LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE"

Transcript

1 LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE BARI (corso a numero programmato: 120)

2

3 Obiettivi formativi specifici I laureati nei Corsi di Laurea Magistrale della classe devono: possedere un adeguata conoscenza delle discipline di base psicologiche ed essere dotati della padronanza degli strumenti metodologici e tecnici dell analisi e dell intervento psicologico sociale richiesta per assumere funzioni di elevata responsabilità nelle organizzazioni e nei servizi diretti alla persona, ai gruppi, alle comunità; possedere una padronanza delle basi conoscitive, dei metodi e delle tecniche proprie dello studio dell ambiente e del contesto, dell intervento formativo, della selezione e della valutazione delle risorse umane, dell orientamento professionale, della consulenza organizzativa, della sicurezza lavorativa e delle problematiche relative all impiego delle nuove tecnologie nelle organizzazioni. In questi ambiti potranno anche svolgere attività libero-professionale, nonché attività di consulenza presso enti pubblici e privati; possedere la capacità di progettare e implementare processi di innovazione organizzativa, con particolare riguardo ai processi di comunicazione e interazione sociale mediati dalle tecnologie della comunicazione in vista del loro utilizzo in attività di telelavoro, di formazione a distanza, di e-commerce; possedere adeguate competenze per la comunicazione e la gestione delle informazioni, in particolare attraverso tecnologie informatiche e telematiche; essere in grado di utilizzare professionalmente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell Unione Europea, oltre l italiano, specialmente nell ambito delle problematiche psicologico sociali riguardanti il lavoro, la gestione delle risorse umane e l intervento nelle organizzazioni e nelle istituzioni. Il curriculum formativo prevede attività volte: all acquisizione di conoscenze teoriche e metodologiche caratterizzanti i diversi settori della psicologia; allo sviluppo di competenze operative e applicative generali e specialistiche; allo sviluppo di conoscenze sulle problematiche connesse all attività professionale in ambito psicologico e alla sua deontologia. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 133

4 I ANNO SETTORE PRIMO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE PSICOLOGIA DELLE EMOZIONI, DELLE MOTIVAZIONI E DELLA PERSONALITÀ (corso comune Psicologia Clinica dello Sviluppo e delle Relazioni) M-PSI/ PSICOLOGIA CULTURALE M-PSI/ METODOLOGIA E TECNICHE DI ANALISI DEI DATI NELLA RICERCA PSICOLOGICA M-PSI/ PSICOLOGIA DI COMUNITÀ M-PSI/ STATISTICA PER LA RICERCA SOCIALE (corso comune Psicologia Clinica dello Sviluppo e delle Relazioni) SECS-S/ STORIA DELLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA (corso comune Psicologia Clinica dello Sviluppo e delle Relazioni) M-FIL/ SETTORE SECONDO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE INTERAZIONE UOMO-MACCHINA ING-INF/ SOCIOLOGIA DELLA VITA QUOTIDIANA SPS/ PSICOLOGIA DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI M-PSI/ MODELLI DI MANAGEMENT E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE M-PSI/ PSICOLOGIA DELLE RELAZIONI INTERGRUPPI M-PSI/ PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA E SISTEMI DI QUALITÀ SECS-P/ LABORATORIO A SCELTA TRA: A) Laboratorio di tecniche e strumenti per la progettazione formativa (non attivato) 10 3 B) Laboratorio di Linguaggio e comunicazione organizzativa Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI

5 II ANNO SETTORE PRIMO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE E DELL E-LEARNING M-PSI/ TEORIE E TECNICHE DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE M-PSI/ ECONOMIA AZIENDALE SECS-P/ Attività a scelta dello studente 8 LABORATORIO A SCELTA TRA A) Inglese scientifico (non attivato) 10 3 B) Normative sul lavoro e contrattualistica 10 3 C) Laboratorio di Tecniche di pubblicità e marketing 10 3 SETTORE SECONDO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE PSICOLOGIA DELLA PUBBLICITÀ E DEL MARKETING M-PSI/ Tirocinio Prova finale 24 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 135

6 PRIMO ANNO Primo semestre PSICOLOGIA DELLE EMOZIONI, DELLE MOTIVAZIONI E DELLA PERSONALITÀ prof. Guglielmo BELLELLI Tel FINALITÀ DEL CORSO Introdurre lo studente allo studio dei processi affettivi e della struttura e della dinamica della personalità CONTENUTI DEL CORSO Che cos é una emozione. Modelli classici. Teorie contemporanee. Basi biologiche dell emozione e della motivazione. Emozioni umane ed emozioni animali. Emozioni e processi cognitivi. Espressione e comunicazione delle emozioni. Lo sviluppo delle emozioni. Le emozioni nella vita quotidiana e nella psicopatologia. Emozioni e benessere. La regolazione delle emozioni. Istinti, pulsioni, bisogni, motivi. La motivazione umana. Sistemi di motivazione. Il controllo e l autoefficacia. Emozioni e motivazioni nei contesti organizzativi. La personalità. Origini dello studio della personalità. Tratti e temperamento. Determinanti biologiche e sociali della personalità. teorie della personalità. Lo sviluppo della personalità. Personalità e situazione. La personalità nelle organizzazioni. BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE PER LO STUDIO DELLA DISCIPLINA Testi obbligatori: CAPRARA G.V., CERVONE D. (2003), Personalità. Determinanti, dinamiche, potenzialità. Milano, Cortina (esclusi i capp. VI, VII e VIII). RIME B. (2005), Le partage social des émotions, Paris, Presses Universitaires de France. Testi consigliati: Durante il corso verranno indicate, per ciascun argomento trattato, alcune letture integrative consigliate, che non saranno comunque oggetto di valutazione durante l esame. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso é articolato in lezioni frontali (45 ore) ed esercitazioni di ricerca, di cui verrà fornito il calendario durante il corso. Le lezioni riguarderanno la condivisione sociale delle emozioni, tema del libro di Rimé. La dott.ssa Giannangela Mastrorilli introdurrà e guiderà lo studio del volume di Caprara e Cervone.Agli studenti frequentanti saranno resi disponibili i materiali didattici presentati in formato elettronico. MODALITÀ DI ESAME L esame é orale Recapiti istituzionali del docente: Studio n. 3 al II piano del Palazzo Ateneo (Dipartimento di Psicologia, accanto alla Biblioteca del Dipartimento), tel Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Primo semestre

7 PSICOLOGIA CULTURALE prof. Giuseppe MININNI Tel TEMA DEL CORSO Riconoscimento e valorizzazione delle differenze FINALITÀ DEL CORSO esaminare in maniera approfondita l azione di modellamento svolta da determinati costrutti culturali sull approccio della psicologia ai processi fondamentali dell agire personale nel mondo; sviluppare negli studenti la consapevolezza delle potenzialità e dei vincoli insiti nel paradigma del riconoscimento per la valorizzazione delle diversità culturali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso si articolerà in lezioni frontali ed attività seminariali. Le lezioni frontali saranno volte all approfondimento delle tematiche di base della disciplina (parte istituzionale). Le attività seminariali (parte monografica) saranno invece incentrate su esercitazioni pratiche, al fine di chiarire le problematiche di specifiche situazioni di interazione comunicativa con particolare riferimento alle metodologie di indagine applicata. Per una preparazione adeguata dell esame occorre dimostrare una padronanza sia delle tematiche illustrate durante le lezioni che di quelle argomentate nei testi suggeriti qui di seguito. TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME Parte Istituzionale B. MAZZARA (a cura di), La psicologia culturale. Modelli teorici e contesti di azione, Carocci Parte monografica G. MANTOVANI, L elefante invisibile, Giunti articoli a scelta dalla rivista Culture and Psychology (disponibile in Biblioteca di Psicologia). Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 137 PRIMO ANNO - Primo semestre

8 METODOLOGIA E TECNICHE DI ANALISI DEI DATI NELLA RICERCA PSICOLOGICA prof.ssa Antonietta CURCI Tel FINALITÀ DEL CORSO Il corso intende fornire agli studenti gli strumenti per la corretta applicazione e interpretazione dei risultati di alcune tecniche di analisi multivariata dei dati di ricerca in psicologia. In particolare, verranno presentati modelli di analisi con variabili latenti, di tipo dimensionale e tipologico. Verranno inoltre considerate le applicazioni di tali modelli alla misurazione e alla predizione dei costrutti psicologici. CONTENUTI DEL CORSO Modelli teorici e falsificazione nella ricerca psicologica I modelli di analisi dei dati a variabili latenti I modelli di misurazione I modelli causali Scaling multidimensionale Applicazione e interpretazione Analisi delle corrispondenze semplici e multipla Applicazione e interpretazione Analisi dei tratti latenti e analisi delle classi latenti Applicazione e interpretazione Modelli di equazioni strutturali: Modelli di misura Applicazione e interpretazione Modelli di equazioni strutturali: Modelli causali Applicazione e interpretazione ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Lezioni frontali + approfondimenti seminariali BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE PER LO STUDIO DELLA DISCIPLINA Testi obbligatori: CONWAY, M. A., ANDERSON, S. J., LARSEN, S.F., DONELLY, C. M., MCDANIEL, M. A., MCCLELLAND, A. G. R., RAWLES, R. E. & LO- GIE, R. H. (1994), The formation of flashbulb memories. Memory & Cognition, 22, CURCI, A., LUMINET, O., FINKENAUER, C. & GISLE, L. (2001), Flashbulb Memories in Social Groups: A Comparative Study of the Memory of French President Mitterrand s Death in a French and a Belgian Group. Memory, 9, PANAGIOTAKOS, D. B. & PITSAVOS, C. (2004), Interpretation of epidemiological data using multiple correspondence analysis and log-linear models. Journal of Data Science, 2, Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Primo semestre

9 RABINOWITZ, G. B. (1975), An Introduction to Nonmetric Multidimensional Scaling. American Journal of Political Science, 19, CURCI, A. (2005), Latent Variable Models for the Measurement of Flashbulb Memories: A comparative approach. Applied Cognitive Psychology, 19, Testi per eventuali approfondimenti: BARTHOLOMEW, D. J., STEELE, F., MOUSTAKI, I. & GALBRAITH, J. I. (2002), The analysis and interpretation of multivariate data for social scientists. Boca Raton: Chapman & Hall/CRC. CORBETTA, P. (2002), Metodi di analisi multivariata per le scienze sociali. I modelli di equazioni strutturali. Bologna: Il Mulino. DAYTON, C. M. (1998), Latent Class Scaling Analysis. Thousand Oaks: Sage. DI FRANCO, G. (1997), Tecniche e modelli di analisi multivariata dei dati. Roma: Seam. GREENACRE, M. (1993), Correspondence Analysis in Practice. London: Academic Press. KIM, J.-O. & MUELLER, C. W. (1978), Factor Analysis. Statistical Methods and Practical Issues. Thousand Oaks: Sage. INDICAZIONI SU ESAMI FINALI ED EVENTUALI PROVE INTERMEDIE La valutazione sarà effettuata mediante prova scritta. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 139 PRIMO ANNO - Primo semestre

10 PSICOLOGIA DI COMUNITÀ prof.ssa Carmencita SERINO Tel / c. PROGRAMMA Partendo da una riflessione sul bisogno di comunità nell attuale assetto dei rapporti sociali, il Corso si sofferma poi sull analisi di specifiche dimensioni psicologiche del lavoro sociale in contesti organizzativi: l empatia e i costi dell empatia, le norme e i contenuti del ruolo di caregivers professionali, il burn-out e la depersonalizzazione. Vengono presi in esame strumenti e tecniche, dirette e indirette, per la valutazione di alcuni dei fenomeni psicologici implicati. Il Corso si propone di stimolare una partecipazione attiva dei partecipanti, che saranno coinvolti in attività pratiche collegate agli scopi istituzionali: si articolerà quindi in lezioni frontali ed esercitazioni che verranno presentate e realizzate durante il Corso stesso BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE FRANCESCATO D., TOMAI M. E GHIRELLI G., Fondamenti di Psicologia di Comunità. Principi, strumenti e ambiti di applicazione, Carrocci, Roma Verranno inoltre analizzati e discussi articoli scientifici che saranno messi a disposizione e presentati all inizio del Corso. NB: Altre informazioni sul sito (in corso di aggiornamento). 140 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Primo semestre

11 STATISTICA PER LA RICERCA SOCIALE prof. Ernesto TOMA Tel FINALITÀ DEL CORSO L obiettivo principale del corso è quello di mettere gli studenti in condizione di impostare correttamente un indagine statistica anche a livello inferenziale, seguirne gli sviluppi e giungere a conclusioni statisticamente significative. CONTENUTI DEL CORSO L uguaglianza e la somiglianza di variabili e di mutabili statistiche. La somiglianza di unità statistiche Alcuni schemi probabilistici: bernoulliano, ipergeometrico, multinomiale, ipergeometrico multivariato; proprietà delle variabili casuali indipendenti, Teorema di Bienaymè-Tchebycheff Le principali distribuzioni di probabilità: v.c. di Bernoulli; binomiale; ipergeometrica; distribuzione campionaria della media, della frequenza relativa, della mediana. L'inferenza statistica: aspetti concettuali. Stime puntuali: concetti, proprietà degli stimatori, stime di media, varianza e frequenza relativa in caso di campionamento bernoulliano, senza ripetizione; la stima di frequenza di risposte casualizzate mediante domanda incorrelata (schema di Simmons) La stima intervallare: intervalli di confidenza per media, frequenza e varianza in caso di piccoli e grandi campioni La dimensione del campione: calcolo della dimensione campionaria nel caso di inferenza su medie e su frequenze Verifica di ipotesi con un campione: individuazione dei test, requisiti dei test, fasi della verifica; esempi di verifica di ipotesi; verifica di ipotesi funzionali in caso di grandi e piccoli campioni; Verifica di ipotesi con due campioni: verifica d ipotesi sull uguaglianza di due varianze (test F), di due medie (caso di popolazioni normali e non normali), di due frequenze (test Z e test esatto di Fisher), di due leggi di distribuzione Verifica di ipotesi con più di due campioni: test di omoscedasticità di Bartlett; analisi della varianza ad uno e a due criteri di classificazione; ipotesi di uguaglianza di più leggi di distribuzione: test Q2; Test di Friedman per campioni dipendenti Aspetti teorici della misura della relazione di dipendenza tra due variabili nelle indagini campionarie: individuazione della funzione di regressione; calcolo parametri; attendibilità della stima della retta di regressione, significatività parametri della retta di regressione Aspetti teorici della misura del grado di associazione tra due caratteri: coefficiente di correlazione lineare di Bravais-Pearson ed inferenza su di esso; l indice di cograduazione di Spearman; l indice di Cramer Aspetti teorici della misura delle relazioni fra più variabili: modello lineare classico, la scelta delle variabili nelle indagini sociali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso è prevalentemente basato su ore di didattica frontale. Una parte delle ore sarà dedicata ad esercitazioni e ad approfondimenti degli argomenti sviluppati nel corso istituzionale BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE PER LO STUDIO DELLA DISCIPLINA Francesco DELVECCHIO, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci editore, Bari INDICAZIONI SU ESAMI FINALI ED EVENTUALI PROVE INTERMEDIE Non sono per il momento previste verifiche in itinere. L esame finale si svolgerà nella forma classica, quella orale, anche se gli studenti potranno essere chiamati a svolgere uno o più esercizi nel corso della prova. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 141 PRIMO ANNO - Primo semestre

12 PRIMO ANNO Secondo semestre STORIA DELLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA prof. Pietro BERALDI Tel FINALITÀ Il corso si propone, attraverso una ricognizione filologica dei testi più significativi di alcuni momenti dello sviluppo storico della storia delle idee del XIX e del XX secolo, di ricostruire i rapporti tra ragione filosofica e ragione scientifica e di individuarne l incidenza ideologica nel dibattito speculativo del nostro tempo. PROGRAMMA D ESAME P. BERALDI, John Stuart Mill. Potere della ragione e futuro dell uomo, Bari F. NIETZESCHE, I filosofi preplatonici, Bari 2005, pp. V-XXXV, 3-7, 25-45, AA.VV., Postfilosofie. Identità, alterità, riconoscimento, Bari (almeno tre saggi a scelta dello studente). ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso comprenderà un ciclo di lezioni e una serie di attività seminariali miranti ad approfondire alcune specifiche tematiche concordate, di volta in volta, con gli studenti. Gli studenti, che intendono sostenere l esame senza aver potuto frequentare il corso, possono concordare direttamente con il Professore la definizione del programma. MODALITÀ DI ACCERTAMENTO La valutazione prevede, al termine delle lezioni, un colloquio su quanto effettivamente svolto nell àmbito del corso. L esame non richiede alcuna forma di prenotazione: lo statino dovrà essere consegnato esclusivamente al momento del colloquio. RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI Il Professore riceve gli studenti il mercoledì dalle ore 9 alle 11 e al termine di ogni lezione. È possibile comunicare via all indirizzo indicato. 142 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

13 INTERAZIONE UOMO-MACCHINA prof.ssa Michelina SAVINO FINALITÀ DEL CORSO Il corso si pone l obiettivo di fornire le conoscenze di base dei processi della comunicazione umana, con particolare riferimento agli aspetti di multimodalità, e delle principali tecnologie utilizzabili da un sistema automatico per l interazione con l utente. L acquisizione di tali conoscenze ha come obiettivo complessivo lo sviluppo di abilità orientate alla progettazione e valutazione di sistemi di interazione multimodale uomomacchina. CONTENUTI DEL CORSO Introduzione al concetto di interazione uomo-macchina e descrizione degli ambiti di ricerca del settore Peculiarità dell organismo umano e peculiarità della macchina nella diade uomo-macchina Funzioni e caratteristiche multimodali della comunicazione umana: comportamento verbale e comportamento non-verbale Soluzioni tecnologiche per adeguare la macchina a modelli di elaborazione dell'informazione più simili alle modalità umane: analisi ed elaborazione automatica dei gesti, del linguaggio naturale scritto e di quello parlato Le interfacce multimodali: dalla progettazione alla valutazione. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso si articola in lezioni frontali. ESAME FINALE L esame finale consiste nella realizzazione di un piccolo progetto, corredato di relazione scritta, su un argomento inerente le tematiche del corso, a scelta dello studente e concordato con il docente, e nella discussione sui contenuti di tale progetto durante un colloquio orale. BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Il manuale base di riferimento è: Eleonora BILOTTA, Interfacce multimodali ed aspetti psicologici dell interazione uomo-computer, Ed. BIOS, Cosenza. Ulteriore materiale di approfondimento, indispensabile per la realizzazione del progetto, dipenderà dallo specifico argomento oggetto del progetto stesso. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 143 PRIMO ANNO - Secondo semestre

14 SOCIOLOGIA DELLA VITA QUOTIDIANA prof.ssa Letizia CARRERA Tel. studio FINALITÀ DEL CORSO Il corso si propone di offrire strumenti teorici idonei per una riflessione critica sulle dinamiche e sui mutamenti che interessano la società contemporanea, con una particolare attenzione all incidenza che i cambiamenti prodottisi nel mondo delle organizzazioni determinano nella vita quotidiana dei soggetti. CONTENUTI DEL CORSO Nella prima parte del corso, dopo una iniziale ricognizione delle matrici classiche della sociologia della vita quotidiana e della riflessione sociologica internazionale in questa dimensione trasversale della più ampia sociologia della cultura, ci si propone di analizzare alcuni dei principali temi legati ai tentativi ed alle modalità di governo dell incertezza di cui è sempre più intessuta la quotidianità sei soggetti. Nella seconda parte del corso l attenzione sarà centrata sulle ricadute che la flessibilizzazione del mercato del lavoro genera nei percorsi di vita individuali e nei più ampi scenari sociali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso sarà organizzato sulla base di lezioni frontali ed esercitazioni. ESAME FINALE Gli esami finali si svolgeranno in forma scritta ed orale. BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO M. RAMPAZI (a cura di), 2002, L incertezza quotidiana. politica, lavoro, relazioni nella società del rischio, Guerini, Milano. L. CARRERA, 2004, Viaggiare a vista. percorsi di vita in tempi di flessibilità, Franco Angeli, Milano. 144 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

15 PSICOLOGIA DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI prof.ssa Susanna ANNESE Tel FINALITÀ Il corso si propone di introdurre alla comprensione dei fondamenti concettuali e metodologici della psicologia delle comunicazioni sociali secondo una prospettiva psicosociale. TEMATICHE La prima parte del corso sarà dedicata all'analisi dei processi di comunicazione nonché ai differenti contesti sociali, dalla comunicazione interpersonale all interazione mediata, dalle comunicazioni di massa alle nuove forme di interazione virtuale. Nella seconda parte del corso verranno illustrate metodologie e ambiti di ricerca sviluppati per l'analisi delle diverse forme di comunicazione. ORGANIZZAZIONE Le lezioni teoriche saranno affiancate da esercitazioni pratiche allo scopo di illustrare i vari aspetti della comunicazione sociale. TESTI DI RIFERIMENTO Manuale: un testo a scelta tra: A. QUADRIO; L. VENINI (a cura di), La comunicazione nei processi sociali e organizzativi, Franco Angeli, Milano capp. 3, 4, 7, 8, 9, 10, 11, 14 (170 pp.) o in alternativa G. MININNI, Psicologia dei media, Laterza, Roma-Bari, 2004 (intero volume). Approfondimento: M.B. LIGORIO e H. HERMANS (a cura di), Identità dialogiche nell era digitale, Erickson, Trento, capp. 1, 2, 3, 5, 7, 8 (119 pp.) o in alternativa B. MAZZARA (a cura di), Metodi qualitativi in psicologia sociale, Carocci, Roma, 2002 capp. 1, 2, 4, 6, 7, 13 (122 pp.) MODALITÀ DI ACCERTAMENTO L'esame consisterà in una prova scritta e/o in un colloquio orale. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 145 PRIMO ANNO - Secondo semestre

16 MODELLI DI MANAGEMENT E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE prof. Giancarlo TANUCCI Tel SCOPI Il corso introduce alle tematiche della gestione delle risorse umane nelle organizzazioni e nei istituzionali complessi. I temi d interesse che il corso intende sviluppare fanno riferimento, essenzialmente, al ruolo ed al contributo che la Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni è in grado di fornire per supportare l attività e le funzioni di manager, responsabili e gestori di risorse umane. Il programma si articola secondo un ciclo di lezioni frontali, di attività seminariali, di incontri/testimonianze dedicati in grado di illustrare il complesso di problematiche riguardanti modelli strumenti di gestione delle risorse umane, con particolare riferimento alla funzione e ruolo della Psicologia, in generale, e della Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni. L obiettivo complessivo dell offerta didattica è quello di mostrare come i costrutti ed i paradigmi tipici della psicologica sostengono e caratterizzano la funzione di management nelle organizzazioni e nei contesti sociali dedicati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Al termine del corso gli studenti saranno in grado di: dimostrare la conoscenza di contenuti e dei riferimenti teorici della Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni rilevanti per i contesti di gestione delle risorse umane posizionare e declinare il contributo delle Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni nel contesto delle funzioni gestionali e manageriali operazionalizzare gli strumenti e le metodologie, a base psicologica, relative ai diversi ambiti e funzioni del management organizzare e realizzare interventi di consulenza e di supporto alle funzioni manageriali per gli aspetti relativi alle risorse umane ed alle implicazioni di tipo organizzativo. CONTENUTI L articolazione complessiva delle tematiche che definiscono lo sviluppo didattico è il seguente: Il contesto di riferimento: La gestione della prestazione La cultura organizzativa I fattori individuali del comportamento organizzativo L organizzazione del lavoro e Job Design 146 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

17 Personalità motivazione e strategie di apprendimento Il comportamento sociale La comunicazione nelle organizzativo Le relazioni interpersonali conflitti e negoziazioni Il potere e la leadership Il gruppo ed il team nelle organizzazioni Il gruppo struttura e processi Team Building and Team Development Relazioni intergruppi e gestione del conflitto La gestione delle organizzazioni L organizzazione struttura e assetto Le funzioni di pianificazione e controllo Le strategie di problem solving e decision making La gestione degli individui e delle organizzazioni Lo stress al lavoro caratteristiche e modelli gestionali Il cambiamento e lo sviluppo organizzativo Le strategie di management e di comportamento organizzativo TESTI D ESAME Testi di base AUTIERI E., Management delle risorse umane. Fondamenti professionali, Guerrini e Associati, Testi di approfondimento BOLOGNINI B., Comportamento organizzativo e gestione delle risorse umane, Roma, Carocci editore, I testi di approfondimento rappresentano parte integrante del programma e sono oggetto di accertamento per la parte relativa al report. METODI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO Le lezioni frontali svolte dal docente copriranno i 2/3 del monte-ore previsto ed hanno per oggetto le tematiche/contenuti di riferimento delle disciplina. Le attività seminariali hanno lo scopo di favorire e consolidare la ricognizione e la traduzione operativa delle pratiche professionali tipiche. MODALITÀ DI VALUTAZIONE La valutazione di profitto verrà condotta utilizzando tre diverse modalità capaci di accertare il livello di preparazione e di formazione raggiunto: a. Questionario a risposte multiple (QRM) La prova intende verificare il livello di familiarità e di conoscenza dello studente con i termini, i concetti e le definizioni che rappresentano la configurazione di base della disciplina. Il QRM è composto da 30 domande estratte casualmente da un bata-base di 300 questi relativi agli argomenti in programma. b.tesina La prova intende verificare la capacità del candidato di realizzare un Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 147 PRIMO ANNO - Secondo semestre

18 elaborato di pagine A4 (redatte secondo i criteri comuni delle tesi di laurea) su una delle tematiche presentate e sviluppate nelle lezioni frontali e nei seminari e affrontate nel testo di base e in quelli di approfondimento. La stesura della tesina è cosi definita: a. contesto di riferimento e ricognizione della letteratura b. definizione del campo di trattazione c. presentazione della struttura espositiva della tesina d. sviluppo ed argomentazione e. conclusione f. bibliografia citata L elaborato è valutato considerando la completezza della trattazione, la pertinenza argomentativa e l adeguatezza dell esposizione rispetto alla struttura indicata. c) Presentazione La prove intende verificare la specifica capacità del candidato di presentare, argomentare e difendere il proprio elaborato in una sessione di presentazione, opportunamente supportata da sussidi e strumenti didattici ed espositivi. La presentazione è valutata considerando il livello dei contenuti presentati, la struttura della presentazione e le competenze espositive del candidato. RICEVIMENTO STUDENTI L orario di ricevimento studenti, nel primo semestre, è il seguente: Lunedì ore 14,00 15,30 Martedì ore 9,00 10,30 TESI Le tesi di laurea vengono assegnate a partire da un progetto elaborato dal candidato sui temi di riferimento della disciplina. Sono previste tesi di tipo empirico e di tipo compilativo. RECAPITI DEL DOCENTE Lo studio del prof. Tanucci è presso il Dipartimento di Psicologia, Palazzo Ateneo, Piazza Umberto I, 1; 3 piano (lato via Crisanzio). Recapito telefonico: Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

19 PSICOLOGIA DELLE RELAZIONI INTERGRUPPI prof.ssa Carmencita SERINO Tel / FINALITÀ DEL CORSO Il Corso si propone di approfondire l analisi dei processi intra- e intergruppi con riferimento all ampia letteratura che in quest ambito sviluppa sia l analisi socio-cognitiva sul confronto e la categorizzazione sociale, sia lo studio delle dinamiche interne al funzionamento dei gruppi nelle organizzazioni. Vengono messi a fuoco: il tema del pregiudizio, come chiave di lettura e sfida a quanti si pongano l obiettivo di migliorare le relazioni interpersonali e gli atteggiamenti intergruppi; le dimensioni affettive delle relazioni intergruppi, com particolare riferimento al tema dell empatia, un fenomeno considerato centrale nella promozione di comportamenti pro-sociali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il Corso prevede lezioni frontali ed esercitazioni. BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE BROWN R.(2000), Psicologia Sociale dei gruppi, Bologna, Il Mulino. Verranno inoltre analizzati e discussi due articoli scientifici che approfondiscono i temi del corso e che verranno presentati e resi disponibili all inizio del corso. Saranno resi disponibili durante il corso materiali per approfondimenti, esercitazioni pratiche e attività di formazione integrative, che daranno luogo al riconoscimento di un credito ai fini dell esame. NB: Altre informazioni sul sito (in corso di aggiornamento). Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 149 PRIMO ANNO - Secondo semestre

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli