Manuale del revisore legale La revisione contabile per imprese industriali, commerciali e PMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale del revisore legale La revisione contabile per imprese industriali, commerciali e PMI"

Transcript

1 REVISIONE, CONTROLLO E GOVERNANCE Alberto Pesenato Manuale del revisore legale La revisione contabile per imprese industriali, commerciali e PMI V Edizione In conformità al D.Lgs. n. 39 del 27/01/2010, che attua la direttiva n. 43/2006 CE, ai regolamenti di attuazione e ai documenti Coso Report I e III. Verifiche, verbali e questionari sul controllo qualità.

2 QUESTO VOLUME È ANCHE ONLINE Consultalo gratuitamente ne La Mia Biblioteca, la prima biblioteca professionale in the cloud con le pubblicazioni di CEDAM, UTET Giuridica, IPSOA. Grazie al suo evoluto sistema di ricerca puoi accedere ai tuoi scaffali virtuali e ritrovare tra i tuoi libri la soluzione che cerchi da PC, ipad o altri tablet. Ovunque tu sia. Per conoscere le modalità di accesso al servizio e consultare il volume online collegati a e clicca su Richiedi la tua password. La consultazione online viene offerta all acquirente del presente volume a titolo completamente gratuito ed a fini promozionali del servizio La Mia Biblioteca e potrebbe essere soggetta a revoca da parte dell Editore. Copyright 2012 Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada 1, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n Le riproduzioni diverse da quelle sopra indicate (per uso non personale cioè, a titolo esemplificativo, commerciale, economico o professionale e/o oltre il limite del 15%) potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana, n. 108, Milano, e sito web L elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o inesattezze. Fotocomposizione a cura di Sinergie Grafiche s.r.l. Via Pavese, 1/3 - Rozzano (MI) Finito di stampare nel mese di gennaio 2012 dalla L.E.G.O. S.p.A.

3 Dal dire al fare: Gli strumenti per il professionista e l azienda revisione, controllo e Governance Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 (con cd-rom) di Alberto Pesenato e Elisa Pesenato, III ediz., 2011, euro 70, Internatl auditing di M. Anaclerio, A. Miglietta, R. Salvi, F. Servato, II ediz., 2011, euro 45, Sindaco e revisore di società (con cd-rom) di A. Bompani, B. Dei, P. Sorignani, A. Traversi, VII ediz., 2011, euro 139, Manuale del revisore legale (con cd-rom) di Alberto Pesenato, IV ediz., 2011, euro 99, Il professionista e il D.Lgs. 231/2001 a cura di Annalisa De Vivo, 2010, euro 25, Comunicazione finanziaria a cura di Enzo Rocca, 2010, euro 39, Revisione contabile e Internal Auditing di A. Cortesi, S. Fossati, I. Spertini, P. Tettamanzi, 2009, euro 58,00 05 le altre collane Commercio e fiscalità Internazionale Finanziamenti Marketing e vendite Contabilità e bilancio Finanza aziendale Controllo di gestione Gestione aziendale e management 05-governance.indd :15:02

4 Requisiti del sistema Hardware e Software I requisiti hardware e software necessari per poter utilizzare il CD-Rom sono i seguenti PC con almeno 64 Mb di memoria RAM Sistema operativo Microsoft Windows (95/98/NT/2000/XP/Vista/7 Hard disk con almeno 30 Mb liberi CD-ROM Drive Adobe Acrobat Reader Microsoft Excel Browser (IE, Mozilla, Chrome) Installazione Da Windows NT Xp: inserire il CD-Rom nel lettore; si avvia automaticamente. In caso contrario: fare clic su Avvio e scegliere il comando Esegui digitare D:\index.html fare clic su Ok

5 A Sanansquano e Goliardia sempre vicini in spirito A coloro Giuseppina e Giulio Clotilde e Luigi che mi hanno concesso l opportunità e quindi il privilegio di studiare All amorevole Edda Malvezzi Finesso per il magistero speso a dispetto dei Lupi Neri e anche a Marisa per quel tratto di vita condiviso...we re about ready to engage the pride of Europe... Major Dundee (Sierra Charriba) the director cut Sam Peckinpah

6

7 L Autore Alberto Pesenato Revisore Legale, Consulente Area 231/2001, Dottore Commercialista; ha conseguito la laurea in Economia e Commercio presso l università di Padova sede di Verona ed il Certificate in «Contemporary Marketing» presso la U.C.L.A. Extension (University California Los Angeles). Ha maturato un esperienza più che decennale presso primarie società multinazionali di revisione (Whinney Murray Ernst & Ernst poi Ernst & Whinney, Peat Marwick Mitchell & Co, Sala Scelsi Farina - BDO, KMG - Fides Certificazione poi KPMG Peat Marwick Spa). L esperienza professionale maturata l ha portato a collaborare con diverse università in Italia ed all estero (corso di revisione presso la facoltà di Economia e Commercio di Trieste e presso la Scuola di Amministrazione e Controllo Aziendale di Gorizia, corso di ragioneria generale ed applicata della facoltà di Scienze Economiche e Bancarie di Udine). Nel 1993 ha fatto parte del corpo docente esterno ai corsi di revisione presso SDA Bocconi (Scuola di Direzione Aziendale dell Università Luigi Bocconi) e presso la «Russian Economics Academy named after G.V. Plekhanov» di Mosca - C.S.I. È autore di «Modello di organizzazione gestione e controllo ex D.Lgs. 231/2001. Applicazione per società non quotate e PMI: i casi ALPE Holding SpA e Karrell Srl», Ipsoa editore, III Edizione Per la casa editrice Cedam, ha pubblicato in passato quattro testi sull argomento specifico e sul bilancio consolidato, adottati in corsi universitari di revisione oltre che articoli apparsi in riviste specializzate. Da lungo tempo si dedica alla formazione con seminari, convegni e giornate di studio su temi di carattere professionale. Dal 1986 collabora con la Rivista Amministrazione & Finanza. In Italia, per alcuni networks di professionisti, organizza, dirige e segue nella pratica l attività delle visite sindacali (ex art c.c.) e della Revisione Legale (ex D.Lgs. 39/ 2010 in attuazione della Direttiva 43/2006 CE con riferimento alla soluzione dei problemi riferiti alla «rete»); fa parte dell Organo di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001 di varie aziende. Con la presente Opera egli espone in modo organico e completo la metodologia e le procedure di revisione contabile da adottare nelle verifiche del Collegio Sindacale e del Revisore Legale nelle imprese industriali e commerciali di media e grande dimensione non quotate nonché nelle PMI facendo riferimento al D.Lgs. n. 39 del 27/01/2010 e relativi Regolamenti attuativi. Il «Manuale del Revisore Legale» è segnalato dal MEF-RGS tra i principali testi di riferimento sull argomento (Ministero dell Economia e Finanze - Ragioneria Generale dello Stato - La revisione legale dei conti - Bibliografia). L Autore è disponibile a rispondere a qualsiasi quesito sul presente volume ed accogliere contributi nel sito IX

8 Presentazione V Edizione Questa quinta edizione integra e completa l approccio operativo che si è sin qui voluto dare all opera. Ho provveduto all usuale aggiornamento e «manutenzione» di varie parti del volume, quali: i) i paragrafi 1.3 e 1.4 riguardanti i principi di revisione di riferimento e documenti CoSO I e III; ii) opportuno riferimento allo studio SEF dell ODCEC di Milano riguardante la stima ed il budget dei tempi (Cap. 30); iii) un nuovo capitolo che accoglie 3 check lists riferite al Controllo della Qualità (Cap. 33) utili al soggetto incaricato costituito in forma di società ed al Revisore Legale singolo (a quest ultimo è dedicata la terza check list). Sono state aggiornate le parti riguardanti: a) la relazione di revisione (Cap. 11); b) le attestazioni scritte (Cap. 14); c) le appendici (App ); queste accolgono anche i regolamenti emanati dal MEF; d) la determinazione del Rischio di Revisione e riepilogo delle verifiche (Capp ); e) la determinazione del Rischio Intrinseco, raccolta prima in tre capitoli, è stata ampliata dedicando ad essa capitoli specifici (Capp ); f) il Capitolo 8 è stato integrato con cenni sul campionamento statistico; g) i capitoli della parte VI (Capp ) fanno specifico riferimento al Controllo della Qualità; h) la parte VII (PMI) è stata aggiornata con la check list sul Controllo della Qualità, budget dei tempi e attestazioni scritte; i) la parte VIII (PMI) è stata rivista aggiornando i verbali; l) altri capitoli che contenevano più argomenti sono stati divisi in modo che ognuno di essi accogliesse un argomento specifico; m) la revisione nelle PMI espone una metodologia semplice accolta nelle parti 6 e 7 del CD allegato. La tecnica applicata fa riferimento anche alla «Guida all utilizzo dei principi di revisione internazionali nella revisione delle Piccole e Medie Imprese» volume I e II, seconda edizione, dell International Federation of Accountants (IFAC) - ottobre Tutti gli strumenti del CD a corredo del manuale sono stati aggiornati di conseguenza. Ho voluto inserire un breve e indispensabile vademecum per facilitare l utilizzo del CD e la conseguente consultazione delle parti stampate del «Manuale». I concetti di Rischio di Revisione 1, significatività e conseguente attività di verifica espresse nel presente Manuale sono rivolti al Revisore Legale che svolga la propria attività su società di dimensioni Medio/Grandi non quotate e nelle PMI. Attualmente il mercato della revisione per la totalità delle Società quotate, assicura- 1 Il metodo applicato definito del Risk Approach è comunemente in uso a livello internazionale (Cap.8). X

9 Presentazione V Edizione zioni, banche e gruppi è di competenza delle Società di Revisione e solo il rimanente potrà essere di competenza di singoli Revisori Legali o di studi associati di revisione; tutti dovranno proporre interventi di alta qualità professionale a meno che non vogliano cedere anche questa quota di mercato alle società di revisione creando con loro delle joint ventures che potrebbero rivelarsi controproducenti se non professionalmente letali. È a questi colleghi Revisori Legali indipendenti che è rivolto il presente «Manuale del Revisore Legale» che propone un approccio tradizionale e semplice facilmente applicabile sia in entità economiche non quotate sia alle PMI 1. Si privilegia qui l approccio professionale dettato dall esperienza individuale del revisore lasciando alle «Big Four» ed alle loro «sorelle» l approccio peculiare e macchinoso per non dire eccessivamente complesso che adottano per le società quotate. Il punto di forza del Manuale è costituito dal CD allegato che contiene tutti e solo gli strumenti operativi per svolgere il Lavoro di revisione con riferimento agli I.S.A. (International Standards on Auditing) in conformità al D.Lgs. n. 39 del 27 gennaio 2010 e relativi regolamenti. Nel CD il Revisore Legale troverà unicamente i documenti da utilizzare (Check Lists, Questionari sul Controllo Interno, lettere di conferma esterna, relazioni di revisione ecc.) per svolgere il lavoro; a supporto di questi strumenti vi è la parte descrittiva ed esplicativa che troverà nel volume e che per motivi operativi non è riportata nel CD. Il Revisore Legale, in questo modo, potrà fare riferimento al Manuale nella parte cartacea per approfondire sotto l aspetto concettuale e normativo il lavoro che sta svolgendo utilizzando gli strumenti proposti nel CD. Per rendere più agevoli i riferimenti tra strumento utilizzato e riferimenti professionali è stato riportato in ogni carta di lavoro presentata nel CD, oltre ai principi I.S.A. e CoSO Report, anche il capitolo di riferimento da consultare. In questa quinta edizione sono presentati e suggeriti i seguenti strumenti: a) per tutte le imprese i concetti generali (parte I), i Verbali da redigere nelle 4 visite conformati agli ultimi documenti Assirevi ed il commento conclusivo sul bilancio (parte VIII); b) per le imprese di maggiori dimensioni: adeguate e complete check list, questionari, programmi di revisione tratti dai Principi di Revisione (ISA - richiamati in ogni carta di lavoro proposta), dalla «Pratica Professionale» italiana ed internazionale (Auditing Guidelines) ed ai documenti CoSO Report I e III che mettono il Revisore Legale, in condizione di condurre agevolmente il proprio intervento e verificare che siano applicati i principi di revisione di riferimento Parti II, III, IV, V; c) per le PMI: la pianificazione dell intervento Sindaco/Revisore (Parte VII) comprensivo dei Verbali da redigere nelle 4 visite ed il commento conclusivo sul bilancio (Parte VIII); d) le relazioni di revisione Assirevi e CNDCEC nonché 18 esempi di opinione riguardanti differenti aspetti dell evidenze riscontrate; 1 Vedere CD allegato punto 6. XI

10 Presentazione V Edizione e) appropriate check lists sul controllo qualità derivate dai principi di revisione ISCQ 1 applicabili sia che il soggetto abilitato sia costituito come società sia che operi individualmente (Cap. 33). Sempre per le PMI un set di carte di lavoro comprendenti questionari, check lists e programmi di revisione, tratti dalle parti II, III, IV, V sintetici ma completi per condurre il lavoro di verifica sindacale e controllo contabile del revisore (Parte VII - nel CD 6-7) sempre con opportuni riferimenti ai Principi di Revisione ISA (richiamati in ogni carta di lavoro proposta) e dalla «Pratica Professionale» italiana ed internazionale (Auditing Guidelines) nonché ai documenti CoSO Report I e III. Il materiale proposto è già stato opera di discussione e di applicazione da parte di molteplici componenti di Collegi Sindacali e Revisori che negli ultimi anni hanno partecipato ai convegni sull argomento che mi hanno visto relatore in molte parti d Italia (vedere sezione Convegni). Il presente «Manuale del Revisore Legale» è segnalato tra i prinicpali testi di riferimento dal MEF-RGS (Ministero dell Economia e Finanze - Ragioneria Generale dello Stato - La Revisione Legale - Bibliografia). Ringraziamenti Riconoscenza particolare ai colleghi Dott. Walter Turrina dell ODCEC Verona, al Rag. Mario Dascola Revisore Legale in Milano per l aggiornamento apportato ai Capitoli 20 e 29 ed alla Dott.ssa Elisa Pesenato per il prezioso ed indispensabile contributo nell approfondimento apportato alle parti II e III (SCI). Gratitudine personale agli amici Paolo, Anna, i due Gigi, Silvana, Tiziana, Chiara, Eleonora, Flavio, Giancarlo, Antonella, Roby, Siro, Carmelo, Davide, Giusi, Annamaria. Ancora all amico Marco Mattana ed Art Pecò Wien per la cura del sito web e della parte tecnica. Alberto Pesenato XII

11 Presentazione IV Edizione In seguito al recepimento della direttiva 43/2006 CE tramite la promulgazione del D.Lgs. n. 39 del 27 gennaio 2010 (La Revisione Legale) e dei regolamenti attuativi, il Manuale è stato aggiornato con opportuni richiami al decreto ed ai regolamenti in modo da armonizzare la parte tecnica e metodologica. Come è mia consuetudine ho voluto proporre un lavoro che privilegiasse il «come» il Revisore Legale debba eseguire il proprio intervento professionale e con «quali strumenti» lo stesso debba ottemperare al proprio compito con riferimento alle società di medio/grande dimensione non quotate e alle PMI. Il testo è stato adeguato a quanto richiesto dal D.Lgs. 39/2010 e dai regolamenti di attuazione ed integrato con commenti appropriati per rendere l opera aggiornata nell ottica di un approccio che il singolo professionista possa attuare utilizzando la propria individuale esperienza professionale. Il metodo applicato definito del Risk Approach 1 è comunemente in uso a livello internazionale. Per i motivi sopra esposti i concetti di Rischio di Revisione, significatività e conseguente attività di verifica si rivolgono al Revisore Legale che svolga la propria attività su società di dimensioni Medio/Grandi non quotate nonché nelle PMI. Attualmente il mercato della revisione per la totalità delle Società quotate, assicurazioni, banche e gruppi in Italia è di pertinenza delle Società di Revisione e solo il rimanente potrà essere di competenza di singoli Revisori Legali o di studi associati di revisione; questi ultimi dovranno proporre interventi di alta qualità professionale a meno che non vogliano cedere anche questa quota di mercato alle società di revisione creando con loro delle joint ventures. È a questi colleghi Revisori Legali indipendenti che è rivolto il presente «Manuale del Revisore Legale» che propone un approccio tradizionale e semplice facilmente applicabile sia in entità economiche di Media/Grande dimensione non quotate, sia in dimensioni ridotte quali le PMI. Si privilegia l approccio professionale del revisore lasciando alle «Big Four» ed alle loro «sorelle» l approccio specifico e laborioso per non dire complicato che adottano per società quotate che poco si adatta ad entità economiche non quotate. Il punto di forza del presente «Manuale del Revisore Legale: La revisione contabile per imprese industriali, commerciali e PMI» è costituito dal CD allegato che contiene tutti gli strumenti operativi per svolgere il Lavoro di revisione con riferimento agli I.S.A. (International Standards on Auditing) in conformità al D.Lgs. n. 39 del 27 gennaio 2010 in attuazione alla direttiva 43/2006 CE e relativi regolamenti. Nel CD il Revisore Legale troverà unicamente i documenti da utilizzare (Check Lists, Questionari sul Controllo Interno, lettere di circolarizzazione, Relazioni di revisione ecc.) per svolgere il lavoro; a supporto di questi strumenti vi è la parte descrittiva ed esplicativa che troverà nel volume e che per motivi operativi non è riportata nel CD. Il Revisore Legale, in questo modo, potrà fare riferimento al Manuale nella parte 1 Parte I - Cap. 8. XIII

12 Presentazione IV Edizione cartacea per approfondire sotto l aspetto concettuale e normativo il lavoro che sta svolgendo utilizzando gli strumenti proposti nel CD. Per rendere più agevoli i riferimenti tra strumento utilizzato e riferimenti professionali è stato riportato in ogni carta di lavoro presentata nel CD, oltre ai principi I.S.A. e CoSO Report, anche il capitolo di riferimento da consultare. In questa quarta edizione sono presentati e suggeriti i seguenti strumenti: a) per tutte le imprese i concetti generali (parte I), i Verbali da redigere nelle 4 visite conformati agli ultimi documenti Assirevi ed il commento conclusivo sul bilancio (parte VIII); b) per le imprese di maggiori dimensioni: adeguate e complete check list, questionari, programmi di revisione tratti dai Principi di Revisione (ISA - richiamati in ogni carta di lavoro proposta), dalla «Pratica Professionale» italiana ed internazionale (Auditing Guidelines) ed al CoSO Report che mettono il Revisore Legale, in condizione di condurre agevolmente il proprio intervento e verificare che siano applicati i principi di revisione di riferimento Parti II, III, IV, V); c) per le P.M.I.: la pianificazione dell intervento Sindaco/Revisore (Parte VII) comprensivo dei Verbali da redigere nelle 4 visite ed il commento conclusivo sul bilancio (parte VIII). Sempre per le PMI un set di carte di lavoro comprendenti questionari, check lists e programmi di revisione, tratti dalle parti II, III, IV, V) sintetici ma completi per condurre il lavoro di verifica sindacale e controllo contabile del revisore (parte VII)sempre con opportuni riferimenti ai Principi di Revisione (ISA - richiamati in ogni carta di lavoro proposta) e dalla «Pratica Professionale» italiana ed internazionale (Auditing Guidelines) nonché al CoSO Report. Il materiale proposto è già stato opera di discussione e di applicazione da parte di molteplici componenti di Collegi Sindacali e Revisori che negli ultimi anni hanno partecipato ai convegni sull argomento che mi hanno visto relatore in molte parti d Italia (vedere sezione Convegni). La mia gratitudine va innanzitutto agli amici Paolo, Anna, i due Gigi, Silvana, Tiziana, Chiara, Eleonora, Flavio, Giancarlo, Antonella, Carmelo, Davide, Giusi, Annamaria e gli amici di Porta Vescovo per il sostegno morale. Riconoscenza particolare al collega Dott. Walter Turrina per l aggiornamento apportato ai Capitoli 17 e 58 ed alla Dott.ssa Elisa Rachele Pesenato per il prezioso ed indispensabile contributo nell approfondimento apportato alle parti II e III e senza il cui notevole impegno questa quarta edizione non sarebbe potuta giungere a compimento. Un ringraziamento, come nelle due precedenti edizioni, all amico Marco Mattana per il contributo informatico oltre che costante, scrupoloso e tempestivo oltremodo essenziale per lo sviluppo del presente volume. XIV

13 Presentazione III Edizione Il successo editoriale ottenuto dal Manuale di revisione contabile ha gratificato il mio impegno di esporre schematicamente l enorme mole di statuizioni decretate dai principi in tema di revisione contabile, dalla pratica professionale sul controllo legale dei conti e di proporre in CD una completa serie di carte di lavoro di immediato e facile utilizzo. Le diverse migliaia di copie vendute in questi anni testimoniano la validità del presente manuale quale strumento utilizzato, dai Sindaci/Revisori delle società non quotate, nei controlli e nelle verifiche richieste ed imposte dalla legge italiana ed anche comunitaria ed appare sicuramente significativo che un opera di queste dimensioni sia giunta alla terza edizione in soli 3 anni. Ogni edizione ha avuto un integrazione ed un ampliamento e quindi il titolo stesso che inizialmente riguardava le sole aziende industriali e commerciali in generale si è esteso nella seconda edizione alle Piccole e Medie Imprese illustrando, anche per queste entità, le verifiche da eseguire ed i verbali da stendere. La presente edizione, oltre a nuovi strumenti di auditing è integrata da una serie di questionari e check lists che fanno diretto riferimento allo studio redatto dalla Treadway Commission (CoSO Report) 1 che è, per questo motivo, richiamata nel titolo. Il codice civile, i cambiamenti apportati dalla riforma del diritto societario, il testo unico per l intermediazione finanziaria (T.U.F.) hanno ridisegnato il sistema di governo delle imprese quotate e di quelle a loro facenti capo. È cambiato di conseguenza lo scenario in tema di Corporate Governance e le imprese italiane hanno dovuto adeguarsi all innovazione conseguente al cambiamento delle leggi. Il sistema di controlli societari in questi anni è stato adottato anche da una gran parte delle imprese non quotate, almeno per quelle di maggiore dimensione. Alcuni interventi di rilievo quali il Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A. 2 hanno definito in modo chiaro tra altri importanti concetti quello di controllo interno che è strettamente legato al tema di Corporate Governance. I recenti defaults delle borse mondiali hanno riaffermato l importanza e la validità del CoSO Report indicato quale best practice come architettura nella costruzione di un efficace sistema di controllo interno considerato elemento fondamentale nell ambito della Corporate Governance. Nel nostro paese il sistema dei controlli societari è stato ridefinito ed i compiti, ruoli, attribuzioni sono stati ampliati prevedendo un sistema multifunzionale assegnando al Collegio Sindacale compiti di generale sorveglianza sull amministrazione e sul sistema di controllo interno ed affidando al revisore contabile indipendente o ad una società di revisione il controllo e la revisione contabile sul bilancio d esercizio e sul bilancio consolidato per le società non ammesse alla redazione del bilancio abbreviato. La direttiva 43/ 2006 CE ha riaffermato questo concetto 3. 1 Cap. I Par App La direttiva 2006/43/CE modifica le Direttive 78/660/Cee e 83/349/Cee ed abroga la direttiva 84/ 2537Cee. XV

14 Presentazione III Edizione Il CNDCEC nell arco del 2009 ha proposto il Collegio Sindacale quale punto di riferimento nelle verifiche sopra descritte indicando, alle altre nazioni, il sistema di controlli e la metodologia applicativa utilizzati da tale organo quale best practice. I professionisti che si occupano di controlli societari: Sindaci, Revisori Contabili, Revisori Interni, i componenti gli Organi di Vigilanza, dei Comitati per il Controllo Interno, di Audit Comettee ed altre funzioni di controllo sono chiamati a compiti impegnativi e responsabilità rilevanti 1. Costoro devono fare riferimento non solo ai doveri legali ma anche alle best practices internazionali che costituiscono, in un era di globalizzazione, un punto di riferimento con cui misurare la diligenza nello svolgimento dei doveri assegnati. Per questi motivi ho ampliato questa terza edizione rivedendo tutte le parti che abbisognavano di manutenzione includendo 11 nuovi questionari sul controllo interno e curando che i complessivi 24 facessero riferimento al CoSO Report come pure le 2 check list ed un questionario di controllo in modo che il lettore e lo studioso trovino uno sviluppo utile ed esaustivo di quanto esposto nel lavoro della Treadway Commission. Oltre a ciò ho conformato i verbali del sindaco e del revisore gli ultimi documenti Assirevi. In questa terza edizione sono presentati e suggeriti i seguenti strumenti: a) per tutte le imprese i concetti generali (parte I), i Verbali da redigere nelle 4 visite conformati agli ultimi documenti Assirevi ed il commento conclusivo sul bilancio (parte VIII); b) per le imprese di maggiori dimensioni: adeguate e complete check list, questionari, programmi di revisione tratti dai Principi di Revisione (ISA - richiamati in ogni carta di lavoro proposta), dalla «Pratica Professionale» italiana ed internazionale (Auditing Guidelines) ed al CoSO Report che mettono il professionista, revisore contabile indipendente, in condizione di condurre agevolmente il proprio intervento e verificare che siano applicati i principi contabili di riferimento Parti II, III, IV, V); c) per le P.M.I.: la pianificazione dell intervento Sindaco/Revisore (Parte VII) comprensivo dei Verbali da redigere nelle 4 visite ed il commento conclusivo sul bilancio (parte VIII). Per le PMI un set di carte di lavoro comprendenti questionari, check lists e programmi di revisione, tratti dalle parti II, III, IV, V) sintetici ma completi per condurre il lavoro di verifica sindacale e controllo contabile del revisore (parte VII) sempre con opportuni riferimenti ai Principi di Revisione (ISA - richiamati in ogni carta di lavoro proposta) e dalla «Pratica Professionale» italiana ed internazionale (Auditing Guidelines) nonché al CoSO Report. Il materiale che propongo è già stato opera di discussione e di applicazione da parte di molteplici componenti di Collegi Sindacali e Revisori che negli ultimi anni hanno partecipato ai convegni sull argomento che mi hanno visto relatore in molte parti d Italia (vedere sezione Convegni). La mia gratitudine va innanzitutto agli amici carissimi Paolo, Anna, Valeriano, Betta, 1 Cap. I par XVI

15 Presentazione III Edizione i due Gigi, Silvana, Tiziana, Chiara, Roby, Marco, Siro, Eleonora, Davide, Carmelo, Giusi per il sostegno morale. Riconoscenza particolare al collega Dott. Walter Turrina per l aggiornamento apportato ai Capitoli 17 e 58. Un ringraziamento specifico, come nelle due precedenti edizioni, all amico Marco Mattana per il contributo informatico oltre che costante, scrupoloso e tempestivo oltremodo essenziale per lo sviluppo del presente volume. XVII

16 Presentazione II Edizione L uscita di questa seconda edizione del manuale, voluta fortemente dall editore a conferma del lusinghiero successo che l opera ha ottenuto, mi rende oltremodo orgoglioso. Il notevole consenso che i colleghi professionisti hanno tributato alla prima edizione mi ha spinto ad ampliare l oggetto della trattazione ed estenderlo alle verifiche del Collegio Sindacale ed ai controlli del Revisore nelle PMI; il presente Manuale quindi consta di due parti aggiuntive. Le 6 parti già esistenti dalla prima alla sesta sono state aggiornate con specifici riferimenti a tutti i principi di revisione emanati all ottobre 2007 nonché a quelli ancora in bozza allo stato attuale. Ho potuto aggiungere 8 nuove check list riguardanti i rischi di errori significativi e frodi, la valutazione al fair value, revisione degli strumenti finanziari derivati nonché un riepilogo per valutare il rischio di revisione in tutti i cicli e voci di bilancio. Nella prima delle 2 parti aggiunte (Parte VII) ho ridotto i questionari e le check list proposti nelle parti II, III, IV, V in un complesso di circa 90 carte di lavoro. Ogni carta di lavoro presentata porta in testa i principi di revisione di riferimento e tutte sono già predisposte in forma di faldone per un utilizzo immediato. Nella seconda parte aggiunta (Parte VIII) ho inserito la pianificazione, i 4 verbali del Sindaco, i 4 verbali del Revisore ed il verbale di commento sul bilancio per un totale di circa 70 pagine. I verbali sopra citati sono preceduti da 192 controlli che fanno riferimento al principio di revisione 300 e, nelle PMI, vanno a sostituire la parte II del manuale riguardante appunto la pianificazione. I verbali sono di per sé esaustivi in quanto ogni verifica corrisponde ad un commento sintetico ma completo; il professionista in questo modo ha il controllo totale di tutti i controlli da effettuare evitando duplicazioni o dimenticanze. In questi giorni, alla vigilia di questo lancio editoriale mi auguro di aver fornito agli oltre revisori italiani un utile strumento di lavoro. Quest opera si propone l ambizioso obiettivo di dare al professionista ogni strumento necessario per poter eseguire in maniera completa la revisione contabile nelle aziende industriali, commerciali nonché indicare precise guidelines per le verifiche sindacali ed i controlli del revisore nelle P.M.I. In questa seconda edizione sono presentati e suggeriti i seguenti strumenti: a) per tutte le imprese i concetti generali (parte I) nonché i Verbali da redigere nelle 4 visite ed il commento conclusivo sul bilancio (parte VIII); b) per le imprese di maggiori dimensioni: adeguate e complete check list, questionari, programmi di revisione tratti dai Principi di Revisione e dalla «Pratica Professionale» italiana ed internazionale (Auditing Guidelines) che mettono il professionista, revisore contabile indipendente, in condizione di condurre agevolmente il proprio intervento e verificare che siano applicati i principi contabili di riferimento Parti II, III, IV, V); c) per le P.M.I.: la pianificazione dell intervento Sindaco/Revisore (Parte VII) compren- 1 Appendice 10. XVIII

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Premessa Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Attuazione della direttiva

Dettagli

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI SUL BILANCIO Articolo 2409-ter 1. Il revisore o la società incaricata del controllo contabile: a).; b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto,

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE IL MONDO CAMBIA IN FRETTA. MEGLIO ESSERE DINAMICO Siamo una società vicentina, fondata nel 1999, specializzata nella realizzazione di software gestionali

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PEC rdallanese@liuc.it raffaella.dallanese@odcecmilano.it Nazionalità Italiana Data di nascita 07,

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli