L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013"

Transcript

1 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, Padova Tel Fax

2 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL In questo report ha esaminato le cariche imprenditoriali detenute da giovani con meno di 30 anni alla fine del e le evoluzioni intercorse rispetto allo stesso periodo dell anno scorso ed al È stato poi realizzato un focus specifico, territoriale e settoriale, per i soli titolari di impresa ed amministratori di società : la motivazione di questa scelta risiede nella possibilità di avere una misura più fedele dalla gestione diretta dell impresa da parte del giovane, condizione che può essere più frequentemente non rispettata nel caso in cui l sia socio (non si possono incrociare le informazioni relative agli eventuali altri soci). Quasi 408 mila hanno cariche imprenditoriali, un terzo sono donne, ma nella crisi se ne sono persi 94 mila (16 mila solo nell ultimo anno). Nel nostro Paese si contano alla fine del poco meno di 408 mila cariche imprenditoriali detenute da giovani ( per la precisione), che rappresentano poco più del 5% delle cariche imprenditoriali complessive (quasi 7 milioni e 800 mila). Il 32% delle cariche giovanili è detenuto da donne (132 mila circa). Rispetto alla distribuzione delle cariche complessivamente considerate, nel caso giovanile si riscontra una polarizzazione maggiore sui titolari d impresa (la metà delle cariche ) che assieme agli amministratori (29%) rappresentano l 80% delle cariche complessive. Elevato è comunque anche il numero di soci (72.300, il 18% delle cariche giovanili), che assieme ai titolari rappresentano le due funzioni in cui i giovani sono maggiormente rappresentati rispetto alle cariche globalmente considerate senza distinzione d età. Il numero di giovani imprenditori appare dunque consistente, ma fortemente ridimensionato dagli anni di crisi: nel 2008, infatti, se ne contavano 94 mila in più, ed in un solo anno se ne sono persi 16 mila. Si tratta di variazioni, rispettivamente, pari a 18,7% e 3,8%, estremamente più elevate di quanto riscontrato a livello di imprenditorialità complessiva (-4,8% e -1,8%). La crisi economica ha sicuramente da una parte espulso giovani imprenditori dal mercato, che evidentemente non sono riusciti a competere e a superare i primi anni di attività di impresa che sono i più difficili, dall altra ha certamente scoraggiato i giovani ad approcciarsi all attività imprenditoriale, con il livello di rischio di impresa che si è elevato notevolmente. La diminuzione si è registrata in tutte le tipologie di carica, con particolare rilevanza soprattutto nel caso dei soci (-5,4% rispetto al 2012, -22,9% dall inizio della crisi) e tra gli amministratori di impresa (-3,7% e -21,7%). Le dinamiche delle cariche femminili sono del tutto sovrapponibili a quelle generali. Osservando la natura giuridica delle imprese, si evidenzia come le cariche detenute in società di persone ed imprese individuali, in cui si annoverano oltre l 80% delle cariche, sono quelle che hanno registrato le flessioni maggiori, in particolare per le s.n.c. (-9,6% sul 2012 e -34% sul 2008). Crescono invece nell ultimo anno gli imprenditori che hanno scelto la forma giuridica delle società di capitale ( cariche, +2,1% sul 2012): l aumento di cariche in s.r.l. con unico socio (+3,4%) e delle s.r.l. semplificate (4.508 cariche, non paragonabile alle appena 365 cariche del 2012) sono riuscite a compensare le flessioni di giovani nelle s.r.l. (-6,6% sul 2012, che continuano comunque a raccogliere quasi tre quarti delle cariche complessive in società di capitale). Tra le altre forme giuridiche, crescono le cariche detenute da giovani solamente nelle società cooperative (+1,9%, in aumento anche rispetto al 2012). Uno sguardo territoriale: nel breve periodo soffre di più l imprenditoria giovanile del Nord Ovest, dall inizio della crisi il Nordest. Focalizzando l attenzione su amministratori e titolari, che come già detto consentono di avere una misura più fedele della reale gestione dell impresa da parte di colui che detiene la carica, nonostante non siano i territori in cui l imprenditoria giovanile è più diffusa (nel Mezzogiorno vi sono 7 cariche detenute da giovani ogni 100) è nell Italia Settentrionale che la sparizione di cariche imprenditoriali giovanili si è fatta maggiormente sentire. Il Nordovest ha sofferto più di altri nell ultimo anno (-4,6%, pari ad oltre 4 mila cariche in meno), in particolare Piemonte e Liguria che 2

3 hanno superato quota -5%, mentre il Nordest evidenzia i dati più negativi di lungo periodo: rispetto al 2008 si contano quasi 14 mila cariche imprenditoriali giovanili in meno (-20,4%), con tendenze più o meno simili in tutte le regioni ad eccezione del Trentino Alto Adige, che oltre a registrare dinamiche tendenziale meno negative (-10,4%) è l unica regione per cui le cariche sono aumentate nell ultimo anno (+2,3%). Settori in crisi e settori in crescita: in fuga da costruzioni, manifatturiero, attività immobiliari e professionali, più orientati verso ristorazione, servizi alle imprese, informazione e comunicazione e finanza. Andando ad esaminare, sempre con riferimento ad amministratori e titolari, i settori economici in cui si sono verificati i mutamenti nel numero di cariche imprenditoriali detenute da giovani, si rileva una situazione molto eterogenea, almeno con riferimento alle dinamiche dell ultimo anno. Il settore che soffre di più, il secondo in assoluto per numero di imprenditori giovani, è quello delle costruzioni, con l 11% di titolari ed amministratori in meno rispetto al 2012 (quasi 6.500), seguito da altri due dei comparti più rilevanti, vale a dire l agricoltura (-6,2%) e le attività manifatturiere (-4,7%). Forte è stata poi la flessione in due settori che, seppure non prevalenti rispetto ad altri, riflettono le effettive condizioni economiche del Paese: si tratta delle attività immobiliari (-8,9%) e di quelle professionali, scientifiche e tecniche (-6,7%). Tutto sommato, invece, il settore del commercio e delle riparazioni, con quasi 100 mila giovani titolari ed amministratori (30% del totale) ha tenuto meglio rispetto ad altri (-1,2%). Vi sono poi, al contrario, settori che hanno evidenziato aumenti di cariche, segno evidentemente che vi sono ancora spazi per fare impresa, anche per i giovani, nel nostro Paese. Si tratta (guardando innanzitutto alla consistenza delle cariche giovanili) in primis del comparto degli alloggi e della ristorazione (quasi 40 mila titolari e amministratori, +1,1%), ma vanno citati anche i servizi di noleggio e consulenza alle imprese (+4,7%), i servizi informatici e di comunicazione (+2%) e le attività finanziarie ed assicurative (+12,9%). Uno sguardo europeo: l Italia tra i grandi Paesi ha il record di lavoratori in proprio senza dipendenti, ma uno di quelli in cui questa componente lavorativa è più in difficoltà. In Italia si contano nel (media da gennaio a settembre) oltre 1 milione e 300 mila own-account workers Under 40, vale a dire lavoratori in proprio senza dipendenti, che rappresentano il 15% del totale degli occupati della fascia d età, un record quasi assoluto per l Europa (se si esclude tra i principali Paesi la Grecia, che arriva al 18% ma con numeri assoluti ben lontani dai nostri). La media dell area Euro si ferma praticamente alla metà (7,5%), Francia e Germania al di sotto del 5%. Si conferma dunque come l Italia sia un Paese in cui è particolarmente vivo lo spirito di auto imprenditorialità, anche nella componente femminile (da noi le donne che lavorano per sé stesse rappresentano il 44% del totale, 5 punti in più della media dell area Euro, oltre 15 nel confronto con Francia e Regno Unito). L altra faccia della medaglia è che la crisi occupazionale, con l Italia quarto Paese europeo in maggiore difficoltà, sta colpendo duro anche su questo segmento di lavoratori. Assieme alla Germania, il nostro Paese è l unico tra gli 8 considerati a registrare una flessione di lavoratori in proprio nel, e di dimensioni consistenti (-8,3%). Anche nel confronto col pre-crisi, l Italia ha perso meno terreno (-19,3%) solo rispetto alla Spagna (-10,4%) e la flessione italiana è quasi doppia rispetto a quella dell area Euro. 3

4 Cariche imprenditoriali detenute da in imprese attive nel per genere ed incidenza sul totale delle cariche Classe di carica Valori assoluti cariche Totali Di cui donne Inc. % su cariche Inc. % cariche su totale cariche Titolare ,8% 6,5% Amministratore ,0% 4,2% Socio ,7% 6,6% Altre cariche ,5% 1,6% Totale ,0% 5,2% Elaborazioni su dati Infocamere Stockview Cariche imprenditoriali detenute da per genere e totali in imprese attive Variazioni % su 2012 e 2008 Classe di carica Variazioni % cariche totali Variazioni % cariche donne Variazioni % cariche totali 2 trim. Su 2012 Su 2008 Su 2012 Su 2008 Su 2012 Su 2008 Titolare -3,4% -15,3% -1,9% -10,4% -1,6% -5,4% Amministratore -3,7% -21,7% -4,1% -21,9% -0,9% -0,2% Socio -5,4% -22,9% -5,1% -22,0% -1,9% -8,0% Altre cariche 0,8% -18,5% 10,7% -8,1% -6,2% -14,3% Totale -3,8% -18,7% -3,0% -16,8% -1,8% -4,8% Elaborazioni su dati Infocamere Stockview 4

5 Cariche imprenditoriali detenute da in imprese attive nel per natura giuridica dell impresa e variazioni % rispetto a 2012 e 2008 Natura giuridica dell impresa Valori assoluti cariche Inc. % su cariche Variazioni % cariche su 2 trim Variazioni % cariche su 2 trim Società di capitale ,8% 2,1% -10,3% Società a responsabilità limitata ,9% -6,6% -22,1% Società a responsabilità limitata con unico socio ,4% 3,4% 31,5% Società a responsabilità limitata semplificata (1) ,5% +++ n.c. Società per azioni ,9% -14,2% -39,8% Società per azioni con socio unico 401 0,7% -18,2% -18,5% Società a responsabilità limitata a capitale ridotto (2) 383 0,6% +++ n.c. Società di persone ,6% -7,4% -27,5% Società in accomandita semplice ,9% -6,5% -24,6% Società in nome collettivo ,3% -9,6% -34,1% Società semplice ,7% 0,6% 7,6% Impresa individuale ,5% -3,3% -15,0% Altre forme ,1% -1,5% -17,6% Società cooperativa ,1% 1,9% 19,5% Associazione ,6% -2,5% 2,9% Società cooperativa a responsabilità limitata ,6% -20,0% -70,5% Cooperativa sociale ,4% -12,3% -48,0% Consorzio 433 3,4% -8,1% -21,8% Totale ,0% -3,8% -18,7% (1) Introdotta dal D.M. 23 giugno 2012, n (2) Introdotta con l art. 44 del D.L. 22 giugno 2012 e soppressa con l'art. 9 del D.L. 28 giugno (successivamente qualificate come SRL semplificate). Elaborazioni su dati Infocamere Stockview 5

6 Amministratori e titolari in imprese attive per regione nel e variazioni % rispetto a 2012 e 2008 Regione e ripartizione Amministratori e titolari Inc. % su amministratori e titolari totali Variazione % amministratori e titolari Variazione % amministratori e titolari totali Su 2012 Su 2008 Su 2012 Su 2008 Abruzzo ,4% -5,5% -13,4% -1,5% -2,6% Basilicata ,8% -3,8% -10,2% -1,3% -3,9% Calabria ,1% -4,0% -14,8% -0,9% -2,1% Campania ,6% -2,5% -17,1% -1,1% -2,2% Emilia Romagna ,3% -4,0% -22,6% -1,5% -2,9% Friuli V. G ,2% -1,2% -19,9% -1,6% -5,9% Lazio ,3% -1,3% -13,9% 0,0% 0,7% Liguria ,9% -5,1% -11,6% -2,0% -3,3% Lombardia ,6% -4,2% -20,2% -1,4% -3,7% Marche ,7% -3,1% -20,4% -1,2% -4,0% Molise ,1% -3,9% -13,8% -1,5% -4,8% Piemonte ,3% -5,4% -20,6% -1,8% -4,3% Puglia ,5% -3,3% -13,1% -1,5% -3,5% Sardegna ,1% -4,4% -21,9% -1,6% -4,3% Sicilia ,1% -3,6% -15,7% -1,2% -4,5% Toscana ,0% -4,5% -19,3% -1,0% -1,7% Trentino A. A ,3% 2,3% -10,4% 0,1% 1,6% Umbria ,9% -4,5% -19,0% -1,5% -1,2% Valle d'aosta 780 5,6% -1,8% -3,0% -2,4% -2,4% Veneto ,3% -3,2% -20,2% -1,9% -4,7% Nord Ovest ,8% -4,6% -19,5% -1,6% -3,8% Nord Est ,3% -2,9% -20,4% -1,5% -3,5% Centro ,1% -2,9% -17,0% -0,6% -1,0% Sud e Isole ,8% -3,4% -15,7% -1,3% -3,3% Italia ,4% -3,5% -17,8% -1,3% -3,0% Elaborazioni su dati Infocamere Stockview 6

7 Settori economici Amministratori e titolari in imprese attive per settore economico nel e variazioni % rispetto a 2012 e 2008 Amministratori e titolari Comp. % amministratori e titolari Inc. % Under 30 su amministratori e titolari totali Var. % amministratori e titolari Su 2012 Su 2008 (1) Agricoltura, silvicoltura pesca ,4% 3,7% -6,2% -18,6% Attività manifatturiere ,2% 3,6% -4,7% -45,0% Costruzioni ,1% 5,9% -11,0% -33,7% Commercio e riparazioni ,7% 6,2% -1,2% Trasporto e magazzinaggio ,2% 3,9% -4,0% Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,2% 9,6% 1,1% Servizi di informazione e comunicazione ,4% 5,2% 2,0% Attività finanziarie e assicurative ,5% 5,7% 12,9% Attività immobiliari ,3% 2,3% -8,9% -5,8% Attività professionali, scientifiche e tecniche ,1% 3,9% -6,7% Noleggio, agenzie viaggio, servizi alle imprese ,3% 7,3% 4,7% Istruzione ,4% 3,2% -2,2% Sanità e assistenza sociale ,9% 4,5% 1,4% Attività artistiche, sportive, di intrattenimento ,8% 6,7% -1,8% Altre attività di servizi ,3% 7,2% -4,4% Totale (2) ,0% 5,4% -3,5% -17,8% (1) A seguito del cambiamento della notazione ATECO nel 2009, non è possibile confrontare in maniera esatta i settori prima e dopo tale anno, in particolare per i settori del commercio e dei servizi. Le variazioni riportate sono da considerarsi indicative. (2) Il totale non coincide con la somma dei singoli settori economici in quanto non sono riportati i settori scarsamente rappresentativi e quelli non classificati (1.346 amministratori e titolari per il ). Elaborazioni su dati Infocamere Stockview 7

8 Lavoratori in proprio senza dipendenti (own-account workers (1) ) dai 15 ai 39 anni in alcuni Paesi europei nel per genere e variazione % rispetto a 2012 e 2008 (2) Paese / Area Totali anni (2) Inc % OAW su di cui donne occupati totali Var % su 2012 (2) Var % su 2008 (2) Totali di cui donne Totali di cui donne Italia ,1% -8,3% -3,9% -19,3% -13,2% Area Euro (17 Paesi) ,5% -2,5% 1,0% -10,4% -4,2% Francia ,9% 2,5% 14,3% 25,4% 37,7% Germania ,9% -9,4% -6,1% -11,9% -6,9% Grecia ,4% -0,3% -1,1% -14,3% -14,3% Olanda ,0% 10,1% 8,2% 24,7% 22,9% Regno Unito ,4% 3,3% 7,5% 9,5% 17,2% Spagna ,9% 3,7% 2,5% -22,0% -17,3% Svezia ,7% 2,8% 8,3% 3,8% 6,8% (1) La definizione di own-account workers prende origine dalla rilevazione dei self employed without employees, vale a dire i lavoratori in proprio che non hanno lavoratori alle proprie dipendenze. (2) Media dei primi tre trimestri di ogni anno Elaborazioni su dati Eurostat 8

9 Distribuzione percentuale dei lavoratori in proprio senza dipendenti (own-account workers (1) ) dai 15 ai 49 anni in alcuni Paesi europei nel (2) per settore economico Settore economico Italia Area Euro (17 Paesi) Francia Germania Grecia Olanda Agricoltura, silvicoltura pesca 4,8% 10,1% 17,6% 3,8% 30,4% 4,7% 2,6% 9,5% 7,3% Attività manifatturiere 5,9% 5,4% 4,2% 4,5% 5,7% 4,0% 3,9% 5,8% 4,9% Costruzioni 12,1% 12,3% 13,2% 12,4% 7,0% 12,6% 25,0% 12,0% 12,9% Commercio e riparazioni 20,9% 16,7% 11,8% 10,1% 19,4% 9,5% 6,7% 25,8% 11,6% Trasporto e magazzinaggio 2,2% 3,0% n.d. 1,7% 5,7% 2,8% 7,3% 5,4% 3,0% Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione 4,5% 4,4% 4,2% 2,4% 5,9% 1,5% 1,8% 7,5% n.d. Servizi di informazione e comunicazione 3,5% 4,2% n.d. 7,6% n.d. 6,7% 6,1% 2,8% 9,0% Attività finanziarie e assicurative 2,3% 1,9% n.d. 3,3% 1,1% 1,2% 1,4% 1,0% 0,7% Attività immobiliari 1,6% 1,2% n.d. 1,2% n.d. 0,7% 1,2% 1,1% 1,5% Attività professionali, scientifiche e tecniche 20,5% 15,2% 9,9% 15,5% 11,7% 15,9% 10,4% 12,8% 17,6% Noleggio, agenzie viaggio, servizi alle imprese 3,4% 3,7% n.d. 7,4% n.d. 5,0% 7,7% 2,9% 3,8% Amministrazione Pubblica e Difesa 0,2% n.d. n.d. n.d. n.d. 0,6% 0,5% n.d. n.d. Istruzione 2,7% 3,2% n.d. 6,5% 1,6% 4,6% 4,6% 2,3% 1,8% Sanità e assistenza sociale 5,9% 6,6% 11,8% 7,5% 3,9% 8,2% 7,0% 2,5% 2,8% Attività artistiche, sportive, di intrattenimento 3,3% 4,2% 4,9% 7,5% 1,2% 5,9% 5,2% 2,8% 8,4% Altre attività di servizi 5,4% 6,3% 7,5% 7,5% 3,6% 6,2% 6,6% 5,7% 11,3% Totale (3) 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% (1) La definizione di own-account workers prende origine dalla rilevazione dei self employed without employees, vale a dire i lavoratori in proprio che non hanno lavoratori alle proprie dipendenze. (2) Media dei primi tre trimestri. (3) La somma delle percentuali dei singoli settori non corrisponde a 100 in quanto non sono stati considerati i settori scarsamente rappresentativi (estrazione di minerali, fornitura di gas ed acqua, convivenze in famiglia, organismi extraterritoriali) ed i settori non specificati. Elaborazioni su dati Eurostat Regno Unito Spagna Svezia 9

10 Lavoratori in proprio senza dipendenti (own-account workers (1) ) dai 15 ai 49 anni in alcuni Paesi europei per settore economico variazioni percentuali 2012 / (2) Settore economico Italia Area Euro (17 Paesi) Francia Germania Grecia Olanda Agricoltura, silvicoltura pesca -9,3% -1,0% 8,2% -14,2% 4,4% -24,6% 1,4% -1,7% -21,4% Attività manifatturiere -10,1% -3,7% 3,2% -9,2% 1,2% 15,4% 6,0% -6,2% 6,1% Costruzioni -8,6% -5,5% -6,6% -2,9% 1,9% 6,2% -1,7% -6,8% 4,7% Commercio e riparazioni -5,3% -2,3% -12,9% -8,2% -12,7% 49,4% -8,8% 7,1% -1,2% Trasporto e magazzinaggio -17,3% -9,9% n.d. -24,0% -3,6% 46,8% 4,9% -6,4% 31,0% Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione -1,0% -6,4% -3,2% -23,7% -4,7% 28,6% 5,2% -7,2% n.d. Servizi di informazione e comunicazione -12,7% -5,8% n.d. -8,9% n.d. 15,8% 6,7% -9,6% 11,5% Attività finanziarie e assicurative -12,3% -2,6% n.d. -7,9% -1,7% 256,9% -6,0% -15,6% n.d. Attività immobiliari 10,0% -7,4% n.d. -24,6% n.d. 109,8% 30,0% -2,8% 8,3% Attività professionali, scientifiche e tecniche -2,3% -0,5% -10,0% -7,0% -11,7% 23,8% 3,2% 9,7% -2,4% Noleggio, agenzie viaggio, servizi alle imprese -4,8% 7,1% n.d. 1,1% n.d. 155,9% 2,3% 66,7% 3,8% Amministrazione Pubblica e Difesa -31,6% n.d. n.d. n.d. n.d. 152,5% -0,3% n.d. n.d. Istruzione 4,0% 1,1% n.d. -12,4% -7,4% 44,2% 4,9% 20,0% n.d. Sanità e assistenza sociale -2,9% -1,7% -2,9% -15,1% 26,2% -0,6% 12,3% 14,9% 0,0% Attività artistiche, sportive, di intrattenimento 0,1% -3,2% n.d. -16,0% -1,5% 2,3% 0,1% 4,5% -2,7% Altre attività di servizi -19,1% -0,8% 6,4% -2,2% 12,2% 10,4% 8,4% 4,5% 8,9% Totale (3) -6,2% -3,0% -3,5% -9,5% -1,6% 7,5% 2,2% 2,2% 1,4% (1) La definizione di own-account workers prende origine dalla rilevazione dei self employed without employees, vale a dire i lavoratori in proprio che non hanno lavoratori alle proprie dipendenze. (2) Media dei primi tre trimestri. Elaborazioni su dati Eurostat Regno Unito Spagna Svezia 10

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2013 le imprese 1 iscritte alla Camera di Commercio di Brindisi sono 975, a fronte di 450 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo di 525 unità.

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Serie storiche di indicatori economici congiunturali

Serie storiche di indicatori economici congiunturali Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Dicembre 2015 Serie storiche di indicatori economici congiunturali In questo rapporto si

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI

Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI LE PARTITE IVA UNDER 35 Dinamica delle nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo settembre P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE 3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE L analisi in chiave congiunturale della demografia delle imprese deve essere presa con cautela: le decisioni relative all avvio o alla cessazione di un attività

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 01 Gennaio 2016 Principali evidenze A fine dicembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALMENTE RILEVANTI

LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALMENTE RILEVANTI LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALMENTE RILEVANTI A cura di Mario Carmelo Piancaldini Agenzia delle entrate - Direzione Centrale Accertamento Settore Analisi e Strategie Torino 27 novembre 2012

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013 Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 213 Dott. Riccardo Borghero Dirigente Area Affari Economici Camera di Commercio I.A.A. di Verona 135 IMPRESE

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE UNITÀ LOCALI DELLE IMPRESE

STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE UNITÀ LOCALI DELLE IMPRESE 21 ottobre 2011 Anno 2009 STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE UNITÀ LOCALI DELLE IMPRESE Nel 2009 le imprese attive nei macro settori industriale e terziario sono poco meno di 4,5 milioni, da esse dipendono circa

Dettagli

Per ulteriori informazioni:

Per ulteriori informazioni: Tab. 1 - Persone nate in paesi non-ue per tipologia di carica Dati al 31 marzo 2016 Carica Persone Amministratore 141.748 Socio* 54.934 Titolare 357.152 Altre cariche 14.915 568.749 * La carica di socio

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 elaborazioni a: Marzo 2012 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi

8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi 16 marzo 2004 8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi L Istat diffonde oggi i risultati definitivi dell 8 Censimento generale dell industria e dei servizi, riferiti al 22 ottobre 2001.

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli