documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.1 di 40 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.1 di 40 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI"

Transcript

1 P.O.F A.S. 2013/2014 Sede Corso Cavour Sede Viale Einaudi documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.1 di 40 ISTITUTO SUPERIORE G. MARCONI - TORTONA (AL) Sede ITIS MARCONI VIALE EINAUDI 6 TEL FAX Sede IPSCT CARBONE CORSO CAVOUR 6/b TEL FAX anni Liceo Scientifico Opzione: Scienze Applicate Una preparazione tecnica qualificata per accedere al mondo del lavoro o all Università 5 anni Settore Tecnologico: Meccanica e Meccatronica Chimica, Materiali e Biotecnologie Informatica e Telecomunicazioni Un ottima preparazione tecnica scientifica per affrontare al meglio l Università 5 anni Settore Economico: Amministrazione, Finanza Marketing Settore Professionale: Servizi Commerciali NOTE BOOK NELLO ZAINO È il nome scelto per la sperimentazione, avviata nel 2011/ 12 nelle classi prime di Liceo Scientifico-Scienze Applicate e Amministrazione, Finanza e Marketing-Ragioneria sostituendo i libri tradizionali con testi digitali e computer portatili esteso dall 2012/ 13 alle prime Informatica e Telecomunicazioni

2 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.2 di 40 L Istituto Statale d Istruzione Superiore Marconi di Tortona è una scuola giovane e che presenta un ampia offerta formativa: sede distaccata del Volta di Alessandria dall inizio degli Anni Settanta, è nato a vita autonoma nell anno scolastico 1982/83 con nove classi funzionanti. Inizialmente era presente un unica specializzazione: Meccanica industriale, particolarmente in risposta alle esigenze occupazionali del Tortonese. Nell anno scolastico 1984/1985 è stata autorizzata l istituzione di una nuova specializzazione: Telecomunicazioni, unica in provincia. Sostenute da una costante spinta all innovazione che caratterizza la storia dell Istituto fin dai suoi esordi, sono state attivate le sperimentazioni AMBRA (Elettronica Telecomunicazioni), ERGON (Meccanica), PNI (Biennio). Nell anno scolastico 1995/96 è nato il Liceo Scientifico Tecnologico per corrispondere ai bisogni di una formazione che coniughi una buona preparazione scientifica, acquisita grazie ad una intensa attività laboratoriale, con una solida base culturale riferita all approfondimento delle materie umanistiche. Nel 2005 è stata attivata infine la specializzazione di Tecnologie Alimentari, in linea con la vocazione aziendale delle numerose ed importanti realtà industriali del settore nel Tortonese. A partire dall anno 2010/2011, secondo le indicazioni ministeriali, viene introdotto il Liceo delle Scienze Applicate, in sostituzione del Liceo Scientifico Tecnologico, e i corsi per Tecnici in Chimica, Materiali e Biotecnologie; Informatica e Telecomunicazioni; Meccanica, Meccatronica ed Energia come evoluzione dei preesistenti corsi di Perito Industriale. L Istituto Marconi è presente in una seconda sede sita in Corso Cavour dove è ospitato l Istituto Tecnico e Professionale per il Commercio D.Carbone. Istituito con Decreto del Presidente della Repubblica del 30/09/1962, presentava sezioni per Contabili d Azienda e stenodattilografi. Con il passare degli anni l Istituto è cresciuto finchè nel 1988 è stato attivato il corso post-qualifica. Tappe importanti sono state l Istituzione del Nuovo Ordinamento nell anno 1993, del Corso Serale per lavoratori nell anno 1995, l avviamento dell indirizzo Turistico nell anno scolastico 1998/1999 ed infine nel 2005 l attivazione del corso per Ragioniere (IGEA) e Perito Tecnico Commerciale. A partire dall anno scolastico 2010/2011, secondo le indicazioni ministeriali, vengono introdotti i corsi per Tecnico Economico- Amministrazione, Finanza e Marketing e ad indirizzo Professionale per i Servizi Commerciali. Nell anno scolastico 2011/2012 viene avviata la sperimentazione Notebook nello zaino che prevede l uso del PC e di testi in formato digitale. Nelle sue 2 sedi l Istituto: - è arricchito dalla stimolante presenza di una significativa componente di allievi stranieri, in numerosi casi capaci di ottenere risultati di eccellenza; - presenta un ampia offerta formativa, attenta sia a chi intende proseguire il proprio percorso di studi in ambito universitario, sia a chi desidera immettersi nel mondo del lavoro subito dopo il conseguimento del diploma. - Manifesta grande attenzione al rapporto scuola-lavoro, organizza stage; - Coltiva l innovazione nella didattica e nell uso delle tecnologie; - Persegue l approfondimento di una cultura non soltanto libresca con la partecipazione a conferenze e dibattiti, a concorsi, visite di istruzione, anche in azienda ed alle più importanti mostre, a spettacoli teatrali e cinematografici.

3 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.3 di 40 POLITICA PER LA QUALITÀ La scuola eroga una varietà di servizi educativi e formativi ai clienti e alle parti interessate (allievi, genitori, docenti, personale ATA, contesto socio-economico, Enti Locali e Stato), in rapporto ai fini istituzionali e alle diverse esigenze dei destinatari e del territorio. Questo comporta la definizione e il miglioramento di tutti i processi scolastici, dell organizzazione, della gestione, della comunicazione con particolare riferimento ai processi di insegnamento-apprendimento. L obiettivo generale della Direzione è quello di orientare gli sforzi di tutto il personale a una attenta gestione degli aspetti legati alla Qualità, finalizzato ad ottenere: 1. il soddisfacimento delle esigenze delle parti interessate nel rispetto dei fini istituzionali e delle norme vigenti 2. il controllo dei processi e dei risultati 3. il miglioramento continuo. La Direzione si impegna a promuovere tutte le attività aventi influenza sulla qualità intesa come misura del grado di soddisfazione delle parti interessate e si impegna a organizzare un sistema gestione qualità per migliorare continuamente i propri servizi in rapporto alle esigenze e ai fini istituzionali. Per la realizzazione della politica saranno perseguiti i seguenti obiettivi a breve termine: 1. lotta alla dispersione scolastica e promozione del successo formativo attraverso azioni di accoglienza, recupero, promozione dell agio e del benessere, arricchimento del POF 2. attenzione alla comunicazione e a tutte le scadenze nei confronti del cliente a cominciare dagli studenti e dalle loro famiglie 3. coinvolgimento delle parti interessate al sistema di gestione per la qualità 4. potenziamento delle attrezzature, con ammodernamento e ampliamento delle dotazioni 5. promozione delle attività di continuità con Scuola Media e Università e Politecnico 6. potenziamento delle relazioni col mondo del lavoro 7. incremento delle attività di orientamento e di accoglienza e della formazione in tema di sicurezza 8. miglioramento delle metodologie didattiche. 9. attività nei confronti di reti tra scuole ed iniziative per l utenza adulta. rev. 7 del 11/10/2013 Il Dirigente Scolastico Prof. Guido Rosso

4 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.4 di 40 CONSIGLIO DI ISTITUTO pres.: Franca Calabrese RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA Bellingeri Ciccarello - Ferracin RESPONSABILE SERVIZIO PROTEZIONE e PREVENZIONE Ing. Blengio RAPPRESENTANTE LAVORATORI SICUREZZA Bellingeri SQUADRA PRIMO SOCCORSO 6 addetti DIRETTORE SERVIZI GENERALI AMMINISTRATIVI Gabriella Ercole ORGANIGRAMMA SERVIZI TECNICI 7 assistenti tecnici DIRIGENTE SCOLASTICO Guido Rosso RESPONSABILE UFFICIO TECNICO Filippo Corini COLLABORATORI Franza Corana Bottega Buttini Casuscelli Pochettino RESPONSABILI DI LABORATORIO 16 docenti COLLEGIO DOCENTI 102 docenti Area studenti Ferretti Robbiano Rolando M. G. - Sala Progetto Qualità Bottega Amministratore di rete e gestione FAD Orsi Referente internet Chiari Documentazione Ghiglione S. PREVENZIONE INCENDI 14 addetti SERVIZIO PREVENZIONE FUMO 7 incaricati RESPONSABILE SERVIZIO QUALITÀ Bottega COMMISSIONE QUALITÀ Casasco Casuscelli - Corana - Ercole - Ferretti - Franza Ghiglione Guerra - Lucchelli SERVIZI AMMINISTRATIVI 7 assistenti amministrativi Tortona, 30/10/2013 SERVIZI GENERALI 14 collaboratori scolastici COORDINATORI DEI DIPARTIMENTI 11 docenti 39 CONSIGLI DI CLASSE tutti i docenti rappresentanti genitori rappresentanti studenti Il Dirigente Scolastico Prof. Guido Rosso Sostegno docenti / Prove Invalsi Casasco Pochettino - Roncoli Orientamento in uscita Bocchio Responsabile POF Franza 39 COORDINATORI CONSIGLI DI CLASSE un docente per classe 39 SEGRETARI CONSIGLI DI CLASSE un docente per classe

5 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.5 di 40 TECNICO SETTORE TECNOLOGICO IND.: MECCANICA E MECCATRONICA TECNICO SETTORE TECNOLOGICO IND.: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE interpreta schemi funzionali e disegni proporziona organi meccanici sceglie macchine, svolge le impianti, seguenti attrezzature mansioni: e materiali per controlla la progettazione, e gestisce la i processi lavorazione, aziendali la movimentazione, sotto il profilo collaudo economico, giuridico, interviene organizzativo, nella svolge manutenzione le seguenti contabile ordinaria mansioni: e nell esercizio controlla analizza di e sistemi gestisce i rapporti meccanici i processi fra l azendali ed tto il profilo elettromeccanici economico, giuridico, organizzativo, contabile usa tecnologie analizza informatiche i rapporti fra per l la partecipazione alla gestione e al controllo del processo industriale anche sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo. analizza le caratteristiche funzionali dei sistemi informatici, la generazione e l elaborazione di suoni, immagini e dati, sceglie apparati adeguati per la loro rice-trasmissione installa, configura e gestisce dispositivi e strumentazione elettronica nei sistemi di telecomunicazioni informatizzati progetta e realizza reti locali e servizi a distanza sviluppa software dedicato alle applicazioni informatiche SBOCCHI OCCUPAZIONALI SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: industria meccanica industria metalmeccanica abilitazione insegnamento tecnico-pratico esercizio della libera professione per: - progettare impianti industriali - programmare macchine utensili CNC - programmare attrezzature gestite da PLC prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO I II III IV Religione Cattolica o Attività Alternative Scienze Motorie e Sportive Lingua e Letteratura Italiana Lingua Inglese Storia Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze Integrate (Scienze Terra e Biologia) 2 2 Scienze Integrate (Fisica) 3 3 Scienze Integrate (Chimica) 3 3 Tecnologia e Tecniche Rappresentazione Grafica 3 3 Tecnologie Informatiche 3 Scienze e Tecnologie Applicate 3 Complementi di Matematica 1 1 Meccanica, Macchine ed Energia 4 4 Sistemi e Automazione 4 3 Tecnologie Meccaniche di Processo e Prodotto 5 5 Disegno, Progettazione e Organizzazione Industriale 3 4 Di cui Laboratorio Quadro orario I II III IV specifici: industria elettronica e elettromeccanica industria telecomunicazioni abilitazione insegnamento tecnico-pratico esercizio della libera professione per: - progettazione sistemi di telecomunicazioni e reti informatiche - progettazione sistemi elettronici industriali - sviluppo software dedicato alle applicazioni informatiche prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO I II III IV Religione Cattolica o Attività Alternative Scienze Motorie e Sportive Lingua e Letteratura Italiana Lingua Inglese Storia Matematica Diritto Ed Economia 2 2 Scienze Integrate (Scienze Terra e Biologia) 2 2 Scienze Integrate (Fisica) 3 3 Scienze Integrate (Chimica) 3 3 Tecnologia e Tecniche Rappresentazione Grafica 3 3 Tecnologie Informatiche 3 Scienze e Tecnologie Applicate 3 Complementi di Matematica 1 1 Sistemi e Reti 4 4 Tecnologia Progettazione Sistemi Informatici di TLC 3 3 Gestione Progetto Org. di Impresa Informatica 3 3 Telecomunicazioni 6 6 Di cui Laboratorio Religione Cattolica o Attività Alternative

6 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.6 di 40 TECNICO SETTORE TECNOLOGICO IND.: CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE collabora nei laboratori controllo qualità procedendo all analisi dei prodotti con specifico riferimento alle norme di legge assume responsabilità di verifica e controllo degli impianti integrando competenze di biologia, microbiologia, chimica e processi biotecnologici ha competenze di analisi e controllo dei reflui nel rispetto delle normative per la tutela ambientale a conclusione del percorso di studi, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, gli studenti sapranno: cogliere i rapporti tra il pensiero scientifico e la riflessione filosofica comprendere il ruolo della tecnologia come mediazione tra scienza e vita quotidiana utilizzare gli strumenti informatici in relazione all analisi dei dati e agli specifici problemi scientifici applicare i metodi delle scienze in diversi ambiti SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: tecnico di laboratorio tecnico addetto a conduzione e controllo di impianti di produzione nelle industrie chimiche abilitazione insegnamento tecnico-pratico esercizio della libera professione operatore nei laboratori scientifici e di ricerca prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: industria terziario enti pubblici e privati prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO QUADRO ORARIO I II III IV Religione Cattolica o Attività Alternative Scienze Motorie e Sportive Lingua e Letteratura Italiana Lingua Inglese Storia Matematica Diritto Ed Economia 2 2 Scienze Integrate (Scienze Terra e Biologia) 2 2 Scienze Integrate (Fisica) 3 3 Scienze Integrate (Chimica) 3 3 Tecnologia e Tecniche Rappresentazione Grafica 3 3 Tecnologie Informatiche 3 Scienze e Tecnologie Applicate 3 Complementi di Matematica 1 1 Chimica Analitica e Strumentale 7 6 Chimica Organica e Biochimica 5 5 Tecnologie Chimiche e Biotecnologie 4 5 Di cui Laboratorio I II III IV Religione Cattolica o Attività Alternative Scienze Motorie e Sportive Lingua e Letteratura Italiana Lingua e Coltura Straniera (Inglese) Storia e Geografia 3 3 Storia 2 2 Filosofia 2 2 Matematica Scienze Naturali (Biologia, Chimica, Scienze Naturali) Fisica Disegno e Storia dell Arte Informatica

7 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.7 di 40 PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI IND.: SERVIZI COMMERCIALI PROFILO PROFESSIONALE gestisce la corrispondenza anche in due lingue straniere compila, protocolla e archivia documenti utilizza programmi di contabilità e video-scrittura esegue e rielabora rilevazioni contabili svolge compiti di gestione aziendale SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: uffici tecnico - amministrativi di aziende pubbliche e private prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO I II III IV Religione Cattolica o Attività Alternative Scienze Motorie e Sportive Lingua e Letteratura italiana Diritto ed Economia 2 2 Storia Lingua Inglese Matematica Scienze Integrate (Scienze della Terra e Biologia) 2 2 Scienze Integrate (Fisica) 2 Scienze Integrate (Chimica) 2 Informatica e laboratorio 2 2 Tecniche professionali dei servizi commerciali Seconda Lingua Straniera (Francese) Tecnica di Comunicazione 2 2 Diritto ed Economia 4 4 Di cui Laboratorio

8 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.8 di 40 TECNICO SETTORE ECONOMICO IND.: AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING PROFILO PROFESSIONALE rileva le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili in linea con i principi nazionali ed internazionali redige ed interpreta i documenti amministrativi e finanziari aziendali gestisce adempimenti di natura fiscale collabora alle trattative contrattuali svolge attività di marketing collabora all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali utilizza tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing SBOCCHI OCCUPAZIONALI Specifici Aziende operanti nel settore pubblico o privato e studi professionali, con mansioni nel settore logistico, marketing e finanziario Esercizio della libera professione prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO I II III IV Religione Cattolica o Attività Alternative Scienze Motorie e Sportive Lingua e Letteratura Italiana Lingua Inglese Storia Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze Integrate (Scienze Terra e Biologia) 2 2 Scienze Integrate (Fisica) 2 Scienze Integrate (Chimica) 2 Seconda Lingua Comunitaria (Francese) Informatica Geografia 3 3 Economia Aziendale Diritto 3 3 Economia Politica 3 2

9 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.9 di 40 PERITO MECCANICO PERITO IN ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE svolge le seguenti funzioni: svolge le seguenti mansioni: interpreta controlla schemi funzionali e gestisce e disegni i processi aziendali proporziona sotto organi il profilo meccanici economico, giuridico, sceglie macchine, organizzativo, svolge impianti, le seguenti contabile attrezzature mansioni: utilizza strumenti controlla analizza informatici e gestisce i rapporti i per processi fra la l progettazione, azendali tto il profilo la lavorazione economico, e la movimentazione giuridico, organizzativo, contabile usa tecnologie analizza informatiche i rapporti per fra la l partecipazione alla gestione e al controllo del processo industriale svolge le seguenti funzioni: analizza e dimensiona reti elettriche lineari e non lineari analizza le caratteristiche funzionali di sistemi di generazione, elaborazione, trasmissione di suoni, immagini, dati partecipa a collaudo, gestione, manutenzione di sistemi progetta e realizza sistemi di automazione e di telecomunicazione SBOCCHI OCCUPAZIONALI SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: industria meccanica industria metalmeccanica abilitazione insegnamento tecnico-pratico esercizio della libera professione per: - progettare impianti industriali - programmare macchine utensili CNC - programmare attrezzature gestite da PLC specifici: industria elettronica e elettromeccanica industria telecomunicazioni abilitazione insegnamento tecnico-pratico esercizio della libera professione per: - progettare impianti industriali - programmare sistemi elettronici e industriali prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO QUADRO ORARIO Quadro orario V Religione Cattolica o Attività Alternative 1 Lingua e lettere italiane 3 Storia 2 Inglese 2 Diritto ed economia 2 Matematica laboratorio 3(1) Meccanica applicata macchine fluido 4 Tecnologia meccanica 4(4) Disegno progettazione Orgazzaz. industriale 5(2) Sistemi ed automazione 4(3) Educazione fisica 2 Totale ore 32(10) tra parentesi ore di laboratorio Quadro orario V Religione Cattolica o Attività Alternative 1 Lingua e lettere italiane 3 Storia 2 Inglese 2 Diritto ed economia 2 Matematica 3 Elettronica 4(2) Telecomunicazioni 5(2) Tecnologia disegno progettazione 4(2) Sistemi e automazione 4(2) Educazione fisica 2 Totale ore 32(8) tra parentesi ore di laboratorio

10 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.10 di 40 PERITO IN TECNOLOGIE ALIMENTARI DIPLOMA SCIENTIFICO TECNOLOGICO PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE svolge le seguenti funzioni: procede ad un esame analitico delle materie con specifico riferimento alle norme di legge assume responsabilità di verifica, controllo degli impianti e alla conservazione degli stessi schematizza impianti e rileva il loro funzionamento svolge le seguenti funzioni: l indirizzo rappresenta un raccordo efficace tra conoscenze di tipo umanistico e scientifico - tecnologico. La preparazione conseguita comporta lo sviluppo di capacità logico formali,la conoscenza di teorie,principi scientifici, di processi tecnologici sia sotto l aspetto teorico sia sperimentale, in perfetta sintonia con le metodologie della ricerca moderna. SBOCCHI OCCUPAZIONALI SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: ufficio d igiene, laboratori di microbiologia ed analisi chimica industrie alimentari, lattiero-casearie aziende del settore chimico anche non legate al comparto alimentare libera professione prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS Industria terziario enti pubblici e privati specifici: prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO QUADRO ORARIO Quadro orario V Quadro orario V Religione Cattolica o Attività Alternative 1 Lingua e lettere italiane 3 Storia 2 Inglese 2 Diritto ed economia 2 Matematica 3 Analisi e complementi di chimica 7(6) Compl. di biologia e M Microbiologia gen. 4(4) Tecnologia impianti alimentari disegno e lab 6(5) Educazione fisica 2 Totale ore 32(15) tra parentesi ore di laboratorio Religione Cattolica o Attività Alternative 1 Lingua e lettere italiane 4 Storia educazione civica 3 Inglese 3 Filosofia 3 Matematica laboratorio 4(1) Scienze della terra 2 Biologia e laboratorio 2(1) Fisica e laboratorio 4(2) Chimica e laboratorio 3(2) Informatica e sistemi automatici 3(2) Educazione fisica 2 Totale ore 34(8) tra parentesi ore di laboratorio

11 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.11 di 40 OPERATORE/TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE PROFILO PROFESSIONALE Dopo un corso di tre anni si consegue la qualifica di Operatore della Gestione Aziendale Dopo il corso post-qualifica di due anni si consegue il diploma in Tecnico della Gestione Aziendale svolge le seguenti funzioni: gestisce la corrispondenza in lingua compila documenti in video-scrittura esegue e rielabora rilevazioni contabili SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: inserimento nel mondo del lavoro con possibilità di impiego in uffici tecnico - amministrativi di aziende pubbliche e private prosecuzione degli studi: con il diploma si ha accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO Quadro orario V Educazione fisica 2 Religione Cattolica o Attività Alternative 1 Lingua e lettere italiane 4 Storia 2 Inglese 3 Diritto ed economia 4 Matematica informatica 3 Informatica gestionale 3 Economia aziendale 8(3) Totale ore 30(3) tra parentesi ore di laboratorio

12 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.12 di 40 DIPLOMA DI RAGIONIERE E PERITO COMMERCIALE PROFILO PROFESSIONALE svolge le seguenti funzioni: controlla e gestisce i processi aziendali sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile analizza i rapporti fra l azienda e l ambiente in cui opera per proporre soluzioni a problemi specifici possiede buone conoscenze linguistiche utilizzando appropriati linguaggi tecnici SBOCCHI OCCUPAZIONALI specifici: aziende pubbliche e private con particolare attenzione ai settori dell economia in cui agiscono aziende industriali, commerciali, di servizi, bancarie, assicurative e studi professionali prosecuzione degli studi: accesso a tutte le facoltà Universitarie, corsi di specializzazione, IFTS QUADRO ORARIO Quadro orario V Religione Cattolica o Attività Alternative 1 Lingua e lettere italiane 3 Storia educazione civica 2 1^ Lingua straniera inglese 3 2^ Lingua straniera francese 3 Matematica 3 Diritto ed Economia 3 Economia aziendale laboratorio 7 Geografia economica 3 Economia politica scienza delle finanze 2 Educazione fisica 2 Totale ore 32

13 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.13 di 40 ORARIO DELLE LEZIONI La scuola apre alle ore Dalle 7.30 alle 7.40 è possibile sostare nell atrio. Dopo il suono del campanello alle 7.40 gli alunni devono recarsi in aula. Alle ore 7.44 inizia l attività didattica. Le unità didattiche hanno il seguente orario: 1 a lezione dalle 7.44 alle a lezione dalle 8.34 alle 9.24 primo intervallo dalle 9.24 alle a lezione dalle 9.32 alle Entrare presto 4 a lezione dalle alle nel mondo del 3 secondo intervallo dalle alle lavoro 5 a anni lezione dalle alle a lezione dalle alle Gli insegnanti della prima ora sono presenti in scuola dalle ore 7.40 e sorvegliano l ingresso della classe. Durante l intervallo alcuni 5 docenti, a turni pianificati (Piani 302), sono incaricati della sorveglianza. anni Gli insegnanti dell ultima ora di lezione controllano che l uscita si svolga regolarmente. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE Per assicurare un rapporto efficace con le famiglie e gli studenti, in relazione alle diverse modalità organizzative del servizio, il Consiglio d Istituto sulla base delle proposte del Collegio dei Docenti definisce le modalità e i criteri per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie e gli studenti, assicurando la concreta accessibilità al servizio, pur compatibile con le esigenze di funzionamento dell Istituto e prevedendo idonei strumenti di comunicazione tra istituto e famiglie. ( CCNL 2006/2009, art. 29, c. 4 ) Entrare presto nel mondo del lavoro 3 anni Una preparazione tecnica qualificata per accedere al mondo del lavoro o all Università 5 anni

14 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.14 di 40 PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ Questo documento è sottoscritto in accordo con le indicazioni dell'art.3 del D.P.R. 235/2007, secondo i principi del D.P.R. 249/1998 "Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria" ed in particolare dell'art.1, Vita della comunità scolastica 1. La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica. 2. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia fatta a New York il 20 novembre 1989 e con i principi generali dell'ordinamento italiano. 3. La comunità scolastica, interagendo con la più ampia comunità civile e sociale di cui è parte, fonda il suo progetto e la sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo sviluppo della personalità dei giovani, anche attraverso l'educazione alla consapevolezza e alla valorizzazione dell'identità di genere, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati all'evoluzione delle conoscenze e all'inserimento nella vita attiva. 4. La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale. Questo documento sintetizza gli impegni che la scuola, lo studente/la studentessa e la famiglia si assumono, nel rispetto reciproco dei ruoli, per realizzare i principi esposti sopra.

15 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.15 di 40 Lo studente/la studentessa si impegna a: 1. Partecipare alla propria formazione con impegno, dedicando tempo ed energie allo studio individuale ed alla propria preparazione. 2. Prestare attenzione alle indicazioni fornite dagli insegnanti, dai tecnici e dal personale della scuola. 3. Rispettare tutte le persone che operano nell'istituto. 4. Rispettare rigorosamente le norme di sicurezza e le disposizioni sull'uso di strumenti, macchine, dispositivi di protezione individuale, e per l'uso responsabile delle reti informatiche. 5. Dimostrare sensibilità per le diversità di ciascuno, nella prospettiva di un reciproco arricchimento. 6. Rispettare l'ambiente, gli arredi, le strutture e le dotazioni scolastiche. 7. Partecipare alle lezioni con il corredo ed i materiali occorrenti. 8. Rispettare gli orari vigenti nella scuola. 9. Rispettare le consegne e le scadenze per l'esecuzione dei compiti. 10. Rispettare le indicazioni della scuola previste dal Regolamento d'istituto, dalle disposizioni dei docenti e dall'educazione; in particolare: 11. non fumare nei locali scolastici 12. usare sempre un linguaggio consono 13. tenere spenti, a scuola, i telefoni cellulari. La famiglia dello studente/della studentessa si impegna a: 1. Collaborare con la Scuola per l'educazione e la formazione dello studente/della studentessa. 2. Riconoscere l'importanza della Scuola nel percorso formativo delle giovani generazioni. 3. Imparare a conoscere l'offerta formativa dell'istituto. 4. Vigilare affinché lo studente/la studentessa rispetti le scadenze nei compiti e nelle attività previste. 5. Giustificare puntualmente assenze e ritardi. 6. Rendersi disponibile al colloquio con i docenti, specialmente quando ciò venga richiesto per affrontare specifiche difficoltà dello studente/della studentessa. 7. Controllare il rispetto, da parte dello studente/della studentessa, delle persone, delle regole e dei beni della scuola. 8. Rimborsare eventuali danneggiamenti procurati dal proprio figlio/dalla propria figlia singolarmente od in associazione con altri.

16 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.16 di 40 L'Istituto si impegna a: 1. Rispettare l'identità dello studente/della studentessa. 2. Far conoscere il Progetto Educativo dell'istituto, i diversi percorsi di studio e le loro caratteristiche. 3. Far conoscere il Regolamento d'istituto. 4. Far conoscere le strategie, i criteri e gli strumenti di valutazione. 5. Progettare e realizzare momenti d'incontro tra famiglie e docenti. 6. Agire attivamente per scambiare con le famiglie ogni informazione utile ai percorsi educativi e formativi. 7. Proporre ed attuare interventi di sostegno e recupero, mirati soprattutto a superare le difficoltà nelle singole discipline. 8. Proporre ed attuare interventi di arricchimento dell'offerta formativa, volti a sviluppare le potenzialità dei singoli e dei gruppi. 9. Progettare ed attuare iniziative di orientamento e riorientamento iniziale, intermedio ed al termine dei percorsi formativi. 10. Progettare ed attuare iniziative, sia di sostegno che di arricchimento, da inserire nei percorsi formativi in collaborazione con altre scuole, con agenzie esterne, con enti ed aziende del territorio. 11. Ascoltare, nelle forme previste, le richieste e le proposte degli studenti e delle famiglie, accogliendole ove compatibili con gli obiettivi dell'istituto e con le disposizioni interne e le norme vigenti. 12. Rispettare la riservatezza dei dati dello studente/della studentessa. 13. Garantire il rispetto delle disposizioni di sicurezza. 14. Garantire, nei limiti delle risorse di bilancio, il costante aggiornamento delle dotazioni dei laboratori. 15. Agire nel rispetto degli obiettivi prefissati dalla Politica della Qualità.

17 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.17 di 40 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Il Protocollo di Accoglienza (PdA) intende presentare procedure per promuovere l integrazione degli alunni stranieri, per rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare le attività di sostegno linguistico e culturale ad essi rivolte. Questo documento, approvato dal Collegio dei Docenti ed inserito nel P.O.F. d istituto, predispone e organizza procedure condivise e approvate che l Istituto intende mettere in atto secondo quanto indicato dall art. 45 del DPR 31/08/1999 n 394 e dalle Linee Guida del MIUR sull integrazione degli alunni stranieri (marzo 2006) Il PdA, deliberato dal Collegio dei docenti del 15 maggio 2009, costituisce uno strumento di lavoro e come tale può essere integrato annualmente e rivisto sulla base delle esigenze e delle risorse della scuola. 1. Finalità Mediante le indicazioni e i criteri contenuti nel PdA, il Collegio dei Docenti dell Istituto si propone di: definire buone pratiche condivise tra le diverse componenti dell Istituto al fine di facilitare l inserimento e l integrazione degli alunni stranieri. favorire con varie iniziative il clima di accoglienza nella classe e a scuola. promuovere le relazioni e la comunicazione con la famiglia immigrata. migliorare le competenze linguistiche degli allievi stranieri (lingua della comunicazione e lingua di studio) promuovere approcci didattici interculturali promuovere la collaborazione e la comunicazione tra le scuole e tra scuola e territorio(tavoli di Concertazione C.I.S.A., RETE 72, Comune di Tortona, Asl 20, ecc ) 2. Contenuti Il PdA prevede la costituzione di una Commissione Accoglienza con il compito di espletare le seguenti pratiche: burocratico-amministrativo-informative che riguardano l iscrizione e l inserimento scolastico degli alunni stranieri; comunicativo-relazionali concernenti i compiti e i ruoli degli operatori scolastici e le fasi di accoglienza a scuola; educativo-didattiche che definiscono le modalità di assegnazione della classe, di accoglienzaintegrazione nella scuola, di insegnamento-apprendimento dell Italiano L2, di recuperopotenziamento delle competenze disciplinari; sociali che individuano i rapporti e le collaborazioni con il territorio. Commissione accoglienza Nell ambito dei compiti attribuiti dal DPR 31/08/99 all art. 45, il Collegio dei Docenti istituisce la Commissione come gruppo di lavoro e articolazione dell Organo Collegiale di Istituto per l inserimento/integrazione degli alunni stranieri. La Commissione di Accoglienza è formata da: - Dirigente Scolastico o suo delegato - Docenti referenti per il settore intercultura/alunni stranieri (Funzioni Strumentali Alunni) Docente (almeno uno) operativo nei corsi di alfabetizzazione - Docenti (almeno tre) delle aree disciplinari e/o professionalizzanti - Assistente ATA della segreteria didattica (segreteria alunni) La CdA è aperta alla collaborazione di altre persone (genitori alunni stranieri, associazioni ed Enti locali ) che si possono rendere disponibili per particolari iniziative in favore degli alunni immigrati.

18 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.18 di 40 I compiti 1. All atto dell iscrizione L iscrizione rappresenta il primo passo del percorso di accoglienza dell alunno straniero e della sua famiglia. Si rimanda per la documentazione da produrre, a quanto espresso nelle Linee guida per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri emanate dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento dell Istruzione-Direzione generale per lo studente- Ufficio per l integrazione degli alunni stranieri(circolare ministeriale n 24 del 1 marzo 2006 nella sezione Area Amministrativa). Compiti della segreteria Iscrive l alunno, raccoglie documenti e/o autocertificazioni relativi alla precedente scolarità, fornisce ai genitori la modulistica per facilitare loro la comunicazione con il Dirigente Scolastico e con gli insegnanti, fissa incontri tra famiglia e Commissione d Accoglienza d istituto e, se presente, con il mediatore culturale. Fornisce ai genitori materiale per una prima informazione sull istituto: il POF, il libretto delle giustificazioni, ecc Compiti della Commissione di Accoglienza Legge e valuta le informazioni raccolte per la scelta e l inserimento dell alunno nella classe, predispone e organizza materiale per l accoglienza(modulistica, materiale informativo, ecc ), individua percorsi per una prima accoglienza, progetta itinerari interculturali. 2. L inserimento scolastico Compiti della Commissione di Accoglienza Esamina la documentazione raccolta in segreteria all atto dell iscrizione, raccoglie i dati anamnestici personali e scolastici dell alunno. Fornisce informazioni sull organizzazione della scuola e pone le basi per una collaborazione continuativa scuola-famiglia. Stabilisce sulla scorta degli elementi raccolti la classe d inserimento tenendo conto dell età anagrafica, dell ordinamento degli studi del Paese di provenienza, di un primo accertamento di competenze ed abilità, delle aspettative familiari e dell alunno. La scelta della classe da parte del Dirigente Scolastico terrà conto delle indicazioni del DPR n.394 del 31/08/99 art.45, la sezione sarà identificata tenendo conto del numero di alunni per classe, della presenza di alunni stranieri o diversamente abili e di eventuali problematiche. 3. L integrazione scolastica La scuola effettua il bilancio delle competenze in base a test d ingresso di Italiano L2, Matematica, Inglese e altre discipline in relazione ai diversi piani di studio che serviranno per la formulazione del Piano Educativo Personalizzato per casi specifici quando la limitata conoscenza linguistica impedisce di seguire le attività previste nell ambito del lavoro di classe. 4. Organizzazione dei corsi di sostegno di primo e secondo livello Corsi di sostegno di primo livello: lingua italiana L2 per comunicare I corsi di sostegno di primo livello verranno effettuati, secondo le seguenti modalità: all inizio dell anno scolastico o all occorrenza se ne viene ravvisata la necessità in relazione al numero dei nuovi studenti stranieri, verrà effettuato un corso intensivo di Italiano L2 per l acquisizione di semplici competenze di comunicazione funzionale in corso d anno, verranno predisposte lezioni di Italiano L2 formulate per l acquisizione di competenze di comunicazione orale e scritta. Corsi di sostegno di secondo livello: la lingua italiana L2 per apprendere Quando gli studenti dimostrano una maggiore padronanza della lingua si prevede l organizzazione di corsi di sostegno-recupero linguistico con riferimento alle diverse discipline. 5. Linee Guida per la valutazione degli alunni stranieri La valutazione degli alunni stranieri, in particolare quelli neoarrivati, pone problemi di vario genere. Seguendo le recenti indicazioni delle Linee Guida del MIUR (marzo 2006) la normativa esistente rafforza il ruolo e la responsabilità delle istituzioni nella loro autonomia e dei docenti nella valutazione degli alunni. L art. 45, comma 4, del D.P.R. n.394 del 31 agosto 1999 afferma che:

19 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.19 di 40 Il Collegio dei Docenti definisce, in relazione al livello di competenza dei singoli alunni stranieri il necessario adattamento dei programmi di insegnamento; allo scopo possono essere adottati specifici interventi individualizzati o per gruppi di alunni per facilitare l apprendimento della lingua italiana, utilizzando, ove possibile, le risorse professionali della scuola. Il consolidamento della conoscenza e della pratica della lingua italiana può essere realizzata altresì mediante l attivazione di corsi intensivi di lingua italiana sulla base di specifici progetti, anche nell ambito delle attività aggiuntive di insegnamento per l arricchimento dell offerta formativa. Il Consiglio di Classe, per poter valutare l alunno straniero non alfabetizzato in lingua italiana, dovrà programmare interventi di educazione linguistica e percorsi disciplinari appropriati, elaborando un Piano Educativo Personalizzato(PEP) Ciascun docente, nell ambito della propria disciplina, dovrà opportunamente selezionare i contenuti individuando i nuclei tematici fondamentali e semplificati, al fine di permettere il raggiungimento almeno degli obiettivi minimi previsti dalla programmazione. Il lavoro svolto dall alunno nei corsi di alfabetizzazione o di sostegno linguistico, che è oggetto di verifiche orali e scritte, deve essere considerato parte integrante della valutazione di Italiano/L2. Ogni scelta effettuata dal Consiglio di Classe deve essere contenuta nel Piano Educativo Personalizzato. In questo contesto, che privilegia la valutazione formativa rispetto a quella sommativa, si prendono in considerazione: il percorso scolastico pregresso; gli obiettivi possibili; i risultati ottenuti nell apprendimento dell italiano L2; i risultati ottenuti nei percorsi disciplinari programmati; la motivazione; la partecipazione; l impegno; la progressione e le potenzialità d apprendimento. Alla fine del primo trimestre, soprattutto se l inserimento dell alunno è prossimo alla stesura dei documenti di valutazione, il Consiglio di Classe, dopo aver preso in esame gli elementi sopra indicati, potrà esprimere una valutazione di questo tipo: La valutazione non viene espressa in quanto l alunno si trova nella fase di alfabetizzazione in lingua italiana. Oppure: La valutazione espressa fa riferimento al P.E.P. (Piano Educativo Personalizzato), programmato per gli apprendimenti, in quanto l alunno si trova nella fase di alfabetizzazione in lingua italiana. (Anche nel caso in cui l alunno partecipi parzialmente alle attività didattiche). Per quanto riguarda la valutazione di fine anno scolastico, il Consiglio di Classe può ricorrere alla seconda formulazione, tenendo conto degli attuali orientamenti della linguistica e della pedagogia interculturale e facendo, inoltre, riferimento alle indicazioni espresse dal MIUR in Linee Guida per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, Circ. min. n.24 del 01/03/2006, che sono orientate ad una valutazione più comprensiva e diluita in un arco di tempo più lungo, per rispettare i tempi di apprendimento/acquisizione della lingua italiana. La lingua per comunicare può essere appresa in un arco di tempo che può oscillare da un mese a un anno, in relazione all età, alla lingua d origine, all utilizzo in ambiente etrascolastico. Per apprendere la lingua dello studio, invece, possono essere necessari alcuni anni, considerato che si tratta di competenze specifiche.. E necessaria, pertanto, una programmazione mirata sui bisogni reali e sul monitoraggio dei progressi di apprendimento nella lingua italiana, acquisita via via dall alunno straniero.una volta superata questa fase (capacità di sviluppare la lingua per comunicare), va prestata particolare attenzione all apprendimento della lingua per lo studio perché rappresenta il principale ostacolo per l apprendimento delle varie discipline. Nel caso in cui l alunno, non italofono, venga iscritto nella seconda parte dell anno scolastico, è utile l intervento del mediatore linguistico-culturale anche per una valutazione equipollente di eventuali produzioni scritte in lingua materna.

20 documentazione SGQ SIRQ Piani 200 a.s. 2013/2014 Pag.20 di 40 CRITERI PER L'ACCOGLIMENTO DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE IN ESUBERO ESTRATTO DEL VERBALE DEL CONSIGLIO D'ISTITUTO N. 67 DEL 12/01/2011 Omissis Il Dirigente Scolastico illustra la C.M. n. 101 del 30/12/2010, riguardante le iscrizioni per l a.s. 2011/12. in particolare chiede al Consiglio di Istituto di ridefinire i criteri di precedenza nell ammissione di eventuali iscritti in eccedenza rispetto al numero di classi da attivare. La C.M. prescrive, tra l altro, che la delibera del Consiglio di Istituto in merito sia affissa all Albo dell Istituto e pubblicata sul sito web. Il Consiglio di Istituto, dopo ampia riflessione, - richiamate le difficoltà già espresse in precedenti riunioni, poiché ha sempre ritenuto dovere prioritario assicurare il servizio di istruzione all utenza; - considerata ineludibile la raccomandazione: resta inteso, comunque, che l Amministrazione scolastica deve garantire in ogni caso, soprattutto per gli alunni soggetti all obbligo di istruzione la fruizione del diritto allo studio... ; - considerato dover procedere all individuazione dei predetti criteri da applicarsi esclusivamente alle domande irrituali, cioè presentate fuori dai termini o con documentazione incompleta, e solo dopo aver esperito ogni forma di ri-orientamento con il consenso degli studenti e delle loro famiglie; DELIBERA di individuare come prioritarie per l accettazione delle iscrizioni le seguenti condizioni: - alunni ripetenti del nostro Istituto - merito scolastico (a partire dalla media dei voti più alta) per chi proviene da altra scuola - territorialità, intesa sia come vicinanza alla nostra sede che come difficoltà a raggiungere eventuali altre sedi. Omissis CRITERI PER LA FORMAZIONE DELE CLASSI 1. omogeneità fra le classi parallele mantenendo la varietà dei livelli di preparazione all interno della stessa classe 2. fino a un massimo di 5 allievi provenienti dal stessa classe o paese 3. gruppi di almeno tre studentesse inserite nella stessa classe.

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA Allegato al POF ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA SEGRETERIA Raccoglie i primi dati anagrafici e sulla scolarità pregressa dell alunno straniero Consegna alla famiglia

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

La scuola per il tuo futuro

La scuola per il tuo futuro Il Copernico: un Liceo, un Istituto Tecnico, tanti laboratori La scuola per il tuo futuro Guida alle iscrizioni a.s. 2015-2016 Il Copernico è il polo scolastico di Barcellona P.G che offre gli indirizzi

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori

Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori La scuola per il tuo futuro: nuove frontiere e orizzonti per gli studenti della Generazione Copernico Liceo Scientifico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato).

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato). PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Premessa Il Protocollo di Accoglienza (PdA) presenta le procedure (approvate e condivise dal Collegio Docenti) che il nostro Istituto attua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado PREMESSA La scuola oggi deve affrontare il tema delle relazioni, dell incontro con

Dettagli

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 Presentazione degli indirizzi Dalle ore 9:30 alle ore 10:00 Presentazione Liceo Scienze Umane Dalle ore 10:00 alle ore 10.30 Presentazione Liceo Scienze Applicate Dalle

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri LICEO G. MARCONI San Miniato Pisa Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri Questo documento intende presentare una modalità corretta e pianificata con la quale affrontare e facilitare l inserimento

Dettagli

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Felice Faccio - CASTELLAMONTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura della

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

liceo scienze applicate

liceo scienze applicate imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein liceo scienze applicate liceo scientifico SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO, PERCHè L ISTITUTO SOBRERO RAPPRESENTA UN POLO FORMATIVO

Dettagli

Protocollo di accoglienza/permanenza dell allievo straniero

Protocollo di accoglienza/permanenza dell allievo straniero ALLEGATO 4 Protocollo di accoglienza/permanenza dell allievo straniero Il presente protocollo chiarisce quali sono gli organi e le relative funzioni per l inserimento e la permanenza nell Istituto degli

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI ALLIEVI STRANIERI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI ALLIEVI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO TEN. F. PETRUCCI Via Ten. F. Petrucci, 16 05026 Montecastrilli (TR) Tel./Fax Uff.Segret. 0744 940235 - PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI ALLIEVI STRANIERI Approvato dal Collegio dei

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GIULIO RIVA

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GIULIO RIVA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GIULIO RIVA SARONNO - VIA CARSO, 10 TEL. 02.96703088 02.96703815 FAX 02.9609391 www.itisriva.va.it LA CENTRALITÀ DELL ISTRUZIONE TECNICA Il profilo che caratterizza

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

E. STOPPA SERVIZI SOCIO SANITARI

E. STOPPA SERVIZI SOCIO SANITARI domenica 14 dicembre 2014 ore 15.00-17.30 venerdì 23 gennaio 2015 ore 18.00-20.30 sabato 7 febbraio 2015 ore 15.00-17.30 SERVIZI COMMERCIALI SEZIONE PROFESSIONALE E. STOPPA SERVIZI SOCIO SANITARI VIENI

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

VITTORIO EMANUELE II

VITTORIO EMANUELE II LICEO CLASSICO STATALE VITTORIO EMANUELE II DISTRETTO SCOLASTICO N 1/39 PALERMO SEDE CENTRALE : VIA SIMONE DI BOLOGNA SUCCURSALE : VIA DEL GIUSINO P IANO DELL O FFERTA 2011-2012 F ORMATIVA Conoscenza

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale. Galileo Galilei Conegliano (TV)

Istituto Tecnico Industriale Statale. Galileo Galilei Conegliano (TV) Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Conegliano (TV) FINALITÀ DELL ISTITUTO L impegno dell ITIS G. Galilei è quello di educare persone umane, autonome, libere da pregiudizi, capaci di operare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni:

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Scuola secondaria di primo grado T. Tasso Scuola primaria C. Govoni Scuola Primaria M. Poledrelli Scuola Primaria G. Leopardi Scuola Primaria A. Volta-Doro 1 PREMESSA

Dettagli

FRANCESCO DE SANCTIS Tecnico Biotecnologico Tecnico Turistico Liceo Scientifico Professionale per i Servizi Commerciali Corsi Serali

FRANCESCO DE SANCTIS Tecnico Biotecnologico Tecnico Turistico Liceo Scientifico Professionale per i Servizi Commerciali Corsi Serali ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE FRANCESCO DE SANCTIS Tecnico Biotecnologico Tecnico Turistico Liceo Scientifico Professionale per i Servizi Commerciali Corsi Serali 80 Napoli - Piazza S. Maria

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale BENEDETTO CASTELLI

Istituto Tecnico Industriale BENEDETTO CASTELLI Istituto Tecnico Industriale BENEDETTO CASTELLI Sede: Brescia via Cantore 9 tel. 030/3700267 fax 030/395205 Indirizzo posta elettronica: itisbs@numerica.it COSA SI STUDIA I diversi corsi di studio Al "Castelli"

Dettagli

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

UFFICIO LEGISLATIVO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO LEGISLATIVO Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI

ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI (per procedere nella presentazione cliccare sulle frecce o girare la rotellina del mouse) Nelle pagine seguenti presenteremo una rapida

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA SESTRI LEVANTE ISTITUTO TECNICO LICEO SCIENTIFICO NATTA-DE AMBROSIS SETTORE TECNOLOGICO

OFFERTA FORMATIVA SESTRI LEVANTE ISTITUTO TECNICO LICEO SCIENTIFICO NATTA-DE AMBROSIS SETTORE TECNOLOGICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE NATTA-DE AMBROSIS LA SCELTA GIUSTA PERCHE IL FUTURO COMINCIA DALLA SCUOLA SESTRI LEVANTE OFFERTA FORMATIVA LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale: Triennio ad indirizzo MECCANICO Diploma di Perito MECCANICO. Il perito industriale per la meccanica è una figura professionale ad ampio campo di competenze con propensione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO TECNICO STATALE Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Astolfo Lunardi Via Riccobelli, 47-25123 Brescia - Tel. 0302009508 - Fax: 030390996 E-mail info@lunardi.bs.it - URL http://www.lunardi.bs.it

Dettagli

3. PROGETTO CURRICOLARE (Nuovo Ordinamento)

3. PROGETTO CURRICOLARE (Nuovo Ordinamento) La strategia di costruzione della personalità non può essere separata dal contesto cognitivo, così come il viceversa: dare istruzione significa fornire conoscenze e strumenti per interpretare se stessi

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Protocollo di accoglienza e di inclusione degli alunni con cittadinanza non italiana

Protocollo di accoglienza e di inclusione degli alunni con cittadinanza non italiana Protocollo di accoglienza e di inclusione degli alunni con cittadinanza non italiana Premessa Il Protocollo di accoglienza e di integrazione degli alunni stranieri contiene principi, criteri ed indicazioni

Dettagli

SETTORE TECNOLOGICO. Istituto Tecnico Tecnologico V. Cerulli (via Gramsci, 68)

SETTORE TECNOLOGICO. Istituto Tecnico Tecnologico V. Cerulli (via Gramsci, 68) I nuovi Istituti tecnici sono raggruppati in 2 settori: Economico Tecnologico L I.I.S. V.Crocetti-V.Cerulli offre ai propri studenti una formazione nel SETTORE ECONOMICO E NEL SETTORE TECNOLOGICO: SETTORE

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità anno scolastico 2008 2009 IC SAN GIOVANNI IL. P.E.C. pag.1 ISTITUTO

Dettagli

Protocollo di accoglienza alunni stranieri dell Istituto Comprensivo Calasanzio

Protocollo di accoglienza alunni stranieri dell Istituto Comprensivo Calasanzio Protocollo di accoglienza alunni stranieri dell Istituto Comprensivo Calasanzio Il Protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti. Contiene criteri, principi, indicazioni riguardanti

Dettagli

sede Via M. Gorki, 100 tel.: 02-6122340 ; fax: 02-6122350; indirizzo e-mail: iis.montale@libero.it sito WEB: www.istitutoeugeniomontale.

sede Via M. Gorki, 100 tel.: 02-6122340 ; fax: 02-6122350; indirizzo e-mail: iis.montale@libero.it sito WEB: www.istitutoeugeniomontale. IIS EUGENIO MONTALE ISTITUTO TECNICO per il SETTORE ECONOMICO ISTITUTO PROFESSIONALE settore SERVIZI e settore INDUSTRIA ED ARTIGIANATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE mezzi di trasporto accessibilità

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

3. PROGETTO CURRICOLARE

3. PROGETTO CURRICOLARE 3. PROGETTO CURRICOLARE Offerta formativa L'Istituto G. Cardano dall'anno scolastico 2010-2011 ha attivato la riforma scolastica della scuola media superiore. I corsi di studi proposti agli alunni che

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA

PROGETTO DI ACCOGLIENZA ISTITUTO D ISTRUZIONE G. FLORIANI RIVA DEL GARDA PROGETTO DI ACCOGLIENZA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI/E DI MADRE LINGUA NON ITALIANA Premessa Da qualche anno nel nostro Istituto si registra un incremento

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI Anno Scolastico 2008 2009 (confermato e inserito nel POF 2012/13) PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI LINEE GUIDA PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA Cos'è Il Protocollo d'accoglienza è un documento con

Dettagli

Alunni di origine straniera

Alunni di origine straniera PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Istituto Comprensivo Susa Famiglia Territorio Scuola Alunni di origine straniera INDICE Premessa Commissione di accoglienza Iscrizione Inserimento alunni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "ALBERT EINSTEIN" ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI e SCIENTIFICO TECNOLOGICO PERFEZIONAMENTO ENERGETICO-AMBIENTALE CORSO SERALE e EDUCAZIONE PER ADULTI 00168 ROMA -

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO DOSOLO-POMPONESCO-VIADANA Via Colombo 2, 46030 San Matteo delle Chiaviche (MN). Tel. 0375 800041 Fax: 0375 80216 Sito: : www.icdosolopomponescosanmatteo.gov.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE DI ALUNNE-I STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE DI ALUNNE-I STRANIERI Il presente Protocollo è stato approvato dal Consiglio d Istituto Nella seduta del 8 febbraio 2014 con delibera n.9. PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE DI ALUNNE-I STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO TURISMO ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI ORIENTAMENTO SPORTIVO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI L iscrizione di alunni immigrati non è più un dato eccezionale ed occasionale, ma costituisce una realtà consolidata, per quanto variabile nelle sue dimensioni

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015

Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015 Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Indirizzo Economico Aziendale

Indirizzo Economico Aziendale Indirizzo Economico Aziendale esperienze professionalizzanti L istituto in breve la sua storia L istituto d Istruzione Superiore L. da Vinci di Umbertide è l unico, nel vasto territorio dell Alta Umbria,

Dettagli

I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI

I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI Il Piano dell Offerta Formativa dell Istituto colloca la propria fonte di ispirazione negli articoli 3, 30, 33, 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, laddove

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Marie CURIE Piero SRAFFA Piano dell Offerta Formativa Anno scolastico 2013-2014 0 PREMESSA Il Piano dell Offerta Formativa, frutto di un lungo percorso di riflessione pedagogica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com 0187610831 E-Mail: parentucelli@hotmail.com http://www.parentucelli.com Gli ambienti Laboratori multimediali Informatico Linguistico Nuove Tecnologie Gli ambienti I Laboratori di Scienze Chimica Biologia

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2014/2015 CLASSE I I D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATRICE: prof.ssa Serena Crivellari

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Legnago ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing - Relazioni Internazionali per il Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - Turismo LICEO ARTISTICO PER LA GRAFICA

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Ministero della Pubblica Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MARVASI ROSARNO SAN FERDINANDO Piazza Duomo n 8-89025 Rosarno (RC) C.M.: RCIC825005 C.F.: 91006770803 e : 0966/773550 - e-mail: rcic825005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1 Indice Finalità e Soggetti pag. 2 La Commissione Intercultura pag. 2 Normativa di riferimento pag. 2 Fasi dell accoglienza

Dettagli

...una scuola di qualità per il tuo futuro!

...una scuola di qualità per il tuo futuro! A conclusione del percorso di studi lo studente è in grado di poter svolgere ruoli e funzioni relative a : rilevazioni dei fenomeni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili;

Dettagli

COSA PROPONE IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

COSA PROPONE IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il CRIT di Cassano delle Murge, in collaborazione coi docenti Referenti per l Intercultura di alcune scuole afferenti, ha predisposto il presente protocollo con l intento di facilitare l accoglienza degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Liceo Scientifico Statale "G. KEPLERO" Cod. Mecc. RMPS19000T C\C Postale N 47009006 C.F. 80230950588

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F.

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2014/15 3. PIANI DI STUDIO 3.1 Finalità e obiettivi

Dettagli

Introduzione. D. S. Prof. Paolo Manfredini

Introduzione. D. S. Prof. Paolo Manfredini Introduzione D. S. Prof. Paolo Manfredini L Istituto Fossati-Da Passano si presenta attualmente con un'offerta formativa che mantiene come punti di forza i settori di studio che l'hanno storicamente caratterizzato:

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

I.I.S. SILVA - RICCI ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO

I.I.S. SILVA - RICCI ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO I.I.S. SILVA - RICCI ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO via Nino Bixio, 53 37045 Legnago (VR) 0442.21593 - fax 0442.600428 e-mail: vris01400d@istruzione.it www.itisilva.it Difficile andare a scuola...?...sicuramente,

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA LICEO SCIENTIFICO COSSATO & VALLEMOSSO LICEO DELLE SCIENZE UMANE COSSATO LICEO LINGUISTICO COSSATO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

Dettagli

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. Alberti INDIRIZZI : AREA ECONOMICA:Amministrazione Finanza e Marketing / IGEA Turismo/ ITER LICEO SCIENTIFICO: Scienze Applicate/Liceo ScientificoTecnologico

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO Norberto Bobbio Scuola Statale Materna, Elementare e Media

ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO Norberto Bobbio Scuola Statale Materna, Elementare e Media ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO Norberto Bobbio Scuola Statale Materna, Elementare e Media Via IV Novembre 2 - RIVALTA BORMIDA tel. 0144 364113 fax 0144 364643 Codice Fiscale 81003050069 e-mail scuolerivalta@libero.it

Dettagli

Presentazione dell Istituto

Presentazione dell Istituto CIGNA BARUFFI- PLESSO Revisione 04 Pagina 1 di 9 INDICE 1 MISSIONE... 2 2 INFORMAZIONI GENERALI... 2 3 ORGANIGRAMMA DELL ISTITUTO... 2 4 SERVIZI EROGATI... 2 5 POLITICA PER LA QUALITÀ... 2 6 UTENTI...

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PINO TORINESE Provincia di Torino Via Molina, 21 10025 Pino Torinese (TO) Tel. 011/8117260 Fax 011/8117202 www.pinoscuola.gov.it E-mail: toic85500g@istruzione.it icpino@pinoscuola.it

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA RETE INTERDISTRETTUALE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE VENEZIA ORIENTALE ANNO SCOLASTICO 2008 2009 LINEE GUIDA PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA Una scuola

Dettagli

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Proposta di lavoro ed intervento a cura del Gruppo Provinciale dei Referenti per Intecultura e l Integrazione degli Alunni Stranieri Scuola Secondaria di 2 grado

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO Sintesi del Piano dell offerta formativa Scuola Secondaria di Primo Grado ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDI ED INDIRIZZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L Istituto

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERCI

IMPARIAMO A CONOSCERCI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado ISTITUTO COMPRENSIVO CESARE CANTÙ Via Dei Braschi 12 Milano 0288448318 026468664 Codice fiscale 80124430150 Codice meccanografico MIIC8CF006

Dettagli

SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici: 74 14 14barrato 18 Treno: stazione Lingotto (fronte istituto)

SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici: 74 14 14barrato 18 Treno: stazione Lingotto (fronte istituto) Liceo Scientifico Statale Niccolò Copernico C.so Caio Plinio 2 10127 Torino Tel: 011616197-011618622 fax: 0113172352 Sito:www.copernico.to.it E-Mail: lsscopernico@virgilio.it SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2014-2015

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2014-2015 M.I.U.R. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I. Morra Codice Meccanografico: MTIS009001 Servizi Socio-Sanitari - Servizi Commerciali Produzioni Industriali e Artigianali - Chimica, Materiali e Biotecnologie

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali anno scolastico 2014-2015 L Istituto Alberghiero Le Streghe si propone di potenziare la cultura dell inclusione per realizzare

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA SESTRI LEVANTE ISTITUTO TECNICO ISTITUTO TECNICO LICEO SCIENTIFICO NATTA-DEAMBROSIS OPZIONE SCIENZE APPLICATE SETTORE TECNOLOGICO

OFFERTA FORMATIVA SESTRI LEVANTE ISTITUTO TECNICO ISTITUTO TECNICO LICEO SCIENTIFICO NATTA-DEAMBROSIS OPZIONE SCIENZE APPLICATE SETTORE TECNOLOGICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE NATTA-DEAMBROSIS LA SCELTA GIUSTA PERCHE IL FUTURO COMINCIA DALLA SCUOLA SESTRI LEVANTE OFFERTA FORMATIVA LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO SETTORE

Dettagli

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Liceo Scientifico Sezione A. Maserati Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Cos è il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate La recente riforma della scuola secondaria ha ripreso la

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate. Istituto Tecnico: Settore Tecnologico. oltre ai 150 anni... la storia continua

Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate. Istituto Tecnico: Settore Tecnologico. oltre ai 150 anni... la storia continua Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Istituto Tecnico: Settore Tecnologico oltre ai 150 anni... la storia continua OFFERTA FORMATIVA CORSI 2012/2013 01 Istituto di Istruzione Superiore Q. Sella

Dettagli