Documento del 15 maggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio"

Transcript

1 Documento del 15 maggio a.s. 2012/2013 Classe 5 a sez. D Liceo Linguistico

2 Indice PAG 3 Documento del Consiglio di Classe PROGRAMMI 24 Religione 23 Tedesco 22 Educazione Motoria 9 Inglese 14 Latino 25 Filosofia 17 Matematica 16 Storia 15 Italiano 19 Francese RELAZIONI 40 Filosofia 31 Matematica 34 Tedesco 27 Italiano 27 Storia 29 Francese 39 Inglese 38 Latino 35 Religione 33 Educazione Motoria 2

3 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe: 5^ D linguistico Anno Scolastico Coordinatore di classe: Alessandra Russo 1) PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE: ( storia della classe ) La classe è composta da venti studenti (tre maschi e diciassette femmine tutti provenienti dalla 4^ DL ad eccezione di una allieva, proveniente dalla classe 4^CL di questo stesso istituto). Nel corso del triennio quasi tutti gli studenti hanno dimostrato un costante impegno individuale volto al miglioramento delle loro competenze, anche quando la base di partenza evidenziava rilevanti carenze nell uso efficace dei propri strumenti conoscitivi. Alcuni di loro hanno saputo mettere a frutto le indicazioni fornite dai docenti e volte al recupero e/o al potenziamento delle loro capacità e hanno dimostrato costanza e impegno nel lavoro individuale e nelle attività in classe. Questo dato ha consentito di stabilire un buon clima di lavoro e di favorire relazioni interpersonali costruttive. In alcuni casi, tuttavia, i risultati del percorso sono stati meno visibili, spesso condizionati dalla difficoltà di mantenere costante l applicazione nello studio. Nel complesso il gruppo classe ha sempre risposto positivamente alle iniziative didattiche anche integrative, assumendo atteggiamenti collaborativi e comportamenti corretti. Durante il triennio hanno partecipato a due soggiorni linguistici (Vienna e Cannes) 2) CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO: la classe ha beneficiato della continuità didattica di tutti i docenti ad eccezione, nell ultimo anno, dell insegnante di tedesco e di conversazione in tedesco. 3) PROFILO FINALE DELLA CLASSE : La classe appare, nella sua globalità, interessata e partecipe. Ha dimostrato di saper condividere le proposte didattiche e di saper destinare tempo e impegno personale nei confronti di iniziative culturali proposte dalla scuola e dal contesto esterno. Danno prova di un buon livello di integrazione nel gruppo classe e sanno collaborare in modo efficace, anche per superare insieme le difficoltà nello studio. Nel complesso la classe dimostra di aver raggiunto un livello di profitto mediamente discreto, in alcuni casi si rileva un esito molto buono della preparazione complessiva e dell elaborazione autonoma delle conoscenze. Un gruppo ristretto di allievi, pur avendo recuperato alcune difficoltà diffuse nel metodo di studio, consegue un livello di preparazione complessivo meno soddisfacente, in cui si evidenziano alcune difficoltà nel sapersi muovere con piena autonomia nell esposizione scritta e orale degli argomenti di studio. 4) COMPRESENZA: A.S Discipline: Inglese - Educazione fisica A.S Discipline: Inglese - Latino A.S Discipline: Italiano e Francese Titolo: Percorsi di letteratura comparata 5) OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI E TRASVERSALI: il consiglio di classe ha ipotizzato di promuovere le seguenti competenze trasversali: 1. Competenze per l apprendimento: gli studenti assumono un atteggiamento attivo nei confronti dell apprendimento che si evidenzia in riferimento ai seguenti parametri: aver imparato ad apprezzare l apprendere come via per conoscere se stessi aver imparato a potenziare il proprio apprendimento per raggiungere degli standard più alti nelle discipline aver acquisito una certa padronanza dei linguaggi specifici delle varie discipline e saperli adattare in 3

4 relazione ai diversi contesti. Esiti del percorso educativo: alcuni allievi hanno raggiunto livelli elevati di competenza, espressione di un lavoro costante di potenziamento conseguito anche attraverso un impegno nello studio individuale, un gruppo ristretto si attesta su livelli più che sufficienti e un altro gruppo raggiunge a fatica esiti di piena sufficienza. 2. competenze per la cittadinanza : gli studenti dimostrano di aver compreso il funzionamento della società e di riconoscere l importanza di un attiva cittadinanza come espressione di un comportamento personale che si ispiri a valori condivisi ed al riconoscimento della diversità delle culture Indicatori: dimostrare di conoscere ed applicare in forma semplice correttamente concetti chiave della società, della politica e delle istituzioni. comprendere le principali tematiche dell attualità e saper argomentare in modo chiaro. capire e rispettare le diversità culturali e sociali sia nel contesto locale sia in quello globale. Esiti del percorso educativo: la trattazione di argomenti e problemi legati alla cittadinanza attiva ha costituito un occasione utile al superamento di atteggiamenti superficiali nei confronti dei temi in questione. È stato proposto lo studio e l approfondimento dei temi di attualità (in particolare la lettura di articoli di giornale e la trattazione di tematiche specifiche, soprattutto durante le ore di conversazione in lingua). In classe è stata effettuata la lettura guidata di alcuni articoli della Costituzione italiana. In inglese gli studenti hanno lavorato a gruppi e presentato i risultati delle loro ricerche sulla condizione della donna in varie parti del mondo, facendo riferimento a dati ufficiali e sfatando stereotipi relativi alla situazione femminile. 3. competenze per gestire le relazioni: gli allievi dimostrano di sapersi relazionare con le persone in contesti variabili e di saper gestire relazioni personali ed emotive Indicatori: Capire come relazionarsi ad altre persone in contesti variabili (scolastico, informale). Comunicare efficacemente con gli altri nei vari contesti sociali adeguando e controllando gli elementi fondamentali della comunicazione. Esiti del percorso educativo: nel complesso gli allievi hanno dimostrato di saper adottare comportamenti corretti soprattutto durante il viaggio di istruzione e in tutte le altre occasioni in cui hanno partecipato ad attività integrative (visite d istruzione, conferenza su Caterina Percoto e partecipazione attiva al FAI. Partecipazione agli incontri di Scuola aperta. 4. competenze per gestire le situazioni: gli studenti dimostrano di saper organizzare il proprio lavoro in modo efficace Indicatori: Saper riconoscere le proprie competenze e risorse personali, la qualità dei propri stili comportamentali e dei propri processi di pensiero. Diagnosticare situazioni e problemi Capire l importanza di valorizzare il successo e gestire le delusioni, e i modi per farlo Pianificare strategie di azione per fronteggiare situazioni e risolvere problemi di diversa natura: relazionali, organizzativi. Esiti del percorso educativo: alcuni allievi hanno raggiunto un livello elevato di autonomia, nel complesso la maggior parte di loro dimostra di saper gestire correttamente le situazioni 5. competenze per la gestione delle informazioni: gli studenti dimostrano di saper organizzare le proprie conoscenze in modo preciso ed efficace. Indicatori: aver sviluppato una gamma di strategie per accedere, valutare e differenziare le informazioni avere appreso come analizzarle, sintetizzarle e applicarle. Esiti del percorso educativo: molto buono il livello raggiunto da un gruppo di allievi, discreto nel complesso ma ancora poco efficace in alcuni limitati casi. 4

5 LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO: mediamente discreto 4 - CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE: la valutazione dei risultati del processo formativo ha tenuto conto dell andamento complessivo del percorso di apprendimento che, partendo dalla situazione di partenza di ogni singolo allievo e dei differenti stili cognitivi, ne abbia rilevato i progressi e ne abbia registrato gli esiti nell arco dell intero anno scolastico. La progettazione dei percorsi ha previsto tipologie diversificate di verifiche, sia formative che sommative, allo scopo di valutare l andamento del processo di apprendimento sia in itinere che alla conclusione dell intero itinerario didattico. La valutazione del primo periodo è stata formulata su un numero di almeno 2 verifiche scritte (per le discipline che richiedono la valutazione degli scritti) e 2 orali (colloqui e test semistrutturati) e di fine quadrimestre su un numero di almeno 3 verifiche scritte (per le discipline che richiedono la valutazione degli scritti) e 2 orali (colloqui e test semistrutturati) 5 - EVENTUALI ATTIVITA DI RECUPERO - SOSTEGNO - APPROFONDIMENTO PLURIDISCIPLINARE: Le attività di recupero sono state realizzate in itinere. Durante le ore curricolari di Materie letterarie sono state effettuate attività di recupero/potenziamento sul metodo di studio e sulla produzione degli scritti (saggio breve e articolo del giornale). Per facilitare lo studio della storia sono state proposte visioni di documentari ( Storia d Italia di G. Minoli) relativi a eventi e problemi della storia contemporanea. L emigrazione italiana Il fascismo La seconda guerra mondiale La Liberazione di Udine (E. Folisi) 8) ATTIVITÀ EXTRA PARA - INTERCURRICOLARI EFFETTIVAMENTE SVOLTE : Visita al Museo della Grande guerra di Gorizia Viaggio di istruzione a Praga Attività di potenziamento in orario extracurricolare: Gli anni spezzati (Gallipoli) di Peter Weir (1981) La masseria delle allodole dei fratelli Taviani (2007) Il giardino dei Finzi Contini V. De Sica (1971) I piccoli maestri di D. Lucchetti (1998) Visione di film in lingua francese: Madame Bovary, Cabaret del teatro francese di Roma, Eclisse totale (Rimbaud e Verlaine) Visione di film in lingua inglese : Sense and Sensibility; Jane Eyre; Mrs Dalloway. 9) ADESIONE DELLA CLASSE ALLE INIZIATIVE DELLA SCUOLA : Progetto Cittadinanza e Costituzione Attività di orientamento Alcuni allievi hanno partecipato alle seguenti iniziative: Scuola aperta Corso di preparazione al DELF B2 (un gruppo di tre) Torneo internazionale sportivo. 10 ) METODOLOGIE DIDATTICHE ATTUATE E STRUMENTI: Il consiglio di classe ha condiviso un impianto metodologico comune di insegnamento che ha privilegiato la lezione dialogata e la problematizzazione degli argomenti di studio, al fine di promuovere la capacità argomentativa degli allievi, che prevede un costante riferimento alle prove documentali delle ipotesi interpretative. Attraverso le attività in compresenza si sono sempre favoriti i collegamenti interdisciplinari. Il Consiglio di classe, ha individuato alcune linee metodologiche comuni quali il potenziamento delle conoscenze teoriche insieme all attivazione di abilità operative misurabili. MODALITÀ DI VERIFICA DELL APPRENDIMENTO I docenti, in accordo con il contratto formativo, hanno condiviso l esigenza di valutare come elemento 5

6 importante nell acquisizione delle conoscenze degli allievi, il loro perdurare nel tempo come espressione di un apprendimento non mnemonico. Il risultato del processo di apprendimento si è fondato su un numero definito di prove (scritte e orali) in cui è stata sempre prevista la spiegazione dei risultati, sono state fornite indicazioni per la correzione e l autocorrezione degli errori e sono state utilizzate griglie di valutazione utili anche a comprendere l articolazione del singolo voto. Per monitorare le conoscenze, le abilità e le competenze acquisite dagli allievi durante l anno scolastico sono stati utilizzati tutti gli strumenti utili quali test a risposta multipla, vero o falso, a completamento, nonché colloqui, relazioni e verifiche scritte prove pratiche. L esito delle verifiche è stato notificato e motivato sistematicamente agli allievi. 12) SIMULAZIONE DI TERZA PROVA - valutazione in 15/15 : Sono state effettuate due simulazioni della terza prova d esame, rispettivamente in data 18 gennaio 2013 e in data 20 aprile Prima simulazione Tipologia A(Trattazione sintetica di argomenti) (tempo concesso 3 ore) Allieve della classe n. 20, Presenti:n.20. Discipline coinvolte: Francese(voto medio: 11.7), Matematica(voto medio: 10.9) Inglese (voto medio: 11.5), Storia (voto medio 11). La valutazione complessiva per allievo ha prodotto il seguente risultato: o valutazione complessivamente sufficiente (19/20) o voto più basso attribuito; 9.25/15 o voto più alto attribuito 13,25/15 o punteggio medio di 11,27/15 2. Seconda simulazione Tipologia B(Domande a risposta singola). (tempo concesso 3 ore) Allieve della classe n.20, presenti n. 20 o Discipline coinvolte: Tedesco (voto medio 10.7) Educazione fisica (voto medio: 12.8) Latino (voto medio: 10.7), Filosofia (voto medio: 10.3). La valutazione complessiva per allievo ha prodotto il seguente risultato: o valutazione complessivamente sufficiente (15/20) o voto più basso attribuito; 8, 75/15 o voto più alto attribuito 12,85/15 o punteggio medio di 11,12 13) INDICATORI CORREZIONE PRIMA PROVA: Scheda di correzione e valutazione: ITALIANO TIPOLOGIA A analisi del testo INDICATORI Aspetti del Comprensione complessiva MIN 0-1 MED 2 MAX 3 contenuto Analisi Elaborazione critica, riflessioni, approfondimenti Aspetti formali Morfosintassi e lessico Totale TIPOLOGIA B saggio breve articolo INDICATORI Rispetto Destinatario, registro, misura, MIN 0-1 MED 2 MAX 3 dei vincoli comunicativi titoli 6

7 Competenze linguistiche Uso delle fonti Conoscenza Capacità elaborat., logicocritiche e creative Totale Correttezza morfosintattìca e proprietà Corretta comprensione ed utilizzazione Correttezza e pertinenza dei contenuti Sviluppo e coerenza argomentazioni ed elaborazione personale TIPOLOGIA C - D tema di ordine generale INDICATORI MIN MED MAX Competenze Punteggiatura, ortografia, linguistiche morfosintassi Proprietà lessicali Conoscenze Correttezza e pertinenza dei contenuti Capacità Sviluppo e coerenza elaborative, logicocritiche e creative argomentazioni Elaborazione personale Totale 14) INDICATORI CORREZIONE SECONDA PROVA: DESCRITTORI INDICATORI PUNTEGGIO CONOSCENZA E PERTINENZA DEGLI ARGOMENTI (max punti 5) COMPETENZA LINGUISTICA E LINGUAGGIO SPECIFICO (max punti 4) Completa e approfondita Corretta e adeguata Essenziale ma non approfondita Frammentaria e lacunosa Scarsa e confusa Linguaggio corretto, fluido e creativo Linguaggio appropriato, abbastanza corretto Linguaggio non sempre chiaro e appropriato, ma talvolta generico e con qualche inesattezza Linguaggio confuso e scorretto

8 CAPACITÀ DI ANALISI E SINTESI (max punti 3) Sa effettuare analisi e sintesi corrette e autonome Sa effettuare analisi e sintesi, anche se talvolta parziali e imprecise Non sa effettuare analisi e sintesi corrette RIELABORAZIONE DATI E INFORMAZIONI (max punti 3) OSSERVAZIONI: Elaborazione coerente ed organica Sviluppo logico con collegamenti semplici I contenuti specifici sono organizzati con difficoltà TOT /15 15) INDICATORI CORREZIONE TERZA PROVA TIPOLOGIA: TABELLA VALUTAZIONE TERZA PROVA TIPOLOGIA B CONOSCENZE (conoscenza specifica degli argomenti richiesti) Punteggio massimo:6 ESPRESSIONE (padronanza della lingua e proprietà di linguaggio disciplinare) Punteggio massimo:4 RIELABORAZIONE LOGICA, CAPACITA DI SINTESI E CAPACITA CRITICHE Punteggio massimo:5 Udine, 3 / 5 / Numerose lacune 2. Contenuti essenziali dell argomento 3. Conoscenza approfondita dell argomento 1. Espressione impropria e scorretta 2. Espressione complessivamente corretta e precisa 3. Espressione appropriata e specifica 1. Rielaborazione e sintesi carente 2. Rielaborazione logica semplice, lineare e ordinata 3. Rielaborazione logica articolata e precisa Punti 1-2 Punti: 3-4 Punti:5-6 Punti 1 Punti: 2-3 Punti:4 Punti 1 Punti: 2-3 Punti:4-5 TOT /15 Il Coordinatore IL DIRIGENTE SCOLASTICO (prof. ssa Alessandra Russo ) (G. Zanocco) 8

9 Programma di Inglese Docente: Locurto Giuseppina Contenuti disciplinari analitici Lo studio della lingua generale si è sviluppato in particolare durante l ora di conversazione. Il testo in adozione Headway Digital Upper-intermediate (Student s book, workbook) di Liz e John Soars, Oxford edizioni è stato usato come un resource book dal quale attingere attività e esercizi strutturati su argomenti grammaticali e linguistici. Gli studenti hanno svolto attività dallo student s book e dal workbook per esercitarsi a casa. Si sono visti alcuni films di tema letterario (Sense and Sensibility, Jean Eyre, Mrs Dalloway, A Documentary on Virginia Woolf) per esercitare l abilità d ascolto, stimolare il dialogo e la discussione guidata, introdurre un autore. Lo studio della letteratura è avvenuto attraverso lo studio e l analisi di prodotti letterari esemplificativi (in riferimento ai tre generi poesia, teatro e narrativa) estetici, visivi e, sinteticamente, delle linee fondamentali della storia dall epoca romantica (cenni) in poi. Durante l ora settimanale di Conversazione, inoltre, sono stati trattati alcuni argomenti di attualità o tematiche storico sociali ( le elezioni presidenziali in USA, il sistema elettorale in USA, la condizione femminile nel mondo). A questo scopo sono stati letti articoli tratti da riviste, libri di testo o da internet ed ascoltati CD inerenti alcuni articoli. I ragazzi sono stati coinvolti in dibattiti sugli argomenti svolti e ne hanno approfonditi alcuni aspetti autonomamente. I PERIODO Letteratura Dal testo: Literary Links From the Origins to the Romantic Age i tratti essenziali del contesto storicoletterario: the Romantic Age section 4 pp W.Blake Focus on the texts: Songs of Innocence and Songs of Experience Blake s symbolism A world of imagination and vision pp pp pp Stylistic feature p. 344 Lettura e analisi di: Infant Joy p. 344 The Tyger p W.Wordsworth The Lyrical Ballads The Preface to the Lyrical Ballads: a poetic manifesto Focus on the text: I wondered lonely as a cloud pp Lettura e analisi di: I wondered lonely as a cloud pp

10 S.T.Coleridge Coleridge s primary and secondary imagination p.373 Focus on the text: The Rime of the Ancient Mariner pp Lettura e analisi di: The Rime of the Ancient Mariner extract one, two pp J.Keats Keat s aesthetics p.409 Focus on the text: Ode on a Grecian Urn p.413 Lettura e analisi di Ode on a Grecian Urn pp The Novel in the Romantic Age pp Jane Austen Focus on the texts: Sense and Sensibility pp Lettura e analisi di Are my ideas so scanty? da Sense and Sensibility pp Visione del film: Sense and Sensibility ( di Ang Lee, 1995) Dal testo: Literary Links From the Victorian Age to Contemporary Times The Victorian Age I tratti essenziali del contesto storico- letterario: Section 1.1 The Age of Empire pp Section 1.2 Victorian Literature The Victorian Novel pp Charles Dickens Life and works pp Focus on the texts: Hard Times pp Lettura e analisi di A man of realities da Hard Times pp Coketown da Hard Times pp Focus on the texts: Great Expectations pp Lettura e analisi di 10

11 I ve made a gentleman on you! Great Expectations pp Rewriting Peter Carey Focus on the text: Jack Maggs pp Lettura e analisi di Life Lessons da Jack Maggs pp Charlotte Brontë Life and works p.66 Focus on the text: Jane Eyre pp.66-8 Lettura e analisi di Thornfield Hall da Jane Eyre pp The madwoman in the attic Jane Eyre pp Visione del film: Jane Eyre Confronto con: J. Rhys Life and works p.371 Focus on the text: Wide Sargasso Sea pp Extract 1 e 2 pp George Eliot Life and works p.87 Focus on the text: Middlemarch pp Lettura e analisi di The light of years to come da Middlemarch pp Confronto con: Madame Bovary: The Woman Who Loved Too Much pp Durante le vacanze di Natale gli allievi hanno svolto autonomamente le seguenti attività linguistiche dal testo Headway Digital Upper-intermediate (Student s book, workbook) Unit 1 No Place like home. Student s Book pp reading e ex4 e language work;, Workbook pp Unit 2 Been There, Done That. Student s Book pp reading e ex5 e ex 1 di what do you think?; Workbook pp

12 II PERIODO Letteratura Dal testo: Literary Links From the Victorian Age to Contemporary Times Gli allievi hanno presentato autonomamente in classe autori della Victorian Age, brani di opere e loro analisi. I lavori di presentazione sono stati discussi in classe e studiati da tutti gli alunni. Tratti essenziali del contesto storico- letterario: the Age of Modernism section 2.1 pp , pp the Age of Modernism section 2.2 p.196 Modernism and the Novel pp J. Conrad Life and works p. 210 Focus on the text: Heart of Darkness p Extract 2 pp J. Joyce Life and works pp Focus on the text: The Dead pp From: Dubliners, The Dead pp Focus on the text: Ulysses pp From: Ulysses, Molly Bloom s monologue I was thinking of so many things pp V. Woolf Life and works Focus on the text: Mrs. Dalloway pp From: Mrs. Dalloway pp Visione del film: Mrs. Dalloway A. Huxley Life and works Focus on the text: Brave New World pp From: Brave New World pp

13 SI PREVEDE DI SVOLGERE ENTRO LA FINE DELLA SCUOLA I SEGUENTI ARGOMENTI: Poetry in the Modern Age T.S.Eliot Life and works pp Focus on the text: The Waste Land pp From: The Burial of the Dead pp What the Thunder Said pp Contemporary Times Tratti essenziali del contesto storico- letterario: Section 3.1 The Post War World pp ,356 Section.3.2 Contemporary Literature pp J. Rhys Life and works p.371 Focus on the text: Wide Sargasso Sea pp Extract 1 e 2 pp Harold Pinter Life and works pp Focus on the text: The Caretaker pp From: The Caretaker pp I ragazzi hanno svolto autonomamente esercizi dal Workbook di Headway Digital ed esercizi di approfondimento e consolidamento delle strutture della lingua tratti dal testo di grammatica posseduto. f.to Locurto Giuseppina Firma degli studenti rappresentanti di classe:

14 Programma di Latino Docente: Di Filippo Fabiola Contenuti disciplinari analitici Testi in adozione. A. Roncoroni, R. Gazich, E. Sada, Exempla humanitatis, voll. 1, 2, Signorelli, Milano PRIMO QUADRIMESTRE ORAZIO - La vita. - Le opere. - Le componenti del pensiero e della morale oraziana. - La lingua e lo stile. Testi: Satira I, 9. Inconvenienti della vita cittadina: un brutto incontro. Odi: I,9 Del domani non darti pensiero; I,11 Carpe diem; I, 5 Un amore finito senza rimpianti; III,9 Con te amerei vivere, con te felice morirei. IL PRIMO SECOLO DELL IMPERO. DA TIBERIO A TRAIANO. Panorama storico, politico e culturale. TACITO - La vita - Le opere - Il pensiero - Il metodo storiografico - La lingua e lo stile. Testi : Agricola: Il costo della tirannide; La guerra contro i britanni. Discorso di Calgaco, comandante dei calcedoni. Germania: La purezza della razza germanica. L opera nel tempo. Gli antichi germani secondo il nazismo. Historiae, Il territorio della Giudea; Gerusalemme e il Tempio. Annales XV (Morte di Seneca) (traduzione in fotocopia) SENECA - La vita - Le opere - L opera e l ambiente - La lingua e lo stile SECONDO QUADRIMESTRE Testi: Epistulae ad Lucilium, : Ep. 1, 1 5: Vindica te tibi; Ep. 47, 1-5: Servi sunt, immo homines. De tranquillitate animi: 4, 1-6. Medea:

15 Attività previste dal 15 maggio alla fine dellanno scolastico IL ROMANZO. UN PERCORSO ATTRAVERSO I ROMANZI DI PETRONIO E APULEIO. - Il romanzo nell antichità. - Il romanzo in Grecia - La narrativa nella letteratura latina PETRONIO Profilo dell autore Testi: Satyricon 37 (Fortunata); (La matrona di Efeso). APULEIO Profilo dell autore Metamorfosi V (Amore e Psiche); XI 2 (Preghiera a Iside). Programma di Italiano Docente: Russo Alessandra f.to Di Filippo Fabiola Firma degli studenti rappresentanti di classe: Contenuti disciplinari analitici Giacomo Leopardi: Lettere, La prigione di Recanati: noia e rabbia Canti: All Italia, Ultimo canto di Saffo, L infinito, La sera del dì di festa, A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, Il passero solitario. La ginestra (passi scelti) Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese,. Zibaldone: Rimembranze, Piacere e illusioni, La teoria del piacere e l infinito La Scapigliatura: caratteri generali. Camillo Boito, da Senso, L inizio della relazione. Iginio Ugo Tarchetti, da Fosca, Una relazione malata. Il Naturalismo francese Edmond e Jules de Goncourt,Prefazione a Germinie Lacerteux. Émile Zola, Il romanzo sperimentale. Il Verismo Giovanni Verga: da Vita dei campi, Rosso Malpelo, La lupa, Cavalleria rusticana. Da Novelle rusticane: La roba, Libertà. I Malavoglia: lettura integrale dell opera Da Mastro don Gesualdo: Avete tanti denari, e vi date l anima al diavolo! Allorché finalmente Gesualdo arrivò alla Canziria, La morte di Don Gesualdo. Il Decadentismo (caratteri generali) Charles Baudelaire, da I fiori del male, L albatro, Corrispondenze 15

16 Giovanni Pascoli, da Myricae, Patria, X Agosto da Canti di Castelvecchio: Nebbia, Il gelsomino notturno. Da Poemetti: Digitale purpurea, Italy Da Le Prose: E dentro di noi un fanciullino. Gabriele D Annunzio: da Il piacere, Andrea Sperelli La pioggia nel pineto. I futuristi, Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto del Futurismo, Manifesto tecnico della letteratura futurista, Zang Tumb Tumb Luigi Pirandello: da Il fu Mattia Pascal (lettura integrale) Da Uno, nessuno e centomila, Mia moglie e il mio naso, Non conclude. Da Quaderni di Serafino Gubbio operatore, Una mano che gira la manovella Novelle per un anno, Il treno ha fischiato, La carriola Da Enrico IV, Pazzo? Ora sì e per sempre Italo Svevo: da Una vita, La lezione del gabbiano Senilità (lettura integrale) La coscienza di Zeno (passi scelti: Il fumo, La morte del padre, Salute e malattia, La morte del rivale, La catastrofe finale. Argomenti e testi analizzati in compresenza con Francese: Il Romanticismo: G. Berchet, Lettera semiseria, e il Realismo: V. Hugo, Prefazione a Cromwell, G. Flaubert, Madame Bovary Il Naturalismo Il Decadentismo: A. Rimbaud: Vocali, Lettera del Veggente P. Verlaine: Ars poetica, Languore Le avanguardie artistiche: Filippo Tommaso Marinetti Zang Tumb Tumb Dante Alighieri: Commedia, Paradiso, canto I, III, VI, XI, XV, XVII. Argomenti da trattare dopo 11 maggio Percorso sulla poesia (letture di testi come da modulo del libro) e analisi dei testi di Giuseppe Ungaretti: da L allegria, Fratelli, Sono una creatura, I fiumi, San Martino del Carso, Veglia da Il dolore, Non gridate più e di Eugenio Montale: da Ossi di seppia, I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere, da Le occasioni, Non recidere forbice quel volto. Pier Paolo Pasolini (passi scelti: da Poesie a Casarsa, Dedica, da Ragazzi di vita Il bagno nell Aniene, La Comare secca, da Petrolio, Appunto 4. f.to Russo Alessandra Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Storia Docente: Russo Alessandra Contenuti disciplinari analitici L età dell Imperialismo e il dominio coloniale europeo (Caratteri generali). Cap. 1 - Società, economia e cultura tra XIX e XX secolo(caratteri generali). 16

17 Cap. 2 - Le potenze europee alla vigilia della prima guerra mondiale, i paesi extraeuropei (caratteri generali). Cap. 4 - L Italia giolittiana Cap. 5 - La prima guerra mondiale Cap. 6 - La rivoluzione russa Cap. 7 - Il dopoguerra Cap. 8 - Gli anni Venti negli Stati Uniti e in Europa (caratteri generali) Cap. 9 - Il dopoguerra e il fascismo in Italia Cap La grande crisi e i suoi effetti (par e 10.2) Cap I totalitarismi degli anni Trenta Cap La guerra che torna Cap Dalla guerra europea alla guerra mondiale (approfondimento sulla Shoah). Cap La guerra in Italia (approfondimento sulla guerra di Liberazione in Friuli) Modulo di Cittadinanza e Costituzione: Dalle macerie della guerra nasce la Costituzione. Argomenti di storia del presente (dopo 11 maggio) La guerra fredda La questione israelo-palestinese La decolonizzazione Programma di Matematica Docente: Trentin Paolo Contenuti disciplinari analitici Le funzioni. Definizione di funzione, dominio, codominio, immagine. f.to Russo Alessandra Firma degli studenti rappresentanti di classe: Le funzioni numeriche e matematiche, variabile dipendente e variabile indipendente. Rappresentazioni analitiche e grafiche. Grafico di una funzione

18 Funzioni pari e dispari. Funzioni iniettive, suriettive, biettive. Limiti. Le funzioni periodiche. Campo d esistenza di una funzione. La ricerca del campo di esistenza delle funzioni: polinomiali intere, polinomiali fratte, irrazionali, esponenziali, logaritmiche Intervalli: vari tipi di intervalli. Intorni: intorno completo, intorno destro e sinistro, intorno circolare, intorno di infinito. Insiemi numerici limitati e illimitati. Limiti di una funzione, significato del calcolo di un limite. Verifiche di limiti. Limite finito per x tendente ad un valore finito. Limite finito per x tendente all infinito: asintoti orizzontali, destri e sinistri. Limite infinito per x tendente ad un valore finito: asintoti verticali, destri e sinistri. Limite infinito per x tendente all infinito. Limite destro e limite sinistro. Funzioni continue: definizioni, continuità in un punto, continuità in un intervallo. Esempi di continuità di alcune funzioni elementari: la funzione costante e la funzione variabile indipendente. Enunciati dei teoremi di somma, differenza, prodotto e quoziente e di funzioni continue. Calcolo dei limiti delle funzioni razionali intere e fratte anche in presenza di forme di indecisione del tipo o. Calcolo dei limiti e le forme indeterminate. Derivate. Il rapporto incrementale ed il suo significato geometrico. Definizione di derivata e significato geometrico della derivata. Punti stazionari. Punti di non derivabilità: interpretazione geometrica. Derivate fondamentali. Determinazione dei punti stazionari. Definizione di punti di massimo relativo, minimo relativo e di flesso ascendente e discendente. Condizione necessaria e sufficiente per l esistenza di un massimo ed un minimo relativi. La ricerca dei punti di massimo e di minimo relativi ed assoluti. Studio di una funzione. Gli asintoti: verticali, orizzontali, obliqui. 18

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli