La capacità variabile dello stato di promuovere un sistema economico efficiente è il tema classico degli approcci di political-economy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La capacità variabile dello stato di promuovere un sistema economico efficiente è il tema classico degli approcci di political-economy"

Transcript

1 La capacità variabile dello stato di promuovere un sistema economico efficiente è il tema classico degli approcci di political-economy Una proposta di particolare interesse a questo riguardo è quella di Evans [1995], con il concetto di embedded autonomy che riguarda le relazioni tra stato e società civile. Negli stati embedded i funzionari statali sono fortemente collegati agli attori economici e si muovono cercando di favorire gli interessi delle imprese. Così, le politiche pubbliche sono ideate ed implementate a partire da una solida conoscenza delle necessità competitive delle imprese. Del resto, se lo stato è troppo embedded perde l autonomia e diventa un mero strumento per soddisfare domande particolaristiche, perdendo di vista i fini collettivi. L autonomia del corpo politico-burocratico dalla società è quindi una dimensione tanto importante quanto il suo grado di embeddeness. I casi dei paesi asiatici di prima generazione appena esaminati costituiscono esempi di una buona embedded autonomy, in grado di promuovere sviluppo e crescita economica attraverso connessioni stabili ma autonome tra stato ed interessi economici. Ma si possono dare altre combinazioni, come mostra la seguente tipologia [cfr. Hass 2007, 56-57].

2 Una tipologia

3 Ridefinizione del concetto di sviluppo Lo sviluppo non è più legato all accumulazione di capitale, ma all innovazione e all efficienza istituzionale; Nel caso dell embedded autonomy, la chiave è la presenza di un élite burocratica selezionata e orientata al merito e al risultato, con prospettive di guadagno di medio-lungo periodo.

4 Strutture burocratiche e crescita Due ipotesi: economica 1) Max Weber ha sostenuto che la macchina burocratica è cruciale per la crescita economia; 2) Adam Smith invece che il mercato si autoregola.

5 Due dimensioni della burocrazia weberiana 1) Selezione del personale e meccanismi di carriera su base meritocratica; 2) Presenza di mercati interni e posti vacanti che garantiscono carriere lunghe ;

6

7 Per questi meccanismi le burocrazie weberiane generano: Minor corruzione; Maggiore velocità nei processi decisionali; Più fiducia interna ed esterna; Più beni collettivi; Maggiori investimenti privati.

8 Coefficiente di correlazione = 0.67

9 Relazione per macro-aree

10 L introduzione delle riforme neoliberali in America Latina Tesi: il maggiore o minore successo delle riforme di mercato dipende dalle caratteristiche della macchina statuale e dalle sue relazioni con la società civile; Confrontiamo due casi: Cile (successo) e Messico (fallimento). Fonte: Neoliberalism and the Sociology of Development: Emerging Trends and Unanticipated Facts, Population and Development Review, 23 (2), pp , 1997

11 Cile 14 milioni di abitanti, le riforme pro-mercato sono state supportate da uno stato autoritario e da una giunta militare che ha preso il potere con un colpo di stato (Pinochet); Le riforme sono opera di un élite tecnocratica locale ma formata negli USA (i cd. Chicago Boys ). La prima ondata di riforme è del 1975 e ha condotto alla crisi del Il tasso di disoccupazione è quintuplicato, passando al 19,1% e il PIL è rimasto stagnante.

12 Perché l élite tecnocratica non è stata scacciata in seguito a questi primi fallimenti? Protezione del regime militare e repressione contro la classe operaia e contadina; Ma anche assenza/debolezza delle altre élite, infatti: - l élite dei proprietari terrieri era stata indebolita dalle riforme della politica agraria del Presidente Eduardo Frei; - l élite della borghesia industriale era stata indebolita dalle riforme nazionalizzatrici di Allende.

13 Quindi: I tecnocrati cileni si sono trovati contemporaneamente (i) liberi di usare le risorse pubbliche, (ii) protetti dalle proteste dal basso e (iii) privi di concorrenti tra le élite. Hanno così (i) creato una nuova media borghesia agricola in campagna e (ii) nuove classi finanziarie e industriali nelle città. Il mercato è quindi frutto dell azione politica di un élite, che ha creato specifiche categorie di imprenditori e le ha protette.

14 Così: Dopo la crisi del i risultati delle riforme migliorano molto e il trend continua anche dopo il 1989 (fine del regime militare) con i due governi democraticocristiani.

15 Cile: indicatori economici dal 1973 al 1995

16 Messico 90 milioni di abitanti e assenza di uno stato autoritario sul modello militare: Lo stato era profondamente legato alla società civile attraverso reti di patronage; Modello corporativo: il partito (PRI, partito rivoluzionario istituzionale) è organizzato settorialmente con federazioni per i contadini, per gli operai, per gli insegnanti, per gli imprenditori, etc. Di conseguenza si istituzionalizza un meccanismo di reciprocità e scambio basato su reti personali

17 Caratteristiche Mix di (i) strutture gerarchiche caratterizzate da relazioni verticali di potere (patronage o clientelismo) e (ii) connessioni orizzontali di scambio tra queste strutture tra nodi situati più o meno allo stesso livello (reciprocità bilanciata). - particolarismo e antitesi della burocrazia weberiana;

18 Conseguenze per lo sviluppo economico Forte presenza dello stato nell economia (risorse per il clientelismo); Forte indebitamento pubblico, finanziato grazie alla scoperta di nuovi giacimenti di petrolio (caduta del prezzo del greggio negli anni 80 e conseguente moratoria sul debito); La crisi degli anni 80 e le conseguenti pressioni degli organismi internazionali (fondo monetario) e degli USA spingono per l introduzione di riforme pro-mercato.

19 Le riforme neo-liberali Il governo del Presidente Miguel de la Madrid introduce le riforme in un contesto neocorporativo come quello descritto in precedenza; Gli obiettivi della riforma (ridurre il protezionismo interno, abolire gli aiuti alle classi medio-basse e togliere lo stato dalla vita economica) erano in palese contraddizione con il sistema pregresso di interessi. La forza degli interessi pregressi era molto più consistente che nel caso del Cile e le riforme non si realizzano come previsto.

20 In seguito: Il seguente governo (Salinas) riesce a ratificare il NAFTA, che ha aumentato le disuguaglianze interne e decimato l industria messicana (non più protetta). Ma i risultati positivi non sono arrivati, soprattutto perché la corruzione, il clientelismo e la reciprocità bilanciata ha continuato ad esistere. Il fallimento delle riforme viene contrastato da una ipervalutazione della moneta nazionale (per dare fiducia ai capitali stranieri), ma questo scoraggia la competitività dell export. I dati del 1995 sono così peggiori di quelli del 1974.

21 Messico: indicatori economici

22

23 La stabilità degli investimenti nei PVS: investimenti esteri vs. investimenti nazionali Quanto contano l identità nazionale e il radicamento per la stabilità degli investimenti? Test empirico: comportamento delle imprese nazionali e straniere nelle export processing zones della Repubblica Dominicana, tra il 1993 (NAFTA) ed il 2006 (CAFTA); Temi generali: radicamento, variabilità culturale/sociale dei costi di transazione

24 Investimenti e investitori Per l economia l investitore non ha un identità: cerca solo le condizioni di maggiore redditività del capitale; Per la sociologia economica le dimensioni sociali e culturali fanno invece la differenza per il comportamento degli investitori. Perché? 1. La qualità dell informazione disponibile dipende dalle reti personali (cfr. caso di imprenditore Veneto che investe in Romania e imprenditore Biellese che investe a Biella). Gli investitori locali (nazionali) sono radicati nelle élite locali e utilizzano legami non economici a fini economici;

25 La situazione contemporanea Le istituzioni sovranazionali (WTO) incoraggiano politiche industriali che trattino allo stesso modo le industrie nazionali e quelle straniere; L imperativo dell efficienza e del mercato globale guida queste scelte di policy. È così? I due tipi di investitori sono fungibili?

26 Le Export Processing Zones Le EPZs sono aree specifiche sottoposte a regimi regolativi favorevoli (tasse, tariffe, incentivi); Dal 1975 ad oggi i paesi che le ospitano sono passati da 25 a 116, nel mondo; Nello stesso periodo le EPZs sono passate da 100 a 3000.

27 Il caso Dominicano Quali sono le determinati della stabilità degli investitori nelle EPZs in un periodo di grande volatilità?

28

29 Il problema Le analisi descrittive hanno mostrato la maggiore instabilità degli investitori stranieri; Ma il problema è capire l effetto netto della nazionalità, dal momento che vi sono molte dimensioni correlate alla nazionalità (es: dimensioni, settore, asset tecnologici, etc); È quindi necessario controllare molte variabili e comparare gruppi omogenei. Inoltre, anche se la correlazione si mostra robusta (cioè resiste all introduzione di altre variabili) rimane necessario spiegare perché, cioè quali sono i meccanismi all opera.

30 Il caso di studio La Santiago Industrial Free Zone, la più grande EPZ delle Rep. Dominicana; Combinazione di dati quantitativi e qualitativi; L area conta il 15% di tutte le imprese delle EPZs della Rep. Dominicana.

31 Analisi descrittiva Il 74% delle imprese presenti nel 1995 lo erano anche nel 2001; Gli imprenditori provengono dalla classe media, sono manager o ingegneri e lavoravano come dipendenti di imprese straniere. Sono diventati imprenditori investendo nelle EPZs. Gli investitori nazionali nel 1995 sono 34. Si sono mostrati più stabili di quelli stranieri?

32 Analisi bivariata

33 Ma: Le differenze bivariate possono nascondere l effetto di varabili correlate con la nazionalità; In realtà la correlazione rimane anche introducendo variabili di controllo come: stock di capitale ed età impresa: il rischio relativo di mortalità (non essere più presente nell EPZ) delle imprese nazionali è minore dell 80% rispetto alle imprese straniere;

34 Quali meccanismi spiegano questa relazione statistica? Interviste qualitative ai manager di 30 imprese e a testimoni privilegiati (burocrati, rappresentanti interessi organizzati, etc.); Incluse sia imprese stabili, che imprese in procinto di lasciare l area;

35 Meccanismi 1) La migrazione è un processo rischioso, si perdono reti e informazioni locali rilevanti (es. I don t know anything about Mexico ); 1.1.) I costi di spostamento variano in base alla nazionalità e all esperienza migratoria pregressa (mobilità territoriale come processo che ai autogenera); Il primo step è la soglia critica, poi il processo è più semplice

36 Le imprese nazionali che rimangono sono anche più competitive Hanno migliore accesso alle risorse offerte dalle reti locali, come: 1) credito; 2) aiuto politico; 3) informazioni e conoscenza.

37 Conclusioni generali La mobilità delle imprese è un processo soggetto ad effetti soglia; Esistono asset locali che non possono essere facilmente abbandonati; Le imprese nazionali/estere non sono fungibili; Tanto la visione economica pura (mercato e fungibilità) che la teoria del sistema-mondo (fattori sovra-nazionali) non sono in grado di cogliere le dimensioni rilevanti delle scelte degli investitori;

38 Continua. La stateless corporation è più una costruzione ideologica che una realtà empirica; La costruzione di una classe nazionale di imprenditori/investitori ben collegati alle élite locali (politico-burocratico-finanziarie) è cruciale;

39

40 Microfinanza e capitale sociale: prospettive e problemi

41 Definizioni Microfinanza: strumento di sviluppo economico, che permette alle persone in situazione di povertà e di emarginazione di aver accesso a servizi finanziari (ROSCA e Microcredito). Capitale sociale: qualsiasi dimensione dell organizzazione sociale che costituisce una risorsa produttiva per uno o più attori. [James S. Coleman, A. Bagnasco, C. Trigilia]

42 ROSCA e MICROCREDITO: due esperienze, una sola logica La metodologia di Grameen si basa sul concetto di gruppo che garantisce ciascun beneficiario. Il prestito infatti viene concesso dalla Banca solo a condizione che: il richiedente faccia parte di un gruppo di cinque persone, le quali devono obbligatoriamente risiedere nello stesso villaggio; I gruppi si auto-selezionano in base a criteri stabiliti dalla banca stessa; le donne devono avere lo stesso background culturale, le stesse condizioni economiche, devono appartenere allo stesso villaggio, ma non alla stessa famiglia e devono avere quasi lo stesso livello di educazione.

43 ROtating and Savings Credits Associations Gruppi formati da un certo numero di partecipanti stabili, ATTENZIONE: i quali IL si BISOGNO accordanodelle per versare ROSCA con NON regolarità SPIEGAun LA LORO ESISTENZA contributo ad (TRAPPOLA un fondo comune FUNZIONALISTA) che viene assegnato a rotazione ad ogni contribuente. presenti in quei contesti dove le persone non hanno accesso al credito, spesso a causa di povertà endemica ed impossibilità di accumulazione privata di risparmio e capitale. Vengono utilizzate per aumentare il potere di consumo, per il commercio, l imprenditorialità e come forma di assicurazione contro le fluttuazioni del reddito.

44 ROSCA e CAPITALE SOCIALE Le ROSCA sono presenti in quei contesti dove un certo numero di fattori strutturali incentivano gli agenti a privilegiare certe strategie di azione rispetto ad altre. Specificatamente, dove le dimensioni strutturali o di capitale sociale permettono il controllo dell opportunismo e la fiducia tra i membri del gruppo. cinque condizioni associate allo sviluppo delle ROSCA che assumono rilevanza quando come nei contesi citati non è possibile controllare l opportunismo degli agenti attraverso il ricorso a contratti scritti e sanzioni legali.

45 Condizioni 1. la presenza di un sistema relazionale (reti sociali) di mantenimento dell ordine sociale; 2. la presenza di obbligazioni collettive; Di converso, le ROSCA non si trovano in quei contesti dove gli agenti sono relativamente sradicati dalle relazioni sociali di gruppo e dove i Quindi: si trovano in contesti in cui il gruppo è un forte legami sono specializzati strumento di controllo sociale o, in altre parole, l individuo è radicato in reti sociali dense e formate da legami molteplici e non specializzati..

46 Il controllo intragruppo Sanzione individuale Controllo intragruppo PRINCIPALE 2 1 AGENTE 3 4 Sanzione collettiva GRUPPO MULTIAGENTE

47 Condizioni (II) 3. la stabilità sociale ed economica degli individui: non tutti i membri della comunità locale possono partecipare alle ROSCA, ma solo quelli che hanno un lavoro relativamente stabile, o che non hanno una cattiva fama di tipo economico e/o di tipo morale. Le comunità locali e le reti sociali permettono lo scambio di questo tipo di informazioni. 4. l isolamento geografico e/o sociale delle ROSCA dal resto della società. 5. l assenza di asimmetrie sociali troppo marcate, con attori che in virtù del loro status sociale sono immuni dalle sanzioni informali degli altri membri.

48 CAPITALE SOCIALE E FIDUCIA fiducia-convenienza, che si ha quando il comportamento non opportunistico deriva da un calcolo razionale e il timore di rovinare la propria reputazione induce a non adottare comportamenti opportunistici; condizioni strutturali e contesti simili attivano potenzialmente entrambi i tipi di fiducia fiducia-prosociale, che si ha quando il comportamento non opportunistico deriva dall identificazione con il gruppo e da un conseguente senso di normatività intrinseca. In questo caso, non si è opportunisti perché si crede nella validità intrinseca della lealtà e tradire il gruppo vorrebbe dire non essere più riconosciuto come quella specifica persona

49 ESEMPIO Perché i partecipanti alla ROSCA versano il loro contributo sino all ultimo turno e non si comportano in modo opportunistico? Se la lealtà deriva dalla fiducia-convenzienza, siamo di fronte ad un meccanismo calcolistico; se, invece, gli associati non tradiscono il gruppo per motivazioni prosociali, siamo in presenza di un meccanismo identitario.

50 Intervento esogeno Un organizzazione non governativa decide di portare nell area un programma formale di accesso al credito, creando una piccola banca locale. L immagine che gli operatori dell organizzazione hanno dei paesi poveri esclude che in un piccolo villaggio del sud del mondo le persone possano comportarsi in modo calcolistico, ma assume piuttosto che esse vivano immerse in simboli e identità collettive che ne guidano l azione.

51 Quindi: Cosa accadrebbe se gli attori rispondessero agli incentivi? In questo caso l introduzione di un programma formale Gli interventi aumenterebbe esogeni, se la non probabilità adeguatamente di accedere calibrati, credito possono anche dunque al sortire un di effetto fuori dei di spiazzamento circuiti attivati nei dalle confronti Rosca e del il costo capitale dell exit sociale locale dalla rete informale diminuirebbe, così come il controllo che il gruppo ha sull opportunismo del singolo. Le persone, in altre parole, non sarebbero più vincolate da quella che si può definire l ombra del futuro : se posso accedere ad un altro canale di finanziamento le possibili esclusioni dalle transazioni future diventano irrilevanti.

52 La Grameen Bank concedere prestiti a coloro che non possono fornire alcuna garanzia, per il sistema bancario tradizionale; aiutare i poveri che vivono nelle zone rurali a svincolarsi dall'usura; incentivare il "self-employment", ossia creare un sistema che permetta ai poveri di autogestirsi sviluppando un'attività economica autonoma, che generi reddito e che permetta l'auto-sostentamento in modo da demolire il circolo vizioso della povertà: "no investment, no income, no savings no investment"; far sì che i poveri si strutturino in un organizzazione che li possa guidare nell'acquisizione di una buona capacità di spesa e di risparmio.

53

54

55 La metodologia La metodologia di Grameen si basa sul concetto di gruppo che garantisce ciascun beneficiario: il prestito infatti viene concesso dalla Banca solo a condizione che il richiedente faccia parte di un gruppo di cinque persone, le quali devono obbligatoriamente risiedere nello stesso villaggio. I gruppi si auto-selezionano in base a criteri stabiliti dalla banca stessa: le donne devono avere lo stesso background culturale, le stesse condizioni economiche, devono appartenere allo stesso villaggio, ma non alla stessa famiglia e devono avere quasi lo stesso livello di educazione. Il sistema si basa sulla convinzione che le donne del gruppo, conoscendosi, possono controllarsi e valutare l'attendibilità di ciascun componente del gruppo stesso.

56 L organizzazione Le donne riunite in sei/otto gruppi di cinque persone ciascuna, formano un Centro. Il Centro è un associazione informale, composta dai membri stessi del villaggio, dove avvengono le principali transazioni bancarie. Queste attività si svolgono una volta a settimana nel Centre Meeting all'interno del quale il centre manager, che è un funzionario della banca, ritira le rate dei prestiti dei beneficiari. Il Centre Meeting negli anni è diventato un avvenimento sociale e culturale di estrema importanza: le donne durante queste riunioni abbandonano il luogo domestico, cui generalmente sono relegate, ed oltre a restituire il prestito, hanno la possibilità di discutere dei propri problemi, delle proprie attività economiche, dell'educazione dei propri figli e della salute.

57 La struttura La struttura di Grameen Bank è fondata su un sistema fortemente gerarchizzato all'interno del quale ognuno ha il proprio ruolo e svolge una propria funzione: sessanta Centri costituiscono idealmente una Branch. La Branch è una filiale della sede centrale della Grameen Bank, che si trova a Dhaka, la capitale, ed è l'ufficio all'interno del quale si svolgono le normali attività di una banca: si fanno i conti e viene depositato il denaro dei beneficiari. Oggi Grameen Bank ha circa 1200 Branch (filiali) che si trovano in tutte le zone rurali del Bangladesh e ognuna di loro gestisce circa 60 Centri. La Grameen Bank è poi ulteriormente suddivisa in 122 Area Office, in cui l'area Manager è il diretto responsabile dell'approvazione o meno della concessione di nuovi prestiti. Le 122 area office sono sottoposte al controllo di 15 Zonal Office ognuno gestito da un zonal manager, capo esecutivo di tutte le questioni pratiche del proprio ufficio di zona. I Zonal Office dipendono a loro volta direttamente dall Head Office che ha sede nella capitale.

58 Il meccanismo del credito Dal 2002 il sistema di concessione dei prestiti della Grameen Bank è stato completamente rinnovato e semplificato, così come anche la metodologia ha subito dei mutamenti. Questo perché un numero considerevole di disastri naturali che si sono susseguiti dal 1995 al 1998, tra cui una grandissima alluvione nel 1998, i beneficiari senza più una casa e un attività, oppressi dal peso della restituzione, avevano cominciato ad assentarsi dai Centre Meeting e a non rifondere più i prestiti, creando dei gravissimi danni economici alla Banca stessa. Da questa crisi, dopo innumerevoli sforzi dello staff di Grameen per cambiare la situazione, è nato il nuovo sistema Grameen Bank. Il nuovo sistema è stato messo in atto nelle Branch già da gennaio Con il nuovo programma il sistema dei prestiti è stato ridotto e (prima il sistema era organizzato su un ventaglio di circa una dozzina di differenti prestiti) oggi la Grameen Bank offre solo due categorie di crediti di base: 1) il basic loan; 2) il flexible loan.

59 Il basic loan Generalmente il beneficiario inizia con il basic loan che è un prestito "base" di circa 100$ l'anno che paga settimanalmente o che può decidere, secondo l attività economica intrapresa, e della stagionalità della propria attività, di ripagare secondo diverse scadenze. Qualora il beneficiario per qualsiasi ragione (fallimento dell'attività economica, problemi di salute o familiari, incidenti sul lavoro, catastrofi naturali) non riesca a seguire la programmazione stabilita all'inizio dell'anno c'è una seconda alternativa: si può decidere di entrare nel flexible loan che consiste in una riscadenzatura ulteriore, su misura, del prestito ricevuto, quindi secondo le esigenze e le difficoltà del richiedente.

60 Il flexible loan Il flexible loan o "renegotiated loan" consiste in una ricontrattazione del prestito iniziale. Nel momento in cui il beneficiario è riuscito a superare i suoi problemi economici può rientrare nel programma di basic loan. Il basic loan è considerato dunque "the Grameen Microcredit Highway" e viene anche chiamato "easy loan". Questo nuovo sistema oltre ad aver semplificato le procedure, eliminando quindi una notevole quantità di prestiti, che erano solo oggetto di confusione per i beneficiari, ha in parte eliminato la rigidezza del sistema basato sul concetto di gruppo, concetto che negli anni passati aveva creato, in momenti di grande crisi, dei problemi di discriminazione all'interno del gruppo stesso: coloro che erano considerati "poco attendibili" venivano automaticamente emarginati dal gruppo proprio perché il sistema prevedeva che il gruppo dovesse garantire nel caso di insolvenza di uno dei suoi membri.

61 Tassi di interesse e percentuale di restituzione Il tasso risulta essere del 10% fisso. Il tasso di interesse applicato, rispetto ad altre organizzazioni di microcredito, che generalmente applicano il 15% fisso, è uno dei più bassi. Il tasso di restituzione dei prestiti è il 99%.

62 Educazione al risparmio Grameen Bank incoraggia i propri clienti a risparmiare e il nuovo sistema ha introdotto una serie di risparmi, alcuni obbligatori, (una sorta di garanzia per la banca) e alcuni volontari. Una parte di questi risparmi vanno a costituire quel capitale necessario alla banca per auto sostenersi. I beneficiari che iniziano con un primo prestito di 100$ devono obbligatoriamente depositare 1$ al mese per il fondo pensionistico: il "Grameen Pension Scheme (GPS). Dopo 10 anni ciascun beneficiario riceverà un ammontare pari al doppio dell'ammontare che ha versato durante questo periodo. I beneficiari che hanno la possibilità possono versare anche più di 1$ al mese.

63 I rimborsi Le quote di rimborso del prestito devono essere così basse che il cliente non si deve accorgere di pagarle, quindi si opta per un sistema di pagamenti quotidiani; inoltre, grazie a ciò è più facile accorgersi se qualcuno resta indietro con i pagamenti. Il rimborso totale della somma deve avvenire al massimo entro un anno, in modo tale che la contabilità della Banca venga diminuita. La costituzione di un gruppo è fondamentale per il successo dell impresa, generalmente quando un povero si trova ad agire da solo, prova la sensazione di essere esposto a ogni genere di rischi, al contrario, appartenere ad un gruppo infonde un senso di sicurezza. Inoltre, la pressione esercitata dal gruppo serve a mantenere i suoi membri coerenti con gli obiettivi del progetto. A ogni persona che fa domanda di prestito si richiede quindi di costituire un piccolo gruppo, che non comprenda membri della stessa famiglia.

64 I rimborsi In questo sistema non esistono polizia e tribunali, per recuperare i crediti non ci si serve di avvocati o di altre figure professionali esterne alla banca, non ci sono atti giuridici fra la banca e il cliente, l unico legame è fondato sulla fiducia. Grameen presuppone in partenza che i debitori siano onesti e che quindi restituiscano sempre la somma dovuta e nel 99%-99.5% dei casi succede così. Se ciò non avviene, Grameen non ritiene che chi non paga sia una persona disonesta, ma che abbia una situazione personale molto difficile che quindi non gli permette di rimborsare il suo minuscolo prestito. D altra parte lo 0,5% di mancato rimborso entra nei rischi d impresa e quindi non è un problema.

65 Infine I potenziali clienti devono infine sottoporsi ad un istruzione approfondita con un esame finale: una prova orale perché molti non sanno né leggere e né scrivere. Grameen in più ha costituito un fondo di riserva per aiutare i suoi clienti in caso di emergenza, nel quale viene versato il 5% di ogni prestito.

66 Come nasce una nuova agenzia? - Ad ogni nuova partenza Grameen è solita procedere lentamente, senza nessuna fretta e in ogni caso nel primo anno di vita nessuna agenzia dovrebbe cercare di attirare più di cento clienti. - Per cominciare, il funzionario inviato da Grameen, generalmente accompagnato da un vice, arriva nel villaggio dove si intende far sorgere la nuova agenzia; queste due persone non devono avere né ufficio, né un posto dove abitare. Il loro primo compito è quello di conoscere la zona cercando di trarre il maggior numero di informazioni importanti e significative. I due devono agire in questo modo così gli abitanti del villaggio non hanno nessun tipo di sospetto sui nuovi arrivati e in più bisogna che essi si distinguano il più possibile dai personaggi ufficiali. I personaggi ufficiali sono accolti dalle autorità locali ed hanno già un alloggio e un banchetto in loro onore preparato nelle case dei ricchi.

67 E Il funzionario ed il vice dovranno cercarsi una sistemazione a pagamento o in un ostello o in un ospizio pubblico o in addirittura in una casa abbandonata, in modo tale che nessuno all inizio crederà che si tratti davvero di due funzionari di banca. Solo nei giorni successivi si scoprirà la verità, spesso i funzionari sono lodati dai maestri delle scuole locali e così anche dalle altre persone istruite. Nel momento in cui il funzionario entra in azione, i capi religiosi e gli usurai, che sono coloro più direttamente toccati, iniziano a far circolare chiacchiere sul loro conto. Il funzionario ed il suo assistente devono percorrere ogni giorno molti chilometri per dialogare con gli abitanti dei villaggi e rispondere alle eventuali loro domande, spiegando sempre che Grameen è una banca nuova che vuole aiutare i poveri e dar loro una possibilità di uscire dalla loro misera condizione. Spetta alla fine, solo al funzionario decidere se aprire o no una nuova agenzia, in base all esistenza di reali condizioni di povertà della gente che abita in quel luogo, alla disponibilità e all entusiasmo dimostrato dalla stessa nel momento in cui viene a conoscenza di Grameen.

68 Grameen e la Banca Mondiale Grameen e la Banca Mondiale sono sempre state in conflitto; probabilmente perché la sua filosofia ed i suoi metodi sono così diversi dalle banche tradizionali che il rapporto di collaborazione risulta quasi del tutto impossibile. Effettivamente la Grameen Bank non ha mai chiesto ed accettato soldi dalla Banca Mondiale perché non condivide il suo metodo di operare e di imporsi. Nella maggior parte dei casi, succede che quando la Banca Mondiale decide di finanziare un progetto, finisce poi per appropriarsi dell idea e rielaborarla a modo suo.

69 Grameen e la Banca Mondiale Spesso succede che vengono stanziati fondi per aiutare i Paesi poveri, ma effettivamente, nella realtà visitando i villaggi di questi Paesi non si vedono tracce delle somme originariamente raccolte. Circa i ¾ dell ammontare complessivo degli aiuti stranieri sono spesi nel Paese donatore: le donazioni sono diventate un mezzo, per i Paesi ricchi, di dar lavoro ai propri abitanti e di vendere i propri prodotti. L altro quarto, finisce quasi completamente per arricchire un ristretto gruppo di consulenti, imprenditori, burocrati e funzionari che lo spendono in prodotti d importazione o lo trasferiscono su conti correnti stranieri, e ciò non apporta nessun beneficio all economia interna del Paese povero.

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA Lucia Dalla Pellegrina Università Milano-Bicocca Corso di Economia Finanziaria M Ottobre 2014 IL CREDITO NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO (PVS) TRE CANALI: CREDITO BANCARIO CREDITO

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

La programmazione: le metodologie di microcredito

La programmazione: le metodologie di microcredito La programmazione: le metodologie di microcredito Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 Le metodologie del microcredito La metodologia è l insieme di sistemi e procedure che un programma sviluppa per

Dettagli

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca La Commissione Europea oggi ha trovato un accordo sul principio e sui contenuti del pacchetto di misure d emergenza per contrastare

Dettagli

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Massimo Carrozzo Roma, 4 maggio 2010 1 Agenda Contesto economico

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva?

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Andrea Ichino università di bologna Daniele Terlizzese eief e banca d italia 29 febbraio 2012 1 Gli obiettivi

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Psicologia delle organizzazioni

Psicologia delle organizzazioni Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia delle organizzazioni LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 1 La struttura Struttura come configurazione formale dell organizzazione

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti Il sostegno alle P.M.I. - Incentivi, garanzie ed opportunità per il consolidamento e la crescita Taranto, 27 febbraio 2009 Relatore: Dr. Raffaele

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Interventi nel capitale di rischio e di debito delle PMI: le iniziative di banche ed operatori specializzati Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Indice 2 Il fabbisogno finanziario delle PMI

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

Scheda didattica IL MICROCREDITO

Scheda didattica IL MICROCREDITO Scheda didattica IL MICROCREDITO Il microcredito permette ai poveri e agli scalzi di accedere ad una opportunità che di solito è esclusivo appannaggio dei ricchi. Accade così che quegli aspetti della società

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali

Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali (OPGA) 830.11 dell 11 settembre 2002 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 81 della legge federale

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE: Carmen Patrizia MURATORE Avente ad oggetto: INTERVENTI IN MATERIA DI USURA.

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

Paesi difficili: perché?

Paesi difficili: perché? Paesi difficili: perché? Inconvertibilità della valuta Limiti di rimpatrio Pericolo di una nazionalizzazione Economie amministrate Basso livello di qualificazione della manodopera locale Elevato indebitamento

Dettagli

New Education For Liberation

New Education For Liberation Cotronix O.n.l.u.s. New Education For Liberation Nuova educazione per l emancipazione Il Contesto d intervento: ORIGINI DEL PROGETTO: Il progetto nasce dalla necessità di intervenire a sostegno di un infanzia

Dettagli

Introduzione alla sociologia

Introduzione alla sociologia Introduzione alla sociologia Le persone e il sociale La sociologia studia il rapporto di influenza reciproco che lega le persone alle strutture e ai processi sociali, i quali possono essere associati a

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati,

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati, Intervento dell On.le Gianluigi Magri Sottosegretario di Stato Ministero dell Economia e delle Finanze, al Consiglio dei Governatori dell IFAD Roma 18 e 19 Febbraio 2004 Signor Presidente, Signore e Signori

Dettagli

Il giorno per giorno

Il giorno per giorno Il giorno per giorno Vado a dormire Mi alzo la mattina Compro 1$ di paglia Produco 4 cesti Rimane 1$ Utilizzo 3$ per mangiare e nutrire la famiglia Ricavo 4$ Vendo ogni cesto a 1$ I poveri e il normale

Dettagli

LA REALTA SEMPLIFICATA NEL MODELLO

LA REALTA SEMPLIFICATA NEL MODELLO Il meccanismo del prestito è basato sul concetto dei punti di risparmio, punti che vengono accumulati nei periodi di risparmio e consumati nei periodi in cui si accede al prestito. L'idea di base che rende

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

Paola Ciardi Fondazione Un Raggio di Luce Livorno 24 giugno 2010

Paola Ciardi Fondazione Un Raggio di Luce Livorno 24 giugno 2010 Introduzione alla micro finanza: l evoluzione, la potenzialità, i limiti, e l attuale complessità della strumentazione micro finanziaria Paola Ciardi Fondazione Un Raggio di Luce Livorno 24 giugno 2010

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating CERVED RATING AGENCY Metodologia di rating maggio 2014 1 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONE...3 LA SCALA DI RATING...3 IL MODELLO DI RATING...5 LA BASE INFORMATIVA...6 LE COMPONENTI DELL ANALISI...7 Cebi

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito;

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito; Allegato alla Delib.G.R. n. 56/7 del 29.12.2009 Criteri e modalità di gestione del fondo di garanzia etica. Art. 3, comma 2, lett. e), della L.R. n. 1/2009. PREMESSA. Questa direttiva definisce i criteri

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona?

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona? Uno degli obiettivi del M5S è Nessuno deve rimanere indietro. E inaccettabile che un cittadino italiano venga abbandonato a sé stesso dallo Stato perché perde il lavoro, magari dopo aver pagato contributi

Dettagli

Il settore del trasporto su strada: analisi del rischio.

Il settore del trasporto su strada: analisi del rischio. Newsletter Phedro febbraio 2007 Il settore del trasporto su strada: analisi del rischio. Lo scopo del presente contributo è di analizzare il settore del trasporto su strada sotto due punti di vista: 1.

Dettagli

Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo

Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo Studio Commerciale e Tributario TOMASSETTI & PARTNERS Informativa fiscale Ai gentili clienti Loro sedi Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli