Viene presentato da parte di Corep il programma di indagine (vedi slide in allegato) che viene condiviso dai componenti il gruppo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viene presentato da parte di Corep il programma di indagine (vedi slide in allegato) che viene condiviso dai componenti il gruppo."

Transcript

1 Sintesi incontro 21/3/05 ore 10-12,00 INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Basacco); Provincia (Bisset, Gianre, Chiarle, Remondino); Bernardini (SFEP- Comune di Torino); Cisa Rivoli (Susigan); Cssac Chieri (Tosatto); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat) Assenti giustificati: Cissa Pianezza, Cissp Settimo, In.Re.Te Ivrea Obiettivo dell incontro è stata la: 1. Presentazione del gruppo di lavoro 2. Presentazione del progetto indagine La Provincia presenta le modalità di comunicazione all interno del gruppo di lavoro tramite la creazione di una mailing list e con l utilizzo di uno spazio specifico sul sito della Provincia di Torino, sezione formazione professionale degli operatori sociali. Si segnala, di concerto con Corep, che la scelta della composizione del gruppo di lavoro tiene anche conto della rappresentanza più ampia possibile, coinvolgendo operatori che afferiscono al territorio di tutte le ASL della Provincia di Torino. Le decisioni che via via vengno assunte devono essere condivise dal gruppo e che è importante segnalare i problemi che intercorrono durante il percorso per poter adattare o eventualmente modificare l organizzazione del lavoro. Viene presentato da parte di Corep il programma di indagine (vedi slide in allegato) che viene condiviso dai componenti il gruppo. La Sfep Comune di Torino pone la questione di come rapportarci con la Sanità in quanto le professioni sociali lavorano nel campo sanitario e vi sono molti rapporti di lavoro tra gli Enti gestori dei servizi sociali e le Asl. La questione si decide di tematizzarla concettualmente come area problematica ma non inserirla nella fase della raccolta dei dati. La ricerca potrebbe dare maggiore strutturazione e visibilità alle professioni sociali e garantire un rapporto più equilibrato con la componente sanitaria. Il Cissa Moncalieri segnala la forte presenza nel campo dei servizi sociali delle assistenti familiari, le cosiddette badanti, e si chiede come inserirle nella ricerca. Pur ritenendo la questione importante e significativa viene ribadita la scelta di orientarsi sulle figure professionali definite dalla L.R. 1/2004 e di partire nell indagine considerando assistenti sociali, educatori professionali e adest/oss. Parallelamente si ritiene importante costruire attorno al progetto altri argomenti che potranno essere spazio di ulteriore approfondimento in successivi momenti. Operativamente si decide di effettuare un incontro in tempi brevi tra il Corep e la Provincia di Torino per l analisi delle fonti istituzionali e delle fonti interne presenti mentre si stabiliscono i prossimi incontri del gruppo di lavoro: aprile, ore 10/13, giugno, ore 10/13 presso la sala riunioni della Provincia di Torino in corso Lanza 75. L incontro si chiude alle ore Redatto da Giorgio Gianre

2 Sintesi incontro 06/10/05 ore 10-13,00 Presenti: Corep (Di Monaco, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Chiarle); Regione Piemonte (Mantuano); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cssac Chieri (Tosatto); Cisa Rivoli (Susigan); Cissa Pianezza (Bugnone), Tesista Università di Torino (Remondino) Assenti giustificati: Gianesin, Geymonat, Begheldo. Il Dott. Di Monaco segnala: il lavoro sui dati sta procedendo bene, sono già stati raccolti sia dalla Regione Piemonte che dai Centri per l Impiego e su di essi si sta lavorando; appena terminata la validazione delle schede degli operatori sociali si potrà affrontare la questione. ha effettuato un incontro con il Dott. Vigna, Direttore dei Servizi Sociali della Comunità Montana Val Chisone, per la costruzione di un modello di rilevazione degli aspetti economici presenti nei bilanci in rapporto alle risorse umane impiegate; anche di tale questione verrà reso noto in una prossima riunione del gruppo di lavoro. Si è proceduto con l analisi delle schede degli operatori sociali ribadendone l importanza nonostante il lavoro sia piuttosto lungo e complesso. Sulla scheda dell assistente sociale, nella definizione delle competenze relative alla funzione dirigenziale, si è deciso di omettere chi ha funzioni di Direttore dei Servizi, Responsabile di Area o ha posizioni organizzative, considerando solo gli operatori che lavorano nelle unità territoriali o che hanno funzioni di coordinamento (le A.S.C. per il comune di Torino, i Coordinatori di servizi o di Aree per gli Enti gestori del territorio). Il lavoro di schedatura legato alla dirigenza già elaborato potrà essere utilizzato per eventuali sviluppi della ricerca. La funzione degli operatori relativa al coordinamento dovrà anche essere considerata nella scheda dell educatore professionale e dell operatore socio sanitario. Successivamente si è provveduto ad analizzare la scheda dell OSS ma vista l assenza di alcuni rappresentanti degli Enti gestori si ritiene importante approfondirne alcuni aspetti. Si prega pertanto di far circolare osservazioni via a tutti componenti del gruppo, prima della riunione successiva, in modo da definire il lavoro. A tal scopo la sig.ra Mantuano della Regione Piemonte ha già inviato la descrizione per competenze del profilo standard dell OSS inserito nella procedura Collegamenti predisposto dalla Commissione regionale Socio-sanitaria e Pubblica Amministrazione ed attualmente utilizzato nella nostra regione per la presentazione e finanziamento dei progetti formativi. Al termine della riunione viene fissato il prossimo incontro per il giorno 27/10 ma in seguito a successivi contatti viene anticipato al 25 ottobre dalle ore 9.30 alle 13.00, sempre nei locali della Provincia di Torino, con il seguente o.d.g: Eventuali osservazioni sulle schede già analizzate (educatore, a.s., oss) Elaborazione scheda dell animatore professionale socio educativo Analisi della scheda relativa alle Caratteristiche personali. In caso di problemi relativi alla data della riunione si prega di segnalare tempestivamente. Le informazioni e la documentazione del progetto la si trova sempre sul sito: L incontro si chiude alle ore 13.00

3 Sintesi incontro 25/10/05 ore ,00 Presenti: Corep (Luciano, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Bisset); Regione Piemonte (Gianesin); Cssac Chieri (Tosatto); Cisa Rivoli (Susigan); Cissa Moncalieri (Begheldo); Comunità Montana Val Chisone Assenti giustificati: Geymonat, Remondino, Bugnone. Sono state analizzate la scheda dell Animatore professionale socio culturale e la scheda delle Caratteristiche personali. Per quanto riguarda l Animatore esso è una figura piuttosto confusa perché, pur essendo definita nella L.R. 1/04 tra le professioni sociali, non esiste oggigiorno un percorso formativo adeguato e corrispondente alle caratteristiche della professione. I corsi, in base allo standard formativo regionale, non sono stati più finanziati in questi ultimi tre anni e non vi sono previsioni di riattivazione. Parallelamente sono stati avviati corsi di Laurea presso la Facoltà di Scienze dell Educazione con il titolo di Educatore socio-culturale che però è andato a sovrapporsi e a confondersi con le competenze più specifiche dell educatore professionale. Sono poco presenti nel territorio provinciale. Il lavoro di analisi effettuato in questi mesi ha fatto emergere, e in alcuni casi ha confermato, un dato importante che la ricerca deve tenere in debita considerazione: le competenze descritte definiscono la figura degli operatori sociali ma queste quanto trovano riscontro con i piani formativi delle agenzie che qualificano la professione? Quanto corrispondono al profilo dell operatore che è presente nei piani universitari e negli standard formativi? Per approfondire la questione si è ribadita l importanza di far leggere e validare le schede sia all Ordine degli assistenti sociali (era già stato effettuato un contatto nei mesi scorsi ma erano impossibilitati a seguire il progetto perché impegnati nella fase di rinnovo delle cariche sociali) sia all Anep, l associazione degli educatori professionali. Gianre presenterà il lavoro ai due organismi. Parimenti saranno presi accordi con il Comitato di indirizzamento del corso di Laurea in servizio sociale e del corso di Laurea interfacoltà per educatore professionale (la prof.ssa Luciano provvederà prendere contatto quest ultimo). La ricerca potrebbe diventare uno strumento per la verifica dei piani di studio dei percorsi formativi. Per avere un primo rimando sull adeguatezza delle schede delle professioni da noi elaborate si provvederà a distribuire un questionario di validazione preparato dal Corep; tale strumento, sarà somministrato dai rappresentanti del gruppo di lavoro ai propri Enti individuando, tra chi ha funzioni di tipo dirigenziale o di coordinamento, persone con una buona conoscenza delle specifiche professioni. L elaborazione del questionario, sempre a carico del Corep, permetterà di capire se lo strumento corrisponde a quelle che sono le caratteristiche delle professioni sociali e quindi, in base al progetto complessivo ed alle disponibilità economiche, potrà essere somministrato a tutti gli operatori sociali presenti nel territorio della provincia di Torino. Obiettivo della ricerca è di fornire un quadro degli operatori sociali presenti e delle loro competenze ma può anche essere uno strumento di gestione del personale, un modo per verificare il raggiungimento degli obiettivi personali e formativi. A tale scopo la prof.ssa Luciano segnala che potrebbe essere utile preparare un breve corso ai Direttori degli Enti gestori dei servizi sociali. La dott.ssa Demartini segnala che sono in corso di elaborazione i dati provenienti dagli Enti gestori dei servizi sociali, dai Presidi e dai C.P.I. Le riunioni vengono per ora sospese, un nuovo incontro sarà fissato quando si effettuerà la restituzione del questionario e sarà presentata la banca dati, in tale occasione si definiranno le modalità di procedimento dei lavori della ricerca. L incontro si chiude alle ore 13.00

4 Sintesi incontro 08/09/05 ore 10-13,15 Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Chiarle); Regione Piemonte (Mantuano); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cssac Chieri (Tosatto); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat) Assenti giustificati: Gianesin, Remondino, Molinatto. Il lavoro di analisi delle schede degli operatori sociali è proseguito con la figura dell assistente sociale e sono state apportate numerose osservazioni e modifiche. In merito ai lavori è emersa l opportunità di sottoporre la scheda alla valutazione di alcuni rappresentanti dell Ordine professionale degli assistenti sociali e del Corso di Laurea in Servizio Sociale per avere ulteriori ed autorevoli osservazioni in merito. Gianre contatterà tali persone. Nella definizione delle competenze relative alla funzione dirigenziale che molti assistenti sociali compiono all interno dei servizi sociali è emerso il dubbio se le stesse rientrino nelle mansioni degli assistenti sociali oppure sia necessario considerarle a parte. L assistente sociale che svolge ruoli dirigenziali (A.S.C o Responsabile di Area) si ritrova nelle attività, conoscenze, abilità presenti nella scheda dei Processi Primari? E necessario compilare una scheda a parte o è sufficiente far rientrare le funzioni di coordinamento e responsabilità nei Processi di Servizio presenti nella scheda? Si è ribadita la necessità di compiere un po del lavoro a casa e si è chiesto a tutti i partecipanti di rivedere la scheda precedentemente discussa dell educatore professionale e di terminare quella dell assistente sociale (il lavoro si è interrotto alla fase dei Processi di servizio) nonché di arrivare a sciogliere il nodo del funzioni direttive che oltretutto riguardano anche le altre figure professionali (educatore professionale ed operatore socio sanitario). Si prega di fare circolare le osservazioni via a tutti componenti del gruppo, prima della riunione successiva, in modo da creare un minimo di dibattito telematico. Viene fissato il prossimo incontro per il giorno 6 ottobre alle ore sempre nei locali della Provincia di Torino con il seguente o.d.g: Definizione ruoli direttivi delle professioni Elaborazione scheda dell OSS Le informazioni e la documentazione del progetto la si trova sempre sul sito: L incontro si chiude alle ore

5 Sintesi incontro 21/6/05 ore 10-12,30 Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Basacco, Casale); Provincia (Gianre, Remondino, Chiarle); Regione Piemonte (Gianesin); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat); In.Re.Te Ivrea (Molinatto); Cissa Pianezza (Bugnone). Assenti giustificati: Cssac Chieri (Tosatto). Nella fase di esamina del lavoro da parte della Provincia e del Corep è emersa l'importanza di un ulteriore ampliamento del modello da utilizzare. Si è pertanto ritenuto opportuno far precedere allo schema del modello europeo K.C.S. una suddivisione del lavoro sociale per Processi ed Attività. L'impostazione che è stata utilizzata nella realizzazione del lavoro è risultata pertanto la seguente - E' stato analizzato il "macro processo" del servizio sociale individuandone i componenti e cercando di capire in seguito in quali processi e con quali responsabilità gli operatori in oggetto intervenivano. In questo modo si sono delineate le peculiarità per ciascuna figura professionale. - I processi sono stati suddivisi in primari : dove sono individuate le aree in cui si realizzano le funzioni del servizio sociale e di servizio : in cui vengono individuano gli strumenti che si utilizzano nei servizi sociali - Una volta individuati i processi caratterizzanti ciascuna figura professionale sono stati declinati in attività. Per ciascuno di essi sono state poi delineate le conoscenze e le abilità necessarie secondo il modello KSC (Knowledge, Skill, Competence) proposto durante la riunione della volta scorsa. - Per quanto concerne le Competences definite Caratteristiche personali, sono state individuate un'unica descrizione per tutte e 4 le figure professionali seguendo la suddivisione secondo lo schema di Spencer. L'ipotesi è che queste caratteristiche siano presenti in tutte le figure professionali, anche se con pesi ed intensità diversi. Si è iniziato quindi ad analizzare la scheda dell educatore professionale e per ogni item sono state apportate eventuali osservazioni e modifiche. Si è ribadito che in questa fase il contributo dei rappresentanti degli Enti gestori dei servizi sociali è fondamentale in quanto essi riportano osservazioni che rispecchiamo le modalità organizzative ed operative nelle quali agiscono le professioni sociali del territorio provinciale. La costituzione della Banca dati è in fase di elaborazione, sono giunti i dati da parte della Regione Piemonte. L incontro si chiude alle ore 12.30; i partecipanti continueranno il lavoro di analisi (anche sotto l ombrellone!) in modo da definire nella prossima riunione le schede delle altre figure professionali. Le informazioni e la documentazione del progetto la si può trovare sul sito: Il prossimo incontro si svolgerà il giorno 8 settembre 05 dalle ore 10 (puntuali!!) alle ore 13, in corso Lanza 75, sala riunioni piano interrato. Buone vacanze.

6 Sintesi incontro 26/4/05 ore 10-12,30 Presenti: Corep (Luciano, Di Monaco, Basacco, Casale, Demartini); Provincia (Gianre, Remondino); Regione Piemonte (Gianesin); SFEP-Comune di Torino (Bernardini); Cisa Rivoli (Susigan); Cssac Chieri (Tosatto); Cissa Moncalieri (Begheldo); Com. Montana Val Chisone (Vigna); Com. Montana Val Pellice (Geymonat) In.Re.Te Ivrea (Molinatto) Assenti giustificati: Cissa Pianezza, Cissp Settimo. Gianre comunica la decisione di Bruna Marino, direttore del CISSP di Settimo, di ritirarsi dal gruppo di lavoro per problemi organizzativi interni al Consorzio; si segnala inoltre l invito rivolto alla dott. ssa Gianesin della Direzione Politiche sociali della Regione Piemonte a partecipare al gruppo per la sua competenza e per la garanzia di poter avere una visione più ampia del progetto. L incontro si apre con una introduzione teorica, da parte della prof.ssa Luciano, sul concetto di competenza ripercorrendo sinteticamente le maggiori correnti di pensiero che si sono sviluppate a livello internazionale dagli anni 60 fino ad oggi (vedi slide sul sito internet a partire dalla prossima settimana). Vengono successivamente presentate alcune schede sinottiche sulle figure professionali oggetto della ricerca (assistente sociale, educatore, OSS, animatore) che hanno lo scopo di garantire una ricognizione delle informazioni esistenti ed esplorare a livello nazionale quali sono le aree professionali emergenti legate alle figure degli operatori dei servizi sociali. Il documento, elaborato dai ricercatori del Corep con la collaborazione degli uffici della Provincia è strutturato come segue: - le figure professionali dei servizi sociali riconosciute dalla regione Piemonte - diverse descrizioni dei profili professionali - aree professionali emergenti - le figure professionali che in Piemonte sono impiegate nelle aree emergenti e i relativi percorsi formativi predisposti dalla Regione - repertori professionali nazionali e stranieri a confronto (Profili della Regione Piemonte, R.O.M.E Francia, O Net U.S.A, KSC Europa, ecc.). Uno degli obiettivi della ricerca è definire una descrizione dei 4 profili professionali per competenze. Il Corep propone l utilizzo del modello europeo KSC Knowledge-Skills-Competences che il gruppo di lavoro accetta. Il lavoro viene programmato nel seguente modo: - I componenti del gruppo sono invitati a: 1. inviare a Corep eventuale materiale sulla descrizione dei profili sociali per competenze entro il 6 maggio 2. prendere visione delle schede sinottiche e segnalare eventuali modifiche al Corep entro il 31maggio - Il Corep invierà entro i primi giorni di giugno la descrizione per competenze delle 4 professioni sociali seguendo lo schema del modello KSC a partire dalla ricognizione sui diversi repertori di professioni disponibili - I componenti del gruppo effettueranno una lettura critica dei profili alla luce delle proprie esperienze lavorative e organizzative: si tratta di proporre l aggiunta o l eliminazione di competenze, conoscenze o abilità e di proporre eventualmente delle descrizioni più precise delle competenze. - Nella riunione del 21 giugno avverrà la stesura del repertorio definitivo con le integrazioni dei lavori

7 - Il modello elaborato dal gruppo verrà verificato attraverso alcuni test rivolti ai direttori di Consorzi e ad operatori sociali. Successivamente, verificata la validità dello strumento, verrà definita la modalità di utilizzo per l indagine su ampia scala. La costituzione della Banca dati è attualmente ferma perché non sono ancora stati elaborati i dati da parte della Regione Piemonte, pertanto si decide di posticipare l argomento alla riunione successiva al 21 giugno. La costruzione di un modello di previsione della spesa verrà elaborato dal Corep, discusso assieme al direttore della Comunità Montana Val Chisone e successivamente presentato alla discussione all interno del gruppo nella riunione del 21 giugno. L incontro si chiude alle ore e Barbara Basacco

Collaborazioni e relazioni fra reti terr.li

Collaborazioni e relazioni fra reti terr.li LA TUTELA DEL MINORE. AFFIDAMENTO FAMILIARE: ISTRUZIONI PER L USO. Restituzione degli esiti del percorso. Il lavoro di rete del territorio: mappe e dati significativi sull affido nella provincia di Torino

Dettagli

3. Come utilizzare gli strumenti a disposizione. Una proposta per la messa a regime del sistema di osservazione

3. Come utilizzare gli strumenti a disposizione. Una proposta per la messa a regime del sistema di osservazione OSSERVATORIO SUGLI OPERATORI SOCIALI IN PROVINCIA DI TORINO 3. Come utilizzare gli strumenti a disposizione. Una proposta per la messa a regime del sistema di osservazione Il lavoro svolto finora ci ha

Dettagli

Settembre 2006 OSSERVATORIO SUGLI OPERATORI SOCIALI IN PROVINCIA DI TORINO

Settembre 2006 OSSERVATORIO SUGLI OPERATORI SOCIALI IN PROVINCIA DI TORINO Settembre 2006 OSSERVATORIO SUGLI OPERATORI SOCIALI IN PROVINCIA DI TORINO La direzione scientifica del lavoro è stata realizzata da Adriana Luciano (Università di Torino). Il gruppo di lavoro operativo

Dettagli

2) Corsi OSS integrativo (annuali da 50 ore)

2) Corsi OSS integrativo (annuali da 50 ore) ALLEGATO C GRADUATORIE COMPLESSIVE SUDDIVISE PER TIPOLOGIE FORMATIVE 1) Corsi OSS base (annuali da 1000 ore) C.I.S.A. Nichelino OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS), Corso Base 63,3 C.I.S.A. Gassino T.se OPERATORE

Dettagli

Il C.I.S.S.P. (Consorzio Intercomunale Servizi Sociali alla Persona) di Settimo

Il C.I.S.S.P. (Consorzio Intercomunale Servizi Sociali alla Persona) di Settimo Il video Le storie dell affido negli eventi di promozione e sensibilizzazione sul tema dell affidamento familiare nel territorio della provincia di Torino Il C.I.S.S.P. (Consorzio Intercomunale Servizi

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COLLEGIO DOCENTI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COLLEGIO DOCENTI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COLLEGIO DOCENTI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER L ORIENTAMENTO

Dettagli

Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino)

Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino) Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino) Il progetto Torino Domiciliarità Il progetto Torino Domiciliarità:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino Approvato con atto C.C. n. 11 del 30.3.2006 1 INDICE Art. 1 - FINALITA Art. 2 RICETTIVITA

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013. Corso di laurea in Ingegneria Civile Classe L7 Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Cagliari

Rapporto di Riesame Iniziale 2013. Corso di laurea in Ingegneria Civile Classe L7 Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Cagliari Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea in Ingegneria Civile Classe L7 Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile Classe:

Dettagli

CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI. C.I. di S. VERBALE DI DELIBERAZIONE

CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI. C.I. di S. VERBALE DI DELIBERAZIONE Copia CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI C.I. di S. BEINASCO - BRUINO - ORBASSANO PIOSSASCO - RIVALTA - VOLVERA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N.3 =====================================================

Dettagli

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3:

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3: a.s. 2015/ 2016 AREA 3: RESPONSABILE E COORDINATORE DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI E CON DIFFICOLTA SPECIFICA DI APPRENDIMENTO (DSA) NOMINATIVO DEL RESPONSABILE

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Roma, 15 settembre 2012. Prot. 895/2012 Verbale n. 7. Ai Sigg.ri Presidenti dei Collegi TTSSRM e, p.c. Ai Sigg.ri Componenti del Comitato Centrale

Roma, 15 settembre 2012. Prot. 895/2012 Verbale n. 7. Ai Sigg.ri Presidenti dei Collegi TTSSRM e, p.c. Ai Sigg.ri Componenti del Comitato Centrale Prot. 895/2012 Verbale n. 7 Roma, 15 settembre 2012 Ai Sigg.ri Presidenti dei Collegi TTSSRM e, p.c. Ai Sigg.ri Componenti del Comitato Centrale Oggetto: Verbale lavori Comitato Centrale Firenze: 7 luglio

Dettagli

Oggetto: Verbale Collegio docenti unitario Istituto comprensivo A.Pacinotti.

Oggetto: Verbale Collegio docenti unitario Istituto comprensivo A.Pacinotti. Oggetto: Verbale Collegio docenti unitario Istituto comprensivo A.Pacinotti. San Cesario, 23 aprile 2015 Il giorno 23 aprile 2015 alle ore 16,30 si riunisce il Collegio unitario dell Istituto comprensivo

Dettagli

Oggetto: Domanda di contributi destinati alla realizzazione di azioni nell ambito di:

Oggetto: Domanda di contributi destinati alla realizzazione di azioni nell ambito di: Bollo 14,62 Al Presidente della Giunta Regionale del Piemonte Direzione Istruzione, formazione professionale e lavoro Via Magenta, 12 10128 Torino Oggetto: Domanda di contributi destinati alla realizzazione

Dettagli

ORIGINALE RISORSE UMANE COINVOLTE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORIGINALE RISORSE UMANE COINVOLTE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO 2.3.2 (segue) Composizione Staff di progetto RISORSE UMANE COINVOLTE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Cognome e nome: COMBA CARLA Ente/società di appartenenza: COMUNITÀ MONTANA DEL PINEROLESE Carla Comba

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER

Dettagli

A.S. 2015/16 VERBALE N. 1 DEL COLLEGIO DEI DOCENTI 1 settembre 2015

A.S. 2015/16 VERBALE N. 1 DEL COLLEGIO DEI DOCENTI 1 settembre 2015 A.S. 2015/16 VERBALE N. 1 DEL COLLEGIO DEI DOCENTI 1 settembre 2015 Il giorno martedì 1 settembre 2015 alle ore 9:00, presso l Aula Magna dell istituto si riunisce il Collegio dei docenti, per discutere

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Dicembre, 2014 Il Sistema di misurazione e valutazione della performance... 3 Il Ciclo di gestione della performance... 5 Il Sistema di misurazione e valutazione

Dettagli

Uno sguardo alle tendenze più recenti. Il Progetto CRISI nella Provincia di Torino

Uno sguardo alle tendenze più recenti. Il Progetto CRISI nella Provincia di Torino Uno sguardo alle tendenze più recenti. Il Progetto CRISI nella Provincia di Torino Silvia Zabaldano Torino, 12 Giugno 2012 Caratteristiche dei lavoratori Aree tematiche Il progetto Contesto economico-produttivo

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI Interventi e Servizi Sociali in Puglia (approvato con Del. G.R. n. 1104/2004 in attuazione

Dettagli

Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti

Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti 12 maggio 06 Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti Premessa L Osservatorio regionale per l Università e per il Diritto allo studio universitario [d ora in avanti Osservatorio],

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica Presidio della Qualità di Ateneo Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica 1. Presentazione del documento... 1 2. Azioni necessarie... 1 2.1. Adottare un documento sulle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa Adunanza del 10.02.2012 Il giorno 10 Febbraio 2012 alle ore 11.30 a Palermo presso l aula

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE Niccolò Cusano Relazione del Nucleo di Valutazione Relazione in ordine alle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche telematiche Nucleo

Dettagli

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI ASSEGNI DI SERVIZIO A FAVORE DI PERSONE DISABILI DEL DISTRETTO N. 2 DELL A.S.L.

Dettagli

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 VERBALE N. 77 DI DATA 27.06.2013 Il giorno di giovedì 27 giugno 2013, alle ore 11.00, presso il Rettorato dell Università degli Studi di Trieste si è riunito,

Dettagli

Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale

Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale Roberto Di Monaco Torino, 30 giugno 2010 Indice 1 - Obiettivi

Dettagli

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI All. 11. Protocollo di accoglienza alunni con disabilità PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Il presente documento, denominato Protocollo di Accoglienza, nasce dall

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 Il giorno 28 maggio 2013, alle ore 10,30 si è riunito a Bari, presso la Saletta Riunioni del Nucleo

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 PARTE 1 ART. 1 Composizione e attribuzioni Il collegio docenti è composto dal personale docente a tempo indeterminato e determinato

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche VERBALE DELLA RIUNIONE DEL 16 OTTOBRE 2013 Il giorno 16 ottobre 2013, alle ore 14,30, presso la sala riunioni sita in via Oberdan 12, si è riunito il Presidio della Qualità di Ateneo (d ora in poi PQA),

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Seduta del 23 maggio 2011 Verbale n. 1 Pag. 1 Verbale della riunione della COMMISSIONE AREA INTERNAZIONALE Il giorno lunedì 23 maggio 2011 alle ore 17,30, presso la Sala Riunioni del Rettorato, si è riunita

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

STATUTO DEL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO

STATUTO DEL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO ISTITUZIONE E FINI Art. 1 STATUTO DEL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO E costituito il Coordinamento delle Associazioni e dei Gruppi Comunali

Dettagli

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito Autorità di Ambito Territoriale Ottimale del Servizio Idrico Integrato MARCHE SUD ASCOLI PICENO Viale Indipendenza n 42 63100 Ascoli Piceno Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Articolo 1 Finalità e forma degli atti di competenza 1. Il

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04192/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04192/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04192/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo Denominazione del Corso di Studio : Tecniche della Riabilitazione psichiatrica Classe : SNT2 Sede Policlinico Bari, Dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze ed Organi di Senso Primo anno accademico

Dettagli

IN FORMAZIONE NOTIZIE DAL MONDO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI. n. 12 - giugno 2011

IN FORMAZIONE NOTIZIE DAL MONDO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI. n. 12 - giugno 2011 IN FORMAZIONE VIAGGIARE IN-FORMATI ovverosia il perché di questa comunicazione periodica L obiettivo del progetto è quello di favorire l informazione a tutti coloro che a diverso titolo si occupano di

Dettagli

ωεχϖβνµθωερτψυιοπ ασδφγηϕκτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθ ερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυι οπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασδ

ωεχϖβνµθωερτψυιοπ ασδφγηϕκτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθ ερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυι οπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασδ ωεχϖβνµθωερτψυιοπ ασδφγηϕκτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθ ωερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψ υιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασ δφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασδφγηϕκ λζξχϖβνµθωερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖ βνµθωερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθω

Dettagli

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori

La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori La matematica nel passaggio dal primo al secondo ciclo: il laboratorio di accoglienza matematica per le classi prime superiori matnet.unibg.it, matnet@unibg.it XXX CONVEGNO UMI - CIIM BERGAMO 25-27 OTTOBRE

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Servizio Istruzione e Orientamento. Ufficio Diritto allo studio. Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento N. 2-2855 / 2015 Oggetto: Piano provinciale per il diritto allo studio

Dettagli

Area Lavoro e Solidarietà Sociale SERVIZIO SOLIDARIETÀ SOCIALE

Area Lavoro e Solidarietà Sociale SERVIZIO SOLIDARIETÀ SOCIALE Area Lavoro e Solidarietà Sociale SERVIZIO SOLIDARIETÀ SOCIALE 22 Coordinamento editoriale: Giorgio MERLO Redazione a cura dell Ufficio Sistema Informativo Natalina VASCHETTI, Alberto BURACCHI, Vanni DI

Dettagli

Gestione del personale (Processo di Supporto)

Gestione del personale (Processo di Supporto) Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Gestione del personale (Processo di Supporto) Codice PQ 040 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero consegnata a in

Dettagli

Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009

Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009 Riunione n. 27 Data: 30 marzo 2009 Ora: 10.30 Sede: del Consiglio del Rettorato Approvazione verbale Data: 29 aprile 2009 Componenti: Segretario verbalizzante: Prof. Vincenzo Naso (Presidente) Prof. Giuseppe

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

ORIGINALE. Domanda n. 2.3.2 (segue) Composizione dell ATS PARTNER COINVOLTI NELL ATS

ORIGINALE. Domanda n. 2.3.2 (segue) Composizione dell ATS PARTNER COINVOLTI NELL ATS 2.3.2 (segue) Composizione dell ATS PARTNER COINVOLTI NELL ATS Consorzio Intercomunale Servizi Socio Assistenziali C.I.S.S. A.C. di Caluso Attività da svolgere nel progetto: Supervisione e animazione della

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

Test di conoscenza della lingua italiana

Test di conoscenza della lingua italiana Prefettura di Torino Ufficio Territoriale di Governo Test di conoscenza della lingua italiana a cura di Donatella Giunti 51 La legge n. 94/2009 ha previsto che, per ottenere il rilascio del permesso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Stanza di Napoleone, Laboratorio di Anatomia Comparata, Dipartimento di Biologia Animale, piazza Botta 10, si riunisce il Comitato per la valutazione della didattica.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007 Oggi in Pavia, alle ore 15.00, presso la Sala del Consiglio di Amministrazione, Palazzo Centrale, Università di Pavia, C.so Strada Nuova n 65, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

In apertura di seduta il Presidente da un caloroso benvenuto ai nuovi membri del Direttivo, augurando a tutti buon lavoro.

In apertura di seduta il Presidente da un caloroso benvenuto ai nuovi membri del Direttivo, augurando a tutti buon lavoro. Collegio dei Biologi delle Universitα Italiane Presidenza Universitα degli Studi di Milano Dipartimento di Biologia Tel. 0250314788-0250314870 Fax 0250314781 û 0250314871 Verbale della riunione del COMITATO

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

INTERVENTI DI SOSTEGNO PER FAMIGLIE E SINGOLI IN GRAVI CONDIZIONI DI DISAGIO, MARGINALITA E POVERTÀ

INTERVENTI DI SOSTEGNO PER FAMIGLIE E SINGOLI IN GRAVI CONDIZIONI DI DISAGIO, MARGINALITA E POVERTÀ ALLEGATO A alla D.G.P. prot. 5965/2014 INTERVENTI DI SOSTEGNO PER FAMIGLIE E SINGOLI IN GRAVI CONDIZIONI DI DISAGIO, MARGINALITA E POVERTÀ BANDO ANNO 2014 ISTRUZIONI RIVOLTE ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Dettagli

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Chimiche Classe : LM-54 Scienze e Tecnologie Chimiche Dipartimento: Scienze Sede : Potenza

Dettagli

ALLEGATO 1. CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO LEGGE REGIONALE 38/94, ART. 14 VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO Anno 2003

ALLEGATO 1. CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO LEGGE REGIONALE 38/94, ART. 14 VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO Anno 2003 AREA ISTRUZIONE,FORMAZIONE PROFESSIONALE,LAVORO E SOLIDARIETÀ SOCIALE Servizio Solidarietà Sociale C.so G.Lanza, 75 10131 Torino Tel. 011 861 3095/3098 Fax. 011 861 3111 E-mail: solsocial@provincia.torino.it

Dettagli

INFO DALL UFFICIO PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE

INFO DALL UFFICIO PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE IN FORMAZIONE VIAGGIARE IN-FORMATI ovverosia il perché di questa comunicazione periodica. L obiettivo del progetto è quello di favorire l informazione a tutti coloro che a diverso titolo si occupano di

Dettagli

1) CARATTERISTICHE DEI CORSI

1) CARATTERISTICHE DEI CORSI Allegato B) della Determina Provinciale n 3444 del 06/09/2005 ALLEGATO B) DEFINIZIONE PER L ANNO 2005 DELLE MODALITA STANDARD INERENTI L AUTORIZZAZIONE ED IL FINANZIAMENTO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D.

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) MA PA PERCHE NON PARLIAMO DI SESSO? ASL/ASO Responsabile di progetto Cognome e nome Struttura di appartenenza Indirizzo postale per

Dettagli

Regolamento collegio docenti

Regolamento collegio docenti Regolamento collegio docenti I.P.S.S.A.R. K. Wojtyla Castrovillari Prudenza e Giustizia Pietro Perugino (1496-1500) Collegio del Cambio, Perugia Quei prudenti che s'adombrano delle virtù come de' vizi,

Dettagli

COMITATO DIRETTIVO. Verbale Riunione dell 11 novembre 2009. Consorzio Italiano di Coriassicurazione contro le Calamità Naturali in Agricoltura

COMITATO DIRETTIVO. Verbale Riunione dell 11 novembre 2009. Consorzio Italiano di Coriassicurazione contro le Calamità Naturali in Agricoltura COMITATO DIRETTIVO Verbale Riunione dell 11 novembre 2009 Il giorno 11 novembre 2009 alle ore 10,30 si è riunito in Roma Via Nomentana, 183, a seguito di convocazione inviata a mezzo mail il 4 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.)

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) In vigore dal 01.07.2008. Pagina 1 di 6 Approvato con delibera C. C. 16/2008 Art. 1 UTENZA Il SAD è rivolto

Dettagli

SCHEDA CONSUNTIVO INIZIATIVA PATROCINATA. Titolo iniziativa: Seminario La psicoeducazione nel gioco d azzardo patologico. Dalla teoria alla clinica

SCHEDA CONSUNTIVO INIZIATIVA PATROCINATA. Titolo iniziativa: Seminario La psicoeducazione nel gioco d azzardo patologico. Dalla teoria alla clinica Legge regionale 12 settembre 1986, n. 50 Nuove norme per il patrocinio della Regione a favore di enti, associazioni, iniziative di interesse regionale e per l adesione della regione alle associazioni,

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 1 luglio 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 1 luglio 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Sala del Consiglio di Amministrazione, Palazzo Centrale, Università di Pavia, C.so Strada Nuova n 65, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

Schede finali. A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza

Schede finali. A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza Schede finali A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza Obiettivi - Offrire alle donne che si rivolgono ad esso un luogo dove chiedere

Dettagli

Istituto Comprensivo ex S.M. F. Torraca

Istituto Comprensivo ex S.M. F. Torraca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo ex S.M. F. Torraca Via A. Moro n. 6 75100 Matera - tel. e fax 0835-333201 Cod. Fisc. 93051580772 - Cod. Mecc. MTIC82500P

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono. E-mail Nazionalità Data di nascita MELIS ELEONORA Italiana 17/10/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

IN FORMAZIONE INFO DALL UFFICIO PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE

IN FORMAZIONE INFO DALL UFFICIO PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE IN FORMAZIONE n. 15 - febbraio 2012 VIAGGIARE IN-FORMATI ovverosia il perché di questa comunicazione periodica. L obiettivo del progetto è quello di favorire l informazione a tutti coloro che a diverso

Dettagli

Rapporto di Riesame 2016

Rapporto di Riesame 2016 Rapporto di Riesame 2016 Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Ingegneria Civile Classe : L-7 Ingegneria civile ed ambientale Sede: Università degli Studi del Sannio (Benevento) - Dipartimento

Dettagli

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Risultano presenti: prof. R. Angelini, prof. G. Antonini, prof. A. Castelli, prof.ssa C. Cioni, prof.ssa M. Crispino, prof.ssa M. I.

Dettagli

b) studenti laureati in Scienze giuridiche di altro Ateneo

b) studenti laureati in Scienze giuridiche di altro Ateneo Sull ottavo punto all o.d.g.: Organizzazione didattica: a) accesso degli studenti lavoratori agli appelli riservati; b) passaggi al corso di laurea magistrale (da Servizi giuridici, da precedenti ordinamenti,

Dettagli

Verbale n. 1 del 1 settembre 2015

Verbale n. 1 del 1 settembre 2015 Verbale n. 1 del 1 settembre 2015 Il giorno 1 settembre 2015 alle ore 9.30 nella sala riunioni si è tenuto il Collegio dei Docenti dell I.C. A. Gramsci per discutere il seguente o.d.g.: 1. Lettura ed approvazione

Dettagli

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 Sommario Introduzione... 1 1. I soggetti della nuova Programmazione MED... 2 1.1. Obiettivi e metodologia... 2 1.2. Indicazioni emerse dall analisi precedente

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado ISTITUTO SALESIANO - «Beata Vergine di San Luca» Scuole secondarie di primo e di secondo grado - Paritarie Scuola secondaria di primo grado ( D. USR n. 148 del 27-08-2001) Istituto Professionale settore

Dettagli

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio SEZIONE I 1.1 DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1 Competenze COMPETENZE REGIONALI (art.5 L.R. 38/2006 e s.m.i. art. 17 L.R. 28/1999 e s.m.i. - art. 8 L.R. 63/1995 e s.m.i). La Regione Piemonte stabilisce i requisiti

Dettagli

Il questionario sottoposto ai Responsabili dei Corsi di Studio

Il questionario sottoposto ai Responsabili dei Corsi di Studio UNIVERSITA' DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) GRUPPO DI RICERCA OCCUPAZIONE DEI LAUREATI Via Balbi, 1a 16126 GENOVA Tel. 010/2095963 Fax 010/2095641 e-mail: cared@unige.it

Dettagli

Comitato per lo Sport Universitario

Comitato per lo Sport Universitario Comitato per lo Sport Universitario VERBALE N. 3/2014 Seduta del 22.07.2014 Il Comitato per lo Sport Universitario si riunisce alle ore 11.00 presso la sala riunioni, sita al VI piano del Palazzo Ateneo,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002 Oggi in Pavia, alle ore 16.00, presso l Ufficio per gli Studi di Valutazione, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo è stato convocato dal Presidente con lettera del 25/11/2002. Risultano

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 2005

Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 2005 AREA LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE Servizio Solidarietà Sociale Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 005 Maggio 007 Indice. Il

Dettagli

Verbale del Consiglio d istituto n 4 del 13 ottobre 2015

Verbale del Consiglio d istituto n 4 del 13 ottobre 2015 Verbale del Consiglio d istituto n 4 del 13 ottobre 2015 Il giorno martedì 13 ottobre 2015, presso il locali della scuola secondaria di 1 grado dell Istituto Comprensivo F. Marro di Villar Perosa, si riunisce

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli