ARPA-ER SEZIONE DI BOLOGNA LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE per la ricerca di Legionella spp. in campioni ambientali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARPA-ER SEZIONE DI BOLOGNA LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE per la ricerca di Legionella spp. in campioni ambientali"

Transcript

1 ARPA-ER SEZIONE DI BOLOGNA LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE per la ricerca di Legionella spp. in campioni ambientali La Legionellosi è la definizione di tutte le forme morbose causate da batteri gram-negativi aerobi del genere Legionella. Essa si può manifestare sia in forma di polmonite, sia in forma febbrile extrapolmonare, sia in forma subclinica. La specie più frequentemente coinvolta in casi umani è Legionella pneumophila anche se altre specie sono state isolate da pazienti con polmonite. Le Legionelle sono ampiamente diffuse in natura, dove si trovano principalmente associate alla presenza di ambienti acquatici naturali, quali laghi, fiumi, falde acquifere, pozzi profondi e sorgenti termali ed ambienti umidi in genere, in cui vive e si adatta a condizioni con grande variabilità di parametri chimici, fisici; infatti sopravvive in ambenti con un range di temperatura da 5,7 C a 63 C e un ph tra 5,5 e 8,3. Nell ambiente idrico naturale il numero di Legionelle oscilla in un ampio range (da 9, UFC/l fino a 3, UFC/l) ed il maggior reperimento quantitativo si verifica nei mesi estivi. Da queste sorgenti naturali Legionella si è adattata in modo stupefacente agli ambienti idrici artificiali presenti in qualsiasi tipo di manufatto (acqua condottata cittadina, impianti di climatizzazione, piscine, fontane, torri di raffreddamento, ecc.) che si pensa agiscano come amplificatori e disseminatori del microrganismo, creando una potenziale situazione di rischio per la salute umana, specialmente per le persone con i seguenti fattori predisponenti: età > 40 anni, sesso maschile, fumo, presenza di patologie croniche con e senza immunodeficienza associata. La malattia viene normalmente acquisita per via respiratoria mediante inalazione di aerosol contenente Legionelle, oppure di particelle derivate per essiccamento. Legionella ha la capacità di moltiplicarsi nell acqua (specialmente in quella calda) dei sistemi di distribuzione dell acqua potabile, sia di grandi dimensioni (a livello di ospedali, alberghi, ecc.) sia di piccole dimensioni (a livello di case private) e a questo contribuiscono fattori fisici e biologici, quali un adeguata temperatura (25 C - 42 C), un lungo tempo di ritenzione, la formazione di sedimento, la presenza di biofilm (aggregato costituito da batteri, alghe, polimeri e sali naturali che si forma nell interfaccia solido liquido) a livello delle superfici interne di tubature o serbatoi, la presenza di sostanze biodegradabili derivate da parti in gomma o in silicone. Legionella pneumophila fu identificata la prima volta nel 1976 in seguito ad un epidemia di polmonite che si verificò tra i partecipanti ad un Convegno dell American Legion (i cosiddetti Legionnaires ) presso un Hotel di Philadelphia. In quella occasione tra gli oltre veterani del Vietnam presenti, 221 si ammalarono e 34 morirono. Solo nel gennaio 1977 venne isolato dal tessuto polmonare autoptico delle vittime il germe responsabile, un bacillo Gram negativo, chiamato da allora Legionella.

2 Negli anni 90 fu chiarito che l'interazione Legionella/protozoi (ospite/parassita) è centrale nella patogenesi e nella ecologia di L. pneumophila. Almeno 30 specie diverse di amebe e 2 di protozoi ciliati consentono la moltiplicazione intracellulare di L. pneumophila. Questa forma di parassitismo avviene tanto nell ambiente naturale quanto in quello idrico condottato. La Legionellosi rientra nell elenco delle malattie di classe II (D.M ) e quindi è soggetta notifica obbligatoria: - è sottoposta a segnalazione al Sistema di sorveglianza speciale nazionale, in capo all Istituto Superiore di Sanità (ISS-1983); - è sottoposta a segnalazione al sistema di sorveglianza internazionale che fa riferimento allo European Working Group for Legionella Infections (EWGLI) della Unione Europea dal 1986 che dal 1/04/2010 lo EWGLINET, il network di sorveglianza per il controllo della legionellosi legata ai viaggi, è coordinato dal European Center for Prevention and Control (ECDC) della Comunità Europea; - per la Regione Emilia-Romagna, è inserita tra le malattie incluse nel Sistema regionale di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale (RER - Deliberazione della Giunta regionale n. 186 del e Determinazione del Direttore Generale Sanità e Politiche Sociali n del ). In Italia, in merito al controllo della Legionellosi, a tutto oggi, sono stati emanati dal Ministero della Salute tre documenti: Documento del Linee Guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi. (G.U. n. 103 del 05/05/2000) Provvedimento del Linee Guida recanti indicazioni sulla Legionellosi per i gestori di strutture turistico - ricettive e termali. (G.U. n. 28 del 05/02/2005) Provvedimento del Linee Guida recanti indicazioni ai Laboratori con attività di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi. (G.U. N. 29 del 05/02/2005) Le Linee guida hanno principalmente lo scopo di: fornire agli operatori sanitari un insieme di informazioni aggiornate, relative ai principali aspetti epidemiologici, diagnostici, clinici e preventivi della legionellosi. uniformare nel territorio nazionale procedure inerenti a: metodi di sorveglianza, metodi per la diagnosi clinica ed ambientale, procedure di prevenzione e controllo dell infezione. La Deliberazione della Giunta Regionale, n del 21 luglio 2008 Approvazione Linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della Legionellosi - BUR n 147 del 22 agosto 2008, della Regione Emilia Romagna recepisce le tre Linee Guida nazionali in unico elaborato, in grado di sintetizzarle, dopo averne aggiornato i contenuti tecnici e modificate alcune indicazioni. Nella Deliberazione è riportato che per controllare il Rischio Legionella è fondamentale mettere in atto misure di prevenzione basate essenzialmente su: - corretta progettazione e realizzazione degli impianti tecnologici che comportano un riscaldamento dell acqua e/o la sua nebulizzazione (impianti a rischio). Ad esempio

3 gli impianti idro-sanitari, gli impianti di condizionamento con umidificazione, le torri di raffreddamento e i condensatori evaporativi, le piscine, le piscine con idromassaggio e gli impianti che distribuiscono ed erogano acque termali; - adozione di puntuali misure manutentive e se necessarie di disinfezione per contrastare la moltiplicazione e la diffusione di Legionella negli impianti a rischio. Le procedure che devono essere seguite in caso di indagine ambientale per valutare la possibile presenza di contaminazione da Legionella nell ambiente antropico si basano sull Ispezione dei luoghi dove si sospetta possa esserci presenza. L ispezione, svolta dagli operatori del Dipartimento Sanità Pubblica in presenza del responsabile della struttura e, ove possibile, del tecnico addetto alla gestione e manutenzione dell impianto, che deve comunque essere invitato a presenziare alla stessa, deve consentire di individuare le criticità dell impianto e i punti presso i quali effettuare il/i campionamento/i. Le risultanze dell ispezione vanno opportunamente verbalizzate. In particolare, nel corso dell ispezione si dovranno verificare: per la rete distributiva dell acqua calda sanitaria: a) la presenza di serbatoi di accumulo e le loro caratteristiche costruttive e di gestione (materiali costruttivi, distanza dalla base della tubatura in uscita, temperatura dell acqua stoccata, esistenza di punti di prelievo, ecc.), il circuito distributivo (configurazione della rete, presenza della rete di ricircolo, coibentazione delle tubature, qualità dei materiali e loro capacità di sopportare trattamenti di disinfezione, la possibile presenza di tratti morti, ecc.), i terminali di distribuzione (condizioni dei rompigetto dei rubinetti, del flessibile e della cipolla della doccia, temperatura dell acqua erogata, presenza di valvole di miscelazione, ecc.); b) per la rete distributiva dell acqua fredda: la fonte di approvvigionamento dell acqua (acquedotto, pozzo), la presenza di impianti per il trattamento dell acqua (addolcimento, filtrazione, ecc.), la temperatura dell acqua e, nel caso questa sia >20 C, le possibili cause; c) per l impianto di condizionamento dell aria: la localizzazione delle prese d aria esterne rispetto a possibili fonti di inquinamento, la periodicità con cui vengono effettuate le operazioni di pulizia/sostituzione dei filtri, il sistema di umidificazione (a ruscellamento d acqua, a vaporizzazione, a polverizzazione con ultrasuoni, ecc.), la presenza di acqua stagnante a livello delle batterie di raffreddamento, lo stato di pulizia dei silenziatori, la presenza di condensa lungo i condotti; d) per le torri di raffreddamento e condensatori evaporativi: l ubicazione, la presenza di ristagni d acqua, la periodicità delle pulizie, gli esiti degli accertamenti analitici; e) per le piscine e piscine idromassaggio: le modalità dei trattamenti di disinfezione, la frequenza dei ricambi e la quantità di acqua sostituita giornalmente; f) per le fontane ornamentali: le modalità dei trattamenti di disinfezione in particolare nelle fontane ubicate all interno di strutture turistico-recettive, stabilimenti termali, fiere, esposizioni, ecc. Nel corso dell ispezione andranno inoltre acquisite informazioni riguardo all anno di realizzazione dell impianto, al periodo di utilizzazione (annuale, stagionale, ecc.), all esistenza di piani di gestione del rischio, di autocontrollo e di bonifica, nonché agli esiti di accertamenti analitici precedentemente effettuati. La somma delle informazioni raccolte nella fase ispettiva verrà utilizzata dagli operatori del Dipartimento Sanità Pubblica per individuare i punti dove eseguire i campioni ambientali.

4 Nelle strutture pubbliche (edifici pubblici degli Enti statali o locali), in edifici ad uso pubblico o privato (es. alberghi o in grandi condomini), i punti più rappresentativi, di norma, sono per il campionamento: 1. per la rete idrica, in particolare dell acqua calda sanitaria: l inizio della rete, i punti terminali di ogni colonna e quelli a cui è stato esposto il malato, le cisterne e gli scambiatori di calore in uno sbocco prossimo, ma a valle di ciascuna cisterna o scambiatore di calore; qualora la temperatura dell acqua fredda sia superiore a 20 C potranno essere individuati punti di campionamento anche in tale rete. 2. Il numero dei campioni da prelevare, stabilito di volta in volta tenendo conto della dimensione dell impianto, deve essere tale da garantire la rappresentatività dell impianto stesso. 3. per l impianto di condizionamento: dove è presente condensa e/o acqua di sgocciolamento e in corrispondenza dei filtri; 4. per le torri di raffreddamento: il fondo della vasca; 5. per le piscine idromassaggio: in vasca e all uscita dalle bocchette erogatrici, 6. per altre tipologie: da valutare caso per caso (es. apparecchiature utilizzate per aerosol e/o ossigeno terapia, ecc.). I campioni possono essere costituiti da: acqua, biofilm, filtri, incrostazioni e limo. Si possono raccogliere, inoltre, campioni di aria (bioaerosol). LABORATORI AMBIENTALI La Regione Emilia-Romagna ha individuato nell Agenzia Regionale di Prevenzione ed Ambiente dell Emilia Romagna due Laboratori Regionali di Riferimento (Deliberazione della Giunta Regionale, n del 21 luglio 2008), uno presso la Sezione Provinciale di Reggio Emilia ed uno presso la Sezione Provinciale di Bologna, questo ultimo con attività di coordinamento, così come richiesto dal Provvedimento del 13 Gennaio 2005 (G.U. N. 29 del 05/02/2005). L attività analitica del Laboratorio Legionella di Bologna è soprattutto di tipo istituzionale a supporto dei Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali della Regione. La ricerca viene eseguita su campioni ambientali (acqua, biofilm, incrostazioni, limo, aria) prelevati dai tecnici delle AUSL regionali e conferiti agli sportelli delle Sezioni provinciali di Arpa Emilia-Romagna competenti per territorio. Al Laboratorio della Sezione di Bologna afferiscono i campioni provenienti dal territorio di Bologna e Provincia, dall Area Centro della Regione (Ferrara e Modena) e dall Area Est (Rimini, Ravenna, Forlì e Cesena). Il Laboratorio di Bologna svolge le funzioni che gli competono in quanto Laboratorio di Riferimento Regionale: costituisce punto di riferimento per i Laboratori di base delle altre Sezioni; interviene sempre in caso di cluster, analizzando i campioni ambientali che in questi casi gli vengono conferiti; opera in stretta collaborazione con il Laboratorio Nazionale di Riferimento, presso l Istituto Superiore di Sanità di Roma, al quale invia i ceppi di Legionella spp. isolati, quando richiesto, per lo svolgimento di indagini epidemiologiche.

5 METODI ANALITICI Il Laboratorio Legionella della Sezione di Bologna, opera in garanzia di qualità, conformemente alla norma europea UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005. L Ente di accreditamento dei Laboratori di prova per Arpa-ER è ACCREDIA. Per la ricerca di Legionella viene utilizzato il metodo di prova ufficiale, accreditato: RICERCA E NUMERAZIONE DI Legionella spp. IN CAMPIONI DI ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO ED IN CAMPIONI AMBIENTALI. G.U. del , n Doc. 4 Aprile All. 2 e All. 3 Fonte: A Laboratory manual for Legionella di T.G.Harrison, A.G. Taylor Trattasi di metodo colturale tradizionale, che consente di identificare Legionella, microrganismo a crescita lenta, in un arco di tempo complessivo di 10 giorni, limite definito dalla procedura analitica ufficiale. Le piastre di coltura vengono esaminate a partire dal 3 / 4 giorno, fino a 10 giorni; tempo dopo il quale viene emesso il risultato definitivo. La tipizzazione di specie e sierotipo viene eseguita mediante agglutinazione al lattice con antisieri specifici, disponibili in commercio. Attualmente di Legionella si conoscono 50 Specie diverse, comprendenti almeno 73 distinti sierogruppi. Della Specie L. pneumophila sono stati isolati 16 sierogruppi diversi. In alcuni casi, è possibile disporre di risultati preliminari prima della scadenza dei 10 giorni, che consentono l attuazione tempestiva di eventuali provvedimenti correttivi in caso di positività. RIFERIMENTI - LINEE GUIDA - DOCUMENTO 4 aprile 2000 «Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi». Gazzetta Ufficiale N. 103 del 5 maggio PROVVEDIMENTO 13 gennaio 2005 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Ministro della salute e le Regioni e le Province Autonome di Trento e di

6 Bolzano, avente ad oggetto «Linee guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-recettive e termali». Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 febbraio PROVVEDIMENTO 13 gennaio 2005 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Ministero della salute e i Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e di Bolzano, avente ad oggetto «Linee guida recanti indicazioni ai laboratori con attività di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi». Gazzetta Ufficiale N. 29 del 5 febbraio European Guidelines for Control and Prevention of Travel Associated Legionnaires Diseases. Prodotte dai membri del European Working Group for Legionella Infections (EWGLI). - Anno 2003 (revisionate nel gennaio 2005). - B.U. Regione Emilia Romagna Parte Seconda n. 147: Deliberazione della Giunta Regionale 21 luglio 2008, n Approvazione linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi. - ISO 11731:1998(E): Water quality - Detection and enumeration of Legionella. - Decreto Legislativo n. 81 del 9 Aprile 2008 e successive modifiche. SITI WEB CONSIGLIATI (Italia) - (Italia) - Centre National de Référence des légionelles (Francia) - (Francia) - (U.K.) - (Comunità Europea) - (World Health Organization) The Legionella experts (Stati Uniti) - (USA).

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI Maria Cristina Rota Istituto Superiore di Sanita Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute LINEE GUIDA In Italia,

Dettagli

Legionella: ecologia microbica e contaminazione ambientale

Legionella: ecologia microbica e contaminazione ambientale Legionella: ecologia microbica e contaminazione ambientale Gloria Bandettini - U.O. Biologia di Base Dipartimento Regionale Laboratori Servizio Laboratorio Provinciale di Padova 1 Legionella: classificazione

Dettagli

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private LA PREVENZIONE DALLA LEGIONELLOSI Acqua destinata al consumo umano Decreto legislativo 2 feb. 2001, n 31 Attuazione della direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI Redatto sulla base delle Linee Giuda per la sorveglianza e il controllo della legionellosi, approvate con

Dettagli

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

RIFERIMENTI LEGISLATIVI LEGIONELLA RIFERIMENTI LEGISLATIVI Linee Guida per la prevenzione e il controllo della Legionellosi del 05/05/2000 della Conferenza permanente per i rapporti fra Stato e Regioni e Province autonome di

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE Dott.ssa Laura Origone 1 Introduzione COSA DEVO FARE PER PREVENIRE, CONTROLLARE O ELIMINARE LA

Dettagli

LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI SULLA PREVENZIONE E CONTROLLO DELLE LEGIONELLE

LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI SULLA PREVENZIONE E CONTROLLO DELLE LEGIONELLE LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI INFORMAZIONI E CONSIGLI : Editore: Assessorato alla sanitá e alle politiche sociali della Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige Ufficio igiene e salute pubblica

Dettagli

Legionellosi. Epidemiologia e possibile controllo degli impianti idrici dalla contaminazione da legionella. Maurizio Foroni

Legionellosi. Epidemiologia e possibile controllo degli impianti idrici dalla contaminazione da legionella. Maurizio Foroni Legionellosi Epidemiologia e possibile controllo degli impianti idrici dalla contaminazione da legionella Maurizio Foroni S.I.S.P. ULSS 22 Regione Veneto Bardolino, 4 marzo 2015 Legionella E un agente

Dettagli

Legionella: cosa è? Legionella: cosa è? 16/02/2016. Famiglia: Legionellaceae Genere: Legionella

Legionella: cosa è? Legionella: cosa è? 16/02/2016. Famiglia: Legionellaceae Genere: Legionella Legionella: cosa è? Famiglia: Legionellaceae Genere: Legionella 50 specie 70 sierogruppi Microrganismo aerobio obbligato Forma bastoncellare Asporigeno Acapsulato Gram-negativo Generalmente mobile Acido

Dettagli

DATI GENERALI DELL AZIENDA

DATI GENERALI DELL AZIENDA Dipartimento di Sanità Pubblica Area Dipartimentale Sanità Pubblica DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER ANZIANI Redatto sulla base

Dettagli

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE INCONTRO 4 CHIACCHERE SUL LAGO UFFICIO IGIENE BARDOLINO (VR) MERCOLEDI 04/03/2015 LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO Il rischio di acquisizione della Legionellosi dipende

Dettagli

LEGIONELLA PNEUMOPHILA

LEGIONELLA PNEUMOPHILA Notizie storiche La Legionella pneumophila venne scoperta nel 1976 a Filadelfia, in seguito a numerosi casi mortali di polmonite tra i delegati dell'american Legion. In quella occasione vennero contagiate

Dettagli

Legionellosi e piscine Massimo D Angelo Definizione Affezione Respiratoria Acuta determinata da un bacillo della famiglia Legionellaceae, genere Legionella, specie più diffusa Pneumofila (90% delle infezioni)

Dettagli

Ruolo e competenze di Arpa e ASL

Ruolo e competenze di Arpa e ASL IL RUOLO DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA PUBBLICA NEL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI Ruolo e competenze di Arpa e ASL Luciana Ropolo Torino, 21 febbraio 2013 1 La cronistoria Anno 2000: Documento di linee-guida

Dettagli

MISURE TECNICHE E IMPIANTISTICHE PER PREVENIRE E CONTROLLARE IL RISCHIO LEGIONELLA

MISURE TECNICHE E IMPIANTISTICHE PER PREVENIRE E CONTROLLARE IL RISCHIO LEGIONELLA Corso di formazione: MISURE TECNICHE E IMPIANTISTICHE PER PREVENIRE E CONTROLLARE IL RISCHIO LEGIONELLA CONTENUTI ACCENNI AL RISCHIO LEGIONELLA DOCENZA E DESTINATARI PROGRAMMA FORMATIVO MODALITA DI EROGAZIONE

Dettagli

LA MALATTIA DA LEGIONELLA DEFINIZIONI E PROBLEMI SANITARI

LA MALATTIA DA LEGIONELLA DEFINIZIONI E PROBLEMI SANITARI LA MALATTIA DA LEGIONELLA DEFINIZIONI E PROBLEMI SANITARI La malattia dei legionari E stata identificata per la prima volta in seguito a una grave epidemia avvenuta nel 1976 in un gruppo di ex-combattenti

Dettagli

Legionella Pneumophila

Legionella Pneumophila Legionella Pneumophila Introduzione, caratteristiche microbiologiche, epidemiologia effetti sulla salute, livelli di rischio e tecniche di risanamento. Stefano Bonfanti Quello che non ci si aspetta 1600

Dettagli

1. LA LEGIONELLA: PERCHE?

1. LA LEGIONELLA: PERCHE? 1. LA LEGIONELLA: PERCHE? L infezione da legionella da luogo a due distinti quadri clinici: 1. La Febbre di Pontiac, simile all influenza, (periodo di incubazione di 24-48 ore) si manifesta in forma acuta

Dettagli

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA Mercoledì 13 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma RISCHIO LEGIONELLA AUTOCONTROLLO

Dettagli

Esperienze di sorveglianza e controllo in strutture turistico alberghiere

Esperienze di sorveglianza e controllo in strutture turistico alberghiere Esperienze di sorveglianza e controllo in strutture turistico alberghiere «Il ruolo della sanità pubblica nella prevenzione delle legionellosi» Cesena, 31/5/2012 Dr. Antonia Borrello Si parla di legionellosi

Dettagli

LEGIONELLA. La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica.

LEGIONELLA. La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica. LEGIONELLA La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica. Le legionelle sono batteri aerobi ampiamente diffusi in natura, dove si trovano principalmente associati alla presenza di acqua.

Dettagli

Controllo ambientale della presenza di Legionella: aspetti tecnici del campionamento

Controllo ambientale della presenza di Legionella: aspetti tecnici del campionamento Il Il ruolo della Sanità Pubblica nella prevenzione delle legionellosi 31 Maggio 2013 CESENA Controllo ambientale della presenza di Legionella: aspetti tecnici del campionamento Maria Antonietta Bucci

Dettagli

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it LABORATORI ANALYSIS La società Laboratori Analysis S.r.l., nasce a Pinerolo (TO) nella metà degli anni novanta, dall unione di più professionisti aventi consolidata esperienza nei settori dell ambiente,

Dettagli

Risanamento IMPIANTI e AMBIENTI di lavoro. Il CONTROLLO del RISCHIO LEGIONELLA

Risanamento IMPIANTI e AMBIENTI di lavoro. Il CONTROLLO del RISCHIO LEGIONELLA Risanamento IMPIANTI e AMBIENTI di lavoro Il CONTROLLO del RISCHIO LEGIONELLA Case Study Ambienti di lavoro e civili a rischio Introduzione Con il termine Legionellosi (o Legionella Spp) sono indicate

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

Prevenzione e controllo della legionellosi

Prevenzione e controllo della legionellosi Prevenzione e controllo della legionellosi All interno del nostro centro sono attive le procedure operative per la prevenzione ed il controllo della legionellosi. L obiettivo è di individuare i criteri

Dettagli

ASPETTI TECNICI E STRATEGIE DI PREVENZIONE

ASPETTI TECNICI E STRATEGIE DI PREVENZIONE OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA Mercoledì 13 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma ASPETTI TECNICI E STRATEGIE

Dettagli

Legionella: il controllo e la gestione dei rischi

Legionella: il controllo e la gestione dei rischi Ospitalità e sicurezza per tutti 22/04/2015 Legionella: il controllo e la gestione dei rischi Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita Aula grande SC Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Legionelle e Legionellosi: mito e realtà Ferrara, 28 settembre 2012 Epidemiologia della Legionellosi in Europa e in Italia Christian Napoli Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE

Dettagli

Procedura per il controllo della Legionella spp nelle acque di rete

Procedura per il controllo della Legionella spp nelle acque di rete Pagina 1 di 9 Procedura per il controllo della Legionella spp nelle acque di rete REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 1.0 10/12/03 Dott. Daniele Lenzi IP Guglielmo Lattanzi IP Simonella Brandani IP

Dettagli

Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive. Report anno 2012 ASL MILANO 1

Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive. Report anno 2012 ASL MILANO 1 1 Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive Report anno 2012 ASL MILANO 1 RILEVAZIONE CASI DI LEGIONELLOSI ANNO 2011 e 2012 Introduzione Le infezioni da Legionella specie, circa 50, di

Dettagli

Il Monitoraggio delle legionellosi nelle Strutture recettive

Il Monitoraggio delle legionellosi nelle Strutture recettive Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica Il Monitoraggio delle legionellosi nelle Strutture recettive Paola Borella, Professore Ordinario di Igiene Direttore Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO PREVENZIONE E CONTROLLO NELLE STRUTTURE SANITARIE: MODELLI ORGANIZZATIVI E SISTEMI DI INTERVENTO

Dettagli

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000 Introduzione Cos è la legionellosi? È un infezione che non si distingue nettamente da altre infezioni batteriche causa di polmonite. Si manifesta dopo un periodo di incubazione fino a dieci giorni con

Dettagli

A N T I L E G I O N E L L A

A N T I L E G I O N E L L A ACCORGIMENTI IMPIANTISTICI A N T I L E G I O N E L L A Pagina 1 di 7 PREMESSA L impiantistica progettata e realizzata al servizio del Monoblocco Mellino Mellini in Chiari (BS) è stata condotta nel rispetto

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Divisione medicina del lavoro suva Versione agosto 2011 Factsheet Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Irène Kunz, Marcel Jost Agente patogeno Legionella pneumophila è l agente

Dettagli

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI Scheda n.6 SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI TIPOLOGIA DELLA STRUTTURA DENOMINAZIONE STRUTTURA INDIRIZZO COMUNE PROVINCIA TELEFONO FAX E-MAIL @ TIPO DI STRUTTURA

Dettagli

Legionella Pneumophila

Legionella Pneumophila Legionella Pneumophila Rischio sanitario nelle strutture turistico-recettive e abitative -Cittadella della salute S.Rocco di Ferrara Corso Giovecca 263 Aula D piano ammezzato ex Pediatria- 14 Dicembre

Dettagli

Ricerca Legionella nei campioni di acqua

Ricerca Legionella nei campioni di acqua 1 1. Scopo e campo di applicazione 2. Diagramma di flusso 3. Riferimenti normativi 4. Descrizione attività 5. Comunicazione dei risultati ed archiviazione 6. Allegati redatto da: R.Galdi verificato da:

Dettagli

Linee guida italiane ed europee per la prevenzione della legionellosi

Linee guida italiane ed europee per la prevenzione della legionellosi Linee guida italiane ed europee per la prevenzione della legionellosi Maria Luisa Ricci * Laboratorio Nazionale di Riferimento per le Legionelle Dipartimento Malattie Infettive Parassitarie ed Immunomediate

Dettagli

Incontro con Federalberghi

Incontro con Federalberghi Water Technologies Division Incontro con Federalberghi Contrasto alla Legionellosi in strutture turistico alberghiere Bardonecchia, 10 Novembre 2011 Il batterio della Legionella La Legionella è un batterio

Dettagli

Rischi connessi alla gestione dell acqua. PremiaTerme,, 21/03/2012

Rischi connessi alla gestione dell acqua. PremiaTerme,, 21/03/2012 Rischi connessi alla gestione dell acqua PremiaTerme,, 21/03/2012 Rischi Fisico Chimico Biologico Rischi Fisici Ustioni Cadute Annegamento Rischi Chimici Acqua di immissione Bagnanti Residui dei trattamenti

Dettagli

Attività di monitoraggio della diffusione della Legionella nelle strutture turisticoricettive Mercoledì 5 ottobre 2011

Attività di monitoraggio della diffusione della Legionella nelle strutture turisticoricettive Mercoledì 5 ottobre 2011 Attività di monitoraggio della diffusione della Legionella nelle strutture turisticoricettive e sanitarie Mercoledì 5 ottobre 2011 www.lachimer.it 1 2 3 4 Il quadro di riferimento e le linee guida Aspetti

Dettagli

Progettazione, installazione e sanificazione impianti tecnologici

Progettazione, installazione e sanificazione impianti tecnologici SANIFICAZIONE IMPIANTI CLIMATIZZATI FANCOIL E SPLIT Nostro cliente SANIFICAZIONE CONDIZIONATORI D ARIA E FAN COIL CONTROLLO DELLA LEGIONELLA Introduzione: Il ricorso sempre più frequente negli ambienti

Dettagli

Rischio Legionellosi Esperienze

Rischio Legionellosi Esperienze Rischio Legionellosi Esperienze Cesenatico Ing. Simona Boschetti U.O. Tecnico Patrimoniale Ausl di Cesena Resp. Impianti Termotecnici Rischio Legionellosi Linee Guida di riferimento (Delibera Regione Emilia

Dettagli

L'ACQUA CONTAMINATA DALLA LEGIONELLA È UN PROBLEMA DA NON SOTTOVALUTARE STRUTTURE A RISCHIO OSPEDALI CASERME CASE DI RIPOSO ALBERGHI CAMPEGGI

L'ACQUA CONTAMINATA DALLA LEGIONELLA È UN PROBLEMA DA NON SOTTOVALUTARE STRUTTURE A RISCHIO OSPEDALI CASERME CASE DI RIPOSO ALBERGHI CAMPEGGI L'ACQUA CONTAMINATA DALLA LEGIONELLA È UN PROBLEMA DA NON SOTTOVALUTARE Il sempre maggior numero di decessi ha attirando l'attenzione pubblica sul tema Legionella. Da controlli effettuati, nonostante le

Dettagli

Crediti proposti da confermare: 24 crediti ECM

Crediti proposti da confermare: 24 crediti ECM Crediti proposti da confermare: 24 crediti ECM Corso teorico-pratico di aggiornamento Legionella: valutazione del rischio, prevenzione e controllo nelle strutture recettive, sanitarie, turistiche Cassano

Dettagli

UN APPROFONDIMENTO SUL RISCHIO LEGIONELLA NELLE STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE

UN APPROFONDIMENTO SUL RISCHIO LEGIONELLA NELLE STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE Varese 9 Febbraio 2015 UN APPROFONDIMENTO SUL RISCHIO LEGIONELLA NELLE STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE Dott. Paolo Bulgheroni UOC Igiene e Sanità Pubblica ASL Varese Storia. Legionella sp deve il suo nome

Dettagli

Indagini ambientali e campionamenti

Indagini ambientali e campionamenti Indagini ambientali e campionamenti d.ssa Maria Antonietta Bucci Sabattini d.ssa Francesca Giacobbi Seminario Legionellosi: Situazioni attuali e prospettive Bologna, 27 novembre 2003 2003 ARPA - Agenzia

Dettagli

CONSULENZA, RICERCA E ANALISI UN UNICO REFERENTE PER I RISCHI IGIENICO-SANITARI

CONSULENZA, RICERCA E ANALISI UN UNICO REFERENTE PER I RISCHI IGIENICO-SANITARI CONSULENZA, RICERCA E ANALISI UN UNICO REFERENTE PER I RISCHI IGIENICO-SANITARI IGIENE AMBIENTALE infezioni nosocomiali Legionella Sono batteri mobili, che si trovano in natura nell acqua di fiumi e laghi

Dettagli

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Relatori Resp. Settore Civile Adriano Stecher Resp. Ufficio Tecnico Francesco Repetto La legionellosi è una grave forma di polmonite

Dettagli

Il rischio biologico negli impianti

Il rischio biologico negli impianti IL RISCHIO BIOLOGICO Qualità e benessere E LA LEGIONELLA NEGLI IMPIANTI, SISTEMI DI DISINFEZIONE DELL ACQUA di Valter Rapizzi Parte prima Le premesse per affrontare l argomento sono: il gestore della rete

Dettagli

Approvazione linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi

Approvazione linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi Parte seconda - N. 111 Euro 2,05 Anno 39 22 agosto 2008 N. 147 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 luglio 2008, n. 1115 Approvazione linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi

Dettagli

Legionella: ecologia, microbiologia e tecniche di campionamento per la sua ricerca in ambiente antropico

Legionella: ecologia, microbiologia e tecniche di campionamento per la sua ricerca in ambiente antropico SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI: ATTUALITÀ IN TEMA DI LEGISLAZIONE E DI PROVVEDIMENTI TECNICI PER IL CONTENIMENTO DEL RISCHIO Legionella: ecologia, microbiologia e tecniche di campionamento

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA rot. n.(prc/08/124530) ------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Premesso che le infezioni da legionella sono considerate un problema emergente in Sanità

Dettagli

Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile

Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile Ragione Sociale Titolare/Legale Rappresentante Sede della struttura Attività esercitata Data di costruzione immobile Data ultime modifiche impianto idrico Nome e Cognome Formazione Responsabile dell identificazione

Dettagli

ACQUA SANITARIA MINIMIZZAZIONE DEL RISCHIO MICROBIOLOGICO IDROCONTROL MARCO VIAZZI PREMIA, 21 MARZO 2012

ACQUA SANITARIA MINIMIZZAZIONE DEL RISCHIO MICROBIOLOGICO IDROCONTROL MARCO VIAZZI PREMIA, 21 MARZO 2012 ACQUA SANITARIA MINIMIZZAZIONE DEL RISCHIO MICROBIOLOGICO PREMIA, IDROCONTROL MARCO VIAZZI 21 MARZO 2012 IDROCONTROL S.r.l. FONDATA NEL 96 OPERA NELL AFFRONTARE E RISOLVERE PROBLEMATICHE ASSOCIATE ALL

Dettagli

Aspetti analitici nel Controllo ambientale di Legionella. D.ssa Leonarda Chetti Arpa Sezione di Bologna

Aspetti analitici nel Controllo ambientale di Legionella. D.ssa Leonarda Chetti Arpa Sezione di Bologna Aspetti analitici nel Controllo ambientale di Legionella D.ssa Leonarda Chetti Arpa Sezione di Bologna Procedure analitiche La ricerca di Legionella è tecnicamente difficile. Richiede Laboratori specialistici

Dettagli

conoscenza e prevenzione

conoscenza e prevenzione salute e ambiente LA LEGIONELLOSI conoscenza e prevenzione La Legionellosi, in Italia e nel mondo, costituisce un importante problema di sanità pubblica che riguarda gli ambienti collettivi, sociali e

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

La corretta manutenzione per prevenire il rischio legionella. Dr. Raffaello Maffi

La corretta manutenzione per prevenire il rischio legionella. Dr. Raffaello Maffi La corretta manutenzione per prevenire il rischio legionella Dr. Raffaello Maffi 10 dicembre 2014 1 Durante le attività di controllo e vigilanza all interno delle piscine si effettua inoltre attività di

Dettagli

APERTURA DI UN RUBINETTO O DI UNA DOCCIA; SCIACQUONE DI IMPIANTI IGIENITI; VASCHE PER IDROMASSAGGIO E PISCINE; BAGNI TURCHI ED AREE ADIBITI A SAUNA;

APERTURA DI UN RUBINETTO O DI UNA DOCCIA; SCIACQUONE DI IMPIANTI IGIENITI; VASCHE PER IDROMASSAGGIO E PISCINE; BAGNI TURCHI ED AREE ADIBITI A SAUNA; Nel 2010 sono stati 1.234 i casi di legionellosi notificati all Istituto superiore di sanità (Iss), senza sostanziali variazioni rispetto al 2009, in cui erano stati 1.200. Più colpite risultano le regioni

Dettagli

ACQUA prevenzione e controllo Legionella

ACQUA prevenzione e controllo Legionella ACQUA prevenzione e controllo Legionella Laboratorio di Riferimento della Regione Piemonte per la legionellosi Viale Roma 7/d NOVARA Balzano Paola, Cavallaro Mario, Lo Baido Liliana, Miglietta Marilena,

Dettagli

Per gli impianti in servizio alla data di pubblicazione del presente libretto di impianto, questo

Per gli impianti in servizio alla data di pubblicazione del presente libretto di impianto, questo In collaborazione con : TRATTAMENTO DELL ACQUA Filtrazione, addolcimento, dosaggio prodotti chimici Problematiche e metodi risolutivi per acqua sanitaria e circuiti chiusi Con riferimento al :NUOVO LIBRETTO

Dettagli

LEGIONELLOSI. causata dal batterio Legionella pneumophila ( L. amante dei polmoni ) che si manifesta con febbre, brividi,

LEGIONELLOSI. causata dal batterio Legionella pneumophila ( L. amante dei polmoni ) che si manifesta con febbre, brividi, LEGIONELLOSI Rischi biologici ed igienico-sanitari degli ambienti di piscina. La Legionellosi o malattia del legionario è un infezione polmonare LA CONTAMINAZIONE causata dal batterio Legionella pneumophila

Dettagli

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA Azienda Ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione convenzionato con l Università degli Studi di Milano APPALTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

06/2012. La Legionella è uno degli agenti eziologici della polmonite 1 Agente eziologico

06/2012. La Legionella è uno degli agenti eziologici della polmonite 1 Agente eziologico Codroipo, lì 04 giugno 2012 Prot. 3612LM Newsletter 06/2012 06/2012 La G.U. n. 111 del 14 maggio 2012 pubblica il Decreto Legge n. 57/2012, che rinvia (massimo) al 31.12.2012 la validità dell autocertificazione

Dettagli

la malattia del legionario vera e propria, che frequentemente include una forma più acuta di polmonite la febbre Pontiac, una forma molto meno grave

la malattia del legionario vera e propria, che frequentemente include una forma più acuta di polmonite la febbre Pontiac, una forma molto meno grave Dipartimento di Prevenzione ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n.105 Servizio Epidemiologia e Prevenzione 0824-308 286-9 FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1.it La Legionellosi: non solo...

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto idrico sanitario può essere fonte di danni alle

Dettagli

Ruolo e significato dei parametri microbiologici nelle acque destinate al consumo umano

Ruolo e significato dei parametri microbiologici nelle acque destinate al consumo umano Ruolo e significato dei parametri microbiologici nelle acque destinate al consumo umano Corso di aggiornamento Regionale Sorveglianza delle acque destinate al consumo umano Treviso, 21 novembre 2007 Lucia

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005

Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005 Gazzetta Ufficiale N. 28 del 4 Febbraio 2005 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 13 gennaio 2005 Accordo, ai sensi dell'articolo

Dettagli

ESAME ULTRASTRUTTURALE DI BIOFILM BATTERICO IN RIUNITI ODONTOIATRICI

ESAME ULTRASTRUTTURALE DI BIOFILM BATTERICO IN RIUNITI ODONTOIATRICI XX INCONTRO SCIENTIFICO ANNUALE DEL GRUPPO ITALIANO DI PATOLOGIA ULTRASTRUTTURALE SIAPEC-IAP (GIPU) Udine 5-6 Marzo 2010 ESAME ULTRASTRUTTURALE DI BIOFILM BATTERICO IN RIUNITI ODONTOIATRICI S. Valente

Dettagli

La malattia da Legionella Aspetti microbiologici, clinici ed epidemiologici

La malattia da Legionella Aspetti microbiologici, clinici ed epidemiologici La malattia da Legionella Aspetti microbiologici, clinici ed epidemiologici Dr. Antonia Borrello 1 LEGIONELLOSI La Legionellosi o malattia del legionario è un infezione polmonare causata dal batterio Legionella

Dettagli

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Decreto Legislativo n 31 del 2/02/2001 e ss.mm.ii. Decreto Dirigenziale

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA

VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA VALUTAZIONE RISCHIO LEGIONELLA Uno strumento necessario per un approccio corretto al problema Legionella Dott. Rosa FERRI Dirigente Biologo AUSL Frosinone Rischio Legionella

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 La legionellosi nel territorio dell ASL Provincia di Milano n. 1 Rapporto 2000-2005 Introduzione La legionellosi in Italia è una malattia soggetta

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Legionella IL PROBLEMA DELLA LEGIONELLA NELL ACQUA SANITARIA

Legionella IL PROBLEMA DELLA LEGIONELLA NELL ACQUA SANITARIA Legionella IL PROBLEMA DELLA LEGIONELLA NELL ACQUA SANITARIA 3 Introduzione Legionella spp è uno degli agen eziologici di polmonite ba erica e deve il suo nome all epidemia di polmonite che si verificò

Dettagli

Agenti Biologici. Esperienze di Monitoraggio Ambientale. parte seconda

Agenti Biologici. Esperienze di Monitoraggio Ambientale. parte seconda Agenti Biologici Esperienze di Monitoraggio Ambientale parte seconda Renzo Pacini Agente biologico qualsiasi microrganismo, anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano,

Dettagli

sulla prevenzione e sul controllo della contaminazione da Legionella spp

sulla prevenzione e sul controllo della contaminazione da Legionella spp Giornata di studio sulla prevenzione e sul controllo della contaminazione da Legionella spp venerdì 3 dicembre 2010 www.lachimer.it OBIETTIVO Sensibilizzare sulla problematica legionella attraverso l informazione

Dettagli

Legionella, impianti idrici e di condizionamento. Cesare Maria Joppolo - Luca Molinaroli Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Legionella, impianti idrici e di condizionamento. Cesare Maria Joppolo - Luca Molinaroli Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Legionella, impianti idrici e di condizionamento Cesare Maria Joppolo - Luca Molinaroli Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Sommario 2 Introduzione Legionella ed Impianti Idrici Legionella

Dettagli

Flussi informativi della Legionellosi

Flussi informativi della Legionellosi Flussi informativi della Legionellosi Giuseppina Napoletano UOS Profilassi Malattie Infettive -Dipartimento di Prevenzione -ULSS 20, Verona 10 novembre 2015 Legionellosi Legionellosi: tutte le forme morbose

Dettagli

Laboratorio di Riferimento Regionale per la Legionellosi Attività 2007-2009

Laboratorio di Riferimento Regionale per la Legionellosi Attività 2007-2009 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Dipartimento di Oristano Laboratorio di Riferimento Regionale per la Legionellosi Attività 2007-2009 Ottobre 2009 Indice 1. PREMESSA

Dettagli

CONTROLLO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA: TRATTAMENTO CHIMICO CONFORME ALLE LINEE GUIDA REDATTE DAL COOLING TECHNOLOGY INSTITUTE

CONTROLLO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA: TRATTAMENTO CHIMICO CONFORME ALLE LINEE GUIDA REDATTE DAL COOLING TECHNOLOGY INSTITUTE Il COOLING ha redatto le linee guida per il controllo della Legionella Pneumophila nei sistemi di raffreddamento ricircolati. Tali linee guida si basano sulle norme: OSHA - USA CDC - USA ASHRAE - USA UK

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate - Istituto Superiore di Sanità - Roma Dipartimento Laboratori di prova per la sicurezza degli alimenti

Dettagli

Manifestazione della malattia. GLI IMPIANTI AERAULICI: IL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE Roma, 24 ottobre 2008

Manifestazione della malattia. GLI IMPIANTI AERAULICI: IL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE Roma, 24 ottobre 2008 GLI IMPIANTI AERAULICI: IL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE Roma, 24 ottobre 2008 Prof. Ing ANNA MAGRINI Professore Ordinario di Fisica Tecnica Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale, Università di

Dettagli

Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono Galileo Galilei

Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono Galileo Galilei COMPANY PROFILE Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono Galileo Galilei L'azienda Biocheck srl è situata a Bologna ed ha iniziato ad operare

Dettagli

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

L ACQUA DEL RUBINETTO

L ACQUA DEL RUBINETTO L ACQUA DEL RUBINETTO Felino, 9 maggio 2013 Dott.ssa Nadia Fontani Comuni serviti da Iren Iren eroga il servizio idrico a 18 Comuni mediante 2 895 Km di rete acquedottistica Felino Centro Zona di Langhirano

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA LEGIONELLA IN PUGLIA

ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA LEGIONELLA IN PUGLIA Allegato 1 ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA LEGIONELLA IN PUGLIA INDICE 1. PREMESSA 2. REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RETE REGIONALE 2.1 Il livello organizzativo

Dettagli

I grandi impianti e gli impianti domestici: caratteristiche impiantistiche, criticità, possibili soluzioni

I grandi impianti e gli impianti domestici: caratteristiche impiantistiche, criticità, possibili soluzioni I grandi impianti e gli impianti domestici: caratteristiche impiantistiche, criticità, possibili soluzioni Ing. Paolo Bianco 2010 Ing. Paolo Bianco 1/41 Legionella: caratteristiche Batterio Acquatico Ubiquitario

Dettagli

[Digitare il testo] Indirizzi operativi per la prevenzione e il. controllo della legionellosi nelle strutture turisticoricettive. della Regione Puglia

[Digitare il testo] Indirizzi operativi per la prevenzione e il. controllo della legionellosi nelle strutture turisticoricettive. della Regione Puglia Indirizzi operativi per la prevenzione e il controllo della legionellosi nelle strutture turisticoricettive e ad uso collettivo della Regione Puglia INDICE PREMESSA.. 4 ASPETTI GENERALI...... 6 Il microrganismo..

Dettagli

La Legionella è un batterio gram-negativo aerobio di

La Legionella è un batterio gram-negativo aerobio di IL L PROBLEMA LEGIONELLA: ASPETTI MICROBIOLOGICI, HABITAT E DIFFUSIONE AMBIENTALE Rimini 28 novembre 2011 Annalisa Guerrini Legionellosi La Legionellosi è un'infezione molto grave che può avere effetti

Dettagli

PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA INFEZIONE DA LEGIONELLA IN OSPEDALE

PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA INFEZIONE DA LEGIONELLA IN OSPEDALE PIANO DI SOVEGLIANZA E CONTOLLO DELLA INFEZIONE DA LEGIONELLA IN OSPEDALE (AGGIONAMENTO GIUGNO 2012) ev. 0 del 29.06.2012 Data di applicazione edazione Verifica Approvazione 29.06.2012 Dott. Pietro Olivieri

Dettagli

Distribuzione dei casi di legionellosi in Italia dal 1983 al 2004

Distribuzione dei casi di legionellosi in Italia dal 1983 al 2004 1 La prima epidemia di legionellosi, verificatasi nel luglio del 1976 durante una riunione di legionari americani a Philadelphia, fece registrare oltre 200 casi con 34 decessi. Solo un anno più tardi fu

Dettagli

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Sistemi a basse temperature (< Tambiente) Sistemi ad alte temperature (T ambiente)

Dettagli

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS)

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Oggetto : Convenzione servizi Geo Lab è una società di servizi, con un laboratorio d analisi interno. Offriamo servizi analitici e di

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli