PARROCCHIA S. MARIA REGINA Via Favana - Busto Arsizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARROCCHIA S. MARIA REGINA Via Favana - Busto Arsizio"

Transcript

1 Pagina 1 di 5 PARROCCHIA S. MARIA REGINA Via Favana - Busto Arsizio Domenica, 6 Marzo :15:59 Chi siamo Le nostre preghiere Un aiuto ai genitori Cose Strane L'oratorio I nostri amici Il tassello Attività Utenti connessi: 6 Non violenza - I testi I nostri libri Il libro dei sogni HOME MARZO La vita non è una guerra di religione FECONDAZIONE ASSISTITA scarica l'articolo in formato pdf (97Kbyte) La nuova legge tra proposte di modifica e referendum La vita non è una guerra di religione Archivio HOME Il referendum Incroci - settimanale diocesano Il presidente emerito del Comitato nazionale per la bioetica spiega perché quella che comunemente viene chiamata fecondazione assistita è un problema che non può essere affidato al voto referendario. E analizza le proposte di modifica: «Una vacatio legis sarebbe drammatica, ma anche errori avallati in sede normativa vanno evitati» Il portale Europeo di Adriano Ossicini Un genetista al microscopio durante una fecondazione artificiale Il problema di quella che viene comunemente chiamata procreazione medicalmente assistita ha aperto ormai da decenni in campo scientifico un dibattito con profondi risvolti sul piano umano e legislativo. Si tratta di una realtà complessa che al di là della ricerca, sempre auspicabile, ha prodotto interrogativi e aspettative spesso molto coinvolgenti a livello emotivo. In Italia, da lungo tempo, il Comitato nazionale per la bioetica si è impegnato in un analisi approfondita di questa tematica, anche in funzione di proposte concrete sul piano operativo, scientifico e legislativo. Io, prima come vicepresidente, poi come presidente effettivo e infine come presidente onorario, mi sono a lungo occupato di ciò, anche per specifici riferimenti alla mia esperienza professionale di neuropsichiatra dell infanzia. Il Comitato pubblicò nel 1994 un ampio e documentato volume nel quale si esaminava tutta la legislazione straniera sulla procreazione assistita. In secondo luogo, in due differenti documenti Parere sulle tecniche di procreazione assistita, del 17 giugno 1994, e La fecondazione assistita. Documenti del Comitato nazionale per la bioetica, del 17 febbraio 1995 vennero affrontate tutte le più importanti questioni sollevate sull argomento. Come presidente, allora, proposi anche un testo di analisi scientifica sulle problematiche che sorgevano nel campo della psicologica dell infanzia.

2 Pagina 2 di 5 Un medico spiega a una coppia il procedimento della fecondazione asistita Tutto questo lavoro portò, poi, a una serie di orientamenti e proposte operative su cui i componenti del Comitato si trovarono unanimemente d accordo che confluirono in un documento nel quale, in appendice, si registrarono alcuni differenziati pareri di carattere tecnico. La rilettura dei dieci commi del Parere, riassuntivo dei lavori del Comitato nazionale per la bioetica sulla materia, permetteva e permette formulazioni legislative sufficientemente chiare. Se se ne fosse tenuto completamente conto, alcuni problemi forse non sarebbero sorti. L unanimità su alcuni punti è particolarmente significativa. Ne ricordo esemplificativamente due: la raccomandazione che «sia proibita la produzione di embrioni al solo scopo di farne oggetto di sperimentazione e ricerca» e una valutazione totalmente negativa sulla maternità surrogata. Ma in particolare è interessante l esposizione di una serie di rifiuti in caso di procreazione medicalmente assistita così elencati: l ovodonazione e l embriodonazione nel caso di donne in età non più fertile; ogni forma di fecondazione assistita richiesta da una coppia dello stesso sesso; la fecondazione assistita richiesta da una donna sola; la fecondazione assistita attuata dopo la morte di uno dei due coniugi; la fecondazione assistita richiesta da coppie che non forniscano garanzie adeguate di stabilità. Il legislatore si trovava di fronte, nel nostro Paese, a delle indicazioni abbastanza omogenee di carattere scientifico sulle quali operare. E io, prima come legislatore e poi come consulente in sede legislativa, ho avuto l onore di prospettarle in sede parlamentare. C è un mio intervento al Senato, del 22 luglio 2000, sull argomento, che contiene un analisi ampia degli aspetti scientifici e legislativi. D altro canto, mentre sul piano scientifico noi avevamo operato tempestivamente in modo efficace, sul piano legislativo, non solo c era un vuoto drammatico, ma addirittura un improvvida circolare, abbastanza datata, del ministro Degan proibiva ogni forma di intervento pubblico nel campo della procreazione medicalmente assistita, permettendo al privato tutto il possibile. E questo ha determinato gravi conseguenze in una materia così delicata, lasciata al mercato e senza concrete garanzie e controlli. Non mi soffermerò, perché questa non è la sede, sulle ragioni del lungo travaglio in Parlamento fino all approdo a una legge emanata tra profondi contrasti, e su cui ora vengono proposti una serie di referendum. Il mio contributo vuole essere, nella linea di una lunga esperienza, propositivo per il futuro di una questione che necessita assolutamente di una regolamentazione. Una vacatio legis sarebbe drammatica, ma anche errori avallati in sede normativa vanno evitati. Voglio innanzitutto dire che si tratta di una materia complicatissima, estremamente difficile a comprendersi anche per un tecnico e sulla quale la disinformazione è ampia. E il voto referendario, pur essendo uno strumento fondamentale in democrazia, senza un accurata informazione, può provocare anche gravi danni: se al tempo di Galilei il popolo avesse votato sulle sue scoperte, avrebbe vinto Roberto Bellarmino! Un primo passo consiste nel fare chiarezza sul piano scientifico. Le proposte fatte dal Comitato nazionale per la bioetica, esposte sommariamente alla fine di un lungo percorso, forniscono già un orizzonte abbastanza definito. Prima di utilizzare queste proposte, in rapporto alla legge e alle eventuali modifiche apportabili, ci sembra utile sottolineare l importanza di un progetto serio di ricerca sulle cellule staminali, perché da esso si possono dedurre anche degli elementi interessanti per l ampia materia affrontata in modo diretto e indiretto dalla legge in questione. Da tutto quanto detto, nel rammaricarmi che in alcuni casi le proposte unanimemente presentate dal Comitato nazionale per la bioetica siano state dall una o dall altra parte dei legislatori disattese, penso che alcune prospettive si possano aprire. Come scienziato, e non come uomo di parte, dico che la caduta della legge in toto produrrebbe effetti drammatici, si tornerebbe al far west, al mercato e al profitto incontrollati Come è ormai noto anche al grande pubblico, nei primi stadi di sviluppo dell embrione umano (e cioè nello stadio che precede l impianto nell utero) tutte le sue cellule sono in grado di dare origine a un nuovo individuo attraverso il meccanismo della clonazione. Queste cellule embrionali gli embrioblasti vengono anche dette cellule staminali totipotenti perché in laboratorio, se opportunamente stimolate, esse sono in grado di trasformarsi praticamente in tutte le principali linee cellulari dell adulto. Si ritiene che questa loro caratteristica possa essere sfruttata per creare cellule staminali capaci di curare tutta una serie di malattie degenerative e genetiche. Accanto a questa prospettiva che, come è noto, suscita serie perplessità sul piano etico, ne esistono però,

3 Pagina 3 di 5 oggi, altre che sembrano altrettanto promettenti perché, sulla base delle nostre conoscenze attuali, potrebbero rendere non più necessario il ricorso alle cellule staminali ottenute da embrioblasti totipotenti. Si tratta degli studi sulle cellule staminali ottenute dal cordone ombelicale dei neonati e su quelle ottenute da individui adulti. In questi pochissimi anni (un quinquennio) intercorsi dall identificazione delle prime cellule staminali negli individui adulti, è già stata provata la loro grande plasticità. È oggi certo che questa plasticità permetterà, in un prossimo futuro, una grande varietà di applicazioni pratiche atte a identificare strade non controverse per la ricerca di nuove terapie. È proprio per promuovere queste ricerche che nel 2000, dal momento che l Italia è all avanguardia negli studi in questo settore, è stato creato un Forum nazionale per promuovere la ricerca nel campo delle cellule staminali non embrionarie. Il potenziale uso terapeutico di queste cellule ottenute dall adulto, sebbene in alcuni casi crei nuove problematiche di natura etica, sembra oggi altrettanto promettente di quello dell embrione in fase iniziale. C è anche da sottolineare come le cellule staminali potranno fornire strumenti utili anche al di là di quelli strettamente terapeutici, ad esempio per la verifica dell efficacia e della tossicità di nuovi farmaci. Così, mentre oggi non si può obiettivamente fare a meno della sperimentazione animale nella fase preclinica dell applicazione farmacologica di nuove molecole, in un futuro non lontano ciò sarà probabilmente possibile grazie proprio alle cellule staminali che offrono la possibilità di saggiare nuovi prodotti chimici e biologici in sistemi cellulari che siano fisiologici e affidabili allo stesso tempo. Ciò porterà ad accelerare notevolmente il processo di sviluppo di nuovi farmaci. C è, poi, come s è detto, la possibilità di utilizzare le cellule staminali fetali ottenibili dal cordone ombelicale al momento della nascita. Prelevando alla nascita queste cellule, si potrebbe costituire una riserva strategica, non solo per quell individuo, ma anche se si superano i problemi di istocompatibilità per un numero considerevole di altre persone, perché queste cellule, dotate di un elevatissimo potenziale replicativo, potrebbero essere espanse rapidamente e utilizzate anche in caso di malattie acute. Anche in questo caso abbiamo quindi grandi potenzialità. Un aspetto importante della ricerca da programmare per il prossimo futuro è quello rappresentato dagli studi volti a identificare tutti i tipi di cellule staminali presenti in natura. Ne è già stato identificato un certo numero, ma non sappiamo davvero se siano tutte quelle esistenti. Vanno poi valutati la loro interconversione funzionale e il loro potenziale terapeutico. Ciò porterà sia ad ampliare le conoscenze sulla biologia e sulla fisiologia delle cellule staminali, sia a migliorare la valutazione delle potenziali applicazioni terapeutiche, che sono quelle più importanti. Tra queste, naturalmente, c è la produzione di tessuti nuovi e compatibili, effettuata sia in vitro che in vivo. Va ricordato che i primi lavori in assoluto sull identificazione delle cellule staminali ottenute nell adulto portano anche le firme di ricercatori italiani e sono il frutto di un ampia collaborazione che ha coinvolto in primis le nostre istituzioni scientifiche. L Italia deve quindi porsi come priorità assoluta quella di intensificare, a prescindere dalle considerazioni etiche, la ricerca sulle cellule staminali adulte e su quelle ottenute dal sangue del cordone ombelicale anche perché, se si utilizza, ad esempio, una cellula staminale ematopoietica di un determinato paziente, facendola evolvere verso un prestabilito istotipo, sarebbe del tutto improbabile che queste nuove cellule possano essere rigettate al momento di essere reinfuse nello stesso paziente. Data la ristrettezza di fondi su cui può, oggi, contare la ricerca italiana, è quindi auspicabile che si lanci un programma di studi focalizzato su questo tipo di cellule lasciando ad altri il compito di lavorare su altre linee cellulari. Tutto questo rende chiaro quanto sia vasta l area nella quale la procreazione medicalmente assistita si colloca. Tornando ai problemi immediati, aperti dalla legge recentemente approvata, dobbiamo comprendere se e come si debba procedere sia ad eventuali modifiche della legge, sia alla creazione di strutture operative efficienti che diano garanzie. Perché nel nostro Paese molte leggi, anche apparentemente rivoluzionarie (per esempio quella sulla riforma psichiatrica), hanno prodotto poi, per mancanza di strutture e di regolamenti, gravi difficoltà. Venendo alla legge in questione, nata da contrasti tra orientamenti talvolta addirittura ideologici, vorrei fare alcune osservazioni. Se è pur vero che non si possono mettere limiti alla ricerca scientifica (la scienza esplora il possibile), tuttavia le sue applicazioni non possono essere sottratte all etica, e la legislazione deve tenerne conto. Faccio un esempio. Non solo come scienziato, ma come legislatore, non sono mai riuscito a capire come sia possibile, in caso di fecondazione eterologa, evitare il fatto che si leda un diritto inalienabile della persona dei nascituri, sancito dalla Costituzione: quello del riconoscimento del padre naturale! Non voglio qui entrare nella casistica, ma si tratta comunque di un ostacolo giuridicamente ed eticamente insuperabile. Veniamo alla legge. Da tutto quanto detto, nel rammaricarmi che in alcuni casi le proposte unanimemente presentate dal Comitato nazionale per la bioetica siano state dall una o dall altra parte dei legislatori disattese, penso che alcune prospettive si possano aprire. Come scienziato, e non come uomo di parte, dico che la caduta della legge in toto produrrebbe effetti drammatici, si tornerebbe al far west, al mercato e al profitto incontrollati. Ma certo è possibile anche in questo caso fare delle proposte migliorative di una legge. Innanzitutto riassumiamo i cinque quesiti abrogativi proposti per il referendum.

4 Pagina 4 di 5 Il primo, promosso dai radicali, propone l abrogazione dell intera legge. Gli altri quattro sono stati portati avanti da un fronte composito, guidato dai Ds, e propongono la cancellazione di parti molto importanti della legge 40. Il secondo quesito referendario chiede l eliminazione di alcuni punti degli articoli 12, 13 e 14, per consentire la crioconservazione e la ricerca sugli embrioni. Si chiede di sopprimere anche il divieto di clonazione mediante il trasferimento di nucleo. Il terzo chiede l eliminazione del limite della condizione di sterilità per la procreazione medicalmente assistita e del divieto di produrre più di tre embrioni. Cosa dire in conclusione? Che se si vuole evitare la strada pericolosa, in molti sensi, dei referendum, bisogna fare presto, sulla base di un testo largamente condivisibile, che non crei problemi di coscienza o problemi scientifici insuperabili. Un testo base a me pare possa essere quello di Fioroni che sviluppa i temi proposti da un gruppo di studio della Margherita Il quarto vuole abrogare l affermazione che «la legge assicura i diritti di tutti i soggetti coinvolti, compreso il concepito». In sostanza, si vuole negare che l embrione sia un soggetto titolare di diritti. Anche questo quesito punta ad eliminare il divieto di produrre più di tre embrioni ed estende la procreazione medicalmente assistita oltre i casi di sterilità. Il quinto, infine, vuole introdurre, tra le tecniche ammesse, anche la procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo. Per evitare i referendum, sta affluendo in Parlamento una serie di proposte di legge di varia provenienza. Le elenchiamo, riassumendone il contenuto. La proposta di legge Tomassini-Bianconi, di Forza Italia (Atto Senato 3022), prevede l estensione della procreazione medicalmente assistita oltre i casi di sterilità, anche alle coppie fertili portatrici di malattie genetiche o infettive trasmissibili. Un cartello contro la legge sulla fecondazione assistita durante una manifestazione dei radicali a piazza Montecitorio Viene permessa la distruzione dell embrione nelle primissime fasi di vita, chiamandolo ootide. Si applica poi, indirettamente, la legge 194 sull aborto anche alla fase che precede l impianto. È consentita, inoltre, l indagine preimpianto «sui due globuli polari dell ootide della cellula», uno dei quali suppone che l embrione sia già formato. La proposta di legge Dentamaro-Fabris, dell Udeur (Atto Senato 3116), elimina l affermazione che l embrione è soggetto titolare di diritti. La procreazione medicalmente assistita è estesa ai portatori di malattie genetiche e infettive. È eliminata l irrevocabilità del consenso all impianto, una volta formato l embrione. È cassato l articolo 14 della legge 40 che vieta il congelamento e la soppressione degli embrioni, e anche la sperimentazione su di essi. La proposta di legge dei senatori dell Udeur cancella, quindi, anche l obbligo di limitare a un massimo di tre il numero degli embrioni prodotti e il divieto della loro riduzione. La proposta di legge Palumbo-Carlucci, di Forza Italia (Atto Camera 5356), estende la procreazione medicalmente assistita ai portatori di malattie genetiche e infettive trasmissibili. Consente l indagine preimpianto. Con la formula «embrione non idoneo all impianto» (che include di per sé non solo l embrione con anomalie di sviluppo, ma anche quello che non può essere trasferito perché soprannumerario o rifiutato) si stravolge il senso del comma 2 dell articolo 13, perché, di fatto, si permette la sperimentazione su tutta la categoria degli embrioni. Si autorizza la crioconservazione, la revoca del consenso all impianto in tutti i casi previsti dalla legge 194. Ciò significa che la distruzione di embrioni è possibile. Saranno presentate nei prossimi giorni due proposte che provengono entrambe dall Ulivo, anche se sono profondamente differenti. La prima è stata elaborata da Giuliano Amato. Questa proposta prevede: la revoca del consenso, per la donna che non vuole farsi impiantare l embrione, fino all ultimo momento; la possibilità di accedere alla fecondazione in caso di malattie genetiche; il congelamento degli ovociti (ritenuti preembrioni) al posto degli embrioni; la sperimentazione sugli embrioni, limitata a quelli soprannumerari e destinati alla distruzione. Infine, c è la possibilità di fecondazione eterologa in casi estremi di necessità. La seconda proposta è quella di Giuseppe Fioroni e, per quanto se ne sa, dovrebbe articolarsi in quattro punti: gratuità di accesso alla fecondazione artificiale; accoglimento dei progressi della scienza sull immissione degli embrioni nell utero; diagnosi preimpianto e informazione dei genitori sullo stato di salute dell embrione. In ultimo, maggiori fondi per le ricerche sulle cellule staminali prelevate dal cordone ombelicale. Ovviamente la fecondazione eterologa è vietata in qualunque caso. Queste proposte, grosso modo, ricalcano gli orientamenti di un gruppo di studiosi e tecnici della Margherita, così riassumibili: Accesso gratuito ai centri pubblici e/o privati; inserimento nei livelli essenziali di assistenza. Conseguente accreditamento dei centri pubblici e/o privati. L accreditamento del centro permetterà di controllarne l operato svolto. Certificazione di qualità dei centri di cui al punto precedente.

5 Pagina 5 di 5 Linee-guida del Ministero della Salute che seguano il processo evolutivo della scienza medica. Responsabilizzazione dell operatore sanitario, attraverso l obbligo di comunicare alla madre l esito della diagnosi preimpianto, così come previsto anche dalla legge 194. Estensione dell accesso alle tecniche terapeutiche per i genitori portatori di malattie genetiche gravi. Impossibilità di obbligare una donna contro la sua volontà a farsi trasferire gli embrioni in utero. Cosa dire in conclusione? Che se si vuole evitare la strada pericolosa, in molti sensi, dei referendum, bisogna fare presto, sulla base di un testo largamente condivisibile, che non crei problemi di coscienza o problemi scientifici insuperabili. Un testo base a me pare possa essere quello di Fioroni che, come si è visto, sviluppa i temi proposti da un gruppo di studio della Margherita. Se questo trovasse accoglienza, probabilmente rimarrebbe oggetto di referendum solo il divieto della fecondazione eterologa, su cui, a differenza degli altri quesiti, c è maggiore chiarezza con orientamenti negativi. Comunque, ripeto, una legge è necessaria. Ad ogni modo, come risulta da queste mie note e come esposi nell intervento in Senato sull argomento, la discussione verte su tematiche scientifiche ed etiche di grande rilievo, e la riduzione che si è fatta di questa discussione ad una impropria guerra di religione è del tutto sbagliata. Il fatto è che temi così complessi sul piano scientifico e così coinvolgenti aspettative comprensibili sul piano umano, non possono certamente essere sganciati da cogenti orientamenti etici che sono fondamentali anche per la legislazione Sito ottimizzato per Internet Explorer x768 Redazione Web: don Norberto, Marco, Achille, Paolo, Dario Gli accessi al sito

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI INTRODUZIONE Referenze iconografiche: Archivio San Paolo: Carmine 163; Giovannini 124c; Rolandi Fassio 130 Emilio Giannelli: copertina, 3, 9, 31, 32, 79, 113, 159 Alessandro

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi Gruppo di Lavoro sulla Psicologia della Procreazione Assistita Manfredi Asero Angelo Gabriele Aiello Giuseppe Pozzi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli