Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale"

Transcript

1 Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Milano, 12 maggio 2015 Paolo Ludovici Ludovici & Partners

2 Necessità di valutare esigenze extra fiscali Riservatezza Pianificazione successoria Tutela dei vari «rami» di discendenti e riserva di legittima Mantenimento dell unitarietà del patrimonio (es. unicità di patrimoni immobiliari) Scelta del successore nella gestione di aziende familiari Esigenze del cliente in relazione ai rendimenti del patrimonio gestito (necessità di impiegare gli utili del patrimonio per le proprie esigenze di vita vs. accumulo dei profitti) Elementi da tenere in considerazione ai fini della scelta dei regimi tributari più convenienti: residenza fiscale della persona fisica assett detenuti (strumenti finanziari quotati, partecipazioni non quotate in società italiane o estere, etc.) Differenze tra imposizione ai fini delle imposte dirette (tassazione del risparmio) 2 e delle imposte sulle successioni e donazioni (pianificazione generazionale)

3 Tassazione del risparmio 3

4 Redditi di capitale: proventi derivanti dall impiego di capitale tassazione dei proventi lordi senza possibilità di compensazione delle minusvalenze (eccezione in caso di regime del risparmio gestito) Redditi diversi proventi derivanti dalla negoziazione deducibilità dei costi accessori ed utilizzabilità in compensazione delle minusvalenze precedentemente realizzate 4

5 12,5%: titoli di Stato ed assimilati (redditi di capitale e diversi) Concorrenza parziale alla formazione del reddito imponibile di dividendi e plusvalenze relativi a partecipazioni qualificate: aliquota effettiva del 23% circa (49,72% x 45%) 26%: aliquota generalmente applicabile a rendite finanziarie aliquota marginale: OICR extracomunitari, dividendi/plusvalenze relativi a partecipazioni in Stati black list 5

6 Regime dichiarativo (art. 5 del d.lgs. 461/1997) Regime del risparmio amministrato (art. 6 del d.lgs. 461/1997) Regime del risparmio gestito (art. 7 del d. lgs. 461/1997) Ritenuta o imposta sostitutiva sui dividendi (art. 27 ed art. 27-ter del d.p.r. 600/1973) Ritenuta o imposta sostitutiva sugli interessi (art. 26 d.p.r. 600/1973, art. 2 d. lgs. 239/1996) Ritenuta su proventi derivanti da quote di OICR (art. 26-quinquies del d.p.r. 600/1973, art. 10-ter l. 77/1983) Imposta sostitutiva sui rendimenti di polizze di assicurazione (art. 26-ter del d.p.r. 600/1973) Imposta sostitutiva su interessi e dividendi di fonte estera (art. 18 TUIR) Indicazione in dichiarazione senza applicazione di imposta sostitutiva (applicazione aliquote marginali) 6

7 Applicazione di un imposta sostitutiva liquidata in dichiarazione Ambito oggettivo: plusvalenze (redditi diversi) derivanti dalla: cessione di partecipazioni non qualificate (partecipazioni in società, etc.) cessione o rimborso di titoli di serie o di massa, valute estere, cessione con obbligo di riacquisto a termine di strumenti finanziari chiusura di rapporti produttivi di redditi di capitale Unico regime applicabile ai redditi realizzati mediante il prelievo di valuta estera da depositi e conti correnti Non si applica ai redditi di capitale (applicazione delle imposte sostitutive su dividendi ed interessi di cui infra) Tassazione al momento del realizzo E possibile compensare le minusvalenze con le plusvalenze, e le eventuali minusvalenze possono venire riportate per gli anni successivi fino al quarto 7

8 Comporta la necessità di indicare in dichiarazione i redditi delle attività finanziarie (completa disclosure nei confronti dell Amministrazione finanziaria) Adempimenti di monitoraggio c.d. interno (quadro SO del modello 770) da parte dell intermediario: segnalazioni nominative in relazione ad operazioni suscettibili di generare redditi diversi 8

9 Applicazione di un imposta sostitutiva da parte dell intermediario finanziario cui le attività finanziarie sono affidate in custodia o in amministrazione Il caso dell intestazione fiduciaria e dell amministrazione fiduciaria Ambito oggettivo: plusvalenze (redditi diversi) derivanti: dalla cessione di partecipazioni non qualificate (partecipazioni in società, etc.) dalla cessione o rimborso di titoli di serie o di massa, valute estere, dalla cessione con obbligo di riacquisto a termine di strumenti finanziari dalla chiusura di rapporti produttivi di redditi di capitale 9

10 Non applicabile ai redditi di capitale (applicazione delle imposte sostitutive su dividendi ed interessi di cui infra) Non applicabile ai redditi diversi: realizzati in relazione a cessioni di partecipazioni qualificate realizzati mediante il prelievo di valute estere da depositi e conti correnti Tassazione al momento del realizzo I redditi tassati in regime di risparmio amministrato non devono essere indicati nella dichiarazione dei redditi (no disclosure verso l amministrazione finanziaria) Regime opzionale (eccezione per i proventi derivanti da OICR e per i non residenti) 10

11 Applicazione di un imposta sostitutiva da parte dell intermediario finanziario cui le attività finanziarie sono affidate in custodia o in amministrazione Ambito oggettivo: plusvalenze (redditi diversi) derivanti: dalla cessione di partecipazioni non qualificate (partecipazioni in società, etc.) dalla cessione o rimborso di titoli di serie o di massa, valute estere, dalla cessione con obbligo di riacquisto a termine di strumenti finanziari dalla chiusura di rapporti produttivi di redditi di capitale redditi di capitale (non applicazione delle imposte sostitutive su dividendi ed interessi) Tassazione al momento della maturazione I redditi tassati in regime di risparmio gestito non devono essere indicati nella dichiarazione dei redditi (no discolosure verso l amministrazione finanziaria) Regime opzionale 11

12 Ritenuta (art. 27 del d.p.r. 600/1973) Ambito oggettivo: dividendi corrisposti in relazione a partecipazioni non qualificate Soggetto incaricato dell applicazione della ritenuta: società erogante (intermediario che interviene nella riscossione nel caso di utili provenienti da società non residenti) Aliquota: 26% La ritenuta è applicata a titolo d imposta nei confronti delle persone fisiche Imposta sostitutiva (art. 27-ter del d.p.r. 600/1973) Sui dividendi distribuiti in relazione ad azioni di società detenute presso il sistema di gestione accentrato di Monte Titoli S.p.A. trova applicazione un imposta sostitutiva L imposta è applicata dall intermediario presso cui è intrattenuto il deposito amministrato Aliquota dell imposta sostitutiva: 26% 12

13 Per definire il regime impositivo applicabile agli investimenti societari occorre in primis accertarsi che si tratta effettivamente di partecipazioni in società e non in organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) aventi forma societaria In caso affermativo, occorre poi valutare se la società è o meno interposta. Se interposta, si considera come non esistente Se la società non è interposta occorre valutare se la partecipazione detenuta si qualifica come tale anche agli effetti fiscali italiani In caso affermativo, occorre stabilire: dove è residente (Italia, white list o black list) se la partecipazione è qualificata o non qualificata se ha ricevuto utili soggetti a regime fiscale privilegiato se si qualifica come CFC black list CFC white list (dal 2010) impresa estera collegata 13

14 Provento/FTC White list qualificate White list non qualificate Black list qualificate (senza interpello) Black list non qualificate non quotate (senza interpello) Black list non qualificate quotate Dividendi Irpef su 49,72% (40% se tratta da utili ante 2007 (*) 12,5% sino al % sino al % dal % IRPEF 100% IRPEF 12,5% sino al % sino al % dal Plusvalenze Idem Idem Idem Idem Idem FTC Sì, ma solo nei limiti del 49,72% (o 40%) La ritenuta sui dividendi in entrata è applicata sul netto frontiera (se applicata l imposta sostitutiva in dichiarazione no FTC) Sì Sì La ritenuta sui dividendi in entrata è applicata sul netto frontiera (se applicata l imposta sostitutiva in dichiarazione no FTC) 14

15 Ritenuta (art. 26 del d.p.r. 600/1973): Ambito oggettivo: interessi derivanti da rapporti di conto corrente, mutuo, titoli obbligazionari e assimilati, titoli cambiari, etc. Aliquota d imposta: 26% L imposta è applicata dai soggetti emittenti i titoli di debito o dai soggetti che corrispondono gli interessi (in relazione ai contratti di mutuo, etc.) Imposta sostitutiva (art. 2 d. lgs. 239/1996) Ambito oggettivo: interessi ed altri proventi corrisposti in relazione a titoli obbligazionari emessi da banche, società quotate o destinati ad essere detenuti da investitori istituzionali, titoli obbligazionari quotati, titoli di debito pubblico e titoli di società non residenti Aliquota d imposta: 26% (12,5% su titoli di debito pubblici italiani o di Paesi «White List») L imposta è applicata dagli intermediari presso cui sono depositati i titoli o che intervengono nella riscossione dei proventi Applicazione alternativa tra ritenuta ed imposta sostitutiva (se si applica l imposta 15

16 Ritenuta (art. 26-quinquies del d.p.r. 600/1973) Ambito oggettivo: proventi derivanti dalla partecipazione in quote di OICR italiani (fondi, Sicav o Sicaf) o lussemburghesi storici e proventi derivanti dalla relativa cessione, riscatto o liquidazione I proventi dalla partecipazione o dismissione, cessione o liquidazione di OICR, se positivi, generano sempre redditi di capitale, mentre, se negativi, generano redditi diversi (effetti sulla compensazione delle minusvalenze) Aliquota d imposta: 26% Base imponibile: ammontare della distribuzione (sempre che la stessa non rappresenti una restituzione del capitale apportato nel fondo) o la differenza tra il costo medio ponderato delle quote dell OICR e il prezzo o valore di riscatto L imposta è applicata dalla SGR che ha istituito l OICR, dalla Sicav, dalla Sicaf o, in caso di quote di OICR depositate in un sistema di gestione accentrata, da parte dei soggetti presso cui sono depositate anche indirettamente le quote stesse 16

17 Ritenuta (art. 10-ter, comma 1, l. 77/1983 «fondi armonizzati») Ambito oggettivo: proventi derivanti dalla partecipazione in quote di OICR di diritto estero (diversi dai fondi lussemburghesi storici), conformi alla Direttiva 2009/65/CE (c.d. «fondi armonizzati»), istituti in Stati Membri dell Unione o SEE, inclusi nella white list, le cui quote siano collocate nel territorio dello Stato Importanza della qualificazione dell OICR (fondo vs. società) Aliquota della ritenuta: 26% Base imponibile: come per i fondi italiani (il costo medio ponderano può essere documentato dal possessore con dichiarazione sostitutiva) Soggetto tenuto all applicazione della ritenuta: società che interviene nella distribuzione in Italia delle quote dei fondi di investimento 17

18 Ritenuta (art. 10-ter, comma 2, l. 77/1983 OICR non armonizzati, istituiti da società vigilate) Ambito oggettivo: proventi derivanti dalla partecipazione in quote di OICR di diritto estero (diversi dai fondi lussemburghesi storici), non conformi alla Direttiva 2009/65/CE (c.d. «fondi armonizzati»), istituti in Stati Membri dell Unione o SEE, inclusi nella white list, le quote siano collocate nel territorio dello Stato, istituiti da società gestione soggette a vigilanza negli stessi Stati Si applicano le stesse previsioni dei proventi derivanti da fondi armonizzati Fondi esteri non armonizzati e non vigilati (art. 10-ter, comma 6, l. 77/1983) I relativi proventi concorrono integralmente alla formazione del reddito 18

19 Applicazione di un imposta sostitutiva da parte della compagnia di assicurazione con aliquota del 26% Base imponibile: differenza tra l ammontare dei premi corrisposti e l ammontare del riscatto Possono optare per l applicazione dell imposta sostitutiva anche le compagnie di assicurazioni estere ammesse a prestare la propria attività in Italia in regime di libera prestazione dei servizi 19

20 I dividendi, derivanti da partecipazioni non qualificate, e gli interessi di fonte estera su cui l intermediario non abbia applicato la relativa ritenuta, di cui rispettivamente agli artt. 27 e 26 del d.p.r. 600/1973, al momento dell intervento nella relativa riscossione, sono soggetti ad imposta sostitutiva applicata direttamente dal contribuente in sede di dichiarazione L imposta sostitutiva si applica sull ammontare complessivo ricevuto dal contribuente, comprensivo delle eventuali ritenute subite nello Stato estero Aliquota: 26% 20

21 Applicazione residuale per alcune tipologie di redditi (es. dividendi o plusvalenze da partecipazioni in società residenti in Paesi Black List, etc.) Applicazione delle aliquote marginali IRPEF ed addizionali 21

22 Pianificazione successoria 22

23 Aliquota del 4% sulle successioni o donazioni a favore del coniuge e dei parenti in linea retta (figli, nipoti, etc.) Aliquota del 6% sulle successioni o donazioni a favore di affini in linea retta, affini in linea collaterale sino al 3 grado e parenti fino al 4 grado Aliquota 8% sulle successioni o donazioni in favore di altri soggetti Franchigia di per le successioni o donazioni a favore del coniuge e dei parenti in linea retta ( per fratelli e sorelle) Rischio incremento dell aliquota dell imposta sulle successioni e donazioni 23

24 Il coniuge e i figli hanno diritto alla riserva delle seguenti quote dell asse ereditario: successione a favore del solo coniuge: riserva pari al 50% (disponibile pari al 50%) successione a favore del solo coniuge e di un figlio: riserva a favore del coniuge e del figlio pari a 1/3 per ciascuno (disponibile pari a 1/3) successione a favore del coniuge e di più figli: riserva a favore del coniuge pari al 25% e del 50% a favore dei figli (disponibile pari al 25%) successione a favore di un solo figlio: riserva pari al 50% (disponibile pari al 50%) successione a favore di più figli: riserva pari a 2/3 (disponibile pari a 1/3) In mancanza di figli, gli ascendenti concorrono nella successione legittima. 24

25 Trasferimento mortis causa per mantenere il controllo, per ridurre la litigiosità in vita con gli eredi e per prevenire situazioni che possano determinare un trasferimento di ricchezza a favore di soggetti diversi dai discendenti diretti (es.: coniugi dei figli). Trade off: aumento aliquote dell imposta sulle donazioni e successioni Predisposizione di appositi meccanismi di governance in caso di inabilità temporanea o incapacità Multigenerational planning: in caso di decesso degli eredi non si determina un ulteriore frammentazione della partecipazione Predisposizione di meccanismi volti a preservare l indipendenza, la continuità e il ruolo sociale dell impresa: percezione dell impresa come parte debole da tutelare anche nei confronti degli eredi Equalizzazione delle singole posizioni in presenza di figli nati da diversi matrimoni Maggiore attenzione ai fenomeni transnazionali 25

26 Il passaggio generazionale delle imprese familiari può essere attuato mediante: trasferimenti senza corrispettivo: A titolo gratuito: applicazione dell imposta sulle donazioni Mortis causa: applicazione dell imposta sulle successioni trasferimenti a titolo oneroso: applicazione delle imposte sui redditi (e successiva applicazione delle imposte sulle successioni/donazioni sul corrispettivo) L imposta sulle successioni contempla meccanismi applicativi simili a quelli propri dell imposta sulle donazioni: Stesse aliquote (4%, 6% e 8% in ragione dei rapporti familiari) Stessa base imponibile: valore di borsa per le società quotate (media ultimo trimestre) e patrimonio netto contabile per le società non quotate Eccezioni: titoli del debito pubblico e similari (ora anche quelli emessi da Paesi dell Unione Europea o aderenti allo Spazio economico comune) che sono esenti dall imposta sulle successioni, ma non dall imposta sulle donazioni 26

27 La donazione della nuda proprietà con riserva di usufrutto consente: al donante di mantenere l usufrutto sul bene donato (ad esempio immobile o partecipazione societaria) avendo la disponibilità del bene o di godere dei relativi frutti economici (esempio dividendi in caso di partecipazioni societarie) di assoggettare a tassazione ai fini dell imposta di donazione la sola nuda proprietà del bene donato (ai fini della determinazione del valore rilevano le tabelle ai fini dell imposta di registro) di non assoggettare il valore dell usufrutto ad imposta di successione, al momento della morte dell usufruttuario (in quanto il nudo proprietario acquisisce il pieno diritto sulla proprietà alla morte dell usufruttuario jure proprio e non per eredità) 27

28 Le modalità di trasferimento (donazione vs. successione) hanno una diversa incidenza ai fini delle imposte sui redditi: in caso di donazione: il valore fiscale delle partecipazioni in capo al donatario è il medesimo riconosciuto in capo al donante in caso di successione: il valore fiscale delle partecipazioni in capo all erede è quello definito agli effetti successori - Esempio: Valore fiscale per il dante causa 100 Patrimonio netto contabile 30 Valore normale 200 Donazione Base imponibile 30 Valore fiscale per il donatario 100 Successione Base imponibile 30 Valore fiscale per l erede 30 Nell esempio prospettato, in caso di successione viene bruciato valore fiscale con conseguente creazione di una fiscalità latente significativamente più importante 28 rispetto all onere successorio

29 Effetti radicalmente diversi si verificano nel caso in cui il trasferimento non sia soggetto ad imposta sulle successioni: in tal caso, il valore fiscalmente riconosciuto in capo agli eredi coincide con il valore normale delle partecipazioni alla data di apertura della successione Nell esempio che precede, il valore fiscalmente riconosciuto sarebbe pari a 200, con conseguente risparmio fiscale potenziale sul capital gain di 26 (26% di 100 in caso di partecipazione non qualificata) Casi di non applicazione dell imposta: De cuius non residente in Italia e partecipazione relativa a società estera Trasferimento di partecipazioni di controllo, o che consentono l integrazione del controllo, al coniuge o ai discendenti: art. 3, comma 4-ter, d.lgs. 31 ottobre 1990, n

30 Ai sensi dell art. 3, comma 4-ter, d. l.gs 346/1990: «i trasferimenti, effettuati anche tramite i patti di famiglia di cui agli articoli 768 bis e seguenti del codice civile a favore dei discendenti e del coniuge, di aziende o rami di esse, di quote sociali e di azioni non sono soggetti all imposta (sulle successioni e donazioni, ndr)» «In caso di quote sociali e azioni di soggetti di cui all articolo 73, comma 1, lettera a) (S.p.A.; S.r.l. e S.A.p.A., ndr), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917, il beneficio spetta limitatamente alle partecipazioni mediante le quali è acquisito o integrato il controllo ai sensi dell articolo 2359, primo comma, numero 1), del codice civile (c.d. controllo di diritto, ndr)» «Il beneficio si applica a condizione che gli aventi causa proseguano l esercizio dell attività d impresa o detengano il controllo per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del trasferimento, rendendo, contestualmente alla presentazione della dichiarazione di successione o all atto di donazione, apposita dichiarazione in tal senso» 30

31 Partecipazioni in società residenti in Italia: Società di capitali: acquisizione o integrazione del controllo e mantenimento dello stesso per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del trasferimento Società di persone: nessun limite quantitativo (cfr. Circ. 3/E 2008) Partecipazioni in società residenti all estero: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Lombardia (risposta ad istanza di consulenza giuridica del 8 agosto 2011) Stessi requisiti di cui al punto che precede (nessun limite quantitativo per le società di persone e acquisizione o integrazione del controllo, e successivo mantenimento per cinque anni, in caso di società di capitali) Partecipazioni in società non commerciali (società semplici): Inapplicabilità del regime di favore Inapplicabilità agli strumenti di debito (finanziamento soci o prestiti obbligazionari): conversione in capitale? 31

32 Caso A: Assegnazione del 33% a ciascun figlio: piena tassazione del 100% 32

33 Caso B: Assegnazione del 100% in comunione ai figli: potenziale esenzione del 100% Previsione di un regolamento di comunione volto a definire le regole di governance Successivo scioglimento della comunione mediante divisione: neutralità fiscale ma applicazione dell imposta di registro dell 1% Problemi di governance derivanti dallo scioglimento della comunione Genitore 100% in comunione ItaCo ItaCo 33

34 Caso C: adeguamento statutario e previsione di diverse classi di azioni Assegnazione al delfino di azioni che rappresentano il 33% del capitale sociale, che attribuiscono il 33% dei diritti finanziari ma con diritti di voto più che proporzionali e atti a consentire il controllo della società: potenziale esenzione Assegnazione agli altri figli delle azioni residue: piena tassazione Padre Delfino Altri figli (non coinvolti nella gestione aziendale) 100% ItaCo Azioni A (33% capitale e 51% diritti di voto) ItaCo Azioni B (66% capitale e 49% diritti di voto) 34

35 Sempre più frequentemente il passaggio generazionale dell impresa è attuato mediante trust Così operando si attua una pianificazione multigenerazionale, nel senso che le vicende personali degli eredi non comportano l ulteriore frammentazione della partecipazione né hanno un impatto sulle regole di governance Settlor Trust Beneficiari/discenden ti 35

36 Ai fini delle imposte sulle donazioni/successioni, rileva il rapporto familiare tra il disponente e i beneficiari del trust Il trasferimento al trust di partecipazioni di controllo è esente nel rispetto delle condizioni previste dall art. 3, comma 4-ter, d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346 (ricorrendo le condizioni sopra viste mantenimento del controllo, etc.) Alternativa 1: 100% diritti di voto al trust Alternativa 2: 51% diritti di voto al trust 49% diritti di voto agli eredi Settlor Trasferimento delle partecipazioni Settlor Trust 100% Beneficiari Trust Trasferimento delle partecipazioni Beneficiari ItaCo 51 % 49% ItaCo 36

37 Polizze assicurative unit linked: Mantenimento del possesso Differimento di imposta in caso di riscatto Non assoggettamento ad imposte sulle successioni Impignorabilità ed insequestrabilità Esclusione dalla legittima dell incremento di valore delle polizze Società semplice Trust Non riconducibilità dei redditi al regime dei redditi d impresa e inapplicabilità del regime delle società di comodo Assenza di frammentazione (es: immobile cielo terra) Definizione delle regole di governance Previsioni statutarie volte a ricomprendere nella compagine societaria solo i discendenti diretti Riservatezza 37

38 I redditi derivanti dal riscatto delle polizze unit linked costituiscono redditi di capitale (art. 44, comma 1 del TUIR) Tali redditi sono soggetti ad un imposta sostitutiva delle imposte sui redditi del 26 % e sono determinati: dalla differenza tra ammontare percepito e premi pagati al netto del 51,92% dei proventi riferibili alle obbligazioni e ai titoli di Stato italiani e esteri inclusi nella white list 38

39 Regime dei redditi riferiti a periodi antecedenti all introduzione dell aliquota del 26%: alla porzione dei redditi riferita al periodo intercorrente tra la data di sottoscrizione o acquisto della polizza e il 31 dicembre 2011 si applica l aliquota del 12,5%. Tale porzione di redditi è determinata attraverso la differenza tra la riserva matematica riferita alla polizza e l ammontare dei premi corrisposti sino a tale data (31 dicembre 2011); alla porzione dei redditi riferita al periodo intercorrente tra il 1 gennaio 2012 e il 30 giugno 2014 si applica l aliquota del 20%, al netto della quota riferibile a titoli di stato pari al 37,50%. Tale porzione di redditi è costituita dalla differenza tra il valore della riserva matematica relativa alla polizza al 30 giugno 2014, al netto di quella al 31 dicembre 2011, e i premi versati dal 1 gennaio 2012 fino al 30 giugno 2014, al netto del 37,50 per cento della quota di provento riferibile ai titoli pubblici italiani ed esteri 39

40 Art. 34, ultimo comma del d.p.r. n. 601/1973, a seguito della modifica introdotta con la Legge di Stabilità 2015, i capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita sono esenti dall imposta sul reddito delle persone fisiche limitatamente ai «contratti di assicurazione sulla vita, a copertura del rischio demografico» Art. 12 del D.lgs. n. 346/1990: Non concorrono alla formazione dell attivo ereditario le indennità spettanti per diritto proprio agli eredi in forza di assicurazioni previdenziali obbligatorie o stipulate dal defunto 40

41 Impignorabilità ed insequestrabilità della polizza Confidenzialità con riferimento agli attivi sottostanti Esclusione in caso di successione ereditaria dalla quota riservata ai legittimari del rendimento della polizza Pianificazione del passaggio generazionale ( quasi trust ) Flessibilità nella scelta dei soggetti gestori, dei profili di gestione e dei beneficiari 41

42 Distanza tra policyholder e asset sottostanti la polizza Asset non finanziari potenzialmente critici (ad es. immobili, marchi, partecipazioni non quotate) Asset finanziari (regime amministrato o auto-gestito) Modalità di individuazione degli asset sottostanti la polizza: scelta di spettanza esclusiva del gestore della polizza esistenza di colloqui tra il policyholder e il gestore Situazioni in cui il rischio di riqualificazione è più elevato: polizze in favore di un soggetto assicurato che sia diverso dal contraente e particolarmente anziano pegno sugli asset in favore del policyholder Riduzione dei rischi di riqualificazione della polizza: scelta preferenziale in favore di polizze UE investimenti sottostanti in fondi europei armonizzati irrobustimento del contenuto assicurativo 42

43 Polizze assicurative sulla vita emesse da società di assicurazione non italiane: autorizzate allo svolgimento dell attività in Italia in regime di libera prestazione dei servizi (LPS) che abbiano optato per l applicazione dell imposta sostitutiva sulle riserve matematiche e per l applicazione dell imposta di bollo virtuale Si considerano attività finanziarie detenute in Italia ai fini dell Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero (IVAFE) Regime ai fini del monitoraggio fiscale 43

44 Trust Trust interposti residenti Non residenti Trust trasparenti residenti Trust opachi Non residenti Trust non interposti 44

45 I trust si distinguono in: Interposti (imposizione in capo all interponente beneficiario o settlor) non interposti (imposizione in capo al trust o ai beneficiari) Caratteristiche che possono determinare interposizione: potere gestionale e dispositivo del trustee limitato o condizionato dalla volontà del disponente e/o dei beneficiari: potere di far cessare il trust in ogni momento potere di modificare i beneficiari e di designare sé stesso e/o altri come beneficiari diritto di veto all esercizio dei poteri discrezionali del trustee diritto di ricevere attribuzioni di patrimonio dal trustee indicazioni vincolanti al trustee in relazione a gestione patrimonio e del reddito potere di attribuire redditi e beni del trust a soggetti individuati 45

46 I trust non interposti possono essere: opachi (imposizione in capo al trust) trasparenti (imposizione in capo ai beneficiari) Le distribuzioni di trust opachi a soggetti residenti in Italia sono soggette (secondo la posizione ministeriale) a imposta sulle donazioni, nei limiti degli apporti originari a IRPEF progressiva se si tratta di redditi prodotti dai trust L eventuale interposizione del trust può essere fiscalmente efficiente: i redditi sono imponibili via via che sono percepiti «dal trust» e non quando sono distribuiti (decadenza) le aliquote sono quelle proprie dei singoli redditi e non l aliquota marginale. La differenza di imposizione può più che compensare eventuali profili sanzionatori l interponente rientra in possesso del patrimonio in trust e può riorganizzarlo in modo efficiente sulla base delle vigenti norme in materia di imposta sulle dotazioni e non donazioni (aliquota tra 4% e 8%) 46

47 Imputazione dei redditi ai soci per trasparenza I redditi imputati mantengono la stessa qualificazione (es. redditi di capitale o redditi diversi) dei redditi conseguiti dalla società I dividendi, indipendentemente dall entità della partecipazione cui si riferiscono, concorrono a formare il reddito imponibile dei soci limitatamente al 49,72 percento del relativo ammontare La SS può optare per l applicazione dei regimi del risparmio amministrato e del risparmio gestito di cui rispettivamente agli articoli 6 e 7 del citato d. lgs. n. 461/1997 Nel risultato di gestione assoggettato ad imposta sostitutiva ai sensi del regime del risparmio gestito di cui all articolo 7 del citato d. lgs. n. 461/1997 non potranno computarsi i dividendi percepiti dalla SS, in quanto tale disposizione esclude dal proprio ambito applicativo i redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo dell investitore 47

48 Socio C Usufrutto 90% Piena proprietà 10% Socio A Nuda proprietà 45% Società semplice Portafoglio titoli Socio B Nuda proprietà 45% L uso della società semplice può essere opportuno per la strutturazione dell usufrutto su portafogli di titoli Ai sensi del codice civile italiano non è possibile costituire l usufrutto su un portafoglio titoli (cd. «quasi usufrutto») Lo stesso risultato può essere ottenuto costituendo l usufrutto sulle quote di una società semplice che detiene il portafoglio titoli (analogamente a quanto avviene per l usufrutto sulle società di capitali) Nel diagramma al Socio C spettano tutti gli utili del portafoglio titoli sino al momento dell apertura della sua successione Al momento dell apertura della sua successione, gli utili spetteranno ad «A» e «B», senza che tale attribuzione rilevi 48 ai fini delle imposte sulle successioni

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary Disclosure relativa alle attività detenute all estero (attività finanziarie, polizze, società, immobili ed altri beni): profili di tassabilità in

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

2012 Italfiduciaria Srl

2012 Italfiduciaria Srl 1 Intestazione di quote societarie Le partecipazioni vengono date in amministrazione fiduciaria con le seguenti modalità: Sottoscrizione del capitale in sede di costituzione della società, aumento di capitale

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio Dott. Andrea Bertolotti 1 Sono società fiduciarie e di revisione quelle che si propongono sotto forma d impresa, di assumere l amministrazione

Dettagli

La successione e la donazione

La successione e la donazione La successione e la donazione Voglio pianificare la trasmissione del mio patrimonio, possibili alternative: Il patto di famiglia (aziendale) Un Fondo patrimoniale Un Trust Una polizza vita con beneficiario/i

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014 CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Ro Roma, 27 giugno 2014 OGGETTO: Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria. Articoli 3 e 4 del decreto legge 24 aprile 2014,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 341/E

RISOLUZIONE N. 341/E RISOLUZIONE N. 341/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 novembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Donazione di azienda e continuazione dell attività d impresa in forma societaria

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1 Indice Prefazione, di Victor Uckmar xv Introduzione 1 1. I redditi di natura nanziaria nel sistema tributario italiano 9 1. Cenni sull evoluzione del concetto di reddito durante la vigenza dell imposta

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA

ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA ERRATA CORRIGE VOL. 345/3 35 COADIUTORI BANCA D ITALIA Il Capitolo Quarto della Parte Prima del Libro III (Sezione V), del Volume deve intendersi sostituito dal seguente Capitolo Quarto La tassazione degli

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked( PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SSERVANDA UNT SERVANDA Aspe& Fiscali delle nuove Unit Linked dr.generazionale Flavio Ravera all interno del passaggio Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

Dettagli

TASK FORCE ASSOGESTIONI. Documento conclusivo

TASK FORCE ASSOGESTIONI. Documento conclusivo TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L implementazione della riforma della tassazione dei fondi comuni Giugno 2011 Task force assogestioni per l implementazione della riforma della tassazione dei fondi comuni Giugno

Dettagli

Novità in materia di tassazione dei redditi finanziari. 30 ottobre 2014 Marco Piazza

Novità in materia di tassazione dei redditi finanziari. 30 ottobre 2014 Marco Piazza Novità in materia di tassazione dei redditi finanziari 30 ottobre 2014 Marco Piazza Tassazione delle rendite finanziarie e Rivalutazione elle partecipazioni e dei terreni edificabili Un quadro destinato

Dettagli

NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI

NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI NOTA A COMMENTO ELABORATA CON L AUSILIO DELL AVV. FEDERICO RASI DELLO STUDIO VISENTINI MARCHETTI E ASSOCIATI 1. Il regime fiscale delle SICAF. Tra le novità fiscali, va, innanzitutto, segnalato che l art.

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Dott. Domenico Ponticelli (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento immobiliare 21 Maggio 2015

Dettagli

24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE. con il patrocinio di

24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE. con il patrocinio di 24 MAGGIO 2010 UNINDUSTRIA BOLOGNA SALA COMUNICAZIONE con il patrocinio di ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza - Riproduzione vietata - Tutti i diritti riservati Edizione 10 ottobre 2008 2007

Dettagli

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA SOMMARIO Capitolo I L INTESTAZIONE FIDUCIARIA 1. Premessa... 3 2. Il negozio fiduciario... 4 3. L intestazione fiduciaria di beni a favore di società fiduciarie: il mandato fiduciario... 10 4. Le società

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009 Le soluzioni di Financial Planning all'interno dello Scudo Fiscale "Lo Scudo Fiscale 2009 Approfondimenti normativi e di analisi finanziaria Scuola di Amministrazione Aziendale Università degli Studi di

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano.

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano. FORMAZIONE PERMANENTE PER AVVOCATI - 2014 Le successioni internazionali alla luce del nuovo regolamento (UE) n. 650/2012 I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato

Dettagli

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni Stato dell arte sulla fiscalità diretta e indiretta dei Trust a seguito degli ultimi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate e della giurisprudenza tributaria Milano dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità

La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità La nuova fiscalità degli strumenti finanziari Prof. Marco Piazza Avv. Antonio Della Carità 16 gennaio 2012- Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le novità della riforma e le conferme S.A.F.

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

3. La tassazione degli strumenti finanziari

3. La tassazione degli strumenti finanziari 3. La tassazione degli strumenti finanziari 3.1 Titoli azionari «Nessun pasto è gratis» Milton Friedmann La disciplina fiscale dei dividendi azionari, contenuta negli artt. 27, 27bis e 27ter del D.P.R.

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

AZ INFINITY LIFE. Private Unit Linked. Giugno 2012

AZ INFINITY LIFE. Private Unit Linked. Giugno 2012 AZ INFINITY LIFE Private Unit Linked Giugno 2012 IL CONTESTO ECONOMICO EUROPEO I DUBBI GENERATI DALLA PAURA Il mio patrimonio oggi è al sicuro? Come cambierà il regime fiscale nel tempo? Come mantenere

Dettagli

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 IL TRUST NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE D IMPRESA a cura del Dottor Salvatore Tramontano Vice Presidente 1 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre

Dettagli

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE Sistemi a confronto ed efficienza fiscale Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

PARTE V: LE DONAZIONI E ALTRI ATTI A TITOLO GRATUITO

PARTE V: LE DONAZIONI E ALTRI ATTI A TITOLO GRATUITO PARTE V: LE DONAZIONI E ALTRI ATTI A TITOLO GRATUITO 5.1. Lineamenti dell imposta sulle successioni e donazioni La disciplina dell imposta sulle successioni e donazioni è contenuta nel D. Lgs. 31 ottobre

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi 1369 ATTUALITÀ Circolare n. 2/E del 15 febbraio 2012 Disciplina dei fondi immobiliari chiusi di Massimo Gabelli e Roberta De Pirro (*) Con la circ. n. 2/E del 15 febbraio 2012, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera Telefono +41 91 260 38 00 www.icam-group.com Affidare la gestione a ICAM Group SA tramite lo strumento ICAMLife INDICE: Introduzione Alternative all investimento

Dettagli

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Capitolo I L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA NELL ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO 1. Premessa... 3 2. I redditi

Dettagli

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST Dott. Massimo Lodi Consigliere d Amministrazione UBI TRUSTEE S.A. 8

Dettagli

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI

MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI MONOGRAFIA RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI Indice Introduzione Soggetti beneficiari Beni rivalutabili Beneficio della rivalutazione Perizia di stima Imposta sostitutiva Modalità e termini di versamento

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO...

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... 4 4. BENI NON COMPRESI NELL ATTIVO EREDITARIO...

Dettagli

Indice. 1. Riferimenti normativi. 2. Riforma Tassazione Rendite Finanziarie. 3. Riforma Tassazione Rendite Finanziarie: Redditi di capitale

Indice. 1. Riferimenti normativi. 2. Riforma Tassazione Rendite Finanziarie. 3. Riforma Tassazione Rendite Finanziarie: Redditi di capitale Direzione Wealth Planning Analisi Riforma Tassazione Rendite Finanziarie (aggiornata alla normativa approvata il 13 agosto 2011 ed al contenuto dell emendamento governativo che ha determinato il testo

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

Aumento dell aliquota delle rendite finanziarie: effetti e regime transitorio

Aumento dell aliquota delle rendite finanziarie: effetti e regime transitorio 1962 APPROFONDIMENTO Aumento dell aliquota delle rendite finanziarie: effetti e regime transitorio di Marco Piazza (*) e Marcella Valsecchi (**) Dal 1º luglio 2014, l aliquota normale delle ritenute e

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

2. QUADRO RL ALTRI REDDITI

2. QUADRO RL ALTRI REDDITI 2. QUADRO RL ALTRI REDDITI Generalità SEZIONE I - A REDDITI DI CAPITALE Vedere in APPENDICE la voce Utili prodotti all estero Questo quadro è composto da tre sezioni: Sezione I riservata ai redditi di

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Appunti sul trattamento fiscale dei dividendi distribuiti da societa estera (non residente in paesi a fiscalità privilegiata) REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Giandomenico Andreetta San

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

SELLA PERSONAL LIFE. La tranquillità di un futuro assicurato

SELLA PERSONAL LIFE. La tranquillità di un futuro assicurato La tranquillità di un futuro assicurato LA COMPAGNIA Sella Life Ltd è la Compagnia di Assicurazione Vita di diritto irlandese del Gruppo Banca Sella, costituita a Dublino nel 1999, specializzata nel progettare

Dettagli