Una geografia della globalizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una geografia della globalizzazione"

Transcript

1 Liceo di Lugano 2 Corso di Geografia Una geografia della globalizzazione I parte - Regioni e culture nel mondo globale Claudio Ferrata (settembre 2015) 0

2 Sommario Presentazione p Cosa è la globalizzazione p Lo sviluppo: storia e interpretazione p La dimensione regionale p Le nuove migrazioni p Immigrazione e spazio urbano p Le identità nel mondo contemporaneo p L immagine dell altro e dell altrove p Le lingue del mondo: una prospettiva geografica p Civiltà e culture nel mondo contemporaneo p. 47 1

3 Presentazione Questa pubblicazione, preparata all interno di un monte-ore del Liceo di Lugano 2, è la terza parte del corso di geografia e fa seguito ai fascicoli Introduzione all ecogeografia (I parte: Ecologia generale, II parte: Ecologia Umana) e Elementi di geografia urbana. Essa è dedicata allo studio delle dimensioni economiche, politiche e culturali del mondo globalizzato. Il termine di globalizzazione viene oggi pronunciato in ogni occasione, ma di cosa si tratta? Come si manifesta? Sappiamo che il mondo globalizzato è un mondo in constante trasformazione, difficile da circoscrivere, che segue logiche che possono anche essere contradditorie. È un mondo essenzialmente costituito dai flussi ma gli spazi, con la loro estensione e le loro frontiere (come è il caso dello stato), disegnano ancora una maglia ordinata sulla superficie terrestre. Come governare gli spazi della politica? E quale è il ruolo delle culture? Si sono omogeneizzate o hanno mantenuto le loro differenze e le loro peculiarità? Nelle pagine di questo fascicolo si troveranno concetti e strumenti provenienti dalla geografia politica ed economica ma pure dalle altre scienze umane e sociali che permetteranno di delineare i grandi tratti del mondo contemporaneo. Nella seconda parte verrà poi messa in evidenza la dimensione del potere: quello formale dello stato e dei suoi apparati ma pure quello informale, forse più difficile da cogliere ma altrettanto significativo, presente in tutte le relazioni della vita quotidiana, così come suggeriscono alcuni geografi politici contemporanei. Non mancherà la presentazione degli strumenti che permetteranno agli studenti di analizzare casi specifici. Li invitiamo ad assumere una posizione critica su quanto leggeranno in queste pagine e sul mondo nel quale vivono e nel quale saranno tenuti a operare nel campo delle loro future professioni. C.F. 2

4 1. Cosa è la globalizzazione Il Mondo come sistema Rispetto a 50 anni fa, oggi abbiamo una più netta una percezione della dimensione globale. Ci rediamo conto che diversi fenomeni fisici (circolazione atmosferica, correnti marine, flussi di energia) estendono la loro azione su tutta la terra e interagiscono tra loro. Abitiamo l ecumene planetaria (Morin) e ciò presuppone l idea di un mondo come spazio dell umanità e delle diverse collettività in relazione tra loro. Esso è poi il contenitore di tutte le regioni, di tutti i luoghi, di tutti gli altri spazi. Il mondo non è solo la somma dei diversi elementi che lo compongono ma è l insieme delle relazioni che questi intrattengono. Questo sistema-mondo si fonda sull'interconnessione e sull interdipendenza tra le parti: merci, capitali, persone, ecc. disegnano flussi che collegano le varie parti. Ma questo complesso sistema è pure basato su una gerarchia tra le parti. Alcune delle componenti del sistema, i centri, dominano le periferie che non detengono alcun potere decisionale. È questa la dimensione geografica del mondo globalizzato. Ma quando si presenta il concetto di globalizzazione? I termini di mondializzazione e di globalizzazione sono utilizzati sin dagli anni 60 ma è solo con l inizio degli anni 80 che entrano nel lessico comune. La nozione di globalizzazione viene inizialmente utilizzata per designare i mercati finanziari, il liberalismo economico e le innovazioni tecnologiche. I geografi Paul Knox e John Agnew definiscono la globalizzazione come un aumento delle interconnessioni delle diverse parti del Mondo attraverso un insieme di processi di cambiamento economici, ambientali, politici e culturali. Secondo l OCDE la mondializzazione si è sviluppata in tre fasi: (1) internazionalizzazione, che ha visto le imprese aprirsi verso l esterno, (2) la transnazionalizzazione dopo la 3

5 Seconda Guerra mondiale con investimenti verso l estero e le delocalizzazioni, (3) la terza tappa dagli anni 80 è quella della globalizzazione. Quali sono le dimensioni della globalizzazione? Possiamo ritenere che la globalizzazione abbia almeno cinque dimensioni: (1) dimensioni geo-storiche, (2) tecniche e logistiche, (3) economiche, (4) istituzionali e, infine, (5) culturali (tema di cui non si parlerà in questo capitolo ma che verrà discusso più avanti). Una breve geo-storia della globalizzazione La globalizzazione è un fenomeno recente da mettere in relazione con l avvento delle nuove tecnologie e l affermazione del neoliberalismo, come ritengono alcuni, oppure si deve parlare dei tempi lunghi della globalizzazione? Autori quali Immanuel Wallerstein suggeriscono che la globalizzazione debba essere vista come la fase finale di un processo multisecolare. Possiamo considerare quattro principali fasi della globalizzazione. Prima del 1492 esiste il sistema vecchio Mondo. Alcune economie-mondo (Braudel) hanno funzionato come centri autonomi e egemonici organizzando porzioni di spazio mondiale. Tra le economie-mondo vi erano sicuramente il Mediterraneo dell impero romano e il Mediterraneo dell Europa medievale, ma pure la Cina dei Ming. Solo fino a un certo punto possiamo presentare questi mondi come universi incomunicanti. L Africa dell impero del Mali e del Ghana esportava oro verso l Europa avvalendosi delle carovane che attraversavano il deserto del Sahara, la via della seta permetteva di raggiungere la Cina attraverso le steppe dell Asia centrale e, all inizio del XIV, secolo le fotte cinesi giungevano sino alle coste del Mozambico. Tra la fine del XV secolo e il XVI secolo i traffici europei iniziarono a estendersi verso le coste africane e verso l'oceano indiano. Inizialmente Enrico il Navigatore costeggia le coste africane, poi Vasco de Gama circumnaviga l'africa nel 1498 e infine Magellano compie il suo periplo nel Ma è soprattutto il viaggio di Colombo che darà origine a una nuova era: il sistema nuovo Mondo. Con il 1492 si presenta il vero inizio dell era planetaria e l affermazione di imperi che operavano a scala mondiale. La scoperta dell America origina scambi di vegetali e animali (mais, patata, fagioli, pomodoro, manioca, patata dolce, cacao, tabacco, pecore, bovini, cereali, vigne, cavallo) e intense interazioni microbiche (tubercolosi, 4

6 morbillo, influenza, sifilide) oltre che umane. Si costituiscono i grandi imperi coloniali (spagnolo e portoghese) e, nel XVII secolo, nascono le grandi compagnie marittime inglesi, francesi e olandesi progenitrici delle attuali multinazionali, come la Compagnia olandese delle indie orientali (1602). Nel XVIII secolo i traffici dei mercanti inglesi, olandesi e spagnoli, portoghesi e francesi si estendono su tutto il pianeta e si creano così le premesse per un economia mondiale all'insegna dell'occidente. Sul finire dell Ottocento il Mondo si unifica all insegna dell imperialismo occidentale. Con la rivoluzione industriale e lo sviluppo del capitalismo industriale si costruisce uno spazio mondiale di scambi. È un sistema disegnato da centri e periferie. Vincolata dal patto coloniale la colonia ha il compito di fornire prodotti primari (tè, caffè, cacao, zucchero, tabacco, cotone) e materie prime necessarie allo sviluppo economico della metropoli, la quale investe poi i suoi capitali nelle colonie. Si giunge al paradosso di produrre cotone in India, lavorarlo in Inghilterra e riesportare il prodotto finito di nuovo in India. Una standardizzazione del tempo e dello spazio. Tra la seconda metà del Settecento e la seconda metà dell Ottocento le posizioni e le distanze degli oggetti sul globo terrestre diventano perfettamente misurabili. Se il problema posto dal calcolo della latitudine era stato risolto da tempo, rimaneva irrisolto quello della longitudine. La conservazione dell ora della località di partenza necessaria per il calcolo non era possibile. L introduzione del cronografo marittimo di John Harris (1762) funzionante con le oscillazioni e instabilità del mare permise di misurare con precisione anche la longitudine e divenne possibile fare il punto in modo preciso. Più avanti venne concordato a Washington il Meridiano di Greenwich (1884) quale meridiano 0. L introduzione dei fusi orari (24 spicchi di 15 gradi ciascuno) fu approvata nel 1887 sempre a Washington. Il completo controllo spazio-temporale del pianeta era ora possibile. Nuove vie di comunicazione rendono più agevoli i trasporti: l'apertura dei canali di Suez (1869) e di Panama (1914) faranno saltare i tappi tra Mediterraneo e i mari d'asia e tra l Atlantico e il Pacifico. Le linee ferroviarie quali la Transiberiana o le ferrovie americane attraversano i continenti da un lato all altro. Le informazioni circolano più facilmente: nel 1866 viene inaugurato il servizio telefonico Londra-New York. Nel Novecento la Grande guerra del è stato un denominatore comune che ha unito l'umanità: un attentato in un angolo dei Balcani ha determinato una reazione esplosiva a catena che, raggiungendo tutta l'europa, ha trascinato anche le colonie d'asia e d'africa, il Giappone, gli 5

7 USA e il Messico. Nel 1929 il crollo di Wall Street ha diffuso la depressione economica su tutti i continenti, segno dei profondi legami tra le diverse economie. L accelerazione della globalizzazione avverrà nel corso degli ultimi 40 anni quando, con il crollo del sistema sovietico, si affermerà a scala mondiale l economia di mercato e la globalizzazione acquisirà i suoi tratti attuali. Il ruolo strategico dei trasporti e delle comunicazioni Avvalendosi di appositi supporti logistici, flussi di diverso genere (merci, persone, informazioni) disegnano lo spazio mondiale. Il mondo è strutturato da assi di trasporto, corridoi, stretti strategici (choke points), nodi di traffico (hub), le reti trasportistiche si organizzano ora sulla base del sistema hub-and-spoke. L emblema delle nuove potenzialità di trasporto delle merci è il container, un modulo di carico standardizzato nato in un porto del New Jersey verso la metà degli anni 50. Questo contenitore polivalente (2,59 m x 2,59 m x 6,10 m, può trasportare 21,5 t di merce solida, in grani o liquida) e si caratterizza per una grande facilità di movimentazione (da 20 a 60 movimenti all ora) e per favorire il trasporto intermodale. Dal canto suo, la circolazione delle informazioni ha avuto una accelerazione con l introduzione delle reti telematiche e con l uso dei satelliti: le informazioni sono ora disponibili in tempo reale. La rete nasce come strumento di comunicazione per mantenere i collegamenti tra i vari centri all interno dell esercito statunitense di fronte a un attacco termonucleare: si chiama Arpanet (1969) e, quando viene abbandonato dall esercito, il sistema è ripreso dalle università dando origine a Internet. Per alcuni, come per Manuel Castells o per Jeremy Rifkin, grazie a queste tecnologie siamo chiaramente entrati nella terza rivoluzione industriale. Insomma, attraverso le nuove tecnologie, i sistemi di trasporto e di comunicazione, l attrito della distanza è notevolmente diminuito, i costi di trasporto sono diminuiti, i collegamenti divenuti più rapidi e hanno portato con sé quella che il geografo David Harvey ha chiamato compressione spaziotemporale. 6

8 Aspetti economici, commerciali e finanziari L internazionalizzazione della produzione, l aumento dei flussi del commercio internazionale e la deregolamentazione hanno prodotto una crescente integrazione dei mercati e della finanza. Con grande facilità circolano capitali, titoli, fondi di investimento, la borsa funziona 24 ore su 24. La finanza globale ha preso il sopravvento sull economia produttrice di beni: l economia si è, almeno in parte, smaterializzata. Per quanto riguarda il commercio mondiale si è assistito a un notevole aumento delle esportazioni e delle importazioni soprattutto tra i 50 stati più sviluppati. Il commercio internazionale si struttura in modo tripolare: dall Europa Occidentale passa il 44,7% degli scambi, dall America del nord il 17%, mentre l Asia orientale il 21%. Sono per contro scarsi i flussi commerciali sud-sud. Anche la composizione merceologica è mutata: sono diminuiti i prodotti agricoli a favore di quelli industriali (macchinari, tecnologie, semilavorati) e chi esporta prodotti agricoli occupa oggi una posizione meno rilevante. Nel contesto della globalizzazione le multinazionali svolgono un ruolo significativo. Le prime multinazionali sono nate in paesi europei di piccole dimensioni dove mercato interno non era sufficientemente ampio. Le multinazionali sono imprese o gruppi che, partendo da una base nazionale, hanno impiantato filiali in più paesi stranieri. Oggi un quarto della produzione mondiale è nelle mani di 200 società nella stragrande maggioranza provenienti da 5 paesi (USA, Gran Bretagna, Giappone, Francia, Svizzera). La loro cifra d'affari, a volte, è notevolmente superiore rispetto al PNL dei paesi dove si svolgono le loro attività. Le motivazioni che spingono le imprese verso l internazionalizzazione sono molteplici: (a) allargare il mercato di vendita e di ammortizzare il costo degli investimenti su mercati estesi; (b) distribuire le varie fasi della produzione tra differenti paesi in modo da utilizzare una mano d opera meno costosa (beni ad alta intensità di lavoro) e trarre vantaggio dalla differente distribuzione geografica dei fattori di produzione; (c) essere flessibili in modo da mutare forniture, procacciarsi materie prime e mutare le operazioni tra le varie località a una scala globale; (d) aggirare le politiche protezionistiche e le normative ambientali. 7

9 I processi e gli attori di cui abbiamo parlato hanno facilitato e prodotto una nuova geografia economica mondiale. La produzione a scala mondiale è rappresentata da una nuova divisione internazionale del lavoro. Fordismo Catena di montaggio, taylorismo Legame nazionale delle imprese Produzione in serie di beni omogenei, economie di scala Grandi scorte I lavoratori eseguono singoli compiti Centralità del lavoro salariato Stato sociale Distretti industriali Post-fordismo Informatizzazione, automazione Globalizzazione Produzione per piccoli lotti in funzione della domanda Assenza di scorte, produzione just-in-time Compiti multipli, lavoro in squadra Lavoro flessibile Smantellamento dello stato sociale Nuove localizzazioni Le istituzioni della globalizzazione Alcune importanti istituzioni che operano a livello mondiale facilitano il funzionamento del sistema economico internazionale. Sono il Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (BIRS), più comunemente nota come Banca Mondiale, e l Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Le prime due sono istituzioni specializzate dell ONU create nel 1944 a Bretton Wood. È in questa occasione che viene disegnato l ordine monetario internazionale del dopoguerra basato sul dollaro. Tra i principali obiettivi di queste organizzazione c è la promozione dello sviluppo economico. Il Fondo Monetario Internazionale sorto nel 1946 ha sede Washington. Il suo obiettivo è assicurare un sistema ordinato e stabile dei cambi concedendo crediti ai paesi in disavanzo di bilancia dei pagamenti, a condizione che si impegnino a riequilibrare i loro conti con l estero. La sua politica di aiuto ai paesi in via di sviluppo è condizionata all adozione di ricette economiche suggerite dallo stesso Fondo monetario. I suoi 186 membri hanno un influenza proporzionale rispetto ai fondi che mettono disposizione (Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna, Giappone la fanno da padrone). La Banca Mondiale è un organismo di credito internazionale che ha lo scopo di concedere prestiti a lunga scadenza alle economie in via di sviluppo prestando a tassi convenienti e finanziando strade, dighe, centrali, industrie e progetti di sviluppo. La terza grande organizzazione, l Organizzazione mondiale del commercio, si propone di creare le condizioni più adatte per la cooperazione economica e per la 8

10 promozione delle esportazioni, queste ultime ritenute il vero motore della crescita economica. Nasce nel 1995, ha la sua sede a Ginevra, e sostituisce il GATT (General agreement on tarifs and trade) siglato nel 1947 quale dispositivo per ridurre progressivamente i diritti doganali sui prodotti di manifattura. Gli accordi dell Organizzazione mondiale del commercio, che conta oggi 157 paesi membri e 30 paesi osservatori, aspirano a liberalizzare il commercio mondiale aprendo le frontiere e abbattendo le barriere doganali. Questi si basano sulla multilateralità delle relazioni commerciali escludendo partners preferenziali e adottando la clausola della nazione più favorita. Gli oppositori che in varie parti del mondo contestano queste organizzazione le accusano di agire soprattutto per proteggere i capitali, di non limitare i poteri del mercato e promuovere politiche antisociali. Per approfondire: Lévy J., Inventare il mondo. Una geografia della mondializzazione, Bruno Mondadori, 2012 Boggio F., Dematteis G., Memoli M., Geografia dello sviluppo. Spazi, economie e culture tra ventesimo secolo e terzo millennio, UTET, 2008 Bignante E., Celata F., Vanolo A., Geografie dello sviluppo. Una prospettiva critica e globale, UTET, 2014 Vanolo A., Geografia economica del sistema-mondo. Territori e reti nello scenario globale, UTET, 2010 Grataloup C., Géohistoire de la mondialisation, Armand Colin, 2007 Ghorra-Gobin C. (sous la dir.), Dictionnaire critique de la mondialisation, Armand Colin,

11 2. Lo sviluppo: storia e interpretazioni La nascita dell idea di sviluppo Allo sviluppo viene di solito attribuita una accezione economica e questo termine viene sovente confuso con la nozione di crescita economica. Se la crescita è un processo quantitativo misurato attraverso l aumento della ricchezza, lo sviluppo è definito da aspetti qualitativi inerenti diversi aspetti della qualità di vita. Lo sviluppo rimanda ai processi che determinano cambiamenti positivi nel benessere economico, nella distribuzione della ricchezza e nella qualità della vita degli abitanti. La nozione di sviluppo ha le sue radici nell idea di progresso che si afferma al seguito della nascita delle scienze sperimentali (con Galileo, Newton, ecc.), con l Illuminismo, con gli ideali della rivoluzione francese, con il positivismo (Compte, Darwin, Marx) e la rivoluzione industriale. Il termine di sottosviluppo appare nel 1942, l idea si precisa nel dopoguerra, lo dimostra la dichiarazione del presidente americano Truman in occasione del suo discorso inaugurale al Congresso ( ): assistere i popoli delle regioni economicamente sottosviluppate a elevare il loro livello di vita. Nel corso di questi anni l economista Colin Clark comparò i redditi tra i diversi paesi mettendone in evidenza le differenze economiche: gran parte del mondo si scoprì povera e sottosviluppata. Dietro lo sviluppo vi era una visione delle società unilaterale ed evoluzionista: tutti i popoli prima o poi avrebbero dovuto muoversi su un solo binario dimenticando così le loro visioni del mondo. Vi era la convinzione che lo sviluppo si potesse programmare e, seguendo determinate ricette, raggiungere con una relativa facilità. L'aiuto e il ruolo degli esperti e delle agenzie di sviluppo avrebbero poi permesso ai paesi in ritardo, per esempio quelli dell America latina, di svilupparsi. 10

12 Nel corso delle "trente glorieuses" ( ): si presentò una sostenuta crescita economica in molti paesi. Negli anni del fordismo la produzione di beni (frigoriferi, automobili, televisori, ecc.) aumentò in modo marcato. Lo sviluppo si era manifestato attraverso una maggior disponibilità di beni materiali e un aumento del reddito. La crisi arrivò con lo choc petrolifero del Per volere dell'opep tra la fine del 1973 e l'inizio del 1974 il prezzo del petrolio aumentò di quattro volte. La crescita economica rallentò e si fece strada il problema dei debiti del Terzo Mondo. Lo sviluppo era forse finito? Dall era dello sviluppo all era delle critiche e del post-sviluppo All era dello sviluppo fece seguito la crisi dello sviluppo: per molti paesi l obiettivo della crescita appariva sempre più lontano. Le aspettative faticavano a concretizzarsi in diverse parti del mondo e gli squilibri planetari si aggravarono. Se, prima del Diciannovesimo secolo, il mondo poteva essere considerato, almeno da un punto di vista economico, relativamente più omogeneo, ora le differenze tra le diverse parti dell'umanità erano diventate evidenti. Il consumo di risorse non rinnovabili divenne sempre più importante e le società tradizionali si trovarono in una condizione di marginalizzazione. Si iniziò allora a interrogarsi. Nel 1980 venne pubblicato il saggio Nord-Sud. Un programma per la sopravvivenza, conosciuto come rapporto Brandt che, impietosamente, divideva con una linea (detta appunto linea Brandt) il mondo in due categorie. Vi era ora un Nord, più ricco e economicamente sviluppato, e un Sud, meno agiato se non decisamente povero. Ma poi, negli anni della globalizzazione, la crescita apparve là dove non era attesa. Ancora prima del crollo dell URSS apparirono NPI e paesi emergenti che, pur avendo un PNL per abitante ancora debole rispetto ad altri, registravano tassi di crescita superiori rispetto a quelli dei paesi industrializzati. Erano alcuni paesi asiatici (India, Cina, Corea del sud, Tailandia, Indonesia, Malaisia), dell Europa dell est (Repubblica Ceca, Romania), dell America latina (Brasile, Argentina, Perù, Cile, Messico) ai quali si aggiunse il Sud Africa. Secondo alcuni, il mercato globale stava iniziando a produrre un benessere diffuso. In realtà, con l avvento della globalizzazione, le disuguaglianze non erano sparite, semplicemente erano state ridistribuite le opportunità in modo disomogeneo. All interno degli stessi paesi sviluppati apparvero Sud interni, sacche di povertà, mentre in alcuni paesi del Sud apparvero Nord esterni, poli di sviluppo e di crescita. 11

13 Le misure dello sviluppo Per misurare lo sviluppo si utilizzano indicatori di diverso tipo 1 : sociodemografici, economici e i più recenti indicatori ambientali. Fra i primi sono noti il tasso di mortalità infantile, la speranza di vita, oppure il numero dei medici ogni persone, o ancora il consumo giornaliero di calorie o ancora il tasso di alfabetizzazione. Ma i più emblematici sono gli indicatori economici del reddito nazionale: PIL e PNL. Il PIL (Prodotto interno lordo) è il volume monetario di tutti i beni e servizi prodotti in un anno da tutti gli operatori economici anche stranieri - che hanno la residenza nel paese mentre il PNL (Prodotto nazionale lordo) di un paese corrisponde al valore monetario di tutti i beni e servizi prodotti in un anno da operatori economici che destinano al paese il loro reddito, indipendentemente dai luoghi dove è svolta la propria attività. I due indicatori vengono abitualmente utilizzati facendo una media per persona (pro-capite). Sulla base del PNL pro-capite la Banca Mondiale (2005) suddivide i paesi in: paesi a reddito elevato oltre i dollari, Francia, Norvegia, Svizzera a reddito medio da 876 a , Bulgaria, Colombia, Yemen a basso reddito meno di 875, Malawi, Niger, Sierra Leone Il reddito non è distribuito in modo equo. Secondo uno studio del Credit Suisse, nel 2011 l 1,1% della popolazione mondiale disponeva del 39% della ricchezza totale. L economista Max Lorenz ha messo a punto una rappresentazione della distribuzione del reddito (tra i paesi, aree di un paese, categorie sociali) definita curva di Lorenz. Per disegnarla occorre ordinare su un grafico popolazione e reddito in modo cumulativo partendo dall area con il rapporto di vantaggio più basso (% del reddito su % della popolazione). Se la distribuzione fosse egualitaria, cioè al 10% della popolazione corrispondesse il 10% del reddito, al 20% della popolazione il 20% del reddito, e così via, nel diagramma vi sarebbe una perfetta retta diagonale. Nella realtà la curva è però diversa: è concava (lo spazio di disuguaglianza mostra l ampiezza degli squilibri). Corrado Gini ha poi messo punto un indice derivato dalla curva di Lorenz che ha preso il suo nome. L indice di Gini misura le disuguaglianze in una collettività e può assumere valori che vanno dallo 0 al 100: 0 quando le disuguaglianze sono nulle, 100 quando le ricchezze vanno ad un unica persona. Ad esempio l indice di Gini per la Namibia è 70,7, per gli Stati Uniti 40,8, per la Danimarca 24,7. 1 Su questi temi si può consultare il sito 12

14 Critiche e misure alternative Alle misurazioni del reddito sono state rivolte molte critiche. Trattandosi di un valore medio, il reddito pro-capite non dice nulla sugli squilibri e su una equa ripartizione della ricchezza. Inoltre misura transizioni monetarie che comprendono beni immessi sul mercato, quindi tutte le attività economiche utili alla società che non producono reddito, quali il lavoro casalingo, educazione dei figli, autoproduzione, cura e custodia, attività volontarie, attività del settore informale, non vengono prese in considerazione, così un incidente o una grandinata fanno lavorare i carrozzieri e fanno aumentare il PIL mentre la bonifica di una discarica, la pulizia di un fiume non rientrano nel calcolo del PIL. Inoltre, il potere di acquisto delle singole monete nazionali all'interno degli stati non viene preso in considerazione e induce a credere che la distanza tra realtà socio-economiche sia molto maggiore di quanto non lo sia in realtà. Per questo a volte PNL e PIL vengono espressi in parità di potere d acquisto (PPA). Ritenendo che questi indicatori economici, il più delle volte, non sono in grado di tener conto delle realtà sociali, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (PNUD) ha messo a punto un nuovo indicatore chiamato Indice dello sviluppo umano (ISU). Questo indice ponderato considera tre aspetti: - il livello di salute rappresentato dalla speranza di vita, - il livello di istruzione, rappresentato dal tasso di alfabetizzazione degli adulti e dal numero medio degli anni di studio, - e infine il reddito rappresentato dal PIL pro-capite ponderato. Ognuno di questi fattori riceve un valore espresso su una scala da 0 (massimo) a 1 (minimo). In una seconda fase si calcola la media delle tre cifre ottenute, questa viene poi sottratta alla cifra 1 e così si ottiene il valore dell ISU. Alcuni esempi: in testa la Norvegia 0,955, la Svizzera si trova al nono posto con 0,903, l Argentina 0,811, la Namibia 0,608, Sierra Leone 0,359 (2012). Le declinazioni dello sviluppo: interpretazioni ortodosse Gli studiosi hanno proposto visioni diverse dello sviluppo. Iniziamo presentando le posizioni ortodosse liberali e marxiste. Le interpretazioni liberiste sono derivate da una visione lineare della storia. In pratica tutti i paesi percorrerebbero, chi prima chi poi, lo stesso cammino verso il benessere. Mercato, impresa e libero scambio sono considerate come la via più rapida per raggiungere la prosperità e il benessere e si ritiene che il 13

15 sottosviluppo sia legato alla carenza di mezzi tecnici, capitali, lavoratori qualificati: un semplice ritardo in una traiettoria da percorrere. Il più importante rappresentante di questa teoria è l economista americano Walt Rostow. In Le tappe della crescita economica (1960) egli considera 5 stadi successivi: (1) società tradizionale, (2) predisposizione al decollo, (3) decollo, (4) passaggio alla maturità, (5) progresso (grande consumo di massa). Gli organismi internazionali come il FMI o la BM hanno sposato questa visione. Di altro genere, ma sempre ponendo al centro la crescita economica, ci sono le teorie di stampo marxista. Le teorie della dipendenza partono dallo studio del colonialismo e dall'analisi dell'imperialismo ( stadio supremo del capitalismo secondo Lenin). Sviluppo e sottosviluppo sarebbero due poli di un medesimo processo: lo sviluppo di pochi paesi industrializzati è reso possibile dallo sfruttamento coloniale, dallo scambio ineguale con conseguente sottosviluppo della periferia. Il modello centro-periferia illustra l'ineguale distribuzione di potere e di ricchezza e considera le relazioni tra due poli: un centro regione cuore - e una periferia. La regione cuore concentra potere economico e ricchezza, domina la periferia economicamente, politicamente e socialmente e produce il sottosviluppo. Il modello si presta a una applicazione a scale diverse: città/campagna, regione, relazioni internazionali... Tra gli autori che si sono ispirati a questa visione ricordiamo il geografo francese Yves Lacoste (Géographie du sous-développement, 1965), gli economisti André Gunder Frank (Lo sviluppo del sottosviluppo, 1961), Samir Amin (Lo sviluppo ineguale, 1973), infine lo storico e teorico del sistema mondo Immanuel Wallerstein (Il sistema mondiale dell economia moderna, ). Le declinazioni dello sviluppo: interpretazioni critiche Posizioni critiche alla nozione di sviluppo così come considerata dagli autori citati precedentemente provengono dal campo ambientalista e dai ricercatori in scienze sociali. Le visioni ambientaliste partono dall'idea di ineludibilità dei limiti della biosfera e dalla necessità di porre dei limiti allo sviluppo (rinnovabilità delle risorse, dell'energia,...). Quelle scelte in cui la differenza tra i tempi biologici e i tempi di produzione è tanto grande da non permettere la rinnovabilità delle risorse e la compatibilità con i ritmi naturali, non possono essere considerate sostenibili. Le relazioni tra attività umane e biosfera devono essere tali da permettere di soddisfare i bisogni e lo sviluppo delle culture e non compromettere il contesto biofisico globale. Questa visione, chiamata inizialmente ecosviluppo e in 14

16 seguito sviluppo sostenibile, è sostenuta da autori quali Enzo Tiezzi o Ignacy Sachs. Essa si afferma con la Conferenza di Rio delle Nazioni Unite su ambiente e sviluppo (1992). In questa occasione vennero redatti quattro documenti: la Dichiarazione sull'ambiente e lo sviluppo (che enuncia i principi di questa strategia), la Convenzione sul cambiamento del clima, la Convenzione sulla biodiversità e l Agenda 21 (che illustra in dettaglio le azioni da compiere nei vari settori). Alcuni ritengono poi che lo sviluppo non può essere confuso con la stretta imitazione del modello occidentale: un'idea che ha trovato le sue radici in un contesto culturale e storico preciso come quello occidentale può mettere radici in altri luoghi? Secondo Latouche, nella maggior parte delle lingue africane la nozione di sviluppo è addirittura intraducibile. Gli studiosi dello sviluppo non avevano considerato che tra le società del mondo le visioni possono essere diverse. Non esistono quindi modelli universali ma le nozioni di sviluppo devono essere messe in relazione con la diversità delle culture e delle civiltà. Gli autori che sottoscrivono questa posizione adottano una prospettiva antropologica sono per esempio Ivan Illich o Fabrizio Sabelli e alcuni organismi internazionali come l Unesco. A queste visioni si aggiunge la teoria della decrescita promossa da Serge Latouche che, in realtà, si presenta come una dura critica alla nozione di sviluppo. Negli ultimi anni è apparsa una nuova visione promossa dai geografi economici (come Giuseppe Dematteis) o economisti (come Pierre Veltz). Lo sviluppo sarebbe il risultato dell incontro tra fattori interni al paese e fattori esterni. Secondo la teoria del milieu locale la chiave dello sviluppo si trova in una gestione riuscita della relazione tra locale e globale. Ne parleremo nel prossimo capitolo. Per approfondire: Bignante E., Celata F., Vanolo A., Geografie dello sviluppo. Una prospettiva critica e globale, UTET, 2014 Boggio F., Dematteis G., Memoli M., Geografia dello sviluppo. Spazi, economie e culture tra ventesimo secolo e terzo millennio, UTET, 2008 Latouche S., L altra Africa. Tra dono e mercato, Bollati Boringhieri, 2007 Latouche S., Come sopravvivere allo sviluppo. Dalla decolonizzazione dell immaginario economico alla costruzione di una società alternativa, Bollati Boringhieri,

17 3. La dimensione regionale Quale ruolo assume la dimensione regionale in un mondo in cui il globale diventa l ambiente di riferimento per tutti gli spazi? La dimensione locale e regionale non viene annullata dalla globalizzazione, anzi, ogni regione reagisce ai suoi stimoli in modo diverso e in funzione delle proprie peculiarità. Questa accentua potenzialità o debolezze delle regioni e delle città favorendone o meno lo sviluppo. Alcune regioni si sono mostrate particolarmente dinamiche: sono i Länder tedeschi dell Assia, della Baviera e del Baden-Würtenberg, i dipartimenti francesi del Nord-Pas de Calais, Rhône-Alpes, Alsazia e Île de France, le regioni olandesi del Brabante, le contee inglesi meridionali, i Paesi baschi in Spagna, il Nord-Est e le Marche in Italia. Altre regioni, per contro, hanno subito passivamente le conseguenze dell apertura al mercato e la loro economia non ha retto la concorrenza internazionale. La regione: ambito tradizionale dell analisi geografica Nella dimensione regionale si svolge una buona parte della nostra vita (lavoro, svago, affetti, scelte politiche, ecc.). Per iniziare chiediamoci allora cosa sia una regione. Vecchia conoscenza delle scienze geografiche (che tradizionalmente si sono caratterizzate per la contrapposizione tra geografia regionale e geografia generale), la regione ha oggi acquisito nuovi significati. La definizione più classica di regione (dal latino regere, stendere, dominare) ci ricorda che una regione può essere definita come: un'area della superficie terrestre dalle distinte caratteristiche e relativamente omogenea; proprio per queste caratteristiche una regione si differenzia dalle aree circostanti con le quali generalmente stabilisce una serie di relazioni. Quindi una regione: 16

18 a) è costituita da un insieme di luoghi contigui; b) che hanno qualche caratteristica in comune; c) e che si differenziano in base a queste caratteristiche dai luoghi circostanti. La regione è uno strumento di conoscenza che permette di dare un ordine a fatti presenti nello spazio e, in genere, corrisponde a una scala geografica intermedia. Le regioni sono state considerate sulla base di una serie di attributi che le rendono omogenee, le caratteristiche che venivano prese in considerazione variavano in funzione degli attributi considerati. Vi possono quindi essere tante regioni quanti sono i caratteri considerati: dalla regione della lingua araba, alla regione della vite, passando per la regione dell industria metallurgica o per quella specializzata in microelettronica. Regionalizzare è un attitudine che consiste nel dividere lo spazio geografico in funzione di tal o talaltro tratto caratteristico e costituisce un presupposto per ogni studio di tipo regionale ma anche per definire il quadro di una azione (politica, pianificatoria, ecc.). Tipi di regione La nozione di regione si è modificata nel tempo: ogni concezione riflette le concezioni dominanti e prendere in considerazione l evoluzione di questa nozione permette di evidenziare i mutamenti degli interessi dei geografi. Passiamo in rassegna le principali concezioni. Concezione regionale Paradigma Periodo Autore Regione naturale Determinismo F. Ratzel ( ) Regione umanizzata (storica/culturale) Possibilismo P. Vidal de la Blache ( ) Regione funzionale (economica) Polarizzazione W. Christaller ( ) Regione come sistema aperto Teoria dei sistemi Dagli anni 1970 R. Brunet 1. Nella regione naturale le caratteristiche fisiche, le morfologie i bacini idrografici costituivano una unità fisica che permetteva di differenziare i diversi spazi. Mettendo in evidenza le relazioni verticali, la scuola determinista faceva dipendere le condizioni sociali da quelle naturali. Oggi 17

19 le relazioni tra collettività e natura non sono dimenticate ma vengono lette mettendo l accento sulle interazioni reciproche (bioregione o eco-regione). 2. Nella regione storica i fatti fisici e naturali sono messi in relazione con la cultura e la storia. Queste regioni storiche erano a volte considerate anche come delle regioni culturali, aree in cui lingua, religione, usi e costumi, patrimonio architettonico si presentavano in modo omogeneo. Sono queste concezioni sono proprie della corrente possibilista la quale, pur considerando una base naturalistica, metteva in evidenza sia elementi fisici che umani (forme di utilizzazione del suolo, insediamenti..) tenendo conto della loro dimensione storica. Per i possibilisti il paesaggio diventava una sintesi di fatti naturali e umani che ben esprimeva un genere di vita, cioè l insieme di comportamenti abituali e costanti di una comunità nei riguardi del territorio occupato. La realizzazione di monografie regionali (La Picardia, La Fiandra ) ben esprimeva queste preoccupazioni. 3. Nella regione economica prevalgono le relazioni orizzontali. Queste regioni possono essere formali o uniformi (come le regioni risicole, industriali, turistiche, ) oppure funzionali e polarizzate (lo spazio si organizza attorno a un polo urbano). È infatti dopo la seconda Guerra mondiale che vengono abbandonati i criteri naturalistici e si fanno avanti le problematiche urbane ed economiche. La regione diventa la zona di irraggiamento e di organizzazione di un intero territorio ad opera di una città. Si studiano allora le zone di influenza, i flussi, le gerarchie, i nodi e i poli di sviluppo. 4. La regione politico-amministrativa (cantone, provincia, Land) ha confini istituzionalmente riconosciuti e risulta dalla partizione in unità amministrative interne dello spazio nazionale. Ha un peso diverso in funzione del modello politico dello Stato adottato. La regione è allora il contesto territoriale entro il quale l autorità governa e gestisce le proprie risorse. 5. La regione viene infine considerata come un sistema aperto sull esterno. Quindi, oltre a considerare le relazioni che le varie parti hanno tra di loro, la regione intrattiene scambi e reagisce agli stimoli provenienti dall esterno. Essa è aperta e deve quindi adattarsi alle sollecitazioni esterne (crescita della concorrenza tra le imprese, tra le regioni, accresciuta mobilità dei 18

20 fattori di produzione) per generare sviluppo. La regione ha quindi assunto nuove connotazioni soprattutto come ambito geografico e attore dello sviluppo locale. Acquisisce un ruolo attivo nell ambito della promozione, della pianificazione e della governance territoriale. Il locale, le risorse territoriali, il milieu Vengono definiti locali quegli spazi e quei fenomeni che interessano solo una parte della superficie terrestre in quanto dipendono da relazioni di vicinanza. Il locale è soprattutto lo spazio del quotidiano, quello del lavoro, della residenza, delle relazioni sociali. Portare l attenzione sul locale è un modo per guardare alle specificità che caratterizzano un territorio in relazione ad altri e ai processi dello sviluppo. A questo proposito il caso del Nord-Est italiano è interessante. Questa area appartiene quella che con le Marche è stata definita la Terza Italia, una forma di industrializzazione e di sviluppo molto diversa rispetto al triangolo industriale del Nord-Ovest. Il Nord-Est è costituito da distretti industriali in stretta relazione con un tessuto sociale. La sua base è una cultura rurale comune, il culto del lavoro, il ruolo imprenditoriale delle famiglie e delle piccole imprese, l innovazione e una particolare attenzione per il mercato. Questo tipo di sviluppo ha prodotto una dispersione sul territorio regionale delle unità produttive e ha dato origine a una realtà policentrica. Perché alcune regioni vincono la sfida con il globale? Non esiste sviluppo senza territorio. Il funzionamento delle reti globali non è astratto e abbisogna di luoghi dove svolgere concretamente le attività. Condizioni diverse, a volte prodotte sul lungo periodo, come infrastrutture urbane di diverso genere, patrimonio architettonico e territoriale, capacità tecnologiche, istituzioni locali e enti pubblici efficienti, risorse culturali come università o biblioteche, competenze in campo tecnologico sono fattori favorevoli allo sviluppo locale. Questi elementi, che vengono anche qualificati con il termine di milieu, oltre a diventare fattori di attrattività per persone, attività e capitali, generano gli elementi che permettono a città e a regioni di collegarsi alla rete internazionale in modo propositivo. Più generalmente sono: - risorse dell ambiente naturale, compresa la posizione geografica - patrimonio storico-culturale come monumenti, paesaggi, saperi tradizionali - capitale fisso accumulato in infrastrutture e impianti - capitale umano: il capitale cognitivo, la capacità istituzionale 19

Una geografia della globalizzazione

Una geografia della globalizzazione Liceo di Lugano 2 Corso di Geografia Una geografia della globalizzazione I parte - Regioni e culture nel mondo Claudio Ferrata (2015) 0 Sommario Presentazione p. 1 1. Cosa è la globalizzazione p. 3 2.

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti Istituto d Istruzione Superiore Istituto Tecnico Turistico MATERIA: disciplina alternativa alla RC CLASSE IV Sezione I A.S. 2014/15 L educazione un processo continuo Educazione e comunicazione La comunicazione

Dettagli

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE Dipartimento di Discipline storiche Università di Bologna IRRE Emilia Romagna Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Seminario di studio UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

CAPITOLO XII. La migrazione

CAPITOLO XII. La migrazione CAPITOLO XII La migrazione Analizzare il problema della migrazione da una prospettiva economica La decisione se migrare o meno viene analizzata con lo schema domanda / offerta, sia per la migrazione qualificata

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Migrazioni internazionali: cause e flussi

Migrazioni internazionali: cause e flussi Migrazioni internazionali: cause e flussi Aspetti definitori La mobilità è attitudine della popolazione a spostarsi sul territorio Non esistono in genere società statiche Gli spostamenti - anche temporanei

Dettagli

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: Prima C Unità 1 GLI STRUMENTI DI BASE Forma e misura della terra Le carte geografiche L informatica applicata

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale SOMMARI0 QUATTRO Lezione del 24 0ttobre 2005. 1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale Il lavoro come fattore di produzione. La politica del lavoro presenta una diversa dimensione rispetto

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana.

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Marina Murat Prof. di Economia Internazionale Università di Modena e Reggio Emilia marina.murat@unimore.it Migrazioni, immigrati, emigrati.

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti PROGRAMMA SVOLTO Docente: Rosa María Alonso Corteguera

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti PROGRAMMA SVOLTO Docente: Rosa María Alonso Corteguera Classe 1G materia GEOGRAFIA anno scolastico 2015/2016 UD 1 GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Forma e misure della Terra. Orientamento geografico. Regole per la localizzazione. La rappresentazione cartografica.

Dettagli

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentari Ismea Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva 2005 Introduzione Attraverso le aziende del Panel delle aziende di

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI PROGRAMMA DI GEOGRAFIA

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI PROGRAMMA DI GEOGRAFIA LICEO SCIENTIFICO E. FERMI PROGRAMMA DI GEOGRAFIA CLASSE I L ANNO SCOLASTICO 2008-2009 Nord e sud Italia: - Il tenore di vita; - La disoccupazione; - La povertà; - La qualità di vita; La condizione della

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI si SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL IDENTIFICAZIONE L Italia paese che si protende geograficamente nel Mare Nostrum è la nuova frontiera dei flussi migratori provenienti dai paesi

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di. solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA

La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di. solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di solidarietà internazionale Relatore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

L Atlante della geostoria economia mondiale

L Atlante della geostoria economia mondiale L Atlante della geostoria economia mondiale Revisione critica delle discipline storiche e sociali per un educazione adatta alla nuova società globale Paleolitico: Ominazione Disciplina Argomento Mondo

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

INDAGINE TELEMARKETING

INDAGINE TELEMARKETING INDAGINE TELEMARKETING INTRODUZIONE L indagine è stata effettuata, mediante intervista telefonica, dalla società Telemarketing per conto dell Area Internazionalizzazione di Assolombarda nel periodo -settembre

Dettagli

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Introduzione alla geografia Introduzione agli elementi geografici e morfologici di un territorio. La posizione di un luogo. L idrografia. Introduzione

Dettagli

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche AIIG Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Torino,

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Paesaggio Capire che cos è la geografia e di che cosa si occupa. Saper distinguere tra geografia fisica e umana. Capire il mondo in cui viviamo attraverso le

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Giovanni Ferrazzi Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Monza, 11 maggio 2014 Il problema della sicurezza alimentare La crisi mondiale

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione 7 - Lezione Urbanizzazione e sovraurbanizzazione Contenuti 1. L evidenza del fenomeno dell inurbamento nei PVS 2. Le interpretazioni del fenomeno: urbanizzazione e sovraurbanizzazione 1. Il fenomeno dell

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

2 Unità Didattica: I sistemi economici moderni. La nascita dei sistemi economici moderni

2 Unità Didattica: I sistemi economici moderni. La nascita dei sistemi economici moderni 2 Unità Didattica: I sistemi economici moderni La nascita dei sistemi economici moderni Con le rivoluzioni sociali, avvenute tra i secoli XVI e XVIII, venne abolita la schiavitù ed il lavoro servile e

Dettagli

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO.

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. Il problema amianto a livello globale è particolarmente rilevante, soprattutto per l'esigenza, per noi improrogabile, di bandirlo immediatamente da

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio.

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. CONTINUA L INTRODUZIONE 1. L Architettura Feng Shui, è dunque un bacino di conoscenza sintetizzato in questo paradigma delle tre vie, che

Dettagli

Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si èspostata in un paese diverso da quello di residenza abituale e che vive in quel paese

Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si èspostata in un paese diverso da quello di residenza abituale e che vive in quel paese Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si èspostata in un paese diverso da quello di residenza abituale

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III

PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III PROGETTAZIONE ANNUALE CLASSE III STORIA Finalità educative: - Comprendere e spiegare il passato dell uomo partendo dallo studio delle testimonianze e dai resti che il passato ci ha lasciato. - Contribuire

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA La Geografia studia i rapporti delle società umane tra loro e con il pianeta che le ospita. È disciplina di cerniera per eccellenza, poiché consente di mettere in relazione temi economici, giuridici,

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA GEOGRAFIA CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM / TUR. DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: FORMA E SUPERFICIE DELLA TERRA Interpretare il linguaggio cartografico. - I sistemi di riferimento

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli