Domande Prof. Fabio Buttignon - M&A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domande Prof. Fabio Buttignon - M&A"

Transcript

1 Domande Prof. Fabio Buttignon - M&A Quali sono gli elementi che determinano il prezzo di acquisizione? Il prezzo dellʼacquisizione è determinato dal valore di mercato della target (o se quotata il prezzo delle azioni prima dellʼannuncio dellʼacquisizione) più un price premium richiesto per acquisire il controllo della società e per convincere gli azionisti della target di vendere le azioni allʼacquirente. Eʼ influenzato inoltre dal fatto se vi siano altri offerenti per la target che potrebbero offrire un premio più alto ed avviare quindi una guerra di prezzo fra le offerenti. In ogni caso, affinché unʼacquisizione generi valore è necessario che il valore delle sinergie, dei miglioramenti della performance sia superiore a quello del premio pagato. Quali sono gli elementi che determinano il valore del concambio? Definire se e come il valore delle sinergie influenzi il valore del concambio in unʼoperazione di M&A. Quando si acquisisce e si fonde una società e si decide di pagarla in azioni anziché in cash (condividendo così il rischio dellʼacquisizione con gli azionisti della target). Il rapporto di concambio rappresenta il numero di azioni dellʼofferente ricevute per ogni azione della target. Il prezzo offerto è così determinato dal rapporto di concambio moltiplicato per il prezzo di mercato (o il fair value) delle azioni dellʼacquirente. Si tratta di unʼoperazione a VAN positivo Concambio massimo A + T + S A > N + x N! T + S " x < # $ N A % A & quando per gli azionisti dellʼacquirente se il prezzo dellʼazione post fusione è superiore al prezzo ante fusione; per gli azionisti dellʼacquisita il prezzo per azione riconosciuto è superiore al prezzo ante fusione. Questi calcoli dipendono da: - il valore della stand alone (ante capitale) della società coinvolta; - il valore delle sinergie generate dallʼoperazione; - le modalità di ripartizione del valore tra gli azionisti delle due società. Entro quale intervallo può essere quantificato il rapporto di concambio? Lʼintervallo è quello del concambio minimo quello che prospetta agli azionisti della target un valore pari al prezzo per azione ante operazione (valore delle sinergie agli azionisti della bidder) e del concambio massimo ovvero quello che prospetta agli azionisti della bidder un valore per azione pari al prezzo ante operazione (valore delle singerie agli azionisti della target). Quali sono gli elementi che stanno a fondamento del valore delle sinergie in unʼoperazione di M&A? Il valore delle sinergie (performance improvement) che sappiamo deve essere superiore al premio dʼacquisto affinché lʼoperazione generi valore, e che genereranno un maggior flussi di cassa per la target o per lʼacquirente riguardano principalmente due aspetti: la diminuzione dei costi o lʼaumento dei ricavi. Principalmente, i benefici che ne possono derivare dipendono da: 1) una riduzione dei costi e miglioramento di margini e FCF derivanti dallʼintegrazione di business o sistemi di produzione, procedure, razzionalizzazione dellʼorganizzazione, A A x! T + S " N rapporto di concambio = < # $ N % A & N P = T / N e P = A / N T T A A P T! S " rapporto di concambio < # 1 + $ P % T & T A A T 17

2 sovrapposizione del business e conseguente riduzione del personale e capacità in eccesso; 2) acquisizione di imprese con prodotti innovative ma che a causa delle piccole dimensioni difficilmente riescono a raggiungere economie di scala o di scopo per lanciare i prodotti stessi; 3) acquisire competenze e tecnologie più velocemente e ad un minor costo, anziché produrle internamente. 4) fare acquisizioni di società vincenti prima che gli altri ne riconoscano il valore e prospettive future; 5) raggiungere economie di scopo, ad esempio nel campo di marketing, distribuzione e vendite (a seconda di quanto sia importante lʼ ampiezza del business in un determinato settore). 6) trasformare la società, lʼorganizzazione, la cultura, il portafoglio, ridefinire la strategia orientata ad una maggior performance. 7) riduzione del livello di competizione e conseguente aumento del prezzo (attenzione alle autorità antitrust!). Chi si appropria del valore generato dallʼacquisizione? Gli azionisti della target si appropriano solitamente maggior parte del valore dellʼacquisizione, in quanto i premi per lʼacquisizione, raggiungono in media il 30% del prezzo di mercato della target, ed a volte sono pari al valore delle sinergie lasciando poco alla bidder. Il valore combinato della target e dellʼacquirente cresce di appena il 4% in media (McKinsey). Non a casa lʼannuncio di unʼacquisizione fa crescere il valore delle azioni della target e calare quelle della bidder dallʼ1 al 3%. Unʼaltra ricerca dice addirittura che negli anni successivi allʼacquisizione, la società acquirente registra una performance inferiore del 5% rispetto ai concorrenti. Quali sono le differenze di unʼacquisizione per cassa e con pagamento in azioni? Ricerche mostrano che, in media, i rendimenti delle azioni dellʼacquisita dopo lʼannuncio dellʼacquisizione sono più alti quando lʼacquirente offre cassa di quanto offre azioni. Il punto è che i rischi e i premi dellʼaccordo dovrebbero essere condivisi con gli azionisti della target: quando lʼacquirente paga in cash, i suoi azionisti si assumono lʼintero rischio di catturare le sinergie e di pagare troppo. Se invece le imprese si scambiano le azioni, gli azionisti della target si assumono una parte del rischio.

3 Crisi dʼimpresa e ristrutturazione del debito In che cosa consiste la crisi dʼimpresa e quali sono i fenomeni tipici del suo manifestarsi? La crisi è un fenomeno tipico della vita delle imprese che operano in un contesto ì competitivo complesso. La situazione di crisi è intesa come situazione nella quale lʼattività dʼimpresa distrugge valore economico, in prima istanza nella prospettiva degli azionisti e successivamente in quella degli altri portatori di interessi economici in azienda. La probabilità di crisi è tanto minore quanto è regolamentato lʼambiente economico e quanto più è intensa la competizione. A un tempo dato, la crisi si manifesta in termini di incapacità o inattitudine dellʼimpresa a far fronte (con i propri flussi di cassa generati internamente e/o con nuovo debito) agli impegni (interessi e rimborsi) relativi al debito preesistente. I livelli di gravità sono collegati al livello di difficoltà nel ripristinare condizioni normali di gestione. I fenomeni tipici del suo manifestarsi sono di tre livelli: al primo cʼè il mancato rispetto dei covetants (D/EBITDA) senza espliciti segnali di difficoltà di adempiere agli impegni finanziari a breve, è gestibile; al secondo livello, mancato rispetto dei coverants con prospettive di difficoltà di adempiere a breve (probabile mancato rispetto degli impegni sul debito nel periodo di budget/piano): faccio fatica a pagare le rate del debito e non pago più i fornitori! Al terzo livello, cʼè difficoltà ad adempiere ai mancati impegni di debito pregresso, non pago fornitori, dipendenti, erario. Quali sono le relazioni fra crisi strategico operativa e finanziaria? La crisi può essere o da competitività o strategico operativa può essere più o meno accentuata, o meglio affrontata, in relazione ai caratteri della struttura finanziaria, anche conseguenti ad operazioni di M&A. Quando e in che senso le operazioni di M&A possono incidere nelle crisi dʼimpresa? Una crisi può assumere livelli di tensione elevati o meno anche in relazione alla gravità della crisi economico-operativa da cui è derivata. In presenza di ricavi ed EBITDA in declino, e non in caduta (altrimenti saremmo in una crisi economico operativa irreversibile), ed in presenza di un indebitamento elevato, lʼimpresa può essere o meno in grado di far fronte alle scadenza di breve termine (si pensi al rapporto edibta/interest del coverage ratio). A seconda del livello di gravità di queste variabili, le risposte sono conseguentemente diverse: - si può procedere in presenza di una crisi reversibile e limitata, ad una ristrutturazione strategico operativa per vie interne (cambio del management) o tramite la ricerca di nuovi partner cui cedere il controllo;

4 - oppure se la tensione è elevata, è necessario intervenire con una parallela ristrutturazione del debito. - Se invece la crisi è irreversibile, e la tensione limitata, è necessario focalizzarsi sui nuclei di business vitali, magari procedendo verso una liquidazione ordinaria delle altre attività. - Se, infine, la crisi è irreversibile e la tensione elevata, è necessario procedere con procedure liquidatorie con protezione giudiziaria, sperando nel recupero di eventuali business. Eʼ la crisi più costosa, perché porto allʼestremo e spreco risorse. Relazioni fra crisi finanziaria e crisi dʼimpresa La crisi finanziaria spesso si accompagna ad una crisi dʼimpresa. 1) Si parte da una situazione di crisi potenziale, dove il valore economico di funzionamento (VEF) è ancora maggiore del suo debito e del valore di liquidazione, ma si intravede già un declino del flusso di cassa operativo. Ci sono però ancora speranze, anticipando lʼintervento. 2) Se il debito comincia però ad essere superiore al valore di funzionamento e flussi di cassa ad essere negativi, verificandosi un crosso degli stessi, allora in questa fase la crisi è ancora governabile e si può procedere con una moratoria con meno interessi del debito, ma ti ripago tutto! Oppure con lo stralcio del debito. 3) Se invece il valore di funzionamento scende al di sotto di quello di liquidazione, la crisi comincia ad essere irreversibile e cerco di gestire la liquidazione limitandone i costi. In queste fasi è importante la tempestività dellʼintervento nellʼindividuare i segnali e gestire la crisi. Quali sono gli stadi (livelli) tipici delle crisi dʼimpresa (soprattutto dal punto di vista della gestione del debito)? I fenomeni tipici del suo manifestarsi sono di tre livelli: al primo cʼè il mancato rispetto dei covetants (D/EBITDA) senza espliciti segnali di difficoltà di adempiere agli impegni finanziari a breve, è gestibile; al secondo livello, mancato rispetto dei coverants con prospettive di difficoltà di adempiere a breve (probabile mancato rispetto degli impegni sul debito nel periodo di budget/piano): faccio fatica a pagare le rate del debito e non pago più i fornitori! Al terzo livello, cʼè difficoltà ad adempiere ai mancati impegni di debito pregresso, non pago fornitori, dipendenti, erario. Quali possono essere gli interventi tipici sulle crisi dʼimpresa? Lʼintervento nella crisi si può svolgere su diversi piani: - piano strategico operativo (allʼinterno dellʼimpresa) - piano finanziario (allʼesterno); Agendo quindi per vie interne o esterne, ad esempio via M&A (o su entrambi i fronti). Inoltre si ricorre o meno a procedure concorsuali. Lʼimpresa in crisi può: - o procedere una una ristrutturazione (per preservarne il funzionamento e la continuità) attraverso la dilazione, sostituzione equity/debito o lo stralcio di debiti o interessi. Quindi o con nuovo equity ad esempio attraverso private equity, o con nuova finanza. Si

5 fa attraverso piani di rientro del debito via cassa interna o via operazioni di finanza straordinaria (PE o IPO successive); - o procedere con la cessione dellʼimpresa, o del suo intero complesso funzionante, controllo/azioni, dellʼazienda intera o di rami di essa, cedendone a terzi il controllo/ governo della crisi e del debito; o con la liquidazione degli asset e la successiva ripartizione del valore fra i creditori con diversi livelli di privilegio. In generale, si può procedere con un riposizionamento competitivo, una ristruttuazione organizzativa o un riequilibrio della struttura finanziaria. Che cosa sʼintende per via stragiudiziale e per via giudiziale nel governo delle crisi dʼimpresa? La differenza sta nellʼintervento o meno del tribunale nella procedura e nellʼaccordo di ristrutturazione del debito con i creditori o parte di essi. In caso si scelga di gestire la crisi per via stragiudiziale, si può procedere con un accordo di ristrutturazione o di cessione; mentre in caso di procedure giudiziale, chiaramente nelle situazioni di crisi più gravi, si può scegliere secondo gravità appunto fra o un concordato preventivo o un accordo omologato oppure con una procedura di fallimento (liquidatoria). La protezione o meno del tribunale è fonte di tutela anche per lʼazionariato dal punto di vista penale. Lo svantaggio è la conoscibilità della crisi e lʼesternazionalizzazione del problema nel confronto degli stakeholders. I vantaggi della soluzione giudiziale nelle crisi più gravi sono: - la capacità di queste procedure di bloccare le azioni esecutive dei creditori durante le trattative (accordo di ristrutturazione omologato); - capacità di vincolare allʼaccordo i creditori dissenzienti (concordato preventivo); - resistenza dellʼaccordo in caso di successivo fallimento (o concordato fallimentare). Ovviamente entrambe le procedure hanno come scopo primario la continuità dʼimpresa e la salvaguardia del suo valore. Quali sono gli strumenti del diritto fallimentare a disposizione oggi in Italia per gestire la crisi e in che situazioni tipiche possono essere usati? La ristrutturazione dei debiti può avvenire attraverso: 1) riscadenziamento/consolidamento del debito; 2) stralcio del debito tramite accordi/proposte con i creditori. Il nuovo impianto normativo guarda al recupero dellʼimpresa, cercando di anticipare la manifestazione della crisi, risolvendola oltre che tutelando il ceto creditorio. Gli strumenti di risoluzione della crisi sono stati graduati in relazione allo stato della crisi: 1) il piano attestato di risanamento (art. 67 L.F.) che serve allʼimprenditore per rimediare ad una situazione di crisi reversibile nella quale lʼinsolvenza non si è ancora manifestata; 2) gli accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182 bis L.F.) adatta a fronteggiare crisi patrimoniali e finanziarie con la semplice omologa dellʼaccordo da parte del tribunale; 3) il nuovo concordato preventivo (art. 160 L.F.) più flessibile e adatto a regolari crisi più gravi, con lʼintervento invasivo del tribunale; 4) il fallimento, nei casi in cui lʼinsolvenza non è superabile con i precedenti strumenti.

6 I piani attestati di risanamento (art. 67 L.F.) Differisce sia dal concordato preventivo più proceduralizzato, sia dagli accordi più privatistici, perché non richiede nessun tipo di accordo e non è quindi inquadrabile come procedura concorsuale. Si prevede infatti che siano esenti da revocatoria i soggetti che hanno confidato nel salvataggio dellʼimpresa in esecuzione del piano, la cui ragionevolezza deve essere attestata da un professionista revisore dei conti. Non è altro che un piano di turnaround che deve avere un duplice requisito: 1) contenuto: consentire il risanamento dellʼesposizione debitoria e consentire lʼequilibrio finanziario dellʼimpresa; 2) forma: essere correlato dallʼosservazione di un esporto indipendente circa la fattibilità ed astratta idoneità a consentire il superamento della crisi. Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182 bis L.F.) Strumento misto fra privatistico e para-giudiziale. Tale forma di accordo: - deve essere stipulata da tanti creditori che rappresentino almeno il 60% dellʼammontare dei crediti; - deve essere correlato dalla relazione di un esperto sullʼattuabilità dellʼaccordo e lʼidoneità stessa. Eʼ uno strumento più autonomo e semplificato rispetto al concordato. Eʼ composto da due fasi: 1) una stragiudiziale in cui cʼè lʼaccordo con i creditori; 2) una giudiziale, in cui lʼaccordo per essere produttivo dʼeffetti legali deve essere omologato. Caratteristiche: Differenza: nel corso delle trattative lʼimpresa non è posta al riparo dalle azioni esecutive individuali. Lʼaccordo deve essere pubblicato nel RdI (per opposizione creditori). I creditori che NON allʼaccordo devono essere soddisfatti per intero. Anche in tal caso, è prevista la revocatoria per i soggetti durante la fase giudiziale e per gli atti in esecuzione dellʼaccordo (se, omologato). In particolare, lʼaccordo può prevedere un pagamento % dei creditori senza che sia rispettata la par condicio. Per tale ragione è necessaria la predisposizione di un piano. Eʼ uno strumento sia per crisi reversibili sia irreversibili (con piano liquidatorio, ma non nellʼinsolvenza), o per scongiurare il fallimento. Il concordato preventivo (art. 160 L.F.) Novità dello strumento: 1) la soddisfazione dei creditori può avvenire attraverso qualsiasi forma ; 2) è possibile prevedere la suddivisione in classi dei creditori ed il pagamento non integrale dei creditori privilegiati (compreso fisco ed enti previdenziali): necessaria però una relazione che attesti lʼincapienza dei beni dellʼimprenditore; 3) lʼimprenditore deve trovarsi in uno stato di crisi, diverso dallʼinsolvenza; 4) la domanda di concordato (1) deve essere accompagnata da un piano con la formulazione delle proposte ai creditori (e le azioni da intraprendere) (2) e correlato della relazione del professionista (3) che ne attesti veridicità e fattibilità.

7 5) la proposta di concordato deve essere votata e approvata a maggioranza del valore dei crediti ammessi al voto: se vi sono più classi, la votazione è per classi, e il tribunale può omologare il piano se è approvato dalla maggioranza delle classi e se ritiene che i creditori dissenzienti risultino soddisfatti dal concordato in misura non inferiore alle alternative praticabili; 6) è mantenuto il regime di revocatoria per gli atti e pagamenti posti in esecuzione del piano. Se i creditori non esprimono il consenso, il concordato è precluso. La scelta dello strumento adeguato Il legislatore si è posto come obiettivo la continuità aziendale. Il risanamento deve riguardare lʼaspetto finanziario ma anche lʼequilibrio economico. Scegliere il piano sbagliato vorrebbe dire perdere la fiducia e la reputazione degli stakeholders. - Il primo piano attestato è lo strumento giusto per il ritorno alla credibilità dellʼimpresa; - anche gli accordi di ristrutturazione sono idonei al risanamento, ma i creditori estranei allʼaccordo potrebbero allarmarsi oltre al dovuto in quanto lʼaccordo è depositato presso il RdI. La pubblicazione rende così nota la situazione di crisi.

8 Private Equity In che cosa consiste il private equity e quali sono le modalità tipiche di segmentazione di questo settore? Il private equity è unʼattività finanziaria mediante la quale un investitore istituzionale rileva quote di una società target sia acquisendo azioni attraverso terzi, sia sottoscrivendo azioni di nuova emissione apportando nuovi capitali nella target. Il private equity include tutti gli investimenti in società non quotate su mercati regolamentati. La società target possono essere quotate, ma hanno intenzione di abbandonare la borsa (public private equity). Tali investimenti in private equity raggruppano una ampio spettro di operazioni, in funzione sia della fase di ciclo di vita aziendale, sia della tecnica di investimento usata. Sono operazioni fatte in primo luogo da società di private equity, vendute capitalist e angel investor ed hanno lʼobiettivo di apportare nuovo capitale per espandere la società, sviluppare nuovi prodotti, ristrutturare unʼimpresa. Le principali tecniche dʼinvestimento sono il leverage buyout, venture capital, growth capital. A differenza dal primo caso, dove tramite debito si raggiunge la maggioranza, nel venture capital, growth capital o per gli angel investor, essi investono in società giovani ed emergenti e raramente ne hanno il controllo. Le fasi tipiche in cui interviene il private equity è quella dʼavvio, di sviluppo e di cambiamento. Quella dʼavvio è tipica del venture capital (seed financing, start up financing e early stage financing), mentre sviluppo e cambiamento prettamente del private equity (apportando capitale per lo sviluppo o avviando una riorganizzazione dellʼazionariato). In particolare, le tipologie dʼintervento del private equity riguardano: 1) nuovo capitale per lo sviluppo, ovvero supporto allʼimpresa in una fase di forte sviluppo, attraverso investimenti in capitale fisso (nuovi stabilimenti, marchi, ecc.), investimenti per sostenere la crescita interna (nuovi mercati, nuovi prodotti, nuovi canali distributivi), acquisizione di aziende/ società. 2) riorganizzazione dellʼazionariato: attraverso la liquidazione o la sostituzione dei soci per prevenire problemi di passaggio generazionale, cessione del controllo dellʼimpresa a manager imprenditori interni (MBO) o esterni (MBI); 3) sostituzione di soci finanziari o industriali (private placing); Approfondimento - Fasi di sviluppo: 1) Seed capital o Angel Investing: investimenti in fase di start up o senza fatturato; 2) Venture capital: investimento in società avviate, ma con flussi di cassa negativi e grandi potenzialità di crescita e fabbisogno di cassa per finanziare il lancio dei prodotti o sviluppare il mercato; 3) Development capital: investimenti in società avviate, con flussi di cassa positivi in rapida crescita con fabbisogni legati allo sviluppo del mercato; 4) Management buyout (MBO) o Management Buyin (MBI): società medio grandi dove il management assume il ruolo di imprenditore rilevando rilevando assieme ad un fondo di private equity lʼazienda. MBO se i manager sono interni allʼazienda, MBI se esterni; 5) Special situation o Fondi di turnaround: investimenti in aziende in crisi (si suddividono in turnaround operativi e finanziari).

9 Quali sono le fasi tipiche dellʼintervento in azienda di private equity? Il principale obiettivo dellʼintervento di private equity è la valorizzazione dellʼinvestimento ( approvvio hands off ): a) definizione strategica ed industriale di creazione del valore; b) managerializzazione dellʼazienda; c) implementazione di unʼadeguata struttura di corporate governce ; d) ottimizzazione della gestione economico-finanziaria (implementazione di un sistema di controllo di gestione, ottimizzazione del capitale investito (monitoraggio e gestione capitale circolante e fisso), analisi make or buy sulle diverse funzioni/ attività aziendali (outsourcing funzioni/attività non strategiche); e) ottimizzazione della struttura fiscale; f) ottimizzazione del perimetro societario in vista di una futura cessione e valorizzazione (scissione immobiliare, break up business con diverso appeal sul mercato, acquisizioni, build up strategy). Quali sono le modalità tipiche dʼuscita da un investimento azionario da parte del private equity? Le modalità tipiche di disinvestimento in un arco temporale di 3-7 anni (variabili a seconda dellʼoperatore e delle condizioni di mercato) riguardano: 1. lʼindividuazione del momento più opportuno per realizzare il disinvestimento; 2. la definizione del canale di disinvestimento più adeguato: a. vendita delle azioni sul mercato borsistico (IPO); b. cessione della partecipazione ad un socio di natura industriale (trade sale); c. cessione della partecipazione ad un altro operatore di private equity (secondary buyout); d. riacquisto della partecipazione da parte del socio originario. Quali sono le parti coinvolte nel mercato del private equity? I principali operatori di private equity sono: - fondi chiusi a carattere regionale, nazionale o internazionale; - banche dʼaffari e divisioni di banche commerciali (sempre meno...); - finanziarie di partecipazioni (anche se con logiche differenti); - operatori di emanazione pubblica e semipubblica (Fondo italiano dʼinvestimento); - altri, privati ed industriali. I fondi di private equity sono gestiti da gestori professinisti detti general partners. Generalmente i fondi sono strutturati con particolari architetture societarie: in Italia, possono operare sia con strumenti quali le società di gestione del risparmio (SGR) sia tramite fondi esteri. I general partner ottengono i fondi da investitori istituzionali che formalizzano il loro investimento diventando dei limited partners ovvero senza responsabilità oltre a quanto versato. I general partner sono invece responsabili in solido per le attività dei fondi.

10 Il processo di investimento nel private equity Il processo parte da un soggetto deal flow che può essere un fondo, una banca dʼaffari, manager o intermediari vari che devono individuare lʼimpresa target. Si procede poi con la valutazione approfondita dellʼazienda e della struttura dellʼoperazione. Si devo poi svolgere: 1) una preliminary duo diligence e contemporaneamente incontri preliminari con management e imprenditore (priliminary fiancing): negoziazione preliminare; 2) negoziazione finale / documentazione degale accompagnata da una duo diligence finale (financing commitments). 3) Chiusura (closing). I principali criteri seguiti per selezionare un investimento: - management/imprenditore; - posizione di leadership (mercato e tecnologia); - brand; - business plan sostenibile; - exit strategy;

11 IPO (Initial Public Offering) LʼIPO è unʼofferta al pubblico dei titoli di una società che intende quotarsi per la prima volta su un mercato regolamentato. Può essere di diverso tipo: - OPV, offerta pubblica di vendita: alienazione di azioni possedute dagli attuali azionisti; - OPS, offerta pubblica di sottoscrizione: si da la possibilità agli investitori di sottoscrivere azioni di nuova emissione; - OPVS, entrambe le modalità. Quali sono i principali vantaggi e svantaggi della quotazione? Quali sono le logiche di valutazione applicate ad unʼoperazione di quotazione? Cosa si intende per sovra-allocazione e greenshoe provision? In che cosa consiste il fenomeno dellʼunderpricing in unʼipo e quali sono i fenomeni che lo possono determinare? In che cosa consistono e quanto possono indicativamente ammontare (in % del capitale raccolto) i costi di unʼipo?

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI Milano, 15 settembre 2009 Dott. Matteo Durola INDICE Introduzione Il piano di risanamento ex

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI Federazione Artigiani Pensionati Italiani offre un servizio concreto ai suoi associati.

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 ADVISORY Pafinberg Srl predispone e fornisce soluzioni finanziarie personalizzate su specifiche esigenze del cliente, che richiedono il concorso di molteplici competenze

Dettagli

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Normativa di riferimento modifiche -apportate dal legislatore al R.D.267/1942 (legge fallimentare

Dettagli

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010 La gestione di un processo di distressed M&A Modena 10 novembre 2010 Indice 1. Crisi d impresa e modalità d intervento 2. La gestione di un processo di ristrutturazione /distressed M&A e il ruolo dell

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio D.M. 11.03.2011 n.206 Finalità e Obiettivi Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie Imprese (PMI), operanti nel settore agricolo, agroalimentare di

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L attività di disinvestimento Principi fondamentali del disinvestimento Individuazione del momento più opportuno per disinvestire Definizione del canale di disinvestimento

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. CRISI D IMPRESA 1.1. Crisi e risanamento pag. 5 1.2. Le cause della crisi pag. 7 1.3. Gli indicatori della crisi pag. 12 1.4. Gli eventi scatenanti pag. 18 1.5. I modelli di intervento

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI

STUDIO MARNATI. Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net STUDIO MARNATI Consulenza tributaria, societaria e crisi d impresa Commercialisti Revisori legali www.studiomarnati.net 1 Premesse A partire dal 2008 le mutate condizioni economico finanziarie, che hanno prodotto una

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

PFCONSULT Financial & Business Service

PFCONSULT Financial & Business Service Business Solutions Rapporto Banca-Impresa Miglioramento della propria posizione finanziaria e maggior accesso al credito PFCONSULT Financial & Business Service Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting 1 I Fondi di Private Equity Natura e Modalità di Intervento 2 NATURA E SCOPI I Fondi di Private Equity sono soggetti che investono in aziende

Dettagli

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Il Finanziamento delle PMI alternativo al Credito Bancario Università degli studi di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli Agostino Baiocco

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Business Solutions Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo Tel: 035 271974

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito Riccardo Tiscini Professore Associato di Economia Aziendale presso l Universitas Mercatorum Roma

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

Le criticità dei piani industriali nelle aziende in crisi

Le criticità dei piani industriali nelle aziende in crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONVEGNO: DIAGNOSI E SOLUZIONI PER LA CONTINUITA D IMPRESA Le criticità dei piani industriali nelle aziende in crisi LIVIO PASQUETTI - Gotha Advisory S.p.A.

Dettagli

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano 1918: primo costruttore di motociclette del mondo - Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano Anni 50: quota di mercato del 60% Ingresso dei

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

Termini quali dissesto, crisi, squilibrio stanno tutti ad identificare un malessere che può portare alla definitiva insolvenza dell impresa.

Termini quali dissesto, crisi, squilibrio stanno tutti ad identificare un malessere che può portare alla definitiva insolvenza dell impresa. Turnaround La crisi d impresa La crisi di un impresa raramente dipende da una singola causa o evento, spesso è il risultato di una serie di concause che portano o che possono portare, in un periodo di

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La strutturazione di un fondo di private equity e l attività di fund raising I veicoli azionisti sottoscrittori SGR Fondo Struttura italiana gestore fondo General Partner

Dettagli

Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane

Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane -Breve profilo - Maggio 2015 Introduzione Il Governo Italiano ha emanato il Decreto Legge n. 3 del 24.01.15

Dettagli

L attestazione del professionista case history

L attestazione del professionista case history L attestazione del professionista case history Genova, 16 maggio 2013 Dott. Marcello Pollio Senior Partner Pollio & Associati 1 LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE i nuovi strumenti del nuovo diritto concorsuale

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY Milano, 21 settembre 2013 A cura dell Avv. Antonio Azzarà Strumenti per la gestione della crisi: generale Le ristrutturazioni sono realizzate principalmente

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI AIFI Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Milano, 31 maggio

Dettagli

Studio Zanazzi & Partners

Studio Zanazzi & Partners Studio Zanazzi & Partners Finanza d impresa e risanamento aziendale http://www.studiozanazzi.com 2007 Studio Zanazzi & Partners - Comunicazione informativa professionale conforme al D.L. 223/2006 Si può

Dettagli

Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri operativi ATI ECNICI 9 TORI TE IALIZZA I SPECI

Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri operativi ATI ECNICI 9 TORI TE IALIZZA I SPECI ECNICI ATI 09 TORI TE IALIZZA mbre 200 LE EDIT I SPECI 4 Settem AZIONAL SIONAL 24 RUM NA ROFESS 3 FOR PR Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE?

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE? entriamo in tema attraverso la soluzione di un problema PROGETTO DI INVESTIMENTO : - IMPORTO 3.000.000 - REDDITIVITA 15% COPERTURA FINANZIARIA : -AUMENTO DI CAPITALE N AZIONI 1.000.000 PAY OUT RATIO 100

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

ADVISORY AND CONSULTING SOLUTIONS IL TUO CONSULENTE, LE TUE SOLUZIONI

ADVISORY AND CONSULTING SOLUTIONS IL TUO CONSULENTE, LE TUE SOLUZIONI ALWAYS WITHIN REACH SEMPRE INTORNO A TE ADVISORY AND CONSULTING SOLUTIONS IL TUO CONSULENTE, LE TUE SOLUZIONI ADVISORY DEVELOPMENT FINANCING M&A LBO - MBO ACQUISITION FINANCING VALUATION COMPANIES REAL

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI Diretta 16 novembre 2009 IL CONCORDATO PREVENTIVO Strumento duttile, normalmente usato in forma liquidatoria Le statistiche

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

Il piano di risanamento. A cura di Massimo Leone AD Promem Sud Est spa

Il piano di risanamento. A cura di Massimo Leone AD Promem Sud Est spa Il piano di risanamento A cura di Massimo Leone AD Promem Sud Est spa LE STRATEGIE DI RISANAMENTO Obiettivi della strategia di risanamento aziendale Fattore prevalente di crisi Dimensione dell attività

Dettagli

Aspetti finanziari del passaggio generazionale

Aspetti finanziari del passaggio generazionale Seminario Il passaggio generazionale delle PMI. Come facilitare il passaggio delle imprese alle nuove generazioni Bari, dicembre 2002 Aspetti finanziari del passaggio generazionale A cura di Massimo Leone

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI 1 Sommario Introduzione 1.1 La valorizzazione del patrimonio immobiliare

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Il fondo Ingenium investe in nuove imprese innovative che basano il loro modello di business sulla valorizzazione della

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Dott.ssa Lucia Savarese 05 Maggio 2011 1 Ciclo di vita di un processo di ristrutturazione Standstill interlocutorio Manovra definitiva 2 puntata Da 4 a 6 mesi

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

PMI BASILEA. autodiagnosi aziendale e corso di formazione

PMI BASILEA. autodiagnosi aziendale e corso di formazione PMI BASILEA autodiagnosi aziendale e corso di formazione L attuale contesto di mercato Situazione di scarsa liquidità per le banche commerciali italiane Obbligo per le banche di monitoraggio e di misurazione

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Fabrizio loiacono CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Selezione, ingresso e gestione del partner nella prospettiva dell imprenditore: un caso di successo

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX INDICE XIII XV XVII XIX Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Parte prima: Corporate Finance e creazione di valore 5 Capitolo 1 Introduzione alla Corporate Finance: significato, ruolo ed obiettivo

Dettagli