Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo"

Transcript

1 62 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo correntista dell esecuzione di essi e, in genere, di tutti quegli atti esecutivi del mandato assunto, la cui notizia possa ragionevolmente ritenersi di rilievo per il correntista. 9. La emissione dell'assegno bancario L emissione di un assegno bancario richiede presupposti di carattere oggettivo, relativi al titolo in quanto tale, e di carattere soggettivo, relativi al correntista. L assegno bancario può essere emesso da chi intrattiene con la banca un rapporto di conto corrente di corrispondenza e sia espressamente autorizzato a disporre con assegni attraverso la predetta convenzione di assegno, nonché, naturalmente, a fronte di disponibilità in conto rivenienti da somme liquide ed esigibili (rapporto di provvista che comporta la disponibilità di fondi sul conto corrente susseguente all esistenza di un saldo liquido ed esigibile ovvero allo utilizzo di una linea di credito capiente). In difetto di questi presupposti, la normativa prevede le seguenti alternative ipotesi giuridicamente rilevanti: emissione di un assegno senza l autorizzazione del trattario (art. 1, legge n. 386/1990 come modificato dall art. 28, D.Lgs. n. 507/1999); emissione di un assegno emesso in difetto di provvista e presentato in tempo utile e non pagato nei 60 giorni successivi alla data di scadenza del termine di presentazione (art. 2, legge n. 386/1990 come modificato dall art. 29, D.Lgs. n. 507/1999). L art. 1, legge n. 386/1990, come modificato dal D.Lgs. n. 507/1999, al 1 comma, punisce l emissione di un assegno bancario o postale senza l autorizzazione del trattario. La norma sanziona l inosservanza del disposto dell art. 3, 2 comma, legge ass., il quale prescrive tra le condizioni di regolarità dell assegno la sussistenza della cosiddetta convenzione espressa o tacita di chéque, ovverosia l accordo tra traente e trattario di un accordo, in virtù del quale il primo sia autorizzato a disporre mediante assegno dei suoi fondi esistenti presso la banca medesima. La norma ricordata, invero, parla di convenzione espressa o tacita, ma l opinione prevalente ritiene che la convenzione di assegno non presenti, in realtà, una propria autonomia strutturale e funzionale, essendo combinata al negozio tipico costitutivo della provvista ed ad un contratto di conto corrente bancario diretto a compensare il debito della banca con il credito a questa spettante per il servizio di cassa svolto per conto del cliente. Il presupposto, quindi, della condotta illecita consiste nel fatto che manchi l autorizzazione ad emettere titoli e l aspetto oggettivo dell illecito si traduce,

2 Il conto corrente bancario 63 perciò, in una condotta attiva, che si perfeziona con la emissione del titolo e, pertanto, l illecito si perfeziona nel momento stesso dell emissione del titolo da parte del traente. Dunque, si definisce privo di autorizzazione l assegno emesso in violazione dell art. 3, R.D. n. 1736/1933, vale a dire in difetto di una valida convenzione di chéque con il trattario. Al riguardo l ipotesi più semplice è quella di colui che emette l assegno su una banca senza avere mai avuto alcuna convenzione di assegno, a nulla rilevando il fatto che il traente disponga di fondi presso la banca ad altro titolo (ad esempio, in un libretto di deposito), ma non usufruisca di una convenzione di chéque, che lo autorizzi a disporre di tali fondi a mezzo di assegno bancario. In ogni caso, appare opportuno attribuire alla causale della mancanza di autorizzazione la massima estensione possibile, in quanto ricomprende ipotesi che in passato non comportavano la revoca di autorizzazione (ad esempio, assegno emesso con poteri revocati, assegno emesso in violazione dell obbligo di firma congiunta, ecc.). Sicché, in concreto, la violazione può ricorrere quando il titolo sia stato emesso: a fronte di un contratto di conto corrente inesistente; a valere su un conto corrente con il quale non è mai intercorsa una convenzione di assegni; a fronte di un conto corrente sul quale è intervenuta l eventuale revoca dell autorizzazione a trarre assegni disposta discrezionalmente dalla banca; a fronte di un contratto di conto corrente sul quale è intervenuto il recesso notificato dalla banca al traente; a fronte di un contratto di conto corrente sul quale è precedentemente intervenuta la ricezione da parte della banca del recesso comunicato dal cliente; successivamente al deposito della sentenza di fallimento del traente o comunque di sentenza comportante il divieto di emettere assegni; da parte di soggetto, al quale è stata precedentemente revocata da parte dell intestatario del conto la delega a trarre sul conto medesimo; da parte di un solo intestatario su un conto corrente con convenzione di assegno a firma congiunta; e, ovviamente, da parte di un soggetto, colpito dalla cosiddetta revoca di sistema. La normativa relativa alle iniziative da assumere (cfr. infra) in presenza di assegno senza autorizzazione si applica ad assegni che risultino comunque regolari. A nulla rileva il fatto che tale assegno non sia presentato al pagamento in tempo utile, cioè che si tratti di un assegno scaduto, in quanto ai fini dell applicazione della normativa sanzionatoria nella specifica norma relativa a tale fattispecie, come sopra ricordata, non è riportato l inciso presentato al

3 64 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo pagamento in tempo utile, che è circostanza espressamente prevista, invece, per i titoli senza provvista. Perciò, nel caso di assegni irregolari sin dalla loro emissione (ad esempio, per mancanza del luogo o della data di emissione), la normativa sanzionatoria non trova applicazione per il fatto che il traente non può in punto di diritto essere ritenuto responsabile della relativa emissione, trattandosi appunto di titolo non validamente emesso e quindi non rileva la mancanza di autorizzazione. Mentre, nel caso di assegni irregolari, divenuti tali a seguito di irregolarità intervenute in un momento successivo all emissione (ad esempio, per girata irregolare), la normativa sanzionatoria trova applicazione, in quanto il traente è comunque responsabile per avere emesso un titolo regolare, ma senza l autorizzazione del trattario. Nel caso, ancora, di assegni posdatati, occorre tenere presente che gli stessi sono comunque pagabili a vista e, quindi, devono ritenersi del tutto validi (la posdatazione rileva ai soli fini fiscali) e, pertanto ricorrendo la mancanza di autorizzazione all emissione, la normativa sanzionatoria trova piena applicazione. Nel caso, poi, di assegni alterati (ad esempio, nell importo o nella data di emissione), rileva la circostanza che il traente, pur mancando l autorizzazione del trattario, ha ugualmente tratto il titolo in parola e quindi la normativa sanzionatoria deve trovare applicazione. Nel caso, infine, di assegni richiamati, allorché venga presentato al pagamento un titolo emesso in mancanza di autorizzazione, nonostante la presenza del richiamo, la normativa sanzionatoria trova applicazione, in quanto la banca trattaria è venuta formalmente a conoscenza dell infrazione da parte del proprio correntista, ma soprattutto in quanto, nella fattispecie in esame, l illecito si è perfezionato (o meglio si è consumato) nel momento stesso dell emissione del titolo da parte del traente firmatario dell assegno 83. L art. 2, legge n. 386/1990, come modificato dal D.Lgs. n. 507/1999 regolamenta l ipotesi dell emissione di assegni bancari o postali presentati in tempo utile e risultati impagati in tutto od in parte. Ai fini del perfezionamento della condotta illecita qui rileva il mancato pagamento presso il trattario: la norma, in questa fattispecie, sposta la rilevanza della condotta illecita dal momento dell emissione a quello della presentazione, per cui il momento consumativo dell illecito si perfeziona soltanto al momento della presentazione al pagamento anche se effettuata in via telematica del titolo. 83 In proposito, la Banca d Italia, in una nota di chiarimenti prot. 21 novembre 2002, n indirizzata ad una importante banca italiana, rammentando che gli obblighi previsti dalla legge n. 386/1990 assumono carattere cogente sin dal perfezionarsi dell illecito, ha espressamente annotato che l eventuale richiamo dell assegno da parte della banca negoziatrice non esime la banca trattaria dall esecuzione degli adempimenti di legge ai fini dell avvio della procedure sanzionatoria amministrativa e della revoca di sistema.

4 Il conto corrente bancario 65 Può, dunque, definirsi assegno emesso in difetto totale o parziale della provvista l assegno regolare, che presentato in tempo utile al pagamento non risulti pagato: l illecito è correlato al mero fatto che, alla presentazione tempestiva dell assegno, non segua il pagamento immediato per mancanza della provvista dell assegno, titolo imperativamente pagabile a vista (art. 31 legge ass.) 84. Occorre, perciò, precisare che per «assegno presentato al pagamento in tempo utile» si intende l assegno presentato nei termini previsti dalla legge, ovvero dall art. 32 legge ass. e, quindi, entro 8 giorni decorrenti dal giorno indicato nell assegno bancario come data di emissione se pagabile nello stesso comune di emissione, entro quindici giorni se pagabile in altro comune, e per gli assegni emessi all estero, entro 20 giorni se pagabile nello stesso continente 85 e entro 60 giorni se pagabile in continente diverso da quello di emissione. La presentazione al pagamento può essere effettuata in stanza di compensazione o presso la banca trattaria, direttamente o previa negoziazione da parte di una filiale consorella, oppure in procedura check truncation: se essa è effettuata presso la stanza di compensazione, occorre fare riferimento alla data di presentazione in stanza; se l assegno è negoziato presso una consorella, si deve fare riferimento alla data di pervenimento alla filiale trattaria e se presentato direttamente si deve fare, ovviamente, riferimento alla data della relativa materiale presentazione; se il titolo è trattato tramite la procedura check truncation si deve tenere conto che ai sensi dell art. 6 secondo comma del Regolamento Banca d Italia la presentazione telematica al pagamento coincide con il giorno di scadenza del termine massimo stabilito per la comunicazione del mancato pagamento (attualmente 3 giorni lavorativi). Quindi, le attività che la banca trattaria deve porre in essere sono prescritte allorché il mancato pagamento totale o parziale si riferisca ad assegni che risultino regolari, che siano presentati al pagamento in tempo utile e che non siano pagati successivamente (pagamento tardivo) entro il termine di 60 giorni dalla data di scadenza del relativo termine di presentazione. Di conseguenza, nel caso di assegni irregolari o palesemente alterati (e, come tali, anche non protestabili), la specifica normativa sanzionatoria, in mancanza di provvista non trova applicazione: in tale ipotesi per assegni irregolari si intendono i titoli invalidi, che rechino irregolarità diverse da quelle previste 84 Va ricordato che non valgono ad escludere l illecito eventuali accordi intervenuti tra emittente e prenditore in ordine al rilascio del titolo: patto di non presentazione, vale a dire l accordo per effetto del quale il prenditore si impegna a non presentare il titolo al pagamento prima di un certo termine oppure l assegno in garanzia, emesso cioè dal traente a garanzia di un debito, con l intesa della sua restituzione al debitore ove questi adempia regolarmente alla scadenza la propria obbligazione, restando il prenditore munito di un titolo cambiario dotato di efficacia esecutiva. 85 Si ricorda che gli assegni emessi in un paese litoraneo del Mediterraneo sono da considerare come emessi nello stesso continente del pagamento.

5 66 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo dai nuovi codici di rifiuto di pagamento indicate dal n. 30 al n. 40, introdotti con la Circolare Ministeriale 30 aprile 2001, n. 3512/C. Nel caso di richiamo di assegni presentati al pagamento in tempo utile, la normativa sanzionatoria trova applicazione, in quanto nella fattispecie in esame, l illecito si è già perfezionato (o meglio si è già consumato) con la presentazione al pagamento del titolo: il richiamo è di per sé una prassi bancaria che la Banca d Italia vede con sfavore dato che consente di eludere l applicazione della normativa che sanziona i comportamenti illeciti 86. Nel caso di assegni posdatati, risultati impagati, tenendo conto che l assegno è giuridicamente pagabile a vista e quindi è da considerare presentato in tempo utile, la specifica normativa sanzionatoria trova piena applicazione 87. Nel caso di revoca dell ordine di pagamento impartita dal traente in pendenza dei termini di presentazione ai sensi dell art. 35 legge ass., laddove la banca aderisca a tale ordine, la fattispecie configura a tutti gli effetti una mancanza di provvista con conseguente applicazione delle disposizioni all uopo previste dalla disciplina sanzionatoria 88. Perché l assegno bancario sia emesso validamente ai fini della negoziazione o del pagamento deve, poi, possedere tutti i requisiti o gli elementi che la legge richiede a tale scopo, alcuni dei quali sono già prestampati sui moduli rilasciati dalla Banca ed altri devono essere apposti dal traente: a) Indicazione del luogo ove l assegno è emesso La indicazione di tale requisito è fondamentale ai fini del termine di presentazione e della levata del protesto In proposito, la Banca d Italia ha innanzitutto ricordato che nel caso di assegni emessi senza provvista l illecito si perfeziona nel momento di presentazione al pagamento, che coincide con la presentazione alla stanza di compensazione ovvero con la presentazione in via telematica per la procedura check truncation. Ha, quindi, osservato che in tale quadro nel caso in cui il richiamo intervenga dopo il perfezionamento dell illecito, la restituzione alla banca negoziatrice del titolo risultato privo di provvista non esime la banca trattaria dall osservanza di tutti gli adempimenti di legge relativi sia allo avvio della procedura sanzionatoria amministrativa sia alla revoca di sistema. Ed ha altresì rammentato che a partire dal momento in cui si perfeziona l illecito, l avvio della procedura sanzionatoria amministrativa e la revoca di sistema possono essere evitate solo dando prova del pagamento tardivo del titolo secondo le modalità e nei termini fissati dalla legge. 87 In questa ipotesi, il termine di 60 giorni utili per il pagamento tardivo decorre dalla data di presentazione dell assegno in stanza di compensazione, che rappresenta il momento in cui il titolo è stato attivato da parte del portatore. 88 Si veda infra. 89 Soltanto la presentazione dell assegno bancario in tempo utile consentirà al portatore del titolo di rivalersi con l azione cambiaria di regresso contro il traente e gli altri obbligati per ottenere il rimborso dell importo del titolo che non gli venga pagato dalla banca, ad esempio perché privo di copertura: se presentato nei termini il titolo, infatti, potrà essere

6 Il conto corrente bancario 67 Per cui se viene presentato un assegno privo del luogo di emissione ma tratto su conto capiente, la Banca deve astenersi dal completarlo (stante il divieto del patto di riempimento) ed ovviamente prima di pagarlo deve pretendere che le venga presentato debitamente completato. L eventuale pagamento di un assegno invalido per mancanza di un requisito essenziale, invero, non sarebbe regolare e potrebbe essere contestato dal correntista. Se, invece, viene presentato un assegno privo di detto requisito e tratto su conto incapiente, la Banca non potrà pagare il titolo né inviarlo al protesto in quanto la mancanza nel contesto del titolo di tale requisito essenziale fa venir meno la qualità di titolo di credito. b) Indicazione della data di emissione Serve a calcolare i termini per la presentazione al pagamento e per l eventuale protesto. Può accadere che l assegno rechi una data ma incompleta, irregolare o falsificata. Si ritiene, tuttavia, regolare laddove l anno sia indicato senza il millesimo ovvero il giorno sia indicato con una ricorrenza (ad esempio, Capo d anno). Viceversa, più date sul titolo o una data impossibile (esempio: 30 febbraio) o la mancanza del giorno o del mese o dell anno rendono nullo l assegno ed in questi casi la Banca non paga né protesta essendo il titolo nullo. Può, ancora, accadere che l assegno sia emesso con una data di emissione posteriore rispetto a quella in cui il titolo esce dalla disponibilità del correntista traente: è il caso dello assegno posdatato. In linea generale, la posdatazione del titolo è ininfluente atteso che l assegno è pagabile nel giorno di presentazione, anche se anteriore a quello indicato come data di emissione. Per effetto della normativa fiscale la esigibilità dell assegno dovrebbe rimanere sospesa fino a quando il portatore non l abbia regolarizzato nel bollo stante l obbligo incombente in solido su quanti abbiano partecipato al circuito cartolare (traente, girante, banca negoziatrice, banca trattaria) o fatto uso dell assegno prima della regolarizzazione. Secondo le disposizioni fiscali, la liceità o meno di una posdatazione, quale prevista dall art. 121 legge ass. 90, è da valutare esclusivamente a posteriori, teprotestato e, come tale, offrire al portatore la possibilità di esercitare il regresso contro le persone sopra indicate. 90 L art. 121 legge ass. dispone che qualora nell assegno venga indicata una data di emissione posteriore a quella dell effettiva emissione dell assegno non giustificata dal periodo di tempo necessario per far pervenire il titolo al destinatario o da altra materiale impossibilità e sempre che la data non differisca di oltre 4 giorni da quella di emissione si rende applicabile la imposta graduale della cambiale salvo le sanzioni di legge.

7 68 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo nendo presente il momento in cui il titolo perviene al beneficiario. Secondo le istruzioni della Vigilanza, sia pur adattate alla luce della legge n. 386/1990, è vietata tassativamente la negoziazione o l accettazione, salvo che per l immediato incasso ai sensi dell art. 31, 2 comma, legge ass., di assegni bancari a carico di altre aziende postdatati oltre i limiti di cui all art. 121 della stessa legge, in quanto ciò determinerebbe una trasgressione della normativa tributaria per la quale è prevista la corresponsabilità di tutti coloro per le cui mani è passato il titolo. Le regole di comportamento della Banca in tale ipotesi potrebbero essere diverse, come, ad esempio, in caso di presentazione a mezzo stanza, pagare l assegno, se capiente, curando nei termini la successiva regolarizzazione nel bollo con addebito sul c/c del traente, oppure se l assegno sia scoperto, respingere il titolo al cedente perché lo presenti regolarizzato ovvero prendere accordi con la banca negoziatrice per la regolarizzazione prima dell avvio al protesto (soprattutto nel caso che la restituzione alla corrispondente possa pregiudicare i termini del protesto); in caso di presentazione allo sportello, invitare il presentatore a regolarizzare e ripresentare il titolo ovvero avvertirlo che l assegno, se capiente, viene pagato ai sensi dell art. 31 legge ass. ma che si procederà alla successiva regolarizzazione con tutte le conseguenze fiscali che ne deriveranno solidalmente in danno del traente, dei giranti e dello stesso portatore. c) Indicazione dell importo scritto in cifre ed in lettere (quest ultimo, in caso di differenza tra i due importi, prevale su quello scritto in cifre). d) Indicazione della persona al cui ordine è emesso (ordinatario, prenditore o beneficiario), in mancanza della quale l assegno vale come titolo al portatore Laddove sull assegno figurino più prenditori con una formula congiunta (ad esempio, all ordine di Tizio e di Caio) o con una formula alternativa (ad esempio, all ordine di Tizio o di Caio) la banca nella prima ipotesi dovrà pagare a mano di tutti coloro che figurano indicati sul titolo, nel secondo caso potrà pagare a chi dei beneficiari si presenti per primo come portatore. e) La firma del correntista o del suo procuratore Il titolo può essere emesso solamente dall intestatario del conto ovvero da chi questi abbia autorizzato a firmare in sua rappresentanza (in tale ultimo caso, la firma deve comprendere l indicazione della persona fisica o giuridica rappresentata). Qualsiasi sottoscrizione deve essere conforme al modello depositato presso la banca (specimen) all atto della stipula del contratto, nonché corrispondere alle modalità di disposizioni concordate all atto dell accensione del conto (cioè, se a firma congiunta o disgiunta).

8 Il conto corrente bancario La presentazione ed il pagamento dell assegno Il portatore dell assegno bancario per ottenere il relativo pagamento deve presentare il titolo nella sua materialità nei termini previsti dalla legge, che sono di 8 giorni se è pagabile nello stesso Comune in cui fu emesso o di 15 giorni se è pagabile in altro Comune, 20 giorni se è pagabile in paesi siti nello stesso continente e 60 giorni se in continenti diversi (ai fini del calcolo del termine di presentazione dell assegno non viene computato il giorno in cui esso è stato emesso). Se il termine fissato per la presentazione scade in giorno festivo, il termine è prorogato sino al primo giorno feriale successivo. Solo il prenditore dell assegno o chi ne divenga successivamente portatore può fruire a suo piacimento del termine di presentazione; non il semplice giratario per l incasso, tenuto alla immediata presentazione né tanto meno la banca trattaria, tenuta all immediato pagamento o al protesto. La fase del pagamento di un assegno riveste aspetti molto delicati per i rischi incombenti sulla Banca, per cui l operazione deve essere trattata con perizia e diligenza. A tale scopo, ovvero per poter pagare bene senza pregiudizi, si rendono necessari alcuni accertamenti che riguardano: il titolo; la persona del presentatore; la provvista in conto; ogni possibile impedimento idoneo a legittimare il rifiuto del pagamento Gli accertamenti sul titolo In questa sede vengono in rilievo non solo le disposizioni proprie della legge sull assegno, ma anche la specifica normativa dettata in materia di antiriciclaggio e la disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali, nonché il regolamento contrattuale del conto corrente. L assegno deve risultare stilato sui moduli prestampati, facenti parte del carnet a suo tempo rilasciato al correntista e debitamente imputato al conto corrente e deve possedere tutti i requisiti previsti dalla legge. A tale riguardo l operatore bancario deve innanzitutto astenersi dall apporre sull assegno presentato al pagamento elementi mancanti sul titolo in considerazione del rilievo di tali requisiti Deve, poi, verificare la conformità della firma allo specimen depositato nonché l effettiva esistenza di poteri di rappresentanza ove emesso da un terzo per conto del correntista intestatario del conto corrente allo scopo di accertare,

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario

Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario Capitolo 1 - USI BANCARI Sommario Operazioni di credito documentario (Articoli 1527, 1530 cod. civ.) Art. 1 Pagamento del prezzo nella vendita contro documenti (Articolo 1528 cod. civ.) 2 Pagamento diretto

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura PERUGIA ASSEGNI POSTALI PROTESTATI: NOTE INFORMATIVE Nel caso venga emesso un assegno postale senza la necessaria copertura finanziaria nel conto

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore]

Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Andrea Gemma Membro designato dalla Banca d'italia Prof.

Dettagli

Assegni: quando l emissione diventa illecito

Assegni: quando l emissione diventa illecito Prefettura di Lecce Assegni: quando l emissione diventa illecito Breve vademecum al corretto uso degli assegni INDICE Introduzione pag. 3 Crisi economica e contrazione del credito: la stretta in cui si

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca)

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) PAG 1/5 RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) Spettabile IWBank Private Investments Luogo e data

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

Banca Popolare di Ancona

Banca Popolare di Ancona UBI03380_WEB 21/02/2013 Banca Popolare di Ancona 05308.2 053082 RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR)

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR) FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO Sezione I Informazioni sulla banca -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR) Alla data del 01/10/2009 BANCA DI RIPATRANSONE CREDITO

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Legnano, 13/01/2016 Alle imprese assistite OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Uno degli interventi sicuramente più inaspettati della manovra per il 2016 riguarda l innalzamento della soglia

Dettagli

LA DIRETTIVA La PSD (Payment Service Directive) - Direttiva sui Servizi di Pagamento è stata recepita dall ordinamento giuridico italiano con decorrenza 1 marzo 2010. La Direttiva intende unificare il

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE

PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE IL PROGRAMMA ANNUALE, COME OGNI ALTRO DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA, SI DIVIDE STRUTTURALMENTE

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

Modulo 1: Introduzione alla Banca

Modulo 1: Introduzione alla Banca Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma

Dettagli

CREDITO, LEASING, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI

CREDITO, LEASING, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI TITOLO VI CREDITO, LEASING, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I USI BANCARI 894. Operazioni di credito documentario (artt. 1527, 1530 C.C.). Le Banche, nelle operazioni di credito documentario, si attengono,

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Dott. Comm. Leopoldo Varriale Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Dott. Comm. Leopoldo Varriale Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - Prof. Avv. Enrico Quadri Presidente - Dott. Comm. Leopoldo Varriale Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Ferruccio Auletta Membro designato dalla

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

(Edizione giugno 2015)

(Edizione giugno 2015) SCHEMA DI ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE DIRETTO E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) (Edizione giugno 2015) ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE DIRETTO E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) TRA

Dettagli

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni)

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni) Testo Decreto Delegato Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini del presente decreto delegato si intendono per: a) Assegno

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

MODELLO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA]

MODELLO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA] MODELLO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA] Spett.le Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Circolare MEF 30 luglio 2013 e Provvedimento UIF 6 agosto 2013.

Circolare MEF 30 luglio 2013 e Provvedimento UIF 6 agosto 2013. NOVITÀ SU NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO. OBBLIGO DÌ RESTITUZIONE AL CLIENTE DÌ FONDI, STRUMENTI E ALTRE DISPONIBILITÀ FINANZIARIE DÌ SUA SPETTANZA, IN CASO DÌ MANCATA ADEGUATA VERIFICA Circolare MEF 30 luglio

Dettagli

NEGOZIAZIONE ASSEGNI ESTERO

NEGOZIAZIONE ASSEGNI ESTERO 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari NEGOZIAZIONE ASSEGNI ESTERO

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE E AVALLO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L'ACCETTAZIONE

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato

Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato DIREZIONE GENERALE DEL COMMERCIO, ASSICURAZIONI E SERVIZI Servizio Centrale delle Camere di Commercio Ufficio B4 Prot. 505844 Roma 30 aprile 2001

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

Foglio Informativo. SERVIZI INCASSI E PAGAMENTI per tipi di documenti cartacei non disciplinati dal D.LGS. n.11/2010 ( PSD ) e servizi vari

Foglio Informativo. SERVIZI INCASSI E PAGAMENTI per tipi di documenti cartacei non disciplinati dal D.LGS. n.11/2010 ( PSD ) e servizi vari Foglio Informativo SERVIZI INCASSI E PAGAMENTI per tipi di documenti cartacei non disciplinati dal D.LGS. n.11/2010 ( PSD ) e servizi vari INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana Banca di Credito

Dettagli

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O Baschi 27 novembre 2012 VERSAMENTO DELL IVA DOPO LA RISCOSSIONE DEL CORRISPETTIVO (Art. 32 bis D.L. 83/2012 Decreto Min. Economia del 11 ottobre 2012 Provvedimento Direttore Agenzia Entrate n. 165764/2012

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA IL DIRETTORE DELL AGENZIA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA VISTA la Legge 17 giugno 2008, n. 92, Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, e in particolare

Dettagli

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma Sul forum Odontoiatria fiscale nel portale dedicato agli Odontoiatri italiani Odontoline.it, del quale sono moderatore, è stato a più riprese discusso il tema della limitazione all uso dei contanti, in

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI ART. 1 FINALITA Il presente regolamento disciplina la gestione dei crediti e le azioni da porre in essere nel caso di insolvenza degli stessi.

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Comune di Marcignago PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Luglio 2015 Approvato con delibera CC n. 22 del 09.07.2015 II INDICE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA Le presenti condizioni generali di fornitura regoleranno i rapporti intercorrenti tra: Piaggio & C. S.p.A., con

Dettagli

Tratta e vaglia cambiario 1.

Tratta e vaglia cambiario 1. Tratta e vaglia cambiario 23 Tratta e vaglia cambiario 1. SOMMARIO 1. Tratta e vaglia cambiario: i requisiti essenziali. 2. Astrattezza e causa. 3. Falsità della firma e falsità della cambiale. 4. Le alterazioni

Dettagli

Circolare 6. del 12 febbraio 2015. Nuovo regime IVA di split payment Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 6. del 12 febbraio 2015. Nuovo regime IVA di split payment Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 6 del 12 febbraio 2015 Nuovo regime IVA di split payment Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Ambito oggettivo... 2 2.1 Esclusione per le operazioni soggette al reverse

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO FOGLIO INFORMATIVO N 1 relativo al DEPOSITO AL RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Buonabitacolo Soc. Coop. Sede legale in Buonabitacolo, via S.Francesco Tel.: 0975 91541/2

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

ALLE IMPRESE ASSOCIATE. Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale

ALLE IMPRESE ASSOCIATE. Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale 30 Falso Prot. 0426 Circolare Roma, 22 dicembre 2005 Distribuzione ALLE IMPRESE ASSOCIATE Titolo IX Codice delle Assicurazioni - Art. 117 Separazione patrimoniale In previsione dell imminente entrata in

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI

SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI 10 FOGLIO INFORMATIVO AGGIORNATO AL 05.07.2010 SERVIZIO INCASSI E PAGAMENTI DATI INFORMATIVI DELLA BANCA DENOMINAZIONE Cassa Rurale di Tassullo e Nanno BCC - Società Cooperativa INDIRIZZO Piazza C.A. Pilati,

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Sistema di vigilanza Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Connessi poteri di controllo Il ruolo di Banca d Italia Formazione OAM 2 Art. 128-decies TUB Agli agenti in a.f., agenti money transfer,

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 73/2013 MAGGIO/14/2013 (*) 28 Maggio 2013 RAVVEDIMENTO OPEROSO SEMPRE

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE FOGLIO INFORMATIVO Decorrenza 06/07/2009 Pagina 1 di 6 Sezione I Informazioni sulla Banca BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società cooperativa per azioni Sede

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

C.C.I.A.A. BIELLA Raccolta Provinciale degli Usi anno 2010 TITOLO VI. Credito, assicurazione, borse valori

C.C.I.A.A. BIELLA Raccolta Provinciale degli Usi anno 2010 TITOLO VI. Credito, assicurazione, borse valori TITOLO VI Credito, assicurazione, borse valori 1 Capitolo - Usi bancari 2 Capitolo - Usi delle assicurazioni 3 Capitolo - Usi delle borse valori 231 1 CAPITOLO USI BANCARI I. - USI DI BANCA RICHIAMATI

Dettagli

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art.

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. 1 Alle disposizioni contenute nel codice di commercio concernenti

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli