Capitolo undicesimo TECNICHE DI STAMPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo undicesimo TECNICHE DI STAMPA"

Transcript

1 Capitolo undicesimo TECNICHE DI STAMPA Introduzione Ci si deve chiedere se è veramente utile per il redattore editoriale sapere come si stampa un libro. La mia risposta è sicuramente affermativa. Ho sempre detto nelle mie lezioni che il lavoro editoriale comincia e finisce in tipografia e ribadisco ancora questo concetto. Tra casa editrice e tipografia si stabilisce spesso un rapporto molto stretto. Il tipografo conosce del cliente la produzione e i gusti e l editore deve avere fiducia nel tipografo in merito professionalità. Aggiungo subito che così come le case editrici non sono tutte uguali (rispetto alla tipologia e dimensione) così accade anche per le tipografie. Ci sono, infatti, stabilimenti a ciclo continuo con macchinari all avanguardia e stabilimenti più piccoli, stabilimenti specializzati nella stampa di particolari prodotti (poster, etichette, ecc.) e stabilimenti specializzati nella produzione libraria. La casa editrice nello scegliere lo stabilimento tipografico per la propria produzione deve tener conto di questi fattori. Per esempio, per una casa editrice che ha una produzione annua di una decina di titoli con una tiratura media di copie andrà meglio uno stabilimento di medie dimensioni, mentre non sarà più sufficiente per una casa editrice con una produzione di una cinquantina di titoli all anno e con tirature più alte. In questo secondo caso sarà bene rivolgersi a uno stabilimento a ciclo continuo o servirsi di più stabilimenti tipografici. Ma questi sono dettagli tecnici. La verità è che il tipografo diventa con il tempo consulente della casa editrice e del redattore editoriale in particolare, mettendo a disposizione tutta la sua competenza. Da questo serbatoio il redattore ha molto da apprendere. Questo capitolo si compone di due parti. Nella prima tratterò i vari tipi di stampa (stampa diretta o tipografica e stampa indiretta o offset) e nella seconda affronterò nella specifico ciò che il redattore editoriale deve sapere per risolvere ed affrontare diversi problemi. Stampa diretta o tipografica La stampa diretta affonda le sue radici in un lontano passato. Per comprenderne il funzionamento, possiamo ricorrere all esempio del timbro. Il timbro ha una parte in rilievo. Per contassegnare un foglio di carta, abbiamo bisogno di un tampone d inchiostro su cui inchiostrare la parte in rilievo del timbro e di esercitare una certa pressione sul foglio di carta. In questo esempio ho esposto i principi generali della stampa diretta e della stampa in generale. Per stampare abbiamo bisogno di una matrice, di inchiostro, di pressione esercitata da una macchina o da un torchio e di carta. Altro elemento da cui deriva la stampa diretta è la tecnica chiamata xilografia o incisione sul legno. Si tratta di una stampa artistica. L incisore intagliava su un pezzo di legno un immagine che poi inchiostrava. L immagine veniva riprodotta su un foglio di carta per pressione. Nelle pagina seguente riproduco alcune immagini riguardanti la xilografia. 1

2 Aggiungo che attraverso la tecnica xilografica sono state realizzate opere di grande suggestione. Il maggior uso di questa tecnica si ebbe nel XV e XVI secolo. Successivamente fu abbandonata per incisioni sui metalli. Nel XIX secolo fu ripresa dagli espressionisti. Questa xilografia è la rappresentazione più antica di una stamperia. I caratteri mobili. Johann Gutenberg L invenzione dei caratteri mobili si deve al tedesco Johann Gutenberg. Nato a Magonza alla fine del XIX, orefice e incisore, fu il primo a realizzare caratteri latini destinati alla stampa. I caratteri, inventati da Gutenberg, sono detti mobili perché intercambiabili e riproducibili in più esemplari. Detto in termini più semplici una pagina veniva realizzata usando i caratteri mobili. Sappiamo che anche attraverso le incisioni xilografiche una pagina po- 2

3 teva essere realizzata e stampata. Ma la differenza fondamentale era che la matrice poteva essere usata solo per quella pagina, mancando la possibilità di usare combinazioni di lettere sempre diverse. Il procedimento di creazione dei caratteri mobili consisteva nell incidere ogni lettera dell alfabeto e ogni segno tipografico in rilievo su un punzone di metallo molto duro. Il punzone veniva poi battuto su una matrice di metallo più morbido, dove il segno veniva impresso in un incavo. Si colava nello stampo del materiale fusibile a bassa temperatura (una lega di stagno, piombo, antimonio) e si otteneva il carattere allorché la lega si solidificava. In questo modo si potevano produrre più lettere contemporaneamente. Di seguito riporto gli strumenti che Gutenberg usò per il proprio lavoro. Da sinistra a destra abbiamo il punzone, la battuta del punzone, la battitura del punzone, la matrice, la forma di fusione. Il metodo inventato da Gutenberg restò inalterato sino alla fine dell ottocento. I caratteri venivano posizionati a mano dal compositore su una riga. Più righe formavano una pagina. La pagina veniva inchiostrata e la carta veniva pressata con un torchio a mano. Di seguito riporto l immagine di una stamperia in cui sono evidenziate le varie fasi del lavoro. Nella pagina seguente riporto la struttura di un carattere di piombo. 3

4 Lo schema può così essere riassunto: 1) Immagine della lettera (occhio); 2) zoccolo o fusto; 3) altezza; 4) tacca; 5) corpo; 6) spalla; 7) avvicinamento. Vanno notate alcune cose. Il carattere viene fuso su uno zoccolo di piombo ed è in rialzo. La tacca non è uguale per tutti i caratteri. La sua diversa disposizione indica la forza del carattere (neretto, maiuscolo, corsivo, tondo, ecc). I diversi caratteri venivano sistemati in un compositoio. Il compositoio era un contenitore a scomparti atto a dividere i caratteri. Nella parte alta si tenevano i caratteri 4

5 maiuscoli e nella parte bassa i minuscoli. Ancora oggi per dire che una parola deve avere l'iniziale in maiuscolo, si usa l espressione alto e basso. Dal compositoio il tipografo prelevava i caratteri che gli occorrevano. Spesso, però, nel rimetterli a posto, sbagliava lo scomparto e, quando li riutilizzava, spesso prendeva una lettera al posto di un altra. Da qui l espressione refuso. Comunque dal compositoio si prelevavano i caratteri per formare la riga tipografica. Nelle immagini sopra riportate è illustrato l intero processo di composizione. Il tipografo preleva il carattere dal compositoio e forma la riga di stampa. Questo procedimento restò in uso sino all invenzione della composizione meccanica, vale a dire sino all introduzione della linotype. La Linotype La Linotype fu la prima macchina meccanica per la composizione tipografica. Fu inventata nel 1881 dal tedesco Ottmar Mergenthaler. Nel 1886 la macchina fu istallata al New York Tribune. La Linotype era in grado di comporre una serie di lettere, fuse una accanto all altro, su uno zoccolo di piombo, con la giustezza precedentemente stabilita. Come in una normale macchina da scrivere, era dotata di una tastiera. La pressione su un tasto determinava la caduta di una matrice da un magazzino. La matrice non è altro che la forma della lettera in negativo. Questa, una volta terminata la riga, veniva portata da un elevatore alla forma di fusione, per pressare successivamente il metallo fluido (piombo) nelle forme negative delle matrici. Dopo la riproduzione della lettera, la matrice veniva riportata meccanicamente al proprio magazzino. Poiché le lettere erano fuse su un unico zoccolo (giustezza) un errore di battitura comportava la ricomposizione dell intera riga. Ogni magazzino conteneva l intera famiglia di un corpo di un carattere (per esempio, il maiuscolo, il maiuscoletto, il tondo con il rispettivo corsivo o grassetto). Per ogni corpo occorreva un magazzino diverso. Di seguito riporto alcune immagini inerenti alla linotype. Nelle due immagini riprodotte la prima è una matrice di linotype e la seconda lo schema di più magazzini di matrici. Nella pagina seguente riproduco due modelli di linotype. 5

6 Forma di stampa e stampa tipografica Per forma di stampa s intende l insieme della pagine che rientrano in un telaio tipografico. Le pagine in questione sono in piombo e i caratteri o i segni stampabili sono in rilievo rispetto alla forma. Questo è la ragione per cui questo tipo di stampa è anche detta stampa in rilievo e diretta (più avanti in questo stesso paragrafo saranno meglio chiarite le ragioni di questa definizione). Va aggiunto che ogni forma di stampa poteva contenere 4 o 8 pagine. Il numero di pagine dipendeva dal formato del volume, dal formato macchina e dal formato della carta. Nell immagine ho riportato la struttura di un telaio tipografico che racchiude quattro pagine. In questa seconda foto ho riportato un telaio tipografico montato su una macchina da stampa. Nelle immagini seguenti saranno visibili alcune macchine tipografiche. Evidenzierò in particolare la modalità di inchiostrazione della forma tipografica e la pressione esercitata dalla macchina sul foglio di carta a contatto con la forma di stampa. 6

7 Nella figura è riportata una platina, la più semplice delle macchine tipografiche. Serviva in particolar modo per stampare biglietti da visita o carta intestata. Come si può vedere, sono evidenziati la forma di stampa (1). il rullo inchiostratore (2), il piano di appoggio della carta (3) e la pressa o piano di stampa. Ma la vera rivoluzione nell ambito della stampa tipografica si ebbe con l invenzione della macchina piano-cilindrica. A idearla fu il tipografo tedesco Friedrich Koening (Eisleben Oberzell 1833). Egli rivolse la sua attenzione alla stampa mediante un cilindro costante, sotto il quale si doveva muovere la forma di stampa tramite un binario. I fogli di carta venivano aspirati da un congegno e guidati da pinze sul cilindro. Tale cilindro pressa la carta sulla forma in posizione orizzontale, precedentemente inchiostrata da altri rulli, trasmettendo l inchiostro dalla forma alla carta. Quindi il foglio stampato lascia la macchina. Per comprendere la portata di questa invenzione, basti pensare che questa macchina arrivava alle 5000 copie all ora rispetto alle copie delle macchine precedenti. Nelle due riproduzioni precedenti una macchina piano-cilindrica e il percorso della carta attraverso i cilindri di pressione. Forse è più chiaro adesso perché questo sistema è definito come stampa in rilievo e diretta. È in rilievo perché la forma di stampa è rialzata rispetto al telaio ed è diretta perché la stampa avviene per contatto diretto tra forma e foglio di stampa. Oggi questo tipo di stampa non si usa più e i macchinari illustrati sono al più conservati in qualche museo della 7

8 stampa. I procedimenti in parte sono mutati. Alle 5000 copie ora di una macchina piano-cilindrica sono subentrate le copie e più di una macchina offset e al piombo è subentrata la pellicola. Resta il fatto, tuttavia, che per la stampa è ancora necessaria una pressione tra foglio di carta e forma di stampa. L'abilità dello stampatore risiede ancora in questa operazione. La litografia Come la stampa tipografica trae la sua origine dalla xilografia, quella offset deriva direttamente dalla litografia. Verso la fine del 700 il tedesco Alois Senefelder scoprì una pietra calcarea nel fiume Isar che aveva la prerogativa di assorbire l acqua respingendo il grasso e viceversa. Sfruttando questo principio, se si disegna sulla pietra con inchiostro, matita o gesso grasso, le linee o le macchie disegnate accetteranno soltanto grasso (inchiostro da stampa) e respingeranno l acqua, mentre le altre parti, opportunamente bagnate, respingeranno l inchiostro ovvero il grasso. La pietra va trattata secondo il tipo di disegno. Se si vuole lavorare con inchiostro liquido, essa deve essere preparata con sabbia di quarzo finissima per ottenere una superficie perfettamente levigata. Il disegno con matita grassa richiede invece l uso di sabbia di quarzo più grossolana perché la superficie della pietra deve rimanere porosa. Dopo la levigatura la pietra deve essere perfettamente asciutta e solo allora si può procedere al disegno. Una volta completato il disegno, la pietra dovrà essere preparata per la stampa. Il disegno verrà protetto con una spolverata di talco e si copre la pietra con gomma arabica e acido nitrico. Una leggera forma di bolle permette la evaporazione dell acido carbonico. I pori della pietra si chiudono e non assorbono più grasso. Durante la stampa la pietra deve essere sempre umida per il principio accennato prima. L inchiostro si fisserà solo sul disegno, sempre che le altri parti rimangano umide (altrimenti l inchiostro si fisserà anche dove dovrebbe essere respinto). Dopo che il disegno è stato bene inchiostrato, viene posato un foglio di carta sulla pietra che è nella pressa litografica, e un cartone ingrassato lo copre finché il foglio passa sotto la pressa. È da notare che nella xilografia la parte da stampare è in rilievo, mentre nella litografia è in piano. Nella figura ho riportato i vari procedimenti attraverso i quali deve passare il disegno litografico prima e durante la stampa. Nella figura seguente (a pagina 9) riporterò l immagine di una pressa litografica e alcuni esempi di litografie. In questa forma d arte si sono cimentati molti artisti (da Toulouse-Leutrec a Pablo Picasso). 8

9 Nelle due immagini sopra, litografie di Toulouse-Lautrec e Picasso. La fotocomposizione Prima di passare all illustrazione della stampa offset, è bene soffermarsi sui nuovi sistemi di composizione e impaginazione del testo che nel frattempo stavano imponendosi sul mercato. Va, però, aggiunto che il sistema di 9

10 composizione tradizionale a piombo convisse per lungo tempo con i sistemi di composizione elettronica. I nuovi sistemi sostituirono le pellicole fotografiche al piombo. S iniziò anche a ragionare in termini diversi. Il carattere per la stampa non era più un blocco di piombo, ma un insieme di punti. Più un carattere era denso di punti, maggiore sarebbe stata la resa in fase di stampa. Ma procediamo per ordine. Nei sistemi di fotocomposizione il prodotto finale, lo abbiamo già detto, era costituito da una pellicola o carta fotografica. I sistemi erano due: fotocomposizione ottico-meccanica e fotocomposizione CRT o a raggio laser. Nel primo caso il carattere prende forma attraverso il passaggio di un fascio luminoso da una matrice costituita da una pellicola con il disegno del carattere inciso in negativo. Nel secondo caso è la fonte luminosa che, opportunamente programmata, disegna il carattere, attraverso una fitta serie di linee e punti sulla pellicola. La sigla CRT significa cathode ray tube (tubo a raggi catodici). Nei due sistemi, gli elementi sono costituiti dalla parte in cui avviene l elaborazione dei comandi (comprendente la tastiera) e l unità fotografica in cui viene concretizzato il prodotto finale, cioè il testo riprodotto su pellicola. È ovvio che il secondo sistema (CRT) è più moderno del primo per il fatto che la lettera si forma direttamente sulla pellicola senza passaggi intermedi. La fotocomposizione subentrò alla composizione a piombo per la velocità di produzione e per la capacità di fornire sistemi integrati. Comporre e impaginare testi, integrarli con immagini in scala di grigio o a colori fu sicuramente un passo avanti nella produzione editoriale. Nelle pagine seguenti riporto immagini delle macchine più usate in un sistema integrato di fotocomposizione. Molte sono cadute in disuso. Altre sono ancora attuali. Segnalerò alla fine come funziona un sistema di composizione attuale. Per il momento aggiungo che i laboratori di fotocomposizione si sono trasformati in centri di prestampa. 10

11

12 I macchinari riprodotti nelle 11 foto della pagina precedente compongono un centro integrato di fotocomposizione. Li descrivo secondo il numero che gli ho attribuito. Il numero 1 rappresenta un unità fotografica. È l elemento fondamentale del sistema. In esso vengono svolte tutte le funzioni (elaborate dai terminali) atte a produrre la composizione su pellicola. Nella figura 2 è riportata un unità centrale. Funziona da archivio dati per grandi quantità di composizione. Ad essa fanno capo tutti gli elementi del sistema e i dati, attraverso la stessa, sono accessibili dai vari terminali. Nella figura 3 è riprodotto un terminale. In questa macchina, attraverso la tastiera, vengono introdotte le istruzioni relative al testo e all impaginazione. Sul video appaiono i testi, in un unica dimensione, e le istruzione per l impaginazione sotto forma di codici. Nella figura 4 si mostra un visualizzatore. Collegato a diversi terminali, consente di visualizzare i caratteri e di controllare la disposizione dell impaginazione. Nella figura 5 è riprodotto un video impaginatore. È composto da una serie di elementi collegati all unità fotografica, che consentono di eseguire diverse impaginazioni. La macchina è fornita da una tavoletta sulla quale vengono tratteggiati gli ingombri (spazio per le foto) che si desidera non vengono coperti dalla composizione, da un video con relativa tastiera e da un codificatore. Nella figura 6 è riprodotto un riproduttore di immagini a mezzatinta (quelle per intenderci a colori o in scala di grigio) È composta da una serie di elementi collegabili all unità fotografica, che consentono la riproduzione digitalizzata e la relativa retinatura di immagini (vedi capitolo 10 sul colore), nelle dimensioni desiderate. La serie è composta da una tavoletta grafica collegata al video. I dati di elaborazione possono essere elaborati e consentire correzioni anche sostanziali rispetto all originale. Il posizionamento nella pagina di testo avviene attraverso il terminale. Nella figura 7 è illustrato un riproduttore per immagini al tratto (bianco o nero). È composto di una serie di elementi collegati all unità fotografica, che consentono la riproduzione digitalizzata di immagini al tratto. La serie è composta da uno scanner e da un personal computer. Nella figura 8 è riprodotta una stampante laser. Collegata ai vari terminali, consente la stampa di testo e grafica su carta comune per bozze da correggere. Nella figura 9 un RIP (Raster Image Processor). Collegato alle varie periferiche trasferisce i file di testo e i immagini secondo le necessità del processo produttivo. Nella figura 10 un personal computer che lavora con programmi dedicati e con il RIP. Di tutti questi macchinari un centro di prestampa oggi è dotato di computer, scanner, unità fotografica, RIP, e stampanti di diverse risoluzioni. Ma sulla prestampa dovremmo tornarci più avanti in questo stesso capitolo. Forma di stampa. Le lastre Ogni pellicola prodotta da una unità fotografica corrisponde a una pagina di un volume. C è quindi una prima differenza tra la stampa tipografica e quella offset. Nel primo caso la pagina era formata da segni grafici fusi in piombo e in rialzo. Nella stampa offset parliamo di unità fotografica e di pellicole. Il segno, infatti, è riprodotto come un immagine in trasparenza. Le diverse pellicole vengono montate su un foglio trasparente. Questo primo passo è detto montaggio. Il secondo passaggio è l impressione delle pellicole su una lastra di metallo. La lastra ha la stessa proprietà della pietra litografica. Cio vuol dire che l inchiostro si fisserà solo sulle parte incise che respingeranno l acqua e viceversa. Di seguito riportiamo alcune immagini in modo da chiarire l idea. 12

13 Nella pagina precedente abbiamo la prime due foto che ritraggono un operatore mentre monta le pellicole sul foglio di cara trasparente e poi lo depone nel forno su una lastra vergine. Questa viene investita successivamente da un fascio di luce intensa e le varie pagine (o pellicole) vengono incise sulla lastra. A questo punto è bene ricordare che per il colore si devono fare quattro pellicole e quattro lastre (se il file è in CMYK. Si rimanda alla lezione sul colore.). In secondo luogo sarebbe logico attenderci che le varie pagine venissero montate sulla lastra nel loro ordine logico (pag. 1, 2. 3 ecc.) Invece non è così. Di seguito un immagine in cui viene riportato l ordine di disposizione di un sedicesimo (sedici pagine). Abbiamo due lastre con 8 pagine ciascuna. L ordine della prima riporta in successione le seguenti pagine: 1, 4, 5, 8, 9, 12, 13, 16. La seconda riporta la seguente sequenza 2, 3, 6, 7, 10, 11, 14, 16. La sequenza delle pagine è motivata da successivi processi di allestimento quando il foglio di stampa viene piegato (e di ciò parleremo più avanti in questo stesso capitolo). Per il momento dobbiamo approfondire la sequenza del processo. La prima lastra è la forma di stampa che serve a stampare la prima facciata di un foglio. La seconda lastra serve a stampare il retro del foglio. Il foglio di stampa su cui viene riprodotto il numero di pagina più basso (in questo caso la pag. 1) è detto Bianca. Il retro del foglio viene chiamato Volta. Anticipo che ogni foglio di carta stampato in bianca e volta forma una segnatura. Quindi un libro di 160 pagine sarà formato da 10 sedicesimi o dieci segnature (i due termini sono in qualche modo sinonimi). Per il momento vale la pena fermarsi qui e passare a illustrare il processo di stampa offset. La stampa offset Nella stampa offset la lastra (forma di stampa) viene montata sul cilindro portalastre. Dopo essere stata bagnata e inchiostrata, viene a contatto con un cilindro di caucciù su cui trasferisce in negativo la parte da stampare. Sarà questo secondo cilindro a trasferire a restituire per pressione alla carta le varie pagine di cui è costituita la lastra. Va ripetuto che i passaggi di macchina sono in relazione al numero di colori di cui si compone la pagina. Prima 13

14 di illustrare in concreto attraverso le immagini il processo di stampa offset, va detto che questo tipo di stampa si chiama in piano o anche indiretta. In piano perché la forma di stampa aderisce al supporto e indiretta perché il trasferimento delle parti da stampare sul foglio di carta avviene tramite il cilindro di caucciù. Nella stampa tipografica, al contrario, la forma di stampa era in rialzo rispetto al telaio e la stampa avveniva per contatto diretto tra forma di stampa e foglio (da qui la dicitura di stampa in rilievo e diretta). 14

15 Nella pagina precedente varie immagini che si riferiscono alla stampa Offset. Le più interessanti sono la prima e la seconda. Nella prima è visibile il cilindro porta lastra, i due rulli dell acqua e dell inchiostro (ricordo che una forma di stampa offset ha la necessità di essere inchiostrata e inumidita di continuo), il cilindro di caucciu e il passaggio della carta tra questo e la carta pressata a sua volta da altro cilindro. Nella seconda immagine è illustrato chiaramente il passaggio della carta all interno di una macchina offset. Oggi, quando si parla di metodo di stampa per edizioni librarie, ci si riferisce quasi esclusivamente all offset. I vantaggi dell offset rispetto alla stampa tipografica sono notevoli. Proviamo ad elencarne alcuni: maggior velocità di stampa (10.000/ copie ora); maggior versatilità delle macchine. Le macchine offset vanno dal piccolo formato (35X50) al grande formato (100X140). Inoltre possono stampare in bianco/volta (ovvero un foglio completo), a due colori, a quattro colori (ovvero una quadricromia completa); possibilità di stampare con un unica forma di stampa alte tirature (dalle copie alle ). Nella stampa tipografica, invece, la forma di stampa era soggetta a usura. Allestimento del volume Ultima, ma non meno importante, è la fase di allestimento o rilegatura del libro. L'allestimento comprende le seguenti fasi: piegatura del foglio; raccolta dei fogli; cucitura dei vari fogli per formare il volume; rifilo dei volumi; messa in coperta del volume. Per essere più chiari, i vari fogli di stampa lasciano la tipografia distesi su pedane. Per esempio per un volume di 160 pagine con una tiratura di 1000 copie, avremo 10 pedane con sopra 1000 fogli cadauna. Sulla prima ci sarà il foglio da pag. 1 a pag. 16, sulla seconda il foglio da pag. 17 a pag. 32 e così via. Il primo foglio è la prima segnatura, il secondo la seconda e così via. Ogni segnatura è un codice convenzionale in base al quale il legotore riconosce la successione consecutiva dei fogli. La piegatura, infatti, riguarda l insieme dei fogli stampati, ma la raccolta dei vari fogli riguarda la raccolta delle varie segnature. In altri termini il legatore raccoglie il volume in successione dalla prima alla decima segnatura. Se così non fosse, il volume sarebbe formato dagli stessi fogli. La terza fase è la cucitura dei fogli piegati e raccolti. La quarta fase è il rifilo dei tre lati del volume (lato di testa, lato esterno, lato esterno). Ultima fase è l aggiunta della copertina al volume. Questa può essere di cartoncino morbido (in brossura) o cartone rivestito (e si parla di volume cartonato). La piegatura del foglio può essere a quartino, a ottavo, a sedicesimo, a trentaduesimo. A quartino significa che il foglio di stampa ha stampate due pagine su una facciate e due pagine sull altra e così via per gli altri tipi di piega. Abbiamo già visto che la successione della numerazione delle pagine è determinata dalle esigenze della piegatrice. È bene ricordare che il numero di pagine per foglio è determinato dal formato del volume, dal formato macchina e dal formato della carta usata. Se, per esempio, su un foglio stampiamo 32 pagine (16 da un lato e 16 dall altro) ciò può essere dovuto sia al fatto che il formato finito del volume è particolarmente piccolo sia al formato macchina (una macchina del formato 100X140 utilizza un formato carta maggiore di una macchina dal formato 70X100, e quindi con la possibilità di stampare più pagine su ogni lato del foglio). 15

16 Nelle immagini precedenti è riprodotta la piega di un sedicesimo e altre tipi di pieghe Dopo la piegatura dei fogli è necessario raccoglierli secondo l ordine delle segnature. 16

17 Dopo la raccolta delle varie segnature, il volume va cucito. Di seguito riporto alcune immagini di macchine da legatoria. 17

18 In sequenza nella pagina precedente abbiamo una piegatrice, una raccoglitrice, una cucitrice, una macchina per inserire una copertina e un trilaterale (macchina che rifila il libro su tre lati). In base a quanto detto, di seguito cerco di illustrare i vari tipi di copertina. In base all immagine su riportata la prima immagine è un volume rilegato con brossura semplice. Per brossura s intende un volume con copertina di cartoncino. Il secondo esempio riporta un volume con brossura con unghia. Ciò avviene quando il formato della copertina è leggermente superiore al formato del volume tanto da formare un unghia. Il terzo caso è una brossura con bandelle. Altro sistema di allestimento della copertina è quello detto all Americana o fresato. Il volume vine rifilato su quattro lati e la copertina viene incollata su fogli non cuciti. Infine l ultimo allestimento possibile è quello attinente al libro cartonato Nelle due immagini precedenti lo schema di un volume cartonato. Il procedimento seguito è quello di costruire la copertina con un foglio di cartone rivestito internamente da un foglio di carta ed esternamente da tela o altro materiale. Vale la pena di aggiungere che sono svariati i modi di allestire un libro cartonato. Il dorso può essere tondo, come 18

19 in questo caso, o quadrato. Il rivestimento esterno può essere la copertina stessa. La copertina, poi, può essere lucida o opaca. La copertina, e questo vale sia nella brossura che nel cartonato come nell allestimento fresato, può essere plastificata. È plastificata quando si protegge con un leggerissimo strato di plastica che serve a far risaltare i colori. La plastificazione a sua volta può essere lucida o matta. In altri casi si può usare un cartoncino poroso. L allestimento è l ultima fase nel processo di stampa. Il lavoro redazionale e la stampa Nei paragrafi precedenti ho illustrato le varie tecniche di stampa. Da quanto detto, dovrebbe risultare che ogni fase è in relazione a quella seguente. Per esempio, la disposizione della pagine sulla lastra e successivamente sul foglio di stampa è direttamente collegata alla fase di piegatura del foglio di stampa. C è un filo che collega ogni passaggio del lavoro editoriale e di questo filo il redattore editoriale deve appropriarsi per essere all altezza delle responsabilità che si assume. Insomma abbiamo visto quali sono le principali tecniche di stampa. Ora è il caso di guardare le cose da un altra prospettiva. Prestampa, stampa e allestimento Pur schematizzando, il lavoro di produzione di un volume si può dividere in prestampa, stampa e allestimento. Per prestampa s intende tutto il lavoro che si fa su un volume sino alla forma di stampa, per stampa s intende la stampa dei fogli di stampa che compongono il volume e per allestimento l assemblaggio dei fogli di stampa e il confezionamento del volume. Il concetto di prestampa può essere allargato sino a comprendervi anche il lavoro redazionale che si fa su un testo (editing, correzione di bozze, ecc.) o le scelte grafiche fondamentali (scelta del font, interlinea, giustezza, gabbia di impaginazione, impaginazione, operazione sulle immagini, e così via). In altri termini il lavoro si divide tra casa editrice, sempre che sia dotata di attrezzature idonee, e centri esterni in grado di produrre la forma di stampa. Quindi il redattore deve sapere come organizzare i file che poi il centro di prestampa trasformerà in fome di stampa. Dopo questa fase si passa alla stampa. Ma il redattore deve porsi il problema del colore se il volume è a colori. Ripeto quello che ho già detto nel capitolo dedicato al colore e alle immagini. Un immagine per essere stampata deve essere ad alta risoluzione e in CMYK. La risoluzione e il CMYK la si definisce in fase di scansione. Ma c è un problema di costi e di stampa. Un volume a colori costa molto di più di un volume a un sol colore. Il redattore ha due modi per far risparmiare soldi alla casa editrice. Il primo consiste di stampare il colore solo su un lato del foglio (in bianca o in volta) e l altro è di stampare il colore in tavole fuori testo (vedremo in seguito di cosa si tratta). Tutto questo è vero ed è possibile se le immagini non hanno una funzione didascalica ovvero se non vengono usate per illustrare un determinato argomento, come accade in libri scolastici. Ma ora dobbiamo entrare nel dettaglio. La casa editrice e la prestampa La casa editrice può fornirsi di un attrezzatura che in parte sostituisce e integra il lavoro specifico di un centro di prestampa. È bene, però, dire che per la casa editrice si deve parlare ancora di desktop publishing, ovvero 19

20 di un sistema digitale che consente certe funzioni, mentre quelle di trasformazione dei file in pellicole e lastre restano ancora appannaggio dei centri di prestampa. Il sistema di cui una casa editrice può disporre è formato da personal computer, scanner, stampante laser con linguaggio postscript. I software sono un programma di videoscrittura, un sistema OCR, un programma di trattamento dell immagine (Photoshop), un programma d impaginazione (QuarkXpress o Indesign) e un programma per la produzione di file in PDF. Per il personal computer suggerisco il Mac, perché, nonostante le trasformazioni subite, è più adatto di un PC per la grafica e perché la maggior parte dei centri di prestampa lo adotta, e, come abbiamo visto, il centro di prestampa sarà il primo referente della casa editrice. Ovviamente il sistema illustrato è per una casa editrice dalle piccole dimensioni e dalla produzione modesta. Per una casa editrice, che produce oltre i dieci titoli annui, un sistema del genere comincia a essere inadeguato. Probabilmente i computer dovrebbero essere due o anche tre. Le stampanti dovrebbero essere due (una in bianco e nero e l altra a colori), etc. Una casa editrice nello scegliere la propria strumentazione deve tener presente anche altri fattori. Intanto i computer devono essere considerati macchine di produzione. In quanto tali, devono avere un serbatoio di memoria sufficiente. Gli schermi devono essere dai 19 pollici in su. Questo consente di avere due pagine affiancate in un programma di impaginazione. È fondamentale, poi, per una casa editrice avere uno strumento di archiviazione esterno in cui copiare almeno una volta alla settimana tutti i lavori. Va, sempre, considerata la possibilità che un computer possa andare in tilt con perdita di programmi, dati, lavori, etc. Ma, se i programmi possono essere rimontati, i dati relativi ai lavori andranno irrimediabilmente persi, e i lavori (volumi pubblicati o in via di lavoro) sono il patrimonio di una casa editrice. In ultimo i vari computer devono essere messi in rete per consentire il passaggio dei file da una macchina all altra e per permettere a più persone di lavorare allo stesso file o a file diversi. In altri termini una casa editrice deve ottimizzare al massimo il flusso di lavoro. AUTORE CD-ROM MANOSCRITTO DATTILOSCRITTO WORD EDITING CORREZIONE IMPAGINAZIONE OCR DISEGNI ALTRE IMMAGINI FOTOGRAFIE IN BIANCO E NERO O COLORI SCANNER FOTOCAMERA DIGITALE IMMAGINI IMMAGINI Lo schema riprodotto indica il cammino di un testo. L autore fornisce il materiale su CD-ROM o in forma cartacea. Lo stesso può accadere per le immagini. Presumo che il materiale venga consegnato al redattore editoriale 20

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

GUIDA alla stesura finale della TESI

GUIDA alla stesura finale della TESI GUIDA alla stesura finale della TESI qualche consiglio utile Ascoltando da più di trent anni le Vostre domande relative all impaginazione della tesi, abbiamo pensato che la nostra professionalità acquisita

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Impiego Appropriato dei font

Impiego Appropriato dei font Impiego Appropriato dei font Quando si vuol comunicare applicando i principi della grafica bisogna prestare attenzione a un considerevole numero di particolari. Se si individuano i dettegli giusti s ottiene,

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas Uso del Manuale Il nuovo Manuale fornisce ai vari settori le indicazioni riguardanti le applicazioni per un uso corretto

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100 Gestione degli Ordini Indice generale Gestione degli Ordini...1 Introduzione...1 Associare una Casa Editrice ad un Distributore...1 Creazione della scheda cliente nella Rubrica Clienti...2 Inserimento

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

Istruzioni per l'uso Guida alla carta

Istruzioni per l'uso Guida alla carta Istruzioni per l'uso Guida alla carta Per un uso corretto e sicuro, leggere le Informazioni sulla sicurezza riportate nel manuale "Leggere prima di iniziare" prima di utilizzare la macchina. SOMMARIO

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT APRILE 2011 INDICE INDICE... 2 DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ...

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli