PALAZZINE LIBERTY INTORNO CORSO FRANCIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PALAZZINE LIBERTY INTORNO CORSO FRANCIA"

Transcript

1 PALAZZINE LIBERTY INTORNO CORSO FRANCIA VILLINO RABY - corso Francia, 8 ( ing. Pietro Fenoglio, arch. Gottardo Gussoni ) La villa commissionata da Michele Raby all ing. Fenoglio si avvalse della collaborazione dell arch. Gussoni. Rimaneggiata più volte è stata sede di una scuola privata (negli anni 80) e, dal 2009, è proprietà dell Ordine dei Medici e odontoiatri della provincia di Torino. La villa rappresenta l unione di due scuole Art Nouveau, quella belga e quella francese. Il progetto originale fu più volte modificato. L influenza di Gussoni si avverte nella ridondante presenza di numerosi elementi decorativi in litocemento ( pietra ottenuta con il cemento posto in stampi appositi). La planimetria dell edificio è asimmetrica, ricca di differenti corpi di fabbrica. Nel prospetto principale si evidenziano il portoncino d ingresso in legno scolpito con fregi in metallo, la veranda con terrazzo, collegato al giardino dalla breve rampa, e il grande bovindo. La villa presenta modanature ( decori) che, all ultimo piano, sono intervallate da colonnine. L unica testimonianza della decoratissima cancellata originale si può notare nel dettaglio del pilastrino in cemento. Nel cortile si possono ancora ammirare le vecchie scuderie ( cavalli dipinti).

2

3 VILLINO OSTORERO - via Beaumont 7 ( ing. Pietro Fenoglio, 1900) Il piccolo edificio si articola elegantemente nel movimento delle 4 facciate e dei diversi livelli. Sopra uno zoccolo di intonaco grigio liscio in cui si affacciano le finestre degli scantinati, sta l alzato ridipinto di rosa pallidissimo e la decorazione della cimasa ( parte terminale dell edificio prima del tetto) a fiori bianchi su fondo azzurro. Ogni facciata ha caratteristiche proprie: anteriormente è piatta, asimmetrica e movimentata dalla sopraelevazione e dal terrazzo laterale; sul lato destro, verso il giardino, la soluzione è a giorno ( aperto) con ampie finestre a tre e a due luci e una veranda al piano terra; posteriormente vi è un solo balcone e nel quarto lato le scale. Eleganti le semplici modanature (decorazioni) delle finestre che riprendono il motivo decorativo pittorico della cimasa, raffinati i ferri battuti delle ringhiere e i balconi, il cui motivo ritorna nelle scale. Il tetto è a lambriquin ( disegno decorativo) in legno sagomato e manto in tegole. Il portone in legno scolpito ha la parte superiore in ferro battuto.

4 PALAZZINA MAZZETTA - via Piffetti 3 ( arch. Giovanni Gribodo 1908) La piccola costruzione di tre piani presenta una facciata movimentata dalla presenza di un balcone centrale i cui pilastrini in litocemento si integrano felicemente con i ferri battuti che li congiungono, secondo il motivo ispirato alla coda di pavone. Il portoncino d ingresso, spostato verso sinistra, rompe la simmetria e presenta una cornice decorativa ripetuta in diverse ornamentazioni nelle finestre ai vari piani.

5 PALAZZINA MASINO - via Piffetti 5 ( arch. Giovanni Gribodo ) Questa palazzina di tre piani è attigua a un edificio dello stesso architetto. Prevale la tendenza a geometrizzare le forme: infatti le finestre hanno un taglio lineare, e quelle dell ultimo piano sono attraversate da un fregio. Soltanto nel balconcino e nelle finestre del piano centrale non viene meno il gusto per il fantastico: mentre ancora floreali sono le decorazioni delle finestre, il balconcino è sovrastato da due erme ( sculture), a forma di sfinge con le ali, di netta ispirazione tedesca, con il curioso logotipo a G sul parapetto, ripetuto tre volte, quasi una firma dell autore. La simmetria della piccola costruzione viene rotta dal portoncino d ingresso che presenta un sopraporta in litocemento decorato con un rilievo a motivi floreali. Sopra di essa si trova un occhio di bue dalla massiccia incorniciatura e un insolita finestra doppia. Da notare ancora una decorazione a sfinge che orna il camino all ultimo piano e la pulsantiera originale in bronzo.

6

7 PALAZZINA in via Piffetti 5 bis ( arch.giovanni Gribodo ) La piccola villa di tre piani, di aspetto neo-rinascimentale, è strettamente legata all esiguità dello spazio disponibile. L ingresso ha un portone in legno scolpito, sormontato da una modanatura in rilievo con due profili, uno maschile e uno femminile. Al di sopra del portoncino un balconcino con la balaustra in cemento lavorato ed una modanatura in intonaco geometrizzato. Una dentellatura in rilievo conclude la struttura; una balaustra a bolli chiude la terrazza. La modanatura delle finestre presentano mazzi di rose a rilievo. Sul cotto a vista spiccano le riquadrature in finta pietra.

8 PALAZZINA in via Piffetti 7 ( arch, Giovanni Gribodo ) L aggraziata villetta ha una struttura estremamente mossa, certamente particolare per quello che era lo stile di allora dato che ricorda più una villetta nordica che lo stile Liberty. L irregolarità è il fattore dominante: i tetti seguono l andamento dei corpi di fabbrica e hanno una forte inclinazione ed angolature diverse. L effetto generale è rafforzato dal tetto retto da modiglioni simulanti travi in legno operate, dalla cura ai comignoli e dalla decorazione in ferro battuto che corre al culmine del tetto. Una costante della decorazione è il motivo della rosa e l inserimento di una o due colonnine nelle finestre quasi a simulare una bifora o una trifora.

9 FABBRICATO di via Beaumont, 3 ( arch. ing. Giovan Battista Benazzo 1903 ) L edificio di quattro piani fuori terra è coordinato ad un angolo piatto movimentato da un balcone in cemento con motivi floreali, al primo piano, da un bovindo a giorno con colonnine, al secondo piano, il cui tetto costituisce il pavimento di un balconcino con inferriata in ferri battuti dell ultimo piano. Le facciate sono movimentate da un alternanza di finestre e balconi finemente decorati. Deliziose sono le decorazioni delle due fasce di fiori lavorati in superficie in litocemento e intonaco, vero lavoro di cesello, a coronamento dell angolo, ma anche gli intonaci dipinti con motivi floreali al terzo piano e le mensole che reggono i cerchi sospesi nel sottotetto.

10

11 PALAZZINA in via Piffetti 10 ( arch. Giovanni Gribodo ) La piccola costruzione di tre piani fuori terra si qualifica per i paramenti decorativi. Dominante un fregio di carattere naturalistico che taglia a metà la facciata e che rappresenta un delicato ritratto femminile con fiori in mano, ispirata ai modelli francesi, compreso tra le finestre balcone del terzo piano. Vaste specchiature in laterizio ( mattoni rossi) sul prospetto e un pesante balcone in cemento sono temi decisamente di gusto eclettico. In stile Liberty sono, invece, le teste leonine in altorilievo poste sulle lesene (semipilastri sporgenti) laterali del terzo piano; le due teste femminili ( erme ) nella parte terminale della palazzina e l apparato che va dai ferri battuti delle porte finestre alle delicate decorazioni del sopraporta del portone d ingresso, decentrato a sinistra. La decorazione si addensa anche tra le due portafinestra del secondo piano con motivi floreali ( trofeo).

12

13 PALAZZINA in via Piffetti 12 ( arch. Giovanni Gribodo 1909) Villino analogo a quello di fianco, si differenziano solo nei materiali e nell apparato decorativo, redatto con gusto ed accuratezza. Identica per la partitura, per le finestre, per il numero dei piani, per la simmetria della facciata, per il balcone al centro della facciata, per la disposizione distributiva delle scale con portoncino d ingresso decentrato, ma non per l apparato decorativo molto vario. Presenta, infatti, una decorazione centrale al terzo piano, a forma di tabella dipinta con motivi fitomorfi, cioè un intreccio floreale a graffito bianco su sfondo scuro. Il portoncino d ingresso, le modanature delle aperture al primo piano e i pilastrini del balcone sono impostati su una ricca decorazione sul tema del girasole, con leggere varianti. Tale apparato decorativo a girasole è ripetuto grazie all uso di uno stampo che ne permette la moltiplicazione così da ridurre i costi di produzione. Il balcone in parte in ferro battuto ha un ordine ondeggiante a piattina, cioè non in ferro pieno, ma schiacciato. Tali parti in ferro vengono inchiodati tra loro. Strutturalmente molto semplice, la villetta si qualifica, quindi, per i particolari decorativi.

14

15 PALAZZO VITTORIA - corso Francia, 23 ( arch. Gottardo Gussoni 1920 ) Trae il suo nome per evocare la vittoria nella guerra mondiale del 1915/18. Il tramonto della coerenza stilistica che aveva animato il movimento Art Nouveau qui raggiunge il suo culmine, infatti sarà l ultimo monumento ad evocarlo. Dopo verrà espresso uno stile più razionale e funzionale, senza inutili decorazioni. E un edificio di spiccato gusto eclettico per sovrapposizione di stili che autocelebra la società di cui faceva parte anche il costruttore ( Carrera). Si notino i dragoni a fare da reggimensola, inutili da un punto di vista strutturale, e le decorazioni di derivazione fantastica che si ripetono sul portale e nelle scale e le salamandre che costituiscono le maniglie della porta d ingresso.

16

17 LA FLEUR - via Principi d Acaja, 11, angolo corso Francia ( ing. Pietro Fenoglio ) L edificio, di tre piani fuori terra, presenta una torre angolare, bow-window, molto aggettante ( sporgente). La torre, coronata da una finta balaustra in ferri battuti, è animata da mossi balconi in cemento di forme diverse, e da tre ampie finestre in ferri battuti e vetri cattedrali blu e verdi. La mensola metallica del bovindo ha la forma di una corolla floreale. La finta balaustra sopra il cornicione offre un esempio del tipico disegno a lumacone caratteristico dell artista. Su corso Francia vi è un corpo più basso, terrazzato, con veranda, accanto al quale vi è l ingresso carraio, in un punto della facciata si possono leggere le iniziali del progettista. Su via Principi d Acaja un ampio balcone in cemento con motivi floreali e balconcini in ferro battuto. Il paramento è in intonaco finta pietra: lo zoccolo è grigio scuro su cui si affacciano le piccole finestre delle cantine chiuse da ferri battuti a piattina ( schiacciati); il primo piano è sottolineato da strisce orizzontali dove compaiono bolli e righe verticali; superiormente l intonaco è liscio, mosso da archeggiature e da tondi. La fiancata sul corso è dipinta con alberelli in tinte verdi, rosa e azzurre. Portone, porta delle scale e porte degli appartamenti sono in stile Liberty..

18

19 PAROLE CHIAVE Balaustra Bovindo Cimasa Erme Ferro battuto Ferro battuto a piattina Lambriquin Lesene Litocemento Motivi fitomorfi Teste leonine Trofeo

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

GIARDINO CITTA. il liberty. 3 il liberty

GIARDINO CITTA. il liberty. 3 il liberty CITTA GIARDINO il liberty 3 il liberty 1 il liberty LIBERTY A VARESE Pag. 5 LE VILLE AL CAMPO DEI FIORI Villa Mercurio Villa Edera Il Riposo Villa De Grandi Il Rifugio Grand Hotel Campo dei Fiori Ristorante

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli

ESTRATTO DI MAPPA sc.1/2000 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA. MAPPALI n. 340-341-343-346-348-349/350 C.T.

ESTRATTO DI MAPPA sc.1/2000 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA. MAPPALI n. 340-341-343-346-348-349/350 C.T. ESTRATTO DI MAPPA sc.1/2000 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA C.T. F 54 MAPPALI n. 340-341-343-346-348-349/350 P.d.L. VILLAGGIO DEI FIORI Area in proprietà (lotti ancora da edificare) COMUNE DI PIAZZOLA SUL

Dettagli

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE COPERTURE... 2 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE MURATURE,... 3 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE APERTURE...3...3 SISTEMA COSTRUTTIVO DEI COLLEGAMENTI FRA LE STRUTTURE DI COPERTURA E LE STRUTTURE

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO

ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO COMUNE DI GALLIO PROVINCIA DI VICENZA 2003 Variante per i centri storici del Capoluogo e della frazione di Stoccareddo ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO 7. BALCONI E TERRAZZI I balconi

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

giorno.44 nuovomondo

giorno.44 nuovomondo nuovomondo .4 cucina.110 bagno giorno.44 nuovomondo notte e cameretta.56 Una nuova filosofia, una nuova qualità, un nuovo stile di vita, un nuovo mondo. Innanzitutto, una scelta strategica: senza abbandonare

Dettagli

CENTRALE IDROELETTRICA DI CREGO

CENTRALE IDROELETTRICA DI CREGO CENTRALE IDROELETTRICA DI CREGO Premia (Verbania), frazione Crego 1917-1919 Centrale di Crego Nella centrale di Crego tutti i prospetti terminano con un profilo seghettato e gli angoli, le lesene e i profili

Dettagli

Progr.: 25 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 28

Progr.: 25 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 28 Progr.: 25 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 28 1.Codifica edificio Scheda: 28 ID edificio: 28 2. Ubicazione indirizzo: via/piazza: Spinea

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa Il tema della riqualificazione degli insediamenti antichi è un nodo cruciale nell insieme degli interventi di pianificazione del territorio

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

Norme d attuazione testo coordinato

Norme d attuazione testo coordinato Variante al piano regolatore generale centro storico, zona orientale, zona nord-occidentale approvata con decreto del Presidente della Giunta regionale della Campania n. 323 dell 11 giugno 2004 Norme d

Dettagli

Dissuasori. www.laghiseria.it. Base Ottoganle 0 100 x H 850

Dissuasori. www.laghiseria.it. Base Ottoganle 0 100 x H 850 RAGUSA Dissuasori La Ghiseria propone dissuasori dal design ottocentesco che permettono all arredo urbano di inserirsi in ogni contesto architettonico garantendo un ottima caratterizzazione dei luoghi

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE Maggio 2011 Settore Urbanistica Servizio Governo del territorio PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE ALLEGATO C Elenco dei beni di interesse artistico e storico Sindaco Giorgio Oldrini Assessore

Dettagli

REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI ANALISI DEL CONTESTO LOCALE

REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI ANALISI DEL CONTESTO LOCALE SCHEDA N 8 REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI STRALCIO AEROFOTOGRAMMETRICO ANALISI DEL CONTESTO LOCALE MAPPA COMUNE AMBITO UNITARIO FORNACE

Dettagli

COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO

COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO ALLEGATO A SCHEDE DI VALUTAZIONE OBBLIGATORIE PER LA RICHIESTA DI QUALUNQUE INTERVENTO QUADRO A. DATI GENERALI TITOLARE DELL INTERVENTO Il Signore / La Signora

Dettagli

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012)

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) LAPIDE AI CADUTI * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) La lapide nell'attuale criptoportico, l'antico atrio di ingresso del Berchet oggi, come allora, al numero civico 24 di via

Dettagli

Int Reesrtior auro 126 VILLE&CASALI

Int Reesrtior auro 126 VILLE&CASALI Interior Rest auro 126VILLE&CASALI La quiete dentro Un intimo approdo per barche, soavemente immerso nel lago d Orta, diventa uno spazio simbolico per il tempo libero testo di FRANCESCA TAMBERLANI foto

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

Appartamenti in rue Kafka, Parigi

Appartamenti in rue Kafka, Parigi Progetti Elisabetta Pieri olivier brenac & xavier gonzalez Appartamenti in rue Kafka, Parigi cio secondo due diverse direttrici: ai primi tre livelli, i volumi si distendono in orizzontale a definire un

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO GENERALITA Il Palazzo sede degli Uffici della Questura occupa

Dettagli

PORTONCINI BLINDATI. 108 Falegnameria F.lli Picco Catalogo altri prodotti www.fratellipicco.it

PORTONCINI BLINDATI. 108 Falegnameria F.lli Picco Catalogo altri prodotti www.fratellipicco.it PORTONCINI BLINDATI Il portoncino blindato garantisce una maggior sicurezza rispetto ad un portoncino standard grazie alla sua anima (singola o doppia) in ferro. Forniamo portoncini blindati delle migliori

Dettagli

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA INDICE INTRODUZIONE... 2 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO 1 - PUBBLICO... 3 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella Rif 0351 Villa di lusso a Biella www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella 1.500.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Pralungo Biella Piemonte Italia Superficie Immobile:

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

RELAZIONE MONOGRAFIA SUI SERRAMENTI

RELAZIONE MONOGRAFIA SUI SERRAMENTI MONOGRAFIA SUI SERRAMENTI RELAZIONE PREMESSA Per la posizione esterna a un edificio, il significato della facciata investe, oltre al campo dell architettura, quello dell urbanistica, condizionando spesso

Dettagli

La Villa chalet. Capitolo 3 - La Villa chalet. Capitolo 3 - La Villa chalet

La Villa chalet. Capitolo 3 - La Villa chalet. Capitolo 3 - La Villa chalet La Villa chalet Dopo aver acquistato un vasto terreno sul colle di Rozzol, nei pressi del Ferdinandeo, nel 1857 Pasquale Revoltella avviò i lavori di sistemazione del giardino e nel 1860 quelli di costruzione

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

PROVE DI DENSITÀ. Mischa Groh. foto Simone Mengani

PROVE DI DENSITÀ. Mischa Groh. foto Simone Mengani PROVE DI DENSITÀ Mischa Groh foto Simone Mengani Torre Beta, Lugano-Pazzallo L intervento è uno degli ultimi tasselli mancanti al completamento del piano di quartiere «La Sguancia» progettato dall architetto

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

Il Razionalismo a Lecco

Il Razionalismo a Lecco Il azionalismo a ecco Il razionalismo italiano è quella corrente architettonica che si è sviluppata in Italia negli anni venti e anni trenta del XX secolo in collegamento con il Movimento Moderno internazionale,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE COMUNE DI COMMUNE DE M O N T J O V E T PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg ELABORATO PRESCRITTIVO Arch. Ing. HÉRIN Renato MATTERI

Dettagli

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 CINO località Torchi N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 ANALISI ESISTENTE STATO DI CONSERVAZIONE CONSISTENZA GRADO DI UTILIZZAZIONE GRADO DI INTERESSE AMBIENTALE E PAESAGGISTICO

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO isolato I vista Nord vista Est vista Sud vista Ovest PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA I-01 localizzazione ISOLATO I via Cavour, via Roma, via

Dettagli

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica Vincolo n. 207 CULTURALE Estratto foto prospettica Fonte: Pictometry - Compagnia Generale Ripreseaeree CULTURALE Vincolo n. 207 Estratto di decreto di vincolo Elementi identificativi riferiti al decreto

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

Laboratorio di Costruzione dell Archite5ura I A. a.a. 2014/15. Prof. Sergio Rinaldi. sergio.rinaldi@unina2.it. LE SCALE: elementi per il progetto

Laboratorio di Costruzione dell Archite5ura I A. a.a. 2014/15. Prof. Sergio Rinaldi. sergio.rinaldi@unina2.it. LE SCALE: elementi per il progetto Dipar&mento di archite0ura e Disegno Industriale L. Vanvitelli Corso di Laurea Magistrale in Archite0ura Laboratorio di Costruzione dell Archite5ura I A a.a. 2014/15 Prof. Sergio Rinaldi sergio.rinaldi@unina2.it

Dettagli

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO Le scale L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture portanti

Dettagli

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata COMUNE DI PRIZZI Provincia di Palermo Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata Il presente regolamento, che si compone di n art icoli, è stato approvato con deliberazione consiliare n del, pubbl icata

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Ufficio proponente: Sportello Unico per l edilizia Responsabile: Dott. Arch. Tommaso Moreschi 1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Agugliano è attualmente

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

Istituto alberghiero Belliard, Parigi

Istituto alberghiero Belliard, Parigi Progetti Elisabetta Pieri bret & trividic Istituto alberghiero Belliard, Parigi Nella pagina a fianco: corte interna: il lato sud. FOTOGRAFIE J. P. Monthiers La sede dell istituto alberghiero Belliard

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 Disciplina Spazi Edificati Unità Tipo Intervento Uso specifico Mappale Via 1 Rit 2 Rit 3 Rit 4 Rit 5

Dettagli

DEPOSITO dei LOCOMOTORI DEPOSITO LOCOMOTORI BERZOLLA BERZOLLA

DEPOSITO dei LOCOMOTORI DEPOSITO LOCOMOTORI BERZOLLA BERZOLLA DEPOSITO DEPOSITO dei dei LOCOMOTORI LOCOMOTORI BERZOLLA BERZOLLA Vicino al parcheggio del Centro Commerciale Borgo Faxhall, tra Barriera Roma e la Stazione Ferroviaria di Piazzale Marconi, è presente

Dettagli

CITTA DI ITTIRI COMPARTO N 1 N LOTTO 01 N SCHEDA 0001

CITTA DI ITTIRI COMPARTO N 1 N LOTTO 01 N SCHEDA 0001 CITTA DI ITTII COMPATO N 1 N LOTTO 01 N SCHEDA 0001 (fuori dal centro matrice) via G. Deledda 17 via Amsicora 94 NUMEO EDILIZIE Infissi ivestimenti DATI CATASTALI 2 (1) in legno pers. in ferro al p.t.

Dettagli

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte IL GOTICO L Inghilterra Cattedrale di Ely, le volte GOTICO INGLESE L Inghilterra aveva stretti contatti con la Normandia poichè era stata conquistata dai Normanni nel 1081 Attraverso questa via arrivò

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 Comprensorio C8 - Giudicarie N. particella ed. o fond..132 Comune Amministrativo Bocenago Data rilievo 21/06/07 Comune Catastale

Dettagli

Roma 7 giu. (TMNews) - Con una mostra sull'art Nouveau la Fondazione Sorgente Group inaugura lo Spazio Tritone nell'omonima via nel cuore di Roma "Un angolo di Art Nouveau a Roma", curata da Claudio Strinati,

Dettagli

03 Pasqualetti Cobianchi 28-01-2004 14:23 Pagina 1

03 Pasqualetti Cobianchi 28-01-2004 14:23 Pagina 1 03 Pasqualetti Cobianchi 28-01-2004 14:23 Pagina 1 03 Pasqualetti Cobianchi 28-01-2004 14:23 Pagina 30 L albergo Diurno Cobianchi Nel 1925 venne stipulata una convenzione fra il Comune di Pisa e Cleopatro

Dettagli

valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo]

valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo] elemento zona descrizione stato attuale rilievo fotografico valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo] intervento di riqualificazione

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

EDIFICI RESIDENZIALI PRODUTTIVI A FRATTAMAGGIORE TRA LA SECONDA METÀ DELL OTTOCENTO E IL PRIMO NOVECENTO MILENA AULETTA (*)

EDIFICI RESIDENZIALI PRODUTTIVI A FRATTAMAGGIORE TRA LA SECONDA METÀ DELL OTTOCENTO E IL PRIMO NOVECENTO MILENA AULETTA (*) EDIFICI RESIDENZIALI PRODUTTIVI A FRATTAMAGGIORE TRA LA SECONDA METÀ DELL OTTOCENTO E IL PRIMO NOVECENTO MILENA AULETTA (*) (*) L articolo è una rielaborazione di uno dei capitoli della tesi di laurea

Dettagli

DISEGNO TECNICO. ATIS S.r.l. - Via. Pontebbana, 19-33098 Valvasone (Pn) - Italy - P.IVA 01633350937

DISEGNO TECNICO. ATIS S.r.l. - Via. Pontebbana, 19-33098 Valvasone (Pn) - Italy - P.IVA 01633350937 Banco Trendy Aria spigolosa, anima accogliente. Trendy è il programma di arredo che De Blasi ha calibrato sui locali di tendenza. Le sue forme squadrate e le linee pulite, sinonimo di stile e buon gusto,

Dettagli

finestre rettangolari, 1:1.5 a 1:1.7 Manuale di Intervento per gli Insediamenti Storici

finestre rettangolari, 1:1.5 a 1:1.7 Manuale di Intervento per gli Insediamenti Storici schema e rapporti delle aperture situate ai vari piani finestre rettangolari, rotonde, elittiche o quadrate rapporto base altezza da 1:1.5 a 1:1.7 42 aperture - dimensionamento di un portone / portale

Dettagli

TREND BENTORNATO DECORO! TALKABOUT COME NASCE UN PRODOTTO LA RELAZIONE TRA DESIGNER E AZIENDA COVER SML DI GROHE L ESSENZIALITÀ IN 5 TAGLIE

TREND BENTORNATO DECORO! TALKABOUT COME NASCE UN PRODOTTO LA RELAZIONE TRA DESIGNER E AZIENDA COVER SML DI GROHE L ESSENZIALITÀ IN 5 TAGLIE , comma 1, DCB Milano PRODOTTO, ARCHITETTURA E COMPLEMENTI PER L AMBIENTE-BAGNO ISSN 1723-5227 - Bimestrale - Anno XII - numero 03 Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

PARTI COMUNI INTERNO UNITA IMMOBILIARE

PARTI COMUNI INTERNO UNITA IMMOBILIARE PARTI COMUNI INGRESSO VIA DONATELLO CORTE INTERNA INGRESSO /SCALA CONDOMINIALE SCALA CONDOMINIALE INTERNO UNITA IMMOBILIARE FOTO 1 -CORRIDOIO-INGRESSO FOTO 2 CUCINA FOTO 3 -BAGNO 1 FOTO 4 CAMERA 1 FOTO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY Q Scheda N : 1 COMUNE DI ETROUBLES Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: pessimo Stato del fabbricato: originario Tipo

Dettagli

UN ANTICA ELEGANZA MICHELE LIBERATORI

UN ANTICA ELEGANZA MICHELE LIBERATORI MICHELE LIBERATORI UN ANTICA ELEGANZA UN COMPLESSO DI ORIGINE LONGOBARDA, VICINO AREZZO, è STATO RISTRUTTURATO DALLO STUDIO LIBERATORI&ROMUALDI CON UNA GRANDE ATTENZIONE VERSO IL PASSATO 74 ristrutturare

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

In riferimento alla Vostra gradita richiesta, siamo lieti di sottoporvi la nostra migliore offerta relativa alla seguente struttura in legno:

In riferimento alla Vostra gradita richiesta, siamo lieti di sottoporvi la nostra migliore offerta relativa alla seguente struttura in legno: In riferimento alla Vostra gradita richiesta, siamo lieti di sottoporvi la nostra migliore offerta relativa alla seguente struttura in legno: Proposta per la fornitura parziale di elementi in legno e complementi

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA Provincia di GORIZIA COMUNE DI GORIZIA

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA Provincia di GORIZIA COMUNE DI GORIZIA REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA Provincia di GORIZIA COMUNE DI GORIZIA Committente: INFORMEST Via Cadorna n. 36-34170 Gorizia Oggetto: Lavori urgenti di manutenzione ordinaria da eseguirsi presso

Dettagli

Manutenzione straordinaria

Manutenzione straordinaria Spett.le Sportello Unico per l Edilizia Comune di Camino (AL) Manutenzione straordinaria allegato b DATI GENERALI Titolare dell intervento: proprietario, amministratore, avente titolo il/la sottoscritto/a

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole

Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole 2 Abaco degli interventi e dei materiali per gli ambiti del nucleo storico... 4 1 Pavimentazione degli spazi comuni... 5 2

Dettagli

Giochi di luce e trasparenze

Giochi di luce e trasparenze Progetto di Antonella Scarpitta Giochi di luce e trasparenze Il progetto di recupero di un vecchio edificio industriale, metallo, vetro e luce, elementi composti tra loro in modo efficace determinano il

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

Stanza di soggiorno in una villa VII Triennale di Milano Milano, 1940 DISEGNI

Stanza di soggiorno in una villa VII Triennale di Milano Milano, 1940 DISEGNI Stanza di soggiorno in una villa VII Triennale di Milano Milano, 1940 DISEGNI Disegno 1 VII Triennale di Milano / Stanza di soggiorno di una villa / Pianta della parte inferiore, scala 1:20, h 36 x b 43,5

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICE COSTRUTTIVE E FINIZIONI DEL L EDIFICIO SITO IN RIVOLI VIA SANTA CROCE N 7 ALLEGATO B

DESCRIZIONE TECNICA DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICE COSTRUTTIVE E FINIZIONI DEL L EDIFICIO SITO IN RIVOLI VIA SANTA CROCE N 7 ALLEGATO B DESCRIZIONE TECNICA DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICE COSTRUTTIVE E FINIZIONI DEL L EDIFICIO SITO IN RIVOLI VIA SANTA CROCE N 7 ALLEGATO B CAPITOLO I PREMESSA La presente descrizione ha per oggetto le modalità

Dettagli

Patrimonio Edilizio Urbano

Patrimonio Edilizio Urbano numero identificativo 1 018K10_160014 VIA ENZO FANFANI 1 1940 Numeri Tipo di copertura Accessibilità numero Altro VIA ENZO FANFANI 1 Giardino Buono Basamento pietra serena grigio Marcapiano pietra serena

Dettagli

BORGATA-GIARDINO GARBATELLA

BORGATA-GIARDINO GARBATELLA BORGATA-GIARDINO GARBATELLA 1 LA MANO AU RE VITTORIO EMANUELE III L ENTE AUTONOMO PER LO SVILUPPO MARITTIMO E INDUSTRIALE E L ISTITUTO DELLE CASE POPOLARI DI ROMA CON LA COLLABORAZIONE DELLE COOPERATIVE

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA uilt build to ponteggi ponteggi ALLUMINIO PLA Ponteggio di facciata in alluminio P.L.A. 186 Azienda Progetti Prodotti PONTEGGIO PER MANUTENZIONE E RESTAURO Il ponteggio prefabbricato di facciata P.L.A.

Dettagli

Gli ordini architettonici nell architettura romana

Gli ordini architettonici nell architettura romana Gli ordini architettonici nell architettura romana L approccio dei Romani agli ordini architettonici e alle loro regole è meno dogmatico e meno denso di implicazioni filosofiche, rispetto a quello degli

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 Relazione descrittiva della demolizione parziale del Palazzo di Giustizia dell Aquila

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

sede asl e residenze per anziani a montelupo fiorentino (fi), 1991-93

sede asl e residenze per anziani a montelupo fiorentino (fi), 1991-93 In una zona di espansione della cittadina toscana (oltre 11.000 abitanti in un territorio collinare, dove il torrente Pesa confluisce nell Arno), l edificio del nuovo Distretto socio sanitario locale sorge

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila)

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) Cap. 67028 Viale Dante Alighieri n. 1 Tel. 0862 810834 C.F. 80002710665 E mail: s.demetrio@katamail.com Fax. 0862 810017 P.I. 00193050663 c.c.b.

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

ABITArE AMMIrANDO IL LAGO

ABITArE AMMIrANDO IL LAGO ABITArE AMMIrANDO IL LAGO Un edifico anni 50 diventa oggetto di un esemplare trasformazione tesa al recupero dei caratteri tipologici dell architettura vernacolare del Lago. progetto di ristrutturazione

Dettagli

LA RICOSTRUZIONE NEL PRIMO DOPOGUERRA

LA RICOSTRUZIONE NEL PRIMO DOPOGUERRA PESCARA IL LIBERTY A LA RICOSTRUZIONE NEL PRIMO DOPOGUERRA Dopo le devastazioni della grande guerra, nei primi anni del XX secolo, prende forma e si realizza a Pescara la ricostruzione che ha avuto un

Dettagli

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS B Scheda N : COMUNE DI ETROUBLES 1 Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: ottimo Stato del fabbricato: ristrutturato

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE Adottato dal Consiglio Comunale con delibera n. 13 del 28.04.2010 Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 24 del 01.09.2010 0 Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

Aggregato strutturale

Aggregato strutturale 1 ALLEGATO 8 CONSISTENZA STATICA - Indicazioni del Dipartimento della Protezione Civile PRINCIPI E DEFINIZIONI Carattere dell esame a vista I dati raccolti attraverso le schede del Fascicolo del Fabbricato

Dettagli