Otello Bosari ECONOMIA E POLITICA IN FRIULI OCCIDENTALE DAL SECONDO DOPOGUERRA A OGGI: PROPOSTE PER UNA RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Otello Bosari ECONOMIA E POLITICA IN FRIULI OCCIDENTALE DAL SECONDO DOPOGUERRA A OGGI: PROPOSTE PER UNA RICERCA"

Transcript

1 Otello Bosari ECONOMIA E POLITICA IN FRIULI OCCIDENTALE DAL SECONDO DOPOGUERRA A OGGI: PROPOSTE PER UNA RICERCA 1

2 Anche i nomi hanno la loro importanza. Nei primi anni del secondo dopoguerra era usato il termine Destra Tagliamento per indicare il territorio che aspirava a diventare provincia assumendo Pordenone come capoluogo: si trattava di un riferimento geografico-amministrativo. In prosieguo di tempo è venuto prevalendo il termine Friuli Occidentale, volendo evitare di accentuare il distacco dal restante Friuli, dalla sua storia, dalla sua cultura (identità friulana). Nell'ambito quindi di un discorso di metodo possiamo usare la dizione Friuli Occidentale, senza sfuggire però alla domanda se esista una identità effettivamente attribuibile a questa area. Con una certa prudenza ed entro certi limiti si può anche rispondere sì. L'identità di Pordenone come città non è facile determinarla. Forse neanche esiste. Salvo una generica sensazione di città nuova o di città costruita da poco che si contrappone al sentimento di nostalgia dei pordenonesi originari che non sentono più tanto frequentemente come un tempo la loro particolare parlata veneta, così armoniosa e accattivante. È difficile parlare anche di una identità della provincia. 2

3 Si può piuttosto fare riferimento a caratteristiche di Pordenone e si possono anche individuare aggregazione di interessi più o meno consolidati e riconoscibili aventi dimensione cittadina o mandamentale o provinciale, spesso emergenti nel dibattito politico, soprattutto in relazione a conflitti presunti o reali con altre realtà politicoamministrative. Stando a quanto scriveva il conte Pietro di Maniago al tempo della Restaurazione, a Pordenone gareggiavano allora per prevalere commercianti e proprietari terrieri, forse con qualche tendenza dei primi a contare di più dei secondi, almeno guardando le rispettive dimore dal punto di vista della dimensione e della comodità. Al di fuori dei centri urbani tuttavia prevalevano per il peso largamente superiore dell'agricoltura nella vita economica, i proprietari terrieri. Poca importanza aveva il fatto che fossero nobili o borghesi perché i contratti agrari erano sempre quelli provenienti dalla ripresa agronomica del '700 e per i contadini la sorte era sempre la stessa: sottoposti a sfruttamento e a soggezione, vincolati da quelle antiche norme e dalla pratica difficoltà di trovare una facile via d'uscita occupandosi stabilmente in altri settori. Molto spesso l'emigrazione appariva come l'unica alternativa. Con l'insediamento dell'industria tessile a metà dell'ottocento, Pordenone diventa un centro caratterizzato dalla presenza della grande industria cotoniera e tale rimane in un'area prevalentemente agricola fino al Con la ristrutturazione dell'industria tessile e con i licenziamenti di massa da essa provocati quando tutto faceva pensare al peggio inizia, negli stessi anni Cinquanta, il vigoroso sviluppo della Zanussi, fabbrica di elettrodomestici, la cui combattiva classe operaia fa pesare un'altra volta il fatto che Pordenone vuol dire grande industria, con i relativi problemi politici e sindacali, anche se si deve riconoscere che la classe operaia pordenonese metalmeccanica non ha certo dato tanti sindaci e amministratori locali come il Cantiere di Monfalcone nel Basso Isontino e nella Bassa Friulana. Non per niente l'unico monumento culturale della classe operaia di Pordenone rimane la vecchia Casa del Popolo di Torre, costruita all'inizio del secolo XX con il lavoro volontario e ristrutturata dopo i sismi del 1976 con il contributo pubblico della legislazione per la ricostruzione. In seguito la classe operaia pordenonese non diede sempre una gran prova di capacità amministrativa, basti vedere il fallimento della cooperativa di consumo tra dipendenti del Cotonificio Veneziano (secondo dopoguerra). Più o meno nello stesso periodo comincia a svilupparsi la zona del mobile (Prata, Brugnera, Pasiano, Pravisdomini) dove la classe operaia non riesce a emergere come classe politicamente organizzata, restando piuttosto debole anche sul piano sindacale e sociale. 3

4 Quando la stella della Zanussi ha cominciato a impallidire, Pordenone e provincia hanno inaugurato rapidamente e con successo un'altra trasformazione, quella dell'industrializzazione diffusa. Siamo con ciò a pieno titolo dentro il cosiddetto fenomeno del Nord-Est e dentro il fenomeno delle Tre Italie. Pordenone quindi non rappresenta genericamente soltanto un'area dinamica, bensì una città e un'area che hanno saputo compiere nello spazio di due secoli almeno quattro trasformazioni (centro commerciale e di consumo della rendita agraria, centro tessile, città della Zanussi, capoluogo di una provincia caratterizzata dall'industrializzazione diffusa, con il relativo corollario di servizi e di esercito della partita IVA). La vera ricchezza economica della provincia è stata ed è tuttora quella di avere un ampio ceto imprenditoriale sorretto da maestranze professionalmente preparate e disposte anche a grandi sacrifici. Il sistema scolastico, senza dare di per sé prove esemplari, come nel caso dell'istituto Tecnico Malignani di Udine, ha svolto il proprio ruolo in maniera passabile, con qualche capacità di rapporto tra preparazione professionale (scuole serali di disegno, scuola serale di pratica commerciale di Pordenone Andrea Galvani ) e mercato del lavoro. Ma la città e la provincia sono state e sono piuttosto moderate in politica, non portate a grandi slanci e a grandi rischi. O meglio: qualche slancio è consentito, ma che non duri troppo. Emerge però anche una realtà sociale che non è chiusa al nuovo sul piano economico e su quello tecnico. Basta avere presente la vasta rete di cooperative esistente: dalle latterie alle cantine sociali e agli attuali supermercati Coop. Merita qualche riflessione la circostanza che il moderatismo sopravvive, anzi, è ben presente tuttora nella Destra Tagliamento, esprimendosi in molteplici aspetti, sociali e politici, con un preciso risvolto elettorale, nonostante le trasformazioni e le innovazioni che hanno avuto luogo nell'800 e nel primo '900, nonostante si sia arrivati anche qui a una realtà di decentramento industriale anni '50, '60, '70 caratterizzato comunque dalla compresenza sì di grandi complessi come il gruppo Zanussi, Scala e Savio, ma anche di medie aziende come SAFOP, Casagrande, etc. Il segno originario del moderatismo non è stato mutato o cancellato dunque né dal costituirsi via via nel tempo di una consistente classe operaia (tessili dei cotonifici, manovalanza delle fornaci di Pasiano, più recentemente metalmeccanici del gruppo Zanussi, etc.), né dalla profonda trasformazione intervenuta negli ultimi decenni nel potere locale, sia dal punto di vista istituzionale che politico (nascita della Regione a Statuto Speciale, costituzione della provincia di Pordenone, superamento del vecchio ruolo del prefetto, affermazione di amministrazioni di sinistra dopo le elezioni comunali e provinciali del 1975). 4

5 Infatti la DC, per oltre quarant'anni partito di governo, beneficia costantemente nella provincia di Pordenone di una percentuale di voti 39% alle elezioni europee del 1984 e 38,5% alle elezioni provinciali del 1985) molto superiore alla percentuale nazionale (rispettivamente 33,29% e 33,53%), mentre contemporaneamente il PCI, maggiore partito di opposizione, tocca il 24% nelle europee del 1984 e il 22% alle provinciali del 1985, tenendosi quindi a un livello sensibilmente inferiore ai corrispondenti dati nazionali (33,52% alle europee del 1984, 29,86% alle provinciali del 1985). Siamo perciò in presenza di una continuità storica di egemonia moderata (non propriamente immobilistica) che non è stata scalzata né da forze più coerentemente progressiste, come lo erano i democratici dell'800 risorgimentale e post-unitario, né da altre forze che, richiamandosi alla moderna classe operaia, erano più apertamente schierate per un cambiamento della società, cioè i socialisti e i comunisti. Queste componenti politiche della realtà locale che entrano di volta in volta in conflitto coi moderati, come ad esempio gli uomini del partito d'azione nel 1864 (moti di Navarons), hanno in comune un limite: non riescono a darsi un programma adatto alla realtà locale, capace di essere il punto di riferimento per una alleanza politica e sociale tale da costruire una alternativa realisticamente attuabile in quanto credibile e non solo eroica o propagandistica o polemica. Dal canto suo la DC, ovvero il partito che in Friuli è stato espressione della continuità di governo dal 1945 in poi, ma anche erede di una continuità di più lungo periodo, rievocando l'azione portata avanti dalla ricostruzione postbellica alla ricostruzione delle zone terremotate nel 1976, non ha mancato di sottolineare anche recentemente il dato politico di uno sviluppo conseguito evitando le rotture traumatiche e scartando le scelte più radicali: L'impegno, la linea ispiratrice, sono stati quelli di ricomporre le comunità in un equilibrato rapporto tra tradizione e innovazione, che alterasse il meno possibile, rinforzandone invece il tessuto sociale preesistente, quale garanzia del mantenimento di una civiltà formatasi nel tempo a dimensione umana 1. Non è apparso mai facile superare il dislivello di orientamento politico registrato tra dimensione nazionale e dimensione locale. Altresì modesta è stata la proiezione culturale della provincia di Pordenone nonostante lo sviluppo economico. Non che manchino le istituzioni culturali, anzi, alcune sono strutture di tutto rispetto. Manca piuttosto un tessuto e un clima di disponibilità al confronto. 1 Adriano Biasutti, dichiarazioni di, in Il Momento, anno XVI, Pordenone, giugno-luglio 1985, n

6 Da questo punto di vista siamo indietro rispetto a Trieste e a Udine, come numero e importanza delle organizzazioni che si occupano di cultura 2, oltre che come produzione culturale 3. Ripercorrere perciò la storia degli ultimi due secoli forse sarà utile per capire meglio lo svolgimento dei fatti che spesso la storiografia locale ha cercato di rappresentare in modo edulcorato, ma soprattutto con un troppo limitato apparato critico, con poco spirito di comparazione e di approfondimento. Chi scrive ricorda di avere appreso dalla viva voce di una protagonista della sinistra pordenonese, Evelina Pasquotti, insegnante impegnata, con quanta incredibile rapidità l'ambiente del CLN pordenonese ha accettato l'idea di eliminare, poco dopo la fine del conflitto , il tesseramento e le altre misure di regolazione dei consumi, le quali misure pur avevano la funzione di tutelare i più deboli che il libero mercato avrebbe sicuramente sacrificato. In questo caso un indirizzo politico nazionale lo si è subito avuto senza battere ciglio, pur avendo l'idea dei suoi limiti negativi. Chi scrive non ha mai potuto scrollarsi di dosso un senso di disagio nel confrontare tale comportamento politico con quello dei governi inglesi del dopoguerra che per un lungo periodo hanno mantenuto in vigore il tesseramento dei generi di prima necessità, certo in quanto preoccupati di mantenere un regime di austerità per liquidare del tutto un ruolo imperiale, ma anche orientati in modo convinto a non far ricadere i sacrifici esclusivamente sulla classe lavoratrice e sui ceti più deboli. Governi, quelli inglesi, moderatamente riformatori, ma piuttosto seri nell'amministrare le compatibilità politiche ed economiche. A un senso di disagio non si sfugge neppure guardando con un po' di attenzione a come ci si è atteggiati da parte della classe politica pordenonese nei confronti dell'intervento pubblico. Poco prima che venisse avviato l'indirizzo di rigore nella spesa pubblica e di dismissione della presenza pubblica nell'economia (vendita delle proprietà pubbliche e smantellamento delle partecipazioni statali), a Pordenone si chiedeva a gran voce il salvataggio della Sèleco mediante la spesa di pubblico danaro e mediante la irizzazione. Si invocava a questi fini la salvaguardia dei posti di lavoro. Richiesta più che legittima dei lavoratori della Sèleco. Ma il gran battage sulla Sèleco era orchestrato più che altro dalle ragioni del prestigio della città e dalle preoccupazioni delle burocrazie sindacali, che temevano di perdere ulteriormente potere. 2 Si veda: Regione Autonoma FVG, Direzione Regionale dell'istruzione della Formazione Professionale delle attività e beni culturali, Cultura e territorio, Indagine sulle Istituzioni e attività culturali nel Friuli-Venezia Giulia, a cura dell'istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia, Se si vuole individuare qualche segno di prestigio, Gorizia oggi (2011) può vantare una facoltà di architettura con un bacino culturale che arriva fino a Lubiana. Eppure Gorizia è una città anche più piccola di Pordenone. 6

7 Si ripeteva così un copione registrato tante volte al fine di salvare aziende decotte a spese della collettività. Basti ricordare il caso Abital di Cordovado e la serie di interventi pubblici per tenerla in vita sotto nomi diversi. In altri campi invece l'intervento pubblico lo si è sempre evitato oppure sostenuto con scarso entusiasmo. È sufficiente ricordare i ritardi del PRG di Pordenone, la scarsa applicazione degli strumenti che consentivano la espropriazione di aree fabbricabili (legge 167 del 1962), la mancata pianificazione della conurbazione pordenonese pur con tutta la retorica spesa intorno ai temi della cultura urbanistica (fallimento della proposta PUIAP). Per rifugiarsi ancora una volta all'estero, vale la pena ricordare che uno dei più validi progettisti udinesi del dopoguerra (Giorgetti senior) aveva fatto le sue prime esperienze prigioniero di guerra degli inglesi in un ufficio urbanistico di Londra, dove si stava già pianificando la ricostruzione della città mentre i tedeschi continuavano a bombardarla. Nel nostro Paese invece non si è mai voluta sul serio una pianificazione urbanistica minimamente rigorosa; dopo la fine della guerra con la scusa che la ricostruzione era urgente per rimuovere le macerie dei bombardamenti, in epoca successiva con la motivazione che non era opportuno mettere ostacoli all'attività edilizia. L'obiettivo di molti amministratori non era quello di una città funzionale e vivibile, ma piuttosto di poter dimostrare che avevano concesso molte licenze edilizie. Basta seguire negli anni del boom edilizio sulla stampa locale i frequenti articoli di cronaca che rendono nota la solerte attività delle commissioni edilizie comunali: suonano come altrettanti bollettini di guerra annuncianti vittoria. Anche il popolo dovrebbe ogni tanto, come il singolo individuo, guardarsi nello specchio. La storia serve proprio a questo. Intanto serve precisare che un corso di storia locale deve non solo preoccuparsi di operare una sintesi di quanto già scritto (Candiani, Benedetti, Degan, Mio, Antonella e Angelo Mazzotta), ma anche fare i conti con la storiografia meno locale. Nel caso nostro si tratta della storiografia friulana (Leicht, Battistella, Tessitori, Perusini, Mor) perché altre scuole storiografiche, pur definendosi regionali, hanno quasi completamente ignorato il Friuli Occidentale. Si veda in questo senso il lavoro Friuli-Venezia Giulia Storia del Novecento curato dall'istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli-Venezia Giulia di Trieste, al quale nessun ricercatore della provincia di Pordenone è stato chiamato a collaborare 4. Ma si tratta anche di altro. Alla corrente friulanista più patriottica perché c'è una parte meno patriottica in quanto nutrita di un autonomismo che confina con l'indipendentismo dei Leicht, Mor, Perusini, che vuole a tutti i 4 AA.VV., Friuli-Venezia Giulia Storia del Novecento, Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli-Venezia Giulia, Trieste, Il volume è stato pubblicato con il contributo della Regione Autonoma FVG per il cinquantesimo anniversario della Resistenza e della Lotta di Liberazione. 7

8 costi vedere in Venezia un elemento costantemente positivo poiché avrebbe in qualche maniera mantenuto un minimo di ordine interno (e sin qui si può essere d'accordo perché il Patriarcato di Aquileia era peggio in quanto molto più intriso di anarchia feudale) e tutelato l'italianità a Est, bisogna pur ricordare quanto la Repubblica di San Marco sia rimasta indietro sul terreno precipuo che ha visto la crescita dello stato moderno, il quale trova la sua ragion d'essere nell'allargamento della propria attività nei campi della scuola, dell'assistenza, della sanità e delle infrastrutture in generale, segno tangibile sempre di uno stato e di un sistema di governo. Volendo dare una scorsa anche di gran fretta ai toponimi in Friuli e terre vicine, non è per niente difficile rintracciare la strada napoleonica oppure più raramente l'argine austriaco, ma l'opera pubblica veneziana, al di là di fortezze e torrioni, non è facile trovarla, con tutto il rispetto per l'architettura militare e per i suoi lasciti all'industria turistica. Intorno ai grandi torrenti come il Cellina e il Meduna si trovano disegnati solo gli arginelli a fragile protezione di questo o quel paese, consentendoci di leggere la totale inerzia veneziana in ampie zone del Friuli. Sta di fatto che la politica dei grandi lavori pubblici, politicamente pensata e seriamente realizzata, inizia con il Regno Italico e con il Lombardo-Veneto, per proseguire poi con l'italia unita. Venezia si era preoccupata di regimare le acque in tanto e in quanto necessario a evitare l'interramento della sua laguna e a consentire la navigazione fluviale. Oltre la tutela dei boschi e oltre quelle bonifiche alle quali era interessato il capitale veneziano. Più in là San Marco non era andato perché la sua modernità si fermava qui. Per questo confronto è necessario andare oltre quanto già acquisito dalla ricerca storica, come nel caso della pregevole, ma piuttosto scolorita opera di Perusini sui contratti agrari: bisogna documentare anche la conflittualità tra concedenti e conduttori dei fondi non dando per scontato che lo scontro di interessi sia stato quasi inesistente, non rinunciando altresì a documentare quanto diffusi fossero i rapporti di usura nei paesi contadini. Questa esigenza si lega al lavoro su fonti nuove o non completamente esplorate: archivi dei notai, archivi dei tribunali e delle preture, catasto austriaco del 1850, liste di leva dei primi decenni dello stato unitario, archivi delle cattedre ambulanti di agricoltura, archivi comunali, archivi aziendali ove disponibili. Ma soprattutto ci si deve impegnare a guardare al passato del Friuli occidentale con i nuovi occhi di oggi e con le passioni civili e sociali di oggi, senza indulgere alle ricostruzioni a tesi, per esaltare le lotte di massa o i capitani d'industria. Molti miti sono caduti. Gli imprenditori pordenonesi già protagonisti degli anni '50 e '60 (Lino Zanussi, Giulio Locatelli, Luciano Savio) sono usciti di scena da un quarto di secolo, con i loro meriti e demeriti, grande disponibilità al rischio e molto spirito antisindacale, come ricorda un leader della CISL, Bruno Giust, in una sua dichiarazione 5. 5 Antonella e Angelo Mazzotta, Dal telaio al tornio. Storia e ruolo del sindacato nello sviluppo industriale del Friuli 8

9 Per un rapporto meno spigoloso con i sindacati si deve segnalare però il più lungimirante Luciano Savio, capo dell'impresa omonima, esponente dell'unione Cattolica Imprenditori e Dirigenti d'impresa, quindi punto di riferimento per la parte democratico-cristiana anche per le attività culturali. Per la verità si è ritirato anche qualche altro imprenditore della generazione successiva, come Bruno Casagrande, fondatore della Casagrande SpA (azienda produttrice di macchine escavatrici), personalità proveniente dalla gavetta, peraltro dotato di grande capacità inventiva. Anche la classe operaia non è più quella che ancora 20 anni fa passava sulla Pontebbana come una fiumana, con bandiere rosse e tamburi di lamiera, per andare poi a riempire la più grande piazza di Pordenone, piazza XX Settembre. Nell'ultima lotta contrattuale i metalmeccanici in sciopero sono riusciti appena a riempire il marciapiedi sotto la sede dell'associazione degli industriali in via dei Molini: erano poche centinaia di persone. La lettura celebrativa di enti, società, sindacati, cooperative, associazioni varie è già abbastanza ampia, come anche la letteratura memorialistica. Tale produzione di storia non la si può certamente disincentivare. Ma un territorio come il nostro, che aspira a pareggiare i risultati culturali con quelli economici, notoriamente rilevanti (a prescindere dalla crisi in atto), deve qualificarsi con programmi di ricerca che possano vantare tutti i crismi di un esame critico del passato. In particolare non si può continuare a scrivere storie della seconda guerra mondiale e della resistenza nella vecchia maniera, poco approfondite e poco problematiche senza tener conto delle ricerche condotte nell'ultimo periodo, che hanno innovato i metodi e allargato l'ambito delle fonti, ivi comprendendo quelle delle amministrazioni pubbliche e quelle di parte tedesca e alleata. Ciò che conta in definitiva è non adagiarsi sulla ripetizione delle tesi consolidate. Da questo punto di vista si può legittimamente rimproverare ad alcuni storici friulani di aver letto in modo semplificato le nostre vicende, come fa Carlo Guido Mor nella sua presentazione della ricerca di Gaetano Perusini sui patti agrari, là dove definisce la vita friulana sì dura per la non facile natura della regione, ma molto più dura per l'azione di uomini estranei alla Patria che hanno lasciato tracce sanguinose del loro passaggio 6. Occidentale ( ), Pordenone, Edizioni Concordia Sette, Carlo Guido Mor, sua presentazione in, Gaetano Perusini, Vita di popolo in Friuli. Patti agrari e consuetudini tradizionali, Firenze, Olschki, 1961, pag. VII. 9

10 La nostra storia non possiamo spiegarcela solo con la morfologia del territorio e con la natura del suolo agrario, con l'aggiunta del rovinoso passaggio degli eserciti di Roma, di Attila, di Napoleone, di Carlo d'asburgo e di Hitler. Si sono manifestati anche rapporti tra gli uomini o tra le classi o tra diversi ruoli economico-produttivi che nel bene e nel male hanno influito sullo svolgimento dei fatti. Certo a qualche storico ha fatto velo l'adesione all'autonomismo friulano, idea del tutto rispettabile come altre. Si tratta di vedere se il punto di vista pordenonese o meglio l'osservatorio del Friuli occidentale l'area più influenzata dalle rapide trasformazioni, a volte anche troppo brusche come dimostra la tragedia del Vajont e il disordine urbanistico della conurbazione pordenonese con le visibili colate di cemento può consentire, al di là del puro esercizio di scrivere qualche libro in più di storia locale, l'apertura di un confronto tra scuole storiche diverse. 10

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE. Bologna, 13 MARZO 2009

ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE. Bologna, 13 MARZO 2009 ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE Bologna, 13 MARZO 2009 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE di GIORGIO STUPAZZONI Ricordare un centenario può rischiare di fare emergere soltanto retorica, agiografia, autoreferenzialità:

Dettagli

Innovazione e Ricerca per lo sviluppo industriale. Milano: 27 gennaio 2011 1 Intervento: Tore Corveddu

Innovazione e Ricerca per lo sviluppo industriale. Milano: 27 gennaio 2011 1 Intervento: Tore Corveddu Ritengo molto importante l'iniziativa odierna e coerente con gli impegni assunti dalla nostra organizzazione. Importante perché, almeno sul piano delle dichiarazioni, e nei documenti congressuali, abbiamo

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Sezione di Bergamo. Prot.n.10575. Egr.sig. SINDACO. Comune di RANICA 24121 BERGAMO. Fax 035 511214. AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE di RANICA

Sezione di Bergamo. Prot.n.10575. Egr.sig. SINDACO. Comune di RANICA 24121 BERGAMO. Fax 035 511214. AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE di RANICA Prot.n.10575 Sezione di Bergamo Egr.sig. SINDACO Comune di RANICA. 24121 BERGAMO Fax 035 511214 AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE di RANICA A TUTTI I CONSIGLIERI COMUNALI DEL COMUNE DI RANICA E, p.c

Dettagli

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

L ITALIA REPUBBLICANA

L ITALIA REPUBBLICANA L ITALIA REPUBBLICANA LE REALIZZAZIONI DEL CENTRISMO LA RIFORMA AGRARIA, finanziata in parte dai fondi del Piano Marshall,fu,secondo alcuni studiosi,la più importante riforma dell'intero secondo dopoguerra.

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia NOVE DA FIRENZE www.nove.firenze.it http://www.nove.firenze.it/levoluzione-della-cartografia-militare-dai-lorena-ai-savoia.htm L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia sabato 07 novembre

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Cooperazione e innovazione

Cooperazione e innovazione Tecnopolo Reggio Emilia - 16 novembre 2015 Cooperazione e innovazione Roberto Grassi - Manta Communications - Hopenly La bonaccia è lo stato di stallo che inchioda la navicella corsara, leggera, veloce,

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

STUDIO NOTARILE SEVERINI - RICCI - CALAFIORI

STUDIO NOTARILE SEVERINI - RICCI - CALAFIORI Roma, 21 giugno 2013 Caro Presidente, cari Consiglieri Nazionali, cari Colleghi Tutti, oggi presenti, in questi pochi minuti a disposizione vorrei raccontarvi un SOGNO: sì, ho un SOGNO. SOGNO che l informatica

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra ISTITUTO REGIONALE PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Gaetano Dato Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993 Quaderni 31 Con il contributo di

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Indice 1. L Italia e la formazione professionale 2. La Lombardia e la formazione professionale 3. Chi esce

Dettagli

~RegioneEmilia-Romagna

~RegioneEmilia-Romagna ASSESSORATO AI TRASPORTI, RETI INFRASTRUTTURE MATERIALI E ~RegioneEmilia-Romagna IMMATERIALI, PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E AGENDA DIGITALE GLI ASSESSORI RAFFAELE DONINI PALMA COSTI REGIONE EMILIA-ROMAGNA:

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

terziario friuli venezia giulia maggio 2015

terziario friuli venezia giulia maggio 2015 terziario friuli venezia giulia maggio 2015 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca primo trimestre 2015 udine, 18 maggio 2015

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

Bagnoli tra passato e futuro

Bagnoli tra passato e futuro Bagnoli tra passato e futuro Breve storia dell italsider dalla fondazione ai nostri giorni di Giovanni Musella Occuparsi del destino di Bagnoli in questi giorni, in questi anni, significa mettersi nei

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA

ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA Acli Action Aid Anci Azione Cattolica Caritas Italiana CGIL CISL UIL Cnca Comunità di S. Egidio Confcooperative CONFERENZA STATO- REGIONI Conferenza delle Regioni e

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Dopo 30 anni una nuova legge resiliente

Dopo 30 anni una nuova legge resiliente Dopo 30 anni una nuova legge resiliente In Regione Lazio arrivano l'agenzia, la Consulta del volontariato e nuovi obiettivi sul fronte della formazione. Ne abbiamo parlato con Carlo Rosa, responsabile

Dettagli

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Saggi Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Ogni anno leggiamo con un senso di curiosità e anche d invidia il modo in cui due grandi democrazie, la Francia

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Il volume dà conto dell ultimo di una serie di importanti appuntamenti

Il volume dà conto dell ultimo di una serie di importanti appuntamenti storia e memoria storia e memoria Il volume dà conto dell ultimo di una serie di importanti appuntamenti che in questi anni hanno visto l impegno prioritario e spesso esclusivo dell Associazione Biondi

Dettagli

L'art. 8 della l. n. 148/2011 ed il "primato" della contrattazione aziendale

L'art. 8 della l. n. 148/2011 ed il primato della contrattazione aziendale L'art. 8 della l. n. 148/2011 ed il "primato" della contrattazione aziendale Il provvedimento emesso dal Tribunale di Torino il 23 gennaio 2012 rappresenta a quanto consta la prima applicazione dell art.

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012.

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. La monetizzazione delle ferie maturate e non fruite aveva trovato una prima regolamentazione, specifica ed espressa, nei CCNL dei

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

L età giolittiana. Lezioni d'autore

L età giolittiana. Lezioni d'autore L età giolittiana Lezioni d'autore L Europa del primo Novecento L Europa all inizio del Novecento è all apice del suo sviluppo. Dopo il conflitto franco-tedesco del 1870 non c era più stata guerra al suo

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica.

Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica. Sergio Ristuccia Costruire le istituzioni della democrazia La lezione di Adriano Olivetti, politico e teorico della politica Marsilio INDICE 11 Introduzione 11 Oggi, la democrazia 22 Come nasce questo

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente DEL GROSSO TERENZIO Classi 4 ENOGASTRONOMIA sezione/i Ge PROGRAMMA CLASSE IV A.S. 2014/15 STORIA L ETA DEI LUMI Scienza, libertà e progresso nel Settecento Ideali illuministi e mutamento sociale

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un alta frequentazione di bambini con entrambi i genitori

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La ricchezza immateriale Giornata della proprietà intellettuale Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof. Antonio Marzano CNEL Roma, 29 aprile 2011 1. La Ricchezza

Dettagli

Guida all uso. on line

Guida all uso. on line Guida all uso on line www.romatiburtina.it Ricco di storia, di attività, di tanti beni e servizi che sono cresciuti insieme alle case, alle famiglie e alle loro esigenze, nel V Municipio, tutto è a portata

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

XLIX Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E IL LAVORO

XLIX Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E IL LAVORO XLIX Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E IL LAVORO Rapporto maggio 2016 NOTA INFORMATIVA L Osservatorio sul Capitale Sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

Via Mazzini n. 7 90018 Termini Imerese (Pa) Ter

Via Mazzini n. 7 90018 Termini Imerese (Pa) Ter Via Mazzini n. 7 90018 Termini Imerese (Pa) Tel.: 091 5540599 Email: michelangelo@lopresti.it P.E.C.: ing.m.lopresti@pec.it Ter PREMESSA Con la presente nota, il sottoscritto Ing. Michelangelo Lo Presti,

Dettagli

Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO

Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO PADOVA 25 MARZO 2015 1 Inizio esprimendo il più vivo ringraziamento al centro Levi Cases,

Dettagli

La ricreazione è finita

La ricreazione è finita Roger Abravanel Luca D Agnese La ricreazione è finita Scegliere la scuola, trovare il lavoro Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07571-8 Prima edizione:

Dettagli

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE Di ENRICO COPPOTELLI PROGETTO DI COORDINAMENTO DENOMINATO: COORDINAMENTO CISL GIOVANI. MOTIVAZIONE: Parlando della CISL di Frosinone si parla inequivocabilmente

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

Gruppo parlamentare del PD della Camera. Le unioni civili La corruzione L immigrazione Le intenzioni di voto. 30 giugno 2015

Gruppo parlamentare del PD della Camera. Le unioni civili La corruzione L immigrazione Le intenzioni di voto. 30 giugno 2015 Gruppo parlamentare del PD della Camera Le unioni civili La corruzione L immigrazione Le intenzioni di voto 30 giugno 2015 Le unioni civili Nota di commento 3 Le unioni civili Il family day ha riproposto

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!!

8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!! 8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!! Nell ambito delle iniziative per ricordare la Giornata della donna, gli alunni della 3^ I hanno realizzato un lavoro di ricerca

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario

Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario La Relazione del Segretario dà conto delle condizioni attuali della Sezione INU Lombardia e delle iniziative

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali.

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali. l territorio del Veneto Orientale è interessato da importanti fiumi e bacini idrici che hanno segnato il passo delle civiltà abitanti queste terre. La simbiosi tra l uomo e le acque è continuata nei secoli

Dettagli