Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (D.P.R. 23 luglio 1998 n 323 art.5 comma 2) Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Indirizzo: via Cesare Battisti 13 Siena CLASSE V E Anno scolastico Coordinatrice della classe: Prof. ssa Donatella Tognaccini

2 PRESENTAZIONE SINTETICA 1) Composizione del Consiglio di classe e continuità didattica nel triennio 2) Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso La classe V E risulta attualmente composta da 26 alunni di cui 14 femmine e 12 maschi. Composizione del Consiglio di Classe e continuità didattica nel triennio DOCENTI Valentini Sergio Volpe Giuseppa Tognaccini Donatella DISCIPLINE MATEMATICA E FISICA FILOSOFIA STORIA ITALIANO LATINO CONTINUITA NEL TRIENNIO CLASSI IV e V CLASSI III, V (Filosofia) CLASSI IV E V (Storia) SI Failli Laura INGLESE Classe IV, V Tancredi Elisabetta Saluzzi Rosa Raffaelli Mirella Parigi Francesco ED. FISICA SI IRC SI DISEGNO E STORIA DELL ARTE SI SCIENZE SI Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso Gli alunni, 26 in totale nel corrente anno scolastico, hanno mostrato di avere buone potenzialità sul piano cognitivo e di aver sviluppato un discreto livello di coesione tra di loro. L impegno nello studio è stato differenziato: per una parte degli alunni in generale sufficiente, per un'altra parte discreto e, in alcuni casi, molto buono. La frequenza scolastica è stata soddisfacente. Nel corso degli anni gli studenti hanno dimostrato una progressiva acquisizione di senso di responsabilità grazie al quale hanno potuto lavorare

3 mostrando generalmente interesse e partecipazione rispetto alle proposte didattiche. Non tutti, però, hanno acquisito la consapevolezza necessaria a comprendere fino in fondo il livello delle proprie potenzialità. Per questo motivo, si rilevano alcune differenze sul piano individuale rispetto al metodo di studio e ai risultati conseguiti. In generale, comunque, il profitto della classe risulta mediamente discreto in merito alla preparazione globale. E' da segnalare la presenza di un gruppo di alunni che ha raggiunto livelli di preparazione soddisfacenti per impegno e qualità dello studio. Il livello di attenzione in classe non è stato sempre adeguato in tutte le discipline anche a causa della particolare vivacità di molti alunni. OBIETTIVI GENERALI (educativi e formativi) Capacità trasversali: relazionali, comportamentali e cognitive. In relazione al quadro sopra delineato, alla personalità, alle attitudini, agli interessi ed alle possibilità dei singoli alunni, sono stati effettuati interventi di vario tipo al fine di mettere in luce e valorizzare le conoscenze, le competenze e le capacità di ciascun discente che, potrebbero essere così riassunte: -Consolidamento e ampliamento delle conoscenze relative alle materie scientifiche e umanistiche. -Sviluppo e potenziamento delle competenze linguistiche relative ai diversi ambiti disciplinari, sia a livello della comunicazione orale, sia di quella scritta. -Rafforzamento delle capacità logiche e critiche. -Sviluppo dell attitudine alla lettura e alla ricerca, sulla base di interessi personali. -Potenziamento delle capacità di confronto e di dialogo con gli altri. CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA La classe, nella sua globalità, ha raggiunto un livello mediamente discreto (fermo restando il distinguo fra livelli di apprendimento), determinato dal conseguimento di obiettivi che vengono riportati seguendo la consueta suddivisione in Conoscenze, Competenze e Capacità nelle relazioni delle singole discipline. Per le singole discipline si rimanda alle Relazioni dei singoli docenti. Viaggi di istruzione, visite guidate, scambi, mostre, conferenze, teatro, cinema, attività sportive, ecc. Di seguito, si riporta l elenco, suddiviso per categorie, delle principali iniziative alle quali gli studenti hanno preso parte. Innumerevoli sono state infatti le conferenze di scrittori e personalità del mondo della cultura nell'ambito del progetto La metamorfosi in lettore cui gli alunni hanno partecipato. In I Liceo: partecipazione con altre tre classi della scuola al Progetto Libriadi (gara letteraria tra i Licei senesi), vinta dal Galilei e quindi anche dalla classe IE. Gita: Pompei, Napoli, Paestum, Velia. In II Liceo: Scambio con la Turchia. Gita: Musei Vaticani. Partecipazione al progetto teatro: 1) Preparazione e messa in scena dello spettacolo: Antigone tratto dall'opera omonima di Bertolt Brecht (alcuni alunni). 2) Teatro dei Rinnovati: visione di spettacoli teatrali. In III Liceo: scambio con Norwich (Inghilterra). Visita guidata ad Assisi. Messa in scena dell'opera: Antigone. In IV Liceo: Progetto Shoah e partecipazione al Treno della memoria. Visita guidata a Marzabotto e laboratorio didattico. Visita a Berlino, Dachau, Norimberga. Progettoteatro (alcuni alunni): Antigone. (rappresentata in vari contesti fra cui presso la Facoltà di Lettere di Siena, il carcere di Santo Spirito a Siena e il carcere di massima sicurezza di

4 Ranza a San Gimignano). Teatro dei Rinnovati: visione di spettacoli teatrali.. Partecipazione al concorso letterario Enigmaticamente (vinto da un gruppo di alunni della classe). In V Liceo: Partecipazione al progetto La metamorfosi in lettore. Fra gli incontri: conferenza di Paolo di Paolo sul romanzo Mandami tanta vita ; conferenza di Luca Scarlini sul tema Escher a Siena ; conferenza di Tiziano Scarpa sul romanzo Stabat mater (alcuni alunni). Gita a Roma per la visione al Teatro Eliseo della tragedia Medea di Seneca. Gli alunni hanno partecipato alle iniziative didattico-culturali nel contesto delle relazioni del Liceo Galilei con un liceo di Toronto (Canada). Incontro con lo storico Valerio Castronovo sul tema Gli anni di piombo e la crisi economica. Orientamento: Gli studenti hanno partecipato autonomamente agli incontri per l'orientamento universitario delle Facoltà dell Università degli Studi di Siena. Certificazioni: nel triennio alcuni alunni hanno conseguito le certificazioni PET, FIRST, ADVANCED ed ECDL. CRITERI E STRUMENTI DELLA MISURAZIONE (punteggi e livelli) E DELLA VALUTAZIONE (indicatori e descrittori adottati per la formulazione di giudizi e/o per l attribuzione dei voti) approvati dal Collegio dei Docenti (GRIGLIA) Particolare attenzione è stata riservata alla valutazione, intesa come momento costruttivo di verifica dell attività didattica, dei livelli di apprendimento e di maturazione degli alunni. La valutazione globale dell alunno ha tenuto conto dell impegno, dell assiduità della frequenza, del profitto, dei miglioramenti intervenuti, delle capacità, delle potenzialità, degli obiettivi formativi e dei contenuti minimi raggiunti e della realtà specifica della classe anche nella prospettiva di un corretto orientamento scolastico. Modalità di verifica I metodi di rilevazione del livello di preparazione globale raggiunto sono stati: colloqui formali alla cattedra, al fine di accertare in maniera più approfondita i livelli di preparazione, questionari di varia tipologia per accertare conoscenze essenziali e principî generali; elaborazione di testi di varia tipologia per verificare le conoscenze, le competenze e, soprattutto, la capacità di analisi, di sintesi e di critica; simulazioni di terza prova d Esame facendo ricorso alla Tipologia B, ovvero a quesiti a risposta singola, alla cui trattazione sono state assegnate 9, 10 o fra 10 e 15 righe (a seconda delle materie). I simulazione: Fisica, Scienze, Storia, Inglese (data: 20/12/2013); II simulazione: Filosofia, Inglese, Latino, Storia dell'arte (data: 03 marzo 2014). Sono allegate al presente Documento criteri e strumenti di misurazione e valutazione disciplinari del Consiglio di classe approvate dal Collegio dei docenti CURRICULUM DI PREPARAZIONE ALLA TERZA PROVA SCRITTA D ESAME E AL COLLOQUIO Sono state effettuate durante il corso dell anno scolastico due simulazioni della terza prova d esame. In un apposita riunione il Consiglio di classe da una parte ha recepito l indicazione

5 ministeriale di lasciare spazio alla Lingua Straniera, dall altra, affinché le conoscenze e competenze disciplinari degli alunni potessero essere saggiate nel modo più completo possibile, ha deciso di effettuare le simulazioni su varie discipline (escludendo quelle già oggetto delle prime due prove scritte). E stata privilegiata la tipologia B (quesiti a risposta sintetica) che è sembrata più rispondente alle peculiarità della classe e la più adatta alla valutazione delle conoscenze e delle competenze. Le materie oggetto di terza prova nella prima e nella seconda simulazione sono state quattro, con due quesiti o tre quesiti per ciascuna disciplina. Il tempo a disposizione per lo svolgimento della prova è stato di 2 ore. Si riporta la Tabella riassuntiva delle prove con l indicazione analitica delle materie coinvolte Data Materie coinvolte 20/12/13 Scienze, Storia, Inglese, Fisica 03/03/14 Storia dell'arte, Latino, Filosofia, Inglese Il Consiglio di Classe, tenuto conto degli interessi, delle attitudini degli studenti, dello svolgimento dei programmi e dei risultati nelle terze prove, individua come discipline più congeniali alla classe le seguenti: Inglese, Scienze, Filosofia e Storia dell Arte. La valutazione è stata espressa secondo le indicazioni della Direttiva Ministeriale ed è stata determinata sulla base della Griglia concordata dai docenti in sede di Dipartimento per Materia. Le prove, disponibili presso la segreteria del Liceo, hanno sortito risultati mediamente in linea con le valutazioni assegnate agli studenti nel corso dell anno scolastico. A disposizione della Commissione esaminatrice sono stati depositati presso la segreteria: le prove di verifica effettuate nelle singole discipline; i quesiti e le prove di simulazione della Terza prova scritta di esame effettuate. IL COORDINATORE (Donatella Tognaccini) IL PRESIDE (Antonio Vannini) Siena, 05 Maggio 2014

6 Griglie di valutazione GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA I PROVA - TIPOLOGIA A Indicatori Ottimo Buono Discreto Sufficiente Mediocre Insufficient e A) Proprietà e correttezza linguistica Gravem ente insuffici ente B) Comprensio ne del testo e delle sue strutture formali C) Correttezza e completezza delle risposte D) Ricchezza di informazioni e conoscenze E) Organicità e coerenza delle argomentazi oni F) Capacità di sviluppo critico e originale delle questioni Ottimo 10/10 15/15 Buono 9/10 8/10 14/15

7 Discreto 7/10 13/15 12/15 Sufficiente 6/10 11/15 10/15 Mediocre 5/10 9/15 8/15 Insufficiente 4/10 7/15 6/15 Gravemente insufficiente 3-1/10 5-1/15 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA I PROVA - TIPOLOGIA B (articolo) Indicatori Ottimo Buon o A) Proprietà e correttezza linguistica Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem ente insuffici ente B) Aderenza al registro espressivo giornalistico C) Coerenza nell individuazio ne del destinatario e dello scopo del testo D) Ricchezza di informazioni e conoscenze E) Logicità e coerenza di argomentazione F) Originalità Ottimo 10/10 15/15 Buono 9/10 8/10 14/15 Discreto 7/10 13/15 12/15 Sufficiente 6/10 11/15 10/15 Mediocre 5/10 9/15 8/15 Insufficiente 4/10 7/15 6/15 Gravemente insufficiente 3-1/10 5-1/15

8 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA I PROVA - TIPOLOGIA B (saggio) Indicatori A) Proprietà e correttezza linguistica Otti mo Buo no Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem ente insuffic iente B) Coerenza nell individuazio ne del destinatario e dello scopo del testo C) Capacità di utilizzazione delle fonti D) Ricchezza di informazioni e conoscenze E) Coerenza, consequenzialità, organicità delle argomentazioni F) Capacità di riflessione critica e originalità Ottimo 10/10 15/15 Buono 9/10 8/10 14/15 Discreto 7/10 13/15 12/15 Sufficiente 6/10 11/15 10/15 Mediocre 5/10 9/15 8/15 Insufficiente 4/10 7/15 6/15 Gravemente insufficiente 3-1/10 5-1/15

9 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA I PROVA - TIPOLOGIA C e D Indicatori Ottimo Buono Discreto Sufficiente Mediocre Insuffi ciente A) Proprietà e correttezza linguistica Gravemente insufficiente B) Capacità espressive efficacia stlistica C) Aderenza alle richieste D) Coerenza di argomentazion e consequenziali tà - organicità E) Ricchezza di conoscenze e di considerazioni F) Capacità critiche e di rielaborazione personale e originale dei contenuti e delle conoscenze Ottimo 10/10 15/15 Buono 9/10 8/10 14/15 Discreto 7/10 13/15 12/15 Sufficiente 6/10 11/15 10/15 Mediocre 5/10 9/15 8/15 Insufficiente 4/10 7/15 6/15 Gravemente insufficiente 3-1/10 5-1/15

10 VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA - MATEMATICA La misurazione della seconda prova sarà effettuata attribuendo 30 punti all'intera prova, di cui punti 15 alla risoluzione del problema e punti 15 alla risoluzione dei cinque quesiti richiesti (3 punti per ciascun quesito). Le valutazioni saranno determinate sulla base della seguente tabella. punteggio valutazione p=0 1 0<p<1 2 1 p<3 3 3 p<5 4 5 p<7 5 7 p<9 6 9 p< p< p< p< p< p< p< p< p quesiti con i punteggi più alti. I quindici punti a disposizione per il problema verranno distribuiti fra le sue parti indipendenti in proporzione alla loro importanza. Il punteggio di ciascuna parte sarà determinato in base alla correttezza, alla completezza e al rigore formale del suo svolgimento, valorizzando Capacità di comprensione, Conoscenza, Competenza e abilità nella risoluzione. Ogni quesito verrà considerato nella sua interezza e, a ciascuno, verrrà attribuito un massimo di punti 3 sulla base dei precedenti criteri. Poco influenti ai fini dell'attribuzione del punteggio saranno g1i errori di calcolo o di distrazione, purché non compromettenti la risoluzione dell'esercizio. Tutti gli esercizi svolti saranno misurati, ma ai fini della valutazione saranno conteggiati il problema e i cinque

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA III PROVA Indicatori A) Focalizzazione dell argomento, aderenza e pertinenza della risposta Ottimo 15 Buono 13 Discret o 12 Sufficiente 10 Insufficiente 8 Gravem ente insuffic iente ,25 3 2, ,5 B) Ricchezza dell informazion e C) Organicità ed efficacia linguistica 4 3,25 3 2, ,5 3,5 3,25 3 2, ,5 D) Capacità critica e sintesi 3,5 3,25 3 2, ,5 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO D ESAME Indicatori Punteggio massimo Conoscenza dei contenuti 10 Competenze linguistiche e disciplinari 7 Abilità di analisi, Livello valutazione Punteggio Punteggio assegnato Scarsa 1-3 Insufficiente 4-5 Mediocre 6-7 Sufficiente 8 Discreta 9 Buona/Ottima 10 Insufficienti Mediocri Sufficienti Discrete Buone/Ottime Mediocri Sufficienti

12 sintesi e valutazione 5 Discrete Buone/Ottime Mediocri Sufficienti 4 Discrete Buone/Ottime Capacità di effettuare collegamenti pluridisciplinari Autonomia di indagine e rielaborazione personale 4 Mediocri Sufficiente Discreta Buona/Ottima VOTO TOTALE:./30

13 ELENCIO DEGLI ALUNNI DELLA CLASSE V SEZIONE E 1. BOTTAI ANDREA 2. CANCELLI MARIA 3. CAPPELLI ELISA 4. CAPPELLI GIULIO 5. CARAMANICO NICCOLO' 6. CARLUCCI VITTORIO 7. CAVA CAMILLA 8. CENNINI CAMILLA 9. CRESCENZI VALENTINA 10. DE SANTIS RICCARDO 11. MEROLA ELENA 12. FINUCCI GIADA 13. FORMIGGINI PAOLA GIOVANNA 14. GRASSINI BIANCA 15. KUTUFA' PAOLO 16. LENI MARGHERITA 17. LERI NICCOLO' 18. MATTONESI GIULIA 19. MORINI RICCARDO 20. MUGNAINI JACOPO 21. PANNINI FIAMMA 22. PASQUI ARIANNA 23. RUSCI EDWARD 24. VENTURI GABRIELE 25. VICHI GIULIO 26. ZAGORDO FEDERICA

14 Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Via Cesare Battisti 13 Siena Anno Scolastico RELAZIONE DI FINE ANNO MATERIA: ITALIANO Classe V sez. E La classe, costituita da 26 alunni (14 femmine e 12 maschi), è abbastanza eterogenea anche perché al nucleo originario si sono aggiunti negli anni alunni provenienti da altre sezioni. Il gruppo ha mostrato complessivamente un discreto interesse per la disciplina. Il lavoro si è svolto con una certa regolarità e, in generale, gli argomenti delle varie unità didattiche sono stati affrontati secondo la programmazione iniziale anche se il numero di testi analizzati è stato limitato per la presenza di ragazzi/e che hanno avuto bisogno di un tempo maggiore per la riflessione e l'apprendimento dei contenuti. Per gli stessi motivi anche la trattazione della letteratura del '900 è stata limitata ad alcuni autori principali. Per quanto riguarda il profitto, quasi tutti gli alunni hanno sviluppato un metodo di studio sufficientemente autonomo; alcuni, discontinui nell attenzione e nell impegno, hanno confidato soprattutto nelle loro discrete capacità di recupero; un gruppo ristretto di elementi ha svolto, invece, un buon lavoro di rielaborazione personale degli argomenti trattati e dei testi letti nel corso dell anno. In relazione alla programmazione curricolare, si elencano di seguito gli obiettivi mediamente raggiunti con un profitto generale più che sufficiente e per certi aspetti anche discreto. Un gruppo di alunni/e si è distinto per risultati soddisfacenti. Obiettivi in termini di conoscenze, competenze e capacità: CONOSCENZE: dei principali contenuti del Programma svolto;

15 - dei metodi e degli strumenti per l analisi dei testi letterari; - della terminologia della disciplina; - dei principali generi letterari, degli stili e delle strutture retoriche dei testi studiati; - delle varie tipologie testuali. COMPETENZE - competenza linguistica nell esposizione degli argomenti studiati e nell elaborazione di testi di varia natura; - competenza testuale per quanto concerne la contestualizzazione dei testi studiati, l indagine dello spessore letterario e storico-culturale dei principali fenomeni letterari. CAPACITA - di analisi dei testi, dei fenomeni culturali e delle problematiche connesse; - di sintesi e analisi; - di collegamento e confronto; - di elaborazione di essenziali collegamenti tra ambiti disciplinari diversi; - di espressione corretta e coerente, sia nella produzione orale che scritta, di testi di varia tipologia. METODOLOGIE: - Le metodologie e le strategie impiegate nel corso dell anno sono state volte soprattutto a stimolare un proficuo dialogo educativo - didattico. - La trattazione degli argomenti di letteratura ha seguito un percorso storiografico, con riferimento al rapporto degli autori e delle opere con il contesto storico-culturale e con la tradizione letteraria. Momento centrale dell'attività didattica è stata l'analisi dei testi, effettuata per lo più in classe e proposta (nei limiti in cui ciò può avvenire nell ambito scolastico) a vari livelli.

16 - Con le lezioni frontali si è fornito prevalentemente il quadro generale relativo al contesto storico-culturale del periodo trattato con una presentazione complessiva dei singoli autori e delle opere. Le lezioni dialogate sono state utili per il recupero delle conoscenze precedentemente acquisite e per una più attenta riflessione e un maggiore coinvolgimento degli alunni nella spiegazione stessa. Inoltre, la lettura e l analisi dei testi sono stati momenti privilegiati per suscitare l interesse degli alunni e invitarli all attualizzazione di tematiche di rilievo e alla valorizzazione di opere significative per il bagaglio culturale di ognuno di loro. Gli interventi degli alunni sono stati, infine, occasione per sollecitare una valutazione critica delle personali capacità e competenze richieste nell esposizione della disciplina e per fornire ulteriori eventuali chiarimenti sugli argomenti svolti. - Nel corso dell anno si è dato spazio alla riflessione sulle varie tipologie previste per la prima prova scritta d Esame, con opportune esercitazioni; anche l analisi dei testi letterari è stata volta al consolidamento delle abilità necessarie per lo svolgimento della tipologia A. La correzione degli elaborati è stata svolta individualmente per gli aspetti formali e le carenze evidenziate, ma anche collettivamente per quanto riguarda suggerimenti e chiarimenti relativi alle tipologie e allo sviluppo degli argomenti. Per la scelta e la preparazione delle tracce assegnate si è tenuto conto delle attività svolte dagli alunni. - L esposizione orale è stata curata tramite sollecitazioni rivolte agli alunni soprattutto in occasione di lezioni dialogate e durante le verifiche. - Alcuni alunni hanno evidenziato durante il primo quadrimestre carenze dovute ad un impegno non adeguato e alla frequenza discontinua a scuola; per questo si è proposto lo studio autonomo Dalle verifiche del secondo quadrimestre è emerso che le carenze sono state colmate. - Gli alunni (come classe ma anche a gruppi) hanno partecipato alle iniziative letterarie della scuola sia di educazione alla lettura che al concorso letterario sia alle iniziative teatrali. MATERIALI DIDATTICI - Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed. Loescher, volumi 4 (Neoclassicismo e Romanticismo), 5 (Naturalismo e Decadentismo), 6 (Il primo Novecento). - Dante Alighieri, Divina Commedia, Paradiso. - Testi forniti dal docente in fotocopia. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA

17 Nel corso dell anno sono state effettuate verifiche: -Secondo le tipologie previste dall'esame di Stato. - Colloqui orali e/o prove scritte con domande a risposta aperta/chiusa per la verifica orale. - Per la valutazione delle prove si è fatto riferimento alle griglie approvate dal Collegio dei Docenti - A disposizione della Commissione d Esame sono depositate in Segreteria le prove di verifica effettuate durante l anno. - Il programma è allegato alla presente relazione e ne costituisce parte integrante. Siena, 5 Maggio 2014 L insegnante Prof.ssa Donatella Tognaccini

18 Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Via Cesare Battisti 13 Siena Anno Scolastico PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO Classe V sez. E Testi - Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed. Loescher, volumi 4 (Neoclassicismo e Romanticismo), 5 (Naturalismo e Decadentismo), 6 (Il primo Novecento). - Dante Alighieri, Divina Commedia, Paradiso. Programma Il contesto storico e il gusto neoclassico. L'estetica neoclassica. Tra Neoclassicismo e Romanticismo. Il gusto romantico: nascita e diffusione del Romanticismo in Europa. L'immaginario romantico. Il Romanticismo in Italia. Madame de Stael, Sulla maniera e utilità delle traduzioni, Esortazione e attacchi agli intellettuali italiani. La polemica tra classicisti e romantici. L. Di Breme, Intorno all'ingiustizia di alcuni giudizi letterari italiani, Un intellettuale europeo, G. Berchet, Lettera semiseria di Grisostomo al suo figliuolo, Un nuovo soggetto: il popolo. Ugo Foscolo: mito, passione, eroismo. La vita, l'opera, il pensiero la poetica. Le Ultime lettere di Jacopo Ortis. Lettura da L'esordio delle Ultime lettere di Jacopo Ortis; I Sonetti: Autoritratto, A Zacinto, Alla sera, In morte del fratello Giovanni, Le Odi. Ode All'amica risanata. Dei Sepolcri (lettura e analisi del carme). Le Grazie: Inno ad Antonio Canova (vv. 1-49). Foscolo traduttore. Letture: Autoritratto di Didimo Chierico; M. Fubini, Il nuovo Ortis: Didimo Chierico. Alessandro Manzoni: la vita e l'opera. Il pensiero e la poetica, il pensiero e la poetica. Inni sacri e Odi civili. Il cinque maggio. Le tragedie: Il Conte di Carmagnola e Adelchi. Letture: S'ode a destra uno squillo di tromba...(conte di Carmagnola, coro dell'atto II, vv. 1-56), Dagli atrii muscosi dai fori cadenti...(adelchi, coro dell'atto III). Scritti di teoria letteraria: La lettera a M. Chauvet ( Storia, poesia e romanzesco ) e la Lettera sul Romanticismo. I promessi sposi: genesi e stesura del romanzo (letto dagli alunni in II liceo); le tre forme del romanzo e le sue caratteristiche. La storia della Colonna infame. Vita di Giacomo Leopardi: la vita e l'opera. Il pensiero e la poetica. Leopardi e il dibattito culturale del tempo. I Canti. La lingua dei Canti. Letture: Ultimo canto di Saffo. Il passero solitario, L'infinito, La sera del dì di festa, Alla luna, A Silvia, Le ricordanze, Canto notturno di un pastore errante dell'asia, Il sabato del villaggio, A se stesso, La ginestra o il fiore del deserto. Le Operette morali, Dialogo della Natura e di un Islandese. Lo Zibaldone. Una cultura, una lingua, una letteratura per l'italia unita: il contesto europeo; Una letteratura per l'italia unita (scheda di sintesi), G.Carducci (scheda di sintesi). La cultura del Positivismo. L'evoluzionismo di Charles Darwin. Le scienze

19 sociali. Da Charles Darwin, L'origine della specie, I fondamenti della teoria evolutiva.il Positivismo in letteratura: il Naturalismo. Il romanzo naturalista H. Taine, La filosofia dell'arte, L'arte non è isolata ; E. e J. De Goncourt, Germinie Lacerteux, Prefazione ; E. Zola, Il romanzo sperimentale, Romanzo e scienza: uno stesso metodo. Il romanzo europeo dell'ottocento: il Francia, Inghilterra, Russia (scheda di sintesi) La Scapigliatura: cos'è la Scapigliatura. Caratteri generali del movimento. Giovanni Verga, la vita e l'opera. Il pensiero e la poetica. I primi romanzi. Verga il Naturalismo. Luigi Capuana e la poetica del Verismo. L'adesione di Verga al Verismo. Differenze tra Naturalismo e Verismo. Verga: Il pessimismo e il tema dei vinti. Le novelle La lupa, Rosso Malpelo, La roba, Pentolaccia. I Malavoglia, genesi e caratteristiche del romanzo, Fantasticheria. Le tecniche narrative e stilistiche. Da I Malavoglia Prefazione, La famiglia Malavoglia, La tragedia, L'addio. Temi, caratteristiche e stile del romanzo Mastro don Gesualdo. Il Decadentismo. Il quadro storico e culturale; Decadentismo e modernità. L' artista decadente e le sue "maschere". Estetismo. J. K. Huysmans, padre dell'estetismo e A rebours. Oscar Wilde e il romanzo estetizzante. La poesia nel Decadentismo. Il ruolo del poeta e il linguaggio poetico. Charles Baudelaire, I fiori del male; Letture: L'albatro, Corrispondenze. Da Lo spleen di Parigi, La caduta dell'aureola. Paul Verlaine, L'arte poetica; Arthur Rimbaud da La lettera del veggente, La metamorfosi del poeta ; Vocali, Il battello ebbro. Stéphane Mallarmé e il simbolismo. Il pomeriggio di un fauno. L'aspetto grafico dell'opera Un colpo di dadi non abolirà mai il caso. Gabriele d'annunzio: la vita, il pensiero e la poetica. La scoperta di Nietzsche e l'approdo superomistico. D'Annunzio e le opere poetiche. I romanzi di d'annunzio. D'Annunzio e il teatro. Da Il piacere L'attesa e Il cimitero degli inglesi, da Il notturno, Prima Offerta, Il cieco veggente Da Le Laudi, Alcyone: La sera fiesolana e La pioggia nel pineto, Stabat nuda AEstas Giovanni Pascoli, la vita. La perdita del nido. Tra poesia e affetti familiari. Il pensiero, la poetica e la visione del mondo. Il fanciullino. Lettura: La poetica pascoliana da Il fanciullino. Myricae: Lavandare, X Agosto, Il tuono. Da Canti di Castelvecchio: Nebbia, Il gelsomino notturno, La cavalla storna. I Poemetti e i Poemi conviviali. Dai Primi poemetti: lo sperimentalismo linguistico nel poemetto Italy. Dai Poemi conviviali: L'ultimo viaggio: Canto XXIV Calypso. Italo Svevo: biografia. Il pensiero e la poetica. Influenze culturali e modelli. Il tema dell'inetto. Il narrare di Svevo. I romanzi Una vita e Senilità. La coscienza di Zeno: il titolo, l'argomento, l'importanza dell'opera, lo stile. Il tema della malattia. Da La coscienza di Zeno, I. Prefazione; II. Preambolo; Il fumo, cap. III, Un matrimonio sbagliato, cap. V. Luigi Pirandello: la vita. Il pensiero e la poetica. La "rivoluzione copernicana" e la crisi di identità dell'uomo moderno. L'umorismo. Da L'umorismo Essenza, caratteri e materia dell'umorismo. Le Novelle per un anno. Caratteristiche dei romanzi di Pirandello. Il romanzo Il fu Mattia Pascal (letto dagli alunni al biennio). Il romanzo Uno, nessuno e centomila. Da Uno, nessuno e centomila, Tutto comincia da un naso ; Non conclude Il teatro: il teatro siciliano e il teatro del grottesco. Il metateatro. L'ultima fase: il teatro dei Miti. Sei personaggi in cerca d'autore (la trama e i temi). Da Sei personaggi in cerca d'autore, L'ingresso dei sei personaggi e La scena finale. Il nuovo secolo: L'età dell'incertezza (contesto storico), Freud e la psicoanalisi. Tempo, durata e crisi della scienza. Gli effetti della crisi sul romanzo:la memoria e l'oblio in Marcel Proust (quadro di sintesi). Le avanguardie storiche europee (caratteri generali). Incroci: Cubismo e Futurismo. Il Futurismo. Filippo Tommaso Marinetti e altri, Primo manifesto del

20 Futurismo. Manifesto tecnico della letteratura futurista. Tra Picasso e Marinetti: Guillaume Apollinaire, Calligrammi Lettre-Océan, Il pleut; Esperienze italiane vicine al Futurismo: C. Govoni, Il Palombaro, A. Palazzeschi, La fontana malata. T. Tzara, Manifesto del Dadaismo (1918), A. Breton, Manifesto del Surrealismo (1924). I crepuscolari: caratteri della poesia crepuscolare; modelli e tematiche; i poeti crepuscolari. Guido Gozzano: La Signorina Felicita, da Colloqui. Sergio Corazzini: Desolazione del povero poeta sentimentale, da Piccolo libro inutile. Umberto Saba: Vita e opera. Da Il Canzoniere: A mia moglie, La capra, Trieste, Città vecchia.* Giuseppe Ungaretti: La vita e le opere; l opera poetica. Da L allegria: Il porto sepolto; Veglia; Fratelli; Sono una creatura; Soldati; San Martino del Carso; Mattina. Da Sentimento del tempo: Notte di marzo; Di luglio. L'Ermetismo: definizione. Eugenio Montale: La vita e l'opera. Letture: Da Ossi di seppia I limoni, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato. Da Le occasioni: Non recidere, forbice, quel volto; La casa dei doganieri. Da La bufera e altro:l anguilla. Da Satura, Ho sceso, dandoti il braccio, un milione di scale.* Italo Calvino: visione del DVD Italo Calvino e la scrittura cosmica a cura di M. Belpoliti.* Dante, Divina Commedia, Paradiso, caratteri e significato della cantica. Analisi dei canti I, canto III, canto VI, VIII, XI, XII, XV, XVII, XXXIII*. - Restano da trattare gli argomenti contrassegnati dall'asterisco. Siena, 5 maggio 2014 Prof.ssa Donatella Tognaccini

21 Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Via Cesare Battisti 13 Siena Anno Scolastico RELAZIONE DI FINE ANNO MATERIA: LATINO Classe V sez. E Per quanto riguarda la panoramica generale sulla classe si rimanda a quanto espresso nella relazione di Italiano. L approccio ai testi letterari con tecniche di analisi volte alla comprensione del messaggio dell autore e alla riflessione su tematiche significative, nonché l attualizzazione e la valorizzazione dei testi stessi hanno suscitato l interesse degli alunni i quali hanno dimostrato di comprendere discretamente il valore formativo e culturale della disciplina. In relazione alla programmazione curricolare gli obiettivi sono stati raggiunti mediamente con un profitto generale più che sufficiente e, in vari casi anche discreto o molto buono. Per quanto riguarda la traduzione dal latino in italiano dei testi alcuni alunni hanno incontrato difficoltà e questo, unitamente alla particolare vivacità della classe, ha rallentato talvolta lo svolgimento della programmazione e consentito la traduzione di un numero limitato di testi. Si elencano di seguito gli obiettivi mediamente raggiunti in termini di conoscenze, competenze e capacità: CONOSCENZE - delle strutture semantico-lessicali, morfologiche e sintattiche della lingua latina; - dei generi letterari, degli stili e delle principali strutture retoriche; - dei caratteri salienti della letteratura latina in programma. COMPETENZE - nella comprensione e traduzione dei testi latini con il vocabolario; - nel cogliere i legami dei testi e degli autori studiati con la cultura coeva; - nell identificazione del ruolo storico della lingua e della letteratura latina; - nell applicazione di tecniche e metodi di ricerca del significato originario dei testi. CAPACITA - di analisi dei testi e delle tematiche relative al programma; - di sintesi dei contenuti in maniera adeguata alle richieste; - di confronto fra testi letterari e autori diversi affrontati nel corso dello svolgimento del programma; - di collegamento fra aspetti culturali del mondo latino e del mondo europeo moderno. METODOLOGIE - La trattazione degli argomenti di letteratura ha seguito un percorso prevalentemente storico, per dare rilievo al rapporto degli autori e delle opere con il contesto storico-culturale e con la tradizione letteraria e la fortuna di un autore, di un genere o di un opera. Inoltre, la lettura e l analisi dei testi sono stati momenti

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum

Curriculum vitae et studiorum Curriculum vitae et studiorum INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data e luogo di nascita TRONCARELLI MARCELLINA VIA SALARIA, 1396-00138 ROMA 338 3693605 m.troncarelli@virgilio.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli