Beach volley: differenze tecniche e regolamentari con la pallavolo ed allenamento specifico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Beach volley: differenze tecniche e regolamentari con la pallavolo ed allenamento specifico"

Transcript

1 Università degli Studi di Bologna Polo di Rimini Facoltà di Scienze Motorie A.A Corso di T.T.D. dei Giochi Sportivi - Pallavolo Beach volley: differenze tecniche e regolamentari con la pallavolo ed allenamento specifico Devis Trioschi

2 Struttura del gioco 2 soli giocatori coprono un area di 64 m 2 (minore di 17 m 2 rispetto a quella indoor) Il campo misura 8 mt x 8 mt (1 mt meno dell indoor) Non esiste la linea dei 3 mt (non ci sono giocatori in prima o seconda linea) L altezza della rete è identica a quella della pallavolo, rispettivamente per il settore maschile e femminile La stagione agonistica ad alto livello va da aprile a settembre

3 Altre differenze con l indoorl Punteggio: RPS, 2 set su 3 a 21 pt., l eventuale l 3 3 set a 15 pt. La palla è più pesante rispetto a quella della pallavolo (circa 280 gr.) e leggermente più ampia come circonferenza Il BV è estremamente condizionato dagli agenti atmosferici (sole e vento, a volte pioggia): si effettua un cambio di campo ogni 7 pt.. Nei set a 21 od ogni 5 pt.. Nei set a 15 Durante la fase di battuta il giocatore a muro non può in nessun modo ostacolare la visibilità della squadra opposta Non esiste il fallo d invasione d SOTTO la rete se non si disturba l azione l della squadra avversaria

4 Altre differenze con l indoorl L unica colpo di attacco vietato è il pallonetto (colpo morbido a mano aperta) Non si può inviare la palla nel campo avversario in palleggio in salto ed anche il palleggio a terra deve essere eseguito unicamente nella direzione perpendicolare alla linea delle spalle ( in( asse ) La ricezione del servizio è sempre sanzionata se viene effettuata a mani aperte ( tipo( palleggio ) Nel beach volley il muro è considerato primo tocco La difesa è consentita a mani aperte solo su attacco di potenza, quando la palla non disegna traiettorie ad arco ma ha un andamento rettilineo dall alto alto in basso La squadra è composta da soli due elementi e non esistono riserve

5 riprendiamo alcuni aspetti 2 soli giocatori coprono un area di 64 m 2 (minore di 17 m 2 rispetto a quella indoor) Il campo misura 8 mt x 8 mt (1 mt meno dell indoor) Non esiste la linea dei 3 mt (non ci sono giocatori in prima o seconda linea) Ogni giocatore ha un area molto vasta da ricoprire rispetto all indoor È intuibile come in attacco non sia necessario forzare sempre il colpo per ottenere il punto => importanza dei colpi d attacco d lenti shot In ogni scambio ogni atleta della squadra in ricezione effettuerà almeno un fondamentale tecnico La squadra che batte può decidere chi far attaccare ma non quando Tutti e due i giocatori devono avere una buona padronanza nei fondamentali => l unica l specializzazione possibile è per MURO e DIFESA

6 riprendiamo alcuni aspetti Il BV è estremamente condizionato dagli agenti atmosferici (sole e vento, a volte pioggia): si effettua un cambio di campo ogni 7 pt.. Nei set a 21 od ogni 5 pt.. Nei set a 15 La squadra è composta da soli due elementi e non esistono riserve La stagione agonistica va da aprile a settembre In allenamento è necessario considerare questi aspetti e quindi allenarsi in orari differenti della giornata e con ogni condizione atmosferica (proprio come può avvenire in gara) La pressione psicologica è paragonabile a quella di uno sport singolo=> allenarsi con sollecitazione psichica Diversa periodizzazione dell allenamento rispetto all indoor

7 riprendiamo alcuni aspetti L unica colpo di attacco vietato è il pallonetto (colpo morbido a mano aperta) La ricezione del servizio è sempre sanzionata se viene effettuata a mani aperte ( tipo( palleggio ) Nel beach volley il muro è considerato primo tocco La difesa è consentita a mani aperte solo su attacco di potenza, quando la palla non disegna traiettorie ad arco ma ha un andamento rettilineo dall alto alto in basso E vero che non serve forzare ogni volta il colpo d attacco, d ma le tecniche dei colpi lenti richiedono elevata precisione per essere efficaci Ricevere coprendo tutto il campo in due soli giocatori utilizzando solo il bagher implica un ottima padronanza del fondamentale soprattutto nel bagher laterale ed in tuffo (fondam.. Poco utilizzato nell indoor) Il difensore dovrà essere preparato sia per colpi potenti che per quelli lenti che scavalcano il muro (a differenza della pallavolo è utilizzata la difesa in movimento)

8 Per avere un idea del gioco (video)

9 Analisi della battuta nel BV Le tecniche La tattica individuale La tattica di squadra B.saltoflot B.skyball B.flottante B.in salto

10

11 Es. di tattica individuale: Battuta nelle zone in cui è più facile mettere in difficoltà la ricezione (utilizzando sole e vento a proprio favore ) Es. di tattica di sq: battere sul peggior ricevitore o sul peggior attaccante

12 Le tecniche La ricezione

13

14 La tattica individuale: disposizione a seconda della posizione del battitore avversario B A A Competenze di campo identiche dei ricevitori perché il battitore effettua il servizio dalla zona centrale della linea di fondo (battute A) Competenze di campo diverse, al centro copre il ric che si trova sulla diagonale di battuta, NOTARE LA DIVERSA POSIZIONE DEL CORPO DEI 2 Ric

15 e a seconda del vento

16 Tattica di squadra: zone ideali d indirizzo d della palla in ricezione

17 L Alzata Le tecniche

18 La tattica individuale: spostamento iniziale verso il centro del campo quando ci si rende conto di non dover ricevere, poi spostamento contemporaneo alla palla ricevuta (è( miglior tempo su ogni tipo di ricezione ) La tattica di squadra: Gli avversari sanno chi attaccherà ma non da che punto della rete e non quando Linea continua: primo tempo In tratteggio corto : secondo tempo In tratteggio lungo: terzo tempo

19 L Attacco Tecnica dei colpi di potenza (sono 4, simili all indoor, cambia la direzione di rincorsa, quasi sempre perpendicolare a rete (non c è tempo per eseguire spostamenti preventivi Non ci si ALLARGA )

20 Le 4 direzioni dei colpi potenti Attacco forte in diagonale lunga Attacco forte nel centro del campo Attacco forte in lungolinea ed in diagonale stretta

21 Tecnica dei colpi lenti I colpi lenti shot sono atipici nel volley indoor Cut shot (palla tagliata) a sinistra eseguito perfettamente: la palla passa sopra la rete circa a metà campo

22 Qualche altro colpo lento (mostrati da sn a dx): 1. Line shot (colpo lento sopra il muro il lungolinea 2. Deep line (colpo a scavalcare il giocatore che ha eseguito un finto muro) 3. Colpo del cobra 3 4. Poke shot (colpo di nocche) 4 1 2

23 Tattica individuale: scelta del colpo (guardo le mani del muro e scelgo un colpo potente o guardo il difensore e scelgo uno shot?) Tattica di squadra: chiamata del compagno subito dopo la sua alzata(in genere si chiama la zona scoperta in difesa)

24 Il Muro Le tecniche (da sn in basso a dx in alto) Posizione di partenza 1. Muro invadente su attacco potente 2. Muro su palle lente 3. Spread block (muro aperto) 4. Kong block (muro ad una mano)

25 La tattica individuale (scelta del tempo e del tipo di muro) La tattica di squadra (correlazione muro-difesa)

26 La Difesa Le tecniche (da sn in basso a dx in alto) 1. Bagher difensivo 2. Difesa in tuffo 3. Beach dig (difesa a mani aperte) 4. Tecnica tomahawk 5. Poke shot (colpo di nocche difensivo)

27 La tattica individuale (osservazione dell attaccante e scelta del tempo per recuperare l eventuale palla lenta sopra il muro) La tattica di squadra (correlazione muro-difesa)

28 CORRELAZIONE

29 Area 4: area di difesa su palle lente di precisione Area 2: il gioc. A muro interviene in difesa Area 5 Area 3: area di attacco potente se il muro copre il lungo linea Area 1: area coperta dal muro su attacchi potenti Area 4bis

30 Area 5 Area 2: il gioc. A muro interviene in difesa Area 4: area di difesa su palle lente di precisione Area 1: area coperta dal muro su attacchi potenti Area 4bis Area 3: area di attacco potente se il muro copre la diagonale

31 Area 2: il muratore interviene in difesa Area 4: palle lente Area 1: cono d ombra del muro Area 4bis: palle lente Area 3: zona di attacco forte Area 3bis: zona di attacco forte

32 ALLENAMENTO 4 parti fondamentali sempre interconnesse interconnesse (valido per tutti gli sport) 1. Preparazione fisica Capacità condizionali (forza, resist, velocità) Mobilità articolare Capacità coordinative e di max destrezza 2. Preparazione tecnica 3. Preparazione tattica Impiego economico delle qualità fisiche: I fondamentali Uso della tecnica per raggiungere lo scopo del gioco 4. Preparazione psicologica Condizionamento mentale per acquisire sicurezze

33 Analisi dello Sforzo fisico nel BV Per un ora effettiva di gioco: 85 salti, 234 scatti percorrendo una distanza di 772 mt => un salto ogni 42,, uno scatto ogni 15,5 Dal punto di vista energetico: : prevalenza di sollecitazioni anaerobico alattacide che valutate nell intera durata di un incontro (circa un ora) portano a classificare il Beach Volley come attività di tipo AEROBICO-ANAEROBICO ANAEROBICO ALTERNATO (alternanza di fasi sub aerobiche, aerobiche,, anaerobiche)

34 Un giocatore di pallavolo di alto livello in media non raggiunge i 2 mmol/l di acido lattico Un giocatore di beach volley ha in media un valore di acido lattico di 2,6 mmol/l che arriva fino a circa 3,2 mmol/l (gioc. In difesa). Nel BV il fondo sabbioso provoca un rilassamento muscolare più lento rispetto a quello che avviene nei pallavolisti. Inoltre le migliori squadre giocano anche gare in un fine settimana. => maggiore importanza dell allenamento della resistenza rispetto al volley indoor per incrementare la soglia anaerobica e per favorire l ossidazione l dell acido lattico attraverso il meccanismo aerobico

35 Si sottolinea come nella pallavolo debba essere favorito l incremento l di una maggiore componente elastica utilizzabile grazie al fondo compatto, al contrario, la superficie sabbiosa modellandosi provoca il dissipamento di gran parte dell energia energia cinetica (i giocatori di BV presentano livelli di elasticità muscolare inferiori del 20-25% 25% rispetto ai pallavolisti)

36 Giocatore di Beach Volley: Atleta tecnicamente completo Dotato di un buon livello di resistenza, di forza massima, equilibrio e capacità di anticipazione Richiede un ottimo livello di forza psicologica Pallavolista: Specializzato in alcuni fondamentali Dotato di una rapidità e reazione ottimi Dispone di alti livelli di elasticità muscolare Le esercitazioni pliometriche su fondo compatto Hanno una scarsa rilevanza nella Preparazione del giocatore di BV

37 Pianificazione dell allenamento Periodizzazione per giocatori professionisti Periodizzazione per giocatori di volley indoor che praticano il beach volley durante l estatel

38 Periodizzazione per Giocatori Professionisti Il piano d allenamento d si potrà dividere in: periodo di transizione; periodo preparatorio generale; periodo preparatorio specifico; periodo agonistico. Periodo preparat orio generale Periodo di ppreparazion espeficico Periodo agonistico Periodo di transizi one Gennaio Febbr. Marzo Apr. Maggio Giu. Luglio Agos. Sett. Ottob Novem. Dicemb.

39 Periodo preparat orio generale Periodo di ppreparazion espeficico Periodo agonistico Periodo di transizi one Gennaio Febbr. Marzo Apr. Maggio Giu. Luglio Agos. Sett. Ottob Novem. Dicemb. Periodo di transizione: : settimane. Obiettivo: mantenere il peso forma, recupero da eventuali infortuni. Attività: : prevalentemente aerobiche o cross training. NO al riposo assoluto. Periodo di preparazione generale: : settimane. Obiettivo: preparazione atletica propedeutica al BV (primo mesociclo) ) e consolidamento tecnico (secondo mesociclo). 1 mesociclo: : Attività per l incremento l delle capacità condizionali e coordinative. Il lavoro tecnico è limitato rispetto a quello atletico ma non assente, è anzi importante in questo periodo lavorare sulle carenze tecniche individuali. 2 mesociclo: : lavoro analitico sui fondamentali tecnici

40 Periodo preparat orio generale Periodo di ppreparazion espeficico Periodo agonistico Periodo di transizi one Gennaio Febbr. Marzo Apr. Maggio Giu. Luglio Agos. Sett. Ottob Novem. Dicemb. Periodo di preparazione specifica: : settimane prima del periodo agonistico. Obiettivo: incremento capacità tattiche individuali sulla base delle tecniche consolidate; introduzione tattica di squadra. Attività analitiche e ripetute per: battuta-ricezione; ricezione-attacco; alzata attacco alternate a circuiti con palla per mantenimento rapidità ed esercitazioni tipo gara per introduzione tattica di squadra.

41 Periodo preparat orio generale Periodo di ppreparazion espeficico Periodo agonistico Periodo di transizi one Gennaio Febbr. Marzo Apr. Maggio Giu. Luglio Agos. Sett. Ottob Novem. Dicemb. Periodo agonistico: : settimane Obiettivi: lavoro su tattica di squadra; lavoro su carenze tattiche individuali; mantenimento capacità condizionali-coordinative coordinative attraverso esercitazioni con palla. Attività: : ampio spazio ad allenamenti globali con alta pressione psicologica.

42 Sollecitazione psichica Si gioca in due senza possibilità di essere sostituiti,, si vive l insuccesso l in prima persona come in uno sport singolo; Grande responsabilità del giocatore in attacco, (tie-break e campo ristretto aumentano la pressione psicologica) => stress da aspettativa La squadra avversaria può sempre decidere chi far ricevere e quindi chi far attaccare

43 Allenarsi con sollecitazione psichica (qualche proposta) Cambiare misure e regole di gioco Ripetere un azione fino alla corretta esecuzione Assegnazione diversa di punti (es. 1 in fase di ricezione, 2 in fase di battuta) Fine dell incontro se una delle due squadre arriva ad un vantaggio di punti Brevi set da 15 pari in vanti Riduzione di punti in caso di errori su palle facili Far ricevere sempre e solo un giocatore Punteggio a lavaggio..

44 Non sottovalutare l aspetto l mentale, spesso fa la differenza!!! Il compagno deve essere un supporto quando l altro l è in difficoltà => l intesa l e l equilibrio l mentale e fisico dei giocatori è indispensabile per ottenere buoni risultati Una terza persona a bordo campo di cui si ha fiducia, spesso è indispensabile per facilitare l accordo l tra i giocatori => importanza della figura dell allenatore la coppia australiana Cook-Pottharst ha fatto un intenso lavoro di preparazione mentale (con l aiuto l di uno psicologo dello sport) prima delle Olimpiadi di Sidney, permettendosi di battere le fortissime brasiliane nella loro prima finale raggiunta, la più importante, quella Olimpica

45 Piano d allenamento d per giocatori di pallavolo che praticano il beach volley durante il periodo estivo Quando iniziare con il BV? Nella pausa invernale indoor (nei campi al coperto). Attività: allenam.. una volta al giorno e utilizzando solo formule di allenamento con la palla, praticando essenzialmente la tecnica e la tattica individuale, nonché quella di squadra. Obiettivo: adattamento fisico al fondo sabbioso nell esecuzione esecuzione dei fondam.. Tecnici. Dopo la sosta invernale: ci si dovrebbe allenare almeno una volta la settimana, più una eventuale nel week-end end con sedute che danno ampio spazio alla tattica individuale. L obiettivo L successivo sarà lo sviluppo della tattica di squadra. (Il programma della forza deve essere eseguito solo se gli ultimi impegni di campionato non sono fondamentali per la stagione indoor). Periodo agonistico: minimizzare l allenamento l delle capacità condizionali, incrementare invece gli esercizi globali che prevedono l allenamento l della tattica di squadra e quelli specifici sulle singole carenze tecniche o tattiche individuali. Inserire esercitazioni con sollecitazione psichica. Prima di ricominciare con l indoor, l programmare un periodo di recupero di almeno 15 giorni.

46 Curiosità: COME CI MODIFICA L ALLENAMENTOL Come succede per un bambino che apprende i primi passi, per il neofita le prime esecuzioni richiederanno un attenzione e concentrazione massima e per essere appresi e memorizzati correttamente ed economicamente richiederanno moltissime ripetizioni: da qui il senso s dell allenamento Nell apprendimento di una nuova gestualità complessa, come può essere l attacco nel beach volley, il giocatore ha un continuo flusso di informazioni provenienti dal suo corpo e dall esterno Le informazioni intrinseche giungono da recettori muscolari, tendinei, articolari, tattili. Le informazioni estrinseche come la traiettoria della palla, la vicinanza del compagno o della rete, la velocità della palla sono modulate dai recettori visivi, vestibolari (dell equilibrio), equilibrio), cocleari (dell udito).

47 Le informazioni sensoriali raggiungono le strutture motorie del sistema nervoso centrale al fine di produrre un movimento ideale ed economico, secondo la legge del massimo rendimento con il minimo sforzo. E grazie all integrazione senso-motoria che avviene durante l allenamento, che l attività muscolare diventa adeguata alla tecnica da effettuare; si sottolinea come le contrazioni dei muscoli agonisti siano sempre in rapporto reciproco con quelle degli antagonisti, nell ambito dell attivit attività motoria e posturale del giocatore stesso. L apprendimento di un nuovo gesto motorio si associa all attivazione attivazione di nuovi circuiti nervosi presenti nell ambito del Sistema Nervoso Centrale, ma mascherati da processi di inibizione. A questo "unmusking (smascheramento) si accompagna un processo di sinaptogenesi dendritica (formazione di nuove sinapsi) a carico dei neuroni contenuti nelle aree corticali specificamente coinvolte nell attivit attività motoria appresa. L attivitl attività motoria a lungo termine induce, inoltre, fenomeni limitati di sprouting assonale (gemmazione degli assoni).

48 dott. Devis Trioschi Grazie!!!

Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche

Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche Scopo: Il titolo intende riassumere l esperienza selettiva svolta dai tecnici federali

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli

Argomento del modulo: Dalla tecnica alla tattica: la costruzione del muro invalicabile

Argomento del modulo: Dalla tecnica alla tattica: la costruzione del muro invalicabile Argomento del modulo: Dalla tecnica alla tattica: la costruzione del muro invalicabile Bari 20 maggio 2006 Tali aspetti sono sempre concatenati tra di loro e gli uni propedeutici agli altri Se partiamo

Dettagli

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Modugno 14 maggio 2006 In generale, per organizzazione del processo di allenamento, s'intende:

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Corso Allenatori 2 2 Grado. Argomento del modulo: Allenamenti guidati

Corso Allenatori 2 2 Grado. Argomento del modulo: Allenamenti guidati Argomento del modulo: Allenamenti guidati Alberobello 16 maggio 2004 ALLENAMENTO GUIDATO Ogni allenamento deve avere come da prassi Fase iniziale caratterizzata da: A. Esercizi preventivi B. Attivazione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

REGOLAMENTO 7 BEACH VOLLEY PER TUTTI

REGOLAMENTO 7 BEACH VOLLEY PER TUTTI REGOLAMENTO 7 BEACH VOLLEY PER TUTTI DOMENICA 3 GIUGNO 2012 Lungomare di SOVERATO (CZ) TERMINE ISCRIZIONE 27 MAGGIO (OLTRE TALE DATA L ORGANIZZAZIONE SI RISERVA DI ACCETTARE L ISCRIZIONE) NOVITA 2012 SABATO

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile TECNICA DELL ATTACCO Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso conclude l azione. A livello statistico

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941-721948 e-mail: direttoretecnico@pgsmessina.it - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

Settore Scuola, Promozione e Sviluppo Attività Giovanile

Settore Scuola, Promozione e Sviluppo Attività Giovanile FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO REGIONALE PUGLIA Settore Scuola, Promozione e Sviluppo Attività Giovanile Progetto: BEACH ND SCHOOL 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO REGIONALE PUGLIA Settore

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Argomenti dei moduli:

Argomenti dei moduli: Argomenti dei moduli: L attacco nella pallavolo femminile di alto livello Muro/difesa e Contrattacco nella pallavolo femminile ad alto livello Alberobello 16 maggio 2004 L attacco si allena in funzione

Dettagli

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare 1 Le forme principali di sollecitazione motoria rappresentate dalla forza, velocità, resistenza, mobilità articolare e dalle capacità coordinative costituiscono i presupposti fondamentali per l apprendimento

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm.

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. La struttura del programma Il programma può essere strutturato

Dettagli

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La seduta di allenamento tecnico tattico Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La capacità di prestazione sportiva rappresenta il grado di formazione di una determinata prestazione motoria

Dettagli

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche:

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche: L ATTACCO Appunti Principali problematiche: L attacco deve essere considerato come tema permanente di ogni seduta di allenamento. Ore di lavoro specifico sull attacco della nazionale juniores femminile:

Dettagli

Università degli studi di Palermo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive

Università degli studi di Palermo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze Motorie Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive Programma di Teoria Tecnica e Didattica dei giochi di squadra Anno Accademico

Dettagli

Match Analysis. 2) Tecniche 3) Aspetti Tattici e di prestazione. 1)Tempi di gioco attivo e pause

Match Analysis. 2) Tecniche 3) Aspetti Tattici e di prestazione. 1)Tempi di gioco attivo e pause AVCA Annual Convention Dec. 12 15, 2007 Seminar Title: Match Analysis to understand volleyball: a proposal for high school and club coaches Speaker(s): Dr. Roberto Lobietti, PhD Lecturer at University

Dettagli

CORSO PRIMO GRADO. Giocatori in campionati di serie B1 A2 A1 per almeno una stagione negli ultimi 8 anni:

CORSO PRIMO GRADO. Giocatori in campionati di serie B1 A2 A1 per almeno una stagione negli ultimi 8 anni: CORSO PRIMO GRADO INDIZIONE DEL CORSO Il Comitato Provinciale di Arezzo indice ed organizza il CORSO PRIMO GRADO per la stagione 2010/2011. Potranno iscriversi e partecipare tutti gli allievi allenatori-

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO LE PRINCIPALI DIFFERENZE METODOLOGICHE TRA L'ALLENAMENTO DEI GIOVANI E QUELLO DEGLI ATLETI DI MEDIO/ALTO LIVELLO" 22 settembre

Dettagli

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: UNA REGIONE IN MOVIMENTO MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014 Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO IL MINIVOLLEY Prof. Carmine Cavallaro GIOCOSPORT Premessa Mentre dagli

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente FURLAN DIANA Classi 2 sezione/i H PROGRAMMA SVOLTO DI SCIENZE MOTORIE INSEGNANTE : FURLAN DIANA ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE : 2 H ATTIVITA INDIVIDUALI -Esercizi a corpo libero a carico naturale

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA Non possiamo parlare di un unica metodologia per allenare la pallavolo, in quanto essa cambia in rapporto al livello di gioco: non può essere la

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO. Tecnico Nazionale Maurizio Castagna

LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO. Tecnico Nazionale Maurizio Castagna LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO Tecnico Nazionale Maurizio Castagna CAPACITÀ FISICHE E SVILUPPO LE CAPACITÀ FISICHE SONO: FORZA, RESISTENZA, RAPIDITÀ. La mobilità articolare è una capacità

Dettagli

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI E COORDINATIVE CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: FORZA CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK STEP

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

PALLAVOLO campo di gioco

PALLAVOLO campo di gioco PALLAVOLO campo di gioco Geometria di un campo di gioco di pallavolo (visto dall'alto). Le partite di pallavolo si disputano al coperto, la zona libera deve misurare almeno 3 metri dalle linee di fondo

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO VADEMECUM DELLA PALLAVOLO A. Il campo Il campo della pallavolo misura 18x9 metri ed é diviso in due metá uguali dalla linea di metá campo sopra la quale corre le rete. La linea di metá campo appartiene

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SIDOLI www.icviasidoli.it e-mail: toic88200x@istruzione.it SCIENZE MOTORIE CLASSI PRIME CONSOLIDAMENTO E COORDINAMENTO DEGLI SCHEMI MOTORI

Dettagli

Giovanissimi fascia B

Giovanissimi fascia B Giovanissimi fascia B Stagione calcistica 2012-13 Preparazione precampionato Allenatore: Erbetta Maurizio La preparazione proposta è relativa agli allenamenti precampionato della squadra giovanissimi 99

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

Preparazione precampionato (primi 14 giorni)

Preparazione precampionato (primi 14 giorni) SETTORE TECNICO FIGC Preparazione precampionato (primi 14 giorni) RELATORE: Prof. Ferretto Ferretti Tesi del CORSO UEFA PRO LICENCE 2010/11 Candidato: Vincenzo Montella Indice Introduzione pag. 3 Legenda

Dettagli

Regolamento del Torneo di Pallavolo Misto

Regolamento del Torneo di Pallavolo Misto Regolamento del Torneo di Pallavolo Misto Si tratta di una versione ridotta e parzialmente modificata del Regolamento Ufficiale della Federazione Italiana Pallavolo (al quale, peraltro, ci si atterrà per

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

Progressione Didattica Preparazione Fisica per Tennisti (pre-tennis):

Progressione Didattica Preparazione Fisica per Tennisti (pre-tennis): La nostra Scuola Tennis propone una metodologia Olistica che rappresenta una novità nel territorio nazionale. Tennis Olistico, oltre ad offrire un panorama di Discipline Bio Naturali che fungono da accompagnamento

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

FITNESS E WELLNESS GEROMOTRICITÀ

FITNESS E WELLNESS GEROMOTRICITÀ FITNESS E WELLNESS GEROMOTRICITÀ Dottoressa Loredana D Alessandro Primo semestre primo anno UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ENNA KORE loredana.dale@gmail.com 1 GEROMOTRICITÀ Possibile presenza di deficit cognitivi,

Dettagli

Fondamentali di base: BAGHER e L ATTACCO

Fondamentali di base: BAGHER e L ATTACCO 1 - Bagher e Attacco Fondamentali di base: BAGHER e L ATTACCO Relatore prof. Bosetti 2 - Bagher e Attacco Il BAGHER L analisi del prof. Bosetti è mirata esclusivamente al settore giovanile, ponendo quasi

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

IPSSAR Matteotti G. - PISA. Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015

IPSSAR Matteotti G. - PISA. Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015 IPSSAR Matteotti G. - PISA Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015 Obiettivi trasversali formativi Nel rispetto delle linee guida ministeriali, le Scienze Motorie promuovono

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente FURLAN DIANA Classi 1 sezione/i F PROGRAMMA SVOLTO DI SCIENZE MOTORIE INSEGNANTE : FURLAN DIANA ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE : 1 F ATTIVITA INDIVIDUALI -Esercizi a corpo libero a carico naturale

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

LA MACCHINA DEI CAMPIONI!

LA MACCHINA DEI CAMPIONI! SPARAPALLONI LA MACCHINA DEI CAMPIONI! - IDEALE PER ALLENARE PORTIERI, ATTACCANTI E DIFENSORI - MASSIMA PRECISIONE DI TIRO - TUTTI GLI EFFETTI DI TIRO DEI GRANDI CAMPIONI - VELOCITÁ REALI FINO A 140 KM/H

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

CENTRO QUALIFICAZIONE NAZIONALE CONSOLIDAMENTO E PERFEZIONAMENTO DELLA TECNICA DEI FONDAMENTALI DI CAMBIO PALLA NELLA UNDER 18 MASCHILE

CENTRO QUALIFICAZIONE NAZIONALE CONSOLIDAMENTO E PERFEZIONAMENTO DELLA TECNICA DEI FONDAMENTALI DI CAMBIO PALLA NELLA UNDER 18 MASCHILE CONSOLIDAMENTO E PERFEZIONAMENTO DELLA TECNICA DEI FONDAMENTALI DI CAMBIO PALLA NELLA UNDER 18 MASCHILE di Luigi Schiavon * * Allenatore Nazionale Juniores Maschile SITUAZIONE PUNTO Nel momento in cui

Dettagli

Laurea Triennale in Scienze Motorie

Laurea Triennale in Scienze Motorie Laurea Triennale in Scienze Motorie C.I. Metodi e tecniche delle attività motorie e sportive II TTD degli Sport di Squadra I (Prof. Stefano D Ottavio) I giochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano

Dettagli

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta Corso Nazionale Allenatori Terzo Grado Settima Edizione La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta TEMA FONDAMENTALE: Il sistema muro

Dettagli

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC LEGA PRO SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE TECNICO SGeS COMMISSIONE CALCIO A 5 CORSI REGIONALI UNDER 8 UNDER 10 COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE CORSO CENTRALE

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE UN ALLENATORE NON DEVE MAI DIMENTICARE CHE: DOBBIAMO PREPARARE AL MEGLIO I NOSTRI GIOCATORI IN FUNZIONE DEL GIOCO

Dettagli

IL MINIVOLLEY. Il gioco: 1 contro 1

IL MINIVOLLEY. Il gioco: 1 contro 1 A cura del Prof. Mario Testi - Testo del Prof. Loredano Rizzoni, Allenatore federale F.I.P.A.V. Il minivolley è un tipo d'attività ludica che utilizza i gesti tipici della pallavolo. In quest'attività

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA ATTIVITA PER I GIOVANI MARCIATORI E L ATLETA EVOLUTO. Antonio La Torre

PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA ATTIVITA PER I GIOVANI MARCIATORI E L ATLETA EVOLUTO. Antonio La Torre PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA ATTIVITA PER I GIOVANI MARCIATORI E L ATLETA EVOLUTO QUALI FATTORI DETERMINANO LA PRESTAZIONE Alta capacità aerobica (VO 2 max) Rapporto favorevole peso/potenza potenza (poca

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Dott. Piero Benelli. Analisi dell impegno fisiologico del giocatore di basket in relazione all impegno tecnico

Dott. Piero Benelli. Analisi dell impegno fisiologico del giocatore di basket in relazione all impegno tecnico Dott. Piero Benelli Analisi dell impegno fisiologico del giocatore di basket in relazione all impegno tecnico Introduzione L impegno fisico del giocatore di basket è stato analizzato da diversi studiosi

Dettagli

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi Premessa Si presentano N 21 sedute allenanti comprensive di N 4 partite amichevoli e la 1^ di campionato, suddivise in

Dettagli

Modello fisiologico dei giochi di squadra

Modello fisiologico dei giochi di squadra Teoria dell allenamento Enrico Arcelli Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano: Modello fisiologico dei giochi di squadra Modello fisiologico dei 10.000 m Nei 10.000 m o nella maratona

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

OFFBALL INFORMAZIONI. Prof. Giuseppe Raiti 3385026084. Prof.ssa Nelly Vasta 3389934837. www.offball.com. Regolamento

OFFBALL INFORMAZIONI. Prof. Giuseppe Raiti 3385026084. Prof.ssa Nelly Vasta 3389934837. www.offball.com. Regolamento INFORMAZIONI Prof. Giuseppe Raiti 3385026084 Prof.ssa Nelly Vasta 3389934837 www.offball.com OFFBALL Regolamento CAMPO DI GIOCO L OFFBALL si gioca su un campo di 18 m di lunghezza e di 9 m di larghezza,

Dettagli

Giglioli Mauro IL MURO

Giglioli Mauro IL MURO Giglioli Mauro IL MURO Il muro è la prima linea di difesa della squadra. Fare muro è una manovra esplosiva che assolve a diverse funzioni. La funzione primaria è intercettare l attacco avversario e respingerlo

Dettagli

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa)

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa) 20/08/2012 Preparazione precampionato categoria giovanissimi 1 settimana -10 minuti di corsa lenta - 5 allunghi sui 30 mt con recupero di 20 secondi dopo ogni allungo - 30 minuti di tecnica ( passaggi

Dettagli

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC Calcio a 5 : campionati nazionali LEGA SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE PRO TECNICO SGeS A A2 B A femminile Under 21 FUTSAL COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE COMMISSIONE

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

LA PALLAVOLO. Fondamentali individuali Regolamento

LA PALLAVOLO. Fondamentali individuali Regolamento LA PALLAVOLO Fondamentali individuali Regolamento FIPAV FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO E una Federazione sportiva. Tutte le Federazioni sportive sono affiliate al CONI ( Comitato Olimpico Nazionale ) a

Dettagli

Corso Nazionale per Allenatori Terzo Grado Quarta Edizione PROJECT WORK. Il Libero come Leader Tecnico della Seconda Linea MICHELA SANTINON

Corso Nazionale per Allenatori Terzo Grado Quarta Edizione PROJECT WORK. Il Libero come Leader Tecnico della Seconda Linea MICHELA SANTINON Corso Nazionale per Allenatori Terzo Grado Quarta Edizione PROJECT WORK Il Libero come Leader Tecnico della Seconda Linea MICHELA SANTINON STAFF DOCENTE ENNIO BARIGELLI Preparatore Fisico Club Serie A

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA Si ricorda ai candidati che, per l espletamento delle seguenti prove pratiche, sono tenuti a presentarsi con abbigliamento

Dettagli

25 Minivolley 2015 DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE ORGANIZZAZIONE SEDE DI TAPPA.

25 Minivolley 2015 DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE ORGANIZZAZIONE SEDE DI TAPPA. 25 Minivolley 2015 1) Organizzazione delle tappe. DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE ORGANIZZAZIONE SEDE DI TAPPA. Le domande delle Società che intendono candidarsi sia come sede di Tappa minivolley che come sede

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia.

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia. ANDREA GUARNACCIA 3 TENNIS TRAINING PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA PERIODO FONDAMENTALE 2 DICEMBRE GENNAIO www.tennisworlditalia.com Andrea Guarnaccia Titolo TENNIS

Dettagli