GEOMETRA. dimensione. Organo ufficiale del. Comitato Regionale. dei collegi. dei Geometri e. Geometri laureati del. Friuli Venezia Giulia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GEOMETRA. dimensione. Organo ufficiale del. Comitato Regionale. dei collegi. dei Geometri e. Geometri laureati del. Friuli Venezia Giulia"

Transcript

1 dimensione GEOMETRA Organo ufficiale del Comitato Regionale dei collegi dei Geometri e Geometri laureati del Friuli Venezia Giulia Mensile - Sped. in a.p. 70% - D.C.B. - UD - Direttore responsabile BRUNO RAZZA

2

3 Indice 4 EDITORIALE Puntiamo tutto il nostro futuro sulla formazione di Bruno Razza 8 ATTUALITÀ La riforma della Scuola Superiore e dell Università per le Professioni Tecniche di Nicla Manetti 19 FISCO Studi di settore che fare? di Tiziano Fior 20 Posta Elettronica Certificata di Elio Miani 24 AMBIENTE La nostra aria é troppo inquinata da PM10 di Livio Lacosegliaz 30 FORMAZIONE Public Speaking (parlare in pubblico) di Pier Giuseppe Sera 32 PREVIDENZA Insediata la nuova commissione legislativa di Tiziano Fior 34 CATASTO Finalmente si attiva il Pregeo 10 di Bruno Razza

4 Editoriale Puntiamo tutto il nostro futuro sulla formazione Si è tenuto a Mestre, organizzato dai Geometri, Periti Industriali e Periti Agrari del Triveneto, un interessantissimo convegno nazionale sulla formazione della nostra figura tecnica di Bruno Razza I Collegi dei Geometri, dei Periti Industriali e dei Periti Agrari, hanno organizzato a Mestre il 18 settembre scorso, una giornata di studio ed approfondimento, dal titolo La riforma della Scuola Superiore e dell Università: prospettive per le Professioni Tecniche, alla quale no han- parte- cipato molti consiglieri dei Collegi delle tre professioni, i vertici nazionali delle categorie, moltissimi Presidi e rappresentanti del mondo scolastico ed universitario, oltre ad illustri relatori, amministratori, Il direttore di DG Bruno Razza 4

5 politici e studiosi ed esperti culturali. L argomento è così grande ed importante, che abbisognerà di ulteriori approfondimenti che ci riserviamo di produrre in seguito. Il Convegno è sorto sulla scia della proposta inoltrata dalle tre categorie tecniche (Geometri, Periti Industriali, Periti Agrari) al Ministro della Giustizia per l unificazione delle stesse in un unico albo professionale per ora cosiddetto del Tecnico per l Ingegneria, argomento questo, del quale abbiamo già avuto modo di scrivere su questa rivista. Ora, dopo la presentazione di apposito e condiviso disegno delega al Governo da parte dei vertici delle tre categorie, il tema dell unificazione delle stesse, diventa di attualità, anche perché si inserisce significativamente nell ambito della riforma scolastica in atto. Tant è che il giorno precedente il Convegno, sempre a Mestre, si è tenuto il primo Consiglio plenario dei tre Consigli Nazionali dei Geometri e Geometri Laureati, dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati e dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati. In questa sede, si è dibattuto l argomento dell unificazione delle tre categorie, incentrando l analisi sugli effetti positivi e negativi di questa ipotesi. Va detto che è stato possibile riscontrare un grande coinvolgimento di tutti nel riconoscere che dalla ipotizzata fusione, si potranno raccogliere molti più benefici piuttosto che danni, specialmente se questa sarà sorretta da una adeguata riforma del percorso scolastico necessario al conseguimento dell abilitazione all esercizio della professione e dalle modifiche normative, che portino inequivocabilmente alla creazione di due livelli di tecnici professionali (quelli della laurea quinquennale e quelli della laurea triennale o titolo equipollente). Il tutto, dovrebbe sfociare nell eliminazione degli Albi B dei laureati magistrali, dove oggi possono iscriversi coloro che avrebbero i requisiti (laureati triennale) per iscriversi anche nei nostri Albi, eliminando così una concorrenza irragionevole ed incomprensibile tra Ordini e Collegi Professionali, i quali per logica e ragionevolezza, debbono essere profondamente diversi tra di loro, per attività, competenze ed interessi. Al momento, la strada per arrivare ad un nuovo Albo dei tecnici laureati triennali, nel quale potranno e dovranno confluire gli attuali Albi dei diplomati in una sorta di unificazione, sembra ancora lunga ed accidentata, anche perché la proposta dovrebbe ottenere il consenso delle altre categorie professionali (Ingegneri, Architetti, Geologi, Dottori Agronomi, ecc.), che a tutt oggi appare tutt altro che scontato. In proposito è emblematico il recentissimo cambio avvenuto al vertice nazionale degli Ingegneri, che pare motivato in grande parte sui dissensi e contrasti interni, intervenuti in seguito alla nostra proposta (per il nome: tecnico per l ingegneria, per le competenze, per la possibilità di iscrizione, per l eliminazione od il mantenimento dell Albo B, ecc.). Mario Giacomo Dutto, direttore generale per gli ordinamenti scolastici, Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 5

6 Bruno Bordignon docente dell Università Salesiana In ogni caso, l aspetto più interessante che possiamo rilevare oggi dal Convegno di Mestre, è quello che ha visto per la prima volta, tre categorie professionali (per molti versi affini) ritrovarsi assieme in una vasta area geografica, per condividere un aspirazione, una necessità, un bisogno, attraverso un lavoro di gruppo svolto e da svolgere in comune, assieme, mettendo ognuno a disposizione di un disegno più ampio e generale del solito interesse particolare, le proprie risorse e disponibilità. Il Presidente del Collegio di Udine Renzo Fioritti e la Consigliera Nicla Manetti hanno partecipato all organizzazione dell evento, entrando a far parte del Comitato di Coordinamento appositamente istituito tra gli organismi delle tre professioni del Triveneto, comitato che ha predisposto anche un apposito documento di presentazione dei temi e degli argomenti del convegno. Per conto di detto Coordinamento, il Presidente dei Periti Industriali di Belluno, Menegon Alberto, ha portato il saluto iniziale al Convegno. Il Presidente del Collegio dei Geometri di Venezia Massimiliano DeMartin ha tratto le conclusioni alla fine. La Consigliera del Collegio di Udine Nicla Manetti, che ha partecipato fattivamente alla stesura del documento, lo ha letto in apertura degli interventi. Il documento di cui sopra, viene qui di seguito pubblicato integralmente. Interessanti sono stati tutti gli interventi, a cominciare da quelli degli assessori Regionali (per noi era presente Roberto Molinaro) all Istruzione, Formazione e Cultura) fino a quelli dei Docenti Universitari, Presidi e dirigenti delle scuole Medie superiori. Tutti però hanno svolto relazioni di plauso e condivisione di principio delle nostre aspettative, ma hanno lamentato la presenza di diverse difficoltà organizzative, economiche e legislative, che ostacolano la concreta definizione del progetto di formazione delle Professioni Tecniche cosiddette intermedie. Il Direttore generale per gli ordinamenti scolastici del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Mario Giacomo Dutto, ha anche ventilato l ipotesi che la riforma, ormai definita nei principi generali, potrebbe ancora essere oggetto di qualche rinvio nei tempi di attivazione ed applicazione, per permettere di affinare i dettagli operativi ancora non chiari. Utili per la conoscenza delle strade e delle opportunità parlamentari del percorso scolastico che ci interessa, è stato l aperto confronto, spesso anche spiccatamente polemico, tra la Senatrice MariaPia Garavaglia (membro di minoranza della Commissione Istruzione Pubblica, Beni Culturali del Senato) e l onorevole Fabio Garagnani (componente di maggioranza della Commissione Cultura, Scienza ed Istruzione della Camera dei Deputati). Ma fra i tanti, di sicuro gli interventi più utili e significativi sono stati quelli del Professor Bruno Bordignon, docente dell università Salesiana e del Monsignor Fabiano Longoni, delegato all azione sociale 6

7 del Patriarca di Venezia. I due oratori hanno letteralmente illuminato la platea, dimostrato una grande conoscenza e competenza, evidenziando che per ottenere le riforme di cui abbiamo bisogno, non si deve partire da un modello di scuola, ma da un modello di tecnico e più precisamente di quel tecnico che è necessario alla società moderna ed al quotidiano sistema produttivo, altrimenti si rischia di fare una riforma che produrrà tecnici competenti del nulla e disadattati nel sistema paese. La riforma della scuola deve toccare gli studenti, le famiglie, i docenti, l università, gli Ordini professionali, il sistema nel suo assieme e soprattutto deve essere voluta, partecipata e condivisa da noi, che fra i tanti, siamo coloro che ne hanno più bisogno. Dobbiamo capire che il mondo è cambiato ed i suoi cambiamenti vanno affrontati con una cultura adeguata alla realtà, nell approfondimento di una formazione nuova e moderna, che sia realmente in grado di preparare le generazioni a qualcosa di concreto, senza lasciarle nel generico o nel sofisticato apprendimento attuale, più volte risultato assolutamente privo di concretezza. Quindi ci è stato detto a chiare lettere, che prima del sapere e del saper fare, termini a noi tanto cari quando intendiamo difendere la nostra competenza e preparazione, è necessario prima di tutto essere. Per cui dobbiamo cercare di identificare cosa e chi vogliamo essere, quale sia la figura tecnica che dobbiamo creare. La risposta è: il tecnico di cui la società ha bisogno e non il tecnico che ci piacerebbe, magari soltanto erede delle reminiscenze di un passato, che sappiamo ormai antico ed irripetibile. Pertanto la lezione più pregnante che ci è arrivata da questo interessante convegno, è quella di comprendere appieno quali siano le reali necessità della società e del territorio che noi conosciamo così bene e di lavorare quindi ad ogni livello, scolastico, universitario, professionale e politico, per la creazione della figura (diplomata/laureata e comunque brava) di un tecnico nuovo. Un tecnico che potrà essere chiamato anche diversamente da tecnico per l ingegneria, ma un tecnico che in continuità con ciò che siamo stati noi, sappia conoscere e risolvere i problemi della committenza di oggi e di domani, con assoluta competenza e capacità. 7 Fabiano Longoni, Monsignore delegato all Azione Sociale del Patriarca di Venezia

8 Attualità La riforma della Scuola Superiore e dell Università: prospettive per le Professioni Tecniche La relazione del Coordinamento Collegi dei Geometri, Periti Agrari e Periti Industriali del Triveneto, al convegno di Mestre di Nicla Manetti Nicla Manetti È la prima volta che geometri, periti agrari e periti industriali, tre categorie professionali di rilevante importanza nel panorama del settore tecnico e fortemente radicate nel tessuto sociale dell intero Paese, si ritrovano insieme, qui oggi, con il comune obiettivo di dare vita a un laboratorio per promuovere idee, elaborare progetti, costruire programmi, nell ottica, condivisa di una convergenza armonica e razionale verso la piena unificazione in un Albo dei tecnici per l ingegneria di primo livello, che dovrà essere anche la futura casa dei laureati triennali. Obbiettivo nobile ma certamente impegnativo, per la cui realizzazione, anche in questa sede, ribadiamo il nostro impegno, nella piena consapevolezza che una tale aggregazione produrrà sinergie positive e nuove risorse per una valorizzazione del patrimonio intellettuale e professionale, a beneficio dello sviluppo economico del Paese e dell intera società. Sono rappresentati in questa sala tutti i trentasei Collegi provinciali di un area geografica, meglio nota come Triveneto, da sempre fucina di idee e di proposte e luogo di straordinarie e innovative sperimentazioni. Oggi, nel laborioso e vivace territorio del nordest (che raggruppa le regioni del Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige), sono oltre gli iscritti alle nostre tre categorie impegnati nella filiera delle costruzioni, nel cui ambito si occupano in prevalenza come liberi professionisti in base alle rispettive competenze - nei settori dell edilizia, dell impiantistica, della sicurezza, della prevenzione incendi, della gestione del territorio e della salvaguardia dell am- 8

9

10 dando al futuro e battendoci per il rinnovamento e l innovazione possiamo realmente contribuire al progresso e al benessere della nostra società. All interesse per il buon esito del processo di unificazione, avviato dalle tre categorie e finalizzato alla costituzione di un Albo dei tecnici laureati per l ingegneria, costituito, in partenza, da circa iscritti che potranno essere affiancati da oltre tecnici diplomati pubblici, in coerenza con un doveroso processo di semplificazione del quadro professionale, si affianca una particolare attenzione alla tematica fino ad oggi troppo trascurata del modello di istruzione e formazione occorrente affinché il sistema Paese sia in grado di fornire risposte soddisfacenti alle esigenze di rinnovamento cultura- Alberto Menegon Presidente del Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Belluno biente; anche in ragione della forza correlata alla cospicua rappresentanza ed alla variegata multidisciplinarietà di profili e competenze professionali disponibili, gli iscritti ai Collegi provinciali del Triveneto costituiscono da sempre una risorsa vitale per l economia locale oltre che un prezioso riferimento per le politiche di categoria. Va sottolineato il fatto che, a conferma delle specifiche professionalità, il reddito dei nostri iscritti, si attesta ben al di sopra dei redditi medi di categoria a livello nazionale. In questo senso, ci proponiamo come la prima aggregazione sovraregionale coordinata di tre categorie assai composite e complesse, nonché in continua evoluzione come solo pochi altri settori possono vantare. Se siamo ben consapevoli delle nostre comuni radici (lo scorso 2 luglio a Roma, abbiamo festeggiato unitariamente la ricorrenza comune dell 80 dalla costituzione dei tre ordinamenti), siamo altrettanto convinti che solo guar- le, intellettuale e professionale in ambito tecnico-scientifico, richieste dai settori dei servizi e della produzione. Questa sensibilità è il presupposto che ci ha motivati a promuovere il nostro convegno, dedicato a ISTRUZIONE E PRO- FESSIONE. Le riforme della scuola superiore e dell università; prospettive per le professioni tecniche, mediante il quale intendiamo sottolineare la necessità di un analisi e di un confronto aperto con le istituzioni, la scuola, le forze politiche e le parti sociali, sulle molteplici opportunità offerte dalla riforma dei piani di studio per l istruzione tecnica secondaria, attuata di recente dal ministro Gelmini. Opportunità che, peraltro, possono e devono essere colte in sincronia e collegamento con la preannunciata riforma dell Università. Il convegno, che vede invitati il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, esponenti nazionali delle forze politiche di maggioranza e opposizione competenti in materia, assessori delegati 10

11 all istruzione regionali e provinciali, esponenti dell università e della cultura, nonché tutti i 107 dirigenti degli Istituti Tecnici per geometri, periti agrari e periti industriali del Triveneto, va dunque interpretato come un momento di coinvolgimento dei soggetti chiamati, a vario titolo, al coordinamento e alla gestione compiuta delle norme concernenti il riordino delle nuove scuole secondarie. Per affrontare l emergenza Scuola - la vera emergenza nazionale così come l ha definita Galli Della Loggia nel suo editoriale di domenica scorsa sul Corriere della Sera - c è realmente bisogno dell aiuto e del contributo di tutti. Non può più essere il campo per un inutile e deleteria guerra per bande, ma deve diventare il territorio più fertile dell intero paese, dove far crescere attraverso uno sforzo comune e condiviso le nuove generazioni. e vuole proprio corrispondere a questo auspicio, richiamato nelle conclusioni anche dall editorialista del giornale di Milano, il nostro convegno, consapevoli che la posta in gioco non è la vittoria di questo o quello schieramento, ma il futuro dell Italia tutta. Prima di entrare nelle questioni di merito, va sgomberato il campo da alcuni pregiudizi e resistenze culturali che non hanno fin qui particolarmente coinvolto le libere professioni, nel pur acceso dibattito avviatosi all atto della riforma dell istruzione secondaria. Ciò ha determinato una scarsa divulgazione e un ancora più ridotta conoscenza nell opinione pubblica delle tesi e delle posizioni, avanzate dai nostri rappresentanti. È dunque necessario spiegare prima di tutto chi siamo e cosa vogliamo: da tempo attaccati perché ritenuti, in una certa visione politica ed economica, elementi di freno alla competitività del sistema Italia, gli ordini e collegi professionali raggruppano e rappresentano, per categorie diverse, quei soggetti che esercitano, in forma individuale o associata, un attività intellettuale mediante l esercizio della professione. In particolare i professionisti tecnici svolgono servizi di notevole importanza ed interesse per la collettività: dal settore ingegneristico, nel quale operano come esperti qualificati, nella progettazione e direzione di opere edili, impiantistiche e tecnologiche di natura civile o industriale, pubblica e privata nel settore della sicurezza, della protezione, della tutela ambientale e della gestione del territorio, nonché del risparmio energetico, solo per citare alcuni ambiti di attività. Essi sono consulenti, quotati e ricercati, a servizio del cittadino utente, della pubblica amministrazione, del mondo produttivo e dell autorità giudiziaria; vettori tramite i quali il potenziale di sensibilità e competenza, intrinseco alle varie categorie, non può che crescere, in forza della formazione teorica e della confidenza nell applicazione di tecnologie innovative. Il contributo intellettuale ed econo- 11 Massimiliano De Martin Presidente del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Venezia

12 Nicla Manetti Consigliere del Collegio dei Geometri di Udine Roberto Molinaro, Assessore Regionale del Friuli Venezia Giulia all Istruzione, Formazione e Cultura mico dei professionisti costituisce dunque una risorsa preziosa per lo sviluppo ed il progresso del Paese; in tal senso si profila evidente ed assolutamente legittimo un loro diritto/dovere di esprimersi su questioni, come quella oggetto dell odierno convegno, di indubbia valenza strategica nazionale. Nell interesse della collettività si chiede di investire, nella formazione ed educazione scolastica, per fare emergere dagli studenti le loro abilità, attraverso un elevato livello di istruzione ed un alta qualità formativa, che potranno essere esercitate nei processi produttivi e nei settori nazionale ed esteri. Con queste abilità e competenze, tutte le realtà organizzate del lavoro potranno utilizzare tecnici preparati ed istruiti. Del resto, l attuale sistema rifiuta sotto il profilo della sostenibilità economica un modello di processo formativo per lo più basato su esperienze e conoscenze tecniche maturate solo all interno dell azienda, ma richiede, invece, un tecnico estremamente competente e formato, dotato di competenze specialistiche in un particolare settore, che sappia fin da subito, possibilmente, coniugare il sapere con il saper fare, e possa risultare immediatamente spendibile nel mondo del lavoro. Lo conferma il fatto che la domanda di tecnici da parte del mercato risulta soddisfatta mediamente a meno del 50%.le categorie professionali dell area tecnica, in Italia, hanno colto da tempo la straordinaria importanza dell aggiornamento continuo delle loro conoscenze e competenze professionali, per il mantenimento di uno standard qualitativo competitivo a livello europeo, al punto da prevedere, tra gli obblighi deontologici, quello della formazione permanente. Non solo dunque istruzione tecnica scolastica commisurata ai livelli di sviluppo tecnologico propri dell epoca moderna, ma ricerca continua, verifica delle esperienze professionali conseguite, aggiornamento delle conoscenze tecniche e tecnologiche, in un percorso guidato di miglioramento e perfezionamento al servizio del Paese. La riforma dell istruzione tecnica secondaria Assodati questi semplici, ma essenziali 12

13 concetti, vogliamo ora provare ad enunciare brevemente i principali aspetti innovatori introdotti dalla riforma voluta dal ministro Gelmini: a) accorpamento dei settori da 10 a 2: economico e tecnologico, nonché degli indirizzi formativi da 39 a 9: Meccanica, Meccatronica ed Energia; Trasporti e Logistica; Elettronica e Comunicazioni; Informatica e Telecomunicazioni; Grafica e Comunicazione; Chimica, Materiali e Biotecnologie; Sistema Moda; Agraria e Agroindustria; Costruzioni, Ambiente e Territorio. b) sviluppo del ciclo formativo in due bienni ed un quinto anno, pur costituendo questi ultimi due un percorso formativo unitario. Al riguardo, ci si interroga se questa scelta possa essere propedeutica e funzionale ad un futuro, ulteriore passaggio per uniformare il sistema nazionale al modello europeo prevalente che vede l istruzione secondaria sviluppata su un piano di studi di durata quadriennale, con indubbio vantaggio competitivo. c) incremento del numero di ore di studio delle materie tecnico/scientifiche e di laboratorio e della lingua straniera. L utilità di questa impostazione ci trova assolutamente concordi e non impone alcuna, ulteriore particolare considerazione. d) utilizzo di spazi di flessibilità per i contenuti del piano di studi in completa autonomia dei singoli istituti in misura non superiore al 20% nel primo biennio; al 30% nel secondo biennio e del 35% nell ultimo anno. Questa disposizione si profila come una vera e propria novità assoluta, ispirata al principio di una devoluzione dei poteri e delle responsabilità verso le realtà locali, ed offre grandi opportunità per caratterizzare positivamente un ciclo di studi, tale da renderlo, oltre che funzionale alle esigenze del singolo territorio, appetibile come offerta formativa specialistica in grado di catturare attenzioni e consensi anche di studenti di altre aree. e) possibilità per le scuola di attivare, durante il secondo biennio, percorsi formativi di scuola-lavoro e/o stage in collaborazione con le università, gli istituti tecnici superiori, accademie ecc.; in questo contesto riteniamo si riveli di fondamentale utilità l incremento del numero di soggetti intesi dalla scuola quali potenziali partner, da coinvolgere in questi particolari percorsi formativi, con ulteriori proficui apporti derivanti dal coinvolgimento anche delle categorie professionali tecniche. Note sulla riforma Con l intendimento di offrire qualche spunto di riflessione per gli interventi dei successivi illustri relatori ed ospiti, propo- Hotel Laguna Palace, sede del convegno 13

14 On.le Fabio Garagnani, componente della commissione Cultura, Scienza ed Istruzione della Camera dei Deputati Sen. Mariapia Garavaglia componente della Comissione Istruzione Pubblica e Beni Culturali del Senato 14 niamo alcune brevi considerazioni: 1) Il riordino degli istituti tecnici può e deve costituire una grande opportunità per il rilancio e la riqualificazione di questo ciclo di studi, dopo un recente periodo caratterizzato dal dilagante fenomeno della liceizzazione della scuola superiore. Fenomeno che rischiava di generare un accentuato dualismo ed una netta separazione dell offerta formativa, tale da comportare una formazione troppo generalista, capace di offrire solo un infarinatura sui contenuti professionali, relegando così gli istituti tecnici a scuola di rango inferiore, ove ridursi ad imparare un mestiere. Il confermato ritorno, in questi ultimi due anni, a un trend positivo nel numero dei nuovi iscritti è la dimostrazione che questa scuola viene nuovamente percepita come un percorso di studi atto a formare figure tecniche specialistiche di cui la società ed il sistema produttivo hanno bisogno per poter competere a livello globale; 2) Sotto il profilo pratico appare dunque assicurato un elevato livello culturale e formativo, con corsi tenuti da docenti qualificati anche in contatto con l ambiente universitario, indispensabile sia per il settore produttivo sia per il mondo delle libere professioni, in un circolo virtuoso, che assicuri da un lato un istruzione di eccellenza, in grado di consentire sbocchi professionali immediati e facilmente spendibili nel mondo del lavoro; dall altro, la possibilità di proseguire gli studi, con accesso all università, provvisti di un bagaglio di conoscenze tecniche adeguate ed in linea con quelle dei nostri partner europei. 3) Dal nostro punto di vista, ben venga dunque l intendimento espresso dal ministro Gelmini al recente Meeting di Rimini di un imminente, radicale revisione del sistema di qualificazione del corpo insegnante, che vedrebbe privilegiate, in un immediato futuro, maggiori competenze tecnologico-informatiche unitamente alle lingue straniere; è necessario infatti che anche i docenti siano adeguatamente preparati per il proprio impegnativo compito, circostanza questa che legittima la previsione, anticipata dal ministro, del ricorso

15 9/2009

16 ad una scuola di specializzazione per l insegnamento secondario, con corsi della durata biennale, per praticare l insegnamento nella scuola secondaria superiore. 4) Sembra infine indispensabile pervenire sollecitamente ad opportuni chiarimenti sulle eventuali opzioni utilizzabili per un istruzione tecnica superiore, alternativa all università, dovendosi superare quella ridda di pericolosi equivoci ingenerati dalle diverse sigle in gioco (ITS, IFTS ecc.) e la confusione sulle loro reali finalità. Ed in tale esercizio, non sembrano doversi escludere a priori, validissime possibilità offerte da modelli alternativi ma da tempo felicemente sperimentati in altri paesi europei, come ad esempio la F.H Fachhochschule in Germania. Il quadro che abbiamo voluto illustrare (necessariamente in termini parziali ed estremamente sintetici, ma che ci auguriamo possa trovare fecondi sviluppi e nuovi stimoli nelle relazioni che seguiranno) non può vedersi in alcun caso disgiunto da un altra importantissima immagine in corso di definizione. Stiamo parlando dell imminente riforma dell università, sulla quale riteniamo ulteriormente opportuno poter esporre brevemente il nostro pensiero, se è vero, come è vero, che l istruzione tecnica secondaria non si profila più, di per se, adeguata e sufficiente a conseguire quelle competenze tecnico-scientifiche occorrenti a svolgere, in un prossimo futuro, l esercizio della professione intellettuale. La riforma dell Università. Il contesto attuale: A seguito dell entrata in vigore della riforma ed in recepimento della direttiva europea di settore, tra pochi anni l esercizio della libera professione sarà consentito solo dopo un corso di studi post/secondari, di durata triennale, che porti al conseguimento di una laurea universitaria o di un titolo equipollente. Le opzioni future: 1) Laurea triennale. Una possibile risposta potrebbe giungere da una rinnovata attenzione per i politecnici, che in Italia sono comunque pochissimi, ed oltretutto radicati in realtà geografiche diverse dal Triveneto. Non si tratta necessariamente di creare nuove università ma di mettere a sistema quelle esistenti rendendole capaci di interagire con le realtà produttive e l innovazione tecnologica su base federativa. 2) L istruzione superiore. Vale quanto già accennato in precedenza: ferma restando la necessità di non confonderla o assimilarla con la formazione pro- Fausto Savoldi Presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati, con il moderatore del convegno Luca Ginetto (giornalista Rai) 16

17 Andrea Bottaro Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati, con Fausto Amadasi Presidente della Cassa di Previdenza dei Geometri fessionalizzante, funzionale ad altri segmenti del mercato del lavoro e preordinata al soddisfacimento di una formazione di livello inferiore (preposti, operai specializzati, ecc.), essa è però certamente inadeguata a costituire la base formativa e culturale per l esercizio anche di una libera professione. Lo scenario auspicato Si invoca una riforma radicale dell odierno sistema universitario, che vede attualmente la formazione triennale come una tappa intermedia nel percorso per il conseguimento della laurea magistrale. Va, invece a nostro giudizio, creato un autonomo ciclo di studi universitari triennale, con contenuti peculiari adeguati a formare un tecnico intermedio tra il diplomato ed il laureato quinquennale, di cui hanno certamente bisogno sia il settore produttivo che le professioni intellettuali. Si profila pertanto assolutamente necessaria una radicale revisione del Dpr 328/2001, per superare definitivamente la pericolosa confusione ingenerata da percorsi formativi pluriprofessionalizzanti ; il c.d. 3+2 si è rivelato un grande fallimento e la confusione anche dei profili professionali che ne è derivata costituisce un grave limite che il Paese non è in grado di sostenere nella sfida competitiva con gli altri paesi europei. L eliminazione della sezione B degli Ordini per far confluire i Triennali nel nostro Albo Unificato, suddiviso per settori di attività specialistiche, tranquillizzando tutti coloro che non vogliono diventare Laureati ad Honorem ma semplicemente confluire nel nuovo Albo in via di superamento. Conclusioni Manifestiamo davanti a questo consesso la nostra concorde volontà di collaborare, in una doverosa logica di servizio a favore degli interessi del Paese, con i dirigenti dei locali istituti tecnici, rendendoci disponibili, in rappresentanza dei nostri iscritti, a partecipare nell ambito di un confronto con pari dignità con gli altri soggetti istituzionalmente coinvolti, ai costituendi Comitati scientifici, allo scopo di offrire il nostro contributo, mediante l apporto di esperienze professionali, com- 17

18 Giuseppe Jogna Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati petenze tecniche, idealità, risorse umane ed economiche (nei limiti del possibile), ad una reale valorizzazione dell istruzione tecnica italiana. In tal senso riteniamo di poter rappresentare una preziosa risorsa a servizio dei singoli Istituti, con i quali fare sistema, offrendo un utile e assidua collaborazione finalizzata ad una modulazione applicativa dei nuovi piani di studi, funzionale non solo alle esigenze del settore produttivo ma anche e soprattutto mirata a fornire allo studente, potenziale futuro esercente l attività intellettuale, quale li- 18 bero professionista,quella preparazione tecnico-scientifica di elevata qualità che possa consentire un successivo, agevole accesso ai necessari corsi universitari triennali o quinquennali. Questo contributo potrà esplicitarsi attraverso un costante contatto ed una proficua assistenza : dei nostri Collegi provinciali, al cui interno risiedono molteplici esperienze professionali di eccellenza, potenzialmente assai utili alla scuola, ad esempio nella tenuta di seminari tecnici e formativi, convegni, corsi di specializzazione su talune materie specialistiche ed innovazioni tecnologiche; gli studi professionali dei nostri singoli iscritti di più elevato standard qualitativo, per consentire allo studente interessato di disporre, nel corso del piano di studi, della possibilità di frequentare stage formativi con maturazione diretta ed immediata di una prima esperienza tecnica di base, certamente utile al completamento delle proprie competenze. Dopo il Convegno, ci riserviamo di affinare la progettualità poc anzi tratteggiata e di riprendere, a breve, contatti diretti con i dirigenti dei locali Istituti tecnici allo scopo di stimolare l individuazione di possibili iniziative condivise tra quelle suggerite.

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Al via il nuovo anno scolastico. Ecco tutte le novità Gelmini: Domani giornata storica Domani è una giornata

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I P O S S I BI L I A partire dall anno scolastico 2010/2011, la scuola secondaria di secondo grado avrà un nuovo assetto.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

MIUR. La Nuova Secondaria Superiore

MIUR. La Nuova Secondaria Superiore La Nuova Secondaria Superiore Una Riforma complessiva Con l approvazione del Consiglio dei Ministri del 4 febbraio nasce la Nuova Scuola Secondaria Superiore. E la prima riforma complessiva del secondo

Dettagli

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Roma, 28 maggio 2009 Finalmente con il riordino dell'istruzione tecnica e professionale, inizia oggi il processo di riforma della scuola secondaria.

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Realizzato da Partner tecnici Partner scientifici Media partner Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Geologi Fondamentali per il settore geotermico. Ingegneri Essenziali per la progettazione di

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

PREMESSO TENUTO CONTO

PREMESSO TENUTO CONTO CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PROTOCOLLO D INTESA TRA CONFERENZA DEI RETTORI DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE E CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI

Dettagli

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte 2 a EDIZIONE Bando per la partecipazione ad un programma di internship all estero per favorire l occupabilità e la conoscenza di competenze linguistiche specifiche Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA + Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca, nel seguito denominato

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

La PEC è un servizio che disciplina

La PEC è un servizio che disciplina SPECIALE PEC PROFESSIONISTI Maurizio Pellini @geopec.it posta elettronica certificata (PEC) gratuita per i geometri. La PEC è un servizio che disciplina l uso della posta elettronica (e-mail) tra le pubbliche

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance Workcare synergies Il progetto in Italia Social care and work-care balance Newsletter n. 1 del 1/05/2011 Il progetto Gli obiettivi del progetto WORKCARE SYNERGIES è un progetto di supporto per diffondere

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI Il Comitato Direttivo dell AUSER nazionale riunito a Roma in data 24 giugno 2015 - valutando

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CATANIA E ASSESSORATO REGIONALE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE AZIENDA USL 3 DI CATANIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE DEL

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è STARE PIU VICINI AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE MIGLIORARE L EFFICIENZA DEI SERVIZI RIDURRE I COSTI PROCESSO CRITICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE E LINEE DI INDIRIZZO STRATEGICO DEL CIV 1)

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale Scuola Secondaria Superiore Formazione individuale Servizi scolastici pomeridiani Via Oss Mazzurana n 8 38122 TRENTO Qualificazione professionale Corsi FSE tel. 0461 233043 fax 0461 222441 Presa d'atto

Dettagli

JOB&ORIENTA 2015 PROPOSTA DI UNO STRUMENTO PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA

JOB&ORIENTA 2015 PROPOSTA DI UNO STRUMENTO PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA Allegato 2 ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA Premessa per i Docenti delle Scuole secondarie di secondo grado Si riporta di seguito un esempio di traccia, uno strumento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Moving into the Future La professione dell Attuario

Moving into the Future La professione dell Attuario Moving into the Future La professione dell Attuario dott. Gian Paolo Clemente Milano, 9 Febbraio 2009 1 L attuario: chi è? L attuario è il matematico o lo statistico delle assicurazioni che studia le probabilità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

I.I.S. Mosè Bianchi - Monza. Indirizzo COSTRUZIONI, AMBIENTE e TERRITORIO

I.I.S. Mosè Bianchi - Monza. Indirizzo COSTRUZIONI, AMBIENTE e TERRITORIO I.I.S. Mosè Bianchi - Monza Indirizzo COSTRUZIONI, AMBIENTE e TERRITORIO SICUREZZA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI EDIFICI I terremoti verificatisi in Italia negli ultimi decenni

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2007) Regolamento per la formazione continua SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Associazione Rappresentativa Italiana Formatori ed Operatori Sicurezza sul lavoro Sede legale: Via Castello, snc 81039 Villa Literno Cod. fiscale: 90036750611 info@arifos.it A.R.I.F.O.S. R EGOLAMENTO DI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE

ISTITUTO PROFESSIONALE Via Resistenza,800 41058 Vignola (Modena) tel. 059 771195 fax. 059 764354 e-mail: mois00200c@istruzione.it www.istitutolevi.it ISTITUTO PROFESSIONALE MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (con qualifica di

Dettagli