Guide Natura d Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guide Natura d Italia"

Transcript

1 Guide Natura d Italia

2 Responsabile editoriale: Adriana Rigutti Progetto grafico: Furuya Yoshihito Impaginazione: Daniele Forconi Redazione: Adriana Rigutti, Cinzia Amatucci Collaborazione redazionale: Giada Riondino Antonio Lopez Tracce di animali L autore desidera ringraziare: Luigi Boitani (Università La Sapienza, Roma), Piero Genovesi (Ispra, Roma), Stefano Filacorda (Università di Udine) e Roberto Tinarelli (Asoer, Bologna). Si ringrazia Angelica Dionisio per il suo prezioso contributo. www. giunti.it 2012, Giunti Editore S.p.A. Via Bolognese Firenze - Italia Via Dante Milano - Italia Prima edizione: maggio 2012 Ristampa Anno Stampato presso Giunti Industrie Grafiche S.p.A. Stabilimento di Prato, azienda certificata PEFC

3 s o m m a r i o Introduzione Come riconoscere gli animali dalle loro tracce 7 Come usare questa guida 10 Schede Legenda dei simboli e dei colori 15 Alta montagna 16 Campagna e bosco di collina 44 Macchia mediterranea e costa 76 Fiume, laguna e salina 86 Foresta di montagna 118 Parchi cittadini 168 Apparati Glossario 186 Indice dei nomi scientifici 188 Indice dei nomi comuni 190

4 Come riconoscere gli animali dalle loro tracce Quando si va in natura, il desiderio di tutti è quello d incontrare gli animali: un cervo in una foresta, un aquila in alta montagna o una volpe nel boschetto sulla collina dietro casa. Quasi sempre ciò non avviene e non solo per colpa nostra. In una foresta, sul crinale di una montagna o lungo una costa frastagliata, i nostri amici selvatici sono a casa loro: siamo noi gli estranei, non più abituati a muoverci con la dovuta circospezione e le necessarie conoscenze. Essi, inoltre, hanno abitudini e comportamenti diversi dai nostri: spesso escono di notte per cacciare e nutrirsi, si muovono agilmente e rapidamente anche su terreni accidentati e hanno vista, odorato, udito di gran lunga più potenti dei nostri. è per questo che sanno vedere, fiutare e udire con largo anticipo la nostra presenza, e si nascondono, prima ancora che noi ci accorgiamo della loro, anche se abbiamo scelto l orario più favorevole per incontrarli (come le prime ore del mattino e le ultime che precedono il tramonto). Quando ci capita di vederli liberi in natura, dunque, è più per merito del caso, che per merito nostro. Eppure esiste un modo per sapere se ci sono vicini, per riconoscere il loro passaggio o la presenza nell ambiente naturale che stiamo visitando : nel vivere, lasciano tracce che occorre saper decifrare. introduzione 7 1

5 ossa e carcasse, sopratto dai crani possiamo riconoscere quale animale è arrivato fin lì per morire. Il cranio dei carnivori come il lupo, o degli insettivori come la talpa, infatti, è caratterizzato da denti aguzzi e canini sviluppati; quello degli erbivori come il muflone ha denti larghi e appiattiti mentre i canini sono assenti e fra gli incisivi e gli altri denti c è un evidente spazio vuoto. Lo stesso accade nel cranio dei roditori, caratterizzato da lunghi e affilati incisivi, mentre nelcranio dei cervidi come il capriolo mancano anche gli incisivi superiori; nidi e tane, da quelli più grandi degli uccelli o dei ragni a quelli minuscoli costruiti dagli insetti, da quelli scavati nel terreno a quelli spartani formati da poche frasche, i rifugi degli animali e i nidi in cui allevano i loro piccoli sono diversi per forma e dimensioni, e spesso caratteristici di una singola specie; anche da qui possiamo capire quali animali si trovano nell ambiente che ci pare così vuoto. E non sottovalutate i corsi d acqua: anch essi nascondono spesso tracce e uova che denotano la presenza di animali selvatici. I SEGNALI DA INDIVIDUARE Per capire quali animali condividono con noi la natura, bisogna imparare a riconoscere i mille segni che lasciano nell ambiente: segni sulla vegetazione, come un morso sulla corteccia di un albero, una pigna mangiucchiata, un ramo tranciato dai denti, un tronco grattato dagli unghioni tracce che rimangono sul terreno, come impronte, scavi, penne, aghi e corna, gusci d uovo; resti alimentari, come ossa, pelli, parti di carcasse: allenando gli occhi a distinguere ciò che resta dei pranzi dei predatori si può capire se sono mammiferi come la volpe o uccelli rapaci come la poiana; dalle borre (cioè dalle parti non digerite delle prede che falchi, aironi, gabbiani, corvi e rapaci notturni vomitano in forme e dimensioni caratteristiche) così come dagli escrementi, si può capire con precisione da quale animale provengono: forma, colore, dimensioni, odore, contenuto, ci indicano di che cosa si nutre, mentre il luogo in cui le abbiamo trovate ci dice come si comporta; 8 introduzione introduzione 9

6 Come usare questa guida Abbiamo individuato i 100 animali più rappresentativi del nostro patrimonio naturale, dai più grandi, come l orso bruno e il cervo, ai più piccoli, come la formica boscaiola e i coleotteri mangiatori di legno. A ogni specie è dedicata una scheda che, oltre al nome comune dell animale, alla sua denominazione scientifica, a una sua descrizione anatomica e comportamentale, fornisce una serie di indicazioni utili per riconoscere i segni della sua presenza nell ambiente e le tracce che lascia. A questi sono dedicati 17 simboli grafici che, messi in evidenza sul lato esterno della scheda, riassumono le informazioni date dalla scheda come una rubricatura visiva. Come trovare la scheda che Ci interessa Le schede sono raccolte in 6 gruppi principali, dedicati ad altrettanti ambienti naturali e individuati da un colore specifico: alta montagna; foresta di montagna; campagna e bosco di collina; macchia mediterranea e costa; fiume, laguna e salina; parco cittadino. A seconda dell ambiente in cui ci si trova, sarà più probabile imbattersi nelle tracce degli animali ai quali sono dedicate le schede di quello specifico gruppo: ciò non toglie che, in un dato ambiente, ci si possa imbattere nelle tracce di animali classificati in un ambiente differente. Per esempio, gli uccelli, che possono spaziare molto più di altri animali, possono trovarsi in più ambienti diversi: la scheda di ciascuno di essi viene collocata nell ambiente più frequentato. In ciascuna sezione ambientale, poi, le schede si susseguono secondo l ordine alfabetico del nome comune degli animali. Fra queste, per trovare rapidamente la scheda dell animale giusto, dobbiamo cercare il simbolino della traccia che abbiamo trovato. A OGNUNO IL SUO PIEDE Fra le tracce più facili da riconoscere, le impronte sono quelle che si trovano più spesso. Per questo, molti simboli grafici sono dedicati alle impronte delle zampe. Una chiave pratica per attribuirle ai diversi animali tiene conto delle dimensioni, del numero delle dita, della presenza delle tracce di unghie o dei cuscinetti plantari. Gli arti dei mammiferi terminano con il piede che può avere 5 dita come nell orso, nel riccio, nel topo, e ancora nella lepre; 4 dita come nel cane, nel gatto o nella lepre; 2 dita, con uno zoccolo che appare diviso, come nel cervo, nel capriolo, nel cinghiale e nella capra oppure un solo dito con uno zoccolo intero, come nel cavallo o nell asino. Alcuni, come per esempio il cinghiale, hanno anche degli speroni, dita più o meno atrofizzate che, quasi sempre, lasciano una traccia aggiuntiva nell impronta del piede. Osservando un impronta sul terre- 10 introduzione introduzione 11

7 no, quindi, oltre a tener conto della forma e della grandezza (lunghezza, larghezza) è importante individuare la presenza di tracce di speroni: questo, per esempio, ci permette di distinguere l impronta di un cinghiale da quella di un capriolo. Le impronte degli uccelli mostrano sempre la presenza di più dita, e quelle degli uccelli acquatici spesso quella della membrana palmare: anatre, cigni e gabbiani hanno le zampe palmate, mentre folaghe, svassi e gallinelle d acqua no. Oltre a saper distinguere la singola impronta, e riconoscere se appartiene a una zampa anteriore o a una posteriore, a una zampa destra o a una sinistra, è utile anche saper riconoscere una pista, cioè una sequenza di più impronte. Una sola impronta, infatti, ci può svelare la specie di appartenenza dell animale che l ha lasciata, mentre più impronte in sequenza ci raccontano la sua storia: è un animale solitario o che si muove in compagnia, che correva o no, che era inseguito o stava seguendo qualcuno. Bisogna far attenzione anche alle tracce delle unghie: la lince e il lupo lasciano impronte simili, perché hanno una stazza più o meno simile e entrambi camminano su 4 dita, ma le unghie della lince sono retrattili e non lasciano segno nell impronta, a differenza delle unghie del lupo che, come il cane, lascia il segno degli artigli. Ricordiamoci anche di fare attenzione all andatura dell animale: a volte, nelle piste si distinguno anche le tracce di una coda che sfrega in terra, o di un corpo che striscia. Anche la consistenza del terreno è importante: può modificare molto l aspetto delle tracce, o impedirne la formazione. 12 introduzione RESti alimentari Sono particolarmente significativi per il riconoscimento quelli lasciati dagli uccelli rapaci: quelli che catturano altri uccelli, prima di mangiarli li spiumano sfilando le penne e spargendole tutto intorno, in modo ben diverso da come i mammiferi spiumano le proprie prede, strappando le penne rompendone il calamo. Le prede dei falchi sono spesso decapitate e hanno uno squarcio sul petto. Poi ci sono le borre: oltre alle dimensioni, variano la forma, il colore e il contenuto (ossa e peli). Quelle del gufo comune sono simili a quelle dell allocco, ma in genere più chiare. Quelle del barbagianni sono più tonde e nerastre. Quelle della civetta contengono spesso resti d insetti. Anche la presenza di uova rotte può indicare l azione di un predatore: poiché alla schiusa naturale si rompono all apice, se sono aperte nella parte centrale indicano l azione di un corvo. NIDI, tane e UOVA Nidi e tane hanno forme e dimensioni molto diverse, spesso tipiche della specie: i nidi degli uccelli si individuano piuttosto facilmente per la presenza delle piume, mentre quelle di ragni, api, vespe e calabroni così come altri invertebrati spesso sono molto curiosi. Gli anfibi, invece, depongono le uova in acqua: si riconoscono come ammassi gelatinosi, la cui forma è tipica della specie; se sono globosi sono uova di rana, se sono allungati in cordoni con doppie file di puntini neri sono di rospo. introduzione 13

8 Schede La guida è divisa in sezioni, contrassegnate da un colore diverso, che indicano gli ambienti in cui le tracce delle diverse specie possono essere trovate con maggior probabilità. In ciascuna sezione, le schede sono ordinate in ordine alfabetico in base alla denominazione comune dell animale che ha lasciato la traccia. Sotto il nome è riportato il nome scientifico. Sul lato esterno di ciascuna scheda, uno o più simbolini grafici indicano il tipo di tracce descritte nel testo. Le illustrazioni delle impronte mostrano quella lasciata dal piede anteriore sinistro e quello posteriore destro. Il simbolo 1 segnala la presenza di un immagine specifica. Ambienti Alta montagna Fiume, laguna e salina Campagna e bosco di collina Macchia mediterranea e costa Foresta di montagna Parchi cittadini Tracce Impronta con 4 dita senza unghie Impronta con 4 dita con unghie Impronta con 5 dita senza unghie Impronta con 4 (zampa anteriore) e 5 dita (zampa posteriore) con unghie Impronta di coniglio o lepre Zoccolo Impronta a strisce (rettili) Nido (uccelli) Tana, nido, uova (anfibi, insetti, ragni) Tana o giaciglio Corna Borra e rigurgito Zampa a dita lunghe (uccelli) Zampa palmata (uccelli) Penna, ago, pelle Escrementi Resto alimentare di predatore Alterazione di tronchi o del terreno 15

9 Aquila reale Aquila chrysaetos Aquila reale 16 Le tracce È la regina delle nostre montagne, dalle Alpi agli Appennini alle isole maggiori. La sua presenza si riconosce da più tracce: la più importante è il nido 1, che costruisce su grandi alberi, su falesie rocciose e su sporgenze a strapiombo. Per costruirlo, la coppia di aquile usa grossi rami e fusti di piante, e li riveste di ramoscelli e foglie fresche: nel suo territorio può costruire più nidi, che ingrossa col passare degli anni. Un altro indizio della presenza di questo rapace sono i posatoi, che sono sempre sulle rocce, al riparo dai venti, e che si individuano per le lunghe strisce bianche lasciate dalle deiezioni sulle pareti rocciose sottostanti. Anche i resti di predazione possono segnalare la presenza dell aquila: almeno nei punti da cui intende cominciare a mangiare le carni di lepri e marmotte, questo uccello rapace ne strappa il pelo con molta cura; trovare ciuffi di pelo intorno ai resti di una preda diventa un serio indizio del suo pasto. Inoltre l aquila rigurgita borre lunghe fino a 8 cm che contengono ossa, penne, becchi e altre parti non digerite delle prede. Possiamo riconoscere questo grande uccello anche dal verso: normalmente silenziosa, durante la riproduzione lancia grida simili ai guaiti di un cane. Tra marzo e settembre si possono trovare le penne remiganti primarie, lunghe da 40 a 59 cm, bruno-nerastre e con screziature bianche; oppure quelle timoniere, dall apice bruno-nero e dalla base grigiochiara, lunghe da 33 a 37 cm. Come è fatta L aquila è un uccello compatto, dalla testa grande, la coda lunga, il piumaggio marrone 1 dai riflessi dorati sulla testa; l apertura alare nelle femmine, più grandi dei maschi, arriva a 220 cm. Ha il becco nero, uncinato e largo, capace di spezzare le ossa di un piccolo di camoscio, e artigli grandi e uncinati, lunghi da 6 a 8 cm, che usa come potentissime armi di offesa. La sua vista acuta è comparabile a quella di un uomo munito di un binocolo con 10 ingrandimenti. Abitudini e alimentazione Caccia sia in volo che al suolo, con la tecnica dell appostamento o volando bassa ed esplorado veloce le pendici delle montagne, lasciandosi cadere fino a rasentare il suolo, controllando gli anfratti e la vegetazione in cui si nascondono le prede. Con le sue capacità acrobatiche è capace di afferrare a volo anche uccelli agili come i gracchi alpini e i corvi, e con la forza delle sue ali è in grado di sollevare da terra una volpe o un giovane capriolo. Preda soprattutto marmotte, conigli e lepri, e in misura minore, uccelli, piccoli carnivori e ungulati; in caso di necessità, si nutre anche di carogne. Lunghezza (cm) con di coda Peso (kg) 2,9-4,4 il maschio e 3,8-6,6 la femmina apertura alare (cm) 220 Carnivoro alta montagna alta montagna 17

10 Camoscio delle Alpi Rupicapra rupicapra Camoscio delle Alpi tendono ad allargarsi 1 (p. 21): in queste condizioni, soprattutto i piedi anteriori, dove il peso ricade maggiormente, lasciano un impronta a forma a V. Questo è particolarmente evidente nelle impronte che formano una pista, cioè una successione rettilinea di tracce 1 lasciata sul terreno. Il camoscio ha anche speroni, che però si trovano in alto sulla zampa, nascosti nel pelo: la loro impronta si può apprezzare solo in caso di neve o quando il camoscio corre o salta, perché si stampano a circa 10 cm dalla fine dello zoccolo. L impronta è lunga 5-6 cm e larga 3-3,5 cm. La lunghezza del passo varia tra i 60 e i 110 cm, lo scarto laterale tra i 10 e i 20 cm. Gli escrementi sono rotondeggianti, di 1-1,5 cm di diametro, di colore verde scuro, possono essere sparsi o ammassati, e sono lucidi quando sono freschi, opachi se più secchi. Come è fatto Ha sempre un aspetto elegante nonostan- 18 Le tracce Per leggerezza e maestria dei movimenti il camoscio è il signore dell alta montagna. Frequenta i prati alpini e si arrampica sulle rocce, saltando da una cengia all altra con balzi di 6-7 m e superando rapidamente i ripidi costoni. Le orme del suo passaggio si trovano nella neve, nella sabbia, sulle rive fangose dei ruscelli e nei terreni morbidi delle foreste d alta montagna, in particolare nei parchi naturali e nelle riserve alpine dove vive: sull arco alpino dal Piemonte al Friuli, e sull Appennino nel Parco Nazionale d Abruzzo (in particolare sui monti della Camosciara, sul Monte Meta, sulle Mainarde, sul Monte Amaro, sul Monte Marsicano e sulle montagne che circondano la Val Canneto), popolato dal camoscio d Abruzzo, una sottospecie endemica. Per il camoscio gli spostamenti nei luoghi accidentati sono facili perché è dotato di zampe muscolose, agili ed efficienti, che terminano con robusti zoccoli dritti. Il piede è composto da 2 dita di forma oblunga e parallela, con una fessura abbastanza larga al centro che lascia sul terreno un impronta più arrotondata dietro e appuntita davanti; sotto il piede, poi, ci sono cuscinetti elastici capaci di aderire come ventose su terreni ripidi e accidentati. Quando corre, le punte dello zoccolo alta montagna alta montagna 19

11 Camoscio delle Alpi Camoscio delle Alpi te la corporatura simile a quella di una capra. Il manto estivo è rossiccio chiaro mentre d inverno tende a scurirsi; ha una striscia nera sul dorso e le zampe nere. La testa è piccola con una faccia curiosa, con una maschera bianco-nera sul muso, con le corna a uncino ricurve all indietro 1 che, come per tutti i bovidi, sono presenti in entrambi i sessi, si accrescono con gli anni e non vengono sostituite come avviene invece nei cervidi. La femmina pesa circa 40 kg, ed è più piccola e leggera del maschio. Abitudini e alimentazione È un animale che si muove di giorno: d estate frequenta i pascoli sopra i 2000 m di quota e, comunque, sempre sopra il limite delle foreste; d inverno scende più a valle e trova rifugio nei boschi montani, a m di quota. Il camoscio si nutre di piante, soprattutto di erbe come le graminacee, di fogliame e polloni di alberi e, in caso di bisogno, integra l alimentazione anche con corteccia, licheni, corolle di fiori e muschio. Si disseta con la rugiada lasciata dalla notte. Lunghezza (cm) con 3-8 di coda Peso (kg) altezza al garrese (cm) erbivoro 20 alta montagna alta montagna 21

12 Coturnice Alectoris graeca Ermellino Mustela erminea 22 Le tracce Grande come una gallina, quest uccello stanziale vive in ambienti montani e rocciosi con pendii coperti da fitta e bassa vegetazione dove può trovare rifugio e mimetizzarsi. Le tracce 1 sono visibili sulla neve nella stagione fredda o nei terreni molli e polverosi. Le impronte sono quelle di un uccello camminatore: 3 robuste dita anteriori e con una corta posteriore. L impronta mostra le 4 dita con i segni delle unghie ed è lunga 5,5 e larga 4,5 cm. Come è fatta La coturnice ha becco e zampe rossi e un bellissimo piumaggio con capo, petto e dorso grigi, gola bianca marcata da una striscia nera, ventre bruno chiaro e fianchi barrati da strisce marroni e nere 1. Maschio e femmina sono simili, anche se il maschio è più grande. Abitudini e alimentazione Nel periodo compreso tra maggio e giugno costruisce il nido a terra, con poco materiale vegetale, nella bassa vegetazione o sulla roccia. Vive in piccoli Lunghezza (cm) 34 Peso (g) apertura alare (cm) 53 onnivoro branchi e si nutre di foglie, bulbi, semi, bacche di ginepro e di mirtillo. Durante la fase riproduttiva integra l alimentazione con gli insetti. Le tracce L ermellino è una donnola formato gigante: agilissimo e rapido nella corsa, si nasconde in un battibaleno. Ha vista, olfatto e udito finissimi, abita nei boschi montani e negli ambienti rocciosi delle Alpi. Teme il lupo, la lince e i grandi predatori dell aria: aquile e grossi falchi. L impronta 1 rotonda del piede mostra 5 dita e un cuscinetto plantare al centro: ricoperta in parte da peli molto duri (utili a proteggersi dal freddo della montagna) è spesso poco definita, e si può confondere con quella della lepre. I piedi anteriori sono più piccoli di quelli posteriori: l orma anteriore è lunga 2 cm e larga 1,5 cm, quella posteriore è lunga 3,5 e larga 1,4 cm ed entrambe mostrano la traccia delle unghie. L ermellino corre a balzi di cm, e lascia sulla neve orme accoppiate in gruppi di 4. Gli escrementi sono piccoli (non superano i 50 mm di diametro), sfilacciati e deposti su sassi e in luoghi abituali dove si formano depositi. Come è fatto Grande come un gattino, ma più minuto e con il corpo molto allungato, ha le zampe corte, il muso sporgente e le orecchie arrotondate e cortissime 1. La femmina è più piccola del maschio. Abitudini e alimentazione La sua pelliccia cambia di colore a seconda delle stagioni, permettendogli di mimetizzarsi bene alta montagna alta montagna 23

13 Ermellino Grifone Gyps fulvus nell ambiente: il pelo estivo, di colore rosso fulvo chiaro, viene progressivamente sostituito dal pelo invernale bianco come il ventre; dai primi di novembre fino alla primavera l ermellino è completamente bianco a eccezione della puntadella coda 1 e, quando caccia, tiene una parte del muso nascosta, rendendo meno evidenti gli occhi neri che risaltano sul bianco candido della pelliccia e della neve. Si arrampica agilmente sugli alberi per esplorare dall alto il proprio territorio di caccia. Preda prevalentemente piccoli roditori (topi, arvicole), conigli selvatici e uccelli ma anche anfibi, rettili, insetti e uova, che trasporta fino alla tana. Lunghezza (cm) 30 con di coda Peso (kg) Carnivoro Lunghezza (cm) 100 Peso (kg) 7-11 apertura alare (cm) 280 Carnivoro Le tracce È l uccello rapace più grande d Europa. Vive in Italia (Friuli, Abruzzo, Sardegna, Sicilia) grazie all opera di reintroduzione compiuta nei parchi naturali: agli avvoltoi liberati d estate si aggiungono quelli che migrano nel nostro Paese. Il grifone non lascia impronte a terra, perché passa la maggior parte del tempo in volo o fermo su posatoi in gruppo. Le tracce più interessanti sono le borre, che rigurgita sulle pareti scoscese dove ha l abitudine di sostare. Sono grandi pallottole di pelo e pelle non digeriti, lunghe da 8 a 12 cm e larghe 5 cm, che rigurgita dopo ogni pasto. Le penne 1, nere e lunghe almeno 40 cm, in prossimità delle carcasse di animali, sono un altro indizio della sua presenza. Come è fatto Il grifone vola sfruttando le correnti aeree come un aliante; sorvola le valli montane, ricche di pascoli, e le ripulisce nutrendosi delle carcasse di animali morti. Collo lungo e bianco 1, piumaggio rossiccio, beige o scuro, penne della coda e delle ali nere, ha il becco robusto e adunco lungo fino a 6 cm e capace di frantumare le ossa di un asino. Il corpo arriva a 1 m di lunghezza e a 7-11 kg di peso. Abitudini e alimentazione Nidifica in gruppo su ripiani rocciosi e cova le uova appoggiandole direttamente sulla pietra. Vola lentamente portato dalle correnti alla ricerca delle carogne di lepri, pecore e caprioli che individua da grandissima distanza grazie a una vista eccezionale. In alcuni parchi (Lago del Cornino, in Friuli; Monte Velino-Sirente, Abruzzo) i siti artificiali d alimentazione, detti carnai, permettono a questi rapaci di nutrirsi senza difficoltà. 24 alta montagna alta montagna 25

14 Lepre bianca Lepus timidus Lepre bianca 26 Le tracce Chiamata anche lepre variabile o lepre alpina, vive sulla catena alpina al confine fra i pascoli alpini e il bosco d alta montagna, tra gli 800 e i m di quota. Le sue tracce 1 vanno cercate sulla coltre nevosa nella stagione fredda, o in terreni polverosi e molli nel resto dell anno. La pianta del piede presenta falsi cuscinetti: si tratta, in realtà di ammassi di pelo prodotti dalla sua notevole densità. I piedi sono dotati di unghie robuste: quelli anteriori sono più piccoli e hanno 5 dita (ma il pollice, nell impronta lunga 5 cm e larga 3 cm, non si vede), quelli posteriori sono più lunghi e forti e hanno 4 dita: la loro traccia, larga 3,5 cm, può variare in lunghezza da 6 a 12 cm a seconda che l animale sia in movimento o stia fermo, ritto sulle zampe posteriori. Le tracce nella neve presentano due impronte quasi parallele, seguite da altre due allineate. Il gruppo delle 4 impronte dista dal successivo 1-3 m, a seconda della lunghezza dei salti con cui la lepre avanza. Di solito le dita dei piedi sono tenute allargate per consentire una presa maggiore sul terreno scivoloso. Come è fatta Come l ermellino anche questa lepre alpina cambia livrea durante l inverno: mentre nella bella stagione ha il mantello di colore marrone-grigio, con l arrivo del freddo il pelo s infittisce e diventa completamente bianco a eccezione dell apice delle orecchie 1 che restano macchiate di nero. Ha le orecchie lunghe come quelle di un coniglio, ma più larghe; per il resto assomiglia in tutto alla lepre comune; è la preda preferita di linci e aquile reali. Abitudini e alimentazione Solitaria e dalle abitudini crepuscolari, vive anche in piccoli gruppi, in ambienti poco frequentati lontani dagli insediamenti umani. Scava giacigli nella neve ma può rifugiarsi e riposarsi tra rocce e cespugli. La sua dieta è a base di licheni, muschi e corteccia. Lunghezza (cm) con 4-8 di coda Peso (kg) 2,5-4,5 erbivoro alta montagna alta montagna 27

15 Marmotta Marmota marmota Marmotta 28 Le tracce È la simpatica inquilina degli alti pascoli alpini, tra i 1400 e i 2700 m di quota, e dei prati più elevati dell Appennino ligure e tosco-emiliano. Preferisce i versanti soleggiati e ripidi, con massi sparsi e arbusti di rododendro e ginepro. La sua presenza è segnalata dalla tana 1 che scava nei pendii erbosi sui 2000 m di quota: se è una tana frequentata, mostra all apertura degli accumuli di pietre e terra. Sui terreni molli o polverosi, o coperti di neve, si possono individuare anche le tracce lasciate dalle zampe munite di unghie robuste: i piedi anteriori producono un impronta con 4 dita (lunga 6 cm e larga 4 cm), quelli posteriori un impronta con 5 (l impronta è lunga 8 e larga 5 cm); tutte hanno anche la traccia delle unghie. La pista sulla neve ricorda quella della lepre, con gruppi di 4 impronte vicine, ma il passo e il salto sono più corti e le unghie evidenti. La marmotta ha l abitudine di nascondere i propri escrementi in buche che scava apposta: sono scuri, di forma cilindrica, con un accenno di curva, e contengono residui vegetali. Come è fatta La marmotta, detta anche pane delle aquile (l aquila è fra i suoi principali predatori), ha un corpo tozzo e pesante con zampe robuste e dita dotate di unghioni adatti allo scavo coperto di una folta pelliccia folta color bruno-giallastra; la testa e il muso sono corti, così come la coda pelosa. Abitudini e alimentazione La marmotta corre a zampe divaricate con un andatura un po barcollante. Vive in colonie familiari, formate anche da una quindicina di individui, e si muove di giorno perché è amante del sole. Ha l abitudine di rizzarsi sulle zampe posteriori 1 per prendere meglio il sole e far da vedetta al gruppo familiare: in caso di pericolo lancia forti e acuti fischi di allarme, permettendo alla famiglia di precipitarsi al sicuro nella tana. Di solito l accesso è nascosto da un masso, al riparo dai venti freddi del nord: la tana scavata dalla marmotta è complessa, con un ramificato sistema di gallerie e stanze; viene abitata da ottobre e aprile, mesi in cui l animale va in letargo. Per l estate, poi, scava dei piccoli rifugi d emergenza. Si nutre di bacche, radici e piante erbacee d alta quota. Lunghezza (cm) con di coda Peso (kg) 3-6 erbivora alta montagna alta montagna 29

16 Muflone Ovis ammon musimon Muflone posteriori scavalcano quelle dei piedi anteriori divergono al punto da sembrare separate. Il maschio ha l impronta più grande: è lunga 5,5-6 cm e larga 4,5 cm rispetto ai 4,5-5,5 cm di lunghezza e 3,5 cm di larghezza della femmina. Il passo è lungo cm nel maschio e cm nella femmina; lo scarto laterale va da 10 a 15 cm nel maschio e 10 cm nella femmina. Si possono trovare anche gli escrementi: sono scuri e simili a quelli delle capre e delle pecore, ma sono più compatti e voluminosi, palline di 1 cm di diametro. Come è fatto Ha un aspetto robusto e tozzo. Il maschio ha corna a spirale 1 voluminose, assenti nelle femmine 1. Il suo mantello è di colore bruno rossiccio, e a volte in estate presenta una macchia bianca sui fianchi (detta sella), mentre d inverno è più scuro 1 (p.32). Il mantello della femmina è più uniforme e tendente al bruno. Abitudini e alimentazione Il muflone scala agilmente le 30 Le tracce Ovino selvatico simile a un grosso montone, è originario della Sardegna e della Corsica ed è stato introdotto in molte regioni d Italia e d Europa: i segni della sua presenza vanno cercati sulle montagne della Sardegna (Monte Albo, Supramonte, Gennargentu, Monte Tonneri, Monte Fenalbu, Monte Orosei) e nei parchi appenninici di Toscana, Emilia-Romagna e Umbria, dove si concentra la popolazione italiana di questa specie, sebbene un gruppo si trovi anche in Veneto, nel Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi. Una prima traccia della presenza del muflone si nota già nel bosco, osservando i tronchi degli alberi: l animale, infatti, intacca la corteccia degli alberi, soprattutto se sono piante meno resistenti e giovani, staccandone lunghe strisce. Si riconoscono i segni dei denti, obliqui rispetto all asse del tronco, diversi da quelli di cervi e daini che sono verticali. Le impronte, che si trovano abbastanza facilmente in ambienti polverosi, sul terreno soffice o in prossimità dell acqua, sono diverse da quelle dei cervidi sia per la forma degli zoccoli, più robusti e rotondi, sia per la mobilità delle dita che, soprattutto durante la corsa quando le orme 1 (p.32) dei piedi alta montagna alta montagna 31

17 Muflone Muflone 32 rocce, corre rapidissimo con punte di velocità che arrivano a 60 km l ora, ed è capace di grandi salti. è notevolmente adattabile, perciò riesce a vivere bene sia in ambienti montani aridi e pietrosi, sia in boschi di latifoglie e in boschi misti (latifoglie e conifere). A causa delle zampe relativamente corte soffre la neve alta divenendo spesso vittima dei lupi. Animale sospettoso e sempre in allarme, ha una vista acuta, un udito e un odorato molto sviluppati. Vive in branchi anche numerosi, guidati da un vecchio maschio, e per mantenere coeso il gruppo emette belati come le pecore. Quando è spaventato o allarmato, lancia sibili penetranti e soffi acuti. D autunno, nella stagione degli amori, i maschi si misurano in suggestivi scontri: lo sfidante entra nel territorio del sultano dell harem e risponde alla sua dimostrazione di forza piazzandosi ben saldo sulle zampe. Il combattimento ini- Lunghezza (cm) Peso (kg) il maschio; la femmina altezza al garrese (cm) il maschio la femmina erbivoro zia senza fretta; i due maschi arretrano, abbassano le corna, si lanciano in avanti uno contro l altro scontrandosi con fragore: il botto della corna si sente a più di 1 km di distanza. Poi si ritirano, prendono nuovamente la mira, e si lanciano nuovamente nello scontro: possono andare avanti così dalla mattina fino al tramonto. Il muflone si nutre abitualmente di teneri rami, foglie di corbezzolo, frutti e mele selvatiche, germogli di ontano, cortecce 1 di pioppo, graminacee e leguminose selvatiche e altre piante erbacee in genere. Come le capre, per raggiungere i rami, si alza spesso sulle zampe posteriori appoggiando le anteriori al tronco. In mancanza d acqua, la ricava bevendo la rugiada; è goloso di sale, che lecca voracemente nelle mangiatoie lasciate dai forestali. alta montagna alta montagna 33

18 Orso bruno Ursus arctos Orso bruno 34 Le tracce L orso è il più grande carnivoro europeo, un animale notturno e solitario che raramente si muove di giorno. Ne esistono solo poche decine di individui sulle Alpi centroorientali (dal Trentino Alto Adige al Friuli Venezia Giulia) e sugli Appennini centrali abruzzesi, dove è presente la sottospecie costituita dall orso marsicano. I luoghi più adatti per osservarne le tracce, lungo sentieri e piste forestali in cui ci sia un accumulo di fango o di neve, sono i parchi naturali dove è segnalata la sua presenza: di solito l orso frequenta le foreste e l alta montagna ricca di rocce, cavità, doline e valli scoscese dove può rifugiarsi. Nella buona stagione sceglie i pascoli per alimentarsi di erba fresca. Le impronte 1 hanno un ampia superficie plantare con ben evidenti le 5 dita e i loro artigli. Le dimensioni delle zampe variano in funzione dell età e del peso dell animale oltre che a seconda che corrispondano a una zampa anteriore o posteriore: oscillano in larghezza tra 8 cm (anteriore) e 18 cm (posteriore) e in lunghezza tra 12 cm (anteriore) e 27 cm (posteriore); la lunghezza dell orma anteriore ha larghezza e lun- ghezza quasi uguali, mentre la lunghezza dell impronta posteriore è una volta e mezzo la sua larghezza, e generalmente ha la forma di un triangolo. Le piste dell orso non sono facili da distinguere sulla neve di primavera; aiuta sapere che il passo è compreso tra 80 e 110 cm, ma che può raggiungere anche i 150 cm; che l orso è cagnolo, ovvero volge le punte dei piedi all interno, e che la sella (cioè la distanza tra il centro dell impronta sinistra e quello dell impronta destra) è di cm. La presenza s intuisce anche dalla disposizione di massi che appaiono chiaramente spostati o dalla devastazione di formicai, alveari e ceppaie distrutti per la ricerca di uova, larve e insetti. Sui tronchi degli alberi, che l orso utilizza per grattarsi, si possono vedere ciuffi di peli oltre ai tipici graffi spesso obliqui, a volta anche verticali, dove i segni delle unghie sono distanti 2-4 cm. I graffi si trovano più frequentemente su tronchi di conifere resinose (abete rosso, pino), meno su quelli di latifoglie (faggio, rovere). In alcuni casi, sui tronchi è possibile trovare anche i segni di morsi. alta montagna alta montagna 35

19 Orso bruno Orso bruno La presenza dell orso è evidenziata anche dagli escrementi (1 ): le feci hanno un diametro di 3-5 cm e l aspetto di un serpentone disposto a chiocciola; la consistenza è variabile: spesso sono mollicce, con frammenti vegetali non digeriti (filamenti d erba, pezzi di frutta, bacche) e parti di insetti. L odore di solito è fruttato o muschioso, quasi gradevole se ha mangiato vegetali, nauseabondo se si è nutrito di carne. Come è fatto L orso ha il manto peloso dai toni che variano dal bruno chiaro al nero 1. I peli sono dritti o leggermente piegati, di varia lunghezza: quelli esterni sono rigidi, lunghi 3-11 cm; quelli dell area genitale sono lunghi cm e quelli delle parti inferiori degli arti sono più corti, da 2 a 3 cm. Gli occhi sono piccoli, le orecchie arrotondate e coperte di pelo, la coda nascosta e i robusti artigli non sono retrattili. Cammina abitualmente a 4 zampe, ma può alzarsi su quelle posteriori per raggiungere un boccone prelibato su un albero. Abitudini e alimentazione In inverno si rifugia in una tana, di solito una grotta esposta a Sud, sotto le rocce e situata in una zona isolata. Dopo averla resa accogliente con foglie ed erba, entra in letargo: smette di mangiare, di urinare e defecare, la sua temperatura corporea si abbassa di 4 C e l animale dorme fino alla primavera, consumando lentamente il grasso accumulato in autunno. Se viene disturbato torna vigile e reattivo e a volte, durante le giornate invernali più calde, può uscire dalla tana per procurarsi da mangiare. Anche se classificato nell ordine dei Carnivori, l orso mangia di tutto: se si escludono gli insetti, molto appetiti, gli alimenti di origine animale sono costituiti prevalentemente da resti di animali morti, piccoli roditori, erbivori feriti e, raramente, animali domestici come le pecore. I vegetali rappresentano la parte più importante della sua dieta: erbe, germogli di alberi del sottobosco, tuberi, bulbi, bacche, frutta, funghi e frutta secca (faggiole, castagne, ghiande), a seconda della disponibilità stagionale. Lunghezza (cm) nel maschio, nella femmina Peso (kg) nel maschio, nella femmina altezza al garrese (cm) Carnivoro 36 alta montagna alta montagna 37

20 Pernice bianca Lagopus mutus Stambecco Capra ibex ibex 38 Le tracce Questa pernice vive sulla catena alpina tra i 2000 e i 3000 m di quota, e può sopportare temperature di -30 C. Le sue tracce sulla neve, o nei terreni molli vicino alle pozze d acqua e ai laghetti alpini si riconoscono per 3 robuste dita volte in avanti e una corta volta indietro: l impronta 1, lunga 7 cm e larga 6 cm, mostra anche le unghie. D inverno, il fitto piumaggio che copre il piede rende la traccia nella neve meno netta e più larga. La pista si presenta rettilinea, con piccole buche allungate su due linee parallee. Gli escrementi hanno forma cilindrica ricurva sono lunghi 3-4 cm. Come è fatta Questo galliforme è perfettamente adattato all ambiente in cui vive: in autunno il suo piumaggio da grigio-marrone e bianco diventa completamente candido 1, permettendogli di mimetizzarsi nella neve. Il maschio è più grande della femmina. Abitudini e alimentazione Vive in piccoli gruppi, su rocce e pietraie elevate, o in pascoli con vegetazione bassa. In estate nidifica a terra, usando solo pochi materiali vegetali. Si nutre di erbe, frutta, semi, bacche di ginepro e mirtillo e germogli. Lunghezza (cm) 35 Peso (g) 530 apertura alare (cm) 60 onnivora Durante l inverno cerca nella neve le radici delle piante e le pulci della neve, ricche di proteine. Le tracce Inconfondibile per le grandi corna a scimitarra del maschio, ricurve all indietro e lunghe fino a circa 1 m, lo stambecco è il simbolo delle nostre Alpi. Quasi estinto negli anni passati, deve la salvezza al re di Sardegna Carlo Felice che, nel 1821, emanò le Regie Patenti con le quali vietava la caccia agli stambecchi. Certo una legge non protezionista, data l epoca, ispirata piuttosto da una speculazione venatoria legata all alto valore economico di un animale divenuto ormai raro. Una legge che, tuttavia, è servita a mantenere in vita una colonia di stambecchi: a partire dal 1922, anno di nascita del Parco Nazionale del Gran Paradiso (a cavallo della Valle d Aosta e del Piemonte), gli animali si sono riprodotti consentendo di ripopolare tutto l arco alpino. Le tracce di questa grande capra selvatica si osservano in quota, fino ai bordi dei nevai, soprattutto nei parchi nazionali alpini (Gran Paradiso, Stelvio, Valgrande, Dolomiti Bellunesi) e nelle aree protette dal Piemonte al Friuli Venezia-Giulia. Ottimo arrampicatore, vive nelle zone più impervie ed elevate delle montagne: frequenta le pareti rocciose e le praterie tra i 1600 e 3200 m di quota e sopra il limite della vegetazione arborea. I suoi zoccoli hanno bordi robusti, punte dure e affilate, sono rigidi e gli permettono di arrampicarsi anche su rocce alta montagna alta montagna 39

21 Stambecco Stambecco 40 Lunghezza (cm) Peso (kg) nel maschio, nella femmina altezza al garrese (cm) erbivoro quasi verticali: in salita, infatti, le punte e i bordi degli zoccoli sanno trovare appiglio anche sulle sporgenze più strette. Alla loro scarsa flessibilità supplisce la forza dello stambecco, che si muove con più facilità sui dirupi che nella neve fresca dove, così come nel fango vicino all acqua, lascia un impronta 1 lunga 8 cm e larga 6 cm se è un maschio, lunga 7 cm e larga 5 cm se è una femmina. Poiché è pesante, la sua traccia si legge meglio di quella del camoscio; rispetto a questo, inoltre, ha uno scarto laterale maggiore (20 cm circa). Le unghie delle zampe anteriori e posteriori sono simili e la fessura che le divide non cambia, anche quando l animale corre. All inizio della primavera, poi, si possono trovare ciuffi di pelo sugli arbusti e sulle rocce che gli stambecchi usano come grattatoi per liberarsi dalla lana in eccesso che ha permesso loro di superare l inverno. Gli escrementi sono più grandi di quelli delle capre (2 cm circa di diametro), duri e lucidi, hanno un colore che va dal grigionero al marrone-verdastro. Come è fatto Animale robusto e massiccio simile a una capra, è dotato di corna che si accrescono continuamente, permettendo di stabilire l età dell animale, sia esso maschio o femmina. Il colore del mantello è grigio 1 con sfumature rossicce e bordature nere. Il maschio ha una barbetta ben sviluppata sulla gola. Abitudini e alimentazione Vive in gruppi numerosi, e usa versi inconfondibili un crepitio con le labbra, belati e fischi per tenere unito il branco e per segnalare un pericolo. In autunno, durante la stagione degli amori, gli stambecchi maschi combattono fra loro: uno degli spettacoli più affascinanti che si possono osservare sulle Alpi. Arrampicati su pareti ripidissime, su cenge impraticabili per qualsiasi essere umano, si sfidano a violente testate: i due contendenti stanno uno di fronte all altro, si squadrano per qualche istante e poi incrociano le corna. Uno dei due si stacca, fa un passo indietro, si alza sulle zampe posteriori e si riabbassa di scatto, colpendo con tutta la forza le corna dell avversario, che incassa il colpo e lo restituisce. La lotta può durare ore, fino a quando uno dei due non abbandona il campo. Il vincitore avrà diritto ad accoppiarsi. è erbivoro, e un po come le capre mangia di tutto: erbe, muschi, licheni, rami, cortecce, radici D inverno scava sotto la neve per trovare altri nutrimenti; in primavera va alla ricerca di teneri germogli e arricchisce la sua dieta con felci, funghi, graminacee, fiori, frutti e semi. Sa salire sugli alberi inclinati e bassi come il pino mugo, i salici nani e altri arbusti di montagna, per mangiarne i germogli e le foglie più tenere. E stando in piedi sulle zampe posteriori, con quelle anteriori è capace di abbassare i rami più lontani fino a farli arrivare a portata della sua bocca. Riconosce le piante velenose e le evita; è ghiotto del sale lasciato dai forestali o dai pastori per le vacche negli alpeggi. alta montagna alta montagna 41

22 Vipera comune Vipera aspis Vipera comune 42 Le tracce È il serpente velenoso più comune d Italia. Frequenta boschi, litorali, radure e ambienti rocciosi fino a 3000 m di quota e si muove puntando le squame e le curve del corpo contro i sassi, la vegetazione e qualsiasi altra asperità del terreno che possa permettere di far forza. Lascia due tipi di tracce: la prima è un impronta quasi rettilinea sulla sabbia e sulle piste polverose 1 che segnala il suo passaggio, prodotta dall azione delle piastre ventrali che fanno presa sul suolo mentre i muscoli longitudinali si contraggono. La seconda è la parte superficiale della pelle (esuvia), il rivestimento sottile e trasparente che cambia più volte nell anno (durante la muta), e che abbandona intero o a brandelli nella vegetazione. Questa pelle è caratterizzata da squame con la forma di piccoli rombi, carenate anziché lisce. Come è fatta Le differenze morfologiche che distinguono la vipera comune da un colubro non velenoso sono varie: la pupilla, verticale nella vipera e rotonda nel colubro; il capo, quasi triangolare e distinto dal corpo nella vipera, ovoidale nel colubro le placche della testa, piccole e irregolari nella vipera, grandi e regolari nel colubro; il corpo e la sua lunghezza, tozzo e corto nella vipera (lunga cm); snello e lungo (fino a 2 m) nel colubro. La vipera ha il muso ricurvo 1 verso l alto e un colore del dorso molto vario, con parti grigie, brune, rossastre e nere, che cambia a seconda della sottospecie e della località. Abitudini e alimentazione La vipera si muove sia di giorno che di notte: la sua attività è legata alla temperatura dell ambiente. Durante le ore fredde se ne sta al sole, preferibilmente sulle rocce, mentre in quelle calde preferisce il riparo della vegetazione. L olfatto è il suo senso fondamentale: la vipera vede e sente attraverso la lingua bifida, che capta le tracce chimiche dall ambiente e le analizza per mezzo dell organo di Jacobson. Formidabile cacciatrice, usa il veleno per uccidere soprattutto topi, piccoli roditori, nidiacei e altri rettili: rimane immobile in agguato e, appena la preda giunge a tiro, la morde fulminea. La preda di solito scappa, andando a morire a distanza: seguendo per mezzo della lingua le sue tracce olfattive, la vipera la rintraccia e raggiuntala, la ingoia a partire dal capo. Lunghezza (cm) carnivoro alta montagna alta montagna 43

23 Api muraiole e legnaiole Insetti della superfamiglia Apoideae Api muraiole e legnaiole Le tracce Le api 1 si distinguono dalle vespe 1 per l aspetto più tozzo e peloso; come loro, però, hanno 2 coppie di ali, 6 zampine, 2 antenne, occhi sfaccettati che permettono loro di vedere a 360 gradi e una proboscide (ligula) che usano per nutrirsi: la inseriscono nei fiori per aspirare il nettare. Il nido che costruiscono in natura, molto più semplice degli alveari che fabbricano nelle arnie le api domestiche (Apis mellifera), è specifico di ciascun tipo di ape e permette di riconoscere di quale si tratta. Se troviamo delle spesse macchie di fango su un muro, su una parete rocciosa o su un tronco, oppure se troviamo un anfratto ricoperto di terra sapientemente disposta, quella è la traccia inconfondibile dell ape muraiola (Megachile parietina). Questo insetto impasta sabbia e saliva producendo un cemento con cui costruisce cellette di terra dove depone le uova. L ape selvatica (Osmia bicolor), invece, sfrutta come nido i gusci abbandonati delle chiocciole: nella parte più stretta della spirale fabbrica 3-4 cellette, separandole con pareti di poltiglia d erba masticata. Poi, dopo aver deposto le uova, chiude l ingresso del guscio con pietruzze e materiale vegetale. Mentre l ape legnaiola (Xylocopa violacea) scava gallerie nel legno morto dei sotto tetti o dei tronchi marcescenti 1, dividendolo in celle dove accumula il miele e depone le uova. Come sono fatte L ape muraiola ha i maschi di color giallo-marrone mentre 44 campagna e bosco di collina le femmine sono nere. L ape selvatica è bicolore: ha la testa e il torace neri mentre l addome è rosso. L ape legnaiola è di colore nero 1 con riflessi violacei e viene spesso scambiata con il calabrone. Abitudini e alimentazione Queste specie di api, che sono accomunate con quelle domestiche dal fatto di costruire un nido in cui accumulano miele e polline e in cui depongono le uova, vivono solitarie. Nelle cellette ben nascoste si sviluppano le larve: alla fine dell inverno, completato lo sviluppo, i nuovi insetti adulti ne usciranno per compiere il proprio ciclo vitale. Api e larve si nutrono di nettare e polline; il miele, prodotto con la saliva ricca di enzimi, è un alimento di riserva usato durante l inverno. Lunghezza (mm) ape muraiola Lunghezza (mm) ape selvatica Lunghezza (mm) ape legnaiola campagna e bosco di collina 45

24 Averla maggiore Lanius excubitor Averla maggiore Le tracce Grande come un merlo, l averla maggiore è presente nel Nord Italia: frequenta i margini dei boschi, le zone cespugliose e i roveti collinari e montani. È un uccello carnivoro e previdente che, per affrontare i periodi di magra, costruisce delle dispense all aperto: accumula provviste infilzando le sue prede sui fili spinati o sulle lunghe spine di alberi e rovi; la cattiva stagione le darà una mano, poiché il freddo conserverà a lungo il suo cibo. Così se passeggiando in un bosco o in campagna notiamo topolini, uccellini, lucertole, calabroni, api o coleotteri morti, che pendono dalle spine dei cespugli, possiamo essere sicuri che siamo entrati nel territorio di un averla maggiore. Un altro indizio che ci fa capire la presenza di questo piccolo carnivoro alato è dato dalle borre che si possono individuare in prossimità di queste particolari dispense alimentari. Si tratta di piccoli rigetti, lunghi 2-3 cm e del diametro di 1-1,5 cm, compressi e scuri, che contengono penne, peli, frammenti di ossa, resti d insetti e pezzetti di vegetali. Come è fatta L averla maggiore è riconoscibile per la lunga 46 campagna e bosco di collina coda nera a forma di cuneo e il corpo compatto dalla testa grande e rotonda. Ha il becco leggermente uncinato, il piumaggio del dorso grigio perla, la gola e la pancia bianchi e una vistosa striscia nera 1 che attraversa gli occhi. Abitudini e alimentazione L averla maggiore si può comportare come un piccolo rapace: come i falchi si apposta su un posatoio per piombare in volo sugli uccelli più piccoli, come le cince e i cardellini e, non avendo artigli, li uccide a beccate. Ma ha sviluppato anche una tecnica di caccia più sofisticata: nascosta in una siepe, imita il verso del cardellino e quando il malcapitato arriva, convinto di scacciare un intruso dal proprio territorio, l averla lo attacca fulminea e lo finisce a colpi di becco. Oltre a piccoli uccelli, l averla preda piccoli roditori, anfibi, rettili, nidiacei, toporagni e grossi insetti, ai quali stacca il pungiglione prima di mangiarli. Oltre a questa specie, in tutta la Pernisola ve ne sono altre, che hanno comportamenti simili: l averla piccola (Lanius collurio) e l averla cenerina (Lanius minor). Lunghezza (cm) 24 con di coda Peso (g) apertura alare (cm) 35 Carnivoro campagna e bosco di collina 47

25 Barbagianni Tyto alba Biacco o biscia Coluber viridiflavus Le tracce È il più curioso dei rapaci notturni, inconfondibile per la maschera facciale triangolare 1 e il bel piumaggio chiaro. Vive in città e in campagna, nidificando nei sottotetti di vecchi edifici, nelle cavità o in rifugi ricavati in grandi alberi. Sonnacchioso di giorno, al crepuscolo si mette in movimento e a volte lo si può vedere spiccare il suo volo silenzioso. La sua presenza è segnalata dalle borre 1, che si trovano vicino ai grandi alberi o agli edifici abbandonati: sono pallottole scure di resti animali non digeriti (piume, ossa, artigli, peli) che il rapace vomita. Sono voluminose (3-8 cm di lunghezza e 3 cm di diametro), tondeggianti, rivestite da una specie di muco nero che le rende lucide. Come è fatto Il morbido piumaggio è bianco sul ventre mentre il dorso tende al fulvo dorato. Abitudini e alimentazione è un abilissimo cacciatore di topolini: di notte vola a bassa quota sulle coltivazioni e scoperto un roditore o un rospo, si ferma in aria per localizzare la posizione esatta; poi si lascia cadere sulla preda da circa 2 m d altezza. Gli artigli delle 4 dita la afferrano, e per lei non c è scampo. Per non farsi scorgere, nasconde il petto bianco contro il tronco di Lunghezza (cm) Peso (g) 300 apertura alare (cm) Carnivoro 48 campagna e bosco di collina un albero. La sua dieta è composta per il 90% di piccoli roditori e uccelli, ma non disdegna grossi insetti, anfibi e rettili. Le tracce è uno dei serpenti più comuni d Italia: diffuso in tutto il territorio nazionale, è il più rappresentativo della famiglia dei Colubridi a cui appartengono anche il colubro leopardino (Zamenis situla, tipico di Sud Italia e Sicilia), il cervone (Elaphe quatuorlineata) e il saettone occhirossi (Zamenis lineatus, diffusi al Centro-Sud e in Sicilia), il saettone comune (Elaphe longissima, tipico del Centro-Nord e della Sardegna), le natrici dal collare (Natrix natrix) e tassellata (Natrix tessellata) e il colubro liscio (Coronella austriaca, diffusi su tutto il territorio nazionale), accomunati da abitudini simili. Il biacco vive a terra, ma è anche un ottimo nuotatore e si adatta a tutti gli ambienti fino a 2000 m di quota; ama i terreni sassosi e soleggiati ma, indifferente alla presenza dell uomo, si trova anche nelle siepi, nei coltivi e nei muretti a secco. Per muoversi preme e punta le squame e le curve del corpo contro sassi, detriti, piante e qualsiasi asperità del terreno che gli permetta di far forza e spostarsi. Le spiagge sabbiose o i terreni polverosi sono i luoghi dove si conservano meglio le tracce del suo passaggio, soprattutto se sono in leggera salita perché il rettile, avendo bisogno di una presa maggiore, incide maggiormente il suolo morbido. Dall impronta si riesce a capire la lunghezza dell animale, ma non la specie d appartenen- campagna e bosco di collina 49

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo Il bosco e il sottobosco Il bosco è un ambiente naturale caratterizzato da alti alberi con grandi chiome. Gli alberi proteggono la parte più bassa del bosco, detta sottobosco, dal sole e dal vento. Abete

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

Così il succiacapre, specie notturna (per difesa sbadiglia mostrando il palato rosa dell'enorme bocca) (Foto Luigi Andena)

Così il succiacapre, specie notturna (per difesa sbadiglia mostrando il palato rosa dell'enorme bocca) (Foto Luigi Andena) ACCIDENTALI IN CITTA' Durante le migrazioni può capitare di tutto. Uccelli altamente mimetici nel sottobosco si fanno scoprire esausti sui marciapiedi o sui balconi, arrivati di notte o alle prime luci.

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014:

Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014: Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014: -Quanto oggi è necessario partecipare alla comunicazione scambiata nel web? -Che

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA MOROSETA I GENERALITA Origine: Asia dell'est, probabilmente la Cina. Per alcuni ricercatori è stata selezionata in Giappone, secondo altri è originaria dell' Africa del Sud. Nei trattati letterari è menzionata

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

I marsupiali IL CANGURO

I marsupiali IL CANGURO I marsupiali I marsupiali devono il loro nome alla tasca marsupiale che è presente nelle femmine. Questa "tasca" serve a contenere i piccoli, che sono partoriti poco sviluppati e finiscono il loro sviluppo

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) NONA CHIACCHIERATA OSSERVARE LE TRACCE Quando si cammina in montagna, facilmente ci si può imbattere in un animale selvatico

Dettagli

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA.

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. MARI: SI TROVA AL CENTRO DEL MAR MEDITERRANEO I MARI CHE LA BAGNANO SONO : MAR LIGURE, MAR

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

Un anno con Iccio Riccio

Un anno con Iccio Riccio CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE IL PICCHIO Un anno con Iccio Riccio Testi a cura di Marialuisa Campani Immagini realizzate da Laura Serri Quaderno didattico realizzato con il contributo della Regione Emilia

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09

Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 All'ombra dell'edera Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 In collaborazione con Comune di Vezzano e Consorzio Vigilanza Boschiva della Valle dei Laghi Un giorno di primavera

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

AVERLA PICCOLA. L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello.

AVERLA PICCOLA. L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello. AVERLA PICCOLA L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello. DESCRIZIONE: È lungo circa 18 cm, e pesa 35 grammi in media, ha il corpo rossobruno nella parte superiore e bianco-rosato

Dettagli

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Progetto 6 Istituto Comprensivo Bruno Ciari di Padova A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Classi 2 A-2 B 2 B Scuola primaria Rodari ESPLORATORI PER UN GIORNO 15 aprile 2014 Casa Marina Parco Regionale

Dettagli

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC)

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) (Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) PASSERIFORMI Le rondini sono simili ai rondoni per convergenza evolutiva, fanno cioè la stessa vita

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Il linguaggio degli animali

Il linguaggio degli animali Il linguaggio degli animali Siano che vivano da soli o in gruppi organizzati, gli animali comunicano tra loro: si scambiano informazioni per la ricerca del cibo, la conquista e la difesa del proprio territorio,

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub. WWF Svizzera P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00 Casella postale pandaclub@wwf.ch 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch Volpe polare Dossier di presentazione Klein & Hubert / WWF Scheda Dimensioni:

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

I.C.S. Don Milani, Prato

I.C.S. Don Milani, Prato Gli animali mangiano? Gli animali sono mangiati? Gli animali si difendono? Gli animali attaccano? I BAMBINI RACCONTANO Gli animali sono mangiati dai predatori carnivori come la tigre Quando mangiano fanno

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Le PULCI possono rappresentare un vero disturbo per il tuo animale, tormentandolo senza tregua e

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

Un mondo da scoprire: le api sez. II e III, scuola dell Infanzia di Troghi a. s. 2013/2014 L ape e la vespa Osservazione e confronto

Un mondo da scoprire: le api sez. II e III, scuola dell Infanzia di Troghi a. s. 2013/2014 L ape e la vespa Osservazione e confronto Un mondo da scoprire: le api sez. II e III, scuola dell Infanzia di Troghi a. s. 2013/2014 L ape e la vespa Osservazione e confronto I bambini trovano davanti alla porta della scuola, mentre scendono per

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mondo degli insetti BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: l unità di apprendimento ha l intento di presentare le caratteristiche del mondo degli insetti, esseri

Dettagli

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

I tassi innamorati. Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09

I tassi innamorati. Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 I tassi innamorati Scuola Primaria di Vezzano classe prima - anno scolastico 2008/09 In collaborazione con Comune di Vezzano e Consorzio Vigilanza Boschiva della Valle dei Laghi Due tassi, un maschio e

Dettagli

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE DIFENSORI DELLA NATURA I parchi naturali Fulco Pratesi Notizie Un parco naturale è una zona di estensione variabile, ove si sul testo trovano riunite diverse caratteristiche naturali di elevata importanza,

Dettagli

I segreti dell ornitologo: forme e colori delle penne

I segreti dell ornitologo: forme e colori delle penne Tocca con mano SCHEDA INSEGNANTE I segreti dell ornitologo: forme e colori delle penne EMPIRICA officina di scienze ed arte I ragazzi osservano e toccano penne e piume di varie specie di uccelli, guidati

Dettagli

CANSIGLIO!!! BUON divertimento!!!

CANSIGLIO!!! BUON divertimento!!! C CIAO A TUTTI!! Noi siamo i ragazzi e le ragazze della 5^A & della 5^B della Scuola Primaria Callisto Zorzi di Verona. Il 15 & il 16 maggio abbiamo trascorso due fantastiche giornate in un luogo speciale.

Dettagli

Carte gioco. allegate al gioco Bice la coturnice. Istituto Comprensivo di Sedegliano. Scuola primaria di Flaibano. Classe terza

Carte gioco. allegate al gioco Bice la coturnice. Istituto Comprensivo di Sedegliano. Scuola primaria di Flaibano. Classe terza Istituto Comprensivo di Sedegliano Scuola primaria di Flaibano Classe terza Anno scolastico 2006/2007 Carte gioco allegate al gioco Bice la coturnice La presenza della puzzola nel Parco delle Prealpi Giulie

Dettagli

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR Chiampo, 8 maggio 2014. Ore 8.00: partenza. Meta: Recoaro Mille (VI). Tempo percorrenza: 1 ora circa. Ore 9.00:

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Come si fa la Prova di comprensione della lettura.

Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Paola Lovesio Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro Scuola secondaria di I grado Maggiora Vergano Refrancore Media.vergano@libero.it Class IA 1 IL

Dettagli

Capra di Saanen ( 1 )

Capra di Saanen ( 1 ) Stato: 20.02.2008 Capra di Saanen ( 1 ) m f m f 90 80 85 60 fine bianca con corto, ben aderente bianca, tollerate piccole macchie pigmentate; Colore bianco impuro Becchi più severo macchie nere, più grandi

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA

CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA Il cervo sika dybowski é originario di Manciuria e Corea, nei tempi d oggi

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Inquadramento normativo e competenze: Oggetto della tutela Sono tutelate le popolazioni di

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

MUFLONE. Ovis [orientalis] musimon

MUFLONE. Ovis [orientalis] musimon MUFLONE (Ovis [orientalis] musimon) Sistematica Classe Superordine Ordine Sottordine Famiglia Genere Specie Mammiferi Ungulati Artiodattili Ruminanti Bovidi Ovis Ovis [orientalis] musimon Il muflone da

Dettagli

Clara, Ekin, Francesco, Giada e Serena. Ci piacerebbe un giardino dove poter osservare:

Clara, Ekin, Francesco, Giada e Serena. Ci piacerebbe un giardino dove poter osservare: Clara, Ekin, Francesco, Giada e Serena Ci piacerebbe un giardino dove poter osservare: i salici piangenti perché si trovano in tante zone di Merone. I rami sottili e flessibili del salice venivano usati

Dettagli

ANIMALI DA CONOSCERE E DA TUTELARE

ANIMALI DA CONOSCERE E DA TUTELARE ANIMALI DA CONOSCERE E DA TUTELARE Centro per la Conservazione della Natura, (Associazione ecologica) Presso il Centro per la Conservazione della Natura di Capranica opera l Associazione Ecologica che

Dettagli

Giochi e informazioni sul sentiero Gumperle

Giochi e informazioni sul sentiero Gumperle Giochi e informazioni sul sentiero Gumperle he? Lo sapevi che...? I corvidi una specie di uccelli dalle particolari qualità. Appartengono agli uccelli canori intelligenti, anche se non sanno cantare. Sanno

Dettagli

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare...

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... VOLUME 1 CAPITOLO 3 IL MARE E LE COSTE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... onda... spiaggia... costa...

Dettagli

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara 5 a SETTIMANA L ORTO 62 DEI BAMBINI MAXI GRANITA Fai anche tu come i bambini che stanno lavorando nell orto. Procurati un vasetto, riempilo di terra e pianta un seme di fagiolo fresco. Ricordati di bagnarlo

Dettagli

1. Guarda i disegni e completa il testo con gli animali della lista. cani - uccelli - gatti - pappagallo - pesci - rane - scimmie - tartarughe - topi

1. Guarda i disegni e completa il testo con gli animali della lista. cani - uccelli - gatti - pappagallo - pesci - rane - scimmie - tartarughe - topi 1. Guarda i disegni e completa il testo con gli animali della lista. cani - uccelli - gatti - pappagallo - pesci - rane - scimmie - tartarughe - topi domestici al seguito È possibile portare al proprio

Dettagli

Grazie al contributo di. Ente capofila. Graphic by in2design.it

Grazie al contributo di. Ente capofila. Graphic by in2design.it Grazie al contributo di Ente capofila Graphic by in2design.it 1 2 I PARCHI E LE AREE PROTETTE Cos è un PARCO? IL RITORNO DEI GRANDI CARNIVORI SULLE ALPI Spesso si associa questo termine ai giardini, agli

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA PRECISAZIONI: I percorsi sono consigliati per tutte le classi: varierà la specificità ed il grado di approfondimento del programma. La maggior

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO ATTIVITA per TUTTO IL GRUPPO LA STORIA LA BRICIOLA Lettura e comprensione della storia. La narrazione richiederà più ripetizioni perché in rima

Dettagli

Tema 1 Uccelli d acqua

Tema 1 Uccelli d acqua Tema 1 Uccelli d acqua Il primo capitolo del nostro corso è dedicato alle specie di uccelli che vivono principalmente nell acqua, sull acqua o vicino all acqua. Non possiamo tuttavia parlare in generale

Dettagli

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto (come gli spinarelli???) Come lo metto (stare ad ascoltare)

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto

Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto [02000007] ABSTRACT In questa breve serie (4) di articoli, vengono presi in considerazioni alcuni concetti di base sulle andature canine e

Dettagli

EDUCAZIONE AMBIENTALE 9ª edizione 10 11 Settembre Villa Demidoff

EDUCAZIONE AMBIENTALE 9ª edizione 10 11 Settembre Villa Demidoff EDUCAZIONE AMBIENTALE 9ª edizione 10 11 Settembre Villa Demidoff POF 2014-2015 PROGETTAZIONE CLASSI IV A-B-C-E-F ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO INSEGNANTI COINVOLTI : BRUNETTI-GANGONI (IV A )

Dettagli

Album visita all acquario di Genova

Album visita all acquario di Genova Album visita all acquario di Genova Classe 3 B-D A.S. 2006/2007 La vasca degli squali SQUALO TORO Carcharias taurus Lo squalo toro è uno squalo grande e massiccio (supera i 3 metri di lunghezza), dall

Dettagli

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività Alla fine delle attività si è pensato di far produrre un questionario agli utenti che avevano partecipato al programma, per due motivi: 1. Ricavare

Dettagli

NICCHIA ECOLOGICA FORMA E FUNZIONE DEL BECCO

NICCHIA ECOLOGICA FORMA E FUNZIONE DEL BECCO NICCHIA ECOLOGICA Possiamo capire cosa significa nicchia ecologica studiando la forma del becco di diversi uccelli; la forma del becco ci dice cosa mangiano e come fanno a procurarsi il cibo; diversi uccelli

Dettagli

Catalogo delle offerte didattiche del Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) Le Civette

Catalogo delle offerte didattiche del Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) Le Civette Catalogo delle offerte didattiche del Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) Le Civette Tutti i colori del cielo Il mondo animale ci offre innumerevoli esempi di come i colori vengano usati per veicolare

Dettagli

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. )

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) MANUALE DI PRIMO SOCCORSO (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) IN OGNI CASO,PRIMA DI TUTTO CHIAMARE UN ADULTO O SE SIAMO COL BRANCO, UN VECCHIO LUPO 1) FERITE e ABRASIONI cutanee Cosa sono?

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e Il Folletto Gigetto e L' a q u i l a r e a l e Abbiamo scritto questo libro per tutti i bambini delle Scuole dell Infanzia, così potranno conoscere il nostro amico Gigetto e, chissà che un giorno non vada

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

IL REGNO DEGLI ANIMALI

IL REGNO DEGLI ANIMALI STITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE DI MALEO SCUOLA PRIMARIA DI MALEO CLASSE 5^B DOCENTE: RAFFAELLA CECCONI IL REGNO DEGLI ANIMALI l regno animale è costituito da circa 1 milione e mezzo di specie viventi,

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli