DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE"

Transcript

1 GARNIGA TERME S.p.a. Nel C.C. GARNIGA sulle P.ed.209/1, 209/2 263 e sulla P.F. 1755/4 DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE

2 A. DESCRIZIONE TECNICA DELL IMMOBILE UBICAZIONE ED ACCESSI Il complesso oggetto della presente relazione è di proprietà della società Garniga Terme s.p.a. ed in parte del Comune di Garniga Terme, il quale lo ha concesso in uso alla medesima società; si trova ubicato nel C.C. GARNIGA sulle P.ed 209/1, 209/2,263 e sulla P.F. 1755/5. Il complesso, pur essendo situato all interno della zona abitata del Comune di Garniga Terme, risulta non confinante con altri edifici privati; vi si accede direttamente attraverso strada comunale che conduce al piazzale privato interno sul lato est del fabbricato ovvero dai garage posti verso est rispetto alla strada prov. n. 25 Aldeno-Bondone. DESCRIZIONE TECNICA DELL IMMOBILE Il complesso edilizio di Garniga Terme è sostanzialmente composto da tre corpi edificati in periodi differenti: 1. il corpo nuovo eseguito intorno a metà anni 90 che comprende la piscina, una piccola SPA e l area massaggi (in seguito area umida ); 2. l albergo e il ristorante; 3. il corpo in cui vengono eseguiti i trattamenti di fitobalneoterapia, (in seguito area trattamenti termali ). Tutte le aree sono collegate, oltre che da scale, attraverso ascensori e montacarichi. Gli edifici si inseriscono in modo architettonicamente pregevole nel contesto edilizio locale, rispettandone tipologie ed immagine. Data la sua ubicazione in un piccolo comune montano e la peculiarità dei trattamenti

3 termali che offre, efficaci nella cura delle patologie reumatiche, la struttura attrae una specifica tipologia di clientela, che potrebbe tuttavia essere ampliata a breve grazie alla prevista realizzazione nelle immediate vicinanze della struttura (ad opera del Comune di Garniga Terme) di un area sosta attrezzata per camper. Nei primi mesi del 2012 il compendio immobiliare sarà oggetto di alcuni interventi di manutenzione a cura della Garniga Terme s.p.a., quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, la tinteggiatura dell intero complesso e la sistemazione di piccoli difetti dovuti all usura della struttura. La documentazione relativa a detti interventi sarà visionabile in sede di sopralluogo. La società sta, inoltre, valutando di effettuare a propria cura e spese ma in coordinamento con il Gestore, alcuni interventi di restyling, in particolare sull area trattamenti termali, al fine di adeguare maggiormente la struttura alle attuali esigenze di mercato e di gestione, accentuando l attenzione al benessere psicofisico dei clienti e ampliando le potenziali categorie di utenza; tali interventi verranno eventualmente realizzati tra ottobre 2012 e aprile 2013, comportando quindi la chiusura parziale o totale della struttura per detta stagione. Nei prossimi mesi la società realizzerà, inoltre, un impianto termico a cippato che coprirà il fabbisogno calorico della struttura e ridurrà notevolmente i costi in capo al gestore. Il cippato sarà fornito dal Comune di Garniga Terme, eliminando i costi di riscaldamento a carico del Gestore. I dettagli dell impianto potranno essere richiesti alla società. Nello specifico la struttura, articolata in tre corpi collegati, presenta le seguenti aree con le caratteristiche di seguito puntualmente illustrate: 1. Area umida: L area umida si compone dei seguenti locali e dotazioni:

4 - n. 1 sala accentazione piscina e SPA adeguatamente arredata; tale sala è centrale rispetto alla sala relax, dotata di tavoli e sedie e funge da collegamento all area trattamenti, e alla sala pluriuso dotata di video, divani e tavoli con sedie; - n. 1 sala accettazione area beauty; - n. 9 stanze nell area beauty, di cui: n. 7 stanze adeguatamente attrezzate per uso massaggi e trattamenti estetici di varia tipologia n. 1 bagno n. 1 stanza per personale addetto - n. 1 sala accettazione piscina; - n.1 piscina di profondità massima 1,40 metri comprensiva di vasca idromassaggio interna, adeguatamente corredata con lettini, sedie e poltrone; - n. 1 area SPA comprensiva di: n. 1 zona relax attrezzata con lettini, comodini, poltrone e tavoli n.1 sauna 6/7 posti n.1 bagno calidarium 6/7 posti n. 1 pioggia fredda n. 1 wasserparadies n. 1 locale tecnico con impianti SPA; - n. 2 spogliatoi (maschile e femminile) dotati di servizi igienici e docce. L area umida occupa una superficie di mq e si divide in tre zone (piscina, SPA e area massaggi), delimitate fisicamente da porte che garantiscono in ciascuna di esse il mantenimento del microclima desiderato. La piscina, grazie alle sue dimensioni e alla forma circolare, può essere utilizzata per organizzare corsi di varia tipologia per circa quindici persone simultaneamente. Se pur di dimensioni ridotte, la SPA presenta gli elementi standard minimi (bagno turco, sauna, zona relax) e gode di macchinari ed

5 attrezzature moderne in linea con le richieste del mercato del wellness. L area massaggi, che completa l offerta dell area umida, dispone di macchinari moderni, tra i quali, ad esempio, la vasca nuvola, impiegata sia a livello estetico che medicale, ed è stata accuratamente progettata nelle forme, nella scelta delle luci, dei materiali e delle attrezzature al fine di offrire ai clienti un ampia gamma di trattamenti benessere (massaggi e trattamenti estetici). 2. Albergo e ristorante: L attività ricettiva ricade nella tipologia TRE STELLE, grazie alle specificità della struttura analizzata, comprensiva di dotazione funzionale, arredi e attrezzature, tutte a norma di legge. La struttura alberghiera è adatta a rispondere alle esigenze di alloggio della clientela primariamente interessata ai trattamenti di fitobalneoterapia. Il ristorante annesso all albergo, dotato di adeguati locali accessori, garantisce la copertura di tutta la ricettività dell albergo per prima colazione, pranzo e cena. La struttura alberghiera dispone di una zona accettazione adeguatamente attrezzata costituita da una hall con ufficio, posta vicino alla sala pluriuso, in una zona di collegamento tra albergo, ristorante e area umida. L albergo dispone di n. 32 camere da letto, di cui n.3 accessibili a persone disabili, per un totale di n. 47 posti letto. Le camere, tutte adeguatamente arredate con letti, armadi, lampade e televisore, sono provviste di servizio autonomo; sono suddivise su quattro piani: - piano terra: n. 5 camere singole e n. 3 camere doppie. Il piano dispone inoltre di una stanza da adibire a ripostiglio; - piano primo: n. 6 camere singole e n. 4 camere doppie;

6 - piano secondo: n. 6 camere singole e n. 3 camere doppie. Il piano dispone inoltre di un bagno comune a norma disabili e una terrazza esterna coperta in prossimità delle scale che collegano i piani dell albergo alla zona ristorante; - piano terzo: n.1 camere singole, n. 3 camere doppie, n. 1 camere triple e n. 1 locale gestore. L area adibita a ristorante si compone di più locali che comprendono: - n. 1 area accettazione ristorante adeguatamente attrezzata. A titolo esemplificativo e non esaustivo l attrezzatura comprende, oltre al mobilio, una postazione computer, stampanti, fax e telefono. Accanto all area accettazione vi è un piccolo disbrigo; - n. 1 sala ristorante per un totale di circa posti a sedere. Adiacente alla sala ristorante vi è una stanza adibita a magazzino per l attrezzatura di sala; - n. 1 locale cucina (industriale) attrezzata in modo congruo al fine di rispondere alle esigenze ristorative sia dell albergo che di un eventuale clientela esterna. Tutte le attrezzature sono rispettose della normativa vigente in materia. Accanto alla cucina vi è n.1 locale adibito a servizio igienico riservato al personale; - n. 2 servizi comuni a norma per persone disabili. 3. Area trattamenti termali: L area trattamenti termali prevede un percorso che accompagna il paziente dall area accettazione e spogliatoi, situati al piano terra, ai locali, situati al primo e secondo piano, dove si effettuano i trattamenti di fitobalneoterapia. La razionalizzazione degli spazi è stata effettuata al fine di permettere un adeguata preparazione, ambientamento e risposta del paziente al trattamento, grazie anche al coinvolgimento di personale specializzato dal momento dell accoglienza pre-trattamento, al momento dell immersione in erba fino alla reazione post-trattamento. L area termale è così composta:

7 - piano terra: n. 1 locale accettazione pazienti adeguatamente attrezzato con mobilio (espositori, tavoli, sedie e divanetti), due postazioni computer, stampanti e telefono. Accanto all area accettazione si trova un piccolo disbrigo; n. 2 spogliatoi (femminile e maschile) attrezzati con armadietti e panche. Ogni spogliatoio dispone di n. 3 docce e n.1 wc articolati su 2 servizi; n. 1 locale magazzino con accanto n.1 reparto gestione erba dove si trovano gli scaricatori dell erba utilizzata nei trattamenti, n. 2 celle frigorifere, gli impianti elettrici per la gestione delle celle e i macchinari per la movimentazione dell erba. Tra il locale magazzino e il reparto gestione erba vi è il quadro generale corrente; zona di collegamento da piano terra a piano primo ove si trovano n. 2 uffici per il personale addetto ai trattamenti che dispongono di scrivanie, sedie, lettino per i pazienti, lavandino, postazione computer e altre attrezzature minori. In tale zona si trovano sedie e armadi catalogatori. - piano primo: 8 stanze per i trattamenti terapeutici, adeguatamente attrezzate con lettini, sedie, spalliera (stanza per rieducazione motoria), vasca idromassaggio, e precisamente: n. 1 stanza per pressoterapia n. 4 stanze per massoterapia n. 1 stanza per rieducazione motoria n. 2 stanza per idromassaggio n.1 stanza per trattamenti di fitobalneoterapia con n. 2 vasche e macchinari per l ossigenazione dell erba; n. 1 sala di reazione comprensiva di n. 23 lettini e comodini e mobilio vario; n. 2 bagni comuni (femminile e maschile); sedute per attesa disposte lungo il corridoio.

8 - piano secondo: stanze adeguatamente attrezzate per trattamenti terapeutici: n. 1 stanza per stretching (con sauna da circa 15 posti) n. 1 ufficio n. 1 stanza con docce e spogliatoio n. 1 stanza ripostiglio; n.1 stanza per trattamenti di fitobalneoterapia con n. 2 vasche e macchinari per l ossigenazione dell erba; n. 1 sala di reazione comprensiva di n. 23 lettini e comodini e mobilio vario; n. 2 bagni comuni (femminile e maschile); - sottotetto: utilizzabile solo per stoccaggio materiali. La struttura presenta nell interrato i locali tecnici ove sono collocati gli impianti per il trattamento dell aria, le macchine UTA, i macchinari per la gestione delle piscine e dell acqua.

9 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE La gestione prevede l attuazione delle seguenti attività in capo al gestore: - gestione dell area umida (piscina, SPA e area massaggi), data in utilizzo dal Comune di Garniga alla Garniga Terme s.p.a., che a titolo esemplificativo e non esaustivo deve comprendere: ordinaria manutenzione dell area piscina, garanzia del presidio di un bagnino, identificazione di un responsabile dell area SPA, e del personale atto alla corretta gestione dell area umida; - gestione dell area trattamenti termali che a titolo esemplificativo e non esaustivo deve comprendere: ordinaria manutenzione dell area trattamenti termali, identificazione di un direttore sanitario con esperienza nel campo del termalismo di minino anni cinque e del personale atto alla corretta gestione dell area trattamenti termali. Il gestore deve garantire l offerta delle seguenti cure termali: prestazioni sanitarie e esami diagnostici (visita medica avviamento termale, visita specialistica internistica, visita specialistica gastroenterologica, visita specialistica termale, visita dietologica, elettrocardiogramma, esame bioimpedenzometrico, mesoterapia); trattamenti fitobalneoterapici (bagno nell erba, impacco d erba, ciclo n. 6 o n. 12 bagni); terapie fisiche (pressoterapia); trattamenti massofisioterapici (massaggio fisio, massaggio terapeutico integrato, rieducazione funzionale post-traumatica, terapia manuale osteopatica, linfodrenaggio, approccio trager), terapie in acqua (idrochinesologia individuale, idrochinesologia collettiva, percorso flebologico); - gestione dell albergo e della zona ristorante, comprese le attività di ordinaria manutenzione; - gestione e manutenzione ordinaria del locali impianti e caldaie; - manutenzione ordinaria della struttura, comprensiva dell area esterna e parcheggi; - utilizzo del marchio identificativo della struttura in qualsiasi attività e comunicazione rivolta all esterno, in particolar modo al fine di promuovere la struttura;

10 - promozione della struttura di Garniga Terme attraverso molteplici canali di comunicazione, sia cartacei che informatici/video. La suddetta attività deve comprendere il mantenimento dei rapporti con l Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi; - approvvigionamento e conservazione, anche nelle celle frigorifere presso la struttura di Garniga Terme, dell erba proveniente esclusivamente dai prati in località Viote (dati in concessione dal Comune di Garniga alla Garniga Terme s.p.a.), utilizzata nei trattamenti termali. L esclusività della provenienza è da attribuire alle particolari e provate proprietà terapeutiche delle erbe provenienti da detta località. Periodi minimi di apertura Il gestore dovrà obbligatoriamente tenere aperta la struttura il mese di dicembre e i mesi da maggio a settembre. Dovrà comunque essere garantita l apertura della struttura per un periodo minimo di n. 8 (otto) mesi. Durante il periodo di apertura della struttura dovrà essere garantita la seguente apertura settimanale/giornaliera: - area termale: minimo n. 4 (quattro) ore giornaliere per cinque giorni in settimana; - area piscina/spa/massaggi: minimo 30 (trenta) ore settimanali; - ristorante e albergo: aperti al pubblico durante il periodo di apertura (anche solo parziale) della struttura. Eventuali variazioni dei periodi di apertura andranno sempre concordati con la società Garniga Terme s.p.a..

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

SERVIZI DI BASE. E. Disciplinari BENESSERE

SERVIZI DI BASE. E. Disciplinari BENESSERE E. Disciplinari BENESSERE La rivitalizzazione del comparto termale e la valorizzazione a fini turistici del comparto legato al wellness (in decisa crescita negli ultimi anni) si può ottenere con una politica

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

TARIFFE NETTE ISCHIA INVERNO 2011/2012

TARIFFE NETTE ISCHIA INVERNO 2011/2012 TARIFFE NETTE ISCHIA INVERNO 2011/2012 Hotel Terme Galidon *** FORIO Posizione: in località Cuotto, a pochi minuti dall incantevole spiaggia di Citara e dal parco termale Giardini Poseidon. Distanze: dal

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X TABELLA A (Art. 27) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ESERCIZI RICETTIVI ALBERGHIERI (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo e beauty-farm)

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A QUATTRO STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO. Telefono Fax e-mail. Generalità proprietario immobile. Indirizzo tel. Generalità dell affittuario

SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO. Telefono Fax e-mail. Generalità proprietario immobile. Indirizzo tel. Generalità dell affittuario REGIONE EMILIA ROMAGNA ASSESSORATO AL TURISMO Comune di: DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE ALBERGHIERE (Legge Regionale 30 Novembre 1981, n. 42 e successive

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO A ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO I T A L I A N O EXPO 2015 Per effettuare una scelta consapevole della struttura alberghiera che ti ospiterà per l evento Expo è necessario conoscere quali sono le tipologie

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

classificazione alberghiera

classificazione alberghiera AGGIORNAMENTI 1 Armonizzazione della classificazione alberghiera di Carla SABATINI Contenuto del provvedimento. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 34 dell 11 febbraio 2009 è stato pubblicato il decreto 21 ottobre

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. (Registrato alla Corte dei conti il 29.10.2003, registro 1, foglio 14) Regolamento di esecuzione della legge provinciale 15 maggio

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A

PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A PROVINCIA DI MONZA E DELLABRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO A Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord. Del 14/12/2009 ALLEGATO

Dettagli

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2 Tabella A Sezione A1 Requisiti minimi obbligatori per la classificazione degli esercizi ricettivi alberghieri GIA AUTORIZZATI NOTA: La struttura ricettiva alberghiera deve possedere tutti i requisiti indicati

Dettagli

Case History: V Spa Valentino Resort

Case History: V Spa Valentino Resort Case History: V Spa Valentino Resort Designer Valter Baldonieri Architetto Domenico Sfirro Case History: V Spa Valentino Resort Valentino Resort: grazie ad un progetto di Profit Spa Design oggi può contare

Dettagli

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto VENDITA MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto CHALET situato a Pecetto. Due ingressi indipendenti al piano rialzato danno la possibilità di accedere allo chalet. Al piano rialzato si trova un ampio soggiorno,

Dettagli

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI

Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI Tabella A - CLASSIFICAZIONE ALBERGHI E DIPENDENZE DI ALBERGHI - Tabella A - Parte prima: requisiti e dotazioni CARATTERISTICHE STRUTTURALI PER L OTTENIMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO B ALBERGHI Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1

Dettagli

COMUNE DI UGGIANO LA CHIESA - Provincia di Lecce -

COMUNE DI UGGIANO LA CHIESA - Provincia di Lecce - COMUNE DI UGGIANO LA CHIESA - Provincia di Lecce - PROGETTO di ampliamento del complesso ricettivo HOTEL RESORT Mulino a Vento ALL. 14 - RELAZIONE SOCIO ECONOMICA E OCCUPAZIONALE - Ubicazione: località

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

Economy hotel HOTEL ZENITH *** www.zenithhotel.it

Economy hotel HOTEL ZENITH *** www.zenithhotel.it HOTEL LA PIA *** Economy hotel HOTEL ZENITH *** HOTEL EUR *** www.lapiahotel.it www.zenithhotel.it www.hoteleur.org Da tre generazioni la famiglia Bracali si dedica con passione e professionalità al benessere

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia. TUSR14 PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.it Sportello Unico Attività Produttive SUAP del Comune

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Modifiche alla legge regionale 2/2002 in materia di turismo e alla legge regionale 4/2005 recante interventi per il sostegno e lo sviluppo

Dettagli

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i

Dettagli

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria,

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA)

RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA) RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA) RESIDENCE PARK SENTA CRUZ KÖNIG HOTEL EBOLI (SA) E. I. 178/07 - Documentazione Fotografica - CTU Ing Pasquale Modica Pag.1/92 Foto 1-Accesso al complesso

Dettagli

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi) Unità di

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri.

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 25 del 13 marzo 1995 Il

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t.

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t. TABELLA Legenda inf. = inferiore l = litri m = metri lineari mc = metri cubi min. = minimo mq = metri quadrati p.l. = posto letto/posti letto p.p.s. = pasti per servizio p.t. = posto tavola/posti tavola

Dettagli

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone)

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone) Prezzi giornalieri campeggio 2014 05/04-12/07 12/07-23/08 23/08-30/09 Per persona 5.80 6.20 5.80 Bambini fino 2 anni gratis/free gratis/free gratis/free Bambini fino 6 anni 4.90 5.20 4.90 Piazzola per

Dettagli

LISTINO PREZZI TERME DI PREMIA 2014

LISTINO PREZZI TERME DI PREMIA 2014 LISTINO PREZZI TERME DI PREMIA 2014 Listino prezzi valido fino a dicembre 2015 Pagina 2-3 Pagina 4-5 Pagina 6-7 Pagina 8 Pagina 9-10 Listino Area Piscine Termali Listino Area Benessere Listino Beauty e

Dettagli

Villa di lusso in vendita a Prato. www.villecasalirealestate.com/immobile/417/villa-di-lusso-in-vendita-a-prato. Area Comune Provincia Regione Nazione

Villa di lusso in vendita a Prato. www.villecasalirealestate.com/immobile/417/villa-di-lusso-in-vendita-a-prato. Area Comune Provincia Regione Nazione Rif 0417 Villa di lusso in vendita a Prato www.villecasalirealestate.com/immobile/417/villa-di-lusso-in-vendita-a-prato Trattativa Riservata Area Comune Provincia Regione Nazione La Calvana Prato Toscana

Dettagli

CASTELLINO DEL BIFERNO

CASTELLINO DEL BIFERNO ALLEGATO A AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE/GESTIONE DELLE STRUTTURE RISTORATIVE E RICREATIVE DELL OASI NATURALISTICA SITA NELL AGRO DEL COMUNE DI LOCALITA COLLE DI TORO Elenco descrittivo dei beni ****** L

Dettagli

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). Definizione dei requisiti tecnici relativi alle strutture ricettive extraalberghiere - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 24 settembre

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DATI GENERALI DATI GENERALI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE ANAGRAFICA GENERALE DATI EVENTUALI CORRETTIVI

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEFINIZIONE DELLE AREE INTERESSATE DAL GLOBAL SERVICE pag.01 EDIFICIO E3 Ardiss, Sede operativa di Trieste 246 CAMERE STANDARD DA: mq 9,5 mq 2337 totali 123

Dettagli

LE NOSTRE STRUTTURE 2013

LE NOSTRE STRUTTURE 2013 LE NOSTRE STRUTTURE 2013 ***LAZIO CITTA *** INDICE - 2 - ALBERGO DEL SENTATO*** Roma (RO).. pag. 3 BOUTIQUE HOTEL TREVI****S Roma(RO) pag. 4 BEST WESTERN UNIVERSO****- Roma (RO). pag. 5 HOTEL ARTEMIDE****

Dettagli

1ALBERGO TERME SAN LORENZO **** Forio 7GG/6NOTTI: 424,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) 8GG/7NOTTI: 484,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.

1ALBERGO TERME SAN LORENZO **** Forio 7GG/6NOTTI: 424,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) 8GG/7NOTTI: 484,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P. 1ALBERGO TERME SAN LORENZO **** Forio 7GG/6NOTTI: 424,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) 8GG/7NOTTI: 484,00 P.P.(+CENONE DI CAPODANNO 50 P.P.) La quota comprende : Cocktail di benvenuto Sistemazione

Dettagli

COME PRENOTARE. Decorrenza della convenzione: a partire dal 27.02.2011. ISTRUZIONI DA SEGUIRE PER L ATTIVAZIONE DELLA CONVENZIONE:

COME PRENOTARE. Decorrenza della convenzione: a partire dal 27.02.2011. ISTRUZIONI DA SEGUIRE PER L ATTIVAZIONE DELLA CONVENZIONE: COME PRENOTARE La scontistica applicata del 15% circa sul listino generale è riservata ai soggiorni ed ai trattamenti; non è applicato alcuno sconto sull ingresso giornaliero. Decorrenza della convenzione:

Dettagli

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Il presente studio si propone di analizzare i vantaggi derivanti dall'utilizzo di un sistema

Dettagli

VIII LEGISLATURA 74A Seduta Lunedì 30 novembre 2009

VIII LEGISLATURA 74A Seduta Lunedì 30 novembre 2009 VIII LEGISLATURA 74A Seduta Lunedì 30 novembre 2009 Deliberazione n. 395 (Estratto del processo verbale) OGGETTO: Legge regionale - Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE STRUTTURA. Le consigliere. Hanno svolto in data. Della struttura denominata. Sita a. Gestore Sig.ra/Sig.

SCHEDA DI VALUTAZIONE STRUTTURA. Le consigliere. Hanno svolto in data. Della struttura denominata. Sita a. Gestore Sig.ra/Sig. BERGAMO B&B and Co. Associazione APS C.F. 95207710161 Sede legale: Via Silvio Pellico,11 24030 Mozzo (Bg) info@bbbergamo.info SCHEDA DI VALUTAZIONE STRUTTURA Le consigliere Hanno svolto in data La valutazione

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/ALB DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE

Dettagli

CAMERA CLASSIC PENSIONE COMPLETA 2015

CAMERA CLASSIC PENSIONE COMPLETA 2015 Prezzi 2015 CAMERA CLASSIC PENSIONE COMPLETA 2015 Promozione Stagione Festività 14.06-08.08 27.02-13.06 09.08-29.11 20.12-06.01.2016 Soggiorno di minimo 3 notti 58,00 66,00 71,00 79,00 74,00 82,00 Soggiorno

Dettagli

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona

Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Magnifico appartamento di 4 ½ locali alla Residenza Parco Carona inserito in un parco di 13'000 m2 a Ciona-Carona Nel 2013 il comune di Carona si è aggregato alla Nuova Lugano. Carona è situata tra i monti

Dettagli

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia Allegato alla Delib.G.R. n. 50/ 12 del 16.9.2008 Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia 1. REQUISITI GENERALI DELLE STRUTTURE E DEI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente:

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Modifiche regolamento regionale 24 ottobre 2008, n. 17 (Disciplina delle Strutture Ricettive Alberghiere) e successive modifiche.

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA

REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA MOD. COM/ALB/RES REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA ALBERGO RESIDENZIALE Comunicazione delle attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 (obbligatorio entro il 1 ottobre) 01 DENOMINAZIONE COMPLETA DELL

Dettagli

Periodico informativo n. 103/2015

Periodico informativo n. 103/2015 Periodico informativo n. 103/2015 OGGETO: Alberghi: bonus per ristrutturazioni e riqualificazione energetica Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

TERME DI BOARIO. tutto il benessere che vuoi, intorno a te

TERME DI BOARIO. tutto il benessere che vuoi, intorno a te Le Terme di Boario sono un luogo storico per la cura del corpo e del benessere pisco-fisico. Fin dall epoca romana la Valle Camonica, dove sorgono le Terme di Boario, era sede di una Civitas Camunnorum

Dettagli

Hotel Motel Luna ****

Hotel Motel Luna **** Hotel Motel Luna **** Novegro di Segrate (MI) CONVENZIONE L Hotel Motel Luna**** ha il piacere di proporre a tutti gli espositori dell evento BIMBINFIERA uno sconto di 10,00 su tutto il listino in vigore

Dettagli

CENTRI BENESSERE SPA-WELLNESS. www.spa-wellness.it by Acquaform

CENTRI BENESSERE SPA-WELLNESS. www.spa-wellness.it by Acquaform CENTRI BENESSERE SPA-WELLNESS www.spa-wellness.it by Acquaform indice SAUNA Acquaform studia, produce e realizza soluzioni adatte ad ogni contesto, soddisfando ogni desiderio di benessere. I progetti

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, 25 88100 Catanzaro!""#$% &#'%"(#")#$*(#")$"*(#")$+!,-#'%"(#")$# Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA

Dettagli

Realizziamo la progettazione, le finiture d interni fornendo gli arredi per luoghi residenziali, spazi pubblici e commerciali.

Realizziamo la progettazione, le finiture d interni fornendo gli arredi per luoghi residenziali, spazi pubblici e commerciali. hotellerie Realizziamo la progettazione, le finiture d interni fornendo gli arredi per luoghi residenziali, spazi pubblici e commerciali. Interpretiamo le aspettative del cliente, interagendo al fine di

Dettagli

Magnifiche villette nuove zona Al Guast Montagnola

Magnifiche villette nuove zona Al Guast Montagnola Magnifiche villette nuove zona Al Guast Montagnola Magnifiche villette nuove nel complesso residenziale Al Guast di Montagnola. Si tratta di una residenza strutturata su 5 livelli, con quattro belle villette

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C

PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA UFFICIO TURISMO MODELLO C RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato sul BURL n. 50-1 Suppl. Ord.

Dettagli

Listino estate 2009 BENVENUTI Fra verdi prati e montagne di una bellezza entusiasmanti sorge l Hotel Ladinia, che dall alto domina lo splendido scenario superbamente offerto dalla nostra Val San Nicolò.

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA Applicare qui Marca da bollo da 14,62 OBBLIGATORIA Spazio per timbro Ufficio Protocollo AL SINDACO DELCOMUNE DI 63030 ACQUAVIVA PICENA OGGETTO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER ESERCITARE L ATTIVITA di AFFITTACAMERE

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

RELAIS ROCCA CIVALIERI

RELAIS ROCCA CIVALIERI RELAIS ROCCA CIVALIERI Categoria: Alberghi, Residenze turistico-alberghiere Descrizione attività: Oasi di pace nel cuore del Monferrato, Rocca Civalieri è un elegante relais immerso nella campagna piemontese,

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

AVVISI DI RETTIFICA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 2 7.9.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29

AVVISI DI RETTIFICA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 2 7.9.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 2 7.9.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 AVVISI DI RETTIFICA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 agosto 2007, n. 6/R Modifiche al regolamento

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009. Sommario

MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - LUNEDÌ, 14 DICEMBRE 2009 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 263 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA Invito a presentare Manifestazioni di interesse all acquisto dell immobile di cui al sottoindicato Con il presente

Dettagli

HOTEL CHALET ALL IMPERATORE - Madonna di Campiglio

HOTEL CHALET ALL IMPERATORE - Madonna di Campiglio HOTEL CHALET ALL IMPERATORE - Madonna di Campiglio Il nostro Albergo è situato in una delle più belle posizioni di Madonna di Campiglio: d inverno molto comoda poiché dista meno di 300 metri dalla Cabinovia

Dettagli

Listino prezzi 2015 I a edizione

Listino prezzi 2015 I a edizione Listino prezzi 2015 I a edizione La Famiglia Bregolin continua una lunga tradizione alberghiera dal 1968 ed è lieta di darvi il benvenuto ad Abano Terme, mettendo a disposizione la sua esperienza per rendere

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _ SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI VARIAZIONI NELL ATTIVITA DI AFFITTACAMERE (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) Il presente modello può essere presentato con le seguenti

Dettagli

PROPOSTE SOCI MARE 2015

PROPOSTE SOCI MARE 2015 PROPOSTE SOCI MARE 2015 ALASSIO: LA TRADIZIONE Scelta tra: Hotel Nuovo Suisse Quota di 300 per il socio e 644 per il familiare Hotel Toscana Quota di 400 per il socio e 756 per il familiare Per entrambe

Dettagli

Bagno ad acqua salina con idromassaggio e whirl-pool

Bagno ad acqua salina con idromassaggio e whirl-pool Prezzi 2015 La nostra offerta: Grande buffet di prima colazione con angolo dietetico Cena con menu a scelta, antipasti freddi e caldi, grande buffet di insalata e formaggi Serata buffet oppure grigliate

Dettagli

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo

Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Citta' Metropolitana di Milano Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo MODELLO C RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE Legge Regionale n. 15 del 16/07/2007 Regolamento Regionale n. 5 del 7/12/2009 Pubblicato

Dettagli

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME 1 tel. 70124, fax 770677 - www.apamontecatini.it, info@apamontecatini.it Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME Circolare n. 7/2015 Montecatini T., 27/04/2015

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia Autorimessa è posizionata nel chianu Pulizzi a circa 200 metri dal viale Francesco De Vita, principale via del comune di Petrosino, dove sono presenti la chiesa, il municipio e la gran parte delle attività

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2)

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2) DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ESISTENTI ALLA DATA DELL 11 AGOSTO 1989 (ai sensi della legge 9/1/1989, n.

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

Definizione di albergo

Definizione di albergo ORGANIZZAZIONE DELL AZIENDA ALBERGHIERA L albergo è una macchina che richiede un organizzazione complessa e personale qualificato: tutto deve girare come un orologio per garantire un servizio all altezza

Dettagli

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014)

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Avviso a sportello a partire dal 03 giugno 2015 La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia

Dettagli

MODULO CANDIDATURA RICHIESTA ORGANIZZAZIONE MANIFESTAZIONI FIPIC ATTIVITA FEDERALE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015

MODULO CANDIDATURA RICHIESTA ORGANIZZAZIONE MANIFESTAZIONI FIPIC ATTIVITA FEDERALE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 MODULO CANDIDATURA RICHIESTA ORGANIZZAZIONE MANIFESTAZIONI FIPIC ATTIVITA FEDERALE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 EVENTI ALL STAR GAME FINAL FOUR COPPA ITALIA FINAL FOUR CAMPIONATO GIOVANILE CONCENTRAMENTO

Dettagli