INDICE Introduzione 2 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori 4 Quadro finanziario complessivo 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE Introduzione 2 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori 4 Quadro finanziario complessivo 11"

Transcript

1 ALLEGATO 3 PIANO D'AZIONE DELL'AQST MILANO METROPOLI RURALE INDICE Introduzione 2 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori 4 Quadro finanziario complessivo 11 Macroazione 1 Potenziamento e miglioramento sistema irriguo 12 Macroazione 2 Riqualificazione e valorizzazione paesaggistico ambientale 62 Macroazione 3 Miglioramento fondiario 134 Macroazione 4 Innovazione di prodotto, di processo e di filiera 160 Macroazione 5 Multifunzionalità 195 Macroazione 6 Valorizzazione e promozione del territorio e della cultura rurale 218 Macroazione 7 Consolidamento della strategia di sviluppo dell'aqst 248

2 Introduzione Il Piano d Azione dell AQST Milano Metropoli Rurale trova fondamento nella strategia dell AQST che mira a consolidare la governance del processo di rafforzamento della matrice rurale dell insediamento urbano metropolitano milanese in tutte le sue declinazioni: territoriale, paesistica, storica, culturale, economica, sociale. In particolare, la suddivisione in Macroazioni del Piano, così come nel seguito declinato, è strettamente correlata agli obiettivi dell AQST e ai quattro Piani strategici dei Distretti Rurali (DAM, DAVO. DINAMO, RISO e RANE) che aderiscono allo stesso. La catalogazione delle singole Attività per Macroazioni e Azioni è stata fatta sulla base dell obiettivo principale che la singola Attività si propone di conseguire. M1 POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA IRRIGUO Macroazione avente il fine di rendere maggiormente fertili le superfici agricole attraverso Azioni e Attività che mirino sia all incremento delle portate irrigue e al miglioramento delle prestazioni del reticolo idrico (M1.A1) attraverso progetti di riattivazione della connessione idraulica, che al miglioramento della qualità delle acque irrigue (M1.A2). A queste si affiancano azioni di difesa idraulica (M1.A3) che concorrono al raggiungimento degli obiettivi di tutela dei beni comuni [acque, suoli, biodiversità, paesaggio]. M2 - RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PAESAGGISTICO AMBIENTALE La Macroazione in questione contribuisce al contenimento del potenziale degrado e alla riqualificazione e valorizzazione paesaggistico-ambientale del territorio, nella sua più ampia accezione, attraverso azioni volte alla riqualificazione e valorizzazione di ambiti di area vasta (M2.A1); in particolare sono valorizzate le Azioni per le compensazioni ecologiche EXPO (M2.A2), che mirano a valorizzare le peculiarità del territorio urbano-rurale attraverso modalità di connessione tra le aree urbane e rurali. Tutte le Azioni e Attività tendono al consolidamento dell infrastrutturazione blu-verde, allo scopo di aumentare la resilienza e la biodiversità degli ecosistemi e a restituire agli abitanti spazi non solo di lavoro, ma anche di fruizione, che contribuiscano ad un miglioramento della qualità della vita e concorrano all identificazione e appartenenza al territorio. A queste Azioni che coinvolgono un ambito territoriale vasto si affiancano Azioni più puntuali che fanno riferimento ad accordi per la manutenzione (M2.A3) che potranno prevedere il coinvolgimento di soggetti pubblico-privati. M3 - MIGLIORAMENTO FONDIARIO Il rafforzamento dei sistemi rurali in ambito metropolitano come strategia di contenimento del consumo di suolo e come modalità operativa per definire un modello equilibrato di sviluppo economico ambientalmente sostenibile passa anche attraverso Azioni che contribuiscono al miglioramento fondiario. Tra queste sono state individuate Azioni legate alla riqualificazione del patrimonio edilizio (M3.A1) inteso sia come patrimonio delle aziende afferenti ad un determinato distretto che potrà essere responsabile del coordinamento generale dell attività, che veda come soggetto attuatore una o più aziende private sia come patrimonio pubblico, per quelle cascine che attualmente non sono sedi di aziende agricole. Alla suddetta Azione si aggiungono quelle legate all ammodernamento dei macchinari e degli impianti per la produzione, trasformazione, stoccaggio e commercializzazione dei prodotti (M3.A2) nonché alla riqualificazione delle superfici agricole aziendali (M3.A3): anche per queste ultime due 2

3 Azioni vale la suddivisione di responsabilità di coordinamento/attuazione tra distretti e singola azienda. M4 INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO E DI FILIERA La Macroazione nasce per sostenere forme di diversificazione dell attività agricola che possano allargare la prospettiva della produzione agricola tradizionale per rispondere anche ai nuovi bisogni urbani, rafforzando sinergie con altri settori economici e conseguenti opportunità di mercato. Le Azioni sono quelle di ottimizzazione delle risorse (M4.A1), come ad esempio l acquisto e l utilizzo di impianti e macchinari comuni, di innovazione (M4.A1) intesa come innovazione di prodotto, di processo e di filiera, ed infine l Azione che riguarda la creazione di nuove forme di vendita e commercializzazione (M4.A3) al cui interno possono ricadere sia l istituzione (da parte delle P.A.) di mercati riservati all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli, sia attività inerenti accordi tra privati, etc. M5 MULTIFUNZIONALITA Contribuire allo sviluppo sostenibile grazie all integrazione del sistema produttivo con attività multifunzionali svolte all interno delle aziende agricole è l obiettivo che si pongono le Azioni afferenti a questa Macroazione, in cui potranno essere ricomprese attività riguardanti ricezione, ospitalità e fruizione di spazi aperti (M5.A1), attività sociali (M5.A2), come ad esempio ippoterapia e laboratori per disabili, e attività legate all educazione e alla didattica (M5.A3). M6- VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLA CULTURA RURALE A questa Macroazione fanno riferimento sia Azioni strettamente legate al marketing territoriale (M6.A1) e alla valorizzazione della cultura rurale (M6.A2) sia azioni di comunicazione (M6.A3). Queste ultime riguardano più in generale l attività di comunicazione dell AQST, con particolare riferimento all evento Expo 2015, e la promozione dell AQST, finalizzata all ampliamento del partenariato aderente all Accordo. M7- CONSOLIDAMENTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO DELL AQST Macroazione di ampio respiro collegata alla Strategia dell AQST che si sostanzia nel voler perseguire un modello equilibrato di sviluppo che unisca le dinamiche e le potenzialità, nelle aree metropolitane, delle realtà urbane con quelle dei contesti rurali e degli spazi aperti, mediante una buona governance pubblico/privata per uno Sviluppo Urbano-Rurale intelligente, durevole e inclusivo. La Macroazione consta di tre azioni rivolte all orientamento delle politiche, piani e programmi (M7.A1) che vedono attività i cui soggetti attuatori sono prettamente gli enti di governo del territorio; Studi (M7.A2) suddivisibili in studi ancora in corso, a cui le attività dell AQST possano contribuire, o già terminati, ma per i quali si renda fattibile un applicazione sperimentale degli stessi, oppure Attività di studio da avviare; Formazione (M7.A3) prettamente rivolta agli agricoltori per attività quali ad esempio la manutenzione del verde pubblico, la gestione delle attività multifunzionali e, più in generale, il management aziendale. 3

4 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori MACROAZIONE 1 - POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO SISTEMA IRRIGUO AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M1.A1.1 By pass Ticinello/ Vettabbia Comune MI M1.A1 Incremento portate irrigue e miglioramento prestazioni reticolo idrico M1.A1.2 M1.A1.3 M1.A1.4 M1.A1.5 Incremento portate derivate da Martesana/Seveso (indistinte) in Roggia Vettabbia tramite riattivazione idraulica Fossa Interna Navigli Incremento portate derivate da Martesana/Seveso (indistinte) in Roggia Vettabbia tramite riattivazione connessione idraulica con Grande Sevese Completamento del sistema di alimentazione del Mulino di Chiaravalle Incremento portate irrigue derivate dal Cavo Redefossi in Cavo Borgognone Comune MI Comune MI Comune MI Comune MI M1.A1.6 Recupero portate di corsi d acqua attualmente collettati in fognatura Comune MI M1.A1.7 Recupero e valorizzazione alveo Vettabbia Alta Comune MI M1.A1.8 Redistribuzione e impinguamento portate irrigue Levata Sifone Gregotti pro Carpianese Comune MI M1.A2 Miglioramento qualità acque irrigue M1.A1.9 M1.A1.10 M1.A2.1 M1.A2.2 M1.A3.1 Incremento nel sud ovest milanese della portata di rimpinguamento dei fontanili depauperati dal CSNO attraverso il potenziamento dei canali che li intersecano (Roggia Soncino e diramazioni del Canale Villoresi) Potenziamento della multifunzionalità idraulica ed ecosistemica del reticolo idrico minore nel territorio metropolitano milanese Adeguamenti Depuratore Pero finalizzati al riutilizzo irriguo acque Finanziamento e coordinamento di azioni finalizzate al ricorso di sistemi di drenaggio sostenibile, per il convogliamento delle acque meteoriche non inquinate in corpo idrico superficiale o su suolo per la ricarica degli acquiferi Ripristino della funzionalità idraulica dell'alveo della Roggia Vettabbia in prossimità del Borgo di Chiaravalle DINAMo Coordinamento 4 Distretti Comune MI RL -DG AESS Comune MI M1.A3 Difesa dal rischio idraulico M1.A3.2 Aree di esondazione controllata per il contenimento delle piene Vettabbia Bassa in Ambito Chiaravalle Comune MI M1.A3.3 Ristrutturazione alveo e sponde Vettabbia Bassa tra Chiaravalle e levate Cascina Nuova e Molino Torrette a valle di Milano Comune MI M1.A3.4 Ripristino e potenziamento funzionale delle paratoie Vettabbia Bassa Comune MI M1.A3.5 Riconnessione del fiume Olona superiore [deviato a Rho in epoca romana] con l Olona inferiore RL DG TUDS fino al Po 4

5 MACROAZIONE 2 - RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PAESAGGISTICO AMBIENTALE AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M2.A1.1 Patto per lo Sviluppo del Sistema Verde V'Arco Villoresi RL- Agricoltura M2.A1.2 Valorizzazione del paesaggio rurale - Vie d 'acqua EXPO2015 Provincia MI M2.A Fontanili dall Adda al Ticino - Sistemi ambientali di connessione per la rete ecologica Provincia MI M2.A1.4 Individuazione e potenziamento principali dorsali di sviluppo per le connessioni ecologiche in ambiti vallivi dei corsi d'acqua minori Comune MI M2.A1 Riqualificazione e valorizzazione ambiti di area vasta M2.A1.4a Realizzazione della progettualità Bando CARIPLO - MILANO CITTÀ DI CAMPAGNA LA VALLE DEL TICINELLO (Connessioni ecologiche nel Parco del Ticinello) M2.A1.4b Estensione/sviluppo connessioni ecologiche lungo la Valle del Ticinello M2.A1.4c Estensione/sviluppo connessioni ecologiche lungo la Valle della Vettabbia M2.A1.5 Riattivazione fontanili confluenti nel Parco delle Cave di Milano Comune MI M2.A1.6 Rotaie verdi M2.A1.7 Il Canale dell'esposizione. Riqualificazione agropaesaggistica comparto Cascina Radio DAVO Comune MI M2.A1.8 La biodiversità attraversa l'olona. Connessione ecologica dal Bosco di Vanzago al Parco delle Groane DAVO M2.A1.9 Olona entra in città. Biodiversità e riqualificazione nella Pianura Olona DAVO M2.A1.10 LIBRARSI studio di connessione ecologica e connessione ecologica su area vasta DiNAMo Riqualificazione del paesaggio con filari/siepi e zone umide per attirare la fauna acquatica Distretto M2.A1.11 coerente con la coltivazione a risaie Riso e Rane M2.A2.1 Varedo - Interventi di ottimizzazione ecologica e incremento della biodiversità M2.A2 Compensazioni ecologiche Expo M2.A2.2 M2.A2.3 M2.A2.4 M2.A2.5 M2.A2.6 M2.A2.7 M2.A2.8 M2.A2.9 M2.A2.10 M2.A2.11 M2.A2.12 Lainate - Interventi di tutela e potenziamento della biodiversità: nuovi boschi, zone umide e migliorie forestali Novate Milanese - Nuovi boschi nel PLIS Parco della Balossa Pregnana Milanese - Connessione ecologica dal bosco di Vanzago al Parco delle Groane: siepi, filari e miglioramenti forestali Milano: Opere di ricostruzione ecologica nell'ambito di Milano-Muggiano Milano: Opere di ricostruzione ecologica nell'ambito di Milano-Nord Ovest Milano: Opere di ricostruzione ecologica nell'ambito di Milano-Risaie Villoresi: Interventi di riqualificazione boschiva per la valorizzazione delle connessioni ecologiche lungo il canale Villoresi Trezzano- Interventi di ottimizzazione ecologica e multifunzionale di un'area verde esistente LET1 - Interventi di ottimizzazione ecologica e multifunzionale di un'area verde esistente PLIS Basso Olona e Rho Olona- Interventi di potenziamento della biodiversità: nuovi boschi e migliorie forestali Scolmatore Nord Ovest: Progetto strategico per la ricostruzione di fasce verdi lungo il Canale scolmatore Nord Ovest RL- Osservatorio Expo M2.A3.1 Convenzione in corso di stesura RL-AIPO-con il Distretto Agricolo Valle Olona (DAVO) per la conduzione delle aree di laminazione ambientale RL-DG TUDS M2.A3 Accordi per la manutenzione M2.A3.2 M2.A3.3 Accordo con agricoltori per manutenzioni spazi verdi pubblici su modello Parco delle Cave L'Isolino dell'olona: progetto di cura e rigenerazione degli spazi aperti extraurbani di proprieta comunale, Parabiago Comune MI DAVO 5

6 MACROAZIONE 3 - MIGLIORAMENTO FONDIARIO AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M3.A1.1 Interventi di manutenzione straordinaria per otto cascine con attività agricola Comune di Milano M3.A1.2 RIQUALIFICAZIONE PATRIMONIO EDILIZIO AZIENDE DAM DAM M3.A1.2a M3.A1.2b M3.A1.2c M3.A1.2d M3.A1.2e M3.A1.2f M3.A1.2g Cascina Basmetto - Azienda Agricola G. Papetti Cascina Battivacco - Azienda Agricola Fedeli Cascina Caldera - Società agricola Cascina Caldera Cascina San Gregorio - Azienda agricola Bossi Mauro Cascina Tre Ronchetti - Azienda agricola Ronchetto delle rane Cascina Campazzo - Azienda agricola Falappi Cascina Cavriana- Azienda agricola Fratelli Martini M3.A1 Riqualificazione patrimonio edilizio M3.A1.3 Cascine di proprietà del Comune di Milano attualmente non sedi di Aziende agricole Comune di Milano M3.A1.3a M3.A1.3b Cascina Linterno - recupero architettonico e riqualificazione funzionale Cascina San Bernardo M3.A1.3c Cascina Monluè M3.A1.4 I Mulini dell Olona. Riqualificazione ambientale e agrorurale dei mulini DAVO M3.A1.5 Riqualificazione ai fini ricettivi e polifunzionali strutture a magazzino DiNAMo M3.A1.6 Recupero fabbricati rurali e strutture zootecniche, realizzazione impianto biogas per il recupero di sottoprodotti della trasformazione zootecnica ed in particolare di allevamenti ittici su scala di rete comprensiva di più aziende. DiNAMo M3.A2 Ammodernamento macchinari e impianti per la produzione, trasformazione, stoccaggio e commercializzazione dei prodotti M3.A2.1 M3.A2.1.a M3.A2.1.b Macchinari e impianti aziende DAM DAM Cascina Battivacco - Azienda Agricola Fedeli Cascina Cavriana - Azienda Agricola Fratelli Martini M3.A3 Riqualificazione delle superfici agricole aziendali M3.A3.1 M3.A3.2 Riordino fondiario tramite livellamento terreni, revisione rete irrigua e della rete poderale Interventi di miglioramento fondiario per la gestione delle acque irrigue in comune di Casarile (MI) e di Rognano (PV) Tutti i Distretti DiNAMo 6

7 MACROAZIONE 4 - INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO E DI FILIERA AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M4.A1.1 LaboProG - Progetti di condivisione laboratori di filiera su contratti di rete DiNAMo MA.A1 Ottimizzazione delle risorse M4.A1.2 Dalla Terra allla Birra. Progetto di filiera della birra totalmente agricola: maltificio, birrificio e rete di produttori d'orzo distico e luppolo (Birra Agricola) con sviluppo organizzazione e coltivazione di luppolo in coltura specializzata DiNAMo M4.A1.3 Recupero fabbricati rurali per servizi di filiera DiNAMo M4.A1.4 Realizzazione di una riseria/centro di stoccaggio e confezionamento per il riso, mulino Riso e Rane M4.A2.1 Promozione della coltivazione della canapa industriale Provincia M4.A2.2 Conservazione e valorizzazione della razza bovina varzese Provincia M4.A2.3 Conservazione e valorizzazione di razze avicole lombarde Provincia M4.A2.4 Progetti di innovazione dei prodotti e dei cicli produttivi - Aziende DAM DAM M4.A2.4a Produzione di prodotti di trasformazione a marchio DAM: pasta fresca e biscotti MA.A2 Innovazione M4.A2.4b Cascina Nuova. Produzione energia da fonti rinnovabili M4.A2.5 M4.A2.6 M4.A2.7 La filiera dell'acqua. Progetti di agricoltura conservativa innovativa a filiera corta: il pane di Parabiago, la reintroduzione delle razze e delle colture autoctone. Concept, ingegneria e costruzione impianti energie rinnovabili integrabili con processi, smart grid e community, compensazioni CO2 e inquinanti, controlli. Sviluppo coltivazione di colture da biomassa per l'autosufficienza energetica (miscanto, arundo, sorgo). Miglioramento funzionale laboratorio per micropropagazione vegetale. Impianto di bricchettaggio finale. DAVO DiNAMo DiNAMo M4.A2.8 Innovazione del processo produttivo e di commercializzazione del riso: certificazione sementi, disciplinari e piattaforma informatica Riso e Rane M4.A3.1 Istituzione di Mercati riservati all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli Comune MI M4.A3.2 Mercati agricoli a Km 0 nelle Cascine DAM DAM M4.A3 Nuove forme di vendita e commercializzazione M4.A3.3 Accordo di fornitura tra DAM e GDO per commercializzazione pasta fresca, riso, ortaggi, salumi. M4.A3.4 ll nuovo Verziere: mercati agricoli itineranti tra le aziende dei Distretti DiNAMo DAM M4.A3.5 Accordi con pasticcerie, riserie e distributori di eccellenza per la produzione di dolci (biscotti e torte) a base di farina di riso per celiaci Distretto Riso e Rane M4.A3.6 Partecipazione a mercati e sagre promosse dai comuni con prodotti aziendali Distretto Riso e Rane 7

8 MACROAZIONE 5 - MULTIFUNZIONALITA' AZIONI Rif. Scheda ATTIVITA' Coordinatore M5.A1.1 Ville d acqua. Alla scoperta delle ville storiche DAVO M5.A1 Ricezione, ospitalità e fruizione spazi aperti M5.A1.2 Percorsi d'acqua. Utilizzo dei percorsi lungo la rete idrica primaria DAVO M5.A1.3 Rete di percorsi boschivi di connessione tra aziende forestali con recupero edilizio di cascinelli di caccia ed agricoli per attività scientifica, turistica e ricettiva. DINAMo M5.A1.4 Mobilità dolce nel territorio rurale metropolitano Coordinamento 4 Distretti M5.A2.1 Nocetum - Cascina Corte San Giacomo Comune MI M5.A2.2 Attivita sociali aziende DAM DAM M5.A2 Attività sociali M5.A2.2a M5.A2.2b M5.A2.2c M5.A2.2d M5.A2.3 M5.A2.4 Cascina Basmetto Azienda Agricola G.Papetti Cascina Campi- Azienda Agricola Campi Cascina Caldera Società Agricola Caldera Cascina Sora Azienda Agricola Paloschi Cooperativa Sociale Agricola - Impiego di soggetti socialmente svantaggiati nelle DINAMo attività agricole e recupero di strutture rurali Cooperativa Sociale Contina - Incremento di attività agricola a scopi rieducativi e di DiNAMo recupero sociale M5.A3.1 Educazione e didattica aziende DAM DAM M5.A3.1a Cascina Battivacco - Azienda Agricola Fedeli DAM M5.A3.1b Cascina Caldera - Società Agricola Caldera DAM M5.A3 Educazione e didattica M5.A3.1c Cascina Campazzo - Azienda Agricola Falappi DAM M5.A3.1d Cascina Campi - Azienda Agricola Campi DAM M5.A3.1e Cascina Cavriana - Azienda Agricola Fratelli Martini DAM M5.A3.1f M5.A3.2 Cascina Sora - Azienda Agricola Paloschi Alfabeto delle acque. Divulgazione e formazione DAM DAVO 8

9 MACROAZIONE 6 - VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLA CULTURA RURALE AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M6.A1 Marketing territoriale M6.A1.1 Terre slow ad un passo da Milano EXPO 2015 lungo le vie d acqua DiNAMo M6.A1.2 Progetto di comprensorio turistico "Terre dei Navigli" DiNAMo M6.A1.3 DEMOFARM vetrina della tecnologia agricola applicata in campo aperto DiNAMo M6.A1.4 Cartellonistica e marketing territoriale per pubblicizzazione prodotti e promozione marchio dna controllato Riso e Rane M6.A2.1 M6.A2.2 Manifestazione Cascine Aperte Manifestazione Canto liturgico Comune MI Comune MI M6.A2 Valorizzazione della cultura rurale M6.A2.3 Cascina Cuccagna.Progetto partecipativo di valorizzazione della cultura rurale nel contesto urbano milanese Comune MI M6.A2.4 Nocetum - MATERCULT: Milano Agricoltura TERritorio CULTura Comune MI M6.A2.5 Promozione della cultura contadina DAM M6.A2.6 Nuova agricoltura a ovest di Milano - candidatura bando Mipaaf "gara EXPO" DiNAMo M6.A3.1 Promozione dell'aqst Comune MI M6.A3 Comunicazione M6.A3.1a M6.A3.1b M6.A3.1c M6.A3.1d Immagine coordinata AQST Comunicazione via web dell'aqst Milano Metropoli Rurale Promozione dell'aqst in ambito EXPO 2015 (art. 13 AQST) Promozione dell'aqst per l'ampliamento del partenariato (art. 13 AQST) 9

10 MACROAZIONE 7 - CONSOLIDAMENTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO DELL'AQST AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M7.A1.1 Pianificazione territoriale-paesaggistica di area vasta RL - DG TUDS M7.A1 Orientamento politiche, piani e programmi M7.A1.1a M7.A1.1b M7.A1.1c M7.A1.2 M7.A1.3 Implementazione degli strumenti di pianificazione territoriale nell'ambito delle attività di revisione del PTR Valorizzazione e integrazione azioni previste nel Piano Territoriale Regionale d'area Navigli Lombardi Criteri di gestione e governo dei paesaggi periurbani Coordinamento delle azioni dell'aqst "Milano metropoli rurale" con le politiche di tutela delle acque naturali del PdG Po, del PTUA di Regione Lombardia e degli AQST "Contratti di Fiume" Rinnovo di lungo periodo contratti di affittanza agraria di fondi rurali RL-DG AESS Comune MI M7.A1.4 Sviluppo della Food Policy Comune MI M7.A1.5 Aggiornamento dello scenario strategico ed elaborazione della vision per lo sviluppo intelligente, durevole e inclusivo dell'ambito territoriale metropolitano milanese Comune MI M7.A2 Studi M7.A2.1 Studio della riqualificazione paesaggistica, ecologica e fruitiva del percorso storico della Roggia Soncino unitamente al mantenimento e miglioramento della qualità dell'acqua della stessa mediante accordi con i frontisti DINAMo M7.A2.2 Scenario, bilancio energetico e studio di fattibilità delle produzioni energetiche rinnovabili potenziali e integrabili disponibili sul territorio del Distretto DiNAMo DiNAMo M7.A3 Formazione M7.A3.1 Formazione agricoltori per tecniche di coltivazione e stoccaggio riso Distretto Riso e Rane 10

11 importo da reperire importo finanziato REGIONE LOMBARDIA importo finanziato COMUNE importo finanziato PROVINCIA importo finanziato DAM importo finanziato DAVO importo finanziato DINAMO importo finanziato RISO e RANE importo finanziato ALTRI Totale investimenti per macroazione Quadro finanziario complessivo MACROAZIONE 1 - POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO SISTEMA IRRIGUO , ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 MACROAZIONE 2 - RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PAESAGGISTICO AMBIENTALE , , , ,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 3 - MIGLIORAMENTO FONDIARIO ,00 0, ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 4 - INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO E DI FILIERA ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 5 - MULTIFUNZIONALITA' ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 MACROAZIONE 6 - VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLA CULTURA RURALE , ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 7 - CONSOLIDAMENTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO DELL'AQST , ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 TOTALI , , , ,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 Note esplicative al Quadro finanziario complessivo - Il Quadro finanziario complessivo è articolato nelle 7 Macroazioni del Piano: il costo complessivo delle Macroazioni è suddiviso in Importo da reperire e risorse già disponibili che sono imputate ai diversi soggetti sottoscrittori AQST e ad altri soggetti. - Gli importi da reperire saranno in buona parte oggetto di richieste di finanziamento sui bandi dei Programmi Operativi Regionali e Nazionali, finanziati dai Fondi Strutturali (FEASR innanzitutto, ma anche FESR ed FSE); altre fonti finanziarie potranno essere il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, i Programmi Europei a Gestione Diretta ed altre pubbliche e private. In questa voce sono comprese anche le risorse oggetto di investimento da parte delle aziende agricole. - Le risorse imputate ad altri soggetti sono provenienti in gran parte da finanziamenti della Società Expo, della Fondazione Cariplo e da altri pubblici e privati. - Il totale degli investimenti per Macroazioni e per l intero AQST comprende le risorse già quantificate, mentre il costo di alcune Attività è ancora da stimare. Nel corso dell attuazione dell AQST il Quadro finanziario sarà quindi soggetto ad aggiornamenti e modifiche. 11

12 MACROAZIONE 1 POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO SISTEMA IRRIGUO AZIONE M1.A1 Incremento portate irrigue e miglioramento prestazioni reticolo idrico AZIONE M1.A2 Miglioramento qualità acque irrigue AZIONE M1.A3 Difesa dal rischio idraulico 12

13 COD M1.A1.1 TITOLO ATTIVITA BY PASS TICINELLO-VETTABBIA DESCRIZIONE ATTIVITA Realizzazione manufatto idraulico di collegamento tra la tombinatura del Cavo Ticinello e quella della Roggia Vettabbia e dell impianto di regolazione e ripartizione delle portate OBIETTIVI: Ripristino portate irrigue in Vettabbia Alta a beneficio di fondi agricoli compresi tra Via Ripamonti e Via Emilia. RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue fino a 2mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole; Appianamento contenziosi pregressi con Utenze Irrigue. CRITICITA ATTESE: Eventuali interferenze con rete sottoservizi; Convenzionamento rapporti tra utenze irrigue e Consorzio Est Ticino Villoresi RISORSE COMPLESSIVE ,00 SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO LOCALIZZAZIONE MILANO Via Castelbarco SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI UTENTI CAVO TICINELLO CONSORZIO DI ROGGIA VETTABBIA REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO ,00: risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 3 MESI da inizio lavori STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN il SCHEDA AGGIORNATA DA. ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) Fig. 1 13

14 Fig. 1 Collegamento tra il Ticinello e la Vettabbia in via Castelbarco Ticinello Vettabbia Collegamento 14

15 COD M1.A1.2 TITOLO ATTIVITA INCREMENTO PORTATE DERIVATE DA MARTESANA/SEVESO (INDISTINTE) IN ROGGIA VETTABBIA TRAMITE RIATTIVAZIONE IDRAULICA FOSSA INTERNA NAVIGLI DESCRIZIONE ATTIVITA E OBIETTIVI: Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli compresi tra Via Ripamonti e Via Emilia. RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue = max 1,5 mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole; Superamento contenziosi pendenti con Utenze Irrigue. CRITICITA ATTESE: Difficoltà di cantierizzazione lungo il tracciato; Eventuali interferenze/infiltrazioni con aree edificate limitrofe; Eventuali interferenze con rete sottoservizi; Interferenze con la viabilità. SOTTOATTIVITA 1. Rimozione materiale di costipazione alveo Fossa Interna Navigli (setto centrale) 2. Pulizia + verifica statica/funzionale tratte tombinate o posa tubazioni; 3. Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate RISORSE COMPLESSIVE SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO SOTTOATTIVITA DESCRIZIONE SOTTO ATTIVITA Ripristino idraulico parziale della Fossa Interna tra Via S. Marco e Via Vettabbia/ Darsena; Pulizia + verifica statica/funzionale tratte tombinate del Grande Sevese; Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate LOCALIZZAZIONE MILANO CERCHIA NAVIGLI (tra Via S. Marco / P.zza Vetra/ Via Vettabbia / Darsena) SOGGETTO ATTUATORE COMUNE MILANO o CONSORZIO CANALE VILLORESI SOGGETTI COINVOLTI COMUNE MILANO - CONSORZIO CANALE VILLORESI REGIONE LOMBARDIA : risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 4 anni da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI : incremento della portata complessiva convogliata in Cavo Redefossi verso Roggia Vettabbia STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA Cesare Salvetat Comune di Milano, Maurizio Brown SCHEDA AGGIORNATA DA IL ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) 15

16 COD M1.A1.3 TITOLO ATTIVITA INCREMENTO PORTATE DERIVATE DA MARTESANA/SEVESO (INDISTINTE) IN ROGGIA VETTABBIA TRAMITE RIATTIVAZIONE CONNESSIONE IDRAULICA CON GRANDE SEVESE DESCRIZIONE ATTIVITA OBIETTIVI: Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli compresi tra Via Ripamonti e Via Emilia RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue = max 1mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole; Superamento contenziosi pendenti con Utenze Irrigue CRITICITA ATTESE: Difficoltà di cantierizzazione lungo il tracciato sotto Via Borgonuovo; Eventuali interferenze/infiltrazioni con aree edificate limitrofe lungo tutto il percorso tombinato del Grande Sevese; Eventuali interferenze con rete sottoservizi; Eventuali incoerenze del profilo idraulico SOTTOATTIVITA 4. Ripristino Cavo Borgonovo lungo la via omonima, da Via Fatebenefratelli a Via Croce Rossa 5. Pulizia e verifica statica/funzionale tratte tombinate del Grande Sevese 6. Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate RISORSE COMPLESSIVE SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO SOTTOATTIVITA DESCRIZIONE E SOTTO ATTIVITA Ripristino Cavo Borgonovo lungo la via omonima, da Via Fatebenefratelli a Via Croce Rossa; Pulizia e verifica statica/funzionale tratte tombinate del Grande Sevese; Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate LOCALIZZAZIONE MILANO Via Borgonuovo/ Montenapoleone/ Durini/ Larga/ P.zza Vetra/ Via Vettabbia SOGGETTO ATTUATORE COMUNE MILANO o CONSORZIO CANALE VILLORESI SOGGETTI COINVOLTI COMUNE MILANO - CONSORZIO CANALE VILLORESI REGIONE LOMBARDIA : risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 2 ANNI da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI : incremento della portata complessiva convogliata in Cavo Redefossi verso Roggia Vettabbia STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN il SCHEDA AGGIORNATA DA IL ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) 16

17 COD M1.A1.4 TITOLO ATTIVITA COMPLETAMENTO DEL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE DEL MULINO DI CHIARAVALLE DESCRIZIONE ATTIVITA OBIETTIVI - Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli a valle del Borgo di Chiaravalle; - Riattivazione Mulino di Chiaravalle con acque provenienti dal Depuratore di Nosedo in tempo per EXPO 2015; - Completamento opere di mitigazione e compensazione ambientale del Depuratore di Nosedo. RISULTATI ATTESI - Nuovo apporto quote irrigue fino a 1 mc/s (Cavo Macconaco / Mulino Chiaravalle / Cavo Taverna / Roggia Vettabbia Bassa in territorio Comune S. Donato); - Nuovo apporto quote irrigue fino a 500 l/s (Cavo Collegato); - Integrazione/ sviluppo interventi in fase di attuazione per Parco Vettabbia (finanziamento Comune Milano + Regione Lombardia) e già attuati per il restauro/ripristino del Mulino di Chiaravalle (finanziamento Provincia Milano / Parco Sud); - Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole. CRITICITA ATTESE - Tratta adduzione: eventuali difficoltà di raccordo tra tratte di canalizzazione già realizzate con possibili perdite di carico; - Tratta scarico: attuale indisponibilità aree private a valle del Monastero, occupate da orti spontanei; - Acquisizione aree private per riapertura Cavo Macconago a valle del Monastero e sgombero eventuali occupanti; - Ripartizione diritti d acque tra Utenze irrigue di Roggia Vettabbia, Utenze irrigue di Cavo Taverna e Comunità Monastica Chiaravalle; - Tempistica incerta per di autorizzazione allo scarico da parte della Provincia di Milano per acque provenienti dal Depuratore di Nosedo, previo aggiornamento del RIM con nuovo Cavo Macconago a monte e a valle del mulino, in fase di aggiornamento PGT. SOTTOATTIVITA 1. Realizzazione manufatto idraulico di collegamento tra Cavo Macconago ripristinato a monte di Via S. Arialdo con sifone interno al Monastero; 2. Riapertura Cavo Macconago a valle del mulino fino a raccordo con Cavo Taverna e Vettabbia Bassa (in territorio Comune di S. Donato). RISORSE COMPLESSIVE Tratta adduzione: ,00 Tratta scarico: verificare disponibilità per attività di scavo Utenze di Roggia Vettabbia e di Taverna SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO 17

18 ATTIVITA 1 - Realizzazione manufatto idraulico di collegamento tra Cavo Macconago ripristinato a monte di Via S. Arialdo con sifone interno al Monastero LOCALIZZAZIONE MILANO Via S. Arialdo SOGGETTO ATTUATORE COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PROVINCIA MILANO PARCO SUD ,00: COMUNE MILANO con risorse probabilmente già disponibili TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 3 MESI da inizio lavori STATO DI AVANZAMENTO Progetto Esecutivo per ambito interno al Monastero, di proprietà della Comunità Monastica, già approvato da Parco Sud MONITORAGGIO SCHEDA COMPILATA DA Cesare Salvetat, Comune Milano ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) ATTIVITA 2 - Riapertura Cavo Macconago a valle del mulino fino a raccordo con Cavo Taverna e Vettabbia Bassa (in territorio Comune di S. Donato) LOCALIZZAZIONE MILANO Monastero Chiaravalle (aree a valle del mulino) + aree limitrofe a Vettabbia Bassa comprese tra Monastero e Via S. Bernardo SOGGETTO ATTUATORE 1) COMUNE MILANO 2) UTENZE IRRIGUE ROGGIA VETTABBIA E CAVO TAVERNA SOGGETTI COINVOLTI COMUNITA MONASTICA CONSORZIO ROGGIA VETTABBIA UTENZE IRRIGUE CAVO TAVERNA PROPRIETA PRIVATE PROVINCIA MILANO PARCO SUD COMUNE MILANO - UTENZE IRRIGUE ROGGIA VETTABBIA TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 3 MESI da inizio lavori STATO DI AVANZAMENTO Verifica fattibilità con Utenze Irrigue Roggia Vettabbia e Progettisti incaricati da Comunità Monastica MONITORAGGIO SCHEDA COMPILATA DA Cesare Salvetat, Comune Milano ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) vd. Fig 1, Fig. 2 18

19 Fig. 1 - Planimetria Fig 2 - Sezioni 19

20 COD M1.A1.5 TITOLO ATTIVITA INCREMENTO PORTATE IRRIGUE DERIVATE DAL CAVO REDEFOSSI IN CAVO BORGOGNONE DESCRIZIONE ATTIVITA OBIETTIVI: Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli presenti in ambito fluviale Lambro Settentrionale. RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue fino a 1mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole CRITICITA ATTESE: Eventuali interferenze con rete sottoservizi SOTTOATTIVITA 7. Adeguamento del manufatto di derivazione da Cavo Redefossi a Cavo Borgognone in corrispondenza Piazza 5 Giornate 8. Riqualificazione manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate lungo il tracciato: Cavo Borgognone/ Roggia Spazzòla/ Roggia Triulza RISORSE COMPLESSIVE ,00 SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO 20

21 SOTTOATTIVITA 1 Adeguamento del manufatto di derivazione da Cavo Redefossi a Cavo Borgognone in corrispondenza Piazza 5 Giornate DESCRIZIONE SOTTO ATTIVITA Modifica delle paratoie di derivazione delle acque dal Cavo Redefossi LOCALIZZAZIONE MILANO P.zza 5 Giornate SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI UTENTI ROGGIA SPAZZOLA UTENTI ROGGIA TRIULZA REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 4 MESI da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI: incremento della portata complessiva derivabile dal Cavo Redefossi verso il Cavo Borgognone STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN IL SCHEDA AGGIORNATA DA. ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) Fig. 1 (provvisoria) SOTTOATTIVITA 2 Riqualificazione manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate lungo il tracciato: Cavo Bergognone/ Roggia Spazzòla/ Roggia Triulza DESCRIZIONE SOTTO ATTIVITA Adeguamento dei manufatti di ripartizione delle portate tra la Roggia Spazzola e la Roggia Triulza LOCALIZZAZIONE MILANO Via Attilio Regolo SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI UTENTI ROGGIA SPAZZOLA UTENTI ROGGIA TRIULZA REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 6 MESI da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI: Incremento della portata complessiva derivabile dal Cavo Redefossi verso il Cavo Borgognone STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN il SCHEDA AGGIORNATA DA. IL ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) Fig.2 (provvisoria) 21

22 Fig. 1 Derivazione Cavo Borgognone dal Cavo Redefossi in P.zza 5 Giornate Fig. 2 ripartizione portate del Borgognone tra le rogge Spazzola e Triulza in via Attilio Regolo 22

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LE CASCINE DI MILANO VERSO E OLTRE EXPO 2015

LE CASCINE DI MILANO VERSO E OLTRE EXPO 2015 LE CASCINE DI MILANO VERSO E OLTRE EXPO 2015 Un sistema di luoghi dedicati all agricoltura, all alimentazione, all abitare e alla cura del territorio Questo volume è la presentazione di Cascine Expo 2015,

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVIII - N. 6 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

VIA D'ACQUA SUD - Collegamento Darsena, Expo e Fiera

VIA D'ACQUA SUD - Collegamento Darsena, Expo e Fiera TAZIONE APPALTANTE Expo 2015.p.A. ede legale: Via Rovello, 2 20121 Milano T +39.02.89459400/499 F +39.02.89459492 Iscrizione Registro Imprese di Milano 06398130960 P.Iva e C.F. 06398130960 R.E.A. 1890226

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA Premessa La proposta di un Disegno di Legge che abbia al centro il tema della bellezza trova le sue motivazioni in almeno due obiettivi principali che si vogliono

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli