Viene presentato da parte di Corep il programma di indagine (vedi slide in allegato) che viene condiviso dai componenti il gruppo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viene presentato da parte di Corep il programma di indagine (vedi slide in allegato) che viene condiviso dai componenti il gruppo."

Transcript

1 Sintesi incontro 21/3/05 ore 10-12,00 INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Basacco); Provincia (Bisset, Gianre, Chiarle, Remondino); Bernardini (SFEP- Comune di Torino); Cisa Rivoli (Susigan); Cssac Chieri (Tosatto); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat) Assenti giustificati: Cissa Pianezza, Cissp Settimo, In.Re.Te Ivrea Obiettivo dell incontro è stata la: 1. Presentazione del gruppo di lavoro 2. Presentazione del progetto indagine La Provincia presenta le modalità di comunicazione all interno del gruppo di lavoro tramite la creazione di una mailing list e con l utilizzo di uno spazio specifico sul sito della Provincia di Torino, sezione formazione professionale degli operatori sociali. Si segnala, di concerto con Corep, che la scelta della composizione del gruppo di lavoro tiene anche conto della rappresentanza più ampia possibile, coinvolgendo operatori che afferiscono al territorio di tutte le ASL della Provincia di Torino. Le decisioni che via via vengno assunte devono essere condivise dal gruppo e che è importante segnalare i problemi che intercorrono durante il percorso per poter adattare o eventualmente modificare l organizzazione del lavoro. Viene presentato da parte di Corep il programma di indagine (vedi slide in allegato) che viene condiviso dai componenti il gruppo. La Sfep Comune di Torino pone la questione di come rapportarci con la Sanità in quanto le professioni sociali lavorano nel campo sanitario e vi sono molti rapporti di lavoro tra gli Enti gestori dei servizi sociali e le Asl. La questione si decide di tematizzarla concettualmente come area problematica ma non inserirla nella fase della raccolta dei dati. La ricerca potrebbe dare maggiore strutturazione e visibilità alle professioni sociali e garantire un rapporto più equilibrato con la componente sanitaria. Il Cissa Moncalieri segnala la forte presenza nel campo dei servizi sociali delle assistenti familiari, le cosiddette badanti, e si chiede come inserirle nella ricerca. Pur ritenendo la questione importante e significativa viene ribadita la scelta di orientarsi sulle figure professionali definite dalla L.R. 1/2004 e di partire nell indagine considerando assistenti sociali, educatori professionali e adest/oss. Parallelamente si ritiene importante costruire attorno al progetto altri argomenti che potranno essere spazio di ulteriore approfondimento in successivi momenti. Operativamente si decide di effettuare un incontro in tempi brevi tra il Corep e la Provincia di Torino per l analisi delle fonti istituzionali e delle fonti interne presenti mentre si stabiliscono i prossimi incontri del gruppo di lavoro: aprile, ore 10/13, giugno, ore 10/13 presso la sala riunioni della Provincia di Torino in corso Lanza 75. L incontro si chiude alle ore Redatto da Giorgio Gianre

2 Sintesi incontro 06/10/05 ore 10-13,00 Presenti: Corep (Di Monaco, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Chiarle); Regione Piemonte (Mantuano); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cssac Chieri (Tosatto); Cisa Rivoli (Susigan); Cissa Pianezza (Bugnone), Tesista Università di Torino (Remondino) Assenti giustificati: Gianesin, Geymonat, Begheldo. Il Dott. Di Monaco segnala: il lavoro sui dati sta procedendo bene, sono già stati raccolti sia dalla Regione Piemonte che dai Centri per l Impiego e su di essi si sta lavorando; appena terminata la validazione delle schede degli operatori sociali si potrà affrontare la questione. ha effettuato un incontro con il Dott. Vigna, Direttore dei Servizi Sociali della Comunità Montana Val Chisone, per la costruzione di un modello di rilevazione degli aspetti economici presenti nei bilanci in rapporto alle risorse umane impiegate; anche di tale questione verrà reso noto in una prossima riunione del gruppo di lavoro. Si è proceduto con l analisi delle schede degli operatori sociali ribadendone l importanza nonostante il lavoro sia piuttosto lungo e complesso. Sulla scheda dell assistente sociale, nella definizione delle competenze relative alla funzione dirigenziale, si è deciso di omettere chi ha funzioni di Direttore dei Servizi, Responsabile di Area o ha posizioni organizzative, considerando solo gli operatori che lavorano nelle unità territoriali o che hanno funzioni di coordinamento (le A.S.C. per il comune di Torino, i Coordinatori di servizi o di Aree per gli Enti gestori del territorio). Il lavoro di schedatura legato alla dirigenza già elaborato potrà essere utilizzato per eventuali sviluppi della ricerca. La funzione degli operatori relativa al coordinamento dovrà anche essere considerata nella scheda dell educatore professionale e dell operatore socio sanitario. Successivamente si è provveduto ad analizzare la scheda dell OSS ma vista l assenza di alcuni rappresentanti degli Enti gestori si ritiene importante approfondirne alcuni aspetti. Si prega pertanto di far circolare osservazioni via a tutti componenti del gruppo, prima della riunione successiva, in modo da definire il lavoro. A tal scopo la sig.ra Mantuano della Regione Piemonte ha già inviato la descrizione per competenze del profilo standard dell OSS inserito nella procedura Collegamenti predisposto dalla Commissione regionale Socio-sanitaria e Pubblica Amministrazione ed attualmente utilizzato nella nostra regione per la presentazione e finanziamento dei progetti formativi. Al termine della riunione viene fissato il prossimo incontro per il giorno 27/10 ma in seguito a successivi contatti viene anticipato al 25 ottobre dalle ore 9.30 alle 13.00, sempre nei locali della Provincia di Torino, con il seguente o.d.g: Eventuali osservazioni sulle schede già analizzate (educatore, a.s., oss) Elaborazione scheda dell animatore professionale socio educativo Analisi della scheda relativa alle Caratteristiche personali. In caso di problemi relativi alla data della riunione si prega di segnalare tempestivamente. Le informazioni e la documentazione del progetto la si trova sempre sul sito: L incontro si chiude alle ore 13.00

3 Sintesi incontro 25/10/05 ore ,00 Presenti: Corep (Luciano, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Bisset); Regione Piemonte (Gianesin); Cssac Chieri (Tosatto); Cisa Rivoli (Susigan); Cissa Moncalieri (Begheldo); Comunità Montana Val Chisone Assenti giustificati: Geymonat, Remondino, Bugnone. Sono state analizzate la scheda dell Animatore professionale socio culturale e la scheda delle Caratteristiche personali. Per quanto riguarda l Animatore esso è una figura piuttosto confusa perché, pur essendo definita nella L.R. 1/04 tra le professioni sociali, non esiste oggigiorno un percorso formativo adeguato e corrispondente alle caratteristiche della professione. I corsi, in base allo standard formativo regionale, non sono stati più finanziati in questi ultimi tre anni e non vi sono previsioni di riattivazione. Parallelamente sono stati avviati corsi di Laurea presso la Facoltà di Scienze dell Educazione con il titolo di Educatore socio-culturale che però è andato a sovrapporsi e a confondersi con le competenze più specifiche dell educatore professionale. Sono poco presenti nel territorio provinciale. Il lavoro di analisi effettuato in questi mesi ha fatto emergere, e in alcuni casi ha confermato, un dato importante che la ricerca deve tenere in debita considerazione: le competenze descritte definiscono la figura degli operatori sociali ma queste quanto trovano riscontro con i piani formativi delle agenzie che qualificano la professione? Quanto corrispondono al profilo dell operatore che è presente nei piani universitari e negli standard formativi? Per approfondire la questione si è ribadita l importanza di far leggere e validare le schede sia all Ordine degli assistenti sociali (era già stato effettuato un contatto nei mesi scorsi ma erano impossibilitati a seguire il progetto perché impegnati nella fase di rinnovo delle cariche sociali) sia all Anep, l associazione degli educatori professionali. Gianre presenterà il lavoro ai due organismi. Parimenti saranno presi accordi con il Comitato di indirizzamento del corso di Laurea in servizio sociale e del corso di Laurea interfacoltà per educatore professionale (la prof.ssa Luciano provvederà prendere contatto quest ultimo). La ricerca potrebbe diventare uno strumento per la verifica dei piani di studio dei percorsi formativi. Per avere un primo rimando sull adeguatezza delle schede delle professioni da noi elaborate si provvederà a distribuire un questionario di validazione preparato dal Corep; tale strumento, sarà somministrato dai rappresentanti del gruppo di lavoro ai propri Enti individuando, tra chi ha funzioni di tipo dirigenziale o di coordinamento, persone con una buona conoscenza delle specifiche professioni. L elaborazione del questionario, sempre a carico del Corep, permetterà di capire se lo strumento corrisponde a quelle che sono le caratteristiche delle professioni sociali e quindi, in base al progetto complessivo ed alle disponibilità economiche, potrà essere somministrato a tutti gli operatori sociali presenti nel territorio della provincia di Torino. Obiettivo della ricerca è di fornire un quadro degli operatori sociali presenti e delle loro competenze ma può anche essere uno strumento di gestione del personale, un modo per verificare il raggiungimento degli obiettivi personali e formativi. A tale scopo la prof.ssa Luciano segnala che potrebbe essere utile preparare un breve corso ai Direttori degli Enti gestori dei servizi sociali. La dott.ssa Demartini segnala che sono in corso di elaborazione i dati provenienti dagli Enti gestori dei servizi sociali, dai Presidi e dai C.P.I. Le riunioni vengono per ora sospese, un nuovo incontro sarà fissato quando si effettuerà la restituzione del questionario e sarà presentata la banca dati, in tale occasione si definiranno le modalità di procedimento dei lavori della ricerca. L incontro si chiude alle ore 13.00

4 Sintesi incontro 08/09/05 ore 10-13,15 Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Chiarle); Regione Piemonte (Mantuano); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cssac Chieri (Tosatto); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat) Assenti giustificati: Gianesin, Remondino, Molinatto. Il lavoro di analisi delle schede degli operatori sociali è proseguito con la figura dell assistente sociale e sono state apportate numerose osservazioni e modifiche. In merito ai lavori è emersa l opportunità di sottoporre la scheda alla valutazione di alcuni rappresentanti dell Ordine professionale degli assistenti sociali e del Corso di Laurea in Servizio Sociale per avere ulteriori ed autorevoli osservazioni in merito. Gianre contatterà tali persone. Nella definizione delle competenze relative alla funzione dirigenziale che molti assistenti sociali compiono all interno dei servizi sociali è emerso il dubbio se le stesse rientrino nelle mansioni degli assistenti sociali oppure sia necessario considerarle a parte. L assistente sociale che svolge ruoli dirigenziali (A.S.C o Responsabile di Area) si ritrova nelle attività, conoscenze, abilità presenti nella scheda dei Processi Primari? E necessario compilare una scheda a parte o è sufficiente far rientrare le funzioni di coordinamento e responsabilità nei Processi di Servizio presenti nella scheda? Si è ribadita la necessità di compiere un po del lavoro a casa e si è chiesto a tutti i partecipanti di rivedere la scheda precedentemente discussa dell educatore professionale e di terminare quella dell assistente sociale (il lavoro si è interrotto alla fase dei Processi di servizio) nonché di arrivare a sciogliere il nodo del funzioni direttive che oltretutto riguardano anche le altre figure professionali (educatore professionale ed operatore socio sanitario). Si prega di fare circolare le osservazioni via a tutti componenti del gruppo, prima della riunione successiva, in modo da creare un minimo di dibattito telematico. Viene fissato il prossimo incontro per il giorno 6 ottobre alle ore sempre nei locali della Provincia di Torino con il seguente o.d.g: Definizione ruoli direttivi delle professioni Elaborazione scheda dell OSS Le informazioni e la documentazione del progetto la si trova sempre sul sito: L incontro si chiude alle ore

5 Sintesi incontro 21/6/05 ore 10-12,30 Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Basacco, Casale); Provincia (Gianre, Remondino, Chiarle); Regione Piemonte (Gianesin); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat); In.Re.Te Ivrea (Molinatto); Cissa Pianezza (Bugnone). Assenti giustificati: Cssac Chieri (Tosatto). Nella fase di esamina del lavoro da parte della Provincia e del Corep è emersa l'importanza di un ulteriore ampliamento del modello da utilizzare. Si è pertanto ritenuto opportuno far precedere allo schema del modello europeo K.C.S. una suddivisione del lavoro sociale per Processi ed Attività. L'impostazione che è stata utilizzata nella realizzazione del lavoro è risultata pertanto la seguente - E' stato analizzato il "macro processo" del servizio sociale individuandone i componenti e cercando di capire in seguito in quali processi e con quali responsabilità gli operatori in oggetto intervenivano. In questo modo si sono delineate le peculiarità per ciascuna figura professionale. - I processi sono stati suddivisi in primari : dove sono individuate le aree in cui si realizzano le funzioni del servizio sociale e di servizio : in cui vengono individuano gli strumenti che si utilizzano nei servizi sociali - Una volta individuati i processi caratterizzanti ciascuna figura professionale sono stati declinati in attività. Per ciascuno di essi sono state poi delineate le conoscenze e le abilità necessarie secondo il modello KSC (Knowledge, Skill, Competence) proposto durante la riunione della volta scorsa. - Per quanto concerne le Competences definite Caratteristiche personali, sono state individuate un'unica descrizione per tutte e 4 le figure professionali seguendo la suddivisione secondo lo schema di Spencer. L'ipotesi è che queste caratteristiche siano presenti in tutte le figure professionali, anche se con pesi ed intensità diversi. Si è iniziato quindi ad analizzare la scheda dell educatore professionale e per ogni item sono state apportate eventuali osservazioni e modifiche. Si è ribadito che in questa fase il contributo dei rappresentanti degli Enti gestori dei servizi sociali è fondamentale in quanto essi riportano osservazioni che rispecchiamo le modalità organizzative ed operative nelle quali agiscono le professioni sociali del territorio provinciale. La costituzione della Banca dati è in fase di elaborazione, sono giunti i dati da parte della Regione Piemonte. L incontro si chiude alle ore 12.30; i partecipanti continueranno il lavoro di analisi (anche sotto l ombrellone!) in modo da definire nella prossima riunione le schede delle altre figure professionali. Le informazioni e la documentazione del progetto la si può trovare sul sito: Il prossimo incontro si svolgerà il giorno 8 settembre 05 dalle ore 10 (puntuali!!) alle ore 13, in corso Lanza 75, sala riunioni piano interrato. Buone vacanze.

6 Sintesi incontro 26/4/05 ore 10-12,30 Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Basacco, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Remondino); Regione Piemonte (Gianesin); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cisa Rivoli (Susigan); Cssac Chieri (Tosatto); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat) In.Re.Te Ivrea (Molinatto) Assenti giustificati: Cissa Pianezza, Cissp Settimo. Gianre comunica la decisione di Bruna Marino, direttore del CISSP di Settimo, di ritirarsi dal gruppo di lavoro per problemi organizzativi interni al Consorzio; si segnala inoltre l invito rivolto alla dott. ssa Gianesin della Direzione Politiche sociali della Regione Piemonte a partecipare al gruppo per la sua competenza e per la garanzia di poter avere una visione più ampia del progetto. L incontro si apre con una introduzione teorica, da parte della prof.ssa Luciano, sul concetto di competenza ripercorrendo sinteticamente le maggiori correnti di pensiero che si sono sviluppate a livello internazionale dagli anni 60 fino ad oggi (vedi slide sul sito internet a partire dalla prossima settimana). Vengono successivamente presentate alcune schede sinottiche sulle figure professionali oggetto della ricerca (assistente sociale, educatore, OSS, animatore) che hanno lo scopo di garantire una ricognizione delle informazioni esistenti ed esplorare a livello nazionale quali sono le aree professionali emergenti legate alle figure degli operatori dei servizi sociali. Il documento, elaborato dai ricercatori del Corep con la collaborazione degli uffici della Provincia è strutturato come segue: - le figure professionali dei servizi sociali riconosciute dalla regione Piemonte - diverse descrizioni dei profili professionali - aree professionali emergenti - le figure professionali che in Piemonte sono impiegate nelle aree emergenti e i relativi percorsi formativi predisposti dalla Regione - repertori professionali nazionali e stranieri a confronto (Profili della Regione Piemonte, R.O.M.E Francia, O Net U.S.A, KSC Europa, ecc.). Uno degli obiettivi della ricerca è definire una descrizione dei 4 profili professionali per competenze. Il Corep propone l utilizzo del modello europeo KSC Knowledge-Skills-Competences che il gruppo di lavoro accetta. Il lavoro viene programmato nel seguente modo: - I componenti del gruppo sono invitati a: 1. inviare a Corep eventuale materiale sulla descrizione dei profili sociali per competenze entro il 6 maggio 2. prendere visione delle schede sinottiche e segnalare eventuali modifiche al Corep entro il 31maggio - Il Corep invierà entro i primi giorni di giugno la descrizione per competenze delle 4 professioni sociali seguendo lo schema del modello KSC a partire dalla ricognizione sui diversi repertori di professioni disponibili - I componenti del gruppo effettueranno una lettura critica dei profili alla luce delle proprie esperienze lavorative e organizzative: si tratta di proporre l aggiunta o l eliminazione di competenze, conoscenze o abilità e di proporre eventualmente delle descrizioni più precise delle competenze. - Nella riunione del 21 giugno avverrà la stesura del repertorio definitivo con le integrazioni dei lavori

7 - Il modello elaborato dal gruppo verrà verificato attraverso alcuni test rivolti ai direttori di Consorzi e ad operatori sociali. Successivamente, verificata la validità dello strumento, verrà definita la modalità di utilizzo per l indagine su ampia scala. La costituzione della Banca dati è attualmente ferma perché non sono ancora stati elaborati i dati da parte della Regione Piemonte, pertanto si decide di posticipare l argomento alla riunione successiva al 21 giugno. La costruzione di un modello di previsione della spesa verrà elaborato dal Corep, discusso assieme al direttore della Comunità Montana Val Chisone e successivamente presentato alla discussione all interno del gruppo nella riunione del 21 giugno. L incontro si chiude alle ore e Barbara Basacco

Oggetto: Domanda di contributi destinati alla realizzazione di azioni nell ambito di:

Oggetto: Domanda di contributi destinati alla realizzazione di azioni nell ambito di: Bollo 14,62 Al Presidente della Giunta Regionale del Piemonte Direzione Istruzione, formazione professionale e lavoro Via Magenta, 12 10128 Torino Oggetto: Domanda di contributi destinati alla realizzazione

Dettagli

CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI. C.I. di S. VERBALE DI DELIBERAZIONE

CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI. C.I. di S. VERBALE DI DELIBERAZIONE Copia CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI C.I. di S. BEINASCO - BRUINO - ORBASSANO PIOSSASCO - RIVALTA - VOLVERA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N.3 =====================================================

Dettagli

ORIGINALE RISORSE UMANE COINVOLTE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORIGINALE RISORSE UMANE COINVOLTE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO 2.3.2 (segue) Composizione Staff di progetto RISORSE UMANE COINVOLTE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Cognome e nome: COMBA CARLA Ente/società di appartenenza: COMUNITÀ MONTANA DEL PINEROLESE Carla Comba

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04192/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04192/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04192/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

INTERVENTI DI SOSTEGNO PER FAMIGLIE E SINGOLI IN GRAVI CONDIZIONI DI DISAGIO, MARGINALITA E POVERTÀ

INTERVENTI DI SOSTEGNO PER FAMIGLIE E SINGOLI IN GRAVI CONDIZIONI DI DISAGIO, MARGINALITA E POVERTÀ ALLEGATO A alla D.G.P. prot. 5965/2014 INTERVENTI DI SOSTEGNO PER FAMIGLIE E SINGOLI IN GRAVI CONDIZIONI DI DISAGIO, MARGINALITA E POVERTÀ BANDO ANNO 2014 ISTRUZIONI RIVOLTE ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Dettagli

Roma, 15 settembre 2012. Prot. 895/2012 Verbale n. 7. Ai Sigg.ri Presidenti dei Collegi TTSSRM e, p.c. Ai Sigg.ri Componenti del Comitato Centrale

Roma, 15 settembre 2012. Prot. 895/2012 Verbale n. 7. Ai Sigg.ri Presidenti dei Collegi TTSSRM e, p.c. Ai Sigg.ri Componenti del Comitato Centrale Prot. 895/2012 Verbale n. 7 Roma, 15 settembre 2012 Ai Sigg.ri Presidenti dei Collegi TTSSRM e, p.c. Ai Sigg.ri Componenti del Comitato Centrale Oggetto: Verbale lavori Comitato Centrale Firenze: 7 luglio

Dettagli

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 VERBALE N. 77 DI DATA 27.06.2013 Il giorno di giovedì 27 giugno 2013, alle ore 11.00, presso il Rettorato dell Università degli Studi di Trieste si è riunito,

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Dicembre, 2014 Il Sistema di misurazione e valutazione della performance... 3 Il Ciclo di gestione della performance... 5 Il Sistema di misurazione e valutazione

Dettagli

Oggetto: Verbale Collegio docenti unitario Istituto comprensivo A.Pacinotti.

Oggetto: Verbale Collegio docenti unitario Istituto comprensivo A.Pacinotti. Oggetto: Verbale Collegio docenti unitario Istituto comprensivo A.Pacinotti. San Cesario, 23 aprile 2015 Il giorno 23 aprile 2015 alle ore 16,30 si riunisce il Collegio unitario dell Istituto comprensivo

Dettagli

IN FORMAZIONE NOTIZIE DAL MONDO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI. n. 12 - giugno 2011

IN FORMAZIONE NOTIZIE DAL MONDO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI. n. 12 - giugno 2011 IN FORMAZIONE VIAGGIARE IN-FORMATI ovverosia il perché di questa comunicazione periodica L obiettivo del progetto è quello di favorire l informazione a tutti coloro che a diverso titolo si occupano di

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti

Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti 12 maggio 06 Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti Premessa L Osservatorio regionale per l Università e per il Diritto allo studio universitario [d ora in avanti Osservatorio],

Dettagli

CAMPAGNA di COMUNICAZIONE I NOSTRI AUGURI TRA OPPORTUNITA E DIRITTI CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE

CAMPAGNA di COMUNICAZIONE I NOSTRI AUGURI TRA OPPORTUNITA E DIRITTI CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE CAMPAGNA di COMUNICAZIONE I NOSTRI AUGURI TRA OPPORTUNITA E DIRITTI CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE martedì 3 ottobre 2006 Sala Consiglieri della Provincia di Torino via Maria Vittoria 12 - Torino PREMESSA

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La prevenzione attraverso la gestione dei presidi idraulici ed idrogeologici

La prevenzione attraverso la gestione dei presidi idraulici ed idrogeologici La prevenzione attraverso la gestione dei presidi idraulici ed idrogeologici Settimo T.se, ottobre 2011 PRESIDI IDRAULICI E IDROGEOLOGICI DI REGIONE PROVINCIA COM PRESIDIO COMUNE... A COMUNE... B PUNTI

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale

Istituto Tecnico Economico Statale COMUNICAZIONE INTERNA n. 350 A.S. 13/14 DESTINATARI: Docenti Studenti Genitori (*) ATA Albo di Istituto (*) per il tramite dei figli Paternò, 31 agosto 2014 Oggetto: Convocazione Dipartimenti disciplinari

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CORSI DEL SETTORE SOCIO-SANITARIO E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Qualifiche standard

LINEE GUIDA PER I CORSI DEL SETTORE SOCIO-SANITARIO E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Qualifiche standard Corsi afferenti all area socio-sanitaria ed socio-educativa. (Estratto da Modelli per i bandi provinciali relativi alla chiamata dei progetti per le attività formative riferite al Mercato del Lavoro aa.ff.

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 Denominazione del Corso di Laurea Magistrale: Lingue e Letterature Moderne Classe: (LM-37) Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane Sede: Università della Calabria Dipartimento

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

Area Istruzione, Formazione Professionale, Lavoro, Solidarietà Sociale SERVIZIO SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE SOLIDARIETA SOCIALE

Area Istruzione, Formazione Professionale, Lavoro, Solidarietà Sociale SERVIZIO SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE SOLIDARIETA SOCIALE Area Istruzione, Formazione Professionale, Lavoro, Solidarietà Sociale SOLIDARIETA SOCIALE PROGRAMMAZIONE SOLIDARIETA SOCIALE Per il secondo anno l Assessorato alla Solidarietà Sociale propone un compendio

Dettagli

In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per Educatori Specializzati di Torino

In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per Educatori Specializzati di Torino Dott. Luisa Ferrara Residente a Oleggio (No) Nata a Brescia il 22 giugno 1953 ISTRUZIONE E FORMAZIONE In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per

Dettagli

Dott. ANDREA DULICCHIO - PSICOLOGO andreadulicchio@gmail.com - CELL: +39 338 3766530

Dott. ANDREA DULICCHIO - PSICOLOGO andreadulicchio@gmail.com - CELL: +39 338 3766530 CURRICULUM VITAE Dott. Andrea Dulicchio Psicologo, Specializzando in Psicoterapia Cognitiva O.S.S. (Operatore Socio Sanitario) Nato il 14/04/1975 a Pinerolo INDIRIZZO: Via A. Manzoni n. 7/2, 10064, Torre

Dettagli

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito Autorità di Ambito Territoriale Ottimale del Servizio Idrico Integrato MARCHE SUD ASCOLI PICENO Viale Indipendenza n 42 63100 Ascoli Piceno Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Dettagli

Test di conoscenza della lingua italiana

Test di conoscenza della lingua italiana Prefettura di Torino Ufficio Territoriale di Governo Test di conoscenza della lingua italiana a cura di Donatella Giunti 51 La legge n. 94/2009 ha previsto che, per ottenere il rilascio del permesso di

Dettagli

PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE Programma Settoriale LEONARDO DA VINCI MOBILITÀ. Azione PLM

PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE Programma Settoriale LEONARDO DA VINCI MOBILITÀ. Azione PLM PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE Programma Settoriale LEONARDO DA VINCI MOBILITÀ Azione PLM PROGETTO VISION OF THE FUTURE Path creating for future workers and entrepreneurs Bando di Candidatura Secondo

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE DEL ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 (ai sensi del D.Lgs. 19/2012 art.12 e 14 e della L.370/99 art.1 c.2) Riunione Nucleo di Valutazione 14/04/2014 Il Nucleo di Valutazione

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Speciale n. 69 del 6 Giugno 2014. Sanità - Graduatoria Medici di Medicina Generale

Speciale n. 69 del 6 Giugno 2014. Sanità - Graduatoria Medici di Medicina Generale Anno XLIV - N.41 Speciale (12.04.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Direzione, Redazione e Amministrazione: Ufficio BURA Speciale n. 69 del 6 Giugno 2014 Sanità - Graduatoria Medici

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VIANO MARIA ELENA Nazionalità Italiana Data di nascita 21/12/1977 ESPERIENZE LAVORATIVE Impiego attuale Cooperativa

Dettagli

ALLEGATO 1. Presidente: Mauro TENAGLIA, funzionario responsabile dell Ufficio Giovani Servizio Solidarietà Sociale

ALLEGATO 1. Presidente: Mauro TENAGLIA, funzionario responsabile dell Ufficio Giovani Servizio Solidarietà Sociale AREA ISTRUZIONE,FORMAZIONE PROFESSIONALE,LAVORO E SOLIDARIETÀ SOCIALE Servizio Solidarietà Sociale C.so G.Lanza, 75 10131 Torino Tel. 011 861 3095/3098 Fax. 011 861 3111 E-mail: solsocial@provincia.torino.it

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER

Dettagli

IN FORMAZIONE NOTIZIE DAL MONDO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI. n. 14 - dicembre 2011

IN FORMAZIONE NOTIZIE DAL MONDO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI. n. 14 - dicembre 2011 IN FORMAZIONE VIAGGIARE IN-FORMATI ovverosia il perché di questa comunicazione periodica. L obiettivo del progetto è quello di favorire l informazione a tutti coloro che a diverso titolo si occupano di

Dettagli

IN FORMAZIONE INFO DALL UFFICIO PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CORSI DI VASTA AREA

IN FORMAZIONE INFO DALL UFFICIO PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CORSI DI VASTA AREA IN FORMAZIONE VIAGGIARE IN-FORMATI ovverosia il perché di questa comunicazione periodica. L obiettivo del progetto è di favorire l informazione agli operatori sociali, sanitari, del diritto e a coloro

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

DISEGNO DELL INDAGINE. del Servizio Assistenza domiciliare

DISEGNO DELL INDAGINE. del Servizio Assistenza domiciliare DISEGNO DELL INDAGINE del Servizio Assistenza domiciliare RESPONSABILE Direttore Generale Leonardo Michele Lo Tufo Ufficio di Customer Satisfaction: Dott.ssa Barbara Carabelli IL CONTESTO L Amministrazione

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

Verbale n. 1 del 1 settembre 2015

Verbale n. 1 del 1 settembre 2015 Verbale n. 1 del 1 settembre 2015 Il giorno 1 settembre 2015 alle ore 9.30 nella sala riunioni si è tenuto il Collegio dei Docenti dell I.C. A. Gramsci per discutere il seguente o.d.g.: 1. Lettura ed approvazione

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI Interventi e Servizi Sociali in Puglia (approvato con Del. G.R. n. 1104/2004 in attuazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO ATTI DEL PRESIDIO DI QUALITÀ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO ATTI DEL PRESIDIO DI QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO ATTI DEL PRESIDIO DI QUALITÀ Il giorno 11 dicembre 2014 alle ore 16.15 si è riunito il Presidio di Qualità (composto, in conformità con il D.R. 28 febbraio 2014 n. 173,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa Adunanza del 10.02.2012 Il giorno 10 Febbraio 2012 alle ore 11.30 a Palermo presso l aula

Dettagli

RESOCONTO SEDUTA STRAORDINARIA DEL SENATO ACCADEMICO del 27 novembre 2013

RESOCONTO SEDUTA STRAORDINARIA DEL SENATO ACCADEMICO del 27 novembre 2013 RESOCONTO SEDUTA STRAORDINARIA DEL SENATO ACCADEMICO del 27 novembre 2013 COMUNICAZIONI del Rettore Nelle prossime riunioni delle commissioni del Senato, sarà sperimentato un sistema di votazione elettronica,

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

Regione Siciliana P R E S I D E N Z A

Regione Siciliana P R E S I D E N Z A REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana P R E S I D E N Z A D I P A R T I M E N T O D E L L A P R O G R A M M A Z I O N E Servizio Risorse Umane, Ricerca, Politiche Trasversali Strategia regionale dell innovazione

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Articolo 1 La Facoltà Articolo 2 Organi e strutture della Facoltà Articolo 3 Il Preside Articolo

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

VERBALE N 1. Il D.S. illustra brevemente gli obiettivi del triennio: Migliorare il senso di appartenenza all IC

VERBALE N 1. Il D.S. illustra brevemente gli obiettivi del triennio: Migliorare il senso di appartenenza all IC VERBALE N 1 Oggi, 1 Settembre 2015, alle ore 9.00 presso la scuola primaria Ignoto Militi si riunisce il Collegio Docenti dell Istituto Comprensivo Statale A. De Gasperi di Caronno Pertusella (VA) col

Dettagli

ALLEGATO 1. CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO LEGGE REGIONALE 38/94, ART. 14 VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO Anno 2003

ALLEGATO 1. CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO LEGGE REGIONALE 38/94, ART. 14 VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO Anno 2003 AREA ISTRUZIONE,FORMAZIONE PROFESSIONALE,LAVORO E SOLIDARIETÀ SOCIALE Servizio Solidarietà Sociale C.so G.Lanza, 75 10131 Torino Tel. 011 861 3095/3098 Fax. 011 861 3111 E-mail: solsocial@provincia.torino.it

Dettagli

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011.

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011. REGIONE PIEMONTE BU41 13/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 1-2646 Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione

Dettagli

Domanda 1.1. Corrispondenza dei contenuti alle sue aspettative 2% 10% 34% Domanda 1.2

Domanda 1.1. Corrispondenza dei contenuti alle sue aspettative 2% 10% 34% Domanda 1.2 ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DELLA DIDATTICA: STRUMENTI E RUOLI PERUGIA 24 MARZO 2015 AULA A INGEGNERIA Giudizi raccolti tramite il questionario di valutazione somministrato nell incontro di formazione.

Dettagli

Provincia di Torino Assessorato alla Pianificazione Territoriale Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale

Provincia di Torino Assessorato alla Pianificazione Territoriale Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale Provincia di Torino Assessorato alla Pianificazione Territoriale Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale Gli aiuti sociali ed economici del settore pubblico alle famiglie straniere nella provincia di

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA Il Prefetto di Torino nella persona del dott. Alberto Di Pace tra e il Dirigente dell USR del Piemonte-Ufficio scolastico territoriale

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE Niccolò Cusano Relazione del Nucleo di Valutazione Relazione in ordine alle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche telematiche Nucleo

Dettagli

REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007)

REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007) REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007) CAPO 1 - LA PROVA FINALE Art. 1.1 Sintesi La prova finale consiste

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002 Oggi in Pavia, alle ore 16.00, presso l Ufficio per gli Studi di Valutazione, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo è stato convocato dal Presidente con lettera del 25/11/2002. Risultano

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE.

CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE. CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE. LE PROVE D ESAME: MODALITA DI CONDUZIONE E CRITERI DI VALUTAZIONE. 24 settembre 2010 Angelo Benedetti 1 LA COMMISSIONE COSTITUITA

Dettagli

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI ASSEGNI DI SERVIZIO A FAVORE DI PERSONE DISABILI DEL DISTRETTO N. 2 DELL A.S.L.

Dettagli

Prova esperta asse dei linguaggi II FASE (DURATA: 2 ORE) PROVA INDIVIDUALE

Prova esperta asse dei linguaggi II FASE (DURATA: 2 ORE) PROVA INDIVIDUALE Differenze di genere Prova esperta asse dei linguaggi II FASE (DURATA: 2 ORE) PROVA INDIVIDUALE Individualmente: 1. Produrre, allo scopo di introdurre il dibattito nell assemblea, un testo espositivo di

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012

Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Sondrio 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

SCHEDA CONSUNTIVO INIZIATIVA PATROCINATA. Titolo iniziativa: Seminario La psicoeducazione nel gioco d azzardo patologico. Dalla teoria alla clinica

SCHEDA CONSUNTIVO INIZIATIVA PATROCINATA. Titolo iniziativa: Seminario La psicoeducazione nel gioco d azzardo patologico. Dalla teoria alla clinica Legge regionale 12 settembre 1986, n. 50 Nuove norme per il patrocinio della Regione a favore di enti, associazioni, iniziative di interesse regionale e per l adesione della regione alle associazioni,

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Per l'ammissione ai finanziamenti, i progetti formativi dei corsi dovranno contenere le seguenti indicazioni:

Per l'ammissione ai finanziamenti, i progetti formativi dei corsi dovranno contenere le seguenti indicazioni: ALLEGATO B) AUTORIZZAZIONE E FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DEGLI OPERATORI DEI SERVIZI SOCIALI E SOCIO-SANITARI: MODALITA ORGANIZZATIVE PER IL BIENNIO FORMATIVO 2010-2012 UTILIZZO DELLA PROCEDURA

Dettagli

A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo Attività clinica

A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo Attività clinica Indagine descrittiva sui soggetti con problemi di Gioco d Azzardo Patologico afferenti ai Servizi per le Dipendenze Patologiche del Piemonte (2006 2007) A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

10073, Ciriè, TO, ITALIA. 10073, Ciriè, TO, ITALIA

10073, Ciriè, TO, ITALIA. 10073, Ciriè, TO, ITALIA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GREGORI LORENZO Data di nascita 11/02/1965 Luogo di nascita Nazionalità Codice fiscale Susa, TO, Italia Italiana GRGLNZ65B11LO130 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atto deliberativo di Giunta numero 464 del 7/ 4/ 2008 Oggetto: DISPOSIZIONI PER RICONOSCIMENTO DELLE COMPETENZE PROF. POSSEDUTE DA CITTADINI STRANIERI IN AMBITO SANITARIO AL FINE DEL CONSEGUIM. DELLA QUALIFICA

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni PREMESSA: LE ATTIVITA ESTIVE.. 3 ORGANIZZAZIONE.. 4 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO GENITORI...7 SINTESI SUL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Stanza di Napoleone, Laboratorio di Anatomia Comparata, Dipartimento di Biologia Animale, piazza Botta 10, si riunisce il Comitato per la valutazione della didattica.

Dettagli

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Risultano presenti: prof. R. Angelini, prof. G. Antonini, prof. A. Castelli, prof.ssa C. Cioni, prof.ssa M. Crispino, prof.ssa M. I.

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

ANALISI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO IN R.S.A. RIABILITATIVO (CUSTOMER SATISFACTION)

ANALISI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO IN R.S.A. RIABILITATIVO (CUSTOMER SATISFACTION) ANALISI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO IN R.S.A. RIABILITATIVO (CUSTOMER SATISFACTION) ANNO 2014 PREMESSA La Residenza le Clarisse considera obiettivo prioritario allineare il proprio sistema

Dettagli

Via Antonio da Sangallo, 3 00053 Civitavecchia 06 121127925 06 67663912 rmis06600p@istruzione.it - www.isiscalamatta.gov.it Cod. Fis.

Via Antonio da Sangallo, 3 00053 Civitavecchia 06 121127925 06 67663912 rmis06600p@istruzione.it - www.isiscalamatta.gov.it Cod. Fis. M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e U n i v e r s i t à e R i c e r c a U f f i c i o S c o l a s t i c o R e g i o n a l e p e r i l L a z i o I s t i t u to S ta t ale d I s t ruzione Superiore

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

Data: 15/04/09 Ora inizio: 13.00 Ora fine: 15.00 Sede: Seregno, Via Oliveti, 17 VERBALE U.O.T. Nome e cognome PARTECIPANTI

Data: 15/04/09 Ora inizio: 13.00 Ora fine: 15.00 Sede: Seregno, Via Oliveti, 17 VERBALE U.O.T. Nome e cognome PARTECIPANTI VERBALE U.O.T. Data: 15/04/09 Ora inizio: 13.00 Ora fine: 15.00 Sede: Seregno, Via Oliveti, 17 PARTECIPANTI Nome e cognome Monica Nespoli Mariapia Pacilli Francesca Tidori Valentina Sulis Daniela Castellani

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL)

VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL) Consulta Nazionale degli Specializzandi in Medicina del Lavoro VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL) Giardini Naxos 11/10/2013 Il

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 29-4146 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2

20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2 Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE BIOLOGICHE Classe: L-13 Sede: UNIVERSITA DI PISA Gruppo di Riesame: Prof.ssa Isabella Sbrana (Responsabile QA per il CdS e Responsabile del Riesame per il Dipartimento

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO PROVINCIA DI ROMA AREA VIII - PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA INDICE CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ART. 2 ART. 3 - Oggetto

Dettagli

Nucleo di valutazione interno Decisioni assunte sugli argomenti posti all'ordine del giorno nella riunione del 16 ottobre 2012

Nucleo di valutazione interno Decisioni assunte sugli argomenti posti all'ordine del giorno nella riunione del 16 ottobre 2012 Università degli Studi di Sassari Nucleo di valutazione interno Decisioni assunte sugli argomenti posti all'ordine del giorno nella riunione del 16 ottobre 2012 Il giorno 16 ottobre 2012, alle ore 9.00,

Dettagli

L accreditamento delle sedi tirocinio del corso di laurea per TPALL dell Università di Torino

L accreditamento delle sedi tirocinio del corso di laurea per TPALL dell Università di Torino Università degli Studi di Torino SCUOLA DI MEDICINA Dipartimento delle Scienze di Sanità Pubblica e Pediatriche Dipartimento delle Scienze Cliniche e Biologiche Dipartimento delle Scienze Veterinarie L

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà Ufficio per la Regolazione dei Servizi Ferroviari

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà Ufficio per la Regolazione dei Servizi Ferroviari ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà Ufficio per la Regolazione dei Servizi Ferroviari Viale dell Arte, 16 00144 Roma tel.06.5908.3088 Fax 06.5908.4231 Prot. 930/3/URSF Roma, 27 novembre 2012 Anticipata

Dettagli

VERBALE della Riunione n. 9 CONSIGLIO D ISTITUTO

VERBALE della Riunione n. 9 CONSIGLIO D ISTITUTO VERBALE della Riunione n. 9 CONSIGLIO D ISTITUTO Il giorno 30 del mese di GIUGNO dell anno 2014 alle ore 17.30 nei locali della Scuola Secondaria di I grado Statale G. Cingolani di Montecassiano, si è

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

Fonte: Bacheca Lavoro CPI rassegna 26/11/15 http://www.provincia.torino.gov.it/cgi-bin/lavoro/bacheca_lavoro/

Fonte: Bacheca Lavoro CPI rassegna 26/11/15 http://www.provincia.torino.gov.it/cgi-bin/lavoro/bacheca_lavoro/ Servizi commerciali - 24/11/2015-29/11/2015 8421 - RESPONSABILE FLUSSO OPERATIVO E GESTIONE CLIENTI DIREZIONALI Indispensabile: diploma tecnico o commerciale ottima conoscenza dei programmi del pacchetto

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Un progetto del Servizio Civile Nazionale Volontario

Un progetto del Servizio Civile Nazionale Volontario Un progetto del Servizio Civile Nazionale Volontario Anno 2007/2008 Servizio Solidarietà Sociale Ufficio Programmazione Territoriale Ufficio Sistema Informativo Settembre 2008 INDICE OBIETTIVO DELLA RICERCA.

Dettagli

Regolamentazione delle Tesi di laurea

Regolamentazione delle Tesi di laurea Regolamentazione delle Tesi di laurea Vademecum della Commissione Didattica di Facoltà approvato nel Consiglio di Facoltà del 4 novembre 2009 Premessa. Dal Regolamento Didattico d Ateneo sulle prove finali

Dettagli

Comitato per lo Sport Universitario

Comitato per lo Sport Universitario Comitato per lo Sport Universitario VERBALE N. 3/2014 Seduta del 22.07.2014 Il Comitato per lo Sport Universitario si riunisce alle ore 11.00 presso la sala riunioni, sita al VI piano del Palazzo Ateneo,

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE (Classe L-39 Servizio sociale) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

Relazione di sintesi su La valutazione del rischio da stress lavoro-correlato all interno dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti : analisi dei risultati Metodologia, strumenti e procedura La rilevazione

Dettagli