DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ B A. S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ B A. S. 2014-15"

Transcript

1 Liceo Scientifico Statale G. Gandini con annessa Sez. Classica "P. Verri" Viale Giovanni XXIII Lodi tel fax Prot. n. 1100/C29 del 15 Maggio 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ B A. S Lodi, 15 Maggio

2 Liceo Scientifico Statale G. Gandini con annessa Sez. Classica P. Verri Viale Giovanni XXIII Lodi tel fax Esame di stato Documento del consiglio di classe Consiglio della classe 5^ Sez. B A.S. 2014/15 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe si compone di 20 alunni, 14 maschi e 6 femmine. All inizio del triennio constava di 18 alunni, tra cui una studentessa ripetente; all'inizio del quarto anno ha acquisito altri due elementi ripetenti, provenienti dallo stesso istituto. Nel gruppo classe è presente fin dal primo anno di corso un alunno gravemente disabile e tale elemento è di non secondaria importanza nel delineare il profilo della classe e la sua storia. Gli alunni si sono sempre dimostrati accoglienti e disponibili nei suoi confronti, capaci di integrarlo nel gruppo classe, di sostenere e superare qualche episodio di crisi che si è verificato nel corso degli anni, e soprattutto di rispettare e tollerare i tempi, le stereotipie, i vocalizzi del compagno durante le ore di lezione e di verifica. Nel complesso l esperienza della diversità e di una diversità così evidente e importante ha certamente comportato delle difficoltà, ma ha soprattutto costituito un occasione di crescita e di consapevolezza per tutti, alunni e docenti. Il gruppo classe è stato d altra parte risorsa fondamentale per l inclusione dell alunno S.M. e per il suo percorso personale (vedi allegato 1). Anche in ragione di tale specificità della classe la continuità didattica è stata garantita per molti insegnamenti nell arco del quinquennio, o comunque del triennio. Il profilo generale della classe risulta piuttosto omogeneo per quanto riguarda interesse, impegno e risultati ottenuti. La maggioranza degli studenti difatti ha risposto in modo discontinuo alle sollecitazioni didattiche e non ha fatto registrare una crescita sempre costante nell apprendimento o ha raggiunto risultati mediocri. Alcuni allievi manifestano difficoltà soprattutto in certi ambiti disciplinari, a causa di un impegno non regolare oppure di un organizzazione e un metodo di lavoro non sempre adeguati; altri hanno compiuto un percorso difficile, spesso insoddisfacente, in diverse discipline, in ragione di oggettive carenze nelle capacità logiche ed espressive e/o di un approccio poco responsabile e motivato nei confronti dell impegno scolastico, ma anche di vissuti personali difficili da elaborare e gestire. In generale gli alunni faticano a rielaborare e a far propri i contenuti proposti, tendono a applicare meccanicamente le procedure e a ripetere mnemonicamente i concetti; scarsa appare l autonomia di lavoro e di giudizio e la partecipazione è spesso risultata incostante e dipendente dall interesse suscitato dai singoli argomenti. Non mancano tuttavia casi di alunni costantemente impegnati, capaci di rielaborare in modo autonomo i contenuti di studio e di sviluppare interessi personali; costoro hanno compiuto un cammino evolutivo costante nel corso del triennio raggiungendo risultati buoni, a volte ottimi, dando prova di volontà e di sollecitudine nel lavoro scolastico. Il comportamento degli studenti è generalmente corretto, rispettoso dei ruoli, collaborativo con i docenti e il personale scolastico. 2

3 2. ELENCO DOCENTI Elenco dei Docenti Stabilità 01 Religione Cattolica Prof. Ivano Mariconti Dalla classe 4^ - In 3^ Prof.ssa Giuseppina Bonà 02 Lingua e lett. italiana Prof.ssa Alessandra Ferrari *** Dalla classe 3^ 03 Lingua e cultura latina Prof.ssa Lilia Maria Luisa Mussi Dalla classe 3^ 04 Lingua e cultura inglese Prof.ssa Elena Camia Dalla classe 3^ 05 Storia Prof.ssa Francesca Benedetta Fraschini Dalla classe 5^ - In 3^ e in 4^ Prof. Andrea Carlo Pedandola 06 Filosofia Prof.ssa Francesca Benedetta Fraschini Dalla classe 5^ - In 3^ e in 4^ Prof. Andrea Carlo Pedandola 07 Matematica Prof.ssa Adriana Gusmaroli Dalla classe 3^ 08 Fisica Prof.ssa Adriana Gusmaroli Dalla classe 3^ 09 Scienze naturali Prof.ssa Elisabetta Baldini *** Dalla classe 3^ 10 Disegno e storia dell arte Prof. Paolo Egidio Camera *** Dalla classe 3^ 11 Scienze motorie e sportive Prof.ssa Marilena Zuccheri Dalla classe 3^ 12 Sostegno Prof.ssa Faraoni Monja Dalla classe 5^ - in 3^ e in 4^ prof.ssa Nicoletta Grioni *** Docenti designati dal Consiglio di Classe per la Commissione d Esame 3. ELENCO ALUNNI : Cognome e nome Provenienza 01 Arcelli Irene Questo Liceo 02 Arodi Alberto Questo Liceo 03 Baraldi Francesco Simone Questo Liceo 04 Bogliolo Simone Questo Liceo 05 Broglia Paolo Questo Liceo 06 Cella Francesco Questo Liceo 07 Ceresa Claudia Questo Liceo 08 Cremonesi Federico Questo Liceo 09 Curti Natalia Questo Liceo 10 Dionigi Christian Questo Liceo 11 Gimondi Camilla Questo Liceo 12 Guarnieri Barbara Questo Liceo 13 Iazzi Marco Questo Liceo 14 Invernizzi Roberto Questo Liceo 15 Moretto Stefano Questo Liceo 16 Patella Filippo Questo Liceo 17 Rosati Mattia Questo Liceo 18 Shakshouk Taher Questo Liceo 19 Siciliano Matteo Questo Liceo 20 Teruggi Federica Questo Liceo 3

4 4. INIZIATIVE COMPLEMENTARI INTEGRATIVE Scambio culturale con la scuola tedesca di Mönchengladbach (22-29 settembre 2014) Viaggio di istruzione a Ginevra: visita al CERN e al Palazzo dell ONU (23-24 gennaio 2015) Visita all EXPO (3 giugno 2015) Visita alla mostra Van Gogh L uomo e la terra a Palazzo Reale a Milano Partecipazione al Progetto Millestrade di Orientamento in Uscita (2-7 febbraio 2015) Incontro di orientamento con la Guardia di Finanza Partecipazione ai Tol Game, test di ingresso al Politecnico di Milano (alcuni alunni) Certificazione FIRST (alcuni alunni) visione del film Il giovane favoloso di Mario Martone (novembre 2014) visione del film Hannah Arendt di Margarethe von Trotta (27 gennaio 2015) attività laboratoriale sul sequenziamento del dna al CUSMIBIO di Milano (7 novembre 2014) presentazione del museo multimediale presso il Museo della Stampa spettacolo teatrale dell Apron stage in lingua inglese incontro/lezione interattiva con il prof. Alberto Conci (Università di Trento) sugli Anni di Piombo (24 aprile 2015) incontro-dibattito sulla realtà del Kosovo (16 aprile 2015) conferenza-incontro con Salvatore Borsellino presso BPL Lodi (31 marzo 2015) 5. OBIETTIVI RAGGIUNTI a) Obiettivi educativi: Crescita della persona nel rispetto degli altri attraverso: sviluppo della responsabilità individuale e dell autonomia decisionale capacità di autovalutazione capacità di ascoltare le opinioni altrui e di rispettarle correttezza e trasparenza delle proprie azioni continua e positiva interazione con gli insegnanti miglioramento dei rapporti tra compagni improntati alla collaborazione, alla crescita culturale e all attenzione reciproca b) Obiettivi didattici: progressivo perfezionamento del metodo di lavoro potenziamento ed approfondimento delle capacità di analisi e sintesi apacità di passare dal generale al particolare e viceversa apacità di riflessione sulla realtà (obiettivo raggiunto in misura diversa tra gli studenti) apacità di adattare l espressione a contesto ed argomento (obiettivo raggiunto in misura diversa tra gli studenti) apacità argomentative (obiettivo raggiunto in misura diversa tra gli studenti) 4

5 6. VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Voto in decimi CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE 1 Mancato svolgimento della prova Nulle Nulle Nulle 2/3 Gravi lacune nel perseguimento di tutti gli obiettivi Scarse e del tutto inadeguate Non applica le conoscenze neanche in compiti semplici. Commette errori molto gravi. Si esprime con grave difficoltà. Non effettua alcuna procedura di analisi né sintetizza contenuti. 4 Obiettivi in buona parte non raggiunti Frammentarie e disorganiche Ha difficoltà nell applicare le conoscenze e commette errori gravi nell esecuzione. Si esprime spesso in modo confuso e impreciso. Stenta ad applicare processi di analisi e sintesi, anche se sollecitato e guidato. Formula valutazioni generiche e/o superficiali 5 Obiettivi in parte raggiunti Superficiali e non del tutto complete Commette errori non sempre gravi nell esecuzione di compiti piuttosto semplici. Si esprime in modo tendenzialmente corretto ma piuttosto povero. Applica processi di analisi e sintesi in maniera parziale. Sollecitato e guidato formula valutazioni che non sempre riesce a motivare 6 Obiettivi minimi essenzialmente raggiunti Essenziali ma non approfondite. Applica le conoscenze acquisite ed esegue compiti semplici senza fare errori sostanziali. Si esprime in modo corretto sia pure con un vocabolario semplice. Applica processi di analisi e sintesi in compiti semplici. Sollecitato e guidato formula valutazioni che riesce a motivare 7 Obiettivi raggiunti ampiamente sia pure con qualche incertezza Quasi sempre complete e tendenzialmente approfondite Applica i contenuti e le procedure acquisite, in compiti non troppo complessi. Si esprime in modo corretto e talora articolato, cercando di usare un lessico appropriato. Applica processi di analisi e sintesi in modo per lo più corretto, ma con qualche incertezza. Effettua qualche valutazione autonoma 8 Obiettivi totalmente e pienamente raggiunti Complete ed approfondite Esegue compiti complessi e sa riutilizzare contenuti e procedure con imprecisioni minime. Si esprime sempre in modo corretto, articolato ed appropriato ed usando il lessico specifico Applica processi di analisi e sintesi in modo consapevole e sempre motivato, anche con atteggiamento critico 9 Obiettivi perseguiti completamente ed in maniera approfondita e sicura Complete, approfondite e ben organizzate Esegue compiti complessi e sa applicare conoscenze e procedure opportunamente, in contesti nuovi. Si esprime in modo appropriato, articolato, fluido, usando il lessico specifico Applica processi di analisi e sintesi complete in compiti complessi e per lo più con prospettiva critica e personale 10 Obiettivi perseguiti in maniera eccellente anche con arricchimenti personali Complete, organizzate approfondite, ampliate e personalizzate Esegue compiti complessi, applica le conoscenze anche in nuovi contesti in modo impeccabile. Si esprime in modo corretto, articolato e fluido, usando sempre un linguaggio specifico e consapevolmente selezionato Rielabora autonomamente e completamente le conoscenze e le procedure che gestisce a valuta sempre in modo personale e critico 5

6 7. ATTIVITÁ CLIL In ottemperanza alla nota Miur n del 25 luglio 2014 il Consiglio di classe, pur tenendo conto delle oggettive difficoltà relative alla mancanza delle competenze richieste per l attuazione di questa nuova metodologia, ha programmato alcune attività in lingua straniera all interno dell insegnamento di scienze. Si veda in merito il programma della docente. 8. CONSUNTIVO ATTIVITA DISCIPLINARI MATERIA: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA PROF. MARICONTI IVANO LIBRO DI TESTO ADOTTATO: MARINONI, CASSINOTTI, La domanda dell uomo, vol. unico, Marietti OBIETTIVI REALIZZATI: a) Elaborazione di una capacità di confronto critico degli alunni con se stessi, con la realtà ed i problemi di oggi, risvegliando al senso critico anche nei confronti delle problematiche religiose. b) Saper utilizzare, con sufficiente sicurezza, il percorso biblico-teologico-storico sviluppato negli anni precedenti, applicandolo sia a temi di morale sociale e personale, sia ad argomenti di particolare rilievo del dibattito culturale contemporaneo. CONTENUTI: - La Chiesa del XXI secolo: crisi e rinascita. L elezione di Bergoglio - La Chiesa durante i conflitti del 900 e i totalitarismi - Benedetto XV e l inutile strage. - Pio XI: lo scontro con i totalitarismi e le leggi razziali. - Siamo spiritualmente semiti : la condanna dell antigiudaismo ed il rapporto con la religione ebraica. - Pio XII: i dilemmi e i silenzi. La Chiesa Cattolica e la deportazione ebraica durante il conflitto La Resistenza dei cristiani cattolici e protestanti al Nazionalsocialismo tedesco. - Giovanni XXIII: una papa di transizione e la Chiesa del Concilio Vaticano II - Chiesa e mafia: la condanna dell illegalità diffusa - Il futuro delle religioni: globalizzazione e fenomeno religioso. Lettura d commento dell articolo di Marco Ventura Diventeremo tutti un po più monoteisti Corriere della sera, Domenica 19 aprile 2015 Inserto La lettura - Il dialogo interreligioso: incontro con padre Giuseppe, monaco ortodosso del monastero di Decani METODI DI INSEGNAMENTO Lezioni frontali, discussione guidata, lavoro di gruppo con produzione di schemi di sintesi, incontri Visione dei documentari prodotti da: - La grande storia: Bergoglio: dall altra parte del mondo - Paolo Mieli : La grande guerra L Italia dalla neutralità all intervento n. 4 - Pio XI : il papa che vide il futuro Istituto Luce. Regia di Emanuela Rizzotto - Pio XII: papa del XX secolo. Cinecittà Luce - La grande storia: La croce e la svastica - La grande storia: La Chiesa del XXI secolo - La mattanza di Carlo Lucarelli Incontro con Paolo Borsellino (Centro BPL Lodi) Incontro con padre Giuseppe Monaco ortodosso del monastero di Decani 6

7 L Associazione, organizzazione non lucrativa di utilità sociale, in breve denominabile anche come "associazione Onlus", Amici del Monastero di Decani, non ha scopo di lucro, è di natura apolitica, non confessionale e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, nel campo della promozione della cultura. La propria attività consiste nel sostegno, divulgazione e promozione delle attività umanitarie e culturali del Monastero di Visoki Decani - Kosovo, patrimonio dell umanità dell Unesco. L Associazione prevede di svolgere attività di produzione, elaborazione, divulgazione e diffusione di prodotti a stampa, elettronici, fotografici, sonori, relativi alla maggiore conoscenza del Monastero di Visoki Decani. L Associazione prevede di svolgere attività di partecipazione a qualsiasi forma di incentivazione relativa alla valorizzazione, conservazione, restauro e sviluppo dei beni culturali ed architettonici del sito del Monastero di Visoki Decani, attraverso il reperimento e la formazione di unità operative altamente specializzate. L Associazione si prefigge la divulgazione dell eccellente lavoro svolto in Kosovo dalle Forze Armate italiane, impegnate in una missione di pace pluridecennale, ne promuove l attività e l importanza come presidio e tutela di un bene identitario per la coscienza europea. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO: Testo, audiovisivi, sussidi informatici, incontri MATERIA: LETTERE ITALIANE DOCENTE: PROF.SSA ALESSANDRA FERRARI LIBRO DI TESTO ADOTTATO: R.ANTONELLI - M.S. SAPEGNO, Il senso e le forme, La Nuova Italia, voll.3, 4, 5 OBIETTIVI REALIZZATI Tutti gli alunni conoscono gli autori, i testi, i lineamenti di storia letteraria oggetto del programma svolto nel corso del corrente anno scolastico. Gli studenti sanno condurre l analisi letteraria di un testo dato: alcuni sono in grado di farlo in modo analitico, di riportare il testo al suo contesto culturale e di approfondirne il significato tramite le proprie conoscenze di studio all interno della storia del genere, dell opera dell autore o di altri autori; la maggior parte della classe analizza il testo in modo solo sintetico, seppur corretto, lo inquadra nel contesto culturale, riesce ad approfondirne il significato su sollecitazione e sotto la guida dell insegnante. Una buona parte della classe ha progressivamente incrementato nel corso dell anno la propria capacità di focalizzare le richieste poste nelle verifiche scritte e nelle interrogazioni orali, e di rispondere in modo appropriato e coerente, rielaborando i concetti di studio ed esprimendosi con un linguaggio adeguato, nonché specifico della disciplina. Altri alunni invece mostrano ancora difficoltà nel cogliere le richieste e tendono a rispondere in modo espositivo senza distinguere le informazioni principali da quelle secondarie ai fini della risposta; gli stessi, per lo più, evidenziano anche difficoltà ad esprimersi in modo coeso e coerente. Se tutti gli studenti sanno organizzare un saggio breve a partire dai materiali offerti dal dossier, solo pochi sono in grado di sostenere in modo adeguato un argomentazione; allo stesso modo l'analisi e soprattutto l'interpretazione autonoma di un testo non conosciuto risultano incerte e frammentarie. In generale la produzione scritta evidenzia nella classe diffuse debolezze. CONTENUTI AUTORI E ARGOMENTI UGO FOSCOLO CONTENUTI SPECIFICI Vita e personalità L età napoleonica: Neoclassicismo e Preromanticismo Ultime lettere di Jacopo Ortis Poesie TESTI LETTI E ANALIZZATI Ultime lettere di Jacopo Ortis: - incipit del romanzo - la rivelazione dell amore - la lettera da Ventimiglia Alla sera 7

8 IL ROMANTICISMO ITALIANO GIACOMO LEOPARDI ALESSANDRO MANZONI IL NATURALISMO E IL VERISMO GIOVANNI VERGA 8 Dei Sepolcri Le Grazie Notizia intorno a Didimo Chierico Caratteri generali del Romanticismo europeo e italiano La polemica classico-romantica Le riviste: Il Conciliatore La questione della lingua Caratteri e diffusione del genere romanzesco in Europa; il romanzo storico. Vita e personalità Il pensiero Zibaldone di pensieri La poetica del vago e indefinito Rapporti con il Romanticismo I Canti Le Operette Morali e l'arido vero Vita e personalità La concezione della storia e della letteratura dopo la conversione Inni sacri (cenni) La lirica patriottica e civile La novità della tragedia manzoniana Il conte di Carmagnola (cenni) Il Fermo e Lucia e I promessi sposi Il movimento del Realismo in Europa Il Naturalismo francese ed Emile Zola Caratteri del Verismo italiano Vita e personalità La formazione e la fase preverista L'approdo al Verismo. Poetica e tecnica narrativa del Verga verista L'ideologia verghiana: lotta per la vita e darwinismo sociale Vita dei campi Il ciclo dei Vinti I Malavoglia In morte del fratello Giovanni A Zacinto Dei sepolcri (analisi integrale) M.me de Stael, Sulla maniera e l utilità delle traduzioni Giovanni Berchet, Lettera semiseria di Grisostomo al suo figliolo Canti: L infinito Alla luna A Silvia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Canto notturno di un pastore errante dell Asia Il passero solitario A sé stesso La ginestra Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di un folletto e di uno gnomo (fot.) Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere Dialogo di Malambruno e Farfarello Odi civili: Il cinque maggio Gli scritti di poetica: Lettera a Monsieur Chauvet Sul Romanticismo Adelchi: coro dell'atto III coro dell atto IV Prefazione di E. Zola a Il romanzo sperimentale Prefazione di E. e J. De Goncourt a Le due vite di Germinie Lacerteux Gli scritti di poetica: prefazione a L amante di Gramigna introduzione ai Malavoglia Vita dei campi: Rosso Malpelo La lupa Cavalleria rusticana I Malavoglia (lettura integrale)

9 DECADENTISMO E SIMBOLISMO GIOVANNI PASCOLI GABRIELE D ANNUNZIO LA STAGIONE DELLE AVANGUARDIE 9 Novelle rusticane Mastro-don Gesualdo Caratteri generali La poetica Temi e miti della letteratura decadente La poesia simbolista L estetismo Vita e personalità La visione del mondo La poetica del fanciullino L'ideologia politica I temi della poesia pascoliana Le soluzioni formali Le raccolte poetiche Vita e personalità L estetismo e la sua crisi Il piacere La fase della bontà I romanzi del superuomo Il teatro (cenni) Le Laudi Il periodo notturno Caratteri generali I Crepuscolari I Futuristi Novelle rusticane: La roba Libertà Mastro-don Gesualdo: la morte di Gesualdo Charles Baudelaire, Corrispondenze Charles Baudelaire, L albatro Charles Baudelaire, Spleen (fot.) Charles Baudelaire, Perdita d'aureola Paul Verlaine, Ars poetica Paul Verlaine, Languore Arthur Rimbaud, Vocali Arthur Rimbaud, Lettera del veggente Il fanciullino Myricae: Lavandare (fot.) Novembre (fot.) L assiuolo Temporale (fot.) Il lampo (fot.) Il tuono (fot.) X agosto Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Nebbia La mia sera Poemetti: Italy Canto novo: O falce di luna calante (fot.) Il piacere: il ritratto di Andrea Sperelli Laudi: La sera fiesolana La pioggia nel pineto Stabat nuda Aestas (fot.) Notturno: Il cadavere di Miraglia Sergio Corazzini, Desolazione del povero poeta sentimentale Guido Gozzano, La signorina Felicita ovvero la felicità Marino Moretti, A Cesena Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto del futurismo Manifesto tecnico della letteratura futurista

10 LUIGI PIRANDELLO ITALO SVEVO* GIUSEPPE UNGARETTI* UMBERTO SABA* EUGENIO MONTALE* 10 Vita e personalità La visione del mondo: il vitalismo, la trappola della vita sociale, il relativismo conoscitivo La poetica dell'umorismo Le Novelle per un anno L'esclusa Il fu Mattia Pascal I quaderni di Serafino Gubbio operatore Uno, nessuno e centomila Gli esordi teatrali e il teatro del grottesco Il teatro nel teatro Vita e personalità La cultura Una vita Senilità La coscienza di Zeno Vita e personalità L'allegria Sentimento del tempo Il dolore Vita e personalità La linea antinovecentista: concezione della poesia e scelte formali Il Canzoniere Vita e personalità Ossi di seppia Filippo Tommaso Marinetti, Zang Tumb Tumb Aldo Palazzeschi, Chi sono? Novelle per un anno: Il treno ha fischiato La signora Frola e il signor Ponza suo genero (fot.) Il fu Mattia Pascal (lettura integrale) I quaderni di Serafino Gubbio operatore (lettura integrale) Uno nessuno e centomila: dal libro I, cap.i, Mia moglie e il mio naso dal libro VIII, cap.iv, Non conclude Il teatro: Sei personaggi in cerca di autore: atto I (dvd, regia G.De Lullo, 1970) Enrico IV (dvd,regia C.Fino, 1978) Lettera sulla psicoanalisi a Valerio Jahier (fot.) Una vita: dal cap.viii, le ali del gabbiano Senilità: dal cap.i, la prima pagina del romanzo La coscienza di Zeno (lettura integrale) L allegria: In memoria Il porto sepolto I fiumi San Martino del Carso Veglia Fratelli Mattina Soldati Natale Commiato (fot.) Il dolore: Non gridate più Canzoniere: Mio padre è stato per me l assassino A mia moglie Città vecchia Trieste Amai La capra Ossi di seppia: I limoni

11 Le occasioni La bufera e altro Satura Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola nel pozzo Forse un mattino andando in un aria di vetro Occasioni: La casa dei doganieri Non recidere, forbice quel volto Ti libero la fronte dai ghiaccioli La bufera e altro: La bufera A Liuba che parte (fot.) ALCUNI SVILUPPI DELLA NARRATIVA NOVECENTESCA Satura: Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale Piove Letture integrali: Italo Calvino, Il sentiero dei nidi di ragno C.Pavese, La casa in collina C.Pavese, La luna e i falò G.Tomasi di Lampedusa, Il gattopardo D.Buzzati, Il deserto dei Tartari Si precisa che lo studio della Divina Commedia è stato completato nel corso del quarto anno. [gli argomenti indicati con * saranno svolti tra il 15 maggio e la fine dell anno scolastico i testi indicati con (fot.) sono stati forniti agli alunni in fotocopia] METODI DI INSEGNAMENTO Lezione frontale partecipata, esercitazioni di analisi del testo, correzione e discussione di elaborati scritti. La spiegazione di ogni autore o corrente letteraria è stata svolta tramite un inquadramento storico (contesto, cenni biografici, ambiti di produzione, pubblico destinatario) e la presentazione di contenuti, tematiche, ideologia e poetica, caratteristiche stilistiche sia in forma di sintesi sia attraverso la lettura di testi significativi. VALUTAZIONE La griglia di correzione della prova scritta di italiano e la griglia di valutazione dei test scritti sono allegate ai singoli elaborati conservati in vicepresidenza. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO Libri di testo, fotocopie, edizioni integrali delle opere, slide di sintesi. TEMPI I quadrimestre: da Foscolo a Manzoni II quadrimestre: da Verga a Pirandello; entro la fine dell anno dovrebbero essere svolti gli argomenti mancanti. MATERIA: LETTERE LATINE PROF.SSA LILIA MUSSI 11

12 LIBRO DI TESTO ADOTTATO CITTI, CASALI, GUBELLINI, PASETTI, PENNESI, Candidi soles vol.2 Zanichelli OBIETTIVI REALIZZATI Lo studio della lingua latina e l acquisizione di abilità traduttive si è rivelato piuttosto ostico e faticoso nella classe. Pertanto si è preferito, nel corso dell ultimo anno, affrontare i testi dei singoli autori prevalentemente in traduzione italiana, proponendo in lingua originale la lettura di Orazio e in parte di Seneca e Tacito in quanto autori emblematici di un determinato periodo. Si è cercato tuttavia di non trascurare l analisi del lessico latino sottolineando anche in alcuni testi le parole chiave funzionali a una comprensione del contenuto e/o dello stile. Si è quindi complessivamente privilegiato un approccio storico-letterario cercando di sviluppare capacità di collegamento intertestuali e fra generi letterari. L'alunno: -sa riconoscere le tipologie testuali, le strutture retoriche di più largo uso -sa tradurre semplici testi latini, riconoscendone le principali strutture morfologiche, sintattiche e lessicali -sa dare ai testi una collocazione storica e sa cogliere alcuni legami essenziali con la cultura e la letteratura coeva -sa confrontare il mondo latino con la cultura moderna, individuando gli apporti di pensiero e di linguaggio alla formazione della cultura europea. CONTENUTI Orazio Giambi ed Epodi - Un trionfo che tarda ad arrivare 9 pag.510 Le Satire - I, 9; fotocopia* Le Odi - Programma di vita I,1 pag Di stagione in stagione I,9 pag L oggi, non il domani I,11 pag Il vino della vittoria I,37 pag Acqua chiara III,13 pag Monumento per sempre III,30 pag Ehu fugaces II,14 fotocopia Seneca Epistole - La schiavitù,47,1-21 pag.710 * - L uso del tempo,i,1-3 pag.707 De brevitate vitae - La vita non è breve I,1-4 pag Vita e tempus II,1-3; pag Il tempo è più del denaro VIII,1-4 pag Lo spreco del tempo XVI,1-5 pag.697 * - Il tempo per sé XVIII,1-6 pag.698 * Petronio Satyricon - Un discorso in diretta, 1-2 pag.758 * - Entra in scena Trimalchione, 32-33; pag. 759 * - La cena di Trimalchione, 41,9; pag. 760 * - La matrona di Efeso, ; pag 765 * Lucano Bellum civile - Proemio I, vv. 1-66; pag * Persio Le satire 12

13 - Coliambi; pag.735* Marziale Epigrammi - Denti veri e denti finti, V, 43 * - Fabulla e le sue amiche, VIII, 79 * - La vedova nera, IX, 15 * - La moglie ricca, VIII, 12 * - Capelli dipinti, VI, 57 * - L affarista, VIII, 10 * - Da chirurgo a becchino, I, 30 * - La visita del primario, V, 9 * - Saggi in modo diverso, IX, 10 * - A chi non mantiene le promesse, XII, 12 * Giovenale Le Satire - Impudenza giovanile, II,6,vv , pag * Quintiliano L Institutio oratoria - A casa o a scuola, I,2,1-3, pag 785* - Educare giocando, I,3, 8-14, pag 787* Tacito L Agricola - E finito l incubo della tirannia, 3; fotocopia* - Il fiero discorso di Càlgaco, capo dei Calèdoni, 30-32; fotocopia* Gli Annales - Bilancio su Tiberio, VI, 50-51, pag * - A Seneca giungono le richieste di Nerone, XV, 60, pag Il suicidio di Seneca, XV, 61-63, pag Petronio, il dandy, XV, 18-19, pag 867 Apuleio Le Metamorfosi - La favola di Amore e Psyche, (V,21-23; IV,28-31,VI,19-25)* fotocopia * Testi studiati in traduzione italiana MATERIA: LINGUA E CIVILTA INGLESE PROF.SSA CAMIA ELENA LIBRO DI TESTO ADOTTATO: MARINA SPIAZZI MARINA TAVELLA, ONLY CONNECT..NEW DIRECTIONS EDIZIONE BLU VOL. 2, LINGUE ZANICHELLI OBIETTIVI REALIZZATI: I principali obiettivi, raggiunti dalla quasi totalità della classe, sono stati l acquisizione del metodo di studio e della padronanza dello strumento linguistico. Le conoscenze degli alunni riguardano le principali correnti storico-sociali e letterarie del mondo anglosassone dalla seconda metà del Settecento fino all età moderna e il rapporto degli autori con il loro tempo, con particolare attenzione all unità della cultura europea nei diversi periodi. Gli alunni, con differenti livelli di competenza, sanno comprendere e produrre messaggi sia orali che scritti in relazione agli indicatori europei del Quadro di Riferimento Comune Europeo ( B1/B2 ). METODI DI INSEGNAMENTO L'attività didattica si è svolta prevalentemente in lingua inglese. Oltre alla lezione frontale, agli studenti è stata richiesta la partecipazione attiva nell analisi e confronto dei testi. La trattazione dei vari argomenti è partita sempre da questi ultimi per poi prendere in esame il rapporto esistente tra gli autori e il loro tempo, individuando dati oggettivi su cui motivare una critica e fare collegamenti e raffronti tra i vari periodi e le 13

14 varie produzioni letterarie. Anche le verifiche orali sono state generalmente condotte partendo dai testi, per poi ampliare il discorso e parlare dell autore in esame, operando collegamenti e riflessioni. Seguendo le indicazioni ministeriali relative ai nuovi esami di Stato, si è privilegiata la lettura di opere letterarie moderne e contemporanee e si sono utilizzati canali di comunicazione alternativi quali film, musica e articoli di giornale. CONTENUTI: The Romantic Age: Historical, social and literary background Romantic poetry A wind of change W.WORDSWORTH Poetry, imagination and memory S.T.COLERIDGE Suspension of disbelief J. KEATS Dream and reality Beauty and art Daffodils Composed Upon Westminster Bridge( extract) Tintern Abbey (extract) Preface to the Lyrical Ballads (extract) The Rime of the Ancient Mariner (extracts) Ode on a Grecian Urn The Victorian Age: Historical, social and literary background Victorian poetry Dramatic monologue R.BROWNING A.TENNYSON My last Duchess Ulysses E. DICKINSON Hope is the thing There s a certain slant slant of light As if the sea should part Victorian novel C. DICKENS Oliver Twist( extract) The social novel Hard Times (extract) Education in Britain N. HAWTHORNE The scarlet letter ( extract) O.WILDE The cult of beauty Drama The picture of Dorian Gray (extracts) The importance of being Earnest (extract) The modern Age:Historical, social and literary background Modernism: the interior monologue and the stream of consciousness technique JAMES JOYCE Epiphany Ulysses( extracts) Dubliners ( Eveline) 14

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli