Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale"

Transcript

1 Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Milano, 12 maggio 2015 Paolo Ludovici Ludovici & Partners

2 Necessità di valutare esigenze extra fiscali Riservatezza Pianificazione successoria Tutela dei vari «rami» di discendenti e riserva di legittima Mantenimento dell unitarietà del patrimonio (es. unicità di patrimoni immobiliari) Scelta del successore nella gestione di aziende familiari Esigenze del cliente in relazione ai rendimenti del patrimonio gestito (necessità di impiegare gli utili del patrimonio per le proprie esigenze di vita vs. accumulo dei profitti) Elementi da tenere in considerazione ai fini della scelta dei regimi tributari più convenienti: residenza fiscale della persona fisica assett detenuti (strumenti finanziari quotati, partecipazioni non quotate in società italiane o estere, etc.) Differenze tra imposizione ai fini delle imposte dirette (tassazione del risparmio) 2 e delle imposte sulle successioni e donazioni (pianificazione generazionale)

3 Tassazione del risparmio 3

4 Redditi di capitale: proventi derivanti dall impiego di capitale tassazione dei proventi lordi senza possibilità di compensazione delle minusvalenze (eccezione in caso di regime del risparmio gestito) Redditi diversi proventi derivanti dalla negoziazione deducibilità dei costi accessori ed utilizzabilità in compensazione delle minusvalenze precedentemente realizzate 4

5 12,5%: titoli di Stato ed assimilati (redditi di capitale e diversi) Concorrenza parziale alla formazione del reddito imponibile di dividendi e plusvalenze relativi a partecipazioni qualificate: aliquota effettiva del 23% circa (49,72% x 45%) 26%: aliquota generalmente applicabile a rendite finanziarie aliquota marginale: OICR extracomunitari, dividendi/plusvalenze relativi a partecipazioni in Stati black list 5

6 Regime dichiarativo (art. 5 del d.lgs. 461/1997) Regime del risparmio amministrato (art. 6 del d.lgs. 461/1997) Regime del risparmio gestito (art. 7 del d. lgs. 461/1997) Ritenuta o imposta sostitutiva sui dividendi (art. 27 ed art. 27-ter del d.p.r. 600/1973) Ritenuta o imposta sostitutiva sugli interessi (art. 26 d.p.r. 600/1973, art. 2 d. lgs. 239/1996) Ritenuta su proventi derivanti da quote di OICR (art. 26-quinquies del d.p.r. 600/1973, art. 10-ter l. 77/1983) Imposta sostitutiva sui rendimenti di polizze di assicurazione (art. 26-ter del d.p.r. 600/1973) Imposta sostitutiva su interessi e dividendi di fonte estera (art. 18 TUIR) Indicazione in dichiarazione senza applicazione di imposta sostitutiva (applicazione aliquote marginali) 6

7 Applicazione di un imposta sostitutiva liquidata in dichiarazione Ambito oggettivo: plusvalenze (redditi diversi) derivanti dalla: cessione di partecipazioni non qualificate (partecipazioni in società, etc.) cessione o rimborso di titoli di serie o di massa, valute estere, cessione con obbligo di riacquisto a termine di strumenti finanziari chiusura di rapporti produttivi di redditi di capitale Unico regime applicabile ai redditi realizzati mediante il prelievo di valuta estera da depositi e conti correnti Non si applica ai redditi di capitale (applicazione delle imposte sostitutive su dividendi ed interessi di cui infra) Tassazione al momento del realizzo E possibile compensare le minusvalenze con le plusvalenze, e le eventuali minusvalenze possono venire riportate per gli anni successivi fino al quarto 7

8 Comporta la necessità di indicare in dichiarazione i redditi delle attività finanziarie (completa disclosure nei confronti dell Amministrazione finanziaria) Adempimenti di monitoraggio c.d. interno (quadro SO del modello 770) da parte dell intermediario: segnalazioni nominative in relazione ad operazioni suscettibili di generare redditi diversi 8

9 Applicazione di un imposta sostitutiva da parte dell intermediario finanziario cui le attività finanziarie sono affidate in custodia o in amministrazione Il caso dell intestazione fiduciaria e dell amministrazione fiduciaria Ambito oggettivo: plusvalenze (redditi diversi) derivanti: dalla cessione di partecipazioni non qualificate (partecipazioni in società, etc.) dalla cessione o rimborso di titoli di serie o di massa, valute estere, dalla cessione con obbligo di riacquisto a termine di strumenti finanziari dalla chiusura di rapporti produttivi di redditi di capitale 9

10 Non applicabile ai redditi di capitale (applicazione delle imposte sostitutive su dividendi ed interessi di cui infra) Non applicabile ai redditi diversi: realizzati in relazione a cessioni di partecipazioni qualificate realizzati mediante il prelievo di valute estere da depositi e conti correnti Tassazione al momento del realizzo I redditi tassati in regime di risparmio amministrato non devono essere indicati nella dichiarazione dei redditi (no disclosure verso l amministrazione finanziaria) Regime opzionale (eccezione per i proventi derivanti da OICR e per i non residenti) 10

11 Applicazione di un imposta sostitutiva da parte dell intermediario finanziario cui le attività finanziarie sono affidate in custodia o in amministrazione Ambito oggettivo: plusvalenze (redditi diversi) derivanti: dalla cessione di partecipazioni non qualificate (partecipazioni in società, etc.) dalla cessione o rimborso di titoli di serie o di massa, valute estere, dalla cessione con obbligo di riacquisto a termine di strumenti finanziari dalla chiusura di rapporti produttivi di redditi di capitale redditi di capitale (non applicazione delle imposte sostitutive su dividendi ed interessi) Tassazione al momento della maturazione I redditi tassati in regime di risparmio gestito non devono essere indicati nella dichiarazione dei redditi (no discolosure verso l amministrazione finanziaria) Regime opzionale 11

12 Ritenuta (art. 27 del d.p.r. 600/1973) Ambito oggettivo: dividendi corrisposti in relazione a partecipazioni non qualificate Soggetto incaricato dell applicazione della ritenuta: società erogante (intermediario che interviene nella riscossione nel caso di utili provenienti da società non residenti) Aliquota: 26% La ritenuta è applicata a titolo d imposta nei confronti delle persone fisiche Imposta sostitutiva (art. 27-ter del d.p.r. 600/1973) Sui dividendi distribuiti in relazione ad azioni di società detenute presso il sistema di gestione accentrato di Monte Titoli S.p.A. trova applicazione un imposta sostitutiva L imposta è applicata dall intermediario presso cui è intrattenuto il deposito amministrato Aliquota dell imposta sostitutiva: 26% 12

13 Per definire il regime impositivo applicabile agli investimenti societari occorre in primis accertarsi che si tratta effettivamente di partecipazioni in società e non in organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) aventi forma societaria In caso affermativo, occorre poi valutare se la società è o meno interposta. Se interposta, si considera come non esistente Se la società non è interposta occorre valutare se la partecipazione detenuta si qualifica come tale anche agli effetti fiscali italiani In caso affermativo, occorre stabilire: dove è residente (Italia, white list o black list) se la partecipazione è qualificata o non qualificata se ha ricevuto utili soggetti a regime fiscale privilegiato se si qualifica come CFC black list CFC white list (dal 2010) impresa estera collegata 13

14 Provento/FTC White list qualificate White list non qualificate Black list qualificate (senza interpello) Black list non qualificate non quotate (senza interpello) Black list non qualificate quotate Dividendi Irpef su 49,72% (40% se tratta da utili ante 2007 (*) 12,5% sino al % sino al % dal % IRPEF 100% IRPEF 12,5% sino al % sino al % dal Plusvalenze Idem Idem Idem Idem Idem FTC Sì, ma solo nei limiti del 49,72% (o 40%) La ritenuta sui dividendi in entrata è applicata sul netto frontiera (se applicata l imposta sostitutiva in dichiarazione no FTC) Sì Sì La ritenuta sui dividendi in entrata è applicata sul netto frontiera (se applicata l imposta sostitutiva in dichiarazione no FTC) 14

15 Ritenuta (art. 26 del d.p.r. 600/1973): Ambito oggettivo: interessi derivanti da rapporti di conto corrente, mutuo, titoli obbligazionari e assimilati, titoli cambiari, etc. Aliquota d imposta: 26% L imposta è applicata dai soggetti emittenti i titoli di debito o dai soggetti che corrispondono gli interessi (in relazione ai contratti di mutuo, etc.) Imposta sostitutiva (art. 2 d. lgs. 239/1996) Ambito oggettivo: interessi ed altri proventi corrisposti in relazione a titoli obbligazionari emessi da banche, società quotate o destinati ad essere detenuti da investitori istituzionali, titoli obbligazionari quotati, titoli di debito pubblico e titoli di società non residenti Aliquota d imposta: 26% (12,5% su titoli di debito pubblici italiani o di Paesi «White List») L imposta è applicata dagli intermediari presso cui sono depositati i titoli o che intervengono nella riscossione dei proventi Applicazione alternativa tra ritenuta ed imposta sostitutiva (se si applica l imposta 15

16 Ritenuta (art. 26-quinquies del d.p.r. 600/1973) Ambito oggettivo: proventi derivanti dalla partecipazione in quote di OICR italiani (fondi, Sicav o Sicaf) o lussemburghesi storici e proventi derivanti dalla relativa cessione, riscatto o liquidazione I proventi dalla partecipazione o dismissione, cessione o liquidazione di OICR, se positivi, generano sempre redditi di capitale, mentre, se negativi, generano redditi diversi (effetti sulla compensazione delle minusvalenze) Aliquota d imposta: 26% Base imponibile: ammontare della distribuzione (sempre che la stessa non rappresenti una restituzione del capitale apportato nel fondo) o la differenza tra il costo medio ponderato delle quote dell OICR e il prezzo o valore di riscatto L imposta è applicata dalla SGR che ha istituito l OICR, dalla Sicav, dalla Sicaf o, in caso di quote di OICR depositate in un sistema di gestione accentrata, da parte dei soggetti presso cui sono depositate anche indirettamente le quote stesse 16

17 Ritenuta (art. 10-ter, comma 1, l. 77/1983 «fondi armonizzati») Ambito oggettivo: proventi derivanti dalla partecipazione in quote di OICR di diritto estero (diversi dai fondi lussemburghesi storici), conformi alla Direttiva 2009/65/CE (c.d. «fondi armonizzati»), istituti in Stati Membri dell Unione o SEE, inclusi nella white list, le cui quote siano collocate nel territorio dello Stato Importanza della qualificazione dell OICR (fondo vs. società) Aliquota della ritenuta: 26% Base imponibile: come per i fondi italiani (il costo medio ponderano può essere documentato dal possessore con dichiarazione sostitutiva) Soggetto tenuto all applicazione della ritenuta: società che interviene nella distribuzione in Italia delle quote dei fondi di investimento 17

18 Ritenuta (art. 10-ter, comma 2, l. 77/1983 OICR non armonizzati, istituiti da società vigilate) Ambito oggettivo: proventi derivanti dalla partecipazione in quote di OICR di diritto estero (diversi dai fondi lussemburghesi storici), non conformi alla Direttiva 2009/65/CE (c.d. «fondi armonizzati»), istituti in Stati Membri dell Unione o SEE, inclusi nella white list, le quote siano collocate nel territorio dello Stato, istituiti da società gestione soggette a vigilanza negli stessi Stati Si applicano le stesse previsioni dei proventi derivanti da fondi armonizzati Fondi esteri non armonizzati e non vigilati (art. 10-ter, comma 6, l. 77/1983) I relativi proventi concorrono integralmente alla formazione del reddito 18

19 Applicazione di un imposta sostitutiva da parte della compagnia di assicurazione con aliquota del 26% Base imponibile: differenza tra l ammontare dei premi corrisposti e l ammontare del riscatto Possono optare per l applicazione dell imposta sostitutiva anche le compagnie di assicurazioni estere ammesse a prestare la propria attività in Italia in regime di libera prestazione dei servizi 19

20 I dividendi, derivanti da partecipazioni non qualificate, e gli interessi di fonte estera su cui l intermediario non abbia applicato la relativa ritenuta, di cui rispettivamente agli artt. 27 e 26 del d.p.r. 600/1973, al momento dell intervento nella relativa riscossione, sono soggetti ad imposta sostitutiva applicata direttamente dal contribuente in sede di dichiarazione L imposta sostitutiva si applica sull ammontare complessivo ricevuto dal contribuente, comprensivo delle eventuali ritenute subite nello Stato estero Aliquota: 26% 20

21 Applicazione residuale per alcune tipologie di redditi (es. dividendi o plusvalenze da partecipazioni in società residenti in Paesi Black List, etc.) Applicazione delle aliquote marginali IRPEF ed addizionali 21

22 Pianificazione successoria 22

23 Aliquota del 4% sulle successioni o donazioni a favore del coniuge e dei parenti in linea retta (figli, nipoti, etc.) Aliquota del 6% sulle successioni o donazioni a favore di affini in linea retta, affini in linea collaterale sino al 3 grado e parenti fino al 4 grado Aliquota 8% sulle successioni o donazioni in favore di altri soggetti Franchigia di per le successioni o donazioni a favore del coniuge e dei parenti in linea retta ( per fratelli e sorelle) Rischio incremento dell aliquota dell imposta sulle successioni e donazioni 23

24 Il coniuge e i figli hanno diritto alla riserva delle seguenti quote dell asse ereditario: successione a favore del solo coniuge: riserva pari al 50% (disponibile pari al 50%) successione a favore del solo coniuge e di un figlio: riserva a favore del coniuge e del figlio pari a 1/3 per ciascuno (disponibile pari a 1/3) successione a favore del coniuge e di più figli: riserva a favore del coniuge pari al 25% e del 50% a favore dei figli (disponibile pari al 25%) successione a favore di un solo figlio: riserva pari al 50% (disponibile pari al 50%) successione a favore di più figli: riserva pari a 2/3 (disponibile pari a 1/3) In mancanza di figli, gli ascendenti concorrono nella successione legittima. 24

25 Trasferimento mortis causa per mantenere il controllo, per ridurre la litigiosità in vita con gli eredi e per prevenire situazioni che possano determinare un trasferimento di ricchezza a favore di soggetti diversi dai discendenti diretti (es.: coniugi dei figli). Trade off: aumento aliquote dell imposta sulle donazioni e successioni Predisposizione di appositi meccanismi di governance in caso di inabilità temporanea o incapacità Multigenerational planning: in caso di decesso degli eredi non si determina un ulteriore frammentazione della partecipazione Predisposizione di meccanismi volti a preservare l indipendenza, la continuità e il ruolo sociale dell impresa: percezione dell impresa come parte debole da tutelare anche nei confronti degli eredi Equalizzazione delle singole posizioni in presenza di figli nati da diversi matrimoni Maggiore attenzione ai fenomeni transnazionali 25

26 Il passaggio generazionale delle imprese familiari può essere attuato mediante: trasferimenti senza corrispettivo: A titolo gratuito: applicazione dell imposta sulle donazioni Mortis causa: applicazione dell imposta sulle successioni trasferimenti a titolo oneroso: applicazione delle imposte sui redditi (e successiva applicazione delle imposte sulle successioni/donazioni sul corrispettivo) L imposta sulle successioni contempla meccanismi applicativi simili a quelli propri dell imposta sulle donazioni: Stesse aliquote (4%, 6% e 8% in ragione dei rapporti familiari) Stessa base imponibile: valore di borsa per le società quotate (media ultimo trimestre) e patrimonio netto contabile per le società non quotate Eccezioni: titoli del debito pubblico e similari (ora anche quelli emessi da Paesi dell Unione Europea o aderenti allo Spazio economico comune) che sono esenti dall imposta sulle successioni, ma non dall imposta sulle donazioni 26

27 La donazione della nuda proprietà con riserva di usufrutto consente: al donante di mantenere l usufrutto sul bene donato (ad esempio immobile o partecipazione societaria) avendo la disponibilità del bene o di godere dei relativi frutti economici (esempio dividendi in caso di partecipazioni societarie) di assoggettare a tassazione ai fini dell imposta di donazione la sola nuda proprietà del bene donato (ai fini della determinazione del valore rilevano le tabelle ai fini dell imposta di registro) di non assoggettare il valore dell usufrutto ad imposta di successione, al momento della morte dell usufruttuario (in quanto il nudo proprietario acquisisce il pieno diritto sulla proprietà alla morte dell usufruttuario jure proprio e non per eredità) 27

28 Le modalità di trasferimento (donazione vs. successione) hanno una diversa incidenza ai fini delle imposte sui redditi: in caso di donazione: il valore fiscale delle partecipazioni in capo al donatario è il medesimo riconosciuto in capo al donante in caso di successione: il valore fiscale delle partecipazioni in capo all erede è quello definito agli effetti successori - Esempio: Valore fiscale per il dante causa 100 Patrimonio netto contabile 30 Valore normale 200 Donazione Base imponibile 30 Valore fiscale per il donatario 100 Successione Base imponibile 30 Valore fiscale per l erede 30 Nell esempio prospettato, in caso di successione viene bruciato valore fiscale con conseguente creazione di una fiscalità latente significativamente più importante 28 rispetto all onere successorio

29 Effetti radicalmente diversi si verificano nel caso in cui il trasferimento non sia soggetto ad imposta sulle successioni: in tal caso, il valore fiscalmente riconosciuto in capo agli eredi coincide con il valore normale delle partecipazioni alla data di apertura della successione Nell esempio che precede, il valore fiscalmente riconosciuto sarebbe pari a 200, con conseguente risparmio fiscale potenziale sul capital gain di 26 (26% di 100 in caso di partecipazione non qualificata) Casi di non applicazione dell imposta: De cuius non residente in Italia e partecipazione relativa a società estera Trasferimento di partecipazioni di controllo, o che consentono l integrazione del controllo, al coniuge o ai discendenti: art. 3, comma 4-ter, d.lgs. 31 ottobre 1990, n

30 Ai sensi dell art. 3, comma 4-ter, d. l.gs 346/1990: «i trasferimenti, effettuati anche tramite i patti di famiglia di cui agli articoli 768 bis e seguenti del codice civile a favore dei discendenti e del coniuge, di aziende o rami di esse, di quote sociali e di azioni non sono soggetti all imposta (sulle successioni e donazioni, ndr)» «In caso di quote sociali e azioni di soggetti di cui all articolo 73, comma 1, lettera a) (S.p.A.; S.r.l. e S.A.p.A., ndr), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917, il beneficio spetta limitatamente alle partecipazioni mediante le quali è acquisito o integrato il controllo ai sensi dell articolo 2359, primo comma, numero 1), del codice civile (c.d. controllo di diritto, ndr)» «Il beneficio si applica a condizione che gli aventi causa proseguano l esercizio dell attività d impresa o detengano il controllo per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del trasferimento, rendendo, contestualmente alla presentazione della dichiarazione di successione o all atto di donazione, apposita dichiarazione in tal senso» 30

31 Partecipazioni in società residenti in Italia: Società di capitali: acquisizione o integrazione del controllo e mantenimento dello stesso per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del trasferimento Società di persone: nessun limite quantitativo (cfr. Circ. 3/E 2008) Partecipazioni in società residenti all estero: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Lombardia (risposta ad istanza di consulenza giuridica del 8 agosto 2011) Stessi requisiti di cui al punto che precede (nessun limite quantitativo per le società di persone e acquisizione o integrazione del controllo, e successivo mantenimento per cinque anni, in caso di società di capitali) Partecipazioni in società non commerciali (società semplici): Inapplicabilità del regime di favore Inapplicabilità agli strumenti di debito (finanziamento soci o prestiti obbligazionari): conversione in capitale? 31

32 Caso A: Assegnazione del 33% a ciascun figlio: piena tassazione del 100% 32

33 Caso B: Assegnazione del 100% in comunione ai figli: potenziale esenzione del 100% Previsione di un regolamento di comunione volto a definire le regole di governance Successivo scioglimento della comunione mediante divisione: neutralità fiscale ma applicazione dell imposta di registro dell 1% Problemi di governance derivanti dallo scioglimento della comunione Genitore 100% in comunione ItaCo ItaCo 33

34 Caso C: adeguamento statutario e previsione di diverse classi di azioni Assegnazione al delfino di azioni che rappresentano il 33% del capitale sociale, che attribuiscono il 33% dei diritti finanziari ma con diritti di voto più che proporzionali e atti a consentire il controllo della società: potenziale esenzione Assegnazione agli altri figli delle azioni residue: piena tassazione Padre Delfino Altri figli (non coinvolti nella gestione aziendale) 100% ItaCo Azioni A (33% capitale e 51% diritti di voto) ItaCo Azioni B (66% capitale e 49% diritti di voto) 34

35 Sempre più frequentemente il passaggio generazionale dell impresa è attuato mediante trust Così operando si attua una pianificazione multigenerazionale, nel senso che le vicende personali degli eredi non comportano l ulteriore frammentazione della partecipazione né hanno un impatto sulle regole di governance Settlor Trust Beneficiari/discenden ti 35

36 Ai fini delle imposte sulle donazioni/successioni, rileva il rapporto familiare tra il disponente e i beneficiari del trust Il trasferimento al trust di partecipazioni di controllo è esente nel rispetto delle condizioni previste dall art. 3, comma 4-ter, d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346 (ricorrendo le condizioni sopra viste mantenimento del controllo, etc.) Alternativa 1: 100% diritti di voto al trust Alternativa 2: 51% diritti di voto al trust 49% diritti di voto agli eredi Settlor Trasferimento delle partecipazioni Settlor Trust 100% Beneficiari Trust Trasferimento delle partecipazioni Beneficiari ItaCo 51 % 49% ItaCo 36

37 Polizze assicurative unit linked: Mantenimento del possesso Differimento di imposta in caso di riscatto Non assoggettamento ad imposte sulle successioni Impignorabilità ed insequestrabilità Esclusione dalla legittima dell incremento di valore delle polizze Società semplice Trust Non riconducibilità dei redditi al regime dei redditi d impresa e inapplicabilità del regime delle società di comodo Assenza di frammentazione (es: immobile cielo terra) Definizione delle regole di governance Previsioni statutarie volte a ricomprendere nella compagine societaria solo i discendenti diretti Riservatezza 37

38 I redditi derivanti dal riscatto delle polizze unit linked costituiscono redditi di capitale (art. 44, comma 1 del TUIR) Tali redditi sono soggetti ad un imposta sostitutiva delle imposte sui redditi del 26 % e sono determinati: dalla differenza tra ammontare percepito e premi pagati al netto del 51,92% dei proventi riferibili alle obbligazioni e ai titoli di Stato italiani e esteri inclusi nella white list 38

39 Regime dei redditi riferiti a periodi antecedenti all introduzione dell aliquota del 26%: alla porzione dei redditi riferita al periodo intercorrente tra la data di sottoscrizione o acquisto della polizza e il 31 dicembre 2011 si applica l aliquota del 12,5%. Tale porzione di redditi è determinata attraverso la differenza tra la riserva matematica riferita alla polizza e l ammontare dei premi corrisposti sino a tale data (31 dicembre 2011); alla porzione dei redditi riferita al periodo intercorrente tra il 1 gennaio 2012 e il 30 giugno 2014 si applica l aliquota del 20%, al netto della quota riferibile a titoli di stato pari al 37,50%. Tale porzione di redditi è costituita dalla differenza tra il valore della riserva matematica relativa alla polizza al 30 giugno 2014, al netto di quella al 31 dicembre 2011, e i premi versati dal 1 gennaio 2012 fino al 30 giugno 2014, al netto del 37,50 per cento della quota di provento riferibile ai titoli pubblici italiani ed esteri 39

40 Art. 34, ultimo comma del d.p.r. n. 601/1973, a seguito della modifica introdotta con la Legge di Stabilità 2015, i capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita sono esenti dall imposta sul reddito delle persone fisiche limitatamente ai «contratti di assicurazione sulla vita, a copertura del rischio demografico» Art. 12 del D.lgs. n. 346/1990: Non concorrono alla formazione dell attivo ereditario le indennità spettanti per diritto proprio agli eredi in forza di assicurazioni previdenziali obbligatorie o stipulate dal defunto 40

41 Impignorabilità ed insequestrabilità della polizza Confidenzialità con riferimento agli attivi sottostanti Esclusione in caso di successione ereditaria dalla quota riservata ai legittimari del rendimento della polizza Pianificazione del passaggio generazionale ( quasi trust ) Flessibilità nella scelta dei soggetti gestori, dei profili di gestione e dei beneficiari 41

42 Distanza tra policyholder e asset sottostanti la polizza Asset non finanziari potenzialmente critici (ad es. immobili, marchi, partecipazioni non quotate) Asset finanziari (regime amministrato o auto-gestito) Modalità di individuazione degli asset sottostanti la polizza: scelta di spettanza esclusiva del gestore della polizza esistenza di colloqui tra il policyholder e il gestore Situazioni in cui il rischio di riqualificazione è più elevato: polizze in favore di un soggetto assicurato che sia diverso dal contraente e particolarmente anziano pegno sugli asset in favore del policyholder Riduzione dei rischi di riqualificazione della polizza: scelta preferenziale in favore di polizze UE investimenti sottostanti in fondi europei armonizzati irrobustimento del contenuto assicurativo 42

43 Polizze assicurative sulla vita emesse da società di assicurazione non italiane: autorizzate allo svolgimento dell attività in Italia in regime di libera prestazione dei servizi (LPS) che abbiano optato per l applicazione dell imposta sostitutiva sulle riserve matematiche e per l applicazione dell imposta di bollo virtuale Si considerano attività finanziarie detenute in Italia ai fini dell Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero (IVAFE) Regime ai fini del monitoraggio fiscale 43

44 Trust Trust interposti residenti Non residenti Trust trasparenti residenti Trust opachi Non residenti Trust non interposti 44

45 I trust si distinguono in: Interposti (imposizione in capo all interponente beneficiario o settlor) non interposti (imposizione in capo al trust o ai beneficiari) Caratteristiche che possono determinare interposizione: potere gestionale e dispositivo del trustee limitato o condizionato dalla volontà del disponente e/o dei beneficiari: potere di far cessare il trust in ogni momento potere di modificare i beneficiari e di designare sé stesso e/o altri come beneficiari diritto di veto all esercizio dei poteri discrezionali del trustee diritto di ricevere attribuzioni di patrimonio dal trustee indicazioni vincolanti al trustee in relazione a gestione patrimonio e del reddito potere di attribuire redditi e beni del trust a soggetti individuati 45

46 I trust non interposti possono essere: opachi (imposizione in capo al trust) trasparenti (imposizione in capo ai beneficiari) Le distribuzioni di trust opachi a soggetti residenti in Italia sono soggette (secondo la posizione ministeriale) a imposta sulle donazioni, nei limiti degli apporti originari a IRPEF progressiva se si tratta di redditi prodotti dai trust L eventuale interposizione del trust può essere fiscalmente efficiente: i redditi sono imponibili via via che sono percepiti «dal trust» e non quando sono distribuiti (decadenza) le aliquote sono quelle proprie dei singoli redditi e non l aliquota marginale. La differenza di imposizione può più che compensare eventuali profili sanzionatori l interponente rientra in possesso del patrimonio in trust e può riorganizzarlo in modo efficiente sulla base delle vigenti norme in materia di imposta sulle dotazioni e non donazioni (aliquota tra 4% e 8%) 46

47 Imputazione dei redditi ai soci per trasparenza I redditi imputati mantengono la stessa qualificazione (es. redditi di capitale o redditi diversi) dei redditi conseguiti dalla società I dividendi, indipendentemente dall entità della partecipazione cui si riferiscono, concorrono a formare il reddito imponibile dei soci limitatamente al 49,72 percento del relativo ammontare La SS può optare per l applicazione dei regimi del risparmio amministrato e del risparmio gestito di cui rispettivamente agli articoli 6 e 7 del citato d. lgs. n. 461/1997 Nel risultato di gestione assoggettato ad imposta sostitutiva ai sensi del regime del risparmio gestito di cui all articolo 7 del citato d. lgs. n. 461/1997 non potranno computarsi i dividendi percepiti dalla SS, in quanto tale disposizione esclude dal proprio ambito applicativo i redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo dell investitore 47

48 Socio C Usufrutto 90% Piena proprietà 10% Socio A Nuda proprietà 45% Società semplice Portafoglio titoli Socio B Nuda proprietà 45% L uso della società semplice può essere opportuno per la strutturazione dell usufrutto su portafogli di titoli Ai sensi del codice civile italiano non è possibile costituire l usufrutto su un portafoglio titoli (cd. «quasi usufrutto») Lo stesso risultato può essere ottenuto costituendo l usufrutto sulle quote di una società semplice che detiene il portafoglio titoli (analogamente a quanto avviene per l usufrutto sulle società di capitali) Nel diagramma al Socio C spettano tutti gli utili del portafoglio titoli sino al momento dell apertura della sua successione Al momento dell apertura della sua successione, gli utili spetteranno ad «A» e «B», senza che tale attribuzione rilevi 48 ai fini delle imposte sulle successioni

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE SOMMARIO: 7.1. Premessa - 7.2. Gli effetti dell agevolazione - 7.3. L oggetto dell agevolazione - 7.4.

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli