MISURARE IL COSTO DELLA VITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISURARE IL COSTO DELLA VITA"

Transcript

1 Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 MISURARE IL COSTO DELLA VITA Fabio Clementi Web: 27 novembre 2013

2 Contenuti della lezione e e ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

3 L Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) e è una misura del costo complessivo dei beni e servizi acquistati dal consumatore medio. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

4 L Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) e è una misura del costo complessivo dei beni e servizi acquistati dal consumatore medio. Tale indice viene utilizzato per misurare il livello generale dei prezzi nell economia, e quindi per monitorare i cambiamenti del nel tempo: se aumenta, il consumatore medio deve spendere una somma maggiore per acquistare la stessa quantità di beni e servizi. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

5 L Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) e è una misura del costo complessivo dei beni e servizi acquistati dal consumatore medio. Tale indice viene utilizzato per misurare il livello generale dei prezzi nell economia, e quindi per monitorare i cambiamenti del nel tempo: se aumenta, il consumatore medio deve spendere una somma maggiore per acquistare la stessa quantità di beni e servizi. Gli economisti usano il termine inflazione per descrivere una situazione nella quale il livello dei prezzi del sistema economico tende ad aumentare. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

6 L Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) e è una misura del costo complessivo dei beni e servizi acquistati dal consumatore medio. Tale indice viene utilizzato per misurare il livello generale dei prezzi nell economia, e quindi per monitorare i cambiamenti del nel tempo: se aumenta, il consumatore medio deve spendere una somma maggiore per acquistare la stessa quantità di beni e servizi. Gli economisti usano il termine inflazione per descrivere una situazione nella quale il livello dei prezzi del sistema economico tende ad aumentare. Il tasso d inflazione è la variazione percentuale del livello dei prezzi rispetto al periodo precedente. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

7 L Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) e è una misura del costo complessivo dei beni e servizi acquistati dal consumatore medio. Tale indice viene utilizzato per misurare il livello generale dei prezzi nell economia, e quindi per monitorare i cambiamenti del nel tempo: se aumenta, il consumatore medio deve spendere una somma maggiore per acquistare la stessa quantità di beni e servizi. Gli economisti usano il termine inflazione per descrivere una situazione nella quale il livello dei prezzi del sistema economico tende ad aumentare. Il tasso d inflazione è la variazione percentuale del livello dei prezzi rispetto al periodo precedente. Pertanto, la variazione percentuale del è una misura del tasso d inflazione. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

8 e In primo luogo, si deve fissare il paniere, ovvero stabilire quali beni e servizi sono acquistati dal consumatore medio. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

9 e In primo luogo, si deve fissare il paniere, ovvero stabilire quali beni e servizi sono acquistati dal consumatore medio. In secondo luogo, si devono rilevare i prezzi nei diversi anni dei beni e servizi contenuti nel paniere. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

10 e In primo luogo, si deve fissare il paniere, ovvero stabilire quali beni e servizi sono acquistati dal consumatore medio. In secondo luogo, si devono rilevare i prezzi nei diversi anni dei beni e servizi contenuti nel paniere. Terzo, si deve calcolare il costo del paniere nei diversi anni le quantità sono fisse, variano i prezzi da un anno all altro. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

11 e In primo luogo, si deve fissare il paniere, ovvero stabilire quali beni e servizi sono acquistati dal consumatore medio. In secondo luogo, si devono rilevare i prezzi nei diversi anni dei beni e servizi contenuti nel paniere. Terzo, si deve calcolare il costo del paniere nei diversi anni le quantità sono fisse, variano i prezzi da un anno all altro. Quarto, si calcola l indice per i diversi anni dividendo il costo del paniere nell anno desiderato per il costo nell anno base da utilizzare come riferimento, e moltiplicando per 100; per un generico anno t, risulta: IPC t = Costo del paniere nell anno t Costo del paniere nell anno base 100 ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

12 e In primo luogo, si deve fissare il paniere, ovvero stabilire quali beni e servizi sono acquistati dal consumatore medio. In secondo luogo, si devono rilevare i prezzi nei diversi anni dei beni e servizi contenuti nel paniere. Terzo, si deve calcolare il costo del paniere nei diversi anni le quantità sono fisse, variano i prezzi da un anno all altro. Quarto, si calcola l indice per i diversi anni dividendo il costo del paniere nell anno desiderato per il costo nell anno base da utilizzare come riferimento, e moltiplicando per 100; per un generico anno t, risulta: IPC t = Costo del paniere nell anno t Costo del paniere nell anno base 100 L ultimo passo è quello che consente di calcolare il tasso d inflazione, cioè la variazione percentuale del da un anno all altro: Tasso d inflazione nell anno t = IPC t IPC t 1 IPC t ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

13 Tabella 1 Il calcolo del e l inflazione: un esempio ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

14 Tabella 2 Le rilevazioni dell indice dei prezzi in Italia ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

15 e L IPC misura accuratamente l evoluzione del costo del paniere selezionato, ma non è una misura perfetta del. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

16 e L IPC misura accuratamente l evoluzione del costo del paniere selezionato, ma non è una misura perfetta del. In particolare, esso soffre dei seguenti problemi: ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

17 e L IPC misura accuratamente l evoluzione del costo del paniere selezionato, ma non è una misura perfetta del. In particolare, esso soffre dei seguenti problemi: distorsione da sostituzione: il paniere non tiene conto delle reazioni dei consumatori al variare dei prezzi relativi (sostituzione dei beni divenuti relativamente più costosi); ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

18 e L IPC misura accuratamente l evoluzione del costo del paniere selezionato, ma non è una misura perfetta del. In particolare, esso soffre dei seguenti problemi: distorsione da sostituzione: il paniere non tiene conto delle reazioni dei consumatori al variare dei prezzi relativi (sostituzione dei beni divenuti relativamente più costosi); introduzione di nuovi beni: il paniere non tiene conto delle novità sul piano della varietà dei beni; ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

19 e L IPC misura accuratamente l evoluzione del costo del paniere selezionato, ma non è una misura perfetta del. In particolare, esso soffre dei seguenti problemi: distorsione da sostituzione: il paniere non tiene conto delle reazioni dei consumatori al variare dei prezzi relativi (sostituzione dei beni divenuti relativamente più costosi); introduzione di nuovi beni: il paniere non tiene conto delle novità sul piano della varietà dei beni; impossibilità di misurare le variazioni qualitative: se la qualità di un bene migliora, il potere d acquisto del denaro aumenta anche se il prezzo del bene è invariato. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

20 e L IPC misura accuratamente l evoluzione del costo del paniere selezionato, ma non è una misura perfetta del. In particolare, esso soffre dei seguenti problemi: distorsione da sostituzione: il paniere non tiene conto delle reazioni dei consumatori al variare dei prezzi relativi (sostituzione dei beni divenuti relativamente più costosi); introduzione di nuovi beni: il paniere non tiene conto delle novità sul piano della varietà dei beni; impossibilità di misurare le variazioni qualitative: se la qualità di un bene migliora, il potere d acquisto del denaro aumenta anche se il prezzo del bene è invariato. Tutti questi problemi si ritiene portino a sovrastimare l effettivo. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

21 e L IPC misura accuratamente l evoluzione del costo del paniere selezionato, ma non è una misura perfetta del. In particolare, esso soffre dei seguenti problemi: distorsione da sostituzione: il paniere non tiene conto delle reazioni dei consumatori al variare dei prezzi relativi (sostituzione dei beni divenuti relativamente più costosi); introduzione di nuovi beni: il paniere non tiene conto delle novità sul piano della varietà dei beni; impossibilità di misurare le variazioni qualitative: se la qualità di un bene migliora, il potere d acquisto del denaro aumenta anche se il prezzo del bene è invariato. Tutti questi problemi si ritiene portino a sovrastimare l effettivo. Questo, ovviamente, non significa che non possa nel complesso sottostimare l effettiva inflazione a causa di errori nella scelta del paniere e nel calcolo del suo costo. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

22 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

23 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

24 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

25 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... include solo i beni e servizi acquistati dai consumatori; ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

26 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... include solo i beni e servizi acquistati dai consumatori; include anche le importazioni; ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

27 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... include solo i beni e servizi acquistati dai consumatori; include anche le importazioni; è misurato rispetto ad un paniere fisso di beni e servizi. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

28 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... include solo i beni e servizi acquistati dai consumatori; include anche le importazioni; è misurato rispetto ad un paniere fisso di beni e servizi.... ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

29 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... include solo i beni e servizi acquistati dai consumatori; include anche le importazioni; è misurato rispetto ad un paniere fisso di beni e servizi.... include tutti i beni e servizi prodotti da una nazione; ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

30 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... include solo i beni e servizi acquistati dai consumatori; include anche le importazioni; è misurato rispetto ad un paniere fisso di beni e servizi.... include tutti i beni e servizi prodotti da una nazione; esclude le importazioni; ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

31 e Il deflatore del PIL e Gli economisti usano sia che il deflatore del PIL per stabilire l evoluzione dei prezzi nel tempo. Ci sono, tuttavia, rilevanti differenze tra i due concetti. L IPC... include solo i beni e servizi acquistati dai consumatori; include anche le importazioni; è misurato rispetto ad un paniere fisso di beni e servizi.... include tutti i beni e servizi prodotti da una nazione; esclude le importazioni; è misurato rispetto alla produzione corrente di beni e servizi. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

32 Figura 1 Due misure per l inflazione ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

33 e Lo scopo della livello generale dei prezzi nell economia è permettere il confronto tra dati monetari rilevati in tempi diversi. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

34 e Lo scopo della livello generale dei prezzi nell economia è permettere il confronto tra dati monetari rilevati in tempi diversi. Quando una somma del passato è trasformata nell equivalente, in termini di potere d acquisto, di oggi si parla di rivalutazione. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

35 e Lo scopo della livello generale dei prezzi nell economia è permettere il confronto tra dati monetari rilevati in tempi diversi. Quando una somma del passato è trasformata nell equivalente, in termini di potere d acquisto, di oggi si parla di rivalutazione. Esempio: guadagnava di più Giuseppe Meazza nel 1931 oppure Francesco Totti nel 2005? ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

36 e Lo scopo della livello generale dei prezzi nell economia è permettere il confronto tra dati monetari rilevati in tempi diversi. Quando una somma del passato è trasformata nell equivalente, in termini di potere d acquisto, di oggi si parla di rivalutazione. Esempio: guadagnava di più Giuseppe Meazza nel 1931 oppure Francesco Totti nel 2005? Occorre convertire l ingaggio degli anni Trenta di 230,000 (pari a circa 119) in potere d acquisto del ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

37 e Lo scopo della livello generale dei prezzi nell economia è permettere il confronto tra dati monetari rilevati in tempi diversi. Quando una somma del passato è trasformata nell equivalente, in termini di potere d acquisto, di oggi si parla di rivalutazione. Esempio: guadagnava di più Giuseppe Meazza nel 1931 oppure Francesco Totti nel 2005? Occorre convertire l ingaggio degli anni Trenta di 230,000 (pari a circa 119) in potere d acquisto del Si utilizza : Ingaggio 2005 = Ingaggio 1931 IPC 2005 IPC 1931 = = 199,012 ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

38 e Quando un valore monetario viene automaticamente (per legge o per contratto) corretto per l inflazione si dice che è indicizzato. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

39 e Quando un valore monetario viene automaticamente (per legge o per contratto) corretto per l inflazione si dice che è indicizzato. Per esempio, molti contratti a lungo termine tra imprese e sindacati includono un indicizzazione totale o parziale del salario all indice dei prezzi al consumo; questo espediente è chiamato scala mobile, e fa variare automaticamente le retribuzioni in funzione del. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

40 e Quando un valore monetario viene automaticamente (per legge o per contratto) corretto per l inflazione si dice che è indicizzato. Per esempio, molti contratti a lungo termine tra imprese e sindacati includono un indicizzazione totale o parziale del salario all indice dei prezzi al consumo; questo espediente è chiamato scala mobile, e fa variare automaticamente le retribuzioni in funzione del. Anche gli scaglioni delle aliquote dell imposta sul reddito (cioè i livelli di reddito ai quali l imposizione fiscale cambia) sono indicizzati; ci sono però molte disposizioni del sistema tributario alle quali non si applica alcuna indicizzazione anche se sarebbe meglio farlo. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

41 e reali e nominali La correzione rispetto all inflazione è molto importante quando di parla di tassi d interesse. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

42 e reali e nominali La correzione rispetto all inflazione è molto importante quando di parla di tassi d interesse. Il tasso d interesse nominale (i) è quello normalmente dichiarato, e misura il tasso di crescita della quantità di moneta nel tempo. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

43 e reali e nominali La correzione rispetto all inflazione è molto importante quando di parla di tassi d interesse. Il tasso d interesse nominale (i) è quello normalmente dichiarato, e misura il tasso di crescita della quantità di moneta nel tempo. Il tasso d interesse reale (r) misura invece il tasso di crescita del potere d acquisto della moneta nel tempo, ed è uguale alla differenza fra tasso d interesse nominale e tasso d inflazione (π): r = i π ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

44 e reali e nominali La correzione rispetto all inflazione è molto importante quando di parla di tassi d interesse. Il tasso d interesse nominale (i) è quello normalmente dichiarato, e misura il tasso di crescita della quantità di moneta nel tempo. Il tasso d interesse reale (r) misura invece il tasso di crescita del potere d acquisto della moneta nel tempo, ed è uguale alla differenza fra tasso d interesse nominale e tasso d inflazione (π): r = i π Non sempre tassi nominali e tassi reali si muovono all unisono. ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

45 Figura 2 I tassi d interesse nel Regno Unito ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

46 Figura 3 nominali e reali in Italia ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

47 Grazie a tutti! ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA 27 novembre / 15

MISURARE IL COSTO DELLA VITA. Harcourt Brace & Company

MISURARE IL COSTO DELLA VITA. Harcourt Brace & Company MISURARE IL COSTO DELLA VITA Indice dei prezzi al consumo L indice dei prezzi al consumo (IPC) è una misura del costo complessivo dei beni e dei servizi acquistati dal consumatore tipo. Viene utilizzato

Dettagli

UD 6.2. Misurare il costo della vita

UD 6.2. Misurare il costo della vita UD 6.2. Misurare il costo della vita Inquadramento generale Tutti sappiamo, dalla nostra esperienza quotidiana, che il livello generale dei prezzi tende ad aumentare nel tempo. Dato che il PIL è misurato

Dettagli

Misurare il costo della vita

Misurare il costo della vita Misurare il costo della vita Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 24 Come misurare il costo della vita L inflazione misura l aumento percentuale

Dettagli

DET E E T R E MINAZ A IO Z N IO E DEL P

DET E E T R E MINAZ A IO Z N IO E DEL P MISURA DEL COSTO DELLA VITA Definizioni iniziali INFLAZIONE : una situazione nella quale il livello dei prezzi del sistema economico tende ad aumentare. TASSO D INFLAZIONE : è la variazione percentuale

Dettagli

Inflazione. L indice dei prezzi al consumo ci consente quindi di introdurre anche il concetto di inflazione:

Inflazione. L indice dei prezzi al consumo ci consente quindi di introdurre anche il concetto di inflazione: Il potere di acquisto cambia nel tempo. Un euro oggi ha un potere di acquisto diverso da quello che aveva 5 anni fa e diverso da quello che avrà fra 20 anni. Come possiamo misurare queste variazioni? L

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3. Rimini, 1 ottobre 2015. L IPC sovrastima l inflazione?

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3. Rimini, 1 ottobre 2015. L IPC sovrastima l inflazione? Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3 Rimini, 1 ottobre 2015 Macroeconomia 86 L IPC sovrastima l inflazione? L IPC è la misura più comunemente utilizzata

Dettagli

Capitolo 13. Il sistema monetario, i prezzi e l'inflazione

Capitolo 13. Il sistema monetario, i prezzi e l'inflazione Capitolo 13 Il sistema monetario, i prezzi e l'inflazione Il sistema monetario Un sistema monetario ha due funzioni importanti: fissazione di una unità di conto: unità comune per misurare il valore delle

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800 Macroeconomia, Esercitazione 1. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 PIL/1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane. Questo è costituito da tre imprese: una agricola,

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Sezione 2: Macroeconomia Capitolo 10: Problemi 1, 2, 4; Capitolo 11: Problemi 4, 5, 9: Capitolo 12: Problemi

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Daria Vigani Maggio 2014 1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane ed è costituito da 3 imprese: una agricola,

Dettagli

Prezzi dei beni dal 1999 al 2002 Anno Sacchi di Borse per Bottiglie di Cotone Motorini

Prezzi dei beni dal 1999 al 2002 Anno Sacchi di Borse per Bottiglie di Cotone Motorini LEZIONE 12 CONTABILITA NAZIONALE Esercizio 1 DEFINIZIONI E CALCOLO DEL PIL Il PIL di un economia può essere calcolato in tre diversi modi: 1) Valore dei beni e servizi finali prodotti da un economia in

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

KEYNES E IL MODELLO IS-LM

KEYNES E IL MODELLO IS-LM Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 KEYNES E IL MODELLO IS-LM Fabio

Dettagli

La difesa del potere di acquisto delle pensioni: il ruolo dell indicizzazione e del fiscal drag

La difesa del potere di acquisto delle pensioni: il ruolo dell indicizzazione e del fiscal drag La difesa del potere di acquisto delle pensioni: il ruolo dell indicizzazione e del fiscal drag Un analisi realizzata per lo Spi Presentazione di Sergio Ginebri Co-autori: Laura Dragosei, Eleonora Porreca

Dettagli

LA CONTABILITÀ NAZIONALE

LA CONTABILITÀ NAZIONALE 1 LA CONTABILITÀ NAZIONALE 2 3 CONTABILITA NAZIONALE Il calcolo del PIL PIL come valore dei beni e servizi finali PIL come somma dei valori aggiunti PIL come reddito prodotto PIL nominale e reale Deflatore

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

UN APPLICAZIONE PRATICA: IL COSTO DELLA TASSAZIONE

UN APPLICAZIONE PRATICA: IL COSTO DELLA TASSAZIONE Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 UN APPLICAZIONE PRATICA: IL COSTO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA:

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA: MICROECONOMIA/MACROECONOMIA MICROECONOMIA: STUDIA IL COMPORTAMENTO DI SINGOLI SOGGETTI ECONOMICI (TEORIA DEL CONSUMATORE, TEORIA DELL IMPRESA), E IL FUNZIONAMENTO DI SINGOLE COMPONENTI (MERCATI) DEL SISTEMA

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Esercizi L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Capitolo III, Lezione 1 Le aliquote e le detrazioni dell Irpef Capitolo III, Lezione 1 SCALA DELLE ALIQUOTE redditi 2007 Scaglioni Al.legalelegale EURO (%) 0-15.000

Dettagli

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO Lezione 8 (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO 2 1 Nel breve periodo la domanda determina la produzione =>

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

PARITÀ DEL POTERE DI ACQUISTO - PPA

PARITÀ DEL POTERE DI ACQUISTO - PPA CONFRONTO TRA AGGREGATI MONETARI PROF. EMANUELE CORLETO Indice 1 LA DEFLAZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 PARITÀ DEL

Dettagli

LA CONTABILITÀ NAZIONALE

LA CONTABILITÀ NAZIONALE 1 LA CONTABILITÀ NAZIONALE CRISI E ANDAMENTO DEL PIL 2 3 4 CONTABILITA NAZIONALE Il calcolo del PIL PIL come valore dei beni e servizi finali PIL come somma dei valori aggiunti PIL come reddito prodotto

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Economia Politica. a.a. 2012/13. Lezione 3 Prof. Maria Laura Parisi

Economia Politica. a.a. 2012/13. Lezione 3 Prof. Maria Laura Parisi Economia Politica a.a. 2012/13 Lezione 3 Prof. Maria Laura Parisi 1.2. Pil nominale e Pil reale Pilreale: somma delle quantitàdi beni finali valutati a prezzi costanti Il Pil reale permette di misurare

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA Nome e cognome: Matricola: Anno di corso: Parte I: Domande a scelta multipla (1 punto a domanda, 12 punti disponibili)

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo?

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo Problema aperto Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo

Dettagli

Perché studiare la Microeconomia?

Perché studiare la Microeconomia? Perché studiare la Microeconomia? I temi della Microeconomia Cosa è un mercato? Prezzi reali e nominali? 1 Microeconomia Ramo dell economia che si occupa del comportamento di singoli agenti economici consumatori,

Dettagli

Esercitazione 6. 5. I seguenti elementi dovrebbero essere inclusi in una misura più comprensiva di PIL?

Esercitazione 6. 5. I seguenti elementi dovrebbero essere inclusi in una misura più comprensiva di PIL? Esercitazione 6 Domande 1. Un impresa automobilistica acquista materie prime (acciaio), beni intermedi (parabrezza, pneumatici) e lavoro per produrre automobili. L impresa produttrice dei parabrezza e

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della prestazione

I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della prestazione Aspetti interpretativi I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della Giovanni Di Nella Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Cassino, 8 Maggio 2015 Agenda Aspetti interpretativi

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima La legge del prezzo unico La parità del potere di acquisto

Dettagli

Introduzione alla macroeconomia

Introduzione alla macroeconomia Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Introduzione alla macroeconomia Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Cosa cerca di spiegare la macroeconomia Mentre la microeconomia ci mostra

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Modulo 1. Introduzione alla Contabilità Nazionale

Modulo 1. Introduzione alla Contabilità Nazionale Modulo 1 Introduzione alla Contabilità Nazionale 2 Esercizio 1. Si consideri un sistema economico che produce solo pane. Esso è costituito da tre imprese: una agricola, una di trasformazione (un mulino)

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA

ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA Stefania Spaziani ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA Collana Didattica 14 Stefania Spaziani, Eserciziario di Macroeconomia e Politica Macroeconomica Copyright 2015 Tangram Edizioni

Dettagli

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli Lezione 11 PIL, Costo della vita Leonardo Bargigli I due argomenti del corso La microeconomia si occupa del comportamento dei singoli agenti economici (individui, famiglie e imprese). La macroeconomia

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ;

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ; RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONTO ANNUALE RELATIVA AGLI ANDAMENTI DELLA SPESA PENSIONISTICA E DELLE RELATIVE ENTRATE CONTRIBUTIVE PER I DIPENDENTI PUBBLICI 1 1. L articolo 65 del decreto legislativo n. 29/1993,

Dettagli

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta CORSO DI ECONOMIA MONETARIA A.A.2002/2003 Prof. M. Marini 1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta Domande ed esercizi 1. Quali sono le funzioni principali svolte dalla moneta? Tali funzioni sono separabili?

Dettagli

Guida al modello pensioni CNPADC (11mar2014)

Guida al modello pensioni CNPADC (11mar2014) Guida al modello pensioni CNPADC (11mar2014) Valutazione delle future pensioni e dei relativi tassi di sostituzione In relazione alle tre variabili decisionali di tipo previdenziale, ossia Pensione (oppure

Dettagli

La politica dei redditi

La politica dei redditi Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome La politica dei redditi Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica dei redditi e dei prezzi Politica dei redditi: contenere l inflazione

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

TFR IN BUSTA: UNA SIMULAZIONE TRA RIPRESA ECONOMICA E MANCATA CONTRIBUZIONE

TFR IN BUSTA: UNA SIMULAZIONE TRA RIPRESA ECONOMICA E MANCATA CONTRIBUZIONE TFR IN BUSTA: UNA SIMULAZIONE TRA RIPRESA ECONOMICA E MANCATA CONTRIBUZIONE Silvia Leonardi Massimiliano Giacchè Ordine degli Attuari Giornata Nazionale della Previdenza Napoli 14 Maggio 2015 Indice 2

Dettagli

Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014. Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro

Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014. Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro Università La Sapienza Roma 29 maggio 2014 Giuliano Cazzola Un sistema pensionistico aperto al futuro Le principali leggi di riforma Dal dopoguerra ad oggi vi sono stati soltanto due leggi di riforma del

Dettagli

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ;

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ; RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONTO ANNUALE RELATIVA AGLI ANDAMENTI DELLA SPESA PENSIONISTICA E DELLE RELATIVE ENTRATE CONTRIBUTIVE PER I DIPENDENTI PUBBLICI 1 1. L articolo 65 del decreto legislativo n. 29/1993,

Dettagli

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 La riforma del sistema pensionistico: una lunga storia Riforma Amato (1993) Riforma Dini (1995) Sistema

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

LE PENSIONI CONTENUTO DELLA LEZIONE. (Seconda parte) ALTRE CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PENSIONISTICI SISTEMA A RIPARTIZIONE RETRIBUTIVO

LE PENSIONI CONTENUTO DELLA LEZIONE. (Seconda parte) ALTRE CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PENSIONISTICI SISTEMA A RIPARTIZIONE RETRIBUTIVO CONTENUTO DELLA LEZIONE LE PENSIONI (Seconda parte) Caratteri dei sistemi pensionistici Patti intergenerazionali nei sistemi a ripartizione La riforma Amato Il sistema a ripartizione contributivo della

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

IRPEF: concetti teorici

IRPEF: concetti teorici Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione La scelta dell unitá impositiva Tassazione individuale e familiare pura Quoziente familiare e Tassazione individuale con deduzioni e detrazioni per carichi

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

LE PENSIONI CONTENUTO DELLA LEZIONE. (Seconda parte) ALTRE CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PENSIONISTICI

LE PENSIONI CONTENUTO DELLA LEZIONE. (Seconda parte) ALTRE CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PENSIONISTICI CONTENUTO DELLA LEZIONE LE PENSIONI (Seconda parte) Caratteri dei sistemi pensionistici Patti intergenerazionali nei sistemi a ripartizione La riforma Amato Il sistema a ripartizione contributivo della

Dettagli

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Esercitazione TEMPO E RISCHIO Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Un capitale - spostato nel futuro si trasforma in montante (capitale iniziale più interessi), - spostato nel

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Il mercato del lavoro

Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro Dati mercato del lavoro: Un confronto (2012) Italia Francia Germania OECD Tasso disoccupazione 10.7 10.3 5.5 8.0 Tasso occupazione (*) 57.6 63.9 72.8 65.1 Femminile 47.8 60 68 57.2

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli