PROGRAMMA ANNUALE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA ANNUALE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE, LINGUISTICO - AZIENDALE E PER GEOMETRI ARGENTIA GORGONZOLA (MI) Via Adda 2 tel /539 fax Sito internet: e - mail: - CF Codice meccanografico MITD Distretto n 58 PROGRAMMA ANNUALE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIRIGENTE SCOLASTICO : PROF. BRUNO BELLETTI DIRETTRICE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI : DOTT.SSA MARIA VITTORIA BONORA

2 RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SUL PROGRAMMA ANNUALE per l ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 da proporre alla Giunta Esecutiva e al Consiglio d Istituto per la conseguente deliberazione Il Programma annuale per l esercizio finanziario 2014 è stato redatto secondo quanto disposto dalla mail Ministero Istruzione dell Università e Ricerca dell 05/12/2013 protocollo n avente d oggetto: Indicazioni riepilogative per il Programma annuale delle istituzioni scolastiche per l anno Per la nostra scuola la dotazione ministeriale è di ,33. Vengono inoltre considerate le disposizioni contenute neliii Decreto Interministeriale n. 44 del 1 febbraio 2001 ( Regolamento concernente le Istruzioni generali sulla gestione amministrativocontabile delle istituzioni scolastiche ), con successive integrazioni e modificazioni. La presente relazione viene ora proposta alla Giunta Esecutiva e al Consiglio d Istituto in versione completa e definitiva per la sua conseguente approvazione in forma completa e definitiva, secondo le scadenze e le disposizioni impartite a livello ministeriale. Al fine della determinazione del budget finanziario sulla base delle somme riportate nel prospetto analitico del programma annuale, la Giunta Esecutiva ha tenuto in considerazione e in debite valutazioni i seguenti elementi: 1. RISORSE UMANE: POPOLAZIONE SCOLASTICA Dati Generali Scuola Secondaria di II Grado - Data di riferimento: 21 GENNAIO 2014 N.4 indirizzi di studio riferiti al vecchio ordinamento: Ragionieri - periti commerciali Igea; Ragionieri Programmatori - Progetto Mercurio; Periti aziendali e corrispondenti in lingue estere - Progetto Erica; Geometri - Progetto Cinque (classi quinte) n.2 indirizzi di studio riferiti al nuovo ordinamento: classi prime: Amministrazione Finanza e Marketing (n.5); Costruzioni, Ambiente e Territorio (n.2) articolazioni : AFM triennio (n. 2) AFM Relazioni internazionali (n. 3) AFM Sistemi informativi aziendali (n. 1) La struttura delle classi per l anno scolastico risulta essere la seguente : 2

3 Classi/Sezioni Numer o classi corsi diurni (a) Numer o classi corsi serali (b) Alunni Iscritti Totale classi (c=a+b) Alunni iscritti al 1 settem bre corsi diurni (d) Alunni iscritti al 1 settem bre corsi serali (e) Alunni frequent anti classi corsi diurni (f) Alunni frequent anti classi corsi serali (g) Alunni frequentanti Totale alunni frequentan ti (h=f+g) Di cui div. abili Differenza Differenza tra alunni tra alunni iscritti al iscritti al 1 1 settembre settembre e alunni e alunni frequentan frequentan ti corsi ti corsi diurni (i=df) serali (l=eg) Media alunni per classe corsi diurni (f/a) Prime 7 / / 166 / / 23,71 / Secon de 6 / / 141 / / 23,50 / Terze 5 / / 123 / / 24,60 / Quarte 5 / 5 98 / 95 / 95 3 / 19,00 / Quinte 8 / / 166 / / 20,75 / Media alunni per classe corsi serali (g/b) Totale 31 / / 691 / / / ARTICOLAZIONE PER INDIRIZZO DI STUDI Nel corrente anno scolastico 2013/14, alla data 21 gennaio 2014, sottratti n. 16 studenti ritirati o trasferiti in altra scuola, risultano iscritti n. 691 alunni (di cui n. 314 maschi e n. 377 femmine) distribuiti su n. 31 classi, così ripartite: RAGIONIERI-PERITI COMMERCIALI RAGIONIERI-PROGRAMMATORI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING AMMINISTRAZIONE,FINANZA E MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI PERITI AZIENDALI E CORRISPONDENTI IN LINGUE ESTERE CON PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE ASSISTITA ERICA GEOMETRI CON PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE ASSISTITA CINQUE COSTRUZIONI,AMBIENTE E TERRITORIO N. 2 CLASSI N. 1 CLASSI N. 12 CLASSI N. 3 CLASSI N. 1 CLASSI N. 3 CLASSI N. 2 CLASSI N. 7 CLASSI 3

4 CORSO CLASSI ALUNNI MASCHI FEMMINE RAGIONIERI-PERITI COMMERCIALI PROGETTO IGEA Comprensivo di BIENNIO COMUNE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RAGIONIERI - PROGRAMMATORI PROGETTO MERCURIO PERITI AZIENDALI E CORRISPONDENTI IN LINGUE ESTERE- PROGETTO ERICA GEOMETRI PROGETTO CINQUE COSTRUZIONI,AMBIENTE E TERRITORIO TOTALE ALUNNI STRANIERI: N. 95 ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI: N. 14 * Nuovo ordinamento La distribuzione delle classi sul quinquennio di studi dei quattro indirizzi, comprensivi delle tre sperimentazioni assistite dal Ministero della Pubblica Istruzione e delle nuove classi prime, secondo gli indirizzi di studio previsti dalla Riforma Gelmini, risulta essere la seguente: PRIME SECONDE TERZE QUARTE QUINTE AMMINISTR,FINANZA E MARKETING BIENNIO COMUNE 5 5 AMMINISTR.FINANZA E MARKETING 1 1 SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 TRIENNIO RAGIONIERI PROGETTO IGEA TRIENNIO RAGIONIERI PROGRAMMATORI PROGETTO MERCURIO 2 1 RELAZIONE INTERNAZIONALE MARKETING 1 2 ISTITUTO LINGUISTICO PERITI AZIENDALI E CORR.LINGUE ESTERE/ RELAZIONI INTERNAZIONALI PROGETTO ERICA 3 GEOMETRI PROGETTO CINQUE 2 COSTRUZIONI,AMBIENTE E TERRITORIO TOTALE CLASSI N

5 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCRUTINIO FINALE ESITI CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCRUTINIO FINALE ESITI CLASSI SECONDE

6 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCRUTINIO FINALE ESITI CLASSI TERZE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCRUTINIO FINALE ESITI CLASSI QUARTE 6

7 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCRUTINIO FINALE ESITI CLASSI QUINTE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCRUTINIO FINALE ESITI DELL ISTITUTO 7

8 Fasce di voto n. alunni interni Ammessi (con % rispetto gli alunni interni) Maturi (con % rispetto gli alunni amessi) Non maturi (con % rispetto gli ammessi) Fasce di voto (con % rispetto maturati) Voto medio finale 5AP 25 5BP 25 5AR 12 5BR 17 5CR 31 5AG 21 5BG 16 Tot , , , , , , / / 11 47, ,34 1 4,34 2 8,69 2 8,69 75, / 2 8, , ,86 2 8,69 1 4,34 1 4,34 75, / 4 36, , , ,18 1 9,09 / 71, / 1 7, , ,71 / / / 68, ,66 1 3, , , ,79 1 3,44 2 6,89 1 3,44 62, / 5 27, ,55 1 5,55 2 1,11 / / 66, / 3 2, ,66 3 2,00 2 1,33 / / 70, ,25 1 0, , , , ,51 6 4,51 4 3,00 71,04 8

9 Tabella riassuntiva delle % degli esiti finali di maturità % maturi rispetto alunni interni % non maturi rispetto alunni interni % fasce di voto Voto medio finale ,67 3,33 13,1 24,82 25,51 16,55 9,6 10,34 74, ,16 2,84 12,4 31,38 24,81 18,24 5,1 8,02 74, ,6 2, ,5 76, ,47 3,53 10,9 40,14 18,97 16,78 10,21 2,91 73, ,3 44, ,4 3,2 3,9 71, , ,3 4,7 22,9 38,5 22,1 10,6 3,3 2,6 69, ,4 1,6 18,2 35,5 25,6 14,9 4,1 1,7 71, ,25 0,75 15,03 42,85 27,06 7,51 4,51 3,00 71,04 9

10 10

11 11

12 2. RISORSE UMANE: IL PERSONALE (DIRETTIVO, DOCENTE, AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO) Dati Personale - dati di riferimento 21/01/2014 La situazione del personale docente e ATA (organico di fatto) in servizio può così sintetizzarsi: NUMERO Dirigente scolastico a tempo indeterminato 1 Direttrice dei Servizi Generali ed amministrativi a tempo indeterminato 1 N.B. in presenza di cattedra o posto esterno il docente va rilevato solo dalla scuola di titolarità del posto Insegnanti titolari a tempo indeterminato full-time 55 Insegnanti titolari a tempo indeterminato part-time 4 Insegnanti titolari di sostegno a tempo indeterminato full-time 3 Insegnanti titolari di sostegno a tempo indeterminato part-time // Insegnanti su posto normale a tempo determinato con contratto annuale // Insegnanti di sostegno a tempo determinato con contratto annuale // Insegnanti a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 4 Insegnanti di sostegno a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 7 Insegnanti di religione a tempo indeterminato full-time 1 Insegnanti di religione a tempo indeterminato part-time 1 Insegnanti di religione incaricati annuali // Insegnanti su posto normale con contratto a tempo determinato su spezzone orario* 2 Insegnanti di sostegno con contratto a tempo determinato su spezzone orario* *da censire solo presso la 1 scuola che stipula il primo contratto nel caso in cui il docente abbia più spezzoni e quindi abbia stipulato diversi contratti con altrettante scuole. TOTALE PERSONALE DOCENTE 77 N.B. il personale ATA va rilevato solo dalla scuola di titolarità del posto Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi 1 Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi a tempo determinato // Coordinatore Amministrativo e Tecnico e/o Responsabile amministrativo // Assistenti Amministrativi a tempo indeterminato 6 Assistenti Amministrativi a tempo determinato con contratto annuale // Assistenti Amministrativi a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno // Assistenti Tecnici a tempo indeterminato 2 Assistenti Tecnici a tempo determinato con contratto annuale 1 Assistenti Tecnici a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 1 Collaboratori scolastici dei servizi a tempo indeterminato // Collaboratori scolastici a tempo indeterminato 11 Collaboratori scolastici a tempo determinato con contratto annuale // Collaboratori scolastici a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno // Personale altri profili (guardarobiere, cuoco, infermiere) a tempo indeterminato // Personale altri profili (guardarobiere, cuoco, infermiere) a tempo determinato con contratto annuale 12 //

13 Personale altri profili (guardarobiere, cuoco, infermiere) a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno Personale ATA a tempo indeterminato part-time // TOTALE PERSONALE ATA 22 Rispetto al precedente anno scolastico : Contrazioni : da 77 a 77 DOCENTI, da 23 a 22 PERSONALE ATA // 3. RISORSE LOGISTICHE, STRUMENTALI E DI SERVIZIO ALL UTENZA Al piano terra sono collocati i locali che ospitano le attività sportive, assembleari, di relazione e di servizio diversificato per l utenza: 2 palestre con relativi spogliatoi per un totale di 550 mq; aula magna con 530 posti di capienza; sala proiezioni con capienza di n.80 posti, dedicata alla memoria della Prof.ssa Patrizia Tavecchio, nostra docente prematuramente scomparsa; ambulatorio medico con la presenza quotidiana di un infermiera professionale; bar e refettorio, utilizzati da tutto il complesso scolastico, con capienza di n.200 posti, funzionanti quotidianamente; locale per il colloquio insegnanti-genitori; una biblioteca con sala di lettura e spazio per lo studio individuale degli alunni; n. 1 centro servizi multimediali per alunni diversamente abili; n. 2 aule speciali per alunni diversamente abili; n. 1 centro servizi con computer a disposizione dei docenti, di cui 4 con Sistema Operativo Linux; laboratori di fisica, chimica e scienze; magazzino; n. 4 studioli per commissioni e gruppi di progetto dei docenti; n. 1 laboratorio informatico destinato ai corsi Geometri e CAT con software dedicato, dotato di plotter e stampanti per le stampe di disegni tecnici. n. 2 aule attrezzate con LIM, videoproiettore, computer portatile a disposizione delle classi. Al primo piano sono collocati: gli uffici di Presidenza, Vicepresidenza, Direzione Amministrativa e Segreteria (Amministrativa e Didattica); la Sala Insegnanti; l Ufficio Tecnico; la Sala Stampa; n.1 aula di disegno e progettazione; n. 10 aule attrezzate con LIM, videoproiettore, computer portatile e alcune stampanti, a disposizione delle classi digitali. 13

14 Al secondo piano sono collocati: n.1 laboratorio d informatica dotato di lavagna interattiva multimediale; n.1 aula di servizio per gli assistenti tecnici; n.1 laboratorio di informatica classi biennio; n.1 aula speciale con lavagna interattiva multimediale destinata per unità di insegnamento-apprendimento di eccellenza; n. 1 laboratorio geometri, con attrezzature recentemente acquistate di ottimo livello, plotter, stampante e software dedicati per la progettazione CAD e la didattica delle altre discipline professionalizzanti. 4. RICHIESTE DI MATERIALE DIDATTICO,TECNICO-SCIENTIFICO E DI CONSUMO INDISPENSABILE. INTERVENTI DI MANUTENZIONE A TUTELA DELL EDIFICIO SCOLASTICO E DELLE SUE PARTI Lo stanziamento di bilancio per l esercizio finanziario 2013 è risultato a mala pena sufficiente e la scuola ha potuto garantire il regolare funzionamento amministrativo e didattico grazie al finanziamento di persone fisiche (private).infatti le manovre di contenimento della spesa pubblica e consistenti e ripetuti i ritardi e le contrazioni nell accreditamento dei fondi, soprattutto statali hanno reso il contributo ministeriale per il funzionamento sempre più esiguo. Acquisti, contributi,interventi ordinari e straordinari Anche quest anno si segnala la necessità di acquistare materiali di pulizia e di manutenzione degli arredi e di sicurezza. Essendo in decremento i fondi assegnati dalla Provincia per la manutenzione dello stabile e non garantendo più la stessa Amministrazione Provinciale interventi di manutenzione diretti, si dovrà continuare a procedere sempre di più in autonomia e, necessariamente, in economia, a interventi quali pulizie straordinarie dell istituto, resesi necessarie, oltre che per interventi di manutenzione straordinaria compiuti dalla Provincia, dalla criticità della situazione d organico dei nostri 11 collaboratori scolastici di cui 10 effettivamente utilizzabili per le pulizie, poiché un unità di riguardo è destinata a sole mansioni di vigilanza. Si è proceduto ad un ridimensionamento del materiale di facile consumo e a un utilizzo oculato improntato a criteri di risparmio e di eliminazione di sprechi. Interventi manutentivi ordinari e straordinari potranno essere disposti in relazione a specifici interventi in materia di salute, sicurezza e prevenzione, sulla base di quanto dovesse eventualmente emergere in periodo posteriore all approvazione del presente Programma Annuale, con successiva comunicazione analitica del Dirigente Scolastico al Consiglio d Istituto. Per l anno scolastico 2014/2015 non si prevedono aumenti per quanto riguarda i contributi scolastici volontari ( 180,00 per le classi seconde, terze,quarte e quinte; 150,00 per le classi prime). Su decisione unanime dell organo collegiale predetto si è convenuto, fin dall anno scolastico 2008/2009, che l istituto, compatibilmente con le disponibilità in bilancio e fronte di richiesta documentata, potrà contribuire a spese di trasporto per attività sportive, cinema, teatro, certificazioni linguistiche e di ampliamento dell offerta formativa, fermo restando che una quota variabile a seconda della specificità dei progetti sarà richiesta all utenza. Dal precedente anno scolastico, in forza di una precisa deliberazione del Consiglio d Istituto, anche per i corsi di recupero si farà ricorso, se necessario, ai 14

15 predetti contributi. Si precisa anche che, a fronte della riduzione degli stanziamenti ministeriali, si verificherà se sarà possibile mantenere, e in che misura, l attuale servizio di infermeria. A tutt oggi non risultano ancora conclusi i lavori connessi al collaudo finale per l adeguamento alla normativa antincendio. Non risulta peraltro ipotizzabile un progetto di rifacimento del prefabbricato, stante l assenza di fondi ad hoc da parte dell Amministrazione Provinciale. Si prevedono i seguenti acquisti : Acquisto di p.c. per centro servizi, uffici, aule speciali ed eventuale rifacimento di laboratori con acquisto di LIM; Acquisti vari di materiale informatico, librario, cancelleria, stampati e di quanto inerente a interventi di salute, sicurezza e igiene e a specifiche esigenze correlate alle spese di funzionamento e di manutenzione e alla specificità dei progetti del piano dell offerta formativa; Rinnovo televisori e lettori DVD (uno per piano su carrello) ad uso soprattutto delle classi ancora sprovviste di LIM; Impianto per videoconferenze. L attivazione del Progetto Generazione Web, finanziato dalla Regione Lombardia e dal Miur, ha consentito di attivare in quattro classi un piano integrato di didattica digitale, con LIM, videoproiettore, pc e stampanti e con fruizione in comodato d uso di tablet e netbook da parte di studenti. In continuità con tale progetto, nel corrente anno scolastico sono state attrezzate altre 7 aule con strumentazione informatica multimediale per le classi prime e classe con alunno diversamente abile. Tale progetto sarà implementato ulteriormente nei limiti delle risorse finanziarie disponibili dell istituto, che parteciperà comunque al nuovo bando Regione Lombardia per la presentazione di progetti per la diffusione nelle istituzioni scolastiche e formative di azioni di innovazione tecnologica nella didattica per l anno scolastico 2013/2014. Interventi straordinari: Completamento del cablaggio dell istituto Implementazione e conseguente certificazione degli impianti elettrici Estensione alla zona aula magna, biblioteca, refettorio della rete wireless con finanziamenti ottenuti grazie alla partecipazione al progetto Wireless nelle scuole (Decreto del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca del n. 804). Creazione di una rete Ospiti da attivare in caso di eventi pubblici. Gli interventi predetti permetteranno di implementare ulteriormente le azioni didattiche (con potenziamento dell attuale piattaforma di e-learning Moodle per la somministrazione di test di profitto, verifiche ed eserciziari), progettazione di e-book, utilizzo del Cloud, Wiki d istituto (argentiawiki.wikispaces.com), diffusione del software libero. CONDIZIONATORI LABORATORI DI INFORMATICA 2 PIANO Resta in essere la proposta già avanzata nei precedenti programmi annuali. La fattibilità e la priorità degli acquisti dovrà tener conto dei seguenti fattori: risorse effettivamente disponibili indicazioni dell Ufficio Tecnico urgenza degli interventi e sopravvenute esigenze 15

16 Riesame della Direzione in rapporto agli obiettivi della qualità e agli esiti scolastici A.SC. 2012/2013 Potenziamento delle iniziative di orientamento e di continuità educativa tra scuola media e istituto Argentia: attivazione di laboratori per studenti delle classi terze delle scuole medie presso il nostro istituto con moduli di didattica laboratoriale finalizzati a esplicitare alcuni aspetti didattici delle materie di base e di indirizzo. Attivazione di un laboratorio di AUTOCAD per futuri studenti delle classi prime dell indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio. Obiettivo conseguito :attivazione di laboratori per alunni di terza media intenzionati a iscriversi ai nostri corsi AFM e CAT. Attivazione di un ulteriore laboratorio CAD per studenti interessati al corso Costruzioni,Ambiente e Territorio. Attivazione e messa a regime del progetto Generazione Web, finanziato da MIUR e Regione Lombardia, introdotto nelle classi 1A CAT, 1E AFM, 3A AFM, 3A CAT, che prevede la predisposizione di classi digitali dotate di Lavagne Interattive Multimediali, PC e connessione WIFI come strumentazione d aula e l assegnazione di un tablet o netbook a ciascun alunno in comodato d uso gratuito, da utilizzare a scuola come supporto per i libri digitali e a casa come strumento di studio individuale. Obiettivo conseguito Introduzione nelle classi digitali del registro di classe elettronico, che sostituisce completamente il registro cartaceo, per la rilevazione delle assenze e dei ritardi degli alunni e relative giustificazioni. Introduzione del registro elettronico dei voti per tutte le classi e dello scrutinio elettronico on line. Obiettivo conseguito Riflessioni nei dipartimenti di materia sui risultati delle prove Invalsi classi seconde dello scorso maggio 2012 (italiano e matematica) ai fini di una più calibrata impostazione metodologico-didattica del lavoro scolastico Obiettivo conseguito con utilizzo parziale di eserciziari ad hoc Utilizzo della didattica motivazionale, orientativa e laboratoriale con supporto delle nuove tecnologie informatiche e multimediali, anche con piattaforma e-learning. Estensione della formazione per l utilizzo della Lavagna interattiva multimediale e valutazione complessiva del progetto Generazione Web. Obiettivo conseguito Prosecuzione del progetto di cablaggio dell Istituto e di estensione della rete WIFI con il contributo della Provincia di Milano attraverso il progetto Obiettivo conseguito Educazione degli studenti delle classi prime al corretto utilizzo dei social network, in accordo con le indicazioni fornite dal Garante per la protezione dei dati personali. Obiettivo conseguito Creazione di un gruppo di lavoro di docenti esperti sul tema dei disturbi specifici di apprendimento. Obiettivo conseguito Completamento della procedura sull accoglienza e l inserimento degli alunni diversamente abili, a motivo del numero crescente di alunni certificati frequentanti l istituto e della complessità della loro situazione individuale. Obiettivo conseguito Prosecuzione della Comunicazione istituzionale tra scuola e utenza attraverso il sito della scuola e la posta elettronica dei docenti. Obiettivo conseguito Prosecuzione del progetto pluriennale sulla sicurezza: interventi formativi sul nuovo piano di emergenza della scuola (Docenti, ATA, studenti). Utilizzo del data -base sul sito della scuola per segnalare e monitorare gli interventi i manutenzione. Obiettivo conseguito Richiesta di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dello stabile e delle pertinenze ad opera della Provincia. Obiettivo conseguito 16

17 Obiettivi della qualità A.SC. 2013/2014 Il DS, visto il riesame della direzione avvenuto in data e il Piano dell offerta Formativa, sentito il Gruppo Qualità, ha pianificato, per l a.s. 2013/2014, i seguenti obiettivi della qualità. Obiettivo MP Responsabile 1. Potenziamento delle iniziative di orientamento e di continuità educativa tra scuola media e istituto Argentia: realizzazione di laboratori per studenti delle classi terze delle scuole medie presso il nostro istituto con moduli di didattica laboratoriale finalizzati a esplicitare alcuni aspetti didattici delle materie di base e di indirizzo e di un laboratorio di AUTOCAD per futuri studenti delle classi prime dell indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio; attivazione di uno sportello di orientamento in presenza su appuntamento. 2. Monitoraggio del progetto Generazione Web, finanziato da MIUR e Regione Lombardia, introdotto lo scorso anno scolastico in quattro classi, che prevede l utilizzo di classi digitali dotate di Lavagne Interattive Multimediali, PC e connessione WIFI come strumentazione d aula e l assegnazione di un tablet o netbook a ciascun alunno in comodato d uso gratuito, da utilizzare a scuola come supporto per i libri digitali e a casa come strumento di studio individuale. 3. Progressiva estensione della didattica digitale in tutte le classi prime, sia AFM che CAT, con predisposizione di aule dotate di LIM e PC, nell ottica della prosecuzione del progetto Generazione Web, pur in mancanza di fondi di MIUR e Regione Lombardia. L acquisto dei tablet è responsabilità individuale dei genitori che aderiscono volontariamente al progetto. 4. Predisposizione a piano terra di un aula con dotazione digitale (LIM e PC) per garantire l inclusione di un alunno disabile in carrozzina ed evitare lo spostamento degli studenti al piano superiore, già dotato di aule digitali, per motivi di sicurezza. 5. Estensione a tutte le classi digitali dotate di PC (tutte le prime e le classi GenWeb) del registro di classe elettronico, che sostituisce completamente il registro cartaceo, per la rilevazione delle assenze e dei ritardi degli alunni e relative giustificazioni. Messa a regime del registro elettronico dei voti per tutte le classi e dello scrutinio elettronico on line. 6. Riflessioni nei dipartimenti di materia sui risultati delle prove Invalsi classi seconde dello scorso maggio 2013 (italiano e matematica) ai fini di una più calibrata impostazione metodologico-didattica del lavoro scolastico. 7. Utilizzo della didattica motivazionale, orientativa e laboratoriale con supporto delle nuove tecnologie informatiche e multimediali, anche con piattaforma e-learning. Estensione della formazione per l utilizzo della Lavagna interattiva multimediale e partecipazione ai corsi dell USR sulla didattica supportata dalle nuove tecnologie.. 8. Prosecuzione del progetto di cablaggio dell Istituto e di estensione della rete WIFI con il contributo della Provincia di Milano attraverso il progetto 9. Educazione degli studenti delle classi prime al corretto utilizzo dei social network, in accordo con le indicazioni fornite dal Garante per la protezione dei dati personali. 10. Creazione di un gruppo di lavoro di docenti esperti sul tema dei disturbi specifici di apprendimento e dei BES (bisogni educativi speciali) 17 MP1 MP2 MP3 MP1 MP2 MP3 MP1 MP2 MP3 MP1 MP2 MP4 MP1 MP2 MP4 MP1 MP2 MP1 MP2 MP3 MP1 MP4 MP1 MP2 DS REFERENTE ORIENTAMENTO IN ENTRATA DS RMP2 REFERENTE ORIENTAMENTO IN ENTRATA DS RMP2 REFERENTE ORIENTAMENTO IN ENTRATA DS RMP2 FS TECNOLOGIE INFORMATICHE DS DSGA RMP2 FS TECNOLOGIE INFORMATICHE DS GRUPPI DI MATERIA DS RMP2 RMP3 DS DSGA FS TECNOLOGIE INFORMATICHE DS FS TECNOLOGIE INFORMATICHE RMP2 REFERENTE DSA REFERENTE GLI

18 11. Completamento della procedura sull accoglienza e l inserimento degli alunni diversamente abili, a motivo del numero crescente di alunni certificati frequentanti l istituto e della complessità della loro situazione individuale. Stesura di una procedura per gli alunni con certificazione DSA e con bisogni educativi speciali. 12. Prosecuzione della Comunicazione istituzionale tra scuola e utenza attraverso il sito della scuola e la posta elettronica dei docenti, con creazione di indirizzi istituzionali per tutti i docenti. 13. Adeguamento del sito istituzionale al DL 14 marzo 2013 n. 33 in relazione agli obblighi di pubblicazione concernenti l'organizzazione delle pubbliche amministrazioni 14. Prosecuzione del progetto pluriennale sulla sicurezza: interventi formativi sul nuovo piano di emergenza della scuola (Docenti, ATA, studenti). Utilizzo del database sul sito della scuola per segnalare e monitorare gli interventi di manutenzione. 15. Richiesta di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dello stabile e delle pertinenze ad opera della Provincia. 16. Aggiornamento del RQ (previste 20 ore nell anno scolastico ) con auditor di parte terza specializzato nel settore Analisi degli indicatori aziendali riferiti allo stress da lavoro correlato ed eventuali azioni correttive da intraprendere ai fini della tutela del benessere dei lavoratori MP1 MP2 MP4 MP4 MP1 MP4 MP1 MP1 MPI DS RMP2 GLI RMP4 DOCENTE REFERENTE DS DSGA RMP4 DS DSGA UFFICIO TECNICO DS UFFICIO TECNICO DS e RQ DS e RQ Si precisa altresì che il piano di formazione per il personale docente e Ata relativo all.as. 2012/2013 è stato realizzato,ad eccezione della formazione specifica RSQ che si realizzerà entro il mese di agosto del Per un analisi più dettagliata si rimanda ai seguenti documenti del Gruppo Qualità : - Registrazione NC e gestione azioni correttive e preventive - Monitoraggio stato di attuazione degli obiettivi della qualità 2012/ Report del Responsabile del sistema di gestione della qualità - Relazione sul progetto qualità a.sc. 2012/2013 Agli atti della scuola il Mod Rap-Stage 2/SORIN Rapporto di audit del Lead Auditor di Certyquality 18

19 5. OBIETTIVI GENERALI IN COERENZA CON IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Le aree di intervento didattico-formativo e gli obiettivi afferenti risultano in continuità con i Piani dell Offerta Formativa degli ultimi undici anni scolastici. E appena il caso di precisare che l offerta formativa della scuola, in senso ampio e sistemico, prevede una sinergia di interventi che riguardano, oltre l utenza, il personale docente e ATA sempre più chiamato a svolgere interventi connotati da crescente professionalità e da costante aggiornamento in ordine ad una normativa di riferimento che risulta vieppiù articolata e complessa e non sempre di facile e immediata applicazione. I centri d interesse fondamentali che hanno progressivamente sedimentato e consolidato il piano dell offerta formativa sono, in sintesi, riconducibili ai seguenti ambiti: 1) Qualificazione della didattica ordinaria con opportune iniziative di arricchimento e ampliamento dell offerta formativa. La didattica prevista nei piani di studio dei vari indirizzi costituisce l elemento basilare su cui si innestano i diversi progetti che prevedono un azione formativa più individualizzata e vicina alle esigenze di innovazione metodologico-didattica e ai bisogni di coinvolgimento e di protagonismo dello studente in età adolescenziale. Le varie iniziative sono analiticamente descritte nelle sintesi-progetto che confluiscono nel piano delle attività e che sono depositate agli atti della scuola. A fianco di iniziative specifiche e di eccellenza, verranno anche quest anno effettuati interventi didattico-educativi integrativi di recupero e di sostegno secondo modalità e tipologie differenziate: in itinere, in orario pomeridiano, sportello di consulenza scolastica, corsi strutturati, interventi modulari per classi parallele. La nostra scuola ha deliberato nella seduta del Collegio dei Docenti del un articolato piano di interventi in ottemperanza al D.M. N.80 e all OM. N. 92/2007, previamente esaminato dal Consiglio d Istituto del Tale piano nel corso degli anni scolastici 2008/ /2010, 2010/2011, 2011/2012 e 2012/2013 è stato rivisitato e modificato alla luce dell esperienze maturate e delle indicazioni fornite dai gruppi di lavoro sulla qualità e l autoanalisi d istituto. Saranno attivati moduli specifici di sostegno e di recupero compatibilmente con le disponibilità finanziarie. Interventi mirati di consulenza per genitori e alunni sono attivati dal dirigente scolastico e dalla collaboratrice vicaria, a fianco degli interventi specifici dei Coordinatori dei vari Consigli di Classe, supportati dagli interventi psicologici a carico dell Asl Milano 2. E stato riaperto presso il nostro istituto dello Sportello di orientamento e di lotta contro la dispersione scolastica per le scuole superiori del territorio a cura dell Assessorato all Istruzione della Provincia di Milano. Tale servizio è gestito dall Agenzia per la formazione l'orientamento e il lavoro est Milano a.s.c. a implementazione della perdurante collaborazione tra i Distretti Scolastici 58 e 59. Per una corretta vigilanza sull assolvimento dell obbligo di istruzione viene costantemente aggiornata la situazione in ordine agli abbandoni e ai ritiri, al fine di garantire valide e realistiche opportunità di riorientamento, con attenzione all eventuale 19

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli