INDICE Introduzione 2 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori 4 Quadro finanziario complessivo 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE Introduzione 2 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori 4 Quadro finanziario complessivo 11"

Transcript

1 ALLEGATO 3 PIANO D'AZIONE DELL'AQST MILANO METROPOLI RURALE INDICE Introduzione 2 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori 4 Quadro finanziario complessivo 11 Macroazione 1 Potenziamento e miglioramento sistema irriguo 12 Macroazione 2 Riqualificazione e valorizzazione paesaggistico ambientale 62 Macroazione 3 Miglioramento fondiario 134 Macroazione 4 Innovazione di prodotto, di processo e di filiera 160 Macroazione 5 Multifunzionalità 195 Macroazione 6 Valorizzazione e promozione del territorio e della cultura rurale 218 Macroazione 7 Consolidamento della strategia di sviluppo dell'aqst 248

2 Introduzione Il Piano d Azione dell AQST Milano Metropoli Rurale trova fondamento nella strategia dell AQST che mira a consolidare la governance del processo di rafforzamento della matrice rurale dell insediamento urbano metropolitano milanese in tutte le sue declinazioni: territoriale, paesistica, storica, culturale, economica, sociale. In particolare, la suddivisione in Macroazioni del Piano, così come nel seguito declinato, è strettamente correlata agli obiettivi dell AQST e ai quattro Piani strategici dei Distretti Rurali (DAM, DAVO. DINAMO, RISO e RANE) che aderiscono allo stesso. La catalogazione delle singole Attività per Macroazioni e Azioni è stata fatta sulla base dell obiettivo principale che la singola Attività si propone di conseguire. M1 POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA IRRIGUO Macroazione avente il fine di rendere maggiormente fertili le superfici agricole attraverso Azioni e Attività che mirino sia all incremento delle portate irrigue e al miglioramento delle prestazioni del reticolo idrico (M1.A1) attraverso progetti di riattivazione della connessione idraulica, che al miglioramento della qualità delle acque irrigue (M1.A2). A queste si affiancano azioni di difesa idraulica (M1.A3) che concorrono al raggiungimento degli obiettivi di tutela dei beni comuni [acque, suoli, biodiversità, paesaggio]. M2 - RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PAESAGGISTICO AMBIENTALE La Macroazione in questione contribuisce al contenimento del potenziale degrado e alla riqualificazione e valorizzazione paesaggistico-ambientale del territorio, nella sua più ampia accezione, attraverso azioni volte alla riqualificazione e valorizzazione di ambiti di area vasta (M2.A1); in particolare sono valorizzate le Azioni per le compensazioni ecologiche EXPO (M2.A2), che mirano a valorizzare le peculiarità del territorio urbano-rurale attraverso modalità di connessione tra le aree urbane e rurali. Tutte le Azioni e Attività tendono al consolidamento dell infrastrutturazione blu-verde, allo scopo di aumentare la resilienza e la biodiversità degli ecosistemi e a restituire agli abitanti spazi non solo di lavoro, ma anche di fruizione, che contribuiscano ad un miglioramento della qualità della vita e concorrano all identificazione e appartenenza al territorio. A queste Azioni che coinvolgono un ambito territoriale vasto si affiancano Azioni più puntuali che fanno riferimento ad accordi per la manutenzione (M2.A3) che potranno prevedere il coinvolgimento di soggetti pubblico-privati. M3 - MIGLIORAMENTO FONDIARIO Il rafforzamento dei sistemi rurali in ambito metropolitano come strategia di contenimento del consumo di suolo e come modalità operativa per definire un modello equilibrato di sviluppo economico ambientalmente sostenibile passa anche attraverso Azioni che contribuiscono al miglioramento fondiario. Tra queste sono state individuate Azioni legate alla riqualificazione del patrimonio edilizio (M3.A1) inteso sia come patrimonio delle aziende afferenti ad un determinato distretto che potrà essere responsabile del coordinamento generale dell attività, che veda come soggetto attuatore una o più aziende private sia come patrimonio pubblico, per quelle cascine che attualmente non sono sedi di aziende agricole. Alla suddetta Azione si aggiungono quelle legate all ammodernamento dei macchinari e degli impianti per la produzione, trasformazione, stoccaggio e commercializzazione dei prodotti (M3.A2) nonché alla riqualificazione delle superfici agricole aziendali (M3.A3): anche per queste ultime due 2

3 Azioni vale la suddivisione di responsabilità di coordinamento/attuazione tra distretti e singola azienda. M4 INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO E DI FILIERA La Macroazione nasce per sostenere forme di diversificazione dell attività agricola che possano allargare la prospettiva della produzione agricola tradizionale per rispondere anche ai nuovi bisogni urbani, rafforzando sinergie con altri settori economici e conseguenti opportunità di mercato. Le Azioni sono quelle di ottimizzazione delle risorse (M4.A1), come ad esempio l acquisto e l utilizzo di impianti e macchinari comuni, di innovazione (M4.A1) intesa come innovazione di prodotto, di processo e di filiera, ed infine l Azione che riguarda la creazione di nuove forme di vendita e commercializzazione (M4.A3) al cui interno possono ricadere sia l istituzione (da parte delle P.A.) di mercati riservati all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli, sia attività inerenti accordi tra privati, etc. M5 MULTIFUNZIONALITA Contribuire allo sviluppo sostenibile grazie all integrazione del sistema produttivo con attività multifunzionali svolte all interno delle aziende agricole è l obiettivo che si pongono le Azioni afferenti a questa Macroazione, in cui potranno essere ricomprese attività riguardanti ricezione, ospitalità e fruizione di spazi aperti (M5.A1), attività sociali (M5.A2), come ad esempio ippoterapia e laboratori per disabili, e attività legate all educazione e alla didattica (M5.A3). M6- VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLA CULTURA RURALE A questa Macroazione fanno riferimento sia Azioni strettamente legate al marketing territoriale (M6.A1) e alla valorizzazione della cultura rurale (M6.A2) sia azioni di comunicazione (M6.A3). Queste ultime riguardano più in generale l attività di comunicazione dell AQST, con particolare riferimento all evento Expo 2015, e la promozione dell AQST, finalizzata all ampliamento del partenariato aderente all Accordo. M7- CONSOLIDAMENTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO DELL AQST Macroazione di ampio respiro collegata alla Strategia dell AQST che si sostanzia nel voler perseguire un modello equilibrato di sviluppo che unisca le dinamiche e le potenzialità, nelle aree metropolitane, delle realtà urbane con quelle dei contesti rurali e degli spazi aperti, mediante una buona governance pubblico/privata per uno Sviluppo Urbano-Rurale intelligente, durevole e inclusivo. La Macroazione consta di tre azioni rivolte all orientamento delle politiche, piani e programmi (M7.A1) che vedono attività i cui soggetti attuatori sono prettamente gli enti di governo del territorio; Studi (M7.A2) suddivisibili in studi ancora in corso, a cui le attività dell AQST possano contribuire, o già terminati, ma per i quali si renda fattibile un applicazione sperimentale degli stessi, oppure Attività di studio da avviare; Formazione (M7.A3) prettamente rivolta agli agricoltori per attività quali ad esempio la manutenzione del verde pubblico, la gestione delle attività multifunzionali e, più in generale, il management aziendale. 3

4 Elenco riassuntivo: Macroazioni, Azioni, Attività, Coordinatori MACROAZIONE 1 - POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO SISTEMA IRRIGUO AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M1.A1.1 By pass Ticinello/ Vettabbia Comune MI M1.A1 Incremento portate irrigue e miglioramento prestazioni reticolo idrico M1.A1.2 M1.A1.3 M1.A1.4 M1.A1.5 Incremento portate derivate da Martesana/Seveso (indistinte) in Roggia Vettabbia tramite riattivazione idraulica Fossa Interna Navigli Incremento portate derivate da Martesana/Seveso (indistinte) in Roggia Vettabbia tramite riattivazione connessione idraulica con Grande Sevese Completamento del sistema di alimentazione del Mulino di Chiaravalle Incremento portate irrigue derivate dal Cavo Redefossi in Cavo Borgognone Comune MI Comune MI Comune MI Comune MI M1.A1.6 Recupero portate di corsi d acqua attualmente collettati in fognatura Comune MI M1.A1.7 Recupero e valorizzazione alveo Vettabbia Alta Comune MI M1.A1.8 Redistribuzione e impinguamento portate irrigue Levata Sifone Gregotti pro Carpianese Comune MI M1.A2 Miglioramento qualità acque irrigue M1.A1.9 M1.A1.10 M1.A2.1 M1.A2.2 M1.A3.1 Incremento nel sud ovest milanese della portata di rimpinguamento dei fontanili depauperati dal CSNO attraverso il potenziamento dei canali che li intersecano (Roggia Soncino e diramazioni del Canale Villoresi) Potenziamento della multifunzionalità idraulica ed ecosistemica del reticolo idrico minore nel territorio metropolitano milanese Adeguamenti Depuratore Pero finalizzati al riutilizzo irriguo acque Finanziamento e coordinamento di azioni finalizzate al ricorso di sistemi di drenaggio sostenibile, per il convogliamento delle acque meteoriche non inquinate in corpo idrico superficiale o su suolo per la ricarica degli acquiferi Ripristino della funzionalità idraulica dell'alveo della Roggia Vettabbia in prossimità del Borgo di Chiaravalle DINAMo Coordinamento 4 Distretti Comune MI RL -DG AESS Comune MI M1.A3 Difesa dal rischio idraulico M1.A3.2 Aree di esondazione controllata per il contenimento delle piene Vettabbia Bassa in Ambito Chiaravalle Comune MI M1.A3.3 Ristrutturazione alveo e sponde Vettabbia Bassa tra Chiaravalle e levate Cascina Nuova e Molino Torrette a valle di Milano Comune MI M1.A3.4 Ripristino e potenziamento funzionale delle paratoie Vettabbia Bassa Comune MI M1.A3.5 Riconnessione del fiume Olona superiore [deviato a Rho in epoca romana] con l Olona inferiore RL DG TUDS fino al Po 4

5 MACROAZIONE 2 - RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PAESAGGISTICO AMBIENTALE AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M2.A1.1 Patto per lo Sviluppo del Sistema Verde V'Arco Villoresi RL- Agricoltura M2.A1.2 Valorizzazione del paesaggio rurale - Vie d 'acqua EXPO2015 Provincia MI M2.A Fontanili dall Adda al Ticino - Sistemi ambientali di connessione per la rete ecologica Provincia MI M2.A1.4 Individuazione e potenziamento principali dorsali di sviluppo per le connessioni ecologiche in ambiti vallivi dei corsi d'acqua minori Comune MI M2.A1 Riqualificazione e valorizzazione ambiti di area vasta M2.A1.4a Realizzazione della progettualità Bando CARIPLO - MILANO CITTÀ DI CAMPAGNA LA VALLE DEL TICINELLO (Connessioni ecologiche nel Parco del Ticinello) M2.A1.4b Estensione/sviluppo connessioni ecologiche lungo la Valle del Ticinello M2.A1.4c Estensione/sviluppo connessioni ecologiche lungo la Valle della Vettabbia M2.A1.5 Riattivazione fontanili confluenti nel Parco delle Cave di Milano Comune MI M2.A1.6 Rotaie verdi M2.A1.7 Il Canale dell'esposizione. Riqualificazione agropaesaggistica comparto Cascina Radio DAVO Comune MI M2.A1.8 La biodiversità attraversa l'olona. Connessione ecologica dal Bosco di Vanzago al Parco delle Groane DAVO M2.A1.9 Olona entra in città. Biodiversità e riqualificazione nella Pianura Olona DAVO M2.A1.10 LIBRARSI studio di connessione ecologica e connessione ecologica su area vasta DiNAMo Riqualificazione del paesaggio con filari/siepi e zone umide per attirare la fauna acquatica Distretto M2.A1.11 coerente con la coltivazione a risaie Riso e Rane M2.A2.1 Varedo - Interventi di ottimizzazione ecologica e incremento della biodiversità M2.A2 Compensazioni ecologiche Expo M2.A2.2 M2.A2.3 M2.A2.4 M2.A2.5 M2.A2.6 M2.A2.7 M2.A2.8 M2.A2.9 M2.A2.10 M2.A2.11 M2.A2.12 Lainate - Interventi di tutela e potenziamento della biodiversità: nuovi boschi, zone umide e migliorie forestali Novate Milanese - Nuovi boschi nel PLIS Parco della Balossa Pregnana Milanese - Connessione ecologica dal bosco di Vanzago al Parco delle Groane: siepi, filari e miglioramenti forestali Milano: Opere di ricostruzione ecologica nell'ambito di Milano-Muggiano Milano: Opere di ricostruzione ecologica nell'ambito di Milano-Nord Ovest Milano: Opere di ricostruzione ecologica nell'ambito di Milano-Risaie Villoresi: Interventi di riqualificazione boschiva per la valorizzazione delle connessioni ecologiche lungo il canale Villoresi Trezzano- Interventi di ottimizzazione ecologica e multifunzionale di un'area verde esistente LET1 - Interventi di ottimizzazione ecologica e multifunzionale di un'area verde esistente PLIS Basso Olona e Rho Olona- Interventi di potenziamento della biodiversità: nuovi boschi e migliorie forestali Scolmatore Nord Ovest: Progetto strategico per la ricostruzione di fasce verdi lungo il Canale scolmatore Nord Ovest RL- Osservatorio Expo M2.A3.1 Convenzione in corso di stesura RL-AIPO-con il Distretto Agricolo Valle Olona (DAVO) per la conduzione delle aree di laminazione ambientale RL-DG TUDS M2.A3 Accordi per la manutenzione M2.A3.2 M2.A3.3 Accordo con agricoltori per manutenzioni spazi verdi pubblici su modello Parco delle Cave L'Isolino dell'olona: progetto di cura e rigenerazione degli spazi aperti extraurbani di proprieta comunale, Parabiago Comune MI DAVO 5

6 MACROAZIONE 3 - MIGLIORAMENTO FONDIARIO AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M3.A1.1 Interventi di manutenzione straordinaria per otto cascine con attività agricola Comune di Milano M3.A1.2 RIQUALIFICAZIONE PATRIMONIO EDILIZIO AZIENDE DAM DAM M3.A1.2a M3.A1.2b M3.A1.2c M3.A1.2d M3.A1.2e M3.A1.2f M3.A1.2g Cascina Basmetto - Azienda Agricola G. Papetti Cascina Battivacco - Azienda Agricola Fedeli Cascina Caldera - Società agricola Cascina Caldera Cascina San Gregorio - Azienda agricola Bossi Mauro Cascina Tre Ronchetti - Azienda agricola Ronchetto delle rane Cascina Campazzo - Azienda agricola Falappi Cascina Cavriana- Azienda agricola Fratelli Martini M3.A1 Riqualificazione patrimonio edilizio M3.A1.3 Cascine di proprietà del Comune di Milano attualmente non sedi di Aziende agricole Comune di Milano M3.A1.3a M3.A1.3b Cascina Linterno - recupero architettonico e riqualificazione funzionale Cascina San Bernardo M3.A1.3c Cascina Monluè M3.A1.4 I Mulini dell Olona. Riqualificazione ambientale e agrorurale dei mulini DAVO M3.A1.5 Riqualificazione ai fini ricettivi e polifunzionali strutture a magazzino DiNAMo M3.A1.6 Recupero fabbricati rurali e strutture zootecniche, realizzazione impianto biogas per il recupero di sottoprodotti della trasformazione zootecnica ed in particolare di allevamenti ittici su scala di rete comprensiva di più aziende. DiNAMo M3.A2 Ammodernamento macchinari e impianti per la produzione, trasformazione, stoccaggio e commercializzazione dei prodotti M3.A2.1 M3.A2.1.a M3.A2.1.b Macchinari e impianti aziende DAM DAM Cascina Battivacco - Azienda Agricola Fedeli Cascina Cavriana - Azienda Agricola Fratelli Martini M3.A3 Riqualificazione delle superfici agricole aziendali M3.A3.1 M3.A3.2 Riordino fondiario tramite livellamento terreni, revisione rete irrigua e della rete poderale Interventi di miglioramento fondiario per la gestione delle acque irrigue in comune di Casarile (MI) e di Rognano (PV) Tutti i Distretti DiNAMo 6

7 MACROAZIONE 4 - INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO E DI FILIERA AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M4.A1.1 LaboProG - Progetti di condivisione laboratori di filiera su contratti di rete DiNAMo MA.A1 Ottimizzazione delle risorse M4.A1.2 Dalla Terra allla Birra. Progetto di filiera della birra totalmente agricola: maltificio, birrificio e rete di produttori d'orzo distico e luppolo (Birra Agricola) con sviluppo organizzazione e coltivazione di luppolo in coltura specializzata DiNAMo M4.A1.3 Recupero fabbricati rurali per servizi di filiera DiNAMo M4.A1.4 Realizzazione di una riseria/centro di stoccaggio e confezionamento per il riso, mulino Riso e Rane M4.A2.1 Promozione della coltivazione della canapa industriale Provincia M4.A2.2 Conservazione e valorizzazione della razza bovina varzese Provincia M4.A2.3 Conservazione e valorizzazione di razze avicole lombarde Provincia M4.A2.4 Progetti di innovazione dei prodotti e dei cicli produttivi - Aziende DAM DAM M4.A2.4a Produzione di prodotti di trasformazione a marchio DAM: pasta fresca e biscotti MA.A2 Innovazione M4.A2.4b Cascina Nuova. Produzione energia da fonti rinnovabili M4.A2.5 M4.A2.6 M4.A2.7 La filiera dell'acqua. Progetti di agricoltura conservativa innovativa a filiera corta: il pane di Parabiago, la reintroduzione delle razze e delle colture autoctone. Concept, ingegneria e costruzione impianti energie rinnovabili integrabili con processi, smart grid e community, compensazioni CO2 e inquinanti, controlli. Sviluppo coltivazione di colture da biomassa per l'autosufficienza energetica (miscanto, arundo, sorgo). Miglioramento funzionale laboratorio per micropropagazione vegetale. Impianto di bricchettaggio finale. DAVO DiNAMo DiNAMo M4.A2.8 Innovazione del processo produttivo e di commercializzazione del riso: certificazione sementi, disciplinari e piattaforma informatica Riso e Rane M4.A3.1 Istituzione di Mercati riservati all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli Comune MI M4.A3.2 Mercati agricoli a Km 0 nelle Cascine DAM DAM M4.A3 Nuove forme di vendita e commercializzazione M4.A3.3 Accordo di fornitura tra DAM e GDO per commercializzazione pasta fresca, riso, ortaggi, salumi. M4.A3.4 ll nuovo Verziere: mercati agricoli itineranti tra le aziende dei Distretti DiNAMo DAM M4.A3.5 Accordi con pasticcerie, riserie e distributori di eccellenza per la produzione di dolci (biscotti e torte) a base di farina di riso per celiaci Distretto Riso e Rane M4.A3.6 Partecipazione a mercati e sagre promosse dai comuni con prodotti aziendali Distretto Riso e Rane 7

8 MACROAZIONE 5 - MULTIFUNZIONALITA' AZIONI Rif. Scheda ATTIVITA' Coordinatore M5.A1.1 Ville d acqua. Alla scoperta delle ville storiche DAVO M5.A1 Ricezione, ospitalità e fruizione spazi aperti M5.A1.2 Percorsi d'acqua. Utilizzo dei percorsi lungo la rete idrica primaria DAVO M5.A1.3 Rete di percorsi boschivi di connessione tra aziende forestali con recupero edilizio di cascinelli di caccia ed agricoli per attività scientifica, turistica e ricettiva. DINAMo M5.A1.4 Mobilità dolce nel territorio rurale metropolitano Coordinamento 4 Distretti M5.A2.1 Nocetum - Cascina Corte San Giacomo Comune MI M5.A2.2 Attivita sociali aziende DAM DAM M5.A2 Attività sociali M5.A2.2a M5.A2.2b M5.A2.2c M5.A2.2d M5.A2.3 M5.A2.4 Cascina Basmetto Azienda Agricola G.Papetti Cascina Campi- Azienda Agricola Campi Cascina Caldera Società Agricola Caldera Cascina Sora Azienda Agricola Paloschi Cooperativa Sociale Agricola - Impiego di soggetti socialmente svantaggiati nelle DINAMo attività agricole e recupero di strutture rurali Cooperativa Sociale Contina - Incremento di attività agricola a scopi rieducativi e di DiNAMo recupero sociale M5.A3.1 Educazione e didattica aziende DAM DAM M5.A3.1a Cascina Battivacco - Azienda Agricola Fedeli DAM M5.A3.1b Cascina Caldera - Società Agricola Caldera DAM M5.A3 Educazione e didattica M5.A3.1c Cascina Campazzo - Azienda Agricola Falappi DAM M5.A3.1d Cascina Campi - Azienda Agricola Campi DAM M5.A3.1e Cascina Cavriana - Azienda Agricola Fratelli Martini DAM M5.A3.1f M5.A3.2 Cascina Sora - Azienda Agricola Paloschi Alfabeto delle acque. Divulgazione e formazione DAM DAVO 8

9 MACROAZIONE 6 - VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLA CULTURA RURALE AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M6.A1 Marketing territoriale M6.A1.1 Terre slow ad un passo da Milano EXPO 2015 lungo le vie d acqua DiNAMo M6.A1.2 Progetto di comprensorio turistico "Terre dei Navigli" DiNAMo M6.A1.3 DEMOFARM vetrina della tecnologia agricola applicata in campo aperto DiNAMo M6.A1.4 Cartellonistica e marketing territoriale per pubblicizzazione prodotti e promozione marchio dna controllato Riso e Rane M6.A2.1 M6.A2.2 Manifestazione Cascine Aperte Manifestazione Canto liturgico Comune MI Comune MI M6.A2 Valorizzazione della cultura rurale M6.A2.3 Cascina Cuccagna.Progetto partecipativo di valorizzazione della cultura rurale nel contesto urbano milanese Comune MI M6.A2.4 Nocetum - MATERCULT: Milano Agricoltura TERritorio CULTura Comune MI M6.A2.5 Promozione della cultura contadina DAM M6.A2.6 Nuova agricoltura a ovest di Milano - candidatura bando Mipaaf "gara EXPO" DiNAMo M6.A3.1 Promozione dell'aqst Comune MI M6.A3 Comunicazione M6.A3.1a M6.A3.1b M6.A3.1c M6.A3.1d Immagine coordinata AQST Comunicazione via web dell'aqst Milano Metropoli Rurale Promozione dell'aqst in ambito EXPO 2015 (art. 13 AQST) Promozione dell'aqst per l'ampliamento del partenariato (art. 13 AQST) 9

10 MACROAZIONE 7 - CONSOLIDAMENTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO DELL'AQST AZIONI Rif. scheda ATTIVITA' Coordinatore M7.A1.1 Pianificazione territoriale-paesaggistica di area vasta RL - DG TUDS M7.A1 Orientamento politiche, piani e programmi M7.A1.1a M7.A1.1b M7.A1.1c M7.A1.2 M7.A1.3 Implementazione degli strumenti di pianificazione territoriale nell'ambito delle attività di revisione del PTR Valorizzazione e integrazione azioni previste nel Piano Territoriale Regionale d'area Navigli Lombardi Criteri di gestione e governo dei paesaggi periurbani Coordinamento delle azioni dell'aqst "Milano metropoli rurale" con le politiche di tutela delle acque naturali del PdG Po, del PTUA di Regione Lombardia e degli AQST "Contratti di Fiume" Rinnovo di lungo periodo contratti di affittanza agraria di fondi rurali RL-DG AESS Comune MI M7.A1.4 Sviluppo della Food Policy Comune MI M7.A1.5 Aggiornamento dello scenario strategico ed elaborazione della vision per lo sviluppo intelligente, durevole e inclusivo dell'ambito territoriale metropolitano milanese Comune MI M7.A2 Studi M7.A2.1 Studio della riqualificazione paesaggistica, ecologica e fruitiva del percorso storico della Roggia Soncino unitamente al mantenimento e miglioramento della qualità dell'acqua della stessa mediante accordi con i frontisti DINAMo M7.A2.2 Scenario, bilancio energetico e studio di fattibilità delle produzioni energetiche rinnovabili potenziali e integrabili disponibili sul territorio del Distretto DiNAMo DiNAMo M7.A3 Formazione M7.A3.1 Formazione agricoltori per tecniche di coltivazione e stoccaggio riso Distretto Riso e Rane 10

11 importo da reperire importo finanziato REGIONE LOMBARDIA importo finanziato COMUNE importo finanziato PROVINCIA importo finanziato DAM importo finanziato DAVO importo finanziato DINAMO importo finanziato RISO e RANE importo finanziato ALTRI Totale investimenti per macroazione Quadro finanziario complessivo MACROAZIONE 1 - POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO SISTEMA IRRIGUO , ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 MACROAZIONE 2 - RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PAESAGGISTICO AMBIENTALE , , , ,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 3 - MIGLIORAMENTO FONDIARIO ,00 0, ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 4 - INNOVAZIONE DI PRODOTTO, DI PROCESSO E DI FILIERA ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 5 - MULTIFUNZIONALITA' ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 MACROAZIONE 6 - VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLA CULTURA RURALE , ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 MACROAZIONE 7 - CONSOLIDAMENTO DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO DELL'AQST , ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 TOTALI , , , ,00 0,00 0,00 0,00 0, , ,00 Note esplicative al Quadro finanziario complessivo - Il Quadro finanziario complessivo è articolato nelle 7 Macroazioni del Piano: il costo complessivo delle Macroazioni è suddiviso in Importo da reperire e risorse già disponibili che sono imputate ai diversi soggetti sottoscrittori AQST e ad altri soggetti. - Gli importi da reperire saranno in buona parte oggetto di richieste di finanziamento sui bandi dei Programmi Operativi Regionali e Nazionali, finanziati dai Fondi Strutturali (FEASR innanzitutto, ma anche FESR ed FSE); altre fonti finanziarie potranno essere il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, i Programmi Europei a Gestione Diretta ed altre pubbliche e private. In questa voce sono comprese anche le risorse oggetto di investimento da parte delle aziende agricole. - Le risorse imputate ad altri soggetti sono provenienti in gran parte da finanziamenti della Società Expo, della Fondazione Cariplo e da altri pubblici e privati. - Il totale degli investimenti per Macroazioni e per l intero AQST comprende le risorse già quantificate, mentre il costo di alcune Attività è ancora da stimare. Nel corso dell attuazione dell AQST il Quadro finanziario sarà quindi soggetto ad aggiornamenti e modifiche. 11

12 MACROAZIONE 1 POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO SISTEMA IRRIGUO AZIONE M1.A1 Incremento portate irrigue e miglioramento prestazioni reticolo idrico AZIONE M1.A2 Miglioramento qualità acque irrigue AZIONE M1.A3 Difesa dal rischio idraulico 12

13 COD M1.A1.1 TITOLO ATTIVITA BY PASS TICINELLO-VETTABBIA DESCRIZIONE ATTIVITA Realizzazione manufatto idraulico di collegamento tra la tombinatura del Cavo Ticinello e quella della Roggia Vettabbia e dell impianto di regolazione e ripartizione delle portate OBIETTIVI: Ripristino portate irrigue in Vettabbia Alta a beneficio di fondi agricoli compresi tra Via Ripamonti e Via Emilia. RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue fino a 2mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole; Appianamento contenziosi pregressi con Utenze Irrigue. CRITICITA ATTESE: Eventuali interferenze con rete sottoservizi; Convenzionamento rapporti tra utenze irrigue e Consorzio Est Ticino Villoresi RISORSE COMPLESSIVE ,00 SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO LOCALIZZAZIONE MILANO Via Castelbarco SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI UTENTI CAVO TICINELLO CONSORZIO DI ROGGIA VETTABBIA REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO ,00: risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 3 MESI da inizio lavori STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN il SCHEDA AGGIORNATA DA. ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) Fig. 1 13

14 Fig. 1 Collegamento tra il Ticinello e la Vettabbia in via Castelbarco Ticinello Vettabbia Collegamento 14

15 COD M1.A1.2 TITOLO ATTIVITA INCREMENTO PORTATE DERIVATE DA MARTESANA/SEVESO (INDISTINTE) IN ROGGIA VETTABBIA TRAMITE RIATTIVAZIONE IDRAULICA FOSSA INTERNA NAVIGLI DESCRIZIONE ATTIVITA E OBIETTIVI: Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli compresi tra Via Ripamonti e Via Emilia. RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue = max 1,5 mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole; Superamento contenziosi pendenti con Utenze Irrigue. CRITICITA ATTESE: Difficoltà di cantierizzazione lungo il tracciato; Eventuali interferenze/infiltrazioni con aree edificate limitrofe; Eventuali interferenze con rete sottoservizi; Interferenze con la viabilità. SOTTOATTIVITA 1. Rimozione materiale di costipazione alveo Fossa Interna Navigli (setto centrale) 2. Pulizia + verifica statica/funzionale tratte tombinate o posa tubazioni; 3. Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate RISORSE COMPLESSIVE SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO SOTTOATTIVITA DESCRIZIONE SOTTO ATTIVITA Ripristino idraulico parziale della Fossa Interna tra Via S. Marco e Via Vettabbia/ Darsena; Pulizia + verifica statica/funzionale tratte tombinate del Grande Sevese; Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate LOCALIZZAZIONE MILANO CERCHIA NAVIGLI (tra Via S. Marco / P.zza Vetra/ Via Vettabbia / Darsena) SOGGETTO ATTUATORE COMUNE MILANO o CONSORZIO CANALE VILLORESI SOGGETTI COINVOLTI COMUNE MILANO - CONSORZIO CANALE VILLORESI REGIONE LOMBARDIA : risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 4 anni da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI : incremento della portata complessiva convogliata in Cavo Redefossi verso Roggia Vettabbia STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA Cesare Salvetat Comune di Milano, Maurizio Brown SCHEDA AGGIORNATA DA IL ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) 15

16 COD M1.A1.3 TITOLO ATTIVITA INCREMENTO PORTATE DERIVATE DA MARTESANA/SEVESO (INDISTINTE) IN ROGGIA VETTABBIA TRAMITE RIATTIVAZIONE CONNESSIONE IDRAULICA CON GRANDE SEVESE DESCRIZIONE ATTIVITA OBIETTIVI: Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli compresi tra Via Ripamonti e Via Emilia RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue = max 1mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole; Superamento contenziosi pendenti con Utenze Irrigue CRITICITA ATTESE: Difficoltà di cantierizzazione lungo il tracciato sotto Via Borgonuovo; Eventuali interferenze/infiltrazioni con aree edificate limitrofe lungo tutto il percorso tombinato del Grande Sevese; Eventuali interferenze con rete sottoservizi; Eventuali incoerenze del profilo idraulico SOTTOATTIVITA 4. Ripristino Cavo Borgonovo lungo la via omonima, da Via Fatebenefratelli a Via Croce Rossa 5. Pulizia e verifica statica/funzionale tratte tombinate del Grande Sevese 6. Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate RISORSE COMPLESSIVE SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO SOTTOATTIVITA DESCRIZIONE E SOTTO ATTIVITA Ripristino Cavo Borgonovo lungo la via omonima, da Via Fatebenefratelli a Via Croce Rossa; Pulizia e verifica statica/funzionale tratte tombinate del Grande Sevese; Ripristino manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate LOCALIZZAZIONE MILANO Via Borgonuovo/ Montenapoleone/ Durini/ Larga/ P.zza Vetra/ Via Vettabbia SOGGETTO ATTUATORE COMUNE MILANO o CONSORZIO CANALE VILLORESI SOGGETTI COINVOLTI COMUNE MILANO - CONSORZIO CANALE VILLORESI REGIONE LOMBARDIA : risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 2 ANNI da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI : incremento della portata complessiva convogliata in Cavo Redefossi verso Roggia Vettabbia STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN il SCHEDA AGGIORNATA DA IL ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) 16

17 COD M1.A1.4 TITOLO ATTIVITA COMPLETAMENTO DEL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE DEL MULINO DI CHIARAVALLE DESCRIZIONE ATTIVITA OBIETTIVI - Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli a valle del Borgo di Chiaravalle; - Riattivazione Mulino di Chiaravalle con acque provenienti dal Depuratore di Nosedo in tempo per EXPO 2015; - Completamento opere di mitigazione e compensazione ambientale del Depuratore di Nosedo. RISULTATI ATTESI - Nuovo apporto quote irrigue fino a 1 mc/s (Cavo Macconaco / Mulino Chiaravalle / Cavo Taverna / Roggia Vettabbia Bassa in territorio Comune S. Donato); - Nuovo apporto quote irrigue fino a 500 l/s (Cavo Collegato); - Integrazione/ sviluppo interventi in fase di attuazione per Parco Vettabbia (finanziamento Comune Milano + Regione Lombardia) e già attuati per il restauro/ripristino del Mulino di Chiaravalle (finanziamento Provincia Milano / Parco Sud); - Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole. CRITICITA ATTESE - Tratta adduzione: eventuali difficoltà di raccordo tra tratte di canalizzazione già realizzate con possibili perdite di carico; - Tratta scarico: attuale indisponibilità aree private a valle del Monastero, occupate da orti spontanei; - Acquisizione aree private per riapertura Cavo Macconago a valle del Monastero e sgombero eventuali occupanti; - Ripartizione diritti d acque tra Utenze irrigue di Roggia Vettabbia, Utenze irrigue di Cavo Taverna e Comunità Monastica Chiaravalle; - Tempistica incerta per di autorizzazione allo scarico da parte della Provincia di Milano per acque provenienti dal Depuratore di Nosedo, previo aggiornamento del RIM con nuovo Cavo Macconago a monte e a valle del mulino, in fase di aggiornamento PGT. SOTTOATTIVITA 1. Realizzazione manufatto idraulico di collegamento tra Cavo Macconago ripristinato a monte di Via S. Arialdo con sifone interno al Monastero; 2. Riapertura Cavo Macconago a valle del mulino fino a raccordo con Cavo Taverna e Vettabbia Bassa (in territorio Comune di S. Donato). RISORSE COMPLESSIVE Tratta adduzione: ,00 Tratta scarico: verificare disponibilità per attività di scavo Utenze di Roggia Vettabbia e di Taverna SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO 17

18 ATTIVITA 1 - Realizzazione manufatto idraulico di collegamento tra Cavo Macconago ripristinato a monte di Via S. Arialdo con sifone interno al Monastero LOCALIZZAZIONE MILANO Via S. Arialdo SOGGETTO ATTUATORE COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PROVINCIA MILANO PARCO SUD ,00: COMUNE MILANO con risorse probabilmente già disponibili TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 3 MESI da inizio lavori STATO DI AVANZAMENTO Progetto Esecutivo per ambito interno al Monastero, di proprietà della Comunità Monastica, già approvato da Parco Sud MONITORAGGIO SCHEDA COMPILATA DA Cesare Salvetat, Comune Milano ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) ATTIVITA 2 - Riapertura Cavo Macconago a valle del mulino fino a raccordo con Cavo Taverna e Vettabbia Bassa (in territorio Comune di S. Donato) LOCALIZZAZIONE MILANO Monastero Chiaravalle (aree a valle del mulino) + aree limitrofe a Vettabbia Bassa comprese tra Monastero e Via S. Bernardo SOGGETTO ATTUATORE 1) COMUNE MILANO 2) UTENZE IRRIGUE ROGGIA VETTABBIA E CAVO TAVERNA SOGGETTI COINVOLTI COMUNITA MONASTICA CONSORZIO ROGGIA VETTABBIA UTENZE IRRIGUE CAVO TAVERNA PROPRIETA PRIVATE PROVINCIA MILANO PARCO SUD COMUNE MILANO - UTENZE IRRIGUE ROGGIA VETTABBIA TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 3 MESI da inizio lavori STATO DI AVANZAMENTO Verifica fattibilità con Utenze Irrigue Roggia Vettabbia e Progettisti incaricati da Comunità Monastica MONITORAGGIO SCHEDA COMPILATA DA Cesare Salvetat, Comune Milano ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) vd. Fig 1, Fig. 2 18

19 Fig. 1 - Planimetria Fig 2 - Sezioni 19

20 COD M1.A1.5 TITOLO ATTIVITA INCREMENTO PORTATE IRRIGUE DERIVATE DAL CAVO REDEFOSSI IN CAVO BORGOGNONE DESCRIZIONE ATTIVITA OBIETTIVI: Recupero portate irrigue altrimenti perse in Cavo Redefossi - a beneficio di fondi agricoli presenti in ambito fluviale Lambro Settentrionale. RISULTATI ATTESI: Nuovo apporto quote irrigue fino a 1mc/s; Incremento produttività dei fondi interessati + incremento biodiversità in aree agricole CRITICITA ATTESE: Eventuali interferenze con rete sottoservizi SOTTOATTIVITA 7. Adeguamento del manufatto di derivazione da Cavo Redefossi a Cavo Borgognone in corrispondenza Piazza 5 Giornate 8. Riqualificazione manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate lungo il tracciato: Cavo Borgognone/ Roggia Spazzòla/ Roggia Triulza RISORSE COMPLESSIVE ,00 SOGGETTO COORDINATORE ATTIVITA COMUNE MILANO 20

21 SOTTOATTIVITA 1 Adeguamento del manufatto di derivazione da Cavo Redefossi a Cavo Borgognone in corrispondenza Piazza 5 Giornate DESCRIZIONE SOTTO ATTIVITA Modifica delle paratoie di derivazione delle acque dal Cavo Redefossi LOCALIZZAZIONE MILANO P.zza 5 Giornate SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI UTENTI ROGGIA SPAZZOLA UTENTI ROGGIA TRIULZA REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 4 MESI da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI: incremento della portata complessiva derivabile dal Cavo Redefossi verso il Cavo Borgognone STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN IL SCHEDA AGGIORNATA DA. ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) Fig. 1 (provvisoria) SOTTOATTIVITA 2 Riqualificazione manufatti idraulici con meccanismi di ripartizione portate lungo il tracciato: Cavo Bergognone/ Roggia Spazzòla/ Roggia Triulza DESCRIZIONE SOTTO ATTIVITA Adeguamento dei manufatti di ripartizione delle portate tra la Roggia Spazzola e la Roggia Triulza LOCALIZZAZIONE MILANO Via Attilio Regolo SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE MILANO SOGGETTI COINVOLTI UTENTI ROGGIA SPAZZOLA UTENTI ROGGIA TRIULZA REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Risorse da reperire TEMPI PREVISTI PER L ATTUAZIONE 6 MESI da inizio lavori RISULTATI PRODOTTI/ATTESI: Incremento della portata complessiva derivabile dal Cavo Redefossi verso il Cavo Borgognone STATO DI AVANZAMENTO DELLE SINGOLE ATTIVITA SCHEDA COMPILATA DA CESARE SALVETAT Comune di Milano, MAURIZIO BROWN il SCHEDA AGGIORNATA DA. IL ALLEGATI (testi, immagini, cartografie) Fig.2 (provvisoria) 21

22 Fig. 1 Derivazione Cavo Borgognone dal Cavo Redefossi in P.zza 5 Giornate Fig. 2 ripartizione portate del Borgognone tra le rogge Spazzola e Triulza in via Attilio Regolo 22

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

IL DISTRETTO AGRICOLO MILANESE

IL DISTRETTO AGRICOLO MILANESE Comune di IL DISTRETTO AGRICOLO MILANESE 1 URMA Project workshop, 11th october 2013 - Sala Pirelli, Comune di MILANO CITTA RURALE SUPERFICIE AGRICOLA: 2.724 ha su sup. complessiva di 18.175 ha NUMERO IMPRESE

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Dighe del PANPERDUTO (Somma Lombardo) Museo dell irrigazione PARABIAGO CASSANO D ADDA MONZA EXPO 2015 ABBIATEGRASSO LODI PAVIA

Dettagli

Il Comune di Milano e i progetti in ambito rurale

Il Comune di Milano e i progetti in ambito rurale Il Comune di Milano e i progetti in ambito rurale 13 maggio 2014 Enrico Murtula Comune di Milano - Staff Assessorato Urbanistica, Edilizia Privata e Agricoltura 13 maggio 2014 Il Comune di Milano e i progetti

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Comune di Milano La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Dott.ssa Annalisa Gussoni Settore Attuazione Politiche Ambientali Comune di Milano Necessità di passare da politiche di tutela delle

Dettagli

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio

Progetto Abbazie. Stefano Agostoni - DG Sistemi Verdi e Paesaggio Progetto Abbazie Programma di riqualificazione dei sistemi paesistici abbaziali di Chiaravalle, Mirasole, Monlue, Viboldone, Morimondo, e della Certosa di Pavia nella pianura irrigua milanese Stefano Agostoni

Dettagli

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente : i piani di intervento sulla rete dei canali Arch. Laura Burzilleri, Direttore Generale

Dettagli

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano D. Fossati U.O. Difesa del suolo Dalle esondazioni alla sicurezza idraulica

Dettagli

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014 Organismo di Sorveglianza Milano, 25giugno 2014 PAR-FSC 2007-2013 Linea di azione 1.4.1 Infrastrutture e tecnologie per la sicurezza idraulica (priorità per la messa in sicurezza dell area Expo, con valorizzazione

Dettagli

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua

EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua EXPO 2015 Il progetto Vie d Acqua Ing. Antonio Acerbo Verso Expo 2015 Dare l acqua-> moltiplicare il cibo: il ruolo e l impegno dei Consorzi di bonifica e di irrigazione Milano, 27 Novembre 2013 www.expo2015.org

Dettagli

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 2) Procedere GRADUALMENTE alla riattivazione idraulica e paesaggistica del SISTEMA DEI NAVIGLI 3) Attraverso un PROGETTO DI FATTIBILITÀ

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

G i u g n o 2 0 1 3 AUTORITÀ AMBIENTALE DI REGIONE LOMBARDIA

G i u g n o 2 0 1 3 AUTORITÀ AMBIENTALE DI REGIONE LOMBARDIA G i u g n o 2 0 1 3 AUTORITÀ AMBIENTALE DI REGIONE LOMBARDIA 1 Autorità Ambientale regionale Filippo Dadone D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Elisabetta Pozzoli D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo

Dettagli

SEVESO IN COMUNE DI SENAGO(MI) MI-E-789

SEVESO IN COMUNE DI SENAGO(MI) MI-E-789 ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA SALVAGUARDIA IDRAULICA E LA RIQUALIFICAZIONE DEI CORSI D ACQUA DELL AREA METROPOLITANA MILANESE BACINO DEL TORRENTESEVESO: LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA DI LAMINAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

La nascita del Sistema

La nascita del Sistema La nascita del Sistema 1156 : Guglielmo da Guintellino comincia i lavori di un fossato per scopi di difesa militare intorno alle mura Romane in previsione dell invasione del Barbarossa (che in totale scenderà

Dettagli

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013 Accordo di Programma tra Ministero della Tutela del Territorio e del Mare e Regione Lombardia per la mitigazione del rischio idrogeologico Convenzione per la progettazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà City Act Linee Guida per una Milano Metropolitana primi passi del piano strategico per la Milano che verrà Il Secolo Urbano Ormai oltre il 50% della popolazione mondiale vive in zone fortemente urbanizzate.

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO Le politiche di bacino ed il contesto nel quale si colloca l intervento di laminazione di Bregnano-Lomazzo Dario Fossati Regione Lombardia DG

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007

SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007 IL PUNTO SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007 a cura di: Ivano Colombo e Raul Dal Santo IRIS Progetto

Dettagli

Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO

Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO Marco Prusicki 9 giugno 2010 LAVORI IN CORSO 1995 Lambro 1998 Vettabbia 1999-2005 Seveso 2001 Studi per Contratto di Fiume Olona, Bozzente, Lura Regione Lombardia, Arpa Lombardia, 2004 Olona Bozzente Canale

Dettagli

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi di catering PARC Maria Pia Sparla Responsabile Servizio Valorizzazione

Dettagli

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDE SINTETICHE DESCRITTIVE DELLE SINGOLE CASCINE Allegate all Avviso per l attivazione di un indagine

Dettagli

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure Alluvioni del Seveso 03.08.1875 in Comune di Milano; 31.05.1917 in Comune di Milano 15.11.1934 in Comune di Milano 1944 in Comune di Cesano Maderno 26.09.1947

Dettagli

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure

PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure PROGETTO SEVESO acque pulite, acque sicure Alluvioni del Seveso 03.08.1875 in Comune di Milano; 31.05.1917 in Comune di Milano 15.11.1934 in Comune di Milano 1944 in Comune di Cesano Maderno 26.09.1947

Dettagli

LUNGO I BORDI RIQUALIFICAZIONE DEL PAESAGGIO AGRARIO DI MARGINE

LUNGO I BORDI RIQUALIFICAZIONE DEL PAESAGGIO AGRARIO DI MARGINE LUNGO I BORDI RIQUALIFICAZIONE DEL PAESAGGIO AGRARIO DI MARGINE Progetto co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna ex art. 49 L.R. 20/2000 Responsabile del procedimento: ing. Maria Sergio Progettisti

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2411 Seduta del 26/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Lambro pulito, Lambro sicuro Contratto fiume Lambro settentrionale URBAN CENTER di Monza Milano, 7 marzo 2015 Ing. Gaetano LA MONTAGNA Responsabile

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

Il Consorzio di Bonifica delle Marche

Il Consorzio di Bonifica delle Marche Il Consorzio di Bonifica delle Marche CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE Caratteri generali Costituito e regolato dalla L.R. 17 giugno 2013 n. 13, di «riordino degli interventi in materia di bonifica e

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13

Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13 Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13 PRESENTAZIONE DEL VOLUME: L USO DEL SUOLO IN LOMBARDIA NEGLI ULTIMI 50 ANNI 29 settembre 2011, SALA GABER - Milano Relatore: Stefano Agostoni

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo?

Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo? Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo? Terzo referendum: conservare il parco Expo 3 dicembre 2011 Eliot Laniado IEIIT CNR Poliedra Politecnico di Milano laniado@elet.polimi.it alternative

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008 OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO DEI PARCHI DEL PO E DELLA COLLINA TORINESE WORKING PAPER 06/2008 Un piano strategico per il fiume Po Dipartimento Interateneo Territorio Politecnico e Università di Torino INDICE

Dettagli

SRATEGIE PER LA GESTIONE DEI BACINI IDROGRAFICI E LA RIDUZIONE DEI RISCHI

SRATEGIE PER LA GESTIONE DEI BACINI IDROGRAFICI E LA RIDUZIONE DEI RISCHI 1 GREEN FORUM Dalle esondazioni alla sicurezza del territorio SRATEGIE PER LA GESTIONE DEI BACINI IDROGRAFICI E LA RIDUZIONE DEI RISCHI Tra Ticino e Adda: gli aspetti idraulici nella pianificazione di

Dettagli

OPERE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NEL TERRITORIO COMUNALE DI OLBIA - BACINO DEL RIO SELIGHEDDU PROGETTO DEFINITIVO - INDICE 1 PREMESSE...

OPERE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NEL TERRITORIO COMUNALE DI OLBIA - BACINO DEL RIO SELIGHEDDU PROGETTO DEFINITIVO - INDICE 1 PREMESSE... INDICE 1 PREMESSE... 2 2 CRONOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI... 3 3 CALENDARIO DI SPESA... 5 4 OPERE ACCESSORIE... 6 5 MISURE DI COMPENSAZIONE E DI MITIGAZIONE... 10 - Relazione generale Pag. 1 di 10 1 PREMESSE

Dettagli

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici Poste Italiane Spa Tassa pagata Invii senza indirizzo AUT. DC/DCI/PD/7919/00/CS del 27-10-00 A tutte le Famiglie del Comune di Curtarolo ESTATe 2008 APeRTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA D.G.R. n. 7/7868 del 25/01/2002 della Regione Lombardia L.R. n.

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

DC Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

DC Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Le CASCINE del COMUNE di MILANO Valorizzazione del patrimonio in abbandono e modello gestionale DC Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree 1. Le cascine di proprietà

Dettagli

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi)

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi) GAL Oltrepo Mantovano Agricoltura e Ambiente Un binomio tra sostenibilità e produttività per migliorare lo sviluppo delle aree rurali dell oltrepòmantovano 1 1. Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Oltrepò

Dettagli

5.3.3.1.1 Diversificazione in attività non agricole

5.3.3.1.1 Diversificazione in attività non agricole 5.3.3.1.1 Diversificazione in attività non agricole Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 52 (a) (i) e 53 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 35 e punto 5.3.3.1.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA Bando senza scadenza BREZZA: piste cicloturistiche connesse a VENTO Il problema Dorsali e piste cicloturistiche sono infrastrutture leggere di lunga e media percorrenza che permettono, con un impatto ambientale

Dettagli

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Misura 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali (art. 17) Sottomisura 4.4 Sostegno per investimenti non produttivi

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

- Destra Fiume Topino a Foligno che preleva l acqua del fiume Topino, che analogamente a Trevi è provvisorio il sollevamento.

- Destra Fiume Topino a Foligno che preleva l acqua del fiume Topino, che analogamente a Trevi è provvisorio il sollevamento. B) IRRIGAZIONE La pratica irrigua è stata caratterizzata nel corso degli ultimi decenni da un continuo e costante sviluppo dettato da una serie di esigenze che investono settori di interesse differenziati

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83

parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83 parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83 delibera della Giunta Regionale n. 5/21784 del 23 Aprile 1992 la gestione armonica del territorio in funzione della sua salvaguardia

Dettagli

COMUNE DI FIESCO Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano del PGT Sintesi non tecnica _ SnT TerrAria srl VAS

COMUNE DI FIESCO Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano del PGT Sintesi non tecnica _ SnT TerrAria srl VAS COMUNE DI FIESCO Provincia di Cremona_ Regione Lombardia Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano del PGT Sintesi non tecnica _ SnT Autorità procedente Amministrazione Comunale Autorità

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

Risorse naturali comuni

Risorse naturali comuni Aalborg Commitment 3 Ci impegniamo ad assumerci la piena responsabilità per la protezione, la conservazione e la disponibilità per tutti delle risorse naturali comuni. Lavoreremo quindi, in tutta la nostra

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA Provincia di Pistoia Dipartimento Pianificazione Territoriale,

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici Provincia di Pavia ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Progettisti Incaricati dott. ing. Fabrizio Sisti via C. Battisti, 46-27049 Stradella (PV) dott. arch. Giuseppe Dondi via San Pietro,

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

GESTIONE DELLE CRITICITÀ ATTUALI E FUTURE DEL TERRITORIO DI EXPO 2015

GESTIONE DELLE CRITICITÀ ATTUALI E FUTURE DEL TERRITORIO DI EXPO 2015 GESTIONE DELLE CRITICITÀ ATTUALI E FUTURE DEL TERRITORIO DI EXPO 2015 In quale modo la massiccia urbanizzazione contribuisce al degrado idrico-ambientale di un territorio? Quali s de vengono poste agli

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Regolamento ai sensi dell art. 9.2 delle Disposizioni di attuazione del Piano dei Servizi Comune di Cernusco sul Naviglio Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO PARCO AGRICOLO DEL TICINELLO approvato dicembre 2013 Pag. 1/14

PROGETTO DEFINITIVO PARCO AGRICOLO DEL TICINELLO approvato dicembre 2013 Pag. 1/14 PROGETTO DEFINITIVO PARCO AGRICOLO DEL TICINELLO approvato dicembre 2013 Pag. 1/14 PD. INDICE 1.1 Inquadramento territoriale urbanistico e normativo... 3 1.2 Obiettivi e scelte progettuali... 4 1.3 Interazioni

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Le acque e i canali nel Piano Beruto

Le acque e i canali nel Piano Beruto Le acque e i canali nel Piano Beruto Il sistema dei Navigli, compreso tra il Ticino e l Adda, si forma nel corso di un lungo periodo storico che intercorre tra il XII e il XIX secolo. Sec. XII - XIII Sec.

Dettagli