GEOMETRA. dimensione. Organo ufficiale del. Comitato Regionale. dei collegi. dei Geometri e. Geometri laureati del. Friuli Venezia Giulia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GEOMETRA. dimensione. Organo ufficiale del. Comitato Regionale. dei collegi. dei Geometri e. Geometri laureati del. Friuli Venezia Giulia"

Transcript

1 dimensione GEOMETRA Organo ufficiale del Comitato Regionale dei collegi dei Geometri e Geometri laureati del Friuli Venezia Giulia Mensile - Sped. in a.p. 70% - D.C.B. - UD - Direttore responsabile BRUNO RAZZA

2

3 Indice 4 EDITORIALE Puntiamo tutto il nostro futuro sulla formazione di Bruno Razza 8 ATTUALITÀ La riforma della Scuola Superiore e dell Università per le Professioni Tecniche di Nicla Manetti 19 FISCO Studi di settore che fare? di Tiziano Fior 20 Posta Elettronica Certificata di Elio Miani 24 AMBIENTE La nostra aria é troppo inquinata da PM10 di Livio Lacosegliaz 30 FORMAZIONE Public Speaking (parlare in pubblico) di Pier Giuseppe Sera 32 PREVIDENZA Insediata la nuova commissione legislativa di Tiziano Fior 34 CATASTO Finalmente si attiva il Pregeo 10 di Bruno Razza

4 Editoriale Puntiamo tutto il nostro futuro sulla formazione Si è tenuto a Mestre, organizzato dai Geometri, Periti Industriali e Periti Agrari del Triveneto, un interessantissimo convegno nazionale sulla formazione della nostra figura tecnica di Bruno Razza I Collegi dei Geometri, dei Periti Industriali e dei Periti Agrari, hanno organizzato a Mestre il 18 settembre scorso, una giornata di studio ed approfondimento, dal titolo La riforma della Scuola Superiore e dell Università: prospettive per le Professioni Tecniche, alla quale no han- parte- cipato molti consiglieri dei Collegi delle tre professioni, i vertici nazionali delle categorie, moltissimi Presidi e rappresentanti del mondo scolastico ed universitario, oltre ad illustri relatori, amministratori, Il direttore di DG Bruno Razza 4

5 politici e studiosi ed esperti culturali. L argomento è così grande ed importante, che abbisognerà di ulteriori approfondimenti che ci riserviamo di produrre in seguito. Il Convegno è sorto sulla scia della proposta inoltrata dalle tre categorie tecniche (Geometri, Periti Industriali, Periti Agrari) al Ministro della Giustizia per l unificazione delle stesse in un unico albo professionale per ora cosiddetto del Tecnico per l Ingegneria, argomento questo, del quale abbiamo già avuto modo di scrivere su questa rivista. Ora, dopo la presentazione di apposito e condiviso disegno delega al Governo da parte dei vertici delle tre categorie, il tema dell unificazione delle stesse, diventa di attualità, anche perché si inserisce significativamente nell ambito della riforma scolastica in atto. Tant è che il giorno precedente il Convegno, sempre a Mestre, si è tenuto il primo Consiglio plenario dei tre Consigli Nazionali dei Geometri e Geometri Laureati, dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati e dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati. In questa sede, si è dibattuto l argomento dell unificazione delle tre categorie, incentrando l analisi sugli effetti positivi e negativi di questa ipotesi. Va detto che è stato possibile riscontrare un grande coinvolgimento di tutti nel riconoscere che dalla ipotizzata fusione, si potranno raccogliere molti più benefici piuttosto che danni, specialmente se questa sarà sorretta da una adeguata riforma del percorso scolastico necessario al conseguimento dell abilitazione all esercizio della professione e dalle modifiche normative, che portino inequivocabilmente alla creazione di due livelli di tecnici professionali (quelli della laurea quinquennale e quelli della laurea triennale o titolo equipollente). Il tutto, dovrebbe sfociare nell eliminazione degli Albi B dei laureati magistrali, dove oggi possono iscriversi coloro che avrebbero i requisiti (laureati triennale) per iscriversi anche nei nostri Albi, eliminando così una concorrenza irragionevole ed incomprensibile tra Ordini e Collegi Professionali, i quali per logica e ragionevolezza, debbono essere profondamente diversi tra di loro, per attività, competenze ed interessi. Al momento, la strada per arrivare ad un nuovo Albo dei tecnici laureati triennali, nel quale potranno e dovranno confluire gli attuali Albi dei diplomati in una sorta di unificazione, sembra ancora lunga ed accidentata, anche perché la proposta dovrebbe ottenere il consenso delle altre categorie professionali (Ingegneri, Architetti, Geologi, Dottori Agronomi, ecc.), che a tutt oggi appare tutt altro che scontato. In proposito è emblematico il recentissimo cambio avvenuto al vertice nazionale degli Ingegneri, che pare motivato in grande parte sui dissensi e contrasti interni, intervenuti in seguito alla nostra proposta (per il nome: tecnico per l ingegneria, per le competenze, per la possibilità di iscrizione, per l eliminazione od il mantenimento dell Albo B, ecc.). Mario Giacomo Dutto, direttore generale per gli ordinamenti scolastici, Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 5

6 Bruno Bordignon docente dell Università Salesiana In ogni caso, l aspetto più interessante che possiamo rilevare oggi dal Convegno di Mestre, è quello che ha visto per la prima volta, tre categorie professionali (per molti versi affini) ritrovarsi assieme in una vasta area geografica, per condividere un aspirazione, una necessità, un bisogno, attraverso un lavoro di gruppo svolto e da svolgere in comune, assieme, mettendo ognuno a disposizione di un disegno più ampio e generale del solito interesse particolare, le proprie risorse e disponibilità. Il Presidente del Collegio di Udine Renzo Fioritti e la Consigliera Nicla Manetti hanno partecipato all organizzazione dell evento, entrando a far parte del Comitato di Coordinamento appositamente istituito tra gli organismi delle tre professioni del Triveneto, comitato che ha predisposto anche un apposito documento di presentazione dei temi e degli argomenti del convegno. Per conto di detto Coordinamento, il Presidente dei Periti Industriali di Belluno, Menegon Alberto, ha portato il saluto iniziale al Convegno. Il Presidente del Collegio dei Geometri di Venezia Massimiliano DeMartin ha tratto le conclusioni alla fine. La Consigliera del Collegio di Udine Nicla Manetti, che ha partecipato fattivamente alla stesura del documento, lo ha letto in apertura degli interventi. Il documento di cui sopra, viene qui di seguito pubblicato integralmente. Interessanti sono stati tutti gli interventi, a cominciare da quelli degli assessori Regionali (per noi era presente Roberto Molinaro) all Istruzione, Formazione e Cultura) fino a quelli dei Docenti Universitari, Presidi e dirigenti delle scuole Medie superiori. Tutti però hanno svolto relazioni di plauso e condivisione di principio delle nostre aspettative, ma hanno lamentato la presenza di diverse difficoltà organizzative, economiche e legislative, che ostacolano la concreta definizione del progetto di formazione delle Professioni Tecniche cosiddette intermedie. Il Direttore generale per gli ordinamenti scolastici del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Mario Giacomo Dutto, ha anche ventilato l ipotesi che la riforma, ormai definita nei principi generali, potrebbe ancora essere oggetto di qualche rinvio nei tempi di attivazione ed applicazione, per permettere di affinare i dettagli operativi ancora non chiari. Utili per la conoscenza delle strade e delle opportunità parlamentari del percorso scolastico che ci interessa, è stato l aperto confronto, spesso anche spiccatamente polemico, tra la Senatrice MariaPia Garavaglia (membro di minoranza della Commissione Istruzione Pubblica, Beni Culturali del Senato) e l onorevole Fabio Garagnani (componente di maggioranza della Commissione Cultura, Scienza ed Istruzione della Camera dei Deputati). Ma fra i tanti, di sicuro gli interventi più utili e significativi sono stati quelli del Professor Bruno Bordignon, docente dell università Salesiana e del Monsignor Fabiano Longoni, delegato all azione sociale 6

7 del Patriarca di Venezia. I due oratori hanno letteralmente illuminato la platea, dimostrato una grande conoscenza e competenza, evidenziando che per ottenere le riforme di cui abbiamo bisogno, non si deve partire da un modello di scuola, ma da un modello di tecnico e più precisamente di quel tecnico che è necessario alla società moderna ed al quotidiano sistema produttivo, altrimenti si rischia di fare una riforma che produrrà tecnici competenti del nulla e disadattati nel sistema paese. La riforma della scuola deve toccare gli studenti, le famiglie, i docenti, l università, gli Ordini professionali, il sistema nel suo assieme e soprattutto deve essere voluta, partecipata e condivisa da noi, che fra i tanti, siamo coloro che ne hanno più bisogno. Dobbiamo capire che il mondo è cambiato ed i suoi cambiamenti vanno affrontati con una cultura adeguata alla realtà, nell approfondimento di una formazione nuova e moderna, che sia realmente in grado di preparare le generazioni a qualcosa di concreto, senza lasciarle nel generico o nel sofisticato apprendimento attuale, più volte risultato assolutamente privo di concretezza. Quindi ci è stato detto a chiare lettere, che prima del sapere e del saper fare, termini a noi tanto cari quando intendiamo difendere la nostra competenza e preparazione, è necessario prima di tutto essere. Per cui dobbiamo cercare di identificare cosa e chi vogliamo essere, quale sia la figura tecnica che dobbiamo creare. La risposta è: il tecnico di cui la società ha bisogno e non il tecnico che ci piacerebbe, magari soltanto erede delle reminiscenze di un passato, che sappiamo ormai antico ed irripetibile. Pertanto la lezione più pregnante che ci è arrivata da questo interessante convegno, è quella di comprendere appieno quali siano le reali necessità della società e del territorio che noi conosciamo così bene e di lavorare quindi ad ogni livello, scolastico, universitario, professionale e politico, per la creazione della figura (diplomata/laureata e comunque brava) di un tecnico nuovo. Un tecnico che potrà essere chiamato anche diversamente da tecnico per l ingegneria, ma un tecnico che in continuità con ciò che siamo stati noi, sappia conoscere e risolvere i problemi della committenza di oggi e di domani, con assoluta competenza e capacità. 7 Fabiano Longoni, Monsignore delegato all Azione Sociale del Patriarca di Venezia

8 Attualità La riforma della Scuola Superiore e dell Università: prospettive per le Professioni Tecniche La relazione del Coordinamento Collegi dei Geometri, Periti Agrari e Periti Industriali del Triveneto, al convegno di Mestre di Nicla Manetti Nicla Manetti È la prima volta che geometri, periti agrari e periti industriali, tre categorie professionali di rilevante importanza nel panorama del settore tecnico e fortemente radicate nel tessuto sociale dell intero Paese, si ritrovano insieme, qui oggi, con il comune obiettivo di dare vita a un laboratorio per promuovere idee, elaborare progetti, costruire programmi, nell ottica, condivisa di una convergenza armonica e razionale verso la piena unificazione in un Albo dei tecnici per l ingegneria di primo livello, che dovrà essere anche la futura casa dei laureati triennali. Obbiettivo nobile ma certamente impegnativo, per la cui realizzazione, anche in questa sede, ribadiamo il nostro impegno, nella piena consapevolezza che una tale aggregazione produrrà sinergie positive e nuove risorse per una valorizzazione del patrimonio intellettuale e professionale, a beneficio dello sviluppo economico del Paese e dell intera società. Sono rappresentati in questa sala tutti i trentasei Collegi provinciali di un area geografica, meglio nota come Triveneto, da sempre fucina di idee e di proposte e luogo di straordinarie e innovative sperimentazioni. Oggi, nel laborioso e vivace territorio del nordest (che raggruppa le regioni del Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige), sono oltre gli iscritti alle nostre tre categorie impegnati nella filiera delle costruzioni, nel cui ambito si occupano in prevalenza come liberi professionisti in base alle rispettive competenze - nei settori dell edilizia, dell impiantistica, della sicurezza, della prevenzione incendi, della gestione del territorio e della salvaguardia dell am- 8

9

10 dando al futuro e battendoci per il rinnovamento e l innovazione possiamo realmente contribuire al progresso e al benessere della nostra società. All interesse per il buon esito del processo di unificazione, avviato dalle tre categorie e finalizzato alla costituzione di un Albo dei tecnici laureati per l ingegneria, costituito, in partenza, da circa iscritti che potranno essere affiancati da oltre tecnici diplomati pubblici, in coerenza con un doveroso processo di semplificazione del quadro professionale, si affianca una particolare attenzione alla tematica fino ad oggi troppo trascurata del modello di istruzione e formazione occorrente affinché il sistema Paese sia in grado di fornire risposte soddisfacenti alle esigenze di rinnovamento cultura- Alberto Menegon Presidente del Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Belluno biente; anche in ragione della forza correlata alla cospicua rappresentanza ed alla variegata multidisciplinarietà di profili e competenze professionali disponibili, gli iscritti ai Collegi provinciali del Triveneto costituiscono da sempre una risorsa vitale per l economia locale oltre che un prezioso riferimento per le politiche di categoria. Va sottolineato il fatto che, a conferma delle specifiche professionalità, il reddito dei nostri iscritti, si attesta ben al di sopra dei redditi medi di categoria a livello nazionale. In questo senso, ci proponiamo come la prima aggregazione sovraregionale coordinata di tre categorie assai composite e complesse, nonché in continua evoluzione come solo pochi altri settori possono vantare. Se siamo ben consapevoli delle nostre comuni radici (lo scorso 2 luglio a Roma, abbiamo festeggiato unitariamente la ricorrenza comune dell 80 dalla costituzione dei tre ordinamenti), siamo altrettanto convinti che solo guar- le, intellettuale e professionale in ambito tecnico-scientifico, richieste dai settori dei servizi e della produzione. Questa sensibilità è il presupposto che ci ha motivati a promuovere il nostro convegno, dedicato a ISTRUZIONE E PRO- FESSIONE. Le riforme della scuola superiore e dell università; prospettive per le professioni tecniche, mediante il quale intendiamo sottolineare la necessità di un analisi e di un confronto aperto con le istituzioni, la scuola, le forze politiche e le parti sociali, sulle molteplici opportunità offerte dalla riforma dei piani di studio per l istruzione tecnica secondaria, attuata di recente dal ministro Gelmini. Opportunità che, peraltro, possono e devono essere colte in sincronia e collegamento con la preannunciata riforma dell Università. Il convegno, che vede invitati il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, esponenti nazionali delle forze politiche di maggioranza e opposizione competenti in materia, assessori delegati 10

11 all istruzione regionali e provinciali, esponenti dell università e della cultura, nonché tutti i 107 dirigenti degli Istituti Tecnici per geometri, periti agrari e periti industriali del Triveneto, va dunque interpretato come un momento di coinvolgimento dei soggetti chiamati, a vario titolo, al coordinamento e alla gestione compiuta delle norme concernenti il riordino delle nuove scuole secondarie. Per affrontare l emergenza Scuola - la vera emergenza nazionale così come l ha definita Galli Della Loggia nel suo editoriale di domenica scorsa sul Corriere della Sera - c è realmente bisogno dell aiuto e del contributo di tutti. Non può più essere il campo per un inutile e deleteria guerra per bande, ma deve diventare il territorio più fertile dell intero paese, dove far crescere attraverso uno sforzo comune e condiviso le nuove generazioni. e vuole proprio corrispondere a questo auspicio, richiamato nelle conclusioni anche dall editorialista del giornale di Milano, il nostro convegno, consapevoli che la posta in gioco non è la vittoria di questo o quello schieramento, ma il futuro dell Italia tutta. Prima di entrare nelle questioni di merito, va sgomberato il campo da alcuni pregiudizi e resistenze culturali che non hanno fin qui particolarmente coinvolto le libere professioni, nel pur acceso dibattito avviatosi all atto della riforma dell istruzione secondaria. Ciò ha determinato una scarsa divulgazione e un ancora più ridotta conoscenza nell opinione pubblica delle tesi e delle posizioni, avanzate dai nostri rappresentanti. È dunque necessario spiegare prima di tutto chi siamo e cosa vogliamo: da tempo attaccati perché ritenuti, in una certa visione politica ed economica, elementi di freno alla competitività del sistema Italia, gli ordini e collegi professionali raggruppano e rappresentano, per categorie diverse, quei soggetti che esercitano, in forma individuale o associata, un attività intellettuale mediante l esercizio della professione. In particolare i professionisti tecnici svolgono servizi di notevole importanza ed interesse per la collettività: dal settore ingegneristico, nel quale operano come esperti qualificati, nella progettazione e direzione di opere edili, impiantistiche e tecnologiche di natura civile o industriale, pubblica e privata nel settore della sicurezza, della protezione, della tutela ambientale e della gestione del territorio, nonché del risparmio energetico, solo per citare alcuni ambiti di attività. Essi sono consulenti, quotati e ricercati, a servizio del cittadino utente, della pubblica amministrazione, del mondo produttivo e dell autorità giudiziaria; vettori tramite i quali il potenziale di sensibilità e competenza, intrinseco alle varie categorie, non può che crescere, in forza della formazione teorica e della confidenza nell applicazione di tecnologie innovative. Il contributo intellettuale ed econo- 11 Massimiliano De Martin Presidente del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Venezia

12 Nicla Manetti Consigliere del Collegio dei Geometri di Udine Roberto Molinaro, Assessore Regionale del Friuli Venezia Giulia all Istruzione, Formazione e Cultura mico dei professionisti costituisce dunque una risorsa preziosa per lo sviluppo ed il progresso del Paese; in tal senso si profila evidente ed assolutamente legittimo un loro diritto/dovere di esprimersi su questioni, come quella oggetto dell odierno convegno, di indubbia valenza strategica nazionale. Nell interesse della collettività si chiede di investire, nella formazione ed educazione scolastica, per fare emergere dagli studenti le loro abilità, attraverso un elevato livello di istruzione ed un alta qualità formativa, che potranno essere esercitate nei processi produttivi e nei settori nazionale ed esteri. Con queste abilità e competenze, tutte le realtà organizzate del lavoro potranno utilizzare tecnici preparati ed istruiti. Del resto, l attuale sistema rifiuta sotto il profilo della sostenibilità economica un modello di processo formativo per lo più basato su esperienze e conoscenze tecniche maturate solo all interno dell azienda, ma richiede, invece, un tecnico estremamente competente e formato, dotato di competenze specialistiche in un particolare settore, che sappia fin da subito, possibilmente, coniugare il sapere con il saper fare, e possa risultare immediatamente spendibile nel mondo del lavoro. Lo conferma il fatto che la domanda di tecnici da parte del mercato risulta soddisfatta mediamente a meno del 50%.le categorie professionali dell area tecnica, in Italia, hanno colto da tempo la straordinaria importanza dell aggiornamento continuo delle loro conoscenze e competenze professionali, per il mantenimento di uno standard qualitativo competitivo a livello europeo, al punto da prevedere, tra gli obblighi deontologici, quello della formazione permanente. Non solo dunque istruzione tecnica scolastica commisurata ai livelli di sviluppo tecnologico propri dell epoca moderna, ma ricerca continua, verifica delle esperienze professionali conseguite, aggiornamento delle conoscenze tecniche e tecnologiche, in un percorso guidato di miglioramento e perfezionamento al servizio del Paese. La riforma dell istruzione tecnica secondaria Assodati questi semplici, ma essenziali 12

13 concetti, vogliamo ora provare ad enunciare brevemente i principali aspetti innovatori introdotti dalla riforma voluta dal ministro Gelmini: a) accorpamento dei settori da 10 a 2: economico e tecnologico, nonché degli indirizzi formativi da 39 a 9: Meccanica, Meccatronica ed Energia; Trasporti e Logistica; Elettronica e Comunicazioni; Informatica e Telecomunicazioni; Grafica e Comunicazione; Chimica, Materiali e Biotecnologie; Sistema Moda; Agraria e Agroindustria; Costruzioni, Ambiente e Territorio. b) sviluppo del ciclo formativo in due bienni ed un quinto anno, pur costituendo questi ultimi due un percorso formativo unitario. Al riguardo, ci si interroga se questa scelta possa essere propedeutica e funzionale ad un futuro, ulteriore passaggio per uniformare il sistema nazionale al modello europeo prevalente che vede l istruzione secondaria sviluppata su un piano di studi di durata quadriennale, con indubbio vantaggio competitivo. c) incremento del numero di ore di studio delle materie tecnico/scientifiche e di laboratorio e della lingua straniera. L utilità di questa impostazione ci trova assolutamente concordi e non impone alcuna, ulteriore particolare considerazione. d) utilizzo di spazi di flessibilità per i contenuti del piano di studi in completa autonomia dei singoli istituti in misura non superiore al 20% nel primo biennio; al 30% nel secondo biennio e del 35% nell ultimo anno. Questa disposizione si profila come una vera e propria novità assoluta, ispirata al principio di una devoluzione dei poteri e delle responsabilità verso le realtà locali, ed offre grandi opportunità per caratterizzare positivamente un ciclo di studi, tale da renderlo, oltre che funzionale alle esigenze del singolo territorio, appetibile come offerta formativa specialistica in grado di catturare attenzioni e consensi anche di studenti di altre aree. e) possibilità per le scuola di attivare, durante il secondo biennio, percorsi formativi di scuola-lavoro e/o stage in collaborazione con le università, gli istituti tecnici superiori, accademie ecc.; in questo contesto riteniamo si riveli di fondamentale utilità l incremento del numero di soggetti intesi dalla scuola quali potenziali partner, da coinvolgere in questi particolari percorsi formativi, con ulteriori proficui apporti derivanti dal coinvolgimento anche delle categorie professionali tecniche. Note sulla riforma Con l intendimento di offrire qualche spunto di riflessione per gli interventi dei successivi illustri relatori ed ospiti, propo- Hotel Laguna Palace, sede del convegno 13

14 On.le Fabio Garagnani, componente della commissione Cultura, Scienza ed Istruzione della Camera dei Deputati Sen. Mariapia Garavaglia componente della Comissione Istruzione Pubblica e Beni Culturali del Senato 14 niamo alcune brevi considerazioni: 1) Il riordino degli istituti tecnici può e deve costituire una grande opportunità per il rilancio e la riqualificazione di questo ciclo di studi, dopo un recente periodo caratterizzato dal dilagante fenomeno della liceizzazione della scuola superiore. Fenomeno che rischiava di generare un accentuato dualismo ed una netta separazione dell offerta formativa, tale da comportare una formazione troppo generalista, capace di offrire solo un infarinatura sui contenuti professionali, relegando così gli istituti tecnici a scuola di rango inferiore, ove ridursi ad imparare un mestiere. Il confermato ritorno, in questi ultimi due anni, a un trend positivo nel numero dei nuovi iscritti è la dimostrazione che questa scuola viene nuovamente percepita come un percorso di studi atto a formare figure tecniche specialistiche di cui la società ed il sistema produttivo hanno bisogno per poter competere a livello globale; 2) Sotto il profilo pratico appare dunque assicurato un elevato livello culturale e formativo, con corsi tenuti da docenti qualificati anche in contatto con l ambiente universitario, indispensabile sia per il settore produttivo sia per il mondo delle libere professioni, in un circolo virtuoso, che assicuri da un lato un istruzione di eccellenza, in grado di consentire sbocchi professionali immediati e facilmente spendibili nel mondo del lavoro; dall altro, la possibilità di proseguire gli studi, con accesso all università, provvisti di un bagaglio di conoscenze tecniche adeguate ed in linea con quelle dei nostri partner europei. 3) Dal nostro punto di vista, ben venga dunque l intendimento espresso dal ministro Gelmini al recente Meeting di Rimini di un imminente, radicale revisione del sistema di qualificazione del corpo insegnante, che vedrebbe privilegiate, in un immediato futuro, maggiori competenze tecnologico-informatiche unitamente alle lingue straniere; è necessario infatti che anche i docenti siano adeguatamente preparati per il proprio impegnativo compito, circostanza questa che legittima la previsione, anticipata dal ministro, del ricorso

15 9/2009

16 ad una scuola di specializzazione per l insegnamento secondario, con corsi della durata biennale, per praticare l insegnamento nella scuola secondaria superiore. 4) Sembra infine indispensabile pervenire sollecitamente ad opportuni chiarimenti sulle eventuali opzioni utilizzabili per un istruzione tecnica superiore, alternativa all università, dovendosi superare quella ridda di pericolosi equivoci ingenerati dalle diverse sigle in gioco (ITS, IFTS ecc.) e la confusione sulle loro reali finalità. Ed in tale esercizio, non sembrano doversi escludere a priori, validissime possibilità offerte da modelli alternativi ma da tempo felicemente sperimentati in altri paesi europei, come ad esempio la F.H Fachhochschule in Germania. Il quadro che abbiamo voluto illustrare (necessariamente in termini parziali ed estremamente sintetici, ma che ci auguriamo possa trovare fecondi sviluppi e nuovi stimoli nelle relazioni che seguiranno) non può vedersi in alcun caso disgiunto da un altra importantissima immagine in corso di definizione. Stiamo parlando dell imminente riforma dell università, sulla quale riteniamo ulteriormente opportuno poter esporre brevemente il nostro pensiero, se è vero, come è vero, che l istruzione tecnica secondaria non si profila più, di per se, adeguata e sufficiente a conseguire quelle competenze tecnico-scientifiche occorrenti a svolgere, in un prossimo futuro, l esercizio della professione intellettuale. La riforma dell Università. Il contesto attuale: A seguito dell entrata in vigore della riforma ed in recepimento della direttiva europea di settore, tra pochi anni l esercizio della libera professione sarà consentito solo dopo un corso di studi post/secondari, di durata triennale, che porti al conseguimento di una laurea universitaria o di un titolo equipollente. Le opzioni future: 1) Laurea triennale. Una possibile risposta potrebbe giungere da una rinnovata attenzione per i politecnici, che in Italia sono comunque pochissimi, ed oltretutto radicati in realtà geografiche diverse dal Triveneto. Non si tratta necessariamente di creare nuove università ma di mettere a sistema quelle esistenti rendendole capaci di interagire con le realtà produttive e l innovazione tecnologica su base federativa. 2) L istruzione superiore. Vale quanto già accennato in precedenza: ferma restando la necessità di non confonderla o assimilarla con la formazione pro- Fausto Savoldi Presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati, con il moderatore del convegno Luca Ginetto (giornalista Rai) 16

17 Andrea Bottaro Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati, con Fausto Amadasi Presidente della Cassa di Previdenza dei Geometri fessionalizzante, funzionale ad altri segmenti del mercato del lavoro e preordinata al soddisfacimento di una formazione di livello inferiore (preposti, operai specializzati, ecc.), essa è però certamente inadeguata a costituire la base formativa e culturale per l esercizio anche di una libera professione. Lo scenario auspicato Si invoca una riforma radicale dell odierno sistema universitario, che vede attualmente la formazione triennale come una tappa intermedia nel percorso per il conseguimento della laurea magistrale. Va, invece a nostro giudizio, creato un autonomo ciclo di studi universitari triennale, con contenuti peculiari adeguati a formare un tecnico intermedio tra il diplomato ed il laureato quinquennale, di cui hanno certamente bisogno sia il settore produttivo che le professioni intellettuali. Si profila pertanto assolutamente necessaria una radicale revisione del Dpr 328/2001, per superare definitivamente la pericolosa confusione ingenerata da percorsi formativi pluriprofessionalizzanti ; il c.d. 3+2 si è rivelato un grande fallimento e la confusione anche dei profili professionali che ne è derivata costituisce un grave limite che il Paese non è in grado di sostenere nella sfida competitiva con gli altri paesi europei. L eliminazione della sezione B degli Ordini per far confluire i Triennali nel nostro Albo Unificato, suddiviso per settori di attività specialistiche, tranquillizzando tutti coloro che non vogliono diventare Laureati ad Honorem ma semplicemente confluire nel nuovo Albo in via di superamento. Conclusioni Manifestiamo davanti a questo consesso la nostra concorde volontà di collaborare, in una doverosa logica di servizio a favore degli interessi del Paese, con i dirigenti dei locali istituti tecnici, rendendoci disponibili, in rappresentanza dei nostri iscritti, a partecipare nell ambito di un confronto con pari dignità con gli altri soggetti istituzionalmente coinvolti, ai costituendi Comitati scientifici, allo scopo di offrire il nostro contributo, mediante l apporto di esperienze professionali, com- 17

18 Giuseppe Jogna Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati petenze tecniche, idealità, risorse umane ed economiche (nei limiti del possibile), ad una reale valorizzazione dell istruzione tecnica italiana. In tal senso riteniamo di poter rappresentare una preziosa risorsa a servizio dei singoli Istituti, con i quali fare sistema, offrendo un utile e assidua collaborazione finalizzata ad una modulazione applicativa dei nuovi piani di studi, funzionale non solo alle esigenze del settore produttivo ma anche e soprattutto mirata a fornire allo studente, potenziale futuro esercente l attività intellettuale, quale li- 18 bero professionista,quella preparazione tecnico-scientifica di elevata qualità che possa consentire un successivo, agevole accesso ai necessari corsi universitari triennali o quinquennali. Questo contributo potrà esplicitarsi attraverso un costante contatto ed una proficua assistenza : dei nostri Collegi provinciali, al cui interno risiedono molteplici esperienze professionali di eccellenza, potenzialmente assai utili alla scuola, ad esempio nella tenuta di seminari tecnici e formativi, convegni, corsi di specializzazione su talune materie specialistiche ed innovazioni tecnologiche; gli studi professionali dei nostri singoli iscritti di più elevato standard qualitativo, per consentire allo studente interessato di disporre, nel corso del piano di studi, della possibilità di frequentare stage formativi con maturazione diretta ed immediata di una prima esperienza tecnica di base, certamente utile al completamento delle proprie competenze. Dopo il Convegno, ci riserviamo di affinare la progettualità poc anzi tratteggiata e di riprendere, a breve, contatti diretti con i dirigenti dei locali Istituti tecnici allo scopo di stimolare l individuazione di possibili iniziative condivise tra quelle suggerite.

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli