PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE."

Transcript

1 PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE. MANUALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI ANT 09/02 Pagina 1 di 53

2 PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE. MANUALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI A cura di Sandro Torcini Pagina 2 di 53

3 INDICE Pagina Prefazione... 5 Sezione 1 Introduzione Introduzione Scopo del manuale di gestione dei rifiuti Leggi e disposizioni L organizzazione del Consorzio nella gestione dei rifiuti... 8 Sezione 2 Piano di gestione dei rifiuti Strategia di amministrazione e gestione dei rifiuti Misure per la riduzione dei rifiuti Rimozione dei rifiuti Separazione dei rifiuti Incenerimento Smaltimento in mare Stoccaggio Sezione 3 Procedure per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti Procedure generali Categorie Basi Campi remoti Rifiuti solidi Rifiuti di origine umana Navi Sezione 4 Prodotti ambientalmente pericolosi Prodotti ed organismi proibiti Prodotti da evitare Prodotti che richiedono un permesso Altri prodotti pericolosi per l ambiente Sezione 5 Tipologie di rifiuti (Sostanze biodegradabili) Sorgenti di informazioni Rifiuti biodegradabili Acque di scarico, acque grigie ( lavaggio e cucine), rifiuti umidi alimentari Rifiuti di pollame Oli di cucina Cibi scaduti o eccedenze ancora sigillati Pagina 3 di 53

4 Sezione 6 Tipologie di rifiuti ( Rifiuti non pericolosi) Generalità Vetro e piccoli rifiuti di metallo Lattine di alluminio Fusti vuoti per combustibile Legname Carta e cartone Plastiche Tessuti, stoffe, panni Vermiculite Oli lubrificanti Neon e lampadine Culture di microrganismi Rifiuti medici Sezione 7 Tipologie di rifiuti (Rifiuti pericolosi) Rifiuti pericolosi Amianto e Radioattivi Amianto in corde, fogli, tavole Radioattivi Limiti per rifiuti solidi per collo Limiti per i rifiuti liquidi Liquidi Organici Sezione 8 Responsabilità Appendice Appendice Appendice Appendice Appendice Appendice Tabella Tabella Pagina 4 di 53

5 Prefazione Con l entrata in vigore del Protocollo di Madrid ( 14 Gennaio 1998), la cui applicazione mira a garantire la protezione dell ambiente antartico e degli ecosistemi ad esso associati, l Italia, in quanto firmataria di detto protocollo, ha l obbligo di avviare attività organiche e continuative che ne prevedono l attuazione. Per ottemperare all applicazione dei contenuti ( valutazione dell impatto ambientale, conservazione della flora e della fauna antartiche, gestione e smaltimento dei rifiuti, inquinamento marino, aree protette) è necessario che la figura responsabile, all interno del Consorzio, della sicurezza e della protezione dell ambiente antartico, si inserisca in un gruppo di lavoro il cui compito è quello di garantire che ogni attività svolta in Antartide avvenga in conformità alle disposizioni entrate in vigore a livello internazionale con l applicazione del protocollo per la Protezione Ambientale. In particolare questo manuale che riguarda la gestione e lo smaltimento dei rifiuti con riferimento alle aree di competenza del PNRA, oltre ad essere un riferimento pratico per chi opera in ambiente antartico, vuol essere anche un momento di riflessione sulle svariate problematiche che riguardano l ambiente antartico e la sua conservazione e rappresenta un punto di partenza per sensibilizzare chiunque sia interessato alla conservazione dell ambiente nella sua globalità, a chiunque sia convinto dell importanza della salvaguardia dell Antartide come serbatoio di ricerca e di esperienze e come obiettivo prioritario a cui le future generazioni potranno far riferimento. Il manuale copre tutti gli aspetti operativi del PNRA in Antartide includendo le stazioni di ricerca, le navi e i campi remoti. Questo handbook è stato prodotto durante la campagna antartica Pagina 5 di 53

6 SEZIONE 1 Introduzione Pagina 6 di 53

7 1. Introduzione Il controllo ambientale in Antartide si applica, secondo quanto definito nel Trattato Antartico alla zona situata a sud del 60 parallelo di latitudine Sud ivi comprese le zone di piattaforme di ghiaccio denominate ice shelf. Il controllo ambientale si esplica attraverso il rispetto delle norme che sono parte integrante del Trattato Antartico e che sono riportate negli allegati 1, 2, 3, 4, 5 al protocollo di Madrid entrato in vigore a tutti gli effetti il 14/01/1998 e l annesso 6 ratificato il 14/ In particolare per quanto riguarda la gestione e lo smaltimento dei rifiuti si fà riferimento all annesso III al Protocollo per la Protezione Ambientale che nei vari articoli considera le varie metodiche di smaltimento dei rifiuti, le modalità di stoccaggio ed in particolare l organizzazione dei piani di gestione. Il rispetto di tali norme è dovuto da ogni persona o cosa che staziona o attraversa momentaneamente le zone contemplate nel trattato Antartico e si basa sulla necessità di mantenere l ambiente antartico il più possibile immune da processi di contaminazione, anche a scala strettamente locale, o di limitare al massimo, le possibili fonti di inquinamento nella consapevolezza che per ognuno sia della massima importanza la salvaguardia di questo immenso patrimonio ambientale. 1.1 Scopo del manuale di gestione dei rifiuti Lo scopo di questo manuale è fornire una guida esperta sulla gestione dei rifiuti in Antartide e riguarda gli aspetti operativi e logistici di cui il CONSORZIO è responsabile presso le basi scientifiche, le navi e i campi remoti in generale. Questo manuale rappresenta un sostanziale aggiornamento ed integrazione ad un ormai obsoleto piano di gestione edito nel Future edizioni aggiorneranno la presente in funzione di ulteriori sviluppi nei piani di gestione dei rifiuti. 1.2 Leggi e disposizioni L annesso III al Protocollo di Madrid ( Waste Disposal and Management), riguarda lo smaltimento dei rifiuti e introduce regole rigorose sia per la gestione dei rifiuti che per il loro smaltimento. In appendice 1 è riportato il testo dell annesso III al Protocollo di Madrid. L annesso III riporta l obbligo di ridurre il più possibile le quantità di rifiuti prodotti in Antartide ed in particolare che tutti i rifiuti prodotti dovranno essere allontanati dall area del Trattato Antartico nel modo più completo possibile. In mare, in acque antartiche, quindi oltre il 60 parallelo, lo smaltimento dei rifiuti è regolato dall annesso IV al Protocollo ( Prevention of Marine Pollution) In appendice 2 è riportata il testo dell annesso IV al Protocollo di Madrid. L annesso mostra in dettaglio le norme internazionali che regolano l inquinamento marino stabilite sotto la Convenzione Internazionale per la Prevenzione dell Inquinamento dalle Navi ( convenzione conosciuta come MARPOL 73/78). Regole internazionali in vigore designano l area del Trattato Antartico come area specialmente protetta, pertanto L annesso sull inquinamento marino di fatto proibisce lo scarico in mare di tutti i prodotti chimici tossici e nocivi, tutti gli oli e derivati, le plastiche ed altri rifiuti non biodegradabili e comunque controlla in modo rigoroso lo scarico di tutti gli altri tipi di rifiuti. Pagina 7 di 53

8 1.3 L organizzazione del Consorzio nella gestione dei rifiuti Il Consorzio supporta la ricerca ed i ricercatori in Antartide in tutte le loro attività mediante un impegno logistico molto ampio e articolato, strutturato in accordo con le regole e le disposizioni sancite nel Protocollo di Madrid. L Italia sin dalla fine degli anni 80 è stata probabilmente uno dei paesi più attivi a questo riguardo. Ogni attività di ricerca e logistica è stata considerata anche in funzione degli impatti sull ambiente antartico e un piano articolato di gestione dei rifiuti ha sempre rappresentato uno dei punti di riferimento nella logica del massimo rispetto dell ambiente. La politica ambientale del Consorzio è comunque quella che tutti i tipi di rifiuti generati nelle stazioni di ricerca o sulle navi o nei campi remoti, oltre che i rifiuti domestici e quelli di origine umana, siano rimossi dall Antartide. Un impianto di trattamento dei reflui di tipo chimico-fisico è attivo da quando la base è divenuta operativa. L impianto trasforma i reflui provenienti dalle attività della base in un effluente che viene immesso in mare nella baia antistante la base e tenuto sotto controllo affinché siano rispettate le normative vigenti in materia di scarichi. Un inceneritore di nuova generazione permette di bruciare materiale come carta, cartone da imballo, legno non trattato, rifiuti di cucina, rifiuti di orgine umana secchi, alcuni tipologie di rifiuti medici ( garze, cotone) e solo specifiche tipologie di materiale plastico. L impianto esegue il controllo dei fumi nel rispetto delle normative nazionali ed internazionali. Viene comunque effettuato un programma di monitoraggio ambientale allo scopo di verificare che le emissioni generate dalle attività sia logistiche che di ricerca non inducano variazioni tali da alterare lo stato dell ambiente naturale. Fin dall inizio del Progetto Nazionale di Ricerche in Antartide l Italia ha utilizzato il sistema dello smaltimento differenziato per la gestione dei rifiuti. Alcune tipologie di rifiuti prima di essere immagazzinate subiscono un trattamento. Per esempio la plastica viene compattata in un particolare container da riportare direttamente in Italia. Il ferro risultato da varie lavorazioni viene messo in bidoni così come l alluminio e il vetro triturato. I fusti di carburante non più utilizzabili, dopo essere stati ripuliti vengono schiacciati e stoccati nei container adibiti al trasporto del ferro. Tutto il materiale stoccato nei container viene riportato in Italia. Pagina 8 di 53

9 SEZIONE 2 Piano di gestione dei rifiuti Pagina 9 di 53

10 2. Strategia di amministrazione e gestione dei rifiuti Le problematiche riguardanti la gestione e l eliminazione dei rifiuti prodotti in Antartide sono molto complesse in quanto riguardano molte tipologie di rifiuti all interno delle quali si trovano materiali anche notevolmente differenti tra loro. La strategia di riferimento può essere quella che meno rifiuti si producono, meno rifiuti si debbono gestire e smaltire. Ne risulterà un vantaggio anche nei costi siano essi ambientali che finanziari. La politica della minimizzazione della produzione dei rifiuti può essere effettuata attraverso l applicazione di alcuni principi. 2.1 Misure per la riduzione dei rifiuti Una condizione essenziale per ottenere una diminuzione dei rifiuti è quello di creare i presupposti di una potenziale riduzione già prima della partenza delle spedizioni verso l Antartide. Per ottenere la riduzione dei rifiuti è necessario ridurre l acquisto di prodotti che utilizzano materiali plastici, vetro o altri materiali grossolani per il confezionamento. Misure di riferimento potrebbero prendere in considerazione le seguenti azioni: Comperare prodotti durevoli invece di materiali usa e getta Diminuire l acquisto di prodotti che utilizzano materiali plastici, vetro o altri materiali grossolani per l impacchettamento. Eliminare il più possibile il materiale di impacchettamento ( in particolare le plastiche ) prima di partire per l Antartide. Sostituire la carta tagliuzzata o le patatine di polistirene o altro materiale di impacchettamento sciolto con materiale avvolgente di carta o cartone. Comperare materiali che possono essere riutilizzati per altri scopi. Adoperare materiali che possono essere riutilizzati anche più volte. 2.2 Rimozione dei rifiuti Come già accennato la politica comune è quella di limitare al massimo l impatto umano in Antartide. Caratteristica dell Antartide, continente ritenuto ancora unico dal punto di vista ambientale, è anche la lenta degradazione biologica dovuta al freddo e al clima secco, pertanto anche i prodotti biodegradabili dovrebbero essere trattati come non-biodegradabili. 2.3 Separazione dei rifiuti La separazione e classificazione dei rifiuti è un modo per migliorare la gestione dei rifiuti. Il piano di gestione riporta la separazione dei rifiuti secondo la seguente classificazione: Pagina 10 di 53

11 Liquami e rifiuti domestici altri rifiuti liquidi e prodotti chimici incluso combustibili e lubrificanti solidi che devono essere bruciati altri solidi materiali radioattivi Relativamente ai rifiuti solidi questi sono separati secondo la logica dello smaltimento differenziato, attraverso una procedura descritta più avanti. 2.4 Incenerimento Alcune tipologie di rifiuti vengono incenerite utilizzando un inceneritore di ultima generazione. I materiali che comunemente vengono bruciati con cadenza settimanale sono la carta ed il cartone, il legno, i rifiuti alimentari. 2.5 Smaltimento in mare Lo smaltimento dei rifiuti in acque antartiche, quindi oltre il 60 parallelo, è regolato dall annesso IV al Protocollo ( Prevention of Marine Pollution). In appendice 2 è riportata il testo dell annesso IV al Protocollo di Madrid, che fa riferimento alla Convenzione Internazionale per la Prevenzione dell Inquinamento dalle Navi (MARPOL 73/78). Sono in discussione e in progresso a livello internazionale la preparazione di linee guida relative anche allo smaltimento delle acque di zavorra. 2.6 Stoccaggio Tutte le tipologie di rifiuti sono inventariate e classificate secondo un codice di classificazione europea. Tutti i rifiuti vengono riportati in Italia ed opportunamente smaltiti. In appendici 3 e 4 sono riportate a titolo di esempio la scheda descrittiva per una tipologia di rifiuto e una scheda di istruzioni di sicurezza per il rifiuto, relativamente allo smaltimento in Italia. Pagina 11 di 53

12 SEZIONE 3 Procedure per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti Pagina 12 di 53

13 3. Procedure generali La pratica di eliminazione dei rifiuti varia a seconda delle differenti categorie dei rifiuti e delle operazioni che il Consorzio effettua in Antartide. E importante avere ben chiare le procedure che si applicano nella base, nei campi remoti e sulla nave. In termini generali le procedure da seguire variano a seconda delle seguenti categorie: a) Rifiuti biodegradabili ( acque nere o comunque originate da attività umane e rifiuti di cucina). Devono essere processati e trattati in Antartide e non devono essere riportati via dall Antartide. b) Rifiuti non pericolosi ( vetro, metallo ecc.) devono essere riportati in Italia per lo smaltimento c) Rifiuti di oli e combustibili prodotti dalle attività del Consorzio devono essere riportati in Italia per lo smaltimento. Le navi che utilizza il Consorzio per le attività in Antartide devono ritenere a bordo i rifiuti di oli e combustibili per essere riportati in Italia o come d altra parte consentito secondo l annessi I di MARPOL 73/78. d) I rifiuti pericolosi ( per esempio prodotti chimici, rifiuti radioattivi, ecc. esclusi i rifiuti di combustibile) devono essere riportati in Italia per lo smaltimento e devono essere adeguatamente confezionati e registrati secondo specifica documentazione 3.1 Categorie Rifiuti solidi Rifiuti liquidi domestici (docce, cucine, acque di lavaggio, solidi e liquidi di origine umana) 3.2 Basi I rifiuti solidi seguono le procedure dello smaltimento differenziato e del pretrattamento del rifiuto prima dello stoccaggio. Per le tipologie di rifiuti liquidi di origine domestica, queste sono trattati in impianti di trattamento dei reflui secondo differenti tecniche rispettivamente alla Stazione Mario Zucchelli e alla Stazione Concordia. Per le specifiche relative alle differenti tecniche di trattamento dei reflui fare riferimento ai manuali di gestione degli impianti presenti nelle rispettive basi o sulle navi. 3.3 Campi remoti I campi si differenziano a seconda che siano su area ghiacciata o su area deglaciata ed in funzione della loro grandezza. Sono considerati temporanei quelli che fanno riferimento ad una presenza di 100 giorni uomo in una data località oppure quelli considerati grandi campi remoti con più di 100 giorni uomo. Pagina 13 di 53

14 3.3.1 Rifiuti solidi Escludendo quelli di origine umana per i rifiuti solidi si segue la stessa procedura di smaltimento differenziato e catalogazione che viene usate per le basi Rifiuti di origine umana Se sono situati su area ghiacciata, i rifiuti umani possono essere immessi in trincee nel ghiaccio sia quando il campo e di tipo temporaneo sia quando è maggiore di 100 giorni uomo ma soltanto nel caso che ci siano limitazioni nei trasporti per la rimozione dei rifiuti dal sito. Se l area è deglaciata, sia che il campo remoto sia di tipo temporaneo che maggiore a 100 giorni uomo i rifiuti di origine umana devono comunque essere smaltiti utilizzando sistemi specifici e quindi trasportati alla stazione Mario Zucchelli o alla stazione Concordia. Nel caso di eliminazione dei rifiuti solidi di origine umana dal campo remoto vengono utilizzate scatole di cartone rivestite di materiale plastico o semplici sacchi neri di plastica resistente per i rifiuti di cucina. I rifiuti vengono quindi smaltiti nell inceneritore presso la Stazione Mario Zucchelli. Per i rifiuti liquidi ( docce, lavaggi, cucina) questi vengono stoccati in fusti da 50 litri e riportati a MZS per il trattamento nell impianto di depurazione dei reflui. Per le altre tipologie di rifiuto vale la regola dello smaltimento differenziato. I rifiuti separati vengono portati a MZS e smaltiti insieme a quelli della base. 3.4 Navi La nave (Italica) utilizza un sistema di depurazione per i rifiuti liquidi domestici ed un piccolo inceneritore per i rifiuti da cucina e per il cartone. Pagina 14 di 53

15 SEZIONE 4 Prodotti ambientalmente pericolosi Pagina 15 di 53

16 4. Prodotti ed organismi proibiti Alcuni prodotti hanno una potenziale pericolosità per l ambiente maggiore di altri e pertanto necessitano di particolare attenzione, alcuni di questi sono proibiti mentre altri richiedono un permesso. Le persone che vanno in Antartide dovrebbero essere coscienti che tali prodotti potrebbero avere effetti pericolosi. L annesso II al Protocollo di Madrid sancisce il divieto di mandare in Antartide alcuni prodotti a causa della loro evidente pericolosità per l ambiente. Questi sono: Policlorobifenili come spesso possono essere trovati nei trasformatori, nelle pitture, nei fluidi idraulici nelle gomme o nelle cere. Solidi non sterili Materiale da imballaggio in polistirene ( escluso la vermiculite o prodotti assorbenti simili che sono legalmente richiesti per l imballaggio di prodotti chimici pericolosi) Pesticidi ( eccetto eventualmente quelli necessari per la ricerca) Le persone responsabili degli acquisti dovrebbero assicurare che nessuno di questi prodotti siano acquistati e portati in Antartide. Altresì prodotti alimentari ( principalmente vegetali) che potrebbero portare suoli devono essere lavati. La richiesta potrebbe essere specificata al fornitore. 4.1 Prodotti da evitare E scoraggiato l uso di cloruro di polivinile (PVC), l utilizzo è consentito solo quando non ci sono alternative praticabili. Nell acquisto si deve assicurare la minimizzazione dei prodotti in PVC e deve essere riportata registrazione dell uso nelle operazioni in Antartide. 4.2 Prodotti che richiedono un permesso L annesso sulla conservazione della Flora e della Fauna relativo al Protocollo di Madrid proibisce l introduzione di organismi non nativi sul territorio o sulla piattaforme di ghiaccio a meno che non espressamente autorizzati mediante un permesso. Gli organismi proibiti sono: ogni specie di animale non nativa Ogni specie di pianta non nativa incluso i semi Ogni microrganismo non nativo ( esempio virus, batteri, parassiti funghi e lieviti) L eventuale permesso per l importazione di organismi non nativi viene rilasciato sotto stringenti condizioni e dovrebbe essere menzionato nella valutazione dell impatto ambientale di un individuale progetto di ricerca. Non sono permesse piante ornamentali in Antartide e non dovrebbero essere coltivati piante o fiori mediante i semi. Pagina 16 di 53

17 4.3 Altri prodotti pericolosi per l ambiente Molte sostanze hanno un effetto potenzialmente pericoloso sull ambiente e dovrebbero essere trattati con cura particolare affinchè non abbia luogo nessuna dispersione o emissione nell ambiente. I seguenti prodotti o sostanze possono essere considerati potenzialmente pericolosi: Materiali radioattivi Batterie elettriche Combustibili liquidi e solidi Prodotti che contengono quantità rilevanti di metalli pesanti o sostanze tossiche e nocive Schiume (di poliuretano, di polistirene), gomme e lubrificanti, legno ed altro materiale impregnato che contiene additivi che possono produrre sostanze pericolose quando bruciati. Reagenti chimici e biologici per attività di laboratorio Pagina 17 di 53

18 SEZIONE 5 Introduzione Tipologie di rifiuti Sostanze biodegradabili Pagina 18 di 53

19 5. Sorgenti di informazioni L approccio alla gestione ambientale dei rifiuti è sviluppato nel contesto delle obbligazioni riportate nella legislatura nazionale ed in quella internazionale derivante dal Sistema del Trattato Antartico. Nell organizzazione di questo piano di gestione dei rifiuti si tiene conto di un report preparato da esperti intitolato Waste Disposal in the Antartica che valuta le pratiche dello smaltimento dei rifiuti tenendo in considerazione i principali tipi di rifiuti, il loro impatto sull ambiente e i metodi di eliminazione. Propone altresì linee guida su metodologie di approccio accettabili dal punto di vista ecologico, logistico ed economico, propone standard per monitorare e regolamentare la produzione dei rifiuti e raccomanda pratiche di gestione che potrebbero minimizzare gli impatti dei rifiuti sull ambiente antartico. In riferimento alla legislatura italiana possono essere prese in considerazione leggi e normative che regolamentano la gestione dei rifiuti e definiscono codici di condotta sul territorio e in mare. 5.1 Rifiuti biodegradabili Acque di scarico, acque grigie ( lavaggio e cucine), rifiuti umidi alimentari. Pur considerando la possibilità di scaricare in fosse nel ghiaccio o lungo la costa o in mare ( per esempio a non meno di tre miglia nautiche dalla superficie ghiacciata, quando non esiste altra possibilità obiettivamente valutabile, lo sforzo comune è nella capacità di evitare il più possibile il deposito di rifiuti nell area del trattato antartico sia esso ghiaccio, suolo o mare Rifiuti di pollame Tutti i rifiuti derivanti dai prodotti di pollami possono o essere bolliti al fine di poter essere macerati o smaltiti. La bollitura o l incenerimento, dove possibile sono necessari per eliminare ogni rischio di presenza di virus Oli di cucina I rifiuti originati dall utilizzo di oli di cucina vengono stoccati in opportuni contenitori e riportati in Italia per lo smaltimento. I rifiuti di oli da cucina possono anche essere mescolati con gli oli lubrificanti. Il contenimento non richiede una etichettatura come materiale pericoloso. Particolare attenzione deve essere posta nello smaltimento degli oli da cucina relativamente ai campi remoti e alle navi, nel primo caso un contenitore impermeabile ed assolutamente sicuro verrà utilizzato per il trasporto dal campo remoto alla base, nel secondo caso gli oli saranno mantenuti a bordo in adeguati contenitori Cibi scaduti o eccedenze ancora sigillate Non devono essere smaltiti con i normali rifiuti alimentari o dove possibile inceneriti, ma stoccati in contenitori, possibilmente di legno, riportando ben visibile l indicazione del contenuto, e trasportati in Italia. Devono essere riportati via sigillati dai campi remoti e sulle navi devono essere immagazzinati a bordo smaltiti in Italia. Pagina 19 di 53

20 SEZIONE 6 Tipologie di rifiuti Rifiuti non pericolosi Pagina 20 di 53

21 6. Generalità Abbiamo già accennato alle tipologie dei prodotti di rifiuto. La maggior parte dei rifiuti non combustibili consistono di vetro, lattine, fili elettrici, fusti di combustibile vuoti, legni trattati, plastiche, lubrificanti, materiale medico. 6.1 Vetro e piccoli rifiuti di metallo Materiale vetroso in particolare bottiglie di vario genere ( comprendendo quelle dei reattivi chimici) non devono contenere residui liquidi o solidi, che devono essere preventivamente eliminati, prima che il vetro sia triturato in un apposito trituratore. Il metallo triturato sarà di piccolo spessore non più 1-2 mm. Contenitori di aerosol non completamente vuoti non devono essere triturati ma dovrebbero essere posizionati in cima ai fusti contenenti materiale triturato da smaltire. Materiale di vetro e ferroso di piccole dimensione deve essere portato via dai campi remoti per essere triturata alla MZS. 6.2 Lattine di alluminio Tutto l alluminio ( principalmente lattine di bevande), o proveniente da materiali di laboratorio o dalle officine viene triturato e poi stoccato in fusti di ferro. L alluminio può essere riciclato pertanto più questo è ben separato dalle altre tipologie di rifiuti maggiore sono le possibilità di recupero. Se il materiale è adatto per il riciclo questo deve essere ben segnalato sul contenitore di stoccaggio. 6.3 Fusti vuoti per combustibile I fusti di combustibile vuoti sono generalmente utilizzati come contenitori per molte tipologie di rifiuti. Quando questi non possono essere utilizzati come contenitori perché non adatti o nel caso sia presente una eccedenza di fusti da dover smaltire, questi vengono schiacciati sotto una pressa e stoccati in apposito container per essere riportati in Italia. Tutti i fusti di combustibile vuoti presenti nei campi remoti o nelle aree adibite al rifornimento elicotteri o del twin-otter anche se molto distanti dalla base, vengono riportati alla base italiana per l utilizzo o lo smaltimento. I fusti di combustibile non sono rimossi solo se non ci sono altre possibilità praticabili o se, a causa di rotture o incrinature nella struttura dei fusti di combustibile una forzata rimozione può causare un impatto sull ambiente più grave che lasciare il materiale sul posto. 6.4 Legname Il legname quando possibile può essere riciclato per altri usi. Se non può essere riutilizzato può essere in parte incenerito o riportato indietro per essere a sua volta bruciato o portato in discariche. Va evitato nel maggior modo possibile di bruciare materiale legnoso all aperto a meno che, in talune circostanze (per piccoli quantitativi) non venga circoscritto il processo di combustione all interno di fusti vuoti evitando nel maggior modo possibile la fuoriuscita delle ceneri. Pertanto l operazione va eseguita in assenza di vento. Pagina 21 di 53

22 6.5 Carta e cartone Tutte le tipologie di carta e di cartone possono essere bruciate in inceneritore. Presso i campi remoti i rifiuti cartacei sono raccolti in appositi contenitori e riportati alla stazione Mario Zucchelli per essere inceneriti. La nave italica utilizza un piccolo inceneritore per i rifiuti cartacei e rifiuti di cucina. 6.6 Plastiche Tutte le tipologie di plastiche devono essere riportate in Italia e smaltite opportunamente. Presso la base italiana grazie alla procedura di separazione differenziata dei rifiuti, la plastica è completamente separata dalle altre tipologie di rifiuti e viene stoccata in un opportuno container compattatore che di volta in volta riduce il volume della plastica stoccata. Alla fine della campagna antartica uno o due container per compattazione vengono caricati sulla nave Italica per essere riportati in Italia per lo smaltimento. Anche nei campi remoti la plastica viene riportata alla base per lo smaltimento mentre anche la nave utilizza un sistema di compattazione. 6.7 Tessuti, stoffe, panni Quelli non contaminati da oli o lubrificanti possono essere aggiunti alla plastica e compattati. Quelli intrisi di olio, grasso o pittura devono essere stoccati in specifici contenitori e classificati in evidenza prima di essere messi in container. 6.8 Vermiculite Spesso la vermiculite è utilizzata per impaccare materiali chimici pericolosi. Quando possibile deve essere utilizzata per riconfezionare i prodotti chimici. Se questa non può essere riutilizzata può essere smaltita anche in cassette di legno. La vermiculite non deve essere bruciata. La confezione per lo smaltimento deve riportare ben evidente la dicitura Vermiculite 6.9 Oli lubrificanti Gli oli lubrificanti incluso gli oli di cucina non sono considerati rifiuti pericolosi. Possono essere raccolti in adeguati contenitori inviati e smaltiti in Italia, Gli oli lubrificanti non vanno mescolati con gli altri tipi di combustibili. Gli oli lubrificanti devono essere allontanati dai campi remoti e trasportati alla base per lo smaltimento. Sulle navi devono essere ben classificati e stoccati a bordo. Non possono essere in nessuna circostanza scaricati in mare Neon e lampadine Neon e lampadine elettriche contengono una piccola quantità di mercurio. In Italia sono classificate come normale rifiuto domestico non pericoloso. Tali rifiuti, in territorio antartico, sia originati dalle basi che dalle navi e ancor più se prodotti in campi remoti devono essere catalogati e smaltiti in discarica. Inoltre se possibile, lampadine e tubi al neon non dovrebbero essere rotti per ottimizzarne i volumi. Sia neon che lampadine possono essere riempite sopra o sotto la pressione atmosferica e se rotti possono esplodere o implodere. Alcune lampade potrebbero rilasciare polvere di mercurio. In questo caso usare maschere e guanti protettivi per maneggiare il rifiuto. Per essere smaltite lampadine e neon dovrebbero essere imballate nella loro scatola originaria. Pagina 22 di 53

23 6.11 Culture di microrganismi Culture di laboratorio di microrganismi patogeni devono essere autoclavati quando possibile, o possono essere bruciati per renderli sterili. Il rifiuto così trattato deve essere isolato in contenitori di plastica e trattato come normale rifiuto. In campi remoti se non è possibile autoclavare i rifiuti di questo tipo, allora essi devono essere ben imballati isolati dalle altre tipologie di rifiuto e trasportati presso la base per essere autoclavati o smaltiti adeguatamente. Sulla nave questa tipologia di rifiuti può essere incenerita nell inceneritore della nave Rifiuti medici Il medico della base o della nave è responsabile per la sicurezza dello smaltimento dei rifiuti medici generici. I rifiuti medici vengono separati in base alla loro tipologia in quattro categorie: 1. Rifiuti comprendenti prodotti di medicazione (garze, cerotti, bende, abbassalingua, tamponi per pulizia). 2. Materiale tagliente( aghi di siringhe e lame di bisturi), siringhe e flebo 3. Materiale derivante dall uso di apparecchiature radiologiche (lastre e liquidi di sviluppo) 4. Farmaci scaduti I rifiuti medici inclusi nella prima categoria possono essere raccolti in speciali contenitori ed essere bruciati in loco. I materiali che rientrano nelle categorie (2, 3 e 4 ), dopo essere stati opportunamente separati in speciali contenitori, vengono riportati in Italia e previa autorizzazione secondo le normative vigenti, smaltiti da ditte specializzate. Nei campi remoti il dottore o la persona designata in sua vece è responsabile dello smaltimento dei rifiuti medici ed adotta la stessa procedura utilizzata presso la base. Anche per la nave viene utilizzata la stessa metodologia di smaltimento. Un esempio di classificazione dei rifiuti prodotti nel corso della XX spedizione italiana in Antartide è riportato in appendice V In tabella 1 è riportato invece il sommario dei rifiuti solidi prodotti presso la stazione Mario Zucchelli tra la XIV e la XX spedizione Pagina 23 di 53

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli