INNOVAZIONI IN RIABILITAZIONE NEUROLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INNOVAZIONI IN RIABILITAZIONE NEUROLOGICA"

Transcript

1 INNOVAZIONI IN RIABILITAZIONE NEUROLOGICA Rome Rehabilitation 2013 Roma, Nino BASAGLIA Direttore UMR Responsabile Settore di Medicina Riabilitativa San Giorgio Dipartimento Neuroscienze/Riabilitazione Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara Commendatore dell Ordine al Merito della Repubblica italiana

2 METEORE O STELLE COMETE CHE INDICANO LA VIA GIUSTA?

3 Sviluppo della lettura 1. Controllo sequenziale progressivo (GF. Salvini e C. Perfetti) 2. BFB e realtà virtuale 3. CIMT ( E. Taub) 4. Robot-therapy or electromechanical device 5. Considerazioni conclusive

4 1 CONTROLLO SEQUENZIALE PROGRESSIVO O ESERCIZIO CONOSCITIVO

5 PRINCIPI BASE Facilitazioni delle cosiddette Funzioni Corticali Superiori Plasticità cerebrale Intervento riabilitativo come processo di apprendimento o di riapprendimento, reso complesso da deficit maturativi e/o lesionali ( apprendimento in condizioni patologiche ) Esercizio conoscitivo

6 PRINCIPI BASE Brillante elaborazione teorica ( Il riabilitatore non può esimersi dall esporre in maniera esplicita una teoria della riabilitazione, intesa come enunciazione dei principi sui quali si basa il processo di recupero, in funzione dell elaborazione e dell attuazione delle varie condotte terapeutiche. (Perfetti C, 1986)

7 PROBLEMI Quali condotte terapeutiche? Ossia quale pratica? Quali risultati? A che costo?

8 PROBLEMA? Perfetti nella definizione degli esercizi di II grado, finalizzati al recupero del controllo sui movimenti irradiati afferma testualmente che il terapista deve percepire prima del paziente la comparsa delle contrazioni irradiate, la relativa entità e distribuzione in quanto gli esercizi terapeutici non hanno effetto alcuno se il paziente non effettuerà un reclutamento significativo, mentre se comparirà l irradiazione il risultato sarà dannoso.

9 PROBLEMA? Perfetti specifica che gli esercizi di secondo grado rappresentano un gruppo di condotte terapeutiche di esecuzione assai difficile ed assai rischiose data la possibilità, in caso di mancata attenzione a certi aspetti, di effettivo scatenamento del fenomeno di cui si ricerca l acquisizione del controllo, con conseguenze dannose per quanto riguarda il futuro della motricità del malato.

10 EBM nella riabilitazione del soggetto affetto dagli esiti di stroke

11 Nessun lavoro scientifico che evidenzi efficacia della metodica Perfetti od una maggiore efficacia rispetto ad approcci tradizionali Presenti alcuni lavori nell utilizzo del motor learning

12 ESERCIZI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA?

13 National Clinical Guidelines for Stroke Royal College of Physicians Motor impairment Improving motor control: strength and aerobic training È consuetudine per i terapisti evitare esercizi contro resistenza, ritenendo che sforzi eccessivi rinforzino il tono anomalo e i pattern motori stereotipati. C è crescente evidenza che attualmente sostiene che esercizi contro resistenza migliorano la forza muscolare, comunque benefici funzionali sono incerti. (Butefisch et al, 1995; Smith et al, 1999; Meek et al 2003; Saunders et al 2003)

14 National Clinical Guidelines for Stroke Royal College of Physicians Motor impairment Improving motor control: strength and aerobic training a. resisted exercise should be considered to improve muscle strength in targered muscles (A) b. Patients should partecipate in cardiovascular training (aerobic activity) (A) (Butefisch et al, 1995; Smith et al, 1999; Meek et al 2003; Saunders et al 2003)

15 National Clinical Guidelines for Stroke Royal College of Physicians Motor impairment Management of spasticity a. After stroke, spasticity should be treated if it is causing problems, using physical treatments and possibily drugs (although the functional benefit is uncertain) (B) b. Spasticity should not limit the use of strength training (B)

16 FREQUENZA DI UTILIZZO DELLE VARIE TECNICHE SIGN n La tecnica Bobath è ampiamente utilizzata in Svezia, Australia e nel Regno Unito (Scozia: 65%, Inghilterra: 91%, Galles: 92%, Irlanda del Nord: 97%). In Scozia il Motor Learning è utilizzato da 18% dei fisioterapisti

17 APPROCCIO ALLA RIABILITAZIONE Royal College of Physicians 2004 Uno degli abituali approcci alla rieducazione motoria deve essere utilizzato per migliorare la funzione (grado A) Per gli obiettivi specifici di miglioramento della presa di oggetti con la mano e di aumentare la velocità del cammino dovrebbe essere utilizzato un approccio task specifico piuttosto che un approccio focalizzato sulla menomazione (grado B) Ai pazienti deve essere data la maggiore opportunità possibile di praticare le attività (task) (grado B)

18 EFFICACIA TECNICHE DI RIEDUCAZIONE MOTORIA NELLO STROKE Review Cochrane (Pollock A. et coll, 2009) Obiettivo: valutazione dell efficacia dei diversi tipi di approcci terapeutici nel migliorare il recupero del controllo posturale e della funzionalità dell arto inferiore in persone adulte con esiti di stroke. Dall esame degli 20 studi randomizzati o quasirandomizzati relativi a 1087 partecipanti di cui: 8 trials Bobath vs un altro approccio; 8 trials Motor learning vs un altro approccio 8 trials approccio misto vs un altro approccio è emersa evidenza che any physioterapy is better than none.

19 EFFICACIA TECNICHE DI RIEDUCAZIONE MOTORIA NELLO STROKE Review Cochrane (Pollock A. et coll, 2009) NB There is no evidence of any one physiotherapy treatment approach being more effective than any other treatment approach for the recovery of disability or impairment a mixed approach was significantly more favoreble then no treatment or a placebo control in the recovery of functional independence.

20 Cammino, equilibrio e mobilità (SIGN 118, 2010) Raccomandato AFO Trattamenti personalizzati Allenamento gait-oriented Allenamento ripetitivo compitospecifico (task oriented) Rinforzo muscolare Aumentata intensità della riabilitazione Da considerare Treadmill training in pazienti autonomi nel cammino FES nel piede cadente Non raccomandato Evidenze insufficienti Treadmill training routinario Elettrostimolazione di routine Ausili per la deambulazione

21 Funzione dell arto superiore (SIGN 118, 2010) Da considerare CIMT (Constraint Induced Movement Therapy) Mental practice Dispositivi elettromeccanici/robotici Non raccomandato Rieducazione ripetitiva task- oriented Splinting Aumentare l intensità della riabilitazione Evidenze insufficienti Elettrostimolazione Training bilaterale

22 A CHE COSTO? per la società (SSN) per la persona

23 2 BFB e REALTÀ VIRTUALE

24 It Ed 1983 It Ed

25 BFB - DEFINIZIONE Il Biofeedback (BFB) può essere definito come l insieme dei principi di base comuni all utilizzo clinico di una serie di dispositivi terapeutici che forniscono al paziente informazioni relative ad eventi interni allo stesso, concernenti sia funzioni fisiologiche, sia patologiche, mediante segnali visivi, uditivi e somatosensitivi con l intento di facilitare l acquisizione e la produzione di una desiderata modificazione comportamentale. (Basaglia N, 1992; Basaglia N, Aiello E, 2009)

26 BFB - PRINCIPI Caratteristica essenziale dei meccanismi di feedback è l apporto di un flusso più o meno continuo di informazioni dall oggetto controllato al sistema che lo controlla. Questo assicura la realizzazione di una continua possibile correzione da parte del sistema di controllo a seconda delle mutevoli condizioni del compito controllato.

27 METODI BASATI SULLA MISURAZIONE DI CARATTERISTICHE INTRINSECHE DEL MOVIMENTO Cinematici Dinamici misure di traiettorie, angoli, velocità, accelerazioni.. misure relative alle forze scambiate con l ambiente.. Elettromiografici Parametri relativi al timing e all intensità della attivazione muscolare..

28 RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEI POSSIBILI SISTEMI DI BFB NELLA RIEDUCAZIONE MOTORIA DEL CEREBROLESO SNC Funzioni cognitive Ambiente BFB CR Sistema esterocettivo Elaborazione cosciente BFB EMG BFB cinematico e di forza BFB EGM Sistema motorio

29 TIPOLOGIE BFB UTILIZZATI IN CLINICA ELETTROMIOGRAFICO (controllo dell attività muscolare) NON ELETTROMIOGRAFICO BFB EGM GONIOMETRICO (controllo dell angolo articolarecinematico) BFB tatto pressione (controllo carico o di una forza esercitata su un segmento corporeo) REO-GO ed altri sistemi robotici computerizzati per arto superiore (assistenza al movimenti di reaching dell arto sup con feedback visivo). Pedane stabilometriche, lokomat WII rehabilitation.

30 Virtual reality technology has the capability of creating an interactive, motivating environment in which practice intensity and feedback can be manipulated to create individualized treatments(merians 2002)

31 CAREN Extended (motek medical, Amsterdam)

32 CAREN (motek medical, Amsterdam) CAREN (Computer Assisted Rehabilitation Environment) A hardware and software system for registration, evaluation and training of functional human behaviour. CAREN systems always consist of a motion base, motion capture, a projection screen and the D-flow software. There are three default models available, which can all be tailored to your specific needs

33 CAREN Extended (motek medical, Amsterdam)

34 CAREN Extended (motek medical, Amsterdam)

35 CAREN

36 V-GAIT (motek medical, Amsterdam) Configuration Instrumented dual belt treadmill Sway Pitch Declination 12 camera real-time motion capture system flat screen projection system (can be upgraded to cylindrical projection) surround sound system D-flow software

37 V-GAIT (motek medical, Amsterdam)

38 GRAIL (motek medical, Amsterdam)

39 GRAIL-Gait Real time Analysis Lab (motek medical, Amsterdam) The advantages of GRAIL: Your complete gait lab on 25m2 Full gait analysis with gait report within 30 minutes All gait parameters available in real-time for monitoring and interventions GRAIL enables for the first time gait training using VR and direct feedback Training options enable a 100% utilization rate

40 GRAIL (motek medical, Amsterdam) Configuration Instrumented dual-belt treadmill Video, Motion Capture system and EMG 180o projection and surround sound system D-Flow Software

41 Attività motoria e plasticità cerebrale l apprendimento motorio e non attività fisica ripetitiva genera nuove sinapsi nella corteccia cerebellare di ratti adulti (Black JE et al, 1990; Kleim JA et al, 1998)

42 Attività motoria e plasticità cerebrale la ripetizione intensiva di movimenti delle dita in assenza di apprendimento motorio non modifica la rappresentazione delle dita nella corteccia motoria primaria nelle scimmie crisotrici (Plautz EJ, Millikan GW, Nudo RJ, 2000)

43 Attività motoria e plasticità cerebrale L acquisizione di abilità motorie o apprendimento motorio è un prerequisito essenziale per guidare le modificazioni plastiche delle rappresentazioni nella corteccia motoria (Plautz EJ, Millikan GW, Nudo RJ, 2000) L apprendimento di abilità motorie agli arti anteriori e non lo sviluppo di forza agli stessi arti, è associato alla riorganizzazione della rappresentazione dei movimenti degli arti anteriori nella corteccia motoria dei ratti (Remple MS et al. 2001)

44 Attività motoria e plasticità cerebrale l apprendimento di nuove abilità motorie è accompagnato anche da un incremento della densità sinaptica in seno alle lamine II/III della corteccia motoria (Kleim JA et al, 1996) aumento delle spine dendritiche e modificazioni nella loro morfologia sono state osservate in ratti dopo esposizione in ambienti complessi (Ivanco TL, Racine RJ e Kolb B, 2000)

45 BFB - PRINCIPI Fondamentale in questa tecnica è il possedere da parte del paziente alcuni requisiti, quali: la possibilità di utilizzare canali afferenziali integri essere in grado di decodificare i segnali presentare una buona collaborazione avere una adeguata motivazione a superare i propri disturbi.

46

47 Schema motorio L apprendimento motorio non consiste nella formazione di un programma motorio invariabile, ma nella formazione di meccanismi di correlazione, correzione e di regolazione

48

49 La teoria dello schema di RA. Schmidt, 1975, specificazione di risposta programma motorio arti ambiente risultato misurato condizioni iniziali risultato desiderato SCHEMA MOTORIO DI RISPOSTA KR rinforzo soggettivo KR individuazione dell errore FB propriocettivo atteso FB esterocettivo atteso propriocettori esterocettori

50 SPECIFICAZIONI DELLA RISPOSTA Parametri relativi alla durata globale del movimento Parametri relativi alla forza globale del movimento Parametri relativi a forza e durata del movimento Parametri relativi alla selezione dei gruppi muscolari Parametri spaziali del movimento

51 INFORMAZIONI CORRELATE AL MOVIMENTO Informazioni sensitive Informazioni correlate al movimento Informazioni non correlate al movimento Disponibili prima del movimento Disponibili come risultato del Movimento: FB Feedback intrinseco Feedback estrinseco KR KP

52 INTRINSIC FEEDBACK refers to the information received directly through your senses: Visual - seeing where the ball has gone Hearing - sound of club making contact (with ball, ground, sand) Proprioceptive - feeling of the swing path; feel of the club/ball contact Tactile - contact of the club by the fingers and hands (Richard A. Schmidt, Ferrara 2010)

53 EXTRINSIC FEEDBACK provided by an external source Information about performance instructor comments and suggestions video and pictures of the learner auditory information recorded & played back physically-restrictive guidance tools (Richard A. Schmidt, Ferrara 2010)

54 10 KR irrilevante Media dell errore assoluto Nessuna KR KR qualitativa KR quantitativa Blocchi di 10 prove Effetto dei vari tipi di KR nella prestazione in un compito di Apprendimento Motorio (Trowbridge e Cason, 1932)

55 TIPOLOGIA DI KR KR qualitativa KR quantitativa Relative al risultato ambientale finale di un determinato comportamento motorio KP (conoscenza della performance) KR relative ad aspetti Intrinseci del movimento quali grandezze cinematiche e/o dinamiche

56 1100 KR KP cinematica Tempo di movimento (ms) Prove Dimostrazione della maggiore validità della KP rispetto alla KR (Hatze, 1976, ridis.)

57 CONCLUSIONI I vari dispositivi di BFB rappresentano strumenti importanti di facilitazione dei processi di apprendimento, ausili ai diversi tipi di esercizi terapeutici, mediante la fornitura ai pazienti e ai terapeuti di informazioni abitualmente non disponibili nel corso dell esercizio terapeutico convenzionale, sia come conoscenza del risultati (KR), sia come conoscenza della performance (KP), in particolare nell ambito degli approcci terapeutici basati sul motor learning.

58 EVIDENZE SCIENTIFICHE IN RIEDUCAZIONE MOTORIA NE CEREBROLESO

59 EFFICACIA DELLE TECNICHE DI RIEDUCAZIONE MOTORIA I pochi RCT di alta qualità che hanno studiato l efficacia relativa delle differenti tecniche terapeutiche di base non hanno dimostrato alcuna evidenza che un approccio terapeutico migliori effettivamente le abilità funzionali rispetto ad un altro (n 7 RCT: Richards et coll, 1993; Malouin et coll 1 993; Inaba et coll, 1973, Basmajian et coll, 1987; SIGN 118, 2010).

60 EVIDENZE SCIENTIFICHE THE COCHRANE COLLABORATION. Woodford H, Price C. EMG biofeedback for the recovery of motor function after stroke (Review). The Cochrane Collaboration. John Wiley & Sons; The Cochrane Library, GOLD STANDARD DELLE EVIDENZE!

61 It cannot be recommended as a routine treatment. When all the available data are combined EMG-BFB does not appear to have any positive benefit for recovery after stroke. Però Modesto numero studi suggerisce che il BFB EMG produce miglioramenti superiori rispetto alla fisioterapia convenzionale nella forza del movimento,nel recupero funzionale e nella qualità del cammino non è possibile individuare uno specifico beneficio del trattamento, anche perchéi risultati sono relativi a studi su casistica numericamente ridotta e di non buona qualità...il BFB-EMG ha ancora un impatto incerto sul recupero delle menomazioni dopo stroke.

62 Efficacia di differenti approcci di trattamento delle problematiche motorie Biofeedback Una review di RCT (n 26) effettuata da van Dijk et coll nel 2005, relativa all efficacia di tecniche di feedback sulla funzione motoria dell arto superiore plegico nei pazienti in riabilitazione, non ha rilevato una solida evidenza sull efficacia dell uso di tali tecniche (però solo 9 RCT hanno riportato effetto positivo sul test di funzionalità dell arto superiore) nel migliorare la motricità dell arto superiore.

63 Raccomandazioni relative all impiego delle tecniche neuromotorie nello stroke Royal College of Physicians (2004) Biofeedback: i sistemi di biofeedback non dovrebbero essere utilizzati di routine (grado A)

64 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Cammino, equilibrio e mobilità: un training con BFB EMG non è raccomandato come rieducazione routinaria delle turbe del cammino, dell equilibrio e della mobilità dopo stroke (Grado B)

65 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Cammino, equilibrio e mobilità: un training con piattaforme per l equilibrio con feedback visivo non è raccomandato come rieducazione routinaria delle turbe del cammino, dell equilibrio e della mobilità dopo stroke (Grado B)

66 Cammino, equilibrio e mobilità (SIGN 118, 2010) Raccomandato AFO Trattamenti personalizzati Allenamento gait-oriented Allenamento ripetitivo compitospecifico Rinforzo muscolare Aumentata intensità della riabilitazione Da considerare Treadmill training in pazienti autonomi nel cammino FES nel piede cadente Training assistito da dispositivi Non raccomandato Evidenze insufficienti elettromeccanici Treadmill training routinario EMG biofeedback routinario Training con piattaforme per l equilibrio con feedback visivo Elettrostimolazione di routine Ausili per la deambulazione

67 Funzione dell arto superiore (SIGN 118, 2010) Da considerare CIMT (Constraint Induced Movement Therapy) Mental practice Dispositivi elettromeccanici/robotici Non raccomandato Rieducazione ripetitiva taskoriented Splinting Aumentare l intensità della riabilitazione Evidenze insufficienti Elettrostimolazione EMG bio-feedback di routine Realtà Virtuale Training bilaterale Approccio alla terapia

68 3 CIMT (Constraint Induced Movement Therapy)

69 CIMT Terapia basata sulla costrizione del movimento o, in altre parole, sul costringere, forzare la realizzazione di movimenti

70 Constraint-Induced Movement therapy (CIMT) Questa terapia è finalizzata a contrastare e/o superare nei soggetti colpiti da stroke il cosiddetto apprendimento del non uso dell arto superiore paralizzato mediante la limitazione nell uso dell arto sano o con deficit minore associata ad un training intensivo dell arto leso (Taub E, 1999)

71 PIONIERI DELLA CIMT Nel 1904 Henry Meigeparlava di amnesia motoria funzionale nei pazienti colpiti da ictus per spiegarne, almeno in parte, i disordini motori definendoli come: Secondari all'assenza di attività Reversibili con una rieducazione motoria focalizzata sulla pratica ripetuta della funzione persa Collegati a processi di apprendimento, Learned helplessness (impotenza di apprendimento)

72 IL LEARNED NON USE Edward Taubinizia negli anni 80 esperimenti di deafferentazione chirurgica nei primati Gli animali, superata la diaschisi, conservano lo stesso atteggiamento in non-uso appreso durante il periodo di non responsività dell arto deafferenziato;

73 APPRENDIMENTO DEL NON USO Questa teoria si basa su esperimenti con scimmie deafferentate ad un arto superiore mediante rizotomia dorsale. A causa del deficit sensitivo non utilizzano l avambraccio dopo l operazione finché non sono costrette a farlo per l immobilizzazione dell arto sano Se la costrizione è mantenuta per 1-2 settimane si hanno modificazioni permanenti nelle abilità dell arto deafferentato (Taub E, 1977; Taub E, Wolf SL, 1997)

74 APPRENDIMENTO DEL NON USO L apprendimento del non uso si sviluppa durante la fase iniziale post-lesionale immediata o fase di shock (shock midollare in caso di rizotomia dorsale, diaschisi o shock corticale in caso di stroke) Si impara ad evitare di usare l arto leso mediante un processo di apprendimento che vede fallire ogni tentativo di movimento effettuato dall arto paretico (Taub E, 1977)

75 effetto della immobilizzazione e della constraint-induced movementnelle lesioni cerebrali focali unilaterali in ratti con immobilizzazione con cast dell arto anteriore omolaterale per durata diversa e i gruppi di controllo senza cast e con cast ma senza lesione cerebrale Lesione + cast 1-7 e constaint IM 8-15 In nero la minima lesione in rosso la lesione massima (Humm JL, Kozlowski DA et al mod)

76

77 TARGET CIMT Raggiungere Spostare Raggiungimento alternato di due bersagli di iniziale grande dimensione. Bersaglio1-bersaglio2-riposo Spostare una palla (~20cm Ø)dal bordo del piano di lavoro alla distanza equivalente alla massima estensione del braccio

78 Tracciare Tracciare traiettorie richiede controllo del polso in flessione e dell avambraccio in add/abduzione, con la spalla che descrive nello spazio una stretta circonduzione TARGET CIMT Rivoltare Il tipo di oggetto da rivoltare dipende dal tipo di risultato che si vuole consolidare.

79 Supinare/Pronare Maniglia per pronaresupinare e/o uso di una palla di ~10cm Ø con flessione della spalla di 70 e estensione del gomito. Infilare/Avvolgere TARGET CIMT Una serie di pioli di legno forati fissati ad una tavoletta di compensato e una banale stringa da scarpe sono strumenti sufficienti all esecuzione degli esercizi

80 TARGET CIMT Tamburellare Richiesta di tamburellare direttamente sul piano di lavoro oppure su una tavoletta in cui sono indicate in rosso le aree bersaglio per ogni dito. Archi ed anelli Semicerchio di plastica, legno o lega leggera fissato ad un supporto che ne chiude la base; ad una estremità dell arco si trovano vari anelli colorati di plastica dura

81 MAL (Motor Activity Log) score a 2 settimane ed a 1 giorno prima del trattamento e a 1 giorno, a 4 settimane e a 6 mesi dopo il trattamento per ogni singolo paziente (Liepert J et al, 2000)

82 Numero di posizioni TMS attive nell emisfero infartuato (nero) e non infartuato (grigio) a 2 settimane ed a 1 giorno prima del trattamento e a 1 giorno e a 4 settimane e a 6 mesi dopo il trattamento. Le colonne in nero corrispondono anche ai dati MAL per l arto paretico. * P<0.05 (Liepert J et al, Stroke 2000)

83 CIMT In sintesi: gli studi sulla capacità della CIMT di indurre una riorganizzazione corticale in paziente con esiti di stroke in fase cronica, danno luogo a un modello interessante in favore della plasticità del sistema nervoso centrale anche a distanza dall evento lesivo.

84 APPRENDIMENTO DEL NON USO ASPETTI CRITICI L ipotesi dell apprendimento da non uso nei soggetti affetti dagli esiti di stroke si basa sull impressione di molti clinici che alcuni pazienti utilizzino l arto leso molto meno rispetto alle attese basate sulla gravità della paralisi (Andrews K, Stewart J, 1979) Comunque non esistono strumenti validati per diagnosticare la presenza o la gravità dell apprendimento da non uso La nozione di shock del SNC che sostiene l apprendimento da non uso manca di conferme su dati empirici Il trasferire i risultati degli esperimenti delle rizotomie negli animali agli esiti di stroke nell uomo appare un pò forzato (Van der Lee JH et al, 1999)

85 CIMT In sintesi: l esistenza dell apprendimento al non uso dell arto paretico è una ipotesi non ancora provata nell uomo e non vi sono strumenti idonei per una sua misurazione (Gallese V, et al ).

86 CIMT Anche se è stato dimostrato che: nella fase subacuta dopo stroke (2-4 mesi) si realizza una riduzione dell eccitabilità ed una diminuzione dell area di rappresentazione corticale dei muscoli degli arti paralizzati (TCS maps, fmri, MEG) (Cicinelli P. Traversa R, Rossini PM, 1997; Rossini PM et al, 1998; Traversa R et al, 1999 ).

87 ALTRI PROBLEMI APERTI Soggetto emiplegico con deficit sensitivo Tempi d inizio della CIMT

88 AHA/ASA Endorsed Practice Guidelines Management of Adult Stroke Rehabilitation Care (2005) Constraint-Induced Movement Therapy (CIMT) Recommendations: Recommend considering the use of CIMT for a select group of patients - that is, patients with 20 degrees of wrist extension and 10 degrees of finger extension, who have no sensory and cognitive deficits. To date only demonstrated benefit occurs in individuals who received 6 to 8 hours of daily training for at least 2 weeks.

89 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Funzione dell arto superiore: Constraint Induced Movement Therapy (CIMT) può essere presa in considerazione per individui attentamente selezionati che presentino almeno 10 di estensione delle dita ed equilibrio e cognitività integra. (Grado B)

90 4 ELECTROMECHANICAL AND ROBOT ASSISTED THERAPY

91 MOTOR-LEARNING BASED REHABILITATION intensive repetitive task-specific progressive providing feedback

92 ELECROMECHANICAL AND ROBOT- ASSISTED ARM THERAPY

93 InMotion MIT-MANUS (Newman Lab, Boston) movimenti planari di reaching (2DF) Modulo spalla gomito (InMotion2) Modulo polso-mano (InMotion3) (Krebs 1998)

94 Mit-Manus imaging

95 Bi Manu-Track : mirror-like practice Attività bimanuale: Flessione-estensione di polso Prono-supinazione avambraccio Modalità attiva-attiva, attiva-passiva, passiva 800 ripetizioni/sessione

96 Reo-Go Therapy braccio telescopico monitor portatile software che permette training personalizzati su tutti i gradi di libertà di movimento dell arto superiore movimenti di reaching in modalità passiva, assistita e libera a seconda delle abilità del paziente

97 Myomo e100 (Stein J, 2007)

98 Armeo Therapy

99 virtual reality software: exercises based on ADL pressure sensing handgrip 5 degrees of freedom mechanism that passively counterbalances the weight of the arm using elastic bands

100 WHY ROBOTICS? pazienti con livelli di menomazione diversi esercizio intenso e ripetitivo riduzione dei costi (tempo, personale) esercizio motivante e divertente feedback valutazione quantitativa dell esercizio e dei progressi ottenuti

101 SCHEMA DI UTILIZZO TERAPIA ROBOTICA

102 ARM REHABILITATION GOALS range of motion motor function proximal motor control movements smoothness coordination/speed manual dexterity enjoyment, motivation and attention

103 fmri compatible devices Robotic training stimulates cortical reorganization in stroke patients (Takahashi et al. 2008)

104 NEJM 2010

105

106 EVIDENZE SCIENTIFICHE THE COCHRANE COLLABORATION. Mehrolz J,Plaz T, Kugler J,Pohl M. Electromechanical and robot-assisted arm training for improving arm function and activities of daily living after stroke (Review). The Cochrane Library,2008. GOLD STANDARD DELLE EVIDENZE!

107 It is, therefore, not clear if such devices should be applied in routine rehabilitation, or when and how often they should be used. Non è chiaro se tali dispositivi devono essere applicati nella riabilitazione di routine, o quando e quanto spesso essi dovrebbero essere usati. L utilizzo del robot assistito non ha migliorato le attività della vita quotidiana nelle persone dopo l ictus. Tuttavia, può migliorare la funzione motoria e la forza del braccio. I risultati devono essere interpretati con cautela perché vi erano differenze tra gli studi nella durata, la quantità di formazione e tipo di trattamento e nelle caratteristiche dei pazienti.

108

109

110 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Funzione dell arto superiore: dispositivi elettromeccanici/robot possono essere presi in considerazione per migliore la funzione motoria e la forza dell arto superiore in pazienti selezionati nelle strutture dove è già disponibile l apparecchiatura necessaria e i professionisti sanitari sono competenti nel suo utilizzo. (Grado A)

111 Robot-assisted gait training Gait Trainer (Hesse 1999) Lopes (Veneman, 2005) Anklebot (MIT, 2005) Lokomat (Colombo, 2000)

112 Electromechanical-assisted training for wolking after stroke (Review) Mehrhollz J, Werner C, Kugler J, Pohl M The Cochrane Library 2007 Authors conclusions Patients who receive electromechanical-assisted gait training in combination with physiotherapy after stroke are more likely to achieve indepemdemt walking than patients receiving gait training without these device. However, further research should address specific questions, for example, which frequency or duration of electromechanical-assisted gait training might be most effective and at what time after stroke, and follow-up studies are needed to find out how long the benefit lasts. Future research should include estimates of the costs (or savings) due to electromechanical gait training.

113 MS and Robot-assisted gait training Multiple Sclerosis (2008) Neurorehabil Neurol Repair (2008)

114 Robot-assisted gait training results Walking endurance P=0,012 0,8 0,75 0,7 Gait Speed P=0,002 metri m/sec 0,65 0, MWT pre 6MWT post 0,55 0,5 velocità pre velocità post step/min Cadence P=0,027 % ciclo del passo 0,72 0,7 0,68 0,66 0,64 0,62 0,6 Double-support P=0,01 79 cadenza pre cadenza post 0,58 ds pre ds post

115 Robot-assisted gait training results 7,00 6,00 5,00 Fatigue score 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 P=0,036 FSS pre FSS post score Depression score Quality of life P=0,017 PHQ-9 pre PHQ-9 post P=0,05 SF-36 pre SF-36 post

116 5 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

117 In una Sanità sempre più complessa, dominata dalla necessità di dimostrare non solo che i trattamenti siano efficaci ma anche efficienti da un punto di vista economico, la MEDICINA RIABILITATIVA viene sempre più sollecitata ad abbandonare l approccio autoreferenziale che da sempre l ha contraddistinta e a dimostrare scientificamente la validità dei propri metodi diagnostici e terapeutici.

118 CONTROVERSIE? EBM based o Baruffe chiozzotte? (Carlo Goldoni)

119 Evitare danni certi alla persona Tramite il dominio della tecnica sulla persona con approcci fideistici o taleban approach realizzati dalle vestali o sacerdotesse della tecnica

120 PRINCIPI GUIDA Precoce definizione della diagnosi riabilitativa, del conseguente progetto riabilitativo individuale e dei relativi programmi d intervento terapeutico Coinvolgimento attivo nella definizione del progetto riabilitativo del soggetto disabile e delle persone per lui significative Utilizzazione nell ambito dei vari programmi riabilitativi di ogni possibile strumento utile a raggiungere i goal e gli outcome specifici

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli