Documento di proposte per le elezioni provinciali del 27 ottobre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di proposte per le elezioni provinciali del 27 ottobre 2013"

Transcript

1 Documento di proposte per le elezioni provinciali del 27 ottobre Il turismo settore strategico per il Trentino 2. Risorse al settore turistico 3. Redditività delle imprese e politica fiscale e tariffaria locale 4. Fiato alle imprese 5. Investimenti e credito 6. Una Agenzia per il turismo 7. La riforma del sistema della promozione 8. Il sistema formativo 9. Lavoro e welfare 10. Politiche infrastrutturali 11. Tutela e valorizzazione dell ambiente e del paesaggio 1. Il turismo settore strategico per il Trentino In occasione delle prossime elezioni del Consiglio Provinciale ci pare opportuno svolgere alcune considerazioni di carattere generale rivolgendole ai candidati alla Presidenza della Giunta Provinciale, alle forze politiche, ai candidati consiglieri. Nel fare questo richiamiamo e mettiamo a disposizione il documento Il turismo lavora per l Italia redatto da Federalberghi, alla costruzione del quale abbiamo partecipato attivamente, e che riteniamo particolarmente chiaro nell analisi e nelle proposte a favore delle imprese e del settore turistico. 1

2 Il documento mette in evidenza le scelte che devono essere fatte a sostegno dell attività imprenditoriale in generale e per una politica turistica, che va intesa come serie coordinata di scelte, di azioni strategiche e di obiettivi operativi. Una politica turistica, che dia il senso della consapevolezza che il turismo non è un settore di serie B, ma che invece deve essere preso sul serio come accade nei Paesi moderni. Queste considerazioni valgono a livello nazionale quanto a livello locale. Diamo dunque alcuni dati di carattere economico statistico per dare una rappresentazione del settore turistico in Trentino. Il prodotto interno lordo generato dalla spesa turistica è pari a milioni di euro, che corrisponde al 15.6 % del Prodotto interno lordo provinciale. Se teniamo conto degli effetti indotti arriviamo ad una cifra percentuale che è stimata a seconda degli osservatori tra il 26 e il 28% circa del Pil provinciale. Il valore aggiunto del settore turistico nel 2011 è pari a milioni di euro, superiore a quello del settore costruzioni ( ml), del settore metalmeccanico, siderurgico ( ml ). Gli addetti nel settore alberghiero sono più di I posti di lavoro attivati dalla spesa dei turisti sono oltre Questi pochi ma significativi numeri testimoniamo la necessità di dare attenzione al settore. 2. Risorse al settore turistico La centralità strategica del turismo e della sua promozione per l intera economia del territorio trentino va riconosciuta in modo esplicito. La sua capacità di resistenza alla crisi economica generale, gli effetti anticongiunturali esercitati su altri settori dell economia, la possibilità di dare sbocco alle emergenze occupazionali, la prontezza con cui il settore coglie i primi segnali di ripresa fanno del turismo un settore in cui investire. Il settore è fortemente internazionalizzato. Di internazionalizzazione si tratta, sia se si consideri la sua capacità di attrazione di turisti provenienti dall estero, sia se questi turisti provengono da altre aree del Paese. Le risorse investite nella promozione turistica sono risorse che sostengono l internazionalizzazione e più in generale l apertura del settore turistico ed in definitiva dell economia trentina sui mercati. Ribadiamo quindi che al settore devono essere messe a disposizione adeguate risorse nell ambito del bilancio provinciale. 2

3 Tali risorse devono essere adeguate rispetto a scelte ed obiettivi definibili e definiti di politica turistica e rispetto alla loro produttività nel contesto della politica economica e finanziaria provinciale. E doveroso inoltre sottolineare il ruolo delle imprese alberghiere nell ambito del sistema turistico, per il peso economico ed occupazionale esercitato, e per essere il principale veicolo dell offerta turistica trentina. Una politica turistica e di contesto seria deve garantire ad esse spazi per investire, crescere e innovarsi. I territori di successo da un punto di vista turistico sono stati e sono quelli dove gli investimenti alberghieri hanno potuto trovare spazio ed affermarsi. Bisogna avere il coraggio di individuare e di puntare su quei settori economici che hanno prospettive di crescita significative: il turismo è uno di questi. 3. Redditività delle imprese e politica fiscale e tariffaria locale Il tema della redditività delle imprese è un tema di cui deve farsi carico la politica ai diversi livelli istituzionali in cui essa esercita le proprie competenze ed azioni. In questi anni la redditività delle imprese è stata fortemente compressa da un crescente incremento dei costi ed in particolare da un incremento di tasse e tariffe, portando il carico fiscale complessivo a livelli ingiustificati ed insopportabili. Spesso questo incremento dei costi è relativo a servizi gestiti da società pubbliche che agendo in regime di monopolio non rispondono a criteri di gestione efficienti e nell interesse dei cittadini e delle imprese. Evidenziamo come in questi giorni si assista ad un dibattito e a scelte in materia di imposte e tariffe locali che non tiene in conto la possibilità da parte delle amministrazioni pubbliche di razionalizzare e contenere le spese su obiettivi importanti ed essenziali. Si prefigura certamente non un calo di tali oneri a carico delle imprese e questo è di particolare gravità. Per quanto riguarda il settore turistico alberghiero si rileva che gli immobili alberghieri sono strumentali all attività produttiva ed in quanto tali trattati come gli immobili produttivi di altri settori. 3

4 4. Fiato alle imprese Associazione Albergatori ed Imprese C è la necessità di liberare energie che comprimono le possibilità delle imprese di operare al meglio delle proprie possibilità, di crescere, di investire e di creare ricchezza ed occupazione. Questa questione investe il peso della pressione burocratica, la sovrapproduzione di leggi e regolamenti, che appunto mortificano lo spirito e l intraprendenza delle imprese e dei cittadini. Anche in Trentino vanno profondamente riformati i modi di agire della pubblica amministrazione, che deve diventare effettivamente uno strumento al servizio dei cittadini e delle imprese, senza dimenticare che la responsabilità sta soprattutto in chi ha esercitato ed eserciterà il mandato politico ottenuto dai cittadini. Bisogna trovare modalità incisive per modificare questo stato delle cose che, attraverso soluzioni concrete, ridiano fiato alle imprese e, di conseguenza, all economia del Trentino. In questo contesto riteniamo di confermare sul tema della pressione fiscale e burocratica la richiesta già presentata nella nostra Assemblea annuale di Riva del Garda, ovvero l attivazione di un confronto stabile e sistematico tra Pat, Consorzio dei Comuni e Associazioni imprenditoriali finalizzato ad individuare concrete misure di riduzione e contenimento della politica fiscale, tariffaria e burocratica locale. 5. Investimenti e credito Non da oggi segnaliamo un progressivo peggioramento nell accesso e nella disponibilità di credito per le imprese: aumento dei tassi, scarsità di credito, peggioramento delle condizioni contrattuali, scarsa disponibilità a sostenere la liquidità delle imprese. In questi anni si è cercato di dare risposta a questi problemi attraverso strumenti messi a disposizione nelle manovre congiunturali anticrisi, in provvedimenti legislativi di incentivazione all attività delle imprese, in accordi tra banche e parti economiche come quello della moratoria. Pur riconoscendo l importanza di questi strumenti dobbiamo rilevare che essi sono stati utili soprattutto per quelle imprese, che in realtà i morsi della crisi li hanno sentiti poco. Il credito è stato infatti concesso in linea di principio per nuovi investimenti, per ristrutturazioni finanziarie, ma solo per quelle imprese che non presentavano e non presentano profili di rischio per le banche. 4

5 Abbiamo anche assistito al rifiuto da parte delle banche di concedere credito pur in presenza di garanzie prestate dal sistema dei Consorzi fidi e dalla stessa Provincia. In questi contesti sono state penalizzate soprattutto le piccole e medie imprese che, già provate dalla crisi del mercato, si sono viste negare la necessaria liquidità. Queste imprese vanno sostenute anche attraverso strumenti diversi rispetto a quelli finora individuati. In assenza di credito non si può vivere né investire. E necessaria una moratoria più generalizzata attenta alla storia e alla capacità dell impresa di perseguire la propria missione, una moratoria in grado di garantire liquidità in una fase ancora critica. Sono necessarie condizioni di accesso meno rigide e tempi di restituzione del credito concesso più lunghi. Ribadiamo quanto già detto in passato, che è necessario affrontare questi temi in una logica di sistema, e che in tale contesto la Provincia eserciti la propria moral suasion nei confronti del sistema bancario, in forza delle proprie competenze e del proprio ruolo e delle risorse riversate sullo stesso. Per il sistema turistico bisogna porsi il problema di realtà imprenditoriali alberghiere che abbisognano inoltre di strumenti più complessi: un fondo di investimento e / o strumenti di Private Equity. Ugualmente, così come proposto a livello nazionale, bisogna affrontare il tema delle aziende marginali in primo luogo attraverso lo svincolo della destinazione alberghiera. In passato si è parlato e si sono adottati per il settore commerciale provvedimenti di rottamazione delle aziende marginali o senza prospettive di futuro. A questo si riferivano probabilmente l ex ministro al turismo Gnudi e gli estensori del Piano strategico nazionale per il turismo: una rottamazione anche per le aziende del turismo. Anche in Trentino dobbiamo pensare ad un provvedimento di questo tipo, che deve assumere caratteristiche di straordinarietà e di durata limitata nel tempo. 6. Agenzia per il turismo Ribadiamo quanto espresso in più occasioni: la soluzione adottata di incorporare Trentino Marketing in Trentino sviluppo è sbagliata. 5

6 In questi mesi hanno avuto conferma le nostre intuizioni e preoccupazioni. Trentino marketing in Trentino sviluppo è un corpo estraneo; non c è chiarezza circa la governance della società e pesa l esclusione della rappresentanza negli organi di governo delle associazioni di settore; si sta appannando la mission della società e la sua operatività. Per queste ragioni chiediamo la costituzione di una Agenzia per il turismo, così come era previsto nell originario progetto di riorganizzazione delle società pubbliche provinciali. Dentro l Agenzia per il turismo vanno ricondotte le attività già gestite da Trentino marketing e quelle connesse agli impianti di risalita. 7. Riforma del sistema della promozione La riforma del sistema della promozione e dell organizzazione turistica non potrà che uscire dal confronto e dalle proposte tra parti interessate, private e pubbliche. Riteniamo utile un sistema della promozione articolato ed efficiente, che si faccia carico di un giusto rapporto tra valorizzazione dei territori e valorizzazione dei prodotti turistici, orientato a rafforzare e qualificare il turismo Trentino sui mercati, capace di stabilire obiettivi strategici ed operativi, di verificare le proprie performance. Parte importante del sistema e del suo funzionamento sta nella : Forte semplificazione strutturale del sistema della promozione Qualificazione delle competenze professionali di chi vi opera, in funzioni di governo, direttive o operative. Definizione di meccanismi di regolazione formale dei rapporti tra i diversi livelli organizzativi del sistema Previsione del concorso attivo e formale delle associazioni imprenditoriali del turismo nella definizione della politica turistica provinciale Chiara definizione della missione del sistema della promozione, che veda il riconoscimento della centralità della ricettività ed in particolare di quella alberghiera Trasparenza e condivisione nella destinazione delle risorse della promozione, oggi distribuite su obiettivi non sempre riconducibili alla promozione turistica in senso stretto La presenza nelle strutture di governance della rappresentanza delle organizzazioni maggiormente rappresentative del settore. 6

7 L applicazione di contratti di lavoro di tipo privato in tutti i livelli dell organizzazione della promozione. Un sistema della promozione finanziato da risorse pubbliche secondo le disposizioni di legge e da compartecipazione e/o finanziamento da parte dei privati nella commercializzazione. Riteniamo necessario un luogo di confronto istituzionale su tutte le questioni che hanno una rilevanza nella definizione delle scelte che si riferiscono alla attività turistica ( politiche urbanistiche, paesaggistiche, infrastrutturali, ambientali, politiche e scelte di contesto con riflessi sull attività turistica, ecc. ). A tale scopo si propone la costituzione nei diversi ambiti territoriali di Tavoli di lavoro permanenti a cui intervengano le categorie economiche direttamente interessate al turismo, le pubbliche amministrazioni, altri soggetti. Confermiamo infine la nostra contrarietà all introduzione di un imposta di soggiorno e di un tributo sul turismo. Siamo convinti infatti che debba prima essere portata a termine la riflessione sull adeguatezza dell attuale modello di promozione, nella certezza che potranno essere recuperati ampi margini di efficienza ed efficacia organizzativa e economica. 8. Il sistema formativo La formazione rimane un aspetto fondamentale e strategico per il miglioramento ed il potenziamento del sistema turistico trentino. In questi anni si sono rafforzati i momenti di confronto con il sistema della istruzione e della formazione professionale e si sono avuti anche significativi rapporti sia nella discussione dei problemi e delle strade da intraprendere. Molteplici anche le collaborazioni di carattere operativo tra Associazione e nostri imprenditori. Chiediamo che questo metodo possa proseguire e rafforzarsi. Confermiamo la nostra richiesta di un sistema, una filiera della formazione e dell istruzione articolata ed efficiente, di cui rimane di assoluto interesse e rilevanza l attivazione di una Scuola dell Hotellerie. Il sistema formativo per il settore turistico dovrà sempre più organizzarsi e programmarsi in accordo con le esigenze del settore produttivo, razionalizzando l offerta, stabilendo obiettivi, misurando i risultati. Lo impongono ragioni di carattere economico e finanziario connesse alle 7

8 risorse del bilancio pubblico, ma anche l esigenza di consentire l inserimento nel mondo del lavoro da parte dei giovani che lo frequentano. Segnaliamo ancora una volta la moltiplicazione dei centri di offerta formativa che in una realtà territoriale e di un bacino limitato di domanda produce inefficienze e sprechi organizzativi. Da parte nostra per contrastare questa tendenza abbiamo costituto una rete di impresa tra la nostra società di formazione e quella di Confindustria con positivi risultati in termini di contenimento di costi e di qualità dell offerta. L eccesso di offerta formativa, la distorsione del mercato dal punto dei vista dei costi e una forte dose di autoreferenzialità stanno e provengono dalla debordante presenza di società pubbliche o parapubbliche: Accademia di impresa, Accademia della Montagna, Agenzia del Lavoro, Trentino School of Management (TSM), Trentino sviluppo. Va lasciato spazio al mercato. 9. Lavoro e welfare. Facciamo presente come il settore turistico in questi anni di contrazione dell occupazione abbia invece mostrato andamenti positivi ed in controtendenza. Bisogna dunque riconoscere e valorizzare queste opportunità di lavoro nel settore turismo evidenziando come, a tale scopo, sia necessario riconoscere la tipicità e la peculiarità delle forme contrattuali che consentono un organizzazione ottimale dell azienda turistica. Importante e necessaria è poi la capacità di raccordare i percorsi di istruzione e formazione con le politiche del lavoro ed in particolare con gli strumenti che esse mettono a disposizione. In questo senso deve essere data attuazione ai protocolli di intesa sottoscritti dalla Provincia Autonoma e dalle forze sociali in materia di apprendistato. Abbiamo assistito ad un verticale crollo del confronto tra Agenzia del lavoro e parti sociali dopo la sottoscrizione di tali protocolli. Con riferimento al dibattito ed alle azioni intraprese in sede nazionale e locale in merito alla razionalizzazione del sistema del welfare ribadiamo le nostre preoccupazioni in merito ad un aumento dei costi a carico delle imprese e che la vera e unica tutela e promozione del lavoro può avvenire solo con l espansione dell attività produttiva. Tenuto, infine, conto del ruolo svolto dalla nostra Associazione in rappresentanza delle imprese turistiche e della nostra presenza sui tavoli di confronto e di proposta in tema di lavoro e di 8

9 welfare, riteniamo di dover avanzare la richiesta di inserimento di un nostro rappresentante nella Commissione provinciale per l impiego e nel consiglio di amministrazione dell Agenzia del Lavoro. 10. Politiche infrastrutturali L accessibilità del nostro territorio è strategica per il turismo trentino e, più in generale, per tutto il sistema produttivo. Va sottolineato positivamente il fatto che gli aeroporti Valerio Catullo di Verona e Marco Polo di Venezia parlino di possibili alleanze ma tale eventualità lascia inalterata ed irrisolta la nostra richiesta di un collegamento strutturale e veloce con il Trentino. Rimane inoltre di interesse la realizzazione di un aeroporto regionale in Provincia di Bolzano. Dal punto di vista infrastrutturale, inoltre, è necessario continuare nel miglioramento della rete viaria e del sistema della mobilità. 11. Tutela e valorizzazione dell ambiente e del paesaggio L ambiente naturale rimane una delle prime risorse del Trentino, che da molti è riconosciuto proprio per questo aspetto. In passato, e la definizione è tuttora valida, il Trentino è la montagna per gli italiani. Dolomiti e Lago di Garda sono due ambienti naturali di primo ordine e costituiscono anche dei brand di cui si avvantaggia tutto il Trentino turistico. Nell insieme dunque l ambiente naturale e paesaggistico del Trentino va preservato e valorizzato. L ambiente naturale, il paesaggio naturale non è tutto. L uomo ha antropizzato il territorio, intervenendo non sempre, soprattutto in un passato recente, in modo appropriato e rispettoso in termini ambientali. In questo senso si può pensare alla necessità di riprogettare il paesaggio del Trentino dove il territorio è stato deturpato, dove la bellezza delle risorse naturali e degli ambienti antropizzati è stata aggredita da insediamenti e forme edilizie e produttive improprie. La qualità dell edificato e la qualità degli spazi naturali, produttivi, e delle infrastrutture deve essere messa tra le priorità della prossima legislatura. Da questo punto di vista va difesa la legge provinciale sulle seconde case, che rimane uno strumento importante di tutela del territorio. 9

10 Una nota ulteriore merita l agricoltura per la sua funzione di salvaguardia, cura e valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti. Il rapporto tra questo settore ed il turismo è di natura strategica e un impegno particolare dovrà essere posto per rafforzarlo attraverso iniziative di natura legislativa, specifiche progettualità e risorse dedicate. 10

Sommario IL TRENTINO VERSO LE ELEZIONI. Per il turismo in Trentino si può e si deve fare di più pag. 2 Le proposte Asat per le elezioni pag.

Sommario IL TRENTINO VERSO LE ELEZIONI. Per il turismo in Trentino si può e si deve fare di più pag. 2 Le proposte Asat per le elezioni pag. Sommario Tema del Mese Per il turismo in Trentino si può e si deve fare di più pag. 2 Le proposte Asat per le elezioni pag. 5 Vita Associativa Tante opportunità diverse in sinergia pag. 10 Il Benchmarking

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013. 2 ottobre 2012

Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013. 2 ottobre 2012 Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013 2 ottobre 2012 1 Il contesto in cui si colloca la manovra 2 LA SITUAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE E NAZIONALE L economia mondiale rallenta,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASSESSORE competente in materia di TURISMO per la PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, Michele Dallapiccola e l ASSOCIAZIONE ALBERGATORI ED IMPRESE TURISTICHE

Dettagli

Le politiche per lo sviluppo Il ruolo della Provincia Autonoma di Trento. Trento, 8 luglio 2011

Le politiche per lo sviluppo Il ruolo della Provincia Autonoma di Trento. Trento, 8 luglio 2011 Le politiche per lo sviluppo Il ruolo della Provincia Autonoma di Trento Trento, 8 luglio 2011 Ivano Dalmonego - Better policies for better lives - Trento, 8 luglio 2011 IL RUOLO DELLA PROVINCIA PER LE

Dettagli

In particolare si procederà a mutuare temi strategici già delineati all interno del Patto per lo sviluppo.

In particolare si procederà a mutuare temi strategici già delineati all interno del Patto per lo sviluppo. Un ipotesi iniziale di lavoro In questa fase si ipotizza di procedere sostanzialmente ad una azione di forte sistematizzazione di tutte le istanze di programmazione e pianificazione emerse nel corso degli

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 CAMERA DEI DEPUTATI VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 DECRETO LEGGE MAGGIO 2014, N. 83 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

BILANCIO 2016: LINEE GUIDA

BILANCIO 2016: LINEE GUIDA IL TRENTINO E IN CRESCITA L ECONOMIA TIENE PIL IN CRESCITA GETTITO COSTANTE GLI OBIETTIVI DELLA MANOVRA 1 CITTADINI SOSTEGNO ALLA AL CENTRO CRESCITA Garantire la qualità dei servizi Tutelare il reddito

Dettagli

PAROLE CHIAVE F I N A N Z I R I COMPETITIVITA. REALISMO, CORAGGIO e FIDUCIA IMPEGNO DI TUTTI STABILITA APERTURA CRESCITA

PAROLE CHIAVE F I N A N Z I R I COMPETITIVITA. REALISMO, CORAGGIO e FIDUCIA IMPEGNO DI TUTTI STABILITA APERTURA CRESCITA COMPETITIVITA REALISMO, CORAGGIO e FIDUCIA PAROLE CHIAVE F I N A N IMPEGNO DI TUTTI Z I STABILITA A APERTURA R I CRESCITA A 2015 MENO TASSE PER LE IMPRESE Il Trentino vuole essere territorio amico delle

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012. per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale

LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012. per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012 per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale Candidato Sindaco EZIO MONDINI PROGRAMMA DARFO BOARIO TERME NELLA VALLECAMONICA

Dettagli

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

IV Conferenza Italiana per il Turismo

IV Conferenza Italiana per il Turismo IV Conferenza Italiana per il Turismo I fattori di competitività turistica del territorio e l orientamento al prodotto L organizzazione del territorio per rispondere alle sfide del turismo montano gianfranco

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Piattaforma Rivendicativa Per Il Rinnovo CCNL Turismo 2013-2015

Piattaforma Rivendicativa Per Il Rinnovo CCNL Turismo 2013-2015 Piattaforma Rivendicativa Per Il Rinnovo CCNL Turismo 2013-2015 PREMESSA La crisi economica che sta colpendo duramente il nostro paese, non risparmia il Turismo, con l aggravante che questo settore potrebbe

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

1. Comuni d Europa. Una nuova architettura istituzionale

1. Comuni d Europa. Una nuova architettura istituzionale I COMUNI E LA TOSCANA DEL FUTURO MANIFESTO DEI COMUNI TOSCANI PER I CANDIDATI ALLE ELEZIONI REGIONALI 2015 1. Comuni d Europa L Europa è lo spazio della nuova politica. E tuttavia, le potenzialità di questa

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Il quadro preoccupante dei dati economici. Consumi. Reddito disponibile e patrimonio

Il quadro preoccupante dei dati economici. Consumi. Reddito disponibile e patrimonio Il quadro preoccupante dei dati economici Consumi Nel complesso, la situazione economica e sociale della Calabria appare piuttosto critica: per il biennio 2011-2012, la dinamica del valore aggiunto regionale

Dettagli

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Il tema della riduzione dei costi della politica,

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO

AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso per l'energia da fonti

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 Il Consiglio nazionale ringrazia il Vice Presidente Vicario Alessandro Cattaneo del proficuo lavoro svolto nel periodo di reggenza,

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori,

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori, ABITARE IL TEMPO GIORNATE INTERNAZIONALI DI ARREDO INAUGURAZIONE (VERONA, 18 SETTEMBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente

Dettagli

le linee guida per la politica scientifica e tecnologica del Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002;

le linee guida per la politica scientifica e tecnologica del Governo, approvate dal CIPE il 19 aprile 2002; PROTOCOLLO D INTESA Tra Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali La Confindustria Federazione Imprese Tessili e Moda Italiane Le Confederazioni

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA:

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: ESIGENZE DI RICAPITALIZZAZIONE E SOSTEGNO A FAMIGLIE ED IMPRESE di Maria Rosaria Ingenito (Vice Prefetto Prefettura di Roma ) e Saadia Tourougou (Osservatorio

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2011

BILANCIO SOCIALE 2011 BILANCIO SOCIALE 2011 Estratto del Bilancio Sociale 2011 1 Il Consorzio Farsi Prossimo è costituito da 11 cooperative sociali (al 31/12/2011), che operano sul territorio della Diocesi di Milano, unite

Dettagli

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A.

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Nota informativa per la stampa Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Sommario 1. Tratti salienti 2. Il Piano di sviluppo al 2044 3. Occupazione: più di 230mila posti di lavoro 4. Grande

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE PREMESSA A seguito dell esperienza maturata a livello nazionale con l iniziativa denominata #DissestoItalia sul tema del dissesto idrogeologico,

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE Rappresentanza italiana PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE La ricorrenza del 50 anniversario dell O.I.T.S. (Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale), ex B.I.T.S., ci

Dettagli

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Allegato 3 La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Premessa Il modello di governance che viene proposto risponde ad alcuni requisiti fondamentali riconducibili al principio di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CASERTA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CASERTA E AZIENDA SPECIALE S.IN.T.E.S.I. DELLA CAMERA DI

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O.

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. Accordo Volontario settoriale per la realizzazione di interventi per la riduzione delle inefficienze energetiche

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

IL TRENTINO E IN CRESCITA GETTITO COSTANTE L ECONOMIA TIENE PIL IN CRESCITA BILANCIO 2016

IL TRENTINO E IN CRESCITA GETTITO COSTANTE L ECONOMIA TIENE PIL IN CRESCITA BILANCIO 2016 BILANCIO 2016 IL TRENTINO E IN CRESCITA L ECONOMIA TIENE PIL IN CRESCITA GETTITO COSTANTE BILANCIO 2016 GLI OBIETTIVI DELLA MANOVRA 1 CITTADINI SOSTEGNO ALLA AL CENTRO CRESCITA Garantire la qualità dei

Dettagli

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS Titolo documento: Progetto: ALL.1 Introduzione alla riunione di confronto con il partenariato politicoistituzionale e socio economico sui documenti di preparazione al Programma Triennale di Sviluppo Turistico

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno.

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno. MANOVRA FINANZIARIA REGIONALE 2013 VALUTAZIONI, ESIGENZE E PROPOSTE DI RETE IMPRESE ITALIA SARDEGNA Le Organizzazioni Imprenditoriali della Sardegna che si riconoscono in RETE IMPRESE ITALIA (Casartigiani,

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO Assemblea di Bilancio 25.06.2015 CFI- - Cooperazione Finanza Finanza Impresa Impresa Via Giovanni Amendola, 5 Roma info@cfi.it - www.cfi.it Agenda CFI: mission, tipologie e

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA

08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA 08.14 BAROMETRO DELL ECONOMIA LA CONGIUNTURA IN ALTO ADIGE Agosto 2014 Economia in generale 1 Settore manufatturiero 4 Edilizia 7 Commercio al dettaglio 10 Commercio all ingrosso 13 Trasporti 16 Turismo

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO 2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO L evoluzione del bilancio pubblico da sintesi di valori solo monetari a strumento di governo e di realizzazione delle politiche per il raggiungimento

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 - DOCUMENTO PROGRAMMATICO - PREMESSA 1999 2011: DAL RIORDINO AL RISANAMENTO Sono trascorsi 12 anni dal riordino del CONI operato dal decreto-melandri (d.lgs. 242/99) e 9

Dettagli

Rapporto congiunturale sull industria delle costruzioni in Veneto Riforma del patto

Rapporto congiunturale sull industria delle costruzioni in Veneto Riforma del patto Riforma del patto Rapporto congiunturale sull industria delle costruzioni in Veneto Riforma del patto maggio 2015 Sicurezza del territorio Accesso al credito Fondi europei Rigenerazione urbana Semplificazione

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Supplemento 1.2009 7 Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Gian Carlo Muzzarelli* Sommario 1. Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili. 2. I cardini della

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE. Finalità del Programma

PROGRAMMA ELETTORALE. Finalità del Programma PROGRAMMA ELETTORALE Reg. Pubbl. N- Finalità del Programma Ai JH1ÌL2U. II presente programma, come preannunciato in occasione della presentazione dei candidati e della lista, è il frutto dell'integrazione

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

Lab 1 Turismo incontri con gli specialisti

Lab 1 Turismo incontri con gli specialisti Lab 1 Turismo incontri con gli specialisti Carlo Marcetti 63 Anni, Olbia. Economista Impuro. Tutto ha un costo. Un peso specifico. Un influenza. Che il sistema da osservare sia l individuo, il suo microcosmo,

Dettagli

DOPO LA CRISI, L INFLAZIONE: LA CASA È IL BENE RIFUGIO

DOPO LA CRISI, L INFLAZIONE: LA CASA È IL BENE RIFUGIO Costruttori/Assemblea del 23 maggio 2009 DOPO LA CRISI, L INFLAZIONE: LA CASA È IL BENE RIFUGIO BRESCIA. Quando l economia reale ripartirà (perché ripartirà), la forte iniezione di liquidità che ha caratterizzato

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati:

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati: PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E LA FEDERAZIONE TRENTINA DELLA COOPERAZIONE PER IL RAFFORZAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DELLA COOPERAZIONE TRENTINA

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Massimo Minnucci Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Convegno ABI CONSUMER CREDIT 2005 Roma, 21 marzo LA COLLOCAZIONE DEL PRODOTTO Vorrei cominciare

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI A cura di Confcommercio Premessa L efficienza dei sistemi di trasporto e logistica costituisce una condizione essenziale per la capacità competitiva di tutto

Dettagli