Preparare un Piano di Disaster Recovery. Antonio Tonani, Clever Consulting srl.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Preparare un Piano di Disaster Recovery. Antonio Tonani, Clever Consulting srl."

Transcript

1 Preparare un Piano di Disaster Recovery Antonio Tonani, Clever Consulting srl.

2 2 Preparare un piano di Disaster Recovery A.Tonani Clever Consulting Srl Il Disaster Recovery dei sistemi e degli utenti Sessione 5

3 3 Sommario Il recovery dei sistemi centralizzati. Il recovery dei sistemi distribuiti. Caratteristiche principali. I livelli dell architettura Client/Server. Strategie preventive. Il data center di DR. Le voci di costo. La gestione dei sistemi in DR. Tipologie di servizi. I Player in Italia. Case History, servizi , servizi File sharing.

4 Il recovery dei sistemi centralizzati 4 E collegato alle strategie di protezione dei dati. E importante svilupparle entrambe nella stessa fase di progetto, identificando le dipendenze tecnologiche. Considerare i prerequisiti minimi essenziali per il DR. Record e form di input. Periferiche e terminali. Documentazione. Infrastrutture di rete. Sistemi dipendenti. Configurazione minima del sistema sulla base dell analisi dei bisogni. Identificare le configurazioni hardware minime per le applicazioni vitali. Verificare configurazione minima accettabile. Verificare la scalabilità del sistema in base ai tempi critici di ripristino. Identificare le infrastrutture associate (terminali, workstation, banda, tipologia di accesso), sulla base dei volumi in DR. Dipendenze applicative dell hardware. Portabilità del software su sistemi con configurazioni minime. Può essere necessario riscrivere nuovamente alcune componenti applicative.

5 Il recovery dei sistemi centralizzati 5 Richiedono necessariamente la sostituzione del sistema impattato in un sito alternativo. Le diverse tipologie di recovery: Cold site private. Aree allestite per l installazione di mainframe. Cold site commerciali. Aree mobili o fisse, preallestite per ospitare un mainframe. Applicabili utilizzando contratti Ship to Site. Reciprocal Agreement. Utilizzo reciproco di sistemi di DR tra società diverse. Service Bureau. Utilizzo di sistemi di produzione in uso da provider o societàesterne. Hot site. Utilizzo di siti preallestiti con sistemi e applicazioni caricate. Servizi gestiti direttamente dai produttori dei sistemi legacy. IBM, HP e SchlumbergerSema offrono un portafoglio servizi per sistemi centralizzati. Sistemi ridondati. Privati o in outsourcing.

6 6 Il recovery dei sistemi centralizzati I player in Italia. HP BRS. SchlumbergerSema. IBM BCRS. Principali punti del contratto. Tipologia: per sito o per MIPS. Condivisione dei sistemi di DR con altre società. RTO del sistema, delle periferiche e RPO dei dati. Sito di installazione (presso il vendor o ship to DR site ). Test ciclici di recovery. Componenti di sistema dedicate o condivise. Modello sistema (CPU / memoria). Storage. Network di collegamento alle periferiche ed ai terminali. Tempo di notifica per eventuali modifiche sul sistema. Clausole di responsabilità. Tempo di preavviso per la modifica delle condizioni contrattuali.

7 Il recovery dei sistemi centralizzati 7 Voci di costo all interno di un contratto di DR. Canoni di servizio standard. Durata minima del contratto. Costi per componenti hardware specifiche richieste e per gli eventuali aggiornamenti successivi. Periferiche, storage, schede o hardware di connettività, librerie etc. Costo dei test. Valutare il numero di test sottoscritto. Costi di utilizzo giornaliero in caso di attivazione DR. Valutare se per un periodo limitato può essere incluso nel contratto. Tempo massimo di utilizzo contemplato nel contratto. Costi di sviluppo e manutenzione delle procedure di attivazione e documentazione dei test Valutare se delegare al service provider le attività di sviluppo e manutenzione delle procedure di DR per il sistema centralizzato.

8 8 Il recovery dei sistemi centralizzati La negoziazione del contratto. 1. Definire i requisiti minimi richiesti. 2. Identificare le possibili strategie ed i possibili fornitori. 3. Contattare almeno 2 fornitori, richiedendo un offerta formale scritta specifica sulla base dei requirement richiesti. 4. Discutere insieme al fornitore quali sono i valori aggiunti offerti, rispetto alla concorrenza. 5. Ispezionare le facility ed i sistemi insieme ad un sistemista ed un auditor. Capire la modalità di utilizzo del sistema di DR in condizioni di normalità. 6. Negoziare i costi del contratto. Ampio margine di negoziazione.

9 9 Il recovery dei sistemi distribuiti Caratteristiche principali Caratteristiche dei sistemi distribuiti. Piattaforme, sistemi e OS eterogenei. OS e sue versioni differenti (Win, Netware, Linux, Unix, OS/400). Piattaforme eterogenee (Intel, Risc, etc.). Prerequisiti specifici delle piattaforme OS. Personalizzazioni differenti per ogni sistema. Protocolli di rete diversi (IP, IPX, SNA, etc.). Problemi di compatibilità applicativa in ambienti omogenei. Livelli di aggiornamento di patch (SP, service release, etc.). Team di amministrazione. La gestione degli ambienti distribuiti è in carico a più gruppi all interno dell organizzazione IT. Livelli di gestione ed aggiornamento dei sistemi. Competenze diversificate per ciascuna tipologia di servizio.

10 10 Il recovery dei sistemi distribuiti Caratteristiche principali Caratteristiche dei sistemi distribuiti. Dipendenze da applicazioni e dati presenti sui client. Esempio: Dispositivi di autenticazione, Dbase locali, etc. Il Downsizing dei sistemi centrali. Enterprise Resource Planning (ERP). Customer Resource Management (CRM). Il backup ed il restore dei dati su piattaforme distribuite è generalmente complesso e più articolato rispetto ai sistemi centralizzati.. I sistemi distribuiti sono interconnessi tra loro ed ai sistemi legacy su architetture a più livelli (Gateways, Queue Manager, Bridge, WEB, DBase etc.).

11 11 Il recovery dei sistemi distribuiti L evoluzione tecnologica su più livelli Evoluzione Client/Server su livelli multipli (n-tier), introdotta dalla tecnologia WEB.

12 12 Il recovery dei sistemi distribuiti Strategie preventive per il DR Consolidare e standardizzare le piattaforme di middleware per le applicazioni. Sensibilizzare i team di sviluppo per consentire un facile switch dei livelli tra i diversi livelli di middleware. Consolidare le piattaforme middleware con soluzioni flessibili e dinamiche. Unificare la gestione dei dati applicativi all interno dell infrastruttura distribuita. Consolidare la gestione dei dati all interno degli ambienti distribuiti. Centralizzare i dati critici sui server. Consolidare il numero di server sulla base delle tipologie applicative. Unificare quanto più possibile le configurazioni HW e SW. Build standard OS server. Build standard OS client. Definire uno standard unico per l hardware ed il software.

13 13 Il recovery dei sistemi distribuiti Strategie preventive per il DR Contratti di manutenzione Spare part per le componenti critiche (dischi/controller, alimentatori e server). Contratti di manutenzione con tempi di intervento inferiori a 4h. Implementare soluzioni di alta affidabilità per i sistemi critici. Dischi in duplexing, mirror o raid sui server critici. Hot swap (dischi, controller, schede di rete, alimentatori). Motherboard e CPU ridondate. Soluzioni HA / Clustering. Incentivare l implementazione di applicazioni con front end web. Centralizzare il front end client all interno del data center.

14 14 Il recovery dei sistemi distribuiti Il data center di DR Il data center di Disaster Recovery. Deve essere sufficientemente distante dal sito di produzione. La distanza dipende dallo scope di progetto. Distanza consigliata: almeno 8 km dal sito di produzione. Deve essere indipendente dalle infrastrutture di produzione. Elettricità. Carrier telecomunicazione. Deve prevedere alti criteri di sicurezza. Accessi fisici segregati. UPS e generatori elettrici. Deve prevedere flessibilità di allestimento. Spazi spare disponibili per futuri ampliamenti. Pavimento flottante. Cablaggio strutturato. Segregazione fisica del cablaggio. Backbone in fibra ottica. Accesso ai nodi di telecomunicazione. MAN / WAN, fibra ottica almeno con 2 carrier. Supporto e manutenzione ordinaria.

15 15 Il recovery dei sistemi distribuiti Il data center di DR Il data center di recovery. Tipologia. Può essere configurato in modalità Cold, attraverso il preallestimento logistico ed un contratto ship to site con terze parti. Restore via tape. Può essere configurato in modalità Hot, con sistemi attivi e collegati ai siti di produzione. Restore da replicazione dei dati. DR center in outsourcing: può essere allestito all interno di un data center condiviso. Allestimento con armadi da 19 per ciascun cliente. Le aree dedicate sono allestite secondo le necessità del cliente. Le aree segregate possono contenere anche PC e dispositivi collegati in hot stand by. Partizionato all interno di un ampia area condivisa. Allestimento dedicato esclusivamente ad un singolo cliente. Deve prevedere dello spazio per gli operatori e per il personale tecnico di supporto. Desk per operatori. Armadi ignifughi per i media. Deve prevedere la possibilità di estensione del network e dei link verso le aree utenti o/e altri siti utente.

16 16 Il recovery dei sistemi distribuiti Le voci di costo Le voci di costo per un data center di DR. Costi ricorrenti. Spazio fisico utilizzato in Mq. Per numero di rack. Per numero di sistemi installati. Il costo commerciale di un data center è di circa 2500 /annui al Mq. Numero di test di attivazione. Elettricità. Costi di linee dati e fonia. Costi per il noleggio di componenti hardware specifiche. Servizi aggiuntivi. Tape vaulting. Monitoring dei sistemi. Maintenance ordinario. Costi di investimento (one shot). Costi di progettazione e documentazione. Costi per il deployment delle infrastrutture. Costi opzionali per hardware specifici richiesti dal cliente.

17 Il recovery dei sistemi distribuiti La gestione dei sistemi in DR Gestione dei sistemi DR in produzione. Utilizzo dei sistemi di DR per test o ambiente di preproduzione. Tools di gestione remota. Interfacce hardware per lo spegnimento e l accensione dei sistemi. Controllo remoto delle console. Nuovi server di produzione e passaggio dei server esistenti in DR. Valutare la possibilità di utilizzare Blade Server e appliance NAS/SAN. Prevedere anche componenenti client all interno del data center di recovery. Architettura thin client / Fat server. Windows Terminal Server. CITRIX Metaframe / ICA Client. 17

18 18 Il recovery dei sistemi distribuiti Tipologia dei sistemi Server di infrastruttura. PDC/BDC/GC. DHCP. Wins. Proxy. Print server. File server. MS SMS e piattaforme di Sofware distribution. Firewalls. Remote session servers (CITRIX, WTS). Server di back office e middleware. Server. Groupware server. Gateways e middleware (IBM MqSeries, MS MQ). Application server. Data Base server. WEB server. Appliance. Network attached storage. Storage Area Network.

19 19 Il recovery dei sistemi distribuiti Player in Italia H.P. Italia. Servizio BCRS e consulenza su sistemi distribuiti. Progettazione ed implementazione. Data center e user recovery presso il sito di Milano e Roma. Cablatura in fibra ottica IBM Italia. Centro di DR a Segrate (MI). Progettazione ed implementazione. Servizi di consulenza e progettazione. Schlumberger. Centro di recovery con più di 200 postazioni utenti e sistemi a Cinisello Balsamo (MI). Attrezzato secondo gli standard internazionali. Colt. Telecom carrier con numerosi servizi di hosting ed housing. Connettività multiprotocollo (DWDM) a livello metropolitano ed internazionale. Servizi di fonia. Servizi hosting ed housing dedicati alla clientela business. Servizi di connettività metropolitana e geografica a qualsiasi livello. I.Net. Servizi housing ed hosting. ASP ed internet service provider.

20 20 Il recovery dei sistemi distribuiti Alcuni esempi COLT Milano Esempio di data center segregato. Da utilizzare nel caso di allestimenti che prevedono componenti che non è possibile inserire all interno dei rack (es. PC in hot stand by, tastiere ed accessori, cabinet con manuali e software). Da prevedere per ambienti IT particolarmente ampi e complessi.

21 21 Il recovery dei sistemi distribuiti Alcuni esempi Schlumberger Cinisello Balsamo (MI). Cinisello Balsamo (MI), inaugurato nel mese di ottobre Attrezzato con più di 200 postazioni utente e data center segregati. Allestimento SchlumbergerSema standard worldwide. Collegato al centro DR per i sistemi centralizzati di Pont S.Martin (AO).

22 22 Il recovery dei sistemi distribuiti Alcuni esempi HP Centro DR Bicocca Milano V.Le F. Testi 280. Attiva da Ottobre 2001 Connettività Gografica e metropolitana su Fibra (ADM Colt) Data Center DR 400 Mq Aree Utenti : 130 Postazioni utente segregate in 4 uffici PBX Avaya / Lucent 2 Flussi primaria. Servizi HP BCRS

23 23 Il recovery dei sistemi distribuiti Case History: servizi

24 24 Il recovery dei sistemi distribuiti: Case History: servizi

25 25 I sistemi distribuiti Case History: servizi

26 26 DR dei sistemi distribuiti Case History: servizi File sharing

27 DR dei sistemi distribuiti Case History : Application server su 3 siti 27

28 28 Il recovery dei sistemi Data Flow Diagram UHTXLUHP HQWXWHQWH 6 SHFLILFKH WHFQLFKH 2 ELHWWLYL &RQWUDWRHDFTXLVWL RELH WLYL 6 WUDWHJLHGL EDFNXS GHLVLVWHP L * LXVWLILFD] LRQH GHLFRVWL

29 29 Fine della sessione Domande?

30 30 Preparare un piano di Disaster Recovery A.Tonani Clever Consulting Srl Il Disaster Recovery degli utenti Sessione 6

31 31 Sommario La rilocazione nel sito di DR. Il recovery degli utenti. L allestimento delle aree utenti. Aree dedicate e condivise. Esempi di aree DR. Elementi di valutazione per il contratto. Allestimento tecnologico per gli utenti. Il fattore umano. Data Flow Diagram.

32 32 Il recovery degli utenti La rilocazione nel sito di DR Step preliminari: Creazione di policy di rilocazione da parte del senior management e dall ufficio risorse umane. Trattamento economico del personale in caso di contingenza. La pianificazione dei turni durante i periodi di ripristino dei processi critici.

33 33 Il recovery degli utenti Il sito di DR L allestimento delle aree utenti Deve essere collocato almeno a 5Km dal sito di produzione, Capacità ricettiva e disponibilità 24h/24h per 365gg. Durante la fase di attivazione e rilocazione. Gestione delle attività fuori dagli orari standard. Attrezzature logistiche e tecnologiche sulla base dei requisiti minimi richiesti per il ripristino delle attività critiche. Cablaggio strutturato, PBX e telefoni, UPS, preferibilmente gruppi elettrogeni Allestimento standard : scrivanie, guardaroba, sedie, cassettiere, armadi, cablaggio strutturato, telefoni, fax, stampanti, fotocopiatrici. Servizi igienici e aree ricreative. Deve prevedere almeno una sala riunioni preallestita con telefoni, televisori e collegamento ad internet (una per il comitato di crisi). Materiale dedicato. Capacità di espansione delle postazioni nei time frame di recovery stabiliti dall analisi di impatto. Deve essere raggiungibile attraverso mezzi di trasporto. Nel caso rilocazione remota deve prevedere procedure di richiesta dei mezzi di trasporto (aerei, treni, taxi etc). Deve essere servito dai servizi essenziali. (alberghi, parcheggi, ristoranti, etc.). Deve essere raggiungibile per la consegna del materiale archiviato off-site.

34 Il recovery degli utenti Il sito di DR Può essere allestito in luoghi diversi dal sito di recovery dei sistemi. Dipendenza tecnologica del tipo di applicazioni utilizzate. Le procedure devono contemplare: 1. La notifica dei gruppi di lavoro critici da rilocare immediatamente. 2. Il trasporto del personale presso il sito di DR. 3. Zoning dei desk (assegnazione per gruppo). 4. L acquisizione del materiale di supporto e di cancelleria. Consegna delle Battlebox. 5. L accesso ai servizi di telecomunicazione di base (telefoni e fax). Trasferimento dei numeri telefonici. 6. L accesso alle applicazioni ed ai sistemi mission critical. 34

35 Il recovery degli utenti Aree dedicate e condivise Aree utenti dedicate. Dedicate esclusivamente ad un solo cliente. Preconfigurate con PC e connesse a LAN private. Fisicamente segregate e protette. Sfruttabili anche come aree di storage per le battlebox e per altro materiale. Hanno un costo relativamente alto. Aree utenti condivise. Allestimento standard Telefoni,cassettiere,n di armadi per postazione,monitor. Ambiente open space, ma con possibilità di partizionamento. Il cablaggio strutturato è collegabile a dispositivi di rete differenti o a Virtual LAN dedicate. 35

36 36 Il recovery dei gli utenti Esempi di aree DR

37 Il recovery degli utenti Elementi di valutazione per il contratto 37 In Generale. Allestimento aree. Allestimento degli uffici. Meeting room Espandibilità massima consentita. Infrastrutture tecnologiche standard. Numero di punti rete per postazione. Nodi di telecomunicazione e accesso ai carrier Apparati di rete Tipologia e funzionalità dei centralini Rapporto FAX / Postazioni Rapporto Stampanti / Postazioni Servizi di supporto tecnologico. Servizi di supporto e servizi generali Posta interna. Personale tecnico di supporto agli utenti e ai team.

38 Il recovery degli utenti Elementi di valutazione per il contratto 38 Per le Aree condivise. Numero massimo di condivisione delle postazioni. Tipologia dei clienti. Posizione geografica dei clienti. Numero minimo di postazioni assicurate nel La gestione della contestualità. Per % sulle postazioni sottoscritte. Per FI/FO.

39 Il recovery degli utenti Allestimento tecnologico per gli utenti 39 PC e Workstation in DR. Uso di PC del provider con soluzioni di accesso remoto o via WEB attraverso thin client. CITRIX o WTS con PC condivisi. Bare Metal su PC dedicati o condivisi. PC dedicati Hot o cold stand by. Wireless LAN e access point. Periferiche condivise in DR. In base all analisi dei bisogni, prevedere sempre stampanti ad alto volume condivise in LAN.

40 Il recovery degli utenti Allestimento tecnologico per gli utenti 40 Telefonia. Predisposizione di Hunting group. Linee esterne sulla base del numero di utenti. Espandibilità del centralino in caso di ampliamento delle aree di lavoro. Call center e ACD.

41 41 Il recovery degli utenti I fattori umani I fattori umani in caso di catastrofi. Protezione del personale dai media. Management briefing durante il periodo di crisi. Comunicazione alle famiglie. Aiuto psicologico.

42 42 Il recovery degli utenti 2 IIHUWH FRPPHUFLDOL $SSOLFD]LRQLUHWLVLVWHPLWHOHIRQLD 5HTXLUHPHQWXWHQWL 3LDQRGLULORFD] LRQH

43 43 Fine della sessione Domande?

44 44 Preparare un piano di Disaster Recovery A.Tonani Clever Consulting Srl Il Disaster Recovery delle reti Sessione 7

45 45 Sommario Considerazioni generali. I tre livelli di intervento. Esempio di rete enterprise. L eliminazione dei single point of failure. Le attività di prevenzione. Strategie di ripristino delle reti. Esempi e Case History. Il recovery dei servizi fonia.

46 46 Il recovery delle reti Considerazioni generali Le reti NON sono considerate obiettivi PRIMARI per un piano di DR recovery. Requirement minimi in DR sulle scelte architetturali e il numero degli utenti. La loro criticità è da valutare in base al supporto dei sistemi e agli accessi critici supportati. La ridondanza e l alta affidabilità sono caratteristiche facilmente integrabili. Focus sui single point of failure durante il processo preventivo. L aspetto della sicurezza è da preservare ed elevare in caso di disaster recovery.

47 47 Il recovery delle reti I tre livelli di intervento Ruotano attorno al nucleo composto dalle applicazioni critiche. Livello Interno Periferiche (Stampanti) Device I/O (SAN) LAN (Router, Server, NAS) PBX Livello intermedio Local Loop Router Wan Media dei carrier Porte switch WAN Modem Periferiche di accesso remoto (RAS) CSU/DSU Linee PBX Il Livello di Wide Area Network MAN Circuiti Frame Relay DACS Sistemi esterni Internet

48 Il recovery delle reti Schema tipico di una rete enterprise 48

49 49 Il recovery delle reti Le attività di prevenzione 1. Dall analisi di rischio e di processo, verificare le dipendenze del network sui processi critici su ciascun livello. 2. Ottenere la documentazione sulla topologia fisica e logica dagli amministratori di rete. 3. Verificare i livelli minimi accettabili per la continuità dei processi critici. 4. Sviluppo degli scenari di indisponibilità sulle componenti critiche. 5. Metodologie di ridondanza o sostituzione delle componenti di rete critiche.

50 Il recovery delle reti Eliminazione dei single point of failure 50 Livello reti interne Strutturare la rete secondo un modello modulare scalabile. Core, Distribution, Access Usare tool di monitoring, amministrazione Openview, Ciscoworks Backbone e cablaggi fisici ridondati su core e distribution layer. Core Layer e Distribution layer ridondato. Alimentatori rindondati su linee elettriche differenti. Doppi router con HSRP e protocolli di routing intelligenti (EIGRP, OSPF) Backbone e trunk con path ridondati attraverso STP. Doppi Firewall ridondati - Indirizzo virtuale dei firewall attraverso VRRP. Schede LAN e cabling ridondati sui server critici. Utilizzare linee telefoniche dirette che bypassino il PBX sui desk critici.

51 Il recovery delle reti Eliminazione dei single point of failure 51 Livello intermedio ed esterno. Utilizzare linee di backup con tipologie di accesso differenti da quelle di produzione. Utilizzare linee di backup con carrier rispetto a quelle di produzione. Linee con percorsi e ingressi all edificio ridondati. Border router ridondati. Spare part disponibili on-site.

52 Il recovery delle reti Strategie di ripristino delle reti in DR 52 LAN presso il sito di DR. Rete interna Rete interna estesa presso il sito di DR. Gestione del controllo e delle repliche Prevede router di backup per i collegamenti alle reti geografici In caso di normale attività, la rete interna è segregata all interno del data centerdi DR. E estendibile alle aree utenti attraverso collegamento fisico del backbone. Utilizzo di Vlan con apparati condivisi con altri clienti Distribuzione attraverso switch dedicati del cliente. Wirless attraverso access point dedicati Il DR come nodo di backup in produzione. Reinstradamento ai server DR attraverso l uso del DNS Reti esterne Infrastrutture perimetrali di sicurezza replicate presso il sito di DR Accesso ad internet e collegamenti remoti attraverso VPN.

53 53 Il recovery delle reti Case history V $PVWHUGDP )UDQNIXUW 0 EV,WDOLDQILQDQFLDO LVWLWXWLRQV ([WHUQDOFOLHQWV 6,$66%6RJHL%2, 5HXWHUV %ORRPEHUJ 0 EV P XOWLSOHOLQNV P XOWLSOHOLQNV 0LODQ+($' 2)),&( 0HWURSROLWDQ EUDQFKRIILFH Si )LEUH2SWLFDO V OLQN0E?/ LQN Si )LEUH2SWLFDO 0HWURSROLWDQ$UHD1HWZRUN0EV,6'1ENXS 0LODQQG2IILFH. EV. EV 0 E V 0LODQ'5VLWH 0LODQ6PD O%UDQFK )LUHQ]H %RORJQD

54 54 Il recovery delle reti Case history P E Si Si Si Si Si

55 55 Il recovery dei servizi fonia PABX presso il sito di DR Generalmente fornito standard in dotazione dal provider Digitale ed espandibile per interni e numero di linee Supporta funzioni avanzate Utilizza flussi ISDN primari Può essere customizzato con funzionalità estese a secondo delle necessità Hunting group Pick up Redirezione Servizi di redirezione offerti dai carrier Telecom Italia servizio di presidio centralizzato. Virtualizzazione dei PBX

56 56 Il recovery delle reti Data Flow Diagram,QIRUPD]LRQHGHL IRUQLWRUL ) 6YLOXSSRGHOD VWUDWHJLDGLUHFRYHU\ GHOOHUHWLLQWHUQH 5HTXLUHPHQW SHUPHGLDH KDUGZDUH ) 9DOXWD]LRQLGH OH RS]LRQLGL VRVWLWX]LRQHH ULGRQGDQ]D KDUGZDUH 2 S] LRQL 6HQLRU 0DQDJHPHQW $QDOLVLGL ULVFKLR 6FHQDUL GLLQWHUX]LRQLOLQHHGL FRPXQLFD]LRQH ) 6YLOXSSRGH OD VWUDWHJLDGLUHFRYHU\ GHOVHUYL]LWHOHFRP ) 9DOXWD]LRQHGH OH RS]LRQLGLULSULVWLQR GHLVHUYL]L RS] LRQL ) 6FHOWDHWHVW GH OH RS]LRQL 3URFHGXUHGL FKDQJH PDQDJHPHQW 5HTXLUHP HQWGHO UHFRYHU\ RQOLQH 8WHQWL 0HWRGRORJLH SXEEOLFDWH SHULOEDFNXS 7HOHFRP'DWDFRP,QIRUPD]LRQLGDL IRUQLWRUL ),PSOHPHQWD]LRQH GHOOHRS]LRQL ) 6YLOXSSRGH OH VWUDWHJLHGL ULDOORFD]LRQHGHO QHWZRUN 5HTXLUHP HQWSHULOULSULVWLRQRGHOQHWZRUN ) 9DOXWD]LRQHGH OH RIHUWHGDSDUWHGHO '5VHUYLFHSURYLGHU 3ROLF\HSURFHGXUH 7HVW,OUHFRYHU\GH OHUHWL &RQWUDWWRSHU'5 +27VLWH

57 57 Fine della sessione Domande?

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery

La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Pavia 15 Marzo 2012 Mauro Bruseghini CTO, R&D B.L.S. Consulting S.r.l. La soluzione di Cloud Backup e Disaster Recovery Disaster Recovery 2 Cosa di intende per Disaster Recovery? Insieme di soluzioni tecnice

Dettagli

Preparare un Piano di Disaster Recovery. Antonio Tonani, Clever Consulting srl.

Preparare un Piano di Disaster Recovery. Antonio Tonani, Clever Consulting srl. Preparare un Piano di Disaster Recovery Antonio Tonani, Clever Consulting srl. 2 Preparare un piano di Disaster Recovery A.Tonani Clever Consulting Srl Il Recovery dei dati Sessione 4 3 Sommario I dati

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Flessibilità e Sicurezza Tecnologica per il Lavoro e la Sperimentazione delle Imprese

Flessibilità e Sicurezza Tecnologica per il Lavoro e la Sperimentazione delle Imprese INCUBATORI OMC E LIB Flessibilità e Sicurezza Tecnologica per il Lavoro e la Sperimentazione delle Imprese ASNM e i servizi di incubazione Agenzia Sviluppo Nord Milano (ASNM) è una società mista, a prevalente

Dettagli

S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE

S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE - Giugno 2005 - --- Servizio Affari Generali e Amministrativi,

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

Service e Switch Recovery

Service e Switch Recovery Service e Switch Recovery Marcello Maggiora Antonio Lantieri Politecnico di Torino Agenda L infrastruttura di rete del Politecnico di Torino Aree di sviluppo: Performance, Mobilità e Reliability Alta affidabilità

Dettagli

Attraverso l esperienza ed il continuo aggiornamento, operiamo con competenza e professionalità.

Attraverso l esperienza ed il continuo aggiornamento, operiamo con competenza e professionalità. Attraverso l esperienza ed il continuo aggiornamento, operiamo con competenza e professionalità. LA SOCIETÀ COMPETENZE SERVIZI CONSULENZA E METODOLOGIA APPLICATA ASSISTENZA TECNICA CONNETTIVITÀ E SICUREZZA

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

Risorsa N 001954. Sistemi Operativi: Windows Client (Exp. 7 anni) Active Directory (Exp. 1 anno) Linux (Exp. 1 anno) Unix (Exp.

Risorsa N 001954. Sistemi Operativi: Windows Client (Exp. 7 anni) Active Directory (Exp. 1 anno) Linux (Exp. 1 anno) Unix (Exp. Risorsa N 001954 DATI ANAGRAFICI: Nato nel : 1969 Residente a: Roma FORMAZIONE E CORSI: Nel 2007: Corso su Linux & reti installazione e configurazione di una rete completa, con server Apache/ PHP Nel 2002:

Dettagli

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE.

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE. Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE Pagina 1 di 10 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE...3

Dettagli

Effective Email & Collaboration Ottenere il massimo da Lotus Notes e Domino

Effective Email & Collaboration Ottenere il massimo da Lotus Notes e Domino Effective Email & Collaboration Ottenere il massimo da Lotus Notes e Domino SurfTech: la competenza al servizio dell innovazione SurfTech nasce nel Febbraio 2008, dall iniziativa di tre professionisti

Dettagli

MY FIRST SAN IT CONSOLIDATION

MY FIRST SAN IT CONSOLIDATION MY FIRST SAN IT CONSOLIDATION IT Consolidation L approccio HP alla IT Consolidation 2 Cosa si intende per IT Consolidation Con IT Consolidation ci riferiamo alla razionalizzazione delle risorse IT per

Dettagli

DOUBLE-TAKE 5.0. Antonio Tonani Clever Consulting S.r.l. - Gen 2008. www.doubletake.com

DOUBLE-TAKE 5.0. Antonio Tonani Clever Consulting S.r.l. - Gen 2008. www.doubletake.com DOUBLE-TAKE 5.0 Antonio Tonani Clever Consulting S.r.l. - Gen 2008 Agenda Introduzione a Double-Take Software La nuova piattaforma Double-Take 5.0 Double-Take 5.0: Soluzioni per il Failover e il Ripristino

Dettagli

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con Il Cloud Computing In collaborazione con Cos è Net@VirtualCloud L Offerta Net@VirtualCloud di Netcube Italia, basata su Server Farm certificate* e con sede in Italia, è capace di ospitare tutte le applicazioni

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

la Soluzione di Cloud Computing di

la Soluzione di Cloud Computing di la Soluzione di Cloud Computing di Cos è Ospit@ Virtuale Cosa è? Ospit@ Virtuale è l offerta Cloud- Computing di Impresa Semplice, che consente alle Piccole e Medie Imprese di ospitare presso i Data Center

Dettagli

I servizi ICT a supporto della Continuità Operativa. Marco Filippi Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte

I servizi ICT a supporto della Continuità Operativa. Marco Filippi Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte I servizi ICT a supporto della Continuità Operativa Marco Filippi Programma di Continuità Operativa - CSI Piemonte La strategia ICT in Piemonte Infrastrutture su tutto il territorio per ridurre il digital

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

PROGRAMMA CORSO SISTEMISTA INFORMATICO

PROGRAMMA CORSO SISTEMISTA INFORMATICO PROGRAMMA CORSO SISTEMISTA INFORMATICO Corso Sistemista Junior OBIETTIVI L obiettivo dei corsi sistemistici è quello di fornire le conoscenze tecniche di base per potersi avviare alla professione di sistemista

Dettagli

Data Center Affidabilità e Business Continuity per il Data Center

Data Center Affidabilità e Business Continuity per il Data Center Cloud Computing Virtual Office Cloud Mail - Cloud Box - Cloud Docs - Cloud App Virtual Hosting VPS - Windows/Linux On Demand Security Backup Geografico - Active Directory Disaster Recovery - Remote Network

Dettagli

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web 1 INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 3 2. SLA RELATIVO ALLA INFRASTRUTTURA PRIMARIA 3 2.1. Dati di targa... 3 2.2. Banda virtuale

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti.

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. La 3S Telematica offre servizi di consulenza, progettazione, realizzazione e gestione di reti informatiche con particolare risvolto legato alla

Dettagli

Company profile 2014

Company profile 2014 Company profile 2014 Chi siamo Digimetrica è una società specializzata in: Sicurezza informatica Networking e gestione di infrastrutture informatiche Outsourcing di soluzioni internet e cloud computing

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Introduzione al Cloud Computing

Introduzione al Cloud Computing Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e Cloud Introduzione al Cloud Computing Leopoldo Onorato Onorato Informatica Srl Mantova, 15/05/2014 1 Sommario degli argomenti Definizione di

Dettagli

Cloud Service Area. www.elogic.it. Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni Costa, 30 40133 Bologna - Tel. 051 3145611 info@elogic.

Cloud Service Area. www.elogic.it. Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni Costa, 30 40133 Bologna - Tel. 051 3145611 info@elogic. Cloud Service Area Private Cloud Managed Private Cloud Cloud File Sharing Back Up Services Disaster Recovery Outsourcing & Consultancy Web Agency Program Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni

Dettagli

Piattaforme tecnologiche per l e-learning

Piattaforme tecnologiche per l e-learning Piattaforme tecnologiche per l e-learning sul valore del compromesso Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Forum Formazione Somedia - Milano, 7 Novembre 2007 Un utile premessa.. sul successo

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi. La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.it 1 La gestione delle Soluzioni IT/IP - cose da fare Acquisizione

Dettagli

la Soluzione di Cloud Computing di

la Soluzione di Cloud Computing di la Soluzione di Cloud Computing di Cos è Ospit@ Virtuale Virtuale L Offerta di Hosting di Impresa Semplice, capace di ospitare tutte le applicazioni di proprietà dei clienti in grado di adattarsi nel tempo

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio Remote Service Solution Descrizione del Servizio Redattore: Alberto Redi Luogo e Data Lugano, 25 Novembre 2008 Status: Finale All attenzione di: Protocollo: Security Lab Sagl ViaGreina 2 - CH 6900 Lugano

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Un caso di successo: TIM

Un caso di successo: TIM Un caso di successo: TIM Flavio Lucariello Servizi Informatici/Architettura TIM Coordinatore Progettazione Reti Aziendali Presenza TIM nel Mondo Case Study Iniziativa TIM Italia per la creazione di un

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci

Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci 30 gennaio 2008 Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 - Roma Rete wireless d Ateneo 30 Gennaio 2008 Luisella Sironi Università

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

DatavenetaBC. Note tecniche del servizio. edizione 2015 PERSONAL COMPUTER - SERVER - RETI - VPN - SICUREZZA & PRIVACY

DatavenetaBC. Note tecniche del servizio. edizione 2015 PERSONAL COMPUTER - SERVER - RETI - VPN - SICUREZZA & PRIVACY SEDE DI TREVISO Via Mattei, 2 31030 Casier (TV) Tel: 0422.381109 Fax: 0422.1833029 Web:www.dataveneta.it Assistenza: assistenza@dataveneta.it Commerciale:preventivi@dataveneta.it DatavenetaBC Cloud Computing

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Case History: Potenziare l attuale Data Center Di.Tech

Case History: Potenziare l attuale Data Center Di.Tech Elisabetta Rigobello Case History: Potenziare l attuale Data Center Di.Tech Roma, 5 febbraio 2015 SOMMARIO Chi è Di.Tech Il progetto: Obiettivi Infrastruttura di partenza Motivazioni di una scelta Prossimi

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Virtualizzazione applicata al segmento SMB

Virtualizzazione applicata al segmento SMB 2010 VMware Inc. All rights reserved VMUG IT Meeting Sirmione - 4 Aprile 2012 Twitter hashtag: #VMUGIT Virtualizzazione applicata al segmento SMB Andrea Mauro e Luigi Rosa 2 Chi siamo in 4 parole Andrea

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI Premessa In generale i servizi di un Full Service Provider sono più o meno paragonabili. Qui di seguito viene descritto il servizio di Firewalling specifico di un fornitore ma di contenuto assolutamente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev. 12/12/2012. Digital Style Informatica www.digital-style.it info@digital-style.it +393293998966

CARTA DEI SERVIZI. Rev. 12/12/2012. Digital Style Informatica www.digital-style.it info@digital-style.it +393293998966 CARTA DEI SERVIZI Rev. 12/12/2012 Networking Rack Allestimento di Armadi di Permutazione con Patch Panel, Switch, Router, UPS, Server su slitte, Server Blade e dispositivi di Storage. Switching Configurazione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ANALISI DELL INFRASTRUTTURA IT

ANALISI DELL INFRASTRUTTURA IT ITAS ANALISI DELL INFRASTRUTTURA IT Criticità di sicurezza Trento Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it 20121 MILANO (MI) - Italy Tel. +39.02.29060603

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Si S curezza a sw w net il c orr r e r tto design del t uo s istema i nform r atico una soluzione

Si S curezza a sw w net il c orr r e r tto design del t uo s istema i nform r atico una soluzione Sicurezza asw net il corretto design del tuo sistema informatico una soluzione Sicurezza asw net un programma completo di intervento come si giunge alla definizione di un programma di intervento? l evoluzione

Dettagli

Le soluzioni Cisco di business continuity

Le soluzioni Cisco di business continuity Le soluzioni Cisco di business continuity Un efficace piano di business continuity dovrebbe includere: Analisi del rischio: analisi dei processi produttivi, costi dei downtime e del ripristino Piano di

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

Soluzioni e servizi a supporto della continuità del business. Padova, 9 ottobre 2008. Francesco Scribano BCRS Leader Italia

Soluzioni e servizi a supporto della continuità del business. Padova, 9 ottobre 2008. Francesco Scribano BCRS Leader Italia Soluzioni e servizi a supporto della continuità del business Padova, 9 ottobre 2008 Francesco Scribano BCRS Leader Italia Agenda Il contesto Le soluzioni Gli asset Information Protection Services CONTESTO

Dettagli

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno In questi ultimi anni gli investimenti

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

* *Non esiste luogo più sicuro

* *Non esiste luogo più sicuro Soluzioni per l Hosting * *Non esiste luogo più sicuro per i vostri dati Le soluzioni hosting di Interoute offrono una collocazione (co-location) sicura, dedicata e a prezzi competitivi per i sistemi e

Dettagli

L architettura di rete FlexNetwork

L architettura di rete FlexNetwork HP L offerta di soluzioni e servizi per il networking di HP si inserisce nella strategia che concorre a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione di data

Dettagli

Selezione pubblica per affidamento incarico di assistenza e gestione del sistema informativo,telematico e telefonico del Comune di Fisciano.

Selezione pubblica per affidamento incarico di assistenza e gestione del sistema informativo,telematico e telefonico del Comune di Fisciano. Selezione pubblica per affidamento incarico di assistenza e gestione del sistema informativo,telematico e telefonico del Comune di Fisciano. Oggetto della selezione In esecuzione della delibera di Giunta

Dettagli

Soluzioni di Business Continuity: Metodologie e tecnologie abilitanti

Soluzioni di Business Continuity: Metodologie e tecnologie abilitanti 2 Congresso Nazionale Banche Club TI Verona 24 giugno 2005 Soluzioni di Business Continuity: Metodologie e tecnologie abilitanti Giovanni Oldani IBM Senior Consultant 1 Auditorium del Banco Popolare di

Dettagli

Windows Server System: le tecnologie Microsoft per il Server Based Computing

Windows Server System: le tecnologie Microsoft per il Server Based Computing Windows Server System: le tecnologie Microsoft per il Server Based Computing Luisa Cazzaniga Product Manager Windows Server Microsoft luisac@microsoft.com Windows Server 2003 Vision Obiettivi Prodotti

Dettagli

ACI Informatica. Roma,18 maggio 2012 MODELLI PER UNA CRESCITA - 29 OTTOBRE 07

ACI Informatica. Roma,18 maggio 2012 MODELLI PER UNA CRESCITA - 29 OTTOBRE 07 ACI Informatica Roma,18 maggio 2012 MODELLI PER UNA CRESCITA - 29 OTTOBRE 07 1 L Automobile Club d Italia ACI Informatica (ACI.it) supporto di ACI verso PA Centrale ACI Delegazioni Cittadini PA Locale

Dettagli

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe Business continuity per la PA Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma Generalità sul disaster recovery Disaster recovery e sicurezza Aspetti

Dettagli

Dal PC a Sun Virtual Desktop: un processo ecosostenibile, economico, talvolta open source! Fabrizio Ghelarducci

Dal PC a Sun Virtual Desktop: un processo ecosostenibile, economico, talvolta open source! Fabrizio Ghelarducci Dal PC a Sun Virtual Desktop: un processo ecosostenibile, economico, talvolta open source! Fabrizio Ghelarducci Direttore - TAI Accelerazione dell Innovazione I processi di innovazione hanno un impatto

Dettagli

Implementare la desktop virtualization: l esperienza di Servizi Bancari Associati

Implementare la desktop virtualization: l esperienza di Servizi Bancari Associati Implementare la desktop virtualization: l esperienza di Servizi Bancari Associati Carlo Lattanzio, Direttore Generale Servizi Bancari Associati 27 settembre 2011 Servizi Bancari Associati Spa 1 Agenda

Dettagli

Infrastrutture e Architetture di sistema

Infrastrutture e Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi B2_1 V1.1 Infrastrutture e Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Virtualizzazione senza stare tra le nuvole (virtualizzare con i piedi per terra)

Virtualizzazione senza stare tra le nuvole (virtualizzare con i piedi per terra) Virtualizzazione senza stare tra le nuvole (virtualizzare con i piedi per terra) Massimiliano Moschini @maxmoschini Andrea Mauro @Andrea_Mauro vinfrastructure.it Giuseppe Guglielmetti @gguglie virtualbyte.wordpress.com

Dettagli

telecomunicazioni Internet e fonia

telecomunicazioni Internet e fonia telecomunicazioni Internet e fonia PER LE AZIENDE CHI SIAMO Servizi wireless top Servizi di telecomunicazioni wireless su frequenze radio riservate o su frequenze libere. Progettazione e implementazione

Dettagli

NUOVA ENERGIA PER L INTEGRAZIONE IT

NUOVA ENERGIA PER L INTEGRAZIONE IT NUOVA ENERGIA PER L INTEGRAZIONE IT Dalla consulenza alla systems integration, alla completa gestione delle soluzioni IT, LUNACOM guida le performance del vostro business. REGOLA NUMERO UNO: COMPRENDERE

Dettagli

- SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente

- SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente SISS - Sistema Informativo Socio Sanitario - SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente Configurazione del PdL Operatore Codice documento: CRS-ISAU-SIAU#05 Versione: 09 PVCS: 14 Data di emissione:

Dettagli

Capitolato Tecnico fornitura SAN per la sede di Roma del Centro Sperimentale di Cinematografia Via Tuscolana, 1524

Capitolato Tecnico fornitura SAN per la sede di Roma del Centro Sperimentale di Cinematografia Via Tuscolana, 1524 Capitolato Tecnico fornitura SAN per la sede di Roma del Sommario 1. Introduzione... 2 2. Requisiti Fornitori... 2 3. Generalità... 3 4. La Soluzione SAN: requisiti richiesti... 4 4.1. Caratteristiche

Dettagli

Gara n. 4066. Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO

Gara n. 4066. Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO Gara n. 4066 Fornitura di un sistema per il consolidamento della Piattaforma di Service Management SINTESI DELL APPALTO Pagina 1 di 5 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE... 3 2. PROGETTO

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Sicurezza Network, hardware e software Claudio Giovanzana Direzioni Sistemi Informativi Ospedale H San Raffaele Milano, 18 gennaio 2007 1 Sicurezza: Definizione

Dettagli

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977.

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. L Azienda È una azienda specializzata nella vendita e assistenza di hardware, software e servizi informatici composta da un organico di circa settanta

Dettagli

(PROVINCIA DI SALERNO)

(PROVINCIA DI SALERNO) (PROVINCIA DI SALERNO) Selezione pubblica per affidamento incarico di assistenza e gestione del sistema informativo, telematico e telefonico del Comune di Fisciano 1 1. Oggetto della selezione In esecuzione

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Come, quando e perché? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Smau e-academy - Milano, 17 ottobre 2007 Un utile premessa.. sul

Dettagli

+39 039 795553 +39 320 1717389. claudio@tancini.it. www.tancini.it. Skype id : claudio.tancini. Data di nascita: 26/11/1959. Stato civile: Sposato

+39 039 795553 +39 320 1717389. claudio@tancini.it. www.tancini.it. Skype id : claudio.tancini. Data di nascita: 26/11/1959. Stato civile: Sposato Informazioni personali CV Claudio Tancini Via Sondrio 16-20835, Muggio' (MB) - Italia +39 039 795553 +39 320 1717389 claudio@tancini.it www.tancini.it Skype id : claudio.tancini Data di nascita: 26/11/1959

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Thinking Fast: il sistema di backup più veloce al mondo ora esegue anche l'archiviazione

Thinking Fast: il sistema di backup più veloce al mondo ora esegue anche l'archiviazione Thinking Fast: il sistema di backup più veloce al mondo ora esegue anche l'archiviazione I sistemi di backup più veloci al mondo Il primo sistema al mondo per la conservazione a lungo termine di backup

Dettagli

Making the Internet Secure TM

Making the Internet Secure TM Making the Internet Secure TM e-security DAY 3 luglio 2003, Milano Kenneth Udd Senior Sales Manager SSH Communications Security Corp. SSH Communications Security Corp Storia Fondata nel 1995 Ideatrice

Dettagli

Colt VoIP Access. Presentazione ai clienti. Nome del relatore. 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati.

Colt VoIP Access. Presentazione ai clienti. Nome del relatore. 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati. Colt VoIP Access Presentazione ai clienti Nome del relatore 2010 Colt Technology Services Group Limited. Tutti i diritti riservati. Esigenze aziendali Siete alla ricerca di metodi che vi consentano di

Dettagli

22 Marzo 2012 Silvio Torracchi - storracchi@conaddeltirreno.it Direzione It Conad Del Tirreno Resp. Infrastrutture ed Operation

22 Marzo 2012 Silvio Torracchi - storracchi@conaddeltirreno.it Direzione It Conad Del Tirreno Resp. Infrastrutture ed Operation 22 Marzo 2012 Silvio Torracchi - storracchi@conaddeltirreno.it Direzione It Conad Del Tirreno Resp. Infrastrutture ed Operation Piano di It Disaster Recovery 1 1 CONAD DEL TIRRENO FATTURATO AL PUBBLICO

Dettagli

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE ALLEGATO B5.3 VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE Situazione alla data 30.6.2011 Pag. 1 di 6 AIX Logical Partitions Database L infrastruttura dell ambiente RISC/AIX viene utilizzata come Data Layer; fornisce

Dettagli

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile IBM i5/os garantisce la continua operatività della vostra azienda IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile Caratteristiche principali Introduzione del software HASM (High Availability

Dettagli

SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI

SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI 1 di 8 INDICE I Valori di Solutiva pag. 3 La Mission Aziendale pag. 4 La Manutenzione Hardware pag. 5 Le Soluzioni Software pag. 6 Il Networking pag. 7 I

Dettagli