Comunicazione aziendale Comunicare in momenti di crisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicazione aziendale Comunicare in momenti di crisi"

Transcript

1 Comunicare in momenti di crisi definizione caratteristiche, effetti sui pubblici e risposta dell organizzazione gestire la crisi 1

2 Comunicare in momenti di crisi definizione 2

3 Comunicare in momenti di crisi - l evento 1 definiamo crisi un accadimento, improvviso, che può influire (negativamente, nella maggioranza dei casi) sull attività e sulla vita stessa di una organizzazione molte cause possono aver originato la crisi ; che in genere, però, si verifica per: evento, naturale o causato ad arte (prevedibile o meno - 9/11) cattiva performance dell organizzazione reazione sfavorevole del mercato o di pubblici specifici a prodotti o politiche attacco, dal mercato o dalla concorrenza, ad alcuni prodotti o servizi la lettura dei quotidiani, anche superficiale, evidenzia con frequenza eventi imprevisti che causeranno nocumento ad aziende di buona reputazione, di ogni dimensione e nazionalità; per esempio, nell estate 2007: La General Motors Co. (USA) - luglio richiama per revisione circa vetture (vari modelli) prodotte tra il 1998 ed il 2003, per problemi all'impianto elettrico che possono causare incendio. La Mattel - uno dei più importanti gruppi di produzione e distribuzione di giocattoli - ritira dal commercio (agosto 2007) oltre 18 milioni di pezzi (di cui con marchio "FisherPrice" prodotti dalla cinese LeeDer) perché pericolosi per i bambini (automobilini pitturati con vernici al piombo; pezzi vari con magneti facilmente staccabili ed ingeribili) 3

4 Comunicare in momenti di crisi - l evento 2 lettura dei quotidiani (segue) e, andando indietro, molti grandi nomi hanno sperimentato problemi analoghi; così: La Toyota (gennaio 2007) - per problemi allo sterzo e alle sospensioni - richiama 533 mila veicoli (i SUV Sequoia e i pick-up Tundra) prodotti tra il 2004 e il 2007 nello stabilimento americano di Princeton; per difetti simili, Toyota aveva (nel 2005) richiamato 800 mila auto, tra cui le Sequoia e le Tundra, prodotte tra il 2002 e il La Ford Motor Co., nel 2000, ha richiamato vetture Ford Explorers che montavano pneumatici Firestone, da sostituire; un inchiesta della CBS aveva dimostrato che questo equipaggiamento aveva causato parecchi incidenti mortali La Coca Cola Co., nel giugno 1999, ha ritirato i prodotti distribuiti quel mese in Francia e BeNeLux; 200 persone avevano denunciato malesseri per averne consumati Incidenti aerei inspiegabili accadono anche a grandi aviolinee (settembre 1998, al largo della Nova Scotia, SWISSAIR perde il volo SR111, da Ginevra: 229 vittime) La FDA, nel 1996, annuncia di aver riscontrato - in una indagine su problemi cardiaci riscontrati in utilizzatori di Fen-Phen (il diffusissimo dimagrante miracoloso - oltre 20 milioni di ricette solo quell anno) - seri danni al cuore nel 30% dei casi esaminati (perforazioni) 4

5 Comunicare in momenti di crisi caratteristiche, effetti sui pubblici risposta dell organizzazione 5

6 Comunicare in momenti di crisi crisi - caratteristiche, effetti sui pubblici e risposta dell organizzazione le caratteristiche della crisi rivelano elementi propri della situazione e manifestazioni di scarsa lucidità - probabilmente riconducibili all eventuale prolungarsi dello stato di crisi ; in una elencazione non ordinata e non esaustiva: repentinità dell accadimento rapidità di diffusione della notizia e veloce ed esponenziale crescita dell interesse alta capacità di generare panico emotività nelle decisioni prese dai responsabili per approccio irrazionale al problema generazione di confusione nella struttura di comunicazione dell organizzazione vasto ed incontrastabile interesse dei media, da cui eccessiva copertura dell evento pericoli per reputazione e, non ultimo, profittabilità dell organizzazione gli effetti sui pubblici risentono della emotività (più che della razionalità) delle contistuency dipendono dalla natura dell evento, variano a seconda delle cause generanti (naturali, umane, delle organizzazioni) la risposta dell organizzazione tenderà comunque ad una soluzione positiva, o meno dannosa per l organizzazione richiederà un razionale approccio di tipo comunicativo alla crisi 6

7 Comunicare in momenti di crisi - caratteristiche 1 caratteristiche di una crisi repentinità dell evento è difficile prevedere l oggetto della crisi e il momento in cui si manifesterà anche chi - prefigurando possibili difficoltà - si è fornito di un piano di crisi per affrontare razionalmente uno o più eventi negativi, ha in genere definito solo un codice di comportamento rapida diffusione della notizia e esponenziale crescita dell interesse sul caso il villaggio globale consente la rapida diffusione dell informazione sulla crisi e favorisce la crescita abnorme dell interesse dei pubblici attorno ad alcuni casi la notiziabilità dell evento crisi dipende molto dalla sua eccezionalità; per esempio, un disastro purtroppo frequente (affondamento di una petroliera con perdita del carico ed inquinamento di mare e coste) ha un suo potenziale di interesse normale ma diviene un caso se il luogo dell incidente ha particolari caratteristiche (la petroliera Exxon Valdéz al largo dell Alaska, i ghiacci eterni e l ambiente, contaminati) che gli creano una potente cassa di risonanza (effetti sulla natura - fauna e flora e coste; rimedi a breve e lungo temine, ecc.) 7

8 Comunicare in momenti di crisi - caratteristiche 2 caratteristiche di una crisi (segue 1) generazione di panico e contenimento degli effetti negativi della crisi informazioni chiare e (nei limiti del possibile) complete sull evento crisi dovrebbero essere ampiamente disponibili; questa disponibilità consentirebbe di contenere entro livelli fisiologici la paura che l ignoranza sempre genera in merito a qualsiasi cosa e, in definitiva, aiuterebbe a contenere (o limitare) gli effetti negativi che la crisi può ingenerare la recente crisi dei mutui immobiliari USA subprime - se non contenuta (controllata) - potrebbe causare un crollo generalizzato sia del mercato immobiliare che dei titoli che ne sono derivati e questi - diffusi in tutto il mondo originare fallimenti a catena di banche, aziende, fondi pensione, ecc.(sindrome c.d. anche se non sai perché tutti vendono, tu vendi e casomai pentiti dopo); se i media, autonomamente o interessatamente sollecitati, fossero messi in grado di informare correttamente i loro pubblici non solo dell evento pauroso ma anche dei possibili sistemi di contrasto (per esempio, possibilità di interventi tecnici delle banche centrali con funzione di raffreddamento delle reazioni più istintive degli operatori) si eviterebbe il rischio di vendite diffuse e repentine, crisi di liquidità, crollo di tutti i mercati e l aggravamento incontrollabile della situazione (crisi del 1929) 8

9 Comunicare in momenti di crisi - caratteristiche 3 caratteristiche di una crisi (segue 2) decisioni di tipo emotivo, conseguenza di approccio di tipo irrazionale danni certi, ma di portata forse imprevedibile, alla reputazione dell organizzazione possono risultare da eccesso di preoccupazione per gli effetti negativi che la crisi potrebbe avere sulle performance produttive, commerciali e/o finanziarie del proprio gruppo e sottovalutazione dell aspetto umano - sempre presente in questi casi la Dupont, un colosso della chimica all avanguardia nella ricerca (tra l altro) in farmaceutica e nell agricoltura aveva brevettato sementi OGM di riso basmati, coltivato da secoli in India; la reazione degli agricoltori e del governo indiano è stata violenta e - dopo un lungo periodo di resistenza, dovuto anche al timore di indebolire il valore dell azienda con riflessi sulle performance delle proprie azioni e obbligazioni la multinazionale ha dovuto sospendere la vendita delle nuove sementi in India ed ha problemi nel Sud Est asiatico; i farmaci anti HIV - brevettati dalle aziende farmaceutiche internazionali - hanno prezzi troppo elevati per poter essere utilizzati per curare gli ammalati del terzo mondo (specie Africa, ma anche India e sud est asiatico) dove la malattia ha oramai carattere di grave epidemia; su pressione internazionale,le aziende sono state costrette a permetterne la fabbricazione e la vendita a costi accettabili nei paesi in cui maggiori sono i danni del contagio. 9

10 Comunicare in momenti di crisi - caratteristiche 4 caratteristiche di una crisi (segue 3) confusione nella struttura di comunicazione dell organizzazione il sistema comunicativo dell organizzazione non regge la crisi - è sottoposto alla pressione combinata di stampa, opinione pubblica e autorità - e finisce con il diffondere notizie contraddittorie e fuorvianti (tipico esempio - i componenti di un Governo che (su qualsiasi argomento e in qualsiasi occasione) esternassero in libertà pareri e propositi contrastanti le linee generali e condivisi solo dal proprio entourage) la tendenza alla confusione è endemica, e massima quando manca un piano di crisi interesse incontenibile dei media e eccesso di copertura a tutti i livelli i media hanno fame di notizie, meglio se forti, e si impegnano per offrire al proprio pubblico (prima dei concorrenti) tutto il possibile sul caso del momento; ciò accade negli scandali mediatici ( veline e politica; Woodcock, Lele Mora e Corona; politica e polvere bianca ) come nelle crisi serie, che toccano industria (Seveso e la diossina) e finanza (scalata al Corriere della Sera e i furbetti del quartierino) servizi (Unipol e BPI; Telecom) e infrastrutture ( fusione Autostrade - Abertis) pericoli per la reputazione e, non ultimo, la profittabilità dell organizzazione una struttura non può permettersi eventi che certificano cattiva organizzazione propria o dei fornitori (vedi Ford, GM, Mattel, Toyota, ecc) nemmeno il potere può accettare questo rischio (incendi, malavita, evasione fiscale) la cattiva reputazione si paga spesso mancati profitti e/o perdita di credibilità 10

11 Comunicare in momenti di crisi - effetti sui pubblici i pubblici (constituency) reagiscono in modo a volte non prevedibile, perché: la copertura dei media - per le notizie cattive - è garantita, sempre le notizie positive hanno poca notiziabilità e, inoltre, generano scarsa audience (non bucano abbastanza per il prime time TV o la prima pagina ) il timing della crisi, però, è importante; l estate passa quasi tutto, quindi attenzione l aspetto umano el elemento tragico connessi all evento (attentato, incidente, pericolo) coinvolgono molto i pubblici, anche perché evidenziano e sottolineano la vulnerabilità dell essere umano in ogni momento, in tutte le situazioni i gravi pericoli ai quali espone il semplice fatto di vivere la presumibile scorrettezza di comportamento, a volte riscontrabile nei motivi che hanno portato ad una crisi, potrebbe favorire reazioni di tipo vendicativo; anche se assenza di dolo o intervento del fato generano spesso sia oblio che contenimento di effetti negativi notizie su comportamenti impropri o riprovevoli di aziende ed organizzazioni diffuse con frequenza dai media - e la conseguente pessima reputazione del business (specie nella finanza e nelle forniture di tipo monopolistico: energia, trasporto su ferro, ) - hanno formato un opinione pubblica che crede il peggio e ricorda a lungo grandi organizzazioni - specie industriali - tuttavia risentono poco di crisi che hanno cause accettabili o quasi inevitabili ; ciò si verifica, però, solo quando il comportamento post crisi dei responsabili ne rispecchi la bona fides 11

12 Comunicare in momenti di crisi - la risposta la risposta (la risposta dell organizzazione) l evento crisi dovrebbe essere affrontato con calma - repentinità a parte, si tratta sempre di un problema operativo non dissimile, nella sostanza, dai tanti che ci si può trovare a fronteggiare nella vita di una organizzazione - senza dimenticare, però, che gli esiti della crisi influiranno sullo sviluppo e sulla esistenza stessa dell organizzazione in proporzione alla gravità dell evento, alle dimensioni assunte al momento e che potrà assumere in seguito e, principalmente, in relazione all accertamento delle responsabilità così come emergerà dalle indagini (o dalle inchieste) che sicuramente verranno svolte il risultato più o meno positivo delle misure che l organizzazione potrà prendere per affrontare positivamente la crisi e il risultato positivo - o quantomeno non del tutto sfavorevole - che si riuscirà ad ottenere dipende in maniera rilevante dal tipo di approccio comunicativo che si è scelto di seguire la dottrina in materia è unanime nel fissare le caratteristiche che la risposta dell organizzazione dovrebbe sempre avere: pronta, chiara, univoca, credibile le case histories che seguono illustrano alcune situazioni di crisi, i comportamenti che alcune aziende leader hanno ritenuto opportuno assumere in relazione al verificarsi di un particolare evento crisi ed i risultati riscontrati 12

13 Comunicare in momenti di crisi - risposta 1 risposta dell organizzazione - esempio 1 Perrier * - il caso benzene * famosissima acqua minerale francese ipergasata naturale venduta in tutto il mondo Febbraio Perrier USA comunica con un press release il richiamo volontario delle bottiglie già distribuite in USA perché analisi congiunte FDA - Stato del North Carolina hanno mostrato in alcuni bottiglie campione tracce di benzene (minime e non dannose per l uomo) ma eccedenti di poco i severi limiti federali una serie di comunicati contradditori, in parte imprecisi e almeno in parte addomesticati, comunque dannosi per l immagine e le vendite Perrier cerca di giustificare la cosa nel 1991, quando il nuovo Presidente dell azienda (che in precedenza non si era munita C1 di alcun piano di crisi) decide di affrontare professionalmente la situazione è ormai troppo tardi; le conseguenze sono molto gravi e portano all assorbimento da parte della Nestlé ( 92) C4 non è semplice capire cosa non ha funzionato, ma sappiamo cosa è successo: confusione comunicativa a tutti livelli, che disorienta il pubblico e lo spaventa; inoltre la naturale Perrier risulta invece addizionata di gas non dichiarati l azienda sembra inizialmente snobbare i consumatori americani, considerati quasi esagerati per i requisiti richiesti per i prodotti alimentari, eccessivi;in realtà, il ritiro iniziale è solo una concessione alla normativa USA, la forzatura di una situazione del tutto normale reazione negativa di azionisti e finanza, che portano al tracollo dei titoli ed al takeover Nestlé 13

14 positiva 13 eccone un breve e incompleto riassunto : - 2 giorni dopo, il Presidente di Perrier America annuncia che il problema è limitato al Nord America, riguarda 72 milioni di bottiglie confezionate negli ultimi tre mesi tre mes, il ritiro è il solo modo per riconquistare la fiducia USA e l acqua tornerà presto in vendita (sembra si ritenesse che il benzene era in un liquido usato per pulire un limitato gruppo di vuoti) - dopo altri tre giorni si scopre che il danno è enorme; sembra contaminato l intero imbottigliato degli ultimi sei mesi, distribuito in parecchie aree in tutto ilmondo - successivamente Perrier Francia annuncia un richiamo generale, anche se si dichiara che l acqua Perrier contiene dei gas (è additivitata con tra i quali il benzene; ma dopo qualche tempo si viene a sapere che il danno è causato da un filtro sporco nella tubazione dei gas (CO2?) immessi nell impianto di imbottigliamento di Vergèze (Nimes) nel Sud della Francia. Computer; 19/08/2007 si verificano immediatamente grossi problemi su molti fronti; sinteticamente: - Già nel 1990 si riduce la fiducia del pubblico 1. nel prodotto (in Usa, mercato di riferimento, da leader con il 13% si giunge al 9.1) 2. nell azienda (il valore delle azioni tracolla d oltre il 35%, il numero delle azioni scambiate si riduce del 18%, i profitti del 21%) e il regresso non si fermerà (dal 44,8% del mercato nel 90 al 5,1% nel 98) - La dirigenza deve dimettersi quasi subito, ma il nuovo management non ha successo, e Nestlé compra l azienda (1992) Computer; 18/08/2007

15 Comunicare in momenti di crisi - risposta 2 risposta dell organizzazione - esempio 2 Johnson & Johnson - il Tylenol * * famoso antidolorifico in capsule leader nel mondo (40% del mercato USA) persone muoiono dopo aver assunto capsule di questo antidolorifico (ignoti hanno manomesso ed avvelenato con cianuro alcuni flaconi); la crisi è gravissima, il prodotto è usato da milioni di persone, il danno per J&J può essere incalcolabile J&J reagisce immediatamente - senza panico, con lucidità e con voce unica - applicando senza tentennamenti la linea di condotta (il Credo della J&J) stabilita fin dal1935 che pone come priorità assoluta dell azienda - in qualsiasi evenienza - la protezione dei consumatori ritira tutte le confezioni di Tylenol distribuite (22 milioni di contenitori) e sospende ulteriori consegne informa subito, in dettaglio e con ogni mezzo, tutte le constituency: conferma l affidabilità del prodotto (tornerà in vendita solo quando tutto sarà chiarito) e la continuità del modus operandi dell azienda lancia una importante campagna stampa e TV, con contenuti identici, in cui spiega l accaduto avvia un programma di visite dirette e personali di migliaia di dipendenti a constituency della sanità e del commercio che chiariscono la posizione J&J e si prendono cura dei possibili danneggiati J&J ha immagine di serietà e affidabilità, costruita negli anni, e la reazione franca e positiva dell azienda convince il pubblico che, a crisi superata, torna a premiare azienda e prodotto stessa (più limitata, fortunatamente) situazione, stesso approccio, stesso successo C6 C7 C8 14

16 positiva 14 Il Credo della Johnson & Johnson, 380 parole incise fin dal 1935 in una pietra all'ingresso della Direzione generale (HQ) di New Brumswick, N. J., USA, delinea i principi ispiratori dell'attività J&J. In sintesi, il management J&J è responsabile verso: 1. i consumatori, i suggeritori, gli utlizzatori 2. gli impiegati 3. la comunità nel suo insieme 4. gli azionisti Computer; 19/08/2007 J&J ha avuto fin dal principio presente il fattore umano, il coinvolgimento fiduciario che l'assunzione di un "medicinale" comporta ed ha agitod conseguenza, seguendo i vari casi, cercando di prevenire il panico, persino assistendo coloro che erano nella catena di distribuazione Computer; 19/08/2007 nel 1986 la J&J, che nel frattempo si era organizzata, potè anche utilizzare un efficiente "piano di crisi" aggiornato continuamentee- con le modifiche del caso - applicabile all'aoccorenza ancora oggi. Computer; 19/08/2007

17 Comunicare in momenti di crisi risposta 3 risposta dell organizzazione - esempio 3 Pepsi Cola - la crisi della siringa 14 giu sera - Earl e Mary Triplett di Firecrest WA USA bevono mezza lattina di Diet Pepsi; la mattina successiva Earl denuncia che, versando nel lavello la Diet rimasta, ha sentito suonare la lattina vuota, nella quale ha scoperto una siringa. Inizia così una delle più gravi crisi che la Pepsi Cola abbia dovuto affrontare Il CEO riceve la notizia la sera del 15 (dal Capo della FDA) mentre è a casa; insieme giudicano la denuncia senza senso e il CEO decide che la situazione va affrontata subito, contrattaccando nel giro di poche ore, l Unità di crisi è in grado di emettere comunicazioni chiare dirette ai funzionari della FDA, ai media, al trade, ai consumatori: quanto denunciato è impossibile, il prodotto non sarà ritirato nelle poche ore successive un call center (36 impiegati delle relazioni clientela, e una dozzina di portavoce) inizia ad operare giornalmente per parlare con tutti: i media che chiedono notizie e coloro che contattano direttamente l'azienda; i media (TV e stampa) ricevono un filmato sul ciclo di imbottigliamento che dimostra come sia assolutamente impossibile contaminare bottiglie, lattine e confezioni in genere e, in particolare, introdurvi oggetti estranei; successivamente integrato dal filmato di una telecamera di sorveglianza di un centro commerciale che mostra un a donna che tenta di inserire una siringa in una lattina di Pepsi il CEO ed il Sovrintendente FDA appaiono insieme in TV (molti programmi, conferenze, dibattiti) e dichiarano impossibile evento denunciato (non posso garantirlo al 100%, ma al 99,99% sicuramente si, afferma il CEO) alla fine di un periodo certamente duro le indagini della FDA accertano la mistificazione e sono arrestate 20 persone; una campagna stampa nazionale su 200 testate (riviste e quotidiani) chiude in bellezza la vicenda Pepsi is pleased to announce nothing - Drink All The Diet Pepsi You Want - Uh Uhu La rapidità e l efficacia della controffensiva, la durezza dimostrata premiano la Pepsi, che non perde un briciolo di share (era e rimane al 32%) e la Diet migliora la propria posizione: +5,3% C 15

18 positiva 15 la FDA, dopo la crisi del Tylenol (1982 e 1986) ha creato un gruppo FORENSIC antifrode, equipaggiato con i mezzi più moderni e nel quale operano 30 chimici e 3 biologici per investigare su casi di mistificazioni o frodi in alimenti e prodotti chimico-farmaceutici ecc. e sventare i possibili tentativi di ricatto Computer; 20/08/2007

19 Comunicare in momenti di crisi risposta 4 risposta dell organizzazione - esempio 4 Merrill Lynch - la discriminazione di genere a Wall Street l eguaglianza di trattamento sul luogo di lavoro, anche per merito di femministe e gruppi affini, è argomento caldo in USA ex impiegate della Merrill Lynch, la nota banca di affari, citano in giudizio la banca, per danni in paghe, promozioni, clienti accounting, risorse, training, subiti per la discriminazione C10 interna delle donne. Vicenda clamorosa: Wall Street è mondo a forte caratterizzazione maschile ML (ha respinto ogni addebito) è condannata: risarcire le 8 ricorrenti ( USD) in C11 totale; pagare lo Studio legale (che ha impostato la class action ) 5 milioni USD che si estende ai consulenti finanziari impiegati da ML tra gennaio 1994 e giugno 1998 i quali (anche se hanno già ottenuto una qualche composizione ) possono ora agire anche per discriminazione. provvedimento gravissimo, questo ultimo, per la Merrill Lynch, perché: 947 dipendenti (circa un terzo del totale dei possibili richiedenti) decidono di aderire alla class action ML che aveva 60 giorni per esaminare la fondatezza dei ricorsi, è disponibile per una mediazione ulteriore; ciò non piace alle lavoratrici e scatena una valanga di rivendicazioni (circa C ) per 900 delle quali la banca è costretta a riconoscerne (giugno 1999) la fondatezza o almeno la necessità di approfondimenti (settembre) -lo studio Stolwell & Friedman accusa: ML non ha mantenuto gli impegni (riesame delle situazioni e accomodamento extragiudiziale: in pratica revisioni interne e/o compensazioni ) e la querelle riprende; non paga della serie di disfatte subite e incurante del grave vulnus alla propria reputazione, ancora una volta ML contrattacca (nel 1998: + 7% di impiegate - impiegati, solo + 1%; il 70% dei promossi sono donne, ecc.) il reiterarsi di comportamenti riprovevoli è stato di grave danno per ML; l esborso di danaro Non giunse ai 250 milioni USD ipotizzati, ma il danno d immagine è stato forse più oneroso; ha dimostrato l incapacità dell azienda di evolversi al passo coi tempi 16

20 positiva 16 0 La Merrill Lynch non ha mai avuto fama di datore di lavoro molto aperto verso i propri dipendenti. Si pensi a come la banca, negli anni '70 ( piena contestazione) descriveva l'impiegato ideale: un uomo, la cui moglie tra l altro, non lavora, perché il suo ego richiede che egli sia l unic sostegno della sua famiglia. Computer; 22/08/ Ancora alla fine degli anni '90 Wall Street - nonostante i rivolgimenti "epocali" imposti dal politically correct - continuava ad essere considera "uno degli ultimi bastioni della discriminazione ed ineguaglianza e a forte connotazione "maschilista". D'altro canto, e solo nell'estate del 2007, i risultati di un'indagine sulla "Grande mela" ci informano che, negli ultimi anni, a Manhattan, le giovani "lavoratrici" sono più colte, guadagnano di più e fanno più carriera dei loro coetanei maschi (ma l'indagine non ci dice se ciò sia vero anche per il mondo della finanza) Computer; 22/08/ La disponibilità a "trattare" - tuttavia - non riduce l'attività di comunicazione della ML che continua - a tutti i livelli, dai portavoce al CEO, dal Presidente al Vice presidente responsabile delle vendite al dettaglio (il quale ultimo invia una comunicazione scritte a tutti i dipendenti) - la propria assoluta estraneità" e "non responsabilità"su quanto oggetto di rivendicazione da parte dei dipendenti che si ritengonodanneggiati. Computer; 22/08/2007

21 Comunicare in momenti di crisi risposta 5 risposta dell organizzazione - esempio 5 WEB, nuova possibile fonte di crisi - il caso CD Universe gennaio CD Universe, di Wallingford, CT, USA (vende on line CD musicali) è vittima di un ricatto. Un hacker, un certo Maxus chiede un riscatto di USD per non diffondere i dati delle carte di credito di clienti, trafugati dal data base di CDU CDU non cede, e il ricattatore diffonde su un sito internet una prima tranche (riguarda ben carte di credito) di dati; chiunque li potrà utilizzare, anche illegalmente la crisi è particolarmente rischiosa; l azienda deve rispondere dei dati rubati (privacy) - e potrebbe dover rispondere dei danni che i clienti dovessero subire in caso di loro uso doloso. il management di CDU deve reagire rapidamente quindi per proteggere azienda e clienti: l FBI avvia una indagine internazionale e chiude il sito che pubblica i dati rubati tutti i pubblici coinvolti e/o interessati alla crisi sono informati del pericolo i clienti, ricevono una dettagliata che contiene tutte le informazioni disponibili e suggerisce come evitare conseguenze: denunciare il furto, bloccare le carte di credito, ecc. i media sono informati del sito spia attraverso cui sono stati resi pubblici i dati rubati l hacker è individuato abbastanza rapidamente (Maxus è russo e agisce dall Europa orientale - ciò complica le indagini e mette anche al riparo dalle severi leggi USA ed europee in materia) questo è un esempio di come lo sviluppo delle comunicazioni comporta rischi, del tutto nuovi, per le aziende di tutto il mondo; le organizzazioni devono attrezzarsi in fretta per e, se possibile, combatterli con l efficacia e la forza necessarie C13 C14 C15 17

22 positiva 17 3 Established in 1996, CD Universe is a leading Internet retailer specializing in the sale of domestic and imported music CDs and Imports, movie and video games to customers all over the world. We offer everyday low prices and a selection of product that is unmatched. CD Universe has been honored for their exemplary customer service and satisfaction year after year receiving awards such as the Bizrate Circ of Excellence in addition to top customer ratings on Yahoo Shopping, Shopping.com, Shopzilla.com and many more. If this is your first time here, give us a try. Here are a few more reasons why we are one of the best internet retailers in the industry: Selection & Pricing Through our vast distribution network, we are able to offer over 500,000 music, movie, and video game titles! We sell CDs, DVDs, Blu-Ray, UMDs, Video Games, SACDs, DVD-Audio, Cassettes, and much more. The majority of titles are available and usually ready to ship in 1-2 days. Everyday we analyze our suppliers' price and quantity data, and offer all titles at the lowest possible price given their current availability. We also negotiate low prices from the industry's largest suppliers, keep our costs down, and pass those savings on to you. We are one of the largest retailers in our industry. Currently ranking #13 in the books/cds/dvds category by Internet Retailer Magazine. Superior Service We realize that there are many other online companies online you can purchase from. How do we differ? CD Universe is consistently rated among the best in customer satisfaction because we are truly committed to providing top quality service to every customer. Winner two years in a row for excellent customer service. Top rated merchant by our customers. Given to stores which consistently receive positive customer ratings and reviews. Safe & Secure We use the latest encryption technology and security procedures to always protect your personal data. We also protect your privacy by not renting or selling your name or personal information to any third parties or by send you unwanted junk . Audited daily to protect you from identity theft and credit card fraud by Scan Alert, a third party. Verified daily for use of an SSL Certificate to secure private information. CD Universe is privately held and is headquartered in Wallingford, Connecticut.

23 positiva 17 (continua) Computer; 24/08/ euniverse sembra abbia avuto problemi, a causa di questa situazione: nel 2001, vende CD Universe alla società che attualmente la possiede succcessiavamente euniverse nel luglio 2001,annuncia una coopoerazione con 550 Digital Media Ventures, a Sony Group Company, to Take Up to $17 Million Equity Stake in euniverse in Exchange for Cash and Assets. Pact Includes the Acquisition of InfoBeat, the Leading Personalized News and Entertainment Service, for $9.94 Million in euniverse Stoc and Additional Purchase of euniverse Stock for $5 Million Cash. LOS ANGELES -- (BUSINESS WIRE) -- July 13, su google c'è la possibilità di aderire ad una class actioncontro euniverse; non ne so altro,perché la "registrazione" nella class action comporta una procedura che sembra costosa, e che non ritenuto opportunoo seguire. Computer; 24/08/ CD Universe all epoca era una sussidiaria di euniverse, Inc. - Los Angeles, CA. USA - un network con audience enorme cui fornisce online que prodotti di svago che la gente vuole vedere ed informazioni sugli stessi; si parla di 50 milioni di iscritti alla sua Computer; 25/08/2007

24 Comunicare in momenti di crisi gestire la crisi 18

25 Comunicare in momenti di crisi - gestione 1 considerazioni preliminari quale che sia lo sforzo di immaginazione dispiegato dall organizzazione, in ogni caso la crisi si manifesta in modo improvviso ed è quindi possibile che anche il piano più prefigurante debba - in misura più o meno grande - essere adeguato in base a quanto si verificherà nella realtà l organizzazione deve continuare a vivere quindi la crisi deve essere risolta - la speranza è riportare danni limitati o (magari) nulli - ed è essenziale gestire razionalmente l evento la gestione razionale di una qualsiasi attività presuppone la fissazione di una linea di azione coerente con gli obiettivi che ci propone di raggiungere e indicante le opportune linee d azione; per gestire una crisi - perciò - si dovrebbe poter disporre di uno o più piani di crisi (del tipo vai: verificare, aggiornare, implementare) predisposto per ognuna delle aree nelle quali potrebbero verificarsi situazioni di pericolo il piano di crisi generale è costruito attorno ad uno schema che - partendo dal presumibile fattore di massima criticità nella struttura viene dettagliato per ogni area operativa indicale linee guida da seguire; il piano è aggiornato ad intervalli regolari (almeno una volta l anno) chi avrà la responsabilità di gestire l evento crisi - in generale o nelle varie aree - conosce nel dettaglio il piano che lo riguarda, e lo ha condiviso con tutte le entità coinvolte 19

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

comunicare la crisi >>>>

comunicare la crisi >>>> comunicare la crisi tutto può precipitare in una crisi Catastrofi naturali attentati incidenti scalate ostili trans-fotografie copertine black-out cadute di sistemi paralisi dei collegamenti mucca pazza

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti La Toyota è nella bufera. Nelle ultime settimane sono arrivati i richiami di 7 modelli di auto potenzialmente difettose, misure di controllo attivate negli

Dettagli

Il noleggio operativo

Il noleggio operativo Il noleggio operativo Indice degli argomenti 2 1. Vantaggi per il cliente 2. Vantaggi per il dealer 3. Il prodotto noleggio 4. Le nostre tabelle 5. I beni 6. Le garanzie accessorie 7. Documenti e procedura

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Contenuti del documento SuperMoney Media Group Blasting News Cosa significa misurare

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO

COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag.

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo I social network Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati Non esiste il miracolo Si deve lavorare e lavorare duro per ottenere risultati Le informazioni

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

I VALORI NEL BUSINESS PER UN BUSINESS DI VALORE

I VALORI NEL BUSINESS PER UN BUSINESS DI VALORE I VALORI NEL BUSINESS PER UN BUSINESS Il Nostro Credo Introduzione DI VALORE JOHNSON & JOHNSON WORLDWIDE 120.500 Dipendenti 250 Companies 57 Paesi JOHNSON & JOHNSON WORLDWIDE Vendite 2008: 63,7 miliardi

Dettagli

qui Deutschland Via Piave, 41-o - 24068 Seriate (Bergamo) Tel. 035 19969 163 Cell. 331 741 8242 www.qui-deutschland.com info@qui-deutschland.

qui Deutschland Via Piave, 41-o - 24068 Seriate (Bergamo) Tel. 035 19969 163 Cell. 331 741 8242 www.qui-deutschland.com info@qui-deutschland. Chi siamo La vostra forza nei mercati di lingua tedesca Ogni mercato deve essere gestito in modo diverso, per questo Vi aiutiamo a vendere con successo i Vostri prodotti nel mercato tedesco, curando tutti

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

- Allegato COMUNICATO STAMPA -

- Allegato COMUNICATO STAMPA - - Allegato COMUNICATO STAMPA - DATI 1^ Ricerca sulla percezione della sicurezza quanto ad EXPO2015, intitolata "EXPO2015: Sicurezza, Continuità, Vigilanza e Tutela dell'esposizione Universale I primi risultati

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET Una guida per i genitori sul P2P e la condivisione di musica in rete Cos è il P2P? Come genitore hai probabilmente già sentito tuo figlio parlare di file sharing, P2P (peer

Dettagli

Presentazione dei servizi Digicasastudio

Presentazione dei servizi Digicasastudio Presentazione dei servizi Digicasastudio Alla luce di un mercato immobiliare profondamente mutato negli ultimi anni, con una domanda più esigente ma con diminuite risorse finanziarie, è indispensabile

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

Introduzione al PIP (Programma Informativo per i medici) Come aumentare il vostro volume d affari in 4 passaggi

Introduzione al PIP (Programma Informativo per i medici) Come aumentare il vostro volume d affari in 4 passaggi Introduzione al PIP (Programma Informativo per i medici) Come aumentare il vostro volume d affari in 4 passaggi Benvenuti al PIP (Programma Informativo per i medici) La visione di Phonak è aiutare gli

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Marghera 14 novembre 2003 Intervento del Sig. GIANCARLO DE LAZZARI A. D. di BERENGO SpA - Marghera SICUREZZA: Da costo a fattore competitivo

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Da dove vengono i vostri cuscinetti? La verità sul problema della crescente contraffazione

Da dove vengono i vostri cuscinetti? La verità sul problema della crescente contraffazione Da dove vengono i vostri cuscinetti? La verità sul problema della crescente contraffazione Quando pagate per la qualità SKF, dovete ricevere la qualità SKF Se acquistate i cuscinetti o altri prodotti della

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25%

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% COMUNICATO STAMPA Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% Non tutti guadagnano ciò che meritano. Il più grande studio sul pricing mai effettuato, con oltre 3.900 intervistati,

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Supply Intelligence Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Ancora in alto mare? Le forniture, specialmente se effettuate a livello globale, possono rivelarsi un vero e proprio viaggio

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

MigliorShop e-commerce

MigliorShop e-commerce www.migliorshop.it Impara dal passato, vivi il presente, crea il tuo futuro MigliorShop e-commerce Il futuro della tua farmacia MigliorShop È il momento giusto per prendere una decisione strategica per

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO CONCETTI E DEFINIZIONI PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO Proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni (TU) Ambiente Materiali Attrezzature Impianti Metodo

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Cambiare il Sistema Informativo

Cambiare il Sistema Informativo Cambiare il Sistema Informativo avvertenze e consigli per la partenza ex-novo o per la sostituzione di quello esistente Febbraio 2008 1 Contenuti Premessa Caratteristiche di un buon Sistema Informativo

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

Aggiungere valore al business traveller at-destination. Come individuare le necessità dei business travellers e i servizi mobile a cui aspirano.

Aggiungere valore al business traveller at-destination. Come individuare le necessità dei business travellers e i servizi mobile a cui aspirano. Aggiungere valore al business traveller at-destination Come individuare le necessità dei business travellers e i servizi mobile a cui aspirano. Introduzione TNS ha condotto per conto di Amadeus uno studio

Dettagli

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CAMBI MERCE: QUANDO E OBBLIGATORIO CAMBIARE LA MERCE E QUANDO E OBBLIGATORIO, INVECE, RESTITUIRE IL PREZZO PAGATO? Preliminarmente il D.LGS. 206/05 (Codice

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER SUCCESS STORY Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER PROFILE Settore: servizi finanziari Azienda: Nordea Bank Dipendenti:

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

A cura di M. Lia Negri -Rev. 2014

A cura di M. Lia Negri -Rev. 2014 STRATEGIE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO 1 A cura di M. Lia Negri -Rev. 2014 CERCARE LAVORO: UN GROSSO PROBLEMA che si ridimensiona un po se lo scomponiamo in tanti piccoli e li affrontiamo uno alla

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations CUSTOMER SUCCESS STORY LUGLIO 2015 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Azienda: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

CUSTOMER SERVICE. Perché è così importante? Obiettivi e Strategie. www.gpstudios.it info@gpstudios.it

CUSTOMER SERVICE. Perché è così importante? Obiettivi e Strategie. www.gpstudios.it info@gpstudios.it CUSTOMER SERVICE Perché è così importante? Obiettivi e Strategie Che cos è il Customer Service? L insieme di azioni che un azienda svolge per agevolare i propri clienti prima, durante e dopo l acquisto

Dettagli

Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica

Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica Convegno FIRE - Expoconfort/NextEnergy Fiera di Milano - 5 marzo 2004 Il Mercato dell Efficienza energetica Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica Mario de Renzio FIRE - Federazione

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza FORMULARIO per istituzione e attivazione master di I e II livello ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza Annuale

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE Tina Fasulo CRISI DEL MODELLO 1 A MOLTI La moltiplicazione dei contenuti digitali e distribuzione dell attenzione su molteplici canali

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

Usato Smile e l automobilista ti sorride

Usato Smile e l automobilista ti sorride Usato Smile e l automobilista ti sorride Proponi anche tu Usato Smile e otterrai: Nasce un nuovo servizio che ti offre nuove opportunità L accesso a una flotta potenziale di 2,5 milioni di veicoli questo

Dettagli

Contratti con i clienti

Contratti con i clienti Cambiare le regole Contratti con i clienti Most favoured customer clauses Garantire a tutti i propri clienti il prezzo più basso Apparentemente è una clausola che aiuta i clienti ma Rendono i venditori

Dettagli

DIRECT MARKETING: COME- QUANDO-PERCHE UTILIZZARLO

DIRECT MARKETING: COME- QUANDO-PERCHE UTILIZZARLO DIRECT MARKETING: COME- QUANDO-PERCHE UTILIZZARLO Definire il Direct Marketing, riportando la definizione tratta da Wikipedia, l enciclopedia libera nata grazie ai contributi degli utenti della rete internet:

Dettagli

I SOLDI DELL UE. Alcuni miti da sfatare. Frodi a ruota libera? Miliardi svaniti nel nulla? I conti sono una barzelletta? Commissione europea

I SOLDI DELL UE. Alcuni miti da sfatare. Frodi a ruota libera? Miliardi svaniti nel nulla? I conti sono una barzelletta? Commissione europea I SOLDI DELL UE Alcuni miti da sfatare Frodi a ruota libera? Miliardi svaniti nel nulla? I conti sono una barzelletta? Commissione europea In breve I titoli a sensazione citati in copertina sono molto

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 2 Premessa Con il la Belli S.r.l. vuole creare una sorta di carta dei diritti e doveri morali che definiscono la responsabilità etico-sociale di

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli