Il differenziale retributivo in Europa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il differenziale retributivo in Europa"

Transcript

1 Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni e delle disuguaglianze nel mercato del lavoro dovute al genere. L Eurostat misura questo differenziale retributivo grazie all indagine SES (Structure of Earnings Survey), predisposta in modo omogeneo per tutti i paesi dell UE, attraverso un indicatore in forma grezza (non viene aggiustato tenendo conto delle caratteristiche individuali che potrebbe spiegare una parte del divario) che misura la differenza che esiste in media tra il salario orario lordo di un lavoratore e quello di una lavoratrice. Questa banca dati considera i dipendenti nell industria, costruzioni e servizi (ad eccezione della pubblica amministrazione, della difesa, assicurazione sociale obbligatoria) nelle aziende con almeno 10 dipendenti. Il differenziale retributivo per EU27 è pari a 16,2%, in altre parole in media le donne guadagnano a livello orario il 16% in meno degli uomini. In Italia il valore si abbassa al 5,8%, mentre nei paesi in cui da sempre vi è una battaglia attiva verso le differenze di genere (Finlandia, Danimarca e Svezia) il differenziale retributivo è molto ampio. Questa anomalia viene in parte spiegata considerando anche i tassi di occupazione femminile di questi paesi, man mano che l occupazione femminile cresce crescono anche i differenziali retributivi. Estonia Grecia Rep. Ceca Austria Germania Differenziale retributivo Malta Romania Ungheria Slovacchia Spagna Irlanda Belgio Unione Europea 27 Bulgaria Lussemburgo Francia Cipro Portogallo Lettonia Lituania Gran Bretagna Finlandia Olanda Danimarca Svezia Italia Polonia Slovenia Tasso di occupazione femminile 1

2 Il tasso di occupazione femminile in Italia è tra i più bassi d Europa, oltre il 50% delle donne italiane (15-64 anni) non ha un lavoro retribuito (inattive o disoccupate), il differenziale retributivo non tiene conto di questa problematica. Infatti, nei paesi in cui l occupazione femminile non è molto elevata, le donne che lavorano sono selezionate, vi è quindi una quota inferiore di donne che effettuano lavori manuali e poco qualificati e una quota maggiore di occupate in posizioni più redditizie e questo si traduce in differenziali molto bassi. Con l aumento dell occupazione femminile questa selezione viene meno ed entrano nel mercato del lavoro anche lavoratrici meno qualificate o maggiormente occupate a tempo parziale. Quindi se a prima vista sembra che l Italia abbia risultati migliori per quel che riguarda il GPG, questo effetto viene ridimensionato se si considera il basso tasso di occupazione femminile. Il differenziale retributivo grezzo di genere nei paesi dell Unione Europea confrontato con il tasso di occupazione. Anno 2011 Differenziale retributivo grezzo Tasso di occupazione femminile anni LAVORO IN PIÙ Svezia 15,8 71,3 57 Danimarca 16,4 70,4 60 Paesi bassi 17,9 69,9 66 Finlandia ** 18,2 67,4 68 Austria **** 23,7 66,5 94 Germania ** 22,2 67,7 87 Gran Bretagna 20,1 64,5 76 Cipro ** 16,4 62,1 60 Slovenia 2,3 60,9 7 Portogallo 12,5 60,4 43 Estonia 27,3 62,8 114 Francia ** 14,7 59,7 52 Lettonia 13,6 60,2 48 Lituania 11,9 60,2 41 EU27 Unione Europea 27 ** 16,2 58,5 59 Lussemburgo ** 8,7 56,9 29 Belgio 10,2 56,7 35 Bulgaria 13,0 55,6 45 Repubblica Ceca 21,0 57,2 81 Irlanda *** 13,9 55,1 49 Polonia 4,5 53,1 14 Spagna ** 16,2 52,0 59 Slovacchia 20,5 52,7 78 Romania 12,1 52,0 42 Ungheria 18,0 50,6 67 Grecia * 22,0 45,1 86 Italia 5,8 46,5 19 Malta 12,9 40,9 45 Per il differenziale retributivo: * dato riferito al 2008; ** dati provvisori; *** dato riferito al 2010; **** valore stimato al 2011 Elaborazioni RED- Sintesi su dati Eurostat 2

3 Differenziali retributivi in Italia In base alla banca dati utilizzata e all indicatore scelto cambiano i risultati del differenziale retributivo, anche se si arriva comunque alla stessa conclusione gli uomini guadagnano più delle donne. Il differenziale tra uomini e donne misurato nell indagine Istat Reddito e condizioni di vita è pari al 27%, infatti, il reddito medio annuo del principale percettore è di per le donne e di per gli uomini (dati 2010). Il salario orario è una misura migliore per determinare il GPG in quanto permette di confrontare le retribuzioni indipendentemente dal numero di ore (normalmente gli uomini lavorano più delle donne), ma risulta informativa anche la per genere perché evidenzia come le donne abbiano minori redditi che si tradurranno in pensioni più basse e quindi in maggiore rischio di povertà ed esclusione sociale. In questo lavoro si analizzerà la oraria netta e le ore utilizzando la rilevazione sulle forze lavoro dell Istat, che permette di conoscere queste variabili per i dipendenti, quindi non sono inclusi nelle elaborazioni i collaboratori e gli autonomi. La paga oraria deriva dalla mensile media netta percepita escludendo altre mensilità (tredicesima, quattordicesima, ecc.) e voci accessorie non percepite regolarmente tutti i mesi (premi di produttività annuali, arretrati, indennità per missioni, straordinari non abituali, ecc.).. ne mensile per genere dei dipendenti e differenze % mensili tra donne e uomini ne mensile mediana ( )* mensile tra genere Donne ,4% Uomini ni mensile nette dei lavoratori dipendenti L analisi delle retribuzioni mensili porta ad individuare una differenza del 15,4%, che viene ridimensionata al 3,0% a livello di paga oraria, le donne lavorano 36 ore contro le 40 degli uomini, per arrivare alla piena parità retributiva le donne dovrebbero lavorare 9 giorni in più. È stata utilizzata come media il valore mediano delle variabili (valore centrale della distribuzione) in quanto non viene influenzata dai valori estremi, per il calcolo dei giorni lavorativi sono stati considerati i giorni lavorativi complesso il sabato ed escluse le domeniche ed i giorni festivi. 3

4 , oraria per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini ne oraria oraria tra genere Donne 36 8,1 Uomini 40 8,4 3,0% 9 Fermo restando che il GPG è una misura grezza del differenziale retributivo tra genere, in quanto non tiene conto della storia lavorativa dell individuo che potrebbe spiegare il divario, è un indicatore importante per individuare alcune caratteristiche del mondo del lavoro. A livello legislativo la parità retributiva tra uomini e donne è sancita (stessa per stesso lavoro) ma si innescano altri meccanismi che portano le donne a guadagnare meno dell uomo. LE DONNE E GLI UOMINI FANNO LAVORO DIVERSI, questa segregazione del mercato del lavoro da una parte ha protetto l occupazione femminile (sono ambiti in cui la crisi si è avvertita meno), ma dall altra le ha relegate a retribuzioni più basse; Distribuzione degli occupati dipendenti per attività economica Agricoltura 3,1% 1,7% Industria 31,2% 13,9% Costruzioni 10,4% 1,1% Commercio 11,2% 12,6% Alberghi e ristoranti 4,1% 6,4% Trasporti e magazzino 7,6% 2,5% Servizi 32,4% 61,7% Di cui Servizi di informazione 2,9% 1,9% Attività finanziaria ed assicurativa 2,9% 3,2% Attività immobiliari, servizi alle imprese 5,8% 10,0% Amministrazione pubblica 9,5% 6,0% Istruzione, sanità e altri servizi sociali 8,0% 27,9% Altri servizi collettivi e personali 3,4% 12,7% Le donne lavorano nei servizi alle persone, nella sanità e nell istruzione, in questi ambiti trova impiego oltre il 40% delle occupate dipendenti contro l 11,4% degli uomini. 4

5 Gli uomini sono impiegati principalmente nell industria, nel commercio e nelle costruzioni, ma indipendentemente da dove si trova impiego i divari retributivi orari sono molto ampi in tutti settori. Fa solo eccezione il comparto dell edilizia dove a causa dell effetto selezione le donne guadagnano più dei maschi, infatti solo l 1,1% delle donne dipendenti lavorano in questo settore, probabilmente in ruoli impiegatizi con paga superiore al semplice manovale tipicamente di genere maschile. La maggior parte dei differenziali è superiore al dato medio (3,0%), questo perché il valore totale mitiga molti effetti dell occupazione per sesso e per posizione professionale, proprio per effetto della selezione occupazionale femminile che vede occupata principalmente la componente femminile in posizioni intermedie professionale. Mentre gli uomini occupati sono distribuiti in tutte le posizioni lavorative quindi anche in quelle a bassa qualifica con minori retribuzioni., oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Settore economico Agricoltura Industria Costruzioni Commercio Alberghi e ristoranti Trasporti e magazzino Servizi Di cui Servizi di informazione maschi 40 6,1 femmine 40 5,1 maschi 40 8,3 femmine 40 7,5 maschi 40 7,5 femmine 40 8,1 maschi 40 7,8 femmine 38 7,5 maschi 40 7,1 femmine 30 6,9 maschi 40 8,7 femmine 36 8,3 maschi 36 9,7 femmine 36 8,7 maschi 40 9,7 femmine 40 8,8 Attività finanziaria ed maschi 40 12,4 assicurativa femmine 38 10,4 Attività immobiliari, maschi 40 7,8 servizi alle imprese femmine 35 7,5 Amministrazione maschi 36 10,4 pubblica femmine 36 9,2 Istruzione, sanità e maschi 36 10,8 altri servizi sociali femmine 35 10,1 Altri servizi collettivi e maschi 40 7,5 personali femmine 30 6,4 oraria tra genere 16,8% 61 9,8% 33-8,3% -23 3,2% 10 2,6% 8 4,0% 13 10,6% 36 9,7% 33 16,2% 59 3,7% 12 11,3% 39 6,4% 21 15,2% 54 5

6 Le donne sono concentrate in settori diversi da quelli maschili, ma anche all interno dello stesso settore le donne sono occupate nelle posizioni lavorative meno valutate e meno retribuite. POCHE DONNE NEI RUOLI DIRIGENZIALI dove il GPG è meno presente e molte di più nei ruoli intermedi (lavori impiegatizi, assistenza, insegnamento). Questo porta da una parte ad avere poche donne ben retribuite dall altra ad avere un GPG contenuto, vista la maggior presenza di uomini nei lavori di bassa qualifica. Ma bisogna anche tenere presente che il GPG è calcolato solo sulle donne che lavorano, buona parte della popolazione femminile è inattiva e quindi a pari a zero. In Italia molte donne sono inattive oltre per la difficoltà di trovare lavoro, anche perché il guadagno economico è troppo basso per permettere una perfetta conciliazione tra famiglia e lavoro. Distribuzione degli occupati dipendenti per professione Legislatori, imprenditori, alta dirigenza 1,8% 0,7% Prof intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione 8,6% 16,1% Prof. tecniche 18,3% 17,4% Prof. esecutive nel lavoro d ufficio 10,5% 21,0% Prof. qualificate nelle attività commerciali e nei servizi 11,4% 22,3% Artigiani, operai specializzati ed agricoltori 22,6% 3,8% Conduttori impianti, operai di macchinari fissi e mobili, conducenti di veicoli 15,1% 3,9% Prof. non qualificate 11,8% 14,8% Non sono state considerate le Forze Armate Le donne sono impiegate principalmente nel lavoro d ufficio (21%) e nelle attività commerciali/servizi (22%), una buona percentuale trova collocazione nelle professioni tecniche (17% tecnici contabili e sanitari) e nelle prof. intellettuali (16% comprende docenti, ricercatori, professori, architetti, medici ed ingegneri). Gli uomini sono più equidistribuiti ed una buona parte trova collocazione nelle professioni meno qualificate. Anche la distribuzione dei dipendenti per posizione professionale riporta la stessa situazione: le donne sono occupate come impiegate (55%) e gli uomini come operai (55%). 6

7 Distribuzione degli occupati dipendenti per posizione professionale Dirigente 3,0% 1,5% Quadro 6,7% 6,5% Impiegato 34,1% 55,4% Operaio 55,2% 35,7% Apprendista 1,0% 0,9% Per l esiguità non sono stati considerati i lavoratori dipendenti presso il proprio domicilio per conto dell impresa, oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Professione settimana li Legislatori, imprenditori, alta maschi 40 15,0 dirigenza femmine 40 15,0 Prof intellettuali, scientifiche e di maschi 40 12,8 elevata specializzazione femmine 25 13,2 Prof. tecniche Prof. esecutive nel lavoro d ufficio maschi 40 10,0 femmine 36 9,2 maschi 40 8,8 femmine 36 8,3 Prof. qualificate nelle attività maschi 40 7,7 commerciali e nei servizi femmine 36 6,9 Artigiani, operai specializzati ed maschi 40 7,5 agricoltori femmine 40 6,9 Conduttori impianti, operai di maschi 40 8,1 macchinari fissi e mobili, conducenti di veicoli femmine 40 6,9 Prof. non qualificate maschi 40 6,9 femmine 25 6,7 oraria tra genere LAVORO IN PIÙ PER ARRIVARE 0,0% 0-2,6% -8 8,3% 28 5,6% 18 9,9% 33 8,3% 28 15,4% 55 4,0% 13 Il differenziale retributivo è minore nelle professioni elevate e qualificate, cresce nell ambito impiegatizio ed operaio. 7

8 , oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Posizione professionale Dirigente maschi 40 16,1 femmine 38 16,7 maschi 40 12,9 Quadro femmine 36 13,3 Impiegato Operaio maschi 40 9,4 femmine 36 8,8 maschi 40 7,5 femmine 36 6,8 maschi 40 5,9 Apprendista femmine 40 6,1 oraria tra genere -3,4% -10-3,1% -9 6,7% 22 9,1% 30-2,9% -9 LE DONNE DEDICANO AL LAVORO MENO TEMPO, sono meno presenti nel campo professionale per essere più presenti in quello familiare. Le donne scelgono lavori con orari ridotti, sono maggiormente occupate nel lavoro part time e sono meno disponibili al lavoro straordinario. E sempre per motivi di cura la loro carriera professionale è più discontinua, infatti vi è un numero maggiore di donne nei contratti a termine come il tempo determinato. Si innesca un circolo vizioso i datori di lavoro investono meno in una lavoratrice perché si attendono una minore dedizione nel lavoro, il che si traduce in una carriera più difficoltosa e paghe più basse, la lavoratrice non trova interesse economico ad investire sul proprio lavoro e conferma le aspettative del datore di lavoro; Distribuzione degli occupati dipendenti per tipologia di orario di lavoro Tempo pieno 93,2% 68,1% Tempo parziale 6,8% 31,9% Elaborazioni su dati Istat (Rcfl) 8

9 Distribuzione degli occupati dipendenti per tipologia di contratto dipendente Tempo determinato 12,9% 14,9% Tempo indeterminato 87,1% 85,1% Elaborazioni su dati Istat (Rcfl), oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Tipologia di orario di lavoro Tempo pieno maschi 40 8,4 femmine 39 8,1 maschi 22 7,8 Tempo parziale femmine 20 7,9 oraria tra genere 3,7% 12-2,2% -7 Le donne che lavorano a tempo pieno hanno un divario di maggiore di quelle a tempo parziale, ed il divario è maggiore anche per il tempo indeterminato rispetto al determinato. Gli uomini che lavorano a tempo parziale o a tempo determinato fanno evidentemente lavori meno qualificati, mentre per le donne è un modo per conciliare lavoro e famiglia., oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Tipologia di contratto dipendente Tempo determinato maschi 40 6,9 femmine 30 6,9 maschi 40 8,8 Tempo indeterminato femmine 36 8,3 oraria tra genere 0,0% 0 4,8% 15 LA CURA DEI FIGLI. Il GPG aumenta nell età fertile ovvero quando la cura dei figli non consente di dare la massima priorità al lavoro. I salari bassi femminili e le difficoltà carriera portano le donne ad investire meno nel lavoro e quindi a dedicare sempre meno tempo al lavoro. 9

10 Distribuzione degli occupati dipendenti per classi d età Da 15 a 24 anni 6,0% 4,9% Da 25 a 34 anni 21,6% 21,6% Da 35 a 44 anni 31,0% 31,3% Da 45 a 54 anni 28,7% 29,4% 55 anni e oltre 12,6% 12,8% Non si riscontrano particolari differenze d età tra gli occupati dipendenti, mentre vengono evidenziate differenze retributive, soprattutto nell età più fertile delle donne (dai 35 ai 44 anni) in cui le donne dedicano meno tempo al lavoro per gestire la famiglia. Il mettere in secondo piano il lavoro porta inevitabilmente a guadagnare meno., oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Per classi d età Da 15 a 24 anni Da 25 a 34 anni Da 35 a 44 anni Da 45 a 54 anni 55 anni e oltre maschi 40 6,3 femmine 36 6,3 maschi 40 7,5 femmine 37 7,5 maschi 40 8,6 femmine 36 8,2 maschi 40 9,1 femmine 36 8,5 maschi 40 9,4 femmine 36 9,2 oraria tra genere 0,0% 0 0,0% 0 5,1% 16 6,5% 21 1,8% 6 PIÙ ISTRUITE, MA NON NEI SETTORI CHE CONTANO. Le donne occupate in lavori dipendenti sono maggiormente istruite, ma le loro scelte scolastiche vengono indirizzate verso ambiti femminili che permettano una certa conciliazione tra famiglia e lavoro e meno nell ambito scientifico e tecnologico. 10

11 Distribuzione degli occupati dipendenti per titolo di studio Elementari 4,9% 3,2% Licenza medie inferiori 34,5% 23,4% Qualifica professionale 8,6% 8,5% Diploma superiore 38,2% 42,6% Laurea e post laurea 13,8% 22,4% Le donne dipendenti sono maggiormente istruite degli uomini e questo porta alla riconferma che le donne occupate sono una popolazione selezionata; tutti gli uomini lavorano, mentre trovano maggiormente occupazione le donne più preparate. Ma indipendentemente dal titolo di studio i differenziali restano alti, e superiori al dato aggregato (3%). Questo perché il valore medio confronta tutte le donne (mediamente più istruite ed occupate in posizioni intermedie) con tutti gli uomini distribuiti in tutte le professioni e quindi il campione selezionato femminile mitiga l effetto del divario retributivo, che è in realtà fortemente presente in tutti i livelli di istruzione., oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Per titolo di studio Elementari Licenza medie inferiori Qualifica professionale Diploma superiore Laurea e post laurea maschi 40 7,4 femmine 30 6,4 maschi 40 7,8 femmine 36 7,0 maschi 40 8,1 femmine 36 7,6 maschi 40 8,8 femmine 36 8,1 maschi 40 11,3 femmine 36 10,3 oraria tra genere LAVORO IN PIÙ PER ARRIVARE 13,6% 48 10,4% 35 6,0% 19 7,0% 23 8,3% 28 Le aspettative culturali, la possibilità di conciliare lavoro e famiglia tendono ad influenzare anche le scelte scolastiche delle donne, infatti le laureate dipendenti si concentrano nelle aree 11

12 educative e legate all insegnamento o nelle scienze sociali. Solo una minima parte è laureata in ingegneria ed in architettura. Distribuzione degli occupati dipendenti laureati per tipologia di laurea Distr. % maschi Distr. % femmine Materie umanistiche (educazione, insegnamento, arte, musica, scienze umanistiche e lingue straniere) 10,6% 31,7% Ingegneria e architettura 26,8% 6,0% Scienze mediche (salute, farmacia e servizi sociali) 14,9% 19,2% Scienze naturali (scienze biologiche, fisica, chimica, matematica, statistica ed informatica) 11,9% 11,4% Scienze socio/economiche (scienze sociali, psicologia, scienze economiche, giurisprudenza) 32,7% 29,5% Altro (agricoltura, sport, ambiente e sicurezza) 3,1% 2,2%, oraria netta per genere dei dipendenti e differenze % tra donne e uomini. Tipo di laurea Materie umanistiche (educazione, maschi 36 10,8 insegnamento, arte, musica, scienze umanistiche e lingue straniere) femmine 25 11,5 maschi 40 11,3 Ingegneria e architettura femmine 38 9,1 Scienze mediche (salute, farmacia e maschi 38 12,6 servizi sociali) femmine 36 10,4 Scienze naturali (scienze biologiche, maschi 40 11,1 fisica, chimica, matematica, statistica ed informatica) femmine 36 11,6 Scienze socio/economiche (scienze maschi 40 11,1 sociali, psicologia, scienze economiche, giurisprudenza) femmine 36 9,4 Altro (agricoltura, sport, ambiente e maschi 36 11,0 sicurezza) femmine 25 11,8 oraria tra genere -6,1% ,1% 72 17,9% 66-4,6% ,6% 56-6,4%

13 Nota metodologica IL DIFFERENZIALE SALARIALE PER SESSO GREZZO EUROSTAT Il differenziale salariale per sesso grezzo ( unadjusted GPG) misura la differenza che esiste in media tra il salario orario lordo di un lavoratore e quello di una lavoratrice dipendente in un determinato contesto (paese, regione, impresa, ecc.). E una misura semplice da calcolare e comunemente utilizzata nelle statistiche nazionali e internazionali. Dati i salari orari lordi per tutti i lavoratori dipendenti, si calcola il salario medio maschile (WM) e il salario medio femminile (WF). Il differenziale salariale è quindi così determinato: (WM - WF) * 100 Il differenziale salariale grezzo misura, in termini percentuali, la differenza nel salario orario percepito in media da una lavoratrice dipendente rispetto a un lavoratore dipendente. WM 13

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio

1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio La popolazione 1.1 Negli ultimi 60 anni la percentuale di ragazze fino a 14 anni si è quasi dimezzata e quella delle donne anziane è aumentata più del doppio In poco meno di 60 anni, la componente della

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

I sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici I sistemi pensionistici nei Paesi membri Comitato Esecutivo FERPA Bruxelles, 24/02/2012 Enrico Limardo Paesi coinvolti nella ricerca Austria Francia Italia UK Spagna Portogallo Germania Romania Belgio

Dettagli

Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005

Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005 Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005 1.Islanda 83,5 2.Svezia 76,6 3.Norvegia 75,4 4.Danimarca 75,1 5.Svizzera 74,3 6.Canada 73,1 7.Finlandia 72,9 8.Nuova Zel.

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 9-8 La discriminazione del mercato del lavoro - Applicazioni di politica economica: determinanti del rapporto del salario donne-uomini 1 Fine anni 90: rapporto del salario

Dettagli

5. IL MERCATO DEL LAVORO

5. IL MERCATO DEL LAVORO 5. IL MERCATO DEL LAVORO 5.1 LA STRUTTURA DELL OFFERTA Le forze di lavoro per titolo di studio nel 2007 I dati delle forze di lavoro (15-64 anni) disaggregati per titolo di studio mostrano come il livello

Dettagli

www.idescat.cat Cifre della Catalogna Generalitat de Catalunya Governo della Catalogna

www.idescat.cat Cifre della Catalogna Generalitat de Catalunya Governo della Catalogna www.idescat.cat Cifre della Generalitat de Catalunya Governo della POPOLAZIONE Popolazione (1.000) (1) 7 479 46 704 505 730 uomini 49,3 49,3 48,8 donne 51,0 50,8 51,2 Struttura () 0-14 anni 15,9 15,2 15,6

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Alberto Zuliani Presidente dell Istat UNO Il percorso formativo Licenza media si iscrivono al 1 anno delle superiori 133 Qualifica professionale 1.000

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE La professione del Dottore Commercialista Indagine sulla categoria DOTTORI COMMERCIALISTI E RAGIONIERI A CONFRONTO CON

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 0 è prevista la raccolta

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

I WORKING POOR Un'analisi dei lavoratori a basso reddito dopo la crisi

I WORKING POOR Un'analisi dei lavoratori a basso reddito dopo la crisi Creli Centro di ricerche per i problemi del lavoro e dell impresa I WORKING POOR Un'analisi dei lavoratori a basso reddito dopo la crisi Claudio Lucifora (*) CNEL, 1 luglio 2014 (*) con la collaborazione

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Quaderni di studi e statistiche sul mercato del lavoro Numero 3 Novembre 2011 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali SEGRETARIATO GENERALE Ufficio di Statistica Coordinamento delle attività del

Dettagli

Analisi della formazione e del mercato del lavoro per i laureati in Ingegneria in Italia

Analisi della formazione e del mercato del lavoro per i laureati in Ingegneria in Italia Analisi della formazione e del mercato del lavoro per i laureati in Ingegneria in Italia Silvia Ghiselli - Responsabile Indagini e Ricerche Roma, 15 aprile 2015 Alcuni confronti internazionali Popolazione

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

La disoccupazione in Europa e la flexicurity come nuovo modello di lavoro: un solo modello per tutti?

La disoccupazione in Europa e la flexicurity come nuovo modello di lavoro: un solo modello per tutti? La disoccupazione in Europa e la flexicurity come nuovo modello di lavoro: un solo modello per tutti? Susanna Biancacci Università degli studi di Roma La Sapienza Facoltà di Economia 1960: Tasso di disoccupazione

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

L occupabilità dei Dottori in Chimica

L occupabilità dei Dottori in Chimica L occupabilità dei Dottori in Chimica Silvia Ghiselli Responsabile Indagini e Ricerche AlmaLaurea Bologna, 24 Settembre 2014 Tasso di disoccupazione in Italia nella fase di entrata nel mercato del lavoro

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Centro Studi Il nodo della qualità

Centro Studi Il nodo della qualità Centro Studi Il nodo della qualità Ignazio Visco Banca d Italia Il nodo della qualità Quantità di capitale umano: convergenza? Paradosso italiano: rendimenti bassi e HK basso Perché: insufficiente qualità

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Riassunto dei principali risultati dello studio Oggetto dello studio L inizio della crisi economica, nel 2008, in Svizzera

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 28 aprile 2016

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 28 aprile 2016 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 28 aprile 2016 Argomento Testata Titolo Pag. Università Corriere della Sera.it Italia ultima in Europa per laureati E il 30% di matricole

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Traduzione di Gaia Grande Fondazione ENPAM

Traduzione di Gaia Grande Fondazione ENPAM Traduzione di Gaia Grande Fondazione ENPAM 1 LE LIBERE PROFESSIONI NELL UNIONE EUROPEA AL 2012 Richiesta all EUROSTAT sulle statistiche LP Le libere professioni nell Unione Europea al 2012 1. La definizione

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione un po di storia le istituzioni e gli organi dell UE alcune informazioni di base sui paesi membri PAUE 05/06 I / 1 Cronologia dell Unione Europea 1951

Dettagli

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Questo articolo presenta le statistiche dell'unione europea (UE) in materia di migrazioni internazionali, la popolazione di cittadini autoctoni e stranieri

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 2015 è prevista la raccolta

Dettagli

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' stranieri. La tipologia di iscrizione consente di evidenziare le motivazioni per

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' stranieri. La tipologia di iscrizione consente di evidenziare le motivazioni per FEBBRAIO 2009 I flussi delle iscrizioni: In aumento, nel mese di febbraio, il numero degli iscritti presso i tre centri per l impiego provinciali (14.975 unità). La variazione percentuale degli iscritti

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

Equità ed Efficacia nella Scuola Italiana

Equità ed Efficacia nella Scuola Italiana Equità ed Efficacia nella Scuola Italiana Dalle pari opportunità d accesso alle pari opportunità di apprendimento Gianfranco De Simone gianfranco.desimone@fga.it Milano, 1 dicembre 2010 Perché la scuola

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Il sistema associativo Confindustria Lombardia

Il sistema associativo Confindustria Lombardia Il sistema associativo Confindustria Lombardia Il sistema associativo Confindustria Lombardia Confindustria Lombardia è un Associazione regionale con Quasi 20.000 imprese associate Oltre 900.000 lavoratori

Dettagli

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE Formazione oltre i confini per crescere insieme SELEZIONE CANDIDATURE PAESE SELEZIONE CANDIDATURE FORMAZIONE FRANCIA 12 3 Formazione Esabac 3 Formazione

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 Nella scuola oggi e nella società domani ANTONIO SCHIZZEROTTO FBK-IRVAPP e Università di Trento Uno sguardo sull istruzione secondaria in Trentino

Dettagli

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Le Linee guida per la formazione nel 2010 e il rilancio dei contratti a contenuto formativo Roma, 6 maggio 2010 Emmanuele Massagli Ricercatore

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1 Creditreform Italia 1 Creditreform in Europa Creditreform nata in Germania nel 1879 Servizi di Informazioni Commerciali, Recupero Crediti e Marketing 543.000.000 fatturato totale 170.000 clienti 200 sedi

Dettagli

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati in Europa e Italia - Maggio 2013 Risultati rappresentativi in 31 Paesi europei partecipanti per l'agenzia europea per la

Dettagli

LA PRODUZIONE DI AGGREGATI RICICLATI IN EUROPA, ITALIA, ROMA

LA PRODUZIONE DI AGGREGATI RICICLATI IN EUROPA, ITALIA, ROMA Seminario MATERIALI INNOVATIVI E ECOSOSTENIBILI PER LE INFRASTRUTTURE DI ROMA CAPITALE LA PRODUZIONE DI AGGREGATI RICICLATI IN EUROPA, ITALIA, ROMA Roma, 2 luglio 2014 La produzione di rifiuti inerti a

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE Le pari opportunità e le politiche di genere in ambito UE Parità di opportunità tra le donne e gli uomini L'uguaglianza tra le donne e gli uomini rappresenta uno dei principi fondamentali sanciti dal diritto

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA Roma, marzo 2007 1 Lontani ormai anni luce gli anni nei quali Bettino Craxi annunciava trionfalmente che

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO Numerose ricerche hanno riconosciuto il contributo cruciale e multidimensionale In particolare tra i gruppi più a rischio ci sono: Nella presente sintesi

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' immutate le proprie caratteristiche: prevalenza della. trentenni iscritti (30,56%),

AVVIAMENTI ISCRITTI IN MOBILITA' immutate le proprie caratteristiche: prevalenza della. trentenni iscritti (30,56%), Marzo 2009 I flussi delle iscrizioni: Ancora in crescita il numero di coloro che si rivolgono ai tre centri per l impiego in cerca di occupazione. Lo stock di fine mese si attesta a 15.322 unità in crescita

Dettagli