TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI. specialisti in ortoprotesica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI. specialisti in ortoprotesica 2010-2011"

Transcript

1 TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI specialisti in ortoprotesica

2 DAL Indice Nasce la carta dei servizi per testimoniare il nostro impegno e la nostra volontà a migliorare la qualità del servizio fornito ed il rapporto con l utente. È il nostro strumento istituzionale per comunicare ed informare l utente sui servizi, le strutture e l organizzazione dell azienda. Perché noi abbiamo a cuore la soddisfazione e la salute del cliente, pubblico o privato che sia. La direzione pag. 05 pag. 07 pag. 09 pag. 11 pag. 13 pag. 15 pag. 21 pag. 23 pag. 25 pag. 27 introduzione storia settori forniture e servizi qualità informazioni utili per l utente sede e filiali orari e contatti sede produttiva come raggiungere la sede produttiva e le filiali

3 Introduzione La Carta dei Servizi della Tombolini Officine Ortopediche offre una risposta concreta ai principali bisogni informativi degli utenti sulle prestazioni erogabili dall azienda e consente un controllo puntuale e costante verso servizi preposti e sulla loro qualità. È uno strumento a tutela del diritto alla salute. Il documento si presenta nella sua prima edizione, pertanto la Tombolini Officine Ortopediche potrà apportare nel tempo variazioni ed integrazioni. Il sito dell azienda, resta comunque a disposizione dell utente per eventuali aggiornamenti. Le informazioni presenti in questa versione sono da considerarsi risalenti a settembre

4 Storia Nel lontano 1930, il 28 giugno, il giovane Oreste Tombolini - classe consegue il titolo di Tecnico Ortopedico, titolo siglato dal Prefetto incaricato dal Ministero dell Interno del Regno d Italia. Con il capostipite Oreste ha inizio così la tradizione ortopedica in terra jonica e si delinea un percorso che la famiglia Tombolini prosegue con tenacia, proiettandosi, con nuove tecnologie e moderne strategie di marketing, al prossimo futuro. L eredità di Oreste è raccolta con entusiasmo da Antonio Tombolini, classe 1933, che, conseguito il titolo di tecnico ortopedico a metà degli anni 60, avvia il laboratorio a Taranto in pieno centro città. Diviene così un punto di riferimento per il mondo sanitario e per il territorio. Una tradizione professionale e familiare, dove l impegno, la dedizione, il sacrificio sono valori condivisi e fondamentali, che trovano nel tempo un giusto e crescente riscontro sia nella classe medica che nell Utenza. I figli Oreste, Giuseppe e Paolo poi conseguono la laurea in Tecniche Ortopediche e dirigono le varie aree specialistiche dello stabilimento. Tombolini si manifesta, allora, come la grande famiglia la cui azienda ha a cuore e nel core business il diritto alla salute della sua utenza, tanto da farlo diventare professione, missione, dovere. Oggi, la Tombolini Officine Ortopediche rappresenta una realtà unica nel settore di produzione di dispositivi medici su misura e di prestazioni professionali ortoprotesiche. L azienda ha adottato una politica gestionale basata su una moderna amministrazione dell impresa che coniuga, nella sua produzione e immissione in commercio, la tradizione, l esperienza e l innovazione tecnologica. Questo mix permette di offrire le soluzioni più adatte alle esigenze particolari di un utenza che diventa ogni giorno più vasta: privati, invalidi civili assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale ed Infortunati sul lavoro assicurati Inail oltre che di consulenze professionali a centri di riabilitazione. La Tombolini Officine Ortopediche si serve di apparecchiature non invasive che abbinano i metodi tradizionali di rilevamento delle misure con un evoluto sistema computerizzato Cad/Cam. Questo consente ad esempio di programmare, progettare e realizzare, con altissima precisione, l intera gamma di corsetti per patologie vertebrali e protesi per amputazione di arti. Leader nella realizzazione di dispositivi medici su misura, la Tombolini Officine Ortopediche commercializza inoltre ausili altamente personalizzati per la riabilitazione ed articoli sanitari, selezionando il meglio della produzione nazionale ed estera. 7

5 Settori La struttura aziendale è articolata in tre settori con relative prestazioni professionali sanitarie tecnico-ortopediche: - Ortopedia tecnica - Ausili; - Commerciale/Sanitario; Il settore ortopedia tecnica, ha il compito di progettare, costruire e fornire dispositivi medici su misura. Il settore vanta una moderna officina, suddivisa in reparti, nei quali si realizzano protesi, ortesi di arti, tutori pediatrici, corsetti per scoliosi, busti e ventriere, ortesi di tronco, calzature ortopediche su misura, ortesi podaliche su misura, etc. La Tombolini Officine Ortopediche utilizza metodi di rilevazione non invasivi avvalendosi di strumentazione altamente tecnologica, come la digitalizzazione del paziente realizzata con uno scanner 3D, che sostituisce la tradizionale formatura in gesso. Il settore ausili si occupa della fornitura di ausili per la mobilità: carrozzine manuali ed elettroniche, passeggini, scooter elettrici, sistemi di postura, stabilizzatori, letti ortopedici, deambulatori, sistemi posturali e standing, etc. Una grande sala espositiva permette all utente di visionare e provare gli ausili più innovativi, con l assistenza di figure professionali specializzate. Gli ausili costituiscono un elemento fondamentale del progetto riabilitativo, mirato alla concreta autonomia dell individuo, avendo come scopo essenziale quello di evitare o minimizzare lo svantaggio esistenziale che una disabilità può comportare. Il settore commerciale/sanitario si occupa della vendita di articoli sanitari, ortopedici ed elettromedicali. La Tombolini Officine Ortopediche offre la più vasta gamma di prodotti medico-sanitari per la cura della persona a livello di prevenzione e post trauma. N.B.: Le lavorazioni più complesse si realizzano esclusivamente presso la sede produttiva di San Giorgio Jonico (TA). 9

6 Forniture e servizi ORTOPEDIA TECNICA Protesi ed ortesi di arti Ortesi di tronco Ortesi podaliche Ortesi pediatriche Tutori Calzature ortopediche su misura e predisposte Servizio di baropodometria e stabilometria Corsetti, Busti e Ventriere in stoffa e stecche su misura Servizio di valutazione tecnica del piede diabetico e relativo trattamento ortesico AUSILI Assistenza Tecnica Stampelle, Tripodi, quadripodi, deambulatori, per adulti e bambini Carrozzine leggere e superleggere Carrozzine pieghevoli Carrozzine e scooter elettrici Passeggini, Seggioloni Ausili per l evacuazione, per il bagno Sedie e poltrone da comodo Poltrone elevabili Sistemi per il sollevamento ed il trasferimento Sistemi per il sollevamento per vasca da bagno Ausili per la vita quotidiana Letti ortopedici ed accessori Sistemi antidecubito Sistemi di postura su misura e predisposti Servoscale Montascale a cingoli e ruote Stabilizzatori Strumenti per la riabilitazione COMMERCIALE/SANITARIO Calzature anatomiche predisposte per plantare (anche sportive) Calzature post operatorie Calzature tecniche per piede diabetico Zoccoli antistatici in gomma Tallonette, divaricatori per alluce Prodotti per la cura del piede Calze elastocompressive preventive e terapeutiche Ginocchiere, cavigliere, polsiere, gomitiere Ortesi, Tutori, Busti, Corsetti con componenti predisposti Collari cervicali Cuscini anallergici, per cervicale e lombare Fasce e bendaggi compressivi Misuratori di pressione manuali ed elettronici Aerosol Bilance 11

7 Qualità La Tombolini Officine Ortopediche hanno acquisito sia la certificazione a norma ISO 9001:2008 per il sistema Qualità aziendale, sia quella ISO 13485:2004 da parte del CERMET che certifica il dispositivo medico su misura realizzato. L attività professionale si svolge nella sede centrale e nelle filiali, presso i centri di Riabilitazione, gli ospedali pubblici e privati, le case di cura e in luoghi stabiliti all occorrenza, seguendo dettami di qualità ben precisi: la certezza di standard di qualità del servizio; la verifica del grado di soddisfazione dell Utente; la comunicazione trasparente tra l utente e l azienda, per consentire al primo di esporre eventuali reclami, qualora gli standard, elencati ed esposti nella presente Carta Servizi, non siano stati mantenuti. 13

8 Informazioni utili per l utente Gli aventi diritto alle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale sono: Invalidi civili, di guerra e per servizio; Minori di anni 18 che necessitino di un intervento di prevenzione, cura, e riabilitazione di un invalidità permanente; Invalidi in attesa di accertamento Invalidi in attesa di riconoscimento, ai quali sia stata riscontrata e verbalizzata una menomazione che comporta una riduzione della capacità lavorativa superiore ad un terzo; Entero-urostomizzati, ileo-colostomizzati, laringectomizzati, tracheotomizzati, amputati d arto, donne che abbiano subito una mastectomia, soggetti che abbiano subìto un intervento demolitore sull occhio previa presentazione di certificazione medica; Ricoverati presso una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, per i quali venga certificata la necessità urgente di applicazione di una protesi, di una ortesi o di un ausilio prima della dimissione. N.B.: per gli invalidi sul lavoro, l erogazione dei dispositivi protesici è garantita dall INAIL ed è regolamentata dal DPR 30 giugno 1965, n. 1124, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 13 Ottobre 1965, n Supplemento Ordinario. L erogazione a carico del Servizio Sanitario Nazionale dei dispositivi è subordinata al preliminare svolgimento delle seguenti attività: 1. Prescrizione medica / Scheda progetto tecnico 2. Autorizzazione dell ASL di appartenenza; 3. Fornitura; 4. Collaudo medico da parte del prescrittore; 5. Follow-up. LA PRESCRIZIONE Per accedere alla prestazione in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, è necessario presentare la prescrizione su specifico modulo effettuata dal medico specialista del SSN dipendente o convenzionato. La prima prescrizione deve contenere una diagnosi circostanziata, il codice del nomenclatore tariffario relativo all ausilio e/o al dispositivo, il programma terapeutico. IL PREVENTIVO/SCHEDA PROGETTO TECNICO É possibile richiederci il preventivo tramite fax o , allegando la suddetta prescrizione medica, presso la sede e le filiali. Nel caso in cui si riscontri la necessità di una valutazione più attenta, prima dell emissione del Preventivo, il personale della Tombolini Officine Ortopediche provvederà a fissare un appuntamento con l Assistito. 15

9 Informazioni utili per l utente L AUTORIZZAZIONE ASL L Autorizzazione sarà rilasciata dall ASL di appartenenza dell Assistito a seguito della consegna di prescrizione medica, del preventivo e della relativa scheda progetto: - in caso di prima fornitura, entro 20 giorni. - In caso di ricovero presso strutture sanitarie, pubbliche o private, ubicate fuori del territorio dell ASL di residenza, invece e limitatamente ai dispositivi inclusi nell Elenco 1, la ASL può rilasciare autorizzazione tempestiva anche a mezzo fax. DOPO L AUTORIZZAZIONE Dopo aver ricevuto l autorizzazione dalla ASL, occorre inviarla alla Tombolini Officine Ortopediche con le seguenti modalità: - consegna a mano presso la sede centrale o le filiali; - Invio del preventivo via fax al numero ; - invio del preventivo all indirizzo - Telefonare al numero , comunicando data e numero di Protocollo. E importante sapere che per i preventivi pervenuti via fax, via mail o per telefono, sarà premura dell Azienda comunicare all Assistito entro due giorni, la data per l eventuale rilievo delle misure e/o la consegna dell ausilio. TEMPI MASSIMI PER LA CONSEGNA DEI PRESIDI Le aziende ortopediche devono rispettare i termini massimi di consegna, previsti dal Nomenclatore Tariffario D.M. 332/99 IL COLLAUDO Il collaudo deve essere effettuato dallo specialista prescrittore, entro venti giorni dalla data di consegna del dispositivo. Il collaudo accerta la congruenza clinica e la rispondenza del dispositivo. Il presidio consegnato deve, e il collaudo lo dimostra, corrispondere a quello autorizzato. L ASL invita, pertanto, l Assistito a presentarsi per il collaudo, entro venti giorni dall avvenuta fornitura. La verifica dei dispositivi all Assistito non deambulante può essere effettuato presso la struttura di ricovero o a domicilio. Il collaudo si intende effettuato se, trascorsi venti giorni dalla consegna del dispositivo, il fornitore non abbia ricevuta alcuna comunicazione dall ASL. 17

10 Informazioni utili per l utente TEMPI MINIMI DI RINNOVO DEI PRESIDI L Autorizzazione viene rilasciata quando sussistano le seguenti condizioni: - Il presidio è ancora necessario; - Il presidio precedente non è più idoneo e riparabile; - È trascorso il tempo minimo di rinnovo, specifico per tipo di dispositivo, dalla fornitura precedente come previsto nell all. 2 del Nomenclatore Tariffario. N.B.: per i dispositivi forniti agli assistiti minori di diciotto anni, non si applicano i tempi minimi di rinnovo. RINNOVO DEL PRESIDIO PRECEDENTE AI TEMPI MINIMI PREVISTI È necessaria una dettagliata relazione del medico prescrittore che evidenzi il motivo della nuova fornitura. Ad esempio: particolari necessità terapeutiche o riabilitative, modifica dello stato psicofisico dell Assistito, smarrimento, rottura accidentale, particolare usura o impossibilità tecnica o non convenienza della riparazione oppure di non perfetta funzionalità del presidio riparato. RINNOVO IN CASO DI SMARRIMENTO, ROTTURA, USURA O NON RIPARABILITÁ DEL PRESIDIO È necessaria una dichiarazione sottoscritta dall invalido, o di chi ne esercita la tutela, in base alla quale l ASL può autorizzare per una sola volta la fornitura di un nuovo dispositivo, prima che siano decorsi i tempi minimi previsti per il rinnovo. DISPOSITIVI NON INCLUSI NEL NOMENCLATORE TARIFFARIO Qualora l Assistito scelga un dispositivo non incluso nel nomenclatore tariffario, ma riconducibile per omogeneità funzionale, a giudizio dello specialista proscrittore, l azienda Asl di competenza autorizza la fornitura e corrisponde al fornitore una remunerazione non superiore alla tariffa applicata o al prezzo determinato dalla stessa azienda per il dispositivo incluso nel nomenclatore e corrispondente a quello erogato. Per i soggetti affetti da gravissime disabilità, l ASL può autorizzare la fornitura di dispositivi non inclusi negli elenchi del Nomenclatore, sulla base di criteri fissati dal Ministero della Sanità. (Art. 1 comma 6 del D.M. 27 Agosto 1999) DISPOSITIVI DI RISERVA I dispositivi provvisori e temporanei sono prescrivibili solo per: - Donne mastectomizzate; - Soggetti con amputazione di arto. L Azienda ASL può autorizzare la fornitura di un dispositivo di riserva rispetto al primo dispositivo definitivo solo in favore dei soggetti con amputazione bilaterale di arto superiore o con amputazione monolaterale o bilaterale di arto inferiore. Nei confronti di altri soggetti con gravi difficoltà di deambulazione, cui non è riconosciuto il diritto di una protesi di riserva, l ASL è tenuta ad assicurare la tempestiva sostituzione dei dispositivi divenuti temporaneamente non utilizzabili. 19

11 Sede e filiali L attività della Tombolini Officine Ortopediche si svolge principalmente nell imponente struttura di mq circa a San Giorgio Jonico in provincia di Taranto, ubicazione scelta perché facilmente raggiungibile da altre province. È un ambiente moderno e funzionale che presenta anche una comoda zona parcheggio per i suoi clienti. Dalla sede principale viene coordinata l attività di quattro filiali localizzate in Puglia e in Basilicata. Sede produttiva di San Giorgio Jonico (TA) Via San Giovanni Zona Industriale Tel. (+39) Fax (+39) Filiale di Taranto Via Oberdan 89 ang. via Minniti 23 Tel. (+39) Filiale di Bari Via Nicola di Tullio, 54/56/58/60 Tel. (+39) Filiale di Brindisi Via S.G. Bosco, 149 Tel. (+39) Filiale di Matera Via M. Greco, 2 Tel. (+39)

12 Orari e contatti Sede produttiva di San Giorgio Jonico (TA) Via San Giovanni Zona Industriale Tel. (+39) Fax (+39) Orario d apertura: dal lunedì al venerdì 8.45/ /17.30 Responsabili: Dott. Giuseppe Tombolini - Dott. Oreste Tombolini - Dott. Paolo Tombolini Filiale di Taranto Via Minniti 23 ang. via Oberdan 89 Tel. (+39) Orario d apertura: dal lunedì al venerdì 9.00/ /19.30 Responsabile di Filiale: sig. Antonio Tombolini Filiale di Bari Via Nicola di Tullio 54/56/58/60 Tel. (+39) Orario d apertura: dal lunedì al venerdì 09.00/ /19.00 Resp. di Filiale: sig. Francesco Notarangelo Filiale di Brindisi Via S.G. Bosco 149 Tel. (+39) Orario d apertura: lunedì - mercoledì 9.00/12.30 martedì - giovedì 16.00/19.00 venerdì 9.00/12, /19.00 Responsabile di Filiale: Dott. Paolo Tombolini Filiale di Matera Via M. Greco 2 Tel. (+39) Orario d apertura: dal lunedì al venerdì 15.00/19.00 Responsabile di Filiale: Dott. Giuseppe Tombolini 23

13 primo piano Sede produttiva STUDIO MEDICO AUDITORIUM LEONILDA DIREZIONE/AMMINISTRAZIONE wc. wc. wc. piano interrato DEPOSITO MATERIE PRIME DEPOSITO COMMERCIALE RECEPTION SALA D ATTESA piano terra DEPOSITO DISPOSITIVI MEDICI PRODOTTI PER LE ALTRE SEDI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SALE PROVA - SALA GESSI - SALA TUTORI SALA VALUTAZIONE SISTEMI DI POSTURA OFFICINE ORTOPEDICHE MENSA - SPOGLIATOI DIPENDENTI 25 DEPOSITO MATERIE PRIME DEPOSITO COMMERCIALE DEPOSITO DISPOSITIVI MEDICI

14 Come raggiungere le filiali Come raggiungere la sede centrale TARANTO BARI Via Oberdan, 89 ang. via Minniti, 23 Via Di Tullio 54/56 Via Mazzini Viale G. Capruzzi SAN GIORGIO JONICO Via R. Elena Via Crispi Via F. Bruno Via Oberdan Via Dante Alighieri H Ospedale S.S. Annunziata Via T. Minniti P Parcheggio Viale Pasteur Viale G. Solarino Via V.N. di Tullio H Policlinico Consorziale Viale Ennio Quinto Viale Quinto O. Flacco Viale A. Salandra Via P. Lembo via Simone Veil Stil Cucine via San Giovanni s.s. 7 ter Taranto San Giorgio Jonico Via Japigia BRINDISI MATERA Via S. Giovanni Bosco, 149 Via Mario Rosario Greco, 2 Pulsano Via Pace Brindisina Via S. G. Bosco Via Appia Via Romolo Via Lucrezio Via Don E. Tazzioli Via A. Sciesa Via Nicolodi Via D. L. Sturzo Via San Pardo Via D. Bramante Via Nazionale Via M.R. Greco Via G. Vico Via San Pardo INDIRIZZO SEDE CENTRALE Via San Giovanni Zona Industriale San Giorgio Jonico (Taranto) COORDINATE GPS: , Via Leonardo da Vinci Via Verona Via Solferino 27

15 Tombolini Officine Ortopediche Sede produttiva San Giorgio Jonico (TA) Via San Giovanni Zona Industriale Tel. (+39) Fax (+39) Filiale di Taranto Via Minniti 23 ang. via Oberdan 89 Tel. (+39) Filiale di Bari Via Nicola di Tullio 54/56/58/60 Tel. (+39) trepois.it Filiale di Brindisi Via S.G. Bosco 149 Tel. (+39) Filiale di Matera Via M. Greco 2 Tel. (+39)

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO:

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: CARTA DEI SERVIZI Azienda convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale 7 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: - invalidi civili, di guerra e per servizio

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

CHI SIAMO. Corpora, infatti, nasce con l obiettivo di offrire un servizio di eccellenza, di produzione e fornitura di ausili ortopedici.

CHI SIAMO. Corpora, infatti, nasce con l obiettivo di offrire un servizio di eccellenza, di produzione e fornitura di ausili ortopedici. CHI SIAMO Corpora, società specializzata da oltre 15 anni in campo medico-sanitario, all avanguardia nella produzione e fornitura di ausili ortopedici. Ciò che ha sempre attirato l attenzione sul gruppo

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99)

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) DELLE PROTESI (DM 332/99) PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) Lista di Distribuzione Operatori Amministrativi Unità Operative Ass.

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA pag. 1 di 18 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE: Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA 1 Eliminate linee guida plantari e sostituite con Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

carta dei servizi dal 1980, dispositivi medici su misura.

carta dei servizi dal 1980, dispositivi medici su misura. carta dei servizi dal 1980, dispositivi medici su misura. Il Piede 4 Il Tronco 12 Gli Arti Inferiori 18 La nostra storia / lo Show Room 21 Adeguatezza, Riservatezza, Confort 23 Artigianalità e Laboratorio

Dettagli

Come acquistare ALLERT:

Come acquistare ALLERT: Come acquistare ALLERT: da privato (vai alla slide 2) tramite richiesta di contributo ASL come comunicatore simbolico (vai alla slide 3) Da privato: Dopo aver scelto ALLERT, per cui consigliamo vivamente

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Lo sapevi che la sanità italiana eroga un contributo a favore dei cittadini italiani con particolari problemi di udito? In

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015 DECRETO MINISTERIALE 332/99

Dettagli

PER LA PRESCRIZIONE DI

PER LA PRESCRIZIONE DI LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DI AUSILI LE FOTO CONTENUTE SONO ESEMPLIFICATIVE DEL PRODOTTO 1 PRESCRIVIBILITA AUSILI: AVENTI DIRITTO: soggetti con invalidita riconosciuta (diagnosi compatibile con ausilio

Dettagli

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia 1. TEMPI MINIMI DI RINNOVO A) Dispositivi ortopedici: Plantari: - in fibra ad alta resistenza 36 mesi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI 1 corsetti, busti, reggispalle, collari, minerve docce e tutori per arto superiore docce,stecche, staffe e tutori per arto inferiore o invalidi civili, di guerra e di servizio o minori di anni 18 per i

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Riferimenti di legge L Assistenza Sanitaria protesica è sancita dalla L. 118/71, art. 3, comma 1, ulteriormente precisata dal D.M.S. 332/99 a cui è allegato

Dettagli

info@biotecnica.eu www.biotecnica.eu

info@biotecnica.eu www.biotecnica.eu Apparecchiature elettromedicali - Assistenza tecnica specializzata Consulenza e servizi per la sanità - Servizi di ingegneria clinica Servizi di logistica e deposito - Verifiche norme CEI - Prodotti sanitari

Dettagli

Protocollo di intesa. tra

Protocollo di intesa. tra Protocollo di intesa tra L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) con Sede in Roma, Via IV Novembre, 144 (CF 01165400589), rappresentato dal Presidente Massimo De

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CENTRO PER L AUTONOMIA UMBRO, LE AZIENDE ORTOPEDICHE E LE AZIENDE COSTRUTTRICI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CENTRO PER L AUTONOMIA UMBRO, LE AZIENDE ORTOPEDICHE E LE AZIENDE COSTRUTTRICI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CENTRO PER L AUTONOMIA UMBRO, LE AZIENDE ORTOPEDICHE E LE AZIENDE COSTRUTTRICI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE Premessa Il presente documento rappresenta un patto di collaborazione

Dettagli

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail:

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail: DOMANDA BANDO Legge regionale 23/99 art. 4, commi 4 e 5 EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI Il presente regolamento, condiviso con l UOC Anziani ed A.D.I. è parte integrante delle Linee Guida per l Assistenza Protesica, e la modulistica

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie

Dipartimento Cure Primarie Dipartimento Cure Primarie Direttore: Dr.ssa Ivanna Lascioli E-mail: dcp@aslvallecamonicasebino.it Il Dipartimento Cure Primarie, si articola in tre servizi con elencate le rispettive competenze: 1. SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ART. 1. DEFINIZIONE Per trasporto comunale sociale si intende il servizio di trasporto a favore di persone in condizione di fragilità presso centri sanitari,

Dettagli

VIVISOL. Carta dei Servizi 2011 rev. 6 del 09.02.2012 MKD-ADIvoucher pag. 1 di 12

VIVISOL. Carta dei Servizi 2011 rev. 6 del 09.02.2012 MKD-ADIvoucher pag. 1 di 12 Struttura accreditata con l ASL di MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e BRESCIA per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata tramite Voucher socio - sanitario Carta dei Servizi

Dettagli

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ 4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete MEDISETTE (accordi regionali 2009) Medici Associati LODI ASL 306 DOTT. ARAGIUSTO GIUSEPPE Specialista in Malattie dell Apparato Respiratorio Medico

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali ASSISTENZA INTEGRATIVA E ICA Pag. 1 di 11 Assistenza Integrativa e Protesica Definizione dei Cataloghi Regionali Versione 1.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

Ausili per la mobilità

Ausili per la mobilità Ausili per la mobilità Le persone affette da SMA mostrano una debolezza generalizzata dei muscoli; tuttavia le modalità con le quali si manifesta la malattia sono differenti da individuo a individuo. Nelle

Dettagli

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica Percorsi riabilitativi mirati alla valutazione e alla prescrizione degli ausili: l esempio del protocollo carrozzine elettroniche in atto tra ASL di Milano e Fondazione Don Gnocchi Rosa Maria Converti

Dettagli

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Prot. n. 16531/3 Cagliari, 4 Maggio 2006 > Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Oggetto: Linee di indirizzo regionali sull applicazione del DM 332/99 in materia

Dettagli

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA)

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Milano, 12-02-2015 Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Analisi dei documenti di presentazione e della bozza di DPCM; osservazioni e posizione del C.S.R. I testi pubblicati in questi

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO ITALIA LAVORO

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO ITALIA LAVORO FONDO SANITARIO INTEGRATIVO ITALIA LAVORO GUIDA OPERATIVA Edizione 01/2014 Questo manuale è stato predisposto in modo da costituire un agile strumento esplicativo; in nessun caso può sostituire il contratto,

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO

TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO Cosa è Il Trasporto Sanitario ORDINARIO è definibile come un servizio che la Regione Toscana assicura, con oneri a carico del Servizio Sanitario Regionale, ai propri assistiti,

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI N. 3 INCARICHI LIBERO- PROFESSIONALI DI MEDICO GENERICO ADDETTO ALL EFFETTUAZIONE DI CONTROLLI

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O Ripristino igienico e manutentivo dei montascale (CIG 59882815CE) Proponente: Coordinamento

Dettagli

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE Piano di zona dei Comuni dell Abbiatense per il sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 328/2000 MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

Nomenclatore Tariffario

Nomenclatore Tariffario Nomenclatore Tariffario MINISTERO DELLA SANITÀ REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA EROGABILI NELL AMBITO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: MODALITÀ DI EROGAZIONE E TARIFFE

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete COMPOSIZIONE DELLA MEDICINA DI RETE La Medicina in Rete è una associazione, libera, volontaria e paritaria che ha lo scopo di esercitare la Medicina

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA DI ASSISTENZA PROTESICA Decreto Ministeriale 332/99 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI... 3

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

Esercitazione: casi clinici. Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI

Esercitazione: casi clinici. Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI Esercitazione: casi clinici Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI Caso clinico n. 1 Uomo, anni 72, affetto da: Cardiopatia ischemica cronica, ipertensione arteriosa Ipoacusia di grado medio

Dettagli

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 Pag. 1 di 7 Sommario Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 3.1 I servizi offerti... 2 3.2 Come arrivare a Umbra Salus srl... 3 3.3 Orari di apertura...

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA L anno, addi. del mese di in. presso. fra l partita IVA/codice fiscale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO.

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. (BUR n. 111/2003) Art. 1 - Finalità 1. La presente legge disciplina le tipologie e le modalità di

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ Dr. FATI FRANCO Sede studio: Piazza Caprera 2\3 SML e-mail: fatif@libero.it Telefono fisso: 0185283645

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

sicmeenergyegas.it Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. (Albert Einstein) L AZIENDA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ Dr. Salvatore ROMANO Spec. in Chirurgia Plastica Spec. in Oncologia Sede studio: piazza G. Garibaldi 45 Rapallo Telefono fisso:

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida.

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida. SERVIZI BASE ( estesi gratuitamente al nucleo famigliare) CONVENZIONI SPECIALISTICHE ED OSPEDALIERE Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

Art. 1 (Finalità) 2. Gli interventi e le patologie che legittimano l impegno finanziario della Regione sono i seguenti:

Art. 1 (Finalità) 2. Gli interventi e le patologie che legittimano l impegno finanziario della Regione sono i seguenti: Legge regionale 29 marzo 1999, n. 8 Provvidenze in favore di soggetti affetti da particolari patologie. (BUR n. 34 del 3 aprile 1999) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione Calabria assume a proprio carico oneri

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena INDICE AUSILI PER L INCONTINENZA AUSILI ORTOPEDICI OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE MEDICAZIONI

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ Dr. COGORNO Stefano Dr. DAPELO Federico Dr. LAMBRUSCHINI Mario Dr. ROTTOLA Cristina Dr. SANNAZZARI

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE

PROCEDURA DI SELEZIONE DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA (ai sensi del regolamento interno allegato alla delibera del Pres. C.S. 222/2009) per il conferimento di incarichi di collaborazione

Dettagli

La vostra salute, la nostra specialità

La vostra salute, la nostra specialità La vostra salute, la nostra specialità UniSalute: la prima assicurazione sanitaria in Italia per numero di clienti gestiti Leader nel mercato dei Fondi nazionali e delle Casse di assistenza. UniSalute

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI FISIOKINESITERAPIA E RIABILITAZIONE

GUIDA AI SERVIZI FISIOKINESITERAPIA E RIABILITAZIONE GUIDA AI SERVIZI FISIOKINESITERAPIA E RIABILITAZIONE FISIOKINESITERAPIA E RIABILITAZIONE group Sedi di Acerra (NA) - Via Alcide De Gasperi, 25 DIRETTORE TECNICO: Dott. ssa A. NOVIELLO TRATTAMENTI DI FISIOKINESITERAPIA:

Dettagli

IMPRESA GENERALE GLOBAL SERVICE. Carta dei Servizi

IMPRESA GENERALE GLOBAL SERVICE. Carta dei Servizi Carta dei Servizi Introduzione: La presente Carta dei Servizi si rivolge agli utenti che accedono alla Dorigo Servizi Srl, ma anche a chiunque altro sia interessato a conoscerne le attività e le modalità

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA INDICE 1. PERCORSO DI ASSISTENZA PROTESICA

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali Direzione Sanità Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Direzione Politiche Sociali e Politiche per la Famiglia A.O. Ospedale

Dettagli

Idee e soluzioni per vivere meglio

Idee e soluzioni per vivere meglio Idee e soluzioni per vivere meglio CENTRO ORTHOMED Ortopedia Sanitaria Convenzionata ASL - INAIL CENTRO ORTHOMED Ortopedia Sanitaria Convenzionata ASL - INAIL Fondi Terracina Chi siamo Il Centro Orthomed

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Il sottoscritto..., nato/a a:... (prov.:.. ) domiciliato nel comune di... e-mail:... chiede

Il sottoscritto..., nato/a a:... (prov.:.. ) domiciliato nel comune di... e-mail:... chiede RICHIESTA INDENNITA ECONOMICHE A FAVORE DI PERSONE AFFETTE DA TBC NON ASSICURATE PRESSO L INPS O NON ASSISTITE PER DIFETTO ASSICURATIVO (Legge 4 marzo 1987, n. 88 art. 5) All Azienda Sanitaria Locale di

Dettagli