FARE AFFARI IN SERBIA 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FARE AFFARI IN SERBIA 2013"

Transcript

1 FARE AFFARI IN SERBIA 2013

2 FARE AFFARI IN SERBIA 2013 Pubblicato dall Agenzia per la promozione dell esportazione e degli investimenti stranieri Via Vlajkoviceva, Belgrado, Serbia Telefono: Fax: Supportato da Camera di Commercio Italo-Serba Kneza Milosa 56, Belgrado, Serbia Telefono: Fax: Designato da SIEPA Fotografia- Goran Radosavljevic Copertina- FIAT, Serbia Stampa- Avantguarde

3 04-05 INDICE 01 INTRODUZIONE 02 AMBIENTE ECONOMICO Stabile e prevedibile 03 PERCHE INVESTIRE? Scambio senza limiti Risorse umane Posizione geografica favorevole Costi operativi bassi Incentivi finanziari SIEPA - Un decennio al servizio degli affari in Serbia 04 DOVE INVESTIRE? Industria automobilistica Agricoltura e prodotti alimentari Servizi informatici Industria elettronica Industria edile Industria tessile Industria farmaceutica Servizi condivisi e BPO Fonti di energia rinnovabili Settore immobiliare. Industria del legno e dell arredamento Settore creativo SIEPA - Banca dati dei fornitori 05 PASSI DA PRENDERE Lavorare in Serbia Mercato immobiliare ad uso ufficio e residenziale Normative edilizie SIEPA: Banca dati delle località per gli investimenti

4 INTRODUZIONE Egregi Lettori, Afflusso, 2011 (Milioni di euro) SERBIA 2,200 Romania 1,917 Croazia 1,356 Bulgaria 1,341 Ungheria 1,000 Slovenia 766 Slovacchia 518 Macedonia 303 Siamo testimoni dei profondi cambiamenti nei modi in cui viviamo le nostre vite, comunichiamo, competiamo e organizziamo il nostro business. Nessuno si può permettere di non considerare le sfide che ci pone il mondo, e noi in SIEPA crediamo che questi cambiamenti non dovrebbero portare al pessimismo o a un comportamento passivo. Anzi, noi vediamo il nostro percorso come un continuo miglioramento, dal supporto alle riforme economiche e politiche in Serbia ai servizi che mettiamo a disposizione per i nostri clienti. Non siamo soli nel processo di riforma, dato che abbiamo un forte supporto da parte dell Unione Europea. La Serbia ha ottenuto lo status di Paese candidato all ingresso nell UE nel mese di marzo del 2012, il che è un passo importante che dimostra che siamo pronti per iniziare trattative formali e diventare un giorno Stato membro dell UE traguardo di tutti i governi sin dall anno Il mondo si trova in mezzo a una rivoluzione tecnologica, che ha ispirato un gran numero di idee brillanti e ha aperto una miriade di opportunità. La cosa migliore riguardo a ciò è che lo strumento principale per cogliere i vantaggi da tali opportunità non è una costosa apparecchiatura acquistata lontano, ma qualcosa che si coltiva in zona: le persone. Può darsi che il terreno fertile serbo, conosciuto a livello mondiale, abbia iniziato il processo da solo e la Microsoft ha soltanto continuato questa tendenza costituendo a Belgrado il centro di sviluppo e innovazione. National Cash Register (NCR) deve aver preso in considerazione tutto ciò, quando ha deciso di fondare il suo centro di eccellenza in Serbia. Le persone in Serbia conoscono molto bene la crisi mondiale - probabilmente questa intima comprensione ci aiuta a offrire una migliore prestazione. Abbiamo registrato uno dei risultati migliori nell attirare l IDE (Investimenti Diretti Esteri) nel 2011, superando tutti i nostri concorrenti in zona e portando in Serbia giganti mondiali come Bosch, Siemens e Benetton, Microsoft e Geox. Nello stesso tempo, il nostro export è aumentato ancora di quasi 15% rispetto all anno precedente e la FIAT sta per iniziare ad esportare il suo nuovo modello dopo aver incrementato l investimento di un miliardo di euro. Nonostante il fatto che l UE sia il mercato principale per i nostri prodotti, noi crediamo che l area di libero scambio con la Federazione Russa, Bielorussia e Kazakistan avrà il ruolo più importante nelle nostre future attività commerciali. Noi in SIEPA miglioreremo in continuazione i nostri servizi e offriremo ai nostri clienti il genere di supporto che va oltre le opportunità di lavoro solitamente legate alle Investment Promotion Agencies. Miriamo a diventare il punto centrale per lo sviluppo di business in Serbia e La invitiamo a unirsi alla nostra rete per aiutiarla a crescere. Bozidar Laganin Direttore, SIEPA Fonte: Banche Centrali, IPA Telenor Gazprom FIAT Delhaize Stada Mobikom Austria ABinBev Eurobank EFG US Steel Carlsberg Kronospan Michelin Bosch Heineken Cooper Tires Fonte: Banca Centrale Serba 160 Milioni di euro 150 Milioni di euro 67 Milioni di euro 650 Milioni di euro 570 Milioni di euro 530 Milioni di euro 500 Milioni di euro 280 Milioni di euro 150 Milioni di euro 70 Milioni di euro 50 Milioni di euro 947 Milioni di euro 944 Milioni di euro 932 Milioni di euro 1,602 Milioni di euro Come è stato previsto dal KPMG Belgrado nel novembre 2011, nonostante la crisi mondiale, l afflusso degli investimenti esteri in Serbia nel 2011 è stato il più grande nella regione.

5 08-09 Nel corso degli ultimi anni, l economia serba ha vissuto una crescita grazie a ingenti investimenti stranieri e un miglioramento continuo del proprio ambiente economico, anche durante la crisi e la recessione del Le tasse non sono state aumentate fino a 2012, nonostante l aumento delle entrate pubbliche, mentre gli stipendi reali e gli altri contributi relativi agli stipendi sono stati ridotti. Sono state adottate azioni specifiche per rafforzare la responsabilità fiscale e migliorare la trasparenza delle politiche e della pubblica amministrazione. Questo rimane una priorità fondamentale nel prossimo futuro. Nell agenda del governo sono previste maggiori riforme del sistema pensionistico e delle politiche sociali, il cui scopo è quello di aumentare gli incentivi per i datori di lavoro e diminuire la tassazione degli stipendi. Il governo e la Banca Centrale serba hanno espresso una forte dedizione nell impegno costante con l FMI e la Banca Mondiale, che daranno supporto politico e consigli per le riforme strutturali. Alla fine del settembre 2011, il Consiglio di Amministrazione dell FMI ha approvato per la Repubblica della Serbia un Accordo Stand-By della durata di 18 mesi per un valore di circa 1,1 miliardi di euro. Questo è stato fatto per mantenere la stabilità macroeconomica e finanziaria in un ambiente regionale e globale incerto. Inoltre, il programma è stato indirizzato per migliorare il clima degli investimenti e proteggere l economia della Serbia dai rischi, compresi gli effetti negativi di ricaduta (i cosiddetti effetti di spillover ), dalla seconda fase della crisi globale. La posizione esterna della Serbia è stata valutata più equilibrata rispetto al periodo antecedente alla crisi del Questo si rispecchia in un deficit delle partite correnti inferiore, in un tasso di cambio più competitivo, in un buon livello di riserve internazionali. L attuazione della politica monetaria è stata efficace, mentre la riduzione delle pressioni inflazionistiche ha creato spazio per un ulteriore politica di allentamento. Il sistema bancario è stato valutato come liquido e ben capitalizzato, a seguito delle politiche economiche caute, che sono state perseguite prima e durante la crisi. L adesione all UE rimane la priorità assoluta del governo serbo. Dopo che, nell ottobre del 2011, la Commissione europea ha proposto la Serbia per ricevere lo status di candidato all UE, essa è diventata, il primo marzo del 2011, anche ufficialmente, candidato all ingresso nell UE. Oltre a lodare le riforme sostanziali degli anni precedenti, la Commissione ha sottolineato che la Serbia ha fatto passi importanti verso la creazione di un mercato economico funzionante e verso l ottenimento di un certo grado di stabilità macroeconomica, nonostante la crisi economica e finanziaria globale. Sulla base del programma nazionale per l integrazione europea, il quadro normativo del paese è in procinto di essere pienamente armonizzato con l acquis comunitario entro la fine del Gli investitori esteri godono dello stesso trattamento di cui godono gli investitori serbi; esso è dotato di piena certezza del diritto e di tutela nei confronti dei diritti acquisiti in virtù degli investimenti. La protezione del capitale estero è ulteriormente garantita dai trattati bilaterali sugli investimenti che sono stati ratificati tra la Serbia e altri 32 Paesi. Per conoscere l elenco completo di questi paesi, si prega di consultare il sito web SIEPA. Fino ad oggi, 26 Stati membri dell UE hanno ratificato l Accordo di stabilizzazione e associazione (deve ancora essere ratificato solo dalla Lituania). L Accordo di stabilizzazione e associazione all UE è stato firmato nell aprile del 2008, mentre la domanda di adesione all Unione europea è stata presentata nel dicembre del Per accelerare il processo d integrazione economica e commerciale, la Serbia ha iniziato l attuazione unilaterale dell Accordo interinale sugli scambi e sulle questioni commerciali, nel gennaio del Inoltre, la Serbia sta eliminando gradualmente i dazi doganali sull importazione dei prodotti industriali e di alcuni prodotti agricoli provenienti dai paesi membri dell UE; la Serbia ha in progetto di abolire tutti i dazi doganali entro il I negoziati con l Organizzazione Mondiale del Commercio sono nella loro fase finale. La Serbia si sta sforzando di definire i dettagli tecnici con gli Stati Uniti, il Brasile e l Ucraina. L adesione all Organizazzione Mondiale del Commercio è prevista prossimamente.

6 10-11 Il primo marzo del 2012, la Serbia ha ottenuto lo status di paese candidato all ingresso nell Unione Europea. La Serbia non ha cambiato le aliquote fiscali dal aliquote fiscali in serbia sono ancora tra i più favorevole in Europa. Tra il 2004 e il 2008, la Serbia è stata una delle economie più crescenti d Europa. La forte crescita del PIL è stata in gran parte determinata dai settori di servizi quali le telecomunicazioni, la vendita al dettaglio e il settore bancario. Alla luce della crisi finanziaria globale, l uscita dell economia serba 2009 si è ridotta del 3,5% prima di espandersi dell 1% nel Questo è stato il risultato di una serie completa di misure dello Stato, incluse le misure dei prestiti bancari sovvenzionati dallo stesso stato. Nel 2011, l economia è cresciuta di circa 1,9% (secondo la stima della Banca Centrale serba), ma la crescita dovrebbe rallentare dello 0,5% nel 2012 a causa di una lieve recessione della zona dell euro, la quale rappresenta il principale partner d esportazione della Serbia. PIL, Serbia comparazione con la zona dell euro PIL zona euro Tuttavia, è stimato che l aumento del saldo della bilancia commerciale aumenterà anche il PIL. Esso è dovuto prevalentemente alla prossima realizzazione degli investimenti concordati, in particolare nel settore automobilistico. Partendo dal presupposto che i mercati delle esportazione della Serbia si recupereranno, a partire dal 2013 è prevista una crescita economica più alta, per via dell aumento del saldo della bilancia commerciale, delle spese delle famiglie e delle spese pubbliche. Nel quarto trimestre del 2011 l inflazione ha continuato a diminuire e nel dicembre del 2011 è diminuita quasi fino al limite superiore della soglia di tolleranza prevista, misurando il 7,0% (il target di dicembre: 4,5±1,5%) Pil Serbia Fonte: NBS, Eurostat Nel dicembre del 2011, Bloomberg ha valutato il dinaro serbo come la seconda moneta europea per la sua forza e per la capacità di attirare i capitali stranieri. Il dinaro è cresciuto del 2,7% rispetto all anno precedente, mostrando la ragione che stava dietro l ottimismo di Bloomberg sugli investimenti e la prospettiva economica della Serbia. La stabilità della moneta nazionale è stata ulteriormente rafforzata dalla continua crescita dei proventi delle esportazioni. Nel 2011, il valore del PIL pro capite ha mostrato i segni di una tendenza al rialzo dopo un aumento nel Tuttavia, il PIL pro capite della Serbia è solo il 35% del PIL medio europeo e quindi c è tanto margine di miglioramento. Alla fine del terzo Tasso di crescita annuale in euro 30.4% 2006 Fonte: NBS Pil pro capite, parità dei poteri di acquisto (PPA, PPP in inglese): 10, % , Fonte: Fondo monterario internazionale *valutazione, settembre % , trimestre del 2011, il settore bancario serbo era costituito da 33 banche. Del numero totale di banche, 21 erano di proprietà straniera e 12 di proprietà interna. Di queste, 8 banche erano di proprietà dello Stato (sia come azionista di maggioranza sia come importante socio di minoranza) e 4 di proprietà privata. In termini di quote delle risorse totali del settore bancario, le banche di proprietà straniera più significative vengono dall Italia e dall Austria (22% e 18%, rispettivamente), poi dalla Grecia (16%), dalla Francia (9%) e da altri paesi (8%). Le banche di proprietà straniera sono i membri dei gruppi bancari provenienti da 11 paesi diversi % , * 18.8% , * 15.0% , *

7 12-13 L aliquota del 15% d imposta sull utile d esercizio più bassa d Europa Classifica degli IDE per il numero di progetti: 15.5% 13.5% 13.2% 10.6% 5.9% Germania Italia Austria Slovenia Grecia Fonte: SIEPA, 2013* 5.6% Francia 5.0% Israele 3.3% Stati Uniti 3.0% Croazia Scambio senza limiti Risorse umane Posizione geografica favorevole Costi operativi bassi Incentivi finanziari Classifica degli IDE per il valore: 12.9% Austria 11.1% Italia 10.2% Grecia 8.2% Norvegia Fonte: SIEPA, 2013* 7.7% Germania 7.2% Stati Uniti 5.9% Slovenia 5.1% Russia 5.1% Belgio Molte delle aziende più famose del mondo hanno riconosciuto la potenzialità economica della Serbia e hanno deciso di allocare le loro risorse nel nostro paese. Per alcune aziende, la Serbia funge da centro manifatturiero che consente esportazioni esenti da dazi verso un mercato di quasi 1 miliardo di persone. Le altre sono attirate dalla forza di lavoro altamente qualificata, facilmente addestrabile, con la conoscenza della lingua inglese a livello altissimo e dall imposta sugli utili aziendali estremamente bassa (del 15%). Indipendentemente dal motivo per il loro interesse iniziale, le aziende che decidono di allocare le risorse in Serbia o condurvi scambi trovano un paese affidabile e dinamico, il quale offre un opportunità in più rispetto a quanto hanno percepito all inizio. Se guardiamo l origine nazionale di aziende che hanno investito in Serbia, è chiaro che i paesi dell Unione europea dominano negli investimenti e che anche le aziende americane e russe hanno mostrato un forte interesse. Gli investimenti russi dominano nel settore del petrolio e del gas (Gazprom e Lukoil), mentre l investimento di 16 miliardi di euro da parte di Telenor mette la Norvegia ancora in cima alla lista di valori dell IDE (Investimento Diretto Estero). Il contributo del Belgio agli IDE totali è stato limitato fino a concludere un affare di 1 miliardo di euro per acquisire un rivenditore locale alimentare, Maxi. Le banche greche sono state tra le prime ad entrare nel mercato serbo con molte privatizzazioni e acquisizioni in questo settore tra il 2001 e il L Austria si trova in cima alla lista, in primo luogo per la vicinanza delle due economie e una forte motivazione delle aziende austriache di crescere nei mercati dell Europa dell Est. La Germania e l Italia sono i principali partner commerciali della Serbia (sono alla pari in termini di mercati di esportazione della Serbia) e collaboratori chiave per gli IDE. La Slovenia, il primo paese della ex Yugoslavia a far parte dell UE, svolge un ruolo importante nel portafoglio di investimenti diretti esteri. Le aziende serbe hanno inoltre realizzato diversi investimenti importanti in Slovenia. Tuttavia, il numero di progetti di investimento registrati dimostra un immagine leggermente diversa: mentre la Norvegia, il Belgio e la Russia non sono più nei primi 10, gli Stati Uniti rimangono ancora nell elenco. Le aziende francesi hanno una rappresentanza più forte, prevalentemente per il gran numero di investimenti nel settore automobilistico. La Germania, l Italia, l Austria e la Slovenia sono estremamente importanti in termini di numero di progetti e valore degli investimenti. Traspare l importanza della vicinanza e la conoscenza dei mercati locali e regionali dell Ungheria e della Croazia che occupano i primi posti in termini di numero complessivo dei progetti. Gli investitori israeliani sono fortemente coinvolti nel settore immobiliare con un gran numero di progetti in conduzione, e dunque, negli anni a venire, si attende una loro salita nell elenco. * La banca dati di SIEPA dei progetti di investimento dal 2001 fino ad oggi include più di 300 progetti di investimenti esteri del valore di 19,5 miliardi di euro e tiene traccia di tutti i tipi di investimenti nel settore manifatturiero e nel settore di servizi (privatizzazioni, acquisizioni, investimenti di Greenfield, di Brownfield ecc). Tuttavia, non include gli investimenti di portafoglio. I dati sono ottenuti da fonti diverse: progetti SIEPA, questionari inviati agli investitori, associazioni degli investitori stranieri, notizie. Anche se la SIEPA fa tutto il possibile per fornire i dati più precisi e aggiornati sui progetti di investimento, l agenzia non può essere ritenuta responsabile per informazioni sbagliate o incomplete.

8 14-15 STATI UNITI Il regime delle esportazioni esenti dai dazi doganali si applica a circa prodotti, inclusa la maggior parte dei prodotti semilavorati e finiti, alcuni prodotti agricoli e i prodotti dell industria primaria. L elenco dei prodotti eleggibili è oggetto di revisione e aggiornamento due volte all anno in base alle esigenze delle industrie statunitensi. Grazie agli accordi di libero scambio con questi paesi, la Serbia è il luogo ideale per aprire il centro manufatturiero o distributivo che servirebbe i mercati della Federazione Russa, l Europa del sud-orientale, i paesi dell UE e dell AELS, gli Stati Uniti, la Bielorussia e la Turchia. Oltre alla Comunità degli Stati Indipendenti, la Serbia è l unico paese che gode di un accordo di libero scambio con la Russia. Aumentate le vostre competenze usando i benefici dall accesso al mercato di miliardo di persone senza il regime dei dazi doganali. UE Esistono solo i limiti alle esportazioni di vitello, zucchero e vino, e queste sono limitate da quote annuali. Le importazioni dall UE sono esenti dai dazi doganali per la maggior parte dei prodotti, tuttavia, è prevista la progressiva abolizione dei dazi sull importazione di prodotti agricoli industriali e di certi prodotti agricoli entro il CEFTA Oltre allo scambio esente dei dazi doganali tra i paesi membri, l accordo stabilisce accumulo di origine dei prodotti, il che significa che i prodotti esportati dalla Serbia sono considerati di origine serba se i materiali integrati provengono da altri paesi CEFTA, Unione europea, Islanda, Norvegia, Svizzera (compreso il Liechtenstein) o Turchia, purché tali prodotti abbiano subito una trasformazione sufficiente, i.e. se almeno il 51% del valore aggiunto del prodotto provenga dalla Serbia (se il valore aggiunto è superiore al valore dei materiali utilizzati in Serbia). La Federazione Russa L accordo stabilisce che i beni prodotti in Serbia, cioé quelli che hanno almeno il 51% del valore aggiunto dalla Serbia, sono considerati di origine serba ed esportati in Russia esenti dai dazi doganali. L elenco dei prodotti esclusi dall accordo di libero scambio è soggetto a revisione annuale. A partire dal marzo 2012, l elenco dei prodotti esclusi include: pollame e rifiuti commestibili, alcuni tipi di formaggi, zucchero, spumante, etil-alcool, tabacco, filati di cotone, tessuti, alcuni tipi di compressori, trattori e autovetture nuove e usate. Inoltre, esiste l elenco dei prodotti provenienti dalla Russia che sono esclusi dall accordo. Bielorussia Ci sono solo poche eccezioni all accordo tra la Bielorussia e la Serbia, che riguardano zucchero, alcool, sigarette, auto usate, autobus, e pneumatici. Turchia Le aziende della Serbia possono esportare in Turchia senza pagare i dazi doganali. Le importazioni di prodotti industriali provenienti dalla Turchia sono generalmente esenti dai dazi doganali, tuttavia, i dazi saranno progressivamente eliminati per un gran numero dei prodotti nel corso del periodo di sei anni, fino al I dazi doganali restano in vigore per i prodotti agricoli. EFTA (AELS Associazione Europea per il Libero Scambio) I prodotti industriali esportati dalla Serbia negli Stati membri dell AELS (Svizzera, Norvegia, Islanda e Liechtenstein) sono esentati dal pagamento dei dazi doganali, ad eccezione di un numero molto limitato di beni, compresi i pesci e altri prodotti marini. I dazi doganali per le importazioni di prodotti industriali originari dagli Stati membri dell AELS saranno gradualmente aboliti entro il Il commercio di prodotti agricoli è disciplinato da accordi specifici, stipulati con ogni Paese membro dell AELS, riconoscendo delle concessioni reciproche per categorie specifiche di prodotti.

9 16-17 Secondo il rapporto sui risultati di innovazione dell Unione europea (L EIS - L European Innovation Scoreboard), nel 2011, la Serbia ha dedicato più fondi allo sviluppo scientifico dell anno precedente rispetto a qualsiasi altro paese dell UE. FORMAZIONE La forza lavoro della Serbia offre una combinazione unica di alta qualità, grande disponibilità e efficacia di costi convenienti. Si tratta di uno dei fattori fondamentali per garantire un alta prestazione di lavoro. Per decenni, la Serbia ha promosso intense relazioni con le principali economie occidentali. Ai primi posti dell elenco delle grandi aziende con cui ha mantenuto legami solidi troviamo: Siemens, Alcatel-Lucent, General Motors, Fiat, Ikea e ancora molte altre aziende. Durante gli anni di collaborazione, i lavoratori serbi hanno ricevuto un know-how specifico ed hanno adottato le tecnologie avanzate e uno standard del rigoroso controllo di qualità. Avendo una vasta esperienza nella produzione e nella gestione, il personale locale richiede solo un minimo di formazione per adottare tecnologie e processi di assemblaggio di ultima generazione. Le università e le facoltà serbe formano all incirca laureati ogni anno, dei quali un terzo viene dalle università tecniche. Le istituzioni migliori di questo campo, come la Scuola di Ingegneria Elettrica o la Scuola di Ingegneria Meccanica di Belgrado e l Università Tecnica di Novi Sad, sono riconosciute a livello internazionale per la loro competenza. La formazione tecnica di alta qualità è in maggior parte basata sulle scuole elementari e superiori che offrono un curriculum più avanzato nel campo delle scienze tecniche rispetto alla maggior parte dei paesi dell Europa centro-orientale. La formazione della gestione e management in Serbia è offerta tramite le lauree congiunte e i corsi post-laurea organizzati dalle università locali e dalle rinomate business school occidentali, come la francese HEC, e le scuole inglesi - Sheffield University e Heriot-Watt University. Inoltre, c è un numero crescente delle scuole internazionali elementari e medie in Serbia. In questo momento, esse offrono i programmi in inglese, tedesco, francese e russo e anche gli esami riconosciuti a livello internazionale. Numero delle persone disoccupate registrate, per la fascia di età (novembre 2011) Età Totale 691, , , , , ,078 DISPONIBILITÀ Il mercato del lavoro in Serbia è diventato veramente vivace, con un numero crescente di investitori internazionali che localizzano le loro attività nel nostro paese. L assunzione di giovani laureati e laureandi è semplice se consideriamo l elevato tasso di disoccupazione, in particolare nella fascia di età tra i 20 ed i 30. Molti desiderano lavorare per le imprese internazionali. I lavoratori serbi hanno una forte etica del lavoro e FLESSIBILITÀ Le normative sul lavoro sono trasparenti e comprensive. Durante i giorni di assenza per malattia, viene pagato il 65% dello stipedio medio (viene preso lo stipendio medio di tre mesi precedenti). Ci sono cinque giorni lavorativi alla settimana che vengono distribuiti dallo stesso datore di lavoro. Di solito un giorno lavorativo consiste di otto ore mentre una settimana consiste normalmente di 40 ore. Le ore straordinarie possono arrivare fino a quattro ore al giorno, oppure otto ore alla settimana in totale, e vengono pagate da parte. Per le ferie annuali è prevvisto il minimo di 20 giorni. COSTI COMPETITIVI Gli stipendi medi in Serbia sono talmente bassi da assicurare le operazioni con costi efficaci. Mentre solo leggermente superiori rispetto ai paesi vicini come la Romania, i costi totali per i datori di lavoro sono solo il 60% del livello di costi dei paesi dell Europa centro-orientale. I contributi per la previdenza sociale e le tasse Stipendio lordo mensile (euro) Fonte: Servizio di collocamento nazionale della Republica di Serbia Fonte: Istituto di Vienna, 2013 la demografia è favorevole per le imprese straniere: un patrimonio di persone ambiziose e formate accoppiato ad un alto tasso di disoccupazione mantiene le aspettative dei salari ai livelli competitivi. Il tasso di disoccupazione è pari al 25%, mentre la percentuale dei laureati in cerca di lavoro è pari all incirca al 12%. Il numero di ingegneri e manager è sufficiente a soddisfare la domanda crescente delle aziende internazionali in Serbia. Struttura delle persone disoccupate secondo il livello formativo (dicembre 2010) Scuola elementare 33.47% 244,218 Scuola media Fonte: Servizio di collocamento nazionale della Republica di Serbia Serbia 508 Bosnia Erzegovina 660 Ungheria 771 Slovacchia % 396,350 Università e facoltà 12.19% 88,915 su stipendi arrivano all incirca al 60% della retribuzione netta, ma il carico fiscale per i datori di lavoro può essere in gran parte ridotto attraverso una varietà di incentivi finanziari e fiscali. Lo stipendio medio lordo in tutti i settori economici nel 2013 è stato approssimativamente 508 euro, tuttavia i costi del lavoro variano a seconda delle industrie individuali, le città e i livelli di istruzione. Il rapporto medio delle retribuzioni a seconda dei vari settori economici e varie città possono differire tanto quanto il rapporto 4:1, mentre la fascia di reddito per i lavoratori di diversi livelli di istruzione raggiunge il rapporto 3:1. I livelli di salari, in maggior parte, rimangono e rimarranno ragionevolmente stabili. Lo stipendio minimo deve essere lo stipendio minimo legale determinato dal mutuo consenso del governo serbo, i sindacati di lavoro e l associazione dei datori di lavoro. Al momento esso è 1 all ora. Polonia 846 Repubblica Ceca 999 Croazia 1,048

10 18-19 Londra 2042 km Minsk 1532 km Mosca 2235 km Stoccarda 1451 km Vienna 612 km Bratislava 578 km Durata di volo dalle grandi città FINO A FINO A FINO A Più di Roma, Bucarest, Istanbul, Lubiana, Vienna, Zurigo, Sarajevo ORA Parigi, Praga, Monaco di Baviera, Berlino, Dusseldorf, Francoforte, Kiev, Milano ORE ORE ORE Mosca, Londra, Stoccolma, Amsterdam Toronto, New York Grazie alla sua posizione di confine geografico tra l Oriente e l Occidente, alla Serbia si è spesso riferito come la porta d Europa. Le due strade importanti d Europa, il numero VII corrispondente al percorso del fiume di Danubio e il numero X l autostrada e la linea ferroviaria internazionali si incrociano sul territorio serbo per garantire ottimi collegamenti tra l Europa occidentale e il Medio Oriente. La Serbia è quindi un luogo ideale per un azienda che desidera destinare le proprie operazioni e che vuole raggiungere in modo più efficiente i suoi clienti dell UE, i paesi SEE o il Medio Oriente. Confinante con l UE, la Serbia offre anche la possibilità di godere di tutti i vantaggi tipici di coloro che operano al di fuori dell UE essendo in grado di fornire servizi e trasportare i merci in tempi previsti e flessibili. Il modo più efficace per raggiungere la Serbia è in aereo, utilizzando uno dei due aeroporti internazionali l aeroporto di Belgrado e l aeroporto di Niš. La facilità di viaggiare da Belgrado a quasi ogni destinazione del mondo, direttamente o con scalo, è offerta da quasi tutte le compagnie aeree più grandi del mondo. L orario di voli giornalieri per i fulcri di trasporto più importanti come Francoforte, Roma, Mosca comprende più di quattro voli al giorno. Una volta a Belgrado, l aeroporto di Nikola Tesla si trova a soli 18 km di distanza dal centro e, prendendo l autostrada, non ci vogliono più di 20 minuti per raggiungere il cuore della città. La rete stradale collega l aeroporto con le strade principali internazionali E-75 e E-70 che sono una connessione importante tra la capitale della Serbia e Zagabria, Niš, Novi Sad, Subotica, e altre città della Serbia e della regione. Il traffico aereo a Niš è meno frequente, tuttavia fornisce un buon collegamento internazionale. Salzburg 989 km Lubiana 510 km Graz 699 km Amsterdam 1722 km Amburgo 1547 km Berlino 1255 km Bucarest 641 km Francoforte 1282 km Kiev 1302 km Milano 1009 km Monaco di Baviera 930 km Roma 1289 km Varsavia 1067 km Zurigo 1175 km Praga 907 km Zagabria 442 km Skopje 889 km Gomenizza 1051 km Budapest 384 km Serbia collega l Oriente e l Occidente. La sua preziosa posizione nel cuore del sud-est dell Europa la rende un luogo eccezionale per gli investimenti. Sofia 756 km Salonicco 637 km Konstanza 702 km Istanbul 1356 km Corridoio paneuropeo X Corridoio paneuropeo VII

11 20-21 Per incentivare i nuovi investimenti, il governo serbo fornisce anche una serie di agevolazioni, esenzione e riduzioni delle tasse per una parte dell importo investito in beni immobili (fino al 80%). Regime fiscale vantaggioso Il regime fiscale della Serbia è altamente favorevole per fare affari. L imposta sull utile d esercizio, che viene pagata ad un aliquota uniforme del 15%, è tra le più basse d Europa, mentre l IVA è tra le più competitive d Europa centrale e orientale. La base imponibile è l utile d esercizio imponibile indicato nel bilancio fiscale. Le plusvalenze sono riconosciute ai fini della valutazione dell ires. Le plusvalenze sono Imposta sull utile d esercizio 15% Serbia 10% Bulgaria 16% Romania Aliquote d imposta sui salari 12% Serbia 15% Repubblica Ceca 16% Romania IVA 20% Serbia Fonte: IPA nazionale 20% Slovacchia 20% Repubblica Ceca 19% Polonia 19% Slovacchia 20% Bulgaria generate dalla vendita o dal trasferimento di immobili, dai diritti relativi alla proprietà industriale, come azioni, titoli, alcune obbligazioni. La ritenuta fiscale è calcolata e pagata con l aliquota del 20% sulle varie forme di reddito (dividendi, partecipazioni agli utili, royalties, interessi, plusvalenze, canoni di locazione di beni immobili e altri beni) da parte di non residenti. 19% Ungheria 20% Bulgaria 23% Polonia 19% Repubblica Ceca 16% Ungheria 25% Croazia 20% Croazia 18-32% Polonia 24% Romania Per evitare i carichi fiscali non necessari, la Serbia ha stipulato le convenzioni internazionali contro la doppia imposizione con 42 paesi (dal novembre 2011) 23% Slovacchia 12-40% Croazia 27% Ungheria Analisi costi-utilità Secondo l Eurostat, i costi operativi in Serbia sono tra i più bassi d Europa. I prezzi di energia elettrica, gas e altri combustili, servizi postali, telefonia di rete fissa, servizio di fax e manutenzione di veicoli a motore sono i più bassi rispetto agli altri 37 paesi europei. I costi dei servizi di telecomunicazione, soprattutto dei servizi postali, delle attrezzature di telecomunicazione e delle spese telefoniche sono in fondo alla lista, molto più inferiori rispetto a quasi tutti i paesi europei, solo il 39% della media europea. L industria per la produzione di energia elettrica della Serbia (che è al 100% di proprietà Fonte: Eurostat dello Stato) è l unico fornitore di elettricità al momento. Il prezzo dell energia elettrica varia a seconda della categoria di consumatori e tariffa giornaliera. La compagnia statale Srbijagas è il fornitore primario di gas naturale in Serbia e segue la sua politica dei prezzi in conformità ai prezzi mondiali dei derivati del petrolio e alle fluttuazioni del tasso di cambio del dollaro americano. Il prezzo di riferimento per un metro cubo di gas (valutato per il consumo annuale dei GJ, per la Serbia GJ, e il tasso di cambio 1 EUR = 99,91 RSD) è 0,336 euro per un metro cubo. Prezzo speciale per l energia elettrica per i consumatori industriali Metodologia dell Eurostat (euro centesimi / kwh) SERBIA Bulgaria Romania 8.50 Croazia 9.32 Polonia 9.29 Repubblica Ceca Austria 9.05 Slovacchia Germania Italia Ungheria Senza tasse Tasse e IVA Parametro di refferimento: Consumi annui tra MWh per Serbia 2000 MWh Tasso dicambio: 1 EUR = RSD

12 22-23 SIEPA sportello unico per il sostegno finanziario Per compensare gli investimenti di capitale iniziali e facilitare l avviamento dell impresa, il governo della Serbia offre gli incentivi finanziari per i progetti Greenfield e Brownfield, nel settore manifatturiero, settore di servizi destinati all esportazione e progetti nel settore del turismo. Gli incentivi a fondo perduto sono offerti dalla Siepa nell importo che varia da a euro per ogni nuovo posto di lavoro creato. I requisiti per l assegnazione degli incentivi sono il numero minimo di nuovi posti di lavoro (10 per i servizi, 50 per il settore manufatturiero) e l importo minimo dell investimento (dal 0,5 ad 1 milione di euro, 5 milioni per gli investimenti nel settore di turismo). I fondi statali vengono assegnati sulla base di una serie di criteri come le referenze dell investitore, il coinvolgimento di fornitori nazionali nel prodotto finale, gli effetti dell investimento e sulle risorse umane e gli altri criteri di valutazione degli effetti del progetto sulla comunità locale. Erogazione dei fondi viene fatta in quattro rate per tutta la durata del progetto. I progetti di investimento nelle industrie dei servizi condivisi e BPO (Business processing outsourcing) hanno un trattamento speciale in quanto il valore del contratto di locazione durante tutto il processo di investimento è incluso nel valore dell investimento, e per tali progetti i fondi vengono erogati in due rate. I pacchetti speciali sono disponibili per i grandi investitori che investono almeno 50 milioni di euro e impiegano 300 persone e anche per gli investitori medi che impiegano almeno 150 persone e investono almeno 50 milioni di euro. Questi progetti sono ammissibili a ricevere fino fino al 20% o fino al 10% del valore totale dell investimento, rispettivamente. statistiche basate su implementazione del decreto, Gennaio Numero totale dei progetti attivi euro Valore totale dei progetti euro Valore totale dei sussidi promessi Nuovi posti di lavoro creati euro Valore medio al progetto La SIEPA è stata costituita più di un decennio fa, con la missione di sostenere le aziende estere interessate ad entrare o ad espandere la propria presenza in Serbia e le aziende serbe che operano nei mercati esteri. Oggi, il personale di circa 50 impiegati multilingue gestisce progetti da e per tutto il mondo. Forniamo i servizi professionali alle aziende interessate ad avviare il proprio business in Serbia, concentrandosi su tutte le questioni relative al loro processo decisionale. Il nostro personale è pronto ad offrire informazioni sull ambiente generale degli investimenti e anche sui servizi di consulenza legale e sui servizi specifici di un settore. La nostra rete di contatti fornisce i collegamenti a tutti i livelli del governo serbo e anche con i fornitori di servizi privati. Gestendo il programma di incentivi finanziari offerti da parte del governo, abbiamo sostenuto l apertura di più di 40 mila nuovi posti di lavoro dall inizio del nostro programma nel Allo stesso tempo, abbiamo supportato in modo tecnico e finanziario le aziende serbe per aumentare la loro competitività nei mercati globali. Il lavoro della SIEPA è largamente riconosciuto dalla classifica della Banca Mondiale MIGA che pone l Agenzia tra le prime cinque dei paesi in via di sviluppo e quelli in transizione. La SIEPA si trova in cima alla lista dei nostri riconoscimenti internazionali. L elenco dei nostri clienti include Fiat, Benetton, Panasonic, Bosch e molti altri leader del settore industriale a livello mondiale e regionale. Vi invitiamo a contattare il nostro personale esperto pronto ad assistervi a sviluppare le Vostre attività in Serbia. Lavorare con noi è semplice, facile, e non costa nulla.

13 24-25 Nei capitoli precedenti, abbiamo visto le ragioni principali per cui le compagnie hanno scelto la Serbia come paese ospitante per i loro progetti. Per avere un immagine completa e per comprendere il potenziale e l attrazione dell economia serba, analizzeremo i settori specifici che attirano gli investimenti maggiori. Gli investimenti nell agricoltura e nei prodotti alimentari prendono il secondo posto in termini di IDE per settore. Ci sono diverse ragioni per questo: Primo, il mercato interno in forte espansione è stato segnato da un significante numero di privatizzazioni tra il 2001 e il Questo fenomeno è stato seguito dalle grandi acquisizioni dalla parte di PepsiCo, Heineken e le altre che si verificano dopo il Secondo, il mercato ragionale del CEFTA (Accordo centroeuropeo di libero scambio) ha dimostrato di essere una delle maggiori attrazioni di IDE nel settore. Infine, come si può vedere dalle tabelle esposte, i prodotti agro-alimentari della Serbia hanno un futuro certo non soltanto in Europa, ma altrettanto in Russia e sul mercato di altri paesi. Oltre ai risultati non sorprendenti nel settore finanziario (una grande maggioranza di banche che operano in Serbia ora sono con capitale straniero), nel settore delle telecomunicazioni, di vendite e in quello immobiliare, la Serbia ha attratto investimenti significativi anche nel settore automobilistico, il quale è diventato il leader nell export. Il settore farmaceutico è altrettanto interessante per gli investitori principalmente grazie al collegamento della Serbia con i paesi di FTA (Area di libero scambio), in primo luogo con la Russia dove i nostri prodotti farmaceutici vengono esportati in quantità significative. Gli investimenti nella produzione di materiale da costruzione sono molto importanti sia per valore che per il numero di progetti. Se approfondiamo l analisi dei settori e guardiamo il numero di progetti realizzati in particolari settori, saremo in grado di comprendere il perché dell attrattiva serba. L importanza della crescita dell industria automobilistica sta conquistando sempre più valore. Questo dimostra il fatto che gli investimenti della FIAT, sebbene strategicamente importanti, non sono gli unici il settore ha molto altro da offrire. Gli investimenti agro-alimentari rimangono estremamente importanti anche per quanto riguarda il numero di progetti. Tuttavia, se consideriamo proprio il numero di progetti, il settore manifatturiero ha un ruolo molto più importante rispetto ai termini di valore. I progetti manifatturieri nel settore automobilistico, elettrico e elettronico, tessile, metallurgico e di metallo, giustificano il numero significativo di progetti totali. Queste analisi tendono a confermare il nostro orientamento strategico, considerando il fatto che il governo ha riconosciuto di importanza strategica gli investimenti nel settore automobilistico, elettronico e ICT. Tutto ciò altrettanto conferma che il messaggio chiave rivelato nei capitoli precedenti è stato correttamente compreso dalla parte del mondo degli investimenti. Nelle pagine seguenti, provvederemo alle maggiori informazioni riguardo alle industrie particolari delineate nelle analisi sopra e sottolineeremo i vantaggi di ogni settore singolarmente. IDE per settore in termini di valore Finanziari 16.6% Cibo,bevande e agricoltura 13.9% Telecomunicazioni 11.5% Commercio al dettaglio 10.0% Auto 7.7% Gasolio 7.7% Immobiliare 5.6% Tabacco 5.2% Edilizia 4.4% Farmaceutico 4.2% Metallurgico 2.3% Altro 10.9% IDE per settore in termini di Num di progetti Auto 12.5% Cibo,bevande e agricoltura 11.6% Edilizia 9.6% Tessile 7.9% Elettrico ed elettronico 6.3% Finanziario 5.3% Commercio al dettaglio 5.0% Immobiliare 5.0% Macchinari 4.6% Metallurgico 4.3% Farmaceutico 3.0% Altro 24.9% Fonte: SIEPA, 2013

14 26-27 Industria automobilistica Agricoltura e prodotti alimentari Settore informatico Industria elettronica Industria tessile Industria farmaceutica Servizi condivisi e BPo Fonti di energia rinnovabili Sono stato completamente impressionato dalla Serbia - una perla nascosta per il mondo degli affari. Sono sicuro che condividerò le mie esperienze più che positive con molti altri, dentro e fuori NCR. Jeff McCroskey, VP Services, Europa La nostra attività qui fornirà al Gruppo FIAT i mezzi necessari per estendere la sua base di clientela e sostenere il suo sviluppo da una posizione strategica e, nello stesso tempo, contribuire allo sviluppo industriale e tecnologico della Serbia. Per più di mezzo secolo, FIAT e Zastava hanno giocato un ruolo importante nell evoluzione dell industria automobilistica in Serbia. Dott. Sergio Marchionne Presidente, FIAT Group Settore immobiliare Industria del legno e arredamento Settore creativo

15 28-29 Maggiori Investitori Disponibilità di un elevato numero di personale altamente qualificato; forte educazione tecnica sia nel settore secondario che nel terziario. Posizione geografica perfetta per un efficiente servizio ai clienti di UE, Medio Oriente e Spazio Economico Europeo. Capacità sufficienti per i casi di estesi volumi di produzione. L industria automobilistica in Serbia ha una tradizione lunga più di 70 anni, iniziata dal 1939 nella città di Kragujevac, dove Zastava, fabbrica costruttrice di veicoli a motore, produceva automobili sotto licenza FIAT. I fornitori della Zastava fabbricavano rispettando le regole rigide sul livello di qualità, acquisendo gli standard di produzione di alta qualità che hanno favorito alla collaborazione con gli altri produttori di macchine: Mercedes, Ford, PSA e Opel. Oggigiorno, questo è uno dei settori più importanti in Serbia, raggiungendo quasi il 10% dell intero stock di IDE in Serbia dal Ventisette investitori internazionali hanno investito circa 1,5 miliardi di euro, creando più di posti di lavoro. L industria automobilistica serba soddisfa i bisogni di quasi tutti i maggiori produttori di macchine in Europa e Asia. La produzione di telai, parti per impianti pneumatici e sistemi di sospensione, è quella più prominente nel settore. Un altro gruppo di produzione molto importante è quello che riguarda i componenti del sistema elettrico, come le batterie e i cablaggi. Inoltre, la produzione di componenti del motore, prevalentemente fusi, è piuttosto significativa, insieme alle parti forgiate e lavorate a macchina, come alberi a camme, dischi del freno, valvole e volani. L investimento FIAT è il più grande e il più importante nel settore, non soltanto per l importo investito, ma oltre tutto per il fatto di aver aiutato ad attirare in Serbia gli altri produttori di pezzi di ricambio. Inoltre, questo è uno dei più importanti progetti di investimento negli ultimi 20 anni e un futuro stimolo di crescita dell economia serba. Bisogna altrettanto sapere che, raggiungendo il livello di unità, la capacità di produzione genererà il valore di esporto annuale di 1,5-2 miliardi di euro. Trovateci presso: Automeccanica Mosca, Mosca, Russia Automeccanica Francoforte, Francoforte, Germania La Serbia risponde ai numerosi requisiti necessari per la produzione JIT (Just in Time) con la sua forza di manodopera sempre a disposizione, buone infrastrutture e, non dimentichiamo, il forte e altamente qualificato supporto da parte del governo e delle autorità locali. Mr. Peter Prohaska, Former General Manager, LEONI Serbia

16 30-31 Maggiori Investitori La Serbia è leader mondiale nell export di lamponi surgelati - 95,5 migliaia di tonnellate esportate nel Oltre 6,12 milioni di ettari di terreni agricoli, 60% dei quali sono arabili. La Serbia usufruisce delle condizioni naturali ideali per la coltivazione di cereali, frutta e ortaggi. Il terreno è ancora uno dei più puliti in Europa e la gran maggioranza di frutta cresce in condizioni perfette; la frutta è raccolta a mano, conservata con cura e imballata in modo da raggiungere la qualità più alta e gusto unico. Il clima vario in Serbia e le ampie risorse naturali creano le opportunità eccezionali per lo sviluppo di produzione primaria di ortofrutta. Un eccellente base di materie prime, rete di FTA (Area di Libero Scambio), una lunga tradizione nella produzione di generi alimentari di alta qualità e i forti marchi regionali sono le ragioni principali che hanno incentivato gli investimenti delle società di classe mondiale in Serbia. Come abbiamo visto nelle analisi precedenti, il settore agroalimentare costituisce una porzione imponente di investimenti esteri diretti sia in termini di valore che di numero di progetti. Oltre alle materie prime e alle condizioni ottimali per la produzione di alimenti sani di altà qualità in Serbia, gli investitori possono altrettanto godere del forte supporto degli istituti serbi di ricerca agraria, riconosciuti in tutto il mondo. Le ricerche si concentrano prevalentemente sulla produzione tecnologicamente avanzata che conduce ad un alta qualità di coltivazione vegetale e di produzione di semi eco-compatibili. Inoltre, la legge in Serbia vieta la produzione e l importazione di organismi geneticamente modificati (OGM). Gli alimenti made-in-serbia sono presenti in tutto il mondo, dal Giappone fino agli Stati Uniti e vengono venduti sotto diversi marchi serbi nelle catene dei supermercati internazionali, come Tesco, Lidl, Asda, Spar, Carrefour, Metro, Idea, Leader Price, Kopeika e Rewe. Nei primi dieci mesi del 2011, la Serbia ha esportato 2,24 miliardi di dollari di prodotti agroalimentari, permettendo a questo settore di essere uno dei pochi ad aver registrato un eccedenza commerciale (1,2 miliardi di dollari). I clienti internazionali tengono in continua crescita il numero di ordini di tartufi, lamponi, mele, grano, succhi, concentrati, passati di verdura, marmellate, frutta secca e surgelata e gli altri prodotti di alta qualità della Serbia. Trovateci presso: Foodex, Tokyo, Giappone Sial, Parigi, Francia Seoul Food & Hotel, Seul, Corea World Food Mosca, Mosca, Russia PLMA- etichetta privata, Amsterdam, Olanda World Food Mosca, Mosca, Russia Anuga, Cologne, Germania Agritechnika, Hanover, Germania Un settore assai accattivante che rappresenta il 13,6% di azioni di IDE (Investimenti Diretti Esteri) dal Uno dei pochi settori industriali che registrano un eccedenza; i prodotti alimentari made-in-serbia sono presenti in tutto il mondo.

17 32-33 Maggiori Investitori Serbia - paese di 1,600 aziende ICT innovative che impiegano più di dipendenti. Il quarto centro di sviluppo Microsoft nel mondo è in Serbia, evolvendo nel tempo in un centro innovativo. Competenza settoriale per servizi di sviluppo IT personalizzati e di alto livello, includendo web design, soluzioni hardware e software. Recreate PMS Con l evoluzione del mercato IT verso l ingegneria del software in outsourcing, sistemi offshore, design e integrazioni, la Serbia ha una buona posizione sia geografica che strutturale per fornire le soluzioni affidabili e redditizie per i mercati più esigenti. Una notevole base dati di capitale intellettuale, basso costo della manodopera, competenza tecnica eccellente, buona comunicazione di rete e conoscenza fluente della lingua inglese sono soltanto alcuni dei vantaggi competitivi che aiutano a convincere le compagnie internazionali a espandere i loro affari in Serbia. La formazione tecnica in Serbia è particolarmente forte e circa 33% di laureati arrivano dalle facoltà di ingegneria. L industria impiega forza lavoro altamente qualificata, di cui 70% ha completato gli studi universitari. Un altro vantaggio dello sviluppo di affari in Serbia è il costo competitivo degli ingegneri. In confronto agli stipendi nazionali, gli specialisti nel settore IT guadagnano di più rispetto alla media, però paragonandoli ai loro colleghi in Europa, la situazione è parecchio diversa. Lo stipendio netto varia da 600 a 1200 euro al mese per il personale laureato e altamente qualificato, mentre lo stipendio lordo arriva da 1000 a 2000 euro al mese. Un ampio numero di compagnie ICT serbe mettono a disposizione forti competenze tecniche che stimolano le partnership con aziende internazionali, offrendo loro un posto nei redditizi mercati di nicchia. Trovateci presso: CeBIT, Hannover, Germania La Serbia ha un ottimo potenziale nell industria IT - è la ragione per la quale la più grande azienda di software ha deciso di aprire il centro di sviluppo a Belgrado. Dott. Christopher Brennan, General Manager dell Europa Centrale e Orientale, Microsoft

18 34-35 Maggiori Investitori Gli investimenti significanti sono segnati dalle grandi compagnie: Siemens, Panasonic, Gorenje, Elrad, ETB, Gruner, Eaton La Serbia è un paese con una ricca tradizione nell industria elettronica, già dai tempi di Nikola Tesla, uno dei pionieri e più grandi inventori nel campo di elettricità. Questa industria è stata al culmine nel 1980, quando l industria elettronica in Jugoslavia aveva un capitale di 1 miliardo di dollari e circa dipendenti. Nonostante il fatto che il settore oggigiorno sia soltanto una frazione di quello che era stato, i recenti investimenti diretti esteri nell industria e vari incentivi statali suggeriscono che questo settore abbia un forte potenziale per la crescita. Dal 2001 in poi, l industria era testimone di una ripresa progressiva grazie agli investimenti diretti esteri - approssimativamente 168 milioni di dollari. Tali investimenti, insieme alle prossime aperture di diversi stabilimenti elettronici, illustrano che il meglio deve ancora venire per le compagnie che operano nel settore elettronico in Serbia. Alcuni degli investimenti chiave arrivano dal gigante austriaco, Gruppo ATB, poi dalla compagnia slovena Gorenje, produttrice di elettrodomestici che ha investito un totale di 50 milioni di euro in tre diverse locazioni e, infine non trascurabile, l investimento di Siemens e Panasonic di 13 milioni di euro nella Serbia centrale. L industria elettronica serba è un settore in espansione, orientato all esportazione, destinato solo a crescere con l afflusso recente di investimenti diretti esteri. Rispetto agli anni 2008 e 2009, l export dal settore nel 2010 è aumentato, rispettivamente, del 15% e del 44%. Il deficit del 2009 dovuto alla crisi economica è stato superato rapidamente nel 2010 e, con i nuovi progetti come il primo stabilimento Panasonic in Serbia, l export ha un futuro prosperoso. Tra 15 e 20 aziende elettroniche esportano più di 1 milione di euro all anno ciascuna. Il governo serbo attualmente promuove lo sviluppo di questo settore: insieme all industria automobilistica e settore ITC, l industria elettronica è stata designato come uno dei settori prioritari della strategia nazionale di sviluppo in Serbia. Questo permette agli investitori di usufruire degli incentivi più favorevoli. Le compagnie che operano nell industria elettronica hanno i seguenti vantaggi: gli investimenti nell industria elettronica occupano il terzo posto, secondo il numero di progetti approvati per i finanziamenti, e il quarto posto in termini di tutti gli investimenti fatti in Serbia dal Oltretutto, le numerose iniziative, compresa la promozione del settore informatico e del Centro di Ricerca e Sviluppo in diverse parti del paese e la realizzazione di un grappolo di sistemi elettronici, spingeranno il settore ancora più avanti. Trovateci presso: Embedded World, Norimberga, Germania La tradizione manifatturiera e un insieme di competenze Il settore a priorità elevata - gli investitori usufruiscono incentivi statali assai favorevoli

19 36-37 Maggiori Investitori Il know-how è dovuto a una lunga tradizione e affermati conseguimenti internazionali delle società serbe. L industria edile in Serbia ha una lunga tradizione di importanti affermazioni che per tanti anni attraggono l attenzione internazionale. I numerosi progetti di successo esportati dalle compagnie serbe si possono vedere in tutto il mondo, dall America del Nord all Europa e dall Asia fino all Africa e al Medio Oriente. Oggigiorno, così come nel passato, gli architetti serbi e le imprese di costruzioni sono riconosciuti come i partner altamente istruiti, innovativi e affidabili che offrono una vasta gamma di attività eseguite in conformità alle più rigide norme globali. L emergente mercato immobiliare interno insieme all accordo di libero scambio con la Federazione Russa hanno incentivato lo sviluppo dinamico dell industria edile nazionale. La possibilità di esportazione del materiale edile dalla serbia nel mercato russo senza pagare la tassa doganale, rende il paese particolarmente attraente per gli investitori esteri. Queste opportunità sono adoperate dalle più importanti imprese edili multinazionali e dai produttori che hanno fondato le loro strutture per esportare nell unione doganale della Russia, Bielorussia e Kazakistan. Durante gli ultimi 11 anni, più di 25 compagnie conosciute a livello mondiale hanno investito più di 863 milioni di dollari nell industria edile in Serbia e hanno avuto un effetto significtivo sulla riduzione del tasso di disoccupazione. L Austria è l origine di più del 40% di investitori, seguita da Germania, Francia e Grecia. Poiché il settore edilizio è stato colpito dalla crisi mondiale nel 2010, il governo serbo ha preparato diversi incentivi agli investimenti, al fine di contribuire alla ripresa del settore. Come risultato, l industria edile in Serbia nel 2011 ha registrato un incremento delle attività del 17%. La nuova Legge sulla pianificazione del territorio, adottata in agosto del 2009, ha diminuito il numero di approvazioni neccessari per iniziare le costruzioni e ha migliorato le condizioni per gli investitori esteri interessati al settore immobiliare ed edilizio. Gli investimenti nella costruzione di strade e infrastrutture energetiche sono un elevata priorità del governo. Uno dei più importanti progetti nazionali è la costruzione del Corridoio X, che attraversa la Serbia Centrale, come la parte della grande rete di strade paneuropee. Uno dei progetti recenti è il ponte d Ada a cavallo del fiume Sava nella città di Belgrado, ufficialmente aperto a Capodanno del 2012, dopo 3 anni di lavori. Il nuovo ponte è diventato il punto di riferimento per gli abitanti della Serbia, e con lo spettacolare pilone centrale alto 200m a forma di ago, fa parte dei ponti sospesi a pilone singolo più alti del mondo. Trovateci presso: Budma, Poznan, Polonia Yugbuild, Krasnodar, Federeazione Russa MosBuild, Mosca, Federazione Russa L emergente mercato immobiliare interno, i progetti di sviluppo delle infrastrutture, FTA (Accordo di Libero Scambio) con la Russia sono gli elementi portanti per lo sviluppo del settore

20 38-39 Maggiori Investitori Uno dei settori al prezzo più competitivo in Europa con una tradizione considerevole e una vasta disponibilità di forza lavoro qualificata L Accordo di Libero Scambio esistente, comprendente tutti i prodotti tessili, permette l accesso efficiente ai vari mercati I RY La produzione tessile-abbigliamento ha una lunga storia e una tradizione ammirabile di collaborazione proficua con i partner esteri. Durante questa storia illustre, i principii di manifattura di alta qualità e i costi competitivi, hanno portato la Serbia al posto della principale produttrice di indumenti per le più grandi aziende tessili nell Europa Occidentale. Impiegando tanta forza lavoro, gli investimenti nell industria tessile riducono notevolmente la disoccupazione e quindi godono del pieno supporto del governo interno. In termini di numero di progetti investiti e posti di lavoro creati, l industria tessile occupa uno dei primi posti sulla lista dei settori più invitanti. Compagnie come Benetton, Calzedonia, Golden Lady, Pompea e molte altre utilizzano diffusamente le proprie strutture come le locazioni secondarie per la produzione di capi di abbigliamento di alta qualità. Perciò, loro possono reagire rapidamente agli ordini minori, rispettando i tempi di consegna stretti. I costi competitivi della forza lavoro e la forte tradizione tessile in Serbia, assicurano la produzione degli indumenti di alta qualità ad un prezzo molto conveniente. Nel corso degli ultimi 10 anni, l industria della moda in Serbia è evoluta da industria locale al settore impostato sul design, operativo sul mercato globale. Molti studenti di design della Serbia vanno a lavorare nelle case di moda in tutto il mondo, promuovendo all estero l industria della moda serba. La Serbia collabora prevalentemente con i paesi membri dell UE (Italia, Germania, Francia, Austria e Slovenia), Federazione Russa, Turchia e Cina. Dal 2005, quando è stato istituito il libero commercio dei prodotti tessili nell UE, le vendite di esportazione sono aumentate del 71%. Numerose opportunità di affari, soprattutto nella produzione di filato e capi di abbigliamento fabbricati e confezionati; più di 25 investitori hanno già colto i vantaggi di queste opportunità

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Incentivi agli investimenti in Serbia

Incentivi agli investimenti in Serbia Incentivi agli investimenti in Serbia Indice INCENTIVI STATALI INCENTIVI FISCALI Il qadro generale degli incentivi agli investimenti... 2 Come ottenere le agevolazioni finanziarie... 3 Come creare il vostro

Dettagli

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dati principali sul paese Cos è SIEPA? Motivi per investire in Serbia Accordi di libero scambio Fondi disponibili per gli investimenti

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Un Paese su cui scommettere

Un Paese su cui scommettere Un Paese su cui scommettere La Polonia è un Paese in cui investire è una garanzia; da anni ormai attrae l interesse di un numero crescente di imprese (Europee e non), che operano nei settori più svariati,

Dettagli

ROMANIA DESTINAZIONE TOP PER GLI INVESTIMENTI. AMBASCIATA DI ROMANIA IN ITALIA UFFICIO per la PROMOZIONE ECONOMICA E COMMERCIALE ROMA

ROMANIA DESTINAZIONE TOP PER GLI INVESTIMENTI. AMBASCIATA DI ROMANIA IN ITALIA UFFICIO per la PROMOZIONE ECONOMICA E COMMERCIALE ROMA ROMANIA DESTINAZIONE TOP PER GLI INVESTIMENTI AMBASCIATA DI ROMANIA IN ITALIA UFFICIO per la PROMOZIONE ECONOMICA E COMMERCIALE ROMA Giugno, 2015 ROMANIA Superficie: 238,391 km 2 (9 posto in UE) 20 millioni

Dettagli

La Serbia può servire come centro manifatturiero per esportazioni esenti da dazi verso un mercato di ca. 1 miliardo di consumatori

La Serbia può servire come centro manifatturiero per esportazioni esenti da dazi verso un mercato di ca. 1 miliardo di consumatori Serbia 2015 La Serbia é situata in una posizione strategica, vista la prossimità geografica a mercatichiave europei ed euro-asiatici (Russia, Turchia, Ucraina, CIS) La Serbia può servire come centro manifatturiero

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi AGENZIA POLACCA PER GLI INVESTIMENTI ESTERI E L INFORMAZIONE Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi Iwona Chojnowska Haponik Direttore Dipartimento investimenti esteri

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda

Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda Benvenuti in Irlanda L Irlanda è il primo paese in Europa per possibilità

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia La France en questions 2 1 La Francia ha un economia aperta? 5 grande potenza economica mondiale, nel cuore di un mercato europeo di 500

Dettagli

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia Attività produttive I nostri partner europei Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia a cura di SRM - Studi e Ricerche per il Mezzogiorno Il Dossier Unione Europea accoglie in questa

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Augusto Scaglione Desk Asia Ufficio Internazionalizzazione Imprese Como, 25 marzo 2014 Le previsioni sulla crescita per

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO Serbian Desk STUDIO LEGALE MILITERNI & ASSOCIATI LA FORZA DI UNO STUDIO LEGALE BUSINESS ORIENTED La consulenza e l

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 La Repubblica di Cuba è un arcipelago formato da più di 1.600 isole e isolotti; la maggiore è Cuba, seguita per estensione

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Doing Business in the BalKan Area and in Turkey

Doing Business in the BalKan Area and in Turkey Doing Business in the BalKan Area and in Turkey Newsletter n. 1, 2012/2013 Un progetto delle Camere di Commercio italiane all estero di: Atene, Belgrado, Bucarest, Istanbul, Salonicco, Sofia e delle Camere

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Smart Balkans Forum. Il clima del business e Fund raising in Albania

Smart Balkans Forum. Il clima del business e Fund raising in Albania Smart Balkans Forum Il clima del business e Fund raising in Albania 1 Perche l Albania? Ottima posizione strategica. Accesso al libero mercato - FTA (Accordo di libero scambio) assicurandosi l accesso

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente. La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia

Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente. La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia La Serbia é situata in una posizione strategica, vista la prossimità geografica

Dettagli

GLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI IN BULGARIA. La disciplina degli investimenti in Bulgaria è regolata dalla Legge sulla promozione degli investimenti.

GLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI IN BULGARIA. La disciplina degli investimenti in Bulgaria è regolata dalla Legge sulla promozione degli investimenti. GLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI IN BULGARIA La disciplina degli investimenti in Bulgaria è regolata dalla Legge sulla promozione degli investimenti. Sono disponibili agevolazioni agli investimenti a favore

Dettagli

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO Serbian Desk STUDIO LEGALE MILITERNI & ASSOCIATI LA FORZA DI UNO STUDIO LEGALE BUSINESS ORIENTED La consulenza e l

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

DISCORSO DEL PRESIDENTE della Provincia di Binh Duong. Seminario Vietnam, un mondo di opportunità (03-2015/05/13)

DISCORSO DEL PRESIDENTE della Provincia di Binh Duong. Seminario Vietnam, un mondo di opportunità (03-2015/05/13) DISCORSO DEL PRESIDENTE della Provincia di Binh Duong Seminario Vietnam, un mondo di opportunità (03-2015/05/13) Prima di tutto vorrei ringraziarvi della Vostra calorosa accoglienza e, nello stesso tempo,

Dettagli

L Area MEDA IL Caso TUNISIA

L Area MEDA IL Caso TUNISIA L Area MEDA IL Caso TUNISIA Ing.Enrico Ottolini Esperto settoriale Progetto 5 Technopoli tunisine Università Insubria 18 dicembre 2006 I dati di base Superficie 162 155 Km2 ( ca. metà dell Italia) Popolazione

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

TRANSPORT AND LOGISTICS, la piattaforma logistica più estesa in Eurasia

TRANSPORT AND LOGISTICS, la piattaforma logistica più estesa in Eurasia Transport and Logistics TRANSPORT AND LOGISTICS, la piattaforma logistica più estesa in Eurasia 28-30 novembre 2013 Al CNR EXPO CENTER di Istanbul, Turchia Gli esperti della logistica si danno appuntamento

Dettagli

Aiutandovi a raggiungere obiettivi globali. Aiutando lo sviluppo PRECISE. PROVEN. PERFORMANCE.

Aiutandovi a raggiungere obiettivi globali. Aiutando lo sviluppo PRECISE. PROVEN. PERFORMANCE. Aiutandovi a raggiungere obiettivi globali Aiutando lo sviluppo PRECISE. PROVEN. PERFORMANCE. Cosa ci rende differenti? Moore Stephens International è un associazione multinazionale di società professionali

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia

Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia Programma di training, finanziato dall UNIONE EUROPEA, per le PMI dell Uzbekistan. Giovedì 11 giugno 2015, h 14,00 SALA CONSIGLIO, Palazzo Turati (Milano, via

Dettagli

GLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI IN BULGARIA. La disciplina degli investimenti in Bulgaria è regolata dalla Legge sulla promozione degli investimenti.

GLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI IN BULGARIA. La disciplina degli investimenti in Bulgaria è regolata dalla Legge sulla promozione degli investimenti. Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia Ufficio di Sofia Ufficio di Sofia Dipartimenti e Aree aggiornamento febbraio 2015 GLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI IN BULGARIA La disciplina

Dettagli

COUNTRY MARKET APPEAL SERBIA MISSIONE COMMERCIALE 17/19 NOVEMBRE 2014

COUNTRY MARKET APPEAL SERBIA MISSIONE COMMERCIALE 17/19 NOVEMBRE 2014 COUNTRY MARKET APPEAL SERBIA MISSIONE COMMERCIALE 17/19 NOVEMBRE 2014 HIGHLIGHTS SERBIA L economia serba nel 2013 ha registrato una crescita del 2,5% rispetto all anno precedente, mentre le previsioni

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione Milano, 29 giugno 2015 Contenuti Osservatorio 2015

Dettagli

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY SECURITIES SERVICES LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY Alla luce dell aumento dei vincoli normativi, della crescente complessità del

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones Forum d Area America Latina Dove siamo? Superficie: 756.626 km² (cui si aggiungono 1.250.000

Dettagli

L Austria un vicino conosciuto?

L Austria un vicino conosciuto? Austria * L Austria un vicino conosciuto? Gerlinde Gahleitner ABA-Invest in Austria 2015 Folie 2 L Austria è conosciuto. Folie 3 Piazza economica moderna Settore produttivo nel PIL in %, 2013 Turismo 15%

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY

REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY Investment Support and Promotion Agency of Turkey ISPAT Raffaella Iaselli Italy Representative 22 settembre 2009 L Agenzia L Agenzia ISPAT La Turchia considera gli Investimenti

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO REGIONALE KRAGUJEVAC

CAMERA DI COMMERCIO REGIONALE KRAGUJEVAC CAMERA DI COMMERCIO REGIONALE KRAGUJEVAC Agenzia per la Promozione Investimenti e Supporto al Business nella Serbia Centrale Udine, 25 Gennaio 2011 Camera di Commercio Regionale Kragujevac rappresenta

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali

Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali ECONOMIA DELL'ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE a.a. 2012/2013 - Prof. G. Favretto Investimenti in formazione ed istruzione: uno sguardo su dati Internazionali, Nazionali e Regionali Serena Cubico Ricercatore

Dettagli

Fare affari in Messico

Fare affari in Messico Fare affari in Messico Crescono gli investimenti italiani in Messico che è l'ottavo Paese al mondo per attrazione di Investimenti Diretti Esteri. L Ambasciata d Italia di Città del Messico, l Ufficio ICE

Dettagli