Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011"

Transcript

1 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia

2 Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali o regionali di produttori di olio di oliva. Riunisce 22 Associazioni concentrate nelle zone del Centro e del Sud Italia La base associativa dell AIPO è composta da oltre 80 mila aziende agricole con una superficie olivicola interessata di 100 mila ettari

3 La Mission Le finalità istituzionali dell AIPO sono la tutela e la valorizzazione della produzione, la promozione e la commercializzazione delle olive e dell olio prodotto dai propri soci attraverso: L individuazione di tecniche produttive razionali Il miglioramento qualitativo e quantitativo del prodotto La concentrazione e lo stoccaggio dell offerta La commercializzazione in ambito nazionale e internazionale L assistenza e il coordinamento delle attività delle associazioni periferiche ad essa aderenti La valorizzazione e la promozione del consumo

4 Azioni di Miglioramento previste dai Programmi Attività 1) Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell olio di oliva e delle olive da tavola. Attività 2) Miglioramento dell impatto ambientale dell olivicoltura. Attività 3) Miglioramento della qualità della produzione di olio di oliva e di olive da tavola. Attività 4) Tracciabilità, certificazione, sotto l autorità delle amministrazioni nazionali, della qualità dell olio di oliva e delle olive da tavola mediante il controllo della qualità degli oli di oliva venduti al consumatore finale. Attività 5) Diffusione di informazioni sulle attività svolte dalle organizzazioni di operatori ai fini del miglioramento della qualità dell olio di oliva e delle olive da tavola. Campagna finanziata dall Unione Europea ai sensi del Reg. UE 1220/11

5 Attività 1) Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell olio di oliva e delle olive da tavola Azione 1.a) Raccolta ed elaborazione delle informazioni relative al settore e al mercato, effettuate in maniera organizzata ed integrata. Azione 1.b) Elaborazione di studi riguardanti aspetti correlati alle altre attività previste dal programma dell organizzazione di operatori del settore oleicolo di cui trattasi.

6 Azione 1.a) - Raccolta ed elaborazione delle informazioni relative al settore e al mercato, effettuate in maniera organizzata ed integrata L attività è finalizzata a creare maggiore trasparenza nella filiera relativamente alla formazione dei prezzi nei diversi segmenti a partire dalla produzione fino al consumo. L obiettivo operativo prevede la realizzazione : di un sistema informativo informatizzato inerente l offerta di olio di oliva in termini quantitativi, qualitativi e di prezzi attraverso la rilevazione dei dati presso aziende olivicole associate con rilevazioni mensili. di un sistema informativo sull andamento dei prezzi dell olio di oliva sui mercati locali/ regionali, nazionale e comunitario attraverso rilevazioni dirette presso operatori all ingrosso, punti vendita al consumo, GAS e le principali banche dati nazionali ed estere.

7 Azione 1.a) - Raccolta ed elaborazione delle informazioni relative al settore e al mercato, effettuate in maniera organizzata ed integrata Monitoraggio dei prezzi all ingrosso: 20 frantoi e/o intermediari Mercati all origine: Puglia, Lazio, Sicilia, Calabria, Sardegna, Mercati esteri Tunisia,Grecia, Spagna)

8 Azione 1.b) - Elaborazione di studi su temi correlati alle altre attività previste dal programma dell organizzazione di operatori del settore oleicolo. L obiettivo dello studio è quello di arrivare alla definizione e valutazione di un impianto per la produzione di bioenergia dai reflui di lavorazione dei frantoi (acque di vegetazione e sanse) e dai residui delle potature al fine di migliorare gli impatti ambientali, in termini di valorizzazione dei residui, riduzione di inquinamenti e miglioramento delle performance economiche degli olivicoltori e dei frantoiani.

9 Attività 2) Miglioramento dell impatto ambientale dell olivicoltura. Azione 2.a) Operazioni collettive di mantenimento degli oliveti ad alto valore ambientale e/o a rischio di abbandono Azione 2.b) Elaborazioni di buone pratiche agricole basate su criteri ambientali adatti alle condizioni locali Azione 2.d) Dimostrazione pratica di tecniche olivicole finalizzate alla protezione dell'ambiente e al mantenimento del paesaggio: attività dirette al recupero ovvero al riutilizzo dei sottoprodotti dell industria olearia.

10 Azione 2.a) - Operazioni collettive di mantenimento degli oliveti ad alto valore ambientale e/o a rischio di abbandono L attività si pone l obiettivo di attuare interventi collettivi di recupero a fini ambientali di oliveti abbandonati o a rischio di abbandono finalizzati a ripristinare la coltura e gli elementi paesaggistici funzionali alle attività di coltivazione. Nel triennio saranno oggetto di recupero 300 ettari di oliveto localizzati in zone orograficamente svantaggiate, con presenza di piante secolari o esemplari di particolare interesse

11 Azione 2.b) - Elaborazione di buone pratiche agricole per l olivicoltura in base a criteri ambientali adeguati alle condizioni locali, loro diffusione presso gli olivicoltori e monitoraggio della loro applicazione pratica Significato e scopo Le Buone Prassi Agricole AIPO sono un sistema volontario contenente raccomandazioni in merito a tutti gli aspetti, colturali e non, dell olivicoltura. Lo scopo è quello di fornire uno strumento che garantisca alle aziende: il rispetto della normativa cogente il supporto tecnico per ottenere produzioni di qualità nel rispetto dell ambiente e della sicurezza degli operatori un adattamento progressivo alle nuove normative la conoscenza delle aziende per offrire servizi di consulenza aziendale

12 Azione 2.b) - Elaborazione di buone pratiche agricole per l olivicoltura in base a criteri ambientali adeguati alle condizioni locali, loro diffusione presso gli olivicoltori e monitoraggio della loro applicazione pratica NORMATIVA COGENTE: l applicazione delle buone prassi garantisce la conformità alle normative applicabili alle aziende olivicole: Condizionalità, Utilizzo dei fitofarmaci, Sicurezza sul lavoro, Gestione dei rifiuti QUALITÀ DEL PRODOTTO: la prevenzione delle malattie della pianta, il corretto impiego dei prodotti fitosanitari, la prevenzione di qualsiasi forma di contaminazione delle olive e dell olio QUALITÀ DELL AMBIENTE : la riproduzione della fertilità del terreno, l uso razionale dell acqua, un corretto impiego dei prodotti fitosanitari, la salvaguardia degli elementi caratteristici del paesaggio SICUREZZA SUL LAVORO: valutazione dei rischi, formazione e informazione, attrezzature a norma, utilizzo appropriato dei macchinari

13 Azione 2.b - Strumenti Manuale di Buone Prassi personalizzato Portale Internet per gestione informatica anagrafica Quaderno di Campagna informatizzato Check List Buone Prassi Sistema di E-learning: 7 corsi dedicati alle aziende Potatura Difesa Raccolta Sicurezza: 4 corsi Linee Guida tecniche contro la deriva fitosanitaria Incontri di sensibilizzazione sul territorio con tecnici e aziende

14 Azione 2.d) - Dimostrazione pratica di tecniche olivicole finalizzate alla protezione dell'ambiente e al mantenimento del paesaggio: attività dirette al recupero ovvero al riutilizzo dei sottoprodotti dell industria olearia. L obiettivo dell attività è la sperimentazione e la diffusione di tecniche agronomiche e di tecniche di lavorazione degli scarti di lavorazione che migliorano le prestazioni ambientali delle imprese della filiera. In particolare si intende sperimentare, valutare e divulgare tecniche per il recupero delle potature e degli scarti della trasformazione (nocciolino e sansa). Verrà prodotto uno studio di fattibilità in grado di fornire alle aziende un valido strumento di supporto nella scelta di investire in impianti di valorizzazione di sottoprodotti olivicoli.

15 Azione 2.d) - Dimostrazione pratica di tecniche olivicole finalizzate alla protezione dell'ambiente e al mantenimento del paesaggio: attività dirette al recupero ovvero al riutilizzo dei sottoprodotti dell industria olearia. Le problematiche principali rispetto alla diffusione di queste tecniche riguardano: la scelta delle macchine maggiormente idonee alle potature di olive e alle condizioni podologiche ed orografiche dei terreni olivetati; la qualità del cippato ed il suo condizionamento per la commercializzazione; l organizzazione del cantiere di lavorazione e dello stoccaggio del prodotto di risulta. L attività di sperimentazione e quella dimostrativa riguarderà questi campi specifici e verrà effettuata in collaborazione con istituti di ricerca. In particolare verranno effettuate prove in pieno campo delle macchine, valutato il bacino minimo di utenza per arrivare ad una massa critica che rende economicamente valida l iniziativa ed effettuate dimostrazioni in campo per gli olivicoltori.

16 Azione 3) Miglioramento della qualità della produzione di olio di oliva e di olive da tavola. Azione 3.a) Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione. Azione 3.f) Formazione di assaggiatori per l analisi sensoriale dell olio di oliva vergine e delle olive da tavola

17 Azione 3.a) - Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione L obiettivo dell azione è quello di fornire un assistenza continuativa e qualificata alle imprese olivicole associate all AIPO UN finalizzata al miglioramento della qualità igienico sanitaria e merceologica del prodotto. In particolare verranno fornite agli olivicoltori indicazioni operative riguardanti : le tecniche di lavorazione e concimazione; le tecniche di utilizzo dei prodotti fitosanitari; le tecniche di potatura; la raccolta ed il magazzinaggio delle olive prima della trasformazione.

18 Azione 3.a) - Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione L attività sarà articolata nelle seguenti sotto-azioni: Assistenza per le tecniche di lavorazione, concimazione, uso prodotti fitosanitari e potatura Assistenza alle operazioni di raccolta ed per il magazzinaggio delle olive prime L attività prevede la realizzazione di azioni di assistenza rivolte a circa 800 aziende nei tre anni di implementazione del progetto.

19 Azione 3.f) - Formazione di assaggiatori per l analisi sensoriale dell olio di oliva vergine e delle olive da tavola L attività prevede la realizzazione di 7 corsi (per un numero di 36 ore ciascuno) e 6 corsi per la realizzazione delle 20 sedute di assaggio necessarie ad ottenere l iscrizione all Albo Nazionale degli assaggiatori per un massimo di 30 partecipanti al corso. Ai corsi relativi alle sole prove di assaggio parteciperanno allievi selezionati dai corsi precedenti. I 7 corsi saranno articolati in due parti: 1) Parte teorica: saranno trattate le seguenti tematiche: tecniche di assaggio, caratteristiche chimico-fisiche e sensoriali dell'olio vergine di oliva, classificazione e normative che riguardano l'olio di oliva. 2) Parte pratica: saranno svolte alcune sedute di assaggio. I 6 corsi dedicati alle sole 20 sedute di assaggio saranno svolti presso le sedi riconosciute per l iscrizione all Albo.

20 Attività 4) Tracciabilità, certificazione, sotto l autorità delle amministrazioni nazionali, della qualità dell olio di oliva e delle olive da tavola mediante il controllo della qualità degli oli di oliva venduti al consumatore finale. Azione 4.a) Progettazione e realizzazione di sistemi di rintracciabilità di filiera certificati ai sensi della norma UNI EN ISO 22005:08 e conformi al Reg. (CE) 178/2002 Azione 4.b) Realizzazione ed applicazione pratica di sistemi di certificazione volontaria della qualità basati su un sistema di analisi del rischio e dei punti critici.

21 Azione 4.a) - Progettazione e realizzazione di sistemi di rintracciabilità di filiera certificati ai sensi della norma UNI EN ISO 22005:08 e conformi al Reg. (CE) 178/2002 Il Sistema di Rintracciabilità implementato dall AIPO e certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005:2008, coinvolge i frantoi aderenti al circuito AIPO e le aziende olivicole. AIPO garantisce la completa tracciabilità del prodotto e propone al consumatore un prodotto olio extravergine di oliva di cui è nota e certificata la provenienza promettendo altresì trasparenza e verificabilità di tutto il percorso della filiera che quel prodotto ha compiuto.

22 Azione 4.a) - Progettazione e realizzazione di sistemi di rintracciabilità di filiera certificati ai sensi della norma UNI EN ISO 22005:08 e conformi al Reg. (CE) 178/2002 Finalità Valorizzare la qualità del prodotto Promuovere la sicurezza del prodotto Garantire l affidabilità dei propri fornitori Facilitare l applicazione degli obblighi legislativi tramite il sistema di identificazione documentale e di ritiro/richiamo dei lotti non conformi.

23 FILIERA TRACCIATA AIPO FASE AZIENDA AGRICOLA CONDUZIONE OLIVETO RACCOLTA OLIVE Fase agricola Fase di trasformazione RICEVIMENTO E STOCCAGGIO OLIVE TRASFORMAZIONE OLIVE IN OLIO STOCCAGGIO OLIVE STOCCAGGIO OLIO TRASPORTO OLIVE CONFEZIONAMEN TO e/o VENDITA DIRETTA MISCELAZIONI e/o TRAVASI FASE FRANTOIO RITIRO DA PARTE DEL PRODUTTORE FILTRAZIONE e/o CONFEZIONAMENTO VENDITA OLIO SFUSO TRASPORTO VENDITA DIRETTA TRASPORTO AZIENDA DI CONFEZIONAMENTO AZIENDA DI RETTIFICA

24 Il portale AIPO - Sezione Rintracciabilità A supporto del sistema di rintracciabilità di filiera è stata realizzata una piattaforma informatica che garantisce un costante flusso informativo tra le varie organizzazioni ed il Coordinatore di Filiera.

25 Azione 4.b) - Realizzazione ed applicazione pratica di sistemi di certificazione volontaria della qualità basati su un sistema di analisi del rischio e dei punti critici L obiettivo dell azione è quello di diffondere la cultura della qualità certificata nelle micro filiere ed in particolare nelle imprese agricole che già seguono le buone prassi AIPO. E prevista la realizzazione e l applicazione del sistema volontario Global Gap in almeno due micro filiere olivicoloolearie associate ad AIPO-UN.

26 Azione 5) Diffusione di informazioni sulle attività svolte dalle organizzazioni di operatori ai fini del miglioramento della qualità dell olio di oliva e delle olive da tavola Aipo è impegnata nella divulgazione delle proprie attività sia presso gli operatori del settore sia verso i consumatori al fine di promuovere le proprie produzioni ed aumentare la consapevolezza dei consumatori nella scelta di un prodotto salubre, di qualità e ottenuto nel rispetto dell ambiente.

27 L attività prevede: Realizzazione di materiale informativo per la presentazione delle azioni del progetto e dei risultati da distribuire agli olivicoltori e agli operatori del settore Organizzazione di incontri periodici con gli olivicoltori ed i frantoiani; Alimentazione dello spazio redazionale sul portale AIPO dedicato alle attività di informazione sul progetto; Realizzazione di un concorso per giovani registi/artisti per la produzione di materiale video e/o multimediale sulla filiera di produzione dell olio destinata ai consumatori. Seminari in Italia e all estero con operatori del settore per illustrare le attività e la ricaduta di queste sul settore olivicolo e sugli associati AIPO UN. Si prevede di realizzare almeno due seminari nazionali ed uno estero l anno.

28 AIPO UN SCaRL Associazione Italiana Produttori Olivicoli - Unione Nazionale ROMA - via delle Conce, 20 tel. (+39) fax (+39) Lunedì - Giovedì 8:30-13:30 / 14:00-17:30 Venerdì 8:30-13:30 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE Indice PRESENTAZIONE pag. 2 PREMESSA pag. 2 Filiera Olivicola Italiana pag. 3 ATTIVITÀ PARDI&ASSOCIATI pag. 4 PROTOCOLLI GESTIONE

Dettagli

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio.

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio. ASSOPROL UMBRIA Soc. Coop. Organizzazione dei produttori olivicoli dell Umbria Programma di attività delle Organizzazioni di Operatori del Settore Olivicolo Reg. CE 867/08 RELAZIONE FINALE SULLA REALIZZAZIONE

Dettagli

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH &$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH L olivicoltura in Calabria vanta tradizioni secolari ed oggi rappresenta una delle risorse economiche più rilevanti della regione.

Dettagli

FILIERA MEDIA. Data Rev. Descrizione Tecnico Il presidente Approvazione

FILIERA MEDIA. Data Rev. Descrizione Tecnico Il presidente Approvazione DI RINTRACCIABILITÀ AI SENSI DELLE NORME ISO 22005:2008 + AQ Rev. 07 del 23/07/2012 DISCIPLINARE TECNICO PER LA RINTRACCIABILITÀ AI SENSI DELLA NORMA ISO 22005:2008 DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA (identificato

Dettagli

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 DDISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Olio Extravergine di Oliva Terra di San Marino è riservata al prodotto che rispetta le condizioni

Dettagli

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio.

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio. ASSOPROL UMBRIA Soc. Coop. Organizzazione dei produttori olivicoli dell Umbria Programma di attività delle Organizzazioni di Operatori del Settore Olivicolo Reg. CE 867/08 RELAZIONE FINALE SULLA REALIZZAZIONE

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Olivo - Innovazioni nella meccanizzazione della raccolta e della potatura Descrizione estesa del risultato La raccolta meccanica delle olive da olio negli impianti tradizionali,

Dettagli

L Il Progetto UE-LI-JE. Sonia Venerus ERSA Servizio ricerca, sperimentazione assistenza tecnica

L Il Progetto UE-LI-JE. Sonia Venerus ERSA Servizio ricerca, sperimentazione assistenza tecnica L Il Progetto UE-LI-JE Sonia Venerus ERSA Servizio ricerca, sperimentazione assistenza tecnica Partner coinvolti nel progetto - Comune di Brda (SLO); www.brda.si Associazione olivicoltori di Brda (SLO)

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Meccanizzazione della raccolta e della potatura in oliveti calabresi Descrizione estesa del risultato E' stata valutata l'opportunità d'impiego delle potatrici meccaniche

Dettagli

I mille volti dell olio d oliva Conferenza stampa Milano, 25 giugno 2013

I mille volti dell olio d oliva Conferenza stampa Milano, 25 giugno 2013 I mille volti dell olio d oliva Conferenza stampa Milano, 25 giugno 2013 Chi siamo Circa 600.000 aziende agricole con ben 700.000 ha di oliveti Oltre 500 frantoi attivi» ben 200 imprese tra industria e

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA SAURO

DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA SAURO DISCIPLINARE PER LA PRODUZIONE DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA SAURO Indice 1 Generalità 1.1 Finalità ed obiettivi 1.2 Oggetto e campo di applicazione 1.3 Documenti di riferimento 1.3.1 Principali riferimenti

Dettagli

---------------- Risultati economici delle innovazioni nella filiera olivicola senese

---------------- Risultati economici delle innovazioni nella filiera olivicola senese Progetto Integrato di Filiera Un Filo d Olio ( MODOLIVI ) PSR 2007-2013 Regione Toscana, Misura 124 ---------------- Risultati economici delle innovazioni nella filiera olivicola senese Siena - 10 marzo

Dettagli

Genova 03/07/2013. Valorizzazione delle risorse rinnovabili: il recupero energetico delle sanse olearie

Genova 03/07/2013. Valorizzazione delle risorse rinnovabili: il recupero energetico delle sanse olearie Genova 03/07/2013 Valorizzazione delle risorse rinnovabili: il recupero energetico delle sanse olearie Reg UE 1220/2011 PROGRAMMA PER IL RILANCIO DELL OLIVICOLTURA LIGURE TRIENNIO 2012-2015 1 anno di attivita

Dettagli

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO Frantoio di Riva del Garda CATALOGO AGRARIA RIVA del GARDA -Frantoio di Riva Loc. S. Nazzaro, 4-38066 Riva del Garda (Tn) ITALIA Agraria Riva del Garda e Olio Extravergine DOP Garda Trentino Cosa significa

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

COMMERCIALIZZAZIONE OLIO DI OLIVA EVOLUZIONE DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO

COMMERCIALIZZAZIONE OLIO DI OLIVA EVOLUZIONE DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO COMMERCIALIZZAZIONE OLIO DI OLIVA EVOLUZIONE DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO Roma, 16/04/2014 1 Categorie di olio, origine ed i nuovi codici operazione Revisione del tracciato record di upload Utilizzo

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

A.I.P.O. ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE PRODUTTORI OLIVICOLI (cronologia storica e attualità dell associazione)

A.I.P.O. ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE PRODUTTORI OLIVICOLI (cronologia storica e attualità dell associazione) A.I.P.O. ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE PRODUTTORI OLIVICOLI (cronologia storica e attualità dell associazione) L AIPO nasce nel 1979, con atto notarile, quale organizzazione territoriale assumendo la denominazione

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

LOCOROTONDO, 2 DICEMBRE 2005

LOCOROTONDO, 2 DICEMBRE 2005 LOCOROTONDO, 2 DICEMBRE 2005 PER CIO CHE CONTA E Il Sistema Coop PRINCIPALI PARAMETRI ECONOMICO-STRUTTURALI 2003 2002 variazione % Cooperative 175 178-1,7% PdV 1.280 1.265 + 1,2% Mq x 1000 1.320 1.230

Dettagli

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS)

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Oggetto : Convenzione servizi Geo Lab è una società di servizi, con un laboratorio d analisi interno. Offriamo servizi analitici e di

Dettagli

Corsi di Formazione. Settori Alimentare e Packaging

Corsi di Formazione. Settori Alimentare e Packaging Corsi di Formazione per la Sicurezza Alimentare Settori Alimentare e Packaging Tutti i corsi proposti possono essere personalizzati per soddisfare al meglio le reali necessità delle aziende clienti Catalogo

Dettagli

Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert,

Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert, Il sistema di qualità UNAPA Il sistema qualità UNAPA raggruppa produzioni certificate in conformità alla norma tecnica CCPB, accreditata dal sincert, "per l'ottenimento di prodotti agricoli vegetali ed

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTO OLIO 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 3 2.1 PRODUTTORE... 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 3 2.3 CAMPIONATURA... 3 2.4 PIANO

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "A. ZANELLI" COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO Il perito agrario è un tecnico con competenze sulla gestione del territorio, sulla gestione

Dettagli

AGROAMBIENTELAZIO.IT

AGROAMBIENTELAZIO.IT AGROAMBIENTELAZIO.IT IL PORTALE WEB A SUPPORTO DELLA LOTTA AI PARASSITI DELL'OLIVO NEL LAZIO 1. IL PROGETTO OP LATIUM, con il sostegno del PSR Lazio - misura 124 e in collaborazione con il CRA - Patologia

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ALESSANDRO STEFANIA Indirizzo VIA GIUSTI, 7 75015 PISTICCI (MT) Telefono ab 0835/445201 uff 0835/284243

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Paoloni Silvana Indirizzo Telefono Ufficio +39 0718063788 Fax Ufficio +39 0718063049 E-mail silvana.paoloni@regione.marche.it Nazionalità

Dettagli

Art. 1 Oggetto dell avviso pubblico

Art. 1 Oggetto dell avviso pubblico Allegato 1 AVVISO PUBBLICO CONCORSO DI IDEE PER LA PRESENTAZIONE DI IDEE INNOVATIVE E BUONE PRATICHE GIÀ SVILUPPATE E OPERANTI IN TOSCANA COERENTI CON IL TEMA DI EXPO MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA Indice PARTE GENERALE 1 Scopo 2 Campo di applicazione 3 Definizioni

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Regione PUGLIA MIGLIORAMENTO QUALITATIVO DELLA PRODUZIONE DI OLIO DI OLIVA CICLO PRODUTTIVO 2003-2004

Regione PUGLIA MIGLIORAMENTO QUALITATIVO DELLA PRODUZIONE DI OLIO DI OLIVA CICLO PRODUTTIVO 2003-2004 Regione Puglia Regione Puglia Assessorato Agricoltura e Foreste SETTORE I.C.A. - ALIMENTAZIONE U.E Finanziato con il contributo della Comunità Europea Reg. CE 2136/02 (Reg. CE n.528/99) Ciclo 2003-2004

Dettagli

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti Chi siamo Fruttagel è un consorzio cooperativo, il cui scopo è dare valore a tutti gli stadi della filiera agroindustriale. A monte vi è il socio produttore, o il fornitore, che viene assistito per garantire

Dettagli

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna La L.R. 28/99 persegue la valorizzazione dei prodotti

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma.

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma. Chi siamo L Associazione Italiana delle bioplastiche e dei materiali biodegradabili e compostabili (Assobioplastiche) è nata dalla volontà dei produttori, trasformatori e utilizzatori delle bioplastiche

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Desantis Maurizio Data di nascita 13/03/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

SERVIZI OFFERTI AGLI ASSOCIATI CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO

SERVIZI OFFERTI AGLI ASSOCIATI CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO SERVIZI OFFERTI AGLI ASSOCIATI CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO COBAT Consorzio di diritto privato, senza scopo di lucro, coerente alle disposizioni di legge imposte ai Sistemi Collettivi di finanziamento,

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale.

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione, in coerenza con i principi internazionali

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI (COME STABILITO DALL ARTICOLO 6 DEL D.LGS 14/08/2012, N. 150 RECANTE: ATTUAZIONE

Dettagli

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004

CERTIQUALITY. Area Certificazione di Prodotto. Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY Area Certificazione di Prodotto Luca Ciampelli Cremona 27 Ottobre 2004 CERTIQUALITY E ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI PROFITTO SOCI FONDATORI SOCI ORDINARI 13 ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA SOCI DI

Dettagli

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico Analisi fabbisogni formativi AGRI.COM - Corso per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Le attività che sono state messe in atto per l analisi dei fabbisogni formativi e sull utenza

Dettagli

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE SEMINARIO: IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE PER LA PAC E LO SVILUPPO RURALE: OPPORTUNITA E PROSPETTIVE L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE REGIONE PIEMONTE D.ssa Caterina

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato 1 Sezione I - Modalità di tenuta del registro di cui all art. 7. Vidimazione 1. Il registro è tenuto: a) manualmente ed è costituito da non oltre 200 fogli fissi o da schede contabili mobili da

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO - LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO 02 Certificazione vini DOC 02 Certificazione olio DOP Sabina e olio DOP Soratte 03 Certificazione formaggio Caciofiore

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUSEPPINA DI PALMA Indirizzo Via Balbo,19 Stornarella FG Telefono 3297761618,0885-432023 Fax E-mail giusydipalma.3@libero.it Nazionalità

Dettagli

COMMERCIALIZZAZIONE DEL PRODOTTO OLIO DI OLIVA

COMMERCIALIZZAZIONE DEL PRODOTTO OLIO DI OLIVA COMMERCIALIZZAZIONE DEL PRODOTTO OLIO DI OLIVA SERVIZI DI INTERSCAMBIO DATI DESCRIZIONE DEI SERVIZI UPLOAD PER L ACQUISIZIONE DATI DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO DEGLI OLI SPECIFICHE TECNICHE (Operatori

Dettagli

Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 1

Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 1 Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 1 Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 2 Oltre 4500 servizi mensili di raccolta e trasporto di rifiuti 80 automezzi di proprietà impiegati

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ DICHIARAZIONE DI VERIFICA (ISO 14064-3) 23 febbraio 2015 Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla

Dettagli

Frantoio del Greve Pesa SCARL

Frantoio del Greve Pesa SCARL Frantoio del Greve Pesa SCARL Frantoio Pruneti Srl Azienda Agricola Di Montepaldi Srl Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'ambiente Progetto misura 124 PSR 2007 2013 Regione Toscana

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale. Dr. ssa Agr. Berna Enrica

Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale. Dr. ssa Agr. Berna Enrica Titolo: Professionalità e competenze nell Audit aziendale Dr. ssa Agr. Berna Enrica e-mail: enricaberna@libero.it Cosa è la Condizionalità Allegato III e IV del Reg. UE 1782/03 La Condizionalità è l insieme

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

La rintracciabilità di filiera: aspetti legislativi e normativi

La rintracciabilità di filiera: aspetti legislativi e normativi I Seminari IMC sulla sicurezza alimentare Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità nelle aziende agricole ed agroalimentari La rintracciabilità di filiera: aspetti legislativi e normativi Davide

Dettagli

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola

Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola Qualità e sostenibilità dalla terra alla tavola La sfida nel reparto ortofrutta Nel momento dell acquisto di ortofrutta, la scelta dei prodotti da parte del consumatore è fondamentale per creare fidelizzazione

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia.

Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia. Regione Puglia Comune di Troia Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia. Il concorso si propone di: Art. 1 Stimolare

Dettagli

SCHEDA BANDO. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE - B.U.R.P. n. 71 del 17-05-2012.

SCHEDA BANDO. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE - B.U.R.P. n. 71 del 17-05-2012. SCHEDA BANDO Titolo: Fonte: Programma di Sviluppo Rurale della Puglia (P.S.R.) F.E.A.S.R. 2007-2013. ASSE I: Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale. MISURA 121: Ammodernamento

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE. SOL 2012 Verona, 25-28 marzo 2012

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE. SOL 2012 Verona, 25-28 marzo 2012 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE SOL 2012 Verona, 25-28 marzo 2012 Premessa L Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia intende promuovere la partecipazione delle aziende secondo i seguenti principi-guida: Valorizzare

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 2.4.1-2.4.9 Titolo

Dettagli

Come adottare un Sistema di Gestione ambientale Dott. Giorgio Galotti - Gemini ist Come rendere verde un Ente Locale: dal GPP alla Contabilità ambientale GPP Net Forum Cremona, 11 Maggio 2007 Riferimenti

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

GDO CONSULTING. Dott. Andreamaria Lombardi Medico Veterinario Specialista in Ispezione ed Igiene degli Alimenti di Origine Animale

GDO CONSULTING. Dott. Andreamaria Lombardi Medico Veterinario Specialista in Ispezione ed Igiene degli Alimenti di Origine Animale GDO CONSULTING Dott. Andreamaria Lombardi Medico Veterinario Specialista in Ispezione ed Igiene degli Alimenti di Origine Animale TEAM DI PROFESSIONISTI FORMAZIONE CONSULTING SOCIETA DI CONSULENZA AMBIENTE

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO DATA 00 17/6/2004 PREPARATO Responsabile qualità VERIFICATO Direttore APPROVATO Giunta Camerale n. 8/48 del 17/6/2004 01 15/09/2009

Dettagli

Il biologico in Sicilia

Il biologico in Sicilia Quaderno della Il biologico in Sicilia 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione AGRINOVA e una cooperativa agricola di produttori e tecnici agronomi ed ha come scopo sociale la diffusione

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

Settore apistico: Attività /Azioni e relative spese ammesse a contributo anno 2008 Allegato 1

Settore apistico: Attività /Azioni e relative spese ammesse a contributo anno 2008 Allegato 1 Settore apistico: Attività /Azioni e relative spese ammesse a contributo anno 2008 Titolo Azione A Aiuti alle forme associative di livello nazionale e promozione della stipula di accordi professionali

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per il trasporto e la vendita di prodotti alimentari deperibili a basso impatto ambientale Descrizione estesa del risultato La progettazione, realizzazione e

Dettagli

Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio

Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio UNIONE EUROPEA REGIONE LAZIO Assessorato all Agricoltura ARSIAL agenzia regionale per lo sviluppo e l innovazione dell agricoltura del Lazio Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio

Dettagli

Corso di formazione: Idoneità fisiologica all assaggio di oli d oliva vergini. L esperienza del tavolo di lavoro sull agricoltura

Corso di formazione: Idoneità fisiologica all assaggio di oli d oliva vergini. L esperienza del tavolo di lavoro sull agricoltura VIII FORUM CAMERE DI COMMERCIO ADRIATICO E JONIO MAKARSKA CROAZIA 22-24 Aprile 2008 Corso di formazione: Idoneità fisiologica all assaggio di oli d oliva vergini L esperienza del tavolo di lavoro sull

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli

Modello di prima comunicazione per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari Campagna olearia./.

Modello di prima comunicazione per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari Campagna olearia./. Modello AV1 pagina 1 Protocollo dell Ufficio N del.... Al Sindaco del di.... Modello di prima comunicazione per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari

Dettagli