Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo"

Transcript

1 62 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo correntista dell esecuzione di essi e, in genere, di tutti quegli atti esecutivi del mandato assunto, la cui notizia possa ragionevolmente ritenersi di rilievo per il correntista. 9. La emissione dell'assegno bancario L emissione di un assegno bancario richiede presupposti di carattere oggettivo, relativi al titolo in quanto tale, e di carattere soggettivo, relativi al correntista. L assegno bancario può essere emesso da chi intrattiene con la banca un rapporto di conto corrente di corrispondenza e sia espressamente autorizzato a disporre con assegni attraverso la predetta convenzione di assegno, nonché, naturalmente, a fronte di disponibilità in conto rivenienti da somme liquide ed esigibili (rapporto di provvista che comporta la disponibilità di fondi sul conto corrente susseguente all esistenza di un saldo liquido ed esigibile ovvero allo utilizzo di una linea di credito capiente). In difetto di questi presupposti, la normativa prevede le seguenti alternative ipotesi giuridicamente rilevanti: emissione di un assegno senza l autorizzazione del trattario (art. 1, legge n. 386/1990 come modificato dall art. 28, D.Lgs. n. 507/1999); emissione di un assegno emesso in difetto di provvista e presentato in tempo utile e non pagato nei 60 giorni successivi alla data di scadenza del termine di presentazione (art. 2, legge n. 386/1990 come modificato dall art. 29, D.Lgs. n. 507/1999). L art. 1, legge n. 386/1990, come modificato dal D.Lgs. n. 507/1999, al 1 comma, punisce l emissione di un assegno bancario o postale senza l autorizzazione del trattario. La norma sanziona l inosservanza del disposto dell art. 3, 2 comma, legge ass., il quale prescrive tra le condizioni di regolarità dell assegno la sussistenza della cosiddetta convenzione espressa o tacita di chéque, ovverosia l accordo tra traente e trattario di un accordo, in virtù del quale il primo sia autorizzato a disporre mediante assegno dei suoi fondi esistenti presso la banca medesima. La norma ricordata, invero, parla di convenzione espressa o tacita, ma l opinione prevalente ritiene che la convenzione di assegno non presenti, in realtà, una propria autonomia strutturale e funzionale, essendo combinata al negozio tipico costitutivo della provvista ed ad un contratto di conto corrente bancario diretto a compensare il debito della banca con il credito a questa spettante per il servizio di cassa svolto per conto del cliente. Il presupposto, quindi, della condotta illecita consiste nel fatto che manchi l autorizzazione ad emettere titoli e l aspetto oggettivo dell illecito si traduce,

2 Il conto corrente bancario 63 perciò, in una condotta attiva, che si perfeziona con la emissione del titolo e, pertanto, l illecito si perfeziona nel momento stesso dell emissione del titolo da parte del traente. Dunque, si definisce privo di autorizzazione l assegno emesso in violazione dell art. 3, R.D. n. 1736/1933, vale a dire in difetto di una valida convenzione di chéque con il trattario. Al riguardo l ipotesi più semplice è quella di colui che emette l assegno su una banca senza avere mai avuto alcuna convenzione di assegno, a nulla rilevando il fatto che il traente disponga di fondi presso la banca ad altro titolo (ad esempio, in un libretto di deposito), ma non usufruisca di una convenzione di chéque, che lo autorizzi a disporre di tali fondi a mezzo di assegno bancario. In ogni caso, appare opportuno attribuire alla causale della mancanza di autorizzazione la massima estensione possibile, in quanto ricomprende ipotesi che in passato non comportavano la revoca di autorizzazione (ad esempio, assegno emesso con poteri revocati, assegno emesso in violazione dell obbligo di firma congiunta, ecc.). Sicché, in concreto, la violazione può ricorrere quando il titolo sia stato emesso: a fronte di un contratto di conto corrente inesistente; a valere su un conto corrente con il quale non è mai intercorsa una convenzione di assegni; a fronte di un conto corrente sul quale è intervenuta l eventuale revoca dell autorizzazione a trarre assegni disposta discrezionalmente dalla banca; a fronte di un contratto di conto corrente sul quale è intervenuto il recesso notificato dalla banca al traente; a fronte di un contratto di conto corrente sul quale è precedentemente intervenuta la ricezione da parte della banca del recesso comunicato dal cliente; successivamente al deposito della sentenza di fallimento del traente o comunque di sentenza comportante il divieto di emettere assegni; da parte di soggetto, al quale è stata precedentemente revocata da parte dell intestatario del conto la delega a trarre sul conto medesimo; da parte di un solo intestatario su un conto corrente con convenzione di assegno a firma congiunta; e, ovviamente, da parte di un soggetto, colpito dalla cosiddetta revoca di sistema. La normativa relativa alle iniziative da assumere (cfr. infra) in presenza di assegno senza autorizzazione si applica ad assegni che risultino comunque regolari. A nulla rileva il fatto che tale assegno non sia presentato al pagamento in tempo utile, cioè che si tratti di un assegno scaduto, in quanto ai fini dell applicazione della normativa sanzionatoria nella specifica norma relativa a tale fattispecie, come sopra ricordata, non è riportato l inciso presentato al

3 64 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo pagamento in tempo utile, che è circostanza espressamente prevista, invece, per i titoli senza provvista. Perciò, nel caso di assegni irregolari sin dalla loro emissione (ad esempio, per mancanza del luogo o della data di emissione), la normativa sanzionatoria non trova applicazione per il fatto che il traente non può in punto di diritto essere ritenuto responsabile della relativa emissione, trattandosi appunto di titolo non validamente emesso e quindi non rileva la mancanza di autorizzazione. Mentre, nel caso di assegni irregolari, divenuti tali a seguito di irregolarità intervenute in un momento successivo all emissione (ad esempio, per girata irregolare), la normativa sanzionatoria trova applicazione, in quanto il traente è comunque responsabile per avere emesso un titolo regolare, ma senza l autorizzazione del trattario. Nel caso, ancora, di assegni posdatati, occorre tenere presente che gli stessi sono comunque pagabili a vista e, quindi, devono ritenersi del tutto validi (la posdatazione rileva ai soli fini fiscali) e, pertanto ricorrendo la mancanza di autorizzazione all emissione, la normativa sanzionatoria trova piena applicazione. Nel caso, poi, di assegni alterati (ad esempio, nell importo o nella data di emissione), rileva la circostanza che il traente, pur mancando l autorizzazione del trattario, ha ugualmente tratto il titolo in parola e quindi la normativa sanzionatoria deve trovare applicazione. Nel caso, infine, di assegni richiamati, allorché venga presentato al pagamento un titolo emesso in mancanza di autorizzazione, nonostante la presenza del richiamo, la normativa sanzionatoria trova applicazione, in quanto la banca trattaria è venuta formalmente a conoscenza dell infrazione da parte del proprio correntista, ma soprattutto in quanto, nella fattispecie in esame, l illecito si è perfezionato (o meglio si è consumato) nel momento stesso dell emissione del titolo da parte del traente firmatario dell assegno 83. L art. 2, legge n. 386/1990, come modificato dal D.Lgs. n. 507/1999 regolamenta l ipotesi dell emissione di assegni bancari o postali presentati in tempo utile e risultati impagati in tutto od in parte. Ai fini del perfezionamento della condotta illecita qui rileva il mancato pagamento presso il trattario: la norma, in questa fattispecie, sposta la rilevanza della condotta illecita dal momento dell emissione a quello della presentazione, per cui il momento consumativo dell illecito si perfeziona soltanto al momento della presentazione al pagamento anche se effettuata in via telematica del titolo. 83 In proposito, la Banca d Italia, in una nota di chiarimenti prot. 21 novembre 2002, n indirizzata ad una importante banca italiana, rammentando che gli obblighi previsti dalla legge n. 386/1990 assumono carattere cogente sin dal perfezionarsi dell illecito, ha espressamente annotato che l eventuale richiamo dell assegno da parte della banca negoziatrice non esime la banca trattaria dall esecuzione degli adempimenti di legge ai fini dell avvio della procedure sanzionatoria amministrativa e della revoca di sistema.

4 Il conto corrente bancario 65 Può, dunque, definirsi assegno emesso in difetto totale o parziale della provvista l assegno regolare, che presentato in tempo utile al pagamento non risulti pagato: l illecito è correlato al mero fatto che, alla presentazione tempestiva dell assegno, non segua il pagamento immediato per mancanza della provvista dell assegno, titolo imperativamente pagabile a vista (art. 31 legge ass.) 84. Occorre, perciò, precisare che per «assegno presentato al pagamento in tempo utile» si intende l assegno presentato nei termini previsti dalla legge, ovvero dall art. 32 legge ass. e, quindi, entro 8 giorni decorrenti dal giorno indicato nell assegno bancario come data di emissione se pagabile nello stesso comune di emissione, entro quindici giorni se pagabile in altro comune, e per gli assegni emessi all estero, entro 20 giorni se pagabile nello stesso continente 85 e entro 60 giorni se pagabile in continente diverso da quello di emissione. La presentazione al pagamento può essere effettuata in stanza di compensazione o presso la banca trattaria, direttamente o previa negoziazione da parte di una filiale consorella, oppure in procedura check truncation: se essa è effettuata presso la stanza di compensazione, occorre fare riferimento alla data di presentazione in stanza; se l assegno è negoziato presso una consorella, si deve fare riferimento alla data di pervenimento alla filiale trattaria e se presentato direttamente si deve fare, ovviamente, riferimento alla data della relativa materiale presentazione; se il titolo è trattato tramite la procedura check truncation si deve tenere conto che ai sensi dell art. 6 secondo comma del Regolamento Banca d Italia la presentazione telematica al pagamento coincide con il giorno di scadenza del termine massimo stabilito per la comunicazione del mancato pagamento (attualmente 3 giorni lavorativi). Quindi, le attività che la banca trattaria deve porre in essere sono prescritte allorché il mancato pagamento totale o parziale si riferisca ad assegni che risultino regolari, che siano presentati al pagamento in tempo utile e che non siano pagati successivamente (pagamento tardivo) entro il termine di 60 giorni dalla data di scadenza del relativo termine di presentazione. Di conseguenza, nel caso di assegni irregolari o palesemente alterati (e, come tali, anche non protestabili), la specifica normativa sanzionatoria, in mancanza di provvista non trova applicazione: in tale ipotesi per assegni irregolari si intendono i titoli invalidi, che rechino irregolarità diverse da quelle previste 84 Va ricordato che non valgono ad escludere l illecito eventuali accordi intervenuti tra emittente e prenditore in ordine al rilascio del titolo: patto di non presentazione, vale a dire l accordo per effetto del quale il prenditore si impegna a non presentare il titolo al pagamento prima di un certo termine oppure l assegno in garanzia, emesso cioè dal traente a garanzia di un debito, con l intesa della sua restituzione al debitore ove questi adempia regolarmente alla scadenza la propria obbligazione, restando il prenditore munito di un titolo cambiario dotato di efficacia esecutiva. 85 Si ricorda che gli assegni emessi in un paese litoraneo del Mediterraneo sono da considerare come emessi nello stesso continente del pagamento.

5 66 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo dai nuovi codici di rifiuto di pagamento indicate dal n. 30 al n. 40, introdotti con la Circolare Ministeriale 30 aprile 2001, n. 3512/C. Nel caso di richiamo di assegni presentati al pagamento in tempo utile, la normativa sanzionatoria trova applicazione, in quanto nella fattispecie in esame, l illecito si è già perfezionato (o meglio si è già consumato) con la presentazione al pagamento del titolo: il richiamo è di per sé una prassi bancaria che la Banca d Italia vede con sfavore dato che consente di eludere l applicazione della normativa che sanziona i comportamenti illeciti 86. Nel caso di assegni posdatati, risultati impagati, tenendo conto che l assegno è giuridicamente pagabile a vista e quindi è da considerare presentato in tempo utile, la specifica normativa sanzionatoria trova piena applicazione 87. Nel caso di revoca dell ordine di pagamento impartita dal traente in pendenza dei termini di presentazione ai sensi dell art. 35 legge ass., laddove la banca aderisca a tale ordine, la fattispecie configura a tutti gli effetti una mancanza di provvista con conseguente applicazione delle disposizioni all uopo previste dalla disciplina sanzionatoria 88. Perché l assegno bancario sia emesso validamente ai fini della negoziazione o del pagamento deve, poi, possedere tutti i requisiti o gli elementi che la legge richiede a tale scopo, alcuni dei quali sono già prestampati sui moduli rilasciati dalla Banca ed altri devono essere apposti dal traente: a) Indicazione del luogo ove l assegno è emesso La indicazione di tale requisito è fondamentale ai fini del termine di presentazione e della levata del protesto In proposito, la Banca d Italia ha innanzitutto ricordato che nel caso di assegni emessi senza provvista l illecito si perfeziona nel momento di presentazione al pagamento, che coincide con la presentazione alla stanza di compensazione ovvero con la presentazione in via telematica per la procedura check truncation. Ha, quindi, osservato che in tale quadro nel caso in cui il richiamo intervenga dopo il perfezionamento dell illecito, la restituzione alla banca negoziatrice del titolo risultato privo di provvista non esime la banca trattaria dall osservanza di tutti gli adempimenti di legge relativi sia allo avvio della procedura sanzionatoria amministrativa sia alla revoca di sistema. Ed ha altresì rammentato che a partire dal momento in cui si perfeziona l illecito, l avvio della procedura sanzionatoria amministrativa e la revoca di sistema possono essere evitate solo dando prova del pagamento tardivo del titolo secondo le modalità e nei termini fissati dalla legge. 87 In questa ipotesi, il termine di 60 giorni utili per il pagamento tardivo decorre dalla data di presentazione dell assegno in stanza di compensazione, che rappresenta il momento in cui il titolo è stato attivato da parte del portatore. 88 Si veda infra. 89 Soltanto la presentazione dell assegno bancario in tempo utile consentirà al portatore del titolo di rivalersi con l azione cambiaria di regresso contro il traente e gli altri obbligati per ottenere il rimborso dell importo del titolo che non gli venga pagato dalla banca, ad esempio perché privo di copertura: se presentato nei termini il titolo, infatti, potrà essere

6 Il conto corrente bancario 67 Per cui se viene presentato un assegno privo del luogo di emissione ma tratto su conto capiente, la Banca deve astenersi dal completarlo (stante il divieto del patto di riempimento) ed ovviamente prima di pagarlo deve pretendere che le venga presentato debitamente completato. L eventuale pagamento di un assegno invalido per mancanza di un requisito essenziale, invero, non sarebbe regolare e potrebbe essere contestato dal correntista. Se, invece, viene presentato un assegno privo di detto requisito e tratto su conto incapiente, la Banca non potrà pagare il titolo né inviarlo al protesto in quanto la mancanza nel contesto del titolo di tale requisito essenziale fa venir meno la qualità di titolo di credito. b) Indicazione della data di emissione Serve a calcolare i termini per la presentazione al pagamento e per l eventuale protesto. Può accadere che l assegno rechi una data ma incompleta, irregolare o falsificata. Si ritiene, tuttavia, regolare laddove l anno sia indicato senza il millesimo ovvero il giorno sia indicato con una ricorrenza (ad esempio, Capo d anno). Viceversa, più date sul titolo o una data impossibile (esempio: 30 febbraio) o la mancanza del giorno o del mese o dell anno rendono nullo l assegno ed in questi casi la Banca non paga né protesta essendo il titolo nullo. Può, ancora, accadere che l assegno sia emesso con una data di emissione posteriore rispetto a quella in cui il titolo esce dalla disponibilità del correntista traente: è il caso dello assegno posdatato. In linea generale, la posdatazione del titolo è ininfluente atteso che l assegno è pagabile nel giorno di presentazione, anche se anteriore a quello indicato come data di emissione. Per effetto della normativa fiscale la esigibilità dell assegno dovrebbe rimanere sospesa fino a quando il portatore non l abbia regolarizzato nel bollo stante l obbligo incombente in solido su quanti abbiano partecipato al circuito cartolare (traente, girante, banca negoziatrice, banca trattaria) o fatto uso dell assegno prima della regolarizzazione. Secondo le disposizioni fiscali, la liceità o meno di una posdatazione, quale prevista dall art. 121 legge ass. 90, è da valutare esclusivamente a posteriori, teprotestato e, come tale, offrire al portatore la possibilità di esercitare il regresso contro le persone sopra indicate. 90 L art. 121 legge ass. dispone che qualora nell assegno venga indicata una data di emissione posteriore a quella dell effettiva emissione dell assegno non giustificata dal periodo di tempo necessario per far pervenire il titolo al destinatario o da altra materiale impossibilità e sempre che la data non differisca di oltre 4 giorni da quella di emissione si rende applicabile la imposta graduale della cambiale salvo le sanzioni di legge.

7 68 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo nendo presente il momento in cui il titolo perviene al beneficiario. Secondo le istruzioni della Vigilanza, sia pur adattate alla luce della legge n. 386/1990, è vietata tassativamente la negoziazione o l accettazione, salvo che per l immediato incasso ai sensi dell art. 31, 2 comma, legge ass., di assegni bancari a carico di altre aziende postdatati oltre i limiti di cui all art. 121 della stessa legge, in quanto ciò determinerebbe una trasgressione della normativa tributaria per la quale è prevista la corresponsabilità di tutti coloro per le cui mani è passato il titolo. Le regole di comportamento della Banca in tale ipotesi potrebbero essere diverse, come, ad esempio, in caso di presentazione a mezzo stanza, pagare l assegno, se capiente, curando nei termini la successiva regolarizzazione nel bollo con addebito sul c/c del traente, oppure se l assegno sia scoperto, respingere il titolo al cedente perché lo presenti regolarizzato ovvero prendere accordi con la banca negoziatrice per la regolarizzazione prima dell avvio al protesto (soprattutto nel caso che la restituzione alla corrispondente possa pregiudicare i termini del protesto); in caso di presentazione allo sportello, invitare il presentatore a regolarizzare e ripresentare il titolo ovvero avvertirlo che l assegno, se capiente, viene pagato ai sensi dell art. 31 legge ass. ma che si procederà alla successiva regolarizzazione con tutte le conseguenze fiscali che ne deriveranno solidalmente in danno del traente, dei giranti e dello stesso portatore. c) Indicazione dell importo scritto in cifre ed in lettere (quest ultimo, in caso di differenza tra i due importi, prevale su quello scritto in cifre). d) Indicazione della persona al cui ordine è emesso (ordinatario, prenditore o beneficiario), in mancanza della quale l assegno vale come titolo al portatore Laddove sull assegno figurino più prenditori con una formula congiunta (ad esempio, all ordine di Tizio e di Caio) o con una formula alternativa (ad esempio, all ordine di Tizio o di Caio) la banca nella prima ipotesi dovrà pagare a mano di tutti coloro che figurano indicati sul titolo, nel secondo caso potrà pagare a chi dei beneficiari si presenti per primo come portatore. e) La firma del correntista o del suo procuratore Il titolo può essere emesso solamente dall intestatario del conto ovvero da chi questi abbia autorizzato a firmare in sua rappresentanza (in tale ultimo caso, la firma deve comprendere l indicazione della persona fisica o giuridica rappresentata). Qualsiasi sottoscrizione deve essere conforme al modello depositato presso la banca (specimen) all atto della stipula del contratto, nonché corrispondere alle modalità di disposizioni concordate all atto dell accensione del conto (cioè, se a firma congiunta o disgiunta).

8 Il conto corrente bancario La presentazione ed il pagamento dell assegno Il portatore dell assegno bancario per ottenere il relativo pagamento deve presentare il titolo nella sua materialità nei termini previsti dalla legge, che sono di 8 giorni se è pagabile nello stesso Comune in cui fu emesso o di 15 giorni se è pagabile in altro Comune, 20 giorni se è pagabile in paesi siti nello stesso continente e 60 giorni se in continenti diversi (ai fini del calcolo del termine di presentazione dell assegno non viene computato il giorno in cui esso è stato emesso). Se il termine fissato per la presentazione scade in giorno festivo, il termine è prorogato sino al primo giorno feriale successivo. Solo il prenditore dell assegno o chi ne divenga successivamente portatore può fruire a suo piacimento del termine di presentazione; non il semplice giratario per l incasso, tenuto alla immediata presentazione né tanto meno la banca trattaria, tenuta all immediato pagamento o al protesto. La fase del pagamento di un assegno riveste aspetti molto delicati per i rischi incombenti sulla Banca, per cui l operazione deve essere trattata con perizia e diligenza. A tale scopo, ovvero per poter pagare bene senza pregiudizi, si rendono necessari alcuni accertamenti che riguardano: il titolo; la persona del presentatore; la provvista in conto; ogni possibile impedimento idoneo a legittimare il rifiuto del pagamento Gli accertamenti sul titolo In questa sede vengono in rilievo non solo le disposizioni proprie della legge sull assegno, ma anche la specifica normativa dettata in materia di antiriciclaggio e la disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali, nonché il regolamento contrattuale del conto corrente. L assegno deve risultare stilato sui moduli prestampati, facenti parte del carnet a suo tempo rilasciato al correntista e debitamente imputato al conto corrente e deve possedere tutti i requisiti previsti dalla legge. A tale riguardo l operatore bancario deve innanzitutto astenersi dall apporre sull assegno presentato al pagamento elementi mancanti sul titolo in considerazione del rilievo di tali requisiti Deve, poi, verificare la conformità della firma allo specimen depositato nonché l effettiva esistenza di poteri di rappresentanza ove emesso da un terzo per conto del correntista intestatario del conto corrente allo scopo di accertare,

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO SCPA - SCHIO Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.: 0445/674000 - Fax: 0445/674500

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 CONTO CORRENTE di CORRISPONDENZA Sez. I Informazioni sulla Banca Denominazione e forma giuridica: BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Soc. Coop. per azioni Sede legate:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Norme ed usi uniformi relativi ai crediti documentari

Norme ed usi uniformi relativi ai crediti documentari Appendice 6 Norme usi uniformi relativi ai criti documentari Sommario A Disposizioni generali e definizioni Applicazioni delle NNU Art. 1 Significato di crito «2 Criti e contratti «3 Documenti e merci/servizi/prestazioni

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Carmine Tarquini - Il protesto dell assegno e la tutela della pubblica fede

Carmine Tarquini - Il protesto dell assegno e la tutela della pubblica fede 1 1. Premessa In questa sede si vuole, se pur sinteticamente e senza pretese di esaustività, affrontare il delicato problema dell obbligo dell istituto di credito di presentare al pubblico ufficiale, per

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli