Documento del 15 maggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio"

Transcript

1 Documento del 15 maggio a.s. 2012/2013 Classe 5 a sez. D Liceo Linguistico

2 Indice PAG 3 Documento del Consiglio di Classe PROGRAMMI 24 Religione 23 Tedesco 22 Educazione Motoria 9 Inglese 14 Latino 25 Filosofia 17 Matematica 16 Storia 15 Italiano 19 Francese RELAZIONI 40 Filosofia 31 Matematica 34 Tedesco 27 Italiano 27 Storia 29 Francese 39 Inglese 38 Latino 35 Religione 33 Educazione Motoria 2

3 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe: 5^ D linguistico Anno Scolastico Coordinatore di classe: Alessandra Russo 1) PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE: ( storia della classe ) La classe è composta da venti studenti (tre maschi e diciassette femmine tutti provenienti dalla 4^ DL ad eccezione di una allieva, proveniente dalla classe 4^CL di questo stesso istituto). Nel corso del triennio quasi tutti gli studenti hanno dimostrato un costante impegno individuale volto al miglioramento delle loro competenze, anche quando la base di partenza evidenziava rilevanti carenze nell uso efficace dei propri strumenti conoscitivi. Alcuni di loro hanno saputo mettere a frutto le indicazioni fornite dai docenti e volte al recupero e/o al potenziamento delle loro capacità e hanno dimostrato costanza e impegno nel lavoro individuale e nelle attività in classe. Questo dato ha consentito di stabilire un buon clima di lavoro e di favorire relazioni interpersonali costruttive. In alcuni casi, tuttavia, i risultati del percorso sono stati meno visibili, spesso condizionati dalla difficoltà di mantenere costante l applicazione nello studio. Nel complesso il gruppo classe ha sempre risposto positivamente alle iniziative didattiche anche integrative, assumendo atteggiamenti collaborativi e comportamenti corretti. Durante il triennio hanno partecipato a due soggiorni linguistici (Vienna e Cannes) 2) CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO: la classe ha beneficiato della continuità didattica di tutti i docenti ad eccezione, nell ultimo anno, dell insegnante di tedesco e di conversazione in tedesco. 3) PROFILO FINALE DELLA CLASSE : La classe appare, nella sua globalità, interessata e partecipe. Ha dimostrato di saper condividere le proposte didattiche e di saper destinare tempo e impegno personale nei confronti di iniziative culturali proposte dalla scuola e dal contesto esterno. Danno prova di un buon livello di integrazione nel gruppo classe e sanno collaborare in modo efficace, anche per superare insieme le difficoltà nello studio. Nel complesso la classe dimostra di aver raggiunto un livello di profitto mediamente discreto, in alcuni casi si rileva un esito molto buono della preparazione complessiva e dell elaborazione autonoma delle conoscenze. Un gruppo ristretto di allievi, pur avendo recuperato alcune difficoltà diffuse nel metodo di studio, consegue un livello di preparazione complessivo meno soddisfacente, in cui si evidenziano alcune difficoltà nel sapersi muovere con piena autonomia nell esposizione scritta e orale degli argomenti di studio. 4) COMPRESENZA: A.S Discipline: Inglese - Educazione fisica A.S Discipline: Inglese - Latino A.S Discipline: Italiano e Francese Titolo: Percorsi di letteratura comparata 5) OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI E TRASVERSALI: il consiglio di classe ha ipotizzato di promuovere le seguenti competenze trasversali: 1. Competenze per l apprendimento: gli studenti assumono un atteggiamento attivo nei confronti dell apprendimento che si evidenzia in riferimento ai seguenti parametri: aver imparato ad apprezzare l apprendere come via per conoscere se stessi aver imparato a potenziare il proprio apprendimento per raggiungere degli standard più alti nelle discipline aver acquisito una certa padronanza dei linguaggi specifici delle varie discipline e saperli adattare in 3

4 relazione ai diversi contesti. Esiti del percorso educativo: alcuni allievi hanno raggiunto livelli elevati di competenza, espressione di un lavoro costante di potenziamento conseguito anche attraverso un impegno nello studio individuale, un gruppo ristretto si attesta su livelli più che sufficienti e un altro gruppo raggiunge a fatica esiti di piena sufficienza. 2. competenze per la cittadinanza : gli studenti dimostrano di aver compreso il funzionamento della società e di riconoscere l importanza di un attiva cittadinanza come espressione di un comportamento personale che si ispiri a valori condivisi ed al riconoscimento della diversità delle culture Indicatori: dimostrare di conoscere ed applicare in forma semplice correttamente concetti chiave della società, della politica e delle istituzioni. comprendere le principali tematiche dell attualità e saper argomentare in modo chiaro. capire e rispettare le diversità culturali e sociali sia nel contesto locale sia in quello globale. Esiti del percorso educativo: la trattazione di argomenti e problemi legati alla cittadinanza attiva ha costituito un occasione utile al superamento di atteggiamenti superficiali nei confronti dei temi in questione. È stato proposto lo studio e l approfondimento dei temi di attualità (in particolare la lettura di articoli di giornale e la trattazione di tematiche specifiche, soprattutto durante le ore di conversazione in lingua). In classe è stata effettuata la lettura guidata di alcuni articoli della Costituzione italiana. In inglese gli studenti hanno lavorato a gruppi e presentato i risultati delle loro ricerche sulla condizione della donna in varie parti del mondo, facendo riferimento a dati ufficiali e sfatando stereotipi relativi alla situazione femminile. 3. competenze per gestire le relazioni: gli allievi dimostrano di sapersi relazionare con le persone in contesti variabili e di saper gestire relazioni personali ed emotive Indicatori: Capire come relazionarsi ad altre persone in contesti variabili (scolastico, informale). Comunicare efficacemente con gli altri nei vari contesti sociali adeguando e controllando gli elementi fondamentali della comunicazione. Esiti del percorso educativo: nel complesso gli allievi hanno dimostrato di saper adottare comportamenti corretti soprattutto durante il viaggio di istruzione e in tutte le altre occasioni in cui hanno partecipato ad attività integrative (visite d istruzione, conferenza su Caterina Percoto e partecipazione attiva al FAI. Partecipazione agli incontri di Scuola aperta. 4. competenze per gestire le situazioni: gli studenti dimostrano di saper organizzare il proprio lavoro in modo efficace Indicatori: Saper riconoscere le proprie competenze e risorse personali, la qualità dei propri stili comportamentali e dei propri processi di pensiero. Diagnosticare situazioni e problemi Capire l importanza di valorizzare il successo e gestire le delusioni, e i modi per farlo Pianificare strategie di azione per fronteggiare situazioni e risolvere problemi di diversa natura: relazionali, organizzativi. Esiti del percorso educativo: alcuni allievi hanno raggiunto un livello elevato di autonomia, nel complesso la maggior parte di loro dimostra di saper gestire correttamente le situazioni 5. competenze per la gestione delle informazioni: gli studenti dimostrano di saper organizzare le proprie conoscenze in modo preciso ed efficace. Indicatori: aver sviluppato una gamma di strategie per accedere, valutare e differenziare le informazioni avere appreso come analizzarle, sintetizzarle e applicarle. Esiti del percorso educativo: molto buono il livello raggiunto da un gruppo di allievi, discreto nel complesso ma ancora poco efficace in alcuni limitati casi. 4

5 LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO: mediamente discreto 4 - CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE: la valutazione dei risultati del processo formativo ha tenuto conto dell andamento complessivo del percorso di apprendimento che, partendo dalla situazione di partenza di ogni singolo allievo e dei differenti stili cognitivi, ne abbia rilevato i progressi e ne abbia registrato gli esiti nell arco dell intero anno scolastico. La progettazione dei percorsi ha previsto tipologie diversificate di verifiche, sia formative che sommative, allo scopo di valutare l andamento del processo di apprendimento sia in itinere che alla conclusione dell intero itinerario didattico. La valutazione del primo periodo è stata formulata su un numero di almeno 2 verifiche scritte (per le discipline che richiedono la valutazione degli scritti) e 2 orali (colloqui e test semistrutturati) e di fine quadrimestre su un numero di almeno 3 verifiche scritte (per le discipline che richiedono la valutazione degli scritti) e 2 orali (colloqui e test semistrutturati) 5 - EVENTUALI ATTIVITA DI RECUPERO - SOSTEGNO - APPROFONDIMENTO PLURIDISCIPLINARE: Le attività di recupero sono state realizzate in itinere. Durante le ore curricolari di Materie letterarie sono state effettuate attività di recupero/potenziamento sul metodo di studio e sulla produzione degli scritti (saggio breve e articolo del giornale). Per facilitare lo studio della storia sono state proposte visioni di documentari ( Storia d Italia di G. Minoli) relativi a eventi e problemi della storia contemporanea. L emigrazione italiana Il fascismo La seconda guerra mondiale La Liberazione di Udine (E. Folisi) 8) ATTIVITÀ EXTRA PARA - INTERCURRICOLARI EFFETTIVAMENTE SVOLTE : Visita al Museo della Grande guerra di Gorizia Viaggio di istruzione a Praga Attività di potenziamento in orario extracurricolare: Gli anni spezzati (Gallipoli) di Peter Weir (1981) La masseria delle allodole dei fratelli Taviani (2007) Il giardino dei Finzi Contini V. De Sica (1971) I piccoli maestri di D. Lucchetti (1998) Visione di film in lingua francese: Madame Bovary, Cabaret del teatro francese di Roma, Eclisse totale (Rimbaud e Verlaine) Visione di film in lingua inglese : Sense and Sensibility; Jane Eyre; Mrs Dalloway. 9) ADESIONE DELLA CLASSE ALLE INIZIATIVE DELLA SCUOLA : Progetto Cittadinanza e Costituzione Attività di orientamento Alcuni allievi hanno partecipato alle seguenti iniziative: Scuola aperta Corso di preparazione al DELF B2 (un gruppo di tre) Torneo internazionale sportivo. 10 ) METODOLOGIE DIDATTICHE ATTUATE E STRUMENTI: Il consiglio di classe ha condiviso un impianto metodologico comune di insegnamento che ha privilegiato la lezione dialogata e la problematizzazione degli argomenti di studio, al fine di promuovere la capacità argomentativa degli allievi, che prevede un costante riferimento alle prove documentali delle ipotesi interpretative. Attraverso le attività in compresenza si sono sempre favoriti i collegamenti interdisciplinari. Il Consiglio di classe, ha individuato alcune linee metodologiche comuni quali il potenziamento delle conoscenze teoriche insieme all attivazione di abilità operative misurabili. MODALITÀ DI VERIFICA DELL APPRENDIMENTO I docenti, in accordo con il contratto formativo, hanno condiviso l esigenza di valutare come elemento 5

6 importante nell acquisizione delle conoscenze degli allievi, il loro perdurare nel tempo come espressione di un apprendimento non mnemonico. Il risultato del processo di apprendimento si è fondato su un numero definito di prove (scritte e orali) in cui è stata sempre prevista la spiegazione dei risultati, sono state fornite indicazioni per la correzione e l autocorrezione degli errori e sono state utilizzate griglie di valutazione utili anche a comprendere l articolazione del singolo voto. Per monitorare le conoscenze, le abilità e le competenze acquisite dagli allievi durante l anno scolastico sono stati utilizzati tutti gli strumenti utili quali test a risposta multipla, vero o falso, a completamento, nonché colloqui, relazioni e verifiche scritte prove pratiche. L esito delle verifiche è stato notificato e motivato sistematicamente agli allievi. 12) SIMULAZIONE DI TERZA PROVA - valutazione in 15/15 : Sono state effettuate due simulazioni della terza prova d esame, rispettivamente in data 18 gennaio 2013 e in data 20 aprile Prima simulazione Tipologia A(Trattazione sintetica di argomenti) (tempo concesso 3 ore) Allieve della classe n. 20, Presenti:n.20. Discipline coinvolte: Francese(voto medio: 11.7), Matematica(voto medio: 10.9) Inglese (voto medio: 11.5), Storia (voto medio 11). La valutazione complessiva per allievo ha prodotto il seguente risultato: o valutazione complessivamente sufficiente (19/20) o voto più basso attribuito; 9.25/15 o voto più alto attribuito 13,25/15 o punteggio medio di 11,27/15 2. Seconda simulazione Tipologia B(Domande a risposta singola). (tempo concesso 3 ore) Allieve della classe n.20, presenti n. 20 o Discipline coinvolte: Tedesco (voto medio 10.7) Educazione fisica (voto medio: 12.8) Latino (voto medio: 10.7), Filosofia (voto medio: 10.3). La valutazione complessiva per allievo ha prodotto il seguente risultato: o valutazione complessivamente sufficiente (15/20) o voto più basso attribuito; 8, 75/15 o voto più alto attribuito 12,85/15 o punteggio medio di 11,12 13) INDICATORI CORREZIONE PRIMA PROVA: Scheda di correzione e valutazione: ITALIANO TIPOLOGIA A analisi del testo INDICATORI Aspetti del Comprensione complessiva MIN 0-1 MED 2 MAX 3 contenuto Analisi Elaborazione critica, riflessioni, approfondimenti Aspetti formali Morfosintassi e lessico Totale TIPOLOGIA B saggio breve articolo INDICATORI Rispetto Destinatario, registro, misura, MIN 0-1 MED 2 MAX 3 dei vincoli comunicativi titoli 6

7 Competenze linguistiche Uso delle fonti Conoscenza Capacità elaborat., logicocritiche e creative Totale Correttezza morfosintattìca e proprietà Corretta comprensione ed utilizzazione Correttezza e pertinenza dei contenuti Sviluppo e coerenza argomentazioni ed elaborazione personale TIPOLOGIA C - D tema di ordine generale INDICATORI MIN MED MAX Competenze Punteggiatura, ortografia, linguistiche morfosintassi Proprietà lessicali Conoscenze Correttezza e pertinenza dei contenuti Capacità Sviluppo e coerenza elaborative, logicocritiche e creative argomentazioni Elaborazione personale Totale 14) INDICATORI CORREZIONE SECONDA PROVA: DESCRITTORI INDICATORI PUNTEGGIO CONOSCENZA E PERTINENZA DEGLI ARGOMENTI (max punti 5) COMPETENZA LINGUISTICA E LINGUAGGIO SPECIFICO (max punti 4) Completa e approfondita Corretta e adeguata Essenziale ma non approfondita Frammentaria e lacunosa Scarsa e confusa Linguaggio corretto, fluido e creativo Linguaggio appropriato, abbastanza corretto Linguaggio non sempre chiaro e appropriato, ma talvolta generico e con qualche inesattezza Linguaggio confuso e scorretto

8 CAPACITÀ DI ANALISI E SINTESI (max punti 3) Sa effettuare analisi e sintesi corrette e autonome Sa effettuare analisi e sintesi, anche se talvolta parziali e imprecise Non sa effettuare analisi e sintesi corrette RIELABORAZIONE DATI E INFORMAZIONI (max punti 3) OSSERVAZIONI: Elaborazione coerente ed organica Sviluppo logico con collegamenti semplici I contenuti specifici sono organizzati con difficoltà TOT /15 15) INDICATORI CORREZIONE TERZA PROVA TIPOLOGIA: TABELLA VALUTAZIONE TERZA PROVA TIPOLOGIA B CONOSCENZE (conoscenza specifica degli argomenti richiesti) Punteggio massimo:6 ESPRESSIONE (padronanza della lingua e proprietà di linguaggio disciplinare) Punteggio massimo:4 RIELABORAZIONE LOGICA, CAPACITA DI SINTESI E CAPACITA CRITICHE Punteggio massimo:5 Udine, 3 / 5 / Numerose lacune 2. Contenuti essenziali dell argomento 3. Conoscenza approfondita dell argomento 1. Espressione impropria e scorretta 2. Espressione complessivamente corretta e precisa 3. Espressione appropriata e specifica 1. Rielaborazione e sintesi carente 2. Rielaborazione logica semplice, lineare e ordinata 3. Rielaborazione logica articolata e precisa Punti 1-2 Punti: 3-4 Punti:5-6 Punti 1 Punti: 2-3 Punti:4 Punti 1 Punti: 2-3 Punti:4-5 TOT /15 Il Coordinatore IL DIRIGENTE SCOLASTICO (prof. ssa Alessandra Russo ) (G. Zanocco) 8

9 Programma di Inglese Docente: Locurto Giuseppina Contenuti disciplinari analitici Lo studio della lingua generale si è sviluppato in particolare durante l ora di conversazione. Il testo in adozione Headway Digital Upper-intermediate (Student s book, workbook) di Liz e John Soars, Oxford edizioni è stato usato come un resource book dal quale attingere attività e esercizi strutturati su argomenti grammaticali e linguistici. Gli studenti hanno svolto attività dallo student s book e dal workbook per esercitarsi a casa. Si sono visti alcuni films di tema letterario (Sense and Sensibility, Jean Eyre, Mrs Dalloway, A Documentary on Virginia Woolf) per esercitare l abilità d ascolto, stimolare il dialogo e la discussione guidata, introdurre un autore. Lo studio della letteratura è avvenuto attraverso lo studio e l analisi di prodotti letterari esemplificativi (in riferimento ai tre generi poesia, teatro e narrativa) estetici, visivi e, sinteticamente, delle linee fondamentali della storia dall epoca romantica (cenni) in poi. Durante l ora settimanale di Conversazione, inoltre, sono stati trattati alcuni argomenti di attualità o tematiche storico sociali ( le elezioni presidenziali in USA, il sistema elettorale in USA, la condizione femminile nel mondo). A questo scopo sono stati letti articoli tratti da riviste, libri di testo o da internet ed ascoltati CD inerenti alcuni articoli. I ragazzi sono stati coinvolti in dibattiti sugli argomenti svolti e ne hanno approfonditi alcuni aspetti autonomamente. I PERIODO Letteratura Dal testo: Literary Links From the Origins to the Romantic Age i tratti essenziali del contesto storicoletterario: the Romantic Age section 4 pp W.Blake Focus on the texts: Songs of Innocence and Songs of Experience Blake s symbolism A world of imagination and vision pp pp pp Stylistic feature p. 344 Lettura e analisi di: Infant Joy p. 344 The Tyger p W.Wordsworth The Lyrical Ballads The Preface to the Lyrical Ballads: a poetic manifesto Focus on the text: I wondered lonely as a cloud pp Lettura e analisi di: I wondered lonely as a cloud pp

10 S.T.Coleridge Coleridge s primary and secondary imagination p.373 Focus on the text: The Rime of the Ancient Mariner pp Lettura e analisi di: The Rime of the Ancient Mariner extract one, two pp J.Keats Keat s aesthetics p.409 Focus on the text: Ode on a Grecian Urn p.413 Lettura e analisi di Ode on a Grecian Urn pp The Novel in the Romantic Age pp Jane Austen Focus on the texts: Sense and Sensibility pp Lettura e analisi di Are my ideas so scanty? da Sense and Sensibility pp Visione del film: Sense and Sensibility ( di Ang Lee, 1995) Dal testo: Literary Links From the Victorian Age to Contemporary Times The Victorian Age I tratti essenziali del contesto storico- letterario: Section 1.1 The Age of Empire pp Section 1.2 Victorian Literature The Victorian Novel pp Charles Dickens Life and works pp Focus on the texts: Hard Times pp Lettura e analisi di A man of realities da Hard Times pp Coketown da Hard Times pp Focus on the texts: Great Expectations pp Lettura e analisi di 10

11 I ve made a gentleman on you! Great Expectations pp Rewriting Peter Carey Focus on the text: Jack Maggs pp Lettura e analisi di Life Lessons da Jack Maggs pp Charlotte Brontë Life and works p.66 Focus on the text: Jane Eyre pp.66-8 Lettura e analisi di Thornfield Hall da Jane Eyre pp The madwoman in the attic Jane Eyre pp Visione del film: Jane Eyre Confronto con: J. Rhys Life and works p.371 Focus on the text: Wide Sargasso Sea pp Extract 1 e 2 pp George Eliot Life and works p.87 Focus on the text: Middlemarch pp Lettura e analisi di The light of years to come da Middlemarch pp Confronto con: Madame Bovary: The Woman Who Loved Too Much pp Durante le vacanze di Natale gli allievi hanno svolto autonomamente le seguenti attività linguistiche dal testo Headway Digital Upper-intermediate (Student s book, workbook) Unit 1 No Place like home. Student s Book pp reading e ex4 e language work;, Workbook pp Unit 2 Been There, Done That. Student s Book pp reading e ex5 e ex 1 di what do you think?; Workbook pp

12 II PERIODO Letteratura Dal testo: Literary Links From the Victorian Age to Contemporary Times Gli allievi hanno presentato autonomamente in classe autori della Victorian Age, brani di opere e loro analisi. I lavori di presentazione sono stati discussi in classe e studiati da tutti gli alunni. Tratti essenziali del contesto storico- letterario: the Age of Modernism section 2.1 pp , pp the Age of Modernism section 2.2 p.196 Modernism and the Novel pp J. Conrad Life and works p. 210 Focus on the text: Heart of Darkness p Extract 2 pp J. Joyce Life and works pp Focus on the text: The Dead pp From: Dubliners, The Dead pp Focus on the text: Ulysses pp From: Ulysses, Molly Bloom s monologue I was thinking of so many things pp V. Woolf Life and works Focus on the text: Mrs. Dalloway pp From: Mrs. Dalloway pp Visione del film: Mrs. Dalloway A. Huxley Life and works Focus on the text: Brave New World pp From: Brave New World pp

13 SI PREVEDE DI SVOLGERE ENTRO LA FINE DELLA SCUOLA I SEGUENTI ARGOMENTI: Poetry in the Modern Age T.S.Eliot Life and works pp Focus on the text: The Waste Land pp From: The Burial of the Dead pp What the Thunder Said pp Contemporary Times Tratti essenziali del contesto storico- letterario: Section 3.1 The Post War World pp ,356 Section.3.2 Contemporary Literature pp J. Rhys Life and works p.371 Focus on the text: Wide Sargasso Sea pp Extract 1 e 2 pp Harold Pinter Life and works pp Focus on the text: The Caretaker pp From: The Caretaker pp I ragazzi hanno svolto autonomamente esercizi dal Workbook di Headway Digital ed esercizi di approfondimento e consolidamento delle strutture della lingua tratti dal testo di grammatica posseduto. f.to Locurto Giuseppina Firma degli studenti rappresentanti di classe:

14 Programma di Latino Docente: Di Filippo Fabiola Contenuti disciplinari analitici Testi in adozione. A. Roncoroni, R. Gazich, E. Sada, Exempla humanitatis, voll. 1, 2, Signorelli, Milano PRIMO QUADRIMESTRE ORAZIO - La vita. - Le opere. - Le componenti del pensiero e della morale oraziana. - La lingua e lo stile. Testi: Satira I, 9. Inconvenienti della vita cittadina: un brutto incontro. Odi: I,9 Del domani non darti pensiero; I,11 Carpe diem; I, 5 Un amore finito senza rimpianti; III,9 Con te amerei vivere, con te felice morirei. IL PRIMO SECOLO DELL IMPERO. DA TIBERIO A TRAIANO. Panorama storico, politico e culturale. TACITO - La vita - Le opere - Il pensiero - Il metodo storiografico - La lingua e lo stile. Testi : Agricola: Il costo della tirannide; La guerra contro i britanni. Discorso di Calgaco, comandante dei calcedoni. Germania: La purezza della razza germanica. L opera nel tempo. Gli antichi germani secondo il nazismo. Historiae, Il territorio della Giudea; Gerusalemme e il Tempio. Annales XV (Morte di Seneca) (traduzione in fotocopia) SENECA - La vita - Le opere - L opera e l ambiente - La lingua e lo stile SECONDO QUADRIMESTRE Testi: Epistulae ad Lucilium, : Ep. 1, 1 5: Vindica te tibi; Ep. 47, 1-5: Servi sunt, immo homines. De tranquillitate animi: 4, 1-6. Medea:

15 Attività previste dal 15 maggio alla fine dellanno scolastico IL ROMANZO. UN PERCORSO ATTRAVERSO I ROMANZI DI PETRONIO E APULEIO. - Il romanzo nell antichità. - Il romanzo in Grecia - La narrativa nella letteratura latina PETRONIO Profilo dell autore Testi: Satyricon 37 (Fortunata); (La matrona di Efeso). APULEIO Profilo dell autore Metamorfosi V (Amore e Psiche); XI 2 (Preghiera a Iside). Programma di Italiano Docente: Russo Alessandra f.to Di Filippo Fabiola Firma degli studenti rappresentanti di classe: Contenuti disciplinari analitici Giacomo Leopardi: Lettere, La prigione di Recanati: noia e rabbia Canti: All Italia, Ultimo canto di Saffo, L infinito, La sera del dì di festa, A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, Il passero solitario. La ginestra (passi scelti) Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese,. Zibaldone: Rimembranze, Piacere e illusioni, La teoria del piacere e l infinito La Scapigliatura: caratteri generali. Camillo Boito, da Senso, L inizio della relazione. Iginio Ugo Tarchetti, da Fosca, Una relazione malata. Il Naturalismo francese Edmond e Jules de Goncourt,Prefazione a Germinie Lacerteux. Émile Zola, Il romanzo sperimentale. Il Verismo Giovanni Verga: da Vita dei campi, Rosso Malpelo, La lupa, Cavalleria rusticana. Da Novelle rusticane: La roba, Libertà. I Malavoglia: lettura integrale dell opera Da Mastro don Gesualdo: Avete tanti denari, e vi date l anima al diavolo! Allorché finalmente Gesualdo arrivò alla Canziria, La morte di Don Gesualdo. Il Decadentismo (caratteri generali) Charles Baudelaire, da I fiori del male, L albatro, Corrispondenze 15

16 Giovanni Pascoli, da Myricae, Patria, X Agosto da Canti di Castelvecchio: Nebbia, Il gelsomino notturno. Da Poemetti: Digitale purpurea, Italy Da Le Prose: E dentro di noi un fanciullino. Gabriele D Annunzio: da Il piacere, Andrea Sperelli La pioggia nel pineto. I futuristi, Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto del Futurismo, Manifesto tecnico della letteratura futurista, Zang Tumb Tumb Luigi Pirandello: da Il fu Mattia Pascal (lettura integrale) Da Uno, nessuno e centomila, Mia moglie e il mio naso, Non conclude. Da Quaderni di Serafino Gubbio operatore, Una mano che gira la manovella Novelle per un anno, Il treno ha fischiato, La carriola Da Enrico IV, Pazzo? Ora sì e per sempre Italo Svevo: da Una vita, La lezione del gabbiano Senilità (lettura integrale) La coscienza di Zeno (passi scelti: Il fumo, La morte del padre, Salute e malattia, La morte del rivale, La catastrofe finale. Argomenti e testi analizzati in compresenza con Francese: Il Romanticismo: G. Berchet, Lettera semiseria, e il Realismo: V. Hugo, Prefazione a Cromwell, G. Flaubert, Madame Bovary Il Naturalismo Il Decadentismo: A. Rimbaud: Vocali, Lettera del Veggente P. Verlaine: Ars poetica, Languore Le avanguardie artistiche: Filippo Tommaso Marinetti Zang Tumb Tumb Dante Alighieri: Commedia, Paradiso, canto I, III, VI, XI, XV, XVII. Argomenti da trattare dopo 11 maggio Percorso sulla poesia (letture di testi come da modulo del libro) e analisi dei testi di Giuseppe Ungaretti: da L allegria, Fratelli, Sono una creatura, I fiumi, San Martino del Carso, Veglia da Il dolore, Non gridate più e di Eugenio Montale: da Ossi di seppia, I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere, da Le occasioni, Non recidere forbice quel volto. Pier Paolo Pasolini (passi scelti: da Poesie a Casarsa, Dedica, da Ragazzi di vita Il bagno nell Aniene, La Comare secca, da Petrolio, Appunto 4. f.to Russo Alessandra Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Storia Docente: Russo Alessandra Contenuti disciplinari analitici L età dell Imperialismo e il dominio coloniale europeo (Caratteri generali). Cap. 1 - Società, economia e cultura tra XIX e XX secolo(caratteri generali). 16

17 Cap. 2 - Le potenze europee alla vigilia della prima guerra mondiale, i paesi extraeuropei (caratteri generali). Cap. 4 - L Italia giolittiana Cap. 5 - La prima guerra mondiale Cap. 6 - La rivoluzione russa Cap. 7 - Il dopoguerra Cap. 8 - Gli anni Venti negli Stati Uniti e in Europa (caratteri generali) Cap. 9 - Il dopoguerra e il fascismo in Italia Cap La grande crisi e i suoi effetti (par e 10.2) Cap I totalitarismi degli anni Trenta Cap La guerra che torna Cap Dalla guerra europea alla guerra mondiale (approfondimento sulla Shoah). Cap La guerra in Italia (approfondimento sulla guerra di Liberazione in Friuli) Modulo di Cittadinanza e Costituzione: Dalle macerie della guerra nasce la Costituzione. Argomenti di storia del presente (dopo 11 maggio) La guerra fredda La questione israelo-palestinese La decolonizzazione Programma di Matematica Docente: Trentin Paolo Contenuti disciplinari analitici Le funzioni. Definizione di funzione, dominio, codominio, immagine. f.to Russo Alessandra Firma degli studenti rappresentanti di classe: Le funzioni numeriche e matematiche, variabile dipendente e variabile indipendente. Rappresentazioni analitiche e grafiche. Grafico di una funzione

18 Funzioni pari e dispari. Funzioni iniettive, suriettive, biettive. Limiti. Le funzioni periodiche. Campo d esistenza di una funzione. La ricerca del campo di esistenza delle funzioni: polinomiali intere, polinomiali fratte, irrazionali, esponenziali, logaritmiche Intervalli: vari tipi di intervalli. Intorni: intorno completo, intorno destro e sinistro, intorno circolare, intorno di infinito. Insiemi numerici limitati e illimitati. Limiti di una funzione, significato del calcolo di un limite. Verifiche di limiti. Limite finito per x tendente ad un valore finito. Limite finito per x tendente all infinito: asintoti orizzontali, destri e sinistri. Limite infinito per x tendente ad un valore finito: asintoti verticali, destri e sinistri. Limite infinito per x tendente all infinito. Limite destro e limite sinistro. Funzioni continue: definizioni, continuità in un punto, continuità in un intervallo. Esempi di continuità di alcune funzioni elementari: la funzione costante e la funzione variabile indipendente. Enunciati dei teoremi di somma, differenza, prodotto e quoziente e di funzioni continue. Calcolo dei limiti delle funzioni razionali intere e fratte anche in presenza di forme di indecisione del tipo o. Calcolo dei limiti e le forme indeterminate. Derivate. Il rapporto incrementale ed il suo significato geometrico. Definizione di derivata e significato geometrico della derivata. Punti stazionari. Punti di non derivabilità: interpretazione geometrica. Derivate fondamentali. Determinazione dei punti stazionari. Definizione di punti di massimo relativo, minimo relativo e di flesso ascendente e discendente. Condizione necessaria e sufficiente per l esistenza di un massimo ed un minimo relativi. La ricerca dei punti di massimo e di minimo relativi ed assoluti. Studio di una funzione. Gli asintoti: verticali, orizzontali, obliqui. 18

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2011/2012

Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Docente: Prof. Adriana ONNIS Materia: Inglese Classe: V^ D 1. Nel primo Consiglio di Classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5C Indirizzo:

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Secondo Biennio e Quinto anno Docente: Isabelle Rohmer OBBIETTIVI E COMPETENZE Proseguendo il percorso già iniziato durante il Primo Biennio

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-10 Contratto Formativo Individuale Classe 3 Sez H Docente: Prof.ssa Piangiarelli Sandra 1. ANALISI DELLA CLASSE: (dare delle definizioni in termini

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO 1 di 7 04/12/2013 157 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA Lingua e civiltà tedesca DOCENTI A.Cavessi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 1

UNITA DI APPRENDIMENTO 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza A TUTTA BIRRA Guida a un uso consapevole delle bevande alcoliche Realizzazione di una guida alle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Sezioni Associate: Liceo Scientifico, Linguistico, I.G.E.A. Ragionieri, Geometri, Scuola ------------------------------------------------------------------------

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 4^BCAT Costruzioni Ambiente Territorio IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe collaborativa e nel complesso disciplinata. La classe

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli