Preparare un Piano di Disaster Recovery. Antonio Tonani, Clever Consulting srl.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Preparare un Piano di Disaster Recovery. Antonio Tonani, Clever Consulting srl."

Transcript

1 Preparare un Piano di Disaster Recovery Antonio Tonani, Clever Consulting srl.

2 2 Preparare un piano di Disaster Recovery A.Tonani Clever Consulting Srl Il Disaster Recovery dei sistemi e degli utenti Sessione 5

3 3 Sommario Il recovery dei sistemi centralizzati. Il recovery dei sistemi distribuiti. Caratteristiche principali. I livelli dell architettura Client/Server. Strategie preventive. Il data center di DR. Le voci di costo. La gestione dei sistemi in DR. Tipologie di servizi. I Player in Italia. Case History, servizi , servizi File sharing.

4 Il recovery dei sistemi centralizzati 4 E collegato alle strategie di protezione dei dati. E importante svilupparle entrambe nella stessa fase di progetto, identificando le dipendenze tecnologiche. Considerare i prerequisiti minimi essenziali per il DR. Record e form di input. Periferiche e terminali. Documentazione. Infrastrutture di rete. Sistemi dipendenti. Configurazione minima del sistema sulla base dell analisi dei bisogni. Identificare le configurazioni hardware minime per le applicazioni vitali. Verificare configurazione minima accettabile. Verificare la scalabilità del sistema in base ai tempi critici di ripristino. Identificare le infrastrutture associate (terminali, workstation, banda, tipologia di accesso), sulla base dei volumi in DR. Dipendenze applicative dell hardware. Portabilità del software su sistemi con configurazioni minime. Può essere necessario riscrivere nuovamente alcune componenti applicative.

5 Il recovery dei sistemi centralizzati 5 Richiedono necessariamente la sostituzione del sistema impattato in un sito alternativo. Le diverse tipologie di recovery: Cold site private. Aree allestite per l installazione di mainframe. Cold site commerciali. Aree mobili o fisse, preallestite per ospitare un mainframe. Applicabili utilizzando contratti Ship to Site. Reciprocal Agreement. Utilizzo reciproco di sistemi di DR tra società diverse. Service Bureau. Utilizzo di sistemi di produzione in uso da provider o societàesterne. Hot site. Utilizzo di siti preallestiti con sistemi e applicazioni caricate. Servizi gestiti direttamente dai produttori dei sistemi legacy. IBM, HP e SchlumbergerSema offrono un portafoglio servizi per sistemi centralizzati. Sistemi ridondati. Privati o in outsourcing.

6 6 Il recovery dei sistemi centralizzati I player in Italia. HP BRS. SchlumbergerSema. IBM BCRS. Principali punti del contratto. Tipologia: per sito o per MIPS. Condivisione dei sistemi di DR con altre società. RTO del sistema, delle periferiche e RPO dei dati. Sito di installazione (presso il vendor o ship to DR site ). Test ciclici di recovery. Componenti di sistema dedicate o condivise. Modello sistema (CPU / memoria). Storage. Network di collegamento alle periferiche ed ai terminali. Tempo di notifica per eventuali modifiche sul sistema. Clausole di responsabilità. Tempo di preavviso per la modifica delle condizioni contrattuali.

7 Il recovery dei sistemi centralizzati 7 Voci di costo all interno di un contratto di DR. Canoni di servizio standard. Durata minima del contratto. Costi per componenti hardware specifiche richieste e per gli eventuali aggiornamenti successivi. Periferiche, storage, schede o hardware di connettività, librerie etc. Costo dei test. Valutare il numero di test sottoscritto. Costi di utilizzo giornaliero in caso di attivazione DR. Valutare se per un periodo limitato può essere incluso nel contratto. Tempo massimo di utilizzo contemplato nel contratto. Costi di sviluppo e manutenzione delle procedure di attivazione e documentazione dei test Valutare se delegare al service provider le attività di sviluppo e manutenzione delle procedure di DR per il sistema centralizzato.

8 8 Il recovery dei sistemi centralizzati La negoziazione del contratto. 1. Definire i requisiti minimi richiesti. 2. Identificare le possibili strategie ed i possibili fornitori. 3. Contattare almeno 2 fornitori, richiedendo un offerta formale scritta specifica sulla base dei requirement richiesti. 4. Discutere insieme al fornitore quali sono i valori aggiunti offerti, rispetto alla concorrenza. 5. Ispezionare le facility ed i sistemi insieme ad un sistemista ed un auditor. Capire la modalità di utilizzo del sistema di DR in condizioni di normalità. 6. Negoziare i costi del contratto. Ampio margine di negoziazione.

9 9 Il recovery dei sistemi distribuiti Caratteristiche principali Caratteristiche dei sistemi distribuiti. Piattaforme, sistemi e OS eterogenei. OS e sue versioni differenti (Win, Netware, Linux, Unix, OS/400). Piattaforme eterogenee (Intel, Risc, etc.). Prerequisiti specifici delle piattaforme OS. Personalizzazioni differenti per ogni sistema. Protocolli di rete diversi (IP, IPX, SNA, etc.). Problemi di compatibilità applicativa in ambienti omogenei. Livelli di aggiornamento di patch (SP, service release, etc.). Team di amministrazione. La gestione degli ambienti distribuiti è in carico a più gruppi all interno dell organizzazione IT. Livelli di gestione ed aggiornamento dei sistemi. Competenze diversificate per ciascuna tipologia di servizio.

10 10 Il recovery dei sistemi distribuiti Caratteristiche principali Caratteristiche dei sistemi distribuiti. Dipendenze da applicazioni e dati presenti sui client. Esempio: Dispositivi di autenticazione, Dbase locali, etc. Il Downsizing dei sistemi centrali. Enterprise Resource Planning (ERP). Customer Resource Management (CRM). Il backup ed il restore dei dati su piattaforme distribuite è generalmente complesso e più articolato rispetto ai sistemi centralizzati.. I sistemi distribuiti sono interconnessi tra loro ed ai sistemi legacy su architetture a più livelli (Gateways, Queue Manager, Bridge, WEB, DBase etc.).

11 11 Il recovery dei sistemi distribuiti L evoluzione tecnologica su più livelli Evoluzione Client/Server su livelli multipli (n-tier), introdotta dalla tecnologia WEB.

12 12 Il recovery dei sistemi distribuiti Strategie preventive per il DR Consolidare e standardizzare le piattaforme di middleware per le applicazioni. Sensibilizzare i team di sviluppo per consentire un facile switch dei livelli tra i diversi livelli di middleware. Consolidare le piattaforme middleware con soluzioni flessibili e dinamiche. Unificare la gestione dei dati applicativi all interno dell infrastruttura distribuita. Consolidare la gestione dei dati all interno degli ambienti distribuiti. Centralizzare i dati critici sui server. Consolidare il numero di server sulla base delle tipologie applicative. Unificare quanto più possibile le configurazioni HW e SW. Build standard OS server. Build standard OS client. Definire uno standard unico per l hardware ed il software.

13 13 Il recovery dei sistemi distribuiti Strategie preventive per il DR Contratti di manutenzione Spare part per le componenti critiche (dischi/controller, alimentatori e server). Contratti di manutenzione con tempi di intervento inferiori a 4h. Implementare soluzioni di alta affidabilità per i sistemi critici. Dischi in duplexing, mirror o raid sui server critici. Hot swap (dischi, controller, schede di rete, alimentatori). Motherboard e CPU ridondate. Soluzioni HA / Clustering. Incentivare l implementazione di applicazioni con front end web. Centralizzare il front end client all interno del data center.

14 14 Il recovery dei sistemi distribuiti Il data center di DR Il data center di Disaster Recovery. Deve essere sufficientemente distante dal sito di produzione. La distanza dipende dallo scope di progetto. Distanza consigliata: almeno 8 km dal sito di produzione. Deve essere indipendente dalle infrastrutture di produzione. Elettricità. Carrier telecomunicazione. Deve prevedere alti criteri di sicurezza. Accessi fisici segregati. UPS e generatori elettrici. Deve prevedere flessibilità di allestimento. Spazi spare disponibili per futuri ampliamenti. Pavimento flottante. Cablaggio strutturato. Segregazione fisica del cablaggio. Backbone in fibra ottica. Accesso ai nodi di telecomunicazione. MAN / WAN, fibra ottica almeno con 2 carrier. Supporto e manutenzione ordinaria.

15 15 Il recovery dei sistemi distribuiti Il data center di DR Il data center di recovery. Tipologia. Può essere configurato in modalità Cold, attraverso il preallestimento logistico ed un contratto ship to site con terze parti. Restore via tape. Può essere configurato in modalità Hot, con sistemi attivi e collegati ai siti di produzione. Restore da replicazione dei dati. DR center in outsourcing: può essere allestito all interno di un data center condiviso. Allestimento con armadi da 19 per ciascun cliente. Le aree dedicate sono allestite secondo le necessità del cliente. Le aree segregate possono contenere anche PC e dispositivi collegati in hot stand by. Partizionato all interno di un ampia area condivisa. Allestimento dedicato esclusivamente ad un singolo cliente. Deve prevedere dello spazio per gli operatori e per il personale tecnico di supporto. Desk per operatori. Armadi ignifughi per i media. Deve prevedere la possibilità di estensione del network e dei link verso le aree utenti o/e altri siti utente.

16 16 Il recovery dei sistemi distribuiti Le voci di costo Le voci di costo per un data center di DR. Costi ricorrenti. Spazio fisico utilizzato in Mq. Per numero di rack. Per numero di sistemi installati. Il costo commerciale di un data center è di circa 2500 /annui al Mq. Numero di test di attivazione. Elettricità. Costi di linee dati e fonia. Costi per il noleggio di componenti hardware specifiche. Servizi aggiuntivi. Tape vaulting. Monitoring dei sistemi. Maintenance ordinario. Costi di investimento (one shot). Costi di progettazione e documentazione. Costi per il deployment delle infrastrutture. Costi opzionali per hardware specifici richiesti dal cliente.

17 Il recovery dei sistemi distribuiti La gestione dei sistemi in DR Gestione dei sistemi DR in produzione. Utilizzo dei sistemi di DR per test o ambiente di preproduzione. Tools di gestione remota. Interfacce hardware per lo spegnimento e l accensione dei sistemi. Controllo remoto delle console. Nuovi server di produzione e passaggio dei server esistenti in DR. Valutare la possibilità di utilizzare Blade Server e appliance NAS/SAN. Prevedere anche componenenti client all interno del data center di recovery. Architettura thin client / Fat server. Windows Terminal Server. CITRIX Metaframe / ICA Client. 17

18 18 Il recovery dei sistemi distribuiti Tipologia dei sistemi Server di infrastruttura. PDC/BDC/GC. DHCP. Wins. Proxy. Print server. File server. MS SMS e piattaforme di Sofware distribution. Firewalls. Remote session servers (CITRIX, WTS). Server di back office e middleware. Server. Groupware server. Gateways e middleware (IBM MqSeries, MS MQ). Application server. Data Base server. WEB server. Appliance. Network attached storage. Storage Area Network.

19 19 Il recovery dei sistemi distribuiti Player in Italia H.P. Italia. Servizio BCRS e consulenza su sistemi distribuiti. Progettazione ed implementazione. Data center e user recovery presso il sito di Milano e Roma. Cablatura in fibra ottica IBM Italia. Centro di DR a Segrate (MI). Progettazione ed implementazione. Servizi di consulenza e progettazione. Schlumberger. Centro di recovery con più di 200 postazioni utenti e sistemi a Cinisello Balsamo (MI). Attrezzato secondo gli standard internazionali. Colt. Telecom carrier con numerosi servizi di hosting ed housing. Connettività multiprotocollo (DWDM) a livello metropolitano ed internazionale. Servizi di fonia. Servizi hosting ed housing dedicati alla clientela business. Servizi di connettività metropolitana e geografica a qualsiasi livello. I.Net. Servizi housing ed hosting. ASP ed internet service provider.

20 20 Il recovery dei sistemi distribuiti Alcuni esempi COLT Milano Esempio di data center segregato. Da utilizzare nel caso di allestimenti che prevedono componenti che non è possibile inserire all interno dei rack (es. PC in hot stand by, tastiere ed accessori, cabinet con manuali e software). Da prevedere per ambienti IT particolarmente ampi e complessi.

21 21 Il recovery dei sistemi distribuiti Alcuni esempi Schlumberger Cinisello Balsamo (MI). Cinisello Balsamo (MI), inaugurato nel mese di ottobre Attrezzato con più di 200 postazioni utente e data center segregati. Allestimento SchlumbergerSema standard worldwide. Collegato al centro DR per i sistemi centralizzati di Pont S.Martin (AO).

22 22 Il recovery dei sistemi distribuiti Alcuni esempi HP Centro DR Bicocca Milano V.Le F. Testi 280. Attiva da Ottobre 2001 Connettività Gografica e metropolitana su Fibra (ADM Colt) Data Center DR 400 Mq Aree Utenti : 130 Postazioni utente segregate in 4 uffici PBX Avaya / Lucent 2 Flussi primaria. Servizi HP BCRS

23 23 Il recovery dei sistemi distribuiti Case History: servizi

24 24 Il recovery dei sistemi distribuiti: Case History: servizi

25 25 I sistemi distribuiti Case History: servizi

26 26 DR dei sistemi distribuiti Case History: servizi File sharing

27 DR dei sistemi distribuiti Case History : Application server su 3 siti 27

28 28 Il recovery dei sistemi Data Flow Diagram UHTXLUHP HQWXWHQWH 6 SHFLILFKH WHFQLFKH 2 ELHWWLYL &RQWUDWRHDFTXLVWL RELH WLYL 6 WUDWHJLHGL EDFNXS GHLVLVWHP L * LXVWLILFD] LRQH GHLFRVWL

29 29 Fine della sessione Domande?

30 30 Preparare un piano di Disaster Recovery A.Tonani Clever Consulting Srl Il Disaster Recovery degli utenti Sessione 6

31 31 Sommario La rilocazione nel sito di DR. Il recovery degli utenti. L allestimento delle aree utenti. Aree dedicate e condivise. Esempi di aree DR. Elementi di valutazione per il contratto. Allestimento tecnologico per gli utenti. Il fattore umano. Data Flow Diagram.

32 32 Il recovery degli utenti La rilocazione nel sito di DR Step preliminari: Creazione di policy di rilocazione da parte del senior management e dall ufficio risorse umane. Trattamento economico del personale in caso di contingenza. La pianificazione dei turni durante i periodi di ripristino dei processi critici.

33 33 Il recovery degli utenti Il sito di DR L allestimento delle aree utenti Deve essere collocato almeno a 5Km dal sito di produzione, Capacità ricettiva e disponibilità 24h/24h per 365gg. Durante la fase di attivazione e rilocazione. Gestione delle attività fuori dagli orari standard. Attrezzature logistiche e tecnologiche sulla base dei requisiti minimi richiesti per il ripristino delle attività critiche. Cablaggio strutturato, PBX e telefoni, UPS, preferibilmente gruppi elettrogeni Allestimento standard : scrivanie, guardaroba, sedie, cassettiere, armadi, cablaggio strutturato, telefoni, fax, stampanti, fotocopiatrici. Servizi igienici e aree ricreative. Deve prevedere almeno una sala riunioni preallestita con telefoni, televisori e collegamento ad internet (una per il comitato di crisi). Materiale dedicato. Capacità di espansione delle postazioni nei time frame di recovery stabiliti dall analisi di impatto. Deve essere raggiungibile attraverso mezzi di trasporto. Nel caso rilocazione remota deve prevedere procedure di richiesta dei mezzi di trasporto (aerei, treni, taxi etc). Deve essere servito dai servizi essenziali. (alberghi, parcheggi, ristoranti, etc.). Deve essere raggiungibile per la consegna del materiale archiviato off-site.

34 Il recovery degli utenti Il sito di DR Può essere allestito in luoghi diversi dal sito di recovery dei sistemi. Dipendenza tecnologica del tipo di applicazioni utilizzate. Le procedure devono contemplare: 1. La notifica dei gruppi di lavoro critici da rilocare immediatamente. 2. Il trasporto del personale presso il sito di DR. 3. Zoning dei desk (assegnazione per gruppo). 4. L acquisizione del materiale di supporto e di cancelleria. Consegna delle Battlebox. 5. L accesso ai servizi di telecomunicazione di base (telefoni e fax). Trasferimento dei numeri telefonici. 6. L accesso alle applicazioni ed ai sistemi mission critical. 34

35 Il recovery degli utenti Aree dedicate e condivise Aree utenti dedicate. Dedicate esclusivamente ad un solo cliente. Preconfigurate con PC e connesse a LAN private. Fisicamente segregate e protette. Sfruttabili anche come aree di storage per le battlebox e per altro materiale. Hanno un costo relativamente alto. Aree utenti condivise. Allestimento standard Telefoni,cassettiere,n di armadi per postazione,monitor. Ambiente open space, ma con possibilità di partizionamento. Il cablaggio strutturato è collegabile a dispositivi di rete differenti o a Virtual LAN dedicate. 35

36 36 Il recovery dei gli utenti Esempi di aree DR

37 Il recovery degli utenti Elementi di valutazione per il contratto 37 In Generale. Allestimento aree. Allestimento degli uffici. Meeting room Espandibilità massima consentita. Infrastrutture tecnologiche standard. Numero di punti rete per postazione. Nodi di telecomunicazione e accesso ai carrier Apparati di rete Tipologia e funzionalità dei centralini Rapporto FAX / Postazioni Rapporto Stampanti / Postazioni Servizi di supporto tecnologico. Servizi di supporto e servizi generali Posta interna. Personale tecnico di supporto agli utenti e ai team.

38 Il recovery degli utenti Elementi di valutazione per il contratto 38 Per le Aree condivise. Numero massimo di condivisione delle postazioni. Tipologia dei clienti. Posizione geografica dei clienti. Numero minimo di postazioni assicurate nel La gestione della contestualità. Per % sulle postazioni sottoscritte. Per FI/FO.

39 Il recovery degli utenti Allestimento tecnologico per gli utenti 39 PC e Workstation in DR. Uso di PC del provider con soluzioni di accesso remoto o via WEB attraverso thin client. CITRIX o WTS con PC condivisi. Bare Metal su PC dedicati o condivisi. PC dedicati Hot o cold stand by. Wireless LAN e access point. Periferiche condivise in DR. In base all analisi dei bisogni, prevedere sempre stampanti ad alto volume condivise in LAN.

40 Il recovery degli utenti Allestimento tecnologico per gli utenti 40 Telefonia. Predisposizione di Hunting group. Linee esterne sulla base del numero di utenti. Espandibilità del centralino in caso di ampliamento delle aree di lavoro. Call center e ACD.

41 41 Il recovery degli utenti I fattori umani I fattori umani in caso di catastrofi. Protezione del personale dai media. Management briefing durante il periodo di crisi. Comunicazione alle famiglie. Aiuto psicologico.

42 42 Il recovery degli utenti 2 IIHUWH FRPPHUFLDOL $SSOLFD]LRQLUHWLVLVWHPLWHOHIRQLD 5HTXLUHPHQWXWHQWL 3LDQRGLULORFD] LRQH

43 43 Fine della sessione Domande?

44 44 Preparare un piano di Disaster Recovery A.Tonani Clever Consulting Srl Il Disaster Recovery delle reti Sessione 7

45 45 Sommario Considerazioni generali. I tre livelli di intervento. Esempio di rete enterprise. L eliminazione dei single point of failure. Le attività di prevenzione. Strategie di ripristino delle reti. Esempi e Case History. Il recovery dei servizi fonia.

46 46 Il recovery delle reti Considerazioni generali Le reti NON sono considerate obiettivi PRIMARI per un piano di DR recovery. Requirement minimi in DR sulle scelte architetturali e il numero degli utenti. La loro criticità è da valutare in base al supporto dei sistemi e agli accessi critici supportati. La ridondanza e l alta affidabilità sono caratteristiche facilmente integrabili. Focus sui single point of failure durante il processo preventivo. L aspetto della sicurezza è da preservare ed elevare in caso di disaster recovery.

47 47 Il recovery delle reti I tre livelli di intervento Ruotano attorno al nucleo composto dalle applicazioni critiche. Livello Interno Periferiche (Stampanti) Device I/O (SAN) LAN (Router, Server, NAS) PBX Livello intermedio Local Loop Router Wan Media dei carrier Porte switch WAN Modem Periferiche di accesso remoto (RAS) CSU/DSU Linee PBX Il Livello di Wide Area Network MAN Circuiti Frame Relay DACS Sistemi esterni Internet

48 Il recovery delle reti Schema tipico di una rete enterprise 48

49 49 Il recovery delle reti Le attività di prevenzione 1. Dall analisi di rischio e di processo, verificare le dipendenze del network sui processi critici su ciascun livello. 2. Ottenere la documentazione sulla topologia fisica e logica dagli amministratori di rete. 3. Verificare i livelli minimi accettabili per la continuità dei processi critici. 4. Sviluppo degli scenari di indisponibilità sulle componenti critiche. 5. Metodologie di ridondanza o sostituzione delle componenti di rete critiche.

50 Il recovery delle reti Eliminazione dei single point of failure 50 Livello reti interne Strutturare la rete secondo un modello modulare scalabile. Core, Distribution, Access Usare tool di monitoring, amministrazione Openview, Ciscoworks Backbone e cablaggi fisici ridondati su core e distribution layer. Core Layer e Distribution layer ridondato. Alimentatori rindondati su linee elettriche differenti. Doppi router con HSRP e protocolli di routing intelligenti (EIGRP, OSPF) Backbone e trunk con path ridondati attraverso STP. Doppi Firewall ridondati - Indirizzo virtuale dei firewall attraverso VRRP. Schede LAN e cabling ridondati sui server critici. Utilizzare linee telefoniche dirette che bypassino il PBX sui desk critici.

51 Il recovery delle reti Eliminazione dei single point of failure 51 Livello intermedio ed esterno. Utilizzare linee di backup con tipologie di accesso differenti da quelle di produzione. Utilizzare linee di backup con carrier rispetto a quelle di produzione. Linee con percorsi e ingressi all edificio ridondati. Border router ridondati. Spare part disponibili on-site.

52 Il recovery delle reti Strategie di ripristino delle reti in DR 52 LAN presso il sito di DR. Rete interna Rete interna estesa presso il sito di DR. Gestione del controllo e delle repliche Prevede router di backup per i collegamenti alle reti geografici In caso di normale attività, la rete interna è segregata all interno del data centerdi DR. E estendibile alle aree utenti attraverso collegamento fisico del backbone. Utilizzo di Vlan con apparati condivisi con altri clienti Distribuzione attraverso switch dedicati del cliente. Wirless attraverso access point dedicati Il DR come nodo di backup in produzione. Reinstradamento ai server DR attraverso l uso del DNS Reti esterne Infrastrutture perimetrali di sicurezza replicate presso il sito di DR Accesso ad internet e collegamenti remoti attraverso VPN.

53 53 Il recovery delle reti Case history V $PVWHUGDP )UDQNIXUW 0 EV,WDOLDQILQDQFLDO LVWLWXWLRQV ([WHUQDOFOLHQWV 6,$66%6RJHL%2, 5HXWHUV %ORRPEHUJ 0 EV P XOWLSOHOLQNV P XOWLSOHOLQNV 0LODQ+($' 2)),&( 0HWURSROLWDQ EUDQFKRIILFH Si )LEUH2SWLFDO V OLQN0E?/ LQN Si )LEUH2SWLFDO 0HWURSROLWDQ$UHD1HWZRUN0EV,6'1ENXS 0LODQQG2IILFH. EV. EV 0 E V 0LODQ'5VLWH 0LODQ6PD O%UDQFK )LUHQ]H %RORJQD

54 54 Il recovery delle reti Case history P E Si Si Si Si Si

55 55 Il recovery dei servizi fonia PABX presso il sito di DR Generalmente fornito standard in dotazione dal provider Digitale ed espandibile per interni e numero di linee Supporta funzioni avanzate Utilizza flussi ISDN primari Può essere customizzato con funzionalità estese a secondo delle necessità Hunting group Pick up Redirezione Servizi di redirezione offerti dai carrier Telecom Italia servizio di presidio centralizzato. Virtualizzazione dei PBX

56 56 Il recovery delle reti Data Flow Diagram,QIRUPD]LRQHGHL IRUQLWRUL ) 6YLOXSSRGHOD VWUDWHJLDGLUHFRYHU\ GHOOHUHWLLQWHUQH 5HTXLUHPHQW SHUPHGLDH KDUGZDUH ) 9DOXWD]LRQLGH OH RS]LRQLGL VRVWLWX]LRQHH ULGRQGDQ]D KDUGZDUH 2 S] LRQL 6HQLRU 0DQDJHPHQW $QDOLVLGL ULVFKLR 6FHQDUL GLLQWHUX]LRQLOLQHHGL FRPXQLFD]LRQH ) 6YLOXSSRGH OD VWUDWHJLDGLUHFRYHU\ GHOVHUYL]LWHOHFRP ) 9DOXWD]LRQHGH OH RS]LRQLGLULSULVWLQR GHLVHUYL]L RS] LRQL ) 6FHOWDHWHVW GH OH RS]LRQL 3URFHGXUHGL FKDQJH PDQDJHPHQW 5HTXLUHP HQWGHO UHFRYHU\ RQOLQH 8WHQWL 0HWRGRORJLH SXEEOLFDWH SHULOEDFNXS 7HOHFRP'DWDFRP,QIRUPD]LRQLGDL IRUQLWRUL ),PSOHPHQWD]LRQH GHOOHRS]LRQL ) 6YLOXSSRGH OH VWUDWHJLHGL ULDOORFD]LRQHGHO QHWZRUN 5HTXLUHP HQWSHULOULSULVWLRQRGHOQHWZRUN ) 9DOXWD]LRQHGH OH RIHUWHGDSDUWHGHO '5VHUYLFHSURYLGHU 3ROLF\HSURFHGXUH 7HVW,OUHFRYHU\GH OHUHWL &RQWUDWWRSHU'5 +27VLWH

57 57 Fine della sessione Domande?

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Comunicazioni video Avaya

Comunicazioni video Avaya Comunicazioni video Avaya Video ad alta definizione per singoli e gruppi a livello aziendale. Facile utilizzo. Ampiezza di banda ridotta. Scelta di endpoint e funzionalità. Le soluzioni video Avaya sfatano

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL PROPRIO PATRIMONIO INFORMATIVO E DEL PROPRIO KNOW-HOW IMPRENDITORIALE. SERVIZI CREIAMO ECCELLENZA Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali.

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. Gabriele Ottaviani product manager - mobile solutions - Capgemini BS Spa premesse...dovute soluzione off-line...ma

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

NUOVA SERVER FARM PROGETTO

NUOVA SERVER FARM PROGETTO NUOVA SERVER FARM PROGETTO Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 2 di 35 Indice 1. Introduzione 5 2. Obiettivi del progetto 5 2.1. Razionalizzazione 5 2.2. Disegno di una nuova architettura del sistema

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli