tenuto presente che le performance passate non costituiscono garanzia di risultati futuri. Laddove indicati, i prezzi riportati in questo documento hanno una finalità meramente informativa e non sono necessariamente corrispondenti alle contabilizzazioni o registrazioni interne di BSI. Non si danno garanzie in merito al fatto che una transazione potrebbe o avrebbe potuto essere effettuata a tali prezzi. Si evidenzia come assunzioni diverse, da parte di BSI o di altra fonte, possono portare a risultati sostanzialmente differenti. Infine, oscillazioni nel cambio delle valute possono impattare sui valori e prezzi eventualmente indicati in questo documento. In alcuni Paesi determinati prodotti e servizi sono soggetti a restrizioni legali; le informazioni relative a tali prodotti si intendono pertanto destinate unicamente ai Paesi nei quali tali restrizioni non sono operanti. Il presente documento potrà essere riprodotto o pubblicato in tutto o in parte solo citando il nome BSI. BSI Bank 2014/luglio BSI Business Communication Edizione in lingua italiana

12 BSI SA Viale Stefano Franscini Lugano Svizzera tel. +41 (0) EAM

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

BSI E GLI EXTERNAL ASSET MANAGER. PIÙ DI UNA COLLABORAZIONE, DEDIZIONE E PASSIONE.

BSI E GLI EXTERNAL ASSET MANAGER. PIÙ DI UNA COLLABORAZIONE, DEDIZIONE E PASSIONE. BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 BSI E GLI EXTERNAL ASSET MANAGER. PIÙ DI UNA COLLABORAZIONE, DEDIZIONE E PASSIONE. INSIEME CON UN UNICO OBIETTIVO: LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 04.C.08 EAM Gestori Esterni_IT.qxd:-

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si rimanda

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai Ministri finanziari e ai Governatori delle banche centrali del G20 sull attuazione di Basilea 3 Ottobre 2012 Il presente documento è stato redatto

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli