DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE"

Transcript

1 GARNIGA TERME S.p.a. Nel C.C. GARNIGA sulle P.ed.209/1, 209/2 263 e sulla P.F. 1755/4 DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE

2 A. DESCRIZIONE TECNICA DELL IMMOBILE UBICAZIONE ED ACCESSI Il complesso oggetto della presente relazione è di proprietà della società Garniga Terme s.p.a. ed in parte del Comune di Garniga Terme, il quale lo ha concesso in uso alla medesima società; si trova ubicato nel C.C. GARNIGA sulle P.ed 209/1, 209/2,263 e sulla P.F. 1755/5. Il complesso, pur essendo situato all interno della zona abitata del Comune di Garniga Terme, risulta non confinante con altri edifici privati; vi si accede direttamente attraverso strada comunale che conduce al piazzale privato interno sul lato est del fabbricato ovvero dai garage posti verso est rispetto alla strada prov. n. 25 Aldeno-Bondone. DESCRIZIONE TECNICA DELL IMMOBILE Il complesso edilizio di Garniga Terme è sostanzialmente composto da tre corpi edificati in periodi differenti: 1. il corpo nuovo eseguito intorno a metà anni 90 che comprende la piscina, una piccola SPA e l area massaggi (in seguito area umida ); 2. l albergo e il ristorante; 3. il corpo in cui vengono eseguiti i trattamenti di fitobalneoterapia, (in seguito area trattamenti termali ). Tutte le aree sono collegate, oltre che da scale, attraverso ascensori e montacarichi. Gli edifici si inseriscono in modo architettonicamente pregevole nel contesto edilizio locale, rispettandone tipologie ed immagine. Data la sua ubicazione in un piccolo comune montano e la peculiarità dei trattamenti

3 termali che offre, efficaci nella cura delle patologie reumatiche, la struttura attrae una specifica tipologia di clientela, che potrebbe tuttavia essere ampliata a breve grazie alla prevista realizzazione nelle immediate vicinanze della struttura (ad opera del Comune di Garniga Terme) di un area sosta attrezzata per camper. Nei primi mesi del 2012 il compendio immobiliare sarà oggetto di alcuni interventi di manutenzione a cura della Garniga Terme s.p.a., quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, la tinteggiatura dell intero complesso e la sistemazione di piccoli difetti dovuti all usura della struttura. La documentazione relativa a detti interventi sarà visionabile in sede di sopralluogo. La società sta, inoltre, valutando di effettuare a propria cura e spese ma in coordinamento con il Gestore, alcuni interventi di restyling, in particolare sull area trattamenti termali, al fine di adeguare maggiormente la struttura alle attuali esigenze di mercato e di gestione, accentuando l attenzione al benessere psicofisico dei clienti e ampliando le potenziali categorie di utenza; tali interventi verranno eventualmente realizzati tra ottobre 2012 e aprile 2013, comportando quindi la chiusura parziale o totale della struttura per detta stagione. Nei prossimi mesi la società realizzerà, inoltre, un impianto termico a cippato che coprirà il fabbisogno calorico della struttura e ridurrà notevolmente i costi in capo al gestore. Il cippato sarà fornito dal Comune di Garniga Terme, eliminando i costi di riscaldamento a carico del Gestore. I dettagli dell impianto potranno essere richiesti alla società. Nello specifico la struttura, articolata in tre corpi collegati, presenta le seguenti aree con le caratteristiche di seguito puntualmente illustrate: 1. Area umida: L area umida si compone dei seguenti locali e dotazioni:

4 - n. 1 sala accentazione piscina e SPA adeguatamente arredata; tale sala è centrale rispetto alla sala relax, dotata di tavoli e sedie e funge da collegamento all area trattamenti, e alla sala pluriuso dotata di video, divani e tavoli con sedie; - n. 1 sala accettazione area beauty; - n. 9 stanze nell area beauty, di cui: n. 7 stanze adeguatamente attrezzate per uso massaggi e trattamenti estetici di varia tipologia n. 1 bagno n. 1 stanza per personale addetto - n. 1 sala accettazione piscina; - n.1 piscina di profondità massima 1,40 metri comprensiva di vasca idromassaggio interna, adeguatamente corredata con lettini, sedie e poltrone; - n. 1 area SPA comprensiva di: n. 1 zona relax attrezzata con lettini, comodini, poltrone e tavoli n.1 sauna 6/7 posti n.1 bagno calidarium 6/7 posti n. 1 pioggia fredda n. 1 wasserparadies n. 1 locale tecnico con impianti SPA; - n. 2 spogliatoi (maschile e femminile) dotati di servizi igienici e docce. L area umida occupa una superficie di mq e si divide in tre zone (piscina, SPA e area massaggi), delimitate fisicamente da porte che garantiscono in ciascuna di esse il mantenimento del microclima desiderato. La piscina, grazie alle sue dimensioni e alla forma circolare, può essere utilizzata per organizzare corsi di varia tipologia per circa quindici persone simultaneamente. Se pur di dimensioni ridotte, la SPA presenta gli elementi standard minimi (bagno turco, sauna, zona relax) e gode di macchinari ed

5 attrezzature moderne in linea con le richieste del mercato del wellness. L area massaggi, che completa l offerta dell area umida, dispone di macchinari moderni, tra i quali, ad esempio, la vasca nuvola, impiegata sia a livello estetico che medicale, ed è stata accuratamente progettata nelle forme, nella scelta delle luci, dei materiali e delle attrezzature al fine di offrire ai clienti un ampia gamma di trattamenti benessere (massaggi e trattamenti estetici). 2. Albergo e ristorante: L attività ricettiva ricade nella tipologia TRE STELLE, grazie alle specificità della struttura analizzata, comprensiva di dotazione funzionale, arredi e attrezzature, tutte a norma di legge. La struttura alberghiera è adatta a rispondere alle esigenze di alloggio della clientela primariamente interessata ai trattamenti di fitobalneoterapia. Il ristorante annesso all albergo, dotato di adeguati locali accessori, garantisce la copertura di tutta la ricettività dell albergo per prima colazione, pranzo e cena. La struttura alberghiera dispone di una zona accettazione adeguatamente attrezzata costituita da una hall con ufficio, posta vicino alla sala pluriuso, in una zona di collegamento tra albergo, ristorante e area umida. L albergo dispone di n. 32 camere da letto, di cui n.3 accessibili a persone disabili, per un totale di n. 47 posti letto. Le camere, tutte adeguatamente arredate con letti, armadi, lampade e televisore, sono provviste di servizio autonomo; sono suddivise su quattro piani: - piano terra: n. 5 camere singole e n. 3 camere doppie. Il piano dispone inoltre di una stanza da adibire a ripostiglio; - piano primo: n. 6 camere singole e n. 4 camere doppie;

6 - piano secondo: n. 6 camere singole e n. 3 camere doppie. Il piano dispone inoltre di un bagno comune a norma disabili e una terrazza esterna coperta in prossimità delle scale che collegano i piani dell albergo alla zona ristorante; - piano terzo: n.1 camere singole, n. 3 camere doppie, n. 1 camere triple e n. 1 locale gestore. L area adibita a ristorante si compone di più locali che comprendono: - n. 1 area accettazione ristorante adeguatamente attrezzata. A titolo esemplificativo e non esaustivo l attrezzatura comprende, oltre al mobilio, una postazione computer, stampanti, fax e telefono. Accanto all area accettazione vi è un piccolo disbrigo; - n. 1 sala ristorante per un totale di circa posti a sedere. Adiacente alla sala ristorante vi è una stanza adibita a magazzino per l attrezzatura di sala; - n. 1 locale cucina (industriale) attrezzata in modo congruo al fine di rispondere alle esigenze ristorative sia dell albergo che di un eventuale clientela esterna. Tutte le attrezzature sono rispettose della normativa vigente in materia. Accanto alla cucina vi è n.1 locale adibito a servizio igienico riservato al personale; - n. 2 servizi comuni a norma per persone disabili. 3. Area trattamenti termali: L area trattamenti termali prevede un percorso che accompagna il paziente dall area accettazione e spogliatoi, situati al piano terra, ai locali, situati al primo e secondo piano, dove si effettuano i trattamenti di fitobalneoterapia. La razionalizzazione degli spazi è stata effettuata al fine di permettere un adeguata preparazione, ambientamento e risposta del paziente al trattamento, grazie anche al coinvolgimento di personale specializzato dal momento dell accoglienza pre-trattamento, al momento dell immersione in erba fino alla reazione post-trattamento. L area termale è così composta:

7 - piano terra: n. 1 locale accettazione pazienti adeguatamente attrezzato con mobilio (espositori, tavoli, sedie e divanetti), due postazioni computer, stampanti e telefono. Accanto all area accettazione si trova un piccolo disbrigo; n. 2 spogliatoi (femminile e maschile) attrezzati con armadietti e panche. Ogni spogliatoio dispone di n. 3 docce e n.1 wc articolati su 2 servizi; n. 1 locale magazzino con accanto n.1 reparto gestione erba dove si trovano gli scaricatori dell erba utilizzata nei trattamenti, n. 2 celle frigorifere, gli impianti elettrici per la gestione delle celle e i macchinari per la movimentazione dell erba. Tra il locale magazzino e il reparto gestione erba vi è il quadro generale corrente; zona di collegamento da piano terra a piano primo ove si trovano n. 2 uffici per il personale addetto ai trattamenti che dispongono di scrivanie, sedie, lettino per i pazienti, lavandino, postazione computer e altre attrezzature minori. In tale zona si trovano sedie e armadi catalogatori. - piano primo: 8 stanze per i trattamenti terapeutici, adeguatamente attrezzate con lettini, sedie, spalliera (stanza per rieducazione motoria), vasca idromassaggio, e precisamente: n. 1 stanza per pressoterapia n. 4 stanze per massoterapia n. 1 stanza per rieducazione motoria n. 2 stanza per idromassaggio n.1 stanza per trattamenti di fitobalneoterapia con n. 2 vasche e macchinari per l ossigenazione dell erba; n. 1 sala di reazione comprensiva di n. 23 lettini e comodini e mobilio vario; n. 2 bagni comuni (femminile e maschile); sedute per attesa disposte lungo il corridoio.

8 - piano secondo: stanze adeguatamente attrezzate per trattamenti terapeutici: n. 1 stanza per stretching (con sauna da circa 15 posti) n. 1 ufficio n. 1 stanza con docce e spogliatoio n. 1 stanza ripostiglio; n.1 stanza per trattamenti di fitobalneoterapia con n. 2 vasche e macchinari per l ossigenazione dell erba; n. 1 sala di reazione comprensiva di n. 23 lettini e comodini e mobilio vario; n. 2 bagni comuni (femminile e maschile); - sottotetto: utilizzabile solo per stoccaggio materiali. La struttura presenta nell interrato i locali tecnici ove sono collocati gli impianti per il trattamento dell aria, le macchine UTA, i macchinari per la gestione delle piscine e dell acqua.

9 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE La gestione prevede l attuazione delle seguenti attività in capo al gestore: - gestione dell area umida (piscina, SPA e area massaggi), data in utilizzo dal Comune di Garniga alla Garniga Terme s.p.a., che a titolo esemplificativo e non esaustivo deve comprendere: ordinaria manutenzione dell area piscina, garanzia del presidio di un bagnino, identificazione di un responsabile dell area SPA, e del personale atto alla corretta gestione dell area umida; - gestione dell area trattamenti termali che a titolo esemplificativo e non esaustivo deve comprendere: ordinaria manutenzione dell area trattamenti termali, identificazione di un direttore sanitario con esperienza nel campo del termalismo di minino anni cinque e del personale atto alla corretta gestione dell area trattamenti termali. Il gestore deve garantire l offerta delle seguenti cure termali: prestazioni sanitarie e esami diagnostici (visita medica avviamento termale, visita specialistica internistica, visita specialistica gastroenterologica, visita specialistica termale, visita dietologica, elettrocardiogramma, esame bioimpedenzometrico, mesoterapia); trattamenti fitobalneoterapici (bagno nell erba, impacco d erba, ciclo n. 6 o n. 12 bagni); terapie fisiche (pressoterapia); trattamenti massofisioterapici (massaggio fisio, massaggio terapeutico integrato, rieducazione funzionale post-traumatica, terapia manuale osteopatica, linfodrenaggio, approccio trager), terapie in acqua (idrochinesologia individuale, idrochinesologia collettiva, percorso flebologico); - gestione dell albergo e della zona ristorante, comprese le attività di ordinaria manutenzione; - gestione e manutenzione ordinaria del locali impianti e caldaie; - manutenzione ordinaria della struttura, comprensiva dell area esterna e parcheggi; - utilizzo del marchio identificativo della struttura in qualsiasi attività e comunicazione rivolta all esterno, in particolar modo al fine di promuovere la struttura;

10 - promozione della struttura di Garniga Terme attraverso molteplici canali di comunicazione, sia cartacei che informatici/video. La suddetta attività deve comprendere il mantenimento dei rapporti con l Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi; - approvvigionamento e conservazione, anche nelle celle frigorifere presso la struttura di Garniga Terme, dell erba proveniente esclusivamente dai prati in località Viote (dati in concessione dal Comune di Garniga alla Garniga Terme s.p.a.), utilizzata nei trattamenti termali. L esclusività della provenienza è da attribuire alle particolari e provate proprietà terapeutiche delle erbe provenienti da detta località. Periodi minimi di apertura Il gestore dovrà obbligatoriamente tenere aperta la struttura il mese di dicembre e i mesi da maggio a settembre. Dovrà comunque essere garantita l apertura della struttura per un periodo minimo di n. 8 (otto) mesi. Durante il periodo di apertura della struttura dovrà essere garantita la seguente apertura settimanale/giornaliera: - area termale: minimo n. 4 (quattro) ore giornaliere per cinque giorni in settimana; - area piscina/spa/massaggi: minimo 30 (trenta) ore settimanali; - ristorante e albergo: aperti al pubblico durante il periodo di apertura (anche solo parziale) della struttura. Eventuali variazioni dei periodi di apertura andranno sempre concordati con la società Garniga Terme s.p.a..

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

SERVIZI DI BASE. E. Disciplinari BENESSERE

SERVIZI DI BASE. E. Disciplinari BENESSERE E. Disciplinari BENESSERE La rivitalizzazione del comparto termale e la valorizzazione a fini turistici del comparto legato al wellness (in decisa crescita negli ultimi anni) si può ottenere con una politica

Dettagli

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto VENDITA MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto CHALET situato a Pecetto. Due ingressi indipendenti al piano rialzato danno la possibilità di accedere allo chalet. Al piano rialzato si trova un ampio soggiorno,

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE AD UNA STELLA Allegato n. 1 - Circolare AVA n. 38/08 PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE STRUTTURE RICETTIVE

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

Destinatari e ammissione

Destinatari e ammissione 28 1. CENTRO DIURNO 1 Destinatari e ammissione Scopo e destinatari Hanno diritto ad usufruire di tale servizio le persone adulte-anziane con limitata autonomia residenti nel Comune di Trento. Il Centro

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 MOD.COM/ALB-DIP DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE di ALBERGO/DIPENDENZA Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A DUE STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015 (L.R.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA Mod 5/Alb CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Denominazione dell esercizio Comune.Frazione/località... Indirizzo.. Telefono.. Telex Telefax. www..e-mail

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone)

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone) Prezzi giornalieri campeggio 2014 05/04-12/07 12/07-23/08 23/08-30/09 Per persona 5.80 6.20 5.80 Bambini fino 2 anni gratis/free gratis/free gratis/free Bambini fino 6 anni 4.90 5.20 4.90 Piazzola per

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Il presente studio si propone di analizzare i vantaggi derivanti dall'utilizzo di un sistema

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

LIVELLI di CLASSIFICA

LIVELLI di CLASSIFICA ALLEGATO C REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI 1 PRESTAZIONI DI SERVIZI LIVELLI di CLASSIFICA DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 3 4 1.1 Numero di ore giornaliere in cui sono assicurati

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA.

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA. Procedura Aperta per l affidamento del servizio di pulizia, sanificazione e sanitizzazione dei presidi ospedalieri e strutture territoriali dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. ALLEGATO C DISCIPLINARE

Dettagli

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi) Unità di

Dettagli

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X TABELLA A (Art. 27) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ESERCIZI RICETTIVI ALBERGHIERI (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo e beauty-farm)

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti DENOMINAZIONE DEL COMPLESSO. LOCALITA.. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti Requisiti (obbligati e fungibili) degli ALBERGHI, con i relativi punteggi 1 PRESTAZIONE DI SERVIZI 1.01 - Servizio

Dettagli

Case History: V Spa Valentino Resort

Case History: V Spa Valentino Resort Case History: V Spa Valentino Resort Designer Valter Baldonieri Architetto Domenico Sfirro Case History: V Spa Valentino Resort Valentino Resort: grazie ad un progetto di Profit Spa Design oggi può contare

Dettagli

OFFERTA TECNICA/QUALITA

OFFERTA TECNICA/QUALITA MODELLO C Offerta tecnica/qualità - Busta B - (In caso di necessità aggiungere altre righe) L offerta va redatta su carta libera intestata ed articolata in modo tale da specificare, nell ordine indicato

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

- un deposito/cantina posto nell'interrato del corpo principale dell'ex Palazzo Muttoni, con soffitto a volta

- un deposito/cantina posto nell'interrato del corpo principale dell'ex Palazzo Muttoni, con soffitto a volta LOTTO 1 [Riferimento perizia: LOTTO 1] Nel Comune di Vicenza, Contrà Porta S. Lucia n. 64, appartamento all ultimo piano delle scuderie dell ex Palazzo Muttoni. La proprietà comprende: - un appartamento

Dettagli

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria,

Dettagli

TARIFFE NETTE ISCHIA INVERNO 2011/2012

TARIFFE NETTE ISCHIA INVERNO 2011/2012 TARIFFE NETTE ISCHIA INVERNO 2011/2012 Hotel Terme Galidon *** FORIO Posizione: in località Cuotto, a pochi minuti dall incantevole spiaggia di Citara e dal parco termale Giardini Poseidon. Distanze: dal

Dettagli

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi La classificazione degli esercizi alberghieri è regolata dalla legge.tutti gli esercizi alberghieri devono evidenziare all esterno, accanto alla propria

Dettagli

Clinic Bad Ragaz The Finest Art of Rehabilitation

Clinic Bad Ragaz The Finest Art of Rehabilitation IT Tradizione eccellente e modernità orientata al futuro Clinic Bad Ragaz The Finest Art of Rehabilitation Il Grand Resort Bad Ragaz vanta un esperienza pluriennale nell assistenza di pazienti convalescenti

Dettagli

ACQUI TERME PACCHETTI BENESSERE

ACQUI TERME PACCHETTI BENESSERE ACQUI TERME PACCHETTI BENESSERE PRIMA FORMULA Hotel situato nel centro di Acqui Terme, di fronte allo stabilimento termale Nuove Terme, è ideale per un soggiorno di cure e vicino ad ogni tipo di servizio.

Dettagli

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, 25 88100 Catanzaro!""#$% &#'%"(#")#$*(#")$"*(#")$+!,-#'%"(#")$# Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Baroni

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Baroni Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Baroni La struttura L RSA di Via Baroni si sviluppa su tre piani fuori terra di circa 1.500 metri quadri, oltre ad un piano interrato e ad un sottotetto

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

CENTRI BENESSERE SPA-WELLNESS. www.spa-wellness.it by Acquaform

CENTRI BENESSERE SPA-WELLNESS. www.spa-wellness.it by Acquaform CENTRI BENESSERE SPA-WELLNESS www.spa-wellness.it by Acquaform indice SAUNA Acquaform studia, produce e realizza soluzioni adatte ad ogni contesto, soddisfando ogni desiderio di benessere. I progetti

Dettagli

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI D.G.R. n. 20763 del 16 febbraio 2005 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per le

Dettagli

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO I T A L I A N O EXPO 2015 Per effettuare una scelta consapevole della struttura alberghiera che ti ospiterà per l evento Expo è necessario conoscere quali sono le tipologie

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres.

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. Regolamento concernente le modalità di rilascio e i requisiti del provvedimento di classificazione

Dettagli

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA Invito a presentare Manifestazioni di interesse all acquisto dell immobile di cui al sottoindicato Con il presente

Dettagli

Le terrazze di Portovenere

Le terrazze di Portovenere Complesso turistico ricettivo Le terrazze di Portovenere Comune di Portovenere - Provincia della Spezia 1 Presentazione La struttura turistico ricettiva è sita ai margini del borgo di Porto Venere, II

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 OGGETTO: Trasformazione di spazi sanitari e socio-sanitari già autorizzati all esercizio in Ospedali di Comunità

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO B ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA FEASR ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento PSR 2007-2013 Regione Piemonte GAL Escartons e Valli Valdesi Programma di Sviluppo locale Fare impresa, fare sistema nel territorio delle

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A QUATTRO STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Tipo A Superior Bungalow 2+1 Pers. 21 mq

Tipo A Superior Bungalow 2+1 Pers. 21 mq IL VILLAGGIO Il villaggio, un oasi tranquilla e accogliente nel cuore della struttura, si sviluppa armonicamente fra i vialetti immersi nella tipica vegetazione mediterranea. 105 bungalow in muratura termicamente

Dettagli

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Nel 2013 il comune di Carona si è aggregato alla Nuova Lugano. Carona è situata tra i monti

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI RELAZIONE DI PERIZIA DI STIMA DELL ALLOGGIO E RELATIVO

TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI RELAZIONE DI PERIZIA DI STIMA DELL ALLOGGIO E RELATIVO TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE N. R.G.E. 566/2009 RELAZIONE DI PERIZIA DI STIMA DELL ALLOGGIO E RELATIVO GARAGE OGGETTO DI ESECUZIONE IN COMUNE

Dettagli

RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA)

RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA) RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA) RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA) E. I. 178/07 - Documentazione Fotografica - CTU Ing Pasquale Modica Pag.1/92 Foto 1-Accesso al complesso

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE E RELATIVA STIMA ECONOMICA

LAVORI DI MANUTENZIONE E RELATIVA STIMA ECONOMICA LAVORI DI MANUTENZIONE E RELATIVA ECONOMICA Palazzina ingresso lato ponente Superficie commerciale coperta mq 204 circa Superficie commerciale esterna: mq 85 circa, non accessibile veicolarmente Piani:

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 2.1 DESCRIZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI AMBIENTI... 2 2.1.1 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA SERVIZI... 2 2.1.2 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA RIFORNIMENTO CARBURANTE...

Dettagli

MENDRISIO VILLA FORESTA VENDESI CASA BIFAMILIARE

MENDRISIO VILLA FORESTA VENDESI CASA BIFAMILIARE MENDRISIO VILLA FORESTA Via Agostino Nizzola no. 12 VENDESI CASA BIFAMILIARE SERI INTERESSATI CONTATTARE FABRIZIO BORDOLI Via Filanda 1 6500 Bellinzona Tel. 079 670 08 24 o 091 825 13 77 Posizione: Villa

Dettagli

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2 Tabella A Sezione A1 Requisiti minimi obbligatori per la classificazione degli esercizi ricettivi alberghieri GIA AUTORIZZATI NOTA: La struttura ricettiva alberghiera deve possedere tutti i requisiti indicati

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro- Urbino RELAZIONE TECNICA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro- Urbino RELAZIONE TECNICA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro- Urbino RELAZIONE TECNICA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA RICHIEDENTE : FEF di Fulvio Urani & C. S.A.S. p.i. 02538370417 PROPRIETÀ : Farmacia F.lli ERCOLANI p.i. 01398040418

Dettagli

Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche

Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche Ville@Casali Real Estate s.r.l. Telefono: 800 984 481 Email: info@villeecasalinetwork.com Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche Bari, IT Descrizione

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PREMESSA E SCOPO Con la presente, il sottoscritto Ing. Francesco Guerrera iscritto all' Albo professionale

Dettagli

COME PRENOTARE. Decorrenza della convenzione: a partire dal 27.02.2011. ISTRUZIONI DA SEGUIRE PER L ATTIVAZIONE DELLA CONVENZIONE:

COME PRENOTARE. Decorrenza della convenzione: a partire dal 27.02.2011. ISTRUZIONI DA SEGUIRE PER L ATTIVAZIONE DELLA CONVENZIONE: COME PRENOTARE La scontistica applicata del 15% circa sul listino generale è riservata ai soggiorni ed ai trattamenti; non è applicato alcuno sconto sull ingresso giornaliero. Decorrenza della convenzione:

Dettagli

CODICE EDILIZIO 8_510_001 COD_STR_Q8/1

CODICE EDILIZIO 8_510_001 COD_STR_Q8/1 CODICE EDILIZIO 8_510_001 COD_STR_Q8/1 COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO PPH3 Piano Particolareggiato delle Attività Ricettive Legge regionale 11 luglio 2006, n. 9 Testo unico delle norme regionali in

Dettagli

- che il sottoscritto Leonardo Serafino iscritto all Albo degli Architetti di Roma e Provincia al

- che il sottoscritto Leonardo Serafino iscritto all Albo degli Architetti di Roma e Provincia al Dott. Arch. Leonardo Serafino Via R.Grazioli Lante, 5 00195 - Roma Tel./fax 06. 3723602 E-Mail: leonardoserafino@virgilio.it www.leonardoserafino.it PROPRIETA ANNI VERDI PERIZIA DI STIMA RELATIVA A VIA

Dettagli

Allegato A. 5. Servizi integrativi

Allegato A. 5. Servizi integrativi Allegato A 5. Servizi integrativi Il "Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali" del CISIS (Centro interregionale per i sistemi informatici, geografici e statistici) definisce le tipologie

Dettagli

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri)

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Pagina 1 di 6 La ns. società Gentili S.p.A. ha recentemente posto in vendita un immobile di sua

Dettagli

PERIZIA TECNICA DI STIMA

PERIZIA TECNICA DI STIMA Provincia di Alessandria DIPARTIMENTO AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE DIREZIONE EDILIZIA - TRASPORTI UFFICIO TECNICO EDILIZIA PERIZIA TECNICA DI STIMA Ex Casa Cantoniera Lungo la ex S.S. n 35 dei

Dettagli

COMUNE DI TORRI CONSISTENZA PATRIMONIO IMMOBILIARE ATTIVITA' TURISTICHE RIFERIMENTO SCHEDA EDIFICIO N

COMUNE DI TORRI CONSISTENZA PATRIMONIO IMMOBILIARE ATTIVITA' TURISTICHE RIFERIMENTO SCHEDA EDIFICIO N COMUNE DI TORRI CONSISTENZA PATRIMONIO IMMOBILIARE ATTIVITA' TURISTICHE RIFERIMENTO SCHEDA EDIFICIO N 32 INDIVIDUAZIONE EDIFICIO SU STRALCIO P.R.G. scala 1:2000 1 DENOMINAZIONE: Hotel Al Caminetto UBICAZIONE:

Dettagli

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEFINIZIONE DELLE AREE INTERESSATE DAL GLOBAL SERVICE pag.01 EDIFICIO E3 Ardiss, Sede operativa di Trieste 246 CAMERE STANDARD DA: mq 9,5 mq 2337 totali 123

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord. Del 14/12/2009 ALLEGATO

Dettagli

L HOTEL TERMALE. La progettazione di un hotel termale : Metodo ed esempi

L HOTEL TERMALE. La progettazione di un hotel termale : Metodo ed esempi L HOTEL TERMALE La progettazione di un hotel termale : Metodo ed esempi 02_03_2016 CHI SIAMO NORBERT GUFLER CLAUDINE HOLSTEIN PHILIPP NOESSLINGER CHI SIAMO REFERENZE CHI SIAMO REFERENZE 1 _ LA STRUTTURA

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t.

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t. TABELLA Legenda inf. = inferiore l = litri m = metri lineari mc = metri cubi min. = minimo mq = metri quadrati p.l. = posto letto/posti letto p.p.s. = pasti per servizio p.t. = posto tavola/posti tavola

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Settore 10 - T urismo DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE Comune di Validità dal 01 gennaio 2010 al 31 dicembre 2014

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

Economy hotel HOTEL ZENITH *** www.zenithhotel.it

Economy hotel HOTEL ZENITH *** www.zenithhotel.it HOTEL LA PIA *** Economy hotel HOTEL ZENITH *** HOTEL EUR *** www.lapiahotel.it www.zenithhotel.it www.hoteleur.org Da tre generazioni la famiglia Bracali si dedica con passione e professionalità al benessere

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

COUNE DI CITTA METROPOLITANA DI TORINO UFFICIO TECNICO COMUNALE

COUNE DI CITTA METROPOLITANA DI TORINO UFFICIO TECNICO COMUNALE COUNE DI CITTA METROPOLITANA DI TORINO UFFICIO TECNICO COMUNALE BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DISPONIBILI PER RISULTA IN UNO DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

1ALBERGO TERME SAN LORENZO **** Forio 7GG/6NOTTI: 424,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) 8GG/7NOTTI: 484,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.

1ALBERGO TERME SAN LORENZO **** Forio 7GG/6NOTTI: 424,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) 8GG/7NOTTI: 484,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P. 1ALBERGO TERME SAN LORENZO **** Forio 7GG/6NOTTI: 424,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) 8GG/7NOTTI: 484,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) La quota comprende : Cocktail di benvenuto Sistemazione

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE

REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE Allegato C Dgr n. del pag. 1 /5 ALLEGATOC alla Dgr n. 807 del 7 maggio 014 giunta regionale 9^ legislatura REQUISITI OBBLIGATORI PER VILLAGGI-ALBERGO E RESIDENZE TURISTICO-ALBERGHIERE N. REQUISITI DIMENSIONALI

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica Modello di autocertificazione per la classificazione di Country House o Residenze di campagna pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

NEWSLETTER 3 22 Marzo 2015

NEWSLETTER 3 22 Marzo 2015 NEWSLETTER 3 22 Marzo 2015 Ciao a tutti! Molti di voi stanno ponendo domande pratiche e di sicuro interesse per tutti gli iscritti. Abbiamo creato questa bacheca dove riporteremo le domande di interesse

Dettagli

UFFICIO TECNICO ESTRATTO VALUTAZIONE TECNICO ESTIMATIVA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

UFFICIO TECNICO ESTRATTO VALUTAZIONE TECNICO ESTIMATIVA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA UFFICIO TECNICO ESTRATTO VALUTAZIONE TECNICO ESTIMATIVA E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE CASA DA CACCIA IN LOCALITA VALLESINELLA A MADONNA DI CAMPIGLIO Località Vallesinella

Dettagli

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ.

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ. BED & BREAKFAST PICCOLO VADEMECUM PER CHI VUOLE APRIRE NELLE MARCHE UN BED & BREAKFAST O CAMERA & COLAZIONE CHE DIR SI VOGLIA, MEGLIO NOTO CON LA SIGLA B&B. IL B&B CREA LA POSSIBILITÀ DI OFFRIRE OSPITALITÀ

Dettagli

per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO

per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO Al S.U.A.P. del COMUNE di per la Provincia Settore 5 Ufficio TURISMO Piazza del Municipio, 4 57123 LIVORNO Ai fini dell attribuzione della classificazione il Comune, ai sensi del c. 3, art. 20 del Regolamento,

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI - Tabella A - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER L OTTENIMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE

Dettagli

Listino prezzi Inverno 2015-2016

Listino prezzi Inverno 2015-2016 Listino prezzi Inverno 2015-2016 Wellness & SPA Via Nazionale, 20 38029 Passo del Tonale ( comune di Vermiglio ) Trentino Val di Sole info@hotelgardenia.net www.hotelgardenia.net Telefono (+39) 0364-903769

Dettagli

Livorno. Via Delle Galere n. 3 Piano 4 int. 10. Sub 450

Livorno. Via Delle Galere n. 3 Piano 4 int. 10. Sub 450 Livorno Via Delle Galere n. 3 Piano 4 int. 10 Sub 450 1. Descrizione e identificazione delle unità immobiliari 2.1 Caratteristiche estrinseche del complesso immobiliare in cui sono ubicate le unità immobiliari

Dettagli

ALLEGATO D - REQUISITI SPECIFICI DI CUI ALL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETT. C) DEL BANDO

ALLEGATO D - REQUISITI SPECIFICI DI CUI ALL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETT. C) DEL BANDO ALLEGATO D - REQUISITI SPECIFICI DI CUI ALL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETT. C) DEL BANDO Premessa. I seguenti requisiti specifici sono richiesti solo per le categorie specificamente indicate e sono aggiuntivi

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE H 10 PLAYA MELONERAS PALACE Europa > Spagna > Gran Canaria TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE.

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. Proprietari: Sig.ri FARALLI Pietro e MARTINI Caterina Relazione Tecnica Illustrativa I Tecnici:

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli