RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA 2012/2014 Monza, luglio 2012 Monza,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA 2012/2014 Monza, luglio 2012 Monza,"

Transcript

1 Monza,

2

3 Relazione Previsionale Programmatica per il triennio 2012/2014 Sezione 1 Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell ente Pag La popolazione 1.1 La Provincia di Monza e della Brianza L andamento demografico La struttura della popolazione La popolazione straniera La popolazione scolastica Il livello di istruzione della popolazione residente Condizioni socio-economiche delle famiglie Il territorio 2.1 Superficie, dati morfologici, strade e densità abitativa Il Piano territoriale di coordinamento Provinciale (Ptcp) Le statistiche ambientali L economia 3.1 L economia insediata Il sistema delle imprese L evoluzione per forma giuridica I settori produttivi Le imprese femminili Le imprese straniere I principali indicatori del mercato del lavoro I servizi 4.1 Il Personale Le strutture Organismi gestionali 42 1

4 Sezione 2 Analisi delle risorse Fonti di finanziamento Analisi delle risorse 64 Sezione 3 Programmi e Progetti 79 Piano dei programmi dell Ente 81 Quadro generale degli impieghi per programma 83 Descrizione analitica dei programmi dell ente 85 Programma 1 Governance e servizi di supporto 87 Programma 2 Politiche scolastiche e formative 105 Programma 3 Politiche culturali, del turismo, dello sport e del tempo libero 113 Programma 4 Politiche del trasporto pubblico locale 121 Programma 5 Programmazione territoriale 133 Programma 6 Politiche ambientali 139 Programma 7 Politiche sociali 153 Programma 8 Politiche per lo sviluppo economico 163 Programma 99 - Ente 173 Riepilogo programmi per fonti di finanziamento 175 Sezione 4 Stato di attuazione dei programmi deliberati negli anni precedenti e considerazioni sullo stato di attuazione 4.1 Stato di attuazione delle opere pubbliche finanziate negli anni precedenti e non realizzate (in tutto o in parte) Considerazioni sullo stato di attuazione dei programmi 183 Sezione 5 Rilevazione per il consolidamento dei conti pubblici (art. 170, comma 8, dlgs 267/2000) Sezione 6 Considerazioni finali sulla coerenza dei programmi rispetto ai piani regionali di sviluppo, ai piani regionali di settore, agli atti programmatici della Regione Valutazioni finali della programmazione 201 2

5 Sezione 1 Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell Ente

6

7 1. LA POPOLAZIONE 1.1 La Provincia di Monza e della Brianza La Provincia di Monza e della Brianza si colloca ai primi posti per incremento annuale della popolazione, allo stesso livello della Provincia di Bergamo e seconda solo alla Provincia di Milano (cfr. Tabella 1). Tabella 1 Superficie, Popolazione e incremento della popolazione delle Province Lombarde Provincia Popolazione 2011 Popolazione 2010 Variazione 2011/2010 Variazione %le 2011/2010 Superficie Kmq Bergamo , ,86 Brescia , ,36 Como , ,07 Cremona , ,57 Lecco ,66 816,17 Lodi ,80 782,25 Mantova , ,84 Milano , ,90 Monza e della Brianza ,05 405,5 Pavia , ,73 Sondrio , ,90 Varese , ,71 Regione Lombardia , ,86 Grafico 1 Ripartizione della popolazione della Regione Lombardia per Provincia Dai Grafici 1 e 2 si evince come la Provincia di Monza e della Brianza, nonostante occupi solamente il 2% dell intera superficie territoriale della Regione Lombardia, rappresenta il 9% della popolazione regionale, collocandosi al livello della Provincia di Varese, subito dopo le grandi provincie di Milano, Brescia e Bergamo, le quali però possono contare su una superficie notevolmente superiore. 5

8 Grafico 2 Ripartizione della superficie della Regione Lombardia per Provincia 1.2 L andamento demografico La tabella sull andamento demografico, sotto riportata, consente di osservare nel periodo un incremento costante della popolazione della Provincia di Monza e della Brianza che si attesta, in termini assoluti, oltre le 54 mila persone. Tabella 2 Tavola dati demografici /1/2005 1/1/2006 1/1/2007 1/1/2008 1/1/2009 1/1/2010 1/1/2011 Provincia di Monza e Brianza Grafico 3 Andamento della popolazione nella Provincia di Monza e della Brianza (55 Comuni) All 01/01/2011 la popolazione residente della Brianza raggiungeva le unità. Con oltre abitanti per chilometro quadrato si conferma un territorio ad altissima densità demografica. 6

9 L analisi di medio-lungo periodo ( ) mostra un incremento della popolazione brianzola del 6,30%, superiore a quello dell intera regione (5,29%). Si conferma la tendenza, già verificatasi in passato, che vede il maggior sviluppo dei Comuni più piccoli: Roncello (+34,72%), Busnago (+22,29%), Correzzana (+20,69%), Ornago (+20,13%). Solo 3 Comuni della Provincia hanno subìto nello stesso periodo un lieve decremento: Carnate (-2,97%), Vedano al Lambro (-0,25%) e Vimercate (-0,11%). Per quanto riguarda il comune capoluogo, durante il periodo , si è registrata un lieve incremento della popolazione (0,37%). Tabella 3 Popolazione residente al 01/01 Serie Storica Comuni Var Agrate Brianza ,60 Aicurzio ,85 Albiate ,92 Arcore ,81 Barlassina ,53 Bellusco ,50 Bernareggio ,32 Besana in Brianza ,40 Biassono ,13 Bovisio Masciago ,39 Briosco ,69 Brugherio ,27 Burago di Molgora ,67 Busnago ,29 Camparada ,30 Caponago ,42 Carate Brianza ,30 Carnate ,97 Cavenago di Brianza ,80 Ceriano Laghetto ,23 Cesano Maderno ,07 Cogliate ,81 Concorezzo ,26 Cornate d Adda ,30 Correzzana ,69 Desio ,36 Giussano ,01 Lazzate ,74 Lentate sul Seveso ,91 Lesmo ,43 Limbiate ,53 Lissone ,39 Macherio ,52 Meda ,24 Mezzago ,81 Misinto ,12 Monza ,37 Muggiò ,03 Nova ,55 Var. %le 7

10 Tabella 3 Popolazione residente al 01/01 Serie Storica Comuni Var Milanese Ornago ,13 Renate ,21 Roncello ,72 Ronco Briantino ,84 Seregno ,33 Seveso ,69 Sovico ,75 Sulbiate ,87 Triuggio ,06 Usmate Velate ,85 Varedo ,95 Vedano al Lambro ,25 Veduggio con Colzano ,11 Verano Brianza ,00 Villasanta ,80 Vimercate ,11 Totale Monza e Brianza ,30 Totale Lombardia ,29 Il Grafico seguente indica i Comuni più popolosi della Brianza per volume di abitanti. Anch essi presentano un trend di crescita della popolazione nel medio-lungo periodo ( ), a eccezione di Vimercate, come già riferito. Grafico 4 Comuni della Provincia di Monza e della Brianza con popolazione superiore a abitanti Var. %le 8

11 Tabella 4 Saldo naturale e saldo migratorio in Provincia di Monza e della Brianza Popolazione al 1 gennaio Nati vivi Movimenti naturali Morti Interno Estero Iscritti Altri 680 Totale Trasferimenti di residenza Interno Estero Cancellati Altri Totale Popolazione al 31 dicembre Lo sviluppo demografico della Brianza è garantito sia dal saldo naturale positivo ( unità), sia dal saldo migratorio in costante aumento. Analizzando le liste dei trasferimenti di residenza, nell arco del 2010 sono state iscritte persone provenienti dall estero (ricongiungimenti familiari e ingressi previsti dai decreti sulle quote dei flussi annuali) e persone provenienti da altri Comuni italiani. Considerando le cancellazioni di residenza si ottiene un saldo migratorio positivo, pari a residenti. In sintesi, la Brianza risulta molto dinamica a livello demografico, sia per quanto concerne la natalità-mortalità, sia per la forte vocazione di polo di attrazione della popolazione. 1.3 La struttura della popolazione Nella Tabella 5 è riportata la struttura della popolazione per genere, per ciascun comune della Provincia di Monza e della Brianza. Complessivamente si osserva una maggiore numerosità della popolazione di genere femminile rispetto a quella maschile, con poche eccezioni a livello di singolo comune. Tabella 5 Popolazione per genere nei 55 Comuni della Provincia di Monza e della Brianza all 1/1/2011 Comuni Maschi Femmine Totale Agrate Brianza Aicurzio Albiate Arcore Barlassina Bellusco Bernareggio Besana in Brianza Biassono Bovisio-Masciago Briosco Brugherio Burago di Molgora Busnago Camparada Caponago Carate Brianza Carnate Cavenago di Brianza Ceriano Laghetto Cesano Maderno Cogliate Concorezzo Cornate d'adda Correzzana Desio

12 Tabella 5 Popolazione per genere nei 55 Comuni della Provincia di Monza e della Brianza all 1/1/2011 Comuni Maschi Femmine Totale Giussano Lazzate Lentate sul Seveso Lesmo Limbiate Lissone Macherio Meda Mezzago Misinto Monza Muggiò Nova milanese Ornago Renate Roncello Ronco briantino Seregno Seveso Sovico Sulbiate Triuggio Usmate velate Varedo Vedano al lambro Veduggio con Colzano Verano Brianza Villasanta Vimercate Totale Monza e Brianza Con riferimento allo stato civile della popolazione maggiorenne, particolarmente significativa risulta essere la differenza tra le vedove ( unità) che rappresentano l 84,5% del totale, a fronte del 15,5% rappresentato dai vedovi maschi (9.075 unità). Tabella 6 Stato civile della popolazione maggiorenne in Brianza all 1/1/2011 Stato civile Celibi/Nubili Coniugati/e Divorziati/e Vedovi/e Maschi Femmine Totale Monza e Brianza Nella Tabella 7 sono rappresentati i nuclei familiari nei comuni della provincia, il numero medio di componenti oscilla da 2,04 di Biassono, Bovisio-Masciago, Brugherio e Macherio al 2,58 di Misinto. La media dell intera provincia è di 2,39, quella del comune capoluogo si attesta a 2,26. Tabella 7 Le famiglie nei Comuni della Provincia di Monza e della Brianza Comuni Numero di famiglie al 31/12/2010 Numero medio di componenti Agrate Brianza ,43 Aicurzio 922 2,24 Albiate ,47 Arcore ,33 Barlassina ,41 Bellusco ,37 Bernareggio ,34 Besana in Brianza ,52 Biassono ,04 Bovisio-Masciago ,04 10

13 Tabella 7 Le famiglie nei Comuni della Provincia di Monza e della Brianza Comuni Numero di famiglie al 31/12/2010 Numero medio di componenti Briosco ,52 Brugherio ,04 Burago di Molgora ,36 Busnago ,44 Camparada 809 2,56 Caponago ,41 Carate Brianza ,43 Carnate ,44 Cavenago di Brianza ,51 Ceriano Laghetto ,46 Cesano Maderno ,37 Cogliate ,52 Concorezzo ,41 Cornate d'adda ,45 Correzzana ,43 Desio ,39 Giussano ,48 Lazzate ,53 Lentate sul Seveso ,43 Lesmo ,41 Limbiate ,56 Lissone ,32 Macherio ,04 Meda ,46 Mezzago ,37 Misinto ,58 Monza ,26 Muggiò ,46 Nova Milanese ,05 Ornago ,28 Renate ,53 Roncello ,43 Ronco Briantino ,48 Seregno ,36 Seveso ,45 Sovico ,41 Sulbiate ,38 Triuggio ,44 Usmate Velate ,44 Varedo ,44 Vedano al Lambro Veduggio con Colzano ,54 Verano Brianza ,52 Villasanta ,38 Vimercate ,29 Totale Monza e Brianza , La popolazione straniera La popolazione straniera residente nel territorio brianzolo risulta pari a unità. La tabella seguente riporta, in valori assoluti, il numero di stranieri residenti in ogni comune della Provincia, suddivisi per sesso. Tabella 8 Popolazione residente straniera al 1 Gennaio 2010 per sesso Comune Maschi Femmine Totale %le sulla popolazione residente Agrate Brianza ,83 Aicurzio ,18 Albiate ,55 11

14 Tabella 8 Popolazione residente straniera al 1 Gennaio 2010 per sesso Comune Maschi Femmine Totale %le sulla popolazione residente Arcore ,26 Barlassina ,79 Bellusco ,94 Bernareggio ,92 Besana in Brianza ,77 Biassono ,49 Bovisio-Masciago ,62 Briosco ,35 Brugherio ,39 Burago di Molgora ,24 Busnago ,23 Camparada ,70 Caponago ,62 Carate Brianza ,84 Carnate ,14 Cavenago di Brianza ,14 Ceriano Laghetto ,92 Cesano Maderno ,48 Cogliate ,81 Concorezzo ,95 Cornate d'adda ,55 Correzzana ,68 Desio ,27 Giussano ,49 Lazzate ,23 Lentate sul Seveso ,97 Lesmo ,42 Limbiate ,09 Lissone ,78 Macherio ,33 Meda ,23 Mezzago ,61 Misinto ,84 Monza ,57 Muggiò ,24 Nova Milanese ,94 Ornago ,80 Renate ,31 Roncello ,20 Ronco Briantino ,75 Seregno ,66 Seveso ,53 Sovico ,24 Sulbiate ,73 Triuggio ,32 Usmate Velate ,15 Varedo ,05 Vedano al Lambro ,08 Veduggio con Colzano ,04 Verano Brianza ,14 Villasanta ,52 Vimercate ,88 Totale Monza e Brianza ,85 Osservando più in dettaglio, dal rapporto tra il numero di stranieri e la popolazione residente nei singoli Comuni, si registra la più alta percentuale di stranieri nel comune capoluogo, Monza, con il 9,57%, seguito da due piccoli Comuni, Renate (9,31%) e Carnate (9,14%); immediatamente dopo si colloca Limbiate, comune di medie dimensioni, con il 9,09%. 12

15 1.5 La popolazione scolastica La tabella proposta riporta la popolazione scolastica della Provincia di Monza e della Brianza, riferita all anno scolastico 2010/2011, suddivisa per tipologia di scuola secondaria superiore, statale e paritaria, e per anno di corso. Tabella 9 - Studenti frequentanti gli Istituti di scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Monza e della Brianza (anno scolastico 2010/2011) Comparto Totale Anno di corso Scuole statali Istruzione liceale Istruzione tecnica Istruzione professionale Istruzione e formazione professionale Totale statali Scuole paritarie Istruzione liceale Istruzione tecnica Istruzione professionale Totale paritarie Totale generale Il livello di istruzione della popolazione residente La tabella che segue riporta i dati, registrati al Censimento 2001, relativi al livello di istruzione per ciascun comune della Provincia di Monza e della Brianza. Tabella 10 Livello di istruzione della popolazione della Provincia di Monza e Brianza per comune di residenza Dati Censimento 2001 Comune Laurea Diploma Licenza Licenza Alfabeti Analfabeti Totale Media Elementare Agrate Brianza Aicurzio Albiate Arcore Barlassina Bellusco Bernareggio Besana in Brianza Biassono Bovisio Masciago Briosco Brugherio Burago di Molgora Busnago Camparada Caponago Carate Brianza Carnate Cavenago di Brianza Ceriano Laghetto Cesano Maderno Cogliate Concorezzo Cornate d'adda Correzzana Desio Giussano Lazzate

16 Tabella 10 Livello di istruzione della popolazione della Provincia di Monza e Brianza per comune di residenza Dati Censimento 2001 Comune Laurea Diploma Licenza Licenza Alfabeti Analfabeti Totale Media Elementare Lentate sul Seveso Lesmo Limbiate Lissone Macherio Meda Mezzago Misinto Monza Muggio' Nova Milanese Ornago Renate Roncello Ronco Briantino Seregno Seveso Sovico Sulbiate Triuggio Usmate velate Varedo Vedano al Lambro Veduggio con Colzano Verano Brianza Villasanta Vimercate Totale In generale si osserva che la percentuale più consistente di popolazione, pari al 31,7%, è in possesso della licenza media, seguita dai diplomati con una percentuale pari al 28,42%. I laureati raggiungono il 7,11% del totale. Grafico 5 Livello di istruzione della popolazione della Provincia di Monza e Brianza Dati Censimento

17 1.7 Condizioni socio-economiche delle famiglie La tabella che segue riporta i dati, registrati al Censimento 2001, relativi alle tipologie di nuclei familiari per comune di residenza. In tutti i 55 Comuni della Provincia prevalgono i nuclei familiari composti da coppie con figli, seguiti da quelli formati da coppie senza figli. Tabella 11 Famiglie (non mononucleari) per tipologia. Dati al censimento del 2001 Comune Tipi di nucleo familiare Coppie senza Coppie con figli Padre con figli Madre con figli Totale figli Agrate Brianza Aicurzio Albiate Arcore Barlassina Bellusco Bernareggio Besana in Brianza Biassono Bovisio-Masciago Briosco Brugherio Burago di Molgora Busnago Camparada Caponago Carate Brianza Carnate Cavenago di Brianza Ceriano Laghetto Cesano Maderno Cogliate Concorezzo Cornate d'adda Correzzana Desio Giussano Lazzate Lentate sul Seveso Lesmo Limbiate Lissone Macherio Meda Mezzago Misinto Monza Muggiò Nova Milanese Ornago Renate Roncello Ronco Briantino Seregno Seveso Sovico Sulbiate Triuggio Usmate Velate Varedo Vedano al Lambro Veduggio con Colzano

18 Tabella 11 Famiglie (non mononucleari) per tipologia. Dati al censimento del 2001 Comune Tipi di nucleo familiare Coppie senza Coppie con figli Padre con figli Madre con figli Totale figli Verano Brianza Villasanta Vimercate Totale In termini percentuali, le coppie con figli raggiungono il 58,67% del totale, mentre le coppie senza figli si attestano al 30,02%, seguite dalle famiglie monogenitoriali in cui prevalgono le madri con figli (9,37%) rispetto ai padri con figli (1,91%). Grafico 6 Famiglie (non monucleari) per tipologia Dati Censimento

19 2. IL TERRITORIO 1. LA POPOLAZIO 2.1 Superficie, dati morfologici, strade e densità abitativa Il territorio della Brianza si estende su una superficie complessiva di 405,49 km 2. Tabella 12 Superficie e dati morfologici della Provincia di Monza e Brianza Superficie Kmq 405,49 Comuni n. 55 Aree antropizzate ( dati: DUSAF 2009) Kmq 223,45 Aree agricole (dati: SIARL 2010) Kmq 106,80 Aree boscate (dati: PIF 2004) Kmq 33,81 Aree a tutela ambientale (tutti i vincoli ex 1497, archeologici, e Pav - dati: Provincia Monza e Kmq 22,27 Brianza ) Altitudine sul livello del mare minima (Brugherio, Camparada) Mt 137 Altitudine sul livello del mare massima (Besana Brianza) Mt 355 Il territorio è caratterizzato da un elevata densità demografica, sono soprattutto i Comuni a ridosso del capoluogo di Regione quelli che hanno una maggiore densità abitativa, indice della preferenza di risiedere nelle aree più vicine al centro nevralgico dei traffici economici, commerciali e produttivi. Tabella 13 Strade sul territorio della Provincia di Monza e Brianza Autostrade e tangenziali (dati: Regione Lombardia) Km 28 Strade statali (dati: Piano di Bacino della Mobilità e dei Trasporti) Km 19 Strade Provinciali (dati: Provincia MB) Km 214 Strade comunali (dati: Regione Lombardia) Km 312 Strade vicinali (dati non noti) Linee ferroviarie (dati: Regione Lombardia) Km 83 Percorsi ciclabili nei Parchi regionali (dati: Provincia MB) Km 51 Piste ciclabili (dati: Provincia MB) Km 349 In Brianza la media di abitanti per Km 2 è di 2.095,33, decisamente superiore a quella della Lombardia (390,70 ab/km 2 ) e maggiore rispetto a quella di Milano (2.004,25 ab/km 2 ). Tabella 14 Popolazione, superficie e densità abitativa al 31/12/2010 Provincia Popolazione residente 2011 Popolazione residente 2010 Superficie (Km 2 ) Densità 2011 Densità 2010 Variazione %le Bergamo ,00 403,50 399,27 1,011 Brescia ,36 262,53 259,79 1,011 Como ,07 461,92 458,09 1,008 Cremona ,00 205,20 204,32 1,004 Lecco ,00 416,87 414,11 1,007 Lodi ,12 288,78 1,008 Mantova ,00 177,62 176,40 1,007 Milano , , ,99 1,011 Monza e della , , ,32 1,011 Brianza Pavia ,00 184,93 183,55 1,007 Sondrio ,03 56,88 1,003 Varese ,86 324,40 321,98 1,008 Regione Lombardia ,78 390,70 387,09 1,009 17

20 Grafico 5 Densità abitativa della Lombardia e delle province lombarde 2.2 Il Piano territoriale di coordinamento Provinciale (Ptcp) Con il Piano territoriale di coordinamento Provinciale, di seguito denominato PTCP, la Provincia definisce gli obiettivi generali relativi all assetto e alla tutela del proprio territorio connessi ad interessi di rango provinciale o sovracomunale (riguardanti cioè l intero territorio provinciale o comunque quello di più Comuni), o costituenti attuazione della pianificazione regionale. Il PTCP è atto di indirizzo della programmazione socio-economica della Provincia ed ha efficacia paesaggistico ambientale, secondo quanto indicato dalla legge regionale 12/2005. Il territorio della Provincia di Monza e della Brianza è stato oggetto di pianificazione nell ambito nel Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Milano (PTCP), atto approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 55 del 14/10/2003. La Regione Lombardia, a seguito di confronti tecnici avuti con le Province di Milano e di Monza e della Brianza, ha confermato la vigenza del PTCP della Provincia di Milano anche per la parte relativa al territorio della Provincia di Monza e Brianza. Nel contempo, al fine di dotarsi di un proprio strumento di pianificazione territoriale interprete delle istanze del territorio e adeguato alle normative successivamente intervenute, con deliberazione della Giunta Provinciale n. 93/2009 del 16/12/2009 la Provincia di Monza e della Brianza ha avviato il procedimento di redazione del proprio PTCP e della relativa Valutazione ambientale. Con successiva deliberazione della Giunta Provinciale n. 57/2010 del 31/03/2010 sono state individuate l autorità competente e quella procedente della Valutazione Ambientale Strategica (VAS), oltre che costituito un Gruppo di lavoro interdirezionale, all interno dell ente, con funzioni consultive. Inoltre, con deliberazione della Giunta Provinciale n.119/2010 del 30/06/2010 è stato approvato un programma di collaborazione e assistenza per la redazione del PTCP tra la Provincia e il Centro Studi PIM e, con deliberazione della Giunta Provinciale n. 148/2010 del 28/07/2010 una convenzione con la Fondazione Lombardia per l Ambiente (FLA) per lo sviluppo del progetto Sostenibilità ambientale del PTCP. Il percorso di redazione del PTCP della Provincia di Monza e Brianza, avviato nel dicembre 2009, è in fase conclusiva. La proposta di piano è stata trasmessa alla Conferenza dei comuni e degli 18

21 Enti gestori delle aree regionali protette, che (ai sensi della L.R.12/2005) è tenuta ad esprimere parere entro novembre 2011, ed è stata messa a disposizione di tutti i soggetti interessati. Anche l iter previsto per la valutazione ambientale strategica (VAS) è in fase conclusiva. Il 4 ottobre 2011 Rapporto ambientale, Sintesi non tecnica e Valutazione d incidenza sono stati messi a disposizione per la consultazione di cittadini e soggetti competenti che, entro i successivi 60 giorni, hanno modo di presentare osservazioni o fornire ulteriori elementi conoscitivi e valutativi. La redazione del PTCP assolve ad un obbligo di legge (art.15 della L.R. n.12/2005), ma è anche occasione culturale ed educativa per la Provincia di Monza e della Brianza e per quegli enti e attori presenti nella realtà locale, capaci di produrre proposte e di individuare finalità condivise dalla Comunità locale. Si tratta di far crescere la convinzione che molte politiche territoriali non hanno i confini amministrativi dei Comuni, ma coinvolgono perlomeno il destino dell'intera Provincia. L'esperienza insegna che la pianificazione ha successo quando, più che necessitata dalla norma, è legittimata da una domanda sociale che contribuisce alla sua costruzione ed esprime poi una capacità di controllo delle decisioni prese. Per queste ragioni la proposta di piano territoriale della Provincia di Monza e della Brianza si è fatta carico delle istanze portate dai diversi soggetti sociali. La proposta di PTCP ha anche tenuto conto dell importanza dell effettività delle sue previsioni, ossia dell idoneità ad essere applicate per intero e con facilità. Per assicurare effettività il PTCP ha innanzitutto regolato gli aspetti di specifica competenza, collocandosi nella ripartizione costituzionale di poteri e funzioni fra Province e Comuni. Punto di partenza nell impostazione del PTCP è stato l osservanza dell art.118 della Costituzione, il quale afferma la centralità del Comune nell esercizio delle funzioni amministrative, ad eccezione di quelle che, per ragioni di carattere unitario, sono esercitate da Stato, Regioni e Province. Ciò vale anche per la materia del governo del territorio la quale, nella sua accezione più ampia, comprende non solo la disciplina degli usi del suolo e la connessa regolamentazione dell attività edilizia, ma anche la regolamentazione della mobilità, la tutela dell ambiente e del paesaggio, la sua valorizzazione, nonché la difesa del suolo. In Lombardia, quale effetto della L.R. n.12/2005, i Comuni hanno proceduto, o stanno procedendo, alla redazione di una nuova generazione di strumenti urbanistici, i Piani di Governo del Territorio (PGT). Nella Provincia di Monza e della Brianza circa il 70% dei Comuni hanno approvato o adottato il PGT. Tale sostanziale contemporaneità di rinnovamento della disciplina territoriale costituisce un unicum pressoché irripetibile ed è lo scenario nel quale si è collocata la redazione del PTCP. La L.R. n.12/2005 individua specificatamente le finalità, i contenuti e la procedura dei PTCP Provinciali (titolo II, capo III della legge citata). Quanto ai contenuti essi sono distinti in due categorie: quelli programmatici (art. 15 c. 2), che hanno natura orientativa, e quelli prescrittivi (art. 15 c. 3, 4, 5 e art. 18 c. 2, art. 56 c. 1, lett. d). Il proprium del PTCP è costituito dagli elementi di carattere prescrittivo, a cui la pianificazione di livello comunale deve attenersi. Tali elementi risultano descritti, analiticamente, nel predetto art. 18 c. 2, e sono così riassumibili: beni ambientali e paesaggistici; sistema della mobilità; aree agricole di valore strategico; aree di rischio idrogeologico e sismico. Sono questi i temi sui quali prioritariamente la Comunità Provinciale chiede al PTCP un progetto collettivo condiviso. Proprio ai fini dell effettività, i temi prescrittivi costituiscono l ossatura del PTCP (paesaggio, mobilità, aree agricole e saldezza del suolo). Si tratta di tematiche che incrociano i temi più rilevanti del territorio della Brianza, quali la tutela dell ambiente ed il suo rapporto con lo sviluppo 19

22 economico, la qualità e l efficienza del sistema trasportistico e viabilistico della Provincia, il consumo del suolo e la protezione dell abitato. La natura precettiva della disciplina provinciale nelle materie suddette attribuisce notevole rilevanza al PTCP per gli effetti che esso può avere sui contenuti dei PGT e delle loro eventuali varianti. Nell attuale scenario di crisi economica e di difficoltà dell occupazione, il PTCP deve inoltre riuscire ad essere un elemento propulsivo dell economia della Brianza; a riguardo la proposta di piano ha dedicato particolare attenzione al tema dello sviluppo e della riconversione delle aree produttive. Per gli aspetti paesaggistici il piano territoriale regionale (PTR) costituisce il principale riferimento a cui la proposta di PTCP ha guardato per delineare le previsioni per la salvaguardia di bellezze naturali e di beni culturali di eccellenza, molto cospicui in Brianza, pur in un territorio assai urbanizzato. La regolamentazione degli aspetti paesaggistici ed ambientali, oltre che ad una funzione di tutela e valorizzazione di tali beni, risponde all esigenza di conseguire efficaci risultati ad un livello più esteso; nella proposta di piano vi è in tal senso una connessione stretta tra le previsioni paesaggistiche e quelle di strategicità delle aree agricole al fine di costituire leva comune nell arginare il consumo del suolo e nel promuovere una sua migliore utilizzazione. L intensa utilizzazione del suolo costituisce un fenomeno non inarrestabile, ma neppure comprimibile con formule matematiche più o meno complesse. Le sue motivazioni trascendono la semplice sfera territoriale, coinvolgendo questioni di finanza delle pubbliche amministrazioni e di equilibrio dell uso del suolo con lo sviluppo abitativo e produttivo della nostra Provincia. In ogni caso essa trae origine anche dall assenza in Italia di una disciplina del regime giuridico dei suoli, il che rende ancora oggi la rendita fondiaria reale protagonista di ogni trasformazione urbanistica. È esperienza ormai condivisa che l efficacia dei contenuti agricolo-ambientali del PTCP, nel limitare l utilizzazione del territorio, è condizionata anche dalla crescente dipendenza delle amministrazioni comunali dalle trasformazioni territoriali, mezzo di finanziamento delle opere e delle infrastrutture pubbliche, e dalle necessità del mondo produttivo di trarre dagli interventi edilizi risorse utili per iniziative di riqualificazione e sviluppo industriale. La proposta di Ptcp propone una tutela attiva degli spazi aperti e individua anche indirizzi e strumenti (es. programmi di azione paesaggistica, piani di settore, intese con i Comuni) finalizzati alla riqualificazione fisica e fruitiva del territorio, al miglioramento qualitativo degli spazi aperti e del rapporto tra costruito e suolo libero. Hanno rilievo nel PTCP anche i temi sui quali la legge regionale riserva alla Provincia un ruolo orientativo della pianificazione comunale, questioni tutte quante specificamente elencate all art.15.2 della legge regionale. Il carattere orientativo delle predette previsioni provinciali non sminuisce la sostanziale efficacia delle previsioni stesse, purché posseggano adeguato livello culturale e scientifico. La loro effettività, infatti, è strettamente connessa all autorevolezza della fonte normativa ed alla sua capacità di moral suasion. Parte importante del PTCP riguarda, infine, i sistemi delle aree protette regionali e locali, entrambi di notevole entità in Provincia di Monza e della Brianza. A norma di legge, il PTCP si limita a recepire le scelte pianificatorie dei PTC dei parchi regionali, mentre può liberamente disciplinare i parchi sovracomunali, dei quali la proposta di piano si fa carico di rafforzare la struttura. 20

23 Figura 2 I parchi Gli ulteriori strumenti di pianificazione e programmazione del territorio Si collocano in tale prospettiva di indirizzo da parte del PTCP anche i temi dello sviluppo socioeconomico della Brianza connessi alle scelte territoriali, quali l incentivazione alla riqualificazione delle aree produttive dismesse. Nel mutato scenario economico, anche le decisioni di trasformazione territoriali, valutate in sede di PTCP, assumono, come detto, valenza rilevante per gli aspetti legati al lavoro e all occupazione, pur in un equilibrio spesso precario con le necessità di un contenimento dell utilizzazione del suolo. Gli ulteriori strumenti di pianificazione e programmazione del territorio Il PTCP, ai sensi dell art. 2 della L.R 12/05 ha efficacia di orientamento, indirizzo e coordinamento e in tal senso si colloca anche nei confronti dei piani Provinciali di settore. Tra questi si annoverano: piano di settore agricoltura piano di settore assetto della rete della mobilità dolce piano di settore per il commercio piano di settore per le aree dismesse Piano di Indirizzo Forestale Programma Triennale dei Servizi di Trasporto Pubblico Locale Piano Generale Strategico per la Mobilità Sostenibile Piano Strategico per la Mobilità Piano Provinciale di Bacino della Mobilità e trasporti 21

24 2.3 Le statistiche ambientali La produzione e la raccolta di rifiuti rivestono un ruolo particolarmente significativo all interno delle statistiche ambientali. Considerando i dati provenienti dalle dichiarazioni ambientali (MUD) dell anno per la Provincia di Monza e Brianza, si osserva che gli insediamenti che hanno presentato la dichiarazione sono stati 5.313, di cui la quota maggiore (18,7%) è costituita dal settore commercio, manutenzione e riparazione di autoveicoli e motocicli, seguito dal 10,5% della fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti, e dal 9,3% del comparto sanità e assistenza sociale. In particolare, sono le dichiarazioni ambientali dei produttori di rifiuti speciali, di cui (il 47,4% del totale) relativi agli insediamenti che hanno prodotto rifiuti speciali pericolosi, (il 31,8% del totale) quelli che hanno prodotto rifiuti pericolosi e non pericolosi e (il 20,8% del totale) quelli che hanno prodotto solo rifiuti speciali non pericolosi. I rifiuti speciali complessivamente in Brianza hanno raggiunto un totale di ,1 tonnellate (il 14,5% in meno rispetto all anno precedente), di cui ,5 tonnellate (l 87,0%) non pericolosi e ,5 tonnellate (il 13,0%) pericolosi. Di oltre tonnellate, pari ad una produzione media pro-capite giornaliera di circa 1,3 kg, è stata invece la raccolta di rifiuti urbani nel territorio della Brianza, risultante dalle 50 dichiarazioni ambientali presentate dai Comuni della Provincia. Particolarmente elevata la percentuale di raccolta differenziata che raggiunge il 68,0% del totale (oltre un punto percentuale in più rispetto al MUD 2008), con ,2 tonnellate; decisamente inferiore, pari a ,7 tonnellate la raccolta indifferenziata (32,0% del totale). In base alle dichiarazioni 2009, tutti i Comuni della Provincia di Monza e Brianza hanno raggiunto almeno il 50% di raccolta differenziata. In particolare, i Comuni più virtuosi sono risultati quelli di Bellusco, con una quota di raccolta differenziata superiore all 80%; in ben 43 Comuni si è registrata una quota di raccolta differenziata superiore al dato medio della Brianza (68,0%) 2. Tabella 15 Raccolta di rifiuti urbani nei Comuni della Brianza (in tonnellate) Comune Raccolta indifferenziata Raccolta differenziata Totale %le Raccolta Differenziata Bellusco 588, , ,2 83,3% Aicurzio 179,2 839, ,6 82,4% Biassono 1.109, , ,7 79,4% Lesmo 759, , ,3 79,1% Carnate 676, , ,9 78,9% Caponago 526, , ,5 78,3% Usmate Velate 953, , ,6 78,0% Villasanta 1.428, , ,0 77,6% Cornate d'adda 889, , ,1 77,6% Bovisio-Masciago 1.648, , ,0 77,6% Bernareggio 962, , ,3 77,3% Arcore 1.864, , ,8 76,8% Burago di Molgora 514, , ,9 76,5% Misinto 579, , ,5 76,5% Correzzana 217,3 706,8 924,0 76,5% Cavenago di Brianza 735, , ,8 76,4% Ornago 465, , ,0 76,3% Macherio 825, , ,0 75,4% Veduggio con Colzano 459, , ,5 75,4% Lazzate 806, , ,5 75,1% Camparada 229,0 687,0 916,1 75,0% Briosco 649, , ,2 75,0% Agrate Brianza 1.968, , ,5 74,8% Besana in Brianza 1.754, , ,4 74,3% Roncello 351, , ,1 74,2% 1 I dati delle dichiarazioni ambientali del 2010 si riferiscono alla raccolta rifiuti dell anno Dalle dichiarazioni MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale) 2009 relative ai 5 nuovi Comuni della Provincia di Monza e della Brianza risulta un totale di ,30 tonnellate di rifiuti urbani raccolti, di cui il 70,2% tramite raccolta differenziata. 22

25 Tabella 15 Raccolta di rifiuti urbani nei Comuni della Brianza (in tonnellate) Comune Raccolta indifferenziata Raccolta differenziata Totale %le Raccolta Differenziata Lissone 5.325, , ,2 74,1% Ronco Briantino 382, , ,2 74,0% Varedo 1.584, , ,8 73,7% Mezzago 402, , ,5 73,4% Verano Brianza 999, , ,6 73,2% Sovico 936, , ,0 73,2% Sulbiate 415, , ,3 73,0% Barlassina 900, , ,7 72,8% Concorezzo 2.006, , ,5 72,6% Ceriano Laghetto 802, , ,8 72,5% Vedano al Lambro 854, , ,6 72,4% Renate 405, , ,3 71,8% Cesano Maderno 4.968, , ,3 71,7% Busnago 830, , ,6 71,4% Giussano 3.081, , ,6 71,3% Muggio' 3.064, , ,8 71,0% Brugherio 4.224, , ,6 70,0% Seveso 2.890, , ,7 69,7% Cogliate 980, , ,4 68,3% Seregno 5.996, , ,3 67,1% Triuggio 1.073, , ,2 66,2% Carate Brianza 2.987, , ,8 66,1% Limbiate 5.313, , ,4 65,6% Nova Milanese 3.769, , ,4 65,4% Vimercate 4.662, , ,5 65,3% Lentate sul Seveso 2.525, , ,9 64,6% Meda 3.214, , ,3 64,0% Albiate 651,9 982, ,4 60,1% Desio 7.357, , ,6 60,0% Monza , , ,3 51,7% Totale , , ,0 68,5% Fonte: Elaborazione Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza su dati MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale)

26 3. L ECONOMIA L economia insediata. La tavola seguente mostra l andamento della produzione e del fatturato sia dell industria manifatturiera che del comparto dell artigianato manifatturiero per gli anni 2009 e Per l industria, la media annua della variazione congiunturale della produzione è stata del -1,0% nel 2009 per riportarsi al +1,8% nel L artigianato passa invece da una perdita media a trimestre del -4,8% nel 2009, ad una variazione positiva media dell 1,0% nel Per quanto riguarda il fatturato invece, l industria recupera dal -1,5% medio del 2009, al +2,1% del Per l artigianato si passa dal -5,3% del 2009 al +1,3% del Tav. 3.1: Andamento della produzione e del fatturato dell industria e dell'artigianato manifatturiero in Brianza. Variazioni % Periodo Variazioni congiunturali della produzione (dati destagionalizzati) Variazioni congiunturali del fatturato (dati destagionalizzati) Industria Artigianato Industria Artigianato I trim ,8 2,6 2,1-0,1 II trim ,4-0,7 2,2 2,4 III trim ,8 0 2,2-0,9 IV trim ,4 2 1,7 3,7 Media ,8 1 2,1 1,3 Media ,8-1,5-5,3 Osservando più da vicino il dettaglio dell andamento per trimestre di produzione e fatturato nel 2010, si nota in particolare che la crescita della produzione industriale ha rallentato nel corso dell anno, perdendo un punto percentuale tra il secondo ed il quarto trimestre, ma ha registrato comunque costantemente valori positivi. Per l artigianato invece, la parte centrale dell anno è stata ancora piuttosto critica, con la produzione in calo nel secondo trimestre rispetto al primo (-0,7%), rimanendo sostanzialmente stazionaria nel terzo. Per contro, si sono registrate variazioni di segno positivo nel primo trimestre (+2,6%) e nel quarto (+2,0%). Il fatturato dell industria ha registrato una crescita, estremamente costante nei quattro trimestri dell anno, superiore al 2%, ad eccezione del quarto trimestre in cui cala al +1,7%. Per l artigianato, invece, anche il fatturato ha avuto un andamento piuttosto irregolare: negativi il primo (-0,1%) e il terzo trimestre (-0,9%), positivi il secondo (+2,4%) e il quarto (+3,7%). 3.2 Il sistema delle imprese La crisi ha comportato una netta riduzione dello stock di imprese attive in Lombardia nel corso del 2009 rispetto all anno precedente. Tuttavia, il lieve miglioramento registrato nel 2010 trova conferma nei primi sei mesi del 2011, in modo particolare nelle province lombarde di maggiori dimensioni. Le imprese attive in Lombardia a giugno 2011 sono infatti pari a unità, in crescita sia rispetto a dicembre 2010 (+0,6%) che rispetto a giugno 2010 (+0,3%). Tabella 16 - Imprese attive nelle province lombarde. Valori assoluti Province Giugno 2011 Anno Bergamo Brescia Cfr. Imprese e Territorio Rapporto Brianza 2011, Camera di Commercio Monza e Brianza, Confindustria Monza e Brianza 4 Nota metodologica: con il primo trimestre 2011, in occasione del passaggio alla nuova classificazione delle attività economiche ATECO 2007, sono state introdotte innovazioni metodologiche che hanno richiesto la ricostruzione delle serie storiche già prodotte. Questa revisione dei dati si aggiunge alla consueta revisione trimestrale dipendente dal processo di destagionalizzazione e correzione per i giorni lavorativi che, grazie all aggiunta di una nuova osservazione, consente una stima migliore del modello di correzione e quindi la possibile variazione dei dati già pubblicati. Per questo, i dati storici riportati possono presentare uno scostamento maggiore del solito rispetto a quanto pubblicato negli scorsi trimestri. 24

27 Tabella 16 - Imprese attive nelle province lombarde. Valori assoluti Province Giugno 2011 Anno Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Monza e Brianza Pavia Sondrio Varese Lombardia Fonte: Elaborazione Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese La provincia di Monza e Brianza 5 fa registrare variazioni positive, migliori anche della media regionale. Le imprese attive sono cresciute dello 0,5% nell anno 2009 e dello 0,6% nel 2010, a fronte di una stazionarietà a livello regionale (rispettivamente -0,8% nel 2009 e variazione pressoché nulla nel 2010). A giugno 2011, la provincia di Monza e Brianza con imprese attive (in crescita dell 1,1% su base annua) mantiene la quinta posizione a livello regionale (preceduta da Milano, Brescia, Bergamo e Varese) per numero di imprese attive presenti sul territorio, ed è la prima per variazione percentuale negli ultimi dodici mesi. Tabella 17 - Imprese attive nelle province lombarde. Variazioni percentuali Province Giugno 2011/ Anni Giugno / / /2008 Bergamo 0,9% 0,6% 0,0% 0,6% Brescia 0,5% 0,6% 0,3% 1,0% Como 0,8% 0,9% -0,5% 0,4% Cremona -0,9% -0,6% 0,0% -0,6% Lecco 0,9% 0,6% -0,7% -0,1% Lodi -1,0% 0,1% -0,5% -0,4% Mantova -0,1% 0,0% -0,8% -0,8% Milano -0,1% -0,6% -1,5% -2,2% Monza e Brianza 1,1% 0,6% 0,5% 1,1% Pavia 0,1% -0,3% -0,9% -1,1% Sondrio -0,8% -0,7% -0,7% -1,4% Varese 0,9% 0,6% -2,8% -2,2% Lombardia 0,3% 0,0% -0,8% -0,8% Fonte: Elaborazione Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese Analizzando il tasso di crescita per settore di attività economica relativo ai primi sei mesi dell anno 2011, si osservano minime differenze tra i macrosettori, con i servizi e l agricoltura che segnano un +1,2%, contro +1,1% dell industria. L andamento del maggiore comparto dei servizi, il commercio, è in linea con l andamento settoriale (+1,2%). Un tasso di natalità particolarmente elevato porta le costruzioni a crescere del +2,1%, mentre le attività manifatturiere registrano una flessione appena accennata (-0,1%). 6 5 A partire dall edizione del Rapporto Brianza 2010 la serie storica della provincia di Monza e Brianza è stata ricostruita a seguito di un aggiornamento statistico e dell inclusione dei 5 nuovi comuni (Busnago, Caponago, Cornate d Adda, Lentate sul Seveso, Roncello) entrati a far parte della Provincia da dicembre Dal momento che le imprese non classificate registrano un tasso di crescita particolarmente alto per la concentrazione di imprese prive di codice di attività tra le nuove iscritte, nella tavola seguente tali imprese vengono stimate appartenenti ai vari settori, in proporzione al peso di ciascun settore sul totale delle imprese di cui è noto il settore di attività. 25

RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA 2012/2014 Monza, luglio 2012 Monza,

RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA 2012/2014 Monza, luglio 2012 Monza, Monza, Relazione Previsionale Programmatica per il triennio 2012/2014 Sezione 1 Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell ente Pag. 3 1. La

Dettagli

E LA CASA IN BRIANZA RESTA UN INVESTIMENTO

E LA CASA IN BRIANZA RESTA UN INVESTIMENTO AZIENDA SPECIALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO - ORGANIZZAZIONE DI SERVIZI PER IL MERCATO IMMOBILIARE tel. 039/2807511 039/2807521 Primi segnali di ribasso anche per il segmento industriale: il prezzo

Dettagli

Direzione Regionale della Lombardia

Direzione Regionale della Lombardia Prot. 2009/96544 Direzione Regionale della Lombardia Attivazione della Direzione Provinciale di Monza e della Brianza Competenza territoriale per la registrazione degli atti notarili e degli atti emessi

Dettagli

Conferenza stampa Assemblea AVIS Provinciale di Monza e della Brianza 23 Marzo 2013

Conferenza stampa Assemblea AVIS Provinciale di Monza e della Brianza 23 Marzo 2013 Conferenza stampa Assemblea AVIS Provinciale di Monza e della Brianza 23 Marzo 2013 SOCI Al 31 dicembre 2012 i Soci Donatori Attivi delle Avis Comunali della Provincia di Monza e Brianza sono n. 24.621

Dettagli

OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA

OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E PTCP DI MONZA SERVE CONCRETIZZARE LE NOSTRE PROPOSTE PER PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI Premessa Il consumo di suolo nella Provincia di Monza e Brianza ha raggiunto percentuali

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza 28-04-2015 Pag. 1 Esercizio: 2014 ACCERTAMENTI PER ANNO RESIDUO 2014 / 00530 3050044 / 305004400 60.

Provincia di Monza e della Brianza 28-04-2015 Pag. 1 Esercizio: 2014 ACCERTAMENTI PER ANNO RESIDUO 2014 / 00530 3050044 / 305004400 60. RESIDUI ATTIVI Provincia di Monza e della Brianza 28-04-2015 Pag. 1 Esercizio: 2014 ACCERTAMENTI PER ANNO RESIDUO 13.01.05.00 - DG00105 - Partecipazioni Anno/n Accertamento Descrizione Accertamento EMOLUMENTI

Dettagli

Il mercato degli. Orientamento e prospettive del mercato degli immobili di Monza e Brianza. Immobili d impresa

Il mercato degli. Orientamento e prospettive del mercato degli immobili di Monza e Brianza. Immobili d impresa Il mercato degli immobili d impresa Orientamento e prospettive del mercato degli immobili di Monza e Brianza Giugno 2014 Immobili d impresa Report coordinato e realizzato da: Con la collaborazione di:

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

PROGETTO NETWORK sistema per i servizi di cura e assistenza domiciliare

PROGETTO NETWORK sistema per i servizi di cura e assistenza domiciliare PROGETTO NETWORK sistema per i servizi di cura e assistenza domiciliare Network: un un modello integrato a supporto della della qualificazione della della domanda e offerta di di assistenza e cura cura

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

A - RELAZIONE TECNICA

A - RELAZIONE TECNICA BRIANZACQUE S.r.l. Sede Legale Viale Enrico Fermi 105-20900 MONZA (MB) Telefono 039262301 - Fax 0392130074 www.brianzacque.it - brianzacque@legalmail.it COMUNI DELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA RICOSTRUZIONE

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA 2013/2015 Monza, luglio 2013 Monza,

RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA 2013/2015 Monza, luglio 2013 Monza, Monza, Indice Pagina Sezione 1 5 1 - La popolazione 7 o 1.1 - La Provincia di Monza e della Brianza 7 o 1.2 - L andamento demografico 8 o 1.3 - La struttura della popolazione 10 o 1.4 - La popolazione

Dettagli

PIANO OPERATIVO TRIENNALE 2015-2017

PIANO OPERATIVO TRIENNALE 2015-2017 PIANO OPERATIVO TRIENNALE 2015-2017 GESTORE CAP HOLDING 1 4541_M AICURZIO Centrale di Trezzo sull'adda: Lavori di realizzazione nuova vasca di accumulo Serbatoio HUB in comune di Aicurzio acquedotto 1.138.308,46

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- SPECIALE OTTO MARZO 2014 GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA Realizzato in collaborazione tra il Dipartimento

Dettagli

ISO 9001 C.n.3242. ISO 14001 C.n. 0137A. OHSAS 18001 C.n. 0017L

ISO 9001 C.n.3242. ISO 14001 C.n. 0137A. OHSAS 18001 C.n. 0017L ISO 9001 C.n.3242 ISO 14001 C.n. 0137A OHSAS 18001 C.n. 0017L Società patrimoniale a totale partecipazione pubblica, è proprietaria dell impianto di depurazione San Rocco di Monza, nonché della rete dei

Dettagli

Piano di Zona Allegato 4: Analisi delle unità di offerta sociali

Piano di Zona Allegato 4: Analisi delle unità di offerta sociali Piano di Zona 2015-2017 Allegato 4: Analisi delle unità di offerta sociali a cura di Coordinamento Uffici di Piano Uffici Unici Indice Indice... 2 1. Le Unità d Offerta Sociale - Prima Infanzia... 3 2.

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Il mercato immobiliare di Monza e Brianza

Il mercato immobiliare di Monza e Brianza Il mercato immobiliare di Monza e Brianza Monza Vimercatese Caratese Cesanese Desiano Mauro Danielli Presidente OtiB Membro di Giunta CCIAA Monza Monza, 7 febbraio 2011 NTN residenziali 2004 2006 2007

Dettagli

ENERGIA. newsletter. impianti termici > nuove regole. impianti termici > nuove regole 1 impianti termici > parte la campagna biennale 5

ENERGIA. newsletter. impianti termici > nuove regole. impianti termici > nuove regole 1 impianti termici > parte la campagna biennale 5 risparmio energetico inquinamento luminoso Ottobre 2012 impianti termici > nuove regole 1 impianti termici > parte la campagna biennale 5 risparmio energetico > m illumino di meno 5 rinnovabili > applicazioni

Dettagli

Comune di Villasanta

Comune di Villasanta Comune di Villasanta Provincia di Monza e della Brianza PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DOCUMENTO DI PIANO Indagine statistica Elaborato n. QC 09 01 progettisti arch. Franco Resnati arch. Fabio Massimo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

SITUAZIONE NUOVI INTERVENTI NON COMPRESI NEL PIANO D'AMBITO APPROVATO DALLA CONFERENZA DEI COMUNI DEL 28 Aprile 2014

SITUAZIONE NUOVI INTERVENTI NON COMPRESI NEL PIANO D'AMBITO APPROVATO DALLA CONFERENZA DEI COMUNI DEL 28 Aprile 2014 () IMPORTO ANNUALITA' SITUAZIONE NUOVI INTERVENTI NON COMPRESI NEL PIANO D'AMBITO APPROVATO DALLA CONFERENZA DEI COMUNI DEL 28 Annotazioni annualità GESTORE () IMPORTO ANNUALITA' Annotazioni annualità

Dettagli

Tavola 1 Dettaglio territoriale comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Brianza Quadro di sintesi della domanda abitativa

Tavola 1 Dettaglio territoriale comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Brianza Quadro di sintesi della domanda abitativa La domanda abitativa nei comuni del Tavolo Interistituzionale Nei comuni partecipanti al Tavolo Interistituzionale Brianza gli scenari della domanda abitativa definiscono una stima pari a poco meno di

Dettagli

Monza e Brianza: la nuova provincia lombarda

Monza e Brianza: la nuova provincia lombarda NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 9 maggio 2004 Monza e : la nuova provincia lombarda Collocata all interno del triangolo ideale delineato dai Comuni di Monza, Lecco e Como, la

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13

Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13 Tavolo regionale Consumo di suolo : azioni agende 2011 e 2012/13 PRESENTAZIONE DEL VOLUME: L USO DEL SUOLO IN LOMBARDIA NEGLI ULTIMI 50 ANNI 29 settembre 2011, SALA GABER - Milano Relatore: Stefano Agostoni

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

ID. Denominazione Comune Cap Telefono Email Registro 1 ASSOCIAZIONE AIUTIAMOLI A VIVERE DI LISSONE Lissone 20851 aiutiamoliavivere.lissone@gmail.

ID. Denominazione Comune Cap Telefono Email Registro 1 ASSOCIAZIONE AIUTIAMOLI A VIVERE DI LISSONE Lissone 20851 aiutiamoliavivere.lissone@gmail. ID. Denominazione Comune Cap Telefono Email Registro 1 ASSOCIAZIONE AIUTIAMOLI A VIVERE DI LISSONE Lissone 20851 aiutiamoliavivere.lissone@gmail.com A - Sociale 2 "KARAWAN" ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

P.zza Cambiaghi 9-20052 MONZA http://www.mb.camcom.it

P.zza Cambiaghi 9-20052 MONZA http://www.mb.camcom.it P.zza Cambiaghi 9-20052 MONZA http://www.mb.camcom.it Intervento a sostegno delle PMI della Brianza per programmi di crescita aziendale Iniziativa in conto abbattimento tassi per operazioni di investimento

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

RAEE ANNO 2015 - RAGGRUPPAMENTO R1 ( frigoriferi e condizionatori )

RAEE ANNO 2015 - RAGGRUPPAMENTO R1 ( frigoriferi e condizionatori ) RAEE ANNO 2015 - RAGGRUPPAMENTO R1 ( frigoriferi e condizionatori ) Agrate 200123 - - - - - - - - - - - - - SETRA Aicurzio 200123 - - - - - - - - - - - - - SETRA Arcore 200123 - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

ELABORAZIONE DATI DA QUESTIONARIO DI CUSTOMER

ELABORAZIONE DATI DA QUESTIONARIO DI CUSTOMER Numero di questionari compilati: 331 Sito Visitatori Questionari Percentule Palazzo Trotti 146 35 23,97% Villa Gallarati Scotti 717 98 13,67% Al banchetto degli dei. Gli affreschi viventi di Palazzo Trotti

Dettagli

LEGENDA Caratteristiche

LEGENDA Caratteristiche LISTINO PREZZI MEDI DEGLI IMMOBILI RESIDENZIALI E TERRENI Colonna LEGENDA Caratteristiche Per quanto riguarda i terreni sono riportati due prezzi: sopra (nel riquadro con lo sfondo grigio) è inserito il

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Premesso che. Tutto ciò premesso

Premesso che. Tutto ciò premesso BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA AI SENSI DELL ART.15 DELLA LEGGE 11 AGOSTO 1991, N. 266 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL TESORO 8

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

CLIMA D INGIUSTIZIA Assemblea per approfondire i conflitti ambientali e il cambiamento climatico in vista di COP 21

CLIMA D INGIUSTIZIA Assemblea per approfondire i conflitti ambientali e il cambiamento climatico in vista di COP 21 CLIMA D INGIUSTIZIA Assemblea per approfondire i conflitti ambientali e il cambiamento climatico in vista di COP 21 Neil Citterio Monza, 4 Novembre 2015 STORIA A TAPPE DEL WWF VIMERCATESE 1985 Grazie all

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

P.zza Cambiaghi 9-20052 MONZA http://www.mb.camcom.it

P.zza Cambiaghi 9-20052 MONZA http://www.mb.camcom.it P.zza Cambiaghi 9-20052 MONZA http://www.mb.camcom.it Intervento a sostegno delle PMI della Brianza per programmi di crescita aziendale Iniziativa in conto abbattimento tassi per operazioni di investimento

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Conferenza dei Comuni della Brianza. Parere reso ai sensi dell art.49 L.R. 26/03 e s.m.i. N 2 del

Conferenza dei Comuni della Brianza. Parere reso ai sensi dell art.49 L.R. 26/03 e s.m.i. N 2 del Conferenza dei Comuni della Brianza Parere reso ai sensi dell art.49 L.R. 26/03 e s.m.i N 2 del 19.10.2016 Oggetto: Parere vincolante sulla proposta del Consiglio di Amministrazione in merito alla dichiarazione

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

25 convegno ECOLOGIA e AMBIENTE La valorizzazione dei rifiuti urbani: gli oli vegetali. 25 maggio 2012

25 convegno ECOLOGIA e AMBIENTE La valorizzazione dei rifiuti urbani: gli oli vegetali. 25 maggio 2012 CONSORZIO PROVINCIALE DELLA BRIANZA MILANESE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI 25 convegno ECOLOGIA e AMBIENTE La valorizzazione dei rifiuti urbani: gli oli vegetali 25 maggio 2012 ENTI CONSORZIATI

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NELLE REGIONI ITALIANE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NELLE REGIONI ITALIANE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NELLE REGIONI ITALIANE CONTESTO ISTITUZIONALE OMS, rete delle città sane (carta di Ottawa 1997): gli amministratori delle città hanno il dovere di tutelare la salute dei propri

Dettagli

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori Nota informativa n. 6 del 26 giugno 2015 L innovazione nell economia lecchese: dati e valori A cura dell U.O. Studi, Programmazione, Statistica e Osservatori della Camera di Commercio di Lecco Carlo Guidotti

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

Indirizzi delle filiali della Banca di Credito Cooperativo di CARUGATE. Filiale di: Indirizzo Telefono

Indirizzi delle filiali della Banca di Credito Cooperativo di CARUGATE. Filiale di: Indirizzo Telefono Banca di Credito Cooperativo di CARUGATE Agrate Brianza Via Mazzini, 17 02 6890096 Bellusco Via Garibaldi, 24 039 6883008 Bernareggio Via Libertà, 18 039 6884404 Brugherio c/o Centro Comm. Kennedy 039

Dettagli

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Governance e partecipazione per il bacino del Po Colorno 26 ottobre 2007 I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Mario Clerici Regione Lombardia mario_clerici@regione.lombardia.it PERCHE UN CONTRATTO DI FIUME

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

IMMOBILIARE OSSIDIANA S.r.l

IMMOBILIARE OSSIDIANA S.r.l IMMOBILIARE OSSIDIANA S.r.l VIALE FAMAGOSTA, 75 20142 MILANO COMUNE DI TREVIGLIO (BG) Apertura di media struttura di vendita P.A. ambito 10 Ex Foro Boario (Largo La Marmora Via Pasteur Viale Merisi) RAPPORTO

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

BANDO PER L'ACCESSO A TARIFFE AGEVOLATE A STRUTTURE PER LA PRIMA INFANZIA PRIVATE E ACCREDITATE - ASILI NIDI E MICRONIDI

BANDO PER L'ACCESSO A TARIFFE AGEVOLATE A STRUTTURE PER LA PRIMA INFANZIA PRIVATE E ACCREDITATE - ASILI NIDI E MICRONIDI AZIENDA TERRITORIALE PER I SERVIZI ALLA PERSONA BANDO PER L'ACCESSO A TARIFFE AGEVOLATE A STRUTTURE PER LA PRIMA INFANZIA PRIVATE E ACCREDITATE - ASILI NIDI E MICRONIDI Il sistema convenzionale promosso

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

" # % "&' ( )*++,,, /012-) 3 * $ 5$ % " &' ( # 6$

 # % &' ( )*++,,, /012-) 3 * $ 5$ %  &' ( # 6$ !! " # $ % "&' ( )*++,,,-- --++.. +/012-) 3 * 4 - - $ 5$ % " &' ( # 6$7881 9 - INDICE Il bilancio demografico della Brianza 2008 La Brianza a 55 Comuni La popolazione straniera residente nella Provincia

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Istruzioni per l uso. Legenda. Abbreviazioni Scuola Statale Scuola Paritaria LR Scuola Legalmente Riconosciuta FP Centro di formazione Professionale

Istruzioni per l uso. Legenda. Abbreviazioni Scuola Statale Scuola Paritaria LR Scuola Legalmente Riconosciuta FP Centro di formazione Professionale 1 Istruzioni per l uso Il territorio della provincia di Milano è suddiviso in 11 ambiti funzionali per quanto riguarda gli Istituti secondari superiori e in 13 circoscrizioni per quanto riguarda i Centri

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Contenuti della comunicazione: Il PRUSST della Riviera

Dettagli

La Provincia verso l Expo

La Provincia verso l Expo La Provincia verso l Expo Bergamo, 5 novembre 2012 Expo 2015: Potenzialità del il territorio di Bergamo Patrimonio storico, artistico e culturale Risorse paesistico-ambientali Sistema produttivo locale

Dettagli

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio Roma 20 maggio 2015 ore 10.30 Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio La domanda estera sostiene l economia PIL E COMPONENTI DELLA DOMANDA IN ITALIA Variazioni congiunturali percentuali

Dettagli