Informazioni per il lavoratore e l'impresa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni per il lavoratore e l'impresa"

Transcript

1 Formazione Le attività di formazione dello SPISAL contribuiscono alla più ampia diffusione della cultura della sicurezza presso i soggetti che hanno diretta responsabilità nell applicazione di norme e tecniche finalizzate alla tutela del lavoratore. Il Servizio può: produrre documenti interpretativi, linee guida, iniziative di discussione e di approfondimento progettare percorsi formativi che possono costituire un modello per iniziative altrui produrre materiali didattici a supporto di progetti formativi organizzare direttamente iniziative formative collaborare alla stesura di progetti formativi verificare la qualità di progetti e attività formative nell ambito di specifiche forme di collaborazione Informazioni per il lavoratore e l'impresa Nei documenti sono riportati alcune linee guida, linee operative e opuscoli realizzati dallo Spisal

2 QUALE FORMAZIONE PER LA SICUREZZA FORMARE PER PREVENIRE

3 INTRODUZIONE Success is no accident, slogan della Settimana Europea 2001 per la sicurezza e la tutela della salute negli ambienti di lavoro, ci ricorda che obiettivi quali zero infortuni sul lavoro e azienda sana sono frutto dell impegno, della continuità di lavoro e degli investimenti di un impresa, non della buona sorte. Grazie anche alla spinta delle nuove normative, negli ultimi anni si sono consolidate conoscenze più precise sui rischi lavorativi e si sono attuate concrete misure di prevenzione tali da ridurre gli infortuni sul lavoro. In particolare sono diminuiti gli infortuni dovuti ai tradizionali fattori di rischio quali l insicurezza e la pericolosità dei luoghi di lavoro, delle macchine e degli impianti soprattutto nella grande industria e nei settori produttivi storicamente più colpiti dal fenomeno. Ulteriori margini di miglioramento possono essere ottenuti sul fronte degli infortuni causati da comportamenti scorretti o negligenti e da carenze nell organizzazione del lavoro. Si tratta di incidenti che vengono spesso classificati come accidentali a dimostrazione che su questo fronte permane ancora un atteggiamento fatalista e di scarsa fiducia nelle azioni preventive e di formazione. In questo tipo di eventi, infatti, le misure preventive più efficaci sono rappresentate proprio dalle iniziative di informazione e formazione e dall introduzione di misure organizzative che coinvolgano attivamente i lavoratori, ovvero le loro rappresentanze, modificando strutturalmente l approccio aziendale alla sicurezza. L importanza, in questo contesto, dei fattori comportamentali e organizzativi appare notevolmente accresciuta in relazione ai cambiamenti intervenuti nelle organizzazioni del lavoro e nel modo di produrre. Si pensi ad esempio alla sempre maggiore eterogeneità della forza lavoro (lingue, culture), all automazione, alla flessibilità, al ricorso all appalto, all introduzione di orari irregolari nonché all emergere di nuove patologie e disagi lavorativi quali lo stress e il mobbing. Queste considerazioni ci hanno indotto a porre, quale tema dei lavori di questa giornata, la formazione per la prevenzione. In questo convegno abbiamo scelto di focalizzare la nostra attenzione sulla informazione e formazione del lavoratore ritenendo che questo soggetto, essendo il principale destinatario delle azioni di prevenzione, debba essere maggiormente coinvolto. Infatti è necessario stimolare i lavoratori a sviluppare la loro capacità di risolvere problemi, spronarli ad affermare un maggiore controllo sul processo lavorativo, fornire gli strumenti e le capacità per accrescere il livello di salute al lavoro, rinforzare la capacità autonoma di trovare risposte e di saper interagire con gli altri soggetti aziendali. A volte, infatti, si è confusa la formazione con le istruzioni, il saper fare con l obbedire. Anche se il tema della giornata è la formazione non va dimenticato come questa specifica azione sia efficace qualora inserita in un processo di prevenzione aziendale più ampio.

4 L esperienza ci ha anche insegnato che i migliori risultati nella lotta al fenomeno infortunistico e per il miglioramento delle condizioni di lavoro si sono ottenuti con l uso integrato e coordinato delle diverse misure di prevenzione di cui oggi disponiamo ( quali la prevenzione ambientale e tecnica, la protezione personale, le azioni che migliorano l organizzazione e i comportamenti) nonché con l uso di strumenti per l analisi dei rischi (risk assesment) e la gestione degli stessi (risk management) che fanno ricorso a tecniche, più o meno raffinate e complesse, di documentazione, valutazione, comunicazione etc. Inoltre è importante che la prevenzione e la formazione siano inserite armonicamente tra le altre funzioni aziendali, senza essere percepite come entità separate ed autonome o, ancor peggio, opzionali. Le aziende in cui è oggi più facile trovare riscontri positivi in materia prevenzionistica sono quelle che hanno elaborato una cultura e strategie imprenditoriali in cui la tutela della salute del lavoratore è esplicitamente dichiarata e rappresenta un valore condiviso dall organizzazione. Sono le aziende che utilizzano la formazione quale strumento di crescita integrato e coordinato con altri aspetti di peso per l impresa, quali l innovazione tecnologica, l organizzazione del lavoro. In queste realtà vi è testimonianza reale e visibile delle azioni svolte attraverso indicatori hard quali le statistiche infortuni, gli investimenti per la prevenzione, il buon contenuto di documenti di valutazione del rischio, la cura per l ambiente (arredi, verde, illuminazione, a pulizia, ordine) e indicatori soft quali, ad esempio, la percezione di un buon clima aziendale, di buone relazioni (interne ed esterne), di comunicazioni efficaci (interpersonali, segnaletica nei reparti), la presenza attiva del SPP, medico competente e RLS, la percezione di trovarsi all interno di una comunità. L importanza dell informazione e della formazione, ribadito frequentemente nelle normative europee, e la destinazione di notevoli risorse economiche per la realizzazione di tali azioni ha determinato una crescita esponenziale delle iniziative di formazione. Appare pertanto urgente definire criteri, linee guida e sistemi di verifica e di valutazione sulla qualità della formazione per ottenere i migliori risultati da questi obblighi e investimenti. Il documento di consenso quale formazione per la sicurezza, elaborato da ULSS, Unindustria e INAIL Regionale intende fornire una base di discussione aperta ad accogliere integrazioni e miglioramenti che possono venire anche dai partecipanti a questo incontro. Nel documento abbiamo individuato e descritto i più importanti aspetti di metodo e i criteri cui dovrebbero fare riferimento quanti affidano alla formazione un ruolo di utilità per la prevenzione dei rischi lavorativi e per la crescita aziendale.

5 FORMAZIONE O INFORMAZIONE? L articolo 3 (misure generali di tutela) indica che tra le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori vi siano:? l informazione,? la formazione,? la consultazione e la partecipazione dei lavoratori ovvero dei loro rappresentanti. I successivi articoli 21 e 22 esplicitano le sostanziali differenze che distinguono le attività aziendali di semplice informazione e di vera e propria formazione. Informazione: azioni rivolte a tutti i lavoratori dell azienda, indipendentemente dalla loro caratterizzazione dal punto di vista dei rischi cui sono soggetti. Nello specifico, l articolo 21 (informazione dei lavoratori) prevede che il datore di lavoro provveda affinché ciascun lavoratore riceva un adeguata informazione sui rischi per la sicurezza e la salute connessi all attività dell impresa in generale; le misure e le attività di protezione e prevenzione adottate; i rischi specifici cui è esposto in relazione all attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia; i pericoli connessi all uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica; le procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l evacuazione dei lavoratori; il responsabile del servizio di prevenzione e protezione ed il medico competente; i nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di emergenza e antincendio. Si tratta evidentemente di trasmettere conoscenze di carattere generale, attività che può essere svolta anche con modalità alternative al classico momento d aula e affidata a strumenti divulgativi quali notiziari/giornali aziendali, cartellonistica, depliant illustrativi, ecc. Formazione: interventi che riguardano i criteri, i metodi e le attività di prevenzione degli specifici rischi che riguardano le diverse figure professionali a partire da una conoscenza piena e contestuale della valutazione di tali rischi. L articolo 22 (formazione dei lavoratori) stabilisce il diritto di ciascun lavoratore a ricevere una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e di salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni. Il riferimento ad una formazione che garantisca al lavoratore di sapersi proteggere dai rischi specifici del proprio posto di lavoro è ribadito quando si afferma che essa deve avvenire in ogni occasione in cui le caratteristiche dell attività lavorativa si modifichino: all assunzione, al trasferimento o cambiamento di mansioni, all introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi, in relazione all evoluzione dei rischi ovvero all insorgenza di nuovi. Una ulteriore distinzione va fatta tra formazione e addestramento: le attività di formazione sui temi della prevenzione devono essere garantite in aggiunta alle attività di addestramento sulle modalità di utilizzo di attrezzature, strumenti e dispositivi (articoli 38 e 43).

6 Nel Dlgs.626/94 il diritto alla formazione è ribadito e specificato per quei lavoratori a contatto con rischi specifici: articolo 49 per la movimentazione manuale dei carichi, articolo 56 per l uso di attrezzature munite di videoterminali, articolo 66 per la protezione da agenti cancerogeni e mutageni, articolo 85 per la protezione da agenti biologici. In questi casi la norma definisce anche alcuni contenuti specifici da trattare nelle attività formative. I CONTENUTI DELLA FORMAZIONE Per quel che riguarda gli aspetti cognitivi della formazione dei lavoratori, il D.M ne fissa i contenuti minimi (articolo 1). Il primo punto (lettera a) sottolinea la necessità di una formazione contestuale alla specifica esperienza di lavoro del lavoratore. Il secondo punto (lettera b) richiama ad una partecipazione consapevole dei lavoratori all organizzazione della prevenzione aziendale sulla base della conoscenza dei propri diritti e doveri. Il terzo punto (lettera c) sottolinea ancora la necessità di questo ruolo partecipativo proponendo un ulteriore salto di qualità: l acquisizione da parte del lavoratore di una migliore capacità di comunicare e interagire nel sistema azienda. Quindi il momento formativo deve essere progettato non solo in termini di contenuti ma anche in termini di modalità formative che portino il lavoratore a maturare le proprie capacità di gestione dei processi di scelta di comportamenti adeguati alla tutela della salute e alla prevenzione degli infortuni basati sulla consapevolezza individuale. Va quindi fatta maturare una capacità di agire autonoma ma perfettamente integrata e coerente col sistema di prevenzione aziendale, stabilendo con esso una interazione comunicativa positiva volta alla ricerca della soluzione dei problemi di interesse dei lavoratori. Non si tratta tanto di insegnare al lavoratore nozioni di tecnica della comunicazione, che sarebbero anche di difficile comprensione, quanto di coinvolgerlo in un processo comunicativo all interno del momento formativo in grado di trasformare questo obbligo di legge in una esperienza di crescita personale attraverso una partecipazione attiva che tenga conto della cultura e dell esperienza dei partecipanti. A questo punto, vista la rilevanza che assume il momento formativo all interno della sicurezza e prevenzione degli infortuni, è fondamentale che esso non sia affidato al caso o all improvvisazione ma rappresenti il punto focale di un intero processo di promozione della salute negli ambienti di lavoro.

7 IL PROCESSO FORMATIVO Un errore comune è pensare che la formazione sia qualcosa di limitato al momento dell aula. In realtà perché sia di successo, la formazione deve essere inserita all interno di un processo, costituito da tre fasi: 1. Prima: attività preparatorie dell intervento 2. Durante: attuazione dell intervento di formazione 3. Dopo: attività di feed-back e valutazione dei risultati 1. PRIMA DELLA FORMAZIONE: ATTIVITA PREPARATORIE DELL INTERVENTO Definizione e Finalità La fase preparatoria è di estrema importanza e consiste in due attività principali: L analisi dei bisogni formativi: definire, nel modo più circoscritto possibile, qual è il prodotto in uscita concretamente individuabile che l azione formativa si prefigge; La progettazione formativa: definire il modello di intervento che più si adatta a tradurre in termini di risultati le necessità emerse dall analisi dei bisogni. Si tratta quindi di scegliere:? il gruppo di formatori e tutor? i contenuti? la tipologia di linguaggio da usare,? le metodologie didattiche (studio di casi, simulazioni, lavori di gruppo, ecc.),? i supporti didattici (test, questionari, filmati, brochure, ecc.),? gli aspetti logistici e di calendario (dove e quando),? le azioni di supporto (alleanze, valori, motivazioni, obiettivi interni personali, di gruppo o sociali, tradizioni).? possibili fattori di ostacolo e le azioni preventive. Gli strumenti utilizzabili sono quelli di analisi organizzativa della ricerca sociologica tradizionale (questionario, intervista) ed inoltre: ricerche bibliografiche, indagini epidemiologiche, incontri di lavoro.

8 Soggetti coinvolti: committenti (coloro che finanziano, promuovono, richiedono, commissionano l azione formativa); formatori o responsabili dell organizzazione dell azione di formazione (che erogheranno le attività formative); partecipanti (o un loro campione di rappresentanza) che saranno i fruitori dell azione formativa. Punti critici In questa fase i principali aspetti critici, da tenere sotto controllo, sono rappresentati da: - processo di analisi superficiale e lacunoso (individuazione di falsi bisogni o apparenti); - mancato coinvolgimento di alcuni soggetti (pericolo di conflitti difficili da controllare); - negoziazione di parte dei bisogni formativi (pericolo di rivendicazioni di chi è stato trascurato, mancanza di obiettivi di risultato comuni e condivisi tra gli attori, presenza di obiettivi impliciti, di parte o in opposizione); - confondere un bisogno prevalentemente organizzativo con uno formativo (rischio di intervento inconcludente). In questa fase è necessari verificare che: siano stati rilevati i bisogni di formazione siano stati individuati i soggetti da cui provengono i bisogni di formazione gli obiettivi di risultato siano esplicitati, raggiungibili e formulati correttamente le azioni siano congruenti con gli obiettivi di risultato il target sia precisamente individuato le risorse siano adeguate (ore, budget, risorse umane, spazi, strumenti, ecc.) si sia garantito il coinvolgimento dei partecipanti il progetto preveda un referente di metodo (responsabile della formazione) 2. DURANTE: ATTUAZIONE DELL INTERVENTO DI FORMAZIONE Definizione e Finalità Si tratta in questo ambito di tradurre in pratica il progetto formativo approntando tutti gli aggiustamenti necessari adottando e riadattando i metodi senza perdere di vista gli obiettivi. Soggetti coinvolti: formatori o responsabili dell organizzazione dell azione di formazione partecipanti Punti critici Un problema specifico in fase di attuazione può essere rappresentato da eventi imprevisti o modificazioni repentine della situazione in cui avviene l attività che richiedono quindi flessibilità e una nuova negoziazione dell attività stessa. Un ulteriore punto critico è rappresentato inoltre dalla incapacità di tenuta d aula da parte dei docenti che rende vano l'apprendimento dei contenuti trasmessi.

9 In questa fase è necessario verificare che: il programma didattico sia esplicito, chiaro, sostenibile per chi apprende e per l organizzazione il metodo scelto risponda ad un analisi di pertinenza rispetto all obiettivo educativo le tecniche didattiche previste siano efficaci rispetto al metodo individuato gli strumenti didattici siano appropriati alle tecniche scelte il coordinamento tra il committente, i formatori e i tutor sia efficace 3. DOPO: ATTIVITÀ DI FEED-BACK E VALUTAZIONE DEI RISULTATI Definizione e Finalità Questa fase si propone di verificare con opportuni strumenti le attività organizzative del progetto, le attività didattiche e l apprendimento. Gli strumenti in questa fase sono rappresentati da questionari, test, griglie di osservazione, registri presenza, riunioni. Soggetti coinvolti: formatori o responsabili dell organizzazione dell azione di formazione partecipanti committenti Punti critici Scelta di obiettivi non misurabili. Strumenti di valutazione impropri o incongruenti con i contenuti e gli obiettivi individuati. In questa fase è necessario verificare che: la valutazione sia stata programmata sin dalla costruzione degli obiettivi siano esplicitati i criteri di misura e valutazione siano previste indagini valutative a distanza nel tempo sia prevista una valutazione economica dell esperienza di formazione sia stato previsto il rapporto finale per il committente sia stato previsto un documento finale per i partecipanti

10 COMPETENZE RICHIESTE AL GRUPPO FORMATORE I professionisti coinvolti nel processo formativo sono una variabile fondamentale per la buona riuscita di un attività formativa. Essi devono essere coinvolti fin dall inizio e scelti in modo che il gruppo formatore possieda complessivamente abilità critiche in merito a: analisi degli indicatori che manifestano il bisogno analisi del sistema organizzato che genera il bisogno analisi del sistema di relazione nel contesto problematico analisi delle motivazioni al cambiamento negoziazione definizione degli obiettivi formativi analisi delle metodologie didattiche e supporti necessari coerenti con gli obiettivi e il target di riferimento flessibilità nel riadattare i metodi formativi comunicazione e conoscenza dell utilizzo di strumenti didattici quali: lezione frontale, lavoro di gruppo, simulazione di situazione, esercitazione, discussione BIBLIOGRAFIA: 1. WATZLAWICK P. Pragmatica della comunicazione umana. Astrolabio, GUILBERT JJ. Guida pedagogica, a cura dell Organizzazione Mondiale di Sanità, III edizione. Armando Editore, KEENEY BP. L estetica del cambiamento. Astrolabio, ASSOCIAZIONE ITALIANA FORMATORI (a cura di) Professione Formazione. Franco Angeli, Milano, BELLOTTO ed AA. Culture organizzative e formazione. Franco Angeli, Milano, MAGGI B. La formazione: concezioni a confronto. Etaslibri, Milano, QUAGLINO GP, CAROZZI GP. Il processo di formazione. Franco Angeli, Milano DILTS RB, HALLBOM T, SMITH S. Convinzioni. Astrolabio, Documento per la presentazione di interventi di formazione finanziati dal Fondo Sociale Europeo elaborato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Funzione Pubblica. Supplemento n. 198 alla G.U. n. 265 del 11 novembre Materiale prodotto dalla Regione Veneto Scheda progetto di Educazione alla Salute. 11. CONFERENZA DEI PRESIDENTI DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME. Linee guida per l applicazione del D.Lgs. 626/94. Azienda USL di Ravenna, 1996.

11 QUALE FORMAZIONE PER LA SICUREZZA FORMARE PER PREVENIRE

12 INTRODUZIONE Success is no accident, slogan della Settimana Europea 2001 per la sicurezza e la tutela della salute negli ambienti di lavoro, ci ricorda che obiettivi quali zero infortuni sul lavoro e azienda sana sono frutto dell impegno, della continuità di lavoro e degli investimenti di un impresa, non della buona sorte. Grazie anche alla spinta delle nuove normative, negli ultimi anni si sono consolidate conoscenze più precise sui rischi lavorativi e si sono attuate concrete misure di prevenzione tali da ridurre gli infortuni sul lavoro. In particolare sono diminuiti gli infortuni dovuti ai tradizionali fattori di rischio quali l insicurezza e la pericolosità dei luoghi di lavoro, delle macchine e degli impianti soprattutto nella grande industria e nei settori produttivi storicamente più colpiti dal fenomeno. Ulteriori margini di miglioramento possono essere ottenuti sul fronte degli infortuni causati da comportamenti scorretti o negligenti e da carenze nell organizzazione del lavoro. Si tratta di incidenti che vengono spesso classificati come accidentali a dimostrazione che su questo fronte permane ancora un atteggiamento fatalista e di scarsa fiducia nelle azioni preventive e di formazione. In questo tipo di eventi, infatti, le misure preventive più efficaci sono rappresentate proprio dalle iniziative di informazione e formazione e dall introduzione di misure organizzative che coinvolgano attivamente i lavoratori, ovvero le loro rappresentanze, modificando strutturalmente l approccio aziendale alla sicurezza. L importanza, in questo contesto, dei fattori comportamentali e organizzativi appare notevolmente accresciuta in relazione ai cambiamenti intervenuti nelle organizzazioni del lavoro e nel modo di produrre. Si pensi ad esempio alla sempre maggiore eterogeneità della forza lavoro (lingue, culture), all automazione, alla flessibilità, al ricorso all appalto, all introduzione di orari irregolari nonché all emergere di nuove patologie e disagi lavorativi quali lo stress e il mobbing. Queste considerazioni ci hanno indotto a porre, quale tema dei lavori di questa giornata, la formazione per la prevenzione. In questo convegno abbiamo scelto di focalizzare la nostra attenzione sulla informazione e formazione del lavoratore ritenendo che questo soggetto, essendo il principale destinatario delle azioni di prevenzione, debba essere maggiormente coinvolto. Infatti è necessario stimolare i lavoratori a sviluppare la loro capacità di risolvere problemi, spronarli ad affermare un maggiore controllo sul processo lavorativo, fornire gli strumenti e le capacità per accrescere il livello di salute al lavoro, rinforzare la capacità autonoma di trovare risposte e di saper interagire con gli altri soggetti aziendali. A volte, infatti, si è confusa la formazione con le istruzioni, il saper fare con l obbedire. Anche se il tema della giornata è la formazione non va dimenticato come questa specifica azione sia efficace qualora inserita in un processo di prevenzione aziendale più ampio.

13 L esperienza ci ha anche insegnato che i migliori risultati nella lotta al fenomeno infortunistico e per il miglioramento delle condizioni di lavoro si sono ottenuti con l uso integrato e coordinato delle diverse misure di prevenzione di cui oggi disponiamo ( quali la prevenzione ambientale e tecnica, la protezione personale, le azioni che migliorano l organizzazione e i comportamenti) nonché con l uso di strumenti per l analisi dei rischi (risk assesment) e la gestione degli stessi (risk management) che fanno ricorso a tecniche, più o meno raffinate e complesse, di documentazione, valutazione, comunicazione etc. Inoltre è importante che la prevenzione e la formazione siano inserite armonicamente tra le altre funzioni aziendali, senza essere percepite come entità separate ed autonome o, ancor peggio, opzionali. Le aziende in cui è oggi più facile trovare riscontri positivi in materia prevenzionistica sono quelle che hanno elaborato una cultura e strategie imprenditoriali in cui la tutela della salute del lavoratore è esplicitamente dichiarata e rappresenta un valore condiviso dall organizzazione. Sono le aziende che utilizzano la formazione quale strumento di crescita integrato e coordinato con altri aspetti di peso per l impresa, quali l innovazione tecnologica, l organizzazione del lavoro. In queste realtà vi è testimonianza reale e visibile delle azioni svolte attraverso indicatori hard quali le statistiche infortuni, gli investimenti per la prevenzione, il buon contenuto di documenti di valutazione del rischio, la cura per l ambiente (arredi, verde, illuminazione, a pulizia, ordine) e indicatori soft quali, ad esempio, la percezione di un buon clima aziendale, di buone relazioni (interne ed esterne), di comunicazioni efficaci (interpersonali, segnaletica nei reparti), la presenza attiva del SPP, medico competente e RLS, la percezione di trovarsi all interno di una comunità. L importanza dell informazione e della formazione, ribadito frequentemente nelle normative europee, e la destinazione di notevoli risorse economiche per la realizzazione di tali azioni ha determinato una crescita esponenziale delle iniziative di formazione. Appare pertanto urgente definire criteri, linee guida e sistemi di verifica e di valutazione sulla qualità della formazione per ottenere i migliori risultati da questi obblighi e investimenti. Il documento di consenso quale formazione per la sicurezza, elaborato da ULSS, Unindustria e INAIL Regionale intende fornire una base di discussione aperta ad accogliere integrazioni e miglioramenti che possono venire anche dai partecipanti a questo incontro. Nel documento abbiamo individuato e descritto i più importanti aspetti di metodo e i criteri cui dovrebbero fare riferimento quanti affidano alla formazione un ruolo di utilità per la prevenzione dei rischi lavorativi e per la crescita aziendale.

14 FORMAZIONE O INFORMAZIONE? L articolo 3 (misure generali di tutela) indica che tra le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori vi siano:? l informazione,? la formazione,? la consultazione e la partecipazione dei lavoratori ovvero dei loro rappresentanti. I successivi articoli 21 e 22 esplicitano le sostanziali differenze che distinguono le attività aziendali di semplice informazione e di vera e propria formazione. Informazione: azioni rivolte a tutti i lavoratori dell azienda, indipendentemente dalla loro caratterizzazione dal punto di vista dei rischi cui sono soggetti. Nello specifico, l articolo 21 (informazione dei lavoratori) prevede che il datore di lavoro provveda affinché ciascun lavoratore riceva un adeguata informazione sui rischi per la sicurezza e la salute connessi all attività dell impresa in generale; le misure e le attività di protezione e prevenzione adottate; i rischi specifici cui è esposto in relazione all attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia; i pericoli connessi all uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica; le procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l evacuazione dei lavoratori; il responsabile del servizio di prevenzione e protezione ed il medico competente; i nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di emergenza e antincendio. Si tratta evidentemente di trasmettere conoscenze di carattere generale, attività che può essere svolta anche con modalità alternative al classico momento d aula e affidata a strumenti divulgativi quali notiziari/giornali aziendali, cartellonistica, depliant illustrativi, ecc. Formazione: interventi che riguardano i criteri, i metodi e le attività di prevenzione degli specifici rischi che riguardano le diverse figure professionali a partire da una conoscenza piena e contestuale della valutazione di tali rischi. L articolo 22 (formazione dei lavoratori) stabilisce il diritto di ciascun lavoratore a ricevere una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e di salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni. Il riferimento ad una formazione che garantisca al lavoratore di sapersi proteggere dai rischi specifici del proprio posto di lavoro è ribadito quando si afferma che essa deve avvenire in ogni occasione in cui le caratteristiche dell attività lavorativa si modifichino: all assunzione, al trasferimento o cambiamento di mansioni, all introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi, in relazione all evoluzione dei rischi ovvero all insorgenza di nuovi. Una ulteriore distinzione va fatta tra formazione e addestramento: le attività di formazione sui temi della prevenzione devono essere garantite in aggiunta alle attività di addestramento sulle modalità di utilizzo di attrezzature, strumenti e dispositivi (articoli 38 e 43).

15 Nel Dlgs.626/94 il diritto alla formazione è ribadito e specificato per quei lavoratori a contatto con rischi specifici: articolo 49 per la movimentazione manuale dei carichi, articolo 56 per l uso di attrezzature munite di videoterminali, articolo 66 per la protezione da agenti cancerogeni e mutageni, articolo 85 per la protezione da agenti biologici. In questi casi la norma definisce anche alcuni contenuti specifici da trattare nelle attività formative. I CONTENUTI DELLA FORMAZIONE Per quel che riguarda gli aspetti cognitivi della formazione dei lavoratori, il D.M ne fissa i contenuti minimi (articolo 1). Il primo punto (lettera a) sottolinea la necessità di una formazione contestuale alla specifica esperienza di lavoro del lavoratore. Il secondo punto (lettera b) richiama ad una partecipazione consapevole dei lavoratori all organizzazione della prevenzione aziendale sulla base della conoscenza dei propri diritti e doveri. Il terzo punto (lettera c) sottolinea ancora la necessità di questo ruolo partecipativo proponendo un ulteriore salto di qualità: l acquisizione da parte del lavoratore di una migliore capacità di comunicare e interagire nel sistema azienda. Quindi il momento formativo deve essere progettato non solo in termini di contenuti ma anche in termini di modalità formative che portino il lavoratore a maturare le proprie capacità di gestione dei processi di scelta di comportamenti adeguati alla tutela della salute e alla prevenzione degli infortuni basati sulla consapevolezza individuale. Va quindi fatta maturare una capacità di agire autonoma ma perfettamente integrata e coerente col sistema di prevenzione aziendale, stabilendo con esso una interazione comunicativa positiva volta alla ricerca della soluzione dei problemi di interesse dei lavoratori. Non si tratta tanto di insegnare al lavoratore nozioni di tecnica della comunicazione, che sarebbero anche di difficile comprensione, quanto di coinvolgerlo in un processo comunicativo all interno del momento formativo in grado di trasformare questo obbligo di legge in una esperienza di crescita personale attraverso una partecipazione attiva che tenga conto della cultura e dell esperienza dei partecipanti. A questo punto, vista la rilevanza che assume il momento formativo all interno della sicurezza e prevenzione degli infortuni, è fondamentale che esso non sia affidato al caso o all improvvisazione ma rappresenti il punto focale di un intero processo di promozione della salute negli ambienti di lavoro.

16 IL PROCESSO FORMATIVO Un errore comune è pensare che la formazione sia qualcosa di limitato al momento dell aula. In realtà perché sia di successo, la formazione deve essere inserita all interno di un processo, costituito da tre fasi: 1. Prima: attività preparatorie dell intervento 2. Durante: attuazione dell intervento di formazione 3. Dopo: attività di feed-back e valutazione dei risultati 1. PRIMA DELLA FORMAZIONE: ATTIVITA PREPARATORIE DELL INTERVENTO Definizione e Finalità La fase preparatoria è di estrema importanza e consiste in due attività principali: L analisi dei bisogni formativi: definire, nel modo più circoscritto possibile, qual è il prodotto in uscita concretamente individuabile che l azione formativa si prefigge; La progettazione formativa: definire il modello di intervento che più si adatta a tradurre in termini di risultati le necessità emerse dall analisi dei bisogni. Si tratta quindi di scegliere:? il gruppo di formatori e tutor? i contenuti? la tipologia di linguaggio da usare,? le metodologie didattiche (studio di casi, simulazioni, lavori di gruppo, ecc.),? i supporti didattici (test, questionari, filmati, brochure, ecc.),? gli aspetti logistici e di calendario (dove e quando),? le azioni di supporto (alleanze, valori, motivazioni, obiettivi interni personali, di gruppo o sociali, tradizioni).? possibili fattori di ostacolo e le azioni preventive. Gli strumenti utilizzabili sono quelli di analisi organizzativa della ricerca sociologica tradizionale (questionario, intervista) ed inoltre: ricerche bibliografiche, indagini epidemiologiche, incontri di lavoro.

17 Soggetti coinvolti: committenti (coloro che finanziano, promuovono, richiedono, commissionano l azione formativa); formatori o responsabili dell organizzazione dell azione di formazione (che erogheranno le attività formative); partecipanti (o un loro campione di rappresentanza) che saranno i fruitori dell azione formativa. Punti critici In questa fase i principali aspetti critici, da tenere sotto controllo, sono rappresentati da: - processo di analisi superficiale e lacunoso (individuazione di falsi bisogni o apparenti); - mancato coinvolgimento di alcuni soggetti (pericolo di conflitti difficili da controllare); - negoziazione di parte dei bisogni formativi (pericolo di rivendicazioni di chi è stato trascurato, mancanza di obiettivi di risultato comuni e condivisi tra gli attori, presenza di obiettivi impliciti, di parte o in opposizione); - confondere un bisogno prevalentemente organizzativo con uno formativo (rischio di intervento inconcludente). In questa fase è necessari verificare che: siano stati rilevati i bisogni di formazione siano stati individuati i soggetti da cui provengono i bisogni di formazione gli obiettivi di risultato siano esplicitati, raggiungibili e formulati correttamente le azioni siano congruenti con gli obiettivi di risultato il target sia precisamente individuato le risorse siano adeguate (ore, budget, risorse umane, spazi, strumenti, ecc.) si sia garantito il coinvolgimento dei partecipanti il progetto preveda un referente di metodo (responsabile della formazione) 2. DURANTE: ATTUAZIONE DELL INTERVENTO DI FORMAZIONE Definizione e Finalità Si tratta in questo ambito di tradurre in pratica il progetto formativo approntando tutti gli aggiustamenti necessari adottando e riadattando i metodi senza perdere di vista gli obiettivi. Soggetti coinvolti: formatori o responsabili dell organizzazione dell azione di formazione partecipanti Punti critici Un problema specifico in fase di attuazione può essere rappresentato da eventi imprevisti o modificazioni repentine della situazione in cui avviene l attività che richiedono quindi flessibilità e una nuova negoziazione dell attività stessa. Un ulteriore punto critico è rappresentato inoltre dalla incapacità di tenuta d aula da parte dei docenti che rende vano l'apprendimento dei contenuti trasmessi.

18 In questa fase è necessario verificare che: il programma didattico sia esplicito, chiaro, sostenibile per chi apprende e per l organizzazione il metodo scelto risponda ad un analisi di pertinenza rispetto all obiettivo educativo le tecniche didattiche previste siano efficaci rispetto al metodo individuato gli strumenti didattici siano appropriati alle tecniche scelte il coordinamento tra il committente, i formatori e i tutor sia efficace 3. DOPO: ATTIVITÀ DI FEED-BACK E VALUTAZIONE DEI RISULTATI Definizione e Finalità Questa fase si propone di verificare con opportuni strumenti le attività organizzative del progetto, le attività didattiche e l apprendimento. Gli strumenti in questa fase sono rappresentati da questionari, test, griglie di osservazione, registri presenza, riunioni. Soggetti coinvolti: formatori o responsabili dell organizzazione dell azione di formazione partecipanti committenti Punti critici Scelta di obiettivi non misurabili. Strumenti di valutazione impropri o incongruenti con i contenuti e gli obiettivi individuati. In questa fase è necessario verificare che: la valutazione sia stata programmata sin dalla costruzione degli obiettivi siano esplicitati i criteri di misura e valutazione siano previste indagini valutative a distanza nel tempo sia prevista una valutazione economica dell esperienza di formazione sia stato previsto il rapporto finale per il committente sia stato previsto un documento finale per i partecipanti

19 COMPETENZE RICHIESTE AL GRUPPO FORMATORE I professionisti coinvolti nel processo formativo sono una variabile fondamentale per la buona riuscita di un attività formativa. Essi devono essere coinvolti fin dall inizio e scelti in modo che il gruppo formatore possieda complessivamente abilità critiche in merito a: analisi degli indicatori che manifestano il bisogno analisi del sistema organizzato che genera il bisogno analisi del sistema di relazione nel contesto problematico analisi delle motivazioni al cambiamento negoziazione definizione degli obiettivi formativi analisi delle metodologie didattiche e supporti necessari coerenti con gli obiettivi e il target di riferimento flessibilità nel riadattare i metodi formativi comunicazione e conoscenza dell utilizzo di strumenti didattici quali: lezione frontale, lavoro di gruppo, simulazione di situazione, esercitazione, discussione BIBLIOGRAFIA: 1. WATZLAWICK P. Pragmatica della comunicazione umana. Astrolabio, GUILBERT JJ. Guida pedagogica, a cura dell Organizzazione Mondiale di Sanità, III edizione. Armando Editore, KEENEY BP. L estetica del cambiamento. Astrolabio, ASSOCIAZIONE ITALIANA FORMATORI (a cura di) Professione Formazione. Franco Angeli, Milano, BELLOTTO ed AA. Culture organizzative e formazione. Franco Angeli, Milano, MAGGI B. La formazione: concezioni a confronto. Etaslibri, Milano, QUAGLINO GP, CAROZZI GP. Il processo di formazione. Franco Angeli, Milano DILTS RB, HALLBOM T, SMITH S. Convinzioni. Astrolabio, Documento per la presentazione di interventi di formazione finanziati dal Fondo Sociale Europeo elaborato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Funzione Pubblica. Supplemento n. 198 alla G.U. n. 265 del 11 novembre Materiale prodotto dalla Regione Veneto Scheda progetto di Educazione alla Salute. 11. CONFERENZA DEI PRESIDENTI DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME. Linee guida per l applicazione del D.Lgs. 626/94. Azienda USL di Ravenna, 1996.

20 QUALE FORMAZIONE PER LA SICUREZZA FORMARE PER PREVENIRE

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E CUREZZA SUL LAVORO AZIENDA BENNI PAOLO ASSETTO E STRUTTURE DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione e Protezione Nomina RSPP:

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti Nuove regole per la formazione lavoratori preposti dirigenti 1 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

giugno 2012 Sergio Piazzolla - Giacomo Calvi

giugno 2012 Sergio Piazzolla - Giacomo Calvi Accordo tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero della Salute, le Regioni e le Province autonome di Treno e di Bolzano per la formazione dei lavoratori ai sensi dell articolo

Dettagli

LA FORMAZIONE. Prof. Domenico SPINAZZOLA

LA FORMAZIONE. Prof. Domenico SPINAZZOLA LA FORMAZIONE Prof. Domenico SPINAZZOLA Dirigente del Servizio Tecnico della Prevenzione ASL BT Docente presso l Università A. Moro degli Studi di Bari domenico.spinazzola@tin.it - cel. 347.0388691 ACQUISIZIONE

Dettagli

Formazione e informazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 3.2

Formazione e informazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 3.2 Formazione e informazione in ambito scolastico Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 3.2 D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) INFORMAZIONE complesso delle attività dirette

Dettagli

INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Relatore: Dott. Ing.

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI Sicurezza Lavoro Informazione, formazione e addestramento L informazione, la formazione e l addestramento per lavoratori, dirigenti, preposti, RLS, rientrano fra

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 AGENFORM Centro di Formazione Professionale Viale Amendola Eboli(SA) Consulente Dott. Ing. Elena Chiappa FORMAZIONE:

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione Processi relazionali definiti dal 626 (istituti relazionali) o Informazione ( e istruzioni) o Formazione ( e addestramento) o Consultazione

Dettagli

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 INFORMAZIONE 99 SICUREZZA. Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 UN DOCUMENTO PRODOTTO DAL GRUPPO 3 ALL INTERNO DELLA COMMISSIONE SICUREZZA Con l'emissione della documentazione

Dettagli

Piano Mirato di Prevenzione

Piano Mirato di Prevenzione Da restituire entro il 20 Marzo 2015 per posta, fax o mail a: ASL Monza e Brianza - Dipartimento di Prevenzione Medica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro via Novara, 3 20832 Desio (MB) fax

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure 30 ottobre 2008 - Como Nicoletta Cornaggia Art. 2 comma 1 - Definizioni aa) «formazione

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte Il Decreto legislativo 81/2008 Il TU sulla sicurezza prevede l inserimento in ogni attività scolastica di

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2)

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Informazione e formazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 8.1a DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

Informazione e formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro

Informazione e formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro in materia di igiene e sicurezza del lavoro Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Informazione dare notizie (32 volte) Formazione Istruzioni, procedure, modalità operative (93 volte) Addestramento

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 ALLEGATO REV DATA 19..26 IV INDICE PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE 1 INTRODUZIONE... 3 2 CLASSIFICAZIONE AZIENDA... 3 3 LUOGO DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014 CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Formazione ed informazione

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale Percorso formativo nell ambito del progetto Educazione alla legalità Attività formative di accompagnamento in attuazione della l.r. 2/ 2011: Azioni orientate verso l educazione alla legalità Comunicare

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE CATALOGO FORMATIVO Percorsi di formazione trasversale pag. 1 INDICE: PAGINA ORE COSTO (IVA esclusa) PERCORSI DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN 3 MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Addetto antincendio - rischio

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri

Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri SECONDO IL D.LGS. 81/2008 S.M. E L ACCORDO DELLA CONFERENZA STATO-REGIONI PER LA FORMAZIONE DEL 21 DICEMBRE 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO N. 81 / 2008 e D.Lgs. 106/2009 LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO A cura del Geom. Enrico Clarelli - info@geoclarelli.it Programmazione: attività normale e

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO DEL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI PRODUTTIVI E LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Percorso formativo sulla sicurezza per i lavoratori 1 SOMMARIO

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

FORMAZIONE A COSTO ZERO PER FAR CRESCERE LA SICUREZZA PER LE IMPRESE DI TUTTI I SETTORI

FORMAZIONE A COSTO ZERO PER FAR CRESCERE LA SICUREZZA PER LE IMPRESE DI TUTTI I SETTORI PROGRAMMA CORSI: FORMAZIONE A COSTO ZERO PER FAR CRESCERE LA SICUREZZA PER LE IMPRESE DI TUTTI I SETTORI CORSO DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA E AGGIORNAMENTO PER PREPOSTI E PER DIRIGENTI Art. 37 D. Lgs. 81/08

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) 1 di 6 VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (ai sensi dell'art. 47 del D.Lgs 9/04/2008, n. 81 e ss.mm.ii.). Il sottoscritto sig. in qualità di segretario di seggio

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione della Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

Il Project management della

Il Project management della Il Project management della Formazione Cos è un progetto? ❿ E un traguardo da raggiungere attraverso tre vincoli: 1. Tempi 2. Costi 2. 3. Qualità ❿ Il project management è una tecnica che ❿ permette di

Dettagli

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto 1 Riferimenti normativi Decreto Legislativo 19 settembre 1994 n. 626 capo VI Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997 Decreto

Dettagli

LA FORMAZIONE NEL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore

LA FORMAZIONE NEL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore LA FORMAZIONE NEL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore Nel D. Lgs. 81/08 (il cosiddetto Testo Unico ) sono molte e importanti le novità che riguardano la formazione.

Dettagli

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana Consultazione e partecipazione degli RLS D.Lgs. 626/94 Ruolo RLS Introduce novità per la tutela del lavoratore che ha adesso anche maggiori

Dettagli

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2011 Bologna, 3/5/2012 Dr. Paolo

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

GRUPPI DI LAVORO FORMAZIONE GESTIONE DIDATTICA

GRUPPI DI LAVORO FORMAZIONE GESTIONE DIDATTICA RETE DI SCUOLE PER LA SICUREZZA DELLA PROVINCIA DI VICENZA Percorso assistito di didattica della sicurezza sede di Vicenza Primi interventi di formazione sulla didattica della sicurezza D1-1 a.s. 2010-2011

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi federico.ricci@unimore.it Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER VALUTARE E PROMUOVERE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA

INDICAZIONI OPERATIVE PER VALUTARE E PROMUOVERE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA INDICAZIONI OPERATIVE PER VALUTARE E PROMUOVERE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Con il presente documento si precisano le modalità di intervento da adottare da parte degli Spisal per valutare

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

La Formazione A Distanza sulla sicurezza e salute per Lavoratori e RSPP / ASPP

La Formazione A Distanza sulla sicurezza e salute per Lavoratori e RSPP / ASPP Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena La FAD per il D. Lgs. 626/94: criteri, metodologie e STD minimi di qualità. Proposte dell Università e delle AUSL

Dettagli

LA DIRETTIVA ATEX: FORMAZIONE

LA DIRETTIVA ATEX: FORMAZIONE LA DIRETTIVA ATEX: FORMAZIONE E COMPORTAMENTI Dott.ssa ssamariangela Tafuri Psicologa del lavoro e delle organizzazioni m.tafuri@progetto lavoro.it INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI (art. 36 e 37

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori D. LGS 81/2008 L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI L ADDESTRAMENTO Informazione ai lavoratori 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: a)

Dettagli

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Maggio 2015, anno IX N. 5 La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Fasi e ruoli specifici per pianificare, organizzare e gestire l attività formativa di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.)

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009 art. 37, commi 10,11 e art. 47) Durata del corso Corso di 32 ore da svolgersi

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE PMI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE PMI N.30 PDF Numero 10 PDF - anno 2012 DIRETTORE RINO PAVANELLO Rivista Ambiente e Lavoro 2012 PDF Manuale Tecnico-giuridico di In-formazione e Documentazione per RSPP, RLS, Giuristi, Operatori, Tecnici e

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

D. LGS 81/2008. Il D.Lgs. 81/08 definisce all'art. 2:

D. LGS 81/2008. Il D.Lgs. 81/08 definisce all'art. 2: D. LGS 81/2008 La prevenzione ed il ruolo dell'informazione, formazione e addestramento dei lavoratori Il D.Lgs. 81/08 definisce all'art. 2: Formazione: processo educativo attraverso il quale trasferire

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

Chi sono. Progettista di Formazione. Giudice di Gara dal 1972. Giudice di Partenza Nazionale dal 1981

Chi sono. Progettista di Formazione. Giudice di Gara dal 1972. Giudice di Partenza Nazionale dal 1981 Chi sono Francesco lo Basso Molfetta (Ba) Progettista di Formazione Giudice di Gara dal 1972 Giudice di Partenza Nazionale dal 1981 Esperienze specifiche: Tutor Progetto Formazione Giovani Obiettivi Acquisire

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 1 Caratteri generali del Testo Unico sulla Salute

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli;

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli; Lezione 3 Le attribuzioni del Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Il diritto alla salute Abbiamo già sottolineato che il beneficiario ultimo del testo unico è la figura del lavoratore. La cui

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PROVVISORI UTILIZZABILI AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL COMMA 6, ART. 4 DELLA L.R. 28/2006

PERCORSI FORMATIVI PROVVISORI UTILIZZABILI AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL COMMA 6, ART. 4 DELLA L.R. 28/2006 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT APPRENDISTATO L.R. 28/2006 PERCORSI FORMATIVI PROVVISORI UTILIZZABILI AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL COMMA 6, ART. 4 DELLA L.R. 28/2006

Dettagli

IL Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

IL Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) 1 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Il RLS Materiale Didattico Azione Formativa on line di carattere Teorico-Normativo 2 PREMESSE Questa Dispensa Didattica è stata elaborata per l

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

CORSO DI FORMAZIONE PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) CORSO DI FORMAZIONE PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Premessa Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), ai sensi dell art. 37 comma 10 del D.Lgs. 81/08, ha diritto

Dettagli

OBIETTIVI DESTINATARI DEL CORSO

OBIETTIVI DESTINATARI DEL CORSO PROPOSTA PER PERCORSO FORMATIVO: Corso di formazione per operatori e preposti addetti alle pianificazione, controllo e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgano

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi a pag. 3-11 II. Modulistica per la redazione del documento di valutazione

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST

Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST Dipartimento Salute e Sicurezza LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER I LAVORATORI QUALCHE UTILE SUGGERIMENTO PER GLI RLS E RLST 1 Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti (art.37 d.lgs.81/08) 1. Il

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli