LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE"

Transcript

1 LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE BARI (corso a numero programmato: 120)

2

3 Obiettivi formativi specifici I laureati nei Corsi di Laurea Magistrale della classe devono: possedere un adeguata conoscenza delle discipline di base psicologiche ed essere dotati della padronanza degli strumenti metodologici e tecnici dell analisi e dell intervento psicologico sociale richiesta per assumere funzioni di elevata responsabilità nelle organizzazioni e nei servizi diretti alla persona, ai gruppi, alle comunità; possedere una padronanza delle basi conoscitive, dei metodi e delle tecniche proprie dello studio dell ambiente e del contesto, dell intervento formativo, della selezione e della valutazione delle risorse umane, dell orientamento professionale, della consulenza organizzativa, della sicurezza lavorativa e delle problematiche relative all impiego delle nuove tecnologie nelle organizzazioni. In questi ambiti potranno anche svolgere attività libero-professionale, nonché attività di consulenza presso enti pubblici e privati; possedere la capacità di progettare e implementare processi di innovazione organizzativa, con particolare riguardo ai processi di comunicazione e interazione sociale mediati dalle tecnologie della comunicazione in vista del loro utilizzo in attività di telelavoro, di formazione a distanza, di e-commerce; possedere adeguate competenze per la comunicazione e la gestione delle informazioni, in particolare attraverso tecnologie informatiche e telematiche; essere in grado di utilizzare professionalmente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell Unione Europea, oltre l italiano, specialmente nell ambito delle problematiche psicologico sociali riguardanti il lavoro, la gestione delle risorse umane e l intervento nelle organizzazioni e nelle istituzioni. Il curriculum formativo prevede attività volte: all acquisizione di conoscenze teoriche e metodologiche caratterizzanti i diversi settori della psicologia; allo sviluppo di competenze operative e applicative generali e specialistiche; allo sviluppo di conoscenze sulle problematiche connesse all attività professionale in ambito psicologico e alla sua deontologia. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 133

4 I ANNO SETTORE PRIMO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE PSICOLOGIA DELLE EMOZIONI, DELLE MOTIVAZIONI E DELLA PERSONALITÀ (corso comune Psicologia Clinica dello Sviluppo e delle Relazioni) M-PSI/ PSICOLOGIA CULTURALE M-PSI/ METODOLOGIA E TECNICHE DI ANALISI DEI DATI NELLA RICERCA PSICOLOGICA M-PSI/ PSICOLOGIA DI COMUNITÀ M-PSI/ STATISTICA PER LA RICERCA SOCIALE (corso comune Psicologia Clinica dello Sviluppo e delle Relazioni) SECS-S/ STORIA DELLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA (corso comune Psicologia Clinica dello Sviluppo e delle Relazioni) M-FIL/ SETTORE SECONDO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE INTERAZIONE UOMO-MACCHINA ING-INF/ SOCIOLOGIA DELLA VITA QUOTIDIANA SPS/ PSICOLOGIA DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI M-PSI/ MODELLI DI MANAGEMENT E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE M-PSI/ PSICOLOGIA DELLE RELAZIONI INTERGRUPPI M-PSI/ PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA E SISTEMI DI QUALITÀ SECS-P/ LABORATORIO A SCELTA TRA: A) Laboratorio di tecniche e strumenti per la progettazione formativa (non attivato) 10 3 B) Laboratorio di Linguaggio e comunicazione organizzativa Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI

5 II ANNO SETTORE PRIMO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE E DELL E-LEARNING M-PSI/ TEORIE E TECNICHE DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE M-PSI/ ECONOMIA AZIENDALE SECS-P/ Attività a scelta dello studente 8 LABORATORIO A SCELTA TRA A) Inglese scientifico (non attivato) 10 3 B) Normative sul lavoro e contrattualistica 10 3 C) Laboratorio di Tecniche di pubblicità e marketing 10 3 SETTORE SECONDO SEMESTRE SCIENTIFICO- ORE CFU DISCIPLINARE PSICOLOGIA DELLA PUBBLICITÀ E DEL MARKETING M-PSI/ Tirocinio Prova finale 24 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 135

6 PRIMO ANNO Primo semestre PSICOLOGIA DELLE EMOZIONI, DELLE MOTIVAZIONI E DELLA PERSONALITÀ prof. Guglielmo BELLELLI Tel FINALITÀ DEL CORSO Introdurre lo studente allo studio dei processi affettivi e della struttura e della dinamica della personalità CONTENUTI DEL CORSO Che cos é una emozione. Modelli classici. Teorie contemporanee. Basi biologiche dell emozione e della motivazione. Emozioni umane ed emozioni animali. Emozioni e processi cognitivi. Espressione e comunicazione delle emozioni. Lo sviluppo delle emozioni. Le emozioni nella vita quotidiana e nella psicopatologia. Emozioni e benessere. La regolazione delle emozioni. Istinti, pulsioni, bisogni, motivi. La motivazione umana. Sistemi di motivazione. Il controllo e l autoefficacia. Emozioni e motivazioni nei contesti organizzativi. La personalità. Origini dello studio della personalità. Tratti e temperamento. Determinanti biologiche e sociali della personalità. teorie della personalità. Lo sviluppo della personalità. Personalità e situazione. La personalità nelle organizzazioni. BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE PER LO STUDIO DELLA DISCIPLINA Testi obbligatori: CAPRARA G.V., CERVONE D. (2003), Personalità. Determinanti, dinamiche, potenzialità. Milano, Cortina (esclusi i capp. VI, VII e VIII). RIME B. (2005), Le partage social des émotions, Paris, Presses Universitaires de France. Testi consigliati: Durante il corso verranno indicate, per ciascun argomento trattato, alcune letture integrative consigliate, che non saranno comunque oggetto di valutazione durante l esame. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso é articolato in lezioni frontali (45 ore) ed esercitazioni di ricerca, di cui verrà fornito il calendario durante il corso. Le lezioni riguarderanno la condivisione sociale delle emozioni, tema del libro di Rimé. La dott.ssa Giannangela Mastrorilli introdurrà e guiderà lo studio del volume di Caprara e Cervone.Agli studenti frequentanti saranno resi disponibili i materiali didattici presentati in formato elettronico. MODALITÀ DI ESAME L esame é orale Recapiti istituzionali del docente: Studio n. 3 al II piano del Palazzo Ateneo (Dipartimento di Psicologia, accanto alla Biblioteca del Dipartimento), tel Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Primo semestre

7 PSICOLOGIA CULTURALE prof. Giuseppe MININNI Tel TEMA DEL CORSO Riconoscimento e valorizzazione delle differenze FINALITÀ DEL CORSO esaminare in maniera approfondita l azione di modellamento svolta da determinati costrutti culturali sull approccio della psicologia ai processi fondamentali dell agire personale nel mondo; sviluppare negli studenti la consapevolezza delle potenzialità e dei vincoli insiti nel paradigma del riconoscimento per la valorizzazione delle diversità culturali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso si articolerà in lezioni frontali ed attività seminariali. Le lezioni frontali saranno volte all approfondimento delle tematiche di base della disciplina (parte istituzionale). Le attività seminariali (parte monografica) saranno invece incentrate su esercitazioni pratiche, al fine di chiarire le problematiche di specifiche situazioni di interazione comunicativa con particolare riferimento alle metodologie di indagine applicata. Per una preparazione adeguata dell esame occorre dimostrare una padronanza sia delle tematiche illustrate durante le lezioni che di quelle argomentate nei testi suggeriti qui di seguito. TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME Parte Istituzionale B. MAZZARA (a cura di), La psicologia culturale. Modelli teorici e contesti di azione, Carocci Parte monografica G. MANTOVANI, L elefante invisibile, Giunti articoli a scelta dalla rivista Culture and Psychology (disponibile in Biblioteca di Psicologia). Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 137 PRIMO ANNO - Primo semestre

8 METODOLOGIA E TECNICHE DI ANALISI DEI DATI NELLA RICERCA PSICOLOGICA prof.ssa Antonietta CURCI Tel FINALITÀ DEL CORSO Il corso intende fornire agli studenti gli strumenti per la corretta applicazione e interpretazione dei risultati di alcune tecniche di analisi multivariata dei dati di ricerca in psicologia. In particolare, verranno presentati modelli di analisi con variabili latenti, di tipo dimensionale e tipologico. Verranno inoltre considerate le applicazioni di tali modelli alla misurazione e alla predizione dei costrutti psicologici. CONTENUTI DEL CORSO Modelli teorici e falsificazione nella ricerca psicologica I modelli di analisi dei dati a variabili latenti I modelli di misurazione I modelli causali Scaling multidimensionale Applicazione e interpretazione Analisi delle corrispondenze semplici e multipla Applicazione e interpretazione Analisi dei tratti latenti e analisi delle classi latenti Applicazione e interpretazione Modelli di equazioni strutturali: Modelli di misura Applicazione e interpretazione Modelli di equazioni strutturali: Modelli causali Applicazione e interpretazione ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Lezioni frontali + approfondimenti seminariali BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE PER LO STUDIO DELLA DISCIPLINA Testi obbligatori: CONWAY, M. A., ANDERSON, S. J., LARSEN, S.F., DONELLY, C. M., MCDANIEL, M. A., MCCLELLAND, A. G. R., RAWLES, R. E. & LO- GIE, R. H. (1994), The formation of flashbulb memories. Memory & Cognition, 22, CURCI, A., LUMINET, O., FINKENAUER, C. & GISLE, L. (2001), Flashbulb Memories in Social Groups: A Comparative Study of the Memory of French President Mitterrand s Death in a French and a Belgian Group. Memory, 9, PANAGIOTAKOS, D. B. & PITSAVOS, C. (2004), Interpretation of epidemiological data using multiple correspondence analysis and log-linear models. Journal of Data Science, 2, Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Primo semestre

9 RABINOWITZ, G. B. (1975), An Introduction to Nonmetric Multidimensional Scaling. American Journal of Political Science, 19, CURCI, A. (2005), Latent Variable Models for the Measurement of Flashbulb Memories: A comparative approach. Applied Cognitive Psychology, 19, Testi per eventuali approfondimenti: BARTHOLOMEW, D. J., STEELE, F., MOUSTAKI, I. & GALBRAITH, J. I. (2002), The analysis and interpretation of multivariate data for social scientists. Boca Raton: Chapman & Hall/CRC. CORBETTA, P. (2002), Metodi di analisi multivariata per le scienze sociali. I modelli di equazioni strutturali. Bologna: Il Mulino. DAYTON, C. M. (1998), Latent Class Scaling Analysis. Thousand Oaks: Sage. DI FRANCO, G. (1997), Tecniche e modelli di analisi multivariata dei dati. Roma: Seam. GREENACRE, M. (1993), Correspondence Analysis in Practice. London: Academic Press. KIM, J.-O. & MUELLER, C. W. (1978), Factor Analysis. Statistical Methods and Practical Issues. Thousand Oaks: Sage. INDICAZIONI SU ESAMI FINALI ED EVENTUALI PROVE INTERMEDIE La valutazione sarà effettuata mediante prova scritta. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 139 PRIMO ANNO - Primo semestre

10 PSICOLOGIA DI COMUNITÀ prof.ssa Carmencita SERINO Tel / c. PROGRAMMA Partendo da una riflessione sul bisogno di comunità nell attuale assetto dei rapporti sociali, il Corso si sofferma poi sull analisi di specifiche dimensioni psicologiche del lavoro sociale in contesti organizzativi: l empatia e i costi dell empatia, le norme e i contenuti del ruolo di caregivers professionali, il burn-out e la depersonalizzazione. Vengono presi in esame strumenti e tecniche, dirette e indirette, per la valutazione di alcuni dei fenomeni psicologici implicati. Il Corso si propone di stimolare una partecipazione attiva dei partecipanti, che saranno coinvolti in attività pratiche collegate agli scopi istituzionali: si articolerà quindi in lezioni frontali ed esercitazioni che verranno presentate e realizzate durante il Corso stesso BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE FRANCESCATO D., TOMAI M. E GHIRELLI G., Fondamenti di Psicologia di Comunità. Principi, strumenti e ambiti di applicazione, Carrocci, Roma Verranno inoltre analizzati e discussi articoli scientifici che saranno messi a disposizione e presentati all inizio del Corso. NB: Altre informazioni sul sito (in corso di aggiornamento). 140 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Primo semestre

11 STATISTICA PER LA RICERCA SOCIALE prof. Ernesto TOMA Tel FINALITÀ DEL CORSO L obiettivo principale del corso è quello di mettere gli studenti in condizione di impostare correttamente un indagine statistica anche a livello inferenziale, seguirne gli sviluppi e giungere a conclusioni statisticamente significative. CONTENUTI DEL CORSO L uguaglianza e la somiglianza di variabili e di mutabili statistiche. La somiglianza di unità statistiche Alcuni schemi probabilistici: bernoulliano, ipergeometrico, multinomiale, ipergeometrico multivariato; proprietà delle variabili casuali indipendenti, Teorema di Bienaymè-Tchebycheff Le principali distribuzioni di probabilità: v.c. di Bernoulli; binomiale; ipergeometrica; distribuzione campionaria della media, della frequenza relativa, della mediana. L'inferenza statistica: aspetti concettuali. Stime puntuali: concetti, proprietà degli stimatori, stime di media, varianza e frequenza relativa in caso di campionamento bernoulliano, senza ripetizione; la stima di frequenza di risposte casualizzate mediante domanda incorrelata (schema di Simmons) La stima intervallare: intervalli di confidenza per media, frequenza e varianza in caso di piccoli e grandi campioni La dimensione del campione: calcolo della dimensione campionaria nel caso di inferenza su medie e su frequenze Verifica di ipotesi con un campione: individuazione dei test, requisiti dei test, fasi della verifica; esempi di verifica di ipotesi; verifica di ipotesi funzionali in caso di grandi e piccoli campioni; Verifica di ipotesi con due campioni: verifica d ipotesi sull uguaglianza di due varianze (test F), di due medie (caso di popolazioni normali e non normali), di due frequenze (test Z e test esatto di Fisher), di due leggi di distribuzione Verifica di ipotesi con più di due campioni: test di omoscedasticità di Bartlett; analisi della varianza ad uno e a due criteri di classificazione; ipotesi di uguaglianza di più leggi di distribuzione: test Q2; Test di Friedman per campioni dipendenti Aspetti teorici della misura della relazione di dipendenza tra due variabili nelle indagini campionarie: individuazione della funzione di regressione; calcolo parametri; attendibilità della stima della retta di regressione, significatività parametri della retta di regressione Aspetti teorici della misura del grado di associazione tra due caratteri: coefficiente di correlazione lineare di Bravais-Pearson ed inferenza su di esso; l indice di cograduazione di Spearman; l indice di Cramer Aspetti teorici della misura delle relazioni fra più variabili: modello lineare classico, la scelta delle variabili nelle indagini sociali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso è prevalentemente basato su ore di didattica frontale. Una parte delle ore sarà dedicata ad esercitazioni e ad approfondimenti degli argomenti sviluppati nel corso istituzionale BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE PER LO STUDIO DELLA DISCIPLINA Francesco DELVECCHIO, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci editore, Bari INDICAZIONI SU ESAMI FINALI ED EVENTUALI PROVE INTERMEDIE Non sono per il momento previste verifiche in itinere. L esame finale si svolgerà nella forma classica, quella orale, anche se gli studenti potranno essere chiamati a svolgere uno o più esercizi nel corso della prova. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 141 PRIMO ANNO - Primo semestre

12 PRIMO ANNO Secondo semestre STORIA DELLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA prof. Pietro BERALDI Tel FINALITÀ Il corso si propone, attraverso una ricognizione filologica dei testi più significativi di alcuni momenti dello sviluppo storico della storia delle idee del XIX e del XX secolo, di ricostruire i rapporti tra ragione filosofica e ragione scientifica e di individuarne l incidenza ideologica nel dibattito speculativo del nostro tempo. PROGRAMMA D ESAME P. BERALDI, John Stuart Mill. Potere della ragione e futuro dell uomo, Bari F. NIETZESCHE, I filosofi preplatonici, Bari 2005, pp. V-XXXV, 3-7, 25-45, AA.VV., Postfilosofie. Identità, alterità, riconoscimento, Bari (almeno tre saggi a scelta dello studente). ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso comprenderà un ciclo di lezioni e una serie di attività seminariali miranti ad approfondire alcune specifiche tematiche concordate, di volta in volta, con gli studenti. Gli studenti, che intendono sostenere l esame senza aver potuto frequentare il corso, possono concordare direttamente con il Professore la definizione del programma. MODALITÀ DI ACCERTAMENTO La valutazione prevede, al termine delle lezioni, un colloquio su quanto effettivamente svolto nell àmbito del corso. L esame non richiede alcuna forma di prenotazione: lo statino dovrà essere consegnato esclusivamente al momento del colloquio. RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI Il Professore riceve gli studenti il mercoledì dalle ore 9 alle 11 e al termine di ogni lezione. È possibile comunicare via all indirizzo indicato. 142 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

13 INTERAZIONE UOMO-MACCHINA prof.ssa Michelina SAVINO FINALITÀ DEL CORSO Il corso si pone l obiettivo di fornire le conoscenze di base dei processi della comunicazione umana, con particolare riferimento agli aspetti di multimodalità, e delle principali tecnologie utilizzabili da un sistema automatico per l interazione con l utente. L acquisizione di tali conoscenze ha come obiettivo complessivo lo sviluppo di abilità orientate alla progettazione e valutazione di sistemi di interazione multimodale uomomacchina. CONTENUTI DEL CORSO Introduzione al concetto di interazione uomo-macchina e descrizione degli ambiti di ricerca del settore Peculiarità dell organismo umano e peculiarità della macchina nella diade uomo-macchina Funzioni e caratteristiche multimodali della comunicazione umana: comportamento verbale e comportamento non-verbale Soluzioni tecnologiche per adeguare la macchina a modelli di elaborazione dell'informazione più simili alle modalità umane: analisi ed elaborazione automatica dei gesti, del linguaggio naturale scritto e di quello parlato Le interfacce multimodali: dalla progettazione alla valutazione. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso si articola in lezioni frontali. ESAME FINALE L esame finale consiste nella realizzazione di un piccolo progetto, corredato di relazione scritta, su un argomento inerente le tematiche del corso, a scelta dello studente e concordato con il docente, e nella discussione sui contenuti di tale progetto durante un colloquio orale. BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Il manuale base di riferimento è: Eleonora BILOTTA, Interfacce multimodali ed aspetti psicologici dell interazione uomo-computer, Ed. BIOS, Cosenza. Ulteriore materiale di approfondimento, indispensabile per la realizzazione del progetto, dipenderà dallo specifico argomento oggetto del progetto stesso. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 143 PRIMO ANNO - Secondo semestre

14 SOCIOLOGIA DELLA VITA QUOTIDIANA prof.ssa Letizia CARRERA Tel. studio FINALITÀ DEL CORSO Il corso si propone di offrire strumenti teorici idonei per una riflessione critica sulle dinamiche e sui mutamenti che interessano la società contemporanea, con una particolare attenzione all incidenza che i cambiamenti prodottisi nel mondo delle organizzazioni determinano nella vita quotidiana dei soggetti. CONTENUTI DEL CORSO Nella prima parte del corso, dopo una iniziale ricognizione delle matrici classiche della sociologia della vita quotidiana e della riflessione sociologica internazionale in questa dimensione trasversale della più ampia sociologia della cultura, ci si propone di analizzare alcuni dei principali temi legati ai tentativi ed alle modalità di governo dell incertezza di cui è sempre più intessuta la quotidianità sei soggetti. Nella seconda parte del corso l attenzione sarà centrata sulle ricadute che la flessibilizzazione del mercato del lavoro genera nei percorsi di vita individuali e nei più ampi scenari sociali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso sarà organizzato sulla base di lezioni frontali ed esercitazioni. ESAME FINALE Gli esami finali si svolgeranno in forma scritta ed orale. BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO M. RAMPAZI (a cura di), 2002, L incertezza quotidiana. politica, lavoro, relazioni nella società del rischio, Guerini, Milano. L. CARRERA, 2004, Viaggiare a vista. percorsi di vita in tempi di flessibilità, Franco Angeli, Milano. 144 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

15 PSICOLOGIA DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI prof.ssa Susanna ANNESE Tel FINALITÀ Il corso si propone di introdurre alla comprensione dei fondamenti concettuali e metodologici della psicologia delle comunicazioni sociali secondo una prospettiva psicosociale. TEMATICHE La prima parte del corso sarà dedicata all'analisi dei processi di comunicazione nonché ai differenti contesti sociali, dalla comunicazione interpersonale all interazione mediata, dalle comunicazioni di massa alle nuove forme di interazione virtuale. Nella seconda parte del corso verranno illustrate metodologie e ambiti di ricerca sviluppati per l'analisi delle diverse forme di comunicazione. ORGANIZZAZIONE Le lezioni teoriche saranno affiancate da esercitazioni pratiche allo scopo di illustrare i vari aspetti della comunicazione sociale. TESTI DI RIFERIMENTO Manuale: un testo a scelta tra: A. QUADRIO; L. VENINI (a cura di), La comunicazione nei processi sociali e organizzativi, Franco Angeli, Milano capp. 3, 4, 7, 8, 9, 10, 11, 14 (170 pp.) o in alternativa G. MININNI, Psicologia dei media, Laterza, Roma-Bari, 2004 (intero volume). Approfondimento: M.B. LIGORIO e H. HERMANS (a cura di), Identità dialogiche nell era digitale, Erickson, Trento, capp. 1, 2, 3, 5, 7, 8 (119 pp.) o in alternativa B. MAZZARA (a cura di), Metodi qualitativi in psicologia sociale, Carocci, Roma, 2002 capp. 1, 2, 4, 6, 7, 13 (122 pp.) MODALITÀ DI ACCERTAMENTO L'esame consisterà in una prova scritta e/o in un colloquio orale. Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 145 PRIMO ANNO - Secondo semestre

16 MODELLI DI MANAGEMENT E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE prof. Giancarlo TANUCCI Tel SCOPI Il corso introduce alle tematiche della gestione delle risorse umane nelle organizzazioni e nei istituzionali complessi. I temi d interesse che il corso intende sviluppare fanno riferimento, essenzialmente, al ruolo ed al contributo che la Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni è in grado di fornire per supportare l attività e le funzioni di manager, responsabili e gestori di risorse umane. Il programma si articola secondo un ciclo di lezioni frontali, di attività seminariali, di incontri/testimonianze dedicati in grado di illustrare il complesso di problematiche riguardanti modelli strumenti di gestione delle risorse umane, con particolare riferimento alla funzione e ruolo della Psicologia, in generale, e della Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni. L obiettivo complessivo dell offerta didattica è quello di mostrare come i costrutti ed i paradigmi tipici della psicologica sostengono e caratterizzano la funzione di management nelle organizzazioni e nei contesti sociali dedicati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Al termine del corso gli studenti saranno in grado di: dimostrare la conoscenza di contenuti e dei riferimenti teorici della Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni rilevanti per i contesti di gestione delle risorse umane posizionare e declinare il contributo delle Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni nel contesto delle funzioni gestionali e manageriali operazionalizzare gli strumenti e le metodologie, a base psicologica, relative ai diversi ambiti e funzioni del management organizzare e realizzare interventi di consulenza e di supporto alle funzioni manageriali per gli aspetti relativi alle risorse umane ed alle implicazioni di tipo organizzativo. CONTENUTI L articolazione complessiva delle tematiche che definiscono lo sviluppo didattico è il seguente: Il contesto di riferimento: La gestione della prestazione La cultura organizzativa I fattori individuali del comportamento organizzativo L organizzazione del lavoro e Job Design 146 Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

17 Personalità motivazione e strategie di apprendimento Il comportamento sociale La comunicazione nelle organizzativo Le relazioni interpersonali conflitti e negoziazioni Il potere e la leadership Il gruppo ed il team nelle organizzazioni Il gruppo struttura e processi Team Building and Team Development Relazioni intergruppi e gestione del conflitto La gestione delle organizzazioni L organizzazione struttura e assetto Le funzioni di pianificazione e controllo Le strategie di problem solving e decision making La gestione degli individui e delle organizzazioni Lo stress al lavoro caratteristiche e modelli gestionali Il cambiamento e lo sviluppo organizzativo Le strategie di management e di comportamento organizzativo TESTI D ESAME Testi di base AUTIERI E., Management delle risorse umane. Fondamenti professionali, Guerrini e Associati, Testi di approfondimento BOLOGNINI B., Comportamento organizzativo e gestione delle risorse umane, Roma, Carocci editore, I testi di approfondimento rappresentano parte integrante del programma e sono oggetto di accertamento per la parte relativa al report. METODI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO Le lezioni frontali svolte dal docente copriranno i 2/3 del monte-ore previsto ed hanno per oggetto le tematiche/contenuti di riferimento delle disciplina. Le attività seminariali hanno lo scopo di favorire e consolidare la ricognizione e la traduzione operativa delle pratiche professionali tipiche. MODALITÀ DI VALUTAZIONE La valutazione di profitto verrà condotta utilizzando tre diverse modalità capaci di accertare il livello di preparazione e di formazione raggiunto: a. Questionario a risposte multiple (QRM) La prova intende verificare il livello di familiarità e di conoscenza dello studente con i termini, i concetti e le definizioni che rappresentano la configurazione di base della disciplina. Il QRM è composto da 30 domande estratte casualmente da un bata-base di 300 questi relativi agli argomenti in programma. b.tesina La prova intende verificare la capacità del candidato di realizzare un Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 147 PRIMO ANNO - Secondo semestre

18 elaborato di pagine A4 (redatte secondo i criteri comuni delle tesi di laurea) su una delle tematiche presentate e sviluppate nelle lezioni frontali e nei seminari e affrontate nel testo di base e in quelli di approfondimento. La stesura della tesina è cosi definita: a. contesto di riferimento e ricognizione della letteratura b. definizione del campo di trattazione c. presentazione della struttura espositiva della tesina d. sviluppo ed argomentazione e. conclusione f. bibliografia citata L elaborato è valutato considerando la completezza della trattazione, la pertinenza argomentativa e l adeguatezza dell esposizione rispetto alla struttura indicata. c) Presentazione La prove intende verificare la specifica capacità del candidato di presentare, argomentare e difendere il proprio elaborato in una sessione di presentazione, opportunamente supportata da sussidi e strumenti didattici ed espositivi. La presentazione è valutata considerando il livello dei contenuti presentati, la struttura della presentazione e le competenze espositive del candidato. RICEVIMENTO STUDENTI L orario di ricevimento studenti, nel primo semestre, è il seguente: Lunedì ore 14,00 15,30 Martedì ore 9,00 10,30 TESI Le tesi di laurea vengono assegnate a partire da un progetto elaborato dal candidato sui temi di riferimento della disciplina. Sono previste tesi di tipo empirico e di tipo compilativo. RECAPITI DEL DOCENTE Lo studio del prof. Tanucci è presso il Dipartimento di Psicologia, Palazzo Ateneo, Piazza Umberto I, 1; 3 piano (lato via Crisanzio). Recapito telefonico: Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI PRIMO ANNO - Secondo semestre

19 PSICOLOGIA DELLE RELAZIONI INTERGRUPPI prof.ssa Carmencita SERINO Tel / FINALITÀ DEL CORSO Il Corso si propone di approfondire l analisi dei processi intra- e intergruppi con riferimento all ampia letteratura che in quest ambito sviluppa sia l analisi socio-cognitiva sul confronto e la categorizzazione sociale, sia lo studio delle dinamiche interne al funzionamento dei gruppi nelle organizzazioni. Vengono messi a fuoco: il tema del pregiudizio, come chiave di lettura e sfida a quanti si pongano l obiettivo di migliorare le relazioni interpersonali e gli atteggiamenti intergruppi; le dimensioni affettive delle relazioni intergruppi, com particolare riferimento al tema dell empatia, un fenomeno considerato centrale nella promozione di comportamenti pro-sociali. ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il Corso prevede lezioni frontali ed esercitazioni. BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE BROWN R.(2000), Psicologia Sociale dei gruppi, Bologna, Il Mulino. Verranno inoltre analizzati e discussi due articoli scientifici che approfondiscono i temi del corso e che verranno presentati e resi disponibili all inizio del corso. Saranno resi disponibili durante il corso materiali per approfondimenti, esercitazioni pratiche e attività di formazione integrative, che daranno luogo al riconoscimento di un credito ai fini dell esame. NB: Altre informazioni sul sito (in corso di aggiornamento). Laurea MAG. PSICOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE - BARI 149 PRIMO ANNO - Secondo semestre

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN  PSICOLOGIA  MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO FINALITA : il corso propone di fornire agli studenti le nozioni di base della Medicina del lavoro al fine di

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE 1. Denominazione del corso di studi Scienze psicologiche 2. Classe di appartenenza

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Marketing (Anno II, semestre I, n 9

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Scolastica e dell'educazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ART. 1

FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ART. 1 SEZIONE DODICESIMA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ART. 1 Alla Facoltà di Psicologia afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche Laurea in Scienze e tecniche

Dettagli

ORDINAMENTO AI SENSI DEL D.M. 509/99

ORDINAMENTO AI SENSI DEL D.M. 509/99 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN CULTURE DIGITALI E DELLA COMUNICAZIONE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN CULTURE DIGITALI E DELLA COMUNICAZIONE ORDINAMENTO AI SENSI DEL D.M. 509/99 Il corso di laurea (CdL) in

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO- SOCIALE (CLASSE 34) MANIFESTO DEGLI STUDI

CORSO DI LAUREA IN DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO- SOCIALE (CLASSE 34) MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2003/2004 CORSO DI LAUREA IN DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO- SOCIALE (CLASSE 34) (Corso di laurea a distanza con il Consorzio NETTUNO) MANIFESTO DEGLI STUDI UNIVERSITA DEGLI STUDI

Dettagli

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI PRESSO L UNIVERSITÀ IULM LIBERA UNIVERSITÀ DI LINGUE E COMUNICAZIONE. La Fondazione Roma e la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM organizzano

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO CONSIGLIO DI CORSO DI STUDIO I Consigli di Corso di Studio sono costituiti da tutti i docenti che insegnano

Dettagli

PSICOLOGIA SOCIALE E AMBIENTALE A.A. 2015/16. Il corso quest'anno viene tenuto dal prof. Rainisio PSICOLOGIA SOCIALE E AMBIENTALE A.A.

PSICOLOGIA SOCIALE E AMBIENTALE A.A. 2015/16. Il corso quest'anno viene tenuto dal prof. Rainisio PSICOLOGIA SOCIALE E AMBIENTALE A.A. PSICOLOGIA SOCIALE E AMBIENTALE A.A. 2015/16 Il corso quest'anno viene tenuto dal prof. Rainisio PSICOLOGIA SOCIALE E AMBIENTALE A.A. 2014/2015 I semestre 60 ore 9 crediti. Titolari: Prof. Inghilleri Paolo,

Dettagli

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA in CONVENZIONE CON L IPSEF SRL Ente accreditato al MIUR per la formazione al personale della scuola istituisce ed attiva il Corso di Perfezionamento

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie Corso di Laurea Magistrale in Scienz delle professioni sanitarie Il corso di Laurea Magistrale in Scienze della Riabilitazione comprende unità didattiche in numero non inferiore a 0 crediti. Sono ammessi

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche per l interculturalità e la media education Classe di laurea LM-85 Scienze Pedagogiche

Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche per l interculturalità e la media education Classe di laurea LM-85 Scienze Pedagogiche Nome insegnamento: MEDIA EDUCATION Tipo di valutazione: Voto in trentesimi Calendario delle attività didattiche: cfr. il calendario delle lezioni Organizzazione della didattica: Lezioni frontali con discussione

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

DISFOR - DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO COGNITIVO (CON LABORATORIO) - COD. 67328

DISFOR - DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO COGNITIVO (CON LABORATORIO) - COD. 67328 DISFOR - DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO COGNITIVO (CON LABORATORIO) - COD. 67328 Corso di Laurea Magistrale in Psicologia A.A. 2015/2016 DOCENTE Sergio Morra e-mail:

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 Corso di Laurea in VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI TURISTICO-CULTURALI Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Master in selezione del personale

Master in selezione del personale Master in selezione del personale Il Centro Formativo Provinciale Zanardelli,, in collaborazione con Seleform e Centro Scuole Athena, organizza un corso di formazione specialistica nell ambito della ricerca

Dettagli

MARKETING ADVANCED Prof. Fabrizio Mosca. PROGRAMMA E INDICAZIONI PER GLI STUDENTI Anno Accademico 2014-2015 e successivi

MARKETING ADVANCED Prof. Fabrizio Mosca. PROGRAMMA E INDICAZIONI PER GLI STUDENTI Anno Accademico 2014-2015 e successivi MARKETING ADVANCED Prof. Fabrizio Mosca PROGRAMMA E INDICAZIONI PER GLI STUDENTI Anno Accademico 2014-2015 e successivi Il corso di Marketing Advanced si propone di approfondire alcune tematiche che non

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale

Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale Programmazione linguistica: linee guida Centro Linguistico di Ateneo via Verdi, 8 - I piano tel. +39 0461 283460 cla@unitn.it http://web.unitn.it/cla Pag. 1

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

SVILUPPO (Modulo A) Docente responsabile Nome Cognome Indirizzo Mail SSD ALESSANDRO TAURINO

SVILUPPO (Modulo A) Docente responsabile Nome Cognome Indirizzo Mail SSD ALESSANDRO TAURINO Principali informazioni sull insegnamento Corso di studio Curriculum Crediti formativi Denominazione dell'insegnamento Denominazione inglese (Modulo A) Denominazione generale insegnamento (modulo A+B)

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

ORDINAMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE

ORDINAMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE ORDINAMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE Obiettivi formativi specifici. La laurea specialistica in Scienze intende offrire un percorso formativo completo, finalizzato alla preparazione

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Psicologia XXXXX Servizio orientamento FOTO Milano - Largo A. Gemelli, 1 Scrivi a servizio.orientamento@unicatt.it Telefona al numero 02 72348530 da lunedì a venerdì ore 9.30-12.30

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56)

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) Il corso di laurea in breve Il corso di laurea magistrale in Scienze Economiche, in modalità E-learning, mira a consentire l'acquisizione di conoscenze

Dettagli

ECONOMIA E MANAGEMENT

ECONOMIA E MANAGEMENT CORSO DI LAUREA TRIENNALE A.A. 2015 / 2016 COSA STAI CERCANDO? LUIGI MARENGO DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO Le solide basi teoriche, la vocazione internazionale e l orientamento in parte specialistico dal

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ART. 1

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ART. 1 SEZIONE PRIMA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ART. 1 Alla Facoltà di Giurisprudenza afferiscono i seguenti corsi di laurea specialistica: a) corso di laurea specialistica in Giurisprudenza b) corso di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof.ssa

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

CFU: 9 ANNO ACCADEMICO: 2013-2014 SEMESTRE: Primo semestre OBIETTIVI FORMATIVI

CFU: 9 ANNO ACCADEMICO: 2013-2014 SEMESTRE: Primo semestre OBIETTIVI FORMATIVI DOCENTE: Franco Tutino TITOLO DELL INSEGNAMENTO: Economia e Gestione della Banca Modelli operativi e gestionali SSD: SECS- P/11 CORSO DI LAUREA: Scienze aziendali (a partire dall A.A. 2012-2013) Banca,

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

Corsi di laurea. magistrale. Lettere e filosofia. Laurea magistrale in Gestione di contenuti digitali per i media, le imprese e i patrimoni culturali

Corsi di laurea. magistrale. Lettere e filosofia. Laurea magistrale in Gestione di contenuti digitali per i media, le imprese e i patrimoni culturali brescia a.a. 2015-16 Corsi di laurea magistrale Lettere e filosofia Laurea magistrale in Gestione di contenuti digitali per i media, le imprese e i patrimoni culturali Facoltà di Lettere e filosofia 1

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Master Universitario annuale di II livello in IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56)

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico ha l obiettivo

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SICUREZZA DEI SISTEMI E DELLE RETI INFORMATICHE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SICUREZZA DEI SISTEMI E DELLE RETI INFORMATICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SICUREZZA DEI SISTEMI E DELLE RETI INFORMATICHE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea in Sicurezza dei sistemi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT LM68

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT LM68 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT LM68 GENERALITA : Il corso consiste di 4 semestri su due annualità che ammontano rispettivamente a 66 e 54 CFU per un totale di 120 CFU. Il

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO TELEMATICO IN SCIENZE PSICOLOGICHE CLASSE L-24

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI STUDI DI IMPRESA, GOVERNO E FILOSOFIA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA (Master in presenza)

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria)

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 Presentazione

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E TECNICHE DEI LINGUAGGI PERSUASIVI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E TECNICHE DEI LINGUAGGI PERSUASIVI Approvato dal Consiglio di Facoltà del 24 Marzo 2004 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E TECNICHE DEI LINGUAGGI PERSUASIVI (classe n. 101/s Teoria della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA Premessa Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea magistrale in Comunicazione

Dettagli

Laurea in D.M. 270/04 SCUOLA DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA SCUOLA DI INGEGNERIA DEI SISTEMI SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ LAUREA MAGISTRALE IN

Laurea in D.M. 270/04 SCUOLA DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA SCUOLA DI INGEGNERIA DEI SISTEMI SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ LAUREA MAGISTRALE IN Laurea in D.M. 270/04 LAUREA MAGISTRALE IN (D.M. 270/04) I nuovi scenari La sfida ambientale Le potenzialità della tecnologia Le dinamiche dell innovazione 2 Queste sfide richiedono: Nuove abilità e aggregazioni

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE

CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 Istituzione. Presso la Facoltà di Ingegneria sede di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA (L-13 Classe delle lauree in scienze biologiche)

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA (L-13 Classe delle lauree in scienze biologiche) UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA (L-13 Classe delle lauree in scienze biologiche) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 ART.

Dettagli

Tecnico/a vendite. Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello

Tecnico/a vendite. Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello Tecnico/a vendite Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello 1. Descrizione del profilo professionale 2. Requisiti di accesso 3. Durata dell apprendistato 4. Formazione formale 5. Quadro formativo

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA. 274 Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Sociologia 273

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA. 274 Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Sociologia 273 Facoltà di Sociologia 273 274 Università degli Studi di Napoli Federico II CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN 10.1 Ordinamento Didattico e Articolazione del corso di laurea Il Corso di Laurea Specialistica

Dettagli

"Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU)

Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica (1500 h 60 CFU) Master di I livello In "Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 edizione I sessione III Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA Master Universitario annuale di I livello in convenzione con l IPSEF Srl Ente accreditato al MIUR per la formazione al personale della scuola in STRATEGIE

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016 Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015-201 Denominazione del Corso di Studio Scienze della Formazione Primaria Denominazione

Dettagli

MODELLO PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISCIPLINA Economia aziendale. classe quinta AFM/SIA

MODELLO PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISCIPLINA Economia aziendale. classe quinta AFM/SIA MODELLO PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISCIPLINA Economia aziendale classe quinta AFM/SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA TOMO 1 MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE

Dettagli

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Master Universitario annuale di II livello in RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2015/2016 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI

Dettagli

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione)

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) in GESTIONE DEL COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE Anno Accademico 015/016 Presso l Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma

Dettagli

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1 BANDO MASTER IIN IINTERNATIIONAL BUSIINESS STUDIIES Accrediitato ASFOR IIXX ediiziione Anno 2014/2015 1 Indicazioni generali Il CIS è la Scuola per la Gestione d Impresa di Unindustria Reggio Emilia operante

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

PREREQUISITI Conoscenza dei concetti di base, che saranno argomento delle prime 10 lezioni.

PREREQUISITI Conoscenza dei concetti di base, che saranno argomento delle prime 10 lezioni. PROGRAMMA D ESAME Laurea: Comunicazione Internazionale e Pubblicitaria Insegnamento: Economia e gestione delle imprese Curriculum: Pubblicitario Anno di corso: I Semestre: I Docente: Mauro Bernacchi Anno

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Università degli Studi di Siena

Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena Corsi di Laurea Magistrale per l insegnamento nella scuola secondaria di primo grado istituiti in base al D.M. 249 del 10 settembre 2010 Estratti dagli Ordinamenti Didattici

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII )

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII ) 1 REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII ) Articolo 1 - Denominazione del Corso di Studio e classe di appartenenza 1. E istituito

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

Programmi del primo anno

Programmi del primo anno Formazione alle professioni educative Programmi del primo anno Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04) valido per gli studenti immatricolati a partire dal 01/08/2009 Pedagogia sociale M-PED/01 Responsabile del

Dettagli