La Conservazione Sostitutiva in pochi clic. Trarre vantaggi a 360 gradi dalla implementazione del processo di Conservazione Sostitutiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Conservazione Sostitutiva in pochi clic. Trarre vantaggi a 360 gradi dalla implementazione del processo di Conservazione Sostitutiva"

Transcript

1 La Conservazione Sostitutiva in pochi clic Trarre vantaggi a 360 gradi dalla implementazione del processo di Conservazione Sostitutiva

2 Q u e s t o d o c u m e n t o c o n t i e n e i n f o r m a z i o n i d i p r o p r i e t à d e l l a o p e n w o r k s. r. l. e d e v e e s s e r e u t i l i z z a t o e s c l u s i v a m e n t e i n r e l a z i o n e a l l e f i n a l i t à p e r l e q u a l i è s t a t o p r e d i s p o s t o. È v i e t a t a q u a l s i a s i f o r m a d i r i p r o d u z i o n e o d i d i v u l g a z i o n e s e n z a l e s p l i c i t o c o n s e n s o d e i p r o p r i e t a r i d e l l e i n f o r m a z i o n i. M i c r o s o f t, W o r d, E x c e l, P o w e r p o i n t, W i n d o w s, S Q L S e r v e r s o n o m a r c h i r e g i s t r a t i o t r a d e m a r k d i M i c r o s o f t C o r p o r a t i o n. A d o b e, A d o b e A c r o b a t, A d o b e R e a d e r s o n o m a r c h i r e g i s t r a t i o t r a d e m a r k d i A d o b e S y s t e m s I n c o r p o r a t e d. o p e n w o r k è u n m a r c h i o r e g i s t r a t o d e l l a o p e n w o r k s. r. l. A l t r i n o m i d i p r o d o t t i e d i a z i e n d e c i t a t i i n q u e s t e p a g i n e p o s s o n o e s s e r e m a r c h i d e i r i s p e t t i v i p r o p r i e t a r i o p e n w o r k s. r. l.

3 Introduzione Abstract La Conservazione Sostitutiva è un particolare processo, regolamentato in Italia da apposite normative, finalizzato a rendere un documento non deteriorabile e quindi disponibile nel tempo nella sua integrità ed autenticità, tramite l utilizzo di strumenti informatici, consentendo di fatto di distruggere gli originali cartacei. L applicazione del processo di Conservazione Sostitutiva apporta notevoli benefici tangibili in termini economici, organizzativi e di riduzione dei rischi, e diverrà sicuramente una tra le principali innovazioni che le organizzazioni si troveranno ad implementare nell immediato futuro. L adozione della Conservazione Sostitutiva è una scelta vincente se interpretata come mezzo e non come fine e può sicuramente consentire il raggiungimento di maggiori efficienze in una organizzazione che dispone anche di un valido sistema di gestione documentale e ancor più che è orientata ad una gestione elettronica dei flussi documentali. La soluzione proposta da openwork, realizzata con l omonima tecnologia di Business Process Management, consente ad una organizzazione di approcciare il tema della Conservazione Sostitutiva con una ottica di processo, nel continuo rispetto della normativa, con benefici immediatamente tangibili, e la predispone a godere delle possibili evoluzioni di Workflow Management e Business Process Management che la piattaforma offre. Contesto e mercato di riferimento Introduzione In ambito europeo, la Conservazione Sostitutiva, insieme alla fatturazione elettronica, viene introdotta con la direttiva europea 115/2001 sull IVA, inglobata poi nella direttiva 112/2006. Ad oggi tutti gli stati dell Unione hanno recepito la direttiva adeguando la loro legislazione, ed in particolare l Italia ha applicato norme abbastanza restrittive rispetto al quadro europeo. L esigenza di conservazione dei documenti aziendali per un prolungato periodo di tempo nasce in Italia prevalentemente da un obbligo civilistico e fiscale, oltre che organizzativo. In particolare l Art del codice civile sancisce l obbligo Civilistico di conservazione ed esibizione dei documenti e delle scritture contabili, prevedendone la conservazione per dieci anni. 1 Dal punto di vista Fiscale è invece il D.P.R. 633 del 26/10/1972 a sancirne l obbligo di conservazione ed esibizione per cinque anni o, in caso di accertamento, fino alla fine di una eventuale controversia. 2 La prima legge che introduce la possibilità di conservare scritture contabili e documenti avvalendosi di supporti informatici risale al Tale legge non consente però l immediata entrata in vigore delle disposizioni, demandando la determinazione delle modalità applicative ad un apposito decreto, da emanarsi a cura del Ministro delle finanze. Il suddetto Decreto Ministeriale viene emanato dopo ben 10 anni, il 23 gennaio 2004, definendo dunque il reale avvio ad utilizzare supporti alternativi a quelli cartacei per la conservazione delle scritture e dei documenti fiscalmente rilevanti. Tale decreto è tutt oggi fondamentale per la documentazione con rilevanza tributaria. 1 L Art del codice civile sancisce l obbligo di conservazione per 10 anni delle scritture contabili obbligatorie, degli originali delle fatture e della corrispondenza ricevuta, nonché delle copie delle fatture e della corrispondenza spedita. 2 il D.P.R. 633 del 26/10/1972 all art. 39 prevede la conservazione dei registri e dei documenti fiscali a norma dell art. 22 del D.P.R. n. 600 del 29/09/73. Tale articolo dispone che le scritture contabili obbligatorie e i relativi documenti siano conservati per cinque anni o, in caso di accertamento fino alla fine di una eventuale controversia. 3 D.L. n. 357 del 10/06/1994, convertito nella L. n. 489, del 8/8/1994.

4 Chiarimenti sulle modalità applicative vengono offerti dai documenti di prassi da prima emanati dall AIPA, con la delibera n. 42 del 31 dicembre 2001 e successivamente dal CNIPA con la Deliberazione n. 11 del 19/02/2004, con la quale vengono dettate le regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali. Le disposizioni finora riportate individuano una netta distinzione sul trattamento dei documento in relazione alla loro rilevanza tributaria. In particolare per i documenti a rilevanza tributaria si applica quanto al DM del 23/01/2004 e successive interpretazioni, invece per gli altri documenti si possono seguire le regole previste dalla Deliberazione CNIPA n. 11 del 19/02/2004. Ulteriore contributo al quadro normativo e alle semplificazioni dei procedimenti, viene dato dal Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 52 in tema di emissione e conservazione delle fatture. Il suddetto decreto, introduce la possibilità di emettere le fatture in formato elettronico e di conservarle su supporti alternativi a quello cartaceo. 4 A questa importante norma segue la circolare n. 45/E, del 19 ottobre 2005, con la quale l Agenzia delle Entrate fa il punto sulle procedure da seguire per la creazione, l emissione e la conservazione delle fatture elettroniche. Inoltre la circolare 36/E del 6 dicembre 2006 scioglie alcuni dubbi sulle disposizioni contenute nel DM 23 Gennaio Ricordiamo infine il D.P.C.M. 30 marzo 2009, n. 129 che sostituisce l'originale D.P.C.M. 13 gennaio 2004 e contiene le regole tecniche inerenti l intero impianto della firma digitale (algoritmi usati, requisiti dei certificatori, obblighi degli utenti, formati di firma, formato e semantica dei certificati, ecc.). Il decreto uniforma tutte le regole tecniche in materia di firma digitale a partire dalle definizioni date dal Codice dell'amministrazione digitale (DL 7 marzo 2005, n.82), demandando le regole tecnologiche a provvedimenti normativi più rapidi, quali le direttive CNIPA. A conclusione di questa sintetica panoramica dobbiamo ricordare che restano comunque dettagli non risolti come per esempio l assenza di disciplina sulle modalità di trasmissione delle fatture elettroniche alle Pubbliche Amministrazioni in riferimento alla Legge 244 del 24/12/2007 ed alla direttiva europea del In attuazione la Direttiva 2001/115/CE in materia di semplificazione ed armonizzazione delle modalità di fatturazione ai fini IVA e in modifica del D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633.

5 Regole per i documenti rilevanti ai fini tributari Regole generali per i documenti Riportiamo di seguito uno schema delle principali norme e documenti di prassi che guidano e regolamentano la Conservazione Sostitutiva: Art codice civile DPR n. 445 del 28/12/2000 Conservazione delle scritture contabili Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa Deliberazione CNIPA n. 11 del 19/02/2004 D. Lgs n. 82 del 07/03/2005 e successive disposizioni integrative D.P.C.M. del 30/03/2009 D.P.R. n. 633 del 26/10/1972 D.P.R. n 600 del 29/09/1973 DM del 23/01/2004 Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali Codice dell'amministrazione digitale Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme digitali e validazione temporale dei documenti informatici. Istituzione e disciplina dell imposta sul valore aggiunto Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto DL n. 52 del 28/02/2004 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 45/E del 19/10/2005 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 36/E del 6/12/2006 Provvedimento dell'agenzia delle Entrate del 25 ottobre 2010 Attuazione della Direttiva 2001/115/CE che semplifica e armonizza le modalità di fatturazione in materia di IVA Chiarimenti relativi alla Fatturazione Elettronica ed in materia di IVA Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto Provvedimento attuativo della comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai sensi dell articolo 5 del decreto 23 gennaio E palese l orientamento della nostra legislazione focalizzato a spostare la gestione documentale da una forma cartacea ad una forma digitale, ma il quadro normativo attuale necessità ancora di alcuni chiarimenti tecnologici e di dettaglio, tale lentezza sicuramente determina uno dei fattori di inibizione all adozione del processo di conservazione sostitutiva oggi in Italia.

6 Le azioni di spinta e i fattori di inibizione Possiamo evidenziare numerosi fattori che spingono le organizzazioni ad investire su sistemi di Conservazione Sostitutiva. Sussistono anche fattori di inibizione, il cui superamento può sicuramente essere favorito dalla scelta di adeguate soluzioni tecnologiche. Tra le ragioni per cui un organizzazione si è orientata e si orienterà verso l adozione di un sistema di Conservazione Sostitutiva, è possibile riconoscere un insieme di benefici tangibili in termini economici, organizzativi e di riduzione dei rischi, ai quali si affiancheranno sicuramente, in un prossimo futuro, un insieme di obblighi derivati dalla evoluzione del quadro normativo vigente e di spinte date da operatori del settore come i commercialisti ed intermediari. Ogni anno in Italia si stampano 115 miliardi di pagine, di cui 19,5 miliardi inutilizzate, per un costo di 287 milioni di Euro. Ogni documento viene duplicato da 9 a 11 volte con un costo, per singola operazione, di 18 Euro. Un documento su venti va smarrito, il 3% dei documenti sono archiviati erroneamente, il costo per recuperare un documento non archiviato correttamente è di 120 Euro. La Percentuale media del tempo di ogni impiegato speso in attività di gestione documentale è del 40%. L impatto complessivo della gestione documentale tradizionale sul sistema-paese è quantificabile tra 42 e 70 miliardi di Euro all anno. Il risparmio derivato dalla sostituzione della fatturazione cartacea con quella elettronica e relativa archiviazione e conservazione sostitutiva è stimato in 14 miliardi di Euro. 5 Questi sono solo alcuni dei dati che potremmo citare, che evidenziano i benefici dell adozione di un sistema di Conservazione Sostitutiva, la maggior parte dei quali sottolineano come i vantaggi maggiori sono ottenibili quando la Conservazione Sostitutiva è affiancata ad una sistema di Gestione Documentale ed ancor più quando l organizzazione si dota di un sistema informatico che consente di gestire con una logica di processo l intero ciclo di vita di un documento, come il caso del ciclo ordine - fattura- pagamento. L'adozione della completa integrazione, attraverso il processo elettronico, del ciclo ordine-fattura-pagamento, incide sui costi in misura di una loro riduzione che oscilla tra il 67% e il 82% a seconda del settore industriale. 6 Alla luce dei dati riportati e di attente considerazioni possiamo quindi sintetizzare i benefici della Conservazione Sostitutiva insieme a quelli della Gestione Documentale nella tabella che segue: BENEFICI ECONOMICI Riduzione dei costi di stampa copie cartacee Riduzione dei costi di archiviazione e ricerca Riduzione dei costi di gestione di ritardi, errori e smarrimenti Riduzione dei costi di imposta di bollo sui registri Miglior utilizzo del personale distolto da attività a maggior valore aggiunto BENEFICI LOGISTICI E ORGANIZZATIVI Riduzione dei costi di mantenimento archivi cartacei, movimentazione, accesso ai documenti Accesso condiviso da parte delle diverse aree aziendali Maggiore efficienza nella ricerca documenti RIDUZIONE DEI RISCHI Eliminazione del rischio di danneggiamento della carta a causa di calamità o incidenti (fuoco, acqua, furti, ecc.) Garanzia di integrità e conservazione nel tempo 5 Dati derivati da Osservatorio sul Documento Digitale - Infocamere in collaborazione con NetConsulting- anno Dati derivati da Fatturazione elettronica: benefici non solo sulla carta - Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione -Politecnico di Milano - Rapporto 2007

7 E tangibile che in un prossimo futuro la Conservazione Sostitutiva dei documenti a rilevanza tributaria, sarà di fatto non più una scelta, ma un obbligo normativo. Si è già evidenziato l orientamento della nostra legislazione concentrato a spostare la gestione documentale da una forma cartacea ad una forma digitale. Molte Pubbliche Amministrazioni hanno già adottato strumenti idonei che hanno ampiamente ridotto l'uso e la circolazione di documenti cartacei anche nei rapporti con i cittadini e le aziende. I benefici addotti in termini di riduzione dei costi ed efficienza, che hanno inciso positivamente sul bilancio Statale, stanno motivando il legislatore ad accelerare l'introduzione del medesimo cambiamento su una gamma sempre più vasta di procedure e documenti. Citiamo come esempio la promulgazione nella Legge 244 del 24/12/2007 dell obbligo per le aziende che hanno rapporti con la Pubblica Amministrazione, di inviare esclusivamente fatture elettroniche, pena il disconoscimento del documento cartaceo da parte degli Uffici. Questo obbligo però non è ancora entrato in vigore poiché si è in attesa delle regole tecniche che disciplinano le modalità di trasmissione delle fatture. Con lo specializzarsi della normativa un altro fattore di spinta sarà sicuramente determinato dagli operatori del settore che operano da intermediari tra le Pubbliche Amministrazioni e le aziende, come i commercialisti o enti come le banche, sulle quali probabilmente ricadranno maggiori adempimenti che in modo indiretto richiederanno il modificarsi dei rapporti con le organizzazioni che forniscono. Sebbene i fattori di spinta alla adozione di un sistema di Conservazione Sostitutiva siano evidenti, non possiamo omettere di segnalare alcuni fattori di inibizione che frenano alcune organizzazioni. Primo fra tutti il timore nella gestione del cambiamento, caratterizzato dalla paura di introdurre nuove modalità operative nell organizzazione. Tale timore è sicuramente superabile grazie alla scelta di una valida consulenza e tecnologia a supporto. Segue la difficoltà nell individuare i benefici specie nelle realtà più piccole che non trattano molti documenti e che di fatto non si pongono proprio il problema di effettuare una corretta analisi. 7 Altro grande freno è costituito dalla poca chiarezza del quadro legislativo, ancorché completo ed in continua semplificazione. In ultimo il timore che i costi da sostenere siano eccessivi e la consapevolezza di non disporre di competenze necessarie. 8 L adozione di una sistema di conservazione sostitutiva è giustificato in quelle organizzazioni in cui esiste un volume minimo significativo di documenti annui gestiti è può costituire una scelta vincente se interpretata come mezzo e non come fine affinché ci si doti di un valido sistema di gestione documentale e ancor più ci si orienti ad una gestione elettronica dei flussi documentali. Le attuali applicazioni Il mercato propone diverse modalità di approccio per le organizzazioni che decidono di intraprendere il percorso della Conservazione Sostitutiva. Le attività possono essere espletate internamente ad una organizzazione, ovvero in House, con l onere di garantire la disponibilità dell hardware e del software ma con l enorme vantaggio di mantenere in casa il proprio patrimonio documentale ed il know how che verrà acquisito in materia. Tale modalità è ancora poco diffusa per alcuni dei fattori di inibizione in precedenza analizzati, tra cui il timore di commettere errori e la complessità percepita di alcune soluzioni proposte dal mercato. In alternativa si può usufruire di un servizio, affidandosi a soggetti esterni, ovvero in outsourcing, i quali si prendono carico di svolgere per conto dell organizzazione l intero iter. In questo caso il servizio viene erogato dal provider su proprie infrastrutture tecnologiche. Molti centri servizi si stanno ora attrezzando per fornire il servizio in modalità ASP o SAAS con possibilità di fruizione direttamente da Internet. In tale caso non sono richiesti grossi investimenti iniziali in hardware e software ed il costo più o meno fisso è diluito nel tempo. In Italia vi sono almeno 50 validi provider di servizi e soluzioni di Conservazione Sostitutiva, ciò determina una forte competizione sui servizi e sui prezzi tale da rendere il fattore investimenti e costi decisamente meno importante di una attenta stima dei benefici e di una analisi del percorso di implementazione. 7 a tal proposito l Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione del Politecnico di Milano ha messo a disposizione sul report 2010, degli utili strumenti per la valutazione dei benefici utilizzabili per una prima stima 8 osservazioni che emergono da Fatturazione elettronica in Italia: reportage dal campo - Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione - Politecnico di Milano - Rapporto 2010

8 Tra la quantità considerevole di prodotti software che il mercato propone la maggior parte è incentrata sulla risoluzione del tema conservazione sostitutiva assolvendo agli adempimenti minimi richiesti dalle norme, altri si preoccupano anche di proporre funzionalità di gestione documentale, pochi hanno un approccio più ampio offrendo anche funzionalità di workflow management. La conservazione sostitutiva Quali documenti conservare Il processo di Conservazione Sostitutiva è finalizzato a rendere un documento non deteriorabile e quindi disponibile nel tempo nella sua integrità ed autenticità, osservando precise regole tecniche per prepararlo e salvarlo su idonei supporti di conservazione. Solo dopo aver concluso correttamente il processo è possibile perseguire l obbiettivo di eliminazione degli originali cartacei. Il processo può essere applicato a quasi tutti i documenti siano essi rilevanti ai fini tributari e non, con differenti modalità a seconda della tipologia di documento che si sta trattando. 9 Riportiamo di seguito un elenco non esaustivo di documenti rilevanti ai fini tributari ai quali è possibile applicare la Conservazione Sostitutiva: Bilancio d esercizio e relazioni, composto da stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa Dichiarazioni fiscali e modulistica relativa ai pagamenti (Mod. F23 e F24) Documenti di trasporto, bolle di accompagnamento Fatture, lettere e telegrammi emessi e ricevuti Libro giornale e libro degli inventari Libro soci, libro obbligazioni, libro adunanze Registri prescritti ai fini dell IVA (es. registro degli acquisti, registro dei corrispettivi, registro delle fatture emesse) Registro dei beni ammortizzabili Registro fatture emesse, corrispettivi, acquisti, etc. Relazione sulla gestione, relazione dei sindaci e dei revisori contabili Scritture ausiliarie di magazzino Scritture ausiliarie nelle quali devono essere registrati gli elementi patrimoniali e reddituali E importante sottolineare la distinzione che la normativa fa tra: 1. documenti informatici, cioè che nascono già in formato digitale, rispetto ai quali vengono previste particolari modalità di emissione, conservazione ed esibizione; 2. documenti analogici (o cartacei), formati o emessi secondo le modalità tradizionali per i quali è comunque possibile procedere alla Conservazione Sostitutiva, previa trasposizione della loro immagine su supporti di memorizzazione, per poi trattarli come documenti informatici. 10 La normativa sottolinea poi ulteriori distinzioni in termini di formato e altro, nell ambito di tali tipologie di documenti, che evidenziamo nello schema seguente; per tutte le definizioni si rimanda al glossario. 9 Il processo non si applica alle scritture ed ai documenti rilevanti ai fini tributari nel settore doganale, delle accise, e delle imposte di consumo competenti l agenzia delle dogane (es. Bolla Doganale). 10 art. 4 comma 1 del DM 23/1/2004 applicabile ai documenti con rilevanza tributaria.

9 Il documento informatico rilevante ai fini tributari deve essere: 1. riguardo alla forma: - "statico non modificabile" 11 ; ossia il suo contenuto deve risultare non alterabile durante le fasi di accesso e di conservazione; - Immutabile nel tempo; - non deve contenere macroistruzioni 12 e codici eseguibili 13, tali da attivare funzioni idonee a modificare i fatti, gli atti o i dati in esso rappresentati. 2. emesso al fine di garantirne l'attestazione della data, l'autenticità e l'integrità, con l'apposizione 14 : - del riferimento temporale; - la sottoscrizione elettronica. Affinché vengano garantiti tali requisiti è necessario che un documento informatico con rilevanza tributaria sia salvato in un particolare formato, noto con l acronimo di PDF/a e su di esso sia apposto un riferimento temporale e una firma digitale. Inoltre il Processo di Conservazione può essere limitato ad una o più tipologie di documenti, l importante è che: venga assicurato l ordine cronologico delle registrazioni; non vi sia soluzione di continuità per ogni periodo di imposta. 15 In particolare per le fatture è ammesso tenere due numerazioni differenti, per le fatture elettroniche e le fatture analogiche e decidere di applicare il processo solo alle prime. Il processo di Conservazione Sostitutiva Il processo di Conservazione Sostitutiva si sviluppa in tre fasi: 1 memorizzazione dei documenti 2 archiviazione 3 conservazione in senso stretto La memorizzazione consiste nella trasposizione (cioè nella copia), su qualsiasi supporto che garantisca la leggibilità nel tempo della versione digitale dei documenti destinati ad essere conservati. A tale fine: i documenti analogici vengono digitalizzati, acquisendo la relativa immagine, che viene poi trasposta sul supporto; i documenti informatici vengono semplicemente trasposti sul supporto, così come sono; la memorizzazione deve: garantire la leggibilità nel tempo; rispettare l'ordine cronologico, senza soluzione di continuità per ciascun periodo d'imposta; consentire le funzioni di ricerca ed estrazione delle informazioni dagli archivi informatici in relazione, ad esempio, a nome, cognome, denominazione, codice fiscale, partita IVA, data art. 3, comma 1, lettera a, del decreto 23/1/ Quali ad esempio: i comandi che permettono l'aggiornamento automatico della data, la quale, per espressa previsione normativa, deve invece restare immutata. 13 Come, ad esempio, le istruzioni non sempre visibili dall utente, in grado di controllare, in modo non pilotato da chi apre il documento, l aspetto ed il contenuto dello stesso. 14 art. 3, comma 1, lettera b, del decreto 23/1/ art. 3, comma 1, lettera d, ed art. 4 comma 2 del decreto 23/1/ in particolare per i documenti con rilevanza tributaria devono essere memorizzzati i dati relativi a cognome, al nome o alla denominazione del mittente o del destinatario del documento; al codice fiscale; alla partita Iva; alla data di formazione del documento; alla data del documento o della registrazione contabile; a qualsiasi altra informazione ritenuta utile dal contribuente; ad associazioni logiche dei suddetti elementi.

10 Documenti analogici Documenti informatici Dopo la memorizzazione può venire l archiviazione elettronica, che prevede che i documenti vengano univocamente identificati mediante un codice di riferimento. In realtà questa fase, anche se citata dalle norme, di fatto avviene già in precedenza. Immediatamente dopo, in calce ad ogni documento rilevante ai fini fiscali dovrà essere apposto il riferimento temporale e la firma digitale. Il processo si conclude con la conservazione, che consiste nell apposizione del riferimento temporale, sufficiente per i documenti non aventi rilevanza tributaria, o della marca temporale, obbligatoria per i documenti aventi rilevanza tributaria, nonché della sottoscrizione elettronica a cura del Responsabile della Conservazione Sostitutiva: sull'insieme dei documenti, che sono stati memorizzati nel supporto per essere conservati (ad esempio tutti i verbali delle assemblee dell anno 2010, le fatture emesse nei primi quindici giorni di marzo); su una evidenza informatica contenente l impronta estratta dall insieme di documenti oggetto di conservazione 17. Solo per il processo di conservazione di documenti analogici originali unici è necessario attuare un ulteriore formalità: il processo si perfeziona con l'ulteriore apposizione, sul file firmato e contrassegnato temporalmente dal Responsabile della Conservazione Sostitutiva, del riferimento temporale e della firma digitale da parte di un Pubblico Ufficiale, per attestare la conformità di quanto memorizzato al documento d'origine 18. Il processo di conservazione deve rispettare dei tempi ben precisi che variano a seconda della tipologia di documento. Riportiamo di seguito uno schema che riporta la cadenza temporale massima che la legge impone per la conservazione dei vari documenti: documenti non rilevanti ai fini tributari Annuale documenti rilevanti ai fini tributari Fatture attive e passive Libri, repertori e scritture contabili Libro unico del lavoro Altri documenti Ogni 15 giorni Ogni 3 mesi Ogni mese Annuale tutti Ha piena rilevanza l archiviazione in forma cartacea. La Conservazione Sostitutiva può partire quando si vuole. L archivio cartaceo può essere distrutto solo al termine del processo di conservazione. Si deve comunque rispettare l'ordine cronologico, e non ci devono essere soluzioni di continuità per ciascun periodo d'imposta. Da quanto descritto è evidente che tra i requisiti che una soluzione tecnologica di Conservazione Sostitutiva deve avere è fondamentale la presenza di un adeguato sistema di protocollazione, indicizzazione e classificazione dei documenti 17 oggetto di apposizione del riferimento o della marca temporale e della firma digitale è l impronta, non l insieme dei documenti. L impronta, marcata e firmata, viene conservata nello stesso supporto in cui è presente l insieme dei documenti, da cui è stata ottenuta. 18 riconfermato con risoluzione 220/E del 13 agosto 2009.

11 che assicura all utilizzatore una veloce reperibilità degli stessi ed un valido sistema di workflow che gestisce il processo di conservazione nei tempi e nei modi dettati dalle norme ma anche nella maniera più efficace per l organizzazione. E importante quindi che la soluzione rispetti almeno i seguenti vincoli: Non deve introdurre alcuna nuova attività nell operatività, se non quanto strettamente necessario; Non deve modificare, se non per migliorarli, gli strumenti di lavoro abituali; Deve rendere gli eventuali nuovi strumenti introdotti perfettamente integrati a quanto esistente. Una valida soluzione di conservazione sostitutiva deve essere in grado di interpretare ed assolvere tutti i vincoli normativi sopra descritti, caricando l utente di pochi oneri, deve essere flessibile e capace di adeguarsi a nuove esigenze normative ma, cosa ancor più importante, oltre alla legalità di tutto il processo deve assicurare la sua valenza strategica. La soluzione Orkestrio La soluzione di Conservazione Sostitutiva proposta da openwork, realizzata facendo uso della omonima suite di Business Process Management, si colloca in quella categoria di soluzioni software che oltre a disporre in modo nativo di funzionalità di gestione documentale, hanno un approccio più ampio offrendo anche funzionalità di Workflow Management e Business Process Management, garantendo la valenza strategica di un siffatto progetto. La soluzione openwork consente infatti di affrontare con una logica di processo l intero iter della Conservazione Sostitutiva definito dalle norme, a partire dalla fase di memorizzazione fino alla fase di conservazione in senso stretto, con la possibilità di caratterizzare il processo in funzione di tempi e modi che variano a seconda della categoria di documento che si sta gestendo, come disposto dalle norme. La logica di funzionamento è di tipo push ovvero sarà sempre il sistema a coinvolgere il Responsabile della Conservazione Sostitutiva o altri utenti, durante l anno fiscale in cui si stà operando, nell esecuzione delle attività che gli competono, liberandolo del copioso onere di doversi ricordare di fare la cosa giusta al momento giusto. Inoltre il sistema, grazie alla disponibilità nativa di un potente motore di Workflow Management, offre la possibilità di poter implementare, contestualmente o successivamente, altri processi, al fine di gestire l intero flusso legato ad un documento, la cui conservazione rappresenta solo la fase finale. Per esempio per le fatture passive si potrebbe implementare l intero ciclo ordine - fattura- pagamento. Elenchiamo di seguito le caratteristiche generali della soluzione: presenza di funzionalità native di Gestione Documentale su cui poggiare l infrastruttura per la Conservazione Sostitutiva; presenza di un motore di workflow management che guida i processi di Conservazione Sostitutiva e predispone l organizzazione alla implementazione di nuovi processi; possibilità di integrarsi con altri sistemi esterni come i gestionali ed ERP, in modo tale da mantenere collegati documenti ed eventuali registrazioni di dati gestionali; aderenza alla normativa vigente con possibilità di recepire facilmente e rapidamente le evoluzioni della normativa stessa; possibilità di effettuare in modo rapido variazioni e personalizzazioni dei processi che guidano il sistema; possibilità di gestire profili di utilizzo differenti in base ai ruoli rivestiti dall utente e di controllare gli accessi; possibilità di archiviare tutti i tipi di documenti che la legge consente; semplicità d uso e fruibilità attraverso internet o una intranet aziendale; tecnologia aperta basata su modelli architetturali e tecnologici standard di mercato;

12 Caratteristiche funzionali Riportiamo di seguito le caratteristiche funzionali della soluzione, rimandando al successivo esempio del caso delle fatture Passive una illustrazione di quanto l applicazione operativamente consente di fare. ARCHIVIAZIONE E MEMORIZZZIONE DEI DOCUMENTI 1. Acquisizione dei documenti analogici Il sistema consente di acquisire i documenti analogici in differenti modalità: - da scanner anche in modo massivo; - da altri applicativi come gestionali o ERP; - da file system personale o di rete; - da ; - da database; - da PEC. Alcune di queste modalità possono necessitare del disegno di processi personalizzati. 2. Acquisizione o emissione dei documenti informatici Il sistema oltre che acquisire i documenti informatici permette anche di emetterli, garantendo la loro non modificabilità, immutabilità ed assenza di macroistruzioni o codici eseguibili, attraverso la stampa in PDf/a, ed attestazione della data, autenticità ed integrità, con apposizione di riferimento temporale e firma digitale; 3. Acquisizione dei metadati dei documenti Oltre al documento (file) il sistema consente di associare una serie di dati (metadati) che caratterizzano il documento e che potranno poi essere utilizzati nelle funzioni di ricerca ed estrazione, quali per esempio la denominazione del mittente/destinatario, la partita IVA, il codice fiscale, la data di formazione del documento; 4. Trasferimento dei metadati e dati sul sistema di archiviazione Il sistema gestisce i documenti acquisisti visualizzandoli all interno di form, che contengono oltre ai dati destrutturati (il file del documento) anche i metadati, conservandoli in un apposito repository. I metadati vengono invece salvati sul database interno del sistema. 5. Indicizzazione, protocollazione e classificazione dei documenti Sono garantite tutte le funzionalità di un sistema di protocollazione (anche a norma CNIPA), tra cui la classificazione dei documenti sulla base di un piano di classificazione personalizzato, e l attribuzione di una codice di riferimento progressivo. 6. Funzioni di ricerca ed estrazione Tutti i documenti sono resi disponibili agli utenti in modo controllato per la ricerca e l estrazione, attraverso degli elenchi personalizzabili, in modo da facilitare anche le operazioni di esibizione dei documenti stessi. CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 7. Definizione delle caratteristiche del sistema di conservazione Il sistema consente al Responsabile della Conservazione Sostitutiva di definire alcune regole con cui deve avvenire la conservazione dei documenti a seconda della loro tipologia, per esempio indicare i tempi di archiviazione. 8. Gestione dei lotti periodici

13 Periodicamente, sulla base di regole definite dal Responsabile della Conservazione Sostitutiva il sistema crea dei fascicoli virtuali contenenti: i riferimenti ai documenti oggetto della conservazione, individuati sempre sulla base delle regole definite per ogni tipologia documentale, i metadati ed i file di chiusura. Ciascun lotto viene sottoposto dapprima alla firma digitale massiva su ciascun documento, se richiesta, e successivamente alla firma digitale con marca temporale in un unico insieme (file di chiusura). Il lotto si chiude con il calcolo dell impronta. 9. Gestione dei riepiloghi annuali per categoria documentale Ogni anno il sistema crea uno o più fascicoli virtuali contenenti: i riferimenti ai lotti periodici di ciascuna tipologia documentale oggetto della conservazione, individuati sulla base delle regole definite dal Responsabile della Conservazione Sostitutiva, i metadati ed i file di chiusura. Ciascun riepilogo viene sottoposto alla firma digitale con marcatura temporale in un unico insieme (file di chiusura), il riepilogo si chiude con il calcolo dell impronta. 10. Gestione del riepilogo annuale generale Ogni anno, il sistema crea un fascicolo virtuale contenente: i riferimenti ai riepiloghi annuali per categoria documentale, oggetto della conservazione, individuati sulla base delle regole definite dal Responsabile della Conservazione Sostitutiva, i metadati ed i file di chiusura. Il riepilogo viene sottoposto alla firma digitale con marcatura temporale in un unico insieme (file di chiusura), il riepilogo si chiude con il calcolo dell impronta. 11. Calcolo delle impronte Il sistema calcola le impronte dei documenti o di insiemi di questi, applicando la funzione di hash del tipo SHA256 ai sensi della Delibera CNIPA 21 maggio 2009, n. 45, al fine di garantire la loro integrità ed impedire che i documenti possano essere successivamente modificati. 12. Generazione dei file di chiusura Il sistema genera un file in formato xml contenente le impronte dei documenti o di insiemi di questi. E su questo file che viene di fatto apposta la firma digitale con marcatura temporale. 13. Applicazione firma massiva e riferimento temporale dei documenti Nel caso in cui i documenti archiviati necessitano di essere firmati singolarmente (firma digitale + riferimento temporale), il sistema gestisce la firma massiva non presidiata. I documenti vengono firmati sul server, previa digitazione di un pin da parte del Responsabile della Conservazione Sostitutiva, eliminando così l onerosa attività di firma di ogni singolo documento. In conformità alle norme, per garantire la sicurezza della procedura, il sistema utilizza un protocollo https che cripta i dati della transazione. In particolare i dati del PIN transitano nel sistema unicamente per il tempo necessario allo svolgimento della attività di firma e non vengono memorizzati. Sarà necessario installare sul server il dispositivo di firma. 14. Applicazione firma digitale e marca temporale dei documenti Il sistema gestisce l apposizione della firma digitale e della marca temporale a chiusura del processo di conservazione, attraverso la componente openwork Digital sign che integra la tecnologia Digital Sign di Comped, il sistema restituisce un file con estensione tsd come disposto dalla deliberazione CNIPA n.45 del 21 Maggio E possibile l uso dei comuni dispositivi di firma disponibili sul mercato. 15. Elenchi dei lotti e dei riepiloghi E sempre possibile visualizzare in elenchi i lotti e i riepiloghi chiusi o in chiusura insieme all impronta che li caratterizza ed effettuare ricerche sulla base dei dati indicizzati tra cui in particolare il valore dell impronta.

14 16. Gestione agenda delle attività Il sistema per guidare il Responsabile della Conservazione Sostitutiva nello svolgimento delle attività che gli competono, notifica l attività nella agenda personale dello stesso, collocata sul desktop del sistema, tale notifica può avvenire anche via mail n giorni prima della esecuzione delle attività. 17. Gestione notifiche eventi Il sistema consente di notificare lo svolgimento delle attività oltre che alla persona direttamente interessata alla esecuzione, anche ad altri della organizzazione, a discrezione del Responsabile della Conservazione Sostitutiva. Per un quadro completo delle funzionalità di gestione documentale e workflow management, native della tecnologia base openwork si rimanda alla documentazione specifica della suite openwork. Il caso delle fatture passive Per illustrare al meglio cosa fa la soluzione openwork per affrontare la tematica della Conservazione Sostitutiva analizziamo di seguito un caso specifico. Supponiamo che una organizzazione, che effettua la registrazione delle fatture passive in formato analogico attraverso un software gestionale o ERP, voglia attuare la Conservazione Sostitutiva a partire dal successivo periodo di imposta. L esempio in particolare evidenzia come, con l uso della soluzione openwork, è possibile: ottenere un unico ambiente dove coesistono i dati delle fatture passive, che normalmente vengono registrati in un gestionale, ed i documenti cartacei associati digitalizzati, che normalmente vengono archiviati in faldoni e riposti in archivi, in modo rapido, con poche attività che coinvolgono gli operatori e che non alterano il loro modo abituale di lavorare; svolgere, nello stesso ambiente, tutte le attività che consentono, in modo legale, di conservare le fatture passive in formato digitale nell archivio informatico, in sostituzione di quelle cartacee, che potranno essere distrutte, oltre che ottenere tutti i vantaggi legati al sistema di gestione documentale; gestire in modo automatico gran parte delle attività, attraverso processi eseguibili opportunamente disegnati con il workflow designer della suite openwork, coinvolgendo il Responsabile della Conservazione Sostitutiva solo quando strettamente necessario. Infatti durante l anno fiscale questo sarà chiamato unicamente ad apporre la firma digitale con o senza marca temporale quando necessario, dopo che lui stesso avrà opportunamente pianificato la conservazione delle fatture passive una volta per tutte. Per facilità di lettura si indica con RC il Responsabile della Conservazione Sostitutiva, con Sistema il sistema di Conservazione Sostitutiva e gestione documentale realizzato su tecnologia openwork, per tutte le altre definizioni si veda il glossario. Immaginiamo, per semplicità, che le fatture dei primi 15 giorni siano 5 e ipotizziamo di averle registrate in un software gestionale o ERP. La registrazione viene effettuata dall operatore eseguendo le seguenti attività: 1. registrazione dei dati delle fatture (dati indice) nel gestionale; 2. apposizione di una etichetta adesiva contenente un barcode su ciascun documento registrato; 3. lettura del barcode tramite pistola ottica che alimenta un campo presente nella form di registrazione del gestionale;

15 4. riposizione dei documenti cartacei in una opportuna vaschetta; 5. digitalizzazione veloce attraverso scanner dell intero lotto Al termine delle registrazioni il sistema ha a disposizione due flussi di dati: 1. il flusso proveniente dallo scanner che si concretizza in un file pdf di 5 pagine con le fatture digitalizzate su cui è evidente la presenza del barcode: Figura 1: flusso proveniente dallo scanner 2. il flusso proveniente dal gestionale che si concretizza in un file di testo riportante una serie di dati indicizzati, ad esempio: Figura 2: flusso proveniente dal gestionale Un opportuno processo monitor del sistema, sempre attivo, intercetta il flusso ed esegue le seguenti attività: separa il file pdf in n file pdf ciascuno riferito ad una fattura riconosciuta in corrispondenza di un barcode, funzionalità resa disponibile dalla libreria openwork barcode; estrae un record di dati indice per ciascuna fattura dal flusso proveniente dal gestionale; crea un documento nel sistema (form) per ogni fattura riconosciuta contenente sia i metadati indice sia il file. terminata l analisi dei flussi il processo torna in ascolto del successivo flusso. nel frattempo il sistema avrà acquisito i metadati ed i documenti che saranno stati archiviati rispettivamente nel database e nel repository del sistema. tutto ciò in completa automazione. Alla fine della registrazione quello che l utente visualizza è un sistema di gestione documentale alimentato con i metadati delle fatture in precedenza registrati sul gestionale più la fattura cartacea digitalizzata, come riportato nelle immagini esemplificative che seguono: Figura 3: elenco fatture passive memorizzate nel Sistema

16 Figura 4: form di una fattura passiva contenente i metadati e il documento L accesso a ciascuna fattura può avvenire attraverso un URL che può essere richiamata direttamente dal software gestionale nel quale la chiave di identificazione del documento (numero di barcode) è un dato disponibile. Conclusa la fase di memorizzazione ed archiviazione delle fatture sul Sistema, si può procedere alla fase di conservazione effettiva dei documenti che di seguito illustriamo: RC pianifica, una volta per tutte, la conservazione periodica delle fatture passive, cioè setta i parametri di configurazione relativi alla tipologia di documento, in questo caso fatture passive, su una apposita form disponibile nel Sistema. Tale operazione va compiuta una sola volta per ogni tipologia documentale oggetto di conservazione. In particolare nella form sarà possibile indicare: la tipologia di documento da conservare; la data di inizio dell anno fiscale di riferimento della conservazione; la periodicità della conservazione; la data in cui si desidera far avviare il processo di conservazione; se è necessaria l apposizione di firma digitale e riferimento temporale su ciascun documento; se è necessario informare determinate persone dell organizzazione dell avvio del processo di conservazione; Nel caso specifico decidiamo di effettuare la conservazione ogni 15 giorni e, trattandosi di documenti analogici, dovendo RC attestare la loro conformità agli originali cartacei, decidiamo di apporre firma digitale e riferimento temporale su ciascun documento. Figura 5: form di configurazione

17 Un processo del sistema sempre attivo, si occupa di verificare i parametri di configurazione, attivando al momento giusto l opportuno processo di conservazione. infatti alla data settata come prossima archiviazione lo stesso processo, in completa automazione, si occupa di: 1 generare un fascicolo denominato lotto periodico contente i dati del lotto (periodo di riferimento, data di creazione, etc.); 2 calcolare la data in cui il processo di conservazione dovrà ripartire per la conservazione del successivo periodo, che in questo caso è dopo 15 giorni; 3 avviare un apposito processo di conservazione tale processo di conservazione avrà cura di: 4 estrarre i documenti pdf allegati a ciascuna form delle fatture passive, oggetto della conservazione, e predisporli alla firma sistemandoli in una cartella temporanea; 5 coinvolgere rc per apporre la firma digitale su ciascun documento del lotto (firma lotto), assegnandogli una sola attività per la firma di tutti i documenti, nell agenda presente sul desktop del sistema. Figura 6: attività di firma massiva riportata in agenda di RC Alla data settata come prossima archiviazione, RC esegue l attività di firma lotto, su invito del Sistema, dopo aver preso visione dei documenti da firmare. L attività viene svolta sempre nel fascicolo precedentemente creato dal Sistema, semplicemente inserendo il PIN del proprio dispositivo di firma, al fine di avviare la firma massiva dei documenti. Figura 7: apposizione del PIN nel fascicolo lotto periodico

18 Il processo quindi procede occupandosi, in completa automazione, delle seguenti attività: 1 apporre la firma massiva dei documenti lato server generando un file in formato p7m per ogni singolo documento; 2 calcolare le impronte dei singoli file firmati applicando una funzione di hash del tipo sha256; 3 generare un file di chiusura in formato xml che contiene le singole impronte definito evidenza informatica di primo livello allegandolo al fascicolo lotto periodico; 4 coinvolgere rc per apporre la firma digitale e la marca temporale sul file di chiusura, cioè quello sopra riportato in esempio, riportandogli una attività nell agenda presente sul desktop del sistema. Figura 8: file di chiusura del lotto periodico Figura 9: attività di firma e marcatura temporale riportata in agenda di RC RC applica la firma digitale e la marcatura temporale sulla evidenza informatica di primo livello, su invito del Sistema, presa visone del file di chiusura, tramite l uso del proprio dispositivo di firma. il processo quindi si conclude occupandosi di: allegare al fascicolo lotto periodico il relativo file tsd; allegare a ciascuna form fattura passiva il relativo file p7m e riportare i valori della impronta; calcolare l impronta dell evidenza informatica firmata e marcata temporalmente applicando una funzione di hash del tipo sha256 ed inserimento della stessa nel fascicolo del lotto periodico;

19 Figura 10: fascicolo lotto periodico contenente i dati generali tra cui l impronta, i documenti oggetto della conservazione, il file di chiusura ed il file tsd Si conclude così la conservazione del lotto delle 5 fatture, con la generazione da parte del Sistema di un impronta attraverso la quale è possibile risalire in modo univoco alle 5 fatture. Successivamente ogni quindici giorni, a partire dal primo avvio del processo, un apposito processo del Sistema sempre attivo, riavvierà tutto il ciclo sopra descritto applicato alle fatture ricevute nello specifico range temporale, per 24 volte durante l anno fiscale di riferimento, accumulando così 24 lotti periodici e relative impronte. Tali impronte saranno oggetto di un ulteriore lavorazione al fine di chiudere tutto il ciclo di conservazione delle fatture passive per l anno fiscale di riferimento. Illustriamo di seguito come si procede.

20 RC pianifica la conservazione annuale delle fatture passive in previsione della chiusura dell anno fiscale, programmando il riepilogo annuale per la chiusura del ciclo. La pianificazione del riepilogo annuale viene effettuata sempre sullo stesso modello di form di configurazione, in questo caso sarà necessario unicamente indicare: la data di inizio dell anno fiscale di riferimento della conservazione; la data in cui si desidera far avviare il processo di conservazione; Figura 11: form configurazione riepilogo annuale, con date puramente indicative per l anno fiscale a solo titolo di esempio Alla data che sarà stata settata come prossima archiviazione, un apposito processo si occuperà di : generare una nuovo fascicolo denominato riepilogo annuale tipologia documentale contente l elenco delle 24 evidenze informatiche del ciclo passivo per l anno fiscale di riferimento; generare un file di chiusura in formato xml che contiene le 24 impronte definito evidenza informatica di secondo livello; coinvolgere rc per apporre la firma digitale e la marca temporale sull evidenza informatica di secondo livello riportandogli una attività nell agenda presente sul desktop del sistema; RC applica la firma digitale e la marcatura temporale sull evidenza informatica di secondo livello, su invito del sistema, presa visone del file di chiusura, tramite l uso del proprio dispositivo di firma. Il processo quindi si conclude occupandosi di: allegare al fascicolo il relativo file tsd; calcolare l impronta dell evidenza informatica di secondo livello (riepilogo annuale per tipologia documentale) firmata e marcata temporalmente applicando una funzione di hash del tipo sha256 ed inserimento della stessa nel fascicolo del riepilogo; Sarà dunque questa impronta a dover essere comunicata alla agenzia delle entrate. Riportiamo di seguito uno schema riassuntivo di tutto il processo per l anno fiscale.

Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire

Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire Fattura elettronica Conservazione delle fatture su supporto informatico: le regole da seguire di Francesco Scopacasa Codice civile Normativa tributaria Validità fiscale La possibilità di conservare su

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 23 gennaio 2004: Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto. (Pubblicato nella G.U. n. 27 del 3 febbraio

Dettagli

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di (G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Conservazione sostitutiva di documenti tributari e fatturazione elettronica

Conservazione sostitutiva di documenti tributari e fatturazione elettronica Padova 20 febbraio 2007 Conservazione sostitutiva di documenti tributari e fatturazione elettronica Umberto Zanini Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Modena Tel.059/2929777/2929483 Fax 059/2926210

Dettagli

Affiancare una gestione documentale alla registrazione di documenti in un gestionale: dalla fattura cartacea alla conservazione sostitutiva

Affiancare una gestione documentale alla registrazione di documenti in un gestionale: dalla fattura cartacea alla conservazione sostitutiva Affiancare una gestione documentale alla registrazione di documenti in un gestionale: dalla fattura cartacea alla conservazione sostitutiva INTRODUZIONE In ogni organizzazione pubblica o privata, grande

Dettagli

C.C.I.A.A. DI PADOVA 29 NOVEMBRE 2011 LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI LIBRI CONTABILI

C.C.I.A.A. DI PADOVA 29 NOVEMBRE 2011 LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI LIBRI CONTABILI C.C.I.A.A. DI PADOVA 29 NOVEMBRE 2011 LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI LIBRI CONTABILI GLI ARGOMENTI DI OGGI Processi e definizioni Informatiche Normative Dematerializzazione di documenti e scritture Nella gestione

Dettagli

La conservazione sostitutiva dei documenti

La conservazione sostitutiva dei documenti Conservazione dei documenti 1/3 La conservazione sostitutiva dei documenti Corso di Informatica giuridica a.a. 2005-2006 I documenti degli archivi, le scritture contabili, la corrispondenza e gli atti,

Dettagli

dei documenti fiscali

dei documenti fiscali Archiviazione e conservazione dei documenti fiscali OPPORTUNITÀ PER GLI STUDI E LA CLIENTELA LaMagna Carta Srl PADOVA 1 IL DOCUMENTO Qualunque oggetto materiale che possa essere utilizzato a scopo di studio,

Dettagli

ARCHIVIAZIONE E. Obblighi & Opportunità. 8 Gennaio 2010

ARCHIVIAZIONE E. Obblighi & Opportunità. 8 Gennaio 2010 ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Obblighi & Opportunità 8 Gennaio 2010 Conservazione di documenti dal 2000 al 2006 2 MEMORIZZAZIONE, ARCHIVIAZIONE, CONSERVAZIONE 3 COSA SERVE 4 DOCUMENTO INFORMATICO

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli TENUTA E CONSERVAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI CON MODALITA INFORMATICHE Documento n. 27 del 24 ottobre 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223)

Dettagli

Professionisti ed imprese: strumenti per competere meglio N. 1 2007 Sistema Centro Studi Castelli

Professionisti ed imprese: strumenti per competere meglio N. 1 2007 Sistema Centro Studi Castelli Soluzioni per la gestione d impresa Anno II N 1/2007 Periodico trimestrale Professionisti ed imprese: strumenti per competere meglio N. 1 2007 Rivista on line Sistema Centro Studi Castelli SOMMARIO SCHEMA

Dettagli

Appare evidente come l innovazione tecnologica

Appare evidente come l innovazione tecnologica ICT E DIRITTO Rubrica a cura di Antonio Piva, David D Agostini Scopo di questa rubrica è di illustrare al lettore, in brevi articoli, le tematiche giuridiche più significative del settore ICT: dalla tutela

Dettagli

DELIBERAZIONE 19 febbraio 2004

DELIBERAZIONE 19 febbraio 2004 DELIBERAZIONE 19 febbraio 2004 Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la - Art. 6, commi 1 e 2, del testo unico delle disposizioni legislative

Dettagli

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Milano, 4 giugno 2004 Avv. Luigi Neirotti Studio Legale Tributario - EYLaw 1 Normativa

Dettagli

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Focus di pratica professionale di Luca Signorini La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Introduzione Da tempo l informatica costituisce parte

Dettagli

Di cosa stiamo parlando?

Di cosa stiamo parlando? Genova, 17 novembre 2010 Di cosa stiamo parlando?..del passaggio culturale, sociologico, economico e, quindi, giuridico da un documento pesante e statico ad un documento dinamico, che si condivide e che

Dettagli

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro.

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro. SCHEDA DEL CORSO Titolo: La gestione elettronica e la dematerializzazione dei documenti. Il Responsabile della La normativa, l operatività nelle aziende e negli studi professionali. Come sfruttare queste

Dettagli

OGGETTO: Conservazione elettronica. Istanza di interpello 2007 Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212.

OGGETTO: Conservazione elettronica. Istanza di interpello 2007 Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 14/E Roma, 21 gennaio 2008 OGGETTO: Conservazione elettronica. Istanza di interpello 2007 Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Con l interpello

Dettagli

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo

Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Adempimenti e problematiche di Diritto Societario di Viviana Grippo Bollo virtuale: in scadenza il 2013 Il prossimo 31 gennaio 2013 scadono sia il versamento dell imposta di bollo virtuale dovuta sui libri

Dettagli

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it 158/E RISOLUZIONE N.

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it 158/E RISOLUZIONE N. RISOLUZIONE N. 158/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 giugno 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione e Ordini Professionali D.M. 23 gennaio 2004 e fatturazione elettronica risposta

Dettagli

La conservazione della fattura elettronica e della pec

La conservazione della fattura elettronica e della pec Confindustria Firenze 17 luglio 2014 La conservazione della fattura elettronica e della pec Relatore Avv. Chiara Fantini Of Counsel Studio Legale Frediani - Partner DI & P Srl Indice Quadro normativo in

Dettagli

La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche

La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche Articolo pubblicato sulla rivista tributaria L IVA n.5/2006 -Wolters Kluver Italia Srl La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche Dott.Giorgio Confente Agenzia delle Entrate

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Tipo del sistema di Conservazione a Norma del Manuale Operativo del sistema di Conservazione a Norma del Prima versione. Pagina 1 di 16 Tipo del sistema di Conservazione a Norma del 1 INTRODUZIONE 1.1

Dettagli

Archiviazione ottica per i documenti contabili

Archiviazione ottica per i documenti contabili Pagina 1 di 5 Pubblicato su FiscoOggi (http://www.fiscooggi.it) Archiviazione ottica per i documenti contabili La firma elettronica va comunicata alle Agenzie fiscali per via telematica entro il 30 novembre

Dettagli

PER ENTRAMBE LE TIPOLOGIE

PER ENTRAMBE LE TIPOLOGIE PER ENTRAMBE LE TIPOLOGIE RESI LEGGIBILI NEL TEMPO IN ORDINE CRONOLOGICO NON CRITTOGRAFATI RICERCABILI OMOGENEITA PER PERIODO D IMPOSTA ESIBIZIONE & MEMORIZZAZIONE CONSERVAZIONE RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE

Dettagli

Notizie e aggiornamenti normativi che riguardano la dematerializzazione e l archiviazione elettronica dei documenti.

Notizie e aggiornamenti normativi che riguardano la dematerializzazione e l archiviazione elettronica dei documenti. Studio TEOREMA SERVIZI di A. Drappero News di aggiornamento Agenda per l Italia digitale Archiviazione conservativa dei Modelli 770 software dedicato I punti di forza: a) Unica installazione in grado di

Dettagli

La conservazione elettronica dei documenti nell attuale scenario normativo Norme, regole, esempi concreti. Relatore : Mautino Luisella

La conservazione elettronica dei documenti nell attuale scenario normativo Norme, regole, esempi concreti. Relatore : Mautino Luisella La conservazione elettronica dei documenti nell attuale scenario normativo Norme, regole, esempi concreti Relatore : Mautino Luisella INDICE Quadro normativo vigente Documenti da archiviare definizioni

Dettagli

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: White Paper Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: Pagina 2 di 12 Versione 2.0 Sommario Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:... 1... 1 White Paper... 1 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Il mondo Unappa è complesso! Ma esiste la soluzione per rendere il potenziale una fattibile realtà

Il mondo Unappa è complesso! Ma esiste la soluzione per rendere il potenziale una fattibile realtà Conservazione digitale delle scritture contabili Il mondo Unappa è complesso! Ma esiste la soluzione per rendere il potenziale una fattibile realtà RESPONSABILE PRIVACY CONSERVAZIONE UNAPPA STATUTO ARTICOLO

Dettagli

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO FINANZE & LAVORO GRUPPO EDITORIALE ESSELIBRI SIMONE APPENDICE DI AGGIORNAMENTO AL VOLUME FL229 EDIZIONE/2003 I LIBRI CONTABILI E FISCALI Tenuta, aggiornamento e conservazione Tale appendice è scaricabile

Dettagli

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11 1 2 Indice 1.1 Cos è la Conservazione digitale a Norma? --------------------------------------------------------------------------------------------- 6 1.2 Quali sono le condizioni da rispettare, indipendentemente

Dettagli

Firma digitale INTRODUZIONE

Firma digitale INTRODUZIONE Firma digitale INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei dieci obiettivi del Piano per l e-government. Per quanto riguarda la PA, l obiettivo, abilitante allo sviluppo dei servizi on line, si

Dettagli

La conservazione a norma dei documenti

La conservazione a norma dei documenti Progetto grafico: PRC Roma Questa guida è stata realizzata grazie al contributo di Intesa Spa e IBM Group. Le guide di questa collana sono supervisionate da un gruppo di esperti di imprese e associazioni

Dettagli

Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali

Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali Vantaggi della conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini fiscali 1 Libri contabili tenuti in forma cartacea Libri contabili tenuti con sistemi meccanografici Libri contabili elettronici

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA

Supporto On Line Allegato FAQ LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8ADG2Y82888 Data ultima modifica 20/10/2010 Prodotto ARKmanager Client Modulo Conservazione sostitutiva Oggetto: Conservazione sostitutiva Chiarimenti normativi

Dettagli

La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti

La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti Cerreto Guidi 27 luglio 2011 La fattura elettronica e la conservazione sostitutiva Prospettive per imprese e professionisti Umberto Zanini Dottore Commercialista e Revisore Contabile www.umbertozanini.it

Dettagli

Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001

Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001 Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001 Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei

Dettagli

Scenario: bisogni aziendali

Scenario: bisogni aziendali Scenario: bisogni aziendali Per gestire i propri processi le aziende, indipendentemente dal settore di riferimento, producono documentazione eterogenea, che spesso è causa di inefficienze e disorganizzazione.

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE DELLE REGOLE TECNICHE PER LA RIPRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI SU SUPPORTO OTTICO

NOTE ESPLICATIVE DELLE REGOLE TECNICHE PER LA RIPRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI SU SUPPORTO OTTICO NOTE ESPLICATIVE DELLE REGOLE TECNICHE PER LA RIPRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI SU SUPPORTO OTTICO Premessa Come è ben noto la prima applicazione della deliberazione AIPA n. 42/2001, inerente

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ a cura del Col. t.st Danilo PETRUCELLI Comandante del Nucleo PT Torino Guardia di Finanza Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 Sviluppo tecnologico

Dettagli

Brevi note riguardo l invio dell impronta degli archivi digitali dei documenti con rilevanza tributaria

Brevi note riguardo l invio dell impronta degli archivi digitali dei documenti con rilevanza tributaria 6029 APPROFONDIMENTO Brevi note riguardo l invio dell impronta degli archivi digitali dei documenti con rilevanza tributaria di Giuseppe Mantese (*) L articolo prende in considerazione le modalità di invio

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione FATTURA ELETTRONICA non solo verso la pubblica amministrazione Fattura Emissione documento IVA cartaceo prestampato personalizzato da tipografia Registrazione documento IVA registri IVA manuali registri

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

L ufficio senza carta: ora si può

L ufficio senza carta: ora si può Organizzazione L ufficio senza carta: ora si può Renata Bortolin Negli ultimi anni, abbiamo assistito al susseguirsi di annunci di leggi che semplificano i procedimenti amministrativi, fiscali e tributari

Dettagli

Clapps Invoice PA. scheda informativa

Clapps Invoice PA. scheda informativa Clapps Invoice PA scheda informativa 3 CLAPPS INVOICE PA La Finanziaria 2008 ha introdotto l obbligo della fattura elettronica nei rapporti con la PA. Dal 6 giugno 2014, Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti

Dettagli

La conservazione digitale nello studio professionale

La conservazione digitale nello studio professionale La conservazione digitale nello studio professionale 20.10.2015 Relatore: Dott. Fabrizio Scossa Lodovico OPEN Dot Com Spa Fattura P.A. Facile Pag. 1 FONTI NORMATIVE Codice Civile: artt. da 2214 a 2220

Dettagli

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 6 dicembre 2006, n. 36/E

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 6 dicembre 2006, n. 36/E CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 6 dicembre 2006, n. 36/E OGGETTO: Decreto ministeriale 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/5 OGGETTO CONSERVAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE (DOCUMENTI INFORMATICI) CLASSIFICAZIONE DT IVA FATTURAZIONE ELETTRONICA 20.020.021 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 1 CO. 209-214 L. 24.12.2007 N. 244 (LEGGE

Dettagli

La fattura elettronica

La fattura elettronica La fattura elettronica L. 69 del 2009 art. 32 Eliminazione degli sprechi relativi al mantenimento di documenti in forma cartacea Dal 1 gennaio 2010 Pubblicazione sui siti web con effetti legali..salvo

Dettagli

Comune di Cuneo Manuale Operativo del sistema di conservazione a norma del Comune di Cuneo Indice

Comune di Cuneo Manuale Operativo del sistema di conservazione a norma del Comune di Cuneo Indice Comune di Cuneo Manuale Operativo del sistema di conservazione a norma del Comune di Cuneo Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Dati identificativi del manuale operativo... 3 1.2 Responsabile del manuale operativo...

Dettagli

Digitalizzazione dei Documenti. Il software Archidigi.

Digitalizzazione dei Documenti. Il software Archidigi. www.opendotcom.it 1 Digitalizzazione dei Documenti. Il software Archidigi. Innovazione dei processi e quadro normativo di riferimento. Dott. Fabio Aimar Dott. Francesco Cappello 2 Premessa L aumento delle

Dettagli

Gestione Elettronica Documentale

Gestione Elettronica Documentale Gestione Elettronica Documentale PER LE AZIENDE E I PROFESSIONISTI Servizi - Consulenza - Soluzioni Software Premessa Il Gruppo Maggioli propone soluzioni e servizi per la conversione di documenti analogici

Dettagli

digitale della documentazione

digitale della documentazione I controlli fiscali alle aziendeche adottanola conservazione digitale della documentazione Verifica della corrispondenza fra l impronta dell archivio inviata all Agenzia delle Entrate e quella riscontrata

Dettagli

La fattura elettronica per il dottore commercialista

La fattura elettronica per il dottore commercialista S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PUNTO SULLA FATTURA ELETTRONICA La fattura elettronica per il dottore commercialista DANIELE TUMIETTO 8 Marzo 2013 - Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI Circolare informativa per la clientela Settembre Nr. 2 DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI In questa Circolare 1. Codice dell amministrazione digitale 2. Modifiche

Dettagli

Documenti informatici, efficacia probatoria, identità digitale e crimini informatici

Documenti informatici, efficacia probatoria, identità digitale e crimini informatici Documenti informatici, efficacia probatoria, identità digitale e crimini informatici Guido Scorza gscorza@guidoscorza.it www.guidoscorza.it Se dopo oltre dieci anni di firme e documenti informatici siamo

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

Nulla si crea Nulla si distrugge Ma tutto si conserva

Nulla si crea Nulla si distrugge Ma tutto si conserva Nulla si crea Nulla si distrugge Ma tutto si conserva Dockeeper è la suite di conservazione sostitutiva che gestisce l intero processo di generazione, emissione ed archiviazione dei documenti, dalla semplice

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA ASL 2 LIGURIA Savona, 23 Settembre 2008 CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA prof. avv. Benedetto Santacroce Santacroce-Procida-Fruscione 1 CM 45/E/2005 Delibera CNIPA 11/2004 MEMORIZZAZIONE ARCHIVIAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

SCHEMA DI DELIBERAZIONE

SCHEMA DI DELIBERAZIONE Allegato al verbale dell'adunanza AIPA del 17 ottobre 2001 SCHEMA DI DELIBERAZIONE Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei

Dettagli

STUDI TRIBUTARI CENTRI SERVIZI AZIENDE

STUDI TRIBUTARI CENTRI SERVIZI AZIENDE STUDI TRIBUTARI CENTRI SERVIZI AZIENDE I documenti della contabilità Documenti INDISPENSABILI Collegati a registrazioni iva o contabili Giustificativi Collegati a registrazioni commerciali o accordi 0

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Firma digitale e conservazione sostitutiva Gabriele Faggioli MIP Politecnico Milano Milano, 18 gennaio 2007 Aspetti introduttivi L evoluzione e la diffusione delle

Dettagli

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti

Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Focus di pratica professionale di Marco Thione Decreto anticrisi: ulteriore spinta alla dematerializzazione dei documenti Considerazioni introduttive: la dematerializzazione come opportunità La cosiddetta

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE DELLE REGOLE TECNICHE PER LA RIPRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI SU SUPPORTO OTTICO

NOTE ESPLICATIVE DELLE REGOLE TECNICHE PER LA RIPRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI SU SUPPORTO OTTICO NOTE ESPLICATIVE DELLE REGOLE TECNICHE PER LA RIPRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI SU SUPPORTO OTTICO deliberazione 13 dicembre 2001, n. 42, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

Dettagli

La smaterializzazione dei documenti: la gestione del ciclo di vita e i controlli

La smaterializzazione dei documenti: la gestione del ciclo di vita e i controlli La smaterializzazione dei documenti: la gestione del ciclo di vita e i controlli Resp. Prodotti e Servizi La carta Oggi ci troviamo a vivere contemporaneamente in due mondi paralleli e diversi: quello

Dettagli

La Fattura Elettronica

La Fattura Elettronica La Fattura Elettronica 16 gennaio 2009 Gabriele Saraceno Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Toscana Ufficio Controlli Fiscali Normativa e prassi di riferimento D.Lgs. 20 febbraio 2004 n. 52 D.P.R.

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 LA FIRMA DIGITALE Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 COPYRIGHT NOTES: I contenuti del sito codice di script, grafica, testi, tabelle,

Dettagli

di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa www.intesasanpaoloimprese.com

di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa www.intesasanpaoloimprese.com LE MODALITÀ DI CONSERVAZIONE DELLE FATTURE di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa Sommario Introduzione...3 Generazione ed invio delle fatture...4 Conservazione delle

Dettagli

Quaderni. La fattura elettronica. Modelli normativi della gestione elettronica delle fatture. La trasmissione telematica delle fatture

Quaderni. La fattura elettronica. Modelli normativi della gestione elettronica delle fatture. La trasmissione telematica delle fatture 06 24 LUGLIO 2009 APPUNTI DIGITALI Quaderni La fattura Contenuti: La trasmissione telematica delle fatture La fatturazione Lo scambio dati via EDI Quando la fattura si considera emessa Fattura e Pubblica

Dettagli

GUIDA ALLA SOSTITUTIVA. i Quaderni di Adiuto. Adiuto è un progetto

GUIDA ALLA SOSTITUTIVA. i Quaderni di Adiuto. Adiuto è un progetto i Quaderni di Adiuto GUIDA ALLA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA cultura e tecnologia I prodotti e i marchi Adiuto sono di proprietà esclusiva di JM Consulting. Altri marchi o nomi di prodotti citati sono di

Dettagli

Offerta di convenzione per l attivazione dei servizi di fatturazione elettronica PA e conservazione sostitutiva della piattaforma Clapps.

Offerta di convenzione per l attivazione dei servizi di fatturazione elettronica PA e conservazione sostitutiva della piattaforma Clapps. Spett.le Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Alla cortese att.ne del Presidente Data: Protocollo: 2 Luglio 2014 OTEFEOA201407-1 Oggetto: Offerta di convenzione per l attivazione

Dettagli

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Agenda Posta Elettronica Certificata Cos è Riferimenti normativi Soggetti Flusso dei messaggi Vantaggi PEC nella Pubblica

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento 1 Evoluzione della normativa Nel Art. CP 491-bis doc. informatico del C.P. =supporto L. contenente 547 una «res» come 23/12/1993 il documento L 547 23/12/1993 Legge semplificazione

Dettagli

Conservazione Sostitutiva - Product White Paper

Conservazione Sostitutiva - Product White Paper Conservazione Sostitutiva - Product White Paper Premessa Il tema della dematerializzazione ha fatto la sua prima apparizione durante gli anni 80 nel settore finanziario, con particolare riferimento ai

Dettagli

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono creare, emettere, gestire, archiviare e conservare fatture

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA LA FATTURAZIONE ELETTRONICA CONVEGNO DEL 18 LUGLIO 2014 Via Litteri, 88, 95021 Aci Castello Catania President Park Hotel Dott. Enrico Patti COMMERCIALISTA IN CATANIA CENNI SU LA FATTURAZIONE La normativa

Dettagli

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi Dott.sa Paola Callegari Fatturazione Elettronica Emissione/ Trasmissione Archiviazione Conservazione CHIAVI

Dettagli

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art(

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art( Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici Decreto 23 gennaio 2004 Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento politiche fiscali Ufficio tecnologie informatiche

Dettagli

Il tempo che il personale d ufficio dedica ai documenti (Gartner) continua ad aumentare per un 40-60% è speso in attività a basso valore aggiunto

Il tempo che il personale d ufficio dedica ai documenti (Gartner) continua ad aumentare per un 40-60% è speso in attività a basso valore aggiunto Corso Z-Web DMS Oltre il 70% delle informazioni aziendali sono destrutturate in formati e supporti vari (carta, fax, mail, pdf) altre stime arrivano al 90% La gestione dei documenti cartacei assorbe (Week.it)

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI La conservazione dei documenti è una procedura legale/informatica, normata dalla legge italiana, che permette di dare validità legale nel tempo ai documenti informatici.

Dettagli

Fattura Elettronica e Conservazione: regole definite e prospettive future

Fattura Elettronica e Conservazione: regole definite e prospettive future Fattura Elettronica e Conservazione: regole definite e prospettive future A cura di Mario Carmelo Piancaldini (Coordinatore Forum italiano sulla fatturazione elettronica) Agenzia delle entrate - Direzione

Dettagli

L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche

L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche Dott. Antonio Nuzzolo Funzionario Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio Adempimenti e procedure

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

Il commercialista del XXI secolo

Il commercialista del XXI secolo Il commercialista del XXI secolo La conservazione dei documenti con rilevanza ai fini tributari Palmi (RC), 23 gennaio 2009 Partiamo da un presupposto ===== 2 ===== La tenuta delle scritture contabili

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PER LA P.A. Impresa? Prestatore Occasionale? Libero professionista? Scegli la soluzione più adatta alle tue esigenze.

FATTURAZIONE ELETTRONICA PER LA P.A. Impresa? Prestatore Occasionale? Libero professionista? Scegli la soluzione più adatta alle tue esigenze. FATTURAZIONE ELETTRONICA PER LA P.A. Impresa? Prestatore Occasionale? Libero professionista? Scegli la soluzione più adatta alle tue esigenze. NORMATIVA Le disposizioni della legge finanziaria 2008 prevedono

Dettagli

1997-2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009

1997-2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 Cronologia della normativa di riferimento DPR 513-97 Regolamento per la modalità di formazione, archiviazione e trasmissione di documenti DPCM 8/2/99 Regole tecniche sulla materia Circolare AIPA n24, 19/06/2000

Dettagli

programma di informatica e sistemi informativi

programma di informatica e sistemi informativi programma di informatica e sistemi informativi Catania, 18 giugno 2008 1 Programma per gli esami di abilitazione nozioni di base di informatica: bit, Byte, Ram, Rom, linguaggi di programmazione, funzionamento

Dettagli

L'ARCHIVIO DIGITALE. Normativa di Settore CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA. Docente: Massimo Farina. http://www.massimofarina.it. massimo@massimofarina.

L'ARCHIVIO DIGITALE. Normativa di Settore CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA. Docente: Massimo Farina. http://www.massimofarina.it. massimo@massimofarina. 1 L'ARCHIVIO DIGITALE Normativa di Settore CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Docente: http:// massimo@massimofarina.it La conservazione sostitutiva dei documenti 2 LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI Definizione

Dettagli

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Il ciclo di vita del documento informatico e le comunicazioni

Dettagli

Postedoc. PPT-Postedoc-CSN-05/2011. Conservazione sostitutiva a norma

Postedoc. PPT-Postedoc-CSN-05/2011. Conservazione sostitutiva a norma Postedoc PPT-Postedoc-CSN-05/2011 Conservazione sostitutiva a norma Tradizione e innovazione si crea si firma si spedisce si archivia si conserva Ieri Oggi Documenti elettronici Firma digitale Posta Elettronica

Dettagli