Variazioni percentuali tendenziali ANCORA IN ROSSO. Consegne Italia Gennaio-Maggio ,3% Maggio ,2% a pagina 8. Indice destagionalizzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Variazioni percentuali tendenziali ANCORA IN ROSSO. Consegne Italia Gennaio-Maggio 2013-21,3% Maggio 2013-16,2% a pagina 8. Indice destagionalizzato"

Transcript

1 N. 224 AGOSTO/SETTEMBRE 213 AUTO NUOVE Mensile del Centro Studi Promotor CAMION E BUS CARBURANTI FRENA LA CADUTA Immatricolazioni Gennaio-Giugno 213-1,3% Giugno 213-5,5% a pagina 3 AUTO USATE Variazioni percentuali tendenziali Variazioni percentuali tendenziali ANCORA IN ROSSO Consegne Italia Gennaio-Maggio ,3% Maggio ,2% a pagina 8 CONGIUNTURA CARBURANTI 213: AL FISCO 1 MLD IN MENO La tassazione abnorme che grava sui carburanti per autotrazione e la crisi dell economia hanno determinato un effetto fortemente negativo per le casse dello Stato. Nel primo semestre del 213 il gettito fiscale derivante dalle vendite di benzina e gasolio auto è sceso a 17,349 miliardi dai 18,12 miliardi... (continua a pagina 12) Variazioni percentuali tendenziali Indice destagionalizzato INDICE Mercato Italia GIUGNO DEBOLE Trasferimenti di proprietà Gennaio-Giugno 213 +,9% Giugno 213-3,3% a pagina MERCATO EUROPEO ROSSO STABILE Immatricolazioni Variazioni percentuali tendenziali UE27+EFTA Gennaio-Giugno 213-6,7% Giugno 213-6,3% a pagina MODESTO RIMBALZO Produzione Industriale Mag 13 su Apr 13 +,1% G M M L S N G M M L S N G M Mag 13 su Mag 12-4,7% a pagina 1 INDICATORI Clima fiducia CSP Media Mobile BAROMETRO IN CALO Indicatori di fiducia Operatori auto Consumatori a pagina 11 Inchiesta CSP auto nuove 4 Inchiesta CSP auto usate 6 Camion e bus 8 Mercato europeo 9 Congiuntura 1 Indicatori di fiducia 11 Carburanti 12 Dati e Analisi Anno XX n. 224 Direttore Responsabile: Gian Primo Quagliano Registrazione del Tribunale di Bologna n del 8/2/93 Editore e redazione: Econometrica Srl Via U. Bassi, Bologna Tel. 51/27171 Fax 51/

2

3 Nulla di nuovo sul fronte dell auto. Il mercato continua a calare. In giugno le immatricolazioni hanno fatto registrare il 37 calo mensile a partire dal marzo 21, cioè dalla fine degli ultimi incentivi alla rottamazione. La serie nera iniziata allora si è interrotta infatti solo due volte (+4,2% a maggio 211 e +2,17% ad agosto 211) in 39 mesi. In particolare nel giugno scorso, secondo i dati diffusi dal Ministero dei Trasporti, le immatricolazioni sono state con una contrazione del 5,51%. Si tratta di un calo piuttosto contenuto rispetto a quelli del passato anche recente, soprattutto se si tiene conto che nel giugno scorso vi è stato un giorno lavorato in meno rispetto a giugno 212. Il tasso di caduta dunque rallenta, ma ciò non toglie che il livello della domanda scivoli sempre più in basso e che sia difficile prevedere quando verrà toccato il fondo. Le attese degli operatori, rilevate dal Centro Studi Promotor nel quadro della sua inchiesta congiunturale di giugno, non sono certo positive. Il 56% degli interpellati prevede nei prossimi mesi nuovi cali della domanda, mentre in giugno sono stati bassi sia i livelli di acquisizione di ordini (86% degli interpellati) che quelli di affluenza di visitatori nelle show room (88% degli interpellati). A ciò si aggiunge che il clima di fiducia degli operatori del settore auto determinato dal Centro Studi Promotor in giugno ha fatto registrare un calo di tre punti sul livello già molto depresso di maggio. Proiettando il risultato del primo semestre 213 su base annua si ottiene un volume di immatricolazioni di unità, un livello particolarmente basso e compatibile con i risultati degli anni 7, cioè di quarant anni fa. Se sarà effettivamente questo il risultato delle immatricolazioni nel 213, si registrerà un calo rispetto ai livelli ante-crisi, cioè rispetto al 27, del 49,5%. Si tratterebbe di una contrazione veramente con pochi riscontri in altri comparti dell economia reale. L auto appare frenata dal quadro economico e da una serie di fattori specifici. Il settore si attende il rilancio soprattutto dalla ripresa dell economia, ma la penalizzazione eccessiva della domanda giustificherebbe interventi sui fattori specifici di freno degli acquisti che sono il caro-carburanti, il caro-assicurazioni, le difficoltà del credito ed un livello di tassazione sull acquisto e l utilizzazione dell automobile assolutamente vessatorio. Opportuno sarebbe anche che il Governo che ha manifestato disponibilità a interventi specifici per settori in difficoltà particolarmente forti come quello degli elettrodomestici, dimostrasse analoga sensibilità anche per l auto. MERCATO ITALIA PER IL 213 PREVISTE IMMATRICOLAZIONI: UN LIVELLO DA ANNI 7 AUTO IN GIUGNO: 37 CALO, FRENA LA CADUTA, QUADRO SEMPRE CUPO IMMATRICOLAZIONI DI AUTO NUOVE Variazioni percentuali tendenziali -35 Fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti IMMATRICOLAZIONI GIUGNO MARCA /12 FIAT ,62 VOLKSWAGEN ,32 FORD ,37 OPEL ,98 RENAULT ,41 PEUGEOT ,18 CITROEN ,58 AUDI ,63 TOYOTA ,26 LANCIA/CHRYSLER ,86 MERCEDES ,57 NISSAN ,66 BMW ,71 HYUNDAI ,75 ALFA ROMEO ,36 DACIA ,79 CHEVROLET ,64 KIA ,3 SMART ,82 MINI ,43 VOLVO ,2 LAND ROVER ,55 SKODA ,22 SEAT ,8 SUZUKI ,39 MAZDA ,85 JEEP ,89 HONDA ,22 SUBARU ,37 PORSCHE ,96 MITSUBISHI ,97 LEXUS ,24 JAGUAR ,93 DAIHATSU ,1 ALTRE ,64 TOTALE ,51 IMMATRICOLAZIONI GEN-GIU MARCA /12 FIAT ,1 VOLKSWAGEN ,5 FORD ,91 OPEL ,75 RENAULT ,7 PEUGEOT ,92 CITROEN ,84 LANCIA/CHRYSLER ,5 TOYOTA ,4 NISSAN ,75 AUDI ,34 MERCEDES ,36 BMW ,24 HYUNDAI ,34 ALFA ROMEO ,32 KIA ,35 DACIA ,77 CHEVROLET ,72 SMART ,98 MINI ,74 LAND ROVER ,55 SUZUKI ,64 VOLVO ,87 SKODA ,76 SEAT ,67 JEEP ,52 MAZDA ,32 HONDA ,97 SUBARU ,87 MITSUBISHI ,75 PORSCHE ,79 JAGUAR ,7 LEXUS ,94 DAIHATSU ,44 ALTRE ,71 TOTALE ,31 3 Dati e Analisi - 8/9.213

4 INCHIESTA CSP AUTO NUOVE AFFIORANO NUOVI MOTIVI DI PREOCCUPAZIONE PEGGIORANO L ACQUISIZIONE DI ORDINI E LE ATTESE L inchiesta congiunturale mensile di giugno del Centro Studi Promotor non offre spunti che possano far ritenere imminente una inversione di tendenza del mercato dell auto. Emergono anche per alcuni aspetti segnali di ulteriore peggioramento del quadro, segnali che se dovessero trovare conferma nelle prossime rilevazioni potrebbero condizionare pesantemente in negativo le prospettive. Ci riferiamo in particolare al peggioramento dei giudizi sull affluenza di visitatori nelle show room e al peggioramento delle attese sull evoluzione della domanda a trequattro mesi. Vediamo qui di seguito con qualche maggiore dettaglio il quadro che scaturisce dall inchiesta di giugno. AFFLUENZA NELLE SHOW ROOM. In giugno rispetto a maggio cresce di ben 9 punti la quota di concessionari che valutano bassa l affluenza di visitatori potenzialmente interessati all acquisto di nuove auto. Questa quota è infatti dell 88% contro il 79% di maggio e il 71% di marzo. Per trovare una quota così elevata di indicazioni di bassi volumi di affluenza nelle showroom bisogna risalire fino all agosto 212. Ovviamente il peggioramento dei giudizi sull affluenza di visitatori nelle show room, se confermato nei prossimi mesi, è fonte di ulteriore preoccupazione sulle prospettive. ORDINI. Sostanzialmente stabile è il quadro sull acquisizione di ordini. Irrisoria è la quota di interpellati che dichiarano alti livelli di acquisizione (1% in maggio; 3% in giugno). Decisamente modesta è la quota di indicazioni di normalità (12% in maggio; 11% in giugno) e molto elevata è invece la quota di indicazioni di bassi volumi di acquisizioni (87% in maggio; 86% in giugno). GIACENZE. Non si registrano variazioni sostanziali nella situazione delle giacenze di vetture nuove invendute. In giugno coloro che dichiarano un alto livello di immobilizzo sono il 3% contro il 28% di maggio. Scende invece la quota di indicazioni di normalità (dal 53% al 48%) e sale quella di indicazioni di bassi livelli di immobilizzo. Il saldo è pari a 8 contro 9 di maggio. REDDITIVITÀ. Sempre su livelli infimi la redditività. Rispetto a maggio si nota un piccolo miglioramento che non è però statisticamente significativo. In particolare in giugno, come in maggio, nessun concessionario valuta alta la redditività, mentre i giudizi di normalità sono il 12% in giugno e il 1% in maggio. Molto elevata è invece la quota di coloro che si dichiarano insoddisfatti della redditività delle vendite. Erano il 9% in maggio, in giugno sono l 88%. PREVISIONI. Il dato peggiore dell inchiesta di giugno riguarda le previsioni a breve termine (tre-quattro mesi). Rispetto a maggio emerge infatti un sensibile peggioramento che porta il saldo a quota -54 da -36 di maggio. In particolare tra maggio e giugno scende dal 7% al 2% al quota di operatori che ipotizzano un aumento di consegne e scende anche, dal 5% al 42%, la quota di chi ipotizza domanda sostanzialmente stazionaria. Aumenta invece, ed anche fortemente, la quota di attese di peggioramento. Questa quota passa infatti dal 43% di maggio al 56% di giugno. VALUTAZIONI DEI CONCESSIONARI - INCHIESTA C.S.P. AUTO NUOVE LIVELLO ATTUALE(*) PREVISIONI(**) Affluenza S.R. Ordini Redditività Giacenze Consegne Prezzi A N B S A N B S A N B S A N B S A S D S A S D S G L A S O N D G F M A M G (*) A=alto N=normale B=basso S=saldo (**) A=aumento S=stabilità D=diminuzione S=saldo Dati e Analisi - 8/

5 INCHIESTA CSP AUTO NUOVE AFFLUENZA NELLE SHOW ROOM LIVELLO ORDINI BASSA 88% ALTA 4% 8% BASSO 86% ALTO 3% 11% REDDITIVITÀ LIVELLO GIACENZE BASSA 88% 12% ALTA % 48% BASSO 22% ALTO 3% PREVISIONI CONSEGNE PREVISIONI PREZZI DIMINUZIONE 56% AUMENTO 2% STABILITÀ 42% DIMINUZIONE 25% AUMENTO 8% STABILITÀ 67% 5 Dati e Analisi - 8/9.213

6 INCHIESTA CSP AUTO USATE SI DETERIORA IL QUADRO DELL USATO PEGGIORANO I GIUDIZI SU AFFLUENZA, REDDITIVITÀ E ATTESE Brutte notizie in giugno anche per il mercato dell usato che nei mesi precedenti aveva dimostrato una discreta tenuta. I trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture scendono infatti da unità del giugno 212 a Il calo è del 3,31% e ridimensiona anche il bilancio del periodo gennaio-giugno che chiude comunque con un piccolo margine di crescita (+,86%) e con trasferimenti di proprietà. Le notizie peggiori vengono però dall inchiesta congiunturale del Centro Studi Promotor che vede un significativo deterioramento dei giudizi su quasi tutti i principali aspetti oggetto di rilevazione. Vediamo qui di seguito il quadro in dettaglio. CONSEGNE. La situazione di giugno è lievemente peggiore di quella di maggio e coerente con i risultati dei trasferimenti di proprietà. Tra maggio e giugno scende dal 3% a la quota di operatori che indicano alti livelli di consegne, mentre passano dal 36% al 38% le indicazioni di normalità e salgono da 61% al 62% quelle di bassi livelli. GIACENZE. Il quadro delle giacenze è sostanzialmente coincidente con quello di maggio. I concessionari che dichiarano un alto immobilizzo erano il 2% in maggio e sono il 19% in giugno. Coloro che dichiarano giacenze normali passano dal 51% di maggio al 52% e le indicazioni di bassi livelli di immobilizzo restano stabili al 3%. Il saldo è pari a -1 contro -9 di maggio e -1 di aprile. AFFLUENZA NEGLI SPAZI ESPOSITIVI. Il saldo tra valutazioni positive e negative peggiora di 11 punti passando da -55 di maggio a -66 di giugno. In dettaglio le indicazioni di alti livelli di affluenza restano stabili su valori minimi (2%), quelle di affluenza normale passano dal 41% al 3% e quelle di bassa affluenza salgono dal 57% al 68%. REDDITIVITÀ. Peggiora nettamente anche il quadro della redditività. Il saldo tra valutazioni positive e negative passa da -71 di maggio a -7. Confrontando i dati della rilevazione di maggio con quelli della rilevazione di giugno emerge però che restano sostanzialmente stabili su VALUTAZIONI DEI CONCESSIONARI - INCHIESTA C.S.P. AUTO USATE livelli insignificanti le indicazioni di remuneratività elevata (1% in maggio; in giugno). Passano invece dal 47% al 3% le indicazioni di normalità e salgono dal 52% al 7% quelle di bassi livelli. PREVISIONI. Come per il mercato del nuovo anche per quello dell usato le indicazioni che più preoccupano riguardano le previsioni a breve (tre-quattro mesi). Il saldo passa da -14 di maggio a -27 di giugno. In dettaglio, tra le due rilevazioni, la quota di attese di aumento della domanda si riduce dal 1% al 5%, quella delle attese di stabilità scende dal 66% al 63% e quella relativa alle previsioni di ulteriore peggioramento della domanda sale dal 24% al 32%. Stabile invece è il quadro delle attese sulla situazione delle giacenze. Tra maggio e giugno coloro che ipotizzano immobilizzo in aumento passano dal 13% al 12%, mentre coloro che ipotizzano stabilità scendono dal 68% al 67% e coloro si attendono diminuzioni salgono dal 19% al 21%. Le differenze sono lievi e il saldo passa da -6 di maggio a -9 di giugno. LIVELLO ATTUALE(*) PREVISIONI(**) Consegne Affluenza S.R. Giacenze Redditività Consegne Prezzi A N B S A N B S A N B S A N B S A S D S A S D S G L A S O N D G F M A M G (*) A=alto N=normale B=basso S=saldo (**) A=aumento S=stabilità D=diminuzione S=saldo Dati e Analisi - 8/

7 INCHIESTA CSP AUTO USATE LIVELLO CONSEGNE AFFLUENZA NELLE SHOW ROOM BASSO 62% ALTO % 38% BASSA 68% ALTA 2% 3% LIVELLO GIACENZE REDDITIVITÀ BASSO 29% ALTO 19% 52% BASSA 7% ALTA % 3% PREVISIONI CONSEGNE PREVISIONI PREZZI DIMINUZIONE 32% AUMENTO 5% STABILITÀ 63% DIMINUZIONE 3% AUMENTO 3% STABILITÀ 67% 7 Dati e Analisi - 8/9.213

8 CAMION E BUS IN CALO IL MERCATO EUROPEO, IN FORTE CALO QUELLO ITALIANO ANCORA FORTEMENTE DEPRESSA LA DOMANDA DI CAMION E BUS IMMATRICOLAZIONI MAGGIO PAESI /12 AUSTRIA ,4% BELGIO ,5% BULGARIA ,3% CIPRO ,9% REP. CECA ,2% DANIMARCA ,3% ESTONIA ,7% FINLANDIA ,2% FRANCIA ,2% GERMANIA ,6% GRACIA ,7% UNGHERIA ,7% IRLANDA ,3% ITALIA ,2% LETTONIA ,8% LITUANIA ,4% LUSSEMBURGO ,5% OLANDA ,4% POLONIA ,3% PORTOGALLO ,1% ROMANIA ,1% SLOVACCHIA ,2% SLOVENIA ,8% SPAGNA ,4% SVEZIA ,2% REGNO UNITO ,% UE ,4% UE (15) ,5% UE (Nuovi membri) ,2% ISLANDA ,6% NORVEGIA ,7% SVIZZERA ,4% EFTA ,1% UE+EFTA ,5% UE15+EFTA ,6% IMMATRICOLAZIONI GEN-MAG PAESI /12 AUSTRIA ,3% BELGIO ,% BULGARIA ,6% CIPRO ,7% REP. CECA ,4% DANIMARCA ,8% ESTONIA ,2% FINLANDIA ,% FRANCIA ,4% GERMANIA ,9% GRACIA ,2% UNGHERIA ,6% IRLANDA ,8% ITALIA ,3% LETTONIA ,5% LITUANIA ,3% LUSSEMBURGO ,9% OLANDA ,% POLONIA ,8% PORTOGALLO ,2% ROMANIA ,2% SLOVACCHIA ,3% SLOVENIA ,2% SPAGNA ,2% SVEZIA ,9% REGNO UNITO ,% UE ,5% UE (15) ,8% UE (Nuovi membri) ,6% ISLANDA ,2% NORVEGIA ,3% SVIZZERA ,4% EFTA ,4% UE+EFTA ,3% UE15+EFTA ,6% Se l auto piange, i camion non ridono. Anzi. Secondo i dati diffusi dall Acea nel mercato costituito dai paesi della UE a dai paesi dell Efta in maggio sono stati immatricolati veicoli commerciali, industriali e autobus (camion e bus) con un calo rispetto allo stesso mese dello scorso anno del 7,5%. Il consuntivo dei primi cinque mesi chiude invece per il 213 a quota autoveicoli con una contrazione del 7,3%. Se si analizza la situazione per paesi emerge che in soli 1 mercati in maggio il confronto con il 212 è positivo, mentre in tutti gli altri 2 mercati le vendite sono in calo con contrazioni non indifferenti anche nei principali cinque mercati con la sola eccezione della Spagna che fa registrare un incremento dello,4%. Tra gli altri quattro mercati, nel Regno Unito, che beneficia di un quadro economico molto migliore rispetto al resto dell Europa, la contrazione è contenuta nel 4%, mentre molto peggio va in Germania (- 9,6%), in Francia (-11,2%) e soprattutto in Italia (-16,2%). Venendo all esame dei tre grandi comparti del settore camion e bus, emerge che il quadro negativo è generalizzato. Le immatricolazioni di veicoli commerciali nell intera area in maggio sono state con un calo del 7,3%, mentre nei primi cinque mesi dell anno le immatricolazioni calano del 6,2%. Anche per i veicoli commerciali le difficoltà riguardano la maggioranza dei paesi. Tra i cinque maggiori mercati quello che fa registrare l andamento peggiore è il mercato italiano che accusa un calo del 18,6% in maggio e del 22,5% nei primi cinque mesi. La Francia cala invece dell 11,1% in maggio e del 9,2% nei cinque mesi, la Germania accusa una contrazione dell 8,2% in maggio e del 9,6% nei cinque mesi, la Spagna cresce del 2,4% in maggio ma cala del 9% nei cinque mesi, mentre il Regno Unito, non appesantito dalle politiche in difesa della stabilità dell euro, cala del 3,8% in maggio ma cresce del 13% nel consuntivo. Venendo ai veicoli industriali il quadro di maggio si chiude con immatricolazioni e con un calo del 7,8%, mentre il periodo gennaio-maggio chiude in calo del 12,5%. In questo comparto per l Italia vi è un piccolissimo segnale positivo costituito da una crescita del 2,6% in maggio, crescita il cui valore è fortemente ridimensionato dal fatto che in gennaio-maggio le immatricolazioni nel nostro paese fanno registrare un calo del 13,9%. Il settore dei bus infine accusa una perdita in Europa del 1,4% in maggio e dell 8,2% nei primi cinque mesi. Il mercato italiano è sostanzialmente in pareggio in maggio e cala del 3,9% nei primi cinque mesi. CONSEGNE DI CAMION E BUS IN ITALIA Variazioni percentuali tendenziali -6 Fonte: Acea Dati e Analisi - 8/

9 MERCATO EUROPEO IN CALO DEL +6,3% IL MERCATO EUROPEO DELL AUTO, CHE SI CONFERMA A DUE VELOCITÀ VENDITE AUTO IN GIUGNO: EUROZONA -9,6%, PAESI UE NON EURO +7,1% Nuovo calo per il mercato automobilistico europeo (area UE27+EFTA). Le immatricolazioni in giugno hanno subito un calo del 6,3%, mentre il consuntivo del primo semestre chiude con una contrazione del 6,7%. Il risultato di giugno per la UE deriva da andamenti nettamente contrapposti nella zona euro e nel complesso dei paesi che non hanno adottato l euro. Nell Eurozona si registra un calo del 9,6% in giugno e del 1,2% nel primo semestre. Il complesso dei paesi non euro cresce invece del 7,1% in giugno e del 4,6% nel primo semestre. Nella zona euro la recessione indotta dalle politiche di austerity, dopo aver avuto effetti devastanti in Grecia, Italia, Spagna e Portogallo, incomincia ad interessare anche il resto dell area. In difficoltà è infatti anche il mercato tedesco che accusa una contrazione del 4,7% in giugno e chiude il primo semestre con un calo ancora più pesante (-8,1%) seguito da quello francese (-8,4% in giugno e -11,2% nel semestre). Va male pure il mercato spagnolo che è ancora in calo nonostante il robusto piano di incentivi PIVE 2. Per non parlare del mercato italiano, che dopo un 212 orribile, chiude in rosso del 5,5% il consuntivo di giugno e del 1,3% quello del primo semestre. Ben diversa la situazione del Regno Unito, che cresce del 13,4% in giugno e del 1% nel primo semestre. Questi andamenti si inseriscono in un contesto mondiale del mercato dell auto che nei primi mesi del 213 è ancora in crescita, ma comincia a rallentare in diversi grandi mercati nazionali con un andamento speculare rispetto alla congiuntura economica mondiale. Il mercato europeo dell auto ha perso l occasione di agganciare la forte ripresa del mercato mondiale e ora si trova ad affrontare difficoltà crescenti in un contesto di generale indebolimento congiunturale. Per quanto riguarda in particolare il mercato italiano giugno ha fatto registrare un calo inferiore a quello medio del primo semestre. Il tasso di caduta della domanda si sta dunque riducendo. La possibilità che la tendenza negativa si arresti nell ultima parte dell anno è però legata essenzialmente all efficacia dell azione del Governo per la crescita. Al di là della buona volontà dimostrata dall Esecutivo, non vi sono ancora dati che documentino il raggiungimento di qualche primo risultato concreto. E evidente dunque la necessità che il Governo, che ha già dimostrato disponibilità ad interventi settoriali per un settore fortemente in crisi, come quello degli elettrodomestici, dia prova di analoga sensibilità per un settore certo non meno in crisi, come quello dell automobile. IMMATRICOLAZIONI DI VETTURE IN EUROPA Variazioni percentuali tendenziali UE27 + EFTA -3 Fonte: Acea IMMATRICOLAZIONI GIUGNO PAESI /12 AUSTRIA ,4 BELGIO ,4 BULGARIA ,9 CIPRO , DANIMARCA ,2 ESTONIA ,2 FINLANDIA ,1 FRANCIA ,4 GERMANIA ,7 GRECIA ,2 IRLANDA ,7 ITALIA ,5 LETTONIA ,2 LITUANIA , LUSSEMBURGO ,5 OLANDA ,6 POLONIA , PORTOGALLO ,6 REGNO UNITO ,4 REP. CECA ,2 ROMANIA ,9 SLOVACCHIA ,7 SLOVENIA ,4 SPAGNA ,7 SVEZIA ,5 UNGHERIA ,4 UE ,6 UE ,5 UE ,7 ISLANDA ,2 NORVEGIA ,9 SVIZZERA ,6 EFTA ,3 UE27+EFTA ,3 UE15+EFTA ,2 IMMATRICOLAZIONI GEN-GIU PAESI /12 AUSTRIA ,4 BELGIO ,7 BULGARIA ,2 CIPRO ,7 DANIMARCA , ESTONIA ,2 FINLANDIA ,5 FRANCIA ,2 GERMANIA ,1 GRECIA ,4 IRLANDA ,2 ITALIA ,3 LETTONIA , LITUANIA ,1 LUSSEMBURGO ,8 OLANDA , POLONIA ,8 PORTOGALLO ,9 REGNO UNITO , REP. CECA ,2 ROMANIA ,4 SLOVACCHIA ,6 SLOVENIA ,3 SPAGNA ,9 SVEZIA ,6 UNGHERIA ,2 UE ,6 UE ,6 UE ,2 ISLANDA , NORVEGIA ,9 SVIZZERA ,8 EFTA ,9 UE27+EFTA ,7 UE15+EFTA ,6 9 Dati e Analisi - 8/9.213

10 CONGIUNTURA PRODUZIONE INDUSTRIALE VARIAZIONI TENDENZIALI COMMERCIO AL DETTAGLIO VARIAZIONI TENDENZIALI 4, 2,, -2, -4, -6, -8, G M M L S N G M M L S N G M PREZZI VARIAZIONI TENDENZIALI +7, +6, +5, +4, +3, +2, +1,, -1, -2, AL CONSUMO ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI -3, COMMERCIO ESTERO VARIAZIONI TENDENZIALI SEMPRE CUPO LO SCENARIO CONGIUNTURALE SFIORA IL 2% IL CALO DEL PIL PREVISTO NEL 213 Secondo l Ufficio Studi della Banca d Italia il prodotto interno lordo nel 213 si contrarrà dell 1,9%. Come è noto, le previsioni ufficiali sono sempre caute per cui si può ritenere che il calo del Pil supererà con ogni probabilità il 2%. D altra parte il clima del 213 (e per la verità anche quello della seconda metà del 212) è stato da Deserto dei tartari. Prima si attendevano le elezioni, poi si attendeva il Governo, poi si attendavano provvedimenti che effettivamente incidessero sulla crescita, ora si attendono le elezioni tedesche e nel frattempo nulla succede. Il quadro economico non solo non accenna a migliorare, ma continua a deteriorarsi. PRODUZIONE. A maggio l indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello,1% su aprile, mentre l indice corretto per gli effetti di calendario è diminuito del 4,2% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il piccolo segnale di crescita congiunturale non appare certo significativo. RETRIBUZIONI CONTRATTUALI VARIAZIONI TENDENZIALI COMMERCIO ESTERO. Nei primi cinque mesi del 213 le esportazioni italiane hanno fatto registrare una crescita dello,1%. Nello spesso periodo le importazioni sono invece calate del 7,2%. Quest ultimo dato è molto preoccupante perché costituisce una ulteriore conferma della frenata dell attività produttiva. OCCUPAZIONE. Non si arresta la crescita del tasso di disoccupazione che in maggio ha raggiunto il 12,2% con una variazione congiunturale di,2 punti e una variazione tendenziale di 1,1 punti. Particolarmente elevato in maggio il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) che si è attestato al 38,5%. CONSUMI. In aprile le vendite del commercio al dettaglio a prezzi correnti fanno registrare una contrazione del 2,9% dovuta a un calo del 4,5% per gli alimentari e dell 1,9% per i non alimentari. Considerando le strutture in cui si esercita il commercio al dettaglio la contrazione maggiore riguarda la grande distribuzione che ha subito un calo del 2,7%, mentre per le imprese operanti su piccole superfici la contrazione è dell 1,5%. PREZZI. Dopo essere stato per due mesi fermo all 1,1% il tasso annuo di inflazione risale in giugno all 1,2% e ciò per effetto soprattutto della ripresa dei prezzi dei beni energetici. Per il secondo mese consecutivo l indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali fa registrare una contrazione accreditando la prospettiva di uno scenario deflazionistico. TASSO DI DISOCCUPAZIONE VALORI PERCENTUALI ESPORTAZIONI IMPORTAZIONI 3,5 3, 2,5 2, 13, 12, 11, +1 1,5 1, 1, 9, -1,5 8, -2 Dati e Analisi - 8/9.213, 1 7,

11 INDICATORI DI FIDUCIA DA IMPRESE E OPERATORI AUTO SEGNALI SOSTANZIALMENTE NEGATIVI Segnali non facilmente interpretabili vengono dagli indicatori di fiducia. Il problema riguarda un indicatore particolarmente importante, quello relativo ai consumatori, ciò in quanto l Istat ha cambiato metodologia dichiarando che a partire dal mese di giugno 213 sono state introdotte innovazioni rigurdanti il campione e le tecniche di rilevazione che potrebbero causare discontinuità nei confronti dei risultati relativi alle indagini dei mesi precedenti. L inconveniente non è di poco conto, dato che per gli indici di fiducia quando viene pubblicato il valore relativo a un mese il modo per interpretarlo è quello di confrontarlo con gli indici dei mesi precedenti, cioè con la serie storica. Se il confronto non è possibile, difficile è dire che significato abbia l indicatore relativo a un determinato mese. E quello che è successo con l indice di giugno che è schizzato a 95,7 da 86,4 di maggio. Fatta questa doverosa precisazione, vediamo gli ultimi dati su tre indicatori di fiducia particolarmente importanti per l analisi delle prospettive del mercato dell auto. OPERATORI SETTORE AUTO. In giugno l indicatore di fiducia del settore auto determinato dal Centro Studi Promotor fa registrare un calo di tre punti riportandosi sui valori di fine INDICE FIDUCIA CSP OPERATORI SETTORE AUTO 212 a cui era seguito un moderato movimento di recupero. L economia non riparte, anzi le previsioni sull andamento del Pil peggiorano e dal Governo non vi sono segnali di attenzione al settore auto. CONSUMATORI. Date le considerazioni che abbiamo fatto in premessa, l indicatore in forte crescita di giugno, non solo è difficilmente interpretabile, ma non è confrontabile con il dato di maggio. L Istat però lo confronta ugualmente giungendo alla conclusione che sono in forte miglioramento le valutazioni sulla situazione personale nonchè le valutazioni sulla situazione economica del Paese. IMPRESE. Un segnale molto diverso viene dal clima di fiducia delle imprese. L indice in giugno scende a 76,1 da 8,2 di maggio. Il calo - spiega l Istat - è dovuto la peggioramento della fiducia delle imprese del settore delle costruzioni, dei servizi di mercato e del commercio al dettaglio, mentre migliora il clima di fiducia delle imprese manifatturiere. Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie migliora la fiducia nel settore dei beni intermedi e in quello dei beni strumentali, ma peggiora invece in quello dei beni di consumo. Con il dato di giugno si conferma l andamento laterale dell indicatore. INDICE FIDUCIA CONSUMATORI INDICE FIDUCIA IMPRESE MANIFATTURIERE INDICE FIDUCIA COMMERCIO Clima di Fiducia Clima di Fiducia INDICE FIDUCIA SERVIZI Clima di Fiducia Media Mobile Media Mobile Media Mobile INDICE FIDUCIA IMPRESE 5 Clima di Fiducia Media Mobile Clima di Fiducia Media Mobile Clima di Fiducia Media Mobile Fonte: Centro Studi Promotor Dati e Analisi - 8/9.213

12 CARBURANTI IN CALO CONSUMI (-5,2%), SPESA (-7,1%), GETTITO (-3,7%) E COMPONENTE INDUSTRIALE (-11,1%) NEL PRIMO SEMESTRE 662 MILIONI IN MENO AL FISCO DAI CARBURANTI AUTO BENZINA (segue da pagina 1) del primo semestre 212. Il calo è di 662 milioni ed è imputabile in larga misura all effetto Laffer, cioè ad una tassazione specifica troppo elevata che ha fortemente penalizzato i consumi. L effetto Laffer sui carburanti si era già verificato in dicembre 212, ma si è pienamente manifestato nel 213 ed è ipotizzabile che a fine anno il calo di gettito che ne deriverà sia largamente superiore a un miliardo. Nel primo semestre 213 i consumi complessivi dei due carburanti sono calati del 5,2%, la spesa del pubblico è scesa dai 33,478 mld del gennaiogiugno 212 ai 31,95 mld nel gennaio-giugno scorso con una contrazione del 7,1%, cioè di 2,383 mld. Il calo della spesa è andato a danno dell Erario, ma anche, e soprattutto, a danno della componente industriale, cioè della quota della spesa alla pompa che va all industria e ai distributori, quota che è scesa di ben 1,7 mld. ANNI CONSUMI SPESA IMPOSTE COMP. IND.LE miliardi di litri var. % miliardi di euro var. % miliardi di euro var. % miliardi di euro var. % ,6-22,6-16,5-6,1-2 22,4-4,9 24,3 7,5 15,7-4,5 8,6 39, ,1-1,7 23,2-4,5 15,4-2,1 7,8-8, ,5-2,6 22,5-3,1 15,4 -,3 7,1-8,7 23 2,9-2,8 22,1-1,8 15, -2,5 7,1 -, ,7-5,7 22,2,4 14,7-2, 7,5 5, ,2-7,5 22,2,3 14, -4,9 8,3 1, ,1-5,9 22, -,8 13,3-4,4 8,7 5, ,1-6,1 2,9-5,1 12,6-5,9 8,4-3, ,9-7,2 2,6-1,3 11,9-5,5 8,8 5, 29 14,4-3,9 17,7-14,1 11,1-6,9 6,7-23, ,5-5,9 18,4 3,8 1,7-3,3 7,7 15, ,7-6, 19,7 7,2 1,9 2, 8,8 14, ,3-1,8 2,3 2,7 11,7 6,8 8,6-2,3 213: gen-giu 5,2-6,8 (*) 9,2-8,1 (*) 5,4-5,3 (*) 3,8-12, (*) (*) variazione percentuale rispetto a gen-giu 213 GASOLIO ANNI CONSUMI SPESA IMPOSTE COMP. IND.LE miliardi di litri var. % miliardi di euro var. % miliardi di euro var. % miliardi di euro var. % ,6-16,4-11,4-5, ,1 2,1 19,7 2, 11,7 3, 8, 58, ,2 9,8 21, 6,9 12,8 9,4 8,2 3, ,6 5,7 21,9 4,1 14, 8,9 7,9-3, ,9 5,1 23,6 7,7 14,8 5,9 8,8 1, ,7 6,7 27, 14,5 16, 8,4 11, 24, ,4 2,3 32,6 2,7 17,5 9,1 15,1 37,7 26 3,6 3,9 35,6 9,1 18,5 6, 17, 12, ,5 3,1 36,7 3,2 19,3 4,3 17,4 2, 28 31,3 -,5 42,1 14,8 2,3 4,8 21,9 26, 29 3,6-2,5 33,1-21,4 18,5-9, 14,7-32,9 21 3,5, 37,1 12, 19,1 3,4 18, 22, ,8,8 44,5 2,1 21,6 13, 23, 27, ,6-1,4 47,1 5,6 24,9 15,2 22,2-3,3 213: gen-giu 13,2-4,5 (*) 21,9-6,7 (*) 11,9-2,9 (*) 1, -1,8 (*) (*) variazione percentuale rispetto a gen-giu 213 BENZINA E GASOLIO ANNI CONSUMI SPESA IMPOSTE COMP. IND.LE miliardi di litri var. % miliardi di euro var. % miliardi di euro var. % miliardi di euro var. % ,2-39, - 27,8-11,1-2 44,5-1,6 44, 12,8 27,5-1,4 16,5 48, ,3 4, 44,2,6 28,2 2,8 16, -3, ,1 1,7 44,4,3 29,3 3,9 15,1-6, 23 47,8 1,5 45,7 2,9 29,8 1,5 15,9 5, ,4 1,3 49,2 7,7 3,7 3,2 18,5 16, 25 47,6-1,7 54,8 11,5 31,4 2,4 23,4 26, ,7,2 57,6 5,1 31,9 1,4 25,7 1, 27 47,6 -,2 57,6, 31,9, 25,7, 28 46,3-2,8 62,8 9, 32,1,8 3,6 19, ,9-3, 5,8-19, 29,5-8,2 21,3-3, , -1,9 55,5 9,1 29,8,9 25,7 2, ,5-1,3 64,3 15,8 32,5 9,1 31,8 23, ,9-1,5 67,4 4,7 36,5 12,4 3,9-3, 213: gen-giu 18,4-5,2 (*) 31,1-7,1 (*) 17,4-3,7 (*) 13,7-11,1 (*) (*) variazione percentuale rispetto a gen-giu 213 Fonte: elaborazioni Centro Studi Promotor su dati del Ministero dello Sviluppo Economico Dati e Analisi - 8/

13 TT Point e Saol: l unico network nazionale focalizzato nei servizi alla mobilità dedicato DOOH ÀRWWH D]LHQGDOL SXEEOLFKH SULYDWH H alle aziende di noleggio a lungo e breve termine. Il network TT Point e Saol si avvale della FROODERUD]LRQH GHL PLJOLRUL DXWRULSDUDWRUL ULFRQRVFLXWL GHOOH FDVH DXWRPRELOLVWLFKH 7XWWL L VHUYL]L SHU OD ÀRWWD H SHU LO GULYHU VRQR gestiti centralmente e utilizzano tecnologie PXOWLSLDWWDIRUPD ZHE H PRELOH &KH VL WUDWWL GL PDQXWHQ]LRQH DVVLVWHQ]D R YHQGLWD GHOOH PLJOLRUL PDUFKH GL SQHXPDWLFL RSSXUH GHO VHUYL]LR GL PHFFDQLFD R GL FDUUR]]HULD OD UHWH GL DI OLDWL 77 3RLQW H 6DRO ti assiste ovunque in Italia. ZZZ WW SRLQW FRP LDPR FRQYHQ]LRQDWL FRQ OH SL LPSRUWDQWL società di noleggio a breve e lungo termine 7\UH 7HDP 6 S $ 9LD 6WHIDQR &DQVDFFKL 2VWLD /LGR 5RPD 7HO )D[ Servizi Auto On line S.r.l. 9LD 6WHIDQR &DQVDFFKL 2VWLD /LGR 5RPD 7HO )D[

Variazioni percentuali tendenziali CONTINUA LA RIPRESA. Consegne Italia Gennaio-Maggio 2014 +16,1% Maggio 2014 +15,3% a pagina 11

Variazioni percentuali tendenziali CONTINUA LA RIPRESA. Consegne Italia Gennaio-Maggio 2014 +16,1% Maggio 2014 +15,3% a pagina 11 N. 235 AGOSTO-SETTEMBRE 214 Mensile del Centro Studi Promotor AUTO NUOVE Variazioni percentuali tendenziali 4 3 2 1-1 -2-3 -4 GIUGNO IN RECUPERO Immatricolazioni Gennaio-Giugno 214 +3,34% Giugno 214 +3,81%

Dettagli

2012 DA DIMENTICARE. Consegne Italia Gennaio-Dicembre 2012-31,7% Dicembre 2012-20,3% a pagina 8. Indice destagionalizzato 80 NON SI VEDONO LUCI

2012 DA DIMENTICARE. Consegne Italia Gennaio-Dicembre 2012-31,7% Dicembre 2012-20,3% a pagina 8. Indice destagionalizzato 80 NON SI VEDONO LUCI N. 219 MARZO 213 AUTO NUOVE Mensile del Centro Studi Promotor CAMION E BUS CARBURANTI 4 3 2 1-1 -2-3 -4 PARTENZA IN ROSSO Immatricolazioni Gennaio-Dicembre 212-19,9% Gennaio 213-17,6% a pagina 3 25 15

Dettagli

PRIMO SEGNO PIÙ. Consegne Italia Gennaio-Novembre 2013-15,2% Novembre 2013 2,2% Indice destagionalizzato SEGNALI POSITVI

PRIMO SEGNO PIÙ. Consegne Italia Gennaio-Novembre 2013-15,2% Novembre 2013 2,2% Indice destagionalizzato SEGNALI POSITVI N. 228 GENNAIO 214 AUTO NUOVE Mensile del Centro Studi Promotor VEICOLI COMM.LI CARBURANTI 4 3 2 1-1 -2-3 -4 ROSSO MENO ROSSO Immatricolazioni Gennaio-Novembre 213-7,7% Novembre 213-4,5% a pagina 3 AUTO

Dettagli

RIPRESINA POSSIBILE. Consegne Italia Gennaio-Dicembre 2013-13,3% Dicembre 2013 +11,2% a pagina 11. Indice destagionalizzato INDUSTRIA IN RECUPERO

RIPRESINA POSSIBILE. Consegne Italia Gennaio-Dicembre 2013-13,3% Dicembre 2013 +11,2% a pagina 11. Indice destagionalizzato INDUSTRIA IN RECUPERO N. 229 FEBBRAIO 214 AUTO NUOVE Mensile del Centro Studi Promotor VEICOLI COMM.LI CARBURANTI 4 3 2 1-1 -2-3 -4 PRIMO SEGNO PIÙ Immatricolazioni Gennaio-Dicembre 213-7,1% Dicembre 213 +1,4% a pagina 3 AUTO

Dettagli

Variazioni percentuali tendenziali -60 INVERTITA LA TENDENZA. Consegne Italia Gennaio-Marzo 2014 +16,2% Marzo 2014 +21,8% a pagina 11

Variazioni percentuali tendenziali -60 INVERTITA LA TENDENZA. Consegne Italia Gennaio-Marzo 2014 +16,2% Marzo 2014 +21,8% a pagina 11 N. 232 MAGGIO 214 Mensile del Centro Studi Promotor AUTO NUOVE Variazioni percentuali tendenziali 4 3 2 1-1 -2-3 -4 SEGNO PIÙ ANCHE IN MARZO Immatricolazioni Gennaio-Marzo 214 +5,8% 25 15 Marzo 214 +4,96%

Dettagli

Variazioni percentuali tendenziali -60 BENE I COMMERCIALI. Consegne Italia Gennaio-Marzo 2014 +15,3% Marzo 2014 +20,4% a pagina 11

Variazioni percentuali tendenziali -60 BENE I COMMERCIALI. Consegne Italia Gennaio-Marzo 2014 +15,3% Marzo 2014 +20,4% a pagina 11 N. 233 GIUGNO 214 Mensile del Centro Studi Promotor AUTO NUOVE Variazioni percentuali tendenziali 4 3 2 1-1 -2-3 -4 AVANTI ADAGIO Immatricolazioni Gennaio-Aprile 214 +5,1% 25 15 Aprile 214 +1,94% a pagina

Dettagli

Variazioni percentuali tendenziali SVOLTA PER I COMMERCIALI. Consegne Italia Gennaio-Febbraio 2014 +13,4% Febbraio 2014 +15,2%

Variazioni percentuali tendenziali SVOLTA PER I COMMERCIALI. Consegne Italia Gennaio-Febbraio 2014 +13,4% Febbraio 2014 +15,2% N. 231 APRILE 214 AUTO NUOVE Mensile del Centro Studi Promotor VEICOLI COMM.LI CARBURANTI Variazioni percentuali tendenziali 4 3 2 1-1 -2-3 -4 PROSEGUE IL RECUPERO Immatricolazioni Gennaio-Febbraio 214

Dettagli

Variazioni percentuali tendenziali MEGLIO DELLE VETTURE. Consegne Italia Gennaio-Agosto 2014 +16,9% Agosto 2014 +11,5% a pagina 10

Variazioni percentuali tendenziali MEGLIO DELLE VETTURE. Consegne Italia Gennaio-Agosto 2014 +16,9% Agosto 2014 +11,5% a pagina 10 N. 237 NOVEMBRE 214 Mensile del Centro Studi Promotor AUTO NUOVE Variazioni percentuali tendenziali 4 3 2 1-1 -2-3 -4 AVANTI PIANO Immatricolazioni Gennaio-Settembre 214 +3,56% 25 15 Settembre 214 +3,27%

Dettagli

P.I.L. PIL (Variaz. Congiunturale) I trim III trim I trim III trim I trim III trim PROSPETTIVE CUPE. P.I.L. Var % su III trim 11-2,4%

P.I.L. PIL (Variaz. Congiunturale) I trim III trim I trim III trim I trim III trim PROSPETTIVE CUPE. P.I.L. Var % su III trim 11-2,4% N. 217 GENNAIO 2013 AUTO NUOVE Variazioni percentuali tendenziali 40 30 20 10 0-10 -20-30 -40 ROSSO STABILE PROSPETTIVE CUPE Immatricolazioni Gennaio-Novembre 2012-19,7% P.I.L. Var % su III trim 11-2,4%

Dettagli

Dati e Analisi. Mensile del Centro Studi Promotor. Consegne Gennaio-Maggio 2009-30,9% Maggio 2009-25,1% a pagina 8

Dati e Analisi. Mensile del Centro Studi Promotor. Consegne Gennaio-Maggio 2009-30,9% Maggio 2009-25,1% a pagina 8 Dati e Analisi N. 179 LUGLIO 29 Mensile del Centro Studi Promotor AUTO NUOVE MAGGIO FIACCO Immatricolazioni Gennaio-Maggio 29-14,7% Maggio 29-8,6% a pagina 3 AUTO USATE Variazioni percentuali tendenziali

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa GIUGNO IN RISALITA PER IL MERCATO DELL AUTO (+3,8%), MA I VOLUMI RIMANGONO BASSI Facilitare l accesso al credito per i consumatori e incoraggiare l aumento della quota di mercato delle

Dettagli

Dati e Analisi. Mensile del Centro Studi Promotor. Consegne Gennaio-Dicembre 2009-21,5% Gennaio 2010 21,8% a pagina 8. Variazioni Congiunturali

Dati e Analisi. Mensile del Centro Studi Promotor. Consegne Gennaio-Dicembre 2009-21,5% Gennaio 2010 21,8% a pagina 8. Variazioni Congiunturali Dati e Analisi N. 186 MARZO 21 Mensile del Centro Studi Promotor AUTO NUOVE CRESCITA ILLUSORIA Immatricolazioni Gennaio-Dicembre 29 -,13% Gennaio 21 3,2% a pagina 3 2 15 1 5-5 -1-15 AUTO USATE Variazioni

Dettagli

PARTENZA DA BRIVIDO. Consegne Italia Gennaio-Dicembre 2012-31,7% Gennaio 2013-23,6% a pagina 8. Indice destagionalizzato 90 IN STALLO SUL FONDO

PARTENZA DA BRIVIDO. Consegne Italia Gennaio-Dicembre 2012-31,7% Gennaio 2013-23,6% a pagina 8. Indice destagionalizzato 90 IN STALLO SUL FONDO N. 220 APRILE 2013 AUTO NUOVE Mensile del Centro Studi Promotor CAMION E BUS CARBURANTI 40 30 20 10 0-10 -20-30 -40 DICIOTTESIMO CALO Immatricolazioni Gennaio-Febbraio 2013-17,3% Febbraio 2013-17,4% a

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa MAGGIO ANCORA POSITIVO (+10,8%), ANCHE SE LA CRESCITA RALLENTA I volumi delle vetture ad alimentazione alternativa crescono del 12,9% da inizio 2015, con una quota di mercato del 13,9%

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa A GIUGNO IL MERCATO ACCELERA NUOVAMENTE IL PASSO: +14,3% Anche grazie ai positivi effetti di calendario, la domanda di vetture cresce, dando una prima benefica spinta al processo di rinnovo

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa UNA CRESCITA IMPORTANTE PER IL MERCATO AUTO A MAGGIO, CHE CHIUDE A +27,3% ANCHE GRAZIE A DUE GIORNI LAVORATIVI IN PIU RISPETTO A MAGGIO 2015 Le previsioni di chiusura d anno, che si attestano

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa MERCATO AUTO ITALIANO POSITIVO ANCHE AD AGOSTO: +10,6% Nonostante un giorno lavorativo in più rispetto ad agosto 2014, i volumi di questo mese non erano così bassi dal 1964 Torino, 1

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa UN BUON DEBUTTO PER L AUTO NEL 2016, CHE CHIUDE IL MESE DI GENNAIO A +17,4% Tra le priorità per il settore, una politica di rinnovo strutturale del parco circolante italiano, fattore

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa UN PASSO AVANTI SULLA STRADA DELLA RIPRESA, NEL 2015, PER IL MERCATO DELL AUTO, CHE CHIUDE, SECONDO LE ASPETTATIVE, A 1,57 MILIONI DI UNITA (+15,7%) Atteggiamento fiducioso per il 2016,

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.11.2010 COM(2010) 655 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Monitoraggio delle

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa SI CONSOLIDA IL TREND DI CRESCITA DEL MERCATO ITALIANO A OTTOBRE: +8,6% La filiera automotive incoraggia l introduzione di nuove norme per i test sulle emissioni, più aderenti all uso

Dettagli

MERCATO AUTO: POSITIVO L INGRESSO NEL QUARTO TRIMESTRE, CON OTTOBRE A +9,2% Ma i volumi mensili sono comunque sui livelli di circa 20 anni fa

MERCATO AUTO: POSITIVO L INGRESSO NEL QUARTO TRIMESTRE, CON OTTOBRE A +9,2% Ma i volumi mensili sono comunque sui livelli di circa 20 anni fa Comunicato stampa MERCATO AUTO: POSITIVO L INGRESSO NEL QUARTO TRIMESTRE, CON OTTOBRE A +9,2% Ma i volumi mensili sono comunque sui livelli di circa 20 anni fa Torino, 3 novembre 2014 Secondo i dati pubblicati

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa MERCATO AUTO DI NUOVO IN CRESCITA A DOPPIA CIFRA A NOVEMBRE: +23,5% Si preannuncia una chiusura d anno positiva - pur restando i volumi lontani dai livelli fisiologici per l Italia (almeno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri In febbraio immatricolate 165.289 nuove auto (-24,5%) PRIMI SEGNALI DI RISVEGLIO DELLA

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa VOLA IL MERCATO AUTO A FEBBRAIO: +27,3% Un risultato frutto delle campagne promozionali delle Case auto che, insieme ai bassi tassi di interesse e al calo dei prezzi dei carburanti, hanno

Dettagli

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Conferenza stampa LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Bologna, 5 dicembre 2014 Relazione di Gian Primo Quagliano, Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Questa

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa 2015 ALL INSEGNA DELLA RIPRESA PER L AUTO EUROPEA CHE, PER LA PRIMA VOLTA DAL 2009, RAGGIUNGE E SUPERA I 14 MILIONI DI IMMATRICOLAZIONI: +9,2% RISPETTO AL 2014 Non si dimentichi, comunque,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t an t i autoveicoli esteri MERCATO EUROPA ALLA 33^ CRESCITA CONSECUTIVA PER IL 2016 L ACEA STIMA UN INCREMENTO DEL

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Consumi di flotta (1989 2012)

Consumi di flotta (1989 2012) Basi e metodologia comparativa Ogni anno «auto-svizzera», l associazione degli importatori svizzeri di automobili, rileva il consumo medio delle marche più vendute sul mercato elvetico, il cosiddetto consumo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri In ottobre immatricolate in Italia 195.545 auto (+15,7%) IL MERCATO CONFERMA L EFFICACIA DEGLI ECO-INCENTIVI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri MARZO: IL MERCATO SEMBRA RALLENTARE LA CADUTA IL NOLEGGIO SOSTIENE LE VENDITE MA IL CONFRONTO

Dettagli

MARZO ANCORA IN CRESCITA PER IL MERCATO ITALIANO DELL AUTO: +15,1% IN LINEA CON IL RAFFORZAMENTO DEI PRIMI SEGNALI DI RIPRESA DELL ECONOMIA ITALIANA

MARZO ANCORA IN CRESCITA PER IL MERCATO ITALIANO DELL AUTO: +15,1% IN LINEA CON IL RAFFORZAMENTO DEI PRIMI SEGNALI DI RIPRESA DELL ECONOMIA ITALIANA Comunicato stampa MARZO ANCORA IN CRESCITA PER IL MERCATO ITALIANO DELL AUTO: +15,1% IN LINEA CON IL RAFFORZAMENTO DEI PRIMI SEGNALI DI RIPRESA DELL ECONOMIA ITALIANA Sarebbe opportuno attivare misure

Dettagli

Comunicato stampa. ACCELERA IL MERCATO EUROPEO A NOVEMBRE: +13,7% Nel 2015 si raggiungeranno i 14 milioni di nuove auto immatricolate

Comunicato stampa. ACCELERA IL MERCATO EUROPEO A NOVEMBRE: +13,7% Nel 2015 si raggiungeranno i 14 milioni di nuove auto immatricolate Comunicato stampa ACCELERA IL MERCATO EUROPEO A NOVEMBRE: +13,7% Nel 2015 si raggiungeranno i 14 milioni di nuove auto immatricolate Torino, 15 dicembre 2015 Secondo i dati diffusi oggi da ACEA, nel complesso

Dettagli

Mercato dell auto & ecologia

Mercato dell auto & ecologia Mercato dell auto & ecologia Tommaso Tommasi Direttore di InterAutoNews Sondaggio InterAutoNews H2Roma Roma, 5 novembre 2009 Chi ha risposto 774 CONCESSIONARI Pari al 18,24% dell universo dei concessionari

Dettagli

ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS

ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS dati provvisori/provisional data GIUGNO VAR. % GENNAIO/GIUGNO VAR. % JUNE % CHG. JANUARY/JUNE % CHG. MARCA/MAKE 2011 % 2010 % 11/10 2011

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Automotive Online. Gennaio - Giugno 2012. Report sulla visibilità web. Semestrale. powered by extrapola

Automotive Online. Gennaio - Giugno 2012. Report sulla visibilità web. Semestrale. powered by extrapola Online Report sulla visibilità web Semestrale Analisi della visibilità di oltre 40 marchi automobilistici su 26 fonti web di settore italiane Qual è la rilevanza online dei marchi automobilistici? Qual

Dettagli

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1%

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% Il mercato delle autovetture registra a settembre 2014 un incremento del 6,1%, grazie alla chiusura positiva per tutti

Dettagli

UNIONE EUROPEA Inizio anno con il segno positivo: a gennaio il mercato auto cresce del 6,2%.

UNIONE EUROPEA Inizio anno con il segno positivo: a gennaio il mercato auto cresce del 6,2%. UNIONE EUROPEA Inizio anno con il segno positivo: a gennaio il mercato auto cresce del 6,2%. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA 1 a gennaio 2015 registrano 1.028.760 nuove immatricolazioni

Dettagli

Focus: mercato automotive

Focus: mercato automotive Focus: mercato automotive 1. Osservatorio generale Lo stato dell arte - Mondo: le vendite globali, nonostante gli incentivi che hanno drogato gli acquisti sono in discesa in tutto il mondo occidentale.

Dettagli

Dealer/STAT 2004 17/01/2005. Gentile Concessionario,

Dealer/STAT 2004 17/01/2005. Gentile Concessionario, 17/01/2005 Gentile Concessionario, Automotive Dealer Day, con la collaborazione dell Università Ca Foscari di Venezia, ha realizzato nella primavera del 2004 Dealer/STAT, uno studio sulla soddisfazione

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

T R O F E I M I S T E R Y S H O P P I N G

T R O F E I M I S T E R Y S H O P P I N G ITALIA CHIAMA EUROPA: UN MERCATO SEMPRE PIU GLOBALE Bologna, 6 dicembre 2007 1 T R O F E I M I S T E R Y S H O P P I N G 2 PREMIO MIGLIORE SITO WEB AUTOMOTIVE 3 VIAGGIO NADA 2008 I VINCITORI 4 T A V O

Dettagli

Emilio di Camillo Febbraio 2012 http://www.centrostudisubalpino.it

Emilio di Camillo Febbraio 2012 http://www.centrostudisubalpino.it Osservatorio congiunturale del Mercato Europeo dell Auto. Fine anno 2. Dopo un 29 in progresso rispetto alla caduta della domanda del 28, condizionato però dalla spinta agli acquisti motivata dagli incentivi,

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA.

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. I rincari del carburante non rappresentano più una sorpresa per gli automobilisti italiani. I prezzi della

Dettagli

Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani

Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani L indagine Obiettivo Approfondire il tipo di rapporto che le utenti di alfemminile hanno con la guida e con l automobile. Date 28 giugno 19 luglio

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi.

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. 1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016 Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA a maggio 2016

Dettagli

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it Osservatorio congiunturale del Mercato Europeo dell Auto. Fine anno 21. Dopo un 29 condizionato dalla spinta agli acquisti motivata dagli incentivi, il 21 ci ha fatto riavvicinare, almeno nel caso Italiano,

Dettagli

Sempre meno auto private

Sempre meno auto private Sempre meno auto private La struttura del vede ancora un rilevante calo del segmento dei privati: le immatricolazioni in maggio sono scese del 10,7% a 81.121 unità, con una quota che perde altri due punti

Dettagli

COPYRIGHT 2014 O.M.M.A. SRL

COPYRIGHT 2014 O.M.M.A. SRL Via dell'artigianato n.30 48018 - Faenza (RA) ITALIA Tel. +39-0546 620026 - Fax +39-0546 622483 www.idroguide.com - info@idroguide.com INDICE SEMIASSI - GIUNTI LATO e GIUNTI LATO CAMBIO ALFA ROMEO (G)

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

1.093.000 autovetture immatricolate a febbraio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 14% nel mese di febbraio e del 10% nel primo bimestre.

1.093.000 autovetture immatricolate a febbraio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 14% nel mese di febbraio e del 10% nel primo bimestre. 1.093.000 autovetture immatricolate a febbraio 2016 Il mercato delle autovetture cresce del 14% nel mese di febbraio e del 10% nel primo bimestre. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA a febbraio

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE COSA PAGANO E QUANTO PAGANO OGGI LE AZIENDE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO LA FISCALITA IN ITALIA Nel 2014 la pressione fiscale in Italia ha raggiunto il 43,4% (rapporto tra il

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Zr 4 fili L 970 mm Zr 4 fili L 400 mm Zr 4 fili L 1470 mm Zr 3 fili L 870 mm ALFA FIAT LANCIA CITROEN PEUGEOT CITROEN FIAT PEUGEOT VOLKSWAGEN

Zr 4 fili L 970 mm Zr 4 fili L 400 mm Zr 4 fili L 1470 mm Zr 3 fili L 870 mm ALFA FIAT LANCIA CITROEN PEUGEOT CITROEN FIAT PEUGEOT VOLKSWAGEN OXYGEN SENSOR OXYGEN SENSOR OXYGEN SENSOR Oxygen Sensors 7481001 7481002 7481003 7481004 Zr 4 fili L 970 mm Zr 4 fili L 400 mm Zr 4 fili L 1470 mm Zr 3 fili L 870 mm ALFA FIAT LANCIA CITROEN PEUGEOT CITROEN

Dettagli

UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4%

UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4% UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4% Nel complesso dei Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA 1 a dicembre 2014 le immatricolazioni

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DELLE AUTOVETTURE PER MARCA settembre 2012

IL MERCATO ITALIANO DELLE AUTOVETTURE PER MARCA settembre 2012 IL MERCATO ITALIANO DELLE AUTOVETTURE PER MARCA settembre 2012 MARCHE settembre var. percentuali gen./sett. var. percentuali 2012 2011 % 2012 2011 2012 2011 % 2012 2011 FIAT 23.993 31.129-22,92 21,98 21,17

Dettagli

L'AUTO A META' DEL GUADO NELL'ANNO ORRIBILE 2009

L'AUTO A META' DEL GUADO NELL'ANNO ORRIBILE 2009 L'AUTO A META' DEL GUADO NELL'ANNO ORRIBILE 2009 Gian Franco Soranna Direttore FEDERAICPA Bologna, 28 maggio 2009 1 CONCESSIONARI AUTOVETTURE PER MARCA (al 31.12.2008) 300 2007 286 250 2008 Conc. 2008

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Focus su filiera AUTO in Lombardia

Focus su filiera AUTO in Lombardia Focus su filiera AUTO in Lombardia IMPRESE, IMMATRICOLAZIONI, PARCO MACCHINE CIRCOLANTE e BILANCIA COMMERCIALE settembre 2013 a cura dell Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 1 Focus su filiera auto

Dettagli

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%.

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA ad aprile 2015 registrano 1.209.551 nuove immatricolazioni di autovetture,

Dettagli

diario economico luglio 2015

diario economico luglio 2015 diario economico luglio 2015 i principali indicatori economici in italia e nel friuli venezia giulia rapporto di ricerca secondo trimestre 2015 udine, 20 luglio 2015 (14233fv03) agenda scenario economico

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri Lo afferma il Presidente dell UNRAE, Salvatore Pistola IL PROGRESSO DEL MERCATO DELL AUTO PRINCIPALE

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

LIBANO PARCO VETTURE NEL

LIBANO PARCO VETTURE NEL LIBANO PARCO VETTURE NEL 29 Febbraio 211 Dati aggiornati il 1 febbraio 211: - le nuove auto vendute nel 21 (pag. 5) - l interscambio Libano/Mondo 21 (pag. 5-6) Nel 29, il numero delle auto private circolante

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Ufficio V

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Riassunto dei principali risultati dello studio Oggetto dello studio L inizio della crisi economica, nel 2008, in Svizzera

Dettagli

Il mercato dell auto in Italia

Il mercato dell auto in Italia Il mercato dell auto in Italia 5.. 4.5. 4.. 3.5. 3.. 2.5. 2.. 1.5. 1.. 1996 1997 1998 1999 2 21 22 trasferimenti al netto minivolture immatricolazioni auto nuove Il mercato dell'auto in Italia trasferimenti

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE Chi siamo Visual Software nasce nel 1997 e oggi è un forte e strategico partner IT per molte aziende automobilistiche in Italia. Il core product è il DMS (Dealer Management System)

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Gasolio e pedaggi autostradali. Un analisi di ANITA sull aumento dei costi per l autotrasporto

Gasolio e pedaggi autostradali. Un analisi di ANITA sull aumento dei costi per l autotrasporto Gasolio e pedaggi autostradali Un analisi di ANITA sull aumento dei costi per l autotrasporto Roma, 24 Gennaio 2011 1 ANITA ha effettuato un analisi sull aumento dei pedaggi autostradali e del gasolio,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio).

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio). ESTRATTO DELL ALLEGATO VI HANDBOOK ERASMUS A.A. 2008/2009 Estratto della Guida per le Agenzie Nazionali per l implementazione del Programma LLP, dell Invito a presentare proposte 2008 e della Guida del

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli