Prof.R. Andrei. prof. Riccardo Andrei

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof.R. Andrei. prof. Riccardo Andrei"

Transcript

1 Prof.R. Andrei La riproduzione agamica nelle piante

2 PROPAGAZIONE DELLE PIANTE La propagazione delle piante avviene secondo due indirizzi fondamentali: per via sessuata o gamica detta riproduzione; per via asessuata o agamica o vegetativa detta moltiplicazione; LA RIPRODUZIONE Le piante si riproducono attraverso il seme, che è il prodotto dell unione tra il gamete maschile e quello femminile: questo tipo di riproduzione si chiama gamaica o sessuata. In condizioni pedoclimatiche adatte il seme germina.

3 Le tecniche di moltiplicazione agamica Le tecniche che più frequentemente propagazione agamica delle piante sono: si impiegano per la Talea; Propaggine; Margotta; Innesto; Micropropagazione;

4 TALEA La talea è una porzione di organo vegetativo di piante, lunga da qualche centimetro a qualche decina di cm, che posta in favorevoli condizioni emette radici e germogli e forma così una nuova pianta. Le talee, in relazione alla posizione nelle piante da cui vengono prelevate, si distinguono in : talea di ramo: la più comunemente usata nelle specie arboree; talea di foglia: più comunemente impiegata in alcune piante da ornamento talea di radice: usata in alcune specie da frutto Le talee di ramo si distinguono in : erbacee: quando sono ricavate da germogli ancora erbacei semilegnose: quando provengono da germogli già parzialmente lignificati; legnose: quando sono formate da porzioni di ramo prelevate nel periodo invernale

5 Talea legnosa fogliare barbatella

6 ANATOMIA DELLA RADICAZIONE LA TALEA FORMA E ESTROFLETTE I PRIMORDI RADICALI, I QUALI SI ORIGINANO DA CELLULE PARENCHIMATICHE CHE RIACQUISTANO CAPACITA MERISTEMATICA LE FASI DELLA RADICAZIOE: INDUZIONE DIFFERENZAZIONE DEI PRIMORDI ESTROFLESSIONE. CALLO: TESSUTO CICATRIZIALE PARENCHIMATICO ALLA BASE DELLA TALEA CHE OSTACOLA L INGRSSO DEI PATOGENI E FUNGHI. POTERE RIZOGENO: LE PIANTE ARBOREE SI POSSONO DISTINGUERE IN TRE GRUPPI: o PIANTE CHE RADICANO FACILMENTE, ABBOZZI RADICALI PREFORMATI, SALICE, PIOPPO;

7 o o PIANTE CHE SOLO IN ALCUNE SITUAZIONI FORMANO GLI ABBOZZI RADICALI: VITE E OLIVO PIANTE CHE RADICANO CON MOLTA DIFFICOLTA, LA MAGGIOR PARTE DEI FRUTTIFERI. SI DEVE RICORRERE AD ALTRE FORME DI PROPAGAZIONE (INNESTO, PROPAGGINE, MARGOTTA) FISIOLOGIA DELLA RADICAZIONE ORMONALI LA RADICAZIONE E FAVORITA DA FATTORI NUTRIZIONALI AMBIENTALI

8 AUXINE:stimolano la formazione Degli abbozzi e allungamento radici FATTORI ORMONALI Ormoni inibitori ostacolano la Rizogenesi, sono idrosolubili Dilavati con l immersione della Talea in acqua citochinine Importante è il giusto equilibrio con le auxine Citochinine: schiusura gemme Auxine: buona radicazione ma. Gibberelline: ruolo contraddittorio

9 NUTRIENTI: La carenza di macro e microelementi (P,K, Ca, Mg,) ostacola la radicazione. Importante un equlibrato rapporto C/N I carboidrati favoriscono la radicazione, ma ostacolano il germogliamento. Lo stato e i trattamenti Radicano meglio le talee di piante madri in buon stato nutrizionale e in forte attività vegetativa. Trattamenti ormonali e d eziolamento Epoca di prelievo. Varia con la spp., dall annata e zona. In molte caducifoglie il prelievo avviene nel periodo invernale o inizio primavera

10 La miglior radicazione avviene : - Con rami di un anno - Con rami a legno rispetto a rami afiore - Talee munite di porzione di ramo di 2 o più anni (magliolo) - Presenza di foglie e gemme: producono ormoni e s. nutritive importanti per la radicazione - Polarità la parte base della talea deve essere immersa nel substrato e non viceversa - Topofisi: impiegando talee di succhioni si ottengono piante con spiccate attitudini vegetative

11 TALEA LEGNOSA TALEA DA RAMOSCELLO TALEA DA FOGLIA

12

13 CONDIZIONI CHE FAVORISCONO LA RADICAZIONE Per facilitare la radicazione delle talee si usano tecniche di forzatura capaci di esaltare o di stimolare la neoformazione radicale delle talee Tali tecniche sono: INCISIONI, LAVAGGI,BASSE TEMPERATURE, FUNGHI ECTOMICORRIZICI - IL RISCALDAMENTO BASALE : è una tecnica che viene utilizzata per le talee legnose (prive di foglie). Le talee sono piantate in appositi bancali nei quali il substrato viene mantenuto ad una temperatura di si utilizzano serpentine in cui circola acqua calda, o resistenze elettriche. - IL TRATTAMENTO CON FITOREGOLATORI (ORMONI) consiste nel trattare le talee delle specie che non radicano con facilità. Di solito questi preparati, in pasta, liquidi o polverulenti, vengono applicati alla base delle talee. La forma liquida è la più usata in quanto risulta più precisa la determinazione della concentrazione del principio attivo. Auxine NAA, e IBA- - I SUBSTRATI DI RADICAZIONE: La natura del substrato di radicazione svolge anch esso un ruolo importante per il buon esito della radicazione. I substrati usati, sia in forma singola che in miscuglio sono: prof. Riccardo sabbia, Andrei torba, si possono usare anche substrati preparati.

14

15 NEBULIZZAZIONE: per talee semilegnose o erbacce, consiste nel somministrare alle talee acqua finemente nebulizzata al fine di ridurre la traspirazione e la temperatura della talea. L acqua viene spruzzata ad intermittenza, molto utilizzata per alcuni fruttiferi quali actinidia, olivo ciliegio ecc.

16 PROPAGGINE La propaggine consiste nell interramento di un ramo affinchè sviluppi radici mentre questo si trova ancora unito alla pianta madre. Praticamente la propaggine si ottiene incurvando un ramo della pianta che si vuole moltiplicare, in modo da interrarlo per un certo tratto e far sì che esso emetta radici mentre la parte fuori terra emetta germogli. Si parla di propaggine semplice quando si interra la parte intermedia del ramo, lasciando emergere l apice (si ottiene un solo individuo) Propaggine semplice

17 Mentre la propaggine si dice multipla quando da un unica pianta madre si vogliono ottenere più individui contemporaneamente. Propaggine multipla

18 Infine abbiamo la propaggine di trincea che è ancora usata nel vivaismo per produrre portinnesti. Si comincia con la messa a dimora delle barbatelle che vengono messe a dimora inclinate a 45 in solchi piuttosto larghi e profondi. Dopo che le piante hanno vegetato liberamente per un anno, si scava dal lato dell inclinazione una trincea, poi si piega la pianta all interno dello scavo. Successivamente, seguendo la crescita dei germogli, si ricopre gradatamente la fossa con la terra, in modo da provocare l eziolamento alla base dei germogli. In autunno si può rimuovere il terreno ed asportare le barbatelle, lasciando un ramo ogni 30 cm, per fornire nuove barbatelle l anno successivo. La propaggine per trincea viene utilizzata con successo nella propagazione del Nocciolo e del Ciliegio ma soprattutto portinnesti clonali del MELO E PERO

19 MARGOTTA Scelto un ramo da far radicare, si incide con un coltello ben affilato e pulito la corteccia asportando un anello di altezza più o meno uguale al diametro del ramo; tolta la corteccia, si sparge sulla parte scortecciata un ormone radicante e lo si circonda con terriccio o sfagno o torba.il tutto va ricoperto da materiale plastico trasparente per la conservazione dell'umidità necessaria e per osservare la formazione delle radici. Dopo un tempo variabile ( secondo le essenze), il cartoccio sarà pieno di radici, allora si potrà separare il ramo dalla pianta madre e porlo a dimora o in vaso con terriccio adeguato. Il periodo ideale per eseguire una margotta è maggio-giugno, periodo in cui le temperature sono sensibilmente aumentate; la temperatura, infatti, insieme all'umidità costante, e l'entrata in vegetazione della pianta sono i fattori principali per la buona riuscita di una margotta.

20 MARGOTTA AEREA

21 LE TECNICHE DI PROPAGAZIONE PER INNESTO L innesto è un metodo di moltiplicazione agamica che consiste nell unire fra loro, in modo durevole, parti vegetative provenienti da piante diverse, in modo da costituire un unico individuo. Le parti che costituiscono l innesto si chiamano (bionti). La pianta che fornisce le radici viene chiamata soggetto o portinnesto; la parte dell altra pianta che viene accostata al portainnesto o inserita in esso per fornire la chioma viene detta marza o nesto Affinchè l unione (attecchimento) delle due parti si verifichi regolarmente è che si realizzano alcune condizioni fondamentali, e cioè: necessario - che esista affinità fra i due bionti; questa il più delle volte è determinata dalla vicinanza botanica, vale a dire che di solito l affinità è massima fra le varietà appartenenti alla stessa specie - che esistano condizioni di temperatura e di umidità adatte al tipo di innesto; - che ogni tipo di innesto sia effettuato nella stagione opportuna; - che si applichi la marza sempre rispettandone la polarità, cioè la posizione che essa aveva sulla pianta da cui è stata prelevata, con le gemme rivolte verso l alto - che subito dopo l esecuzione, al punto di innesto vengano applicate le protezioni adatte a favorie l attechimento

22 Motivi per cui l innesto è così diffuso Propagare cultivar Regolare la vigoria, longevità, precocità Favorire l ambientamento al terreno e clima Resistenza ai parassiti e malattie Migliorare l impollinazione

23 Influenza del portinnesto sulla marza Vigoria: disponibilità di diversi portinnesti con diversa vigoria: nanizzanti (M9 M27) media vigoria (M106) vigorosi (M111 Franco) Precocità: collegata alla vigoria: più vigorosi e più tardi entrano in produzione; Durata: durata e vigoria sono collegate: piante deboli sono in genere poco longeve; Adattamento pedo-climatico: ai terreni sciolti, argillosi, umidi, calcarei, acidi. Resistenza al freddo (Pirus ussuriensis) Resistenza ai parassiti: Pesco. Portinnesti Hansen sono resistenti ai nematodi Meloydogene. Melo portinnesti MM resistenti all afide l anigero Assorbimento elementi nutritivi: M9 maggior assorbimento di N, Ca, Mg. L SO4 nella vite maggior assorbimento di K rispetto ad altri Fasi fenologiche: il portinnesto può influenzare sulle diverse fasi dal germogliamento alla maturazione. I portinnesti deboli anticipano la fioritura.

24

25 I TIPI DI INNESTO I tipi di innesto sono molto numerosi ed i più importanti sono : innesti a gemma innesti a marza 1. Innesti a gemma, dove si utilizzano delle porzioni di corteccia con almeno una gemma (generalmente queste sono prelevate da una marza) questo tipo di innesto è di uso molto frequente e nella maggior parte dei casi possiede un altissima percentuale di riuscita. Di solito viene praticato al colletto, circa nei primi 20 cm dal piede del soggetto, o comunque sempre piuttoso in basso. Gli innesti possono essere fatti in due diversi momenti: A fine primavera, gemma vegetante A fine estate gemma dormiente Sono distinti in base alla forma del nesto: - Ad occhio o a scudetto - A pezza o a toppa - Alla maiorchina - A scheggia o Clip budding

26 INNESTO A SCUDETTO INNESTO ALLA MAIORCHINA Impiegato per drupacee e pomacee in vivaio Nesto ricavato da rami vigorosi con 2 tagli Portinnesto inciso con 2 tagli a T Dopo l attecchimento il portinnesto è tagliato 5-7 cm sopra l innesto Impiegato per la vite in vivaio Nesto ricavato da rami vigorosi con 2 tagli Portinnesto inciso per formare un incastro Generalmente a gemma dormiente

27 Ad occhio o a scudetto Il nesto è provvisto di una gemma, una porzione di corteccia e un po di legno; sul portainnesto si effettua un incisione a T della corteccia, si inserisce lo scudetto e si schiude l incisione mediante legaturara

28 INNESTO A TASSELLO O PEZZA INNESTO A ZUFOLO O ANELLO Impiegato su olivo, noce e kaki Può essere utilizzato sia con gemma dormiente che con gemma vegetante Impiegato su piante con difficile attechimento (Kaki, fico, noce, vite) Si effettua a maggio

29 A pezza o a toppa Il nesto ha forma rettangolare ed è provvisto di una gemma e una porzione di corteccia; sul portainnesto si asporta un analoga porzione di corteccia e si inserisce la pezza

30 INNESTO A SCHEGGIA O CHIP BUDDING Impiegato per pomacee in vivaio Nesto ricavato da rami misti vigorosi con 2 tagli Portinnesto inciso per formare un incastro Si può effettuare anche quando il soggetto non è in succhio Tecnica messa a punto in tempi prof. relativamente Riccardo Andrei recenti nella stazione sperimentale di East Malling

31 Alla maiorchina È simile a quello a scudetto ma il nesto è tagliato con forma ovale schiacciata da ambo i lati e sul portainnesto viene asportata una parte di corteccia di forma analoga, in modo da incastrare il nesto sopra e sotto.

32 A scheggia o Chip budding Si applica in particolare alla Vite, a gemma vegetante (fine inverno). Lo scudetto, fornito di una porzione di legno, deve avere uno spessore, nella parte inferiore, di circa 3 mm, e una lunghezza di 2-3 cm. Il taglio nel portainnesto deve consentire l'incastro dello scudetto alla base.

33 Ad anello Mediante il coltello a doppia lama si ricava una striscia di corteccia di nesto, alta circa 3 cm, con al centro una gemma ben formata. Si stacca una striscia di corteccia, identica, sul portainnesto, risparmiando una piccola porzione verticale che serve per assicurare la circolazione della linfa; poi si inserisce l'anello e si lega.

34 Innesti a marza, Sono quegli innesti nei quali il nesto (chiamato anche marza o calma) è costituito da una porzione di ramo lignificato provvisto di due tre gemme. Sono distinti in base al tipo di collegamento che viene creato tra la marza e il portainnesto: SPACCO (no drupacee, si pratica l innesto a corona ) periodo durante il riposo fine febbraio A CORONA si pratica durante la ripresa vegetativa marzo aprile; - AD INTARSIO O AD INCASTRO - AD ARCO - A PONTE - DI RINVIGORIMENTO MICROINNESTO

35 spacco comune, con una o più marze; a spacco terminale; DIVERSI INNESTI A SPACCO a spacco inglese semplice; a doppio spacco inglese; a sella; a cavallo laterale; a sperone;

36 INNESTO A SPACCO COMUNE FASI Si capitozza il soggetto e vi si apre una fenditura diametrale di pochi cm ; La marza, lunga una decina di cm e con due gemme, ha l estremità inferiore sagomata a cuneo che viene immessa nello spacco; Se il soggetto ha un diametro molto superiore della marza, si possono usare anche 2 3 marze sempre sagomate a cuneo. SVANTAGGI: provoca ampie lesioni, che lasciano cavità all interno del portinnesto che facilitano l insediamento di malattie e parassiti.

37 Innesto a spacco pieno

38 INNESTO A SPACCO PIENO prof. R. Andrei 38

39 Innesto a spacco diametrale

40 Innesti a spacco inglese SEMPLICE DOPPIO SPACCO

41 INNESTO A DOPPIO SPACCO INGLESE Impiegato su materiale di diametro limitato (1 cm) I 2 bionti devono avere il medesimo diametro Impiegato sulla vite prof. R. Andrei 41

42 INNESTO A SPACCO VUOTO I 2 bionti devono avere il medesimo diametro Impiegato su materiale di diametro limitato (1-2 cm)

43 INNESTO A SPACCO LATERALE PENNA Tipico dell olivo. Si pratica a maggio, capitozzando il selvatico, praticando un incisione corticale e inserendo una piccola talea provvista due foglie prof. R. Andrei 43

44 Innesti a spacco laterale

45 Innesto a SELLA La parte inferiore della marza è tagliata a penna A CAVALLO LA MARZA SPACCATA, IL SOGGETTO TAGLIATO A CUNEO

46 A triangolo o ad incastro Periodo febbraio, o in autunno. È adatto per piante nelle quali, a causa della struttura irregolare del legno, è difficile ottenere una fenditura netta. La marza, lunga cm e fornita di 2-3 gemme, si foggia a cuneo, con superfici diverse: la più ampia verso l'esterno, subito sotto a una gemma. Si innesta al piede oppure su una branca. Il soggetto si taglia a 5 cm dal terreno. Si estraggono dei "cunei" lunghi 10 cm e profondi 3, quindi si inseriscono le marze (3 o 4), si lega e si protegge. Si può praticare l'innesto anche sulle branche

47 INNESTO A TRIANGOLO prof. R. Andrei 47

48 INNESTI A CORONA O SOTTOCORTECCIA Da preferirsi per le drupacee e gli agrumi Praticato in primavera più avanzata rispetto le tecniche a spacco, in quanto richiede che il portinnesto sia in vegetazione, per cui la corteccia si stacchi facilmente dal legno La marza deve avere le gemme ferme, quindi essere prelevata in precedenza e conservato in frigorifero ( gemme ferme) Marza, cm e con 2-3 gemme ha la parte basale sagomata a V; nel soggetto capitozzato si solleva la corteccia per inserirvi la marza o le marze (2-3) fra corteccia e legno; Con corteccia poco elastica si può praticare fenditura prof. R. Andrei 48

49 INNESTO A CORONA

50 Innesto a corona

51 Innesto laterale a becco di luccio

52

53 INNESTI AL TAVOLO OMEGA INCASTRO MULTIPLO CELERINA prof. R. Andrei 53

54 Innesti ad arco

55 Innesti a ponte

56 INNESTI A PONTE L intermediario deve avere affinità sia con il portinnesto che con il nesto Uno o più intermediari fungono da ponte tra portainnesto e nesto bypassando l innesto non più efficiente prof. R. Andrei 56

57 Innesto di rinvigorimento

58 SOVRAINNESTI Per risolvere problemi di disaffinità si pone un intermediario tra soggetto ed oggetto. L intermediario deve avere affinità sia con il portinnesto che con il nesto A DOPPIO SCUDO prof. R. Andrei 58

59 SOVRAINNESTI SOVRINNESTO DISETANEO Agosto: Innesto di una gemma dormiente su un ramo di un anno dell intermediario Fine inverno: preparazione della marza bimembre prof. R. Andrei 59 Inserimento della marza nel portainnesto

60 SOVRAINNESTI SOVRINNESTO COETANEO Fine inverno: preparazione con innesto al tavolo della marza bimembre Inserimento della marza nel portainnesto prof. R. Andrei 60

61 REINNESTI prof. R. Andrei 61

62 Gli attrezzi e i materiali necessari per l esecuzione degli innesti Coltelli: l attrezzo più importante per l innestatore rimane comunque il coltello; un tipo di coltello da innesti molto comune è quello a lama dritta (5) che, all estremità della lama, presenta sul dorso un appendice (<<unghia>>) a forma di cresta non tagliente (a), utile per sollevare la buccia negli innesti a gemma o per staccare la << pezza>> o <<l anello>> di corteccia negli innesti che sono contraddistinti da questi nomi.. Altrettanto diffuso è il coltello con lama ricurva (6) usato di solito per l esezuzione degli innesti a triangolo. Accanto al coltello, molto utili sono vari tipi di roncoletta (7) per ripassare i tagli effettuati sul soggetto con le forbici o con il seghetto.

63 Alcuni modelli di coltello da innesti a lama diritta presentano, all estremità del manico, un appendice(spatolina) in osso, in metallo o in materiale plastico (8) che si impiega per sollevare la buccia o staccare la corteccia senza ferirla. Per qualsiasi tipo di coltello è indispensabile l uso della pietra (9) per la perfetta affilatura della lama

64 Fenditoi, Mazzuoli e cunei: Vi sono poi attrezzi specifici per determinati innesti, come il cuneo (10) per l innesto a spacco (provvisto di un appendice per divaricare lo spacco) o lo speciale attrezzo per l innesto a triangolo(11) che permette, in un colpo solo, di praticare l incastro nel soggetto. Per l innesto ad anello esistono in commercio degli attrezzi costituiti da due coppie di lame disposte a <<V>> (12-13) con distanza fissa o variabile fra le coppie), in modo che l anello di corteccia asportato dal soggetto e quello che deve sostituirlo come nesto risultino di altezza perfettamente uguale.

65 Forbici: le forbici sono indispensabili per il taglio dei germogli e dei rami dai quali si dovranno prelevare le gemme o le marze, o per recidere portinnesti di piccolo diametro, un breve richiamo va fatto per i seghetti necessari per tagliare, nel punto di innesto, soggetti o branche il cui diametro non consente un razionale uso delle forbici: si devono preferire i seghetti a lama piuttosto sottile e a denti piccoli o comunque i tipi con cui è possibile effettuare un taglio il meno scabro e sfilacciato possibile. Oggi il seghetto viene talvolta sostituito dal troncarami detto comunemente forbicione, specialmente nei casi in cui si devono effettuare molti tagli sulla chioma per sostituire la varità. Con questo attrezzo il lavoro risulta più rapido, anche se richiede una certa attenzione nel suo uso corretto affinchè il taglio risulti più netto.

66 Materiali per legatura: Per le legature degli innesti si ricorre oggi a nastri di gomma (19), in particolare per gli innesti erbacei, a nastri di plastica di vario tipo, con preferenza per quelli più elastici, a nastri biodegradabili (20) e a nastri adesivi non telati (21). Vi sono poi i tubetti in gomma (22) che consentono di effettuare legature a cui si richiede una certa elasticità, oppure altre molto solide senza dover ricorrere a nastri di larghezza eccessiva.

67 Mastici: Quanto ai mastici (23), se ne trovano in commercio di vari tipi, densi o fluidi, contenenti spesso anticrittogamici e/o sostanze che stimolano la cicatrizzazione. Si tratta di prodotti già pronti per essere applicati, a volte proprio come una vernice, sulla superficie rimaste a nudo del nesto e del soggetto.

68

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi GIARDINO 00 Come potare tecniche ed attrezzi 1 Le tecniche di potatura 1. I tagli devono essere praticati con utensili ben affilati altrimenti si formano bordi schiacciati e sfrangiati che cicatrizzano

Dettagli

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti.

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. I portainnesti hanno una importanza fondamentale sullo sviluppo e la produttività delle piante. Devono essere scelti con criteri di adattamento all ambiente,

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Pomacee (melo, pero, ) - Rami misti

Dettagli

PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO

PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO M. Moraldi Azienda Vivaistica Regionale UMBRAFLOR R. Danti, V. Di Lonardo Istituto per la Protezione delle Piante, CNR, Firenze La produzione massale di cipressi

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

RIPRODUZIONE O PROPAGAZIONE GAMICA Il nuovo individuo si origina dal SEME, derivante dal processo fecondativo

RIPRODUZIONE O PROPAGAZIONE GAMICA Il nuovo individuo si origina dal SEME, derivante dal processo fecondativo RIPRODUZIONE O PROPAGAZIONE GAMICA Il nuovo individuo si origina dal SEME, derivante dal processo fecondativo MOLTIPLICAZIONE O PROPAGAZIONE AGAMICA Il nuovo individuo si origina per rigenerazione di cellule

Dettagli

Guida agli Innesti. Poche regole da seguire per il "fai da te"

Guida agli Innesti. Poche regole da seguire per il fai da te Guida agli Innesti Poche regole da seguire per il "fai da te" Un aspetto da considerare prima di iniziare è quello di conoscere la fisiologia degli alberi ed in particolare ciò che generalmente non "appare":

Dettagli

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Definizione La potatura comprende quelle operazioni che direttamente applicate alla parte epigea

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

Corso di potatura base

Corso di potatura base Corso di potatura base Fattoria La Quercia 16 gennaio 2016 Punto Uva Cenni storici 9.000 a.c : addomesticamento di Vitis vinifera silvestris in Asia centrale 3.000 a.c. : in un testo sumerico si parla

Dettagli

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Cod. VM5U6 Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Fasi di intervento Preliminari Picchettamento Interramento dei pali Messa a dimora delle barbatelle Completamento della struttura Preliminari Operazioni

Dettagli

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 Agroflor di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto Agroflor dal 1951 al servizio dell agricoltura. La nostra azienda è stata fondata

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore grario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d utore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Master in Manager delle produzioni ortovivaistiche Università del Salento Anno accademico 2006/2007

Master in Manager delle produzioni ortovivaistiche Università del Salento Anno accademico 2006/2007 Master in Manager delle produzioni ortovivaistiche Università del Salento Anno accademico 2006/2007 FONTI DEL MATERIALE DI PROPAGAZIONE - Colture ordinarie - Colture da seme: : piante mandate a seme in

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Produzione piantine da orto, vivaisti dal 1928. Vivai La Malfa Antonino

Produzione piantine da orto, vivaisti dal 1928. Vivai La Malfa Antonino Produzione piantine da orto, vivaisti dal 1928 Vivai La Malfa Antonino STORIA PIANTE ORTO INNESTATE PIANTE MELANZANA & CARCIOFO PIANTE PEPERONE PIANTE POMODORO & MELONE PIANTE BRASSICACE PIANTE OBBY *

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

INDICAZIONI SU GIUNTI DEI NASTRI TRASPORTATORI

INDICAZIONI SU GIUNTI DEI NASTRI TRASPORTATORI GIAVA sas Manutenzione e Gestione Impianti Industriali www.giavasas.it INDICAZIONI SU GIUNTI DEI NASTRI TRASPORTATORI interventi di giunzione La giunzione di un nastro si rende necessaria quando bisogna

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

corso di potatura e innesto la potatura

corso di potatura e innesto la potatura CONSORZIO DELLA QUARANTINA Associazione per la Terra e la Cultura Rurale casella postale 40 ufficio GE/06 16149 Genova tel. 347.9534511 posta elettronica: scrivi@quarantina.it corso di potatura e innesto

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali FISIOLOGIA VEGETALE Gli ormoni vegetali Lo sviluppo delle piante in tutte le sue varie fasi (crescita, fioritura, fruttificazione, formazione e caduta delle foglie) è regolato dall integrazione di stimoli

Dettagli

UTENSILI. PS: I numeri in rosso presenti nel codice dell articolo, corrispondono al tipo di articolo.

UTENSILI. PS: I numeri in rosso presenti nel codice dell articolo, corrispondono al tipo di articolo. UTENSILI RASCHIATOIO PER PULIRE È fatto di acciaio flessibile e serve a togliere argilla o fango/terra dalla zona di lavoro UTX00001SEV 89x160 mm. RASCHIATOIO DI ACCIAIO È fatto di acciaio inossidabile

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 2/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

VIVAISMO E GIARDINAGGIO

VIVAISMO E GIARDINAGGIO CORSO DI VIVAISMO E GIARDINAGGIO INTRODUZIONE Il vivaismo rappresenta un segmento molto importante della filiera produttiva agricola, perché dalla capacità propositiva delle aziende vivaistiche e dalla

Dettagli

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon IL PICCOLO MANUALE DE LA POTATURA DELLE PIANTE DA FRUTTO Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon La potatura consiste in una gamma di interventi

Dettagli

INNESTI DEL CASTAGNO DALLA TEORIA ALLA PRATICA.

INNESTI DEL CASTAGNO DALLA TEORIA ALLA PRATICA. CICLO DI SERATE LE CASTAGNE OCCASIONE PER IL TERRITORIO INNESTI DEL CASTAGNO DALLA TEORIA ALLA PRATICA. Cassano Valcuvia 17 febbraio 2014 Dott. Agronomo Massimo Raimondi Consulente Tecnico del Consorzio

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto

Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto Palme Progettista: Euro (si, magari ) Manovale: Hoot (ma che manovale!!!!) Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto Euro: SEI UN DELINQUENTE Nico!!!!!

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Biotessili per il controllo dell erosione. seic

Biotessili per il controllo dell erosione. seic BIOSTUOIE Le Biostuoie sono dei materassini biodegradabili costituiti da frustoli di paglia o cocco, trattenuti mediante una reticella fotossidabile su un lato e da un foglio di cellulosa sull'altro. Hanno

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 3/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

SOLUZIONE VELOCE ED EFFICACE PER L'UMIDITÀ DI RISALITA.

SOLUZIONE VELOCE ED EFFICACE PER L'UMIDITÀ DI RISALITA. SYSTE M LINEE GUIDA PER L'APPLICAZIONE ELIMINARE L'UMIDITÀ DI RISALITA E RIDIPINGERE IN MENO DI 24 ORE SOLUZIONE VELOCE ED EFFICACE PER L'UMIDITÀ DI RISALITA. IMPERMEABILIZZA E RIDIPINGI IN 24 ORE Oggi

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

Cos è il nastro autoadesivo?

Cos è il nastro autoadesivo? Cos è il nastro autoadesivo? Per nastro autoadesivo si intende una striscia di materiale che può aderire con la semplice pressione su varie superfici senza la necessità di calore, umettatura od altro.

Dettagli

Gli attrezzi per la cura della vigna

Gli attrezzi per la cura della vigna Gli attrezzi per la cura della vigna Le vigne utilizzate dalle corti contadine rivestivano molta importanza fondamentale nella dinamica della comunità, il vino anche se non di qualità veniva usato principalmente

Dettagli

LE PIANTE. acqua anidride carbonica

LE PIANTE. acqua anidride carbonica Unità La foglia e la fotosintesi La foglia è la parte principale della pianta, perché nelle foglie la pianta produce il proprio cibo. luce solare acqua anidride carbonica clorofilla glucosio ossigeno Nella

Dettagli

Forbici Erba e Fiori. Forbici Multiuso, 21cm S90 Articolo N. 111040 Caratteristiche. < Per tagliare fiori e piante

Forbici Erba e Fiori. Forbici Multiuso, 21cm S90 Articolo N. 111040 Caratteristiche. < Per tagliare fiori e piante ATTReZZI da TAgLIO FORBICI FORBICI Le forbici arancioni Fiskars hanno un design classico e sono diventate popolari da oltre 40 anni. La nostra gamma è indispensabile per i lavori di taglio e potatura in

Dettagli

TRONCATRICI TAGLIANO DI TUTTO. work. don t play.

TRONCATRICI TAGLIANO DI TUTTO. work. don t play. TRONCATRICI TAGLIANO DI TUTTO. work. don t play. ADESSO AL LEGNO GLI DIAMO UN TAGLIO. Chiunque dovrebbe approfittarne. Le nuove troncatrici Metabo sono assolutamente robuste e versatili. Sono adatte per

Dettagli

by Gianluca Bosio - sito: www.gbpesca.it

by Gianluca Bosio - sito: www.gbpesca.it come costruire un artificiale adatto alla pesca a spinning Il risultato sarà un artificiale di 7 cm di lunghezza per uno spessore nel punto massimo di 1,5 cm ed un peso di 12 gr, compreso di ancorette

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate:

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Iniziamo questa rassegna con le fotografie prese dal sito www.vivaioclorofilla.it, sono 40 piante di pioppo nero potate nel modo "barbaro" visibile

Dettagli

scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco

scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco Scarpine Fisiologiche Comincia il viaggio con il piedino giusto Il piede ha una funzione fondamentale nello sviluppo motorio del bambino. Va protetto

Dettagli

Antonio Laurìa. Modalità di posa

Antonio Laurìa. Modalità di posa Antonio Laurìa Tecnologia Modalità di posa L articolo descrive le principali istruzioni per la posa a secco di un manto di copertura in laterizio distinguendo tra quelle relative ad un manto in tegole

Dettagli

Citrus, Agrumi (Rutaceae)

Citrus, Agrumi (Rutaceae) Citrus, Agrumi (Rutaceae) Nel genere Citrus sono compresi molti alberi e arbusti originari del dell'asia sud-orientale dalle dimensioni medie e dalla crescita lenta. Sono famosi per le loro foglie profumate,

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

Ludovico Costantini RASSEGNA DEI PRINCIPALI PORTINNESTI IN USO NELLE MARCHE E NELLE DIVERSE COLTURE AGRARIE

Ludovico Costantini RASSEGNA DEI PRINCIPALI PORTINNESTI IN USO NELLE MARCHE E NELLE DIVERSE COLTURE AGRARIE Ludovico Costantini RASSEGNA DEI PRINCIPALI PORTINNESTI IN USO NELLE MARCHE E NELLE DIVERSE COLTURE AGRARIE Fattiedopinioni - 2007 RASSEGNA DEI PRINCIPALI PORTINNESTI IN USO NELLE MARCHE NELLE DIVERSE

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

KGS/GMC BRICO 125-185-220

KGS/GMC BRICO 125-185-220 KGS/GMC BRICO 125-185-220 OPTIONALS 1 12 7 8 3 5 10 9 2 N DESCRIZIONE CODICE 1 Rulli a scomparsa per lo scorrimento pannelli GMC 00185 2 Prolungamento supporto intermedio ribaltabile (800 mm) GMC 00006

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Sez. 4/1 PROTESI FISSA

Sez. 4/1 PROTESI FISSA Sez. 4/1 PROTESI FISSA La protesi fissa è un manufatto posizionato su denti preparati che una volta fissato può essere disinserito dall'odontoiatra mediante decementazione. E' definita protesi fisiologica

Dettagli

Fisica delle costruzioni E R M E T I C I T À A L L A R I A 04/2012

Fisica delle costruzioni E R M E T I C I T À A L L A R I A 04/2012 Indice 1. Nozioni fondamentali 2. Importanza dell ermeticità all aria e al vento 3. Vantaggi del CLT in termini di ermeticità all aria 4. Aspetti tecnici dell ermeticità all aria 5. Costruzioni e raccordi

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE 1/5 ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE Egregio Cliente, La ringraziamo per avere acquistato il nostro pavimento in tranciato di vero legno Par-ky. E molto importante che legga attentamente queste istruzioni

Dettagli

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Esperimento n 1 Un po di acqua Una siringa da 5 ml Lenticchie Proviamo a comprimere una piccola quantità di lenticchie precedentemente inserite nel cilindro della siringa Proviamo ora a comprimere nella

Dettagli

AMBIENTE. Istruzioni di posa per professionisti

AMBIENTE. Istruzioni di posa per professionisti AMBIENTE Istruzioni di posa per professionisti Indice Travetti 4 Scelta del materiale Posa dei travetti Posa di travetti per terrazzoa senza profilo di finitura (Sit. A) Preparazione dei travetti Preparazione

Dettagli

TEST COLTELLO LASER OMERSUB

TEST COLTELLO LASER OMERSUB TEST COLTELLO LASER OMERSUB Per collaudare/testare un coltello non servono pescate e prove particolari, ma serve un utilizzo costante e verificare l usura nel tempo. Il coltello da me provato è il Laser

Dettagli

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO CONOSCERE IL SOLARE TERMICO Parte I - Conoscere il solare termico COLLETTORE, FLUIDO, SERBATOIO CIRCOLAZIONE NATURALE E FORZATA Parte II Sistemi a circolazione naturale IL COLLETTORE I SELETTIVI RENDONO

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES pag. 16-17-18 Unità aggiornata: 7/2012 2 Se vogliamo

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

PIANTE IN VASO E FIORIERE accorgimenti e tecniche

PIANTE IN VASO E FIORIERE accorgimenti e tecniche PIANTE IN VASO E FIORIERE accorgimenti e tecniche MODULARTE progetta e produce vasi e fioriere singole e modulari che possono consentire tutti i tipi di coltivazione qui di seguito esposti, sempre comunque

Dettagli

IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA

IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA Progetto CISA IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA Intorduzione CISA Centro per lo Sviluppo dell Appennino Dott. Ing. Filippo Marini Introduzione Utilizzo della biomassa

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI

NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI NASTRI ADESIVI DI CARTA TRADIZIONALI PER INTERNI Il programma carta-nastri adesivi che viene incontro alle vostre necessità. A seconda delle vostre richieste di qualità, capacità collante, resistenza all

Dettagli

Procedura per la produzione delle vele armo 1,2 e 3 classe 1 Metro

Procedura per la produzione delle vele armo 1,2 e 3 classe 1 Metro Procedura per la produzione delle vele armo 1,2 e 3 classe 1 Metro Introduzione La produzione di vele in conto proprio è l aspirazione d ogni skipper di barche classe 1 metro. Per prima cosa devo dire

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Nastri GenCon per il trasporto generico

Nastri GenCon per il trasporto generico VOLTA Belting Technology Ltd. Italian Nastri GenCon per il trasporto generico The Next Step in Belting VOLTA Belting Technology Ltd. Nastri per diverse tipologie di trasporto L industria dei nastri per

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli