Centrale Analogica a 1 Loop per la rilevazione e la segnalazione incendio FireClass100

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centrale Analogica a 1 Loop per la rilevazione e la segnalazione incendio FireClass100"

Transcript

1 Specifiche di Capitolato A-02-FireClass100 Centrale Analogica a 1 Loop per la rilevazione e la segnalazione incendio FireClass Scopo Questa specifica fornisce i requisiti essenziali per un sistema di rilevazione incendio analogico. Il sistema dovrà includere, ma non sarà necessariamente limitato a ciò, una centrale, dei dispositivi periferici di ingresso e di rilevazione incendio, dei dispositivi periferici di uscita e di segnalazione incendio, dei dispositivi periferici in rete, tubi, fili e gli accessori necessari per fornire un sistema completo. 2.0 Standard Le apparecchiature dovranno rispondere ai seguenti standard: - UNI EN 54 parte 2 - UNI EN 54 parte Caratteristiche generali 3.1 DOCUMENTAZIONE NECESSARIA Il fornitore dovrà produrre una documentazione completa che illustri il tipo, le misure, la capacità nominale, la struttura, il nome del costruttore, le fotografie e/o i depliant di tutte le apparecchiature. Sui disegni dovranno essere mostrate solo le apparecchiature, ma non i collegamenti specifici tra le apparecchiature. Il fornitore dovrà sottoporre all approvazione del cliente il layout completo dell intero sistema, mostrando i collegamenti e tutte le apparecchiature,e includere i manuali di istallazione, operatore e manutenzione. Tutte le apparecchiature proposte come rispondenti a quelle qui specificate, saranno conformi agli standard sopra menzionati. Per quanto riguarda le apparecchiature diverse da quelle specificate, il fornitore dovrà dimostrare che tali apparecchiature sostitutive sono uguali oppure superiori quanto a caratteristiche, funzioni, prestazioni e qualità, rispetto alle apparecchiature prescritte. Per ogni centrale il fornitore dovrà includere: Il manuale di Programmazione Il manuale Operatore 3.2 REQUISITI GENERALI DELLE APPARECCHIATURE E DEI MATERIALI Tutti i materiali dovranno essere nuovi e mai utilizzati. Tutti i componenti ed i sistemi dovranno essere progettati per un funzionamento continuativo, senza peggioramenti nel funzionamento o nelle prestazioni. Tutte le apparecchiature, i materiali, gli accessori, i dispositivi e gli altri componenti inclusi in questa specifica o scritti sui disegni e sulle specifiche istallative dovranno essere i migliori adatti al loro uso e dovranno essere forniti da un singolo fabbricante o, se forniti da fabbricanti diversi, dovranno essere riconosciuti come compatibili da entrambi i fabbricanti. Pag.1/12

2 4.0 Requisiti della Centrale 4.1 CARATTERISTICHE DI SISTEMA La centrale ha di base un loop analogico, un relè a scambio libero e due uscite relè tipo NAC. I moduli opzionali FC200/OUT permettono l espansione di queste ultime fino a 14 ( 6 uscite NAC per ogni modulo di espansione uscite). Tramite l uscita seriale RS485 è possibile connettere fino a 8 Ripetitori (FC200/REP). Un potente modulo telecom opzionale (FC200/COM) completa la centrale di tutte le funzioni telefoniche: telefonate con messaggi vocali, telefonate digitali, telegestione. Riepilogo delle caratteristiche: Loop Analogici: 1 Numero di rivelatori per centrale: 99 Numero di moduli per centrale: 99 Numero di repeater per centrale : SCHEDA MADRE La FireClass100 è una centrale di rilevazione incendio a up (16 bit Toshiba serie TMP900 con 512 kbytes RAM e 512 kbytes ROM) sviluppata secondo le normative EN54 parte 2 / parte 4. La scheda madre dovrà controllare e comunicare con tutti i moduli della centrale. Ogni guasto di un modulo della centrale dovrà essere rilevato e riportato dalla scheda madre con l indicazione di guasto. La scheda madre dovrà contenere ed eseguire tutti i programmi personalizzati per le azioni specifiche da intraprendere in caso di incendio. Tali programmi dovranno essere conservati in una memoria programmabile non volatile, e non dovranno andare persi neanche in caso di totale mancanza rete e di mancato funzionamento batterie. L unità centrale di processo (CPU) dovrà inoltre controllare, ad intervalli di tempo inferiori ad un ora, l integrità del programma stesso. Infatti in caso di deterioramento del programma memorizzato nella memoria, la CPU deve immediatamente dare una segnalazione di guasto CPU. Il software della centrale è disponibile su Eprom in tre lingue: italiano, inglese, spagnolo. Pag.2/12

3 4.3 SEGNALAZIONI OTTICHE Le segnalazioni principali sono visualizzate nel modulo tastiera display montato nel retro del coperchio e connesso alla scheda madre tramite un connettore flat. L LCD ( 4 righe x 20 caratteri) retroilluminato visualizzerà tutti gli eventi occorsi e permetterà altresì una facile programmazione di tutte le funzioni relative alla centrale analogica FireClass100. In caso di mancanza rete la retroilluminazione del display dovrà venire a mancare (per la salvaguardia del livello di carica delle batterie) La centrale dovrà disporre almeno delle seguenti indicazioni generali a led: - allarme generale (più LED rossi a enfatizzare la segnalazione di allarme generale) - guasto generale (più LED gialli a enfatizzare la segnalazione di guasto generale) - più allarmi (rosso) - pre allarme (rosso) - telecom (rosso) - mancanza rete (giallo) - test (giallo) - disabilitato (giallo) - modo notte (giallo) - modo giorno (giallo) - presenza rete (verde) - batteria bassa (giallo) - batteria assente (giallo) - difetto di terra (giallo) - fusibili (giallo) - unità logica (giallo) - indirizzo (giallo) - stesso indirizzo (giallo) - tacitazione (giallo) La centrale dovrà inoltre disporre almeno delle seguenti segnalazioni di zona a led: - allarme Z01 (rosso) - allarme Z02 (rosso) - allarme Z03 (rosso) - allarme Z04 (rosso) - allarme Z05 (rosso) - allarme Z06 (rosso) - allarme Z07 (rosso) - allarme Z08 (rosso) - allarme Z09 (rosso) - allarme Z10 (rosso) - allarme Z11 (rosso) - allarme Z12 (rosso) - allarme Z13 (rosso) - allarme Z14 (rosso) - allarme Z15 (rosso) - allarme Z16 (rosso) Pag.3/12

4 4.4 USCITE La centrale dovrà disporre almeno di: - un uscita open collector per ogni zona - un uscita allarme fuoco NON controllata, NON tacitabile ( scambio libero di relè) - un uscita allarme fuoco controllata, tacitabile ed escludibile (relè) - 1 uscita relè programmabili controllate, tacitabili Inoltre vi dovrà essere la possibilità di espandere le uscite relè su scheda madre fino a 14, tramite i moduli di espansione 6 uscite relè FC200/OUT. 4.5 TASTI COMANDO - TACITAZIONE - RESET (anche chiamato RIARMO) - CONFERMA - TEST (di tutte le segnalazioni ottico-acustiche) 4.6 TASTIERA - La tastiera dovrà permettere e quindi dare accesso a qualunque operazione di programmazione, modifica dati, lettura eventi e lettura archivio storico. 4.7 LOOP ANALOGICI Il loop analogico dovrà essere costituito da un cavo ad una coppia ( 2 conduttori). Il cavo così composto dovrà essere in grado di alimentare gli elementi collegati e di trasferire i dati da e per il campo attraverso la codifica dei segnali sopra la tensione di alimentazione. Il loop analogico dovrà essere in grado di consentire il collegamento di 99 dispositivi di tipo sensore e 99 dispositivi di tipo modulo. I sensori potranno essere di fumo, di temperatura o combinati, i moduli potranno essere pulsanti di segnalazione manuale, moduli di uscita, moduli di ingresso o moduli di rilevazione linee convenzionali. Non dovranno esserci limiti nell ordine consequenziale di posizionamento degli elementi. Il LED di indicazione della condizione di allarme posto sull elemento e su qualsiasi altro indicatore remoto, dovrà avere un funzionamento determinato dalla centrale. Tutte le condizioni di allarme visualizzate dai led dovranno potere essere annullate dalla centrale. La centrale dovrà essere in grado di identificare l assenza di ogni elemento. La centrale dovrà disporre al suo interno di un isolatore fisso per ogni linea. La centrale dovrà avere la possibilità di lavorare in Classe A, quindi controllare ed eventualmente rigenerare il segnale sui morsetti denominati Loop 1 B. 4.8 LINEA CONVENZIONALE SU SCHEDA MADRE La centrale dovrà avere una linea convenzionale su scheda madre in grado di alimentare e gestire fino a 30 dispositivi di tipo convenzionale. 4.9 RETE (Network) La centrale dovrà mettere a disposizione un uscita seriale RS485 per la connessione di tutte le periferiche di rete (fino a 8 ripetitori). In particolare le periferiche di rete saranno: - Ripetitori FC200/REP La rete dovrà poter raggiungere una distanza fino a più di 1,5 Km. Pag.4/12

5 4.10 ESTINZIONE Ogni uscita dovrà poter essere trasformata in uscita di estinzione acquisendo con la suddetta trasformazione tutte le proprietà, i ritardi e le caratteristiche di un USCITA DI COMANDO DISPOSITIVI ESTINZIONE INCENDIO (sprinklers, CO 2,... ) STAMPA La centrale dovrà essere in grado di stampare direttamente su stampante seriale tutti i dati dell archivio storico eventi. Dovrà inoltre stampare, se connessa perennemente alla stampante seriale, i dati riguardanti gli eventi che si verificano: allarmi, guasti, avvisi, ecc... La centrale dovrà gestire nella comunicazione con la stampante il protocollo Xon Xoff. Il collegamento tra centrale e stampante seriale si effettuerà tramite cavo seriale dedicato DB9-DB MODULO TELECOM La centrale dovrà permettere l uso di un modulo telecom FC200/COM (opzionale) che permetta di effettuare le seguenti funzione telefoniche: - Chiamate vocali - Chiamate digitali - Teleassistenza Dovrà inoltre avere la possibilità di memorizzare 32 numeri telefonici. La priorità delle chiamate dovrà essere gestita partendo dal canale 1 fino al canale 8. Vi dovrà essere la possibilità di registrare 8 diversi messaggi vocali da associare successivamente agli 8 canali per chiamate vocali disponibili. Dovranno inoltre essere disponibili per le chiamate digitali i seguenti protocolli: - Ademco Slow 10 Baud - Ademco Fast 14 Baud - Franklin 20 Baud - Radionics 40 Baud - Scantronic 10 Baud - Contact ID (DTMF) - SIA 300 Baud (1 Livello) 4.13 ALIMENTATORE -- CARICA-BATTERIE L alimentatore caricabatteria dovrà essere progettato e quindi rispondere al seguente standard: UNI EN54 parte 4. L alimentazione per i dispositivi ottico-acustici potrà essere aumentata, ove necessario, aggiungendo una Stazione di Alimentazione supplementare. Su tutte le uscite d alimentazione presenti sulla scheda madre, dovranno essere fornite protezioni da sovracorrente. L entrata dovrà essere 220 Vac Hz. L alimentatore dovrà avere la possibilità di alloggiare batterie interne da 17 A/h e relativo carica-batterie. Pag.5/12

6 5.0 Funzionamento del Sistema 5.1 GESTIONE DEL SISTEMA La gestione del sistema dovrà essere consentita utilizzando le seguenti modalità: - tasti funzione - password (se la centrale è connessa ad un PC) - chiave meccanica - jumper di inibizione programmazioni - jumper di back up dati volatili (contenuto RAM) La gestione attraverso i tasti funzione dovrà garantire l utilizzo del sistema nelle normali condizioni d uso e durante i vari stati di segnalazione della centrale (i tasti funzione sono quelli esplicitati nel paragrafo TASTI COMANDO e TASTIERA ). 5.2 CONDIZIONI DI RIPOSO Nelle condizioni di riposo la centrale dovrà avere il LED di presenza tensione (verde) illuminato ed il LED associato al funzionamento della CPU(giallo) spento. La retroilluminazione del modulo tastiera-display dovrà essere attiva. Nel caso che, un qualsiasi punto indirizzato del loop, una qualsiasi delle uscite relè o il modulo telecom fosse stato escluso ( messo fuori servizio) il LED Disabilitazioni (giallo) dovrà essere illuminato. 5.3 CONDIZIONE DI ALLARME Ogni condizione di allarme dovrà attuare le seguenti condizioni: - il display dovrà mostrare in un campo distinto della prima riga il nome (label 20 caratteri) del dispositivo indirizzato ove si è verificato il primo allarme. Nella seconda riga dovrà invece essere mostrato, sempre in un campo distinto e ben riconoscibile, il nome (label 20 caratteri) del dispositivo indirizzato ove si è verificato l ultimo allarme. Nella terza riga, in un campo distinto e ben riconoscibile dovrà essere indicato il numero totale di allarmi al momento presenti. Nella quarta riga, in un campo distinto e riconoscibile, dovrà essere possibile navigare (con gli opportuni tasti funzione) tra gli altri allarmi eventualmente presenti ed al momento non mostrati. - Il led posto sul sensore e/o modulo interessato si illuminerà - I relè programmati a partire per gli eventi di allarme presenti si attiveranno - le uscite open collector delle zone in allarme si attiveranno - le uscite di estinzione programmate a partire per gli eventi di allarme presenti si attiveranno - le uscite tacitabili dovranno continuare a suonare fino alla tacitazione della centrale; operazione fatta dal responsabile di sistema o in qualsiasi caso da personale specializzato abilitato. - in caso di tacitazione degli avvisatori acustici si dovrà avere una loro nuova attivazione in caso di nuovo allarme Pag.6/12

7 5.4 CONDIZIONE DI GUASTO Ogni condizione di guasto dovrà attuare le seguenti condizioni: - il display dovrà mostrare in un campo distinto della prima riga il nome (label 20 caratteri) del dispositivo indirizzato ove si è verificato il primo guasto. Nella seconda riga dovrà invece essere mostrato, sempre in un campo distinto e ben riconoscibile, il nome (label 20 caratteri) del dispositivo indirizzato ove si è verificato l ultimo guasto. Nella terza riga, in un campo distinto e ben riconoscibile dovrà essere indicato il numero totale dei guasti al momento presenti. Nella quarta riga, in un campo distinto e riconoscibile, dovrà essere possibile navigare (con gli opportuni tasti funzione) tra gli altri guasti eventualmente presenti ed al momento non mostrati. - I relè programmati a partire per gli eventi di guasto presenti si attiveranno - le uscite tacitabili dovranno continuare a suonare fino alla tacitazione della centrale; operazione fatta dal responsabile di sistema o in qualsiasi caso da personale specializzato abilitato. - in caso di tacitazione degli avvisatori acustici si dovrà avere una loro nuova attivazione in caso di nuovo guasto - la segnalazione di guasto segue l evento e cioè se quest ultimo regredisce, anche la segnalazione da parte della centrale si annullerà. - La rimozione di ogni singola unità dovrà essere segnalata con un messaggio di guasto che non potrà essere annullato fino al riposizionamento dell unità stessa. 5.5 CONDIZIONE DI TEST La centrale dovrà avere la possibilità di effettuare il test di tutte le segnalazioni ottico acustiche tramite un pulsante di comando posto sul pannello frontale. 6.0 Parti Meccaniche 6.1 CONTENITORE E PARTI MECCANICHE La centrale dovrà essere alloggiata in un armadio progettato per essere montato direttamente sul muro o su di una superficie verticale. Il fondo dell armadio e lo sportello dovranno essere d acciaio ed avere lo spazio necessario per i collegamenti elettrici nei lati e sulla sommità. L armadio dovrà avere una profondità di 126 mm ed una larghezza di 417 mm. L altezza dell armadio dovrà essere di 562 mm. La centrale dovrà essere modulare per semplicità di istallazione, manutenzione ed espansioni future. Il livello 1 delle norme EN54 parte 2 dovrà essere garantito da una porta metallica con finestra in plexiglas. Il blocco della porta metallica sarà effettuato tramite chiave meccanica. 7.0 Requisiti dei dispositivi periferici 7.1 RIPETITORI (FC200/REP ) La centrale dovrà gestire (su rete RS485), fino a 8 ripetitori FC200/REP i quali permettono di riprodurre e segnalare a distanze superiori a 1,5 Km, il display e tutte le altre segnalazioni ottico acustiche della centrale FireClass100: - ripetizione di tutte le segnalazioni, generali e dedicate, dei LED della centrale - ripetizione delle segnalazioni acustiche della centrale - ripetizione del display della centrale - possibilità di tacitazione remota da repeater (sotto codice) - possibilità di reset (riarmo; sotto codice) - possibilità di conferma remota(sotto codice) - possibilità di generare un quadro sinottico remoto tramite i 16 open collectors che ripetono lo stato delle zone software Pag.7/12

8 7.2 RILEVATORI DI FUMO I rivelatori ottici di fumo analogici indirizzati saranno collegati con due fili al loop della centrale. I rivelatori useranno l effetto Tyndall per misurare la densità di fumo e, su comando della centrale, invieranno alla medesima i dati rappresentanti il livello analogico della densità di fumo. Il tipo di montaggio per i rivelatori sarà: a soffitto. Dovrà essere possibile eseguire il test sui sensori. Durante quest ultimo, sarà simulata una condizione di allarme tramite appositi comandi inviati sul loop. Conseguentemente la centrale analizzerà i dati riuscendo a constatare in breve tempo se il sensore è in perfette condizioni di funzionamento. La condizione di test dei sensori può anche essere attivata tramite prove con fumo reale. Usando degli switch rotativi si potrà assegnare l indirizzo ad ogni rivelatore. I rivelatori avranno due LED, d allarme e di funzionamento. Entrambi i LED lampeggeranno in condizioni normali, indicando che il rivelatore funziona ed è in regolare contatto con la centrale di rivelazione incendio. Se presente una condizione di allarme, entrambi i LED saranno attivi in modo fisso. Dovrà inoltre essere presente un uscita per un eventuale collegamento di un LED esterno. - modello 2251 EM Rivelatore ottico di fumo analogico indirizzabile, basso profilo - modello 2251 EIS Rivelatore ottico di fumo analogico indirizzabile, basso profilo a sicurezza intrinseca 7.3 RILEVATORI TERMICI - TERMOVELOCIMETRICI Questi rilevatori termici verranno utilizzati in particolare per la protezione di locali ed istallazioni in cui un principio di incendio sia accompagnato da un repentino aumento della temperatura o in cui altri rivelatori di incendio non possano essere applicati a causa della presenza di fumo, vapore, ecc. Dovranno essere protetti contro umidità, corrosione, inversioni di polarità e disturbi elettromagnetici. I rivelatori ottici di fumo analogici indirizzati saranno collegati con due fili al loop della centrale. I rivelatori useranno un circuito elettronico per misurare la densità di fumo e, su comando della centrale, invieranno alla medesima i dati rappresentanti il livello analogico della temperatura. Il tipo di montaggio per i rivelatori sarà: a soffitto. Dovrà essere possibile eseguire il test sui sensori. Durante quest ultimo, sarà simulata una condizione di allarme tramite appositi comandi inviati sul loop. Conseguentemente la centrale analizzerà i dati riuscendo a constatare in breve tempo se il sensore è in perfette condizioni di funzionamento. La condizione di test dei sensori può anche essere attivata tramite prove con speciali strumenti dedicati a questo tipo di impiego. Usando degli switch rotativi si potrà assegnare l indirizzo ad ogni rivelatore. I rivelatori avranno due LED, d allarme e di funzionamento. Entrambi i LED lampeggeranno in condizioni normali, indicando che il rivelatore funziona ed è in regolare contatto con la centrale di rivelazione incendio. Se presente una condizione di allarme, entrambi i LED saranno attivi in modo fisso. Dovrà inoltre essere presente un uscita per un eventuale collegamento di un LED esterno. - modello 5251EM rivelatore analogico indirizzabile di temperatura a soglia fissa (57 C) - modello 5251REM rivelatore termovelocimetrico analogico indirizzabile ( 9,4 C/min) - modello 5251HTEM rivelatore analogico indirizzabile per alte temperature Pag.8/12

9 7.4 PULSANTI DI SEGNALAZIONE MANUALE INDIRIZZABILI Dovranno avere la possibilità di essere montati sia a muro che in scatola da incasso. Dovranno avere la possibilità di segnalare la condizione di allarme tramite la rottura di un elemento frangibile. Dovrà essere possibile eseguire il test del pulsante tramite una speciale chiave in plastica. Il ripristino del test del dispositivo verrà eseguito con la medesima chiave. Il punto di segnalazione manuale dovrà avere un LED rosso che lampeggia nel normale funzionamento ed è invece acceso nella condizione di allarme. Usando degli switch rotativi si potrà assegnare l indirizzo ad ogni pulsante di segnalazione manuale di allarme. - modello M500KAC pulsante di segnalazione manuale indirizzabile - modello M500KACW pulsante di segnalazione manuale indirizzabile da esterno: IP MODULI DI INGRESSO INDIRIZZABILI I moduli di ingresso saranno usati per leggere lo stato di un contatto (un semplice interruttore, pulsante, ecc...). Possono anche essere usati nel monitorare dispositivi del tipo convenzionale (sensori convenzionali, ecc...). Un LED lampeggerà in condizioni di normale funzionamento e diventerà fisso in condizioni di allarme. L ingresso dovrà essere di tipo analogico con quindi anche la possibilità di eseguire letture di trimmer e/o potenziometri. Quest ultima modalità d uso del modulo ne permetterà l istallazione in svariate applicazioni di automazione (sempre nell ambito del sistema di rivelazione incendio che si sta realizzando). Usando degli switch rotativi si potrà assegnare l indirizzo ad ogni modulo di ingresso. - modello M210E modulo di ingresso analogico indirizzabile con LED incorporato e possibilità di collegamento a 4 fili per supervisione - modello M503ME micro modulo di ingresso analogico indirizzabile con possibilità di connessione a LED di allarme e di corretto funzionamento. 7.6 MODULI DI USCITA INDIRIZZABILI I moduli di uscita indirizzabili,vere e proprie uscite supervisionate, permetteranno l attivazione di avvisatori ottico acustici polarizzati alimentati a 24 V da una sorgente di alimentazione esterna. Avranno un LED che lampeggerà in condizioni normali indicando il corretto funzionamento del modulo e la regolare comunicazione dello stesso con la centrale. Usando degli switch rotativi si potrà assegnare l indirizzo ad ogni modulo di uscita. - modello M201E modulo di uscita indirizzabile con LED incorporato 7.7 MODULI DI CONTROLLO PER DISPOSITIVI DI TIPO CONVENZIONALE I moduli di controllo saranno usati per alimentare e monitorare lo stato di dispositivi di tipo convenzionale (sensori di fumo, sensori di temperatura, pulsanti di segnalazione manuale, ecc...). Un LED lampeggerà in condizioni di normale funzionamento e diventerà fisso in condizioni di allarme. Usando degli switch rotativi si potrà assegnare l indirizzo ad ogni modulo di controllo. - modello M512ME modulo di controllo per dispositivi di tipo convenzionale con LED incorporato 7.8 MODULI ISOLATORI I moduli isolatori dovranno essere usati per isolare cortocircuiti tra due fili su un loop. In questo modo si perderanno solo i dispositivi compresi tra due moduli isolatori con la salvaguardia di tutti gli altri dispositivi connessi sui loop analogici. - modello M200XE modulo isolatore con LED incorporato - modello B524IEFT base con modulo isolatore Pag.9/12

10 7.9 DISPOSITIVI ACUSTICI D ALLARME I dispositivi acustici d allarme dovranno essere completamente elettronici e non dovranno avere bisogno di solenoidi vibranti o contatti. La tensione di alimentazione dovrà essere di 24 Vdc. Il montaggio dovrà essere a parete. Il tipo di segnalazione acustica dovrà essere selezionabile. Il volume dovrà essere selezionabile. I dispositivi ottico acustici potranno essere alimentati dal loop o con alimentazione esterna 24Vdc. Usando degli switch rotativi si potrà assegnare l indirizzo ad ogni modulo di controllo. - modello EMA24ALR/W sirena indirizzabile alimentata dal loop rossa/bianca - modello EMA24AER/W sirena indirizzabile alimentata esternamente rossa/bianca 8.0 Software di Gestione 8.1 SOFTWARE DI GESTIONE E CONTROLLO La centrale dovrà avere la possibilità di essere monitorata, comandata e programmata tramite un apposito software di controllo. Lo stesso dovrà avere la possibilità di eseguire i comandi dei tasti funzione : Reset, Tacitazione, Conferma, Test. Inoltre si dovrà, tramite il software di controllo, avere la possibilità di svolgere totalmente tutte le operazioni di programmazione. Dovrà essere possibile leggere i valori analogici di tutti i dispositivi connessi al loop. Dovrà inoltre avere un archivio storico che memorizzi tutti gli eventi occorsi. Il collegamento del PC con la centrale avverrà tramite un cavo seriale con connettori a 9 pin. Dovrà essere possibile visualizzare graficamente la mappa che include il dispositivo in allarme(guasto, evento, ecc...) tramite un pacchetto software addizionale che lavora in simbiosi con il pacchetto software di controllo descritto precedentemente. L uso del pacchetto addizionale mappe grafiche dovrà essere permesso solo tramite una chiave hardware a salvaguardia del cliente e di chi usa il pacchetto software. - modello FC200/SW software per programmazione e gestione centrali rivelazione incendio FireClass200 - modello FC200/SWMP software per programmazione e gestione centrali rivelazione incendio FireClass200 Pag.10/12

11 9.0 Istallazione ISTALLAZIONE L installazione dovrà essere conforme alle norme prescritte dal produttore. Consultare la ditta produttrice per tutti gli schemi di collegamento, misure, ecc. prima di effettuare l istallazione SUPERVISIONE Tutti i fili dovranno essere completamente supervisionati. 9.3 CAVI E COLLEGAMENTI I cavi per i dispositivi di rilevazione incendio (pulsanti di segnalazione manuale, rilevatori, ecc.) dovranno essere opportunamente dimensionati come specificato nel manuale del prodotto. Dovranno essere istallati dalla centrale al primo dispositivo, quindi ad ogni dispositivo successivo all interno del loop. Nel caso di connessione del Loop in Classe A, si dovranno posizionare moduli isolatori ogni massimo 20 dispositivi. Si dovrà inoltre terminare la linea sui morsetti B di rientro del loop. La zona convenzionale disponibile sulla scheda madre potrà supportare fino a 30 sensori di tipo convenzionale. Una resistenza di fine linea dovrà essere istallata dopo l ultimo dispositivo della zona convenzionale. Anche per le uscite supervisionate valgono i discorsi di cui sopra. I cavi del sistema dovranno essere istallati in tubazioni, canaline e scatole di derivazione diverse da quelle degli impianti di potenza, luce, ecc. Pag.11/12

12 Distributore: Bentel Security s.r.l. C.da Ravigliano Z.I. S. Scolastica Corropoli (TE) ITALY Tel Fax

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

EASY 1 LOOP. Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione. Manuale Utente

EASY 1 LOOP. Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione. Manuale Utente EASY 1 LOOP Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione Manuale Utente EASY 1 LOOP Manuale Utente Capitolo 1 Descrizione della centrale 1.1 Dati di identificazione del dispositivo Denominazione:

Dettagli

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop)

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) In questi impianti la linea bifilare che parte dalla centrale di controllo non termina con la resistenza di fine linea, ma si richiude sulla

Dettagli

ACP. Centrali antincendio analogiche indirizzabili SICUREZZA ANTINCENDIO

ACP. Centrali antincendio analogiche indirizzabili SICUREZZA ANTINCENDIO ACP Centrali antincendio analogiche indirizzabili SICUREZZA ANTINCENDIO Centrali antincendio analogiche indirizzabili Semplicità e versatilità sono le parole chiave del nuovo sistema analogico indirizzato

Dettagli

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIE EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0274V3.2-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale... pag.

Dettagli

TKSMARTLIGHT- TKSMARTLINE020 TKSMARTLINE036 TKSMARTLIGHT/S. Antincendio

TKSMARTLIGHT- TKSMARTLINE020 TKSMARTLINE036 TKSMARTLIGHT/S. Antincendio TKSMARTLIGHT- Centrale per lo spegnimento del tipo analogica indirizzata, in grado di gestire 1 LOOP ed 1 canale di spegnimento. Alimentatore Switching da 1,4A MAX 2 batterie da 12Vcc a 7Ah. Certificazione

Dettagli

01 - CENTRALI ANTINCENDIO

01 - CENTRALI ANTINCENDIO 01 - CENTRALI ANTINCENDIO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE 2 LOOP Centrale antincendio a microprocessore 2 zone non espandibile. Uscite programmabili: 2 uscite supervisionate per sirene, 2 uscite relè

Dettagli

SmartLine. Centrale Rivelazione Incendio Convenzionale. Centrale di Estinzione. Manuale Utente. GameOver

SmartLine. Centrale Rivelazione Incendio Convenzionale. Centrale di Estinzione. Manuale Utente. GameOver SmartLine Centrale Rivelazione Incendio Convenzionale Centrale di Estinzione Manuale Utente GameOver Capitolo 1 Descrizione della centrale 1.1 Dati di identificazione del fabbricante INIM Electronics s.r.l.

Dettagli

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Rivelatori analogici HFA-2000 Centrale incendio analogica-indirizzabile Progettata per funzionare esclusivamente con i rivelatori incendio Serie

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SISTEMA SOLAR DEFENDER

RELAZIONE TECNICA SISTEMA SOLAR DEFENDER RELAZIONE TECNICA SISTEMA SOLAR DEFENDER ARGOMENTO: La presente relazione tecnica ha come scopo la descrizione dettagliata del sistema Solar Defender di MARSS, relativamente alla protezione di un impianto

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. L.16 IMPIANTO DI RILEVAZIONE INCENDI L.16.10 IMPIANTI A ZONE L.16.10.10 Centrale convenzionale di segnalazione automatica di incendio, per impianti a zone, centrale a microprocessore, tastiera di programmazione

Dettagli

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso I PA100 Pulsante manuale a riarmo wireless DS80SB32001 LBT80856 Manuale Installazione/Uso DESCRIZIONE GENERALE Il pulsante manuale a riarmo wireless PA100 è un dispositivo che consente di generare una

Dettagli

Elettronica 3B. Antincendio. Listino 2102 PRODOTTI AZIENDE TRATTATE CENTRALI ANTINCENDIO SENSORI ANTINCENDIO SEGNALATORI INCENDIO

Elettronica 3B. Antincendio. Listino 2102 PRODOTTI AZIENDE TRATTATE CENTRALI ANTINCENDIO SENSORI ANTINCENDIO SEGNALATORI INCENDIO Elettronica 3B Antincendio AZIENDE TRATTATE INTERNATIONAL ARGUS VENITEM ITC BELDEN PRODOTTI CENTRALI ANTINCENDIO SENSORI ANTINCENDIO SEGNALATORI INCENDIO Listino 2102 CENTRALI ANTINCENDIO CENTRALE ANTINCENDIO

Dettagli

Sch. 1043/422 Sch. 1043/424

Sch. 1043/422 Sch. 1043/424 Mod. 1043 DS1043-160 LBT8539 CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI A 2 E 4 ZONE Sch. 1043/422 Sch. 1043/424 MANUALE UTENTE INDICE 1 DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 2 NORMATIVE...

Dettagli

SISPA Sicurezza Incendio S. r. l.

SISPA Sicurezza Incendio S. r. l. CARATTERISTICHE DI ESERCIZIO 1.1 Normale Esercizio di Analisi Fumi. Il pannello di centrale si presenta con la spia power accesa in colore verde, simbolo della corretta alimentazione di centrale. La scritta

Dettagli

Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio

Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio elmospa.com Global security solutions Rivelazione incendio via radio C on la nuova linea di dispositivi wireless, EL.MO. offre

Dettagli

Centrale d allarme monozona Mod. EA-104

Centrale d allarme monozona Mod. EA-104 XON Electronics Manuale Utente EA104 Centrale d allarme monozona Mod. EA104! Attenzione prodotto alimentato a 220V prima di utilizzare, leggere attentamente il manuale e particolarmente le Avvertenze a

Dettagli

GUIDA PRATICA COMBINATORE TELEFONICO MCON MESSAGGIO DI ALLARME

GUIDA PRATICA COMBINATORE TELEFONICO MCON MESSAGGIO DI ALLARME CARATTERISTICHE TECNICHE SH-TAG Tensione di Alimentazione 12 Vcc +/- 10 % Assorbimento in riposo 20 ma Assorbimento in trasmissione 110 ma Avvisatore telefonico GSM a 2 canali - 8 numeri telefonici per

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS ESEMPI DI INSTALLAZIONE Il presente documento è stato redatto con l obiettivo di fornire delle informazioni che possano aiutare l utente a comprendere le problematiche relative

Dettagli

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO La norma UNI 9795 regola i criteri per la realizzazione di impianti fissi automatici di rilevazione e segnalazione di incendio

Dettagli

0051-CPD-0330 ACS028. Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente

0051-CPD-0330 ACS028. Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente 0051-CPD-0330 ACS028 Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente ACS028 Copyright Manuale utente Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà riservata di BPT S.p.A..

Dettagli

Concento. Chiamata infermiera e sistema di comunicazione. Concento. Descrizione del sistema. Descrizione del sistema

Concento. Chiamata infermiera e sistema di comunicazione. Concento. Descrizione del sistema. Descrizione del sistema Concento Chiamata infermiera e sistema di comunicazione Tunstall Italia s.r.l. 0 1 V07 Generale Concento è un sistema di chiamata infermiera e di comunicazione che può essere utilizzato in strutture quali

Dettagli

LISTINO UNITEK ITALIA

LISTINO UNITEK ITALIA LISTINO UNITEK ITALIA Ed. 01/2011 CODICE ANTIFURTO CONTATTI MAGNETICI DA INCASSO UTKCI01 Contatto magnetico da incasso plastico - IMQ 1 Livello 10 3,90 UTKCI01C1 Contatto magnetico da incasso plastico

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

CONVENZIONALE >ANTINCENDIO SISTEMA C400 ANTINCENDIO

CONVENZIONALE >ANTINCENDIO SISTEMA C400 ANTINCENDIO ANTINCENDIO >ANTINCENDIO CONVENZIONALE SISTEMA C400 ANTINCENDIO EFFICACE E MODULARE L antincendio Elkron protegge la tua azienda e cresce insieme a lei La gamma antincendio convenzionale Elkron è flessibile

Dettagli

A 4-8-16 Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit A 4-8-16 MANUALE UTENTE A 4-8-16. Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit

A 4-8-16 Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit A 4-8-16 MANUALE UTENTE A 4-8-16. Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit Page / 4 A 4-8-6 Centrale modulare analogica multiprocessore 6 bit A 4-8-6 0/03/2004 A 4-8-6 Centrale modulare analogica multiprocessore 6 bit Manuale utente Page 2 / 4 A 4-8-6 Centrale modulare analogica

Dettagli

Micromoduli. Tipologia di Micromoduli. Tipologia di Espansioni SCHEDA 3.0.0

Micromoduli. Tipologia di Micromoduli. Tipologia di Espansioni SCHEDA 3.0.0 Micromoduli Un notevole punto di forza delle centrali ESSER è dettato dall estrema modularità di queste centrali. L architettura prevede l utilizzo di micromoduli, schede elettroniche inseribili all interno

Dettagli

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 682.1 INTELLIGAS Sistema di rivelazione fughe gas per centrali termiche QA..13/A QA..13/A Sistema elettronico per la rivelazione di fughe gas per una o più sonde per il comando di una elettrovalvola

Dettagli

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE Apparecchi elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE 01913 - elettronico GSM Alimentazione: 120-230 V~, 50-60 Hz. 2 batterie AAA NiMH 1,2 V ricaricabili (fornite) in grado di garantire, per alcune ore,

Dettagli

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 DESCRIZIONE GENERALE L espansore senza fili è un modulo

Dettagli

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE >SISTEMA WIRELESS STAND ALONE 126 SISTEMI DI SPEGNIMENTO AI TRU SIONE FI CEN DIO >128 UNITÀ CENTRALE >129 >130 RILEVATORI >132 ATTUATORI CENTRI ASSISTENZA TECNICA ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE COMUNICATORI

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

UTC Fire & Security. Centrali antincendio analogiche indirizzate serie 2X-F Guida Introduzione Prodotto

UTC Fire & Security. Centrali antincendio analogiche indirizzate serie 2X-F Guida Introduzione Prodotto UTC Fire & Security Centrali antincendio analogiche indirizzate serie 2X-F Informazioni Prodotto Descrizione Prodotto: Centrali analogiche antincendio serie 2X-F. Codice Prodotto: Vedere la parte finale

Dettagli

Manuale di installazione ALM-W002

Manuale di installazione ALM-W002 Manuale di installazione ALM-W002 ALM-W002 Sirena via radio - Manuale di installazione Tutti i dati sono soggetti a modifica senza preavviso. Conforme alla Direttiva 1999/5/EC. 1. Introduzione ALM-W002

Dettagli

08880820 Centrale controllo sole/vento/pioggia 1 motore

08880820 Centrale controllo sole/vento/pioggia 1 motore 08880820 Centrale controllo sole/vento/pioggia 1 motore 1 DESCRIZIONE La centrale S\V\P\T CON DISPLAY è in grado di comandare un motore. Il comando avviene per mezzo di un di una tastiera con display da

Dettagli

Impieghi. Prestazioni:

Impieghi. Prestazioni: La gamma di centrali convenzionali d allarme incendio serie HFC-800 consiste essenzialmente in due famiglie, con scheda base a 4 e scheda base a 8 zone. Partendo da queste schede, con l aggiunta di moduli

Dettagli

Combinatore telefonico

Combinatore telefonico SISTEMA ANTINTRUSIONE Manuale utente Combinatore telefonico Microfono 16877 INDICE COMBINATORE TELEFONICO Indice 1. CARATTERISTICHE TECNICHE... 3 2. PROGRAMMAZIONE... 4 3. COMANDI PARTICOLARI... 6 4.

Dettagli

PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001

PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001 PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001 ART.48BFA000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il terminale 48BFA000 permette di

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO ITALIANO MAGGIO 2003 SICUREZZA SENZA FILI I DISPOSITIVI DI GESTIONE E CONTROLLO LE CENTRALI Il cuore del sistema è la centrale disponibile in due differenti modelli a 16

Dettagli

KIT DI PRESSURIZZAZIONE PER FILTRI A PROVA DI FUMO

KIT DI PRESSURIZZAZIONE PER FILTRI A PROVA DI FUMO KIT DI PRESSURIZZAZIONE PER FILTRI A PROVA DI FUMO Unità di alimentazione e controllo KX300 Sistema Certificato n. 2050-2009 Il kit di pressurizzazione a flusso variabile KX300 è il risultato di un progetto

Dettagli

TIPOLOGIA PAGINA AUTOMAZIONE

TIPOLOGIA PAGINA AUTOMAZIONE TIPOLOGIA AUTOMAZIONE Presa intelligente GSM Sensori automazione porte CONTROLLO ACCESSI Controllo accessi Controllo accessi con memoria eventi ANTINTRUSIONE Centrali via cavo Ricevitori e periferiche

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO () Generalità Quadro di comando e controllo manuale/automatico () fornito a bordo macchina, integrato e connesso al gruppo elettrogeno. Il quadro utilizza un compatto

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Installazione del trasmettitore. ACom6

Installazione del trasmettitore. ACom6 Installazione del trasmettitore CBC (Europe) Ltd. Via E.majorana, 21 20054 Nova Milanese (MI) tel: +39 (0)362 365079 fax: +39 (0)362 40012 1 Precauzioni Il dispositivo non deve essere esposto a pioggia

Dettagli

ACCESSORI INDICE SHEET TECNICI - ACCESSORI ACCESSORI. UPS ALIMENTATORE STABILIZZATO - Mod. PWS 200/5 PWS200/10 AC030 5

ACCESSORI INDICE SHEET TECNICI - ACCESSORI ACCESSORI. UPS ALIMENTATORE STABILIZZATO - Mod. PWS 200/5 PWS200/10 AC030 5 ACCESSORI INDICE SHEET TECNICI - ACCESSORI ACCESSORI NR. SHEET PAG. PANNELLI RIPETITORI ALLARMI mod. AP/1, AP/2, AP/3 e AP4 AC010 2 LAMPEGGIANTE, SIRENE, BUZZER AC020 4 UPS ALIMENTATORE STABILIZZATO -

Dettagli

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza FORUM di PREVENZIONE FORUM di PREVENZIONE Certificazione SIL (Safety Integrity Level)

Dettagli

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE 1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE NO. TM0011 1 Pagine Preliminari: I numeri in grassetto identificano la sezione di accesso: 1 area incendio, 2 area intrusione,

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 30 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 30 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led giallo: se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528 MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CAF528 è una centrale di semplice utilizzo da parte dell utente il quale può attivare l impianto in modo totale o parziale per mezzo dei PROGRAMMI

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCB138V24 è stato progettato per risultare idoneo all impiego con tutti i tipi di apparecchiature,

Dettagli

GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento

GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento 701 Convenzionale a 2 Zone non espandibile, in grado di comandare un canale di spegnimento a gas (optional 701_1). Ciascuna linea permette il collegamento

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

Manuale d'uso RFID METALLO

Manuale d'uso RFID METALLO Manuale d'uso RFID METALLO Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 Indice Capitolo 1 - Panoramica... 3 Introduzione...3 Scheda tecnica...3 Dimensioni...3 Capitolo 2 Installazione... 4 Installazione...4

Dettagli

MA 433 MODULO ALLARMI PER TELAIO DSLAM

MA 433 MODULO ALLARMI PER TELAIO DSLAM MA 433 MODULO ALLARMI PER TELAIO DSLAM MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 211 REV. 2.1 1 di 11 INDICE 1.0 GENERALITÁ 03 2.0 INTERFACCE 03 3.0 CARATTERISTICHE TECNICHE 07 3.1 CARATTERISTICHE

Dettagli

MANUALE TECNICO PANDA 4. Combinatore Telefonico GSM CON MODULO INDUSTRIALE TRI-BAND 900+1800+1900

MANUALE TECNICO PANDA 4. Combinatore Telefonico GSM CON MODULO INDUSTRIALE TRI-BAND 900+1800+1900 MANUALE TECNICO PANDA 4 Combinatore Telefonico GSM CON MODULO INDUSTRIALE TRI-BAND 900+1800+1900 La Sima dichiara che questo prodotto è conforme ai requisiti essenziali delle direttive 1999/5/CE 89/336/CEE

Dettagli

EL.C.I. Automazione & Elettronica Strada S. Mauro 139 / 6l

EL.C.I. Automazione & Elettronica Strada S. Mauro 139 / 6l EL.C.I. Automazione & Elettronica Indirizzo Strada S. Mauro 139 / 6l Citta 10156 Torino Paese Italia Fax 011 / 273.25.58 0348.999.83.73 e-mail.elci.italo.casalone@libero.it Telefono 011 / 273.25.58 0348.22.57.124

Dettagli

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN GW 90 823 A 1 2 3 4 RF 5 1 Pulsante di programmazione 2 Morsetto ponticello programmazione 3 LED presenza alimentazione 4 LED di programmazione

Dettagli

Sistema di sicurezza senza fili per applicazioni domestiche

Sistema di sicurezza senza fili per applicazioni domestiche Sistema di sicurezza senza fili per applicazioni domestiche La tua tranquillità è tutto Il sistema di sicurezza Scantronic i-on16 garantisce sicurezza e tranquillità a persone come te, persone che hanno

Dettagli

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox Manuale di Installazione ed Uso - Versione 1.0 - Indice INTRODUZIONE 3 SCHEDA E COLLEGAMENTI 3 LED DI SEGNALAZIONE DELLO STATO OPERATIVO 4 DEFAULT RESET 4 PROGRAMMAZIONE 4 wizard tecnico 5 FUNZIONE INGRESSI

Dettagli

SISTEMI DI SICUREZZA A 32 ZONE

SISTEMI DI SICUREZZA A 32 ZONE SISTEMI DI SICUREZZA A 32 ZONE Provate il nuovo modo di vivere con l esclusiva modalità di funzionamento StayD disponibile sulle centrali Spectra serie SP. StayD rappresenta una nuova fi losofi a di protezione

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE CRS8 Pannello sinottico La centrale antincendio mod. CRS8, controllata a microprocessore, è stata progettata per alimentare e gestire

Dettagli

PR5. MANUALE ISTRUZIONI IM846-I v0.4

PR5. MANUALE ISTRUZIONI IM846-I v0.4 MANUALE ITRUZIONI IM846-I v0.4 PANNELLO DI EGNALAZIONE E CONTROLLO A DITANZA da associare ai seguenti dispositivi per il controllo permanente dell isolamento: HRI-R40 HRI-R22t HRI-R22 HRI-R24 HRI-R24N

Dettagli

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO GESCO SECURKEY TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO Adatto a comandare impianti di allarme antiintrusione eda controllare accessi o apparecchiature,mediante

Dettagli

Indice. Istruzioni per un utilizzo sicuro. 1. Prima dell utilizzo

Indice. Istruzioni per un utilizzo sicuro. 1. Prima dell utilizzo 2 Indice Istruzioni per un utilizzo sicuro 1. Prima dell utilizzo 1.1 Componenti 1.2 Struttura 1.3 Metodi per l inserimento delle impronte 1.4 Procedure d installazione 1.4.1 Registrazione dell amministratore

Dettagli

NOTE CENTRALI ANTIFURTO NOX300/500/900 ISTRUZIONI D'USO. elettronicas.n.c. R R + + + + + + + + + LED LINEE / MEMORIE DISINSERITO INSERITO

NOTE CENTRALI ANTIFURTO NOX300/500/900 ISTRUZIONI D'USO. elettronicas.n.c. R R + + + + + + + + + LED LINEE / MEMORIE DISINSERITO INSERITO LED / MEMORIE ESCLUSIONE / INCLUSIONE LED / MEMORIE ESCLUSIONE / INCLUSIONE LED / MEMORIE ESCLUSIONE / INCLUSIONE NOTE CENTRALI ANTIFURTO NOX300/500/900 ISTRUZIONI D'USO 1 2 3 4 1 2 R R Grazie per aver

Dettagli

SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067

SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067 SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067 Centrali Il nuovo sistema antintrusione è idoneo per ogni tipo di applicazione ed è destinato in particolare ad impianti di medie dimensioni: il suo campo di applicazione spazia

Dettagli

AL SICURO LA TUA CASA E IL TUO LAVORO. Assistenza Tecnica e distribuzione Italia Cell. 366 2756359 - Cunicella Massimo

AL SICURO LA TUA CASA E IL TUO LAVORO. Assistenza Tecnica e distribuzione Italia Cell. 366 2756359 - Cunicella Massimo AL SICURO LA TUA CASA E IL TUO LAVORO Assistenza Tecnica e distribuzione Italia Cell. 366 2756359 - Cunicella Massimo Caratteristiche principali Tastiera LCD retro illuminata, 4 righe Combinatore telefonico

Dettagli

TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato. TFPS-5 Alimentatore indirizzato. Gruppo di alimentazione TFPS-5

TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato. TFPS-5 Alimentatore indirizzato. Gruppo di alimentazione TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato Gruppo di alimentazione Gruppo di alimentazione supplementare indirizzato per sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio per edifici. Tensione nominale di alimentazione

Dettagli

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Il gas detector è un dispositivo che segnala la presenza di un certo tipo di gas con l ausilio di un allarme acustico e visivo locale. Il dispositivo può funzionare

Dettagli

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO MC-62 Vintage Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO Manuale di Istruzioni TRE i SYSTEMS S.r.l. Via del Melograno N. 13-00040 Ariccia, Roma Italy

Dettagli

Vending BLUE Lavazza. Sistemi per la programmazione delle schede elettroniche e aggiornamento SW distributori

Vending BLUE Lavazza. Sistemi per la programmazione delle schede elettroniche e aggiornamento SW distributori 1/9 Con la seguente Vi segnaliamo gli strumenti informatici indispensabili per la programmazione e l aggiornamento del software dei Distributori Automatici di seguito riportati: COLIBRI Il distributore

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo SETTORE LAVORI PUBBLICI PROGETTO ESECUTIVO Artt. 33 e segg. D.P.R. 7/0 ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COD. CUP:

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

Tecnologia wireless facile da installare TASTIERA MANUALE D'USO. www.my-serenity.ch

Tecnologia wireless facile da installare TASTIERA MANUALE D'USO. www.my-serenity.ch Tecnologia wireless facile da installare TASTIERA MANUALE D'USO www.my-serenity.ch Cosa c'è nella Scatola? 1 x Tastiera remota 2 x Viti di fissaggio 2 x Tasselli 1 x Pad adesivo in velcro (2 parti) Che

Dettagli

Concentratore RoomBus EasyCall con display a 7 segmenti per visualizzazione allarmi

Concentratore RoomBus EasyCall con display a 7 segmenti per visualizzazione allarmi ARTICOLO DESCRIZIONE 1049/062A Dispositivo di reset allarmi Il dispositivo è utilizzato per il reset degli allarmi provenienti dalla camera. Caratteristiche e prestazioni: Micro contatto in scambio da

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 Sistemi di installazione intelligente INDICE 1 GENERALE... 4 2 CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 2.1 DATI TECNICI... 5 3 MESSA IN SERVIZIO...

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

ALTRI DISPOSITIVI DEL SISTEMA. Rivelatore volumetrico ad IR passivo

ALTRI DISPOSITIVI DEL SISTEMA. Rivelatore volumetrico ad IR passivo Rivelatore volumetrico ad IR passivo MODIFICHE PER IMPIANTO A 4 ZONE La centrale Sch.1057/008 è preimpostata per raggruppare i rivelatori in 3 zone (ad esempio Zona giorno, Zona notte e Garage). Anche

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

MANUALE UTENTE libra

MANUALE UTENTE libra Curtarolo (Padova) Italy MANUALE UTENTE libra LIBRA NOVA AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO9001 IST0712V1.0-1 - Indice Descrizione tastiera... pag. 3 Funzioni descritte nel presente manuale...

Dettagli

Catalogo Prodotti per la Refrigerazione

Catalogo Prodotti per la Refrigerazione AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001: 2008 IDEA, SVILUPPO, PRODUZIONE Soluzioni innovative per l elettronica Catalogo Prodotti per la Refrigerazione Presentiamo una serie di sistemi elettronici di controllo

Dettagli

AVS ELECTRONICS. LOGITEL8Plus Advance MANUALE UTENTE

AVS ELECTRONICS. LOGITEL8Plus Advance MANUALE UTENTE AVS ELECTRONICS www.avselectronics.com AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO9001 LOGITEL8Plus Advance MANUALE UTENTE IST0418V3/1-1 - Sommario 4 Accensione rapida 4 Spegnimento rapido 5 Accensione

Dettagli

MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili

MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili I MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili Sul sito www.elkron.com potrebbero essere disponibili eventuali aggiornamenti della documentazione fornita a corredo del prodotto. Manuale

Dettagli

CENTRALINA ALIMENTATORE PER RIVELATORI

CENTRALINA ALIMENTATORE PER RIVELATORI CENTRALINA ALIMENTATORE PER RIVELATORI Caratteristiche tecniche generali: Alimentazione: Tensione secondaria stabilizzata: Corrente max in uscita: Potenza: Uscita carica - batteria tampone Presenza di

Dettagli

DVSIR SIRENA VIA FILO DA ESTERNO. Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso

DVSIR SIRENA VIA FILO DA ESTERNO. Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso DVSIR SIRENA VIA FILO DA ESTERNO MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 8.1) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso ATTENZIONE L'INSTALLATORE È TENUTO A SEGUIRE LE NORME VIGENTI.

Dettagli

12 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SISTEMA

12 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SISTEMA 12 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SISTEMA 12.1 CENTRALE A MICROPROCESSORE CON DISPLAY E TASTIERA DI COMANDO ABS bianco 2 pile al litio (in dotazione) Autonomia delle pile in condizioni normali di impiego

Dettagli

ALIMENTARE I SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI: CRITERI, DIMENSIONAMENTI, OPPORTUNITÀ TECNOLOGICHE

ALIMENTARE I SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI: CRITERI, DIMENSIONAMENTI, OPPORTUNITÀ TECNOLOGICHE ALIMENTARE I SISTEMI DI INCENDI: CRITERI, DIMENSIONAMENTI, OPPORTUNITÀ TECNOLOGICHE Ing. Fabio Massimo Turani Forum Prevenzione Incendi 2015 Milano, 30 settembre SOMMARIO I requisiti normativi di sistema

Dettagli

Ma n u a l. istruzioni

Ma n u a l. istruzioni Ma n u a l istruzioni Ricettore radio 1 canale on /off So m m a r i o Presentazione 1 Installazione 1 Collegamento elettrico 4 Apprendimento 5 Cosa fare se 9 Caratteristiche tecniche 10 Pr e s e n t a

Dettagli

Unità intelligenti serie DAT9000

Unità intelligenti serie DAT9000 COMPONENTI PER L ELETTRONICA INDUSTRIALE E IL CONTROLLO DI PROCESSO Unità intelligenti serie DAT9000 NUOVA LINEA 2010 www.datexel.it serie DAT9000 Le principali funzioni da esse supportate, sono le seguenti:

Dettagli

Digit Italia Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore MANUALE UTENTE. Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore

Digit Italia Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore MANUALE UTENTE. Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore Page 1 / 16 Manuale utente Page 2 / 16 Sira s.r.l. si riserva, senza preavviso, di apportare modifiche al presente manuale ed al prodotto in esso descritto. Sira s.r.l. non si assume alcuna responsabilità

Dettagli

Centrali antincendio Serie HFC

Centrali antincendio Serie HFC Centrali antincendio Serie HFC 4-24 zone Manuale d installazione e funzionamento DT00435HE1205R01 2 Sommario 1. Descrizione Generale...5 2. Indicazioni della tastiera...5 2.1 Indicazione Power (alimentazione)...6

Dettagli

Sistema integrato di chiamata infermiere

Sistema integrato di chiamata infermiere Descrizione del sistema Componenti principali dell'impianto: Per la realizzazione di un impianto di chiamata mbc call vengono utilizzati i seguenti componenti: Alimentatore con uscita bus 2 Vdc Montaggio

Dettagli

ALM-6816 INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE

ALM-6816 INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE ALM-6816 INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE Installazione e Programmazione v1.2 1 SISTEMA MARSS Solar Defender In questa guida sono contenute le specifiche essenziali di installazione e configurazione del

Dettagli

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili DAITEM Primera La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili Rivelatori di movimento Centrale con sirena Tastiera tattile con transponder La

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54)

CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54) CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54) BEN J408-2 Centrale segnalazione incendio a 2 linee bilanciate ed escludibili. Possibilità di collegare fino a 21 dispositivi ad ogni zona: rivelatori

Dettagli

114 LINEA HOTEL SISTEMI PER CONTROLLI ACCESSI

114 LINEA HOTEL SISTEMI PER CONTROLLI ACCESSI LINEA HOTEL 113 114 LINEA HOTEL SISTEMI PER CONTROLLI ACCESSI 55510 Elettronica di gestione Modulare Stand - Alone Elettronica di gestione Stand-Alone per gestire n 2 lettori : - lettore di tessere a chip

Dettagli

SISTEMA SERIALE IBRIDO AYTOS. Sistema AYTOS APP SMS-ASSIST

SISTEMA SERIALE IBRIDO AYTOS. Sistema AYTOS APP SMS-ASSIST SISTEMA SERIALE IBRIDO AYTOS Sistema AYTOS cessarie nei moderni sistemi di sicurezza. La cura dei dettagli, la robustezza, ed il gradevole design dei componenti, ne facilitano l installazione e l impiego

Dettagli