PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE."

Transcript

1 PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE. MANUALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI ANT 09/02 Pagina 1 di 53

2 PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE. MANUALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI A cura di Sandro Torcini Pagina 2 di 53

3 INDICE Pagina Prefazione... 5 Sezione 1 Introduzione Introduzione Scopo del manuale di gestione dei rifiuti Leggi e disposizioni L organizzazione del Consorzio nella gestione dei rifiuti... 8 Sezione 2 Piano di gestione dei rifiuti Strategia di amministrazione e gestione dei rifiuti Misure per la riduzione dei rifiuti Rimozione dei rifiuti Separazione dei rifiuti Incenerimento Smaltimento in mare Stoccaggio Sezione 3 Procedure per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti Procedure generali Categorie Basi Campi remoti Rifiuti solidi Rifiuti di origine umana Navi Sezione 4 Prodotti ambientalmente pericolosi Prodotti ed organismi proibiti Prodotti da evitare Prodotti che richiedono un permesso Altri prodotti pericolosi per l ambiente Sezione 5 Tipologie di rifiuti (Sostanze biodegradabili) Sorgenti di informazioni Rifiuti biodegradabili Acque di scarico, acque grigie ( lavaggio e cucine), rifiuti umidi alimentari Rifiuti di pollame Oli di cucina Cibi scaduti o eccedenze ancora sigillati Pagina 3 di 53

4 Sezione 6 Tipologie di rifiuti ( Rifiuti non pericolosi) Generalità Vetro e piccoli rifiuti di metallo Lattine di alluminio Fusti vuoti per combustibile Legname Carta e cartone Plastiche Tessuti, stoffe, panni Vermiculite Oli lubrificanti Neon e lampadine Culture di microrganismi Rifiuti medici Sezione 7 Tipologie di rifiuti (Rifiuti pericolosi) Rifiuti pericolosi Amianto e Radioattivi Amianto in corde, fogli, tavole Radioattivi Limiti per rifiuti solidi per collo Limiti per i rifiuti liquidi Liquidi Organici Sezione 8 Responsabilità Appendice Appendice Appendice Appendice Appendice Appendice Tabella Tabella Pagina 4 di 53

5 Prefazione Con l entrata in vigore del Protocollo di Madrid ( 14 Gennaio 1998), la cui applicazione mira a garantire la protezione dell ambiente antartico e degli ecosistemi ad esso associati, l Italia, in quanto firmataria di detto protocollo, ha l obbligo di avviare attività organiche e continuative che ne prevedono l attuazione. Per ottemperare all applicazione dei contenuti ( valutazione dell impatto ambientale, conservazione della flora e della fauna antartiche, gestione e smaltimento dei rifiuti, inquinamento marino, aree protette) è necessario che la figura responsabile, all interno del Consorzio, della sicurezza e della protezione dell ambiente antartico, si inserisca in un gruppo di lavoro il cui compito è quello di garantire che ogni attività svolta in Antartide avvenga in conformità alle disposizioni entrate in vigore a livello internazionale con l applicazione del protocollo per la Protezione Ambientale. In particolare questo manuale che riguarda la gestione e lo smaltimento dei rifiuti con riferimento alle aree di competenza del PNRA, oltre ad essere un riferimento pratico per chi opera in ambiente antartico, vuol essere anche un momento di riflessione sulle svariate problematiche che riguardano l ambiente antartico e la sua conservazione e rappresenta un punto di partenza per sensibilizzare chiunque sia interessato alla conservazione dell ambiente nella sua globalità, a chiunque sia convinto dell importanza della salvaguardia dell Antartide come serbatoio di ricerca e di esperienze e come obiettivo prioritario a cui le future generazioni potranno far riferimento. Il manuale copre tutti gli aspetti operativi del PNRA in Antartide includendo le stazioni di ricerca, le navi e i campi remoti. Questo handbook è stato prodotto durante la campagna antartica Pagina 5 di 53

6 SEZIONE 1 Introduzione Pagina 6 di 53

7 1. Introduzione Il controllo ambientale in Antartide si applica, secondo quanto definito nel Trattato Antartico alla zona situata a sud del 60 parallelo di latitudine Sud ivi comprese le zone di piattaforme di ghiaccio denominate ice shelf. Il controllo ambientale si esplica attraverso il rispetto delle norme che sono parte integrante del Trattato Antartico e che sono riportate negli allegati 1, 2, 3, 4, 5 al protocollo di Madrid entrato in vigore a tutti gli effetti il 14/01/1998 e l annesso 6 ratificato il 14/ In particolare per quanto riguarda la gestione e lo smaltimento dei rifiuti si fà riferimento all annesso III al Protocollo per la Protezione Ambientale che nei vari articoli considera le varie metodiche di smaltimento dei rifiuti, le modalità di stoccaggio ed in particolare l organizzazione dei piani di gestione. Il rispetto di tali norme è dovuto da ogni persona o cosa che staziona o attraversa momentaneamente le zone contemplate nel trattato Antartico e si basa sulla necessità di mantenere l ambiente antartico il più possibile immune da processi di contaminazione, anche a scala strettamente locale, o di limitare al massimo, le possibili fonti di inquinamento nella consapevolezza che per ognuno sia della massima importanza la salvaguardia di questo immenso patrimonio ambientale. 1.1 Scopo del manuale di gestione dei rifiuti Lo scopo di questo manuale è fornire una guida esperta sulla gestione dei rifiuti in Antartide e riguarda gli aspetti operativi e logistici di cui il CONSORZIO è responsabile presso le basi scientifiche, le navi e i campi remoti in generale. Questo manuale rappresenta un sostanziale aggiornamento ed integrazione ad un ormai obsoleto piano di gestione edito nel Future edizioni aggiorneranno la presente in funzione di ulteriori sviluppi nei piani di gestione dei rifiuti. 1.2 Leggi e disposizioni L annesso III al Protocollo di Madrid ( Waste Disposal and Management), riguarda lo smaltimento dei rifiuti e introduce regole rigorose sia per la gestione dei rifiuti che per il loro smaltimento. In appendice 1 è riportato il testo dell annesso III al Protocollo di Madrid. L annesso III riporta l obbligo di ridurre il più possibile le quantità di rifiuti prodotti in Antartide ed in particolare che tutti i rifiuti prodotti dovranno essere allontanati dall area del Trattato Antartico nel modo più completo possibile. In mare, in acque antartiche, quindi oltre il 60 parallelo, lo smaltimento dei rifiuti è regolato dall annesso IV al Protocollo ( Prevention of Marine Pollution) In appendice 2 è riportata il testo dell annesso IV al Protocollo di Madrid. L annesso mostra in dettaglio le norme internazionali che regolano l inquinamento marino stabilite sotto la Convenzione Internazionale per la Prevenzione dell Inquinamento dalle Navi ( convenzione conosciuta come MARPOL 73/78). Regole internazionali in vigore designano l area del Trattato Antartico come area specialmente protetta, pertanto L annesso sull inquinamento marino di fatto proibisce lo scarico in mare di tutti i prodotti chimici tossici e nocivi, tutti gli oli e derivati, le plastiche ed altri rifiuti non biodegradabili e comunque controlla in modo rigoroso lo scarico di tutti gli altri tipi di rifiuti. Pagina 7 di 53

8 1.3 L organizzazione del Consorzio nella gestione dei rifiuti Il Consorzio supporta la ricerca ed i ricercatori in Antartide in tutte le loro attività mediante un impegno logistico molto ampio e articolato, strutturato in accordo con le regole e le disposizioni sancite nel Protocollo di Madrid. L Italia sin dalla fine degli anni 80 è stata probabilmente uno dei paesi più attivi a questo riguardo. Ogni attività di ricerca e logistica è stata considerata anche in funzione degli impatti sull ambiente antartico e un piano articolato di gestione dei rifiuti ha sempre rappresentato uno dei punti di riferimento nella logica del massimo rispetto dell ambiente. La politica ambientale del Consorzio è comunque quella che tutti i tipi di rifiuti generati nelle stazioni di ricerca o sulle navi o nei campi remoti, oltre che i rifiuti domestici e quelli di origine umana, siano rimossi dall Antartide. Un impianto di trattamento dei reflui di tipo chimico-fisico è attivo da quando la base è divenuta operativa. L impianto trasforma i reflui provenienti dalle attività della base in un effluente che viene immesso in mare nella baia antistante la base e tenuto sotto controllo affinché siano rispettate le normative vigenti in materia di scarichi. Un inceneritore di nuova generazione permette di bruciare materiale come carta, cartone da imballo, legno non trattato, rifiuti di cucina, rifiuti di orgine umana secchi, alcuni tipologie di rifiuti medici ( garze, cotone) e solo specifiche tipologie di materiale plastico. L impianto esegue il controllo dei fumi nel rispetto delle normative nazionali ed internazionali. Viene comunque effettuato un programma di monitoraggio ambientale allo scopo di verificare che le emissioni generate dalle attività sia logistiche che di ricerca non inducano variazioni tali da alterare lo stato dell ambiente naturale. Fin dall inizio del Progetto Nazionale di Ricerche in Antartide l Italia ha utilizzato il sistema dello smaltimento differenziato per la gestione dei rifiuti. Alcune tipologie di rifiuti prima di essere immagazzinate subiscono un trattamento. Per esempio la plastica viene compattata in un particolare container da riportare direttamente in Italia. Il ferro risultato da varie lavorazioni viene messo in bidoni così come l alluminio e il vetro triturato. I fusti di carburante non più utilizzabili, dopo essere stati ripuliti vengono schiacciati e stoccati nei container adibiti al trasporto del ferro. Tutto il materiale stoccato nei container viene riportato in Italia. Pagina 8 di 53

9 SEZIONE 2 Piano di gestione dei rifiuti Pagina 9 di 53

10 2. Strategia di amministrazione e gestione dei rifiuti Le problematiche riguardanti la gestione e l eliminazione dei rifiuti prodotti in Antartide sono molto complesse in quanto riguardano molte tipologie di rifiuti all interno delle quali si trovano materiali anche notevolmente differenti tra loro. La strategia di riferimento può essere quella che meno rifiuti si producono, meno rifiuti si debbono gestire e smaltire. Ne risulterà un vantaggio anche nei costi siano essi ambientali che finanziari. La politica della minimizzazione della produzione dei rifiuti può essere effettuata attraverso l applicazione di alcuni principi. 2.1 Misure per la riduzione dei rifiuti Una condizione essenziale per ottenere una diminuzione dei rifiuti è quello di creare i presupposti di una potenziale riduzione già prima della partenza delle spedizioni verso l Antartide. Per ottenere la riduzione dei rifiuti è necessario ridurre l acquisto di prodotti che utilizzano materiali plastici, vetro o altri materiali grossolani per il confezionamento. Misure di riferimento potrebbero prendere in considerazione le seguenti azioni: Comperare prodotti durevoli invece di materiali usa e getta Diminuire l acquisto di prodotti che utilizzano materiali plastici, vetro o altri materiali grossolani per l impacchettamento. Eliminare il più possibile il materiale di impacchettamento ( in particolare le plastiche ) prima di partire per l Antartide. Sostituire la carta tagliuzzata o le patatine di polistirene o altro materiale di impacchettamento sciolto con materiale avvolgente di carta o cartone. Comperare materiali che possono essere riutilizzati per altri scopi. Adoperare materiali che possono essere riutilizzati anche più volte. 2.2 Rimozione dei rifiuti Come già accennato la politica comune è quella di limitare al massimo l impatto umano in Antartide. Caratteristica dell Antartide, continente ritenuto ancora unico dal punto di vista ambientale, è anche la lenta degradazione biologica dovuta al freddo e al clima secco, pertanto anche i prodotti biodegradabili dovrebbero essere trattati come non-biodegradabili. 2.3 Separazione dei rifiuti La separazione e classificazione dei rifiuti è un modo per migliorare la gestione dei rifiuti. Il piano di gestione riporta la separazione dei rifiuti secondo la seguente classificazione: Pagina 10 di 53

11 Liquami e rifiuti domestici altri rifiuti liquidi e prodotti chimici incluso combustibili e lubrificanti solidi che devono essere bruciati altri solidi materiali radioattivi Relativamente ai rifiuti solidi questi sono separati secondo la logica dello smaltimento differenziato, attraverso una procedura descritta più avanti. 2.4 Incenerimento Alcune tipologie di rifiuti vengono incenerite utilizzando un inceneritore di ultima generazione. I materiali che comunemente vengono bruciati con cadenza settimanale sono la carta ed il cartone, il legno, i rifiuti alimentari. 2.5 Smaltimento in mare Lo smaltimento dei rifiuti in acque antartiche, quindi oltre il 60 parallelo, è regolato dall annesso IV al Protocollo ( Prevention of Marine Pollution). In appendice 2 è riportata il testo dell annesso IV al Protocollo di Madrid, che fa riferimento alla Convenzione Internazionale per la Prevenzione dell Inquinamento dalle Navi (MARPOL 73/78). Sono in discussione e in progresso a livello internazionale la preparazione di linee guida relative anche allo smaltimento delle acque di zavorra. 2.6 Stoccaggio Tutte le tipologie di rifiuti sono inventariate e classificate secondo un codice di classificazione europea. Tutti i rifiuti vengono riportati in Italia ed opportunamente smaltiti. In appendici 3 e 4 sono riportate a titolo di esempio la scheda descrittiva per una tipologia di rifiuto e una scheda di istruzioni di sicurezza per il rifiuto, relativamente allo smaltimento in Italia. Pagina 11 di 53

12 SEZIONE 3 Procedure per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti Pagina 12 di 53

13 3. Procedure generali La pratica di eliminazione dei rifiuti varia a seconda delle differenti categorie dei rifiuti e delle operazioni che il Consorzio effettua in Antartide. E importante avere ben chiare le procedure che si applicano nella base, nei campi remoti e sulla nave. In termini generali le procedure da seguire variano a seconda delle seguenti categorie: a) Rifiuti biodegradabili ( acque nere o comunque originate da attività umane e rifiuti di cucina). Devono essere processati e trattati in Antartide e non devono essere riportati via dall Antartide. b) Rifiuti non pericolosi ( vetro, metallo ecc.) devono essere riportati in Italia per lo smaltimento c) Rifiuti di oli e combustibili prodotti dalle attività del Consorzio devono essere riportati in Italia per lo smaltimento. Le navi che utilizza il Consorzio per le attività in Antartide devono ritenere a bordo i rifiuti di oli e combustibili per essere riportati in Italia o come d altra parte consentito secondo l annessi I di MARPOL 73/78. d) I rifiuti pericolosi ( per esempio prodotti chimici, rifiuti radioattivi, ecc. esclusi i rifiuti di combustibile) devono essere riportati in Italia per lo smaltimento e devono essere adeguatamente confezionati e registrati secondo specifica documentazione 3.1 Categorie Rifiuti solidi Rifiuti liquidi domestici (docce, cucine, acque di lavaggio, solidi e liquidi di origine umana) 3.2 Basi I rifiuti solidi seguono le procedure dello smaltimento differenziato e del pretrattamento del rifiuto prima dello stoccaggio. Per le tipologie di rifiuti liquidi di origine domestica, queste sono trattati in impianti di trattamento dei reflui secondo differenti tecniche rispettivamente alla Stazione Mario Zucchelli e alla Stazione Concordia. Per le specifiche relative alle differenti tecniche di trattamento dei reflui fare riferimento ai manuali di gestione degli impianti presenti nelle rispettive basi o sulle navi. 3.3 Campi remoti I campi si differenziano a seconda che siano su area ghiacciata o su area deglaciata ed in funzione della loro grandezza. Sono considerati temporanei quelli che fanno riferimento ad una presenza di 100 giorni uomo in una data località oppure quelli considerati grandi campi remoti con più di 100 giorni uomo. Pagina 13 di 53

14 3.3.1 Rifiuti solidi Escludendo quelli di origine umana per i rifiuti solidi si segue la stessa procedura di smaltimento differenziato e catalogazione che viene usate per le basi Rifiuti di origine umana Se sono situati su area ghiacciata, i rifiuti umani possono essere immessi in trincee nel ghiaccio sia quando il campo e di tipo temporaneo sia quando è maggiore di 100 giorni uomo ma soltanto nel caso che ci siano limitazioni nei trasporti per la rimozione dei rifiuti dal sito. Se l area è deglaciata, sia che il campo remoto sia di tipo temporaneo che maggiore a 100 giorni uomo i rifiuti di origine umana devono comunque essere smaltiti utilizzando sistemi specifici e quindi trasportati alla stazione Mario Zucchelli o alla stazione Concordia. Nel caso di eliminazione dei rifiuti solidi di origine umana dal campo remoto vengono utilizzate scatole di cartone rivestite di materiale plastico o semplici sacchi neri di plastica resistente per i rifiuti di cucina. I rifiuti vengono quindi smaltiti nell inceneritore presso la Stazione Mario Zucchelli. Per i rifiuti liquidi ( docce, lavaggi, cucina) questi vengono stoccati in fusti da 50 litri e riportati a MZS per il trattamento nell impianto di depurazione dei reflui. Per le altre tipologie di rifiuto vale la regola dello smaltimento differenziato. I rifiuti separati vengono portati a MZS e smaltiti insieme a quelli della base. 3.4 Navi La nave (Italica) utilizza un sistema di depurazione per i rifiuti liquidi domestici ed un piccolo inceneritore per i rifiuti da cucina e per il cartone. Pagina 14 di 53

15 SEZIONE 4 Prodotti ambientalmente pericolosi Pagina 15 di 53

16 4. Prodotti ed organismi proibiti Alcuni prodotti hanno una potenziale pericolosità per l ambiente maggiore di altri e pertanto necessitano di particolare attenzione, alcuni di questi sono proibiti mentre altri richiedono un permesso. Le persone che vanno in Antartide dovrebbero essere coscienti che tali prodotti potrebbero avere effetti pericolosi. L annesso II al Protocollo di Madrid sancisce il divieto di mandare in Antartide alcuni prodotti a causa della loro evidente pericolosità per l ambiente. Questi sono: Policlorobifenili come spesso possono essere trovati nei trasformatori, nelle pitture, nei fluidi idraulici nelle gomme o nelle cere. Solidi non sterili Materiale da imballaggio in polistirene ( escluso la vermiculite o prodotti assorbenti simili che sono legalmente richiesti per l imballaggio di prodotti chimici pericolosi) Pesticidi ( eccetto eventualmente quelli necessari per la ricerca) Le persone responsabili degli acquisti dovrebbero assicurare che nessuno di questi prodotti siano acquistati e portati in Antartide. Altresì prodotti alimentari ( principalmente vegetali) che potrebbero portare suoli devono essere lavati. La richiesta potrebbe essere specificata al fornitore. 4.1 Prodotti da evitare E scoraggiato l uso di cloruro di polivinile (PVC), l utilizzo è consentito solo quando non ci sono alternative praticabili. Nell acquisto si deve assicurare la minimizzazione dei prodotti in PVC e deve essere riportata registrazione dell uso nelle operazioni in Antartide. 4.2 Prodotti che richiedono un permesso L annesso sulla conservazione della Flora e della Fauna relativo al Protocollo di Madrid proibisce l introduzione di organismi non nativi sul territorio o sulla piattaforme di ghiaccio a meno che non espressamente autorizzati mediante un permesso. Gli organismi proibiti sono: ogni specie di animale non nativa Ogni specie di pianta non nativa incluso i semi Ogni microrganismo non nativo ( esempio virus, batteri, parassiti funghi e lieviti) L eventuale permesso per l importazione di organismi non nativi viene rilasciato sotto stringenti condizioni e dovrebbe essere menzionato nella valutazione dell impatto ambientale di un individuale progetto di ricerca. Non sono permesse piante ornamentali in Antartide e non dovrebbero essere coltivati piante o fiori mediante i semi. Pagina 16 di 53

17 4.3 Altri prodotti pericolosi per l ambiente Molte sostanze hanno un effetto potenzialmente pericoloso sull ambiente e dovrebbero essere trattati con cura particolare affinchè non abbia luogo nessuna dispersione o emissione nell ambiente. I seguenti prodotti o sostanze possono essere considerati potenzialmente pericolosi: Materiali radioattivi Batterie elettriche Combustibili liquidi e solidi Prodotti che contengono quantità rilevanti di metalli pesanti o sostanze tossiche e nocive Schiume (di poliuretano, di polistirene), gomme e lubrificanti, legno ed altro materiale impregnato che contiene additivi che possono produrre sostanze pericolose quando bruciati. Reagenti chimici e biologici per attività di laboratorio Pagina 17 di 53

18 SEZIONE 5 Introduzione Tipologie di rifiuti Sostanze biodegradabili Pagina 18 di 53

19 5. Sorgenti di informazioni L approccio alla gestione ambientale dei rifiuti è sviluppato nel contesto delle obbligazioni riportate nella legislatura nazionale ed in quella internazionale derivante dal Sistema del Trattato Antartico. Nell organizzazione di questo piano di gestione dei rifiuti si tiene conto di un report preparato da esperti intitolato Waste Disposal in the Antartica che valuta le pratiche dello smaltimento dei rifiuti tenendo in considerazione i principali tipi di rifiuti, il loro impatto sull ambiente e i metodi di eliminazione. Propone altresì linee guida su metodologie di approccio accettabili dal punto di vista ecologico, logistico ed economico, propone standard per monitorare e regolamentare la produzione dei rifiuti e raccomanda pratiche di gestione che potrebbero minimizzare gli impatti dei rifiuti sull ambiente antartico. In riferimento alla legislatura italiana possono essere prese in considerazione leggi e normative che regolamentano la gestione dei rifiuti e definiscono codici di condotta sul territorio e in mare. 5.1 Rifiuti biodegradabili Acque di scarico, acque grigie ( lavaggio e cucine), rifiuti umidi alimentari. Pur considerando la possibilità di scaricare in fosse nel ghiaccio o lungo la costa o in mare ( per esempio a non meno di tre miglia nautiche dalla superficie ghiacciata, quando non esiste altra possibilità obiettivamente valutabile, lo sforzo comune è nella capacità di evitare il più possibile il deposito di rifiuti nell area del trattato antartico sia esso ghiaccio, suolo o mare Rifiuti di pollame Tutti i rifiuti derivanti dai prodotti di pollami possono o essere bolliti al fine di poter essere macerati o smaltiti. La bollitura o l incenerimento, dove possibile sono necessari per eliminare ogni rischio di presenza di virus Oli di cucina I rifiuti originati dall utilizzo di oli di cucina vengono stoccati in opportuni contenitori e riportati in Italia per lo smaltimento. I rifiuti di oli da cucina possono anche essere mescolati con gli oli lubrificanti. Il contenimento non richiede una etichettatura come materiale pericoloso. Particolare attenzione deve essere posta nello smaltimento degli oli da cucina relativamente ai campi remoti e alle navi, nel primo caso un contenitore impermeabile ed assolutamente sicuro verrà utilizzato per il trasporto dal campo remoto alla base, nel secondo caso gli oli saranno mantenuti a bordo in adeguati contenitori Cibi scaduti o eccedenze ancora sigillate Non devono essere smaltiti con i normali rifiuti alimentari o dove possibile inceneriti, ma stoccati in contenitori, possibilmente di legno, riportando ben visibile l indicazione del contenuto, e trasportati in Italia. Devono essere riportati via sigillati dai campi remoti e sulle navi devono essere immagazzinati a bordo smaltiti in Italia. Pagina 19 di 53

20 SEZIONE 6 Tipologie di rifiuti Rifiuti non pericolosi Pagina 20 di 53

21 6. Generalità Abbiamo già accennato alle tipologie dei prodotti di rifiuto. La maggior parte dei rifiuti non combustibili consistono di vetro, lattine, fili elettrici, fusti di combustibile vuoti, legni trattati, plastiche, lubrificanti, materiale medico. 6.1 Vetro e piccoli rifiuti di metallo Materiale vetroso in particolare bottiglie di vario genere ( comprendendo quelle dei reattivi chimici) non devono contenere residui liquidi o solidi, che devono essere preventivamente eliminati, prima che il vetro sia triturato in un apposito trituratore. Il metallo triturato sarà di piccolo spessore non più 1-2 mm. Contenitori di aerosol non completamente vuoti non devono essere triturati ma dovrebbero essere posizionati in cima ai fusti contenenti materiale triturato da smaltire. Materiale di vetro e ferroso di piccole dimensione deve essere portato via dai campi remoti per essere triturata alla MZS. 6.2 Lattine di alluminio Tutto l alluminio ( principalmente lattine di bevande), o proveniente da materiali di laboratorio o dalle officine viene triturato e poi stoccato in fusti di ferro. L alluminio può essere riciclato pertanto più questo è ben separato dalle altre tipologie di rifiuti maggiore sono le possibilità di recupero. Se il materiale è adatto per il riciclo questo deve essere ben segnalato sul contenitore di stoccaggio. 6.3 Fusti vuoti per combustibile I fusti di combustibile vuoti sono generalmente utilizzati come contenitori per molte tipologie di rifiuti. Quando questi non possono essere utilizzati come contenitori perché non adatti o nel caso sia presente una eccedenza di fusti da dover smaltire, questi vengono schiacciati sotto una pressa e stoccati in apposito container per essere riportati in Italia. Tutti i fusti di combustibile vuoti presenti nei campi remoti o nelle aree adibite al rifornimento elicotteri o del twin-otter anche se molto distanti dalla base, vengono riportati alla base italiana per l utilizzo o lo smaltimento. I fusti di combustibile non sono rimossi solo se non ci sono altre possibilità praticabili o se, a causa di rotture o incrinature nella struttura dei fusti di combustibile una forzata rimozione può causare un impatto sull ambiente più grave che lasciare il materiale sul posto. 6.4 Legname Il legname quando possibile può essere riciclato per altri usi. Se non può essere riutilizzato può essere in parte incenerito o riportato indietro per essere a sua volta bruciato o portato in discariche. Va evitato nel maggior modo possibile di bruciare materiale legnoso all aperto a meno che, in talune circostanze (per piccoli quantitativi) non venga circoscritto il processo di combustione all interno di fusti vuoti evitando nel maggior modo possibile la fuoriuscita delle ceneri. Pertanto l operazione va eseguita in assenza di vento. Pagina 21 di 53

22 6.5 Carta e cartone Tutte le tipologie di carta e di cartone possono essere bruciate in inceneritore. Presso i campi remoti i rifiuti cartacei sono raccolti in appositi contenitori e riportati alla stazione Mario Zucchelli per essere inceneriti. La nave italica utilizza un piccolo inceneritore per i rifiuti cartacei e rifiuti di cucina. 6.6 Plastiche Tutte le tipologie di plastiche devono essere riportate in Italia e smaltite opportunamente. Presso la base italiana grazie alla procedura di separazione differenziata dei rifiuti, la plastica è completamente separata dalle altre tipologie di rifiuti e viene stoccata in un opportuno container compattatore che di volta in volta riduce il volume della plastica stoccata. Alla fine della campagna antartica uno o due container per compattazione vengono caricati sulla nave Italica per essere riportati in Italia per lo smaltimento. Anche nei campi remoti la plastica viene riportata alla base per lo smaltimento mentre anche la nave utilizza un sistema di compattazione. 6.7 Tessuti, stoffe, panni Quelli non contaminati da oli o lubrificanti possono essere aggiunti alla plastica e compattati. Quelli intrisi di olio, grasso o pittura devono essere stoccati in specifici contenitori e classificati in evidenza prima di essere messi in container. 6.8 Vermiculite Spesso la vermiculite è utilizzata per impaccare materiali chimici pericolosi. Quando possibile deve essere utilizzata per riconfezionare i prodotti chimici. Se questa non può essere riutilizzata può essere smaltita anche in cassette di legno. La vermiculite non deve essere bruciata. La confezione per lo smaltimento deve riportare ben evidente la dicitura Vermiculite 6.9 Oli lubrificanti Gli oli lubrificanti incluso gli oli di cucina non sono considerati rifiuti pericolosi. Possono essere raccolti in adeguati contenitori inviati e smaltiti in Italia, Gli oli lubrificanti non vanno mescolati con gli altri tipi di combustibili. Gli oli lubrificanti devono essere allontanati dai campi remoti e trasportati alla base per lo smaltimento. Sulle navi devono essere ben classificati e stoccati a bordo. Non possono essere in nessuna circostanza scaricati in mare Neon e lampadine Neon e lampadine elettriche contengono una piccola quantità di mercurio. In Italia sono classificate come normale rifiuto domestico non pericoloso. Tali rifiuti, in territorio antartico, sia originati dalle basi che dalle navi e ancor più se prodotti in campi remoti devono essere catalogati e smaltiti in discarica. Inoltre se possibile, lampadine e tubi al neon non dovrebbero essere rotti per ottimizzarne i volumi. Sia neon che lampadine possono essere riempite sopra o sotto la pressione atmosferica e se rotti possono esplodere o implodere. Alcune lampade potrebbero rilasciare polvere di mercurio. In questo caso usare maschere e guanti protettivi per maneggiare il rifiuto. Per essere smaltite lampadine e neon dovrebbero essere imballate nella loro scatola originaria. Pagina 22 di 53

23 6.11 Culture di microrganismi Culture di laboratorio di microrganismi patogeni devono essere autoclavati quando possibile, o possono essere bruciati per renderli sterili. Il rifiuto così trattato deve essere isolato in contenitori di plastica e trattato come normale rifiuto. In campi remoti se non è possibile autoclavare i rifiuti di questo tipo, allora essi devono essere ben imballati isolati dalle altre tipologie di rifiuto e trasportati presso la base per essere autoclavati o smaltiti adeguatamente. Sulla nave questa tipologia di rifiuti può essere incenerita nell inceneritore della nave Rifiuti medici Il medico della base o della nave è responsabile per la sicurezza dello smaltimento dei rifiuti medici generici. I rifiuti medici vengono separati in base alla loro tipologia in quattro categorie: 1. Rifiuti comprendenti prodotti di medicazione (garze, cerotti, bende, abbassalingua, tamponi per pulizia). 2. Materiale tagliente( aghi di siringhe e lame di bisturi), siringhe e flebo 3. Materiale derivante dall uso di apparecchiature radiologiche (lastre e liquidi di sviluppo) 4. Farmaci scaduti I rifiuti medici inclusi nella prima categoria possono essere raccolti in speciali contenitori ed essere bruciati in loco. I materiali che rientrano nelle categorie (2, 3 e 4 ), dopo essere stati opportunamente separati in speciali contenitori, vengono riportati in Italia e previa autorizzazione secondo le normative vigenti, smaltiti da ditte specializzate. Nei campi remoti il dottore o la persona designata in sua vece è responsabile dello smaltimento dei rifiuti medici ed adotta la stessa procedura utilizzata presso la base. Anche per la nave viene utilizzata la stessa metodologia di smaltimento. Un esempio di classificazione dei rifiuti prodotti nel corso della XX spedizione italiana in Antartide è riportato in appendice V In tabella 1 è riportato invece il sommario dei rifiuti solidi prodotti presso la stazione Mario Zucchelli tra la XIV e la XX spedizione Pagina 23 di 53

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997)

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 81.51 Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. I. Norme generali Il Comune

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 1 I. Norme generali Art. 1. Il Comune di Poschiavo, conformemente

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA ED ELIMINAZIONE RIFIUTI DEL COMUNE DI GRANCIA ================================

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA ED ELIMINAZIONE RIFIUTI DEL COMUNE DI GRANCIA ================================ REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA ED ELIMINAZIONE RIFIUTI DEL COMUNE DI GRANCIA ================================ INDICE Cap. I Norme generali - Art. 1 concetto - Art. 2 obbligatorietà - Art. 3 rifiuti

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Regione Tre Valli. Dal 1 luglio 2006. Tassa sul sacco. ...separiamo i rifiuti... Non gettiamo i soldi nei forni!

Regione Tre Valli. Dal 1 luglio 2006. Tassa sul sacco. ...separiamo i rifiuti... Non gettiamo i soldi nei forni! Dal 1 luglio 2006 Regione Tre Valli Tassa sul sacco Informazioni e consigli sulle novità e sui cambiamenti Non gettiamo i soldi nei forni!...separiamo i rifiuti... pt su 10 di interlinea - 28 pt track

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro / Ambiente Normativa di Settore collegata: ADR 2015 D.Lgs. 35/2010 e smi D.Lgs. 40/2000 e smi Destinatari: Servizio HSE - Consulenti Revisione

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli

I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede ai rifiuti nelle discariche.

I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede ai rifiuti nelle discariche. Occorrente: I rifiuti oggi Esegui l esperimento che ti permetterà di scoprire cosa succede a nelle discariche. Procedimento: sotterra raccolti in un grande contenitore pieno di terra annaffia tutti i giorni

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003 Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici 1-Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE FONTI NORMATIVE - D.M. 26-6-2000 n. 219 (Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119 CER Nome comune Nome ufficiale 120109* Acqua e olio Emulsioni e soluzioni per macchinari non contenenti alogeni 80120 Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura

Dettagli

: LONGLIFE DIAMOND 4X5L I/GR/D/GB

: LONGLIFE DIAMOND 4X5L I/GR/D/GB 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : numero di identificazione : 61500 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

Rifiuti? Rientrano sotto la definizione di rifiuti tutte quelle sostanze o oggetti che risultano di scarto o avanzo alle più svariate attività umane.

Rifiuti? Rientrano sotto la definizione di rifiuti tutte quelle sostanze o oggetti che risultano di scarto o avanzo alle più svariate attività umane. I rifiuti 1 Rifiuti? Rientrano sotto la definizione di rifiuti tutte quelle sostanze o oggetti che risultano di scarto o avanzo alle più svariate attività umane. 2 TIPI DI RIFIUTI ORGANICI (cioè biodegradabili

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

Raccolte Differenziate. Guida Pratica

Raccolte Differenziate. Guida Pratica Raccolte Differenziate Guida Pratica R come rifiuto Preoccupatevi di lasciare questo mondo un po migliore di come lo avete trovato.. Ciclo Naturale Chiuso Il concetto di Rifiuto non esiste in Natura. La

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

SprinterGREASE. Sgrassatore per cucina

SprinterGREASE. Sgrassatore per cucina SprinterGREASE Sgrassatore per cucina Composizione: SprinterGREASE contiene: < 5 % di tensioattivi anionici. Altre sostanze contenute: soda, addensante biodegradabile, colorante per alimenti, olio aromatico.

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA - SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI PERICOLOSI. Art. 1 - Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA - SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI PERICOLOSI. Art. 1 - Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA - SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI PERICOLOSI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Definizione e classificazioni dei rifiuti Art. 3 - Definizione

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI PER FRAZIONI OMOGENEE Art.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Paint Stop (260 g/m 2 ) 1.2. Società: D.L.G. sas via Cal de Livera 71/b 31020 VITTORIO

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente disciplinare determina i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI SCHEDA SICUREZZA MATERIALI 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Nome preparato: FALGRO TABLET Utilizzo del preparato: Regolatore della crescita orticola per uso professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE 0 SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELL IMPRESA U.O. S.U.A.P. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE Approvato con delibera Consiglio Comunale

Dettagli

Commenti alle modifiche dell ADR 2015

Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Le proposte di modifica all ADR 2015 sono raccolte in un documento di oltre 150 pagine (cfr. documento 1.1 «Modifiche ADR 2015»). I commenti che seguono si riferiscono

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Centro inf: A07/ordinanza servizio raccolta rifiuti. Ordinanza municipale sul servizio raccolta rifiuti (del 6.12.2004)

Centro inf: A07/ordinanza servizio raccolta rifiuti. Ordinanza municipale sul servizio raccolta rifiuti (del 6.12.2004) Centro inf: A07/ordinanza servizio raccolta rifiuti Ordinanza municipale sul servizio raccolta rifiuti (del 6.12.2004) - 2 - Ordinanza municipale sul servizio raccolta rifiuti (del 6.12.2004) Il Municipio

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Trasporto in sicurezza di campioni biologici. Giovanni DI BONAVENTURA, B.Sc., PhD

Trasporto in sicurezza di campioni biologici. Giovanni DI BONAVENTURA, B.Sc., PhD Trasporto in sicurezza di campioni biologici Giovanni DI BONAVENTURA, B.Sc., PhD Trasporto di campioni biologici Introduzione (1 di 2) Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETA

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto, nato a il residente a in, in qualità di tecnico abilitato incaricato dalla ditta, consapevole che, ai sensi dell art. 767 del DPR n. 445 del

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali

L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali Sabino Di Pierro Fismet Industriale S.r.l. L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali FISMET INDUSTRIALE S.r.l. VIA

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. Identificazione del prodotto e della società Nome preparato: BIXAN MG Polvere insetticida microgranulare Società: EUROEQUIPE srl Via del Lavoro, 3-40056 Crespellano (BO) Telefono

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO A cura dell ing. Giovanni Maione Tra le pieghe delle modifiche introdotte dal secondo decreto correttivo vogliamo

Dettagli

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO CAMPIONAMENTO Per valutare la quantità di fibre aerodisperse nell ambiente circostante i materiali MCA si deve fare ricorso a: Preliminare valutazione visiva delle condizioni generali di friabilità dei

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 26 Giugno 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE DIRETTORE GENERALE Brando dr. Giuseppe COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli