Sistemi di misurazione del traffico stradale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di misurazione del traffico stradale"

Transcript

1 Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Istituto federale di metrologia METAS Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Sistemi di misurazione del traffico stradale

2 Impressum Grazie alla sorveglianza locale del traffico stradale in punti nevralgici vengono evitati numerosi incidenti stradali. (Foto: Albert Zimmermann/Schindler) Editore Istituto federale di metrologia METAS Lindenweg Bern-Wabern, Svizzera telefono , Copyright Riproduzione con indicazione delle fonti ammessa, auspicato un esemplare. Lingue L opuscolo è disponibile in lingue italiano, francese, tedesco e inglese. Edizione Gennaio 2013 Nota Il presente opuscolo è stato concepito con la massima cura. Tuttavià, non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori nel contenuto. 2 Sistemi di misurazione del traffico stradale

3 Sommario 2 Prefazioni 4 La tecnologia metrologica al servizio della sicurezza stradale 4 Esigenze relative agli strumenti di misurazione della velocità 5 Sicurezza giuridica 5 Margini di sicurezza 6 Compiti e attività del laboratorio Traffico 6 Impianti di misurazione e metodi di controllo 6 Esami di modello e approvazioni 7 Allineamento a direttive internazionali 7 Verificazioni 7 Altre attività 8 Come viene misurata la velocità dei veicoli? 8 Misurazioni della velocità con sistemi radar Misurazioni stazionarie sorvegliate della velocità con sistemi radar Misurazioni stazionarie della velocità con sistemi radar a funzionamento autonomo Misurazioni della velocità in movimento con sistemi radar 10 Misurazioni della velocità con sistemi laser Misurazioni locali manuali della velocità con sistemi laser Misurazioni continue della velocità con sistemi laser 10 Misurazioni della velocità con sistemi laser scanner Il laser scanner come sistema multifunzionale 11 Misurazioni della velocità su tratti stradali 12 Misurazioni della velocità con barriere fotoelettriche 12 Sorveglianza al semaforo rosso e misurazioni della velocità Sorveglianza al semaforo rosso e misurazioni della velocità con spire induttive Sorveglianza al semaforo rosso e misurazioni della velocità con sistemi laser o radar 13 Misurazioni della velocità con sensori piezo 13 Misurazioni della velocità con tachigrafo da inseguimento Sistemi di misurazione del traffico stradale 1

4 Prefazioni Migliorare sensibilmente la sicurezza sulle strade e, in particolare, ridurre in modo significativo il numero degli incidenti della circolazione all origine di morti e feriti gravi è uno dei compiti precipui dell Ufficio federale delle strade (USTRA). Questo obiettivo può essere raggiunto in diversi modi; uno è costituito dal programma d intervento Via sicura comprendente una sessantina di misure atte a incrementare la sicurezza sulle strade. Alcune di queste misure non ottengono il beneplacito incondizionato degli utenti della strada. Tra queste rientra l intensificazione dei controlli del traffico; tuttavia, benché criticati da più fronti (pubblico, politici), questi interventi sul campo sono molto efficaci e, pertanto, importanti per ridurre il numero degli incidenti. Per essere attendibili, gli strumenti di misurazione impiegati per la rilevazione della velocità, la sorveglianza della circolazione ai semafori o il controllo di altre grandezze fisiche devono essere estremamente precisi e affidabili. Se così non fosse, sarebbero a loro volta oggetto di critiche e i controlli perderebbero il loro effetto preventivo. La polizia, i tribunali e naturalmente anche gli utenti della strada, devono poter fare completo affidamento sui risultati delle misurazioni. L Istituto federale di metrologia (METAS) è incaricato di garantire questa precisione. In un ambito in costante evoluzione, questo compito del METAS acquisisce sempre maggiore importanza. I progressi in campo tecnologico richiedono adeguamenti costanti, sia sul piano delle verifiche, delle omologazioni e delle tarature periodiche che a livello giuridico-legale. Prima di introdurre una nuova tecnica, un nuovo strumento o un nuovo metodo di misurazione è necessario l intervento del METAS. Essere costantemente al passo con l evoluzione tecnologica, per soddisfare le sempre nuove esigenze della polizia, delle autorità istruttorie e, non da ultimo, dei fabbricanti è un compito impegnativo. Il METAS mantiene una visione d insieme, garantendo costantemente misure stabili e il più possibile affidabili. Nel perseguire l obiettivo volto a migliorare la sicurezza sulle strade, il partenariato tra USTRA e METAS riveste pertanto grande importanza. L elevato grado di affidabilità degli strumenti di misurazione omologati e la competenza incontestata del METAS nel campo della valutazione di queste apparecchiature e dei relativi risultati contribuiscono a fare dei controlli del traffico un mezzo efficace nella lotta contro gli incidenti stradali. Dr. Rudolf Dieterle Direttore dell USTRA 2 Sistemi di misurazione del traffico stradale

5 La nostra società dipende da strumenti di misurazione e risultati di misura affidabili. Questi strumenti e risultati sono il presupposto per lo sviluppo del sistema giuridico, economico e sociale. Da consumatore non posso immaginare che le bilance dei negozi alimentari o l indicazione di quantità apposta sull imballaggio preconfezionato non siano affidabili. Da automobilista non posso neanche immaginare che il tachimetro (contachilometri) del mio veicolo non sia affidabile o che la misurazione del «flash» attribuita al mio veicolo non sia esatta. Una tale situazione è inconcepibile. Essa potrebbe perturbare, addirittura far vacillare il nostro sistema giuridico ed economico; alla fine, potrebbe veramente minare la coabitazione degli individui. L Istituto federale di metrologia (METAS) è l autorità della Confederazione competente per tutte le domande afferenti ai misuratori e metodi di misura. Con le sue attività e le sue prestazioni, METAS assicura che gli strumenti utilizzati dalla ricerca, dall economia e dalla società svizzere siano veri - ficati e misurino in modo esatto ed affidabile. METAS mette a disposizione dell economia e della società un infrastruttura metrologica completa di alta rilevanza, in tutti gli ambiti che richiedono misure esatte e precise. Ciò garantisce una corretta immissione sul mercato degli strumenti di misurazione la cui stabilità é garantita durante tutta la loro vita. Il METAS fissa quindi le esigenze specifiche relative agli strumenti di misurazione impiegati nell ambito della sicurezza pubblica. Un errore nella misurazione della velocità potrebbe infatti significare la condanna ingiustificata al pagamento di una multa o addirittura al ritiro della patente di guida. Le esigenze summenzionate valgono anche per i rilevatori di velocità. La regolamentazione dei campi fuori della metrologia rientra nella competenza delle autorità specializzate. Il METAS mette a loro disposizione le sue competenze tecniche per un eventuale sostegno metrologico. Per questo scopo l Ufficio coopera attivamente con diverse autorità specializzate. Da lungo tempo esiste una collaborazione stretta fra il METAS e l Ufficio federale delle strade (USTRA). Le competenze in materia di rilevatori per il traffico stradale sono definite in modo chiaro: in quanto centro di competenza della Confederazione in materia di infrastruttura stradale e traffico stradale privato, l USTRA disciplina l utilizzo degli strumenti di misurazione con la necessaria accuratezza, sulla base di condizioni generali tecniche, pratiche e giuridiche. In quanto autorità della Confederazione competente in materia di strumenti di misurazione e metodi di misura, METAS verifica i rilevatori e fissa le esigenze tecniche relative agli strumenti e ai metodi di misura. La sorveglianza e il controllo degli strumenti di misurazione utilizzati per il traffico stradale non sono le uniche due attività del METAS: il nostro laboratorio Traffico esegue anche verificazioni degli strumenti di misurazione quali i pesi a ponte, gli impianti di misurazione della sagoma, gli strumenti di misurazione dei gas di scarico, i sonometri, gli etilometri. Inoltre fissiamo le esigenze relativi a tali misuratori e ai sistemi di illuminazione nelle gallerie. Dr. Christian Bock Direttore del METAS Sistemi di misurazione del traffico stradale 3

6 La tecnologia metrologica al servizio della sicurezza stradale Ogni anno, si registrano sulle strade svizzere circa vittime della strada: 360 perdono la vita (2007: 384; 2008: 357). I più vulnerabili tra loro sono i pedoni, soprattutto i bambini, gli andicappati e i ciclisti. Le principali cause degli incidenti mortali sono la guida in stato d ebbrezza e l eccesso di velocità. Per questa ragione, gli interventi intrapresi si basano sulla sinergia di misure che possono portare ad una maggiore sicurezza stradale, misure di potenziamento dei controlli e campagne preventive con l ausilio di strumenti di misurazione visibili agli automobilisti. Questi provvedimenti mirano a migliorare la fluidità e la regolarità del traffico, a ridurre il numero di situazioni pericolose e il numero degli incidenti stradali. Esigenze relative agli strumenti di misurazione della velocità Per la sorveglianza della velocità da parte della polizia stradale, la densità del traffico stradale rappresenta una grande sfida. Le misurazioni effettuate all occasione dei controlli ufficiali devono essere sempre affidabili e esatte. Per l automobilista, un errore nella misurazione della velocità potrebbe infatti significare la condanna ingiustificata al pagamento di una multa o addirittura alla sospensione o al ritiro della patente di guida. I sistemi di misurazione devono quindi funzionare perfettamente tutto il tempo e essere impiegati correttamente dai corpi di polizia. Questo buon funzionamento e questo impiego corretto costituiscono presupposti fondamentali di misure affidabili e accettate dalla popolazione. Di conseguenza i rilevatori di velocità utilizzati per la sorveglianza del traffico devono soddisfare i seguenti requisiti essenziali: Esattezza di misurazione: una misurazione nel traffico reale non è ripetibile. Di conseguenza, essa deve essere subito esatta ed affidabile. Il funzionamento degli strumenti di misurazione non deve essere perturbato da influenze esterne, come la temperatura o l umidità, le onde elettromagnetiche degli apparecchi radio, delle linee ad alta tensione oppure degli impianti Radio TV. Sicurezza di misurazione, attribuzione del risultato di misura: ogni infrazione constatata mediante un sistema di misurazione deve essere rilevata in modo tale che i valori misurati possano essere attribuiti inequivocabilmente al veicolo o conducente controllato, anche in situazioni complesse o nel traffico denso. Stabilità di misurazione: il funzionamento perfetto degli strumenti di misurazione deve essere garantito durante tutta la loro vita. METAS disciplina le esigenze metrologiche rilevate ai singoli strumenti di misurazione affinché le condizioni sopramenzionati siano riempite. Tali esigenze si rivolgono principalmente ai fabbricanti dei rilevatori nonché ai laboratori di verificazione. 4 Sistemi di misurazione del traffico stradale

7 Sicurezza giuridica In alcuni stati va applicata la cosiddetta denuncia del detentore. Ciò significa che basta registrare soltanto il numero della targa di immatricolazione del veicolo controllato per perseguire penalmente un conducente. Però, secondo le leggi svizzere, ciò non basta: il conducente del veicolo deve essere denunciato. In Svizzera, ogni superamento della velocità massima autorizzata deve essere registrato in modo tale che i valori misurati possano essere attribuiti inequivocabilmente al conducente contravventore. Inoltre, deve essere possibile ricostruire i fatti a posteriori. Perciò si applica almeno una delle due procedure di misurazione indipendenti l una dall altra oppure un sistema di misurazione multiplo, nel quale i valori di misurazione possono essere ricostituiti a posteriori sulla base di una serie di immagini definite nel tempo o di una ripresa a distanza fissa oppure ancora di una sequenza video. Margini di sicurezza Ogni misurazione è gravata da una certa imprecisione. Per applicare una sanzione si deve quindi tener conto del margine di sicurezza; è necessario detrarre della velocità una tolleranza detta anche margine di tolleranza. Il valore rilevato è sempre più basso della velocità effettiva. Le esigenze relative agli strumenti di misurazione vanno fissate dal METAS. L Ufficio federale delle strade (USTRA) regola l utilizzo dei rilevatori dalla polizia nonché l applicazione corretta dei margini di sicurezza. Sistemi di misurazione del traffico stradale 5

8 Compiti e attività del laboratorio Traffico É compito del laboratorio Traffico del METAS garantire che gli strumenti di misurazione utilizzati per i controlli stradali ufficiali misurino in modo corretto e affidabile. Esegue inoltre le verificazioni dei nuovi apparecchi e metodi di misurazione. Per questo scopo il laboratorio dispone di un infrastruttura tecnologica specializzata di alto livello. Impianti di misurazione e metodi di controllo Per adempiere al suo mandato, il laboratorio Traffico deve spesso eseguire studi fondamentali e sviluppare metodi di misurazione adatti alle nuove tecnologie di misurazione. Però, non è possibile effettuare simultaneamente più rilevamenti del traffico sulla strada: Il traffico non è stabile, il flusso di veicoli e la loro velocità variano secondo la direzione e l ora. Per controllare gli apparecchi di misurazione in laboratorio in condizioni realistiche, i collaboratori del laboratorio Traffico hanno sviluppato metodi di simulazione che consentono di misurare il traffico anche in situazioni complesse, in situazioni di velocità eccessiva o di forti accelerazioni o decelerazioni. Queste situazioni limite si verificano solo molto raramente nelle condizioni stradali reali, da cui l interesse di simularle. Tramite queste simulazioni vengono evitate misurazioni complesse e costose nel traffico stradale. Inoltre, i singoli apparecchi e prototipi possono essere controllati in condizioni identiche e ripetibili, ciò che sarebbe impossibile nel traffico reale. Il laboratorio Traffico dispone di propri sistemi di misura unici al mondo che non esistono nel commercio. Il laboratorio dispone anche di una stazione di misura sull autostrada, dove vanno controllati gli apparecchi di misurazione in condizioni reali. I veicoli in marcia vengono registrati nello stesso tempo dal campione e da cellule fotoelettriche laser. Il paragone diretto delle due misurazioni permette di valutare la qualità dell apparecchio con la necessaria accuratezza. Esami del modello e approvazioni É compito del laboratorio Traffico eseguire esami del modello. I nuovi strumenti di misurazione sono sottoposti ad una veri ficazione severa prima di essere immessi sul mercato e utilizzati per misurazioni ufficiali. Questa verifica assicura che i detti strumenti soddisfino alle esigenze legali svizzere e siano appropriati per l impiego previsto. 6 Sistemi di misurazione del traffico stradale

9 Le prove di misura dinamiche costituiscono il fulcro dell esame del modello. Attualmente, per assicurare il corretto funzionamento degli strumenti di mi-- sura, i campioni vengono controllati in ogni situazione stradale critica e i risultati ottenuti vengono attribuiti al veicolo giusto. Devono inoltre funzionare perfettamente anche nel campo di influenza degli impianti di trasmissione oppure delle reti elettriche ferroviarie, anche in condizioni di alta o bassa temperatura e umidità. Nessun errore di misurazione al di fuori delle tolleranze è ammesso. Se lo strumento di misurazione soddisfa tutti i criteri di controllo, METAS rilascia un certificato d ammissione. Detto certificato indica che il campione soddisfa tutte le esigenze legali e può essere impiegato per misure ufficiali. Adeguamento a direttive internazionali METAS esegue controlli secondo le racco mandazioni dell Organizzazione internazionale di metrologia legale (OIML), laddove esse sono applicabili. I risultati ottenuti da servizi stranieri riconosciuti, che lavorano secondo le stesse direttive, possono essere ripresi, e doppi controlli inutili vengono evitati. Riguardo agli strumenti di misurazione più avanzati, dell ultima generazione, mancano spesso direttive internazionali. In questi casi, METAS deve prima fissare le esigenze e sviluppare i metodi di controllo, ciò che necessita eventualmente un notevole lavoro di sviluppo. Verificazioni Prima della sua ammissione come strumento adeguato per la sorveglianza del traffico, lo strumento è sottoposto alla verificazione iniziale. Questa verifica assicura che i singoli strumenti misurino subito in modo corretto. Affinché la stabilità di misurazione dello strumento sia garantita durante tutta la sua vita, METAS e i laboratori di verificazione autorizzati effettuano verificazioni periodiche. Tramite la procedura di simulazione sopra citata, l apparecchio viene controllato in condizioni d impiego il più reali possibile. METAS tiene un registro su tutti gli apparecchi di misurazione della velocità utilizzati. Garantisce quindi che solo strumenti verificati siano utilizzati per misurazioni legalmente vincolanti. Gli apparecchi di misurazione della velocità sono verificati dal laboratorio Traffico e da laboratori di verificazione specializzati. Di conseguenza, tutte le necessarie verificazioni possono essere eseguite per tempo. I laboratori di verificazione sono abilitati e sorvegliati dal METAS. Essi verificano gli strumenti di misurazione secondo le istruzioni sulla verificazione stabilite dal METAS in occasione dell esame di modello. Altre attività Il laboratorio Traffico, insieme ad altri laboratori di verificazione, assicura che gli apparecchi di rilevazione TTPCP (tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni) sono installati in modo corretto. Inoltre il laboratorio effettua tarature di tachimetri di ogni tipo per l industria. Esso controlla e verifica anche strumenti di controllo tecnici per gli uffici della circolazione stradale quali banchi di prova a rulli, indicatori di velocità con strumentazione GPS e tachimetri. Il laboratorio Traffico esegue controlli speciali per i fabbricanti di strumenti di rilevatori di velocità della nuova generazione. Tramite simulazioni in laboratorio, può per esempio controllare metodi di misura con strumentazione GPS. Tali controlli sarebbero molto più complessi e costosi in condizioni di traffico reale. Le autorità giudiziarie richiedono spesso perizie sugli eccessi di velocità o sul mancato rispetto del semaforo rosso. In tali casi, il laboratorio Traffico si sforza di ricostituire le circostanze mediante un sistema di documentazione fotografica e con video. Nella maggior parte dei casi, il valore rilevato e attribuito al veicolo giusto va verificato a posteriori tramite questo metodo. Il laboratorio Traffico fa parte di gruppi di lavoro interdipartimentali, che sono incaricati di elaborare le basi giuridiche e di sostenere le autorità competenti in merito alle questioni tecniche. Esso contribuisce quindi all adeguamento periodico della normativa svizzera allo sviluppo della tecnologica. Per la polizia e altri utenti degli strumenti di misurazione, il laboratorio organizza sedute speciali dove vengono trattati problemi pratici e dove sono fornite indicazioni sul corretto impiego di tali strumenti. Sistemi di misurazione del traffico stradale 7

10 Come viene misurata la velocità dei veicoli? Misurazioni della velocità con sistemi radar Gli apparecchi radar sfruttano l effetto Doppler (si veda finestra). Il velocimetro radar effettua la misura zione della velocità valutando l eco di un segnale radar emesso su determinate frequenze. Quando un veicolo in transito passa nel campo visivo dell antenna, una parte del fascio viene emesso ed un sensore ottico rileva il segnale di ritorno generato dalla riflessione sull antenna. La frequenza delle onde è modificata in funzione della velocità del veicolo puntato. A partire dalla differenza tra la radiazione emessa e quella riflessa si può determinare la velocità del veicolo. Un sistema di documentazione fotografica, associato eventualmente con una video camera registrano dati della misurazione, la data, l ora e la situazione del traffico. Gli apparecchi radar dell ultima generazione sono in grado stato di misurare la velocità nonché la distanza e l angolo tra l asse dell antenna e il movimento del veicolo. Tali radar possono sorvegliare più veicoli simultaneamente. Effetto Doppler Ciascuno ha già osservato questo fenomeno: il suono emesso dalla sirena dell ambulanza è più alto mentre si av vicina all osservatore, e più basso mentre si allontana. Questo fenomeno si spiega così: mentre l ambulanza si avvicina, le onde arrivano verso l osservatore ad intervalli più brevi che mentre l ambulanza si allontana. Questo cambiamento della frequenza delle onde di ogni tipo è il cosiddetto effetto Doppler. 8 Sistemi di misurazione del traffico stradale

11 Stationäre Geschwindigkeitsmessung mit Radar Misurazioni della velocità in movimento con sistemi radar (3) Gli apparecchi radar possono anche essere adoperati in un veicolo in marcia (Moving radar): il controllo viene effettuato da un veicolo della polizia equipaggiato con un tachigrafo (veicolo inseguitore). I radar determinano la velocità del veicolo inseguito tramite un raffronto della velocità dei due veicoli. Questo tipo di misura viene applicato in genere su autostrade. POLICE Misurazioni stazionarie della velocità con sistemi radar a funzionamento autonomo (2) Un altro sistema di misurazione della velocità spesso adoperato è il sistema radar a funzionamento autonomo per un lungo periodo. L apparecchio radar può essere installato su un punto fisso oppure integrato in una cabina su paletto trasportabile. Esso funziona autonomamente senza sorveglianza. Le violazioni rilevate sono documentate con foto digitali, che sono acquisite localmente o trasferite tramite connessione fisica o wireless ad una centrale di valutazione. 1 Autonome Geschwindigkeitsmessung mit Radar POLICE Misurazioni stazionarie sorvegliate della velocità con sistemi radar (1) La forma classica di sorveglianza della velocità dalla polizia è la misurazione stazionaria tramite un apparecchio radar. La misura viene effettuata da treppiede oppure mediante un dispositivo integrato nel veicolo fermo, sotto la sorveglianza di personale addetto. La durata, la frequenza e il luogo d impiego dipendono della frequenza degli incidenti e della valutazione del rischio dalla polizia. Un posto di rilevamento della trasgressione può essere combinato con la misurazione: ciò permette di fermare il veicolo e procedere alla contestazione immediata dell infrazione. Metas METAS: Illustration A1 2 Geschwindigkeitsmessung mit Radar während der Fahrt (Moving-Radar) METAS: Illustration A3 Met METAS: Illustration A2 Metas 3 Sistemi di misurazione del traffico stradale 9

12 Come viene misurata la velocità dei veicoli? Misurazioni della velocità con sistemi laser I sistemi di misurazione laser determinano la velocità sulla base del tempo di percorrenza di una serie de impulsi di raggi infrarossi; dall emettitore al veicolo e dal veicolo all emettitore. A partire del tempo di percorrenza viene calcolata la distanza tra l apparecchio laser e il veicolo. La velocità del veicolo rilevato viene calcolata dividendo il tratto determinato tra due raggi infrarossi per l intervallo di tempo. Kleine illustration ist 53.4% verkleinert si potrebbe eseguire così una misura Punktuelle manuelle Teoricamente Geschwindigkeitsmessung mit Laser di velocità con due impulsi laser infrarossi. Pratica m mente, però, potrebbero risultare errori per esempio quando l obiettivo fissato si sposta. Per evitare errori di misura, una cospicua serie di misurazioni del tempo di percorrenza deve essere acquisita e registrata. Mediante un metodo matematico si calcola la velocità del veicolo a partire di risultati della misura. La data, l ora e la situazione del traffico al momento della misura vanno registrate tramite un sistema digitale di documentazione fotografica o altro sistema equivalente m 135 km/h Kontinuierliche Geschwindigkeitsmessung mit Laser 4 METAS: Illustration B1 45 m 135 km/h 5 45 m 135 km/h 10 Sistemi di misurazione del traffico stradale Misurazioni locali manuali della velocità con sistemi laser (4) Il personale addetto operando con misuratori di velocità laser esegue i rilevamenti a mano libera o da un treppiede. La durata, la frequenza e il luogo di tali controlli dipendono della frequenza degli incidenti e della valutazione del rischio dalla polizia. Questo metodo di misurazione viene anzitutto adottato per i motociclisti, così come per altri veicoli su distanze più lunghe. Dato che la misura avviene in poche frazioni di secondo, l eventuale avvisatore del veicolo non può avvertire l utente in tempo. La misurazione può essere combinata con un posto di blocco, per rendere subito attento il conducente inseguito al suo comportamento scorretto. Misurazioni continue della velocità con sistemi laser (5) Questo tipo di misurazione corrisponde alla misura di velocità stazionaria e sorvegliata con radar. Il principio della misura pero è basato su impulsi infrarossi laser. La lunghezza del tratto di misurazione varia tra 30 e 50 m. La misura va applicata in genere in prossimità dei centri urbani o su autostrade (cantieri di costruzione). Misurazioni della velocità con sistemi laser scanner Da lungo tempo vengono utilizzati laser scanner per sorvegliare per esempio musei o zone indus triali. Rivelano e registrano qualsiasi evento e fanno scattare l allarme quando necessario. Con l ausilio di un software di valutazione, i laser scanner possono misurare la velocità dei veicoli. Tali apparecchi possono sorvegliare un tronco stradale più grande. Essi possono essere stazionari, sorvegliati, installati stabilmente o funzionare autono mamente, oppure essere utilizzati solo per qualche giorno. I misuratori laser scanner possono essere combinati con un dispositivo di sorveglianza del semaforo Metas_Verkehr_Illu_B1.ai / rosso. Scattano inoltre fotografie frontali e da dietro del veicolo controllato, da una cabina su paletto. Il laser scanner come sistema multifunzionale (6) La tecnologia del laser scanner è basata sul principio della misurazione degli impulsi laser. Un raggio di luce viene emesso dallo scanner e quando colpisce un oggetto viene riflesso e registrato dallo scanner stesso. Il tempo tra l emissione e la ricezione del raggio è direttamente proporzionale alla distanza tra lo scanner e l oggetto. Uno specchio a bilico consente di deviare il raggio laser e coprire a ventaglio tutta l area monitorata, attraverso la serie di dati raccolti, calcolare il contorno, la direzione e la velocità degli oggetti rilevati.

13 Rotlichtüberwachung und Geschwindigkeitsmessung Con la combinazione della nuova generazione di misuratori laser e di un software in tempo reale, l area monitorata è coperta in un raggio di circa 40 m. I dati raccolti sono registrati e disponibili per la valutazione. Il laser scanner fornisce per tutti gli oggetti rilevati informazioni esatte e affidabile. Esso rileva le interazioni tra gli utenti della strada, come il comportamento del conducente con i pedoni che hanno il diritto alla precedenza sulle strisce, la priorità della destra o il cambio di corsia proibito. Finché si trovano nel campo visivo del sistema laser, gli oggetti vengono seguiti e registrati dallo scanner, in modo speculativo se sono invisibili per un breve intervallo di tempo. Dato che i dati che sono naturalmente criptati e la loro analisi sono trasferiti in tempo reale (via cavo, internet o radio), le informazioni raccolte divengono utilizzabili per scopi diversi: il controllo del flusso del traffico, la sorveglianza del traffico con foto grafie digitali delle infrazioni o per scopi statistici. Contrariamente agli strumenti di misurazione tradizionali, che sono sistemi monofunzionali, il laser scanner è un sistema multifunzionale. 6 Misurazioni della velocità su tratti stradali (7) I controlli di velocità puntuali sono gradualmente sostituiti da controlli della velocità media su tratti più lungi. Questo sistema di controllo della velocità su tratti stradali (CVT), cosiddetto Section control calcola la velocità media dei veicoli che transitano tra due stazioni di rilevazione poste ad una determinata METAS: E2 Il tempo medio di percorrenza del distanza Illustration l una dall altra. tratto viene indicato al portale di uscita. Se il conducente ha commesso un infrazione, se la sua velocità supera quella massima consentita, i dati del veicolo sono registrati e trasmessi al posto di polizia competente. In caso contrario, i suoi dati personali sono cancellati immediatamente. Abschnittsweise Geschwindigkeitskontrolle (Section Control) 135 km/h BE BE BE IN 7 BE km 135 km/h BE BE OUT 85 km/h Sistemi di misurazione del traffico stradale 11

14 Come viene misurata la velocità dei veicoli? Misurazioni della velocità con barriere fotoelettriche Le barriere fotoelettriche rappresentano un altra tecnica di misurazione della velocità. Finora solo le barriere fotoelettriche laser erano ammesse in Svizzera. Almeno due raggi luminosi paralleli, invisibili, sono installati nella carreggiata, il cui raggio viene interrotto dai veicoli in transito, permettendo così il calcolo della velocità tramite misura del tempo di percorrenza della distanza fra i due laser stessi. Il sistema può essere equipaggiato con una camera o una video camera: il passaggio di un veicolo attraverso il fascio della prima cellula, interrompendolo, dà inizio al rilevamento facendo partire lo scatto della fotografia quando il conducente supera la velocità massima consentita. Grazie a un software di valutazione complesso, si evitano errori di misura per campionamento in configurazioni critiche del traffico. Sorveglianza al semaforo rosso e misurazioni della velocità Quando un conducente non rispetta il diritto di precedenza al semaforo, il rischio potenziale dipende principalmente dalla sua velocità. Per questa ragione, gli impianti di sorveglianza della fase rossa dei semafori sono spesso combinati con misuratori della velocità. Sorveglianza al semaforo rosso e misurazioni della velocità con spire induttive (8, 9) Fino a qualche anno fa, erano utilizzati esclusivamente spire induttive per misurare la velocità sugli impianti di sorveglianza della fase rossa dei semafori. Tali spire sono immerse nell asfalto e ad una distanza determinata l una dall altra. I rivelatori registrano il tempo di transito del veicolo tra le due spire. A partire da questo tempo e dalla distanza fra i sensori viene calcolata la velocità del veicolo controllato. Il transito dei veicoli viene determinato tramite la variazione di frequenza di oscillazione di un circuito RLC elettrico. Tramite questi sensori viene accertato il mancato rispetto del semaforo rosso e la velocità viene misurata. Affinché i valori misurati possano essere attribuiti inequivocabilmente a un solo veicolo o conducente, due fotografie sono scattate: il veicolo in transito nel tratto controllato viene inizialmente fotografato: ciò dimostra che il conducente ha superato la linea stop. All altezza del punto di controllo, il veicolo viene nuovamente fotografato con data e ora; ciò indica se il conducente ha messo in pericolo l incolumità degli utenti della strada, non rispettando il loro diritto di precedenza. 8 Sorveglianza al semaforo rosso e misurazioni della velocità con sistemi laser o radar I sensori a spire induttive sono inseriti nel manto stradale che è già rovinato dalle variazioni di velocità dei veicoli. Di conseguenza, i misuratori laser o radar sono spesso combinati con un sistema di sorveglianza della fase rossa dei semafori. Da un lato vengono impiegati laser scanner, dall altro i sensori radar di ultima generazione, con modulazione di frequenza che possono essere utilizzati in modo speculativo. Il primo sistema consente registrare simultaneamente due corsie parallele, grazie all antenna della cabina su paletto. Ciò non è possibile con i laser scanner situati ai bordi della carreggiata: se un veicolo si trova in fase di sorpasso, e quindi dinanzi all apparecchio transitano più veicoli nello stesso momento, potrebbe non esser agevole indicare con chiarezza quale di essi sta superando il limite. Rotlichtüberwachung und Geschwindigkeitsmessung mit Induktionsschleifen 9 12 Sistemi di misurazione del traffico stradale METAS: Illustration E1 Metas_Verkehr_Illu_E1.ai /

15 Misurazioni della velocità con sensori piezo (10, 11) I sistemi di misurazione che operano con sensori piezo vengono impiegati esclusivamente su autostrada. Sono spesso combinati con pannelli segnaletici a messaggio variabile. Tali sistemi sono adottati su tratti stradali dove sono applicati diversi limiti di velocità. gkeitsmessung mit Drucksensoren (Piezo) 10 Misurazioni della velocità con tachigrafo da inseguimento (12) Tachigrafi da inseguimento sono installati nel veicolo della polizia. Un tachigrafo è composto di un impulsatore, di un tachigrafo digitale e di un registratore di dati, eventualmente combinato con un dispositivo di registrazione delle immagini della situazione del traffico. I tachigrafi per inseguimento vengono impiegati in genere su autostrade. Tali apparecchi consentono al personale addetto di allontanare i «pirati della strada» dal traffico. Tali misuratori non sono paragonabili con i tradizionali tachimetri dei veicoli privati oppure con quelli dei camion. Sono molto più precisi e vanno quindi impiegati in diversi ambiti della sorveglianza stradale. Contrariamente ad altri rivelatori di velocità, i tachigrafi per inseguimento non determinano direttamente la velocità del veicolo sorvegliato. Indicano piuttosto la velocità del veicolo della polizia (veicolo inseguitore). All uscita del tratto stradale sorvegliato, la velocità media può essere attribuita al conducente contravventore in modo inequivocabile. Inoltre, i tachigrafi dell ultima generazione con strumentazione GPS sorvegliano la velocità del veicolo della polizia (veicolo inseguitore) e le immagini della situazione del traffico vengono direttamente registrate su un disco duro (harddisk). Dato che una sequenza di un minuto al massimo viene sempre registrata in una memoria ciclica, le immagini della situazione del traffico prima dell infrazione alle norme della circolazione sono anche disponibili. Il personale addetto dei sistemi video tradizionali inizia la registrazione solo dopo aver constatato un comportamento scorretto da parte del conducente. 11 Geschwindigkeitsmessung mit Nachfahrtachografe tion C1 Metas_Verkehr_Illu_C1.ai / km/h km/h

16 Laboratorio Traffico del METAS Istituto federale di metrologia METAS Lindenweg 50, CH-3003 Bern-Wabern, telefono ,

Istruzioni concernenti i controlli di polizia della velocità e la sorveglianza della fase rossa dei semafori nella circolazione stradale

Istruzioni concernenti i controlli di polizia della velocità e la sorveglianza della fase rossa dei semafori nella circolazione stradale Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Berna, 22 maggio 2008 Istruzioni concernenti i controlli di polizia della

Dettagli

ITS Intelligent Transport Systems

ITS Intelligent Transport Systems corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2013-2014 ITS Intelligent Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS (sistemi di accertamento automatico delle infrazioni)

Dettagli

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote (in virtù dell art. 9 cpv. 2 e 3 OCCS 1, d intesa con l Ufficio federale

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

(Direttive sugli strumenti di misurazione della velocità)

(Direttive sugli strumenti di misurazione della velocità) Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di metrologia METS Direttive concernenti l ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione per i controlli della velocità e la sorveglianza

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW 1 novembre 2012 Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW Dal 1 novembre 2012, saranno introdotti alcuni cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW. Molti di questi cambiamenti sono semplicemente un

Dettagli

Via sicura Scheda informativa

Via sicura Scheda informativa Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Via sicura Scheda informativa 1. Misure da portare avanti 1.1 Modifica di legge necessaria Requisiti concernenti

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

crisalli@ing.uniroma2.it

crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2012-2013 ITS Intelligent t Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS ( il TUTOR ) Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA Testo approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 08/02/2010 Regolamento di Videosorveglianza Capo Primo Principi Generali art. 1 finalità e definizioni

Dettagli

Più sicuri con seconda canna

Più sicuri con seconda canna Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Informazione e comunicazione Galleria autostradale del San Gottardo: sicurezza

Dettagli

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam)

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Rapporto esplicativo 28 marzo 2013 Indice 1 Situazione iniziale... 3 2 Obiettivo ed elementi

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche 941.251 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti

Dettagli

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Ing. Andrea Manfron AISCAT AISCAT e la rete L AISCAT è l Associazione

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità La Centrale della Mobilità Sistemi Tecnologici La Centrale della Mobilità - evoluzione Centrale del Traffico Centrale della Mobilità 2000 STA spa mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO Piazza IV Novembre, 4 08030 Meana Sardo - tel. 0784/64362 - fax 0784/64203 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera

Dettagli

Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni

Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (Legge sul traffico pesante, LTTP) 641.81 del 19 dicembre 1997 (Stato 1 aprile 2008) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

RIVELATORE DI RADAR MOBILI E FISSI KAZA CDP DT 400 MODELLO EUROPEO Impostazioni di fabbrica

RIVELATORE DI RADAR MOBILI E FISSI KAZA CDP DT 400 MODELLO EUROPEO Impostazioni di fabbrica RIVELATORE DI RADAR MOBILI E FISSI KAZA CDP DT 400 MODELLO EUROPEO Impostazioni di fabbrica 1. Introduzione Grazie per aver acquistato il Rivelatore di Radar Mobili e Fissi KAZA CDP DT 400. Il Rivelatore

Dettagli

IL TACHIGRAFO DIGITALE

IL TACHIGRAFO DIGITALE IL TACHIGRAFO DIGITALE Treviso 13 aprile 2006 Normativa Regolamento (CEE) 3821/85 Regolamento (CE) 2135/98 Regolamento (CE) 1360/2002 Regolamento (CE) n.../2006 di modifica dei regolamenti 3821/85 e 2135/98

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI Colle di Tenda Valutazione complessiva: Insoddisfacente Posizione: Confine Italia Francia, nei pressi di Limone Piemonte SS 20 Cuneo/ Italia Francia

Dettagli

La sicurezza nel trasporto delle persone

La sicurezza nel trasporto delle persone TRASPORTO SANITARIO Obiettivi definire i principi della sicurezza della circolazione stradale; fornire cenni di segnaletica stradale; definire la velocità pericolosa e le regole di utilizzo dei sistemi

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento della sicurezza stradale in particolare nelle gallerie nella regione alpina (30 novembre 2001)

Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento della sicurezza stradale in particolare nelle gallerie nella regione alpina (30 novembre 2001) Pagina 1 Ministri dei trasporti Repubblica federale di Germania Repubblica d Austria Repubblica francese Repubblica italiana Confederazione svizzera Dichiarazione congiunta concernente il miglioramento

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CHN - Sicurezza stradale - Nazionale

QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CHN - Sicurezza stradale - Nazionale QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CHN - Sicurezza stradale - Nazionale CHN001 È consentito parcheggiare sul lato sinistro A sulle strade a due corsie F B sulle strade a senso unico

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA)

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) Principali Norme di riferimento CEI EN 50132 Impianti di allarme - Impianti di sorveglianza CCTV da utilizzare nelle applicazioni

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Settore Polizia Municipale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 30/07/2007 Modificato

Dettagli

Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE. Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema

Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE. Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema 1 Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema SafetyTutor Idea di base Il sistema nasce in stretta collaborazione con la Polizia Stradale

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

941.214 Ordinanza del DFGP sugli strumenti per pesare a funzionamento automatico

941.214 Ordinanza del DFGP sugli strumenti per pesare a funzionamento automatico 941.214 Ordinanza del DFGP sugli strumenti per pesare a funzionamento automatico del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

INFO DI GUIDA FRANCIA

INFO DI GUIDA FRANCIA INFO DI GUIDA FRANCIA - Triangolo: obbligatorio, - Estintore: obbligatorio - Valigetta pronto soccorso: obbligatoria - Lampadine di ricambio: obbligatorie Cinture di sicurezza: è obbligatorio indossarle

Dettagli

COMUNE D I CALASCIBETTA

COMUNE D I CALASCIBETTA COMUNE D I CALASCIBETTA PROVINCIA DI ENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 29/07/2013 INDICE CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

I primi passi nella circolazione stradale

I primi passi nella circolazione stradale I primi passi nella circolazione stradale Sulla strada verso l indipendenza upi Ufficio prevenzione infortuni L esercizio è un buon maestro I bambini sono curiosi e vogliono scoprire il loro mondo, estendendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.2008) CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia HelpedGal Classi: IV B Mattei e IV C Fermi 1. DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE I pedoni sono tutti coloro che interagiscono con la circolazione, scegliendo di muoversi

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche (OSMisE) del 26 agosto 2015 Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

8.3. Sistemi di comunicazione e allerta

8.3. Sistemi di comunicazione e allerta 8.3. Sistemi di comunicazione e allerta È importante che l operatore sia in grado di comunicare con l utente e che tale comunicazione possa avere luogo in entrambe le direzioni: dall operatore verso l

Dettagli

success Sistemi diagnostici di manutenzione Handling a complex world. Handling a complex world.

success Sistemi diagnostici di manutenzione Handling a complex world. Handling a complex world. Handling a complex world. Handling a complex world. VDO Dayton e VDO sono marchi di proprietà di Siemens VDO Automotive AG. Per maggiori informazioni su tachigrafi e accessori VDO vi invitiamo a consultare

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

Istruzioni. sull equipaggiamento dei veicoli con luci blu e avvisatori a due suoni alternati (con un promemoria sul loro uso)

Istruzioni. sull equipaggiamento dei veicoli con luci blu e avvisatori a due suoni alternati (con un promemoria sul loro uso) Eidgenössisches Departement für Umwelt, Verkehr, Energie und Kommunikation Département fédéral de l Environnement, des Transports, de l Energie et de la Communication Dipartimento federale dell Ambiente,

Dettagli

Garantire la fluidità del traffico sulle strade nazionali

Garantire la fluidità del traffico sulle strade nazionali Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Informazione e comunicazione Scheda informativa Garantire la fluidità del

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC.

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC. Dimensioni ø.7 9.5 6.5 8.5 ø.7 65 57 Finestra per la spia LED Codifica d'ordine Sensore radar Caratteristiche Dispositivo di apertura per cancelli industriali con la possibilità di differenziare tra persone

Dettagli

Comune di Pesaro REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA

Comune di Pesaro REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA Comune di Pesaro REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 50 del 30/03/2009 1 Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente Regolamento garantisce

Dettagli

DIRETTIVA 108/2009/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 108/2009/CE DELLA COMMISSIONE L 213/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 18.8.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 108/2009/CE DELLA COMMISSIONE del 17 agosto 2009 che modifica, adeguandola al progresso tecnico, la direttiva 97/24/CE del

Dettagli

CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI

CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI AIPCR COMITATO TECNICO NAZIONALE C.1 Infrastrutture Stradali più Sicure [2008-2011] I RIFLESSI SULLE CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI Ing. Antonino Galatà Autostrade per l Italia AIPCR C.1 antonino.galata@autostrade.it

Dettagli

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE 1 Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Informativa

Dettagli

La Nabla Quadro s.r.l.

La Nabla Quadro s.r.l. La Nabla Quadro s.r.l. Nasce dall iniziativa di ingegneri con esperienza decennale nell ambito dello studio e controllo delle ricadute ambientali dovute alla costruzione e all esercizio di infrastrutture

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR 1 La mansarda Per ultimare l edificazione di una villetta occorre costruire il tetto a due spioventi sopra la mansarda Come dato di progetto è noto quanto segue: considerata

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE SOMMARIO Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento dei dati personali per le finalità istituzionali

Dettagli

Schemi per strade tipo C ed F extraurbane (extraurbane secondarie e locali extraurbane)

Schemi per strade tipo C ed F extraurbane (extraurbane secondarie e locali extraurbane) Schemi per strade tipo C ed F extraurbane (extraurbane secondarie e locali extraurbane) TAVOLA Lavori a fianco della banchina variabile 150 m 175 TAVOLA 61 Lavori sulla banchina variabile 22.5 m 150 m

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI ANFIA, in qualità membro di ACEA, supporta e condivide il contenuto di questo documento. DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI 1. Come ha reagito ACEA di fronte alla situazione VW?... 1 2. Come funziona

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento per l utilizzo degli impianti

Dettagli

CAPITOLO 7 SICUREZZA

CAPITOLO 7 SICUREZZA CAPITOLO 7 SICUREZZA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 Attività di prevenzione e controllo Gli agenti di Polizia Locale nel 2007 in servizio diurno sono dodici, cui se ne aggiungono tre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DELL UNIONE DEI MIRACOLI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DELL UNIONE DEI MIRACOLI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DELL UNIONE DEI MIRACOLI approvato con delibera di Consiglio n. del SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART.

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Perché? Perché? Autostrade//Tech nasce per mettere a frutto il Know How tecnologico di Autostrade//per l Italia, relativamente agli ITS,

Dettagli

Sarà nostra cura tenervi tempestivamente aggiornati non appena la Decisione sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea.

Sarà nostra cura tenervi tempestivamente aggiornati non appena la Decisione sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea. INDIRIZZI INTERPRETATIVI IN MATERIA DI AUTOTRASPORTO: CIRCOLARI MINISTERO DELL INTERNO E MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE Il Ministero dell Interno congiuntamente al Ministero delle Infrastrutture e dei

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 07/10/2014 Revisioni Note SOMMARIO Art.

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009.

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ACQUISITI MEDIANTE L IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA ATTIVATO NEL TERRITORIO URBANO DEL COMUNE DI MACERATA Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali. COMUNE DI VILLABATE Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.it Allegato A Elaborato Tecnico relativo alla gara di appalto per

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero.

Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero. SERVIZI ASSICURATIVI in collaborazione con Unipol Assicurazioni Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero. Il meccanismo della patente a punti viene definito dall articolo 126

Dettagli

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini Codice della strada a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini INCIDENTI STRADALI: CAUSE 60-85% eccesso di velocità guida distratta mancata precedenza mancata distanza di sicurezza assunzione di alcol

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

PRONTUARIO PER MINI CORSO

PRONTUARIO PER MINI CORSO PRONTUARIO PER MINI CORSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO CON ALLEGATA RELATIVA TABELLA SIA PER TEMPI CHE PER INFRAZIONI Art. 174 del Codice della Strada modificato dalla Legge 120 del 29/07/2010 in vigore

Dettagli

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Fabio Bergamo è uno scrittore salernitano conosciuto in Italia per la sua lotta contro gli incidenti e le morti stradali. Col

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate MEMO/10/343 Bruxelles, 20 luglio 2010 Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate La Commissione ha adottato oggi un programma ambizioso sulla sicurezza stradale inteso a dimezzare

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali (Ordinanza sulle dichiarazioni) dell 8 giugno 1998 (Stato 1 luglio 2010) Il Consiglio federale

Dettagli

per la verificazione di strumenti di misurazione dell energia e della potenza

per la verificazione di strumenti di misurazione dell energia e della potenza Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di metrologia METAS Direttive per la verificazione di strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche del 1 settembre

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli