Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia"

Transcript

1 GLOSSARIO di acronimi, abbreviazioni e simboli utilizzati in campo ambientale.. e dintorni a cura di Daniela Rabitti, aggiornato al settembre 2008 Per un efficace utilizzo si raccomanda di verificare la congruità del significato attribuito all acronimo con il contesto in cui esso è inserito. Le informazioni sono state tratte prevalentemente da documentazione del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio. Consapevoli della non completezza del glossario, si ringraziano fin d ora coloro che vorranno contribuire ad arricchirlo con le loro segnalazioni a A AA AA AAI AAT ABC Analisi Ambientale Autorità Ambientali Analisi Ambientale Iniziale E l'analisi con la quale viene stabilita la posizione iniziale dell'organizzazione rispetto alle condizioni ambientali. Linea elettrica ad Altissima Tensione di esercizio Da 380 KV a 220 KV Asian Brown Cloud Nube marrone asiatica. E un immensa coltre di inquinanti che si estende su oltre un terzo dell Asia. Dal caratteristico colore marroncino, è prodotta per lo più a causa dell utilizzo di combustibili di scarsa qualità che rilasciano nell aria grandi quantità di polveri e zolfo (si consideri che in India, dove vivono più di un miliardo di persone, il combustibile principale nelle case è lo sterco essiccato degli animali). Questa nube provoca una diminuzione dell irraggiamento solare del 10% circa e, di conseguenza, una pari riduzione nella resa dei raccolti. Notevole è anche la sua influenza sulla periodica attività monsonica: mentre le regioni più ad Est sono soggette a piogge sempre più frequenti, le regioni più ad Ovest vanno incontro a frequenti periodi di siccità. A 21 Agenda = XXI secolo E un documento di intenti ed obiettivi programmatici su ambiente, economia e società sottoscritto da oltre 170 paesi di tutto il mondo, durante la Conferenza su Ambiente e Sviluppo (UNCED) svoltasi a Rio de Janeiro nel giugno Tale documento è formato da 40 capitoli e suddiviso in 4 sezioni: dimensioni economiche e sociali, conservazione e gestione delle risorse per lo sviluppo, rafforzamento del ruolo delle forze sociali e strumenti di attuazione. A 21 L Agenda 21 Locale Il capitolo 28 Iniziative delle amministrazioni locali di supporto all Agenda 21 riconosce un ruolo decisivo alle comunità locali nell attuare le politiche di sviluppo sostenibile, tenuto conto che oltre il 45% della popolazione mondiale vive in contesti urbani. Nel capitolo 28 si legge Ogni amministrazione locale dovrebbe dialogare con i cittadini, le organizzazioni locali e le imprese private e adottare una propria Agenda 21 locale. Attraverso la consultazione e la costruzione del consenso, le D. Rabitti marzo /40

2 ACC ACCOBAMS ACI Convenzione ACP-CEE ACPH ACR ADR AE AEA AEE AEEG AESA AESS AGF AI AIA AIA AIAB AIM amministrazioni locali dovrebbero apprendere e acquisire dalla comunità locale e dal settore industriale, le informazioni necessarie per formulare le migliori strategie. L Agenda 21 locale può in questo modo essere definita come uno processo, condiviso da tutti gli attori presenti sul territorio (stakeholder), per definire un piano di azione locale che guardi al 21 secolo. Administrative Committee on Coordination (United Nation) Comitato di coordinamento amministrativo ( delle Nazioni Unite) Agreement on the Conservation of Cetaceans of the Black Sea, Mediterranean Sea and Contiguous Atlantic Area (CMS) Accordo sulla conservazione dei cetacei del Mar Nero, del Mar Mediterraneo e dell area contigua dell Atlantico Automobile Club Italiano Convenzione che vieta l esportazione dei rifiuti pericolosi dai Paesi Comunitari ai Paesi dell Africa, Caraibi e Pacifico. Meglio conosciuta come Convenzione di Lomè. Advisory Committee Pollution Harmful Substances E il comitato consultivo comunitario per la riduzione e il controllo degli inquinamenti marini causati dal petrolio e da altre sostanze pericolose scaricate in mare. Association of Cities for Recycling Associazione delle città per il riciclaggio Accord Dangerouses par Route Accordo europeo sul trasporto internazionale di merci pericolose su strada. L ADR disciplina le modalità di trasporto di merci pericolose, i requisiti dei mezzi di trasporto, le norme e le prove che determinano la classificazione come pericolose delle singole sostanze e le condizioni di imballaggio delle merci. Abitante Equivalente Parametro di equivalenza del carico inquinante prodotto per abitante, pari convenzionalmente ad un BOD di 60 g di ossigeno(o 2 ) al giorno. Agenzia Europea dell Ambiente E una delle dodici agenzie specializzate dell Unione Europea, creata per fornire ai decisori politici e al pubblico informazioni obiettive, attendibili e complete sull ambiente a livello europeo. Ha sede a Copenaghen ed ha il compito di sviluppare e coordinare la rete europea di informazione e di osservazione in materia ambientale (EIOnet). Ha l'obiettivo di raccogliere, elaborare e divulgare i dati ambientali di interesse europeo per aiutare la Comunità a migliorare l'ambiente ed avviarsi verso lo sviluppo sostenibile e per assisterla nello sforzo d'integrare la dimensione ambientale nelle politiche economiche. Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile Agenti Fisici Aridity Index Indice di aridità Autorizzazione Ambientale Integrata Advanced Informed Agreement Procedura che riguarda la possibilità di procedere all esportazione di un OGM tramite la procedura del consenso implicito (in assenza di risposta della parte importatrice) o di consenso esplicito espresso formalmente. Associazione Italiana Agricoltura Biologica Acque Interne e Marino-costiere D. Rabitti marzo /40

3 AIPIN AIRNET AMD AMB ANAB ANBI ANC ANCI ANDREA ANFORA ANGQ ANPA ANR AOP AOSIS AOT AP, Acidification APAT Progetto APE APEA Progetto APHEA API API APO APPA APS ARPA ARSA ASEAN Protocollo ASPIM Associazione Italiana Per la Ingegneria Naturalistica European Thematic Network on Air Pollution Acid Mine Drainage Acqua acida drenante da miniera abbandonata Dipartimento Stato dell Ambiente, Controlli e Sistemi Informativi Associazione Nazionale Architettura Bioecologica Associazione Nazionale Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari Acid Neutralizing Capacity Potenziale di neutralizzazione degli acidi. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Archivio Nazionale di Documentazione e Ricerca per l Educazione Ambientale Archivio Nazionale sulla Formazione e Orientamento Ambientale Associazione Nazionale Garanzia Qualità Agenzia Nazionale per la Protezione dell Ambiente Svolge attività tecnico-scientifiche applicate alla protezione dell Ambiente Alliance for National Renewal Unione per il rinnovamento nazionale Programma Auto Oil Programma voluto dalla Commissione europea per valutare i costi e l efficacia delle misure per il contenimento delle emissioni da traffico a livelli compatibili con i nuovi standard di qualità dell aria, proposti a livello comunitario. Alliance Of Small Island States L associazione delle nazioni caraibiche e del pacifico che promuove un azione urgente da parte delle nazioni più industrializzate per la riduzione delle emissioni dei gas serra. Le nazioni appartenenti all AOSIS sono allarmate dagli effetti causati dal riscaldamento globale terrestre, fra i quali l innalzamento del livello dei mari e l aumento nella frequenza delle tempeste. Accumulated exposure Over Threshold Somma dell esposizione oltre il limite di soglia. Categoria d impatto che permette la valutazione del contributo all acidificazione provocato dall immissione in atmosfera di gas acidificanti (Sox e Nox) Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici Agenzia in cui, dal 6 ottobre 2002, sono confluite ANPA ed i Servizi Tecnici della Presidenza del Consiglio Servizi Geologico, Idrografico e Mareografico Nazionali. Progetto Appennino Parco d Europa Si propone di fare dei Parchi elemento motore di uno sviluppo sostenibile delle aree interne dell Appennino. Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate Progetto Air Pollution and Health effects: a European Approach Inquinamento dell aria ed effetti sulla salute: un approccio europeo. Progetto di ricerca multicentrico che coinvolge 34 città in Europa. Associazione Piccole e Medie Industrie Associazione Piscicoltori Italiani Ambiti Produttivi Omogenei Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente E presente nelle province autonome di Bolzano e Trento Aiuto Pubblico allo Sviluppo Agenzia Regionale per la Prevenzione dell Ambiente Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l innovazione Agricola Association of SouthEast Asian Nations Associazione delle nazioni del sudest asiatico Protocollo di Barcellona (1995) in cui si fa riferimento all introduzione di specie non indigene o geneticamente modificate e si invitano le Parti a fare ogni sforzo per attuare tutte le misure atte a sradicare specie già introdotte, qualora risulti, a seguito D. Rabitti marzo /40

4 ASSIL ASSOMET ASTM AT ATIG ATO ATO ATO ATZ AVI AWC AA AA AAI AAT AT Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia di valutazione scientifica, che tali specie provocano o sono suscettibili di provocare danni agli ecosistemi, habitat o specie, nella zona di applicazione del Protocollo. ASSociazione Nazionale Produttori ILluminazione ASSOciazione dei METalli Non Ferrosi American Society for Testing and Materials Organizzazione internazionale con sede a Filadelfia (USA), organizzata in un sistema volontario di sviluppo delle norme, comprendente diversi comitati coinvolti nella determinazione dei materiali di riferimento e delle norme tecniche relative ad un determinato campo di utilizzo. Linea elettrica ad Alta Tensione di esercizio Da 150 KV a 40 KV Associazione Tecnica Italiana Gas Aree Territoriali Omogenee Ambito Territoriale Ottimale Autorità Territoriali Ottimali Alto Tenore di Zolfo Aree Vulnerabili Italiane Capacità di ritenzione idrica del suolo Analisi Ambientale Autorità Ambientali Analisi Ambientale Iniziale E l'analisi con la quale viene stabilita la posizione iniziale dell'organizzazione rispetto alle condizioni ambientali. Linea elettrica ad Altissima Tensione di esercizio Da 380 KV a 220 KV Linea elettrica ad Alta Tensione di esercizio Da 150 KV a 40 KV A 21 Agenda = XXI secolo E un documento di intenti ed obiettivi programmatici su ambiente, economia e società sottoscritto da oltre 170 paesi di tutto il mondo, durante la Conferenza su Ambiente e Sviluppo (UNCED) svoltasi a Rio de Janeiro nel giugno Tale documento è formato da 40 capitoli e suddiviso in 4 sezioni: dimensioni economiche e sociali, conservazione e gestione delle risorse per lo sviluppo, rafforzamento del ruolo delle forze sociali e strumenti di attuazione. A 21 L ACI Convenzione ACP-CEE ACPH Agenda 21 Locale Il capitolo 28 Iniziative delle amministrazioni locali di supporto all Agenda 21 riconosce un ruolo decisivo alle comunità locali nell attuare le politiche di sviluppo sostenibile, tenuto conto che oltre il 45% della popolazione mondiale vive in contesti urbani. Nel capitolo 28 si legge Ogni amministrazione locale dovrebbe dialogare con i cittadini, le organizzazioni locali e le imprese private e adottare una propria Agenda 21 locale. Attraverso la consultazione e la costruzione del consenso, le amministrazioni locali dovrebbero apprendere e acquisire dalla comunità locale e dal settore industriale, le informazioni necessarie per formulare le migliori strategie. L Agenda 21 locale può in questo modo essere definita come uno processo, condiviso da tutti gli attori presenti sul territorio (stakeholder), per definire un piano di azione locale che guardi al 21 secolo. Automobile Club Italiano Convenzione che vieta l esportazione dei rifiuti pericolosi dai Paesi Comunitari ai Paesi dell Africa, Caraibi e Pacifico. Meglio conosciuta come Convenzione di Lomè. Advisory Committee Pollution Harmful Substances D. Rabitti marzo /40

5 ACR ADR AE AEA AEE AEEG AESA AESS AGF AIA AIA AIAB AIM AIPIN AMB ANBI ANCI ANDREA ANFORA ANGQ ANPA ANR AOP AOT AP, Acidification APAT Progetto APE Progetto APHEA E il comitato consultivo comunitario per la riduzione e il controllo degli inquinamenti marini causati dal petrolio e da altre sostanze pericolose scaricate in mare. Association of Cities for Recycling Associazione delle città per il riciclaggio Accord Dangerouses par Route Accordo europeo sul trasporto internazionale di merci pericolose su strada. L ADR disciplina le modalità di trasporto di merci pericolose, i requisiti dei mezzi di trasporto, le norme e le prove che determinano la classificazione come pericolose delle singole sostanze e le condizioni di imballaggio delle merci. Abitanti Equivalenti Agenzia Europea dell Ambiente E una delle dodici agenzie specializzate dell Unione Europea, creata per fornire ai decisori politici e al pubblico informazioni obiettive, attendibili e complete sull ambiente a livello europeo. Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile Agenti Fisici Autorizzazione Ambientale Integrata Advanced Informed Agreement Procedura che riguarda la possibilità di procedere all esportazione di un OGM tramite la procedura del consenso implicito (in assenza di risposta della parte importatrice) o di consenso esplicito espresso formalmente. Associazione Italiana Agricoltura Biologica Acque Interne e Marino-costiere Associazione Italiana Per la Ingegneria Naturalistica Dipartimento Stato dell Ambiente, Controlli e Sistemi Informativi Associazione Nazionale Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Archivio Nazionale di Documentazione e Ricerca per l Educazione Ambientale Archivio Nazionale sulla Formazione e Orientamento Ambientale Associazione Nazionale Garanzia Qualità Agenzia Nazionale per la Protezione dell Ambiente Svolge attività tecnico-scientifiche applicate alla protezione dell Ambiente Alliance for National Renewal Unione per il rinnovamento nazionale Programma Auto Oil Programma voluto dalla Commissione europea per valutare i costi e l efficacia delle misure per il contenimento delle emissioni da traffico a livelli compatibili con i nuovi standard di qualità dell aria, proposti a livello comunitario. Accumulated exposure Over Threshold Somma dell esposizione oltre il limite di soglia. Categoria d impatto che permette la valutazione del contributo all acidificazione provocato dall immissione in atmosfera di gas acidificanti (Sox e Nox) Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici Agenzia in cui, dal 6 ottobre 2002, sono confluite ANPA ed i Servizi Tecnici della Presidenza del Consiglio Servizi Geologico, Idrografico e Mareografico Nazionali. Progetto Appennino Parco d Europa Si propone di fare dei Parchi elemento motore di uno sviluppo sostenibile delle aree interne dell Appennino. Progetto Air Pollution and Health effects: a European Approach Inquinamento dell aria ed effetti sulla salute: un approccio europeo. D. Rabitti marzo /40

6 API API APPA APS ARPA ARSA Protocollo ASPIM ASSIL ASSOMET ASTM ATIG ATO ATO ATO ATZ AVI AWC B BAS BAT BATNEEC B2B B2C BaP BCF BDA BDE BEI BEST BGCI BM Progetto di ricerca multicentrico che coinvolge 34 città in Europa. Associazione Piccole e Medie Industrie Associazione Piscicoltori Italiani Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente E presente nelle province autonome di Bolzano e Trento Aiuto Pubblico allo Sviluppo Agenzia Regionale per la Prevenzione dell Ambiente Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l innovazione Agricola Protocollo di Barcellona (1995) in cui si fa riferimento all introduzione di specie non indigene o geneticamente modificate e si invitano le Parti a fare ogni sforzo per attuare tutte le misure atte a sradicare specie già introdotte, qualora risulti, a seguito di valutazione scientifica, che tali specie provocano o sono suscettibili di provocare danni agli ecosistemi, habitat o specie, nella zona di applicazione del Protocollo. ASSociazione Nazionale Produttori ILLuminazione ASSOciazione dei METalli Non Ferrosi American Society for Testing and Materials Organizzazione internazionale con sede a Filadelfia (USA), organizzata in un sistema volontario di sviluppo delle norme, comprendente diversi comitati coinvolti nella determinazione dei materiali di riferimento e delle norme tecniche relative ad un determinato campo di utilizzo. Associazione Tecnica Italiana Gas Aree Territoriali Omogenee Ambito Territoriale Ottimale Autorità Territoriali Ottimali Alto Tenore di Zolfo Aree Vulnerabili Italiane Capacità di ritenzione idrica del suolo Best Available Scientific Information Migliori informazioni scientifiche disponibili Best Available Techniques (Technologies) Migliori tecniche (o tecnologie) disponibili Tecniche: sia le tecniche impegnate sia le modalità di progettazione, costruzione, manutenzione, esercizio e chiusura dell impianto. Disponibili: subordinate ad una ragionevolezza di accesso per il gestore dell impianto. Migliori: in termini di efficacia per la protezione dell ambiente nel suo complesso. Best Available Technology Not Entailing Excessive Costs Migliori tecnologie disponibili che non impongono costi eccessivi Business to Business Business to Consumer Benzo[a]Pirene Fattore di BioConcentrazione Banca Dati Alfanumerica BromoDifenilEtere Composto chimico utilizzato come ritardante di fiamma Banca Europea degli Investimenti Businesses for an Environmentally Sustainable Tomorrow Impegni, compiti, per un domani ambientalmente sostenibile Botanic Gardens Conservation International Rete globale per la conservazione delle piante. Raggruppa giardini botanici che lavorano assieme per preservare e promuovere la diversità delle piante. Fondata nel 1987, conta 800 istituzioni in oltre 120 Paesi. Bromuro di Metile D. Rabitti marzo /40

7 BOD Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Fumigante largamente utilizzato in Italia per la disinfestazione del terreno. E stato inserito nel Protocollo di Montreal tra le sostanze ritenute responsabili della distruzione della fascia di ozono stratosferico ed il suo consumo è stato posto sotto controllo. Biological Oxigen Demand Domanda biochimica di ossigeno BOD 5 Biological Oxigen Demand 5 Domanda biochimica di ossigeno in 5 giorni. Il suo elevato tenore indica la presenza di notevoli quantità di sostanze biodegradabili provenienti dalle acque usate di origine umana. BPCO BPSP BREF BT BT BTX BTZ BUR C CA CAC CAFE CBD CBPA Cc CCIAA CCIS CCP CCR CCS CCTN CCTA CDE CDM CDR Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva Biodiversity Planning Support Programme (UNDP-UNEP) Programma delle Nazioni Unite per pianificare e supportare la biodiversità. Best Available techniques REFerence documents Documentazione di riferimento sulle migliori tecniche disponibili (BAT) Linea elettrica a Bassa Tensione di esercizio 380 V Bilancio Termico Benzene, Toluene Xilene Sigla che indica la presenza delle tre sostanze appartenenti alla classe dei COV. Il loro rilevamento è ritenuto particolarmente significativo in relazione agli effetti sulla salute umana. Basso Tenore di Zolfo Olio combustibile con tenore di zolfo compreso tra 0,5 e 1,3%. Bollettino Ufficiale delle Regioni Combustibili Alternativi Contributo Ambientale Conai Clean Air For Europe Programma europeo: Aria pulita per l Europa Convention on Biological Diversity Convenzione sulla Diversità Biologica Codici di Buona Pratica Agricola Comuni costieri Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura Centro Carabinieri Investigazioni Scientifiche Cities for Climate Protection Le città per la protezione del clima Centro Comune di Ricerca Carbon Capture and Storage Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale Comando Carabinieri Tutela Ambientale Ex NOE Centro Documentazione Educativa Clean Development Mechanism Sviluppo pulito, scambio di diritti di emissione tra Paesi industrializzati e Paesi in via di sviluppo; consente la realizzazione, da parte dei Paesi industriali, di iniziative industriali e tecnologiche nei Paesi in via di sviluppo. (meccanismo previsto dal Protocollo di Kyoto) Combustibile Da Rifiuto Combustibile alternativo ottenuto dalla componente secca (carta, plastica, fibre tessile, ecc.) dei rifiuti urbani, dopo un apposito trattamento di separazione e purificazione da altri materiali, quali vetro metalli e inerti. Il CDR ha mediamente la seguente composizione: 44% carta, 23% plastiche, 12% residui tessili, 4,5% scarti D. Rabitti marzo /40

8 CdR CdR CdP CDSA CE CEA CEC CEC CEE CEE/NIS CEEP CEFIC CEI CEM CEMT CEMR CEN CENELEC CEPA CER CESE CFC CFS CFU CHP CIDIEP legnosi, 14% organico putrescibile e 2,5% inerti. Viene utilizzato soprattutto per la combustione in impianti industriali (cementifici, acciaierie, centrali termoelettriche, ecc.). Centro di Raccolta Comitato delle Regioni E l Assemblea politica che dà voce agli Enti Locali e Regionali nel cuore dell Unione Europea Complementi di Programmazione Centro Documentazione Studi Ambientali Comunità Europea Centro di Educazione Ambientale Commission for Environmental Cooperation (North American Agreement on Environmental Cooperation) Commissione per la cooperazione ambientale (accordo nordamenricano sulla cooperazione ambientale). Commission on Education and Communication (IUCN) Commissione per l educazione e la comunicazione (dell Unione Internazionale per la conservazione della natura). Comunità Economica Europea Central and Eastern Europe/Newly Independent States Stati dell Europa centrale ed orientale che hanno ottenuto l indipendenza di recente. Centre Europeen d Etudes des Polyphosphates Centro Europeo di studi dei Polifosfati E un associazione di ricerca europea delle industrie dei fosfati e detergenti, fa parte del gruppo CEFIC. European Chemical Industry Federation Federazione europea delle industrie chimiche Comitato Elettrotecnico Italiano Campi ElettroMagnetici Conferenza Europea dei Ministri dei Trasporti Council of European Municipalities and Regions Consiglio delle Municipalità e delle Regioni europee Comitato Europeo di Normalizzazione Comitato Europeo di Coordinamento delle Norme Elettrotecniche Classification of Environmental Protection Activities Classificazione delle attività di protezione dell ambiente. Utilizzata per classificare tutte le spese- di parte corrente e in conto capitale sia nel caso di interventi diretti per la protezione dell ambiente che per quanto riguarda il finanziamento di interventi di altri operatori. Codice Europeo Rifiuto Comitato Economico e Sociale Europeo CloroFluoroCarburi Sostanze sottoposte a programma di riduzione perché responsabili della riduzione della fascia di ozono stratosferico (Protocollo di Montreal). I CFC risultano relativamente inerti negli strati bassi dell atmosfera ma, quando giungono nella stratosfera, rilasciano cloro, causa della distruzione delle molecole di ozono. Il Protocollo di Montreal prevede la graduale eliminazione della produzione e dell utilizzo delle sostanze che sono responsabili della riduzione e distruzione dello strato di ozono. Corpo Forestale dello Stato Credito Formativo Universitario Combined Heat and Power Centro di documentazione, informazione, educazione ambientale e ricerca sull area D. Rabitti marzo /40

9 CIP CeSIA CGIAR CGEM CGRFA CH 4 CHM CHP CIAL CIC CIFOR CIG CIP Progetto CIP CIPE CIR CISBA CITES CLC CLEAR CMA CMS CN CNA CNC CNEL CNLD CNR CO padana Comitato Interministeriale Prezzi Centro Studio per l applicazione dell Informatica in Agricoltura Consultative Group on International Agricultural Research Gruppo di consultazione sulla ricerca agricola internazionale. Contenitori per i Gas ad Elementi Multipli Commission on Genetic Resources for Food and Agriculture (FAO) Commissione della FAO sulle risorse genetiche per il cibo e l agricoltura Metano Gas incolore e inodore,principale componente del gas naturale che costituisce la fase gassosa del petrolio. Gas responsabile dell effetto serra Clearing House Mechanism Meccanismo atto a promuovere la cooperazione tecnica e scientifica tra le parti contraenti. Per CH si intende un sistema di coordinamento in campo finanziario, dove l offerta e la domanda si incontrano con mutui benefici Combined Heat and Power Calore ed energia combinati Consorzio Imballaggi Alluminio Consorzio Italiano Compostatori Centre for International Forestry Research Centro per la ricerca internazionale sulle foreste Comitato Italiano Gas Comitato Interministeriale Prezzi Progetto Coste Italiane Protette Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica Codice Italiano Rifiuto Centro Italiano Studi di Biologia Ambientale Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora Convenzione sul commercio internazionale di fauna e flora selvatica nelle specie in via d estinzione Civil Liability Convention Convenzione sulla responsabilità per danni derivanti da inquinamento da idrocarburi. City and Local Environmental Accounting and Reporting Contabilità ambientale Concentrazione Massima Ammissibile Convention on Migratory Species of Wild Animals Convenzione sulle specie migratorie di animali selvatici Conservazione della Natura Conferenza Nazionale delle Acque Combustibili Non Convenzionali Scarti derivanti da processi di differenti lavorazioni che, grazie al loro potere calorifico e al non elevato contenuto di sostanze inquinanti, possono essere utilizzati in parziale sostituzione di altri combustibili in alcuni processi di combustione. Consiglio Nazionale dell Economia del Lavoro Comitato Nazionale per la Lotta alla Desertificazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Ente nazionale di ricerca con competenza scientifica generale. Tramite i numerosi istituti scientifici distribuiti sul territorio svolge varie attività di interesse fondamentale perseguendo l'avanzamento della scienza ed il progresso del Paese. Monossido di Carbonio Gas tossico prodotto dalla combustione incompleta del carbonio contenuto nei D. Rabitti marzo /40

10 CO 2 COALA COBAT COD COOU Comieco CONAI CONECOFOR CONSER COP COP COREPLA COREVE CORINAIR COT CRM COV COVNM CP CPP CPB carburanti e nei combustibili fossili. Può risultare estremamente pericoloso se inalato poiché si lega all emoglobina presente nel sangue, al posto dell ossigeno, portando così al soffocamento. Biossido di Carbonio o Anidride Carbonica Gas, componente naturale dell atmosfera, che si forma in tutti i processi di combustione, respirazione, decomposizione di materiale organico o per ossidazione totale del carbonio. L aumento della sua concentrazione in atmosfera, dovuto all uso di combustibili fossili, contribuisce all effetto serra. COnsorzio Nazionale ALluminio Ambiente Consorzio Obbligatorio per la raccolta delle BATterie al piombo esauste e dei rifiuti piombosi Chemical Oxygen Demand Domanda chimica di ossigeno, o valore di Kuebel (ossigeno consumato secondo Kuebel). Risulta essere un buon indicatore di carichi inquinanti organici provenienti dall ambiente. Consorzi Obbligatori per gli Oli Usati Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica COnsorzio NAzionale Imballaggi CONtrollo degli ECOsistemi FORestali CONsorzio SERvizi COnferenza delle Parti contraenti COefficiente di Prestazione Rapporto tra l energia fornita e l energia elettrica consumata COnsorzio Nazionale per il REcupero degli Imballaggi in PLAstica COnsorzio REcupero VEtro COoRdination-INformation-AIR Coordinamento informazioni sull aria Progetto promosso dall Unione europea con il fine di raccogliere e organizzare informazioni sulle emissioni inquinanti nei paesi dell Unione. L ENEA partecipa al progetto, in qualità di referente ufficiale dell Italia, su mandato del Ministero dell Ambiente. Corinair è parte di un lavoro della European Environmental Agency. Carbonio Organico Totale Certified Reference Material Materiale di riferimento certificato Composti Organici Volatili Solventi o altre sostanze volatili presenti in un emissione gassosa: Provengono da attività e processi industriali, da riscaldamento domestico e industriale e dall evaporazione del carburante. Entrano nel sistema di complesse reazioni chimiche note come smog fotochimico. Si esprimono in mg/nm 3 di Carbonio. Tutte le sostanze organiche di origine naturale o antropica che si trovano nell aria allo stato di vapore o di gas. Provengono da attività e processi industriali, da riscaldamento domestico e industriale e dall'evaporazione del carburante. Esempi di COV sono i terpeni vegetali (il profumo dei fiori), il GPL (Gas di Petrolio Liquefatto) che sfugge da una bombola, gli incombusti nei gas di scarico dei motori, i vapori di benzina che si sviluppano dagli sfiati dei serbatoi, i solventi organici. Oltre ad essere in qualche caso pericolosi (ad esempio formaldeide, benzene, ecc.) concorrono alla produzione dello smog fotochimico attraverso una complessa cinetica che coinvolge gli ossidi di azoto e porta alla formazione di perossidi organici molto aggressivi e di ozono. Composti Organici Volatili Non Metanici Codice Penale Comitato Provinciale Prezzi Cartoni Per Bevande D. Rabitti marzo /40

11 CREA CRR CSC CSD CSI CSPC CSR CSRSA CSRSERI CST CTIDA CTM CTN CTR CTS CUEME CV CVM D DAP db DERISP DFE DFD DFR DG DGR DIA DIS DJGI DJSGI D.Lgs DM Centro Risorse per l Educazione Ambientale Centri Regionali di riferimento per il rilevamento della Radioattività Ambientale. Capacità di Scambio Cationico Commission for Sustainable Development Commissione per lo sviluppo sostenibile Comunità degli Stati Indipendenti Oltre alla Russia questi Paesi sono: Armenia, Azerbaidjan, Bielorussia, Georgia, Kazakstan, Kirghisia, Moldavia, Tagikistan, Turkmenistan, Ucraina, Uzbekistan Comitato Scientifico dei Prodotti di Consumo Corporate Social Responsability Azienda socialmente responsabile Comitato Scientifico dei Rischi Sanitari ed Ambientali Comitato Scientifico dei Rischi Sanitari Emergenti e Recentemente Identificati Comitato per la Scienza e la Tecnologia E l organo ausiliario della UNCCD che consiglia e raccomanda la Conferenza delle Parti su argomenti scientifici e tecnologici connessi alla lotta alla desertificazione e la mitigazione degli effetti dovuti alla siccità. Impianto chimico-fisico di trattamento delle emulsioni oleose e dei reflui liquidi a base organica. Centro di Telerilevamento del Mediterraneo Centri Tematici Nazionali Carta Tecnica Regionale Comitato Tecnico Scientifico Comitato dell Unione Europea per il Marchio Ecologico Certificati Verdi Cloruro di Vinile Monomero Dichiarazione Ambientale di Prodotto Decibel E l unità di misura usata per stabilire l intensità di un suono o di un rumore DElocalizzazione e RIStrutturazione dei Processi produttivi Design For Environment Progettazione di prodotti rispettosi dell Ambiente Design For Disassembling Progettazione di prodotti in grado di essere facilmente smontati. Design For Recycling Progettazione di prodotti le cui parti possono essere riciclate Direzioni Generali Decreto della Giunta Regionale Dichiarazione di Inizio di Attività Draft International Standard Bozza Standard Internazionale Dow Jones Global Index Indice Globale Dow Jones Dow Jones Sustainability Group Index Indice Dow Jones delle Società che fanno parte del Gruppo di sostenibilità Si basa sulle prestazioni economiche delle Imprese (prodotti e servizi) considerate leader in materia di sostenibilità, sulla base di determinati criteri che globalmente rappresentano uno dei pochissimi tentativi di identificare le società proattive e di compararne le prestazioni nel mercato azionario generale. Decreto Legislativo Difesa del Mare D. Rabitti marzo /40

12 DM DMV DNA DOC DOCUP DPCM DPEF DPI DPR Modello DPSIR DRS DSM DSTN DT E EA EAC EAL EAP EASW EC ECE ECI ECM ECNC Decreto Ministeriale Deflusso Minimo Vitale (riferito alle acque) DeoxyssyriboNucleic Acid L acido nucleico di struttura molecolare complessa e a doppia elica che codifica i dati genetici. La sua struttura (descritta da Crick e Watson nel 1953) è una doppia elica costituita da una coppia di macromolecole lineari costituite da migliaia di monomeri (nucleotidi). Carbonio Organico Disciolto DOCumenti Unici di Programmazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Inalatori a Polvere Secca Decreto del Presidente della Repubblica Modello Drivers, Pressure, State, Impact, Response Modello Determinanti, Pressioni, Stato, Impatti, Risposte Vengono analizzate le categorie e le relazioni di casualità degli elementi conoscitivi. Il modello consente di organizzare dati ed informazioni ambientali secondo cinque categorie collegate attraverso specifiche relazioni di casualità. Determinanti (o Drivers): cause generatrici primarie (agricoltura, industria, trasporti, etc.); Pressioni: emissioni atmosferiche, produzione rifiuti, scarichi industriali in corpi idrici, etc.; Stato: stato e tendenze (qualità dell aria, delle acque e dei suoli- biodiversità. etc.); Impatti: impatto sulla salute, sugli ecosistemi, etc.; Risposte: leggi, piani d intervento, prescrizioni, etc.. Deposit Refund Scheme Deposito (inteso come cauzione) Demand Side Management Gestione della domanda Dipartimento per i Servizi Tecnici Nazionali Difesa del Territorio Educazione Ambientale European Accreditation for Certification Accreditamento europeo per la certificazione European Accreditation for Laboratories Accreditamento europeo per i laboratori Programma d Azione in materia d Ambiente European Awareness Scenario Workshop Meccanismo che consente ai cittadini di partecipare alle decisioni su problemi complessi come quelli ambientali. Obiettivi principali di un EASW sono la crescita della consapevolezza dei problemi ambientali; la discussione collettiva sugli ostacoli allo sviluppo sostenibile; l identificazione collettiva delle soluzioni possibili e gli sviluppi futuri della propria realtà locale, nell ottica della sostenibilità. European Community Comunità Europea Economic Commission for Europe Commissione Economica Europea European Common Indicators Indicatori Comuni Europei Educazione Continua in Medicina European Centre for Nature Conservation Centro europeo per la conservazione della natura D. Rabitti marzo /40

13 EcoLabel Eco.Pne.Us. ECOS ECP EDIP EEA EFTA EIA EIA EICTA EIONET EHF EHS Sistema di etichettatura ecologica europea. Il Sistema Ecolabel è uno degli strumenti di politica ambientale e industriale della UE volto ad incentivare la presenza sul mercato europeo di prodotti con minor impatto ambientale. Le regole, che chi aderisce al Sistema Ecolabel deve rispettare, sono attualmente stabilite dal nuovo Regolamento 1980/2000. L Ecolabel è un etichetta (il cui logo è costituito da una margherita) che viene esposta direttamente sul prodotto o che caratterizza un servizio e che attesta la rispondenza del prodotto o del servizio a specifici requisiti ambientali denominati Criteri. Questi criteri sono formulati sulla base dell analisi dell intero ciclo di vita del prodotto (LCA) e presi in considerazione quelli su cui si possono effettuare ragionevolmente dei miglioramenti. I regolamenti come questo dell Ecolabel rientrano nella tipologia di atto legislativo e quindi sono da considerarsi legge di ciascuno stato membro senza bisogno di nessun atto di recepimento. L unico atto richiesto ad ogni paese membro, in accordo al regolamento, è quello per l istituzione di una propria organizzazione, l Organismo Competente, che ha il compito di concedere l etichetta Ecolabel e mantenere i rapporti con la Commissione Europea. In Italia il decreto ministeriale DM 413 del 1995 stabilisce che: l Organismo Competente è un Comitato interministeriale denominato Comitato Ecolabel Ecoaudit sez. Ecolabel. L ANPA svolge le attività di supporto al Comitato per consentirgli di esprimere le sue decisioni sulla base delle necessarie analisi e valutazioni tecniche. L Ispettorato Tecnico del Ministero Attività Produttive accerta i requisiti di idoneità dei laboratori che eseguono prove di rispondenza ai requisiti Ecolabel. Il Forum per l Ecolabel composto da rappresentanti dei principali soggetti interessati (rappresentanti delle associazioni dei produttori e dei commercianti, delle associazioni dei consumatori e delle associazioni ambientaliste) esprime pareri su questioni generali. Consorzio volontario, senza fini di lucro, per la promozione del riutilizzo, del riciclaggio e recupero dei pneumatici fuori uso European Environmental Citizens Organisation for Standardisation Organizzazione di cittadini europei per la standardizzazione Environmental Conscious Products Environmental Design of Industrial Products European Environment Agency Agenzia Europea dell Ambiente European Free Trade Association Associazione europea per il libero scambio. Comprende Stati quali: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera. Agenzia internazionale per le Investigazioni in campo Ambientale Environmental Impact Assessment Valutazione di impatto ambientale European Information and Communications Technology Industry Association Associazione europea delle industrie di informazione e comunicazione tecnologica Associazione che si prefigge di elaborare un approccio europeo comune per la gestione della catena logistica per l industria dell elettronica. European Environment Information and Observation Network (EEA) Rete europea per l informazione ed il controllo ambientale Extremely High Frequency Campi elettromagnetici a frequenza estremamente elevata (30 GHz 300 GHz) Environmental Health and Safety D. Rabitti marzo /40

14 EIONET ELF ELTIS ELV EMAS EMEP EMERCOM EMERGY EN Ambiente salute e sicurezza European Environmental Information and Observation NETwork Rete informativa per il miglioramento dell ambiente europeo. Extremely Low Frequency Campi elettromagnetici a frequenza estremamente bassa 0Hz 3Hz European Local Transport Information Service Servizio informativo sul trasporto locale in Europa End of Life Vehicle Fine vita dei veicoli EcoManagement and Audit Scheme Il Regolamento (CE) n 761 del 2001 introduce il sistema comunitario di ecogestione ed audit (EMAS), che si propone l obiettivo di favorire, su base volontaria, una razionalizzazione delle capacità gestionali dal punto di vista ambientale delle organizzazioni, basata non solo sul rispetto dei limiti imposti dalle leggi, che rimane comunque un obbligo dovuto, ma sul miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali, sulla creazione di un rapporto nuovo e di fiducia con le istituzioni e con il pubblico e sulla partecipazione attiva dei dipendenti. L organizzazione che intende aderire al Regolamento EMAS è tenuta a svolgere i seguenti compiti: effettuare l analisi ambientale iniziale con la quale viene stabilita la posizione iniziale dell organizzazione rispetto alle condizioni ambientali; stabilire la propria politica ambientale cioè gli obiettivi ed i principi generali di azione rispetto all ambiente, definendo il quadro di riferimento per fissare obiettivi specifici e target; elaborare il programma ambientale che contiene una descrizione delle misure adottate per raggiungere gli obiettivi specifici ed i target, conseguenti alla politica ambientale; attuare il sistema di gestione ambientale, cioè quella parte del sistema complessivo di gestione (struttura, pianificazione, responsabilità, pratiche, procedure, processi e risorse) che consente di sviluppare, mettere in atto, realizzare e mantenere la politica ambientale; effettuare l auditing cioè svolgere una valutazione sistematica, periodica, documentata e obiettiva delle prestazioni dell organizzazione, del sistema di gestione ambientale e dei processi destinati a proteggere l ambiente; redigere la dichiarazione ambientale, rivolta al pubblico, che comprende la politica ambientale, una breve descrizione del sistema di gestione ambientale, una descrizione dell organizzazione, degli aspetti ambientali significativi, degli obiettivi e target ambientali ed in generale delle prestazioni ambientali dell organizzazione. Il Regolamento stabilisce che la dichiarazione ambientale sia sottoposta ad esame per la convalida da parte di un Verificatore Ambientale Accreditato indipendente dall impresa. Una volta che la Dichiarazione ambientale sia stata convalidata, l organizzazione può chiedere la registrazione, da parte dell Organismo nazionale competente, per essere inserita in un apposito Elenco EMAS europeo. Ottenuta la registrazione, le organizzazioni possono utilizzare un apposito logo. Programma cooperativo per il trasporto e la valutazione del trasporto transfrontaliero degli inquinanti atmosferici in Europa. COMitato per le EMERgenze (del Dipartimento della protezione civile, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri) EMbodied (o EMbedded) energy Energia immagazzinata Comitè Europeen de Normalisation Comitato Europeo di Normalizzazione (Standardizzazione) D. Rabitti marzo /40

15 ENEA ENEL ENIT ENSO ENTRI EPA EPD EPEA EPER EPT Modello EQ ERA ERA ERMES EROEI ERVET ESCO ESDP ESL ET Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente Ente pubblico che opera nei campi della ricerca e della innovazione per lo sviluppo sostenibile, per la promozione di sviluppo, competitività, occupazione e per la salvaguardia ambientale. L'Enea svolge anche funzioni di garanzia per le pubbliche amministrazioni mediante prestazione di servizi avanzati nei settori dell'energia, dell'ambiente e dell'innovazione tecnologica. Ente Nazionale per l ELettricità Ente Nazionale Italiano per il Turismo El Niño Southern Oscillation Environmental Treaties and Resource Indicators Trattati sull ambiente ed indicatori di risorse Environmental Protection Agency Agenzia per la protezione dell Ambiente (USA) Environmental Product Declaration (Eco Profile) Dichiarazione Ambientale di Prodotto (analoga alla DAP) Environmental Protection Expenditure Account Conto satellite delle spese per la protezione dell ambiente. Strumento statistico-contabile di contabilità verde. European Pollutant Emission Register Registro europeo delle emissioni inquinanti. Nasce in base alla Direttiva 96/61/CE sulla prevenzione e la riduzione integrate dell inquinamento (direttiva IPPC) e alla Commission Decision 2000/479/EC sull implementazione di EPER. Da tutti i Paesi membri della Comunità europea confluiranno nel Registro EPER informazioni su emissioni in aria e acqua di specifici inquinanti provenienti dai principali settori produttivi e da stabilimenti di grossa capacità. Energy Payback Time Tempo di ritorno energetico Rappresenta il tempo necessario affinché un impianto produca una quantità di energia pari a quella che è stata necessaria per costruirlo. Modello Ecosystem Quality Il modello analizza i danni alla qualità degli ecosistemi. I danni sono espressi come la percentuale di specie che si stima siano scomparse da una certa area a causa delle mutate condizioni ambientali. Le singole categorie di impatto sono l ecotossicità, l acidificazione/eutrofizzazione, l utilizzo del suolo e le sue trasformazioni. Emilia Romagna Ambiente European Research Area Area europea di Ricerca Emilia Romagna MESsaggi Energy Return On Energy Investment Ritorno energetico sull investimento energetico Rapporto tra l energia che un impianto produrrà in tutta la sua vita attiva e quella utilizzata per costruire e gestire l impianto stesso. Più alto è l EROEI migliore è la tecnologia. Agenzia per la Valorizzazione Economica del Territorio dell Emilia Romagna Energy Service COmpany Azienda di Servizio Energetico European Spatial Development Perspective Linee guida per la pianificazione territoriale Energy Saving Lamps Lampade e risparmio energetico Emissions Trading Commercio delle emissioni D. Rabitti marzo /40

16 ETAP ETBE ETC ETC-AQ ETRA ETS ETSI EUEB EuP EUROSTAT EVABAT EVOLA EWWC EA EAC EAL EAP EASW EC ECI ECM ECE EcoLabel (meccanismo previsto dal Protocollo di Kyoto) Environmental Technologies Action Plan EtilTerziarioButilEtere Biocarburante additivante alle benzine Environmental Technology Council E un associazione commerciale di aziende che riciclano, trattano e smaltiscono rifiuti industriali pericolosi e di imprese di bonifica di siti contaminati. European Topic Center Air Quality Centro europeo sulla qualità dell aria European Tyres Recycling Association Associazione europea per il riciclo dei pneumatici Emission Trading Scheme Istituto Europeo per le Norme di Telecomunicazione European Union Ecolabel Board Organismo che gestisce, in collaborazione con la Commissione, l Eco-Label europeo Energy using Product Riferito alla Direttiva 2005/32/CE del 6 luglio 2005 EUROpean Distributors of STATistical Software Istituto di Statistica dell Unione Europea Economically Viable Application of Best Available Technology Applicazione economicamente praticabile delle migliori tecnologie disponibili EVOluzione LAcustre European Waste Water Catalogue Catalogo europeo delle acque di scarico Educazione Ambientale European Accreditation for Certification Accreditamento europeo per la certificazione European Accreditation for Laboratories Accreditamento europeo per i laboratori Programma d Azione in materia d Ambiente European Awareness Scenario Workshop Meccanismo che consente ai cittadini di partecipare alle decisioni su problemi complessi come quelli ambientali. Obiettivi principali di un EASW sono la crescita della consapevolezza dei problemi ambientali; la discussione collettiva sugli ostacoli allo sviluppo sostenibile; l identificazione collettiva delle soluzioni possibili e gli sviluppi futuri della propria realtà locale, nell ottica della sostenibilità. Comunità Europea European Common Indicators Indicatori Comuni Europei Educazione Continua in Medicina Economic Commission for Europe Commissione Economica Europea Sistema di etichettatura ecologica europea. Il Sistema Ecolabel è uno degli strumenti di politica ambientale e industriale della UE volto ad incentivare la presenza sul mercato europeo di prodotti con minor impatto ambientale. Le regole, che chi aderisce al Sistema Ecolabel deve rispettare, sono attualmente stabilite dal nuovo Regolamento 1980/2000. L Ecolabel è un etichetta (il cui logo è costituito da una margherita) che viene esposta direttamente sul prodotto o che caratterizza un servizio e che attesta la rispondenza del prodotto o del servizio a specifici requisiti ambientali denominati Criteri. Questi criteri sono formulati sulla base dell analisi dell intero ciclo di vita del prodotto (LCA) e presi in considerazione quelli su cui si possono effettuare D. Rabitti marzo /40

17 Eco.Pne.Us. ECOS ECP EEA EFTA EIA EICTA EHF EHS EIONET ELF ELTIS EMAS ragionevolmente dei miglioramenti. I regolamenti come questo dell Ecolabel rientrano nella tipologia di atto legislativo e quindi sono da considerarsi legge di ciascuno stato membro senza bisogno di nessun atto di recepimento. L unico atto richiesto ad ogni paese membro, in accordo al regolamento, è quello per l istituzione di una propria organizzazione, l Organismo Competente, che ha il compito di concedere l etichetta Ecolabel e mantenere i rapporti con la Commissione Europea. In Italia il decreto ministeriale DM 413 del 1995 stabilisce che: l Organismo Competente è un Comitato interministeriale denominato Comitato Ecolabel Ecoaudit sez. Ecolabel. L ANPA svolge le attività di supporto al Comitato per consentirgli di esprimere le sue decisioni sulla base delle necessarie analisi e valutazioni tecniche. L Ispettorato Tecnico del Ministero Attività Produttive accerta i requisiti di idoneità dei laboratori che eseguono prove di rispondenza ai requisiti Ecolabel. Il Forum per l Ecolabel composto da rappresentanti dei principali soggetti interessati (rappresentanti delle associazioni dei produttori e dei commercianti, delle associazioni dei consumatori e delle associazioni ambientaliste) esprime pareri su questioni generali. Consorzio volontario, senza fini di lucro, per la promozione del riutilizzo, del riciclaggio e recupero dei pneumatici fuori uso European Environmental Citizens Organisation for Standardisation Organizzazione di cittadini europei per la standardizzazione Environmental Conscious Products Agenzia Europea dell Ambiente Associazione europea per il libero scambio Agenzia internazionale per le Investigazioni in campo Ambientale European Information and Communications Technology Industry Association Associazione europea delle industrie di informazione e comunicazione tecnologica Associazione che si prefigge di elaborare un approccio europeo comune per la gestione della catena logistica per l industria dell elettronica. Extremely High Frequency Campi elettromagnetici a frequenza estremamente elevata (30 GHz 300 GHz) Environmental Health and Safety Ambiente salute e sicurezza European Environmental Information and Observation NETwork Rete informativa per il miglioramento dell ambiente europeo. Extremely Low Frequency Campi elettromagnetici a frequenza estremamente bassa 0Hz 3Hz European Local Transport Information Service Servizio informativo sul trasporto locale in Europa EcoManagement and Audit Scheme Il Regolamento (CE) n 761 del 2001 introduce il sistema comunitario di ecogestione ed audit (EMAS), che si propone l obiettivo di favorire, su base volontaria, una razionalizzazione delle capacità gestionali dal punto di vista ambientale delle organizzazioni, basata non solo sul rispetto dei limiti imposti dalle leggi, che rimane comunque un obbligo dovuto, ma sul miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali, sulla creazione di un rapporto nuovo e di fiducia con le istituzioni e con il pubblico e sulla partecipazione attiva dei dipendenti. L organizzazione che intende aderire al Regolamento EMAS è tenuta a svolgere i seguenti compiti: effettuare l analisi ambientale iniziale con la quale viene stabilita la posizione iniziale dell organizzazione rispetto alle condizioni ambientali; D. Rabitti marzo /40

18 EMEP EMERCOM EMERGY EN ENEA ENEL ENIT ENSO ENTRI EPA EPD EPEA EPER EPT stabilire la propria politica ambientale cioè gli obiettivi ed i principi generali di azione rispetto all ambiente, definendo il quadro di riferimento per fissare obiettivi specifici e target; elaborare il programma ambientale che contiene una descrizione delle misure adottate per raggiungere gli obiettivi specifici ed i target, conseguenti alla politica ambientale; attuare il sistema di gestione ambientale, cioè quella parte del sistema complessivo di gestione (struttura, pianificazione, responsabilità, pratiche, procedure, processi e risorse) che consente di sviluppare, mettere in atto, realizzare e mantenere la politica ambientale; effettuare l auditing cioè svolgere una valutazione sistematica, periodica, documentata e obiettiva delle prestazioni dell organizzazione, del sistema di gestione ambientale e dei processi destinati a proteggere l ambiente; redigere la dichiarazione ambientale, rivolta al pubblico, che comprende la politica ambientale, una breve descrizione del sistema di gestione ambientale, una descrizione dell organizzazione, degli aspetti ambientali significativi, degli obiettivi e target ambientali ed in generale delle prestazioni ambientali dell organizzazione. Il Regolamento stabilisce che la dichiarazione ambientale sia sottoposta ad esame per la convalida da parte di un Verificatore Ambientale Accreditato indipendente dall impresa. Una volta che la Dichiarazione ambientale sia stata convalidata, l organizzazione può chiedere la registrazione, da parte dell Organismo nazionale competente, per essere inserita in un apposito Elenco EMAS europeo. Ottenuta la registrazione, le organizzazioni possono utilizzare un apposito logo. Programma cooperativo per il trasporto e la valutazione del trasporto transfrontaliero degli inquinanti atmosferici in Europa. COMitato per le EMERgenze (del Dipartimento della protezione civile, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri) EMboided (o EMbedded) energy Energia immagazzinata Comitè Europeen de Normalisation Comitato Europeo di Normalizzazione (Standardizzazione) Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente Ente Nazionale per l ELettricità Ente Nazionale Italiano per il Turismo El Niño Southern Oscillation Environmental Treaties and Resource Indicators Trattati sull ambiente ed indicatori di risorse Environmental Protection Agency Agenzia per la protezione dell Ambiente (USA) Environmental Product Declaration (Eco Profile) Dichiarazione Ambientale di Prodotto (analoga alla DAP) Environmental Protection Expenditure Account Conto satellite delle spese per la protezione dell ambiente. Strumento statistico-contabile di contabilità verde. European Pollutant Emission Register Registro europeo delle emissioni inquinanti. Nasce in base alla Direttiva 96/61/CE sulla prevenzione e la riduzione integrate dell inquinamento (direttiva IPPC) e alla Commission Decision 2000/479/EC sull implementazione di EPER. Da tutti i Paesi membri della Comunità europea confluiranno nel Registro EPER informazioni su emissioni in aria e acqua di specifici inquinanti provenienti dai principali settori produttivi e da stabilimenti di grossa capacità. Energy Payback Time D. Rabitti marzo /40

19 Modello EQ ERA ERA ERMES EROEI ERVET ESCO ESDP ET ETBE ETC ETC-AQ ETRA ETSI EUEB EUROSTAT EVOLA EWWC F FAH FAI FAO FBSS FCCC FEOGA FER FES Tempo di ritorno energetico. Rappresenta il tempo necessario affinché un impianto produca una quantità di energia pari a quella che è stata necessaria per costruirlo. Modello Ecosystem Quality Il modello analizza i danni alla qualità degli ecosistemi. I danni sono espressi come la percentuale di specie che si stima siano scomparse da una certa area a causa delle mutate condizioni ambientali. Le singole categorie di impatto sono l ecotossicità, l acidificazione/eutrofizzazione, l utilizzo del suolo e le sue trasformazioni. Emilia Romagna Ambiente European Research Area Area europea di Ricerca Emilia Romagna MESsaggi Energy Return On Energy Investment Ritorno energetico sull investimento energetico. Rapporto tra l energia che un impianto produrrà in tutta la sua vita attiva e quella utilizzata per costruire e gestire l impianto stesso. Più alto è l EROEI migliore è la tecnologia. Agenzia per la Valorizzazione Economica del Territorio dell Emilia Romagna Energy Service COmpany Azienda di Servizio Energetico European Spatial Development Perspective Linee guida per la pianificazione territoriale Emissions Trading Commercio delle emissioni (meccanismo previsto dal Protocollo di Kyoto) EtilTerziarioButilEtere Biocarburante additivante alle benzine Environmental Technology Council E un associazione commerciale di aziende che riciclano, trattano e smaltiscono rifiuti industriali pericolosi e di imprese di bonifica di siti contaminati. European Topic Center Air Quality Centro europeo sulla qualità dell aria European Tyres Recycling Association Associazione europea per il riciclo dei pneumatici Istituto Europeo per le Norme di Telecomunicazione European Union Ecolabel Board Organismo che gestisce, in collaborazione con la Commissione, l Eco-Label europeo EUROpean Distributors of STATistical Software Istituto di Statistica dell Unione Europea EVOluzione LAcustre European Waste Water Catalogue Catalogo europeo delle acque di scarico Forest Act Habitat Fondo per l Ambiente Italiano Food and Agricultural Organisation of the United Nations Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione (conosciuta anche come Organizzazione per la fame nel mondo) Frazione Biostabilizzata Secca Selezionata Convenzione quadro sui cambiamenti climatici Fondo Europeo Agricolo di Orientamento e Garanzia Fonti Energetiche Rinnovabili Fondo Europeo per lo Sviluppo D. Rabitti marzo /40

20 FESR FG FIRE FORSU FOS Stabilized Organic Component FSC Certificazione FSC FSE FSS FV G GAE GAIA GA GAS GATT GBIF GBO GdL GDO GDP GEF GELSO GER GESAMP Gev GFT GHG GIDA GIR GIS Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Finanzia infrastrutture per la tutela dell Ambiente Fattore di Genotossicità Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia Frazione Organica raccolta in modo differenziato dai Rifiuti Solidi Urbani Frazione Organica Stabilizzata Comprende i rifiuti ricchi di sostanza organica derivanti dalla selezione effettuata sul rifiuto indifferenziato che, dopo un processo di biostabilizzazione in appositi impianti, possono essere utilizzati per la copertura finale di discariche o per usi simili come i recuperi ambientali. Frazione Secca Combustibile Certificazione Forest Stewardship Council E il sistema di certificazione per le foreste ed il legno fondato nel 1993 da WWF, Greenpeace, World Resource Institute, Friends of Earth ed altre importanti organizzazioni internazionale. Il marchio FSC garantisce che almeno il 30% di cellulosa proviene da foreste controllate e certificate FSC, nel rispetto di rigorosi standard ambientali, sociali ed economici; il restante 70% non proviene dalla distruzione di foreste antiche o ad alto valore di conservazione. Fondo Sociale Europeo Frazione Secca Selezionata FotoVoltaico Guida Ambientale Escursionistica Alleanza Globale contro gli Inceneritori Gruppi d Acquisto Gruppi di Acquisto Solidale I criteri su cui si basano i GAS nella scelta dei prodotti sono prevalentemente ambientali ed etico sociali e prescindono dai condizionamenti idotti dalla pubblicità o dal valore evocativo di status symbol dei prodotti. General Agreement on Tariffs and Trade (WTO) Accordo generale sulle tariffe ed il commercio Global Biodiversity Information Facility Global Biodiversity Outlook Gruppo di Lavoro Grande Distribuzione Organizzata Gross Domestic Product Global Environmental Facility Meccanismi finanziari a favore dell ambiente. Gestione Locale per la SOstenibilità Gross Energy Requirement Consumo di energia primaria Joint Group of Experts on the Scientific Aspects of Marine Environmental Protection Collettivo di esperti sugli aspetti scientifici della protezione dell ambiente marino Guardie ecologiche volontarie Miscela dello scarto di giardino e della porzione cruda dello scarto alimentare GreenHouse Gases Gas ad effetto serra Gestione Impianti di Depurazione Acque Grandi Recipienti per il trasporto alla rinfusa Geographical Information System Sistemi di Informazione Geografica Insieme complesso di componenti per acquisire, trattare, analizzare, immagazzinare, in forma elettronica, dati riferiti ad un territorio. Analogo al SIT D. Rabitti marzo /40

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Strategia d azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia Approvata dal CIPE il 2 agosto 2002 con Deliberazione n. 57 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI II fase 2000-2006 Studio su LA PROMOZIONE DELL AMBIENTE E DELLO SVILUPPO

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli