La qualità del tirocinio nel Corso di Laurea in Infermieristica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La qualità del tirocinio nel Corso di Laurea in Infermieristica."

Transcript

1 La qualità del tirocinio nel Corso di Laurea in Infermieristica. Indagine sulla soddisfazione degli studenti della Sezione Formativa Bologna 1 Croce Rossa Italiana, Università degli Studi di Bologna Clinical practice quality in BNC (Bachelor of Nursing Course). Evaluation of students satisfaction in the Italian Red Cross School of Nursing, University of Bologna. Sandra Scalorbi* Francesco Burrai * Dott.Magistrale Sandra Scalorbi, Docente di Infermieristica preventiva e di comunità,coordinatore Didattico, Università degli Studi di Bologna,Sezione formativa Bo1-Scuola CRI Infermieri. PhD.Dott.Magistrale Francesco Burrai, Docente di Infermieristica Olistica, Docente di Teoria del Nursing, Coordinatore didattico,università degli Studi di Bologna. Sezione Formativa Bo1- Scuola CRI Infermieri. Riassunto uesto studio approfondisce e sviluppa il precedente lavoro Il sistema qualità UNI EN ISO 9001:2000. Progettazione e applicazione al Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Bologna: analisi del livello di soddisfazione degli studenti del III anno, con lo scopo di valutare la qualità del tirocinio tramite la misurazione del livello di soddisfazione del cliente/studente rispetto ai singoli elementi che concorrono a determinare gli aspetti essenziali dell apprendimento clinico. Lo strumento per la misurazione del livello di soddisfazione degli studenti è un questionario composto da 48 items suddiviso in 9 aree. Il campione è costituito dagli studenti del secondo anno (n=61) e terzo anno (n=95) del Corso di Laurea in Infermieristica dell Università degli Studi di Bologna, sezione formativa Bo-1, anno accademico Il numero dei questionari compilati è pari a 279 di cui 79 relativi agli studenti del secondo anno e 190 a quelli del terzo anno. I risultati ottenuti mostrano indici di soddisfazione attestati su valori medio alti rispetto alle diverse esperienze di tirocinio effettuate dagli studenti. Si riconferma come variabile critica la valutazione intermedia,fase estremamente importante dell apprendimento clinico. Parole chiave: tirocinio, controllo della qualità, formazione infermieristica, soddisfazione del cliente, questionari. Abstract This study is linked to the previous our UNI EN ISO 9001:2000 quality system. Project and application at BNC (Bachelor of nursing Course), University of Bologna: degree of satisfaction of third year s students. The aim of this study, carried on in 2006, were to find out how satisfied second (n=61) and third years (n=95) nursing bachelor course students, University of Bologna, were with their clinical practice, about each essential element in this kind of learning. The data were collected using a questionnaire purposely made, with 48 items in 9 fields. 279 questionnaires returned,79 by second year students and 190 by third year students. Results suggest a general satisfaction of students about their clinical practice experiences. Also in this study, the intermediate evaluation, very important in nursing clinical learning, is a critical variable. Keywords: clinical practice, quality control, nursing education, personal satisfaction, questionnaires. Introduzione I tirocini formativi e di orientamento vengono promossi al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell ambito dei processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro (L.196/97;D.M. 142/98). Il tirocinio rappresenta l ambito privilegiato per l acquisizione delle competenze professionali dell infermiere, l opportunità per tradurre il sapere acquisito in sapere esperto. In esso trovano sintesi gli aspetti cognitivi, relazionali, tecnici e deontologici atti a garantire il possesso delle competenze professionali nell ambito dell assistenza generale infermieristica, competenze immediatamente spendibili con il completamento del percorso di studi, stante il valore abilitante dell esame finale (D.M. 2 aprile 2001). Lo sviluppo della didattica in questo ambito ha determinato una crescente attenzione ai contenuti, ai metodi ed agli strumenti del tirocinio, secondo una logica che riconosce pari dignità alle diverse forme di apprendimento (Gamberoni et al., 1999). Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

2 Professioni Infermieristiche Progressivamente, inoltre, sono state sviluppate ed applicate le metodologie didattiche attive, che permettono di ridurre il divario fra apprendimento teorico e clinico. Il ciclo dell apprendimento clinico (White et.al.,1994) comprende la pratica clinica, che si realizza dopo aver adeguato le basi teoriche ed essersi sperimentati nel contesto protetto del laboratorio; è preceduta da incontri di briefing tesi a preparare, focalizzare e finalizzare l apprendimento rispetto agli obiettivi e durante l esperienza da incontri di debriefing, mirati a consentire la riflessione, l analisi ed il feedback. Nell ambito del sistema qualità applicato all Infermieristica è alta l attenzione ai processi, e ai prodotti/servizi. Tra questi vi è il tirocinio, i cui documenti di riferimento, nella realtà della Scuola Infermieri CRI Principessa di Piemonte di Bologna, sezione formativa Bo1 CRI- S.Orsola Malpighi, Corso di Laurea in Infermieristica, Università degli Studi di Bologna, sono rappresentati da Ordinamento, Regolamento, Programmazione didattica e Regolamento di Tirocinio che derivano dalle leggi e dai decreti sulla formazione universitaria. I docenti del tirocinio sono tutti appartenenti allo specifico profilo: Coordinatore delle attività tecnico pratiche e di tirocinio e Coordinatori didattici (tutori di anno), componenti la Commissione di tirocinio ed infine i referenti /tutori professionali delle strutture coinvolte. Gli strumenti del tirocinio sono stati elaborati per lo specifico contesto: libretto/diario delle attività tecnico pratiche e di tirocinio, obiettivi/scheda di valutazione, foglio delle presenze. Le attività integrative sono rappresentate dai diversi sottoprocessi in interrelazione: tutorato (individuale, collettivo, d area) e laboratorio. I momenti chiave del tirocinio sono rappresentati da accoglimento (Kim, 2003), orientamento, valutazione intermedia (formativa) e valutazione finale (certificativa). I principi più significativi applicati al tirocinio sono: programmazione didattica come metodo/processo (Ballanti et al., 1989; Bianco et al., 1990; Mager, 1990; Mager, 1991; Mager et al 1987; Tartarotti, 1986); personalizzazione dei percorsi di apprendimento; applicazione di dinamiche di tipo tutoriale (Binetti et al., 1999; Castellucci et al., 1997); valutazione dei risultati anche in termini di qualità; gradualità nell apprendimento; sviluppo dell autonomia; esplicitazione di obiettivi, metodi, strumenti, sistema di valutazione (Canonici, 1988); cooperazione e condivisione fra staff clinico e staff sezioni formative (Corlett, 2000; Papp et al., 2003; Astin et al., 2005). Un sistema che tende al miglioramento continuo della qualità deve monitorare i processi ed i risultati ottenuti; l orientamento al cliente prevede la misurazione della soddisfazione dello stesso ed eventuali azioni di miglioramento o di riprogettazione dei processi. Poiché esiste una correlazione fra la soddisfazione degli studenti e gli outcomes dell apprendimento l opinione degli studenti è importante: rappresenta infatti uno degli elementi che possono aiutare ad identificare le situazioni che favoriscono o ostacolano l apprendimento stesso. Alcune indagini svolte a livello internazionale hanno dimostrato come non sempre gli studenti infermieri siano soddisfatti della loro formazione. Una ricerca condotta in Spagna ha fatto emergere insoddisfazione sia da parte degli studenti che da parte degli infermieri guide di tirocinio rispetto alla formazione pratica (Perez Andres et al., 2002). Uno studio qualitativo condotto in Iran (Sharif et al., 2005) ha mostrato che gli studenti infermieri non sono soddisfatti della componente clinica della loro formazione, poiché sperimentano ansia in relazione alla sensazione di essere incompetenti ed alla mancanza di conoscenze ed abilità professionali finalizzate ad assistere persone con bisogni diversi nel contesto clinico. Un ulteriore studio condotto in Norvegia (Espeland et al., 2003), attraverso l utilizzo del Course Experience Questionnaire e del Nursing Clinical Facilitators Questionnaire modificati, ha invece messo in luce una generale insoddisfazione rispetto ai corsi di Infermieristica, ma una generale soddisfazione rispetto alla pratica clinica. La prima indagine sulla soddisfazione degli studenti, riferita ai diversi sottoprocessi che li riguardano, si è svolta presso la scuola C.R.I. di Bologna nel 2005 ed ha avuto risultati positivi (Bernardi, 2005). In una logica di miglioramento continuo, si è ritenuto di dovere esaminare in modo più dettagliato quali potessero essere i fattori che avevano determinato alcune valutazioni non sufficienti, quindi aree di ulteriore miglioramento rispetto al livello di soddisfazione relativo al tirocinio. Lo scopo dello studio è quindi quello di valutare la qualità del tirocinio tramite la misurazione del livello di soddisfazione del cliente/studente rispetto ai singoli elementi che concorrono a determinare gli aspetti essenziali dell apprendimento clinico. Metodo Il questionario per la valutazione del livello di soddisfazione degli studenti rispetto al sottoprocesso tirocinio, nell ambito del sistema di gestione per la 68 Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):67-73

3 qualità, considera 9 aree: accoglimento, orientamento, affiancamento (il processo di apprendimento si realizza proprio grazie alla stretta cooperazione con un infermiere che sta esercitando la propria professione) (Jerlock et al., 2003), integrazione con l equipe, disponibilità degli operatori, coinvolgimento nelle attività del servizio, obiettivi, valutazione e soddisfazione complessiva. Sette aree sono state scomposte nei singoli elementi che le costituiscono, tenendo conto dei contenuti relativi al tirocinio reperiti durante la ricerca bibliografica e di strumenti quali: il Course Experience Questionnaire, il Nursing Clinical Facilitators Questionnaire, i questionari utilizzati nel Master in Area Critica Settore Operatorio, Università degli Studi di Bologna e i questionari qualità utilizzati presso il Campus Biomedico di Roma (Binetti et al., 1999). Di seguito si elencano le singole aree con i relativi elementi : 1. Accoglimento 2. Orientamento A. Informazioni sulla struttura del servizio B. Informazioni sull organizzazione C. Informazioni sulle caratteristiche degli utenti D. Informazioni sugli infermieri di riferimento 3. Affiancamento A. Clima di apprendimento (Renzi et al., 2004) B. Supporto emotivo C. Supporto cognitivo D. Supporto tecnico E. Feed back sulle performance F. Sviluppo della capacità di osservazione G. Sviluppo della capacità di decision making H. Sviluppo della capacità di ragionamento clinico I. Sviluppo dell atteggiamento deontologico J. Sviluppo degli aspetti relazionali K. Analisi critica dei comportamenti dello studente 4. Integrazione con l equipe A. Lavoro in equipe B. Impiego del personale di supporto C. Utilizzo degli strumenti informativi 5. Disponibilità degli operatori A. Presenza di un infermiere di riferimento B. Compilazione libretto-diario C. Interazione con gli infermieri D. Interazione con gli altri professionisti/operatori 6. Coinvolgimento nelle attività A. Gradualità 7. Influenza dei seguenti elementi nel raggiungimento degli obiettivi A. Opportunità di acquisizione delle competenze gestuali B. Opportunità di acquisizione delle competenze relazionali C. Opportunità di acquisizione delle competenze educative D. Collaborazione fra sede formativa e di tirocinio E. Obiettivi specifici F. Utilizzo del libretto diario G. Applicazione del processo di assistenza infermieristica H. Modello organizzativo assistenziale I. Documentazione infermieristica J. Applicazione di procedure, protocolli, linee guida K. Confronto teoria pratica (Rolfe, 1999; De Marinis et al.,1999) L. Durata dell esperienza di tirocinio (Corlett, 2000) M. Sequenza teoria pratica N. Rapporto fra esperienze effettuate ed obiettivi O. Carico assistenziale P. Affiancamento a infermieri diversi Q. Orari di tirocinio 8. Valutazione A. Chiarezza circa gli obiettivi e le modalità di valutazione B. Rispetto dei tempi C. Condivisione da parte di tutti gli infermieri coinvolti D. Confronto con lo studente sugli aspetti di forza e debolezza (valutazione intermedia) E. Illustrazione da parte della guida di tirocinio o di persona delegata (valutazione finale) 9. Soddisfazione complessiva rispetto all esperienza di tirocinio Gli elementi sono stati testati sottoponendo il questionario ad una revisione da parte di 9 docenti e tutor della sezione formativa Bo-1 e successivamente ad un test pilota su un campione casuale di 10 studenti del secondo e terzo anno. La raccolta dati è stata effettuata nei mesi di maggio e giugno 2006 da parte dei coordinatori didattici, durante lo svolgimento delle attività tutoriali. Ogni studente frequentante il tirocinio ha compilato un questionario per ogni periodo di tirocinio svolto nell Anno Accademico in corso. Complessivamente, gli Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

4 Professioni Infermieristiche studenti coinvolti nell indagine sono stati 61 per il II anno e 95 per il III anno, per un totale di 269 questionari, la cui distribuzione rispetto alle aree di tirocinio è riportata in tabella 1. Area di tirocinio Numero questionari Sala operatoria 35 Pediatria 22 Terapia Intensiva 44 Emergenza 32 Tabella 2. Box-Plot del livello di soddisfazione area ORIENTAMENTO Specialità mediche 34 Psichiatria 13 Assistenza domiciliare 14 Chirurgia 23 Medicina 35 Geriatria 17 Tot:269 Tabella 3. Box-Plot del livello di soddisfazione area AFFIANCAMENTO Tabella 1: Distribuzione questionari rispetto all area di tirocinio (n = 269) Per ciascun elemento lo studente ha espresso un punteggio compreso tra 0 (estremamente negativo/insoddisfacente) e 10 (estremamente positivo/soddisfacente), dove 6 indica un valore sufficiente. Tutti i questionari distribuiti sono stati riconsegnati correttamente compilati. Gli strumenti statistici utilizzati per l analisi dei dati sono la distribuzione assoluta di frequenza, indici di tendenza centrale, mediana, moda e indice di dispersione con l intervallo interquartile. Tabella 4. Box-Plot del livello di soddisfazione area INTEGRAZIONE CON L EQUIPE Risultati Il livello di soddisfazione riportato nell area ACCOGLIMENTO, ha valori di moda e mediana pari a 8.L intervallo interquartile presenta un indice di dispersione pari a 2, con almeno il 50% dei punteggi che cade tra i valori 7-9. Di seguito si riportano le tabelle contenenti i relativi box-plot del livello di soddisfazione delle restanti aree rispetto ai singoli elementi che le compongono. Tabella 5. Box-Plot del livello di soddisfazione area DISPONIBILITÀ DEGLI OPERATORI 70 Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):67-73

5 Tabella 6. Box-Plot del livello di soddisfazione area COINVOLGIMENTO NELLE ATTIVITÀ Tabella 9. Box-Plot del livello di soddisfazione area SODDISFAZIONE COMPLESSIVA RISPETTO ALL ESPERIENZA DI TIROCINIO per anno di corso. Discussione Tabella 7. Box-Plot del livello di soddisfazione area OBIETTIVI. Tabella 8. Box-Plot del livello di soddisfazione area VALUTAZIONE L area SODDISFAZIONE COMPLESSIVA RISPETTO ALL ESPERIENZA DI TIROCINIO, ha mostrato valore di moda pari a 9 e una mediana di 8. L intervallo interquartile presenta un indice di dispersione pari a 2, con almeno il 50% dei punteggi che cade tra i valori 7-9. Si riporta la comparazione fra i punteggi dei due anni di corso dall area SODDISFAZIONE COMPLESSIVA RISPETTO ALL ESPERIENZA DI TIROCINIO, i cui risultati sono mostrati in tabella 9. Le aree accoglimento e orientamento, presentano valori di moda, mediana ed intervallo interquartile molto positivi, ma esistono possibilità di miglioramento rispetto alle informazioni sugli infermieri di riferimento (D) dove Q1 è pari a 6. I valori relativi all affiancamento sono buoni: va rilevata la differenza nel supporto tecnico (D) ed in quello cognitivo (C) ed emotivo (B). In particolare, il valore della mediana per il supporto emotivo è 7: probabilmente è necessario un sostegno maggiore agli studenti, soprattutto nelle situazioni più complesse, oppure in quelle che lo studente affronta per la prima volta. Inoltre, possibilità di miglioramento,evidenziate da un Q1=6, esistono in riferimento al clima di apprendimento (A), al feed back sulla performance (E) ed allo sviluppo degli aspetti relazionali (J) Importante e positivo appare il risultato relativo allo sviluppo delle capacità di osservazione (F), decision making (G) e ragionamento clinico (H) e anche dell atteggiamento deontologico (I), elementi fondamentali nell esercizio di una professione autonoma e rivolta alla persona. Per quanto riguarda l integrazione con l equipe, i risultati sono positivi anche se può essere potenziata (Q1=6,mediana=7) in particolare per quanto concerne l impiego del personale di supporto (B) e l utilizzo degli strumenti informativi (C). Il personale di supporto probabilmente non è sempre presente in tutti i servizi, ed a volte può essere impropriamente impiegato laddove esiste. In questo modo si priva lo studente della possibilità di apprendere le corrette modalità di coinvolgimento di tale personale nell assistenza alla persona, aspetto previsto esplicitamente dal profilo professionale dell infermiere. Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

6 Professioni Infermieristiche L utilizzo degli strumenti informativi, oltre a consentire l integrazione professionale e la continuità delle cure, permette la pianificazione personalizzata dell assistenza. Anche in questo caso, un uso inadeguato o la mancanza degli strumenti può impoverire l esperienza di apprendimento e l efficacia dell assistenza erogata. Molto buono è il risultato relativo agli aspetti inerenti la disponibilità degli operatori, ed eccellente la valutazione sulla presenza degli infermieri di riferimento (A) con un valore di moda pari a 10. In riferimento alla compilazione del libretto/diario (B) con un Q1=6, area disponibilità degli operatori, la firma delle guide di tirocinio certifica l avvenuto apprendimento dello studente. Ciò implica l avere personalmente valutato l effettuazione dell attività ed il livello di abilità con cui è stata realizzata, secondo la scala tassonomica prevista e descritta all interno del libretto stesso. Anche negli incontri di tutorato emerge che la firma non è sempre contestuale rispetto all effettuazione dell attività stessa; inoltre, da parte dello studente lo svolgimento in autonomia può essere inteso solo come la capacità di effettuare tecnicamente l attività. Per quanto riguarda il coinvolgimento nelle attività (Q1=6), grande attenzione deve essere posta sia alla gradualità nello svolgimento delle stesse (elemento che viene valutato analizzando il libretto/diario durante gli incontri di tutorato individuale) che alla varietà. Anche in quest ultimo caso, l analisi con lo studente del libretto/diario da parte del tutore di anno e della guida di tirocinio, consente di evidenziare le attività mai o raramente svolte e le possibili cause. Gli elementi che influenzano il raggiungimento degli obiettivi, come l opportunità di acquisire le competenze gestuali (A), relazionali (B) ed educative (C) sono da porsi in relazione alle caratteristiche ed ai problemi assistenziali degli utenti:allo stesso modo, il rapporto fra esperienze effettuate ed obiettivi (N)(mediana=7), non sempre può essere determinato a priori, vista l imprevedibilità delle situazioni assistenziali. L applicazione del processo di assistenza infermieristica (G) può essere sperimentata nella pratica solo là dove essa si realizza. Ancora una volta va considerato che il tirocinio è svolto nella realtà dei servizi, che presentano imprevedibilità, complessità e criticità (Marmo et al., 1997; Materese et al., 2000; Boggio Gilot et al., 1999). L implementazione del metodo nella pratica assistenziale, oltre a garantire migliori risultati nel soddisfacimento dei bisogni di assistenza infermieristica degli utenti, potrebbe aumentare la qualità dell apprendimento. Lo stesso si può dire per altri aspetti, quali il modello organizzativo assistenziale (H) e l applicazione di procedure, protocolli, linee guida (J). Infine, alla luce dei risultati dell analisi bibliografica (Corlett, 2000; Jerlock et al., 2003; Rolfe, 1999), appare particolarmente positivo quanto emerge nella realtà in esame rispetto al confronto teoria pratica (K) (mediana=8), segnalata come possibile variabile critica. La valutazione era apparsa come l elemento maggiormente critico nella prima indagine e in questo studio emerge con chiarezza la necessità di aprire una azione di miglioramento che riguardi la valutazione intermedia (D). Rispetto alla valutazione infatti sono stati identificati cinque elementi,in riferimento ai quali misurare il livello di soddisfazione: Chiarezza circa gli obiettivi e le modalità di valutazione, Rispetto dei tempi,condivisione da parte di tutti gli infermieri coinvolti, Confronto con lo studente sugli aspetti di forza e debolezza (valutazione intermedia),illustrazione da parte della guida di tirocinio o di persona delegata (valutazione finale). Per tutti gli elementi il livello di soddisfazione ha valori di mediana pari a 8 ed indice di dispersione interquartile pari a 3 (Q1=6 e Q3=9). Fa eccezione il confronto con lo studente sugli aspetti di forza e debolezza (valutazione intermedia) con valori di mediana pari a 7,ed indice di dispersione interquartile pari a 4 (Q1=5 e Q3=9). E indispensabile, per garantire il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento, che lo studente venga puntualmente informato sugli aspetti di forza e debolezza a metà del percorso di tirocinio, in modo da potere correggere il proprio comportamento in modo adeguato. La valutazione formativa è importante ai fini dell apprendimento, perché non solo misura ma soprattutto corregge ed implica fiducia nelle possibilità di recupero espresse dallo studente. Limiti I limiti di questo studio possono essere così sintetizzati: 1. sarebbe opportuno confrontare questi risultati con quelli di altre Università italiane, mediante l utilizzo del medesimo strumento; 2. la soddisfazione degli studenti dovrebbe essere considerata insieme a quella dei servizi che li accolgono. Non è stata ancora effettuata un analisi dei dati per area di tirocinio e, se necessario, per servizio, in modo da fornire un feed-back più specifico ai colleghi dei servizi ed intervenire laddove le situazioni si sono mostrate meno soddisfacenti. I prossimi studi verranno effettuati proprio a tale scopo. 72 Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):67-73

7 Bibliografia Astin, F.,Newton, J., McKenna, L., & Moore-Coulson, L. ( 2005). Registered nurses expectations and experiences of first year students clinical skills and knowledge. Contemporary Nurse,18(3), Ballanti, G., & Fontana, L. (1989).Discorso e azione nella pedagogia scientifica. Firenze:Giunti Lisciani. Bernardi, M.G.(2005).La soddisfazione del cliente nel Sistema Qualità applicato al Corso di Laurea in Infermieristica, Anno Accademico 2004/2005. Tesi del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed ostetriche, Università degli studi di Roma Tor Vergata. Bianco, O., & Bianco Finocchiaro, R.(1990). Metodologia della programmazione per unità didattiche.firenze:le Monnier. Binetti, P., Pontati I., & Santini, D.(1999).Il tutorato. Modelli ed esperienze nella didattica universitaria. Roma:Società Editrice Universo. Boggio Gilot, C., & Marmo, G.(1999). Proposte di criteri di accreditamento per la formazione infermieristica universitaria. Professioni Infermieristiche,52(2), Canonici, A.(1988).La formazione e lo sviluppo del personale. Milano:Franco Angeli. Castellucci, A., Saiani, L., Sarchielli, G., & Marletta L.(1997). Viaggi guidati. Il tirocinio e il processo tutoriale nelle professioni sociali e sanitarie. Milano: Franco Angeli. Corlett, J.(2000). The perceptions of nurse teachers, student nurses and preceptors of the theory-practice gap in nurse education. Nurse Education Today, 20(6), De Marinis, M.G., Tartaglini, D., Matarese, M., Piredda, M., & Binetti, P.(1999). Modelli per la formazione clinica nel diploma universitario per infermiere. Nursing Oggi, 4(2): Decreto Ministeriale 25 marzo 1998, n. 142, Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all articolo 18 della Legge 24 giugno 1997, n. 196 sui tirocini formativi e di orientamento. Decreto Interministeriale 2 aprile Determinazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie. Espeland, V., & Indrehus, O.(2003). Evaluation of students satisfaction with nursing education in norway. Journal of Advanced Nursing,42(3), Gamberoni, L., Grilli, G., Lotti, A.,Marmo, G.,Massai D., & Spiani,L.(1999). Linee guida per un progetto di formazione di base dell infermiere. Roma: Federazione Nazionale Collegi IPASVI. Jerlock, M., Falk, K., & Severinsson, E.( 2003). Academic nursing education guidelines: tool for bridging the gap between theory, research and practice. Nursing Health Science,5(3), Kim, K.H.(2003).Baccalaureate nursing students experiences of anxiety producing situations in clinical setting. Contemporary Nurse,14(2), Legge 24 giugno 1997, n. 196, Norme in materia di promozione dell occupazione. Mager, R. F.(1990). Gli obiettivi didattici. Firenze:Giunti Lisciani. Mager, R.F. (1991).L analisi degli obiettivi. Firenze:Giunti Lisciani. Mager, R.F., & Beach, K.M.Jr.(1987).Come progettare l insegnamento, metodi e mezzi per l istruzione professionale. Firenze:Giunti Lisciani. Marmo, G.,Boggio Gilot, C., & Andreoli, A. (1997).Migliorare la guida dello studente nell apprendimento infermieristico clinico: riflessioni e proposte. L infermiere Dirigente, 3(3), Matarese, M., De Marinis, M.G., Tartaglini, D., & Binetti, P.(2000). Modelli organizzativi assistenziali ed influenze sulla formazione clinica degli studenti del corso di diploma universitario per infermiere. Nursing Oggi,5(2), Papp, I., Markkanen, M., & von Bonsdorff, M.(2003).Clinical environment as a learning environment: student nurse perceptions concerning clinical learning experiences. Nurse Education Today,23(4): Perez Andres, C., Alameda Cuesta, A., & Albeniz Lizarraga, C.( 2002). Practical nursing training in the university school of nursing of the community of madrid. opinion of students and health professionals. qualitative study with discussion groups. Revista Española de Salud Pública, 76(5), Renzi, E., & Grifone, C.(2004). L infermieristica e il tutorato clinico: un esperienza di formazione di tutors clinici presso l Università di Chieti.Professioni Infermieristiche, 57(2), Rolfe, G.(1999). Colmare il divario tra teoria e pratica:un modello di applicazione del nursing clinico. Professioni Infermieristiche,52(2),80-3. Sharif, F., & Masoumi, S. A.(2005).Qualitative study of nursing student experiences of clinical practice. BMC Nursing, 9(4),6. Tartarotti, L.(1986).La programmazione didattica. Firenze:Giunti Lisciani. White, R., & Ewan, C.(1994). Il tirocinio. L insegnamento clinico del nursing. Milano:Sorbona Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PRINCIPI E STANDARD DEL TIROCINIO PROFESSIONALE NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

PRINCIPI E STANDARD DEL TIROCINIO PROFESSIONALE NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE CONFERENZA PERMANENTE DEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Presidente Prof. Luigi Frati Vicepresidente Prof. Valerio Dimonte Segretario generale Prof.ssa Luisa Saiani PRINCIPI E STANDARD DEL

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Tuning Educational Structures in Europe

Tuning Educational Structures in Europe Un introduzione a Tuning Educational Structures in Europe Il contributo delle Università al Processo di Bologna 1 CONTENUTO 1. INTRODUZIONE 2. LA METODOLOGIA TUNING 3. COMPETENZE NEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli