CORPORATE FINANCE AND ACQUISITION FINANCE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORPORATE FINANCE AND ACQUISITION FINANCE"

Transcript

1 CORPORATE FINANCE AND ACQUISITION FINANCE MASTER «Domestic and international banking law» IPSOA 25 maggio 2012 Stefano Cirielli Avvocato Solicitor England and Wales Partner Tonucci & Partners 1

2 I finanziamenti cosa sono? Un finanziamento è un operazione nell ambito della quale un soggetto (Banca) mette a disposizione di un altro soggetto (la Società Finanziata) una certa somma di denaro, impegnandosi a erogare la stessa alla Società Finanziata in una o più soluzioni, e la Società Finanziata si impegna, a sua volta, a rimborsare l importo erogato alla scadenza contrattualmente prevista e a corrispondere alla Banca un certo importo a titolo di remunerazione 2

3 I finanziamenti perché, a che servono? Si ricorre ai finanziamenti generalmente per 3 motivi: A) creazione o sostegno del cash flow per sopperire a esigenze di liquidità B) incremento del capitale sociale C) realizzazione di un progetto (tutti i finanziamenti sono finanziamenti di scopo) 3

4 Che caratteristiche hanno? A) la Società Finanziata non ha, al momento dell erogazione, liquidità disponibile per il rimborso del finanziamento B) la Banca ritiene che vi sarà liquidità disponibile alle scadenze contrattuali che il cash flow che la Società Finanziata genererà nel corso del finanziamento sarà sufficiente a consentire il servizio del debito e il rimborso del capitale C) il rischio della Banca è remunerato (e il quantum della remunerazione è in funzione del rischio) 4

5 Che caratteristiche hanno adesso è più chiaro!! A Bank is a financial institution from which you can borrow money as long as you can provide evidence to show you don't need it 5

6 Soggetti del Finanziamento (I) Soggetti necessari A) Borrower (Società Finanziata) (I) Governo Enti Locali (II) Società di capitali (III) Società di persone, ditte individuali, privati B) Lender (Banca Finanziatrice) (I) Istituti di credito e finanziari autorizzati (II) Privati 6

7 Soggetti del Finanziamento (II) Soggetti eventuali A) Arranger (organizzatore dell operazione) B) Facility Agent (agente delle Banche) C) Borrowers Agent (agente delle società finanziate) D) Obligor/Guarantor (obbligato/garante) (I) società appartenente al medesimo gruppo (II) soggetto terzo: una banca, Sace E) Security Trustee (fiduciario) 7

8 Tecniche di finanziamento (I) Dipendono dalle concrete esigenze della Società Finanziata e dalla disponibilità delle Banche Possono essere suddivise in base a diversi criteri: A) Durata B) Modalità con cui la Società Finanziata può disporre delle somme di denaro C) Numero di Banche coinvolte (sindacazione vs. club deal) 8

9 Tecniche di finanziamento (II) Distinzione in base alla durata: A) A breve termine (da 0 a 18 mesi) (I) Apertura di credito semplice o in conto corrente ( c.c.) (II) Anticipazione bancaria ( c.c.) (III) Factoring B) A lungo termine (oltre 60 mesi) (I) Mutuo ( c.c.) (II) Mutuo di scopo (III) Leasing C) A medio termine (da 18 a 60 mesi) Vi confluiscono gli strumenti dei finanziamenti a breve e lungo termine 9

10 Tecniche di finanziamento (III) Distinzione in base alle modalità di disposizione A) Term Loan Facility (Apertura di credito semplice) (I) (II) La Società Finanziata può effettuare uno o più utilizzi (Loans o Avances) un unico prelievo o più prelevamenti parziali fino a concorrenza del credito concesso può utilizzare il credito una sola volta gli importi rimborsati non possono essere riutilizzati (III) rimborso: bullet o piano di ammortamento B) Revolving Facility (Apertura di credito in conto corrente) (I) (II) La Società Finanziata può utilizzare il credito più volte, ricostituendo la disponibilità con versamenti pluralità di utilizzi gli importi rimborsati sono riutilizzabili i prelievi e i versamenti avvengono a scadenze prestabilite (III) rimborso: alla scadenza di ogni Periodo di Interessi (roll-over) 10

11 Tecniche di finanziamento (IV) Distinzione in base al numero di Banche coinvolte A) Bilaterale (I) Il finanziamento è concesso da una sola banca (II) Il credito concesso è esiguo (per esempio uno scoperto su conto corrente) (III) Le parti dell operazione possono comunque essere più di due (presenza di un garante) B) Sindacato (I) Il finanziamento è concesso da più banche (II) Il credito concesso è ingente (III) La pluralità di Banche può sussistere al momento della stipulazione del finanziamento o essere costituita in un secondo momento (pre-closing v. successiva) 11

12 Acquisition finance A) partecipazioni azionarie (share deal): si modificano, in tutto o in parte, gli assetti proprietari di attività imprenditoriali svolte in forma societaria (in tale caso si realizza il trasferimento dell insieme dei diritti ed obblighi afferenti lo status di socio) B) azienda o ramo d azienda (asset deal): si trasferiscono i beni identificabili ex art c.c., ossia i beni aziendali (in tale caso di realizza il trasferimento dell universitas dei beni organizzati) 12

13 Acquisizioni con indebitamento Struttura semplice: la società acquirente, a seguito di indebitamento, acquisisce direttamente la partecipazione azionaria, l azienda o il ramo d azienda della Target ( bersaglio ) Quando la Target è una impresa di piccole dimensioni Struttura tramite Newco: la società acquirente costituisce una Newco ( new company ) S.r.l./S.p.a. che, a seguito di indebitamento, acquisisce la partecipazione azionaria, l azienda o il ramo d azienda della Target, ed eventualmente si fonde con la Target (I) (II) (III) Quando la società acquirente vuole o è obbligata per legge (antitrust) a tenere separate le proprie attività da quelle della Target Quando le società acquirenti sono più di una e costituiscono insieme la Newco e vi incentrano i propri interessi Quando il management vuole scalare la società, costituisce una Newco che si fonderà con la Target 13

14 Acquisto partecipazione azionaria o di azienda: struttura tipica Venditore/i prezzo Acquirente 100% Finanziamento soci Partecipazioni Target NEWCO BANCA 100% Finanziamento Senior TARGET / AZIENDA 14

15 Acquisto partecipazione azionaria / azienda o ramo d azienda: struttura complessa L acquirente costituisce con fondi propri una Newco di cui detiene il 100% delle azioni La Newco contrae un prestito con le banche Il prestito ha carattere Senior rispetto ai finanziamenti apportati dai soci (postergazione ex 2467 c.c.) La Newco acquista dal/i venditore/i la partecipazione azionaria, l azienda o il ramo d azienda, corrispondendo il prezzo Il venditore trasferisce la partecipazione azionaria, l azienda o il ramo d azienda alla Newco A) Il prestito viene ripagato tramite cash-flow generato dalla Newco B) Viene utilizzata in operazioni cross-border 15

16 Leveraged Buy-Out (LBO) Consiste nella acquisizione di una società Target o di assets della stessa Soggetti interessati all acquisto costituiscono la Newco La Newco fa ricorso al leverage ( leva finanziaria ), e sottoscrive un bridge loan ( contratto di finanziamento a breve termine ) A) i soci della Newco danno in garanzia ai finanziatori le azioni della Target B) la Newco si fonde con la Target C) la società risultante dalla fusione ( Mergeco ) ripaga i finanziamenti a breve termine D) la Mergeco risultante dalla fusione contrae finanziamenti a Medio-Lungo termine 16

17 Struttura (Fase 1) Garanzia: pegno sulle azioni della Target se l operazione è un MBO (ip. tipica, altrimenti può essere ogni altra garanzia) Soggetti interessati all acquisto della Target Banche Equity Target Finanziamento Breve Bridge Loan Newco (priva di assets) Acquisizione quote/azioni 17

18 Struttura (Fase 2, eventuale) Fusione per incorporazione (tipica: forward ) Newco Fusione per incorporazione (atipica: reverse ) Target 18

19 Struttura (Fase 3, eventuale) Finanziamento a Medio Lungo termine Mergeco (Società risultante dalla fusione) Ripagamento del debito Bridge Loan Estinzione della garanzia Banche 19

20 Classificazione LBO In base alla struttura: (A) se si procede alla realizzazione delle fasi (2) e (3), tale operazione finanziaria assume la denominazione di MLBO (merger leveraged buy out) (B) qualora poi la fase 2 sia realizzata mediante l incorporazione della Target all interno della Newco (ipotesi tipica) l operazione assume la denominazione di MFLBO (merger forward leveraged buy out) (C) se, invece, la fase 2 viene posta in essere tramite l incorporazione della Newco all interno della Target si parla di MRLBO (merger reverse leveraged buy out) 20

21 Ammissibilità LBO ante riforma Contrasto con art c.c. Acquisto delle azioni proprie Contrasto con art c.c. Altre operazioni sulle azioni proprie (la società non può accordare prestiti, né fornire garanzie per l acquisto o la sottoscrizione di azioni proprie) Trib. Milano 13 Maggio 1999 Trenno s.p.a. (civile) Per valutare la liceità o meno di un LBO occorre esaminare caso per caso se l operazione, unitariamente considerata, non concretizzi un negozio in frode alla legge e precisamente se siano stati utilizzati strumenti leciti per aggirare lo specifico divieto disposto dall art c.c.. 21

22 Doppia Newco (I) Acquirente Finanziamento Ponte (nessuna Garanzia da Newco o Target) Venditore Prezzo Holdco Newco BANCHE Sottoscrizione azioni (aumento capitale/riserve/sovrapprezzo) 100% Target Fusione Finanziamento Senior a Medio-Lungo termine New Target (Newco+Target) Garanzie piene BANCHE 22

23 Doppia Newco (II) La Holdco contrae un bridge loan La Holdco e la Target non forniscono alcuna garanzia La Holdco sottoscrive le azioni della Newco La Newco acquista le azioni della Target La Newco si fonde con la Target La società risultante dalla fusione contrae finanziamenti a Medio-Lungo termine Tali finanziamenti servono a ripagare il bridge e saranno ripagati con il cash-flow della Target 23

24 Ammissibilità LBO post riforma Il Decreto Lgs. 6/2003: (i) (ii) ha mantenuto inalterato il disposto contenuto nell art c.c. ha introdotto un nuovo articolo, il 2501-bis per le fusioni tra società, in cui una di esse avesse contratto debiti per acquisire il controllo dell altra Il Decreto Lgs. 142/2008 (Direttiva 2006/68/CE) ha modificato l art c.c.: (i) (ii) è consentito alle società di derogare al divieto generale ancora vigente di accordare prestiti e fornire garanzie per l acquisto o la sottoscrizione delle azioni proprie - (simile alla Whitewash procedure) devono essere rispettate alcune condizioni 24

25 I soggetti finanziatori nel LBO Banca o pool di banche (anche estere, tramite una filiale in Italia) che erogano un finanziamento bridge, un finanziamento long term e una working capital facility Intermediari finananziari italiani ed esteri iscritti nel registro 106 TUB tenuto dalla Banca d Italia che erogano un finanziamento mezzanino (vedi D.M. 17 febbraio 2009, n. 29) Lo stesso soggetto venditore nel caso del vendor financing 25

26 Tipologie di finanziamento nel LBO Il buy-out può utilizzare una o più delle seguenti fonti di finanziamento (i) (ii) Finanziamento acquisizione senior ad acquirente o controllata dell acquirente, e post-fusione a Mergeco (bridge e long term senior debt) Finanziamento acquisizione mezzanino ad acquirente o altra società del gruppo dell acquirente (mezzanine debt) (iii) Finanziamento capitale circolante a Target e/o a sue controllate (working capital debt) (iv) Rifinanziamento debito esistente a Target e/o a sue controllate (refinancing debt) (v) Finanziamento per firma allo scopo di costituire presso una banca il deposito ex art c.c. delle somme corrispondenti alle pretese dei creditori sociali che si sono opposti alla fusione (cash confirmation) (vi) Finanziamento del venditore o sua collegata o controllante (vendor financing) (vii) C.d. take-out financing o emissione di high yield notes (viii) Second lien; Payment in Kind (PIK) notes 26

27 1. Finanziamento acquisizione senior (I) In Italia la struttura utilizzata prevede generalmente che il finanziamento sia erogato da una sola banca con sede o filiale in Italia (fronting bank) o da un numero ristretto di banche (club deal) Nel MLBO le banche senior erogano un finanziamento bridge all atto dell acquisizione e un finanziamento long term post-fusione (tipicamente per un importo uguale al bridge in quanto serve a rifinanziare quest ultimo) Il bridge prevede sempre un rimborso bullet (ovvero alla scadenza) mentre il long term può avere un rimborso bullet o prevedere un piano di ammortamento Possono cambiare i finanziatori in quanto il pool di banche finanziatrici spesso non si è formato al momento della stipula del bridge (il processo di formazione del pool può durare anche diverse settimane) 27

28 Finanziamento acquisizione senior (II): le garanzie Il finanziamento bridge è erogato pre-fusione e per evitare la violazione dell art c.c. sul divieto di assistenza finanziaria (anche in base al nuovo testo ci sono dei limiti) è garantito solo da beni di Newco o dei soci di Newco Pegno sulle azioni e/o quote di Newco e di Target Il finanziamento long term beneficia anche di garanzie che gravano sui beni di Mergeco 28

29 Finanziamento acquisizione senior (III): caratteristiche Il finanziamento bridge e quello long term: (i) (ii) prevedono l integrale rimborso del finanziamento in caso di perdita del controllo di Target da parte dell acquirente (c.d. change of control) o di cessione dell azienda o di un importante ramo di azienda di Target contengono covenants, vincoli di carattere gestionale e altre previsioni di rimborso anticipato parziale o integrale del debito, finalizzati ad assicurare il rispetto di determinati indici si sostenibilità e parametri di redditività, patrimonializzazione e solvibilità (iii) prevedono uno o più utilizzi del finanziamento (iv) sono generalmente divisi in tranches con diversa durata (v) possono comprendere una revolving credit facility per finanziare il capitale circolante di Target (vi) prevedono che gli importi rimborsati non possano essere più utilizzati (ad eccezione ovviamente della revolving credit facility) 29

30 2. Working capital facility Prenditore: Target o società operative del gruppo Target Scopo: dotare il prenditore di fondi che consentano di rafforzare il suo capitale circolante al fine di far fronte alle sue obbligazioni a breve scadenza Caratteristiche: può essere revolving e di conseguenza prevedere una pluralità di utilizzi, la possibilità di riutilizzare gli ammontari rimborsati ed il rimborso alla scadenza di ciascun periodo di interessi Garanzie: qualora erogata a Target può essere garantita da beni di quest ultima, non essendo funzionale all acquisto di Target e non violando di conseguenza l art c.c. 30

31 3. Finanziamento mezzanino Analoga struttura del finanziamento senior: bridge all acquisizione e long term post-fusione Si distingue dal finanziamento senior per: (i) (ii) postergazione contrattuale o strutturale durata (normalmente 10 anni) (iii) garanzie reali: ove possibile le garanzie del mezzanine sono di grado posteriore rispetto a quelle del senior ma spesso la priority è regolata da un Intercreditor Agreement (iv) margine applicato sul tasso di interesse più alto (occorre verificare che il tasso applicabile, comprensivo delle fees, non superi i limiti stabiliti dalla L. 108/96 sull usura e successive integrazioni) (v) può comprendere elementi di rimborso non-cash tipo payment in kind o diritti addizionali tipo warrants (vi) Prepayment Premium se rimborsato in anticipo 31

32 4. Finanziamento Second Lien Erogato alla Newco Gode di diritti pari al senior quanto alla priorità di pagamento Postergazione contrattuale in relazione all escussione delle garanzie reali Durata più lunga del senior (8-9 anni) e pagamento bullet Prepayment Premium se rimborsato in anticipo (ma generalmente inferiore al mezzanine) Finanziatori: fondi e investitori istituzionali Molto utilizzato pre-2007 ma raro in questi ultimi tempi 32

33 5. Vendor financing Se le disponibilità finanziarie dell acquirente sono limitate, Il venditore può concedere un finanziamento a Newco per il pagamento del prezzo il cui rimborso è differito nel tempo Postergato rispetto al senior e al mezzanine debt (rimborsato solo dopo che i senior e i mezzanine lenders sono stati rimborsati) Non è assistito da garanzie reali / garanzie di secondo grado 33

34 6. High yield bonds Sono titoli obbligazionari emessi da Holdco o Newco nei mercati internazionali e sottoscritti da investitori istituzionali, con lo scopo di rifinanziare in tutto o in parte il debito contratto per l acquisizione o certi elementi del bridge finance I sottoscrittori di high yield bonds hanno diritto di ricevere un rendimento elevato e beneficiano di garanzie reali, anche se limitate Postergazione contrattuale o strutturale Call Protection: non possono essere rimborsati entro i primi 3-5 anni, se non previo pagamento di un call premium Covenants limitati 34

35 7. Finanziamento PIK (Payment in Kind) Non beneficia di garanzie reali; è subordinato strutturalmente o contrattualmente (viene considerato una forma di quasi equity). Può essere sotto forma di titoli Interessi capitalizzati: gli interessi non vengono pagati in contanti ma convertiti in ulteriore debito, che a sua volta produce interessi (divieto di anatocismo e usura) Rimborso bullet e lunga durata (11 anni o più) È divenuto raro dopo il 2007 (così come il Second Lien) 35

36 Intercreditor Agreement Indispensabile in un finanziamento strutturato con vari livelli di debito Nessun pagamento ai mezzanine fino a quando non sia avvenuto il rimborso dei senior lenders e ai junior fino a quando non sia avvenuto il rimborso dei mezzanine Pagamento degli interessi su mezzanine e junior bloccato in caso di default del finanziamento senior Escussione delle garanzie reali proibita ai finanziatori mezzanine per un certo periodo di tempo durante il quale i senior possono decidere se e come agire (standstill period), mentre junior possono escutere garanzie solo dopo il soddisfacimento dei creditori senior e mezzanine Postergazione in caso di fallimento e liquidazione: proventi destinati al senior fino al loro completo rimborso (payment waterfall) In caso di default o enforcement i creditori non senior hanno l obbligo di dare ai senior qualsiasi somma ricevuta dal prenditore sino al soddisfacimento dei senior 36

37 BANKING LAWYER CLIENT: Can you tell me what your fees are? BANKING LAWYER: Well, I charge 100 pounds to answer three questions. CLIENT: That's rather steep, isnt'it? BANKING LAWYER: Yes, now what's your final question? 37

38 Come si arriva alla stipulazione del contratto di finanziamento? Contatto con la Banca Due diligence Term sheet Mandate e Commitment Letter Negoziazione clausole e sottoscrizione 38

39 Term Sheet Documento solitamente predisposto dalla Banca Ha carattere non vincolante (può essere equiparato ad una lettera di intenti) Riassume i termini principali della transazione Solitamente è allegato alla Commitment Letter 39

40 Negoziazione tipiche clausole del finanziamento (I) Interest Representations & Warranties (Dichiarazioni) Covenants (finanziari + altri impegni) Security (garanzie reali) Repayment (rimborso) Prepayment (rimborso anticipato) 40

41 Negoziazione tipiche clausole del finanziamento (II) Cancellation Conditions Precedent Events of Default (eventi rilevanti) Boiler Plate: (i) commissioni (ii) riservatezza (iii) legge applicabile 41

42 Tipiche clausole del finanziamento Rischio della Banca A) Strumenti di valutazione: (I) business plan della Società Finanziata (II) financial model della Società Finanziata B) Strumenti di controllo: (I) Representations & Warranties (II) Financial Covenants (III) Altri Covenants - Undertakings C) Strumenti di intervento: (I) Events of Default (II) Acceleration provisions 42

43 Conclusioni LBO è lecito ed ammissibile nell ordinamento italiano Solo se rispetta gli articoli 2358 c.c., come novellato dal Decreto Lgs. 142 del 2008, e 2501-bis c.c. LBO ha avuto notevole diffusione in Italia Il suo utilizzo è diminuito notevolmente dal 2008 a causa della crisi dei mercati Restructuring 43

44 Stefano Cirielli Partner Tonucci & Partners 44

CORPORATE FINANCE AND ACQUISITION FINANCE. MASTER «Domestic and international banking law» IPSOA 8 giugno 2013. Stefano Cirielli

CORPORATE FINANCE AND ACQUISITION FINANCE. MASTER «Domestic and international banking law» IPSOA 8 giugno 2013. Stefano Cirielli CORPORATE FINANCE AND ACQUISITION FINANCE MASTER «Domestic and international banking law» IPSOA 8 giugno 2013 Stefano Cirielli Avvocato Solicitor England and Wales Partner - Head Banking & Finance Tonucci

Dettagli

Milano, 14 giugno 2013. Riccardo Sallustio (Bonelli Erede Pappalardo)

Milano, 14 giugno 2013. Riccardo Sallustio (Bonelli Erede Pappalardo) Acquisition Finance: the Common Law prospective in a cross- border transaction Milano, 14 giugno 2013 M i G lli (B R d i k) Massimo Galli (Brown Rudnick) Riccardo Sallustio (Bonelli Erede Pappalardo) Il

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L acquisition finance e il debito mezzanino L acquisition finance Sostegno finanziario alle operazione di acquisizione di aziende da parte di investitori finanziari o

Dettagli

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco)

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) LEVERAGED BUYOUT 1 TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) UNA PARTE ASSAI NOTEVOLE DEI FONDI NECESSARI PER PAGARE IL PREZZO AI VECCHI AZIONISTI

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

REAL ESTATE FINANCE. Milano, 28 settembre 2013. A cura dell Avv. Stefano Padovani

REAL ESTATE FINANCE. Milano, 28 settembre 2013. A cura dell Avv. Stefano Padovani REAL ESTATE FINANCE Milano, 28 settembre 2013 A cura dell Avv. Stefano Padovani L Operazione Scopo: finanziamento dell acquisizione (l Acquisizione ) di immobili singoli o di portafogli di immobili gli

Dettagli

REAL ESTATE FINANCE. A cura dell Avv. Giorgio Telarico

REAL ESTATE FINANCE. A cura dell Avv. Giorgio Telarico REAL ESTATE FINANCE Milano, 11 luglio 2014 A cura dell Avv. Giorgio Telarico L Operazione Scopo: finanziamento dell acquisizione (l Acquisizione ) di immobili singoli o di portafogli di immobili gli Immobili

Dettagli

a cura di Ciro de Vivo STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI DE VIVO Gli argomenti

a cura di Ciro de Vivo STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI DE VIVO Gli argomenti Corporate Finance e acquisition finance Milano, 8 giugno 2013 a cura di Ciro de Vivo STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI DE VIVO Gli argomenti 1. Il Merger Leveraged Buy Out (MLBO): fusione, progetto di

Dettagli

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari.

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari. Il Leveraged Buy-Out disaccordo nelle linee gestionali tra proprietà e management; divergenza di interessi; obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

Corso Economia dei Gruppi Industriali. Università degli Studi Milano Bicocca Dott. Prof. Mario Masciocchi Dott.ssa Paola Spoldi

Corso Economia dei Gruppi Industriali. Università degli Studi Milano Bicocca Dott. Prof. Mario Masciocchi Dott.ssa Paola Spoldi Corso Economia dei Gruppi Industriali CASI 2 articoli Il SOLE 24 ORE commentati e discussi Cap. 8 La ristrutturazione finanziaria delle aziende in Turnaround nel medio/lungo periodo Caso 3 del testo Università

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

SEMINARIO: IL PROJECT FINANCING * * * Milano, 11 gennaio 2013. Avv. Silvia Beccio Senior Associate presso Tonucci & Partners

SEMINARIO: IL PROJECT FINANCING * * * Milano, 11 gennaio 2013. Avv. Silvia Beccio Senior Associate presso Tonucci & Partners * * * Milano, 11 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate presso Tonucci & Partners Un autorevole esperto della materia ha definito il project financing come «un operazione di finanziamento di

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

LBO e fusione Avv. Leah Dunlop Avv. Paolo Tanoni. Milano, 2 Ottobre 2008

LBO e fusione Avv. Leah Dunlop Avv. Paolo Tanoni. Milano, 2 Ottobre 2008 LBO e fusione Avv. Leah Dunlop Avv. Paolo Tanoni Milano, 2 Ottobre 2008 Studio Legale LBO Contrattualistica Buy out: Contratto di acquisizione e/o investimento (equity) Leverage: Contratto di finanziamento

Dettagli

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE?

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE? entriamo in tema attraverso la soluzione di un problema PROGETTO DI INVESTIMENTO : - IMPORTO 3.000.000 - REDDITIVITA 15% COPERTURA FINANZIARIA : -AUMENTO DI CAPITALE N AZIONI 1.000.000 PAY OUT RATIO 100

Dettagli

Le fonti di finanziamento nel project financing

Le fonti di finanziamento nel project financing Le fonti di finanziamento nel project financing Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope Aspetti generali La Finanza di Progetto nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta

Dettagli

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE E ALL AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI SUL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO ORGANIZZATO E GESTITO DA BORSA

Dettagli

LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE

LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE a cura Giuseppe Demauro L espressione Leveraged buy out (LBO) la cui traduzione significa acquisizione

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope - Napoli 1 SOMMARIO La finanza mobiliare Il corporate finance Il merchant banking La finanza strutturata

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98

Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 In relazione alla richiesta inoltrata alla Società dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

Innovation Lab TEAM MOTIVAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI

Innovation Lab TEAM MOTIVAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI Dott. Paolo Roccatagliata Innovation Lab TEAM MOTIVAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI I COLLOQUI CON L AZIENDA FORMAZIONE ALLA TENSIONE EMOTIVA DEL TEAM TENSIONE CREATIVA & INNOVAZIONE ALLINEAMENTO COMPETENZE

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 LEZIONE 4 Obbligazioni e prestiti sindacati Letture Obbligatorie: G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Materiali di approfondimento (non obbligatori):

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via di Campo Marzio, 46-00186

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

Roma, 26 Febbraio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98

Roma, 26 Febbraio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 Roma, 26 Febbraio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 In relazione alla richiesta inoltrata alla Società dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Le operazioni di finanziamento

Le operazioni di finanziamento Le operazioni di finanziamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ DI TERZI PROPRIO Il reperimento delle risorse finanziarie Per acquistare i fattori produttivi l impresa necessita di risorse monetarie. Dove reperirle?

Dettagli

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex. Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.it FUND RAISING E REAL ESTATE NEL MERCATO INTERNAZIONALE E DOMESTICO: SPUNTI

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 ADVISORY Pafinberg Srl predispone e fornisce soluzioni finanziarie personalizzate su specifiche esigenze del cliente, che richiedono il concorso di molteplici competenze

Dettagli

Il Merger Leveraged Buy Out. a cura di: Dott. Claudio Alviggi

Il Merger Leveraged Buy Out. a cura di: Dott. Claudio Alviggi Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali Il Merger Leveraged Buy Out a cura di: Dott. Claudio Alviggi 1 Il merger leveraged buy out -Introduzione -Profili civilistici

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA 3 Novembre2015 Gli strumenti finanziari Eleonora Isaia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Le esigenze finanziarie

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Business Solutions Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo Tel: 035 271974

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE I. La (ri)regolamentazione dei mercati finanziari... pag. 1 II. Cos è la soft law...» 3 III. Soft law e mercati finanziari...» 5 IV. Le funzioni svolte dalla

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Coppola Motta Appunti di finanza aziendale: Quesiti Esami 2010-05-10 QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE

Coppola Motta Appunti di finanza aziendale: Quesiti Esami 2010-05-10 QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE I quesiti per la prova scritta sono suddivisi in tre blocchi : 1. A (parte generale) domande a risposta aperta; 2. B (Intervento del Pubblico nell economia)

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

PFCONSULT Financial & Business Service

PFCONSULT Financial & Business Service Business Solutions Rapporto Banca-Impresa Miglioramento della propria posizione finanziaria e maggior accesso al credito PFCONSULT Financial & Business Service Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo

Dettagli

FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE:

FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE: FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE: IL MEZZANINE FINANCE Giuseppe G. Santorsola Università degli Studi di Napoli Parthenope Giuseppe G. Santorsola 1 IL MEZZANINE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni, concernente la sottoscrizione di un accordo

Dettagli

IL FINANCING DELLE START UP

IL FINANCING DELLE START UP IL FINANCING DELLE START UP Facoltà Medicina e Chirurgia Verona Lunedì 4 maggio 2009 1 Il Business Plan (BP) è uno strumento di pianificazione strategica 2 1 Il processo di redazione del BP 1 - Executive

Dettagli

Tecnica finanziaria fondata sul principio secondo il quale una specifica iniziativa economica viene valutata principalmente per le sue capacità di

Tecnica finanziaria fondata sul principio secondo il quale una specifica iniziativa economica viene valutata principalmente per le sue capacità di GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE IL PROJECT FINANCING La finanza di progetto Tecnica finanziaria fondata sul principio secondo il quale una specifica iniziativa economica viene valutata principalmente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2"

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 20/12/2012 20/12/2017 T.V. SUBORDINATE LOWER TIER 2" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN

7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN 7. FINANZIAMENTI E BUSINESS PLAN Prof. Valter Mainetti Amministratore Delegato SORGENTE SGR S.p.A. Parma, 24-25 Marzo 2014 MP-MS 1 1 Indice Strategie di Finanziamento Il Business Plan 2 Strategie di finanziamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II"

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL ISTITUTO BANCARIO DEL LAVORO SPA 18/06/2013 18/06/2018 T.F. SUBORDINATE LOWER TIER II" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A cosa serve un Business Plan Il Business plan ha tre funzioni: 1. Per lo sviluppo della gestione aziendale: uno strumento di pianificazione e applicativo

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L attività di disinvestimento Principi fondamentali del disinvestimento Individuazione del momento più opportuno per disinvestire Definizione del canale di disinvestimento

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

finanziamento: a fonti esternee

finanziamento: a fonti esternee Copertura del fabbisogno di finanziamento: a fonti esternee Corso di Economia Aziendale X lezione Prof. Giuseppe D Onza Capitale di apporto Capitale di terzi (propri) p (debiti) Soggetti finanziatori Proprietari

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO

DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/02/2015 20/02/2021 TASSO FISSO 2.75% SUBORDINATO TIER II/CLASSE 2 EMISSIONE N. 26/2015 CODICE lsln

Dettagli

Titolo corso Prestiti Sindacati

Titolo corso Prestiti Sindacati Titolo corso Prestiti Sindacati Milano, 17 Maggio 2014 A cura di Fabrizio Chiacchiera Cosa sono i Prestiti Sindacati - Nel Mercato dei Capitali la Banca ha il ruolo di erogare credito - Credito concesso

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Mergers & Acquisitions

Mergers & Acquisitions A12 343 Maurizio d Albora Ezio Tartaglia M&A Mergers & Acquisitions fusioni & acquisizioni a cura dello Studio Carnelutti Napoli Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

24. DEBITI VERSO BANCHE E ALTRI FINANZIATORI

24. DEBITI VERSO BANCHE E ALTRI FINANZIATORI Term Incentive 2014-2016 destinato al Management del Gruppo Pirelli e approvato dal Consiglio di Amministrazione e dall Assemblea di Pirelli & C. rispettivamente in data 27 febbraio e 12 giugno 2014; tale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI Associazione Bancaria Italiana, con sede legale in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice Fiscale

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO I UN ISTITUTO CHE VIENE DA LONTANO: DAL REVERSE MORTGAGE

INTRODUZIONE CAPITOLO I UN ISTITUTO CHE VIENE DA LONTANO: DAL REVERSE MORTGAGE SOMMARIO VII INTRODUZIONE 1. Il prestito vitalizio ipotecario: definizione... 1 2. Il contesto sociale ed economico... 5 3. Le aspettative e le finalità della novella del 2015... 10 4. I possibili impieghi

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali

Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali Fabio Alberto Regoli Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELL IMPRESA E INTERNAZIONALIZZAZIONE TORINO, 10 MAGGIO 2012 Impresa e investimento.

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti.

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla proposta all ordine del giorno della Assemblea ordinaria degli azionisti IPI S.p.A. (Art.3 - DM 5 novembre 1998 n 437) O o o o O Proposta di distribuzione

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

Banche e finanza per la crescita

Banche e finanza per la crescita Banche e finanza per la crescita Corrado Piazzalunga Responsabile Finanza per la Sviluppo Direzione Finanza e Derivati Modena, 2 Aprile 2007 I Temi in Agenda Il sistema produttivo italiano UniCredit Banca

Dettagli