La Strategia della salute per tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Strategia della salute per tutti"

Transcript

1 La Strategia della salute per tutti Una politica per la salute in Europa Sintesi dell edizione aggiornata (settembre 1991) Traduzione dall'inglese a cura di Giovanni Martini ( Servizio Programmazione e Ricerca Sanitaria) e Armando Borghesi (Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari) I traduttori sono responsabili dell'accuratezza del testo.

2 Indice

3 Introduzione La politica per la salute in Europa, così come definita negli obiettivi della salute per tutti, unisce gli 850 milioni di abitanti della regione europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità, un territorio i cui confini si estendono dalle spiagge occidentali della Groenlandia a quelle del Mediterraneo, alle spiagge lambite dall Oceano Pacifico che appartengono alla Federazione Russa. La politica stabilisce i miglioramenti nella salute degli Europei che sono attesi per l anno Descrive, inoltre, le strategie per raggiungerli attraverso stili di vita più sani, miglioramenti delle condizioni dell ambiente e la erogazione di servizi di prevenzione, cura, assistenza e riabilitazione di elevato livello qualitativo. Gli obiettivi sono stati pensati per suscitare un dibattito sulla formulazione di politiche sanitarie nazionali e sulla loro realizzazione negli Stati Mem bri. Fin dal 1984, quando furono inizialmente adottati la politica e gli obiettivi della salute per tutti, in Europa sono avvenuti dei cambiamenti rilevanti. La popolazione è invecchiata e si sono registrati cambiamenti sia positivi che negativi nello stato di salute e nei suoi determinanti. Sono aumentate le preoccupazioni per l ambiente e per i relativi effetti sulla salute. Nell Europa centrale e orientale sono intervenuti cambiamenti politici ed economici senza precedenti, mentre è continuato il trend di integrazione con gli altri Stati Membri europei. Si è maturata una notevole esperienza alla messa in pratica della politica della salute per tutti e dei suoi 38 obiettivi, sia in ciascuno Stato Membro, che nell intera Regione europea. A seguito di questi sviluppi, il Comitato Regionale per l Europa dell Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito ed esima adottato, nel corso della sua 41 sessione nel 1991, il set aggiornato di obiettivi che vengono presentati in questo documento.

4 Una prospettiva ad ampio raggio La politica per la salute in Europa consta di 38 obiettivi. Gli obiettivi si riferiscono: al miglioramento dello stato di salute atteso nell arco di vent anni, fra l approvazione da parte del Comitato Regionale della strategia della salute per tutti nel 1980 e l anno 2000; ai cambiamenti negli stili di vita, al miglioramento dell ambiente e agli sviluppi nelle attività di prevenzione, cura, assistenza e riabilitazione che consentiranno di raggiungere questi obiettivi; e alla definizione e alla attuazione delle politiche sanitarie mediante un adeguato supporto e coordinamento di ordine politico, manageriale e istituzionale. I risultati in termini di salute che il movimento della salute per tutti nella Regione europea è volto ad ottenere consta di quattro dimensioni: assicurare l equità nella salute, mediante la riduzione delle differenze nello stato di salute fra le popolazioni degli Stati e fra i gruppi all interno di essi; aggiungere vita agli anni, aiutando le persone a raggiungere e ad utilizzare il loro pieno potenziale fisico, mentale e sociale; aggiungere salute alla vita, attraverso la riduzione delle malattie e della disabilità; aggiungere anni alla vita, mediante l aumento della speranza di vita. I temi più importanti che permeano questo documento sono sei: L equità è l essenza della salute per tutti. Equità nella salute significa che tutte le persone dovrebbero avere pari opportunità di realizzare il loro pieno potenziale di salute. Le politiche indirizzate all equità implicano il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro di coloro che sono svantaggiati, in modo tale da elevare lo standard ambientale fisico e sociale a livelli analoghi a quelli dei gruppi più fortunati. Tali politiche implicano anche pari possibilità di accesso ai servizi sanitari. La promozione della salute e la prevenzione delle malattie sono aspetti strategicamente rilevanti per la politica della salute per tutti. Questo approccio consentirà alle persone di dare un significato positivo alla salute, in modo tale da poter fare pieno uso delle proprie capacità fisiche, mentali e sociali. È necessario che questi aspetti si riflettano nella promozione di stili di vita positivi, nella creazione di ambienti a supporto della salute e nel

5 riorientamento dei servizi sanitari per offrire, in modo efficiente, assistenza di alta qualità. Le persone stesse raggiungeranno la salute per tutti. Persone e comunità adeguatamente informate e motivate parteciperanno in modo attivo alla definizione delle loro priorità e al processo decisionale. Questo approccio favorisce l utilizzo ottimale delle risorse umane, accresce le conoscenze individuali e rafforza la fiducia nelle proprie capacità ed inoltre fornisce sostegno a livello sociale. Molti settori della società devono collaborare per raggiungere la salute per tutti. La collaborazione intersettoriale è necessaria per assicurare la salute e la protezione dai rischi nell ambiente fisico, economico e sociale. Tale azione implica cooperazione fra enti governativi a livello nazionale, regionale e locale, e con altri settori come imprese ed industrie, sindacati e associazioni professionali. Essa implica anche una costante ricerca della qualità e del buon rapporto costo-efficacia. Un sistema sanitario armonioso si fonda sull assistenza sanitaria di primo livello e su adeguati servizi di riferimento e fornisce un assistenza economicamente accessibile e di qualità. Questo significa soddisfare i bisogni di base della comunità attraverso servizi che siano ubicati il più vicino possibile al luogo di vita e di lavoro delle persone, che siano di facile accesso, che forniscano assistenza di qualità, e coinvolgano la comunità nella gestione delle istituzioni sanitarie complementari pubbliche, private e del volontariato. Un crescente numero di problemi sanitari trascendono i confini nazionali. Una salda cooperazione internazionale renderà possibile assicurare la protezione dell ambiente, l accesso ad adeguate risorse che consentono una vita sana, e la erogazione di assistenza di qualità che sia in grado di avvalersi delle conoscenze e delle tecnologie attualmente disponibili.

6 Il futuro della salute in Europa Fin dall adozione del primo set di obiettivi europei della salute per tutti nel 1984, gli sviluppi politici hanno avuto effetti significativi sul tessuto sociale e sulla gestione delle questioni pubbliche in tutta la Regione europea. La fine della Guerra Fredda e della sua sterile divisione ideologica ha comportato l apertura di un dibattito aperto sui problemi delle politiche sanitarie e l inizio del libero scambio di idee e di esperienze. Allo stesso tempo, l Europa sta andando verso una fase di ristrutturazione economica, di innovazione tecnologica e di rapido cambiamento sociale, con importanti conseguenze per la salute e la società. Le ondate continue di cambiamenti economici e sociali negli Stati dell Europa centrale e orientale e la loro integrazione con l Europa occidentale e meridionale avranno bisogno di una forte cooperazione, di tolleranza e di flessibilità in tutta Europa. Fra i trend possibili nell Europa del futuro, ci sono: l aumentata importanza dei problemi ambientali transfrontalieri, come le piogge acide e tossiche, la contaminazione degli alimenti e le radiazioni; il rapido sviluppo e l affermarsi delle tecnologie dell informazione; i progressi nella tecnologia medica e un ampia gamma di opzioni di cura e di prevenzione; l ulteriore sviluppo della cooperazione e della solidarietà economica internazionale, che creerà condizioni più favorevoli per la crescita economica e il benessere materiale; l ampliamento della disparità fra le aree dell Europa e fra gruppi socioeconomici (anche se la società ha la possibilità di evolvere per diventare più responsabile e sensibile ai bisogni umani); un aumento delle migrazioni sia dall esterno che all interno dell Europa; l allungamento della vita media delle persone associata ad una bassa natalità e alla crescita di un gruppo di anziani attivi; una crescente domanda di partecipazione alle scelte da parte di persone di tutte le condizioni sociali e, in risposta, una accresciuta qualità dei servizi sanitari e dei nuovi atteggiamenti professionali verso gli utenti dei servizi; lo sviluppo ed il potenziamento di alleanze e coalizioni per la salute a livello locale, nazionale e sovranazionale. Nonostante i rilevanti cambiamenti e i nuovi trend in Europa, le basi della strategia europea della salute per tutti rimarranno importanti nell anno 2000 come lo sono ora, anzi come lo erano nel 1980 quando furono formulati per la prima volta: promuovere la salute, prevenire l insorgenza delle malattie, migliorare gli ambienti di vita e migliorare i servizi sanitari. Gli obiettivi della

7 salute per tutti sono un riflesso dei trend attuali e di quelli previsti, dei problemi rilevati, delle risorse e della tecnologia disponibili. Abbiamo minor conoscenza di certi trend rispetto ad altri. C è pertanto l esigenza di disporre di ulteriori evidenze e conclusioni e di mantenere aggiornata la politica per la salute. Per conseguire questi obiettivi, molto deve essere ancora fatto per migliorare gli aspetti relativi agli stili di vita legati alla salute, alle condizioni dell ambiente e all assistenza sanitaria. Tuttavia tali miglioramenti non saranno completi se certi prerequisiti per la salute non avranno luogo, ci si riferisce, in particolare, alla pace e alla solidarietà fra gli Stati europei. In considerazione che il compito di raggiungere la salute per tutti è immane, sono di fondamentale importanza una forte volontà politica e il coinvolgimento della popolazione per assicurare che vengano intraprese le azioni necessarie. Il processo di sostegno e di mobilitazione di ulteriore supporto deve essere visto come una responsabilità riconducibile ai livelli più alti in tutti i settori di ciascuno Stato. Il Comitato regionale, attraverso il suo costante interessamento nel monitoraggio e nella valutazione periodica dei progressi verso la salute per tutti, e gli Stati Membri, attraverso la disponibilità a presentare e a condividere le loro esperienze e i loro risultati, hanno dimostrato il loro impegno verso questi obiettivi. L aggiornamento della politica europea per la salute elaborata dal Comitato Regionale nel 1991 conferma l importanza della politica in tutti gli Stati Membri e riafferma il loro impegno a conseguire i 38 obiettivi della salute per tutti.

8 Miglioramento delle condizioni di salute I risultati attesi dalla messa in pratica nella Regione europea della strategia della salute per tutti sono indicati dagli obiettivi Essi esprimono in modo specifico, e, dove possibile, in termini quantitativi, il miglioramento nello stato di salute che ci si aspetta nei venti anni che decorrono fra l approvazione da parte del Comitato Regionale della strategia salute per tutti nel 1980 e l anno Questi obiettivi stabiliscono le azioni da svolgere che vengono trattate nei quattro capitoli successivi. Gli obiettivi 1-12 ricadono in tre categorie. Due degli obiettivi fanno riferimento agli orientamenti politici di base della strategia europea verso una maggiore equità e un più ampio conseguimento del potenziale di salute. Quattro fanno riferimento alla salute di particolari gruppi di popolazione: i bambini ed i giovani, le donne, gli anziani e i disabili. Il loro scopo è quello di incoraggiare l adozione di politiche e strategie globali che facciano riferimento all ampio spettro di problemi sanitari che affliggono questi gruppi. I sei obiettivi rimanenti fanno riferimento alla prevenzione degli eventi morbosi, delle disabilità e della mortalità causate dalle malattie trasmissibili e non trasmissibili, dagli incidenti, dai disturbi mentali e dai suicidi.

9 Obiettivo 1 - Equità nella salute Entro l anno 2000, le differenze esistenti tra le condizioni di salute nei vari Paesi e nei gruppi al loro interno dovrebbero essere ridotte almeno del 25%, elevando il livello di salute delle nazioni e dei gruppi meno avvantaggiati. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso: il potenziamento del monitoraggio delle diversità nello stato di salute fra differenti aree geografiche e differenti gruppi socio economici al loro interno; la priorità nella realizzazione di iniziative volte a ridurre le diversità nello stato di salute; la disponibilità per tutti dei prerequisiti per la salute, come cibo, casa e istruzione; una maggior diffusione e sviluppo di ambienti di vita e di lavoro che sostengono la salute; l accessibilità di adeguati servizi sanitari per tutta la popolazione; particolare attenzione e specifica assistenza da dedicare alle nazioni più svantaggiate.

10 Obiettivo 2 - Salute e qualità della vita Entro l anno 2000, tutti dovrebbero avere le opportunità per sviluppare ed utilizzare il proprio potenziale di salute al fine di condurre una vita soddisfacente dal punto di vista sociale, economico e mentale. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso: il potenziamento del monitoraggio del potenziale di salute e della qualità della vita; l'incoraggiamento a partecipare attivamente alla vita della comunità; il miglioramento dell'accesso ai prerequisiti della salute, in particolare, all'istruzione; l'ampia adozione di stili di vita efficaci ed orientati alla salute; il miglioramento della salute negli ambienti di vita e di lavoro e il rafforzamento delle reti sociali; una maggiore enfasi sulla qualità della vita quando viene erogata l assistenza sanitaria di primo, di secondo e di terzo livello.

11 Obiettivo 3 - Più ampie opportunità per le persone affette da disabilità Entro l anno 2000, le persone affette da disabilità dovrebbero essere in grado di condurre una vita soddisfacente sotto il profilo sociale, economico e mentale, con il contributo di interventi speciali che migliorino le loro potenzialità fisiche, sociali ed economiche. Questo obiettivo si propone: di fornire alle persone affette da disabilità pari opportunità; di migliorare le condizioni delle persone affette da disabilità; di permettere alle persone affette da disabilità di migliorare la qualità della loro vita e di sviluppare il loro potenziale di salute. Può essere raggiunto realizzando strategie in grado di: promuovere all interno della società atteggiamenti positivi verso le persone affette da disabilità; favorire condizioni ambientali e sociali che non siano svantaggiose per alcuno; promuovere una vita indipendente per le persone affette da disabilità, attraverso la riabilitazione e il sostegno sociale; fornire servizi appropriati e sostegno alle persone che non hanno le capacità funzionali per essere indipendenti, alle loro famiglie e a tutti coloro che se ne prendono cura.

12 Obiettivo 4 - Riduzione delle malattie croniche Entro l anno 2000 ci dovrebbe essere una costante e continua riduzione della morbosità e della disabilità causata da malattie croniche. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso: una riduzione di almeno il 10% della morbosità e della disabilità dovuta a malattie croniche; una riduzione di almeno un terzo dei casi di complicanze del diabete, in particolare della cecità, dell insufficienza renale, delle amputazioni, delle complicazioni della gravidanza e delle malattie delle coronarie; una riduzione della gravità della carie dentale e della malattia periodontale con l obiettivo che i bambini fino all età di dodici anni non abbiano più di due denti cariati, mancanti od otturati; una sistematica attività volta alla riduzione della morbilità, della disabilità e delle sofferenze associate alle malattie degenerative, reumatiche, neurologiche e croniche dell apparato respiratorio nonché alle allergie; facilitazione dell accesso ai consultori genetici e ad appropriate misure di prevenzione per tutti coloro che sono potenzialmente a rischio; l adozione di una strategia per la riduzione delle malattie croniche e non trasmissibili (si vedano anche gli obiettivi 9, 10 e 12) che faccia riferimento ai fattori di rischio comuni e integri gli interventi nei differenti settori della comunità; il miglioramento delle basi statistiche necessarie per il monitoraggio delle malattie croniche, considerando prioritari i dati relativi al numero di anni di vita vissuti senza disabilità o malattie gravi.

13 Obiettivo 5 - Riduzione delle malattie trasmissibili Entro l anno 2000 non dovrebbero più manifestarsi nella Regione Europea casi interni di poliomielite, difterite, tetano neonatale, morbillo, parotite e rosolia congenita e dovrebbe esserci una riduzione costante e continua dell incidenza e delle conseguenze delle altre malattie trasmissibili, in particolare dell infezione da HIV. L obiettivo può essere raggiunto attraverso strategie di controllo realizzate attraverso sistemi sanitari ben organizzati che assicurino una sorveglianza epidemiologica efficace, adeguata educazione sanitaria, cura ed assistenza finalizzate al raggiungimento: della vaccinazione di tutte le persone suscettibili contro le malattie eradicabili e contro le altre malattie trasmissibili di cui, attraverso la vaccinazione, si può limitare la diffusione; della costante e progressiva riduzione del tasso di trasmissione dell infezione da HIV e il contenimento delle sue conseguenze negative, incluso l atteggiamento della collettività nei confronti delle persone affette da infezione da HIV e da AIDS; della riduzione del 25% della mortalità dovuta a polmonite o alle gastroenteriti infantili e all epatite B; della costante e progressiva riduzione del tasso di trasmissione delle malattie a trasmissione sessuale, comprese le loro complicanze più gravi.

14 Obiettivo 6 - Invecchiamento sano Entro l anno 2000, la speranza di vita alla nascita nella Regione Europea dovrebbe essere di almeno 75 anni e ci dovrebbe essere un costante e continuo miglioramento della salute di tutta la popolazione di 65 anni ed oltre. Questo obiettivo è finalizzato a raggiungere: un aumento della speranza di vita alla nascita che raggiunga i 67 anni per gli uomini e i 74 anni per le donne in tutti gli Stati della regione Europea; una riduzione di almeno il 25% delle differenze nell attesa di vita alla nascita fra le aree geografiche, i gruppi socio-economici e i sessi; un aumento del numero di anni che la popolazione con 65 anni e oltre può vivere priva di disabilità e con un miglioramento della qualità della vita. L obiettivo può essere raggiunto mediante l adozione di strategie che: incoraggino la piena ed attiva partecipazione degli anziani alla vita della comunità; prolunghino il periodo di invecchiamento in salute attraverso modifiche degli stili di vita e la disponibilità di condizioni ambientali e strutture di sostegno; forniscano servizi appropriati e sostegno agli anziani che versano in stato di bisogno.

15 Obiettivo 7 - Salute dei bambini e dei giovani Entro l anno 2000, le condizioni di salute di tutti i bambini e dei giovani dovrebbero essere migliorate, dando loro l opportunità di crescere e di sviluppare al massimo il loro potenziale fisico, mentale e sociale. Questo obiettivo è finalizzato a raggiungere: un sostegno globale ai bambini e alle loro famiglie in base a specifici bisogni di salute e alla situazione socio-economica; una riduzione dei tassi di mortalità infantile sotto il 10 per mille nati vivi in quei Paesi che hanno attualmente dei tassi fra il 10 ed il 20, e sotto il 15 per mille per quei Paesi che hanno attualmente tassi superiori al 20 per mille; una riduzione del 25% nelle differenze fra i tassi di mortalità infantile di aree geografiche e gruppi socio-economici diversi; una riduzione del 25% nella mortalità e nelle lesioni dei bambini e dei giovani, soprattutto dovute ad incidenti. L obiettivo può essere raggiunto mediante strategie che: proteggano i bambini in quanto membri vulnerabili della società, attraverso tutte le misure appropriate previste dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Bambini; organizzino campagne di prevenzione delle malattie e una sorveglianza della salute di tutti i bambini che prevedano l erogazione di servizi sanitari appropriati per i periodi antenatale, postnatale, prescolare e scolare; promuovano l allattamento al seno da parte del maggior numero possibile di madri, comprese le donne lavoratrici; promuovano fra i bambini e i giovani modelli di vita orientati alla salute; assicurino sostegno sociale, economico e psicologico ai bambini svantaggiati, compresi coloro con disabilità e malattie croniche, e alle loro famiglie; assicurino che i giovani siano informati per evitare gravidanze indesiderate e abbiano facilità di accesso a servizi adeguati.

16 Obiettivo 8 - Salute delle donne Entro l anno 2000, ci dovrebbe essere un costante e continuo miglioramento delle condizioni di salute delle donne. Questo obiettivo è finalizzato a raggiungere: una riduzione della mortalità materna che raggiunga valori inferiori a 15 per nati vivi; una sostanziale riduzione dei problemi di salute specifici della donna; una sostanziale riduzione dei problemi di salute delle donne collegati al loro status socio-economico e al dover esercitare molteplici ruoli; una sostanziale riduzione dell incidenza e delle conseguenze negative per la salute dovute a molestie sessuali, a violenze domestiche e a stupri; un costante sostegno alle donne nel fornire servizi sanitari non istituzionali; una riduzione di almeno il 25% delle differenze nei tassi di mortalità materna fra diverse aree geografiche e gruppi socio-economici. L obiettivo può essere raggiunto realizzando strategie che: prestino particolare attenzione alla salute delle donne; forniscano maggior supporto e assistenza durante la gravidanza, includendo un uso equilibrato della tecnologia nella fase perinatale; favoriscano dei cambiamenti significativi nell ambiente sociale e nei modelli di vita.

17 Obiettivo 9 - Riduzione delle malattie cardiovascolari Entro l anno 2000, la mortalità dovuta a malattie del sistema circolatorio dovrebbe essere ridotta, nei soggetti con meno di 65 anni almeno del 15%, e si dovrebbero registrare progressi nel miglioramento della qualità della vita di tutte le persone affette da malattie cardiovascolari. Questo obiettivo può essere raggiunto: implementando misure preventive che siano accettabili dalla popolazione e che siano finalizzate alla riduzione dei maggiori fattori di rischio come il fumo, l ipertensione, l ipercolesterolemia, il sovrappeso e la vita sedentaria; migliorando l accesso ad efficaci ed accettabili metodi di diagnosi, inclusa la diagnosi precoce, e di cura; fornendo riabilitazione fisica, psicologica e sociale alle persone affette da malattie cardiovascolari.

18 Obiettivo 10 - Riduzione del cancro Entro l anno 2000, la mortalità per cancro in soggetti sotto i 65 anni dovrebbe essere ridotta almeno del 15% e la qualità della vita di tutte le persone affette da cancro dovrebbe essere migliorata in modo significativo. Questo obiettivo può essere raggiunto se: l incidenza del cancro provocato dal fumo di tabacco viene ridotta a seguito degli sforzi orientati alla riduzione dei fumatori; la mortalità per cancro della cervice uterina e della mammella viene ridotta attraverso l attuazione di campagne di screening e di trattamento precoce, includendo azioni volte a migliorare l accettabilità; gli ambienti di vita e di lavoro sono resi più salutari; vengono utilizzate in modo appropriato le migliori conoscenze nella diagnosi, nella cura, nella riabilitazione e nelle cure palliative di tutti i soggetti affetti da cancro.

19 Obiettivo 11 - Incidenti Entro l anno 2000, le lesioni, la disabilità e la mortalità dovuta agli incidenti dovrebbe essere ridotta di almeno il 25%. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso: un azione congiunta dei settori della sanità, dell istruzione, dei trasporti, del settore legale, dell ingegneria e dell industria finalizzata alla riduzione degli incidenti della strada, domestici, sul lavoro, dello sport e del tempo libero, ponendo come priorità una riduzione del 25% delle morti e delle lesioni nei bambini e nei giovani; una risposta immediata ai bisogni sanitari conseguenti agli eventi calamitosi e ai disastri, e nel periodo susseguente.

20 Obiettivo 12 - Riduzione dei disturbi mentali e dei suicidi Entro l anno 2000 si dovrebbe registrare una marcata riduzione nella prevalenza dei disturbi mentali, un miglioramento nella qualità della vita dei soggetti affetti da tali patologie ed un inversione dell attuale tendenza all aumento dei suicidi e tentativi di suicidio nella Regione. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso: il miglioramento dei fattori sociali che causano tensioni, come la disoccupazione e l emarginazione sociale; il miglioramento dell accesso ad interventi di sostegno che mettano in grado la popolazione di affrontare gli eventi e le situazioni che provocano angoscia e stress; il miglioramento degli interventi a favore dei soggetti affetti da turbe mentali e di coloro che, in modo formale o informale, si prendono cura di essi, in particolare di coloro che sono affetti da demenza; l organizzazione di servizi integrati di salute mentale basati sulle comunità locali e con il coinvolgimento dei servizi sanitari di base; la realizzazione di iniziative specifiche finalizzate alla prevenzione dei comportamenti dannosi per la salute come l abuso di sostanze pericolose; programmi volti alla prevenzione del suicidio.

21 Stili di vita orientati alla salute Gli obiettivi fanno riferimento ad azioni essenziali per muoversi verso stili di vita orientati alla salute, e si basano sui principi definiti dalla Carta di Ottawa per la promozione della salute. Essi propongono iniziative a livello nazionale, regionale e locale che sostengano attivamente modelli di vita come l alimentazione equilibrata, l attività fisica, la riduzione nel consumo di sostanze dannose per la salute come l alcool e il tabacco. Pur nella consapevolezza della necessità di migliorare nella popolazione la conoscenza e la motivazione alla salute attraverso l educazione alla salute, la politica salute per tutti dà particolare rilievo al cambiamento dei fattori sociali, economici e di altra natura che influenzano le scelte di ordine sanitario effettuate dagli individui, dai gruppi e dalla comunità, che hanno un legame con la salute. Essa pertanto dà importanza alla collaborazione intersettoriale come base per aumentare le opportunità di promozione della salute in tutti gli ambienti della vita sociale come le città, i luoghi di lavoro, le scuole e le abitazioni.

22 Obiettivo 13 - Politiche di sanità pubblica Entro l anno 2000, tutti gli Stati Membri dovrebbero aver sviluppato e realizzato politiche intersettoriali per la promozione di stili di vita sani, anche attraverso modalità che garantiscano la partecipazione della popolazione alle scelte di politica sanitaria. Questo obiettivo può essere raggiunto se: in ogni Stato Membro vengono elaborate politiche sanitarie coerenti con la strategia della salute per tutti e se tali politiche vengono continuamente aggiornate e sviluppate; viene periodicamente effettuata una valutazione sull impatto delle politiche pubbliche di tutti i settori nei confronti della salute; vengono utilizzati, a livello nazionale, regionale e locale meccanismi finalizzati al coinvolgimento della popolazione nelle scelte di politica sanitaria e nella loro attuazione; vengono utilizzati, a livello nazionale, regionale e locale meccanismi efficaci a sostegno di interventi intersettoriali; vengono rafforzate iniziative legislative, finanziarie e amministrative a sostegno della promozione della salute, e potenziati gli investimenti in salute; vengono sviluppati indicatori atti a fornire le basi per monitorare i progressi verso modelli di vita sani.

23 Obiettivo 14 - Ambienti per la promozione della salute Entro l anno 2000, tutti gli ambienti di vita e di attività sociale, come le città, le scuole, gli ambienti di lavoro, i quartieri e le abitazioni, dovrebbero fornire maggiori opportunità per la promozione della salute. Questo obiettivo può essere raggiunto se in tutti gli Stati membri vengono intraprese azioni in linea con determinati concetti e principi, come ad esempio quelli della Rete delle Città Sane, che includono attività specifiche atte ad accrescere le opportunità per la promozione della salute nei vari ambienti attraverso: gli interventi di promozione della salute negli ambienti di vita quotidiana; il promuovere la partecipazione da parte della comunità alle decisioni che riguardano la salute, l ambiente e la promozione della salute; l incoraggiamento alla collaborazione fra settori diversi, per creare migliori opportunità di vita sana; il coinvolgimento di differenti discipline nella promozione della salute.

24 Obiettivo 15 - Competenze relative alla salute Entro l anno 2000, in tutti gli Stati Membri dovrebbero essere disponibili programmi educativi e formativi accessibili ed efficaci finalizzati a migliorare la competenza della popolazione e degli operatori sanitari nella promozione della salute e ad aumentare la consapevolezza nei confronti della salute da parte degli altri settori. Questo obiettivo può essere raggiunto: migliorando le conoscenze attuali in tema di salute; enfatizzando una più ampia gamma di problemi sugli stili di vita, includendo l autostima, le competenze personali ed il sostegno sociale; offrendo formazione ed educazione in materia di promozione della salute a tutti gli operatori sanitari; addestrando altri gruppi e stimolando altre discipline ad aumentare la consapevolezza riguardo alle opportunità fornite dalla promozione della salute; fornendo infrastrutture efficaci e risorse adeguate per realizzare e coordinare i programmi di educazione sanitaria.

25 Obiettivo 16 - Vivere in modo sano Entro l anno 2000, dovranno essere realizzati tutti gli sforzi possibili negli Stati Membri affinché promuovano e sostengano attivamente modelli di vita sani attraverso una nutrizione equilibrata, un appropriata attività fisica, una sessualità sana, una gestione ottimale degli stati di stress ed altri aspetti finalizzati ad un comportamento positivo nei confronti della salute. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso un approccio globale per promuovere modelli di vita sani, includendo: il miglioramento della consapevolezza nei riguardi della salute e dell ambiente; lo sviluppo e il rafforzamento di competenze in grado di affrontare situazioni negative; la promozione di modelli di alimentazione sani basati su standard raccomandati di nutrienti e di linee guida dietetiche; la promozione di attività fisiche e di altre attività del tempo libero orientate alla salute; l incoraggiamento nel fornire e nel ricevere il sostegno sociale.

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3.1. Il Servizio sanitario nazionale: principi ispiratori, universalità del Servizio, equità, cooperazione Principi ispiratori

Dettagli