INNOVAZIONI IN RIABILITAZIONE NEUROLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INNOVAZIONI IN RIABILITAZIONE NEUROLOGICA"

Transcript

1 INNOVAZIONI IN RIABILITAZIONE NEUROLOGICA Rome Rehabilitation 2013 Roma, Nino BASAGLIA Direttore UMR Responsabile Settore di Medicina Riabilitativa San Giorgio Dipartimento Neuroscienze/Riabilitazione Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara Commendatore dell Ordine al Merito della Repubblica italiana

2 METEORE O STELLE COMETE CHE INDICANO LA VIA GIUSTA?

3 Sviluppo della lettura 1. Controllo sequenziale progressivo (GF. Salvini e C. Perfetti) 2. BFB e realtà virtuale 3. CIMT ( E. Taub) 4. Robot-therapy or electromechanical device 5. Considerazioni conclusive

4 1 CONTROLLO SEQUENZIALE PROGRESSIVO O ESERCIZIO CONOSCITIVO

5 PRINCIPI BASE Facilitazioni delle cosiddette Funzioni Corticali Superiori Plasticità cerebrale Intervento riabilitativo come processo di apprendimento o di riapprendimento, reso complesso da deficit maturativi e/o lesionali ( apprendimento in condizioni patologiche ) Esercizio conoscitivo

6 PRINCIPI BASE Brillante elaborazione teorica ( Il riabilitatore non può esimersi dall esporre in maniera esplicita una teoria della riabilitazione, intesa come enunciazione dei principi sui quali si basa il processo di recupero, in funzione dell elaborazione e dell attuazione delle varie condotte terapeutiche. (Perfetti C, 1986)

7 PROBLEMI Quali condotte terapeutiche? Ossia quale pratica? Quali risultati? A che costo?

8 PROBLEMA? Perfetti nella definizione degli esercizi di II grado, finalizzati al recupero del controllo sui movimenti irradiati afferma testualmente che il terapista deve percepire prima del paziente la comparsa delle contrazioni irradiate, la relativa entità e distribuzione in quanto gli esercizi terapeutici non hanno effetto alcuno se il paziente non effettuerà un reclutamento significativo, mentre se comparirà l irradiazione il risultato sarà dannoso.

9 PROBLEMA? Perfetti specifica che gli esercizi di secondo grado rappresentano un gruppo di condotte terapeutiche di esecuzione assai difficile ed assai rischiose data la possibilità, in caso di mancata attenzione a certi aspetti, di effettivo scatenamento del fenomeno di cui si ricerca l acquisizione del controllo, con conseguenze dannose per quanto riguarda il futuro della motricità del malato.

10 EBM nella riabilitazione del soggetto affetto dagli esiti di stroke

11 Nessun lavoro scientifico che evidenzi efficacia della metodica Perfetti od una maggiore efficacia rispetto ad approcci tradizionali Presenti alcuni lavori nell utilizzo del motor learning

12 ESERCIZI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA?

13 National Clinical Guidelines for Stroke Royal College of Physicians Motor impairment Improving motor control: strength and aerobic training È consuetudine per i terapisti evitare esercizi contro resistenza, ritenendo che sforzi eccessivi rinforzino il tono anomalo e i pattern motori stereotipati. C è crescente evidenza che attualmente sostiene che esercizi contro resistenza migliorano la forza muscolare, comunque benefici funzionali sono incerti. (Butefisch et al, 1995; Smith et al, 1999; Meek et al 2003; Saunders et al 2003)

14 National Clinical Guidelines for Stroke Royal College of Physicians Motor impairment Improving motor control: strength and aerobic training a. resisted exercise should be considered to improve muscle strength in targered muscles (A) b. Patients should partecipate in cardiovascular training (aerobic activity) (A) (Butefisch et al, 1995; Smith et al, 1999; Meek et al 2003; Saunders et al 2003)

15 National Clinical Guidelines for Stroke Royal College of Physicians Motor impairment Management of spasticity a. After stroke, spasticity should be treated if it is causing problems, using physical treatments and possibily drugs (although the functional benefit is uncertain) (B) b. Spasticity should not limit the use of strength training (B)

16 FREQUENZA DI UTILIZZO DELLE VARIE TECNICHE SIGN n La tecnica Bobath è ampiamente utilizzata in Svezia, Australia e nel Regno Unito (Scozia: 65%, Inghilterra: 91%, Galles: 92%, Irlanda del Nord: 97%). In Scozia il Motor Learning è utilizzato da 18% dei fisioterapisti

17 APPROCCIO ALLA RIABILITAZIONE Royal College of Physicians 2004 Uno degli abituali approcci alla rieducazione motoria deve essere utilizzato per migliorare la funzione (grado A) Per gli obiettivi specifici di miglioramento della presa di oggetti con la mano e di aumentare la velocità del cammino dovrebbe essere utilizzato un approccio task specifico piuttosto che un approccio focalizzato sulla menomazione (grado B) Ai pazienti deve essere data la maggiore opportunità possibile di praticare le attività (task) (grado B)

18 EFFICACIA TECNICHE DI RIEDUCAZIONE MOTORIA NELLO STROKE Review Cochrane (Pollock A. et coll, 2009) Obiettivo: valutazione dell efficacia dei diversi tipi di approcci terapeutici nel migliorare il recupero del controllo posturale e della funzionalità dell arto inferiore in persone adulte con esiti di stroke. Dall esame degli 20 studi randomizzati o quasirandomizzati relativi a 1087 partecipanti di cui: 8 trials Bobath vs un altro approccio; 8 trials Motor learning vs un altro approccio 8 trials approccio misto vs un altro approccio è emersa evidenza che any physioterapy is better than none.

19 EFFICACIA TECNICHE DI RIEDUCAZIONE MOTORIA NELLO STROKE Review Cochrane (Pollock A. et coll, 2009) NB There is no evidence of any one physiotherapy treatment approach being more effective than any other treatment approach for the recovery of disability or impairment a mixed approach was significantly more favoreble then no treatment or a placebo control in the recovery of functional independence.

20 Cammino, equilibrio e mobilità (SIGN 118, 2010) Raccomandato AFO Trattamenti personalizzati Allenamento gait-oriented Allenamento ripetitivo compitospecifico (task oriented) Rinforzo muscolare Aumentata intensità della riabilitazione Da considerare Treadmill training in pazienti autonomi nel cammino FES nel piede cadente Non raccomandato Evidenze insufficienti Treadmill training routinario Elettrostimolazione di routine Ausili per la deambulazione

21 Funzione dell arto superiore (SIGN 118, 2010) Da considerare CIMT (Constraint Induced Movement Therapy) Mental practice Dispositivi elettromeccanici/robotici Non raccomandato Rieducazione ripetitiva task- oriented Splinting Aumentare l intensità della riabilitazione Evidenze insufficienti Elettrostimolazione Training bilaterale

22 A CHE COSTO? per la società (SSN) per la persona

23 2 BFB e REALTÀ VIRTUALE

24 It Ed 1983 It Ed

25 BFB - DEFINIZIONE Il Biofeedback (BFB) può essere definito come l insieme dei principi di base comuni all utilizzo clinico di una serie di dispositivi terapeutici che forniscono al paziente informazioni relative ad eventi interni allo stesso, concernenti sia funzioni fisiologiche, sia patologiche, mediante segnali visivi, uditivi e somatosensitivi con l intento di facilitare l acquisizione e la produzione di una desiderata modificazione comportamentale. (Basaglia N, 1992; Basaglia N, Aiello E, 2009)

26 BFB - PRINCIPI Caratteristica essenziale dei meccanismi di feedback è l apporto di un flusso più o meno continuo di informazioni dall oggetto controllato al sistema che lo controlla. Questo assicura la realizzazione di una continua possibile correzione da parte del sistema di controllo a seconda delle mutevoli condizioni del compito controllato.

27 METODI BASATI SULLA MISURAZIONE DI CARATTERISTICHE INTRINSECHE DEL MOVIMENTO Cinematici Dinamici misure di traiettorie, angoli, velocità, accelerazioni.. misure relative alle forze scambiate con l ambiente.. Elettromiografici Parametri relativi al timing e all intensità della attivazione muscolare..

28 RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEI POSSIBILI SISTEMI DI BFB NELLA RIEDUCAZIONE MOTORIA DEL CEREBROLESO SNC Funzioni cognitive Ambiente BFB CR Sistema esterocettivo Elaborazione cosciente BFB EMG BFB cinematico e di forza BFB EGM Sistema motorio

29 TIPOLOGIE BFB UTILIZZATI IN CLINICA ELETTROMIOGRAFICO (controllo dell attività muscolare) NON ELETTROMIOGRAFICO BFB EGM GONIOMETRICO (controllo dell angolo articolarecinematico) BFB tatto pressione (controllo carico o di una forza esercitata su un segmento corporeo) REO-GO ed altri sistemi robotici computerizzati per arto superiore (assistenza al movimenti di reaching dell arto sup con feedback visivo). Pedane stabilometriche, lokomat WII rehabilitation.

30 Virtual reality technology has the capability of creating an interactive, motivating environment in which practice intensity and feedback can be manipulated to create individualized treatments(merians 2002)

31 CAREN Extended (motek medical, Amsterdam)

32 CAREN (motek medical, Amsterdam) CAREN (Computer Assisted Rehabilitation Environment) A hardware and software system for registration, evaluation and training of functional human behaviour. CAREN systems always consist of a motion base, motion capture, a projection screen and the D-flow software. There are three default models available, which can all be tailored to your specific needs

33 CAREN Extended (motek medical, Amsterdam)

34 CAREN Extended (motek medical, Amsterdam)

35 CAREN

36 V-GAIT (motek medical, Amsterdam) Configuration Instrumented dual belt treadmill Sway Pitch Declination 12 camera real-time motion capture system flat screen projection system (can be upgraded to cylindrical projection) surround sound system D-flow software

37 V-GAIT (motek medical, Amsterdam)

38 GRAIL (motek medical, Amsterdam)

39 GRAIL-Gait Real time Analysis Lab (motek medical, Amsterdam) The advantages of GRAIL: Your complete gait lab on 25m2 Full gait analysis with gait report within 30 minutes All gait parameters available in real-time for monitoring and interventions GRAIL enables for the first time gait training using VR and direct feedback Training options enable a 100% utilization rate

40 GRAIL (motek medical, Amsterdam) Configuration Instrumented dual-belt treadmill Video, Motion Capture system and EMG 180o projection and surround sound system D-Flow Software

41 Attività motoria e plasticità cerebrale l apprendimento motorio e non attività fisica ripetitiva genera nuove sinapsi nella corteccia cerebellare di ratti adulti (Black JE et al, 1990; Kleim JA et al, 1998)

42 Attività motoria e plasticità cerebrale la ripetizione intensiva di movimenti delle dita in assenza di apprendimento motorio non modifica la rappresentazione delle dita nella corteccia motoria primaria nelle scimmie crisotrici (Plautz EJ, Millikan GW, Nudo RJ, 2000)

43 Attività motoria e plasticità cerebrale L acquisizione di abilità motorie o apprendimento motorio è un prerequisito essenziale per guidare le modificazioni plastiche delle rappresentazioni nella corteccia motoria (Plautz EJ, Millikan GW, Nudo RJ, 2000) L apprendimento di abilità motorie agli arti anteriori e non lo sviluppo di forza agli stessi arti, è associato alla riorganizzazione della rappresentazione dei movimenti degli arti anteriori nella corteccia motoria dei ratti (Remple MS et al. 2001)

44 Attività motoria e plasticità cerebrale l apprendimento di nuove abilità motorie è accompagnato anche da un incremento della densità sinaptica in seno alle lamine II/III della corteccia motoria (Kleim JA et al, 1996) aumento delle spine dendritiche e modificazioni nella loro morfologia sono state osservate in ratti dopo esposizione in ambienti complessi (Ivanco TL, Racine RJ e Kolb B, 2000)

45 BFB - PRINCIPI Fondamentale in questa tecnica è il possedere da parte del paziente alcuni requisiti, quali: la possibilità di utilizzare canali afferenziali integri essere in grado di decodificare i segnali presentare una buona collaborazione avere una adeguata motivazione a superare i propri disturbi.

46

47 Schema motorio L apprendimento motorio non consiste nella formazione di un programma motorio invariabile, ma nella formazione di meccanismi di correlazione, correzione e di regolazione

48

49 La teoria dello schema di RA. Schmidt, 1975, specificazione di risposta programma motorio arti ambiente risultato misurato condizioni iniziali risultato desiderato SCHEMA MOTORIO DI RISPOSTA KR rinforzo soggettivo KR individuazione dell errore FB propriocettivo atteso FB esterocettivo atteso propriocettori esterocettori

50 SPECIFICAZIONI DELLA RISPOSTA Parametri relativi alla durata globale del movimento Parametri relativi alla forza globale del movimento Parametri relativi a forza e durata del movimento Parametri relativi alla selezione dei gruppi muscolari Parametri spaziali del movimento

51 INFORMAZIONI CORRELATE AL MOVIMENTO Informazioni sensitive Informazioni correlate al movimento Informazioni non correlate al movimento Disponibili prima del movimento Disponibili come risultato del Movimento: FB Feedback intrinseco Feedback estrinseco KR KP

52 INTRINSIC FEEDBACK refers to the information received directly through your senses: Visual - seeing where the ball has gone Hearing - sound of club making contact (with ball, ground, sand) Proprioceptive - feeling of the swing path; feel of the club/ball contact Tactile - contact of the club by the fingers and hands (Richard A. Schmidt, Ferrara 2010)

53 EXTRINSIC FEEDBACK provided by an external source Information about performance instructor comments and suggestions video and pictures of the learner auditory information recorded & played back physically-restrictive guidance tools (Richard A. Schmidt, Ferrara 2010)

54 10 KR irrilevante Media dell errore assoluto Nessuna KR KR qualitativa KR quantitativa Blocchi di 10 prove Effetto dei vari tipi di KR nella prestazione in un compito di Apprendimento Motorio (Trowbridge e Cason, 1932)

55 TIPOLOGIA DI KR KR qualitativa KR quantitativa Relative al risultato ambientale finale di un determinato comportamento motorio KP (conoscenza della performance) KR relative ad aspetti Intrinseci del movimento quali grandezze cinematiche e/o dinamiche

56 1100 KR KP cinematica Tempo di movimento (ms) Prove Dimostrazione della maggiore validità della KP rispetto alla KR (Hatze, 1976, ridis.)

57 CONCLUSIONI I vari dispositivi di BFB rappresentano strumenti importanti di facilitazione dei processi di apprendimento, ausili ai diversi tipi di esercizi terapeutici, mediante la fornitura ai pazienti e ai terapeuti di informazioni abitualmente non disponibili nel corso dell esercizio terapeutico convenzionale, sia come conoscenza del risultati (KR), sia come conoscenza della performance (KP), in particolare nell ambito degli approcci terapeutici basati sul motor learning.

58 EVIDENZE SCIENTIFICHE IN RIEDUCAZIONE MOTORIA NE CEREBROLESO

59 EFFICACIA DELLE TECNICHE DI RIEDUCAZIONE MOTORIA I pochi RCT di alta qualità che hanno studiato l efficacia relativa delle differenti tecniche terapeutiche di base non hanno dimostrato alcuna evidenza che un approccio terapeutico migliori effettivamente le abilità funzionali rispetto ad un altro (n 7 RCT: Richards et coll, 1993; Malouin et coll 1 993; Inaba et coll, 1973, Basmajian et coll, 1987; SIGN 118, 2010).

60 EVIDENZE SCIENTIFICHE THE COCHRANE COLLABORATION. Woodford H, Price C. EMG biofeedback for the recovery of motor function after stroke (Review). The Cochrane Collaboration. John Wiley & Sons; The Cochrane Library, GOLD STANDARD DELLE EVIDENZE!

61 It cannot be recommended as a routine treatment. When all the available data are combined EMG-BFB does not appear to have any positive benefit for recovery after stroke. Però Modesto numero studi suggerisce che il BFB EMG produce miglioramenti superiori rispetto alla fisioterapia convenzionale nella forza del movimento,nel recupero funzionale e nella qualità del cammino non è possibile individuare uno specifico beneficio del trattamento, anche perchéi risultati sono relativi a studi su casistica numericamente ridotta e di non buona qualità...il BFB-EMG ha ancora un impatto incerto sul recupero delle menomazioni dopo stroke.

62 Efficacia di differenti approcci di trattamento delle problematiche motorie Biofeedback Una review di RCT (n 26) effettuata da van Dijk et coll nel 2005, relativa all efficacia di tecniche di feedback sulla funzione motoria dell arto superiore plegico nei pazienti in riabilitazione, non ha rilevato una solida evidenza sull efficacia dell uso di tali tecniche (però solo 9 RCT hanno riportato effetto positivo sul test di funzionalità dell arto superiore) nel migliorare la motricità dell arto superiore.

63 Raccomandazioni relative all impiego delle tecniche neuromotorie nello stroke Royal College of Physicians (2004) Biofeedback: i sistemi di biofeedback non dovrebbero essere utilizzati di routine (grado A)

64 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Cammino, equilibrio e mobilità: un training con BFB EMG non è raccomandato come rieducazione routinaria delle turbe del cammino, dell equilibrio e della mobilità dopo stroke (Grado B)

65 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Cammino, equilibrio e mobilità: un training con piattaforme per l equilibrio con feedback visivo non è raccomandato come rieducazione routinaria delle turbe del cammino, dell equilibrio e della mobilità dopo stroke (Grado B)

66 Cammino, equilibrio e mobilità (SIGN 118, 2010) Raccomandato AFO Trattamenti personalizzati Allenamento gait-oriented Allenamento ripetitivo compitospecifico Rinforzo muscolare Aumentata intensità della riabilitazione Da considerare Treadmill training in pazienti autonomi nel cammino FES nel piede cadente Training assistito da dispositivi Non raccomandato Evidenze insufficienti elettromeccanici Treadmill training routinario EMG biofeedback routinario Training con piattaforme per l equilibrio con feedback visivo Elettrostimolazione di routine Ausili per la deambulazione

67 Funzione dell arto superiore (SIGN 118, 2010) Da considerare CIMT (Constraint Induced Movement Therapy) Mental practice Dispositivi elettromeccanici/robotici Non raccomandato Rieducazione ripetitiva taskoriented Splinting Aumentare l intensità della riabilitazione Evidenze insufficienti Elettrostimolazione EMG bio-feedback di routine Realtà Virtuale Training bilaterale Approccio alla terapia

68 3 CIMT (Constraint Induced Movement Therapy)

69 CIMT Terapia basata sulla costrizione del movimento o, in altre parole, sul costringere, forzare la realizzazione di movimenti

70 Constraint-Induced Movement therapy (CIMT) Questa terapia è finalizzata a contrastare e/o superare nei soggetti colpiti da stroke il cosiddetto apprendimento del non uso dell arto superiore paralizzato mediante la limitazione nell uso dell arto sano o con deficit minore associata ad un training intensivo dell arto leso (Taub E, 1999)

71 PIONIERI DELLA CIMT Nel 1904 Henry Meigeparlava di amnesia motoria funzionale nei pazienti colpiti da ictus per spiegarne, almeno in parte, i disordini motori definendoli come: Secondari all'assenza di attività Reversibili con una rieducazione motoria focalizzata sulla pratica ripetuta della funzione persa Collegati a processi di apprendimento, Learned helplessness (impotenza di apprendimento)

72 IL LEARNED NON USE Edward Taubinizia negli anni 80 esperimenti di deafferentazione chirurgica nei primati Gli animali, superata la diaschisi, conservano lo stesso atteggiamento in non-uso appreso durante il periodo di non responsività dell arto deafferenziato;

73 APPRENDIMENTO DEL NON USO Questa teoria si basa su esperimenti con scimmie deafferentate ad un arto superiore mediante rizotomia dorsale. A causa del deficit sensitivo non utilizzano l avambraccio dopo l operazione finché non sono costrette a farlo per l immobilizzazione dell arto sano Se la costrizione è mantenuta per 1-2 settimane si hanno modificazioni permanenti nelle abilità dell arto deafferentato (Taub E, 1977; Taub E, Wolf SL, 1997)

74 APPRENDIMENTO DEL NON USO L apprendimento del non uso si sviluppa durante la fase iniziale post-lesionale immediata o fase di shock (shock midollare in caso di rizotomia dorsale, diaschisi o shock corticale in caso di stroke) Si impara ad evitare di usare l arto leso mediante un processo di apprendimento che vede fallire ogni tentativo di movimento effettuato dall arto paretico (Taub E, 1977)

75 effetto della immobilizzazione e della constraint-induced movementnelle lesioni cerebrali focali unilaterali in ratti con immobilizzazione con cast dell arto anteriore omolaterale per durata diversa e i gruppi di controllo senza cast e con cast ma senza lesione cerebrale Lesione + cast 1-7 e constaint IM 8-15 In nero la minima lesione in rosso la lesione massima (Humm JL, Kozlowski DA et al mod)

76

77 TARGET CIMT Raggiungere Spostare Raggiungimento alternato di due bersagli di iniziale grande dimensione. Bersaglio1-bersaglio2-riposo Spostare una palla (~20cm Ø)dal bordo del piano di lavoro alla distanza equivalente alla massima estensione del braccio

78 Tracciare Tracciare traiettorie richiede controllo del polso in flessione e dell avambraccio in add/abduzione, con la spalla che descrive nello spazio una stretta circonduzione TARGET CIMT Rivoltare Il tipo di oggetto da rivoltare dipende dal tipo di risultato che si vuole consolidare.

79 Supinare/Pronare Maniglia per pronaresupinare e/o uso di una palla di ~10cm Ø con flessione della spalla di 70 e estensione del gomito. Infilare/Avvolgere TARGET CIMT Una serie di pioli di legno forati fissati ad una tavoletta di compensato e una banale stringa da scarpe sono strumenti sufficienti all esecuzione degli esercizi

80 TARGET CIMT Tamburellare Richiesta di tamburellare direttamente sul piano di lavoro oppure su una tavoletta in cui sono indicate in rosso le aree bersaglio per ogni dito. Archi ed anelli Semicerchio di plastica, legno o lega leggera fissato ad un supporto che ne chiude la base; ad una estremità dell arco si trovano vari anelli colorati di plastica dura

81 MAL (Motor Activity Log) score a 2 settimane ed a 1 giorno prima del trattamento e a 1 giorno, a 4 settimane e a 6 mesi dopo il trattamento per ogni singolo paziente (Liepert J et al, 2000)

82 Numero di posizioni TMS attive nell emisfero infartuato (nero) e non infartuato (grigio) a 2 settimane ed a 1 giorno prima del trattamento e a 1 giorno e a 4 settimane e a 6 mesi dopo il trattamento. Le colonne in nero corrispondono anche ai dati MAL per l arto paretico. * P<0.05 (Liepert J et al, Stroke 2000)

83 CIMT In sintesi: gli studi sulla capacità della CIMT di indurre una riorganizzazione corticale in paziente con esiti di stroke in fase cronica, danno luogo a un modello interessante in favore della plasticità del sistema nervoso centrale anche a distanza dall evento lesivo.

84 APPRENDIMENTO DEL NON USO ASPETTI CRITICI L ipotesi dell apprendimento da non uso nei soggetti affetti dagli esiti di stroke si basa sull impressione di molti clinici che alcuni pazienti utilizzino l arto leso molto meno rispetto alle attese basate sulla gravità della paralisi (Andrews K, Stewart J, 1979) Comunque non esistono strumenti validati per diagnosticare la presenza o la gravità dell apprendimento da non uso La nozione di shock del SNC che sostiene l apprendimento da non uso manca di conferme su dati empirici Il trasferire i risultati degli esperimenti delle rizotomie negli animali agli esiti di stroke nell uomo appare un pò forzato (Van der Lee JH et al, 1999)

85 CIMT In sintesi: l esistenza dell apprendimento al non uso dell arto paretico è una ipotesi non ancora provata nell uomo e non vi sono strumenti idonei per una sua misurazione (Gallese V, et al ).

86 CIMT Anche se è stato dimostrato che: nella fase subacuta dopo stroke (2-4 mesi) si realizza una riduzione dell eccitabilità ed una diminuzione dell area di rappresentazione corticale dei muscoli degli arti paralizzati (TCS maps, fmri, MEG) (Cicinelli P. Traversa R, Rossini PM, 1997; Rossini PM et al, 1998; Traversa R et al, 1999 ).

87 ALTRI PROBLEMI APERTI Soggetto emiplegico con deficit sensitivo Tempi d inizio della CIMT

88 AHA/ASA Endorsed Practice Guidelines Management of Adult Stroke Rehabilitation Care (2005) Constraint-Induced Movement Therapy (CIMT) Recommendations: Recommend considering the use of CIMT for a select group of patients - that is, patients with 20 degrees of wrist extension and 10 degrees of finger extension, who have no sensory and cognitive deficits. To date only demonstrated benefit occurs in individuals who received 6 to 8 hours of daily training for at least 2 weeks.

89 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Funzione dell arto superiore: Constraint Induced Movement Therapy (CIMT) può essere presa in considerazione per individui attentamente selezionati che presentino almeno 10 di estensione delle dita ed equilibrio e cognitività integra. (Grado B)

90 4 ELECTROMECHANICAL AND ROBOT ASSISTED THERAPY

91 MOTOR-LEARNING BASED REHABILITATION intensive repetitive task-specific progressive providing feedback

92 ELECROMECHANICAL AND ROBOT- ASSISTED ARM THERAPY

93 InMotion MIT-MANUS (Newman Lab, Boston) movimenti planari di reaching (2DF) Modulo spalla gomito (InMotion2) Modulo polso-mano (InMotion3) (Krebs 1998)

94 Mit-Manus imaging

95 Bi Manu-Track : mirror-like practice Attività bimanuale: Flessione-estensione di polso Prono-supinazione avambraccio Modalità attiva-attiva, attiva-passiva, passiva 800 ripetizioni/sessione

96 Reo-Go Therapy braccio telescopico monitor portatile software che permette training personalizzati su tutti i gradi di libertà di movimento dell arto superiore movimenti di reaching in modalità passiva, assistita e libera a seconda delle abilità del paziente

97 Myomo e100 (Stein J, 2007)

98 Armeo Therapy

99 virtual reality software: exercises based on ADL pressure sensing handgrip 5 degrees of freedom mechanism that passively counterbalances the weight of the arm using elastic bands

100 WHY ROBOTICS? pazienti con livelli di menomazione diversi esercizio intenso e ripetitivo riduzione dei costi (tempo, personale) esercizio motivante e divertente feedback valutazione quantitativa dell esercizio e dei progressi ottenuti

101 SCHEMA DI UTILIZZO TERAPIA ROBOTICA

102 ARM REHABILITATION GOALS range of motion motor function proximal motor control movements smoothness coordination/speed manual dexterity enjoyment, motivation and attention

103 fmri compatible devices Robotic training stimulates cortical reorganization in stroke patients (Takahashi et al. 2008)

104 NEJM 2010

105

106 EVIDENZE SCIENTIFICHE THE COCHRANE COLLABORATION. Mehrolz J,Plaz T, Kugler J,Pohl M. Electromechanical and robot-assisted arm training for improving arm function and activities of daily living after stroke (Review). The Cochrane Library,2008. GOLD STANDARD DELLE EVIDENZE!

107 It is, therefore, not clear if such devices should be applied in routine rehabilitation, or when and how often they should be used. Non è chiaro se tali dispositivi devono essere applicati nella riabilitazione di routine, o quando e quanto spesso essi dovrebbero essere usati. L utilizzo del robot assistito non ha migliorato le attività della vita quotidiana nelle persone dopo l ictus. Tuttavia, può migliorare la funzione motoria e la forza del braccio. I risultati devono essere interpretati con cautela perché vi erano differenze tra gli studi nella durata, la quantità di formazione e tipo di trattamento e nelle caratteristiche dei pazienti.

108

109

110 4. STRATEGIE PER LA GESTIONE E LA PREVENZIONE SIGN N.118/ Funzione dell arto superiore: dispositivi elettromeccanici/robot possono essere presi in considerazione per migliore la funzione motoria e la forza dell arto superiore in pazienti selezionati nelle strutture dove è già disponibile l apparecchiatura necessaria e i professionisti sanitari sono competenti nel suo utilizzo. (Grado A)

111 Robot-assisted gait training Gait Trainer (Hesse 1999) Lopes (Veneman, 2005) Anklebot (MIT, 2005) Lokomat (Colombo, 2000)

112 Electromechanical-assisted training for wolking after stroke (Review) Mehrhollz J, Werner C, Kugler J, Pohl M The Cochrane Library 2007 Authors conclusions Patients who receive electromechanical-assisted gait training in combination with physiotherapy after stroke are more likely to achieve indepemdemt walking than patients receiving gait training without these device. However, further research should address specific questions, for example, which frequency or duration of electromechanical-assisted gait training might be most effective and at what time after stroke, and follow-up studies are needed to find out how long the benefit lasts. Future research should include estimates of the costs (or savings) due to electromechanical gait training.

113 MS and Robot-assisted gait training Multiple Sclerosis (2008) Neurorehabil Neurol Repair (2008)

114 Robot-assisted gait training results Walking endurance P=0,012 0,8 0,75 0,7 Gait Speed P=0,002 metri m/sec 0,65 0, MWT pre 6MWT post 0,55 0,5 velocità pre velocità post step/min Cadence P=0,027 % ciclo del passo 0,72 0,7 0,68 0,66 0,64 0,62 0,6 Double-support P=0,01 79 cadenza pre cadenza post 0,58 ds pre ds post

115 Robot-assisted gait training results 7,00 6,00 5,00 Fatigue score 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 P=0,036 FSS pre FSS post score Depression score Quality of life P=0,017 PHQ-9 pre PHQ-9 post P=0,05 SF-36 pre SF-36 post

116 5 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

117 In una Sanità sempre più complessa, dominata dalla necessità di dimostrare non solo che i trattamenti siano efficaci ma anche efficienti da un punto di vista economico, la MEDICINA RIABILITATIVA viene sempre più sollecitata ad abbandonare l approccio autoreferenziale che da sempre l ha contraddistinta e a dimostrare scientificamente la validità dei propri metodi diagnostici e terapeutici.

118 CONTROVERSIE? EBM based o Baruffe chiozzotte? (Carlo Goldoni)

119 Evitare danni certi alla persona Tramite il dominio della tecnica sulla persona con approcci fideistici o taleban approach realizzati dalle vestali o sacerdotesse della tecnica

120 PRINCIPI GUIDA Precoce definizione della diagnosi riabilitativa, del conseguente progetto riabilitativo individuale e dei relativi programmi d intervento terapeutico Coinvolgimento attivo nella definizione del progetto riabilitativo del soggetto disabile e delle persone per lui significative Utilizzazione nell ambito dei vari programmi riabilitativi di ogni possibile strumento utile a raggiungere i goal e gli outcome specifici

Scaricato da Sunhope.it ATTACCO ISCHEMICO TRANSITORIO DIAGNOSI ICTUS

Scaricato da Sunhope.it ATTACCO ISCHEMICO TRANSITORIO DIAGNOSI ICTUS ICTUS improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali, di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto, non attribuibile ad altra causa

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

Realtà virtuale e analisi del movimento. Muoviti nel futuro

Realtà virtuale e analisi del movimento. Muoviti nel futuro Realtà virtuale e analisi del movimento Muoviti nel futuro stable STAbility and Balance Learning Environment STABLE per la valutazione ed il trattamento dei disordini posturali e dell equilibrio in uno

Dettagli

Tecnologie robotiche e di ambienti virtuali per la neuroriabilitazione Carlo Alberto Avizzano Antonio Frisoli Massimo Bergamasco Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Neuroriabiliazione e RV La realtà virtuale

Dettagli

La neuroriabilitazione e la Teleriabilitazione

La neuroriabilitazione e la Teleriabilitazione La neuroriabilitazione e la Teleriabilitazione 1 Corso di Alta Formazione Ozonoterapia nella Sclerosi Multipla Daniele Rimini William Liboni Valdellatorre 22 marzo 2014 1 Indice Riabilitazione nella Sclerosi

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari

ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari L impiego clinico della tossina botulinica nell arto superiore paretico in bambini affetti

Dettagli

Presentata da: Fabio Gagliardi

Presentata da: Fabio Gagliardi Anno Accademico 25/6 Tesi di Laurea LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DEL TRAINING DI RINFORZO MUSCOLARE NEI PAZIENTI CON ESITI DI STROKE: REVISIONE DELLA LETTERATURA Presentata da: Fabio Gagliardi Relatore:

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM. Specifiche Funzionali: Parametri Elettrici. Conformità. Garanzia 12 mesi

ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM. Specifiche Funzionali: Parametri Elettrici. Conformità. Garanzia 12 mesi ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM ISO-FREE è il primo sistema di Functional Training a corpo libero, che incorpora l abilità di riconoscere i movimenti dell utente unitamente al suo equilibrio e postura.

Dettagli

Benessere. Area benessere. Wellness Area

Benessere. Area benessere. Wellness Area Benessere Area benessere Wellness Area Disponibili in tre versioni: Three versions available: Pali zincati e verniciati (RAL 2003) Galvanized and painted poles (RAL 2003) Gli attrezzi rispettano le norme

Dettagli

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 Addestramento e valutazione quantitativa del passo Velocità di scorrimento adattata ai parametri funzionali del passo Inserendo l età, il sesso e l altezza, il software propone

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE Maria Francesca de Pandis

LA RIABILITAZIONE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE Maria Francesca de Pandis LA RIABILITAZIONE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE Maria Francesca de Pandis Unità Operativa Riabilitazione Parkinson - San Raffaele, Cassino (FR) Nonostante gli sforzi fatti dalla ricerca in ambito farmacologico

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Approccio multidisciplinare alla riabilitazione del malato neuromuscolare Riabilitazione Terapia occupazionale Assistenza Linee-guida per le attività di riabilitazione

Dettagli

EFFICACIA DELL APPROCCIO DISTALE E PROSSIMALE NEL TRATTAMENTO ROBOT-RIABILITATIVO DELL ARTO SUPERIORE

EFFICACIA DELL APPROCCIO DISTALE E PROSSIMALE NEL TRATTAMENTO ROBOT-RIABILITATIVO DELL ARTO SUPERIORE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Innovazione Meccanica e Gestionale TESI DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA BIOMEDICA EFFICACIA DELL APPROCCIO DISTALE E PROSSIMALE

Dettagli

TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO?

TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO? TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO? Marco Rovaris Centro SM UO Riabilitazione Neuromotoria IRCCS Santa Maria Nascente Fondazione Don Gnocchi - Milano Riduzione dei sintomi

Dettagli

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer FT Anita Birignani ASP Montedomini Firenze Centro Diurno Alzheimer custodia o cura Uno sguardo alla letteratura Criticità La teoria applicata alla

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

CLINICA ED ANALISI DEL MOVIMENTO

CLINICA ED ANALISI DEL MOVIMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento Area Critica Medico-Chirurgica Sezione di Gerontologia e Geriatria Laboratorio di Analisi del Movimento CLINICA ED ANALISI DEL MOVIMENTO Lucio Antonio Rinaldi

Dettagli

DISPOSITIVI di biofeedback in uso in neuroriabilitazione

DISPOSITIVI di biofeedback in uso in neuroriabilitazione DISPOSITIVI di biofeedback in uso in neuroriabilitazione 1)BFB-EMG: finalizzato al controllo volontario della muscolatura striata, tramite un apparecchiatura di EMG che emette informazioni sullo stato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Neuroscienze Cattedra di Medicina Riabilitativa

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Neuroscienze Cattedra di Medicina Riabilitativa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Neuroscienze Cattedra di Medicina Riabilitativa 1 Come integrare didattica frontale ed esperienza sul campo

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Giovannina Conchiglia Clinica Villa Camaldoli Napoli Reparto Neurologia Comportamentale giopsico@libero.it Caserta, 16 ottobre 2014 1 CONGRESSO NAZIONALE A.

Dettagli

Medicina di iniziativa per il paziente esperto

Medicina di iniziativa per il paziente esperto Progetto di adattamento locale di Linee Guida sull osteoartrosi per migliorare la pratica clinica quotidiana Medicina di iniziativa per il paziente esperto Giorgia Squeri Francesca Doronzo Marco Lombardi

Dettagli

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support)

Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) Ausilio Supporto Dispositivo di riabilitazione Gloreha DAS (Dynamic Arm Support) è un supporto dinamico per il braccio; è stato sviluppato

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

L intervento riabilitativo nel paziente con SLA SLA 2010 DALLA RICERCA ALLE CURE PALLIATIVE -30 ottobre 2010- Livia Colla SOC Medicina Riabilitativa-P.O.Casale M.to- ASLAL Riabilitazione un processo di

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

I disturbi della coordinazione

I disturbi della coordinazione ROME REHABILITATION 2012 Hotel Ergife 25-26-27 giugno 2012 I disturbi della coordinazione dal sintomo alla terapia Sandro Gentili IL MOVIMENTO COORDINATO RUOLO DEL CERVELLETTO RUOLO DEI NUCLEI DELLA BASE

Dettagli

Guida alla terapia con Gloreha

Guida alla terapia con Gloreha Guida alla terapia con Gloreha Introduzione Questo documento vuole essere un supporto per tutti coloro che desiderano effettuare riabilitazione con Gloreha a casa propria. Non è un manuale d uso tecnico

Dettagli

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese)

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Benessere e compromissione delle capacità motorie: aspetti teorici e riflessioni Dott.ssa Nicoletta

Dettagli

DISABILITA MOTORIA E AUSILI

DISABILITA MOTORIA E AUSILI DISABILITA MOTORIA E AUSILI I.P.S.I.A. San Benedetto del Tronto 21 aprile 2008 Prof.ssa Olmo Serafina Il disturbo del movimento è la conseguenza di lesioni che possono interessare diverse strutture corporee

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo

LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo Partendo dall esercizio si descrive come si è arrivati alla teoria neuro cognitiva e sulla base di essa si analizzano gli elementi che costituiscono

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def. Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.pdf Istituto Superiore di Sanità Organo tecnico del Ministero

Dettagli

IL TENNIS: aspetti traumatologici e preventivi. Franco Combi

IL TENNIS: aspetti traumatologici e preventivi. Franco Combi IL TENNIS: aspetti traumatologici e preventivi Franco Combi Per il tipo di sport: le lesioni acute tendono ad essere di pertinenza degli arti inferiori le croniche, per la ripetitività del gesto sportspecifico,

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Hand of Hope Per la riabilitazione della mano

Hand of Hope Per la riabilitazione della mano Hand of Hope Per la riabilitazione della mano Tentiamo Troviamo speranza Aveva circa vent'anni quando fu colpita da ictus. Ha perso le abilità funzionali su un lato del corpo. All'inizio si sentiva profondamente

Dettagli

Introduzione alla Realtà

Introduzione alla Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Introduzione alla Realtà Virtuale in Riabilitazione i Stefano

Dettagli

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica www.gstmonline.it La Scuola di Formazione Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica GSTM è un percorso quadriennale in Terapia Manuale e Fisioterapia

Dettagli

La malattia di Parkinson (mp) è una malattia

La malattia di Parkinson (mp) è una malattia Malattia di Parkinson: il treadmill plus nella riabilitazione del cammino Giuseppe Frazzitta Gabriella Bertotti La malattia di Parkinson (mp) è una malattia degenerativa che interessa i neuroni dopaminergici

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

Sistemi robotici per la riabilitazione degli arti inferiori

Sistemi robotici per la riabilitazione degli arti inferiori Advanced Robotics Technology and Systems Laboratory Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occupazionale Corso di Bioingegneria applicata alle protesi Anno Accademico 2009/2010 Sistemi robotici

Dettagli

MALATTIE CEREBROVASCOLARI: ICTUS

MALATTIE CEREBROVASCOLARI: ICTUS MALATTIE CEREBROVASCOLARI: ICTUS Introduzione/Epidemiologia Improvvisa comparsa di segni e sintomi riferibili a deficit globali delle funzioni cerebrali, di durata superiore alle 24 ore o a esito infausto,

Dettagli

Daniele Munari. Curriculum vitae et studiorum. Formazione

Daniele Munari. Curriculum vitae et studiorum. Formazione Daniele Munari Curriculum vitae et studiorum Data di nascita: 18 ottobre 1983 Luogo di nascita: Verona Formazione 2003 Diploma di Perito Aziendale Corrispondente in Lingue Straniere presso l Istituto Marco

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Docenti: Dott. Michele Coluccini m.coluccini@inpe.pisa.it

Docenti: Dott. Michele Coluccini m.coluccini@inpe.pisa.it 1 Corso Teorico Pratico: Il Laboratorio di Biomeccanica Posturale KISS- Health: Le nuove tecnologie per analizzare il movimento del corpo nella pratica clinica 20-21 Marzo 2015 Ex Convento dei Cappuccini,

Dettagli

DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione. Dott.ssa Francesca Benassi

DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione. Dott.ssa Francesca Benassi DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione Dott.ssa Francesca Benassi Le abilità linguistiche nell autismo sono molto compromesse. Circa il 50% dei

Dettagli

STABILO SIX PREMESSA postura equilibrio

STABILO SIX PREMESSA postura equilibrio STABILO SIX PREMESSA In fisiatria, ortopedia, odontoiatria, oculistica, angiologia ecc. si parla ormai costantemente di postura. In effetti, gli studi della postura, grazie alle innovazioni tecnologiche,

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

Fisioterapia Muscoloscheletrica

Fisioterapia Muscoloscheletrica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento sanità SUPSI Fisioterapia Muscoloscheletrica Certificate of Advanced Studies Date: 26-27-28 settembre 2014 14-15-16 novembre 2014

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT)

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) MECCANISMI ALLA BASE DELLA PLASTICITÀ DEL S.N.C. 1 RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PERDUTE O UTILIZZAZIONE DI ALTRE AREE CORTICALI (Lurija)

Dettagli

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento Cos è L ambulatorio dedicato ai pazienti affetti da malattia di Parkinson e disordini del

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE Corso di Laurea in SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE (L22) Insegnamento di Metodi e Didattica degli SPORT DI SQUADRA MeD della PALLAVOLO

Dettagli

Gloreha: Domande Frequenti

Gloreha: Domande Frequenti Gloreha: Domande Frequenti 1. Come lavora Gloreha?... 2 2. Perché Gloreha è diverso da un semplice mobilizzatore passivo?... 2 3. Quali sono i benefici che l utilizzo di Gloreha può portare?... 3 4. Quali

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Valutazione e trattamento della spasticità focale nell arto superiore

Valutazione e trattamento della spasticità focale nell arto superiore Valutazione e trattamento della spasticità focale nell arto superiore Dott. Luciano Bissolotti Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Casa di Cura Domus Salutis Brescia, 10 Novembre 2007 Perché

Dettagli

Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione sociale

Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione sociale Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. Da THRIVE a HOME SWEET HOME: la videoconferenza da strumento di riabilitazione a strumento di monitoraggio e di inclusione

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli

GLI ASPETTI COGNITIVI LEGATI ALLA SCLEROSI MULTIPLA

GLI ASPETTI COGNITIVI LEGATI ALLA SCLEROSI MULTIPLA GLI ASPETTI COGNITIVI LEGATI ALLA SCLEROSI MULTIPLA «FUNZIONE RESPIRATORIA ED EFFETTI DEL TRAINING AEROBICO IN ACQUA IN PAZIENTI CON SCLEROSI MULTIPLA A BASSA DISABILITÀ AFFETTI DA FATIGUE» Firenze, 13

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale Modulo 4 Assistenza al paziente e alla famiglia nel post-ictus Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale durata: 60 h 0 di 31 Obiettivi di apprendimento della sessione descrivere la rete assistenziale

Dettagli

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER)

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Ricerca corrente 2014 Titolo: Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Anagrafica progetto: Responsabile Progetto:

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA Parazza Sergio FT, Fisioterapista Romeo Antonio FT, Master in T.M. e Riabilitazione Muscoloscheletrica UNIPD

Dettagli

3D Motion Gait Analys

3D Motion Gait Analys 3D Motion Gait Analys La Gait Analysis (Gait=passo) è una tecnica che permette tramite analisi computerizzata di monitorare i movimenti del corpo umano con particolare attenzione alle fasi durante il cammino.

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Nicoletta Telleri Da: La sorveglianza del benessere fetale in travaglio di parto. Linea

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

La riabilitazione pelvi-perineale nei disturbi dell alvo

La riabilitazione pelvi-perineale nei disturbi dell alvo La riabilitazione pelvi-perineale nei disturbi dell alvo RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO E il sistema di sostegno costituito da un insieme di muscoli che si intrecciano tra di loro e chiudono verso

Dettagli

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 Prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine Matteo Balestrieri Cattedra di Psichiatria - Università di Udine ) "$$ "! $$ #$ " " (& %" &! '& *+,-,. //# 012)2"$ 3.4 4 5,!.#&&, 0 (67 4-!$6 7 4-8, 9:.7

Dettagli

Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD

Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD Dr.ssa Stefania Zoia S. C. di Neuropsichiatria Infantile e Neurologia Pediatrica Istituto per l Infanzia I.R.C.C.S. Burlo Garofolo,, Trieste Email zoia@burlo.trieste.it

Dettagli

Biological feedback. Retroinformazione relativa a funzioni e/o strutture biologiche. Corso di laurea in Educazione motoria preventiva ed adattata

Biological feedback. Retroinformazione relativa a funzioni e/o strutture biologiche. Corso di laurea in Educazione motoria preventiva ed adattata (BFB) Retroinformazione relativa a funzioni e/o strutture biologiche Corso di laurea in Educazione motoria preventiva ed adattata (BFB) Sommario 1 Neuroriabilitazione 2 (BFB) Denizione Schema Criticità

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

PROGETTO ORTHOPEDIA SPORT

PROGETTO ORTHOPEDIA SPORT PROGETTO ORTHOPEDIA SPORT Il benessere poggia sui tuoi piedi DANINVEST S.r.l. Via Eleonora d Arborea 26-09125 Cagliari P.Iva 02305420925 Partita IVA: 02305420925 Iscritta al Registro Imprese di CAGLIARI

Dettagli

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP.

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP. La Cochrane Library è il principale prodotto della Cochrane Collaboration. Si tratta di un Database che raccoglie tutte le revisioni sitematiche (RS) prodotte dalla Cochrane Collaboration ed i protocolli

Dettagli

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI Le terapie riabilitative nelle fasi precoci dell Artrite Reumatoide Clinical guideline for the diagnosis and management of early rheumatoid

Dettagli

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito A.I.A.S. E BRIANZA SOLIDALE? MISSION Assistenza sanitaria e sociale a favore delle persone disabili ed in particolare di quelle affette da patologie encefaliche svolgendo ogni possibile azione che miri

Dettagli

LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI.

LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI. LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI. Emanuela Gardenghi Casa di Cura «S.Anna», specializzata nelle terapie riabilitative,

Dettagli

Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione. Dott.ssa. fisioterapista. Sara Vignoli

Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione. Dott.ssa. fisioterapista. Sara Vignoli Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione fisioterapista Dott.ssa Sara Vignoli Dott.ssa Sara Vignoli fisioterapista specializzata in posturologia Laureata nel 2010 presso l Università

Dettagli

Misure di.. FORZA. P = F v

Misure di.. FORZA. P = F v Misure di.. FORZA In FISICA prodotto di una massa per una F = m a accelerazione In FISIOLOGIA capacità di vincere una resistenza o di opporsi ad essa attraverso una contrazione muscolare POTENZA P = F

Dettagli