La qualità del tirocinio nel Corso di Laurea in Infermieristica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La qualità del tirocinio nel Corso di Laurea in Infermieristica."

Transcript

1 La qualità del tirocinio nel Corso di Laurea in Infermieristica. Indagine sulla soddisfazione degli studenti della Sezione Formativa Bologna 1 Croce Rossa Italiana, Università degli Studi di Bologna Clinical practice quality in BNC (Bachelor of Nursing Course). Evaluation of students satisfaction in the Italian Red Cross School of Nursing, University of Bologna. Sandra Scalorbi* Francesco Burrai * Dott.Magistrale Sandra Scalorbi, Docente di Infermieristica preventiva e di comunità,coordinatore Didattico, Università degli Studi di Bologna,Sezione formativa Bo1-Scuola CRI Infermieri. PhD.Dott.Magistrale Francesco Burrai, Docente di Infermieristica Olistica, Docente di Teoria del Nursing, Coordinatore didattico,università degli Studi di Bologna. Sezione Formativa Bo1- Scuola CRI Infermieri. Riassunto uesto studio approfondisce e sviluppa il precedente lavoro Il sistema qualità UNI EN ISO 9001:2000. Progettazione e applicazione al Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Bologna: analisi del livello di soddisfazione degli studenti del III anno, con lo scopo di valutare la qualità del tirocinio tramite la misurazione del livello di soddisfazione del cliente/studente rispetto ai singoli elementi che concorrono a determinare gli aspetti essenziali dell apprendimento clinico. Lo strumento per la misurazione del livello di soddisfazione degli studenti è un questionario composto da 48 items suddiviso in 9 aree. Il campione è costituito dagli studenti del secondo anno (n=61) e terzo anno (n=95) del Corso di Laurea in Infermieristica dell Università degli Studi di Bologna, sezione formativa Bo-1, anno accademico Il numero dei questionari compilati è pari a 279 di cui 79 relativi agli studenti del secondo anno e 190 a quelli del terzo anno. I risultati ottenuti mostrano indici di soddisfazione attestati su valori medio alti rispetto alle diverse esperienze di tirocinio effettuate dagli studenti. Si riconferma come variabile critica la valutazione intermedia,fase estremamente importante dell apprendimento clinico. Parole chiave: tirocinio, controllo della qualità, formazione infermieristica, soddisfazione del cliente, questionari. Abstract This study is linked to the previous our UNI EN ISO 9001:2000 quality system. Project and application at BNC (Bachelor of nursing Course), University of Bologna: degree of satisfaction of third year s students. The aim of this study, carried on in 2006, were to find out how satisfied second (n=61) and third years (n=95) nursing bachelor course students, University of Bologna, were with their clinical practice, about each essential element in this kind of learning. The data were collected using a questionnaire purposely made, with 48 items in 9 fields. 279 questionnaires returned,79 by second year students and 190 by third year students. Results suggest a general satisfaction of students about their clinical practice experiences. Also in this study, the intermediate evaluation, very important in nursing clinical learning, is a critical variable. Keywords: clinical practice, quality control, nursing education, personal satisfaction, questionnaires. Introduzione I tirocini formativi e di orientamento vengono promossi al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell ambito dei processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro (L.196/97;D.M. 142/98). Il tirocinio rappresenta l ambito privilegiato per l acquisizione delle competenze professionali dell infermiere, l opportunità per tradurre il sapere acquisito in sapere esperto. In esso trovano sintesi gli aspetti cognitivi, relazionali, tecnici e deontologici atti a garantire il possesso delle competenze professionali nell ambito dell assistenza generale infermieristica, competenze immediatamente spendibili con il completamento del percorso di studi, stante il valore abilitante dell esame finale (D.M. 2 aprile 2001). Lo sviluppo della didattica in questo ambito ha determinato una crescente attenzione ai contenuti, ai metodi ed agli strumenti del tirocinio, secondo una logica che riconosce pari dignità alle diverse forme di apprendimento (Gamberoni et al., 1999). Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

2 Professioni Infermieristiche Progressivamente, inoltre, sono state sviluppate ed applicate le metodologie didattiche attive, che permettono di ridurre il divario fra apprendimento teorico e clinico. Il ciclo dell apprendimento clinico (White et.al.,1994) comprende la pratica clinica, che si realizza dopo aver adeguato le basi teoriche ed essersi sperimentati nel contesto protetto del laboratorio; è preceduta da incontri di briefing tesi a preparare, focalizzare e finalizzare l apprendimento rispetto agli obiettivi e durante l esperienza da incontri di debriefing, mirati a consentire la riflessione, l analisi ed il feedback. Nell ambito del sistema qualità applicato all Infermieristica è alta l attenzione ai processi, e ai prodotti/servizi. Tra questi vi è il tirocinio, i cui documenti di riferimento, nella realtà della Scuola Infermieri CRI Principessa di Piemonte di Bologna, sezione formativa Bo1 CRI- S.Orsola Malpighi, Corso di Laurea in Infermieristica, Università degli Studi di Bologna, sono rappresentati da Ordinamento, Regolamento, Programmazione didattica e Regolamento di Tirocinio che derivano dalle leggi e dai decreti sulla formazione universitaria. I docenti del tirocinio sono tutti appartenenti allo specifico profilo: Coordinatore delle attività tecnico pratiche e di tirocinio e Coordinatori didattici (tutori di anno), componenti la Commissione di tirocinio ed infine i referenti /tutori professionali delle strutture coinvolte. Gli strumenti del tirocinio sono stati elaborati per lo specifico contesto: libretto/diario delle attività tecnico pratiche e di tirocinio, obiettivi/scheda di valutazione, foglio delle presenze. Le attività integrative sono rappresentate dai diversi sottoprocessi in interrelazione: tutorato (individuale, collettivo, d area) e laboratorio. I momenti chiave del tirocinio sono rappresentati da accoglimento (Kim, 2003), orientamento, valutazione intermedia (formativa) e valutazione finale (certificativa). I principi più significativi applicati al tirocinio sono: programmazione didattica come metodo/processo (Ballanti et al., 1989; Bianco et al., 1990; Mager, 1990; Mager, 1991; Mager et al 1987; Tartarotti, 1986); personalizzazione dei percorsi di apprendimento; applicazione di dinamiche di tipo tutoriale (Binetti et al., 1999; Castellucci et al., 1997); valutazione dei risultati anche in termini di qualità; gradualità nell apprendimento; sviluppo dell autonomia; esplicitazione di obiettivi, metodi, strumenti, sistema di valutazione (Canonici, 1988); cooperazione e condivisione fra staff clinico e staff sezioni formative (Corlett, 2000; Papp et al., 2003; Astin et al., 2005). Un sistema che tende al miglioramento continuo della qualità deve monitorare i processi ed i risultati ottenuti; l orientamento al cliente prevede la misurazione della soddisfazione dello stesso ed eventuali azioni di miglioramento o di riprogettazione dei processi. Poiché esiste una correlazione fra la soddisfazione degli studenti e gli outcomes dell apprendimento l opinione degli studenti è importante: rappresenta infatti uno degli elementi che possono aiutare ad identificare le situazioni che favoriscono o ostacolano l apprendimento stesso. Alcune indagini svolte a livello internazionale hanno dimostrato come non sempre gli studenti infermieri siano soddisfatti della loro formazione. Una ricerca condotta in Spagna ha fatto emergere insoddisfazione sia da parte degli studenti che da parte degli infermieri guide di tirocinio rispetto alla formazione pratica (Perez Andres et al., 2002). Uno studio qualitativo condotto in Iran (Sharif et al., 2005) ha mostrato che gli studenti infermieri non sono soddisfatti della componente clinica della loro formazione, poiché sperimentano ansia in relazione alla sensazione di essere incompetenti ed alla mancanza di conoscenze ed abilità professionali finalizzate ad assistere persone con bisogni diversi nel contesto clinico. Un ulteriore studio condotto in Norvegia (Espeland et al., 2003), attraverso l utilizzo del Course Experience Questionnaire e del Nursing Clinical Facilitators Questionnaire modificati, ha invece messo in luce una generale insoddisfazione rispetto ai corsi di Infermieristica, ma una generale soddisfazione rispetto alla pratica clinica. La prima indagine sulla soddisfazione degli studenti, riferita ai diversi sottoprocessi che li riguardano, si è svolta presso la scuola C.R.I. di Bologna nel 2005 ed ha avuto risultati positivi (Bernardi, 2005). In una logica di miglioramento continuo, si è ritenuto di dovere esaminare in modo più dettagliato quali potessero essere i fattori che avevano determinato alcune valutazioni non sufficienti, quindi aree di ulteriore miglioramento rispetto al livello di soddisfazione relativo al tirocinio. Lo scopo dello studio è quindi quello di valutare la qualità del tirocinio tramite la misurazione del livello di soddisfazione del cliente/studente rispetto ai singoli elementi che concorrono a determinare gli aspetti essenziali dell apprendimento clinico. Metodo Il questionario per la valutazione del livello di soddisfazione degli studenti rispetto al sottoprocesso tirocinio, nell ambito del sistema di gestione per la 68 Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):67-73

3 qualità, considera 9 aree: accoglimento, orientamento, affiancamento (il processo di apprendimento si realizza proprio grazie alla stretta cooperazione con un infermiere che sta esercitando la propria professione) (Jerlock et al., 2003), integrazione con l equipe, disponibilità degli operatori, coinvolgimento nelle attività del servizio, obiettivi, valutazione e soddisfazione complessiva. Sette aree sono state scomposte nei singoli elementi che le costituiscono, tenendo conto dei contenuti relativi al tirocinio reperiti durante la ricerca bibliografica e di strumenti quali: il Course Experience Questionnaire, il Nursing Clinical Facilitators Questionnaire, i questionari utilizzati nel Master in Area Critica Settore Operatorio, Università degli Studi di Bologna e i questionari qualità utilizzati presso il Campus Biomedico di Roma (Binetti et al., 1999). Di seguito si elencano le singole aree con i relativi elementi : 1. Accoglimento 2. Orientamento A. Informazioni sulla struttura del servizio B. Informazioni sull organizzazione C. Informazioni sulle caratteristiche degli utenti D. Informazioni sugli infermieri di riferimento 3. Affiancamento A. Clima di apprendimento (Renzi et al., 2004) B. Supporto emotivo C. Supporto cognitivo D. Supporto tecnico E. Feed back sulle performance F. Sviluppo della capacità di osservazione G. Sviluppo della capacità di decision making H. Sviluppo della capacità di ragionamento clinico I. Sviluppo dell atteggiamento deontologico J. Sviluppo degli aspetti relazionali K. Analisi critica dei comportamenti dello studente 4. Integrazione con l equipe A. Lavoro in equipe B. Impiego del personale di supporto C. Utilizzo degli strumenti informativi 5. Disponibilità degli operatori A. Presenza di un infermiere di riferimento B. Compilazione libretto-diario C. Interazione con gli infermieri D. Interazione con gli altri professionisti/operatori 6. Coinvolgimento nelle attività A. Gradualità 7. Influenza dei seguenti elementi nel raggiungimento degli obiettivi A. Opportunità di acquisizione delle competenze gestuali B. Opportunità di acquisizione delle competenze relazionali C. Opportunità di acquisizione delle competenze educative D. Collaborazione fra sede formativa e di tirocinio E. Obiettivi specifici F. Utilizzo del libretto diario G. Applicazione del processo di assistenza infermieristica H. Modello organizzativo assistenziale I. Documentazione infermieristica J. Applicazione di procedure, protocolli, linee guida K. Confronto teoria pratica (Rolfe, 1999; De Marinis et al.,1999) L. Durata dell esperienza di tirocinio (Corlett, 2000) M. Sequenza teoria pratica N. Rapporto fra esperienze effettuate ed obiettivi O. Carico assistenziale P. Affiancamento a infermieri diversi Q. Orari di tirocinio 8. Valutazione A. Chiarezza circa gli obiettivi e le modalità di valutazione B. Rispetto dei tempi C. Condivisione da parte di tutti gli infermieri coinvolti D. Confronto con lo studente sugli aspetti di forza e debolezza (valutazione intermedia) E. Illustrazione da parte della guida di tirocinio o di persona delegata (valutazione finale) 9. Soddisfazione complessiva rispetto all esperienza di tirocinio Gli elementi sono stati testati sottoponendo il questionario ad una revisione da parte di 9 docenti e tutor della sezione formativa Bo-1 e successivamente ad un test pilota su un campione casuale di 10 studenti del secondo e terzo anno. La raccolta dati è stata effettuata nei mesi di maggio e giugno 2006 da parte dei coordinatori didattici, durante lo svolgimento delle attività tutoriali. Ogni studente frequentante il tirocinio ha compilato un questionario per ogni periodo di tirocinio svolto nell Anno Accademico in corso. Complessivamente, gli Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

4 Professioni Infermieristiche studenti coinvolti nell indagine sono stati 61 per il II anno e 95 per il III anno, per un totale di 269 questionari, la cui distribuzione rispetto alle aree di tirocinio è riportata in tabella 1. Area di tirocinio Numero questionari Sala operatoria 35 Pediatria 22 Terapia Intensiva 44 Emergenza 32 Tabella 2. Box-Plot del livello di soddisfazione area ORIENTAMENTO Specialità mediche 34 Psichiatria 13 Assistenza domiciliare 14 Chirurgia 23 Medicina 35 Geriatria 17 Tot:269 Tabella 3. Box-Plot del livello di soddisfazione area AFFIANCAMENTO Tabella 1: Distribuzione questionari rispetto all area di tirocinio (n = 269) Per ciascun elemento lo studente ha espresso un punteggio compreso tra 0 (estremamente negativo/insoddisfacente) e 10 (estremamente positivo/soddisfacente), dove 6 indica un valore sufficiente. Tutti i questionari distribuiti sono stati riconsegnati correttamente compilati. Gli strumenti statistici utilizzati per l analisi dei dati sono la distribuzione assoluta di frequenza, indici di tendenza centrale, mediana, moda e indice di dispersione con l intervallo interquartile. Tabella 4. Box-Plot del livello di soddisfazione area INTEGRAZIONE CON L EQUIPE Risultati Il livello di soddisfazione riportato nell area ACCOGLIMENTO, ha valori di moda e mediana pari a 8.L intervallo interquartile presenta un indice di dispersione pari a 2, con almeno il 50% dei punteggi che cade tra i valori 7-9. Di seguito si riportano le tabelle contenenti i relativi box-plot del livello di soddisfazione delle restanti aree rispetto ai singoli elementi che le compongono. Tabella 5. Box-Plot del livello di soddisfazione area DISPONIBILITÀ DEGLI OPERATORI 70 Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):67-73

5 Tabella 6. Box-Plot del livello di soddisfazione area COINVOLGIMENTO NELLE ATTIVITÀ Tabella 9. Box-Plot del livello di soddisfazione area SODDISFAZIONE COMPLESSIVA RISPETTO ALL ESPERIENZA DI TIROCINIO per anno di corso. Discussione Tabella 7. Box-Plot del livello di soddisfazione area OBIETTIVI. Tabella 8. Box-Plot del livello di soddisfazione area VALUTAZIONE L area SODDISFAZIONE COMPLESSIVA RISPETTO ALL ESPERIENZA DI TIROCINIO, ha mostrato valore di moda pari a 9 e una mediana di 8. L intervallo interquartile presenta un indice di dispersione pari a 2, con almeno il 50% dei punteggi che cade tra i valori 7-9. Si riporta la comparazione fra i punteggi dei due anni di corso dall area SODDISFAZIONE COMPLESSIVA RISPETTO ALL ESPERIENZA DI TIROCINIO, i cui risultati sono mostrati in tabella 9. Le aree accoglimento e orientamento, presentano valori di moda, mediana ed intervallo interquartile molto positivi, ma esistono possibilità di miglioramento rispetto alle informazioni sugli infermieri di riferimento (D) dove Q1 è pari a 6. I valori relativi all affiancamento sono buoni: va rilevata la differenza nel supporto tecnico (D) ed in quello cognitivo (C) ed emotivo (B). In particolare, il valore della mediana per il supporto emotivo è 7: probabilmente è necessario un sostegno maggiore agli studenti, soprattutto nelle situazioni più complesse, oppure in quelle che lo studente affronta per la prima volta. Inoltre, possibilità di miglioramento,evidenziate da un Q1=6, esistono in riferimento al clima di apprendimento (A), al feed back sulla performance (E) ed allo sviluppo degli aspetti relazionali (J) Importante e positivo appare il risultato relativo allo sviluppo delle capacità di osservazione (F), decision making (G) e ragionamento clinico (H) e anche dell atteggiamento deontologico (I), elementi fondamentali nell esercizio di una professione autonoma e rivolta alla persona. Per quanto riguarda l integrazione con l equipe, i risultati sono positivi anche se può essere potenziata (Q1=6,mediana=7) in particolare per quanto concerne l impiego del personale di supporto (B) e l utilizzo degli strumenti informativi (C). Il personale di supporto probabilmente non è sempre presente in tutti i servizi, ed a volte può essere impropriamente impiegato laddove esiste. In questo modo si priva lo studente della possibilità di apprendere le corrette modalità di coinvolgimento di tale personale nell assistenza alla persona, aspetto previsto esplicitamente dal profilo professionale dell infermiere. Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

6 Professioni Infermieristiche L utilizzo degli strumenti informativi, oltre a consentire l integrazione professionale e la continuità delle cure, permette la pianificazione personalizzata dell assistenza. Anche in questo caso, un uso inadeguato o la mancanza degli strumenti può impoverire l esperienza di apprendimento e l efficacia dell assistenza erogata. Molto buono è il risultato relativo agli aspetti inerenti la disponibilità degli operatori, ed eccellente la valutazione sulla presenza degli infermieri di riferimento (A) con un valore di moda pari a 10. In riferimento alla compilazione del libretto/diario (B) con un Q1=6, area disponibilità degli operatori, la firma delle guide di tirocinio certifica l avvenuto apprendimento dello studente. Ciò implica l avere personalmente valutato l effettuazione dell attività ed il livello di abilità con cui è stata realizzata, secondo la scala tassonomica prevista e descritta all interno del libretto stesso. Anche negli incontri di tutorato emerge che la firma non è sempre contestuale rispetto all effettuazione dell attività stessa; inoltre, da parte dello studente lo svolgimento in autonomia può essere inteso solo come la capacità di effettuare tecnicamente l attività. Per quanto riguarda il coinvolgimento nelle attività (Q1=6), grande attenzione deve essere posta sia alla gradualità nello svolgimento delle stesse (elemento che viene valutato analizzando il libretto/diario durante gli incontri di tutorato individuale) che alla varietà. Anche in quest ultimo caso, l analisi con lo studente del libretto/diario da parte del tutore di anno e della guida di tirocinio, consente di evidenziare le attività mai o raramente svolte e le possibili cause. Gli elementi che influenzano il raggiungimento degli obiettivi, come l opportunità di acquisire le competenze gestuali (A), relazionali (B) ed educative (C) sono da porsi in relazione alle caratteristiche ed ai problemi assistenziali degli utenti:allo stesso modo, il rapporto fra esperienze effettuate ed obiettivi (N)(mediana=7), non sempre può essere determinato a priori, vista l imprevedibilità delle situazioni assistenziali. L applicazione del processo di assistenza infermieristica (G) può essere sperimentata nella pratica solo là dove essa si realizza. Ancora una volta va considerato che il tirocinio è svolto nella realtà dei servizi, che presentano imprevedibilità, complessità e criticità (Marmo et al., 1997; Materese et al., 2000; Boggio Gilot et al., 1999). L implementazione del metodo nella pratica assistenziale, oltre a garantire migliori risultati nel soddisfacimento dei bisogni di assistenza infermieristica degli utenti, potrebbe aumentare la qualità dell apprendimento. Lo stesso si può dire per altri aspetti, quali il modello organizzativo assistenziale (H) e l applicazione di procedure, protocolli, linee guida (J). Infine, alla luce dei risultati dell analisi bibliografica (Corlett, 2000; Jerlock et al., 2003; Rolfe, 1999), appare particolarmente positivo quanto emerge nella realtà in esame rispetto al confronto teoria pratica (K) (mediana=8), segnalata come possibile variabile critica. La valutazione era apparsa come l elemento maggiormente critico nella prima indagine e in questo studio emerge con chiarezza la necessità di aprire una azione di miglioramento che riguardi la valutazione intermedia (D). Rispetto alla valutazione infatti sono stati identificati cinque elementi,in riferimento ai quali misurare il livello di soddisfazione: Chiarezza circa gli obiettivi e le modalità di valutazione, Rispetto dei tempi,condivisione da parte di tutti gli infermieri coinvolti, Confronto con lo studente sugli aspetti di forza e debolezza (valutazione intermedia),illustrazione da parte della guida di tirocinio o di persona delegata (valutazione finale). Per tutti gli elementi il livello di soddisfazione ha valori di mediana pari a 8 ed indice di dispersione interquartile pari a 3 (Q1=6 e Q3=9). Fa eccezione il confronto con lo studente sugli aspetti di forza e debolezza (valutazione intermedia) con valori di mediana pari a 7,ed indice di dispersione interquartile pari a 4 (Q1=5 e Q3=9). E indispensabile, per garantire il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento, che lo studente venga puntualmente informato sugli aspetti di forza e debolezza a metà del percorso di tirocinio, in modo da potere correggere il proprio comportamento in modo adeguato. La valutazione formativa è importante ai fini dell apprendimento, perché non solo misura ma soprattutto corregge ed implica fiducia nelle possibilità di recupero espresse dallo studente. Limiti I limiti di questo studio possono essere così sintetizzati: 1. sarebbe opportuno confrontare questi risultati con quelli di altre Università italiane, mediante l utilizzo del medesimo strumento; 2. la soddisfazione degli studenti dovrebbe essere considerata insieme a quella dei servizi che li accolgono. Non è stata ancora effettuata un analisi dei dati per area di tirocinio e, se necessario, per servizio, in modo da fornire un feed-back più specifico ai colleghi dei servizi ed intervenire laddove le situazioni si sono mostrate meno soddisfacenti. I prossimi studi verranno effettuati proprio a tale scopo. 72 Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):67-73

7 Bibliografia Astin, F.,Newton, J., McKenna, L., & Moore-Coulson, L. ( 2005). Registered nurses expectations and experiences of first year students clinical skills and knowledge. Contemporary Nurse,18(3), Ballanti, G., & Fontana, L. (1989).Discorso e azione nella pedagogia scientifica. Firenze:Giunti Lisciani. Bernardi, M.G.(2005).La soddisfazione del cliente nel Sistema Qualità applicato al Corso di Laurea in Infermieristica, Anno Accademico 2004/2005. Tesi del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed ostetriche, Università degli studi di Roma Tor Vergata. Bianco, O., & Bianco Finocchiaro, R.(1990). Metodologia della programmazione per unità didattiche.firenze:le Monnier. Binetti, P., Pontati I., & Santini, D.(1999).Il tutorato. Modelli ed esperienze nella didattica universitaria. Roma:Società Editrice Universo. Boggio Gilot, C., & Marmo, G.(1999). Proposte di criteri di accreditamento per la formazione infermieristica universitaria. Professioni Infermieristiche,52(2), Canonici, A.(1988).La formazione e lo sviluppo del personale. Milano:Franco Angeli. Castellucci, A., Saiani, L., Sarchielli, G., & Marletta L.(1997). Viaggi guidati. Il tirocinio e il processo tutoriale nelle professioni sociali e sanitarie. Milano: Franco Angeli. Corlett, J.(2000). The perceptions of nurse teachers, student nurses and preceptors of the theory-practice gap in nurse education. Nurse Education Today, 20(6), De Marinis, M.G., Tartaglini, D., Matarese, M., Piredda, M., & Binetti, P.(1999). Modelli per la formazione clinica nel diploma universitario per infermiere. Nursing Oggi, 4(2): Decreto Ministeriale 25 marzo 1998, n. 142, Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all articolo 18 della Legge 24 giugno 1997, n. 196 sui tirocini formativi e di orientamento. Decreto Interministeriale 2 aprile Determinazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie. Espeland, V., & Indrehus, O.(2003). Evaluation of students satisfaction with nursing education in norway. Journal of Advanced Nursing,42(3), Gamberoni, L., Grilli, G., Lotti, A.,Marmo, G.,Massai D., & Spiani,L.(1999). Linee guida per un progetto di formazione di base dell infermiere. Roma: Federazione Nazionale Collegi IPASVI. Jerlock, M., Falk, K., & Severinsson, E.( 2003). Academic nursing education guidelines: tool for bridging the gap between theory, research and practice. Nursing Health Science,5(3), Kim, K.H.(2003).Baccalaureate nursing students experiences of anxiety producing situations in clinical setting. Contemporary Nurse,14(2), Legge 24 giugno 1997, n. 196, Norme in materia di promozione dell occupazione. Mager, R. F.(1990). Gli obiettivi didattici. Firenze:Giunti Lisciani. Mager, R.F. (1991).L analisi degli obiettivi. Firenze:Giunti Lisciani. Mager, R.F., & Beach, K.M.Jr.(1987).Come progettare l insegnamento, metodi e mezzi per l istruzione professionale. Firenze:Giunti Lisciani. Marmo, G.,Boggio Gilot, C., & Andreoli, A. (1997).Migliorare la guida dello studente nell apprendimento infermieristico clinico: riflessioni e proposte. L infermiere Dirigente, 3(3), Matarese, M., De Marinis, M.G., Tartaglini, D., & Binetti, P.(2000). Modelli organizzativi assistenziali ed influenze sulla formazione clinica degli studenti del corso di diploma universitario per infermiere. Nursing Oggi,5(2), Papp, I., Markkanen, M., & von Bonsdorff, M.(2003).Clinical environment as a learning environment: student nurse perceptions concerning clinical learning experiences. Nurse Education Today,23(4): Perez Andres, C., Alameda Cuesta, A., & Albeniz Lizarraga, C.( 2002). Practical nursing training in the university school of nursing of the community of madrid. opinion of students and health professionals. qualitative study with discussion groups. Revista Española de Salud Pública, 76(5), Renzi, E., & Grifone, C.(2004). L infermieristica e il tutorato clinico: un esperienza di formazione di tutors clinici presso l Università di Chieti.Professioni Infermieristiche, 57(2), Rolfe, G.(1999). Colmare il divario tra teoria e pratica:un modello di applicazione del nursing clinico. Professioni Infermieristiche,52(2),80-3. Sharif, F., & Masoumi, S. A.(2005).Qualitative study of nursing student experiences of clinical practice. BMC Nursing, 9(4),6. Tartarotti, L.(1986).La programmazione didattica. Firenze:Giunti Lisciani. White, R., & Ewan, C.(1994). Il tirocinio. L insegnamento clinico del nursing. Milano:Sorbona Prof Inferm Apr-Giu; 61(2):

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE ROMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA - POLICLINICO A. GEMELLI CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE ROMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA - POLICLINICO A. GEMELLI CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE ROMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA - POLICLINICO A. GEMELLI CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA A cura di DAI Sr. Lina Poddighe, Dott. Salvatore Bifano, Dott.sa Elena

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma

UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma OSPEDALE COTTOLENGO - Torino Corso di Laurea in Infermieristica Corso infermieri guida di tirocinio novembre 2014

Dettagli

ESAME DI STATO: attuali modalita di svolgimento e competenze core certificate, esperienze a confronto

ESAME DI STATO: attuali modalita di svolgimento e competenze core certificate, esperienze a confronto COMMISSIONE NAZIONALE DEI CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ESAME DI STATO: attuali modalita di svolgimento e competenze core certificate, esperienze a confronto Giornata di Studio Brescia 24 febbraio

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono.

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono. Modelli e Metodi del Tutorato nei tirocini delle professioni sanitarie e sociali Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Michele Tansella Comitato scientifico Prof. Michele Tansella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia Allegato 1 G PROGRAMMA FORMATIVO DEGLI EVENTI ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia CT04-2009 1. PREMESSA La formalizzazione di una esperienza di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 PIANO DIDATTICO Istituzione del Master Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

L'ESPERIENZA DEL TIROCINIO CLINICO NELLA FORMAZIONE DELLO STUDENTE INFERMIERE. L'UNIVERSITA' E LE UNITA' OPERATIVE

L'ESPERIENZA DEL TIROCINIO CLINICO NELLA FORMAZIONE DELLO STUDENTE INFERMIERE. L'UNIVERSITA' E LE UNITA' OPERATIVE CONVEGNO 31 MAGGIO 2013 L'ESPERIENZA DEL TIROCINIO CLINICO NELLA FORMAZIONE DELLO STUDENTE INFERMIERE. L'UNIVERSITA' E LE UNITA' OPERATIVE Stud.ssa Giulia Mataloni REGOLAMENTO INTERNAZIONALE Nel dicembre

Dettagli

Crediti assegnati: 37.5 Durata: 30 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di formazione

Crediti assegnati: 37.5 Durata: 30 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di formazione 00798 Formazione al ruolo di tutor clinici per infermieri appartenenti alle équipes ospedaliere e territoriali denominate "Team Teaching" per il tirocinio degli studenti. (IRCCRO_00798) Crediti assegnati:

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO Telefono 3389688974 Fax E-mail chiara.boggiogilot@tin.it

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE COGNOME NOME VENDRAMIN TOSCA Professione : CPSE Coordinatore corso di Laurea Sede lavorativa Tortona Tel.: 0131/1858051 Fax: 0131/1858068 E-mail: tvendramin@aslal.it CURRICULUM F ORMATO EUROPEO PER IL

Dettagli

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia 5 a Conferenza Nazionale GIMBE Dall'Evidence-based Practice alla Clinical Governance Bologna, 5 febbraio 2010 Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR

I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR LA FORMAZIONE TECNICO-PRATICA NEL CORSO DI LAUREA TRMIR: METODOLOGIE ED ESPERIENZE DEGLI STUDENTI I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR Dr. Mauro Curzel Coordinatore delle attività formative Corso

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie Corso di Laurea Magistrale in Scienz delle professioni sanitarie Il corso di Laurea Magistrale in Scienze della Riabilitazione comprende unità didattiche in numero non inferiore a 0 crediti. Sono ammessi

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO SEZIONE 3. IL PROGETTO 3.1 Analisi di contesto Allo stato attuale le attività didattiche del Corso di laurea in Medicina e chirurgia sono strutturate in linea con il nuovo curriculum comunitario approvato

Dettagli

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI FIAMMINGHI MERIS telefono 0516225173 ( segret. SATER Bellaria ) Fax 0516225312 E-mail Meris.fiamminghi@ausl.bo.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

SCHOOL COACHING. progetto formativo

SCHOOL COACHING. progetto formativo SCHOOL COACHING progetto formativo IL COACHING è una tecnica finalizzata al miglioramento della performance, attraverso lo sviluppo delle potenzialità personali. è uno strumento che consente di raggiungere

Dettagli

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella;

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella; COGNOME NOME EULOGIO CATERINA Professione : Infermiera Sede lavorativa A.S.L.BI Tel.: 0158409333 Fax: 0158401931 E-mail: caterina.eulogio@infermieribiella.it CURRICULUM Formazione e studi 1975 Diploma

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Scuola Diploma di Vigilatrice di Infanzia Infermiera

Dettagli

I master infermieristici in Area Critica

I master infermieristici in Area Critica WORKSHOP NAZIONALE ANIARTI Firenze 24 giugno 2006 - Palazzo dei Congressi I master infermieristici in Area Critica I corsi master per l area critica nelle università italiane: dove, quanti, come. Un indagine

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014 Denominazione del Corso di Studio: Science e Tecniche delle Attività Sportive Classe: LM-68 Sede: Palermo Dipartimento di riferimento: Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport Scuola: Scuola delle

Dettagli

Competenza e Ricerca

Competenza e Ricerca Competenza e Ricerca La ricerca è alla base del progresso infermieristico, dello sviluppo della disciplina e della professione. Metodologia della ricerca come presupposto per l acquisizione di una mentalità

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA Obiettivi: CORSO DOCENTE LIS II EDIZIONE A:S: 2015/2016 Programma e Contenuti Il corso per Docente di LIS si articola in un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato. L obiettivo

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli

Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it

Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it INFORMAZIONI PERSONALI Vetti Elisa Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it POSIZIONE RICOPERTA ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

L evoluzione della formazione delle professioni sanitarie in Italia

L evoluzione della formazione delle professioni sanitarie in Italia Corso di Alta Formazione per tutor clinici Università degli Studi di Bologna 28 maggio 2009 Docente: R. Pesci LA FORMAZIONE DI BASE E POST-BASE NELLE PROFESSIONI SANITARIE CARATTERISTICHE E RUOLI NEI PERCORSI

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO COLLEGIO IPASVI TREVISO Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO IL MORAL DISTRESS (MD) PERCEPITO DAGLI INFERMIERI IN UN OSPEDALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO: Presentazione dei Risultati di una Ricerca

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

Corso di formazione su metodologia, strategie e tecniche della Ricerca clinica

Corso di formazione su metodologia, strategie e tecniche della Ricerca clinica BANDO Corso di formazione su metodologia, strategie e tecniche della Ricerca clinica EDIZIONE 2015-2016 Art.1 - Oggetto La Fondazione per il Tuo cuore - HCF Onlus (enunciabile anche Fondazione Italiana

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA NORME REGOLAMENTARI PER L ATTUAZIONE DELL APPRENDIMENTO IN AMBITO PROFESSIONALE (TIROCINIO) 1 INDICE

Dettagli

Venerdì, 12 giugno 2015 Sala Centro Incontri Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 23 Torino 9.30 13.30

Venerdì, 12 giugno 2015 Sala Centro Incontri Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 23 Torino 9.30 13.30 Venerdì, 12 giugno 2015 Sala Centro Incontri Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 23 Torino 9.30 13.30 Il Master in Infermieristica di Famiglia e di Comunità: una proposta avanzata delle due Università

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

www.ipasvicomo.it 12maggio Giornata dell internazionale infermiere

www.ipasvicomo.it 12maggio Giornata dell internazionale infermiere l infermiere Supplemento a Agorà n. 41 (1-2009) - Reg. Trib. Como 1/98 del 09/02/1998 - Direttore responsabile Stefano Citterio Impaginazaione e stampa a cura di Elpo Edizioni Como - info@elpoedizioni.com

Dettagli

I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa

I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa CONFERENZA PERMANENTE DELLE CLASSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE COMMISSIONE NAZIONALE DEI CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE MONICA MANFREDINI. Redatto ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.445

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE MONICA MANFREDINI. Redatto ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.445 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI MONICA MANFREDINI Redatto ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.445 1 MONICA MANFREDINI Dati personali: CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE nata a

Dettagli

Eperienze tutoriali nel tirocinio dello studente universitario. La realtà di Brescia. M. Cadei. Professione e Università

Eperienze tutoriali nel tirocinio dello studente universitario. La realtà di Brescia. M. Cadei. Professione e Università Professione e Università Eperienze tutoriali nel tirocinio dello studente universitario. La realtà di Brescia. M. Cadei TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Scuola Diretta a Fini Speciali di Tecnico di Laboratorio

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 ATTENZIONE: le informazioni riportate nel presente documento potranno essere oggetto di successive integrazioni. Date esami finali:

Dettagli

La ricerca infermieristica, uno strumento per il cambiamento della pratica comune

La ricerca infermieristica, uno strumento per il cambiamento della pratica comune Concorso Regionale di borsa di studio per la ricerca infermieristica - 1 edizione anno 2007 La ricerca infermieristica: uno strumento per il cambiamento della pratica comune. Il coordinamento dei Collegi

Dettagli

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000

Ente accreditato dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca d Italia per la formazione del personale Scuola D.M. 177/2000 UN NUOVO MODELLO DI MASTER UNIVERSITARIO UNA COMPARAZIONE DEL MODELLO ISPEF IN ITALIA, ROMANIA E CILE Dati dell Autore Nome e Cognome: Fausto Presutti Email: f.presutti@ispef.it ; faustopresutti@gmail.com

Dettagli

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati La Responsabilità Professionale: la documentazione Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati OTTICA DI SISTEMA NELLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Estryn-Beharl et al. 2004 e Kaissi et al., 2003 sostengono

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carla Repetto Data di nascita 23 luglio 1957 Qualifica CPSE Amministrazione ASL AL Incarico attuale Responsabile SITRO Formazione Numero telefonico

Dettagli

-------------------------------- ---------------------------------

-------------------------------- --------------------------------- Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione: 10.01.2013 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del

Dettagli

Master Universitario annuale di I livello in

Master Universitario annuale di I livello in Master Universitario annuale di I livello in EDUCATORE MUSICALE PROFESSIONALE: Esperto in didattica musicale per la scuola primaria e secondaria di primo grado II EDIZIONE (1.500 ore 60 Crediti Formativi

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITA 2012. Indice

RELAZIONE ATTIVITA 2012. Indice Indice Premessa pag. 2 1. Sistema Gestione Qualità pag. 2 2. Formazione Universitaria pag. 2 3. Corsi di riqualificazione per Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) pag. 3 4. Educazione Continua in Medicina

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Il master in oncologia e cure palliative. I.L. A.F.D. Bulfone Teresa B.T. 20.11.04

Il master in oncologia e cure palliative. I.L. A.F.D. Bulfone Teresa B.T. 20.11.04 Il master in oncologia e cure palliative I.L. A.F.D. Bulfone Teresa Obiettivo generale: Formare infermieri con competenze professionali avanzate e funzionali, secondo le indicazioni del Curriculum essenziale

Dettagli

Introduzione alla Ricerca Bibliografica. User Education nella Biblioteca della Facoltà di Scienze della Formazione della LUMSA

Introduzione alla Ricerca Bibliografica. User Education nella Biblioteca della Facoltà di Scienze della Formazione della LUMSA Introduzione alla Ricerca Bibliografica on-line User Education nella Biblioteca della Facoltà di Scienze della Formazione della LUMSA DALL ORIENTAMENTO IN BIBLIOTECA ALLA USER EDUCATION SU RICHIESTA Le

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti)

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Gambassi Laura Data di nascita 02 01-1966 Qualifica Coll. Sanitario esperto Infermiere Incarico attuale Operation Manager - Direttore UOP Numero telefonico

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Conferenza Nazionale CdLLMPS Giunta - 20 marzo 2013 Assemblea - Portonovo 12 settembre 2013

Conferenza Nazionale CdLLMPS Giunta - 20 marzo 2013 Assemblea - Portonovo 12 settembre 2013 Linee di indirizzo per la prova finale dei Corsi di Laurea afferenti alle classi delle professioni sanitarie (DIM 19 febbraio 2009) avente valore di esame di abilitazione all esercizio professionale. Conferenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) CONSENSO INFORMATO: DUE ANIME, DUE ATTORI - Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche - Aula Sezione

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso la Scuola per Infermieri Professionali di Ferrara 1994

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Università degli Studi dell'insubria Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi dell'insubria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi dell'insubria Facoltà di Medicina e hirurgia ORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTIA (Abilitante alla professione sanitaria di Infermiere) Presidente Prof. Maurizio hiaranda Manifesto degli

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE Art. 1 Esame di Laurea Per essere ammesso a sostenere l Esame di Laurea, lo Studente deve aver seguito tutti

Dettagli