Avere un bambino. Guida al percorso nascita nella AUSL 2. USL n 2 Azieda Sanitaria Regionale dell Umbria. Prima della gravidanza.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avere un bambino. Guida al percorso nascita nella AUSL 2. USL n 2 Azieda Sanitaria Regionale dell Umbria. Prima della gravidanza."

Transcript

1 USL n 2 Azieda Sanitaria Regionale dell Umbria Prima della gravidanza La Gravidanza Il Parto Avere un bambino Il Ritorno a casa Guida al percorso nascita nella AUSL 2

2

3 Avere un bambino Negli ultimi anni l Azienda Sanitaria USL n. 2 si è fortemente impegnata nel miglioramento e nell umanizzazione del percorso nascita, vale a dire di tutti i servizi che assicurano la preparazione e l assistenza all evento nascita. Abbiamo investito nel rendere più confortevoli e adeguate sia le sedi dei Consultori e gli ambienti dove si svolgono i Corsi di preparazione al parto sia i tre Punti Nascita degli Ospedali di Assisi, Castiglione del Lago e Marsciano. Attraverso la formazione continua dei nostri operatori, la promozione della qualità nell assistenza al parto ed il sostegno dell allattamento al seno, abbiamo voluto puntare alla tutela della gravidanza e del parto intesi come eventi naturali, ma sempre più sicuri e garantiti. Ci auguriamo quindi che questa guida, rappresenti un valido aiuto per conoscere questi servizi dedicati al percorso nascita e per consentirne una scelta consapevole; e accompagni la donna e la coppia durante quello che viene considerato il più intenso ed emozionante momento della loro vita. Il Direttore Generale Walter Orlandi

4 Avere un bambino Indice Prima della gravidanza Cosa è utile sapere Dove andare e a chi rivolgersi La gravidanza Il monitoraggio della gravidanza Cosa è utile sapere Dove andare e a chi rivolgersi I Corsi di preparazione al parto Dove andare e a chi rivolgersi Tutela della maternità Dove andare e a chi rivolgersi Il Parto e la Nascita Cosa è utile sapere Punti Nascita Il ritorno a casa Cosa è utile sapere Dove andare e a chi rivolgersi pag.05 pag.05 pag.06 pag.08 pag.08 pag.08 pag.12 pag.13 pag.14 pag.15 pag.16 pag.17 pag.17 pag.17 pag.20 pag.20 pag.20 Sedi e recapiti pag.21/22

5 Prima della gravidanza Prima della gravidanza Cosa è utile sapere? Prima di affrontare una gravidanza, è opportuno, qualora non sia già stato fatto, consultare un ginecologo per una valutazione dell apparato riproduttivo, al fine di: accertare malattie preesistenti e condizioni di rischio che possano pregiudicare la gravidanza; prevenire malattie pericolose per la donna e per il feto. Può essere opportuna, secondo le indicazioni del ginecologo, anche una consulenza genetica, per verificare se sussista il rischio di una malattia ereditaria in famiglia o il rischio di comparsa di una patologia (legata alla assunzione di farmaci o alla esposizione ad agenti fisici, chimici o infettivi), che possa determinare malformazioni nel nascituro. Tale consulenza si realizza mediante un colloquio con professionisti esperti. 05

6 Prima della gravidanza * Dove andare e a chi rivolgersi? Consultori Il Servizio Consultoriale, ha il compito di tutelare la salute della donna per problemi inerenti la fertilità, il concepimento, la salute sessuale e per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse. I Consultori hanno sede presso i Centri di Salute di ogni Distretto. Per indirizzi e recapiti telefonici dei consultori vedi pag. 21/22. Procedure e ticket Il servizio Consultoriale è gratuito; per accedere: non occorre prescrizione medica non occorre prenotazione al CUP è sufficiente prendere appuntamento per telefono o di persona. Ambulatori ospedalieri * Anche gli ambulatori ospedalieri effettuano prestazioni per problemi inerenti la fertilità, il concepimento e la salute sessuale e per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse. Gli ambulatori di ostetricia e ginecologia dell Azienda USL n 2 hanno sede presso gli ospedali di Assisi, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Marsciano e Todi. Per indirizzi e recapiti telefonici degli ambulatori ospedalieri vedi pag. 21/22 Procedure e ticket La visita ginecologica in ospedale: si prenota presso il CUP è soggetta al pagamento di un ticket 06

7 Prima della gravidanza Ambulatorio genetico * La consulenza genetica, per verificare il rischio di malattie ereditarie, si effettua nell ambulatorio genetico che ha sede nel Centro di Salute di Bastia Umbra. Procedure e ticket Per accedere ad una consulenza genetica di primo livello occorre: la richiesta redatta su ricettario regionale da parte del medico curante o dallo specialista di struttura pubblica; una prenotazione telefonica diretta: - al tel venerdì dalle 8.30 alle al tel negli altri giorni della settimana la consulenza preconcezionale e gli esami preconcezionali più importanti sono esenti da ticket 07

8 La Gravidanza La gravidanza Cosa é utile sapere? Il monitoraggio della gravidanza La gravidanza è un evento fisiologico, e normalmente evolve sino al compimento senza particolari problemi; però è un evento della vita della donna che comporta notevoli modificazioni sia sul piano fisico che emotivo; quindi deve essere adeguatamente seguita, anche con visite periodiche, analisi ematochimiche ed accertamenti strumentali. In una gravidanza normale vengono consigliati esami, efficaci a tutelare la salute della donna e lo sviluppo del feto e quindi gratuiti, per tutte le donne che si rivolgono alle strutture pubbliche. In alcuni casi il ginecologo può ritenere opportuno effettuare anche ulteriori esami, che potrebbero essere soggetti al pagamento di un ticket. Gli esami da fare cambiano nelle diverse fasi della gravidanza, perché sono diversi gli elementi di rischio da tenere sotto controllo. Nel primo trimestre della gravidanza Gli esami in questa fase hanno l obiettivo principale di controllare lo stato di salute della donna, per individuare per tempo eventuali fattori di rischio per lei e il suo bambino; servono inoltre ad accertare l epoca della gravidanza. Nel secondo trimestre della gravidanza Gli esami, in questa fase, hanno l obiettivo di valutare l evoluzione del feto allo scopo di accertarne il regolare sviluppo ed effettuare la diagnosi precoce di eventuali malformazioni. Nelle situazioni più gravi il ginecologo fornisce alla donna ed al partner tutti gli elementi per la scelta su un eventuale interruzione di gravidanza, che, in questi casi, entro la 24 settimana, è legalmente possibile. 08

9 La Gravidanza Durante la visita ginecologica, è utile anche effettuare un esame del seno, per valutarne le condizioni ed avere le indicazioni utili per favorire l allattamento al seno del proprio bambino. Per le donne con età uguale o superiore a 35 anni o per le situazioni in cui esistano in famiglia una sindrome di Down o altre alterazioni cromosomiche si prenderà in considerazione l opportunità di fare un amniocentesi tra la 16 e la 18 settimana. Questa permette, con il prelievo del liquido amniotico attraverso la parete addominale, di esaminare i cromosomi delle cellule fetali in esso contenute. Per la risposta ci vuole un pò di tempo e l esame, a tutt oggi, mantiene un certo rischio di abortività. Nel terzo trimestre della gravidanza Durante il terzo trimestre, gli esami proposti hanno lo scopo di controllare sia la salute della gravida che l accrescimento e il benessere fetale. Abitudini di vita In gravidanza oltre fare i controlli periodici, è altrettanto importante adottare e mantenere uno stile di vita sano: con una buona alimentazione e con l interruzione di abitudini a rischio (il fumo in primo luogo, un pericolo reale per il feto). Per qualunque dubbio in merito a: pratica di uno sport, viaggi e spostamenti, rapporti sessuali, cure del corpo (parrucchiere,ecc) ci si può rivolgere all ostetrica o al ginecologo del consultorio o dell ambulatorio ospedaliero. Inoltre chi frequenta i Corsi di Preparazione al Parto ed alla Nascita organizzati dalla Azienda USL n 2 (vedi pagina 14) avrà l occasione di apprendere tutto ciò che può aiutare ad adottare comportamenti favorevoli alla salute della donna e del bambino. 09

10 La Gravidanza Esami da effettuare Nel primo trimestre della gravidanza Controllo del peso Pressione Arteriosa Visita ginecologica (ed eventuale pap-test) Ecografia Gruppo sanguigno Fattore Rh Test di Coombs indiretto (ricerca anticorpi antiglobuli rossi in donne Rh negative) Emocromo con piastrine Glicemia Transaminasi Azotemia e creatininemia VDRL e TPHA (test sierologici per la sifilide) Anticorpi anti HIV (test sierologico per l AIDS) Anticorpi anti Toxoplasma Anticorpi anti Rosolia Anticorpi anti Citomegalovirus Esame delle urine Nel secondo trimestre della gravidanza Controllo del peso Pressione arteriosa Visita ginecologica Battito Cardiaco Fetale Ecografia Emocromo Glicemia Anticorpi anti Toxoplasma (se risultati negativi nel trimestre precedente) Test di Coombs indiretto (se risultato negativo nel trimestre precedente) Esame urine Urinocoltura 10

11 La Gravidanza Esami da effettuare Nel terzo trimestre della gravidanza Controllo del peso Pressione arteriosa Visita ginecologica Misura sinfisi - fondo Ecografia Movimenti Attivi Fetali Battito Cardiaco Fetale Emocromo (con ferritina in caso di ridotto volume dei globuli rossi) Glicemia Azotemia e creatininemia Transaminasi Markers per epatite B e C Anticorpi anti HIV (ricerca anticorpi per AIDS) Anticorpi anti Toxoplasma (se risultati negativi nel trimestre precedente) Test di Coombs indiretto (se risultato negativo nel trimestre precedente) Esame urine Tampone vaginale 11

12 La Gravidanza Dove andare e a chi rivolgersi Sia gli operatori del consultorio che gli operatori degli ambulatori ostetrici ospedalieri si prendono cura della gestante fin dai primi giorni, affrontando insieme alla donna ed al suo partner eventuali dubbi, effettuando i controlli previsti in gravidanza e prescrivendo gli accertamenti necessari. * Consultori Sono dislocati in tutto il territorio dell Azienda USL n 2. Per indirizzi e recapiti telefonici dei consultori vedi pag.21/22. Procedure e ticket tutte le prestazioni per la gravidanza sono gratuite non occorre prescrizione medica non occorre prenotazione al CUP è sufficiente prendere appuntamento per telefono o di persona Ogni gestante avrà la propria scheda di gravidanza (diario puntuale sull andamento della gravidanza e sugli esami effettuati), come proprio promemoria e come documentazione da consegnare agli operatori ospedalieri al momento del parto. Ambulatori ostetrici ospedalieri * Gli ambulatori ove si effettua il monitoraggio della gravidanza sono presso gli ospedali di Assisi, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Marsciano e Todi. Per indirizzi e recapiti telefonici degli ambulatori ospedalieri vedi pag.21/22. Procedure e ticket non occorre prescrizione medica è necessario prenotare le visite e gli accertamenti indicati alle pagine 10/11 sono gratuite 12

13 La Gravidanza I Corsi di Preparazione al Parto e alla Nascita Per accompagnare la donna ed il suo partner in un momento così centrale della propria esperienza di vita la Azienda USL n 2 organizza i Corsi di Preparazione al Parto ed alla Nascita, con l obiettivo di: aumentare la capacità della donna di collaborare attivamente al travaglio e di controllare il dolore, poiché se nel parto naturale è impossibile eliminarlo, è tuttavia possibile imparare ad affrontarlo e gestirlo; sostenere il senso di adeguatezza delle gestanti e dei loro partner nell assumere i propri ruoli, sia durante la gravidanza, (in cui profonde modificazioni segnano il corpo e la vita emotiva della donna) sia come neo genitori. I Corsi vengono svolti secondo un modello aziendale teso a garantire qualità ed efficacia e forniscono informazioni corrette ed aggiornate sulla gravidanza, sull espletamento del travaglio e del parto e sulle cure al neonato. Ogni corso ha la durata di circa due mesi, con uno o due incontri settimanali e si rivolge a gruppi di gestanti di numero variabile secondo la sede. Ogni incontro prevede sia momenti informativi e di confronto tra gestanti e operatori, sia l apprendimento di tecniche di rilassamento per la gestione del dolore durante il travaglio e il parto. La condivisione nel gruppo dei vissuti della gravidanza e la discussione sulle informazioni fa sì che progressivamente il gruppo stesso diventi strumento di aiuto reciproco e consenta l instaurarsi di relazioni di aiuto e solidarietà tra le gestanti, anche al di fuori della esperienza del corso. Gli operatori che conducono i corsi sono ostetriche, ginecologi, pediatri e assistenti sociali. E bene informarsi e programmare per tempo la partecipazione ad un corso di preparazione al parto ed alla nascita, in modo da non iniziarlo oltre il 7 mese. 13

14 La Gravidanza Dove andare e a chi rivolgersi I Corsi si tengono presso le seguenti sedi consultoriali e ospedaliere: Perugia Centro Residenziale Le Fornaci San Marco tel Magione Centro di salute tel Castiglione del Lago Ospedale - Unità Operativa di Ostetricia tel Deruta Centro di salute tel Marsciano Ospedale - Unità Operativa di Ostetricia tel Todi Ospedale - Centro di monitoraggio della Gravidanza tel Assisi Ospedale - Unità Operativa di Ostetricia tel Procedure e ticket I Corsi sono completamente gratuiti. Per iscriversi o avere ulteriori informazioni rivolgersi all ostetrica delle sedi indicate. 14

15 La Gravidanza Tutela della maternità I diritti fondamentali della donna e della lavoratrice in gravidanza sono regolati dagli anni 70 dalla legge n.1204 del 31 dicembre 1971, ma attualmente è il Testo Unico n 151/2001 la norma che disciplina i congedi, i riposi, i permessi e la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, connessi alla maternità e paternità, e che regola il sostegno economico alla maternità e paternità. Per lavoratrice o lavoratore si intendono i dipendenti (compresi quelli in apprendistato) di amministrazioni pubbliche e di datori di lavoro privati, oltre che i soci lavoratori di cooperative. La legge italiana prevede inoltre disposizioni a tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici durante la gravidanza e fino al 7 mese di vita del bambino. I diritti dei neo-genitori sono: congedo per maternità, ossia astensione obbligatoria dal lavoro della lavoratrice: il periodo complessivo è di 5 mesi e decorre dal compimento del 7 mese di gravidanza, ma la gestante, se non ha problemi di salute, può posticipare l inizio del congedo al compimento dell 8 mese, prolungandolo dopo la nascita fino al 4 mese di vita del bambino. La lavoratrice percepisce un indennità giornaliera pari all 80% della retribuzione, per tutto il periodo di congedo congedo per paternità, ossia astensione dal lavoro del lavoratore quando la lavoratrice madre non può utilizzare il congedo per un suo grave impedimento personale: il padre lavoratore può utilizzare la parte di astensione obbligatoria successiva alla nascita (3 mesi) Il trattamento economico è lo stesso previsto per il congedo di maternità congedo parentale, ossia astensione facoltativa dal lavoro della lavoratrice o del lavoratore: per ogni bambino fino ad 8 anni di vita ciascun genitore ha diritto di astenersi dal lavoro per un periodo complessivo di 10 mesi (11 qualora il padre usufruisca di congedo continuativo o frazionato non inferiore a 3 mesi) L indennità economica è pari al 30% della retribuzione fino al 3 anno di vita del bambino e per un periodo massimo complessivo 15

16 La Gravidanza di 6 mesi di congedo; per il restante periodo di astensione facoltativa l indennità è correlata al reddito del singolo genitore interessato congedo per malattia del figlio, cioè astensione facoltativa dal lavoro della lavoratrice o del lavoratore in relazione ad una malattia del figlio: entrambi i genitori hanno diritto ad astenersi dal lavoro (alternandosi fra loro) in caso di malattie dei figli di ètà non superiore a 3 anni. Per i figli di età fra 3 e 8 anni i genitori possono astenersi dal lavoro per un massimo di 5 giorni lavorativi all anno I periodi di congedo di malattia non danno diritto a copertura economica ma solo previdenziale riposi e permessi; durante il primo anno di vita del bambino la lavoratrice madre (o il lavoratore padre in alcuni casi particolari) ha diritto al riposo giornaliero di 1 o 2 ore, a seconda che l orario di lavoro sia inferiore o pari a 6 ore al giorno. In caso di parto plurimo i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiunte possono essere utilizzate anche dal padre. L indennità economica per i periodi di riposo o permessi è pari al 100% della retribuzione assegno di maternità; per ogni figlio nato dal 1 gennaio 2001 è concesso alle madri residenti (cittadine italiane o comunitarie o in possesso di carta di soggiorno) che non beneficiano di altre indennità di maternità un assegno di maternità di 1291,14 euro ( ) complessivi. Dove andare e a chi rivolgersi Per informazioni in merito alle disposizioni di legge e agli interventi socio-assistenziali a sostegno del nucleo familiare si possono contattare i servizi sociali dei consultori e dei centri di salute della propria zona di residenza. Indirizzi e recapiti telefonici sono alle pag. 21/22 16

17 Il Parto e la nascita Il Parto La Gravidanza Cosa é utile sapere? Dopo una gravidanza normale, il parto è di solito un evento naturale, che però va seguito con continuità ed attenzione e nel rispetto del suo andamento spontaneo. Per offrire alle partorienti ed ai loro bambini un assistenza appropriata ed efficace, bisogna garantire un attento monitoraggio del travaglio e parto; ed al tempo stesso bisogna assicurare un aiuto concreto ed un sostegno emotivo costante alla donna; tutto ciò permetterà di avere un parto a misura delle sue esigenze e alla coppia di vivere serenamente e da protagonista questo momento. Punti Nascita I Punti Nascita della Azienda USL n 2 sono presso gli Ospedali di Assisi, Castiglione del Lago e Marsciano. Cosa offrono Un accoglienza attenta e cordiale: gli operatori forniscono tutte le informazioni desiderate e spiegano le procedure di assistenza praticate. La facilità di comunicazione con medici, ostetriche e infermiere e la disponibilità all ascolto, sono parte integrante del clima e dello stile di lavoro; tutto ciò è favorito dalle dimensioni contenute delle strutture, che contribuiscono a creare un ambiente familiare, dove è più facile realizzare un assistenza su misura e dare spazio alle esigenze della donna e della sua famiglia. Punto Nascita di Assisi: l ostetrica accoglie in reparto la coppia 17

18 Il Parto Il supporto costante dell ostetrica che: mette a disposizione della gestante la sua esperienza e i suoi consigli, perché ogni donna li faccia propri e conduca in prima persona i ritmi e i tempi del proprio travaglio; infonde sicurezza controllando con pazienza, senza fretta, l andamento del travaglio e le condizioni della madre e del bambino; aiuta a ricordare e applicare le tecniche per il rilassamento e il controllo del dolore. Il partner o una persona di fiducia sempre accanto. Un travaglio personalizzato: con la possibilità di muoversi liberamente e di assumere le posizioni che si sentono più naturali (a Castiglione del Lago viene offerta anche la possibilità di effettuare sia il travaglio sia il parto in acqua). La presenza del pediatra in sala parto. Punto Nascita di Castiglione del Lago: la sala con la vasca per il parto in acqua 18

19 Il Parto Alla nascita: la pratica del contatto pelle a pelle, appoggiando sul grembo della madre il bimbo appena nato, per favorire il riconoscimento dei reciproci odori e consentire l attaccamento precoce al seno materno. Il sostegno costante di tutto il personale per favorire l allattamento al seno. Un ambiente confortevole dal punto di vista alberghiero: per ritrovare la privacy e la comodità di casa propria; perché i neogenitori possano stare nell intimità con il proprio figlio, imparando da subito a prendersene cura sotto la guida discreta dei sanitari. La possibilità del rooming in: ovvero il neonato da subito accanto alla mamma, per consentire di attaccarlo al seno ogni volta che lo richieda, favorendo così la montata lattea e un allattamento materno senza problemi. Punto Nascita di Marsciano: rooming in - la culla del bambino accanto alla madre 19

20 Il Ritorno a casa Il ritorno a casa Cosa é utile sapere? Dopo la dimissione dall ospedale i servizi sanitari della Azienda USL n 2 continuano a garantire assistenza e sostegno alla madre ed al bambino. Dove andare e a chi rivolgersi la puerpera potrà rivolgersi all ostetrica o al ginecologo del Punto Nascita dove ha partorito o al consultorio a lei più vicino. Oltre a controllare l andamento del puerperio, gli operatori consultoriali, ove possibile, potranno essere di aiuto anche a domicilio, per supportare la coppia di fronte ai primi problemi e sostenere la madre nel favorire un corretto allattamento al seno per il bambino sarà il pediatra del Punto Nascita che, alla dimissione, programmerà un primo controllo dopo una settimana ed un secondo dopo un mese; è però importante che prima possibile venga scelto il pediatra di base, in modo che questo possa cominciare a seguire il bambino fin di primi giorni di vita inoltre nelle sedi dei Corsi di Preparazione al Parto vengono organizzati incontri di gruppo con le madri/coppie anche dopo la nascita, per fornire informazioni e consigli utili sul rientro a casa e occasioni di confronto con esperti ed altri neo genitori. 20

21 Sedi e recapiti Avere un bambino Consultori c/o Centri di salute DISTRETTO DEL PERUGINO Via XIV Settembre Madonna Alta San Marco San Sisto Castel del Piano Ellera Ponte Felcino Ponte Pattoli Ponte Valleceppi Ponte San Giovanni Torgiano DISTRETTO DELL ASSISANO Santa Maria degli Angeli - Via San B. da Siena Valfabbrica - Via Roma Bastia Umbra - Via Bernabei Cannara - Piazza Marconi Bettona - Passaggio di Bettona, via Perugia DISTRETTO DELLA MEDIA VALLE DEL TEVERE Deruta - Via Benincasa Marsciano - Via Piccolotti e Corneli c/o Ospedale Todi - Via XXV aprile, quartiere Europa DISTRETTO DEL TRASIMENO Magione - Loc.Caserino, Passignano sul Trasimeno - Via della Pieve, Tavernelle - Via Martin L. King,

22 Avere un bambino Sedi e recapiti Ambulatori Ospedalieri Ospedale di Assisi U.O. di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Castiglione del Lago U.O. di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Città della Pieve Centro di monitoraggio della Gravidanza Ospedale di Marsciano U.O. di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Todi Centro di monitoraggio della Gravidanza Punti Nascita Ospedale di Assisi U.O. di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Castiglione del Lago U.O. di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Marsciano U.O. di Ostetricia e Ginecologia Per informazioni più dettagliate sui servizi della Azienda USL n 2, si può consultare anche il sito Internet all indirizzo: http//:www.ausl2.umbria.it alle voci OSPEDALE, DISTRETTI E CENTRI DI SALUTE, oppure alla voce SALUTE DONNA. 22

23 Avere un bambino Testi: Rita Bedont - Assistente sociale Centro di Salute San Sisto Lauretta Bulletti - Assistente sociale Centro di Salute Ponte San Govanni Mario Cirulli - Pediatra U.O. Pediatria Ospedale di Castiglione del Lago Lisetta Di Marino - Ostetrica U.O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Marsciano Francesca Fiandra - Ostetrica U.O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Assisi Fernanda Garghella - Pediatra U.O. Pediatria Ospedale di Marsciano Mauro Lucarelli - Ginecologo Responsabile U.O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Marsciano Maria Marri - Pediatra Responsabile Servizi Consultoriali AUSL 2 dell Umbria Michela Orsillo - Ostetrica U.O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Castiglione del Lago Maria Rita Pallottelli - Ostetrica U.O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Assisi Maria Rossi - Medico Responsabile Serv. Consultoriali del Distretto del Trasimeno Dalia Scorsipa - Ginecologo Consultorio Ellera - San Sisto Donatella Seppoloni - Medico Responsabile Dir. San. Ospedali di Assisi e Castiglione del Lago Luisella Toppetti - Pediatra Responsabile U.O. Pediatria e Neonatologia Ospedale di Assisi Coordinamento: Staff Qualità e Promozione della Salute Responsabile: Manuela Pioppo Responsabili redazionali: Daniela Barzanti Daniela Ranocchia Progetto grafico: Promovideo ADV Stampa: Tipografia Tuderte

24 Avere un bambino Guida al percorso nascita nella AUSL 2 Anno 2002 USL n 2 Azieda Sanitaria Regionale dell Umbria

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Manuale per i lavoratori del settore privato

Manuale per i lavoratori del settore privato Manuale per i lavoratori del settore privato in materia di conciliazione vita/lavoro: diritti e opportunità A cura di Raffaella Calasso Responsabile Ufficio Legale Aeroporti di Puglia S.p.a., in collaborazione

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

PUO ESSERE RICHIESTA PER:

PUO ESSERE RICHIESTA PER: L INTERDIZIONE DAL LAVORO PER LE LAVORATRICI MADRI (decreto legislativo n. 151/2001 così come modificato dalla legge 4/04/2012, n. 35) http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/01151dl.htm PUO ESSERE RICHIESTA

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.11 del 2.3.2009 Pubblicato all Albo dal 19.3.2009 al 3.4.2009 Reg.nr.102

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

guida ai diritti dall A alla Z

guida ai diritti dall A alla Z FUNZIONE PUBBLIC A FRIULI VENEZIA GIULIA COMPARTO MINISTERI guida ai diritti dall A alla Z a cura della segreteria regionale Fp Cgil Fvg - novembre 2010 Comparto ministeriali SOMMARIO A -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla Sede Nazionale Via Operai, 40 16149 Genova Numero Verde 800 80 30 28 www.aism.it - aism@aism.it Edizioni AISM ISBN: 9788871480756 Si ringrazia: Digitalizzazione

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 1) CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 2) AGENDA Il Consorzio Le Aziende Consorziate I Servizi I Nostri Clienti Mission Dove Siamo Dove Operiamo (Pag. 3) IL CONSORZIO.: Il nasce da un team di imprese

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli